Market-Driven Management e Supply Chain

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Market-Driven Management e Supply Chain"

Transcript

1 Market-Driven Management e Supply Chain Monica Faraoni, Lorenzo Petretto Abstract I mercati globali e in eccesso di offerta hanno spinto le imprese ad affrontare nuove sfide competitive ed a cambiare la gestione dei processi. Nei mercati globali, la moderna gestione delle catene di fornitura e la conseguente ottimizzazione dei flussi materiali ed immateriali assumono un ruolo decisivo per il miglioramento delle perfomance di lungo periodo, sia delle singole organizzazioni appartenenti alla catena che dell intera supply chain. Le imprese sono parte di un sistema-rete di imprese e una gestione efficiente della rete consente il contenimento dei costi, la riduzione del time-to-market per il lancio dei nuovi prodotti, l aumento della capacità di collaborazione con i partner presenti nella filiera e la possibilità di generare maggior valore per i propri clienti. Keywords: Market-Driven Management; Mercati globali; Global Supply Chain; Global Sourcing; Pull/Push Supply Chain; Demand-Driven Supply Network 1. Mercati globali e Supply Chain La globalizzazione dei mercati e le condizioni di eccesso di offerta, incertezza ed instabilità della domanda, hanno spinto le imprese ad affrontare nuove sfide competitive e importanti cambiamenti nella modalità di gestione dei processi. Le imprese, infatti, oggi operano e concorrono in mercati globali (Brondoni, 2008), le filiere si articolano con sempre maggiori gradi di interdipendenza fra le varie realtà produttive (Pepe, 2007), il grado di interazione tra l impresa e i diversi stakeholders con cui creare un network di relazioni è sempre più elevato (Arrigo, 2009) ed il possesso di capacità gestionali e relazionali, la strutturazione di competitive alliances e la corretta gestione del fattore tempo diventano vettori essenziali per il raggiungimento di vantaggi competitivi e per il mantenimento di posizioni di superiorità nei confronti dei concorrenti (Vallini, Simoni, 2009). In tale spazio competitivo, cambiano i vettori di sviluppo delle stesse imprese che non possono più basarsi esclusivamente sul possesso di specifiche risorse, conoscenze e competenze quanto piuttosto su comportamenti competitivi nuovi, sullo sviluppo di interscambi con tutti i soggetti appartenenti alla filiera, sulla diffusione di una adeguata cultura di impresa e sulla ricerca di consenso e di legittimazione (competitiva, sociale ed istituzionale) all interno del proprio ambiente di riferimento. A questo si deve aggiungere che oggi, mentre le barriere che ostacolavano i movimenti globali sono state abbattute, le fonti della competizione globale sono aumentate. Parallelamente l avanzamento tecnologico e l efficienza della produzione consentono a gran parte delle aziende di produrre maggiori quantità e a costi inferiori. Il risultato è che si assiste ad un eccesso di of- Pur essendo il presente lavoro frutto dell impegno comune, M. Faraoni ha curato i 3, 4; L. Petretto ha curato i 1, 2 Ricercatore Confermato di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Firenze Dottore di Ricerca in Economia e Gestione delle Imprese e dei Sistemi Locali, Università degli Studi di Firenze

2 68 ferta in quasi ogni settore ed una conseguente pressione competitiva più forte che mai. Nel contesto delineato, una nuova modalità di gestione delle catene di fornitura e la conseguente ottimizzazione dei flussi materiali ed immateriali, assume un ruolo decisivo per il miglioramento delle perfomance di lungo periodo sia dei singoli soggetti appartenenti alla catena che dell intera supply chain. Da tempo, oramai, le imprese vedono sempre più se stesse come parti di una catena di fornitura che compete con altre catene piuttosto che come singole imprese in competizione tra di loro (Christopher 1998). L'integrazione limitata all'interno della sola azienda non è più sufficiente. Le imprese sono parte di un sistema-rete di imprese con nodi interrelati ad altri e dove è quanto mai necessario il coinvolgimento di tutti i soggetti che si trovano a monte e a valle nei processi e nelle attività che producono valore. Una gestione efficiente della rete consente non solo il contenimento dei costi ma anche la riduzione del time-to-market per il lancio dei nuovi prodotti, l aumento della capacità di collaborazione con i partner presenti nella filiera e, soprattutto, della possibilità di generare maggior valore per i propri clienti. Tale valore è conseguibile qualora la qualità dei rapporti tra operatori della filiera in termini di collaborazione continuativa, trasparenza e fiducia reciproca, consenta di perseguire l ottimizzazione complessiva della catena logistica. Ciò è reso possibile grazie ad: - un coordinato soddisfacimento dei diversi soggetti che fanno parte della filiera; - l adozione delle nuove tecniche di gestione e di nuovi strumenti tecnici e informatici (primo risultato dei processi di globalizzazione) a disposizione; - l adozione di una logica di sistema nell implementazione di azioni strategiche integrate quali: la scelta dei beni, la gestione e lo sviluppo dei fornitori, la pianificazione operativa e delle vendite e quella strategica del magazzino. Questi fattori consentono di operare in contesti caratterizzati dalla globalizzazione dei mercati di approvvigionamento e di sbocco oltre che dei canali di distribuzione (Brondoni, 2008). Tali requisiti sono altresì fondamentali quando entriamo nel merito delle modalità di progettazione e gestione delle catene di fornitura globali (global supply chain) che operando senza confini geografici di riferimento presentano un alto grado di complessità nel gestire relazioni tra imprese coinvolte nello scambio di flussi di prodotti, di servizi e di informazioni (Mentzer, 2001) spesso appartenenti e/o operanti in mercati molto diversi. I modelli tradizionali di progettazione e gestione delle reti di fornitura hanno come obiettivo il conseguimento di performance di efficacia ed efficienza che trovano nella stabilità delle condizioni operative l elemento che rende possibile il miglioramento continuo delle prestazioni. Si tratta pertanto di modelli che non sono in grado di fornire adeguate performance nei contesti ad elevata variabilità per la scarse capacità di adattarsi velocemente ai cambiamenti e tanto meno di anticiparli. Quando pertanto ci confrontiamo con i contesti globali ne consegue anche un cambiamento nel modo di intendere la prestazione che la supply chain

3 69 deve offrire in funzione del diverso orientamento dell impresa. Un impresa marketing oriented per esempio, focalizza la sua attenzione sul consumatore e tramite la differenziazione di prodotto cerca di far fronte ai diversi gusti e preferenze dei consumatori e sfruttare le opportunità di mercato. In questi casi viene coinvolta prevalentemente la sua funzione strategica e di marketing per cui la supply chain viene configurata in modo da garantire flessibilità per ridurre i costi di differenziazione e rapidità di risposta. Diversa è la situazione per le imprese market driven. Queste coinvolgono nel loro approccio competitivo la totalità degli stakeholders e degli attori del settore (Hills e Sarin 2003). La configurazione della supply chain diviene complessa ed in grado di rispondere non solo ad imperativi di ottimizzazione e di efficienza ma anche di riorganizzare agilmente se stessa per reagire tempestivamente ai cambiamenti d offerta e ridisegnare i mercati esistenti o crearne di nuovi, ovvero introdurre discontinuità nelle modalità di creazione del valore (Kumar, Scheer, Kotler, 2002). Inoltre, nella consapevolezza che la competitività non dipende più esclusivamente dalla qualità dei prodotti e dei servizi, ma anche e soprattutto da come l impresa funziona e da come questa è in grado di definire modelli operativi volti al cambiamento, si richiedono elevate capacità previsionali e di monitoraggio dei mercati, una rilevante propensione all adozione di nuove tecnologie condivise in tutta la rete, competenze organizzative di network design e/o re-design (Narver, Slater, MacLachlan, 2004). Il nuovo approccio alla supply chain globale adottato dalle imprese market driven si basa, pertanto, sulla combinazione di tre elementi: 1. comprensione del mercato e velocità nel soddisfarlo (i winners del settore saranno coloro che avranno la capacità di raggiungere i clienti capendo le loro necessità e il cambiamento delle loro esigenze); 2. agilità e capacità di adattamento alle circostanze esterne pur mantenendo costi e struttura del servizio ottimali; 3. affidabilità con minimizzazione degli sprechi e riduzione dei tempi in tutte le fasi. Obiettivo di questo lavoro è, appunto, quello di individuare i nuovi driver progettuali per la configurazione delle supply chain per imprese market driven che operano in contesti globali. La configurazione che appare a nostro avviso adeguata alle esigenze suddette assume i connotati di una sorta di demand driven supply network ovvero di una rete di fornitura le cui dinamiche sono in perfetta sincronia con la domanda di mercato ed in grado di riconfigurarsi agilmente per sfruttare le opportunità generate dall instabilità e temporaneità della domanda stessa. 2. Le Supply Chain nelle imprese globali: il Global Sourcing La nascita e lo sviluppo dei mercati globali hanno avuto notevoli riflessi sulle strategie competitive e di crescita delle imprese. Infatti, l organizzazione su scala globale delle attività di approvvigionamento, trasformazione e/o produzione, commercializzazione e distribuzione dei prodotti presuppone l adozione di mosse strategiche con un alto grado di interdipendenza nei diversi paesi e quanto mai basate sullo sfruttamento di vantaggi competitivi a livello sovra-

4 70 nazionale. Da qui la necessità da parte delle imprese di creare una struttura organizzativa worldwide nella quale l intera filiera produttiva è articolata su scala globale. Con riferimento alle strategie di approvvigionamento, la globalizzazione dei mercati da un lato ha imposto alle imprese l utilizzo di una supply chain molto più lunga, che comprende tutti i possibili fornitori sparsi per il mondo, e dall altro ha offerto l opportunità di scegliere i propri fornitori a livello globale. Inoltre, se in passato le imprese sceglievano di approvvigionarsi a livello internazionale per avere un risparmio di costo oppure per la mancanza dei prodotti di cui necessitavano a livello locale, oggi le imprese si approvvigionano in tutto il mondo per cercare di creare un vantaggio competitivo grazie alla maggiore qualità e le nuove tecnologie offerte dalle forniture globali. È a questo riguardo opportuno distinguere tra la modalità di approvvigionamento internazionale e globale. L approvvigionamento internazionale si ha quando le imprese si avvalgono di forniture estere indirettamente (attraverso intermediari) o direttamente per necessità, come nel caso in cui i materiali o i componenti non sono disponibili localmente, oppure quando le materie reperibili dai fornitori locali sono inadeguate a soddisfare le richieste dei consumatori. Il global sourcing invece si distingue per l esistenza di un integrazione completa dei sistemi organizzativi e informativi, per massimizzare il proprio valore aggiunto sui beni ed ottenere i vantaggi dati dalle capacità produttive e di design dei migliori fornitori disponibili in tutto il mondo (Monczka, Trent, 1991a, 1991b). In questo nuovo modello di gestione si chiede un impegno diverso a tutti i soggetti appartenenti alle catene di fornitura sia per quanto riguarda la tipologia di servizi offerti, che devono essere sempre più qualificati, sia per la capacità di assumersi quote di rischio e di investimento sempre più ampie. Il focus competitivo si sposta dal semplice rapporto di fornitura al rapporto di partnership e di compartecipazione tra tutti i soggetti della filiera. Solo attraverso l instaurazione ed il mantenimento di rapporti di partnership tra cliente e fornitore, infatti, l impresa è in grado di garantire con la massima efficacia la soddisfazione della domanda e raggiungere quegli obiettivi di qualità ed economicità delle forniture legati alla continua riduzione dei costi, alla semplificazione dei processi ed alla eliminazione degli sprechi. A questo si aggiunge anche una ottimizzazione dei tempi e quindi la riduzione del lead time di produzione e di consegna, elementi sempre più necessari per far fronte ad un mercato caratterizzato da un eccesso di offerta e dalla alta variabilità della domanda. Diretta conseguenza di quanto detto è che il global sourcing è rapidamente divenuto un prerequisito fondamentale per le imprese market driven che operano nei mercati odierni. Si tratta di un nuovo orientamento strategico dell impresa, con il quale le forniture divengono delle opportunità di acquisto all interno di ambienti eterogenei ed un efficace metodo per implementare strategie di focalizzazione o di differenziazione, principali fonti di quei vantaggi competitivi sovranazionali in precedenza ricordati (Keegan 1983; Monczka, Trent, 1991). Oggi, le strategie di fornitura globali rappresentano una strategia proattiva (Tamer, Yaprak, Yeoh 1993) attraverso la quale le imprese possono migliorare le proprie capacità ed i propri processi incrementando la qualità dei componenti, dei materiali e dei semilavorati scambiati, ottimizzando le mo-

5 71 dalità di spedizione e riducendo i lead time di consegna. Gli altri benefici che spingono le imprese ad approvvigionarsi globalmente possono essere: la disponibilità di materie prime, i brevi tempi di sviluppo dei prodotti, il miglioramento dell immagine aziendale, l ottenimento di migliori condizioni di consegna ed, infine, il miglioramento della competitività internazionale. Affinché le strategie di fornitura globali funzionino efficientemente queste devono essere accuratamente progettate, valutate, integrate con le altre funzioni aziendali e ricevere il pieno sostegno del management. Si richiedono, pertanto, risorse finanziarie e manageriali consistenti che si riflettono anche sulla scelta riguardante la configurazione degli approvvigionamenti, ovvero la scelta tra un approccio centralizzato o decentralizzato. Infine, per divenire effettiva, la strategia di global sourcing necessita di un integrazione nella strategia formale dell impresa. Il sistema delle forniture globali deve essere coordinato verticalmente con la politica aziendale globale e orizzontalmente con tutte le funzioni aziendali (in particolare con gli acquisti e la produzione) così da stabilire un network globale capace di trasformare la strategia di approvvigionamento da una semplice esecuzione dei compiti di fornitura ad una attività di coordinazione e di gestione dell intera supply chain. Sarà, così, necessario ridisegnare la catena del valore per soddisfare l eterogenea domanda dei propri clienti, separando le attività in molteplici business, ognuno dei quali con i propri fornitori. L impresa deve poi collegare tutte queste attività per ottenere un nuovo modello di business che abbandona la semplice forma delle forniture in ingresso per arrivare ad una gestione integrata della struttura dei network di produzione. La creazione di network di fornitura e di produzione globali consentono l ottenimento di vantaggi collaborativi che permettono ad ogni singolo partner di ottenere un vantaggio competitivo condiviso. Infatti, senza una collaborazione tra le imprese partner, il vantaggio rimarrebbe limitato alla riduzione dei costi, cosa che non accade in caso di collaborazione di tutti i partner, dove la possibilità di ottenere migliori performance di tempo e una migliore qualità è resa più facile. A fronte di questo, però, devono essere ricordati alcuni problemi di implementazione (legati, ad esempio, alle differenze culturali e ai dazi imposti dai governi) che possono chiaramente influenzare oltre che complicare lo svolgimento di un approvvigionamento globale. Rifornirsi in paesi esteri comporta per l impresa anche un attenta valutazione dei rischi politici ed economici attinenti ad ogni singolo paese che possono avere diverse ripercussioni sull impresa a seconda che il suo management possieda o meno un esperienza nelle forniture globali che gli permetta di gestire le nuove sfide in maniera più pronta e quindi con migliori risultati. Un altro limite che si pone all impresa nell attuazione di una strategia di approvvigionamento globale è la dimensione aziendale. Pur tuttavia, anche se queste strategie risultano a miglior appannaggio delle grandi imprese, non sono da escludere possibilità per le PMI di rifornirsi globalmente grazie a forme di strategic alliances come ad esempio le joint ventures. Visto che il global sourcing sta rapidamente entrando nelle strategie di business delle aziende, la valutazione dei costi della logistica coinvolti nella supply chain globale appare come un elemento sempre più cruciale. I costi di approvvigionamento globale non riguardano soltanto la crescita delle spese di inven-

6 72 tario, trasporto e amministrazione, ma possono riguardare anche la perdita di qualità dei prodotti, l aumento della difficoltà di contatto con i diversi fornitori e l aumento dei lead time. Così, nel caso in cui l impresa attui dei sistemi di produzione flessibile (lean production), essa è costretta a sopportare maggiori costi se si rifornisce a livello globale, poiché operare in un sistema di produzione just in time e mantenere uno stretto contatto con stabilimenti e fornitori lontani, risulta essere assai complesso. Inoltre, l adozione di una strategia di global sourcing può generare dei costi quando si allungano i lead time di consegna. Questi costi prendono la forma di maggiori spese relative alla dispersione della catena del valore, ossia le relazioni tra le attività di fornitura e le altre attività, definite anche fattori relazionali (Bartlett, Ghoshal 1990). I flussi di prodotti e di informazioni che attraversano la supply chain sono spesso soggetti ad interruzione per via della distanza tra le fasi della catena e per via delle modalità di integrazione fra esse. Ad esempio la distanza non solo aumenta i tempi di spedizione, ma può anche causare dei lunghi ritardi per imprevisti dovuti alla situazione meteorologica o a scioperi; differenze linguistiche e culturali, ecc.. In questo complesso sistema, un interruzione anche di un solo elemento della catena può generare cambiamenti e aggiustamenti in tutte le altri parti del sistema. Se le distanze sono brevi, i lead time corti e le comunicazioni sono buone, la supply chain può reagire rapidamente; viceversa, se gli elementi della catena sono separati da grandi distanze e i lead time e le comunicazioni non sono ottimali, allora la supply chain risulterà essere meno reattiva, generando così dei costi ulteriori in termini di spedizioni accelerate, domanda insoddisfatta e spese di inventari. Con l adozione di strategie di global sourcing, dunque, al centro dell attenzione si pone il processo di condivisione del business. Le attività di produzione e trasformazione, gli spostamenti dei materiali e dei prodotti, le procedure amministrative e burocratiche, confluiscono in un unico flusso integrato di elementi, in parte fisici e in parte virtuali, che coprono tutto il ciclo di vita del prodotto, dalla sua concezione alla sua destinazione finale. Tuttavia, come anche in precedenza ricordato, i mercati mondiali non sono omogenei e, per molte categorie di prodotti, sono ancora richieste variazioni locali. Per l impresa si rende necessario capire come offrire ai mercati locali la varietà che cercano pur sfruttando i vantaggi della produzione globale standardizzata e capire come gestire i collegamenti della catena globale dalle fonti di approvvigionamento fino all utente finale. La necessità di gestire al meglio tutte queste variabili conduce alla ricerca di adeguati driver progettuali da seguire e di cui tener conto nella progettazione e implementazione del modello di global sourcing. 3. I driver di progettazione delle Supply Chain globali È a partire dagli anni 70 che si sono succeduti importanti contributi da par-te di accademici e manager d impresa sull analisi delle migliori modalità di progettazione e di gestione delle reti di fornitura. Il Supply Chain Management (anche SCM) diviene tuttavia una vera disciplina di studi a partire da metà degli anni 80 e l interesse nei suoi confronti è andato progressivamente aumentando man mano che le imprese

7 73 hanno cominciato a beneficiare dei vantaggi delle relazioni cooperative(gattorna, 1998). Il SCM rappresenta senza dubbio uno strumento effica-ce per l acquisizione di vantaggio competitivo a livello internazionale (Evans et al., 1996) tanto che è stato definito come l integrazione dei processi a-ziendali dall utilizzatore finale fino al fornitore originale che fornisce prodotti, servizi e informazioni e aggiunge valore per il consumatore (Lambert et. al., 1998). È infatti chiaro che nei casi in cui l impresa sia focalizzata su obiettivi di performance individuali piuttosto che obiettivi e attività integrate con le altre imprese della rete si avranno situazioni di sottoottimizzazioni e perdita di efficienza (Cooper et. al., 1997; Stevens, 1989). L esigenza di un organizzazione integrata della fornitura nasce sostanzialmente dalla necessità di rispondere in maniera efficiente ed efficace all incertezza e variabilità della domanda di mercato. L incertezza è una dimensione chiave dell analisi che spiega gli sforzi di ricerca di adeguati driver progettuali al fine di identificare configurazioni di reti in grado di creare condizioni di maggiore stabilità. Tipicamente, gli effetti dell incertezza (nella fornitura, nei processi e nella domanda) sono stati considerati di maggior impatto sulla funzione della produzione (Wilding, 1998) ma già dal 1993 alcuni autori (Davis, 1993) cominciarono a ipotizzare che il principale problema del progettare, gestire e controllare reti di fornitura complesse fosse da attribuire al fatto che anche nella rete fosse difficile trovare condizioni operative stabili al punto da generarsi spesso inefficienze e perdita di valore delle attività svolte. La mancanza di adeguate risposte a domande come: quale prodotto ordinerà il mio cliente?, quanto prodotto devo avere in stock?, in quanto tempo dovrò consegnarlo e secondo quali condizione? crea le basi dello stato di incertezza. Ciò ha portato le imprese a progettare sistemi dotati di adeguati buffer per il rispetto dei tempi, di capacità produttiva-logistica, di scorte di magazzino al fine di prevenire l eventualità di prestazioni della rete inadeguate alle aspettative del cliente. Tali buffer tuttavia riducono le performance operative e la possibilità di conseguire vantaggi competitivi. I fattori di incertezza della rete possono raggrupparsi in tre categorie (Van der Vorst, 2000): 1. alta variabilità della domanda o della fornitura che genera problemi di pianificazione, programmazione e controllo della rete (Fischer et. al., 1997), 2. non ottimale configurazione della rete attuale che riduce le performance come nel caso di una struttura a capacità rigida o con ritardi del sistema informativo ecc., 3. fattori esogeni come cambiamenti dei mercati, prodotti, tecnologie, competitori o regolamentazioni governativa. In tutti questi casi il compito del management è riprogettare la rete al fine di allinearla meglio agli obiettivi che si intendono perseguire e ridurre la variabilità. Esistono a questo riguardo molti studi che focalizzano l attenzione sulle principali strategie di riconfigurazione. Nell analisi complessiva di tali lavori si evidenzia come l attenzione si sia concentrata su diversi driver progettuali tali da identificare una sorta di percorso. Infatti se osserviamo la direzione attraverso cui il SCM sembra avere orientato il processo di pianificazione e coordinamento possiamo distinguere vari periodi. In una fase iniziale

8 74 l attenzione è stata volta all acquisizione di vantaggio competitivo attraverso obiettivi di riduzione di costo e acquisizione di una maggior efficienza delle reti. Il presupposto alla base di tale obiettivo è che l efficienza nei costi consenta quella riduzione di prezzo che aumenta il livello di soddisfazione del cliente. Tale approccio comporta come conseguenza la nascita di un modello di gestione della rete che enfatizza la visione a breve termine ed alimenta il rischio di perdere opportunità di conseguire obiettivi più ampi. In secondo luogo il driver dell efficienza comporta una perdita di focus sul consumatore o cliente finale. Si presuppone l esistenza di una condizione statica del mercato e la non variabilità delle aspettative del consumatore. In seguito l attenzione si è concentrata sulle dinamiche di controllo della rete e sugli aspetti logistici. Interessanti sono gli studi che hanno avuto ad oggetto la rivisitazione dei ruoli e la condivisione dei processi tra le parti coinvolte (Stern et. al., 1996; Thomas, Griffin 1996), o la struttura di controllo della rete tramite la riduzione dei lead time (Beamon, Ware, 1998) o la sincronizzazione dei processi logistici alla domanda (Persson, 1995) come anche la semplificazione del coordinamento logistico e delle decisioni. Recentemente l attenzione si è posta sui sistemi informativi a supporto della rete al fine di creare flussi trasparenti di circolazione in tempo reale delle informazioni. Infine le ultime riflessioni riguardano la condivisione degli obiettivi tra i partner delle rete e il maggior coinvolgimento nei processi. Tutti questi approcci sono volti a ricercare migliori performance delle rete vista sempre come modello organizzativo dell offerta che le imprese propongono sul mercato. Non ci si è mai posti il problema di un maggior controllo della domanda assunta per ipotesi come una variabile quasi non prevedibile. A questo proposito un contributo importante che introduce nuovi driver di progettazione è quello di Fisher M.L. (1997). L autore ritiene che le funzioni di una supply chain dipendono dalla natura della domanda. Nel suo modello si distingue tra prodotti funzionali e prodotti innovativi. I primi richiedono una supply chain efficiente in cui i costi di produzione, trasporto e stoccaggio devono essere minimizzati. I driver di progettazione sono pertanto rappresentati da alta disponibilità, rapidi rifornimenti e efficienza di costo. Dall altra parte invece per i prodotti innovativi si parla di una supply chain reattiva per la quale il driver del lead-time è predominante e consente una risposta accurata ovvero adeguata alle aspettative dei clienti. Ne derivano metodi di misurazione delle performance sostanzialmente diversi. Nelle supply chain efficienti vengono enfatizzati i coefficienti di utilizzazione della rete, il sistema dei costi ed il tasso di rotazione dei magazzini mentre nelle supply chain reattive si presta attenzione al costo delle vendite perse o dell eccesso di stoccaggio. In conclusione l autore suggerisce che le performance dipendono dalla capacità di progettare reti che abbiano le prestazioni adeguate a quelle richieste dalle caratteristiche della domanda dei prodotti. Tale modello viene ulteriormente sviluppato da Hau Lee (2002) che approfondisce ed estende le considerazioni di Fisher anche alle situazione di incertezza dell offerta oltre che della domanda. Si distinguono infatti supply process stabili quando la struttura produttiva e le tecnologie si trovano in condizioni di maturità dalle supply chain in evoluzione quando invece sia l apparato produttivo di riferimento che le tecnologie di base non

9 75 sono ancora ben definite. In condizioni di stabilità dell offerta se l incertezza della domanda è bassa il principale driver di progettazione è l efficienza della rete mentre se l incertezza della domanda è alta il driver diventa la copertura del rischio; in condizione poi di offerta in evoluzione il driver di progettazione diventa la velocità di reazione se l incertezza della domanda è bassa e l agilità se invece l incertezza è alta. Recentemente, interessanti contributi spingono la discussione ancora avanti introducendo il concetto di Demand Chain Management (Rainbird, 2004; Walters, Rainbird, 2004) per evidenziare il fatto che il driver di progettazione delle catene deve essere il mercato di sbocco e la domanda e non il mercato della fornitura. Langabeer e Rose (2001) definiscono il demand chain management come the complex web of business processes and activities that help firms under stand, manage, and ultimate create consumer demand. In pratica tale approccio parte dalla considerazione che anche nella ricerca della migliore configurazione di rete di fornitura l attenzione deve essere concentrata sulle condizioni del mercato e sulle caratteristiche della domanda piuttosto che sui vincoli produttivi-logistici delle filiere produttive e della struttura dell offerta. Con questo contributo si comincia, a nostro avviso, a prospettare il passaggio da una logica push di costruzione della rete ad una logica pull. Infine un ultimo spunto di riflessione deriva dalla proposta di alcuni autori in merito alla sostituzione della parola chain con network al fine di segnalare il fatto che devono essere compresi nel sistema e quindi oggetto di progettazione e coordinamento anche situazioni di multiple suppliers. In pratica nel progettare nuove configurazioni si deve considerare anche le condizioni di concorrenza tra fornitori. Sempre appartenente a questo filone di pensiero è il dibattito in merito alla maggiore o minore apertura dei legami di network in fase di scelta della configurazione più adeguata. Molti infatti sostengono che network più aperti (e quindi caratterizzati da relazioni più deboli), fornendo accesso a diverse fonti di informazioni e conoscenza possono costituire un importante stimolo all'eterogeneità dell'impresa e promuovere il cambiamento e l'innovazione (Burt, 2004; McEvily, Zaheer, 1999; Rodan, Galunic, 2004), minimizzando nel contempo il rischio dovuto ad un eccessivo sviluppo di stretti legami maggiormente vincolanti (Obstfeld, 2005). Questo concetto è portato all estremo nell ambito di quello che viene definito il crowsourcing (Lamoreaux, 2006) che non è altro che un network spontaneo che si instaura tra esperti e professionisti particolarmente competenti in specifiche aree tecnico-scientifiche che viene usato dalle imprese per approvvigionarsi di competenze elevate a bassi costi. In questo caso non esiste una struttura predeterminata di supply chain ma questa si articola di volta in volta a seconda degli attori che si riescono a coinvolgere per la risoluzione di un determinato problema. Cambiando le esigenze di approvvigionamento dell imprese il network di fornitura si riconfigura con nuovi e diversi attori. Il successo di tale modello dipende sostanzialmente da due componenti: 1. la forza dei legami deboli ovvero i network più efficienti sono quelli che nascono in modo talvolta spontaneo dietro sollecitazione dell azienda ma senza complesse progettazioni e che riescono a

10 76 collegare il più ampio genere di fonti di informazioni, conoscenza ed esperienza; 2. la diffusione delle innovazioni tecnologiche che erodono i confini settoriali per la generale applicabilità dei metodi e delle soluzioni a problemi simili attraverso diversi domini tecnologici e scientifici. A conclusione di questa panoramica sui nuovi orientamenti emergono elementi importanti che aprono la strada verso una riflessione in merito alla progettazione di una rete di fornitura adeguata alle esigenze delle imprese market-driven. È ovviamente chiaro che le performance e la capacità competitiva di tali imprese nei contesti globali non si perseguono riprogettando la rete di fornitura per adeguarla a nuovi obiettivi o per eliminare eventuali inefficienza ma è necessaria per far fronte alla dinamicità ed e- strema temporaneità della domanda espressa talvolta da bolle ad alta instabilità. Ne consegue la necessità di pensare ad una supply chain rispondente a logiche pull e non push come in passato. In pratica mentre nei modelli costruiti su presupposti di stabilità della domanda basata sul tradizionale ciclo di vita del prodotto la variabilità della supply chain è la principale causa di erosione dei margini di profitto, nei contesti delle imprese market driven la variabilità della supply chain deve diventare invece una fonte di profitto e di acquisizione di vantaggio competitivo. 4. Il Demand Driven Supply Network nelle imprese Market-Driven Il modello che ci apprestiamo a presentare prende spunto da due diversi approcci teorici. Da una parte ci riferiamo ai recenti contributi del supply chain management in riferimento a quel filone di studi che vede le catene di fornitura come determinanti dei vantaggi competitivi delle imprese e si interroga sulle modalità attraverso le quali una catena deve migrare da un modello lean and functional ad un modello agile and customized per essere in grado di far acquisire all impresa un vantaggio di mercato (Christopher, Towill, 2000). Parte di questa discussione verte poi sull individuazione del momento dell integrazione delle due logiche attraverso la definizione del decoupling point (o punto di sdoppiamento) rispetto ai flussi di materiali che rappresenta il quando la supply chain passa da logiche push a logiche pull (Olhager, 2003; Brabazon, MacCarthy, 2006; Hoekstra, Romme, 1992) lo stesso tema viene affrontato nell ambito delle scelte definite di postponement e speculation anch esse rivolte alla determinazione del quando passare da logiche push a pull (Mentzer, 2008). Un secondo contributo deriva dalla letteratura sul market driven management per due aspetti: da una parte da tempo si sostiene la necessaria integrazione dei processi d impresa di tipo push e pull 1, dall altra si sostiene che un impresa che opera in contesti market driven abbia una naturale predisposizione ad utilizzare in modo flessibile i rapporti con soggetti terzi. Lo sviluppo infatti di organizzazioni di tipo reticolare (networking) che possono conformarsi in maniera mutevole, con relazioni stabili o assai dinamiche e variabili (Brondoni, 2007) è analizzata come possibile soluzione per fronteggiare la temporaneità della domanda. Nel nostro modello questo presupposto sta alla base dell ipotesi secondo cui sostenia-

11 77 mo che la velocità in cui le imprese riconfigurano la propria rete è sinonimo di maggiore competitività di mercato. Progettare una supply chain per imprese market driven che operano in contesti globali significa in primo luogo: a) dotare l impresa di un adeguato sistema di previsione e di monitoraggio della domanda; b) costruire una rete informativa in grado di diffondere velocemente i dati relativi alla domanda per consentire un rapido adeguamento della filiera o del network ai cambiamenti; c) Riconfigurare e ridisegnare velocemente la rete al fine di capitalizzare nell immediato, e forse solo temporaneamente, le opportunità nascenti di mercato; d) rivedere continuamente i diversi driver che orientano le scelte progettuali. Michael Aguilar, senior vice-president di Strategic Supply Chain Iniziative di Panasonic, ha visto l opportunità di reinventare l impresa, in larga misura attraverso una riprogettazione della supply chain. Il tutto è partito dalla convinzione che la Panasonic non poteva più essere focalizzata sulla vendita dei prodotti ai concessionari poiché così facendo non si aveva la percezione di ciò che veramente il consumatore voleva. Aguilare sosteneva che la vendita non si può prevedere perché diventa vera solo dopo che il consumatore ha acquistato. Si sono quindi modificati tutti i processi per essere in grado di operare non come una società tradizionale di beni di consumo ma come se Panasonic fosse in realtà un rivenditore. Panasonic ha quindi trasformato la catena di approvvigionamento dal back office al front office facendola diventare la principale fonte di redditività per gli effetti sull aumento delle vendite (500% contro un aumento generale del mercato del 200% nel 2005). Il punto fondamentale di tutto il processo è stata la gestione diretta attraverso un software personalizzato delle previsioni e rilevazioni degli approvvigionamenti dei rivenditori che ha consentito una serie di vantaggi: 1. eliminazione delle scorte di magazzino dei rivenditori e maggior adeguatezza delle stesse alla domanda del cliente finale; 2. eliminazione degli out of stock del rivenditore;; 3. riduzione delle settimane medie di inventario; 4. aumento dei ricavi. Il principale obiettivo del management delle imprese market-driven è quello di capire le tendenze della domanda o eventualmente anticiparla e riuscire a soddisfarla con adeguati prodotti/servizi. È la domanda quindi che definisce gli obiettivi della supply chain, mentre la supply chain deve avere le capacità di far fronte, dare forma e sostenere la domanda. Alcuni autori parlano del rapporto tra caratteristiche della domanda e i processi di fornitura come di un catalytic effect (Rainbird, 2004). L obiettivo di una

12 78 corretta configurazione dei processi d impresa diventa pertanto quello di garantire uno stretto e preciso allineamento tra la domanda e la rete di fornitura al fine di ridurre comunque i vincoli temporali e geografici. Da ciò consegue che il concetto sottostante il modello di Demand Driven Supply Network (DDSN) che vogliamo costruire è la convergenza e soprattutto la gestione sincronizzata del marketing con la struttura della rete di fornitura. Il DDSN può essere definito come un sistema di coordinamento di tecnologie e processi che prevede e reagisce in tempo reale ai segnali della domanda pervenuti attraverso il network di clienti, fornitori e impiegati. Consente all impresa di migliorare l efficienza operativa, sviluppare e lanciare nuovi prodotti e massimizzare i margini. L applicazione del modello di DDSN comporta la trasformazione dei modelli di supply chain basati sulla previsione della domanda (logica push o supply driven) con modelli basati sulla rilevazione della domanda (logica pull o demand driven). Operare su previsione della domanda consente di organizzare adeguatamente i materiali ed il processo produttivo e logistico in modo da assicurare un adeguata gestione delle consegne all eventuale centro distributivo e/o al magazzino. Anche se le previsioni consentono di acquisire i materiali giusti e realizzare il prodotto giusto queste si focalizzano sulla disponibilità di prodotto presso il centro distributivo. Nel frattempo il consumatore potrebbe aver perso interesse in quel prodotto o la domanda essersi spostata. Se a questa possibile situazione si aggiunge l innovazione di prodotto o tecnologica o altri cambiamenti ne risulta un processo ben lontano dall essere dinamico e reattivo. Trasformare un processo basato sulla previsione in un modello basato sulla rilevazione comporta tuttavia la capacità di generare sistemi credibili ed efficaci di percezione dei segnali di domanda che possono essere condivisi tra i partners della catena preferibilmente in tempo reale. Tali segnali generano flussi informativi dal mercato che, adeguatamente diffusi nella rete consentono di riconfigurare la rete stessa nei tempi adeguati. Le attività critiche di questo modello sono: a) Dotarsi di una capacità di network design o re-design al fine di sostituire la chain o catena produttivo-logistica con un network produttivo-logistico i cui attori vengono alternativamente attivati in funzione delle caratteristiche emergenti della domanda rilevata. b) Ridurre i tempi di attraversamento della rete (TAR). Una volta individuate le nuove caratteristiche della domanda i tempi produttivilogistici di attraversamento della rete ovvero i tempi necessari per la trasformazione delle materie prime in prodotto finito ed i tempi logistici di spostamento delle materie, semilavorati o prodotti da assemblare ecc. tra gli attori della rete devono essere ridotti in modo da avere un valore inferiore al tempo di attesa del mercato (TAM) ovvero al tempo che il mercato è disposto ad aspettare una volta manifestata la domanda.

13 79 Dall incrocio di queste due dimensioni si ottengono 4 diversi modelli di configurazione della rete di fornitura come emerge dalla Figura 1. Figura 1: Modelli basati di configurazione della rete di fornitura TAM>T AR Demand driven Supply Chain Demand driven Supply Network Rapporto tra tempo di attesa del mercato (TAM)/ tempi di attraversamento della rete (TAR) TAM < TAR Modello tradizionale Supply Chain tradizionale Modello Push Modello Pull Supply Network integrato Modello push-pull bassa a lta Velocità del network design (o redesign) Dall incrocio delle dimensioni derivano due modelli di supply chain (tradizionale e demand driven) e due modelli di supply network (integrato e demand driven). Modelli di Supply Chain a. Tradizionale (push). Si tratta di un modello PUSH basato sulla previsione della domanda poiché i tempi di attesa del mercato non consentono di operare su logiche pull essendo minori dei tempi produttivi-logistici di attraversamento della filiera. Inoltre la mancanza di una capacità di riconfigurazione della rete rende difficile la rapida ed efficace sostituzione degli attori per cui si tende ad avere relazioni consolidate e strutturate. In questi modelli il driver di progettazione adeguato è l integrazione della catena, unico elemento che può garantire vantaggi competitivi e creazione di valore. b. Demand-driven (pull). In questi casi il tempo di attesa del mercato è maggiore del tempo produttivo logistico per cui è possibile operare con logiche pull ed il processo parte successivamente alla rilevazione della domanda di mercato. Il motivo per cui il tempo è minore può essere legato alle caratteristiche della tecnologia produttiva e/o all efficienza logistica ma anche alla forte integrazione e velocità della catena di fornitura che consente di rispondere velocemente alla domanda. Questo se porta il vantaggio dei modelli pull ha il limite di basarsi su catene molto strutturate e poco flessibili che riducono le opportunità di creazione di valore e dell innovazione di prodotto e di mercato. Il driver di progettazione è in questo caso la qualità e competenza degli attori della catena.

14 80 Modelli di Supply Network a. Integrato (push-pull). Si definisce integrato poiché è costruito sia con logiche di previsione della domanda che di rilevazione e monitoraggio della stessa. Essendo il tempo di attesa del mercato minore rispetto al tempo necessario allo svolgimento delle attività produttive-logistiche il modello prevede che le prime fasi di lavorazione siano anticipate rispetto alla manifestazione della domanda e definite su dati previsionali. Una volta rilevate le caratteristiche effettive della domanda l alta velocità di network design porta alla riconfigurazione della rete secondo le nuove esigenze. È questo un modello che cerca di recuperare efficienza e di creare un maggior valore nelle fasi finali avendo la necessità di utilizzare comunque dati previsionali. Il driver di progettazione in questo caso è la velocità della rete. Maggiore è infatti la velocità e minore è il numero delle fasi gestite su previsione piuttosto che su rilevazione della domanda. b. Demand-Driven (pull). Il modello permette di riconfigurare la rete solo dopo avere rilevato le caratteristiche della domanda. Ciò consente la progettazione di una filiera in grado non solo di organizzare un offerta di prodotto e/o servizio rispondente alle caratteristiche rilevate della domanda ma anche di proporre soluzioni innovative che possano condizionare, orientare e modificare la domanda stessa. Gli ingredienti di questo modello prevedono sempre l esistenza di una filiera efficiente e rapida visto che opera con tempi produttivi-logistici inferiori a quelli di attesa del mercato ma anche flessibile ed in grado di coinvolgere all occorrenza attori diversi attraverso le capacità di network design. In questo modo si riesce a massimizzare la funzione di creazione di valore e a attivare le condizioni di base per cogliere le opportunità della domanda temporanea e instabile dei mercati globali. Il driver di progettazione in questo caso non è individuabile a priori ma varia di volta in volta in funzione delle caratteristiche della domanda. Questo è in pratica il modello idoneo a garantire quelle condizioni di flessibilità, rapidità di risposta e capacità innovativa delle imprese market driven. I requisiti del Demand Driven Supply Network Il modello appena enunciato richiede alcuni requisiti fondamentali ovvero: 1. Utilizzo di adeguati strumenti di simulazione e di network design o re design. Permettono l analisi di possibili diverse risposte a ciascun evento contingente. È sufficiente modificare alcuni parametri per arrivare a diverse conclusioni. Consentono riconfigurazioni in tempo reale delle reti di fornitura in corrispondenza dei cambiamenti delle condizioni di mercato. Sono applicazioni che rappresentano graficamente la supply chain definendo i nodi del network (siti produttivi, centri di distribuzione di proprietà o di terzi, unità produttive o distributive dei fornitori), le caratteristiche peculiari di ciascun nodo (tipologia di prodotto realizzato o stoccato, capacità produttiva o

15 81 di stoccaggio ecc.) e le relazioni che tra essi intercorrono (i quantitativi di riordino, i lead time, le distanze ecc.). Attraverso tali applicazioni si modellizza e si parametrizza la supply chain e si possono effettuare simulazioni per valutare gli effetti di una configurazione dei flussi fisici (ad esempio, la sostituzione di un fornitore con un altro localizzato a maggiore distanza ma dotato di una maggiore affidabilità nelle consegne). La valutazione avviene mediante un dettagliato sistema di reporting che permette di monitorare costantemente i principali indicatori di performance logistica. 2. Adozione e diffusione nella rete di adeguate tecnologie e sistemi informativi. Affinché il modello sia applicabile è innegabile che il flusso informativo proveniente dal mercato deve essere rilevato e diffuso velocemente a tutti gli attori della supply chain. Questo è oggi possibile grazie ad alcune nuove tecnologie nell area logisticodistributiva come l RFID ed i sistemi UPC/EAN di codificazione dei prodotti che rilevano la movimentazione in tempo reale dei prodotti nella filiera e sul mercato finale e a nuove tecnologie di Product Data Management (PDM) che consentono la condivisione nella rete delle informazioni di prodotto. In particolare, è possibile definire percorsi di comunicazione strutturati che, sulla base di un predefinito disegno del flusso del processo, governano lo scambio di informazioni e documenti tra soggetti o team geograficamente lontani tra loro che devono, tuttavia, integrarsi. Infine sempre più indispensabili sono i nuovi modelli di e-procurement che consentono di gestire in tempo reale tutte le fasi del global sourcing. 3. Una produzione snella orientata alla domanda. Il modello produttivo idoneo a massimizzare i risultati prevede linee corte basate su piccoli lotti di prodotto facilmente modificabile per far fronte ai cambiamenti della domanda effettiva. La pianificazione dei cicli operativi deve essere ridotta per garantire una maggiore flessibilità dei tempi di risposta. Invece che pianificare sulla base delle previsioni le successive tre-quattro settimane di ciclo produttivo, un approccio produttivo che tutela l agilità non può che operare con cicli produttivi di una settimana o forse anche meno. La teoria produttiva ha sempre sostenuto che una lunga programmazione produttiva possa portare ad una maggiore profittabilità per le economie conseguibili in condizioni di stabilità. Oggi possiamo sostenere che ciò non è sempre vero poiché programmazioni produttive teoricamente meno efficienti possono conseguire un miglior ROI con il modello DDSN per l abilità di modificare la produzione velocemente verso prodotti più profittevoli perché maggiormente richiesti dal mercato. Bibliografia Arrigo Elisa, Market Driven Management, Global Competition and Corporate Responsibility, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n.1, Bartlett Cristopher, Ghoshal Sumatra, Management globale: la soluzione transnazionale per la direzione d impresa, ETAS libri, 1990.

16 82 Beamon Benita M., Ware Tonja M., A Process Quality Model for the Analysis, Improvement and Control of Supply Chain Systems, International Journal of Physical Distribution & Logistics Management, vol. 28, n. 9, 1998, pp Brabazon Philip G., MacCarthy Bart, Order Fulfilment Models from the Catalog Mode of Mass Customization - a Review, Blecker T., Friedrich G. (eds.), Mass Customization: Challenges and Solutions, Springer, New York, 2006, pp Brondoni Silvio M., Ouverture de Market-Driven Management and Global Markets, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Brondoni Silvio M., Market driven management ed economia d impresa globale, S.M. Brondoni (ed.), Market-Driven Management, concorrenza e mercati globali, Giappichelli, Torino, 2007, pp Burt Ronald S., Structural Holes and Good Ideas, American Journal of Sociology, 110(2), 2004, pp Christopher Martin, Logistics and Supply Chain Management: Strategies for Reducing Costs and Improving Services, Pitman Publishing, London, Christopher Martin, Towill Denis R., Supply Chain Migration from Lean and Functional to Agile and Customized, Supply Chain Management: an International Journal, vol. 5, n. 4, 2000, pp Cooper Martha C., Lambert Douglas M., Pagh Janus D., Supply Chain Management: More than a New Name for Logistics, International Journal of Logistics Management, Vol. 8 No.1, 1997, pp Corniani Margherita, Market-driven management e politiche d impresa push-pull, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n.1, Davis Tom, Effective Supply Chain Management, Sloan Management Review, 1993, pp Evans Gary N., Naim Mohamed M., Towill Denis R., Educating the Supply Chain: an Holistic Approach, International Journal of Materials and Product Technology, vol. 11, n. 5/6, 1996, pp Fisher Marshall L., Hammond Janice, Obermeyer Walter, Raman Ananth, Configuring a Supply Chain to Reduce the Cost of Demand Uncertainty, Production and Operations Management, vol. 6, n.3, 1997, pp Fisher Marshall L., What Is the Right Supply Chain for Your Product, Harvard Business Review, march/april, 1997, pp Gattorna John L., Strategic Supply Chain Management: Best Practices in Supply Chain Management, Gower Publishing, Aldershot, Hau Lee, Aligning Supply Chain Strategies with Product Uncertainty, California Management Review, vol. 44, n. 3, Hills Stacey B., Sarin Shikhar, From Market Driven to Market Driving: an Alternative Paradigm for Marketing in High Technology Industries, Journal of Marketing Theory and Practice, 11(3), Hoekstra Sjored, Romme Jac M., Integrated Logistics Structures: Developing Customer Oriented Goods Flows, McGraw-Hill, London, Lambert Douglas M., Cooper Martha C., Pagh Janus D., Supply Chain Management: Implementation Issues and Research Opportunities, International Journal of Logistics Management, vol. 9, n. 2, 1998, pp Lamoreaux Michael, Purchasing innovation VI: Crowdsourcing disponibile on line, 2006, Langabeer Jim R., Rose Jeff, An investigation of post-merger supply chain performance, Oxford Chandos Publishing, 2001.

17 83 Keegan Warren, Global Strategic Management, Kirpalani Vishnu H. (ed.), International marketing, Chicago, Kumar Nirmalya, Scheer Lisa, Kotler Philip, From Market Driven to Market Driving, European Management Journal, 18(2), McEvily Bill, Zaheer Akbar, Bridging Ties: a Source of Firm Heterogeneity in Competitive Capabilities, Strategic Management Journal, 20, 1999, pp Mentzer John T., Defining Supply Chain Management, Journal of Business Logistics, vol. 22, n. 2, 2001, pp Mentzer, John T., Global Supply Chain Risk Management Strategies, International Journal of Physical Distribution and Logistics Management, vol. 38, n. 3, 2008, pp Monczka Robert M., Trent Robert J., Global Sourcing: a Development Approach, International journal of purchasing and material management, vol. 27, Monczka Robert M., Trent Robert J., Evolving Sourcing Strategies for the 1990s, Distribution logistics management, Narver John C., Slater Stanley F., MacLachlan Douglas L., Responsive and Proactive Orientation and New Product Success, Journal of Product Innovation Management, n. 21, Obstfeld David, Social Networks, the Tertius Lungens Orientation, and Involvement in Innovation, Administrative Science Quarterly, 50(1), 2005, pp Olhager, J., Strategic Positioning of the Order Penetration Point, International Journal of Production Economics, n. 85, 2003, pp Pepe Cosetta, Corporate Values in Global Supply Chains, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Persson Goran, Logistics Process Redesign: Some Useful Insights, International Journal of Logistics Management, vol. 6, n.1, 1995, pp Rainbird Mark, Demand and Supply Chains: the Value Catalyst, International Journal of Physical Distribution & Logistics Management, vol. 34, n. ¾, Rodan Simon, Galunic Charles D., More than Network Structure: How Knowledge Heterogeneity Influences Managerial Performance and Innovativeness, Strategic Management Journal, 25(6), 2004, pp Stern Louis W., El-Ansari Adel I., Coughlan Anne T., Marketing Channels, 5th ed., Prentice- Hall, London, Stevens Graham C., Integrating the Supply Chain, International Journal of Physical Distribution & Materials Management, vol. 19, n. 8, 1989, pp.3-8. Thomas Douglas J., Griffin Paul M., Coordinated Supply Chain Management, European Journal of Operational Research, vol. 94, 1996, pp Tamer Cavusgil S., Yaprak A., Yeoh P.L., A Decision-Making Framework for Global Sourcing, International business review, Vallini Carlo, Simoni Christian, Market Driven Management as Entrepreneurial Approach, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Van der Vorst Jack G.A.J., Effective food supply chains; generating, modelling and evaluating supply chain scenarios, Wageningen University, Wageningen, PhD-thesis, Walters David, Rainbird Mark, The Demand Chain as an Integral Component of the Value Chain, Journal of Consumer Marketing, vol. 21, n. 7, Wilding Richard, The Supply Chain Complexity Triangle: Uncertainty Generation in the Supply Chain, International Journal of Physical Distribution & Logistics Management, vol. 28, n. 8, 1998, pp

18 84 Note 1 La combinazione di politiche push con politiche di tipo pull e i vantaggi dell integrazione vengono altresì trattati come presupposti di base per le strategie delle imprese che operano con logiche market-driven management. Si veda a questo riguardo M. Corniani, Market-Driven Management e politiche d impresa push-pull, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, 2008.

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT Una breve introduzione al mondo del PLM Business Development Management S.r.l. con il contributo del DIGEP del Politecnico di Torino Il PLM nasce come metodologia di gestione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Ouverture de Risorse immateriali e concorrenza globale

Ouverture de Risorse immateriali e concorrenza globale Ouverture de Risorse immateriali e concorrenza globale Silvio M. Brondoni * Abstract Dai primi anni 80, l economia globale ha modificato profondamente imprese, produzioni, prodotti. L economia d impresa

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN Le strategie adottate dalle imprese nel gestire le fasi a monte del processo produttivo sono cambiate seguendo una traiettoria ben precisa. Le tappe

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni introduttive L attenzione

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della:

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della: E un iniziativa della: In collaborazione con: LEAN COMMUNITY Laboratorio di approfondimento e diffusione di concetti, metodologie e buone pratiche di Lean Transformation a favore delle PMI Padovane PRESENTAZIONE

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA CICLO DI SEMINARI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA Le importanti evoluzioni dei sistemi economici e dei mercati finanziari

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Lean & Agile. Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Prof. Andrea Sianesi. Facoltà di Ingegneria. Politecnico di Milano

Lean & Agile. Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Prof. Andrea Sianesi. Facoltà di Ingegneria. Politecnico di Milano Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Facoltà di Ingegneria Lean & Agile Prof. Andrea Sianesi Politecnico di Milano Centro di Ricerca sulla Logistica I prodotti I prodotti (prevalentemente)

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Lezione 3. Analisi del divario strategico. Valutazione delle alternative. La pianificazione strategica (segue)

Lezione 3. Analisi del divario strategico. Valutazione delle alternative. La pianificazione strategica (segue) Lezione 3 La pianificazione strategica (segue) Analisi del divario strategico Quali risorse sono necessarie? Quali risorse non sono sfruttate al meglio? Valutazione quali-quantitativa Valutazione delle

Dettagli

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali.

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Franco De Michelis - Direttore Generale Assodimi Assonolo Il noleggio dei beni strumentali. Una nuova opportunità di business,

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli