Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 TRASCRIZIONE

2 LA TRASCRIZIONE E IL PROCESSO ATTRAVERSO CUI SI PASSA DAL LINGUAGGIO DESOSSIRIBONUCLEOTIDICO DEL DNA A QUELLO RIBONUCLEOTIDICO DELL RNA

3 ATTRAVERSO LA TRASCRIZIONE NON VENGONO SINTETIZZATI SOLO GLI RNA CHE CODIFICANO PROTEINE (mrna), MA ANCHE SVARIATI ALTRI TIPI DI RNA (trna; rrna; E PICCOLI RNA NON CODIFICANTI QUALI: snrna; snorna; scrna; mirna etc ) CHE SVOLGONO FUNZIONI CHIAVE NELLA FISIOLOGIA DELLA CELLULA.

4 IN GENERALE IL PRODOTTO (RNA) DELLA TRASCRIZIONE PRENDE NOME DI TRASCRITTO. L INSIEME DI MOLECOLE DI RNA (CLASSICAMENTE mrna) ALL INTERNO DI UN BEN PRECISO MOMENTO DELLA VITA DI UNA SPECIFICA CELLULA, COSTITUISCONO IL SUO TRASCRITTOMA.

5 GENE EXPRESSION FLOWCHART

6

7

8 Il primo passo attraverso cui una cella inizia ad interpretare le sue istruzioni genetiche è copiare una particolare porzione della sua sequenza nucleotidica del DNA, un gene, in una sequenza nucleotidica di RNA. L informazione in RNA, sebbene copiata in un'altra forma chimica, viene comunque scritta essenzialmente nella stessa lingua del DNA attraverso il linguaggio di una sequenza nucleotidica. Da qui il nome di trascrizione.

9 5 3

10 RNA chain is extended by one nucleotide at a time in the 5 -to-3 direction. The substrates are nucleoside triphosphates (ATP, CTP, UTP, and GTP); as in DNA replication, the hydrolysis of high-energy bonds provides the energy needed to drive the reaction forward.

11 GENERALMENTE SOLO UNA DELLE DUE ELICHE DI DNA VIENE COPIATA COME RNA. IL FILAMENTO CHE FUNGE DA STAMPO E DETTO FILAMENTO SENSO, MENTRE L ALTRO FILAMENTO (CHE AVRA SEQUENZA IDENTICA ALL RNA DI NEOSINTESI, A MENO DELLA T IN LUOGO DELL U), E DETTO ANTISENSO (O NON SENSO). UNO STESSO FILAMENTO PUO ESSERE SENSO IN ALCUNI TRATTI ED ANTISENSO IN ALTRI! LA DIREZIONE DI SINTESI DELL RNA AVVIENE SEMPRE SECONDO L ANDAMENTO 5-3!

12 RNA polymerase transcribes the longest known mammalian genes, containing 2 X 10 6 base pairs, without dissociating from the DNA template or releasing the nascent RNA. Since RNA synthesis occurs at a rate of about 1000 nucleotides per minute at 37 C, the elongation complex must remain intact for more than 24 hours to assure continuous RNA synthesis. DNA is transcribed by the enzyme RNA polymerase BRUCO DI GEOMETRIDE When RNA polymerase molecules follow hard on each other s heels in this way, each moving at about 20 nucleotides per second (the speed in eucaryotes), over a thousand transcripts can be synthesized in an hour from a single gene.

13 Although RNA polymerase catalyzes essentially the same chemical reaction as DNA polymerase, there are some important differences between the activities of the two enzymes: 1) First, and most obviously, RNA polymerase catalyzes the linkage of ribonucleotides, not deoxyribonucleotides; 2)Second, unlike the DNA polymerases involved in DNA replication, RNA polymerases can start an RNA chain without a primer. 3) Unlike DNA, RNA does not permanently store genetic information in cells. RNA polymerases make about one mistake for every 10 4 nucleotides copied into RNA (compared with an error rate for direct copying by DNA polymerase of about one in 10 7 nucleotides), and the consequences of an error in RNA transcription are much less significant than that in DNA replication.

14

15

16 PROBLEMA TOPOLOGICO

17 TOPOISOMERASI I RISOLVE IL SUPERAVVOLGIMENTO POSITIVO E NEGATIVO (NEGLI EUCARIOTI) O SOLO NEGATIVO (NEI PROCARIOTI) OPERANDO UNA ROTTURA A SINGOLO FILAMENTO NEL DNA NON C è CONSUMO DI ATP!

18 TOPOISOMERASI II RISOLVONO IL SUPERAVVOLGIMENTO POSITIVO E NEGATIVO OPERANDO UNA ROTTURA A DOPPIO FILAMENTO NEL DNA C è CONSUMO DI ATP! NEI BATTERI LA GIRASI 1 è UNA TOPOISOMERASI II CHE INTRODUCE SUPERAVVOLGIMENTI NEGATIVI PER FAVORIRE TRANSIZIONI STRUTTURALI (ES.:APERTURA DELLA DOPPIA ELICA AD INIZIO TRASCRIZIONE O DUPLICAZIONE). 1 LA DNA GIRASI DI E.coli E UN TETRAMERO COSTITUITO DA DUE SUBUNITA OGNUNA DELLE QUALI BERSAGLIO DI ANTIBIOTICI GyrA, SU CUI AGISCE L AC. NALIDIXICO (ANTIBIOTICO CHINOLONICO USATO PER INFEZIONI VIE URINARIE); GyrB, SU CUI AGISCE LA NOVOBIOCINA (VALIDO CONTRO LE INFEZIONI CAUSATE DA BATTERI COCCHI GRAM POSITIVI (ENTEROCOCCO, STRAFILOCOCCO E PNEUMOCOCCO))

19 TRANSCRIPTION IN PROCARYOTES APOENZIMA (core) OLOENZIMA (esistono diverse subunità σ)

20 Bacterial RNA polymerases are composed of two related large subunits (β and β), two copies of a smaller subunit (α), and one copy of a fifth subunit (ω) that is not essential for transcription or cell viability but stabilizes the enzyme and assists in the assembly of its subunits.

21

22

23 Initiation RNA polymerase 4 core subunits Sigma factor (σ) determines promoter specificity Core + σ = holoenzyme Binds promoter sequence Catalyzes open complex and transcription of DNA to RNA

24 RNAP binds specific promoter sequences Sigma factors recognize consensus -10 and -35 sequences

25 A consensus nucleotide sequence is derived by comparing many sequences with the same basic function and tallying up the most common nucleotide found at each position The promoters are characterized by two hexameric DNA sequences, the 35 sequence and the 10 sequence named for their approximate location relative to the start point of transcription (designated +1).

26 RNA polymerase promoters TTGACA TATAAT Deviation from consensus -10, -35 sequence leads to weaker gene expression

27 Bacterial sigma factors Sigma factors are transcription factors Different sigma factors bind RNAP and recognize specific -10,-35 sequences Helps melt DNA to expose transcriptional start site Most bacteria have major and alternate sigma factors Promote broad changes in gene expression E. coli 7 sigma factors B. subtilis 18 sigma factors Generally, bacteria that live in more varied environments have more sigma factors

28 Sigma factors Sigma subunit Type of gene controlled # of genes controlled s 70 s 54 s S s S s F s 32 RpoD Growth/housekeeping ~1000 RpoN N2; stress response ~15 RpoS Stationary phase, virulence ~100 RpoH Heat shock ~40 RpoF Flagella-chemotaxis ~40 RpoE Extreme? heat shock, unfolded proteins ~5 FecI Ferric citrate transport ~5 E. coli can choose between 7 sigma factors and about 350 transcription factors to fine tune its transcriptional output An Rev Micro Vol. 57: T. M. Gruber

29 σ 54 differisce dagli altri fattori σ perché è in grado di legare il promotore anche in assenza del core enzimatico (alpha/beta)

30 What regulates sigma factors Number of copies per cell (σ 70 more than alternate) Anti-sigma factors (bind/sequester sigma factors) Levels of effector molecules Transcription factors

31 Bacterial RNAP numbers In log-phase E. coli: ~4000 genes ~2000 core RNA polymerase molecules ~2/3 (1300) are active at a time ~1/3 (650) can bind σ subunits. Competition of σ for core determines much of a cell s protein content.

32 Enhancers IN ALCUNI CASI L RNA POLIMERASI HA BISOGNO DI ATTIVATORI PER POTER ESSERE SALDAMENTE ANCORATA Al PROMOTORE (RECRUITMENT). ES: CAP (CATABOLITE ACTIVATOR PROTEIN) IN OPERON Lac.

33 Rho-independent termination Termination sequence has 2 features: Series of U residues GC-rich self-complimenting region GC-rich sequences bind forming stem-loop Stem-loop causes RNAP to pause U residues unstable, permit release of RNA chain

34 Rho-dependent termination Rho is hexameric protein base segment of RNA wraps around Rho has ATPase activity, moves along RNA until site of RNAP, unwinds DNA/RNA hybrid Termination seems to depend on Rho s ability to catch up to RNAP No obvious sequence similarities, relatively rare

35 SEQUENZA PALINDROMICA TERMINATORE ρ INDIPENDENTE (O INTRINSECO): 1) Forcina nella struttura secondaria dell RNA; 2) Serie di ca. 6 U all estremo finale dell unità.

36 TERMINATORE ρ DIPENDENTE LE SEQUENZE NECESSARIE PER LA TERMINAZIONE RHO-DIPENDENTE SONO LUNGHE BASI (RICCHE IN C E POVERE IN G) E SI TROVANO A MONTE DEL TERMINATORE.

37 RHO è UNA PROTEINA DI 46KD CHE ESAMERIZZA (275KD) ED HA ATTIVITA ATP-asica! RHO INTERAGISCE CON L RNA DIRETTAMENTE (RICONOSCENDO SEQ. SPECIFICHE QUINDI INSEGUE (MODELLO DELL INSEGUIMENTO) LA RNA-POLIMERASI FINO A RAGGIUNGERE LA SEQUENZA DI TERMINAZIONE E MEDIANTE ATTIVITà ELICASICA PERMETTE LA SEPARAZIONE DELL IBRIDO RNA/DNA ED IL CONSEGUENTE DISTACCO DELLA MOLECOLA DI RNA

38 IN E. coli il DNA possiede sette copie di tratti di DNA ciascuno dei quali possiede seq. per rrna 16S, 23S e 5S, oltre a sequenze per trna vari. IN ALCUNI trna di ARCHEA E CIANOBATTERI SONO STATE IDENTIFICATE DELLE SEQ. INTRONICHE CHE FUNGONO DA RIBOZIMI E SONO IN GRADO DI AUTOELIMINARSI (SELF-SPLICING) SPLICING)

39 VIDEO TRASCRIZIONE IN PROCARIOTI

40 TRANSCRIPTION IN EUCARYOTES 3 RNA-POLIMERASI, COSTITUITE DA UN CORE ENZIMATICO E DA FATTORI GENERALI DI TRASCRIZIONE O GTF. I GTFs DELLA POLII SONO ALMENO 7: TFIIA; TFIIB; TFIID; TFIIE; TFIIF; TFIIH; TFIIJ. NOME RNA POL I RNA POL II RNA POL III LOCAL. CELL. TIPO RNA Nucleolo 45S (28S; 18S; 5.8S rrna) Nucleoplasma Nucleoplasma mrna; snrna; snorna; mirna trna; 5S rrna; scrna; alcuni snrna SENSIBILITA a-amanitina

41 RNA POLIMERASI II SOMIGLIANZA STRUTTURALE DELLA POL II EUCARIOTICA CON LA POLIMERASI BATTERICA. LA POL II E PIU GRANDE DELLA POLIMERASI PROCARIOTICA (12 SUBUNITà A FRONTE DI 5)

42 GENE CODIFICANTE PROTEINE EUCARIOTICO Promotore geni codificanti proteine!

43 STRUTTURA DEL PROMOTER DEI GENI EUCARIOTICI CODIFICANTI PROTEINE NOTA: ESISTONO ANCHE PROMOTERS TATA LESS

44 TATA-BOX CONSENSUS SEQUENCE

45 LA TATA BOX NON E L UNICA SEQUENZA CHE SEGNALA L INIZIO DELLA TRASCRIZIONE MA PER MOLTI PROMOTORI DELLA POLII E LA PIU IMPORTANTE!

46 TBP SI ASSOCIA INSIEME CON ALTRI 8-12 FATTORI GENERALI DI TRACRIZIONE (GTFs) A FORMARE IL TFIID BENDING

47

48 TATA BOX BINDING PROTEIN TBP Saddle-like domain TATA BOX DNA BINDING

49 TAF5 stabilizes TAFs interaction, specially histone- like ones (TAF6, TAF9) TAF1: Acetyl transferase activity Interaction with TFIIF TAF3 TAF12 TAF8 TAF4 TAF4 TAF10 TBP TAF7 TAF6TAF11TAF11 TAF5 TAF5 TAF9TAF13 TAF13 TAF12 TAF11 TAF8 TATA BOX TAF13 TAF6 TAF9 TAF10 TAF3

50 DNA BENDING

51 TFIID

52 HETEROTRIMER (A, B, C SUBUNITS) BINDS PROMOTER REGION WITH TFIID TFIIA DAB TFIID TFIIB TWO DOMAIN: N-TERMINAL Zn-RIBBON AND TFIIF CORE DOMAIN HETEROTETRAMER (RAP30) 2 (RAP74) 2 (RAP30) 2 BINDS RNA POL II AND TFIIB. RAP74 INTERACTS WITH DNA. TFIIF STABILIZES THE INTERACTION OF RNA POLII WITH PROMOTER AND STIMULATES ELONGATION RATE TFIIE TFIIH TFIIB INTERACTS WITH SADDLE-LIKE LIKE DOMAIN OF TBP AND WITH BENDED DNA ON SIDES OF TATA BOX. TBP/TFIIB COMPLEX RECRUITS RNA POLII AND OTHER GTF P TFIIE MODULATES THE HELICASE AND KINASE ACTIVITIESOF TFIIH BY STIMULATING CTD DOMAIN RNA POLII PHOSPHORYLATION TFIIH STIMULATES PROMOTER PHOSPHORYLATION OF MELTING AND IT RNA POLII CTD HAS KINASE STIMULATES PROMOTER ACTIVITY AGAINST RNA MELTING AND POL II TRANSCRIPTION START NOTE: TFIIH HAS BOTH HELICASE AND KINASE ACTIVITIES

53 VIDEO

54 UNA VOLTA CHE LA POLII HA INIZIATO AD ALLUNGARE IL TRASCRITTO DI RNA LA MAGGIORPARTE DEI GTF VIENE RILASCIATA DAL DNA COSI DA DIVENTARE DISPONIBILE PER INIZIARE UN NUOVO CICLO DI TRASCRIZIONE CON UNA NUOVA MOLECOLA DI RNA POL!

55 LA FOSFORILAZIONE DEL DOMINIO C-TERMINALE (CTD) DELLA POLII DETERMINA UN CAMBIAMENTO CONFORMAZIONALE TALE CHE SULLA POLII VENGONO CARICATE COMPONENTI DEL MACCHINARIO DI MODIFICAZIONE DELL RNA CHE COSI INIZIA AD ESSERE MODIFICATO GIA DAL MOMENTO IN CUI VIENE SINTETIZZATO!

56 STEPWISE MODEL vs HOLOENZYME MODEL A stepwise assembly model for transcription initiation

57 A pre-assembly model

58 ENHANCER È IL TERMINE USATO PER DEFINIRE SPECIFICHE SEQUENZE DI DNA IN GRADO DI AUMENTARE L'EFFICACIA DEI PROMOTORI NELL'ATTIVAZIONE DELLA TRASCRIZIONE. GLI ENHANCER SVOLGONO IL LORO RUOLO ATTRAVERSO L'ASSOCIAZIONE CON DIVERSE PROTEINE, TRA CUI DIVERSI FATTORI COINVOLTI NELL'AVVIO DELLA TRASCRIZIONE STESSA. NEI GENI DEGLI EUCARIOTI GLI ENHANCERS POSSONO DISTARE DALLA REGIONE CODIFICANTE ANCHE PIÙ DI 50 KB.

59 IL SILENCER È UNA SEQUENZA DI DNA IN GRADO DI LEGARE DEI FATTORI DI TRASCRIZIONE DETTI REPRESSORI. QUANDO IL SILENCER È LEGATO DAL REPRESSORE, L RNA POLIMERASI NON È IN GRADO DI INIZIARE LA TRASCRIZIONE. ATTRAVERSO IL RICONOSCIMENTO DI SITI SPECIFICI, I FATTORI DI TRASCRIZIONE SPECIFICI (STFs) POSSONO PERMETTERE LA ATTIVAZIONE/REPRESSIONE DI GENI IN MANIERA TESSUTO-SPECIFICA SPECIFICA O A SEGUITO DI SPECIFICI CAMBIAMENTI DELL AMBIENTE INTRA OD EXTRACELLULARE!

60 ATTRAVERSO IL RICONOSCIMENTO DI SITI SPECIFICI, I FATTORI DI TRASCRIZIONE SPECIFICI (STFs) POSSONO PERMETTERE LA TTIVAZIONE/REPRESSIONE DI GENI IN MANIERA TESSUTO- SPECIFICA O A SEGUITO DI SPECIFICI CAMBIAMENTI DELL AMBIENTE INTRA OD EXTRACELLULARE!

61 IL MEDIATORE The human Mediator complex is a large, multi-subunit protein assembly that exists in 2 major forms: a core complex that contains 26 subunits and is 1.2 MDa in size, and a CDK8-Mediator complex that contains 29 subunits (25 shared with the core Mediator complex) and is approximately 1.8 MDa in size.

62 IL MEDIATORE The core complex (typically referred to as Mediator) binds the RNA polymerase II (pol II) enzyme and generally serves to activate gene expression; by contrast, the CDK8-Mediator complex cannot bind pol II. Mediator is present from yeast to human, but the amino acid sequence of each individual Mediator subunit has diverged considerably throughout evolution, in part in response to increasingly diverse transcriptional regulatory factors. Because proper regulation of transcription is so critical throughout development, and to prevent tumor formation and a host of other potential disorders, humans have evolved elaborate mechanisms by which the spatial and temporal patterns of gene expression are controlled.

63 IL MEDIATORE Despite the structural and functional diversity of this regulatory machinery, only a select few components polpol II, TFIIH, and Mediator are are considered master regulators of transcription. It is also evident that Mediator acts as a scaffold around which the human Pre-Initiation Complex (PIC) assembles. This central structural role for Mediator can at once explain its general requirement for transcription, its ability to regulate the function of other PIC factors, and its ability to regulate different stages of the transcription cycle (e.g. initiation and elongation).

64 Workman's lab also recently had discovered the most powerful molecular character involved in unwinding a gene, an enzyme called "SWI/SNF" (pronounced "switch-sniff"). SWI/SNF breaks the grip of the histone proteins in the core of the nucleosome spool, liberating the gene on that stretch of DNA so it can unwind far enough to be accessible to another molecule, the "Transcription Enzyme," whose job is to move along the gene's length coping its code. Other molecules then use this copy to make proteins, which do the work specified by the gene.

65 TERMINAZIONE DELLA TRASCRIZIONE NEI GENI EUCARIOTICI DUE PROTEINE (CstF Fattore di stimolazione del taglio F; CPSF Fattore di specificità del taglio e della poliadenilazione) SONO PARTICOLARMENTE IMPORTANTI. ENTRAMBE SONO TRASPORTATE CON LA CODA DELLA RNA POLIMERASI E SONO TRASFERITE ALL ESTREMITà 3 DELLA CATENA DI RNA NASCENTE.

66

67 L mrna SUBISCE MOLTE MODIFICHE PRIMA DI ESSERE ESPORTATO DAL NUCLEO AL CITOPLASMA. TALI MODIFICHE SONO ESSENZIALI PER IL SUO TRASPORTO NEL CITOSOL E PER LA SUA SUCCESSIVA TRADUZIONE

68 LEGAME 5-5

69

70 IL CAPPING AL 5 E IMPORTANTE PER: 1) ESPORTAZIONE DELL mrna ATTRAVERSO I PORI NUCLEARI; 2) PROTEZIONE DALLA RIBONUCLEASI CITOSOLICHE; 3) CONTROLLO POSITIVO DELL INIZIO DELLA TRADUZIONE

71 SPLICING PROCESSO ATTRAVERSO CUI VENGONO ELIMINATI GLI INTRONI 2 REAZIONI DI TRANSESTERIFICAZIONE. IL COMPLESSO RIBONUCLEOPROTEICO (FATTO DA snrna + PROTEINE, A FORMARE LE snrnps) ADIBITO AL CONTROLLO DELLO SPLICING PRENDE NOME DI SPLICEOSOMA (5 molecole di snrna + 50 proteine) PROCESSO ATTIVO, CHE PREVEDE CONSUMO DI ATP!

72 PUO SEMBRARE UNO SPRECO ELIMINARE GLI INTRONI: IN REALTA GLI INTRONI SONO ELEMENTI NECESSARI PERCHè ATTRAVERSO L INCREMENTO DELLE RICOMBINAZIONI, ESSI FACILITANO INDIRETTAMENTE L EXON SHUFFLING!

73 1 STEP: UN NUCLEOTIDE ADENINICO SPECIFICO DELLA SEQ INTRONICA ATTACCA IL SITO DI SPLICING AL 5 E TAGLIA L OSSATURA ZUCCHERO- FOSFATO DELL RNA IN QUEL PUNTO. 2 STEP: L ESTREMITA 3 -OH LIBERA DELL ESONE REAGISCE CON L INIZIO DELLA SEQUENZA ESONICA SUCCESSIVA, UNENDO I DUE ESONI E RILASCIANDO L INTRONE COME UNA STRUTTURA A CAPPIO (O LARIAT) CHE VERRA POI DEGRADATA.

74 LA SEQUENZA CONSENSO GU AG

75 1) IL BRANCH POINT VIENE DAPPRIMA RICONOSCIUTO DALLE PROTEINE BBP ED U2AF; 2) SUCCESSIVAMENTE snrnp U2 SPOSTA BBP ED U2AF MENTRE snrnp U1 SI LEGA ALL ESTREMITA 5 DELL INTRONE; 3) LA TRIPLA snrnp U4/U6/U5 INFINE CONSENTE LE DUE SUCCESSIVE REAZIONI DI TRANSESTERIFICAZIONE. NOTA: LA ROTTURA E RIUNIONE DEI NUCLEOTIDI SONO DOVUTE ALL ATTIVITA DEGLI snrna CHE AGISCONO DA RIBOZIMI.

76 LO SPLICING E UN PROCESSO ORDINATO 1 EVENTO: L EVENTO DI SPLICING AVVIENE COLINEARMENTE ALLA SINTESI DELL RNA (CHE, AVVENENDO IN DIREZIONE 5-3, CONSENTE DI FAR RICONO= SCERE IN MANIERA ORDINATA I SITI DI SPLICING AL 5 ED AL 3, SECONDO UN BEN PRECISO ORDINE); 2 EVENTO: IPOTESI DI DEFINIZIONE DEGLI ESONI (COMPLESSI DI PROTEINE SR (SERINE RICH) LEGANO GLI ESONI MENTRE COMPLESSI hnrnp LEGANO SPECIFICA= TAMENTE GLI INTRONI. CIO PERMETTE ALLO SPLICEOSOMA DI DISTINGUERE SEQ INTRONICHE ED ESONICHE!

77 LA SEQUENZA CONSENSO AT AC AT AC (EUCARIOTI PIU COMPLESSI QUALI MOSCHE, MAMMIFERI E VEGETALI) NELL UOMO SI STIMA CHE LO 0.1% DEGLI INTRONI SIA RIMOSSO DA SPLICEOSOMA AT-AC AC snrnas U4 AT-AC, AC, U6 AT-AC, AC, U11 E U12 FORMANO PARTE DELLO SPLICEOSOMA MINORE CHE PROCESSA I RARI INTRONI AU-AC AC

78 IL TRANS-SPLICING ( SPLICING (TRIPANOSOMI UNICELLULARI, NEMATODI) ESONI DI DUE TRASCRITTI SEPARATI SONO UNITI INSIEME A FORMARE UNA UNICA MOLECOLA DI RNA MATURO. DI NORMA UN SINGOLO ESONE AL 5 VIENE UNITO A TUTTI (TRIPANOSOMI) O AD ALCUNI (NEMATODI) mrna.

79 ESISTONO ANCHE ALTRI TIPI DI INTRONI IL SELF SPLICING VIENE RICHIESTA UNA G ESTERNA 1) INTRONI DI GRUPPO I (SI TROVANO FONDAMENTALMENTE NEI GENI CHE CODIFICANO PER rrna NEI NUCLEI DEGLI EUCARIOTI INFERIORI Tetrahymena thermophila UN CILIATO- E Physarum polycephalum UNA MUFFA MUCILLAGINOSA-, OLTRE CHE IN 3 GENI FAGO T4 SPECIFICI ED IN ALCUNI BATTERI) 2) INTRONI DI GRUPPO II (SI TROVANO PRINCIPALMENTE ALL INTERNO DI GENI PER mrna MITOCONDRIALI) S E L F S P L I C I N G STESSO MECC. DI SPLICING PRINCIPALE

80

81 SPLICING ALTERNATIVO Insieme a: uso di promoters alternativi e segnali di poliadenil. alternativi permette di formare diversi mrna maturi da uno stesso gene

82 POLIADENILAZIONE LA PROTEINA PAP (POLI-A POLIMERASI) E RESPONSABILE DELL AGGIUNTA DI UNA SERIE DI A (CA. 200) A VALLE DEL SITO DI TAGLIO DELL mrna.

83 STRUTTURA DELL mrna MATURO 5 Cap 7mGppp 5 untranslated region initiation AUG translated region 3 untranslated region UGA termination polyadenylation signal AAUAAA (A) ~200 poly(a) tail 3

84 GENI DI CLASSE I 1) SONO I GENI CHE CODIFICANO PER GLI rrna 28S; 18S E 5.8S; 2) SONO ORGANIZZATI IN CLUSTER CHE SPESSO SI RIPETONO IN TANDEM; 3) CITOGENETICAMENTE SONO DI= SPOSTI IN REGIONI CROMOSOMALI SPECIFICHE CHE CONVERGONO IN UNA SUB-STRUTTURA NUCLEARE NOTA COME NUCLEOLO

85 PROMOTERS DEI GENI DI CLASSE I I PROMOTERS DEI GENI DI CLASSE I : PRESENTANO SCARSA VARIABILITA ; COSISTONO IN UNA SEQUENZA BIPARTITA NELLA REGIONE CHE PRECEDE IL PUNTO DI INIZIO: SI DISTINGUONO UN NUCLEO DEL PROMOTER (-45/+20) ED UN UCE (UPSTREAM CONTROL ELEMENT) (-180/-107); ENTRAMBE LE REGIONI SONO PARTICOLARMENTE RICCHE IN GC; PERCHE LA TRASCRIZIONE INIZI, DAPPRIMA SI LEGANO DUE FATTORI: UBF1 ED SL1 (TBP + 3TAFs) E SOLO DOPO SI LEGA LA POL I

86 PROMOTER DI GENI DI CLASSE I: PIC

87 MATURAZIONE DEGLI rrna EUCARIOTICI LA SINTESI DEL PRECURSORE DEGLI rrna 28S, 18S E 5.8S È UNA GRANDE MOLECOLA (PRE-rRNA 45S) TRASCRITTA DALLA RNA POL I NEL NUCLEOLO. ANCHE LA MATURAZIONE AVVIENE NEL NUCLEOLO. NUMEROSI PICCOLI RNA NUCLEOLARI (snorna) PARTECIPANO AL PROCESSO

88

89 GENI DI CLASSE III 1) CODIFICANO PER I trna; PER L rrna 5S E PER VARI snrna; 2) POSSONO PRESENTARE DEI PROMOTERS INTERNI (ICR); 3) PRIMA DI INIZIARE A TRASCRIVERE LA POL III NECESSI= TA DI TFIII (IN PARTICOLARE DEL FATTORE DI POSIZIONAMENTO TFIIIB)

90 PIC DELLA RNA POLIII trna; rrna5s snrna TFIIIB È COSTITUITO DA TBP E DA ALMENO UN TAF3

91 MATURAZIONE DEI trna MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI DEI TRNA ELIMINAZIONE DELLA SEQUENZA AL 5 (LEADER) ED AL 3 (TRAILER) AGGIUNTA DI CCA AL 3 MODIFICAZIONE DI ALCUNE BASI AZOTATE IN ALCUNI trna ELIMINAZIONE DI UN PICCOLO INTRONE (PRESENTE SOLO NEI trna DEGLI AA. Tyr; Phe; Trp; Lys; Ser; Leu ed Ile) NOTA: IL PROCESSAMENTO AVVIENE NEL NUCLEO DELLE CELL. EUCARIOTICHE, SICCHE NEL CITOPLASMA SI TROVA SOLO trna MATURO

92 CA. 40 DEI 400 GENI NUCLEARI DI trna SONO INTERROTTI CIACUNO DA UN SINGOLO INTRONE. NON ESIST. SEQ. CONSENSO CHE POTREBBERO ESSERE RICONOSCIUTE DAGLI ENZIMI DI SPLICING. STESSE REGOLE GENERALI VALGONO PER trna DI VEGETALI; ANFIBI E MAMMIFERI. LO SPLICING AVVIENE ATTRAV. PROCESSI DI TAGLIO E RIUN.

93

94 SOLO IL 4% DEI TRASCRITTI E TRADOTTO!

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 22

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 22 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 22 La trascrizione procariotica dell RNA Concetti chiave: L RNA polimerasi è simile alla DNA polimerasi nella struttura e

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

eucarioti Cellula umana contiene circa 30000 geni

eucarioti Cellula umana contiene circa 30000 geni Eucarioti eucarioti Cellula umana contiene circa 30000 geni Geni per RNA Geni per proteine Ogni cellula in un determinato momento esprim e solo una piccola parte di questo potenziale ( 5000 geni) Geni

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie Il metabolismo dell RNA I vari tipi di RNA Il filamento di DNA che dirige la sintesi dello mrna è chiamato filamento stampo o filamento antisenso. L altro filamento che ha sequenza identica a quella dello

Dettagli

Lo Splicing dell RNA. Geni non interrotti

Lo Splicing dell RNA. Geni non interrotti Lo Splicing dell RNA I geni interrotti negli eucarioti si ritrovano in ogni classe: geni nucleari codificanti per proteine, rrna e trna. I geni interrotti sono presenti anche nei mitocondri e nei cloroplasti,

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

LE MOLECOLE DI RNA: rrna trna mrna

LE MOLECOLE DI RNA: rrna trna mrna LE MOLECOLE DI RNA: rrna trna mrna RNA polimerasi Localizzazione Prodotti Effetti dell α-amanitina I Nucleolo 25S, 17S e 5.8S rrna Nessuno II Nucleoplasma mrna, U1, U2, U4 e U5 Fortemente inibitori III

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

La trascrizione: da DNA ad RNA

La trascrizione: da DNA ad RNA La trascrizione: da DNA ad RNA An organism may contain many types of somatic cells, each with distinct shape and function. However, they all have the same genome. The genes in a genome do not have any

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Regolazione dell espressione genica

Regolazione dell espressione genica Regolazione dell espressione genica I promotori batterici hanno due sequenza consenso distinte Trascrizione nei procarioti Regolazione dell espressione genica nei procarioti Il modello dell operone di

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione La maturazione del trascritto primario I microrna Le componenti del macchinario di traduzione Il meccanismo della traduzione

Dettagli

Citosol Ribosomi Sintesi proteica

Citosol Ribosomi Sintesi proteica CITOSOL (1) Citosol Ribosomi Sintesi proteica Biotecnologie_2012 Tutta la porzione non strutturata che costituisce la parte liquida del citoplasma. In esso si trovano in soluzione tutte le molecole necessarie

Dettagli

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO VERSATILITA METABOLICA VELOCITA DI ADATTAMENTO ALLE VARIAZIONI AMBIENTALI Livia Leoni Università Roma Tre Dipartimento Biologia Laboratorio di Biotecnologie Microbiche Stanza

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

DNA non codificante ncdna

DNA non codificante ncdna DNA non codificante ncdna Teorie sul ruolo genetico RNAi e mirna Liberamente tratto dalla tesina del Dr. Emiliano Mancini ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA

REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA Solo una piccola parte dei 4000 geni che costituiscono il genoma batterico o dei circa 30000 geni del genoma umano viene espressa in maniera costante (GENI COSTITUTIVI)

Dettagli

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA Con ESPRESSIONE GENICA si intende quella serie di eventi che dall'attivazione della trascrizione di un gene, conducono alla produzione della proteina corrispondente.

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI 5 NT non tradotto 3 NT Numero introni per gene n esoni = n introni +1 Media esoni: 150 basi Introni: anche migliaia di basi Sequenze consenso presenti sul pre-mrna e

Dettagli

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione della espressione genica Molte proteine sono comuni a tutte le cellule RNA polimerasi, proteine ribosomali, enzimi che regolano il metabolismo,

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Compattamento del DNA nel cromosoma

Compattamento del DNA nel cromosoma Compattamento del DNA nel cromosoma DOMA CENTRALE DELLA BIOLOIA l'informazione genetica, contenuta nel nucleo nella molecola di DNA, si trasferisce al citoplasma. I geni del DNA vengono, nel nucleo, trascritti

Dettagli

RNA 29/10/2014. Struttura chimica del RNA

RNA 29/10/2014. Struttura chimica del RNA I Nucleotidi Hanno Tre Componenti Solo DNA Solo RNA Acidi nucleici RNA http://www.uic.edu/classes/phys/phys461/phys450/anjum04/ Struttura chimica del RNA http://www.ncbi.nlm.nih.gov/b ooks/nbk26887/figure/a978/?

Dettagli

Le basi chimiche dell ereditarietà

Le basi chimiche dell ereditarietà Le basi chimiche dell ereditarietà 1 Il codice della vita Il DNA, o acido desossiribonucleico, è cos7tuito da lunghe catene di nucleo7di; ogni nucleo7de è composto da uno zucchero (deossiribosio), un gruppo

Dettagli

Il nobel per l interferenza dell RNA

Il nobel per l interferenza dell RNA Il nobel per l interferenza dell RNA Andrew Fire e Craig Mello, i due vincitori del Premio Nobel 2006 per la Medicina e la Fisiologia. I due biologi molecolari vengono premiati per aver scoperto uno dei

Dettagli

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

Prof. C. Mazzoni. Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza. Appunti della lezione 16 Capitolo 8

Prof. C. Mazzoni. Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza. Appunti della lezione 16 Capitolo 8 MICROBIOLOGIA GENERALE Prof. C. Mazzoni Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza Appunti della lezione 16 Capitolo 8 REGOLAZIONE TRASCRIZIONE DELLA Negli

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi. Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.it Il primo passo... Abbiamo la sequenza completa del DNA di un organismo:

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

Trascrizione e maturazione degli RNA

Trascrizione e maturazione degli RNA Trascrizione e maturazione degli RNA Trascrizione e traduzione: espressione dell informazione genica L RNA veicola l informazione genica contenuta nel DNA (nucleo) in modo che possa esprimersi per dare

Dettagli

Materiale genetico e Caratteri

Materiale genetico e Caratteri Materiale genetico e Caratteri Come l informazione genetica contenuta nel DNA sito nel nucleo condiziona la sintesi delle catene polipeptidiche che avviene nel citoplasma Materiale genetico e Caratteri

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Differenze tra RNA e DNA

Differenze tra RNA e DNA Differenze tra RNA e DNA Acidi nucleici RNA TIPI PRINCIPALI DI RNA PRODOTTI NELLE CELLULE Funzione e struttura del RNA Tipo di RNA mrna rrna trna snrna snorna Altri RNA non codificanti Funzione RNA messaggeri,

Dettagli

Vettori di espressione

Vettori di espressione Vettori di espressione Vengono usati per: 1.Generare sonde di RNA 2.Produrre la proteina codificata Per fare questo viene utilizzato un promotore che risiede sul vettore, modificato per ottimizzare l interazione

Dettagli

Organizzazione del genoma umano III

Organizzazione del genoma umano III Organizzazione del genoma umano III Lezione 9 Il DNA codificante Ricapitoliamo l'organizzazione e il funzionamento dei geni eucariotici Sito di inizio trascrizione +1 Codone di stop AATAAA segnale di poliadenilazione

Dettagli

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica?

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? 18 1 Watson-Baker-Bell-Gann-Levine-Losick Biologia molecolare del gene Gli RNA regolatori Già gli studi di

Dettagli

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso?

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso? RNA WORLD RNA Come funzionano gli oligo Antisenso? mrna Non coding RNA AAAAAAA rrna trna snrna snorna RNA Antisenso sirna Arresto della traduzione Proteina incompleta o nessuna sintesi MECCANISMO PASSIVO

Dettagli

D ora in poi ci occuperemo, per semplicità, soltanto della RNA polimerasi II.

D ora in poi ci occuperemo, per semplicità, soltanto della RNA polimerasi II. RNA Polimerasi di eucarioti (vedi Alberts III ed. pag.483) Il processo di sintesi di RNA su di uno stampo di DNA presenta, negli eucarioti, una complessità assai elevata. A tutt oggi mancano ancora alcune

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16 Sistemi di regolazione Importanza del controllo I componenti cellulari devono essere presenti nelle giuste concentrazioni. La composizione chimica dell ambiente che circonda la cellula è in contante cambiamento

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica e Magistrale in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica

Dettagli

3 Acidi Nucleici : Il RNA può essere catalitico

3 Acidi Nucleici : Il RNA può essere catalitico Caratteristiche Distintive del DNA e del RNA ACIDI NUCLEICI http://www.genome.gov/dmd/img.cfm?node=photos/graphics&id=85209 3 DNA RNA Proteina Il DNA è una molecola informativa. L informazione è immagazzinata

Dettagli

Attori principali nei TCRS. Processi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti. Numero di TCRS nel genoma batterico

Attori principali nei TCRS. Processi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti. Numero di TCRS nel genoma batterico rocessi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti Utilizzazione di elementi necessari alla crescita (azoto); NtrC Virulenza (BvgAS di Bordetella pertussis) Resistenza a metalli pesanti (pco)

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA Chimica della replicazione del DNA Enzimologia della replicazione del DNA Replicazione del DNA nei procarioti Replicazione del DNA negli eucarioti Replicazione alle estremità www.studxwebmedicina.altervista.org

Dettagli

Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna

Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Gli RNA non codificanti (ncrna) giocano un ruolo fondamentale nei sistemi biologici complessi, pur non codificando alcuna proteina. Tra

Dettagli

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente 21) Il ph influenza l'attività enzimatica modificando la struttura del sito attivo con il cambiamento della distribuzione delle cariche coinvolte nei legami tra il substrato e il sito attivo. L'intervallo

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Gene regulation analysis Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Regolazione genica Elementi molecolari e

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

Incontro con bioinformatici

Incontro con bioinformatici Incontro con bioinformatici Giuseppe Macino Universita di Roma La Sapienza Quanto DNA e contenuto nei genomi di Amoeba dubia 670 miliardi c.b Zea maize 4 miliardi c.b. Homo sapiens 2,9 miliardi c.b Arabidopsis

Dettagli

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE E MOLECOLARE GENETICA GENERALE E MOLECOLARE Il genoma umano: organizzazione e funzione delle sequenze - Correlazione tra contenuto di DNA e complessità -Sequenze uniche: struttura dei geni -Famiglie multigeniche e

Dettagli

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing Modificazioni post- trascrizionali dell RNA La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing degli introni:

Dettagli

Sequenziamento e analisi di genomi completi

Sequenziamento e analisi di genomi completi Sequenziamento e analisi di genomi completi Genoma L'insieme del materiale genetico di un organismo o cellula. (Hans Winkler, 1920) Un genoma è sequenziato quando viene stabilita interamente la successione

Dettagli

Cenni al controllo dell espressione genica

Cenni al controllo dell espressione genica http://www.nature.com/scitable/ebooks/essentials-of-cell-biology- 14749010/16433210#bookContentViewAreaDivID Cenni al controllo dell espressione genica Biotecnologie_2012 Il controllo differenziale della

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi trascrizione traduzione DNA RNA Proteina replicazione DNA replicazione: sintesi del DNA trascrizione: sintesi del RNA traduzione:

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione Replicazione SINTESI PROTEICA Trascrizione Traduzione 61 codoni codificanti 3 triplette non senso (STOP) AUG codone di inizio codone per Met Caratteristiche del codice genetico Specificità Il codice genetico

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario Il DN e la duplicazione cellulare Il DN, materiale ereditario Struttura del DN Replicazione del DN Dal DN alla proteina Il odice genetico iclo cellulare Mitosi Meiosi Da Figura 8-11 ampbell & Reece cidi

Dettagli

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b)

Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Considerando la definizione di introni indicare il rapporto corretto in ogni gene tra il numero degli esoni e degli introni: a) Esoni= introni +1 b) Esoni=introni c) Esoni= introni 1 d) Esoni= 2 volte

Dettagli

La stabilità del complesso di trascrizione, e quindi del numero di copie di RNA sintetizzate dalla RNA polimerasi II,

La stabilità del complesso di trascrizione, e quindi del numero di copie di RNA sintetizzate dalla RNA polimerasi II, La stabilità del complesso di trascrizione, e quindi del numero di copie di RNA sintetizzate dalla RNA polimerasi II, dipende dai fattori di trascrizione (proteine) che compongono il complesso mrna di

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Stem Cells. Medicine Biology. Bioethics

Stem Cells. Medicine Biology. Bioethics Stem Cells Medicine Biology Bioethics Dal DNA all organismo complesso Organismo (uomo) Il corpo umano è composto damiliardi di cellule Ogni nucleo cellulare è dotato di un identico corredo cromosomico

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

ESPRESSIONE GENICA DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA GENE (UNITÀ FUNZIONALE DEL DNA) (NUCLEO - NUCLEOIDE) mrna (CITOPLASMA)

ESPRESSIONE GENICA DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA GENE (UNITÀ FUNZIONALE DEL DNA) (NUCLEO - NUCLEOIDE) mrna (CITOPLASMA) ESPRESSIONE GENICA GENE (UNITÀ FUNZIONALE DEL DNA) (NUCLEO - NUCLEOIDE) mrna (CITOPLASMA) DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA ORGANIZZAZIONE GENE EUCARIOTICO PER UN mrna PROMOTORE TRASCRIZIONE 1) RNA POLIMERASI

Dettagli

Lezione 11. Duplicazione genica ed espansione del genoma

Lezione 11. Duplicazione genica ed espansione del genoma Lezione 11 Duplicazione genica ed espansione del genoma Lynch Capitolo 9 Grauer and Li Capitolo 6 Modalità di duplicazione genica 1. Duplicazione intragenica 2. Duplicazione completa di un gene 3. Parziale

Dettagli

Genetica dei microrganismi 3

Genetica dei microrganismi 3 Genetica dei microrganismi 3 2 In questo caso il filtro poroso non eliminava lo scambio, indicando l esistenza di un fattore diffusibile DNasi resistente Trasduzione generalizzata 3 Figura 10.14 4 Trasduzione

Dettagli

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale RNAi Introduction RNAi = RNA interference Il termine è utilizzato per descrivere l interferenza dell RNA come meccanismo naturale e anche come

Dettagli

LA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA

LA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA LA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA La regolazione genica nei Procarioti Il cromosoma dei Procarioti Il cromosoma procariote è formato da una catena continua (circolare) di DNA a doppio filamento dello

Dettagli

Lezione XXVII-XXVIll giovedì 1-XII-2011

Lezione XXVII-XXVIll giovedì 1-XII-2011 Lezione XXVII-XXVIll giovedì 1-XII-2011 corso di genomica Laurea Magistrale Biotecnologia Industriale aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 libro consigliato Zanichelli Introduz.

Dettagli

STRUTTURA E FUNZIONE DEL GENE EVOLUZIONE DEI GENOMI

STRUTTURA E FUNZIONE DEL GENE EVOLUZIONE DEI GENOMI STRUTTURA E FUNZIONE DEL GENE EVOLUZIONE DEI GENOMI Lodish Molecular Cell Biology GENOME: total genetic information carried by a cell or organism GENE: physical and functional unit of heredity, which carries

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS I virioni, rappresentano la fase biologicamente inattiva, dei singoli virus. Le diverse famiglie di virus utilizzano strategie replicative a causa della differente organizzazione

Dettagli

Regolazione trascrizionale della biogenesi dei ribosomi in Saccharomyces cerevisiae: geni per snorna e geni ribi

Regolazione trascrizionale della biogenesi dei ribosomi in Saccharomyces cerevisiae: geni per snorna e geni ribi Dottorato di ricerca in Biochimica e Biologia Molecolare XXV ciclo Regolazione trascrizionale della biogenesi dei ribosomi in Saccharomyces cerevisiae: geni per snorna e geni ribi Maria Cristina Bosio

Dettagli

Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi. Dott. Alessandro Laganà

Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi. Dott. Alessandro Laganà Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi Dott. Alessandro Laganà Piccoli RNA non codificanti Struttura dell RNA RNA regolatore microrna RNAi e sirna 2 Bioinformatica: RNA non codificanti ed RNAi L RNA

Dettagli

Lezione 4. Il sequenziamento del DNA, Sanger

Lezione 4. Il sequenziamento del DNA, Sanger Lezione 4 Il sequenziamento del DNA, Sanger Schema della lezione Polymerase chain reaction (PCR) Dal prodotto di PCR al sequenziamento di Sanger Lettura dei prodotti di sequenziamento con sequenziatori

Dettagli

LA REGOLAZIONE GENICA DEGLI EUCARIOTI parte I. www.fisiokinesiterapia.biz

LA REGOLAZIONE GENICA DEGLI EUCARIOTI parte I. www.fisiokinesiterapia.biz LA REGOLAZIONE GENICA DEGLI EUCARIOTI parte I www.fisiokinesiterapia.biz NON TUTTI I GENI VENGONO UTILIZZATI NELLO STESSO MOMENTO E NON TUTTI CON LA STESSA INTENSITÀ Regolazione genica = la modalità con

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO GENERALITA A causa della natura di PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO, il virus può esprimere la sua attività biologica solo all interno di una CELLULA OSPITE che permetta la completa espressione del suo

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

LA REGOLAZIONE GENICA NEGLI EUCARIOTI. 1. Il genoma eucariotico è più complesso di quello procariotico

LA REGOLAZIONE GENICA NEGLI EUCARIOTI. 1. Il genoma eucariotico è più complesso di quello procariotico LA REGOLAZIONE GENICA NEGLI EUCARIOTI INTRODUZIONE Tutti sanno, almeno in generale, come una generazione di esseri viventi dà origine alla successiva; ma quali meccanismi sono alla base di questo processo?

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli