Management dell Innovazione Tecnologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Management dell Innovazione Tecnologica"

Transcript

1 Management dell Innovazione Tecnologica L innovazione di processo - B Prof. Antonio Lerro, Ph.D. DiMIE, Università degli Studi della Basilicata

2 Total Quality Management, Just-in-time e lean system 2

3 3 Total Quality Management - Origini - Caratteri fondamentali

4 4 Origini - Giappone post-ii conflitto mondiale - Inapplicabilità dei modelli tayloristici - La rivoluzione giapponese (Womack, J.P., Jones, D.T., Roos, D. (1991) La macchina che ha cambiato il mondo, Rizzoli, Milano)

5 5 Giappone post-ii conflitto mondiale - Costi delle materie prime più elevati, dato che ha scarsità di risorse e che quindi devono essere importate - Rigidità salariale - Domanda interna scarsa dettata dalla crisi economicofinanziaria post- bellica - Impossibilità di competere sui costi di produzioni americani deteminati dalle economie di scala - Impossibilità di fare innovazioni radicali

6 Filosofia Kaizen Miglioramento Continuo 6

7 7 Filosofia Kaizen La parola giapponese Kaizen significa letteralmente miglioramento continuo. Il Kaizen è prima di tutto una matrice comportamentale e in quanto tale investe non solo gli aspetti della metodologia produttiva ma anche l addestramento e la preparazione dell intero staff aziendale coinvolto nel processo di cambiamento, dal top management agli operai. L approccio Lean Thinking nasce in accordo alla filosofia Kaizen.

8 8 Filosofia Kaizen: principi chiave 1. Sbarazzati dei concetti tradizionali (anche sui metodi di produzione) 2. Pensa a come il nuovo metodo funzionerà e non a come non funzionerà 3. Non accettare le scuse. Dì di no allo status quo. 4. Non ricercare la perfezione. Meglio il 60% subito che il 100% mai! 5. Correggi gli errori nel momento in cui li trovi 6. Non spendere molti soldi per migliorare. Pensa con creatività prima dell investimento 7. Chiediti sempre perché almeno 5 volte per trovare la vera causa dei problemi (root cause) 8. Le idee di 10 persone sono migliori di quelle di una persona. 9. I miglioramenti non hanno limiti. Non smettere mai di fare Kaizen.

9 9 Lean Production Approccio all organizzazione ed alla gestione basato sull Essenzialità : eliminazione di sprechi, tempi morti, risorse ridondanti

10 10 I 5 principi fondamentali dell approccio lean Value identificare ciò che vale per il cliente, ciò per cui i clienti finali sono disposti a pagare un prezzo Value Stream identificare il flusso del valore mettere nella giusta sequenza le attività a valore eliminando quelle non a valore Flow mettere in atto le attività a valore senza interruzioni Pull far scorrere il flusso quando il cliente lo richiede - flusso tirato Perfection imparare ad eseguire le attività a valore in maniera sempre più efficace

11 11 VALUE Definisci il valore, ovvero ciò per cui i clienti finali sono disposti a pagare un prezzo Coinvolgi tutti gli attori della catena del valore (fornitori, produzione, commerciali, intermediari e clienti) per capire ciò che serve veramente ai clienti finali Proponi un definizione del valore focalizzata sulla prospettiva del cliente finale, quello che compra e utilizza il prodotto

12 12 Rapporto tra attività a valore e non a valore VA Valore Aggiunto Attività per le quali il cliente è disposto a riconoscere qualcosa NVA Non Valore Aggiunto Attività necessarie, ma che non creano valore aggiunto MUDA - Sprechi Attività inutili che non creano valore, per le quali il cliente non è disposto a riconoscere qualcosa Nelle aziende eccellenti il VA non supera il 33% Il margine di miglioramento è nel restante 67 %

13 13 UNO DEGLI ERRORI PIU RICORRENTI : Fare le cose sbagliate nel modo giusto!!!

14 14 VALUE STREAM Superfici Identifica il flusso del valore e tutti gli sprechi che lo caratterizzano Giacenze Percorsi operatore Sovrapproduzione Riparazioni/errori Trasporto materiale Tempi di attesa sovrapproduzione, ovvero, non guidata dalla domanda reale scorte intermedie tra una fase ed un altra del flusso del valore attese per le fasi successive trasporti non necessari spostamenti non necessari di persone produzione di parti difettose ri-lavorazioni complessità organizzativa

15 15 1. Sprechi da sovrapproduzione Produrre in eccesso è produrre tutte le volte che non esiste un ordine cliente Sono gli sprechi che si verificano quando si fabbricano prodotti in quantità maggiori di quelle necessarie, o si fabbricano prima del momento in cui sono richiesti. Si consumano in anticipo materiali e componenti, si sperpera energia, si creano scorte, aumentano le esigenze di spazio necessario per l immagazzinamento, si aggrava il peso degli interessi passivi e cosi via

16 16 1. Sprechi da sovrapproduzione Le cause di sovrapproduzione sono spesso riferibili a: - Produzione di lotti economici troppo grandi - Produzione anticipata rispetto alla domanda - Creazione di stock per sopperire a difettosità e problemi di pianificazione, programmazione e scheduling della produzione - Eccessi di personale sul processo - Macchinari troppo veloci o in eccesso

17 17 2. Eccesso di scorte Scorta è qualsiasi bene realizzato e conservato per un determinato tempo senza conoscere se e quando un cliente lo richiederà e quanto sarà disposto a pagare Le scorte possono essere di materie prime, semilavorati, prodotti finiti, prodotti fermi in attesa di lavorazione (WIP Work In Progress Le scorte nascondono problemi, non li risolvono!

18 18 2. Eccesso di scorte Le cause di eccesso di scorte sono spesso riferibili a: - Produzione di lotti economici troppo grandi - Produzione anticipata rispetto alla domanda - Esistenza di colli di bottiglia nel flusso di produzione - Creazione di stock per sopperire a difettosità e problemi di pianificazione, programmazione e scheduling della produzione - Eccessi di personale sul processo, attività a monte più veloci di quelle a valle - Macchinari troppo veloci o in eccesso - Accettazione culturale, scorte fisiologiche per il servizio

19 19 3. Movimentazioni e trasporti non necessari Eccessi di produzione e di scorte porta inevitabilmente a maggiori attività di movimentazione e trasporti Le cause di sono spesso riferibili a: - Scarsa progettazione del layout - Sovrapproduzione - Creazione di stock per sopperire a difettosità e problemi di pianificazione, programmazione e scheduling della produzione - Personale con basse competenze - Normalità delle movimentazioni/ trasporti

20 20 4. Difettosità, Disservizi Generano i cosiddetti costi della non qualità, classificabili in: - Costi di accertamento e controllo (elenco voci di costo) - Costi per difettosità interna ed esterna (elenco voci di costo) Le cause sono riconducibili tradizionalmente a: - Materiali e semilavorati scarsi o difettosi - Metodi di lavoro scarsi, scarsità di procedure e istruzioni, ecc. - Manodopera non formata, non qualificata, non motivata - Macchine e strumenti non adeguati

21 Il costo della mancata qualità è stimato in una cifra compresa tra il 15% ed il 20% del fatturato! 21

22 22 5. Perdite nel processo Sono riferite tipicamente ad attività del processo che potrebbero non essere necessarie. Le cause sono riconducibili tradizionalmente a: - Inadeguata progettazione del processo e delle attività - Inadeguata standardizzazione delle attività - Macchine e strumenti non adeguati - Lavorazioni non adeguate

23 23 6. Movimentazioni umane Sono riferite tipicamente ad attività - svolte dagli operatori - che non creano valore aggiunto: ricerca di strumenti non presenti nelle postazioni, spostamenti tra reparti, ecc. Le cause sono riconducibili tradizionalmente a: - Inadeguato layout - Operatori poco formati o poco motivati, scarsamente coinvolti - Assenza di ordine, pulizia e sistematicità - Lavorazioni non adeguate

24 24 7. Tempi morti, attese Rappresentano lo spreco culturalmente più accettato, quasi fisiologici. Sprechi per attese materiali, settaggi impianti, guasti, difetti,ecc. Le cause sono riconducibili tradizionalmente a: - Assenza di bilanciamento delle attività - Scarsa manutenzione preventiva - Assenza di ordine, pulizia e sistematicità - Produzioni in grandi lotti - Personale poco motivato, superficialità - Mancanza di sistemi di controllo

25 25 FLOW Ricostruisci un flusso del valore ripulito dagli sprechi e fallo scorrere attraverso le varie fasi focus sull oggetto reale che determina il valore, senza perderlo mai di vista lungo tutta la catena logistica focus sugli interi processi, fisici e gestionali (e non sulle specializzazioni locali), compreso il processo di gestione dell ordine di vendita fino alla sua spedizione processo affidabile

26 26 La produzione giornaliera deve essere confrontata con il takt-time, cioè il ritmo della produzione, il battito cardiaco del nostro sistema produttivo Takt time = tempo totale disponibile/giorno richiesta cliente/giorno Es.1: Un cliente richiede 480 prodotti ogni giorno, il tempo a disposizione in 1 giorno è 8 ore=480 minuti, allora il takt time è un prodotto al minuto. E il tempo che dovrebbe regolare tutti i processi produttivi, fino ai fornitori esterni.

27 27 Esigenze cliente= pezzi/mese / 20 giorni/mese = 460 pezzi giorno Tempo disponibile= 1 turno (comprese 2 pause da 10min e 30 min pranzo) / 460 min/giorno * 60 sec per min = sec/giorno Takt time = sec/giorno / 460 pezzi/giorno = 60 secondi a pezzo

28 28 Dal takt time si può desumere il n. operatori necessari per uno specifico processo o cella N. operatori= Tempo ciclo manuale totale Takt time Tempo ciclo= tempo ncessario a completare il processo Ipotizzando un tempo ciclo totale di 120 secondi, gli operatori necessari = 120 sec. / 60 sec = 2 operatori

29 29 Il milk runner, o lattaio L alimentazione del supermarket e la gestione dei kanban è di solito demandato ad un operatore dedicato, che consegna i prodotti alle celle/linee e ritira i contenitori vuoti, oltre a gestire buona parte del flusso kanban con i fornitori esterni, seguendo le cadenze dettate dai takt-time. Ciò evita spostamenti degli operatori di linea e specializzazione delle attività del lattaio che riduce possibilità di errori e aumenta la velocità delle operazioni

30 30 La Value Stream Mapping (VSM) * E la mappatura grafica di tutto quell insieme di processi ed attività che concorrono alla realizzazione di un prodotto, partendo dal fornitore, passando per la produzione interna fino alla consegna del prodotto finito. Utilizza simboli e schemi ormai convenzionali, sebbene non esista una standardizzazione Tipicamente si divide in: - VSM dello stato attuale (Current State, As is) - VSM di come dovrebbe essere a seguito dei miglioramenti (Future State, As should be)

31 VSM current state 31

32 VSM future state 32

33 33 PULL Fai sì che lo scorrimento del flusso del valore sia attivato dalla reale necessità della fase a valle, a partire dalla domanda del cliente finale, e non il contrario, in una logica tradizionale di tipo push Attiva le operazioni su richiesta del cliente Integra il flusso delle informazioni Sincronizza le varie fasi del flusso con il ritmo della domanda finale

34 34 PERFECTION Enuncia le politiche, definisci obiettivi quantitativi e punta alla perfezione attraverso azioni di miglioramento continuo Assumi come riferimento assoluto la perfezione Innesca un meccanismo virtuoso di miglioramento continuo a tutti i livelli Definisci un sistema di misura delle performance e precise responsabilità a tutti i livelli per il loro miglioramento

35 35 Il concetto di Qualità Totale Qualità Totale = f Qualità di prodotto/ progetto Qualità di conformità Qualità dei processi Qualità dei controlli

36 36 Qualità di prodotto/ progetto valore intriseco del prodotto sul mercato 1. Prestazioni: caratteristiche primarie del prodotto/servizio 2. Opzioni: aspetti aggiuntivi, accessori, carattersitiche secondarie 3. Affidabilità: uniformità di rendimento nel tempo 4. Durata: vita utile, tecnica ed economica 5. Riparabilità: facilità di riparazione, costi relativi 6. Servizio/Risposta: caratteristiche dell interfaccia umana 7. Estetica: caratteristiche sensoriali, bellezza 8. Credibilità: passate prestazioni, qualità percepita

37 37 Qualità di conformità Indica il livello di aderenza alle specifiche di progetto del prodotto/ servizio ed il rispettto di standard prestabiliti, di natura normativa (coatta es.: tracciabilità prodotti su filiera alimentare; percentuale di cacao; percentuale di succo d arancia, ecc.) e/o industriale (livelli di difettosità fissati dall impresa, ecc.)

38 38 Qualità dei processi Dimensioni gestionali del TQM

39 39 a. Just in time Sistema produttivo a continua e perfetta simmetria tra offerta di beni prodotti e domanda di mercato basata su complessi sincronismi tra i vari sub- sistemi che intervengono nel flusso produttivo Produrre esclusivamente quanto occorre e quando occorre! Rende possibile realizzare p/s in serie brevi e differenziate, rispondendo efficacemente alle reali esigenze dei clienti Il dimensionamento dei lotti Rapide e frequenti consegne di materiali e prodotti finiti determinano un nuovo ruolo dei fornitori e della gestione della catena di fornitura (supply chain management)

40 40 Dimensionamento dei lotti Il funzionamento del sistema JIT presuppone la definizione del numero ottimale di articoli in produzione o pronti per la produzione. Tale questione si esplica nel dimensionamento dei lotti

41 41 Un lotto è un gruppo di articoli identici che vengono acquistati, lavorati, trasportati come se fossero un unica entità Il dimensionamento del lotto può fortemente influenzare i flussi dei materiali, la qualità di prodotto, il servizio al cliente, i costi di produzione, i costi indiretti

42 42 La quantità del lotto economico d acquisto è il numero di unità di un singolo articolo che dovrebbe essere specificato ogni volta che si riceve/fornisce un ordine al fine di minimizzare i costi totali di gestione delle scorte per quel singolo articolo durante un determinato periodo di tempo, generalmente 1 anno. Si possono raggruppare insieme molti ordini per risparmiare sui costi di cambio produzione e di gestione ordini, ma ciò aumenta i costi di mantenimento delle scorte, di trasporto e può provocare carichi di lavoro concentrati e sbilanciati

43 43 In una logica JIT, l obiettivo è la continua riduzione delle dimensioni dei lotti, perchè: -I lotti più piccoli sono consumati più rapidamente e quindi i difetti e fonti di errore possono essere individuati prima, permettendo di ridurre scarti e rilavorazioni; - I lotti più piccoli riducono il tempo di attraversamento e quindi i ritardi di processo; - Lo spazio necessario per sistemare le scorte diminuisce e le stazioni di lavoro possono essere posizionate più vicine tra loro, così come gli addetti possono vedersi e comunicare - Le attività di controllo vengono semplificate e si riducono i costi del personale indiretto - Si è più flessibili e si risponde meglio ai cambiamenti del mercato. Ciò si collega al livellamento dei carichi di stabilimento (Heijinka) ovvero il livellamento dei flussi di produzione per ridurre le variazioni nella programmazione

44 b. Supply chain management e nuovo ruolo dei fornitori 44

45 45 Supply chain management Concatenazione di imprese legate tra loro lungo una filiera. Consiste in un approccio sistemico alla gestione dell intero flusso di informazioni, materiali e servizi, dalle materie prime provenienti dai fornitori, via via lungo le fabbriche ed i magazzini, i distributori sino al cliente finale Dalla competizione tra imprese alla competizione delle catene

46 Stadi principali di una supply chain 46

47 47 Supply chain management e logistica La gestione della supply chain è un evoluzione della gestione delle attività logistiche. La logistica tradizionalmente si occupa di tutte le attività di approvvigionamento delle materie prime verso la produzione e della movimentazione (trasporti) e distribuzione dei semilavorati e dei prodotti finiti Il focus è la gestione dei flussi di materiali e di informazioni all interno dell impresa. Ogni impresa cerca di ottimizzare la propria logistica! Prospettiva orientata alle funzioni

48 48 Supply chain management e logistica Con il supply chain management (SCM) si sviluppa invece un approccio integrato alla pianificazione ed al controllo del flusso di materiali ed informazioni lungo l intera catena fornitura-produzione-distribuzione, al fine di assicurare che il prodotto finito sia consegnato nelle esatte quantità, nei giusti tempi e nel pre-definito livello di qualità al cliente finale che lo ha richiesto. Prospettiva orientata ai processi

49 49 Supply chain management e vantaggio competitivo Il SCM diventa una fonte di vantaggio competitivo se: - Permette di aumentare i livelli di servizio - Permette di ridurre contemporaneamente i costi logistici - Consente di risolvere il problema degli obiettivi contrastanti degli attori della catena fornituraproduzione-distribuzione

50 50 Livelli di servizio 1. Tempi - Rapidità dei tempi di consegna - Puntualità dei tempi di consegna 2. Flessibilità - Volume - Gamma 3. Qualità - Affidabilità - Ecc.

51 51 Costi logistici 1. Costi di mantenimento a scorta: costi opportunità, deterioramento, obsolescenza, assicurazione 2. Costi di stock out: mancata vendita, penali, perdita clienti, slittamento incassi, perdita di immagine 3. Costiditrasporto 4. Costi di impianti ed attrezzature 5. Costi di gestione operativa: raccolta ed elaborazione ordini, movimentazioni, imballaggio, controllo e gestione delle scorte

52 52 Obiettivi contrastanti 1. Fornitori materie prime: forniture stabili in volume e con poche variazioni nel mix dei materiali richiesti, grandi volumi, tempi di consegna flessibili 2. Produttori: grandi lotti, pochi set-up, stabilità della domanda 3. Dettaglianti e distributori: lead time di ordine molto brevi, tempi di consegna rapidi, frequenti ed affidabili, alta varietà dei prodotti Problemi del coordinamento inter-organizzativo e importanza della progettazione ed allineamento di incentivi alla collaborazione (contratti, ecc.)

53 53 Le attività principali del SCM 1. Logistica di approvvigionamento: relazioni con i fornitori, politiche di approvvigionamento, outsourcing ed integrazione; 2. Logistica di produzione: operations planning, programmazione della produzione (Parte III); 3. Inventory management: gestione scorte, gestione del magazzino, sistemi di material handling; 4. Distribution e Transport management.

54 Logistica di approvvigionamento 54

55 55 Il ruolo strategico degli approvvigionamenti 1. Gli acquisti rappresentano un costo rilevante dell impresa 2. I fornitori influenzano le prestazioni della SC in termini di costi, tempi e qualità 3. Il fornitore contribuisce alla creazione di competenze e valore per il cliente (es.: Brembo) Effetti e implicazioni gestionali 1. Spostamento da un focus operativo ad un focus strategico 2. Importanza dei sistemi di valutazione del fornitore (vendor rating) 3. Ruolo delle ICT

56 56 Nuovo ruolo dei fornitori Dalla logica del prezzo alla logica della qualità alla logica del co-makership

57 57 Dimensioni delle relazioni con i fornitori-partners 1. Durata del rapporto 2. Tipo di accordo 3. Numero di fonti di acquisto 4. Prezzi/costi 5. Controllo qualità 6. Progettazione 7. Consegna 8. Trasmissione degli ordini 9. Documentazione e fatturazione 10. Trasporto 11. Punto di consegna 12. Approccio all apertura, alla verifica, al miglioramento

58 58

59 59 Make or buy, outsourcing e altre scelte strategiche Outsourcing: processo di individuazione di attività, servizi e prodotti realizzati all interno dell impresa che potrebbero essere reperiti o effettuati in maniera più conveniente, o con maggiore qualità, all esterno. Integrazione a monte: in caso di difficoltà di reperimento di materiali e servizi critici, o inadeguatezza delle prestazioni dei fornitori, ci si organizza per produrre internamente tali materiali o servizi, o si acquista l impresa del fornitore

60 60 Motivazioni e benefici attesi dell outsourcing - Focalizzazione sulle core-competences - Aumento della flessibilità rispetto a condizioni e domanda di mercato e tecnologie - Miglioramento delle prestazioni operative (qualità, produttività, riduzione tempi di ciclo, controllo interno) - Riduzione degli investimenti in assets e libera capitali e liquidità - Riduzione dei costi e conversione dei costi fissi in variabili

61 61 Outsourcing e Integrazione a monte - Make or buy? Criteri per la scelta - Coordinamento richiesto: attiene alla maggiore o minore difficoltà di integrare una data attività all interno del processo complessivo. Attività caratterizzate da incertezza, che richiedono uno scambio continuo di informazioni, non dovrebbero essere esternalizzate - Controllo strategico: attiene alla gravità della perdita che l impresa potrebbe subire se la relazione con il partner fosse interrotta - Proprietà intellettuale: attiene alla potenziale rinuncia alla proprietà intellettuale attraverso la relazione con il fornitore

62 62 Make or buy, outsourcing e altre scelte strategiche Standardizzazione: essere in grado di produrre una grande varietà di prodotti a partire da un numero ristretto di parti e materiali standardizzati. Meno articoli significa acquisti, consegne, ispezioni, pratiche, immagazzinamenti, fatturazioni, tipi di impianti e macchinari da utilizzare, ecc. Differenziare il visibile e indifferenziare l invisibile Acquisti e produzioni per moduli: è fondamentale per imprese i cui prodotti sono costituiti da molte centinaia o migliaia di parti (es.: automotive, aeroplani, grandi impianti) Importanza della differenziazione ritardata (postponement process)

63 63 c. L imperativo della gestione dei tempi Ogni volta che persone o materiali sono in ritardo, le programmazioni saltano e si creano effetti negativi che si ripercutono sulla catena di fornitura e generano costi Es.: maggiori attese dei clienti e relativa insoddisfazione, ritardi non pianificati, sprechi nei trasporti di materiali, azioni di ri-programmazione, scorte eccessive o deteriorate, ecc. Esigenze di puntualità, tempi di risposta rapidi, certezza, cioè diminuzione della variabilità dei tempi di risposta

64 64 Strumenti e tecniche di timing: a. il kanban Kanban in giapponese significa scheda, cartellino, documento visibile. E un sistema di controllo delle scorte o della produzione che utilizza dispositivi visivi per regolare i flussi: comunica al fornitore che cosa e quanto inviare all utilizzatore e quando farlo, utilizzando segnali visivi e regole semplici. Kanban di prelievo Centro lavorazione Stoccaggio Parti A e B Stoccaggio Parti A e B Linea di assemblaggio Kanban di produzione Flusso dei materiali Flusso dei cartellini (kanban)

65 65 Funzionamento e requisiti del kanban e sue varianti Logica del McDonald s panino e scivolo kanban Il Kanban è un riduttore della coda di attesa, cioè uno strumento che limita la lunghezza della coda e quindi i tempi di attesa di articoli (in fase di produzione) o di persone (clienti) che aspettano il servizio

66 66 Ciò determina miglioramento/riduzione dei tempi di attraversamento (in fase di produzione) e soddisfazione del cliente. A cascata, si determinano ulteriori benefici quali: - Migliorano le prestazioni di puntualità della produzione; - Lavori improvvisati vengono eliminati e si elimina la negoziazione dei tempi di consegna dal momento che i tempi di produzione sono noti e ragionevolmente certi; - Risulta facile fissare date attendibili in sede di conferma ordine;

67 67 Strumenti e tecniche di timing: b. il riattrezzaggio Quanto impiegano i meccanici di una scuderia di F1 per cambiare 4 pneumatici, riempire il serbatoio, pulire il parabrezza e dissetare il pilota? Attenzione al concetto di ri-attrezzaggio = insieme delle operazioni per modificare, preparare, riconfigurare, riorganizzare una macchina, un impianto, un servizio

68 68 Il riattrezzaggio: linee guida di gestione e miglioramento 1. Evitare il riattrezzaggio 2. Attività esterne (fuori dalla linea di produzione) effettuate mentre il processo/ciclo precedente è ancora attivo 3. Attrezzi a portata di mano, puliti, in condizioni ottimali e pronti all uso 4. Personale ben addestrato e precisione per i macchinari costosi 5. Eliminare congegni e dispositivi di regolazione non necessari 6. Semplificare e standardizzare software, apparechiature, collegamenti, attrezzature, accessori 7....

69 69 L importanza della produzione a celle e one-piece-flow

70 70 La produzione a celle (cellular manufacturing) rappresenta uno degli aspetti operativi più importanti dell ottica lean. La cella è una unità di lavoro ben definita e delimitata, tipicamente da 3 a 12 addetti, con 5-15 stazioni di lavoro, che permette di produrre il più alto numero di prodotti simili, contenendo al suo interno tutto ciò che serve allo scopo (attrezzature, impianti, macchine, strumenti, persone), riducendo movimentazioni e trasporti vari

71 Immagine di una cella ad U classica 71

72 72 Gli step della progettazione del layout a celle ad U 1. Identificare i prodotti codici e quantità (analisi P-Q) 2. Identificare e mappare in dettaglio il processo e le microattività (Process Route Analysis): raccogliere i tempi ciclo per ciascuna attività / operazione del processo; calcolare il takt time e la capacità di processo; ecc. 3. Progettare la nuova cella 4. Creare fisicamente la nuova cella 5. Controllare l efficacia e l efficienza della nuova cella

73 73 e. Tecnologia semplice Impianti e dotazioni il più possibile utilizzabili dal personale; cautela verso assets troppo complessi, con costi elevati e dipendenza dalla consulenza esterna di chi li ha forniti.

74 74 f. Polifunzionalità degli operatori Il personale lavora spesso in gruppo, si scambia frequentemente di ruolo e partecipa attivamente alle dinamiche di miglioramento continuo. Diversa concezione del controllo e della presa di decisione..

75 75. Registrare e conservare sul posto di lavoro i dati relativi a qualità, processi, criticità; tagliare transazioni e rapporti inutili e ridondanti. Fare in modo che i gruppi di lavoro in prima linea abbiano per primi la possibilità di risolvere i problemi, prima dell intervento dei vertici aziendali/ gruppo di esperti.

76 76 Il flusso deve scorrere continuo e costante BUFFER DI BILANCIAMENTO DEL FLUSSO Engine Cool engine test Vehicle Dynamic final testing Repairi ngs Sono necessari operatori polivalenti e polifunzionali

77 77 Gestione della manutenzione Total Productive Maintenance Macchinari ed aree di lavoro devono essere pulite Le aree di lavoro devono essere organizzate efficientemente Gli operatori devono occuparsi, aver cura delle macchine alle quali sono adibiti Il processo deve essere ben compreso e piuttosto codificato Operatori e staff tecnico devono parlarsi e scambiarsi capacità pratiche e conoscenze teoriche.

78 78 g. Kai Zen miglioramento continuo Filosofia gestionale volta ad ottenere un sempre maggiore coinvolgimento partecipativo degli operatori nelle vicende d impresa Valorizzazione delle esperienze e delle capacità; intensa e costruttiva cooperazione tra singoli e team di lavoro; contributi innovativi; confronto su problemi operativi quotidiani, ricerca di nuove soluzioni; proposte e sperimentazioni di cambiamenti; qualita dell ambiente di lavoro,.

79 79 Qualità dei controlli 1. Progettazione 2. Individuazione 3. Miglioramento

80 80 Progettazione e Individuazione Servono ad integrare la qualità all interno del processo, o bloccare sul nascere un processo mal concepito a. Approccio alla prevenzione (sistema Shingo): progettare un processo fail-safe (privo di errori) efficiente, con apparecchi e procedure fail-safing (pokayoke in giapponese). L obiettivo di ogni apparecchio e procedura atta a rendere un processo fail-safe consiste nell introdurre determinate caratteristiche che possano bloccare o addirittura prevenire inconvenienti.

81 81

82 82 a. Sistemi per cui le macchine non comincino a lavorare in presenza di inconvenienti (omessa lavorazione, errata lavorazione, ecc.) b. Sistemi che non permettano di montare un pezzo in presenza di un errore operativo (difetto di posizionamento) c. Sistemi che non permettano di iniziare il processo successivo nel caso sia stata dimenticata un operazione (dimenticanza di montaggio) Soluzioni: progettazione di prodotto; segnali luminosi o sonori, fotocellule, sensori magnetici, bracci meccanici, ecc.

83 83 Progettazione e Individuazione b. Approccio all ispezione e correzione ex-ante: necessità di redistribuire alcune responsabilità. Ogni addetto, o parte di essi, sono autorizzati ad intervenire su alcuni problemi, per esempio bloccare la produzione per evitare la fabbricazione di prodotti inadeguati. c. Approccio all ispezione e correzione ex-post: individuare il difetto in fasi successive può essere molto costoso e negativo per la reputazione dell impresa.

84 Ispezione 84 L ispezione è la maniera meno efficace per migliorare la qualità dei processi. Tuttavia in molti casi è necessario fare ricorso all ispezione. Esistono 4 principali modalità di ispezione: -Ispezione completa: un addetto ha il compito di controllare ogni unità prodotta. Se non automatizzato, è una modalità ad alto rischio di errori di ispezione dovuti alla stanchezza; -Ispezione del primo pezzo: si controlla l impostazione del processo, controllando il primo pezzo: se è senza difetti, significa che il processo è stato impostato correttamente e che tutti i pezzi prodotti saranno di qualità;

85 85 Ispezione -Prove distruttive, es. urto dell auto per verificare la tenuta dei paraurti; - Controllo a campione: basandosi su tabelle di campionamento statistico gli addetti controllano campioni presi casualmente o ad intervalli regolari da un lotto di produzione. Se il livello di qualità del campione è superiore al livello minimo accettabile (acceptable quality level, AQL), allora l intero lotto supera l ispezione. Un lotto insoddisfacente viene ispezionato completamente e le unità difettose sostituite.

86 86 Qualità dei controlli: il miglioramento L approccio Six Sigma Identifica la filosofia ed metodi di controllo e miglioramento della qualità. Si rifà ad un termine statistico per esprimere l obiettivo di qualità di un numero di difetti non superiore a quattro per milione di unità

87 87 Gli strumenti analitici del Six Sigma 1. Diagramma di flusso 2. Run chart 3. Grafici di Pareto 4. Fogli di raccolta dati 5. Diagrammi causa-effetto 6. Diagrammi di flusso delle opportunità 7. Grafici di controllo

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative PCPA ESITO: Data: Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornitore: Stab. Forn.: FIAT Purchasing Supplier Quality VERIFICHE DI PROCESSO Richiesta mat.: Disponibilità: PRESERIE

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

Working Process ai vertici della tecnologia

Working Process ai vertici della tecnologia ING.qxd 29-04-2013 15:54 Pagina 24 Working Process ai vertici della tecnologia Un produttore italiano porta ai massimi livelli la tecnologia della lavorazione del serramento. Working Process ci ha abituati

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FACOLTÀ DELLE SCIENZE STATISTICHE

FACOLTÀ DELLE SCIENZE STATISTICHE FACOLTÀ DELLE SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE Relatore : ROBERTO GRANDINETTI Laureando : JUSTIN MAGLOIRE MBOUNA Anno accademico 2006-2007 2 Un sincero ringraziamento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli