Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio."

Transcript

1 Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela - M. Martinelli Lo scopo di questo lavoro è quello di approfondire lo studio relativo all ambito motivazionale negli atleti praticanti canottaggio in Italia, sia disabili che normodotati e di operare un confronto tra essi. È stato utilizzato come strumento un questionario che indagava i dati anagrafici, i dati relativi alla pratica dello sport; relativamente alle motivazioni sono stati utilizzati strumenti: lo Sport Motivation Scale e il Participation Motivation Questionnaire, in aggiunta per i soggetti i soggetti disabili vi era una parte che indagava i dati relativi alla disabilità. Il campione preso in considerazione rappresenta il 5,7% degli atleti adaptive in Italia ed è stato messo a confronto con un campione di atleti normodotati. Principali risultati riguardanti i soggetti normodotati Per quanto riguarda i risultati ottenuti dai questionari somministrati ai soggetti normodotati, risulta che il livello delle competizioni, in media, è abbastanza elevato, infatti il 0% degli atleti afferma di aver raggiunto un livello mondiale e il,5% un livello europeo. Ben il,7% afferma di aver avuto almeno un infortunio che gli ha impedito di allenarsi per almeno una settimana nell ultimo anno; i distretti più colpiti sono la schiena e il ginocchio indicati sia l uno che l altro dal 5% dei soggetti che hanno subito un infortunio. Non è risultata una correlazione tra il numero d infortuni e la presenza di un medico nel team di preparazione; le cause di questi infortuni probabilmente vanno ricercate nel mancato rispetto dei giusti tempi di recupero e nell errata somministrazione di carichi troppo elevati, infatti il direttore tecnico della federazione di canottaggio ogni anno fornisce - programmi di allenamento, per i diversi livelli, uguali per tutta Italia. Il rischio è che vengano applicati senza adattarli alle diverse caratteristiche e capacità degli atleti. 00,00% 80,00% 87,50%,0% 5,0% 0,00% 0,00% 0,00%,0% 0,80% 0,00% Remoergometro Vasca voga Contacolpi Gps cardiofrequenzimetro Figura Altri strumenti utilizzati oltre alla barca Da questo grafico si desume che l 87,5% degli atleti si avvale del remoergometro quando non è possibile allenarsi in barca, all utilizzo della vasca voga ricorre il,% dei soggetti; L utilizzo invece del GPS permette di conoscere con precisione i chilometri percorsi e la velocità della barca, Via Piranesi, /b 07 MILANO (Mi) Tel. 0 / Fax. 0 / Cell P. I.V.A. :

2 ma l utilizzo di questo strumento nell ambito del canottaggio è ancora poco diffuso; tuttavia nell utilizzo di questo strumento bisogna tenere conto del fatto che la velocità dell imbarcazione risente molto delle condizioni ambientali (come il vento, le correnti dell acqua, i diversi tipi d imbarcazione ) quindi risulta difficile quantificare l allenamento. Il 5,% del campione dichiara di praticare un altro sport oltre al canottaggio, il,% di questi atleti infatti pratica anche il ciclismo, il % il calcio e il % lo sci; altri sport che sono stati indicati sono nell ordine: la corsa (5,8%), snowboard, nuoto e basket (5,%). Risulta che, in media, nella preparazione è sempre dedicata un ora alla settimana all allenamento mentale, probabilmente la maggior parte di questi atleti non intendono l applicazione di tecniche psicologiche specifiche, come può essere il training autogeno, ma la capacità di concentrarsi cercando di dare sempre il massimo possibile in ogni allenamento, confrontandosi sia coi compagni di squadra sia coi feedback forniti dal remoergometro. Per quanto riguarda le motivazioni risulta che chi si allena meno pratica canottaggio soprattutto per conoscere nuove persone mentre si allena di più lo fa migliorarsi e arrivare ad alti livelli. Questi atleti traggono soddisfazione nella pratica del canottaggio principalmente perché migliorano le proprie capacità e per lo status di atleta e i riconoscimenti che ottengono. Principali risultati riguardanti i soggetti disabili Il livello raggiunto nelle competizioni è mondiale per il 0% del campione e nazionale per il 5,%. Alla domanda che indagava i migliori risultati raggiunti, ben il 5,% non ha risposto, probabilmente perché questi soggetti non hanno mai partecipato a competizioni oppure non ritengono importanti i risultati sportivi ma ritengono importante il miglioramento del proprio stato di salute e della propria autonomia. Il numero di competizioni annuali è correlato con la variabile da quanti anni pratichi canottaggio? e con quella riguardante il livello delle competizioni; questo significa che, in un anno, gli atleti più esperti, che da più anni praticano questo sport, partecipano a più competizioni e di più alto livello rispetto agli atleti che praticano da poco quest attività. E pertanto possibile ritenere che questo accada principalmente perché in Italia vengono a tutt oggi organizzate poche gare di basso livello; ecco il motivo per cui se un atleta non è ancora in grado di sostenere competizioni di livello nazionale e internazionale, necessariamente potrà partecipare solo a poche gare. La maggior parte dei soggetti che praticano adaptive rowing sono classificati nella categoria LTA, significa che sono quei soggetti che riescono a utilizzare nella pratica sportiva le gambe, il tronco e le braccia, in questa categoria sono presenti numerose disabilità, principalmente i non vedenti e i disabili mentali. Più della metà degli atleti (5%) dichiara di praticare altre attività fisico-sportive oltre all adaptive rowing, alcuni soggetti hanno indicato più di una attività, lo sport più praticato risulta essere il nuoto (8,57% delle risposte affermative date), seguito dal ciclismo e dallo sci a pari merito (entrambi 7,85% delle risposte affermative). In media gli atleti che dichiarano di praticare altri sport oltre al canottaggio ne hanno indicati. Oltre alla barca, lo strumento più utilizzato per allenarsi è il remoergometro (9%), seguito dall utilizzo del contacolpi (8%), dalla vasca voga (7%) e il cardiofrequenzimetro (%). Gli atleti hanno dato in media risposte. Nel periodo lontano dalle competizioni la capacità più allenata risulta essere la resistenza aerobica con una media di ore a settimana, mentre l allenamento mentale, con una media di un ora alla settimana, risulta essere l aspetto a cui viene dedicato meno tempo. Via Piranesi, /b 07 MILANO (Mi) Tel. 0 / Fax. 0 / Cell P. I.V.A. :

3 Mentre nel periodo vicino alle competizioni, alla resistenza aerobica viene dedicato in media -7 ore a settimana e risulta essere ancora la capacità cui viene dedicato più tempo. L allenamento mentale risulta essere l aspetto per il quale viene speso meno tempo, in media ore a settimana. Riguardo le figure professionali che seguono gli atleti, la quasi totalità (9,7%) afferma di essere seguita da un allenatore, la maggioranza anche da un medico (0%) e solo il 0% anche da uno psicologo. Gli atleti che hanno alle loro spalle un team (allenatore, medico, psicologo) dedicato alla loro preparazione risultano essere gli atleti che hanno ottenuto i risultati migliori. Questo si verifica probabilmente perché nella maggior parte dei casi chi ha tale team alle spalle è un atleta della squadra nazionale, che conseguentemente svolge un elevato numero di allenamenti settimanali (infatti la variabile del team risulta essere correlata anche col numero di allenamenti settimanali effettuati dagli atleti). A sostegno di tale ipotesi, infatti, è possibile constatare che a livello di club, diversamente dalla squadra nazionale, non sono presenti nell organico della società sportiva dei medici e degli psicologi. La quasi totalità dei soggetti (9,%) dice di voler migliorare le proprie prestazioni, più della metà (5,7%) tuttavia non sa come fare; il 0% invece ha affermato di conoscere le effettive modalità per migliorarsi, e di questi ben il 5% dei soggetti ha dichiarato che migliorerà allenandosi di più. Per quanto riguarda i questionari sulla motivazione, si desume che questi atleti praticano sport per stare in forma, divertirsi e per il piacere che le diverse emozioni suscitano durante la pratica sportiva; invece non sono interessati ad ottenere riconoscimenti, uno status di atleta e in generale non praticano questo sport per farsi notare dalle persone, infatti è stata riscontrata una correlazione negativa tra il volume di allenamenti e la motivazione a ottenere riconoscimenti esterni di ogni tipo. Confronto disabili e normodotati Confrontando i risultati ottenuti dai questionari dei normodotati e dei disabili risulta che i normodotati, in media, si allenano /7 volte a settimana per un totale di 0-5 ore, mentre i disabili solamente /5 volte a settimana per un totale di 5-0 ore a settimana. Osservando la figura relativa alle ore di allenamento lontane dalle competizioni, si evince che non ci sono particolari differenze tra atleti normodotati e disabili, l unica diversità si riscontra nelle ore dedicate alla resistente. Si può attribuire questa disuguaglianza al minore utilizzo dei sovraccarichi da parte degli atleti disabili nei loro allenamenti. Infatti sulla base dei dati raccolti si evidenzia che solo il 0% dei disabili utilizza sovraccarichi contro il,7% dei normodotati. atleti normodotati atleti disabili ORE 5 0 resistenza aerobica massimo consumo di ossigeno soglia allenamento anaerobica mentale massimale allungamento resistente muscolare Via Piranesi, /b 07 MILANO (Mi) Tel. 0 / Fax. 0 / Cell P. I.V.A. :

4 Figura - Confronto allenamento lontano dalle competizioni Nel grafico riferito agli allenamenti vicini alle competizioni, invece, non si mettono in evidenza particolari diversità, risulta tuttavia che gli atleti disabili, rispetto ai normodotati, si allenano per un maggior numero di ore nel periodo vicino alle competizioni. atleti normodotati atleti disabili ORE 0 resistenza aerobica massimo consumo di ossigeno soglia anaerobica allenamento mentale massimale resistente allungamento muscolare Figura - Confronto allenamento vicino alle competizioni Per quanto riguarda le motivazioni, sia per i soggetti disabili che per i normodotati risulta esserci una correlazione significativa tra il volume di allenamenti e le motivazioni intrinseche come la voglia di migliorarsi, in aggiunta per i soggetti disabili risulta esserci una correlazione anche con le motivazioni intrinseche riguardanti il fitness e lo stare in forma. In particolare confrontando i dati ottenuti tramite il Participation motivation questionnaire si può notare una certa corrispondenza tra soggetti normodotati e disabili per quanto riguarda gli items che hanno ottenuto maggior preferenza; per entrambi sono mi piace divertirmi e mi piace essere fisicamente attivo. Per quanto riguarda gli items che hanno ottenuto una minore preferenza nei soggetti normodotati sono stati i miei genitori vogliono che faccia sport (,8) e i miei migliori amici vogliono che faccia sport (,) mentre per i disabili è stato l item voglio che gli altri mi notino (,). Relativamente allo Sport motivation scale gli items che hanno ottenuto un risultato migliore sono stati perché devo fare sport per stare bene con me stesso e perché è un buon modo per imparare molte cose che potrebbero essermi utili in altri ambiti della mia vita ; entrambi gli items indicano delle motivazioni estrinseche alla pratica del canottaggio. Al contrario i soggetti disabili hanno dato maggior preferenza alle motivazioni intrinseche alla pratica dell adaptive rowing indicando per le intense emozioni che io provo praticando uno sport che mi piace e per l entusiasmo che provo quando sono davvero coinvolto nell attività. C è concordanza riguardo all item che ha ottenuto minore preferenza Non mi è più chiaro; non penso veramente che il mio posto sia nello sport. In generale chi pratica canottaggio, a bassi livelli lo fa soprattutto per soddisfare il bisogno di affiliazione, mentre chi pratica ad alti livelli lo fa soprattutto per vincere, migliorarsi. Inoltre sia i normodotati che i disabili praticano canottaggio per soddisfare il proprio bisogno di competenza, in aggiunta i normodotati sono soddisfatti anche quando ottengono riconoscimenti esterni mentre i disabili perché stanno coi propri amici. Ben il,7% dei normodotati ha avuto un infortunio nell ultimo anno contro solamente il,% dei soggetti disabili. 5 Via Piranesi, /b 07 MILANO (Mi) Tel. 0 / Fax. 0 / Cell P. I.V.A. :

5 La figura mostra come gli atleti disabili siano più seguiti da un team di preparazione rispetto agli atleti normodotati, infatti nessuno degli atleti normodotati è seguito da uno psicologo, e quasi nessuno da un medico. T e a m p e r la p r e p a r a z io n e D is a b ili N o rm o d o t a t i 7 0,0 0 % 0,0 0 % 5 0,0 0 % 0,0 0 % 0,0 0 % 0,0 0 % 0,0 0 % 0,0 0 %, 0 % 0,8 0 %,7 0 %,5 0 % 5 0,0 0 %,7 0 % n e s s u n o a lle n a to r e a lle n a to r e e m e d ic o 0,0 0 % a lle n a to r e, m e d ic o e p s ic o lo g o Figura Team per la preparazione Concludendo si può affermare che non sono state riscontrare delle grandi diversità nelle tecniche di allenamento tra normodotati e disabili, almeno per gli atleti di alto livello; mentre, come è stato evidenziato prima, sono state riscontrate delle diversità nell ambito motivazionale. Si auspica inoltre che il canottaggio adaptive possa prendere più spazio nel panorama nazionale, in quanto questi atleti, dimostrando di avere delle buone motivazioni intrinseche alla pratica di questa disciplina, potranno raggiungere buoni risultati sia sotto il profilo agonistico che sotto il profilo salutistico. Colgo l occasione per ringraziare tutti gli atleti e allenatori che hanno collaborato alla compilazione dei questionari, in particolare la canottieri Gavirate, la canottieri Lario, la canottieri Flora, la canottieri Armida, la canottieri Milano, la canottieri Moto Guzzi e il CUS Milano. Via Piranesi, /b 07 MILANO (Mi) Tel. 0 / Fax. 0 / Cell P. I.V.A. :

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham Guida per i velisti all allenamento con l Indoor Rower Di Eddie Fletcher Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham RYA Exercise Physiologist, componente della Squadra Olimpica di Vela della Gran Bretagna.

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni;

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni; Dalla Poltrona alla Prima Maratona Quasi incredibile la metamorfosi che un metodo di allenamento dolce, progressivo e senza forzature riesce a produrre anche sul più pigro dei sedentari - Beninteso: basta

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

CALENDARIO PROVVISORIO Campionato: Under 19 Maschile Fase : 2 fase - Italiana Girone : VA SILVER 3 Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora

CALENDARIO PROVVISORIO Campionato: Under 19 Maschile Fase : 2 fase - Italiana Girone : VA SILVER 3 Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO CR LOMBARDIA COMUNICATO UFFICIALE N. 1430 DEL 30/12/2014 UFFICIO GARE N. 2 1 Giornata di andata 2290 POSS CAFFE Garbagnate La Sportiva Gavirate Lun 12/01/2015 20:00 2291

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Perché far praticare Karate ai Bambini.

Perché far praticare Karate ai Bambini. Perché far praticare Karate ai Bambini. Spesso ci si domanda se il karate è una pratica adatta ai bambini. Gli attuali sistemi didattici forniscono all'insegnante di karate dei metodi grazie ai quali i

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA.

Lun 18/05. Ven 22/05 COLORNO. Mer 20/05. Gio 21/05. Mer 20/05. Ven 22/05. Gio 21/05 20.30 170. Gio 21/05. Ven 22/05 21.00 PRO CELLA. CENTRO SPORTIVO ITALIANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI P A R M A P.le Matteotti, 9-43100 PARMA Telefono 0521281226-0521289870 Fax 0521.236626 e-mail: csi@csiparma.it web: www.csiparma.it

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it Cod fatt k 0001 ID fatt k 67047 1 marzo Treviso Gara

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Impiego & compito I Processo di selezione & requisiti I Istruzione I Attività lavorative I Contatto Il distaccamento

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit HandBike Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia HandBike info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it 0001 67047 1 marzo Treviso Gara Nazionale

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE Il Prof. Antonio Dal Monte si è laureato in Medicina e Chirurgia a Roma ed ha conseguito la docenza in Fisiologia Umana ed in Medicina dello Sport. E specialista

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli