IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI."

Transcript

1 IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine di segnale naturali correlate tra loro. Essi vengono classificati in tre gruppi principali (alfa, beta e gamma) in base all origine cellulare e agli agenti di induzione e, storicamente, sono stati studiati per la loro attività antivirale. Dopo essersi legati con recettori specifici, essi determinano l attivazione di vie di trasduzione del segnale che sollecitano un ampia gamma di geni che, oggigiorno, sappiamo avere un attività non solo antivirale, ma anche immunomodulatoria e antiproliferativa. L inibizione della crescita virale e/o della proliferazione cellulare da parte degli interferoni è associata a vari cambiamenti fisiologici, alcuni dei quali dipendono dall attività di proteine specifiche che sono interferoninducibili. Questa relazione si propone di ripercorrere la storia e le caratteristiche principali del sistema interferon, richiamando le scoperte più recenti su alcuni geni interferon-inducibili. Storia e caratteristiche generali L interferon fa parte delle cosiddette difese naturali dell organismo nei confronti di invasioni di agenti esterni quali virus, microbi o anche cellule tumorali. Il concetto di interferon è strettamente correlato con quello di interferenza virale, un concetto che si esplica attraverso l attività di alcune cellule di essere resistenti, una volta infettate da un virus, a successive infezioni dello stesso virus o di virus simili. Le prime osservazioni in tal senso furono fatte già a metà degli anni Trenta. In particolare le osservazioni di Hoskins sul coniglio dimostrarono che questo animale, infettato dal virus dell herpes simplex, era protetto dalle successive infezioni con lo stesso virus. 1 Pochi anni dopo, Findlay e Mac Callum dimostrarono questo stesso fenomeno, però con uno spettro d azione più ampio, nel senso che questi animali erano resistenti anche alle infezioni con virus che non erano antigenicamente uguali. 2 Queste erano però osservazioni che non avevano alcun riscontro biologico; non era stata dimostrata ancora nessuna molecola in grado di mediare questa attività. Solo nel 57, Isaacs e Lindenmann osservarono che surnatanti di cellule che erano di colture cellulari infettate da un virus producevano una proteina che poteva rendere altre cellule resistenti ad altri virus. 3 In particolare, essi utilizzarono frammenti di membrana corioallantoidea di embrioni di pollo, la infettarono con del virus dell influenza termoinattivato e videro come queste cellule riuscivano a produrre una proteina in grado di proteggere altri frammenti dello stesso tipo dalla successiva infezione col virus, questa volta non più inattivato ma vivo. Quindi fu la prima osservazione che esisteva veramente un qualcosa che mediava questa protezione dall infezione virale. Così si può dire che il nome di interferon deriva proprio da questa osservazione, da questa capacità di avere una interferenza virale sulle cellule. In particolare, oggi le conoscenze che si hanno sul sistema interferon sono naturalmente progredite notevolmente. In particolare, sappiamo che l interferon riesce a proteggere e costituisce una naturale barriera contro infezioni esterne da virus, batteri, mitogeni e cellule tumorali. 47

2 In base alle conoscenze attuali, gli interferoni sono considerati citochine che appartengono al gruppo delle interleuchine; se ne conoscono tre tipi: alfa, beta e gamma. Gli interferoni alfa e beta appartengono alla stessa sottoclasse di tipo I, mentre l interferon gamma appartiene ad una sottoclasse distinta, detta di tipo II. Si tratta di proteine funzionalmente correlate che vengono prodotte dalle cellule una volta che siano state stimolate da agenti esterni. Per poter avere l effetto antivirale, c è bisogno comunque della produzione di altre proteine che vengono definite effettrici. Quindi, l interferon è una molecola induttore che agisce su altre proteine le quali diventano le vere e proprie effettrici dell azione, in questo caso antivirale, ma anche antitumorale. Sono tre le caratteristiche principali che oggi riconosciamo agli interferoni: azioni antivirale, quella storica e riconosciuta, ma soprattutto quello che si è studiato negli ultimi tempi, cioè una funzione immunomodulatoria e una azione antiproliferativa. 4,5,6 Quindi la capacità di alcuni interferoni, in determinate condizioni, di bloccare le cellule in una determinata fase del ciclo cellulare ha fatto sì che diventassero molto importanti nello studio dell attività antitumorale. L interferon alfa, che storicamente veniva conosciuto anche come interferon leucocitario in base alle cellule che lo producevano, è codificato da almeno 15 geni e 9 pseudogeni posizionati sul cromosoma umano 9 e sul cromosoma murino 4. Si tratta quindi in verità di una famiglia di proteine, non di un unico interferon alfa, ma la caratteristica principale è che ognuno di questi geni non contiene introni, cioè non contiene regioni che non codificano il DNA. Tutto il gene codifica per l interferon alfa. La proteina che si forma è una proteina di 166 amminoacidi senza siti di glicosilazione e stabile a ph molto acido. Le caratteristiche principali dell interferon alfa sono quelle di essere prodotto da macrofagi e linfociti in particolar modo, in seguito all azione di agenti esterni come cellule eucariotiche o tumorali o cellule infettate dal virus, ancora cellule procariotiche e mitogeni in genere. Ma la cosa importante è che tutti questi induttori attivano la produzione di interferon alfa da parte di macrofagi e linfociti. Il primo ad essere scoperto fu l interferon beta, grazie alle ricerche di Isaacs e Lindenmann. Esso veniva indicato come interferon dei fibroblasti, perché viene prodotto da cellule epiteliali e cellule fibroblastiche in seguito all azione di acidi nucleici estranei quali virus o di altro tipo. Anche l interferon beta è codificato da un gene localizzato sul cromosoma umano 9, però ricordate che in questo caso esiste un solo gene, e anche in questo caso non abbiamo la presenza di introni, quindi tutto il gene è codificante per la proteina. Si tratta di una proteina di 166 amminoacidi. In questo caso contiene un sito di glicosilazione, anch essa è stabile a ph 2 e ha un alta omologia, fino al 40-50%, rispetto all interferon alfa. L interferon gamma fa parte di un gruppo a sé stante chiamato interferon di tipo II e detto anche interferon immunitario. Esso è prodotto in particolar modo da linfociti sensitizzati con l aiuto di macrofagi, solo dopo l azione di mitogeni esterni. Anche in questo caso il gene è unico, ma localizzato, invece che sul cromosoma 9, sul cromosoma 12. Possiede inoltre 3 introni, cosa che invece non succedeva per l interferon alfa e beta. Queste caratteristiche, insieme ad altre, fanno sì che questo interferon gamma venga a far parte di un gruppo a sé stante, con caratteristiche diverse rispetto all alfa e al beta. In effetti, un altra caratteristica peculiare dell interferon gamma è quella di essere instabile a un ph acido e queste sono caratteristiche molto importanti soprattutto per quanto riguarda la terapia ad interferone. Inoltre, non esiste alcun tipo di analogia con l interferon alfa e l interferon beta. Nella tabella 1 ho ricapitolato le caratteristiche delle varie classi di interferoni. 48

3 Tab. 1: Proprietà degli interferoni umani Attività antivirale Quando una cellula viene infettata da un virus o, semplicemente, quando incontra un genoma virale, al suo interno avvengono una serie di processi tali per cui, come risultato ultimo, si ha l attivazione di segnali che porteranno alla formazione dell interferon. A questo punto, l interferon rilasciato può seguire due destini: in parte può essere sentito da recettori presenti sulla stessa cellula e quindi andrà a proteggere questa cellula da successive infezioni, oppure, nel caso più generale, avviene quella che viene definita come una induzione dello stato antivirale su cellule adiacenti. L interferon viene captato da recettori particolari presenti su altre cellule e in queste vengono indotti tutta una serie di geni che sono responsabili del cosiddetto stato antivirale, che è lo stato che ha permesso l identificazione storica dell interferon. Questo stato antivirale si esplica, per esempio, con l incapacità dei virus a essere captati dalla cellula che viene infettata, oppure vengono attivate proteine che sono in grado di degradare gli RNA virali. L effetto dell interferone su queste cellule infettate può essere a diversi livelli: possiamo avere una inibizione della trascrizione degli RNA del virus. Oppure l inibizione può avvenire a livello di traduzione di questi RNA, quindi è un passo successivo. Oppure, se questi due meccanismi hanno fallito, ne possono intervenire altri. Per esempio, se le proteine virali devono essere a loro volta glicosilate, cioè devono subire modificazioni successive per poter diventare attive, devono agire delle proteine che vengono chiamate glicosiltransferasi. In questo caso, l azione inibitoria dell interferon può essere espletata tramite l incapacità di queste proteine glicosilanti ad agire. O ancora, può essere inibita la capacità del virus ad essere liberato dalla cellula. In questo caso, vengono quindi inibiti tutti quei meccanismi che sono responsabili della maturazione virale. Come schematicamente rappresentato nella Fig. 1 nel caso di un attacco di virus a RNA, dobbiamo avere, per far sì che questo virus possa uscire dalla cellula e quindi dare origine a un risultato positivo della sua infezione, tutti quei fattori che portano alla trascrizione e poi alla traduzione dell RNA virale. Allo stesso modo, i virus a DNA invece devono in qualche modo attivare dei geni presenti già nella cellula. In entrambi i casi, comunque, quello che è importante è sapere che l entrata di virus a DNA o virus a RNA provoca l aumento degli interferoni nella cellula con due conseguenze: l espressione dei geni virali può essere attenuata e pertanto questi non possono più esprimersi. Al contrario ci può essere una maggiore espressione di geni cellulari che sono responsabili dell inibizione del virus. Vedremo poi nel dettaglio alcuni di questi geni. Il risultato finale è comunque in ogni caso una inibizione della replicazione del virus. 49

4 Fig. 1: Meccanismi di inibizione della replicazione virale da parte degli interferoni. Attività antiproliferativa Attualmente l altro grande capitolo sull azione dell interferon è quello che riguarda l attività antiproliferativa e in certi casi, quindi, anche antitumorale. Sappiamo che l interferon alfa può agire sulle cellule T provocando la differenziazione dei cosiddetti T-helper 1 e, nello stesso tempo, inibendo invece la crescita di altri linfociti. In questo modo, c è la produzione di cellule specifiche contro un determinato bersaglio. Nello stesso modo, l interferon alfa riesce ad agire sulle cellule NK e le cellule macrofagiche, aumentando la produzione da parte di queste di interferon, aumentando soprattutto la produzione di interleuchina 1 e aumentandone la proliferazione, quindi il numero delle cellule in circolo. 7 Sulle cellule tumorali, l interferon alfa è in grado di aumentare l espressione del complesso maggiore di istocompatibilità di classe 1 e soprattutto di fare in modo che poi queste cellule esprimano antigeni tali per cui possono essere riconosciuti dai sistemi di difesa dell ospite. Quindi, in un certo senso, si può dire che l interferon alfa fa sì che le cellule tumorali producano segnali sulla loro superficie, in modo da essere poi successivamente riconosciuti da altri elementi di difesa. L azione dell interferon gamma è diversa: sulle cellule T, ne aumenta l attivazione in sinergia, quindi in combinazione con un interleuchina molto importante che è l interleuchina 2; sui macrofagi è in grado di aumentare la produzione del complesso di istocompatibilità di classe 2; sulle cellule tumorali, oltre, come già l interferon alfa, ad elevare la quantità delle cellule del complesso di istocompatibilità di classe 1, è anche in grado di diminuire la proliferazione della cellula tumorale stessa. Questo è stato osservato in colture cellulari di alcuni tipi di tumori. 7 La terapia antitumorale con interferon ha una storia abbastanza recente; verso la metà degli anni Ottanta si sono cominciati a usare in modo massiccio gli interferon contro un gran numero di tumori. In realtà, le promesse dell interferon sono state solo in parte mantenute in questo caso. In effetti, in questo lavoro pubblicato di recente da Jonasch e Haluska 7 sono riportati numerosi lavori che fanno un sommario di quello che è stato l utilizzo dell interferon in questi anni. Quello che ne viene fuori è che, in pratica, l interferon viene usato quasi sempre in combinazione con altri metodi, quali la chemioterapia, ed è attivo solo in alcuni tipi di cancro, in particolare nei confronti della leucemia mieloide cronica o del linfoma follicolare. In caso di altri tumori e a minor livello anche in queste forme, gli effetti negativi provocati dall interferon sui pazienti sono sempre abbastanza pericolosi e uno studio più approfondito deve ancora essere fatto per poter decidere se utilizzare queste molecole in terapia antitumorale. 50

5 Trasduzione del segnale Per realizzare le loro attività, gli interferoni si legano a recettori di membrana specifici che permettono alle cellule di sentire il segnale esterno dell interferon e di trasferirlo all interno della cellula, in modo che questa possa produrre le cosiddette proteine interferon-inducibili. Come già illustrato per gli interferoni, anche i recettori sono raggruppati in due classi: il recettore dell interferon alfa e beta da una parte e il recettore dell interferon gamma dall altra. In realtà, il recettore non è unico, ma è costituito da due subunità. Congiunte, le due subunità costituiscono il vero e proprio recettore per l interferon. Si tratta di proteine transmembrana con un dominio extracitoplasmatico e un dominio intracitoplasmatico, ma quello che è importante è la presenza, all interno del dominio intracitoplasmatico, di particolari motivi che legano proteine molto importanti nel fare in modo che questo segnale esterno sia captato all interno della cellula. In particolar modo, sono importanti delle proteine che si chiamano tirosinachinasiche, perché sono in grado di fosforilare dei residui di tirosina a questo livello, che fanno parte delle cosiddette proteine JAK. Il nome JAK ha una duplice valenza: in un periodo in cui si stavano scoprendo numerose proteine in grado di avere questa attività chinasica, fu trovata un ulteriore proteina di questo tipo, per cui le iniziali del nome inglese starebbero a significare appena un altra chinasi, nel senso che in quel tempo ne stavano trovando veramente tante. Un altra spiegazione è dovuta al fatto che la molecola possiede al suo interno due domini chinasici molto simili, di cui uno solo però è attivo. Quando la molecola assume la sua conformazione attiva, questi due domini vengono quasi a fronteggiarsi e a mimare un po quella che era la faccia del Giano bifronte romano, per cui anche il nome di Janus Kinase. 8 Altre proteine importanti in questo senso sono le cosiddette proteine STAT che hanno una duplice valenza in quanto, come dice il loro nome, sono trasduttori del segnale, quindi in grado di far passare il segnale esterno fino all interno, e allo stesso tempo sono anche attivatori della trascrizione, perché sono queste proteine che, una volta agganciatesi al recettore, viaggiano fino al nucleo e qui danno origine poi alla trascrizione di geni interferon-inducibili. 9 Infine, un altro gruppo di proteine che svolge un ruolo fondamentale nella trasduzione del segnale dell interferon è rappresentato dai Fattori Regolatori dell Interferon (IRF Interferon Regulatory Factors). Questi formano una famiglia di nove fattori di trascrizione correlati dal punto di vista funzionale; attraverso una serie di auto-interazioni o di interazioni con altri fattori di trascrizione, di recente è stato possibile chiarire meglio 10 quali sono i loro ruoli funzionali. In particolare, gli studi condotti su topi transgenici hanno evidenziato un loro coinvolgimento nella regolazione delle difese dell ospite, attraverso risposte immunitarie innate e adattative e oncogenesi 11. Fig. 2: Omologia tra la proteina murina p204 e la proteina umana Ifi16. I triangoli rappresentano i motivi di legame della proteina Retinoblastoma (prb). 51

6 Geni interferon-inducibili proteine che vengono indotte dall interferon, che quindi vengono trascritte a partire dai fattori STAT e IRF, sono molteplici e in continuo aumento, grazie anche all introduzione di nuovi metodi di analisi come la tecnologia a microarray. Le meglio caratterizzate sono la cosiddetta proteinchinasi RNA-dipendente, in inglese PKR, il sistema della 2 5 oligoadenilatosintetasi e le proteine MX. Ognuna di queste ha delle caratteristiche peculiari. Per esempio, il sistema della 2 5 oligoadenilatosintetasi è costituito da una serie di enzimi differenti che hanno comunque come risultato finale quello di degradare l RNA virale 12. L altra proteina interferon-inducibile è la cosiddetta PKR o proteinchinasi RNA-dipendente; si tratta di una proteina che, una volta fosforilata sotto l azione dell interferon o di RNA a doppia elica, riesce a sua volta a dar vita a una serie di trasformazioni all interno della cellula che hanno come risultato finale, in questo caso, l inibizione della sintesi proteica virale stessa, perché vengono sequestrati i fattori di inizio della trascrizione che sono quelli fondamentali per portare avanti la trascrizione virale 13. La PKR, come già anche la oligoadenilatosintetasi, oltre ad avere questa azione antivirale, è stata dimostrata avere anche un azione antiproliferativa e in certi casi anche di soppressore di tumori 14. Le MX protein sono un altro gruppo di proteine, conservate in diverse specie di vertebrati, le cui caratteristiche funzionali sono però ancora poco note. In origine, furono caratterizzate per la loro attività antivirale nel topo 15 e, successivamente, nell uomo. Quello che si sa è che la proteina umana, la MxA, è in grado in parte di inibire l azione di alcuni virus, soprattutto gli ortomixovirus e i paramixovirus 16. La famiglia genica di cui ci occupiamo attualmente nel nostro laboratorio è una famiglia particolare di geni interferon-inducibili; si tratta della famiglia di geni IfI200 nel topo e, più di recente, la sua controparte HIN200 nell uomo. Il nome IfI200 deriva dal fatto che queste proteine contengono uno o due domini amminoacidici 200, definiti a e b, e la famiglia è in realtà codificata da un cluster genico presente sul cromosoma 1 in posizione q21-22 sia nel topo che nell uomo. I quattro omologhi murini e i tre omologhi umani hanno quasi tutti le stesse caratteristiche, cioè sono indotti da interferon, lipopolisaccaridi, virus DNA o RNA, e sono soprattutto espressi nei tessuti ematopoietici. In particolar modo poi sono indotti dall interferon nel sistema delle cellule monocitomacrofagiche 17,18. Risultati abbastanza recenti del nostro laboratorio, assieme ad altri, hanno dimostrato poi che queste proteine riescono a controllare il ciclo cellulare e in particolar modo l overespressione su cellule in coltura. Si è visto così che queste cellule vengono bloccate in una fase del ciclo cellulare ben precisa, cioè prima che inizi la sintesi del DNA, tra la fase G1 e la fase S 19. A titolo di esempio, nella figura 2 abbiamo rappresentato schematicamente i componenti più importanti di questa famiglia: la proteina murina p204 e la sua controparte umana Ifi16. Esse presentano entrambi i domini a e b e due sequenze particolarmente importanti che concorrono a legare una proteina che è fondamentale nel controllo del ciclo cellulare: la proteina Retinoblastoma o prb 20. Esperimenti recenti confermano che la p204 è espressa nel tessuto ematopoietico come le altre proteine della famiglia, ma in particolare essa è altamente inducibile nel sistema delle cellule monocito e macrofagiche ed espressa nelle cellule endoteliali attivate ed espressa soprattutto nelle cellule della microglia, quindi in una particolare popolazione di cellule all interno del mesencefalo. Inoltre, recenti lavori che stiamo facendo nel nostro laboratorio per verificare l espressione dell Ifi16 sembrano dimostrare la presenza di questa cellula in cellule endoteliali di arterie nella patologia della arteriosclerosi (De Andrea et al., in preparazione). Questi dati, uniti agli studi che evidenziano un coinvolgimento dei componenti di questa famiglia nella suscettibilità al lupus sistemico 21,22, ci sollecitano a condurre ricerche più approfondite sulla correlazione tra l Ifi16 umana con varie patologie. 52

7 Bibliografia 1. Hoskins M. A protective action of neurotropic against viscerotropic yellow fever virus in Macacus rhesus. Amer. J. Trop. Med. Hyg. 1935; 15: Findlay GM, Mac Callum FO. An interference phenomenon in relation to yellow fever and other viruses. J. Path. Bact. 1937; 44: Isaacs A, Lindenmann J. Virus interference. I. The interferon. Proc. Royal Soc. 1957; B 147: Pestka S, Langer JA, Zoon KC, Samuel CE. Interferons and their actions. Annu. Rev. Biochem. 1987; 56: DeMaeyer EM, DeMaeyer-Guignard J. Interferons and other regulatory cytokines. Wiley-Interscience, New York, Landolfo S, Gribaudo G, Angeretti A, Gariglio M. Mechanisms of viral inhibition by interferons. Pharmacol. Ther. 1995; 65: Jonasch E, Haluska FG. Interferon in oncological practice: review of interferon biology, clinical applications, and toxicities. The Oncologist 2001; 6: Duhé RJ, Farrar WL. Structural and mechanistic aspects of Janus kinases: how the two-faced god wields a double-edged sword. J. Interferon Cytokine Res. 1998; 18: Schindler C, Darnell JE. Transcriptional responses to polypeptide ligands: the Jak-Stat pathway. Annu. Rev. Biochem. 1995; 64: Taniguchi T, Ogasawara K, Takaoka A, Tanaka N. IRF family of transcription factors as regulators of host defense. Annu. Rev. Immunol. 2001; 19: Sato M, Taniguchi T, Tanaka N. The interferon system and interferon regulatory factor transcription factors studies from gene knockout mice. Cytokine Growth Factor Rev. 2001; 12: Silverman RH. 2-5A dependent RNaseL: a regulated endoribonuclease in the interferon system. In: D Alessio G. and Riordan JF. (eds.). Ribonuclease: structure and functions. New York: Academic Press, 1997: Hovanessian AG. The double-stranded RNA-activated protein kinase induced by interferons: dsrna- PK. J. Interferon Res. 1989; 9: Clemens KL, Elia A. The double-stranded RNA-dependent protein kinase PKR: structure and function. J. Interferon Res. 1997; 17: Kolb E, Laine E, Strehler D, Staeheli P. Resistance to influenza virus infection of Mx transgenic mice expression Mx protein under the control of constitutive promoters. J. Virol. 1992; 66: Ponten A, Sick C, Weeber M, Haller O, Kochs G. Dominant-negative mutants of human MxA protein: domains in the carboxy-terminal moiety are important for oligomerization and antiviral activity. J. Virol. 1997; 71: Landolfo S, Gariglio M, Gribaudo G, Lembo D. The Ifi200 genes: an emerging family of IFN-inducible genes. Biochemie 1998; 80: Gariglio M, De Andrea M, Lembo M, Ravotto M, Zappador C, Valente G, Landolfo S. The murine homolog of the HIN200 family, Ifi204, is constitutively expressed in myeloid cells and selectively induced in the monocyte/macrophage lineage. J. Leokocyte Biol. 1998; 64: Lembo M, Sacchi C, Zappador C, Bellomo G, Gaboli M, Pandolfi PP, Gariglio M, Landolfo S. Inhibition of cell proliferation by the interferon-inducible 204 gene, a member of the Ifi200 cluster. Oncogene 1998; 16: Hertel L, Rolle S, De Andrea M, Azzimonti B, Osello R, Gribaudo G, Gariglio M, Landolfo S. The retinoblastoma protein is an essential mediator that links the interferon-inducible 204 gene to cell cycle regulation. Oncogene 2000; 19: Seelig HP, Ehrfeld H, Renz M. Interferon-gamma-inducible protein p16. A new target of antinuclear antibodies in patients with systemic lupus erythematosus. Arthritis Rheum. 1994; 37: Rozzo SJ, Allard JD, Choubey D, Vyse TJ, Izui S, Peltz G, Kotzin BL. Evidence for an interferoninducible gene, Ifi202, in the susceptibility to systemic lupus. Immunity 2001; 15:

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

Citochine e Chemochine aspetti generali

Citochine e Chemochine aspetti generali Citochine e Chemochine aspetti generali per esempi specifici, ruolo in funzione, attivazione e differenziamento Th, cambio di classe, migrazione cellulare, etc., vedi lezioni precedenti Citochine Proteine

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione CITOCHINE DELL IMMUNITÀ INNATA II parte 1 Chemochine Le chemochine sono una grande famiglia di circa 50 citochine, omologhe per la struttura, che hanno il compito di: Richiamare

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI Davide Schiavone Biochimica A.A. 2004-2005 I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI I processi di difesa antivirale operati da RNA sfruttano diversi meccanismi che sono raggruppati sotto il nome di RNA silencing.

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro INTRODUZIONE Esistono alcuni fattori che rendono la telomerasi un target attraente e selettivo per la cura del cancro. In

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso?

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso? RNA WORLD RNA Come funzionano gli oligo Antisenso? mrna Non coding RNA AAAAAAA rrna trna snrna snorna RNA Antisenso sirna Arresto della traduzione Proteina incompleta o nessuna sintesi MECCANISMO PASSIVO

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

Il nobel per l interferenza dell RNA

Il nobel per l interferenza dell RNA Il nobel per l interferenza dell RNA Andrew Fire e Craig Mello, i due vincitori del Premio Nobel 2006 per la Medicina e la Fisiologia. I due biologi molecolari vengono premiati per aver scoperto uno dei

Dettagli

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Apoptosi La morte cellulare e la sua regolazione La morte cellulare programmata è un processo fondamentale che controlla lo sviluppo degli organismi pluricellulari; L apoptosi porta all eliminazione di

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

DNA non codificante ncdna

DNA non codificante ncdna DNA non codificante ncdna Teorie sul ruolo genetico RNAi e mirna Liberamente tratto dalla tesina del Dr. Emiliano Mancini ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

Diapositiva 3: CASPASI IAP inibitor of apoptosis

Diapositiva 3: CASPASI IAP inibitor of apoptosis Diapositiva 1: Diapositiva 2: Nella presente presentazione vengono trattate le correlazioni scoperte e studiate tra la tecnica dei microrna e l apoptosi. Innanzitutto l apoptosi è il processo che porta

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica?

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? 18 1 Watson-Baker-Bell-Gann-Levine-Losick Biologia molecolare del gene Gli RNA regolatori Già gli studi di

Dettagli

Applicazioni biotecnologiche in systems biology

Applicazioni biotecnologiche in systems biology Applicazioni biotecnologiche in systems biology Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Gene regulation analysis Lezione #6 Dr. Marco Galardini AA 2012/2013 Regolazione genica Elementi molecolari e

Dettagli

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 ALESSIA PERINO La leptina è una piccola proteina non glicosilata

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA

L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA L IPOFISECTOMIA ED IL PROFESSORE DI MODENA Praticando un ipofisectomia ad un essere vivente che è portatore di cancro questo regredisce. Su questa osservazione si è iniziato a considerare la possibilità

Dettagli

L'omeopatia come opzione terapeutica

L'omeopatia come opzione terapeutica L'omeopatia come opzione terapeutica alternativa Dott. Giancarlo Cavallino Nel contesto di una trattazione volta ad illustrare l'approccio medico non convenzionale alla patologia del sistema immunitario,

Dettagli

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA C.Vilches, P. Parham Natural Killer Cellule di origine linfoide la cui funzione è lisare le cellule infettate da virus

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica

Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica Capitolo 11 Il controllo dell espressione genica La regolazione genica nei procarioti e negli eucarioti 11.1 Le proteine che interagiscono con il DNA attivano e disattivano i geni dei procarioti in risposta

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale RNAi Introduction RNAi = RNA interference Il termine è utilizzato per descrivere l interferenza dell RNA come meccanismo naturale e anche come

Dettagli

Crescita e divisione cellulare

Crescita e divisione cellulare 08-04-14 CANCRO Crescita e divisione cellulare ogni cellula deve essere in grado di crescere e riprodursi una cellula che cresce e si divide genera due nuove cellule figlie gene4camente iden4che alla cellula

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina trascrizione traduzione L mrna lascia il nucleo e si posiziona sugli organelli chiamati ribosomi, contenenti rrna Trascrizione

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Interfase comprende le fasi G 1, S, and G 2 Sintesi di macromolecole durante la

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

RNA interference e sue applicazioni

RNA interference e sue applicazioni RNA interference e sue applicazioni Cosa è l RNA interference Come funziona Funzione biologica nei diversi organismi Come può essere utilizzata per fini applicativi e di genetica funzionale Che cosa è

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Strategie per lo sviluppo di antivirali

Strategie per lo sviluppo di antivirali Strategie per lo sviluppo di antivirali Attacco del virus al recettore Ingresso Spoliazione Trascrizione e traduzione Modifiche post-traduzionali Replicazione del genoma virale Assemblaggio/maturazione

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati

Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Genetica dei tumori Si verificano in tutte le classi di vertebrati ed invertebrati Sarcomi e carcinomi sono stati riscontrati in alcune mummie egiziane e vengono descritti nei papiri. I Greci erano a conoscenza

Dettagli

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO VERSATILITA METABOLICA VELOCITA DI ADATTAMENTO ALLE VARIAZIONI AMBIENTALI Livia Leoni Università Roma Tre Dipartimento Biologia Laboratorio di Biotecnologie Microbiche Stanza

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI mercoledì 5 maggio 2004 La regolazione dell'espressione genica prof. Giovanna Viale - Università

Dettagli

Cellule staminali e invecchiamento

Cellule staminali e invecchiamento Cellule staminali e invecchiamento Ilaria Zanardi IBF CNR Genova Cellule staminali e invecchiamento di Ilaria Zanardi @ IBF- CNR Genova La popolazione del mondo sta invecchiando rapidamente. Entro il 2050,

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Nozioni di base. cromosoma. 2. I cromosomi sono composti dal DNA. Ogni essere vivente è composto di cellule DNA. corpo cellulare

Nozioni di base. cromosoma. 2. I cromosomi sono composti dal DNA. Ogni essere vivente è composto di cellule DNA. corpo cellulare Nozioni di base cromosoma Ogni essere vivente è composto di cellule 2. I cromosomi sono composti dal DNA batterio cellula vegetale cellula muscolare cellula nervosa DNA corpo cellulare 1. I geni sono situati

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE

2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE 2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE Lo scopo del lavoro è la derivazione di fibroblasti bovini con modificazioni mirate, in modo da ottenere integrazioni di DNA esogeno in regioni specifiche del genoma. Questo

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 "Molecular Farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici" ENEA - Casaccia 4 Dicembre 2003 I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 Carla Marusic

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo A COSA SERVE il

Dettagli

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio:! Le regioni di controllo di un locus (Locus Control Regions LCR)! Le regioni di attacco alla matrice nucleare (MAR)! Gli isolatori Attivazione/repressione

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili

Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili Anni trenta: studi sul mais ribaltano la visione classica secondo cui i geni si trovano solo in loci fissi sul cromosoma principale Esistono elementi genetici

Dettagli

Angiogenesi 09/05/2013. Inibitori dell angiogenesi ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] VEGF and FGF-2. Cathepsins, MMPs

Angiogenesi 09/05/2013. Inibitori dell angiogenesi ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] VEGF and FGF-2. Cathepsins, MMPs Angiogenesi Inibitori dell angiogenesi VEGF and FGF-2 Cathepsins, MMPs ANGIOSTATINA & ENDOSTATINA [1] L angiogenesi, ossia, l induzione di una nuova crescita di capillari per gemmazione a partire di vasi

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC 1 2 Necessari 2 segnali per attivare i linfociti B Primo segnale: BCR Secondo segnale = - Antigeni timo-dipendenti (TD):. cellule T adiuvanti (T

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Il carcinoma prostatico rappresenta la neoplasia più diffusa nell uomo

Il carcinoma prostatico rappresenta la neoplasia più diffusa nell uomo Infiammazione e patologie croniche della prostata: evidenza per un legame causale? Alessandro Sciarra Dipartimento di Urologia Prostate Unit Policlinico Umberto I di Roma Università Sapienza di Roma sciarra.md@libero.it

Dettagli

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 00PrPag_Vol_02_BROOKER 30/07/10 11:22 Pagina V VOLUME 1 Cellula Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 PARTE I Capitolo 2 Chimica Basi chimiche della vita I: atomi, molecole e acqua 19 Capitolo 3 Basi

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI Testi di riferimento: Alberts B. et al. Biologia molecolare della cellula - Ed. Zanichelli Gilbert S.F. Biologia dello sviluppo - Ed. Zanichelli COS E UNA CELLULA

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli