MARGHERITA. i n c o n t r a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARGHERITA. i n c o n t r a"

Transcript

1 M E D I A R T s. r. l. p r e s e n t a MARGHERITA i n c o n t r a

2 I N D I C E INTRODUZIONE EVENTI REALIZZATI 1. UMANIZZAZIONE DELLE CURE NELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA pag DIABETE, IL MODELLO LOMBARDIA pag CHIRURGIA, PROFESSIONE IN CRISI? FORMAZIONE, RISCHI, BUROCRAZIA CONDIZIONANO PRESENTE E FUTURO pag LA PREVENZIONE DEI TUMORI. STILE DI VITA ED ALIMENTAZIONE PER GIOCARE D ANTICIPO pag STERILI MA NON DI EMOZIONI. CURE PIÙ UMANE DELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA pag OMEOPATIA: TRA VINCOLI DI LEGGE E PREGIUDIZI pag LA CHIRURGIA ESTETICA FRA LIMITI E TENTAZIONI pag TORNA IL MINISTERO DELLA SALUTE: VECCHI PROBLEMI E NUOVE PROSPETTIVE pag PIANI DI RIENTRO, REGIONI AD UN BIVIO pag FEDERALISMO SANITARIO: È VERA CURA? pag. 34 PROPOSTE ARGOMENTI EVENTI FUTURI 11. PREVENZIONE DEL RISCHIO DI ERRORI DA PARTE DEI MEDICI pag QUALE FUTURO PER LE VACCINAZIONI? pag PREMATURI E LATTE ARTIFICIALE pag DONAZIONI DI SANGUE E SANGUE SICURO pag TRAPIANTI E DONAZIONI D ORGANI pag LE PANDEMIE pag MALATTIE A BASSA INCIDENZA: UNA CONDANNA A MORTE? pag IL DIABETE GIOVANILE: MOLTO PIÙ DI UN ALLARME pag L ITALIA CHE PESA TROPPO. OBESITÀ E NUOVE PIRAMIDI ALIMENTARI pag. 46 LOCATION UTILIZZATE TENNIS CLUB PARIOLI > ROMA pag. 48 CENTRO SVIZZERO > MILANO pag. 49 ROMANO PALACE HOTEL > CATANIA pag. 50 2

3 I N T R O D U Z I O N E Margherita Incontra è un iniziativa che nasce nel 2008 dall entusiasmo di una delle giornaliste italiane più note ed accreditate in materia medico-scientifica, Margherita De Bac. Riunire in un contesto non istituzionale professionisti disposti a confrontarsi su argomenti di attualità e rilevanza sociale: questa l idea alla base di un percorso ragionato di appuntamenti. Workshops serali, quindi, in cui esperti, opinion leaders, stakeholders, ricercatori e manager si scambiano opinioni in merito a temi di sanità, scienza e bioetica affrontati in maniera friendly ed in un contesto non istituzionale. Un agenda ricca e ragionata che spazia dal federalismo farmaceutico alla sicurezza alimentare, dalle nuove frontiere della bellezza ai trapianti e alle donazioni d organi. Una formula diversa per riflettere ed approfondire i temi trattati di volta in volta e realizzata grazie al supporto non condizionato di alcune tra le aziende farmaceutiche leader nei settori di indagine e che possono contribuire in maniera attiva allo sviluppo ed impostazione del confronto. 3

4 EVENTI REALIZZATI 4

5 1. Umanizzazione delle cure nella Procreazione Medicalmente Assistita LA SICILIA SEMBRA ESSERE LA REGIONE CON IL MAGGIOR NUMERO DI CENTRI DI PMA IN ITALIA, CON I CENTRI PRIVATI CHE PREVALGONO SUI CENTRI PUBBLICI. PUÒ IL NUOVO PIANO SANITARIO REGIONALE INTERVENIRE PER UNA MAGGIORE UMANIZZAZIONE DELLE CURE? In Sicilia sono 21 i centri di Procreazione Medicalmente Assistita (Pma). La percentuale di coppie trattate però è appena del 7,3% di quelle che in Italia ricorrono a queste tecniche per cercare di avere un bambino. I cicli (cioè i trattamenti) iniziati da questi pazienti rappresentano il 6,5% del totale nazionale. La Sicilia dunque dal punto di vista quantitativo si configura come una delle regioni di minore efficienza, dove nonostante l offerta dei centri sia alta vengono trattate poche coppie ed effettuati un numero ridotto di cicli. E uno dei dati contenuti nell ultimo rapporto al Parlamento presentato dal ministro della Salute. Il bilancio dell attività dei centri di Pma si riferisce al Su questi numeri e più in generale sulle caratteristiche della Sicilia per quanto riguarda l attività nel settore si è parlato a Catania in un incontro sull umanizzazione delle cure nella Pma, durante il quale l assessore alla sanità regionale ha esposto il piano della Regione Sicilia per migliorare l assistenza alle coppie portatrici di infertilità. Sempre secondo il rapporto, la migrazione delle coppie al di fuori dei confini regionali è in quest area abbastanza contenuta e la migrazione determina un impatto marginale sul sistema salute. Conclusione che non sembra in linea con i numeri dell ultimo Piano Sanitario regionale dal quale si evince che invece i viaggi della speranza dei siciliani per la Pma sono molto più frequenti. La Sicilia si caratterizza anche come la Regione dove l attività dei centri privati ha una netta prevalenza su quella dei centri pubblici: l 83,9% contro il 16,1% e questo non favorisce le coppie che non possono permettersi di sostenere sacrifici economici. Da questo punto di vista la Sicilia ha il primato in Italia. Un sistema che andrebbe modificato proprio per contribuire a un processo di umanizzazione. 5

6 R E L A T O R I On. MASSIMO RUSSO Assessore alla Sanità della Regione Sicilia Dott. FRANCESCO GERARDI Presidente Associazione Hera Onlus Dott. NINO GUGLIELMINO Direttore Unità di Medicina della Riproduzione di Catania REALIZZATO IL 20 GENNAIO 2012 Realizzato con il supporto non condizionato di Ferring 6

7 7

8 2.Diabete, il modello Lombardia PREVENZIONE DEL DIABETE, LA LOMBARDIA SEGUE UN APPROCCIO INTEGRATO, CON IL COINVOLGIMENTO DI MEDICI DI FAMIGLIA, OSPEDALI E ASSOCIAZIONI Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta ad alterazioni funzionali dell insulina, quell ormone prodotto dal pancreas che consente al glucosio l ingresso nelle cellule e di bruciarlo. Se questo processo viene alterato, il glucosio non é più consumato come fonte energetica ma si accumula nel sangue. Negli anni gli epidemiologi internazionali (il diabete assume sempre più i connotati di una pandemia) hanno addirittura corretto al rialzo le stime per il futuro. Se nel 2003 si attendevano 330 milioni di malati nel 2025 ha affermato Giulio Mariani, responsabile del Centro diabetologico dell ospedale San Carlo di Milano nel 2007 la previsione per il 2025 e salita a 380 milioni. In Lombardia sono 7 mila i diabetici con meno di 30 anni, duemila dei quali sono under 18. Sessantamila diabetici solo in Lombardia, di cui in terapia con insulina, con compresse ipoglicemizzanti e 5 mila con insulina e pillole, il 25% soffre di problemi al cuore, il 24% di complicanze agli occhi, il 20% ai reni, altrettanti hanno alterazioni neurologiche periferiche e il 10% circolazione difettosa agli arti inferiori. In occasione della Giornata Mondiale del diabete, si prende in esame il caso Lombardia, dove l assessore alla Sanita, Luciano Bresciani, ha presentato un programma che punta alla prevenzione, prevedendo in Lombardia una serie di visite gratuite per la prevenzione del diabete. SONO INTERVENUTI Dott. CARLO LUCCHINA Direttore Generale Sanità Regione Lombardia Dott. LUIGI SCIANGULA Presidente AMD Lombardia Dott. OVIDIO BRIGNOLI Vicepresidente SIMG Lombardia Dott. PIERMARCO PIATTI Rappresentante SID Lombardia REALIZZATO IL 14 NOVEMBRE 2011 Sig.ra TAMARA GRILLI Rappresentante FAND Associazione Italiana Diabetici Realizzato con il supporto non condizionato di ELI LILLY ITALIA SPA 8

9 9

10 3.Chirurgia, professione in crisi. Formazione, rischi, burocrazia condizionano presente e futuro NESSUNO VUOLE PIÙ FARE IL CHIRURGO. TROPPI PAZIENTI SI RIVOLGONO ALLA MAGISTRATURA Da un lato apparecchiature sempre più sofisticate in sala operatoria, dall altro sempre meno chirurghi. In Italia sono 40mila, sottoposti ad un pressing sconvolgente che potrebbe portare all abbandono della chirurgia dei nuovi studenti e che già registra un significativo trasferimento di competenze professionali da settori tradizionali come la chirurgia a settori innovativi. Altro grande deterrente è l aumento delle denunce nei confronti dei chirurghi. Secondo il Tribunale del malato, dopo ostetricia e ginecologia, è la chirurgia l area che finisce più spesso nelle aule di Tribunale. Quello che un chirurgo può azzardare per il bene del paziente. Oggi spesso si evita per timore di conseguenze legali. Notizie confortanti giungono però dal campo dell innovazione tecnologica a supporto della professione di chirurgo. Da dispositivi che consentono di eseguire interventi chirurgici senza perdite di sangue, azzerando il rischio di emorragie e la necessità di trasfusioni a robot controllati a distanza dal chirurgo per operare su aree minuscole del corpo, come un arteria di un millimetro di diametro, a chip da posizionare sotto pelle per fare diagnosi, a nano particelle che traghettano farmaci ed esplodono all interno di un tumore per distruggerlo, fino ai laser usati al posto del bisturi per riparare una singola cellula o una parte di essa. Il segno evidente della chirurgia che evolve e come tutti i cambiamenti, con aspetti positivi e negativi. SONO INTERVENUTI REALIZZATO IL 04 OTTOBRE 2011 On.FERRUCCIO FAZIO Ministro della Salute Prof. ANGELO DI GIORGIO Ordinario Chirurgia Università degli Studi La Sapienza Prof. RoDOLFO PROIETTI Ordinario Anestesia e Rianimazione Università Cattolica del Sacro Cuore Realizzato con il supporto non condizionato di RAND SRL 10

11 11

12 4. La prevenzione dei tumori. Stile di vita e alimentazione per giocare d anticipo LA PREVENZIONE RIDUCE I DECESSI PIU DELLA MEDICINA E COMINCIA A TAVOLA La prevenzione fa più delle medicine nella lotta contro il cancro. Ne è convinto Umberto Veronesi, direttore scientifico dell'istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano. Il primo luogo nel quale fare prevenzione, secondo Veronesi, è la tavola, perché l'alimentazione è responsabile del maggior numero di neoplasie nel mondo, superando anche il fumo. Numeri alla mano, l'oncologo ha spiegato che a innescare il tumore sono nel 35% dei casi le cattive abitudini alimentari; seguono il tabacco (30%), le infezioni virali (10%), i fattori riproduttivi (7%), l'attività lavorativa e l'inquinamento (4%). "Ciò di cui ci nutriamo - ha sottolineato Veronesi, parlando agli studenti - è un elemento fondamentale per la nostra vita. Alimentarsi vuol dire scegliere e questa scelta può essere importantissima per preservarci da diverse malattie, a partire dai tumori. Il 35% di questi - ha ribadito - è dovuto a ciò che mangiamo, che può agire indisturbato sui nostri organi". A sostegno della sua tesi, Veronesi ha affermato, ad esempio, che il tumore al colon è molto è raro nei Paesi dove non si mangia carne, al contrario di quelli in cui raramente la carne manca a tavola. Frutta e verdura, al contrario, sono alimenti protettivi. Più alto è il loro consumo - ha ricordato Veronesi - più diminuisce il rischio di insorgenza di un tumore perché in essi è presente un'armata di molecole antitumorali. REALIZZATO IL 06 LUGLIO 2011 E INTERVENUTO Dott. UMBERTO VERONESI Direttore Scientifico Istituto Europeo di Oncologia 12

13 Abbiamo parlato di > prevenzione,il segreto è nello stile di vita Giocare d anticipo deve essere il nostro atteggiamento, piuttosto che curare come una volta i tumori quando si manifestavano. Lo stile di vita deve esser tale da proteggere le persone. Il tema della prevenzione non è facile per tutte le malattie, ancora di più con i tumori. > alimentazione e stato di salute L alimentazione è stato uno dei più grandi problemi dell uomo, capire cioè gli elementi capaci di nutrire l uomo e farlo vivere in modo accettabile. Duecentomila anni fa finalmente l uomo ha capito che cuocendo gli alimenti, essi diventano più facilmente commestibili. Diecimila anni fa invece la scoperta dell agricoltura. La parte ultima dell alimentazione è da ottanta anni a questa parte l industrializzazione del cibo. Con il passare dei millenni si sono introdotte le tecniche di conservazione che hanno permesso di avere le scorte di cibo per sopperire i momenti di carenza dell agricoltura. Dunque, è da sempre che l uomo si è preoccupato di capire quanto e come gli alimenti incidessero sulla salute. Facciamo un importante differenza tra alimentazione e nutrizione. L alimentazione è un atto cosciente. La nutrizione non è una scelta ma un processo autonomo > frutta e verdura, un maggiore consumo per ridurre il rischio di tumori e infarto Le popolazioni che digiunano o mangiano pochissimo manifestano una presenza decisamente inferiore dello sviluppo di tumori rispetto al resto del mondo. Dunque, l alimentazione è ai primi posti tra i fattori di rischio dei tumori (35% alimentazione, accanto al 20% infezioni, 30% infine fumo rappresentano i tre fattori incidenti). La dieta mediterranea, il consumo di frutta e verdura sono, come dimostrano gli studi fatti nel mondo, fattori protettivi: riducono il rischio di infarto, così come il vino, sempre in quantità ridotte. Nel caso del vino,il merito lo si deve al resveratrolo, che è la sostanza che protegge i chicchi d uva dai funghi, la stessa sostanza che protegge le nostre cellule. Sarebbe opportuno, in merito al vino, che le etichette mostrassero la percentuale di resveratrolo contenuto accanto all indicazione dell origine protetta o dell area. Gli agrumi contengono ad esempio il limoneme,altro elemento protettore delle cellule. La fragola contiene acido ellagico, protettore dei tumori intestinali. Un grande studio in corso tende a dimostrare che il consumo del the verde protegge dai tumori al seno.proibite le carni rosse nella piramide dei modelli alimentari da seguire. < UMBERTO VERONESI> 13

14 14

15 5. Sterili ma non di emozioni. Cure più umane per le coppie della procreazione medicalmente assistita COSTANO CARI I FIGLI IN PROVETTA. NON SOLO SUL PIANO ECONOMICO MA SOPRATTUTTO PSICOLOGICO L attesa di un figlio, che sia avviata in modo naturale o ricorrendo all aiuto del medico (PMA), è certamente un momento particolare nella vita di una donna. In Italia le stime parlano di circa coppie non fertili, che vuol dire tra il 10 e il 20% di quelle che intendono avviare un progetto genitoriale. E si segnala un costante aumento del loro numero. Molti sostengono che la causa principale sia da ricercare nel cambiamento delle priorità personali e di fattori sociali che hanno portato ad un aumento dell età in cui le coppie si accingono a metter su famiglia. Oggi l ulteriore miglioramento negli studi della fecondazione assistita ha portato alla nascita di decine di metodologie diverse. Tuttavia il 78% delle coppie sterili non arrivano ai trattamenti di procreazione medicalmente assistita e il 50% di coloro che intraprendono le cure le interrompono ancor prima di verificarne l esito. È uno dei dati più interessanti emersi dalla più vasta indagine mondiale finalizzata alla comprensione dei meccanismi che condizionano o impediscono la ricerca di un aiuto medico. Allo studio hanno partecipato 10 mila coppie con problemi di concepimento provenienti da 18 Paesi, tra cui l Italia. REALIZZATO IL 24 MAGGIO 2011 SONO INTERVENUTI On. EUGENIA ROCCELLA Sottosegretario Ministero della Salute Dott. ERMANNO GRECO Responsabile Centro European Hospital Dott.ssa FILOMENA GALLO Presidente Associazione Amica Cicogna Realizzato con il supporto non condizionato di Ferring 15

16 16

17 Abbiamo parlato di >.Legge 40 Prima di tutto voglio spezzare una lancia a favore della completezza dei dati italiani sulla PMA. Sono molto più accurati di quelli forniti da altre nazioni europee; sono raccolti con estrema cura e sono più dettagliati. La legge 40 del 2004 è una buona legge, e finalmente lo stanno riconoscendo un po tutti. E anche in questo caso basta raffrontarsi con gli altri Paesi europei per rendersene conto. Sono numerose le nazioni che stanno rivedendo la loro legislazione in materia. Stanno riconsiderando alcuni elementi delle loro normative sicuramente più liberali della nostra, in quanto si stanno rendendo conto delle ricadute sociali e mediche di alcune scelte. Mi riferisco alla permissività di alcune tecniche come quella eterologa e la relativa compravendita degli ovociti. Esistono associazioni che lottano contro questo fenomeno di compravendita che coinvolge spesso donne povere. Le scelte politiche sono determinati: riguardo alla donazione del seme maschile, nei Paesi in cui si è deciso di rimuovere l anonimato del donatore c è stato un crollo drastico delle donazioni. Le normative devono tenere conto di molti diritti in gioco: è stato dimostrato che in Svezia l estremo ricorso all eterologa aumenta le rotture dei matrimoni. Ciò avviene perché c è una disparità psicologica. Rispetto a qualche anno fa, oggi le riflessioni sulla PMA sono più caute. In Italia la legge funziona: le nascite sono raddoppiate nel giro di pochi anni. Quello a cui vogliamo arrivare adesso è l umanizzazione, che si ottiene attraverso la trasparenza, attraverso l informazione chiara e accessibile. Da parte della donna ci deve essere consapevolezza. Vero è che la questione riguarda la coppia, ma innegabilmente le donne hanno un rapporto con la maternità diverso.. < EUGENIA ROCCELLA> Innanzitutto, le coppie nel momento in cui scoprono di avere un problema, che non riescono a concepire un bambino devono già elaborare, affrontare quel problema che hanno scoperto. Non c è la cultura della prevenzione purtroppo in Italia, si pensa di avere un bambino appena ci si prova, poi passa qualche mese, passa qualche anno e allora si inizia a fare un percorso tramite i medici. Sicuramente adesso le coppie tramite il Registro Nazionale sulla Fecondazione Assistita, hanno un quadro più completo in Italia: sanno chi fa cosa e dove. Cioè i centri autorizzati quali sono. C è una panoramica molto completa Questa è una parte della legge 40 che abbiamo tutti salutato come benvenuta e approvato sin dall inizio. E prevede, appunto, un registro nazionale che fornisce trasparenza, già collegandosi al sito si vede questa mappatura dell Italia dove c è una divisione per regioni. I centri, che tecniche possono applicare, per che cosa sono autorizzati: quali sono i pubblici quali sono i privati. Quindi già una prima informazione in modo chiara e questa è una cosa importante Ci sono centri che possono applicare tecniche più semplici e altri invece più complesse. Sono divisi per livello. Purtroppo la coppia appena scopre di avere un problema inizia a documentarsi su internet, inizia a vedere qual è la normativa vigente e grazie al Registro oggi riesce a sapere quali sono i centri autorizzati in Italia e quali 17

18 sono le tecniche che questi centri possono applicare, qual è il livello per cui sono stati autorizzati. Poi però inizia un altro tipo di percorso, giacché abbiamo una sanità divisa per regioni dove c è un accesso diverso a secondo della regione dove tu vivi, quindi In questi anni abbiamo sentito parlare di turismo verso l estero per l applicazione di tecniche che sono vietate in Italia. Però c è anche una migrazione di pazienti tra regione e regione Noi oggi abbiamo una legge sicuramente migliore scientificamente, dove il medico, con il consenso del paziente nel rispetto della legge stessa, opera le opportune scelte in campo terapeutico nell ambito della fecondazione assistita. Tenendo presente qual è l obiettivo da raggiungere: una gravidanza e tenendo presente la tutela della salute della donna e del concepito. Oggi vanno all estero solo le coppie che devono, possono accedere alla fecondazione assistita, parlo delle coppie sterili che non hanno gameti. Ma per avere una possibilità di gravidanza dovrebbero avere l applicazione dell unica tecnica che risulta vietata dalla legge 40 che è l eterologa. Insomma, credo che nell ultimo anno, e i medici presenti me lo potranno confermare, si è ridotto questo afflusso dei pazienti all estero grazie a un interpretazione, un intervento della corte costituzionale sulla legge 40 che l ha resa scientificamente e giuridicamente più applicabile. <FILOMENA GALLO> >.drop out Il drop out, ovvero la scelta di interrompere i trattamenti della fecondazione assistita, non è legato solo all aspetto strettamente medico della cura. La condizione fondamentale di un centro di fecondazione in vitro riguarda anche il personale, l organizzazione, i tempi di attesa, oltre all approccio del medico ovviamente. Secondo le ricerche effettuate per valutare il livello di soddisfacimento di chi si affida alle terapie presso il nostro centro, i fattori determinati possono essere elencati. In primis il medico non deve porsi in maniera saccente, è inutile sciorinare sterili dati; deve essere semmai amichevole e coinvolgere la coppia nelle scelte. Anche i tempi di attesa sono determinati sull esito della terapia: non devono essere estenuanti. Altro elemento critico è un supporto informativo sempre accessibile, e il medico deve essere sempre reperibile. Il supporto psicologico è poi la parte più delicata. La legge 40 ha introdotto giustamente la figura obbligatoria dello psicologo nei centri di fecondazione assistita. Ma la questione è: quando deve intervenire? Sebbene sia una figura obbligatoria, solo nel 25 % dei casi i pazienti si rivolgono ad essa. Noi non possiamo costringere il paziente in questa sua scelta facoltativa. In caso di fallimento terapeutico, il medico deve essere sempre disponibile per analizzare il quadro clinico. La percentuale di abbandono è del 25% nel nostro centro, ossia coppie che decidono di non ripetere il trattamento. Bisogna ascoltare il paziente, che troppo spesso lamenta il fatto di non essere seguito e ascoltato. Le coppie dichiarano spesso di essersi sentite come inserite in una catena di montaggio. Dovrebbero essere trattati come pazienti e non come clienti... <ERMANNO GRECO> 18

19 6. Omeopatia: tra vincoli di legge e pregiudizi 8 milioni di italiani usano medicine naturali e 20 mila medici le prescrivono, questi i dati di un settore ancora privo di regolamentazione legislativa. Si attende da circa tre anni l applicazione della nuova Direttiva Europea sui Farmaci, che stabilisce regole anche per il settore omeopatico. La legislazione italiana, unica in Europa, non consente infatti l etichettatura dei medicinali omeopatici, né permette di aprire nuove linee di prodotto, con la conseguenza da un alto, di impedire alle imprese di fare investimenti e creare occupazione; dall altro, di impedire alla popolazione di rivolgersi alla medicina omeopatica in totale sicurezza e pienamente informata. Il nuovo allarme oggi, alla luce del documento OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che, pur senza fare riferimento alle questioni sull efficacia e sull utilizzo clinico, decreta l ingresso dell omeopatia tra le medicine tradizionali e ne raccomanda l integrazione nell ambito delle cure primarie, è il rischio crescente, in un Paese con pochi ambulatori di Mnc (Medicina non convenzionale) e tanti costosi laboratori privati, di una procedura d'infrazione UE che può peggiorarne il quadro. R E L A T O R I On. FERRUCCIO FAZIO Ministro della Salute Prof. ALBERTO UGAZIO Presidente Società Italiana di Pediatria Dott.ssa ANNA ROSA MARRA AIFA- Agenzia Italiana del Farmaco Dott. FAUSTO PANNI Presidente Omeoimprese REALIZZATO IL 29 MARZO 2011 Realizzato con il supporto non condizionato di Omeoimprese 19

20 20

21 Abbiamo parlato di > test di tossicità per i farmaci omeopatici e nuova classe nel prontuario denominata O Io sono sempre stato molto scettico nei confronti della medicina complementare. Le definisco complementari e non alternative, volutamente (che sia l omeopatia, piuttosto che l agopuntura), perché non hanno studi clinici controllati alla base. Ma l attuale posizione del mio Ministero è quello di garantire l efficacia della cura. Vogliamo mettere in sicurezza anche i farmaci omeopatici, creando insieme all'aifa una classe di registrazione (classe O, non a carico dell'ssn) così come previsto da una direttiva europea che abbiamo già recepito. Una classe che garantisca innanzitutto la tutela e la totale sicurezza che si deve realizzare sia con studi tossicologici adeguati - ha sottolineato - sia con informazioni che sono apposte sulla scatola (perché questi prodotti non possono avere bugiardino per legge), dove venga indicato con chiarezza che si tratta di medicinali che non hanno indicazione particolare, ma soprattutto perché non ci sono stati studi controllati alla base. Per i farmaci omeopatici sarebbe il tempo di effettuare sperimentazioni, perlomeno quelle di tossicità. Anche la modalità con cui vengono presentate le confezioni dei farmaci omeopatici ha la sua importanza. Servono regole chiare: personalmente mi sentirei più tranquillo se ogni tanto qualche produttore di medicina omeopatica proponesse di fare uno studio scientifico così come è successo con l'agopuntura, per la quale sono stati realizzati studi controllati. È un po sospetto il fatto che si gridi ai quattro venti che questi farmaci funzionino, ma poi non si proponga mai di fare dei test scientifici. Intendiamo andare a mettere regole che andrebbero tra l'altro a proteggere anche il settore più serio delle imprese produttrici. Per cultura ho una posizione scientifica e quindi contraria a ciò che non ha una dimostrazione basata sull'evidenza. Resta il fatto che i prodotti omeopatici sono utilizzati da una notevole quantità di persone nel nostro Paese e di questo non si può non tenere conto. Sicuramente è vero che spesso l uso eccessivo di medicine convenzionali può essere deleterio per il paziente. In questi casi il medico illuminato che decide di somministrare placebo o medicine omeopatiche piuttosto che un sovradosaggio di principi attivi, fa la cosa giusta. Il punto fermo e riconosciuto da tutti, dovrebbe essere che le patologie gravi possono essere curate esclusivamente con medicine convenzionali, e non far passare l idea che le medicine complementare come l omeopatia possano sostituire in toto le cure convenzionali". <Ferruccio Fazio, Ministro della Salute> > pediatria e omeopatia Abbiamo dato vita a un gruppo di tutor per studiare le medicine complementari e quelle omeopatiche in particolare. Ci rendiamo conto che si tratta di un problema molto diffuso. Le statistiche partono dal Da uno studio condotto in Piemonte, Lombardia e Emilia Romagna, risulta che circa al 46% dei bambini vengono somministrati prodotti omeopatici. Un terzo di questi sono sotto l'anno di età, e la maggioranza li usa su consiglio del medico. Di questo 46% che usa le medicine complementari, il 70 per cento utilizza prodotti omeopatici. Per questo l'omeopatia è una questione che riguarda da vicino il mondo pediatrico. Questi dati sottolineano 21

22 l'importanza di avere nozioni chiare sulla tossicità di questi prodotti, proprio perché i bambini nella fascia dell anno di vita sono particolarmente vulnerabili agli effetti nocivi. Altro dato: il 30% dei bambini usufruisce delle medicine omeopatica per curare patologie otorinolaringoiatriche. L omeopatia è un problema pediatrico molto importante, ma è bene non confondere l omeopatia con altre tipologie di medicine complementari. Mi viene in mente la herbal therapy, che può essere molto pericolosa. Spesso abbiamo ricoveri gravi di bambini vittime di intossicazioni a causa di queste terapie non ben regolamentate. < Alberto Ugazio, Presidente della Società di Pediatria > > la resistenza dei comitati etici contro la sperimentazione L omeopatia nasce duecento anni fa. È una medicina giovane che non ha mai giovato di grandi impulsi industriali, perché basata su sostanze naturali. Sulla medicina omeopatica nessuno ha mai fatto un investimento sulle potenzialità dei prodotti. E non è vero che non ci sono studi clinici in materia; il problema è che non sono paragonabili a quelli allopatici. Semmai, c'e' una certa resistenza dei comitati etici degli ospedali alla sperimentazione. In Lombardia ci sono stati trenta studi osservazionali che non sono andati avanti per questo motivo. Parliamo di uno standby durato anche cinque o sei anni. Ci sono sempre più italiani che si curano con l'omeopatia: 11 milioni ne fanno uso, quando solo 10 anni fa erano 6 milioni. < Fausto Panni, Presidente di Omeoimprese > 22

23 7. La chirurgia estetica fra limiti e tentazioni SEMPRE PIÙ SPESSO UOMINI E DONNE RICORRONO AD INTERVENTI ESTETICI PER ATTENUARE PICCOLE IMPERFEZIONI O FERMARE I SEGNI IL TEMPO. IL BOTULINO È DAVVERO UN ALLEATO? Che cosa è e come funzione il Botulino? Il botulino viene prodotto in laboratorio dal batterio Clostridium Botulinum e ha un'azione specifica di blocco del rilascio dell'acetilcolina a livello delle giunzioni tra nervi e muscoli striati (placche neuromuscolari). L'acetilcolina è la sostanza che viene rilasciata dal nervo motore per trasmettere al muscolo lo stimolo per la contrazione. L'effetto che ne deriva è l'indebolimento del muscolo nel quale la sostanza viene iniettata. Questa azione viene usata ormai da molti anni in diversi campi della medicina. Ma si parla anche di lifting non chirurgico mediante il Botulino. Si tratta di un azione avanzata molto interessante che sta diventando sempre più utilizzata dagli operatori esperti. R E L A T O R I REALIZZATO IL 7 OTTOBRE 2009 On. FRANCESCA MARTINI Sottosegretario al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Prof. PIETRO LORENZETTI Direttore Scientifico e Direttore del Reparto di Chirurgia Estetica del Villa Borghese Institute Dott. FABRIZIO AMATO Consulente medico-legale 23

24 24

25 Abbiamo parlato di > garantire e far conoscere la qualità dei dispositivi utilizzati nella chirurgia estetica. Qualsiasi intervento che sia il filler, che sia addirittura un intervento di chirurgia estetica è un atto medico. Non è assolutamente un gioco, non è assolutamente un qualcosa che non lascia segni. Partendo da questo presupposto, risulta irrinunciabile il fatto di estendere quelle garanzie che sono effettuate nei confronti di qualsiasi atto medico per chi decide di sottoporsi a questo tipo di intervento. Io non sono contraria alla chirurgia estetica, però credo ci debba essere una piena conoscenza che anche la chirurgia estetica è connotata dal rischio clinico che connota qualsiasi atto medico. Quindi non va assolutamente affrontata senza informazione, senza senso di responsabilità e senza un dialogo fattivo con il medico a cui ci si rivolge. Partendo da questo presupposto, abbiamo fatto delle indagini che ci hanno portato soprattutto per quello che riguarda le protesi mammarie ad un intenso lavoro con tutte le società scientifiche, che ha portato alla stesura di un testo che guarda alla necessità assoluta della costituzione nel nostro Paese di un registro per il momento per le protesi mammarie. Oggi, non è detto che colui che vi propone un intervento di chirurgia estetica, sia un chirurgo estetico, un chirurgo cioè che abbia un percorso post-laurea, quindi una specializzazione in chirurgia plastica estetica ricostruttiva. La normativa vigente non presuppone il vincolo ad offrire determinati interventi soltanto a coloro che sono specializzati in questa materia. Per questo è molto importante prima di tutto- se si prende una decisione di questo tipo, avere la consapevolezza di chi è il nostro interlocutore non soltanto per quanto riguarda i luoghi dove l intervento avviene ma avere cognizione della qualità del dispositivo medico utilizzato. Credo che - per tutto quello che avviene all interno della medicina - il ministero non si possa esentare da collaborare con coloro che seriamente lavorano su questo tema e devo dire che in questo senso - ho avuto grande sostegno dalla classe medica. Le persone serie che hanno voglia di lavorare sono tante ma purtroppo c è anche un settore inquinato da situazioni che sono come minimo raccapriccianti. Ne cito soltanto una: la non tracciabilità dei dispositivi medici iniettati o inseriti. Medici che non consegnano lebel, l etichetta apposta su questi dispositivi, donne e uomini che si rivolgono ad un secondo specialista senza sapere e senza aiutare l anamnesi, fino ad arrivare ad internet e a pubblicità fuorvianti. Va tutto ricentrato su un piano di equilibrio non negando l aspettativa della paziente e riconducendo l intervento sulla giusta collocazione di un atto medico a tutti i livelli, di un intervento che coinvolge il rischio clinico e sul dovere delle Istituzioni di coadiuvare i professionisti seri a trovare punti di riferimento normativi in grado di escludere da questo mercato chi serio non è. <Francesca MARTINI> > regolamentazione, accreditamento e autorevolezza dei centri 25

26 La verità è che, ancora oggi, non solo in passato, c è chi infiltra di tutto ( ). Il problema è che, oggi, in Italia, non solo chi abbia fatto un altro lavoro ma anche chi sia laureato e abbia l abilitazione all ordine dei medici da un giorno può alzarsi una mattina e dire che fa la punturina ( ). Se una persona deve farsi un intervento chirurgico al fegato, all intestino, va in una struttura pubblica o privata di grande livello, in questo altro campo i percorsi dei pazienti sono molti strani. Quello che succede è che i pazienti vengano trattati da persone che non hanno competenza. La soluzione sarebbe una regolamentazione a monte ( ). Noi chirurghi plastici stiamo diventando una minoranza perché tutti possono fare tutto. Ci sono protesi di grande qualità, filler di eccellenti qualità, pochissimi, tutto il resto non andrebbe utilizzato. Inoltre succede che l utilizzo di un materiale scadente, il paziente lo viene a sapere, se lo viene a sapere, quando compaiono i problemi. Se parte l idea del concetto del registro delle protesi, avremo molto presto la possibilità di poter dire che le protesi a - b - c funzionano perché a distanza di 7-8 anni cambiate hanno certe condizioni oppure se sono protesi scadenti nonostante tutti i marchi Ce. Ci sono pochissime aziende di alta qualità e poi c è un mare magnum come nei filler ( ). Negli Stati Uniti da un punto di vista medico- legale c è una responsabilità ben diversa, cosa che da noi non esiste. Tutto questo è legato a un altro discorso fondamentale: tutte queste cose vanno fatte in posti qualificati, non si possono fare ne nei sottoscala ne negli ambulatori, ne nei centri estetici. Il problema è che per fare certe cose, mantenere certi standard qualitativi, bisogna purtroppo mantenere anche un certo tipo di costo. Sarò molto drastico ma penso che le protesi plastiche mammarie andrebbero impiantate dai chirurghi plastici e se vogliamo estendere ai chirurghi generali punto. A questo si aggiunge l obbligo assoluto di farle in strutture di un certo tipo perché se no subisci dei danni reali. A parte due o tre aziende che fanno un discorso di fatturazione reale dei materiali il resto è un sottobosco infinito ( ). Io credo che noiclasse medica specialisti- e governo, dovremmo fare qualcosa per tutelare e garantire i pazienti al 100%. Se su alcuni interventi di materiale protesico ci sono costi che sono ridicoli, irrisori, ci sono tre cose: o c è uno che non sa operare o c è una struttura non a livello o si sta impiantando un materiale scadente, non può essere altrimenti. <Pietro LORENZETTI> Tutto quello che abbiamo detto, sia io che lei, può essere riassunto in un solo concetto: la tracciabilità. Tracciabilità che riguarda da una parte l intervento, quindi chi lo esegue, quando e dove lo esegue, e dall altro i dispositivi medici utilizzati ( ). Questa tracciabilità deve assolutamente, necessariamente partire dall azienda produttrice. Mi sembra una cosa talmente ovvia e talmente importante che non possiamo lasciare un buco nero normativo in questa materia e soprattutto non possiamo far si che i cittadini che decidono di utilizzare la chirurgia estetica siano e si sentano, di fatto, realmente soli perché sono nelle mani del medico a cui si rivolgono. <Francesca MARTINI> > rintracciabilità, consenso informato e importanza del rapporto medico paziente 26

27 E fondamentale che si crei un tipo di rapporto reciproco di scambio di notizie sia per quanto riguarda l anamnesi come si diceva prima- sia per quanto riguarda anche l inquadramento del soggetto e quindi una scelta, una selezione del paziente se effettivamente è in grado di capire e comprendere quali siano gli effetti e i limiti dello stesso intervento ma dalla parte del chirurgo dovrà essere fondamentale una informazione esplicita e ampia su tutto quello che comporta quel tipo di intervento, vale a dire i limiti prima di tutto, non promettere cose che non si possono realizzare, ricordando che siamo in un campo medico dove non vi è certezza di nulla. Lo stesso intervento fatto su due persone diverse può avere risultati completamente diversi. Ed è per questo - quindi - che fondamentale assume il ruolo del consenso e dell informazione anche su che cosa viene proposto, sia come tipo di intervento sia come materiale di cui deve esserci rintracciabilità. La mancanza di informazione è sicuramente l elemento più ricorrente nei contenziosi. Molto spesso il paziente si ritrova ad avere delle complicanze o addirittura semplicemente dell insuccesso rispetto a ciò che si era prefissato di ottenere che poi sfocia in un contenzioso. Ed è per questo che secondo me- nella chirurgia estetica non si dovrebbe promettere ciò che effettivamente non può essere realizzato. <Fabrizio AMATO> Una cosa interessante che ho sentito anche prima, è che vada recuperato fortemente, nella nostra attività, il rapporto medico paziente. La maggior parte dei problemi nascono per la non chiarezza ( ). Oggi abbiamo l obbligo di dare qualcosa di più e questo nasce da un rapporto estremamente chiaro tra il paziente e il chirurgo che deve spiegare esattamente i pro e i contro. Se noi teniamo un rapporto stretto con il nostro paziente, se noi riusciamo a parlarci, a farli riflettere una buona parte dei problemi sono risolti. <Pietro LORENZETTI> 27

28 8. Torna il Ministero della Salute: vecchi problemi e nuove prospettive Il ritorno del Ministero della Salute ha portato in primo piano una serie di questioni di rilevanza sociale, politica ed economica. Il Viceministro Ferruccio Fazio risponde ai temi di strettissima attualità su: influenza e pandemia, federalismo sanitario, riorganizzazione del territorio, nuovo Patto della Salute, farmaci innovativi e tutte le questioni d interesse del pubblico in sala. R E L A T O R I REALIZZATO IL 14 LUGLIO 2009 FERRUCCIO FAZIO Vice Ministro del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Realizzato con il supporto non condizionato di NEUROMED - ISTITUTO NEUROLOGICO MEDITERRANEO 28

29 29

30 Abbiamo parlato di > l influenza di tipo A e la pandemia. Se noi non avessimo misure di contenimento, noi avremmo da qui al trenta di marzo 13 milioni di contagiati, e poi con la pandemia che prosegue. Con le misure di contenimento in atto che sono: gli antivirali, l ospedalizzazione, le misure di contenimento arriviamo a 9 milioni. Se invece vacciniamo quando arriveranno i vaccini anche per i giovani in età scolare e questo a gennaio avremo tre quattro milioni, ma poi a marzo si dovrebbe fermare. > le cure primarie, i nuovi modelli di riorganizzazione del pronto soccorso e dell assistenza territoriale. Abbiamo creato questa iniziativa cosiddetta H24 - che sono associazioni di medici (sia fisiche, come le ex case della salute, e sia virtuali collegate in rete). Sono a disposizione delle Regioni dei fondi per dei progetti atti a diagnosticare proprio sul territorio e quindi decomprimere potenzialmente il pronto soccorso. Ci risulta che più di metà delle Regioni già si stanno attrezzando per questo ed hanno fatto richiesta, il 70% del finanziamento viene dato subito il resto al consuntivo. > la ricerca. Diciamo quali sono i fattori di innovazione del bando 2009 della ricerca sanitaria del Ministero: prima cosa, i meccanismi di peer review gestiti dall NIH americano per garantire la trasparenza; il secondo punto è che c è un unica lista di qualità di scienza per ripartire i finanziamenti. L altro elemento importante è il rapporto con il MIUR che stiamo costruendo e con cui abbiamo un ottimo colloquio e potrebbe anche darsi che da quest anno ci sia un bando unico. Ed in ultimo la cosa che mi da più soddisfazione è che abbiamo concluso un accordo con gli Assessori e la Commissione salute per cui ci sarà un cofinanziamento da parte delle Regioni. E la prima volta che viene istituzionalizzata la ricerca nel Sevizio Sanitario Nazionale. > i nuovi LEA e le malattie rare. Il decreto sui Lea è alla mia firma, potrebbe essere firmato anche la settimana prossima oppure potrebbe esserci un altro passaggio politico. Mi auguro che vada avanti perché venga consegnato alla Conferenza Stato-Regioni. Nei Lea è compreso l elenco di malattie rare aggiuntive ( ) La soluzione definitiva dei problemi è il disegno di legge- C è stato un confronto tra la senatrice Laura Bianconi e le Regioni.. Alcune Regioni, in particolare il Veneto, ha spinto in modo importante per estendere ulteriormente il numero di malattie rare da includere. Temo che questo vada a scontrarsi col parere negativo del MEF.Temo che tutto venga bloccato. Se è così, il mio suggerimento è di cominciare da un decreto quadro sulle malattie rare e poi di andare a definire nel tempo gli interventi. E si tenta l altra strada temo ci possano essere dei problemi di percorso nei quali il ministero che rappresento non può intervenire. <Ferruccio FAZIO> 30

31 9. Piani di rientro, Regioni ad un bivio I RIPIANI REGIONALI RAPPRESENTANO OGGI UN TEMA DI GRANDE ATTUALITÀ. DOPO LAZIO E ABRUZZO, ALMENO ALTRE DUE REGIONI POTREBBERO ESSERE COMMISSARIATE. Il disavanzo nei bilanci delle Regioni, che riguarda in gran parte il capitolo sanità, non potrà più essere colmato dallo Stato, ma spetterà agli enti locali trovare i soldi per ripianarlo. Per garantire l equilibrio di bilancio, le Regioni hanno a disposizione tre strumenti principali: il controllo della spesa sanitaria, l aumento delle entrate tributarie, attraverso i ticket e la maggiorazione dell Irap e dell addizionale Irpef, e le risorse stornate da altri capitoli del bilancio regionale. Possono operare, dunque, dal lato della spesa, delle entrate fiscali o di entrambi. Oppure da nessun lato, lasciando lievitare il deficit. R E L A T O R I MAURIZIO SACCONI Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ALDO ANCONA Regione Toscana MASSIMO RUSSO Assessore alla Sanità Regione Sicilia REALIZZATO IL 19 MAGGIO 2009 FULVIO MOIRANO Direttore AGENAS (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Realizzato con il supporto non condizionato di CELGENE ELI LILLY ITALIA PFIZER ITALIA 31

32 32

33 Abbiamo parlato di > il disavanzo, i piani di rientro e il federalismo fiscale. siamo nella fase di delicata di valutazione di questo sistema dei piani di rientro. Ed è importante capire se funzionerà, perché quello dei piani di rientro costituirà il presupposto per il federalismo fiscale. In qualche modo il piano di rientro prefigura il federalismo fiscale, del quale la sanità è tantissima parte, perché mediamente è l 83% della spesa corrente delle Regioni. Attualmente abbiamo due situazioni diverse: quella della Calabria è molto atipica, dove i conti vengono tramandati per via orale. Il paradosso è che fino ad ora c è stato un commissariamento ai sensi della Protezione Civile essendosi riscontrate condizioni vere e proprie di emergenza in materia di salute pubblica non garantita però non si è innescato il meccanismo virtuoso, perché paradossalmente manca la contabilità. Entro la fine di maggio la Regione deve darci delle soluzioni. Nel caso delle Regioni Sicilia, Campania e Molise è stato dato un termine ulteriore che scade il 30 giugno entro il quale queste Regioni devono produrre atti utili a valutare se davvero si sia prodotto l azzeramento del disavanzo. <Maurizio SACCONI> Non mi sembra che i piani di rientro dal punto di vista del deficit strutturale abbiano risolto il problema. Occorre che il fronte delle Regioni sia unito e che ci siano la volontà e voglia di collaborare. Io invece vedo il rischio soprattutto nelle vicende di questi ultimi due anni che ci sia una profonda spaccatura nel mondo delle Regioni: un gruppo autonome, virtuose che esprimono capacità di governo, e metà del Paese che è un protettorato del potere centrale. <Aldo ANCONA> > il caso virtuoso della Sicilia. abbiamo applicato l unica politica possibile, quella dell articolo 32 della Costituzione. Contenimento del deficit, riorganizzazione del sistema, riqualificazione del sistema <Massimo RUSSO> 33

34 10. Federalismo sanitario: è vera cura? QUALE SARÀ IL FUTURO DELLA SANITÀ IN ITALIA, ALLA LUCE DELLA DECISA SVOLTA VERSO IL FEDERALISMO INTRAPRESA DALL ATTUALE GOVERNO? Con l avvento del federalismo, cambieranno soprattutto alcuni aspetti istituzionali, in particolare i rapporti e la distribuzione di compiti, risorse e responsabilità, fra tre diversi soggetti: la regione, le ASL, le autonomie locali. Si passerà da una situazione precedente (pre-devolution), in cui la Regione era una presenza leggera, ad una situazione futura caratterizzata da una maggiore presenza dall alto e legislativa da parte della Regione stessa. Si dovrebbe rinvigorire il legame Regione autonomie locali, attualmente troppo allentato. Le ASL non dovranno essere pensate come entità isolate, sarà tuttavia necessario evitare che in Regione si adotti una politica dirigista in tutto e per tutto, destinata a perdere di vista le esigenze locali. Una soluzione volta a garantire il livello di assistenza sanitaria il più alto possibile ai cittadini italiani e, nel contempo, garantire lo sviluppo in termini di ricerca, di produzione ed occupazione di un settore industriale che contribuisce alla crescita economica, scientifica e culturale del nostro paese. REALIZZATO IL 7 APRILE 2009 S O N O I N T E R V E N U T I FERRUCCIO FAZIO SOTTOSEGRETARIO DI STATO AL LAVORO, ALLA SALUTE E ALLE POLITICHE SOCIALI LIONELLO COSENTINO MEMBRO DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULL EFFICACIA E L EFFICIENZA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALe PIERO MARRAZZO PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO FRANCESCO PERRONE DIRETTORE DELL'UNITÀ SPERIMENTAZIONI CLINICHE PRESSO L'ISTITUTO TUMORI PASCALE DI NAPOLI DIEGO VAIANO PROFESSORE DI DIRITTO AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DELLA TUSCIA Realizzato con il supporto non condizionato di CELGENE S.p.A 34

35 35

36 Abbiamo parlato di > divergenze e continuità tra le regioni Regioni del Nord, del Centro e del Sud Italia in materia di qualità del servizio sanitario > il federalismo come opportunità per le regioni virtuose e per quelle che sono sotto minaccia di commissariamento > i piani di rientro > i farmaci innovativi > importanza del controllo economico, ma anche e soprattutto qualitativo del Sistema Sanitario Nazionale > garantire il carattere uniforme dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza); > assicurare la disponibilità omogenea dei farmaci > il disavanzo > riorganizzare il sistema verso due medicine: quella del territorio e quella delle eccellenze.. 36

37 PROPOSTE ARGOMENTI EVENTI FUTURI 37

38 1. Prevenzione del rischio di errori da parte dei medici LA MESSA A REGIME DI UN SISTEMA DI VALUTAZIONE E DI CONTROLLO PUÒ LIMITARE I DANNI DELLA MALASANITÀ. La gestione dei rischi viene considerata un aspetto del sistema di qualità. Allo stato attuale è necessario valutare adeguatamente gli eventi dannosi che si verificano all interno delle Aziende sanitarie, al fine di migliorare i percorsi organizzativi e pervenire ad un adeguata e sistematica disamina medico-legale degli accadimenti. La prevenzione del rischio e la promozione della sicurezza nelle organizzazioni sanitarie necessitano di una cultura aperta, pronta a confrontarsi e a imparare dagli errori, disponibile a superare le divisioni organizzative e a condividere gli strumenti di analisi. Il rischio clinico deve integrarsi con la sicurezza degli ambienti di lavoro e dei lavoratori, nonché tenere conto degli aspetti economici indotti dal risarcimento dei danni e dalla reputazione negativa. 38

39 2. Quale futuro per le vaccinazioni GRANDI PASSI SONO STATI FATTI PER SCONFIGGERE MALATTIE MORTALI, TANTE ALTRE SONO IN FASE DI STUDIO E PROSSIME AL VACCINO. Le malattie scatenate dai virus, per i Paesi occidentali, non sembrano una grande preoccupazione. A parte il caso eclatante dell'aids o l'allarme scattato qualche anno fa per la Sars, la situazione sembra sotto controllo. Ma nei Pesi più poveri i virus continuano a sterminare la popolazione, e per combatterli abbiamo armi ormai piuttosto vecchie. Le biotecnologie, però, possono cambiare le cose. 39

40 3. Prematuri e latte artificiale IL PROBLEMA DELLA NUTRIZIONE PER I BAMBINI PREMATURI: PRO E CONTRO DEL LATTE ARTIFICIALE. Non è infrequente che un bambino nasca prematuro o fortemente sottopeso, come succede nei parti plurigemellari. Sono stati pertanto ricercati e prodotti latti artificiali capaci di promuovere un rapido accrescimento corporeo nei primissimi giorni di vita, in modo che questo ricalchi il ritmo di sviluppo del feto durante il terzo trimestre di gravidanza. Spesso l'apparato gastrointestinale di questi bambini non è pronto a ricevere il nutrimento, perché non ancora completamente sviluppato. E' stato quindi studiato un protocollo alimentare specifico, che tenga conto della progressiva maturazione di organi ed apparati. Suggerimenti, accorgimenti e valutazioni sulla corretta nutrizione dei più piccoli. 40

41 4. Donazioni di sangue e sangue sicuro UN ATTO DI GENEROSITÀ CHE TROVA SEMPRE PIÙ CONSENSO TRA I GIOVANI. In molti Paesi, come negli Usa e in Francia il sangue umano è ritenuto un bene economico, non disponibile in quantità illimitate e quindi soggetto alle leggi dei costi. La legge italiana sul Volontariato del sangue considera invece la donazione un atto volontario, periodico, non remunerato. Secondo i dati elaborati dall Istituto Superiore della Sanità, il 50% degli italiani, cioè 30 milioni, può donare il sangue. Tuttavia nella realtà solo il 2,5% della popolazione è donatore, contro una media europea del 4% ad eccezione dell Irlanda con il suo 7%. Da cui ne consegue il bisogno di importazione. Secondo i dati ministeriali, i donatori italiani appaiono in costante aumento con circa 100 mila in più negli ultimi 2 anni, anche grazie ad una maggior presa di coscienza dei più giovani che donare il sangue è un regalo per la vita. Inoltre sono stati realizzati molti progressi negli anni scorsi per aumentare la quantità disponibile di sangue sicuro. 41

42 5. Trapianti e donazioni d organi IL CASO ITALIANO È ANCORA LONTANO DAGLI STANDARD EUROPEI. Il perfezionamento delle tecniche chirurgiche, l affinamento di nuove metodiche di preservazione ipotermica e la continua evoluzione dei protocolli di terapia immunosoppressiva hanno consentito un progressivo miglioramento quantitativo e qualitativo dei risultati dei trapianti di organi. Ed il problema del trapianto d organo risulta sempre più drammatico in Italia, e questo proprio per lo scarso reperimento di organi che limita l attività e la diffusione dei Centri di Trapianto. Le cause principali sono da ricercare in un inadeguata organizzazione dei servizi di rianimazione, in un irrazionale distribuzione dei Centri di Trapianto sul territorio ed in un loro carente coordinamento. Si rileva inoltre un inadeguata regolamentazione delle modalità di espressione di volontà da parte dei potenziali donatori, con un eccessiva e talvolta disarmante burocratizzazione. 42

43 6. Le pandemie COME L ITALIA SI PREPARA AD AFFRONTARLE E CONTENERLE La pandemia è per definizione un epidemia che investe più aree geografiche con un elevato numero di casi gravi ed un elevato tasso di mortalità. Nella storia ne sono stati esempi: l influenza spagnola, l influenza asiatica, l influenza di Hong Kong, e la Sars. Si tratta di fenomeni ciclici che si ripetono nel corso degli anni e sono caratterizzati dalla comparsa di un nuovo agente patogeno che colpisce l uomo in modo grave e si diffonde rapidamente per contagio. Le pandemie generano allarmismi e vere e proprie crisi, se mal gestite e comunicate dai mass media. Un incontro per conoscere ed approfondire i piani di intervento che il Governo attua per gestire ed arginare un fenomeno che si può prevedere e controllare. 43

44 7. Malattie a bassa incidenza: una condanna a morte? LE MALATTIE RARE SONO OLTRE SI POSSONO ANCORA DEFINIRE RARE? I numeri dell Istituto Superiore di Sanità fanno pensare a tutto tranne che a fenomeni rari, isolati ed unici. Un attenzione crescente e necessaria per tutelare e garantire la qualità della vita delle persone colpite da queste patologie, l accesso alle cure ed il sostegno alle famiglie. Malattie a bassa incidenza non sono però solo quelle genetiche o ereditarie, esse riguardano anche quelle infettive come la meningite. La letalità della malattia è molto elevata in soggetti molto giovani e molto anziani. Nei neonati mediamente il valore si aggira attorno al 20-30% dei casi di meningite batterica. Già durante l'adolescenza la mortalità scende drasticamente al 2% per poi crescere nuovamente al 19-37% negli adulti. Il rischio di morte però non è solamente influenzato dall'età del soggetto, ma anche dalla natura del patogeno e dalla durata in cui questo è stato presente nel liquor. Un occasione per mettere a confronto le diverse esperienze sul territorio nazionale. Un esplorativa sugli interventi che le singole Regioni stanno portando avanti in materia di informazione e prevenzione. 44

45 8. Il diabete giovanile. Molto più di un allarme DATI PREOCCUPANTI ED INTERVENTI NECESSARI In Italia, ogni cento bambini della classe terza elementare 24 sono in sovrappeso e 12 sono obesi. Complessivamente si stimano oltre un milione di bambini tra i sei e gli undici anni con problemi di obesità e soprappeso: più di un bambino su tre. Dati come questi suggeriscono che il problema dell obesità al quale è strettamente legato quello del diabete non sia solo un problema sanitario ma anche e soprattutto sociale. Cattive abitudini alimentari, scorretta alimentazione, vita sedentaria sono alla base di questa patologia che può essere prevenuta con dei semplici accorgimenti. E necessario un intervento intersettoriale che coinvolga tutti gli attori sociali, dalle istituzioni alle aziende produttrici al mondo della scuola, aiutando i genitori ad educare i propri figli assicurando loro una vita più sana. 45

46 9. Sicurezza alimentare e qualità dell alimentazione. L Italia che pesa troppo. Obesità e nuove piramidi alimentari. FALSI ALLARMISMI O PROBLEMATICHE CONCRETE E CRESCENTI? L evoluzione dell interesse dei consumatori per la salubrità degli alimenti ha indotto la Commissione Europea e, sul piano nazionale, il Ministero della Salute a considerare come priorità strategica il raggiungimento degli standard più elevati possibili di sicurezza alimentare. Sicurezza alimentare non significa garantire l'assenza di rischi, ma porre responsabilmente in atto tutte le azioni necessarie a ridurne l'impatto sui consumatori. Guidare il consumatore nelle proprie scelte alimentari attraverso un informazione chiara e trasparente, contribuisce a istruire anche le nuove generazioni, sempre più colpite da diabete ed obesità. Nel mondo ci sono più di 300 milioni di obesi ed anche in Italia il fenomeno è in crescita, specie tra i bambini. Secondo l'esperto bastano due semplici ingredienti per combatterlo: una dieta equilibrata ed un'attività fisica costante. 46

47 LOCATION UTILIZZATE 47

48 IL TENNIS CLUB PARIOLI Il Tennis Club Parioli nasce nel 1906 nella storica sede di Viale Tiziano e arriva nella sede attuale a ridosso di Villa Ada e Monte Antenne nel 1958, due anni prima delle olimpiadi di Roma. Appena rinnovata, la Club House Nel tempo le strutture del circolo si sono rinnovate, i campi da tennis sono cresciuti insieme a quelli da calcetto e a tutti gli impianti che ora compongono uno dei circoli più belli d Italia. Con 22 campi da tennis, 3 campi da calcetto, un campo polifunzionale utilizzato per Basket e Pallavolo, una palestra attrezzata con i più nuovi macchinari presenti sul mercato e uno spazio dedicato per il corpo libero, il Tennis Club Parioli rappresenta un punto di riferimento importante per il settore sportivo regionale e italiano. 48

49 IL CENTRO SVIZZERO Il Centro Svizzero di Milano in Via Palestro 2, sede delle principali istituzioni che rappresentano la Svizzera a Milano (il Consolato generale di Svizzera, l'istituto Svizzero di Roma, la Camera di Commercio Svizzera in Italia, Svizzera Turismo, la Società Svizzera, la Radiotelevisione Svizzera di lingua italiana) ha all interno la stupenda Sala Meili con oltre 200 posti. Nel Centro Svizzero si trova inoltre il ristorante "La Terrazza", piacevole e raffinata isola di riservatezza. 49

50 IL ROMANO PALACE HOTEL Il Romano Palace Hotel Catania sorge in posizione strategica sul lungomare di Catania, su di un parco privato di oltre metri quadrati, vera oasi d incanto tra il Barocco della città - patrimonio dell Unesco - ed il mare, dominata dalla magica imponenza dell Etna. Con la sua attrezzata sala meeting è il luogo da sogno, ideale per indimenticabili soggiorni turistici o di lavoro. All interno della struttura il coriandolo, un'antica spezia che regala il suo nome al gourmet restaurant del Romano Palace, intimo e d'atmosfera. Riprendendo lo spirito che anima l'intero Hotel il Coriandolo propone una cucina di alto livello con sapori e suggestioni diverse, evoluzione della tradizione regionale e sintesi perfetta di antichi sapori e nuove esperienze. 50

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli