IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI."

Transcript

1 IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine di segnale naturali correlate tra loro. Essi vengono classificati in tre gruppi principali (alfa, beta e gamma) in base all origine cellulare e agli agenti di induzione e, storicamente, sono stati studiati per la loro attività antivirale. Dopo essersi legati con recettori specifici, essi determinano l attivazione di vie di trasduzione del segnale che sollecitano un ampia gamma di geni che, oggigiorno, sappiamo avere un attività non solo antivirale, ma anche immunomodulatoria e antiproliferativa. L inibizione della crescita virale e/o della proliferazione cellulare da parte degli interferoni è associata a vari cambiamenti fisiologici, alcuni dei quali dipendono dall attività di proteine specifiche che sono interferoninducibili. Questa relazione si propone di ripercorrere la storia e le caratteristiche principali del sistema interferon, richiamando le scoperte più recenti su alcuni geni interferon-inducibili. Storia e caratteristiche generali L interferon fa parte delle cosiddette difese naturali dell organismo nei confronti di invasioni di agenti esterni quali virus, microbi o anche cellule tumorali. Il concetto di interferon è strettamente correlato con quello di interferenza virale, un concetto che si esplica attraverso l attività di alcune cellule di essere resistenti, una volta infettate da un virus, a successive infezioni dello stesso virus o di virus simili. Le prime osservazioni in tal senso furono fatte già a metà degli anni Trenta. In particolare le osservazioni di Hoskins sul coniglio dimostrarono che questo animale, infettato dal virus dell herpes simplex, era protetto dalle successive infezioni con lo stesso virus. 1 Pochi anni dopo, Findlay e Mac Callum dimostrarono questo stesso fenomeno, però con uno spettro d azione più ampio, nel senso che questi animali erano resistenti anche alle infezioni con virus che non erano antigenicamente uguali. 2 Queste erano però osservazioni che non avevano alcun riscontro biologico; non era stata dimostrata ancora nessuna molecola in grado di mediare questa attività. Solo nel 57, Isaacs e Lindenmann osservarono che surnatanti di cellule che erano di colture cellulari infettate da un virus producevano una proteina che poteva rendere altre cellule resistenti ad altri virus. 3 In particolare, essi utilizzarono frammenti di membrana corioallantoidea di embrioni di pollo, la infettarono con del virus dell influenza termoinattivato e videro come queste cellule riuscivano a produrre una proteina in grado di proteggere altri frammenti dello stesso tipo dalla successiva infezione col virus, questa volta non più inattivato ma vivo. Quindi fu la prima osservazione che esisteva veramente un qualcosa che mediava questa protezione dall infezione virale. Così si può dire che il nome di interferon deriva proprio da questa osservazione, da questa capacità di avere una interferenza virale sulle cellule. In particolare, oggi le conoscenze che si hanno sul sistema interferon sono naturalmente progredite notevolmente. In particolare, sappiamo che l interferon riesce a proteggere e costituisce una naturale barriera contro infezioni esterne da virus, batteri, mitogeni e cellule tumorali. 47

2 In base alle conoscenze attuali, gli interferoni sono considerati citochine che appartengono al gruppo delle interleuchine; se ne conoscono tre tipi: alfa, beta e gamma. Gli interferoni alfa e beta appartengono alla stessa sottoclasse di tipo I, mentre l interferon gamma appartiene ad una sottoclasse distinta, detta di tipo II. Si tratta di proteine funzionalmente correlate che vengono prodotte dalle cellule una volta che siano state stimolate da agenti esterni. Per poter avere l effetto antivirale, c è bisogno comunque della produzione di altre proteine che vengono definite effettrici. Quindi, l interferon è una molecola induttore che agisce su altre proteine le quali diventano le vere e proprie effettrici dell azione, in questo caso antivirale, ma anche antitumorale. Sono tre le caratteristiche principali che oggi riconosciamo agli interferoni: azioni antivirale, quella storica e riconosciuta, ma soprattutto quello che si è studiato negli ultimi tempi, cioè una funzione immunomodulatoria e una azione antiproliferativa. 4,5,6 Quindi la capacità di alcuni interferoni, in determinate condizioni, di bloccare le cellule in una determinata fase del ciclo cellulare ha fatto sì che diventassero molto importanti nello studio dell attività antitumorale. L interferon alfa, che storicamente veniva conosciuto anche come interferon leucocitario in base alle cellule che lo producevano, è codificato da almeno 15 geni e 9 pseudogeni posizionati sul cromosoma umano 9 e sul cromosoma murino 4. Si tratta quindi in verità di una famiglia di proteine, non di un unico interferon alfa, ma la caratteristica principale è che ognuno di questi geni non contiene introni, cioè non contiene regioni che non codificano il DNA. Tutto il gene codifica per l interferon alfa. La proteina che si forma è una proteina di 166 amminoacidi senza siti di glicosilazione e stabile a ph molto acido. Le caratteristiche principali dell interferon alfa sono quelle di essere prodotto da macrofagi e linfociti in particolar modo, in seguito all azione di agenti esterni come cellule eucariotiche o tumorali o cellule infettate dal virus, ancora cellule procariotiche e mitogeni in genere. Ma la cosa importante è che tutti questi induttori attivano la produzione di interferon alfa da parte di macrofagi e linfociti. Il primo ad essere scoperto fu l interferon beta, grazie alle ricerche di Isaacs e Lindenmann. Esso veniva indicato come interferon dei fibroblasti, perché viene prodotto da cellule epiteliali e cellule fibroblastiche in seguito all azione di acidi nucleici estranei quali virus o di altro tipo. Anche l interferon beta è codificato da un gene localizzato sul cromosoma umano 9, però ricordate che in questo caso esiste un solo gene, e anche in questo caso non abbiamo la presenza di introni, quindi tutto il gene è codificante per la proteina. Si tratta di una proteina di 166 amminoacidi. In questo caso contiene un sito di glicosilazione, anch essa è stabile a ph 2 e ha un alta omologia, fino al 40-50%, rispetto all interferon alfa. L interferon gamma fa parte di un gruppo a sé stante chiamato interferon di tipo II e detto anche interferon immunitario. Esso è prodotto in particolar modo da linfociti sensitizzati con l aiuto di macrofagi, solo dopo l azione di mitogeni esterni. Anche in questo caso il gene è unico, ma localizzato, invece che sul cromosoma 9, sul cromosoma 12. Possiede inoltre 3 introni, cosa che invece non succedeva per l interferon alfa e beta. Queste caratteristiche, insieme ad altre, fanno sì che questo interferon gamma venga a far parte di un gruppo a sé stante, con caratteristiche diverse rispetto all alfa e al beta. In effetti, un altra caratteristica peculiare dell interferon gamma è quella di essere instabile a un ph acido e queste sono caratteristiche molto importanti soprattutto per quanto riguarda la terapia ad interferone. Inoltre, non esiste alcun tipo di analogia con l interferon alfa e l interferon beta. Nella tabella 1 ho ricapitolato le caratteristiche delle varie classi di interferoni. 48

3 Tab. 1: Proprietà degli interferoni umani Attività antivirale Quando una cellula viene infettata da un virus o, semplicemente, quando incontra un genoma virale, al suo interno avvengono una serie di processi tali per cui, come risultato ultimo, si ha l attivazione di segnali che porteranno alla formazione dell interferon. A questo punto, l interferon rilasciato può seguire due destini: in parte può essere sentito da recettori presenti sulla stessa cellula e quindi andrà a proteggere questa cellula da successive infezioni, oppure, nel caso più generale, avviene quella che viene definita come una induzione dello stato antivirale su cellule adiacenti. L interferon viene captato da recettori particolari presenti su altre cellule e in queste vengono indotti tutta una serie di geni che sono responsabili del cosiddetto stato antivirale, che è lo stato che ha permesso l identificazione storica dell interferon. Questo stato antivirale si esplica, per esempio, con l incapacità dei virus a essere captati dalla cellula che viene infettata, oppure vengono attivate proteine che sono in grado di degradare gli RNA virali. L effetto dell interferone su queste cellule infettate può essere a diversi livelli: possiamo avere una inibizione della trascrizione degli RNA del virus. Oppure l inibizione può avvenire a livello di traduzione di questi RNA, quindi è un passo successivo. Oppure, se questi due meccanismi hanno fallito, ne possono intervenire altri. Per esempio, se le proteine virali devono essere a loro volta glicosilate, cioè devono subire modificazioni successive per poter diventare attive, devono agire delle proteine che vengono chiamate glicosiltransferasi. In questo caso, l azione inibitoria dell interferon può essere espletata tramite l incapacità di queste proteine glicosilanti ad agire. O ancora, può essere inibita la capacità del virus ad essere liberato dalla cellula. In questo caso, vengono quindi inibiti tutti quei meccanismi che sono responsabili della maturazione virale. Come schematicamente rappresentato nella Fig. 1 nel caso di un attacco di virus a RNA, dobbiamo avere, per far sì che questo virus possa uscire dalla cellula e quindi dare origine a un risultato positivo della sua infezione, tutti quei fattori che portano alla trascrizione e poi alla traduzione dell RNA virale. Allo stesso modo, i virus a DNA invece devono in qualche modo attivare dei geni presenti già nella cellula. In entrambi i casi, comunque, quello che è importante è sapere che l entrata di virus a DNA o virus a RNA provoca l aumento degli interferoni nella cellula con due conseguenze: l espressione dei geni virali può essere attenuata e pertanto questi non possono più esprimersi. Al contrario ci può essere una maggiore espressione di geni cellulari che sono responsabili dell inibizione del virus. Vedremo poi nel dettaglio alcuni di questi geni. Il risultato finale è comunque in ogni caso una inibizione della replicazione del virus. 49

4 Fig. 1: Meccanismi di inibizione della replicazione virale da parte degli interferoni. Attività antiproliferativa Attualmente l altro grande capitolo sull azione dell interferon è quello che riguarda l attività antiproliferativa e in certi casi, quindi, anche antitumorale. Sappiamo che l interferon alfa può agire sulle cellule T provocando la differenziazione dei cosiddetti T-helper 1 e, nello stesso tempo, inibendo invece la crescita di altri linfociti. In questo modo, c è la produzione di cellule specifiche contro un determinato bersaglio. Nello stesso modo, l interferon alfa riesce ad agire sulle cellule NK e le cellule macrofagiche, aumentando la produzione da parte di queste di interferon, aumentando soprattutto la produzione di interleuchina 1 e aumentandone la proliferazione, quindi il numero delle cellule in circolo. 7 Sulle cellule tumorali, l interferon alfa è in grado di aumentare l espressione del complesso maggiore di istocompatibilità di classe 1 e soprattutto di fare in modo che poi queste cellule esprimano antigeni tali per cui possono essere riconosciuti dai sistemi di difesa dell ospite. Quindi, in un certo senso, si può dire che l interferon alfa fa sì che le cellule tumorali producano segnali sulla loro superficie, in modo da essere poi successivamente riconosciuti da altri elementi di difesa. L azione dell interferon gamma è diversa: sulle cellule T, ne aumenta l attivazione in sinergia, quindi in combinazione con un interleuchina molto importante che è l interleuchina 2; sui macrofagi è in grado di aumentare la produzione del complesso di istocompatibilità di classe 2; sulle cellule tumorali, oltre, come già l interferon alfa, ad elevare la quantità delle cellule del complesso di istocompatibilità di classe 1, è anche in grado di diminuire la proliferazione della cellula tumorale stessa. Questo è stato osservato in colture cellulari di alcuni tipi di tumori. 7 La terapia antitumorale con interferon ha una storia abbastanza recente; verso la metà degli anni Ottanta si sono cominciati a usare in modo massiccio gli interferon contro un gran numero di tumori. In realtà, le promesse dell interferon sono state solo in parte mantenute in questo caso. In effetti, in questo lavoro pubblicato di recente da Jonasch e Haluska 7 sono riportati numerosi lavori che fanno un sommario di quello che è stato l utilizzo dell interferon in questi anni. Quello che ne viene fuori è che, in pratica, l interferon viene usato quasi sempre in combinazione con altri metodi, quali la chemioterapia, ed è attivo solo in alcuni tipi di cancro, in particolare nei confronti della leucemia mieloide cronica o del linfoma follicolare. In caso di altri tumori e a minor livello anche in queste forme, gli effetti negativi provocati dall interferon sui pazienti sono sempre abbastanza pericolosi e uno studio più approfondito deve ancora essere fatto per poter decidere se utilizzare queste molecole in terapia antitumorale. 50

5 Trasduzione del segnale Per realizzare le loro attività, gli interferoni si legano a recettori di membrana specifici che permettono alle cellule di sentire il segnale esterno dell interferon e di trasferirlo all interno della cellula, in modo che questa possa produrre le cosiddette proteine interferon-inducibili. Come già illustrato per gli interferoni, anche i recettori sono raggruppati in due classi: il recettore dell interferon alfa e beta da una parte e il recettore dell interferon gamma dall altra. In realtà, il recettore non è unico, ma è costituito da due subunità. Congiunte, le due subunità costituiscono il vero e proprio recettore per l interferon. Si tratta di proteine transmembrana con un dominio extracitoplasmatico e un dominio intracitoplasmatico, ma quello che è importante è la presenza, all interno del dominio intracitoplasmatico, di particolari motivi che legano proteine molto importanti nel fare in modo che questo segnale esterno sia captato all interno della cellula. In particolar modo, sono importanti delle proteine che si chiamano tirosinachinasiche, perché sono in grado di fosforilare dei residui di tirosina a questo livello, che fanno parte delle cosiddette proteine JAK. Il nome JAK ha una duplice valenza: in un periodo in cui si stavano scoprendo numerose proteine in grado di avere questa attività chinasica, fu trovata un ulteriore proteina di questo tipo, per cui le iniziali del nome inglese starebbero a significare appena un altra chinasi, nel senso che in quel tempo ne stavano trovando veramente tante. Un altra spiegazione è dovuta al fatto che la molecola possiede al suo interno due domini chinasici molto simili, di cui uno solo però è attivo. Quando la molecola assume la sua conformazione attiva, questi due domini vengono quasi a fronteggiarsi e a mimare un po quella che era la faccia del Giano bifronte romano, per cui anche il nome di Janus Kinase. 8 Altre proteine importanti in questo senso sono le cosiddette proteine STAT che hanno una duplice valenza in quanto, come dice il loro nome, sono trasduttori del segnale, quindi in grado di far passare il segnale esterno fino all interno, e allo stesso tempo sono anche attivatori della trascrizione, perché sono queste proteine che, una volta agganciatesi al recettore, viaggiano fino al nucleo e qui danno origine poi alla trascrizione di geni interferon-inducibili. 9 Infine, un altro gruppo di proteine che svolge un ruolo fondamentale nella trasduzione del segnale dell interferon è rappresentato dai Fattori Regolatori dell Interferon (IRF Interferon Regulatory Factors). Questi formano una famiglia di nove fattori di trascrizione correlati dal punto di vista funzionale; attraverso una serie di auto-interazioni o di interazioni con altri fattori di trascrizione, di recente è stato possibile chiarire meglio 10 quali sono i loro ruoli funzionali. In particolare, gli studi condotti su topi transgenici hanno evidenziato un loro coinvolgimento nella regolazione delle difese dell ospite, attraverso risposte immunitarie innate e adattative e oncogenesi 11. Fig. 2: Omologia tra la proteina murina p204 e la proteina umana Ifi16. I triangoli rappresentano i motivi di legame della proteina Retinoblastoma (prb). 51

6 Geni interferon-inducibili proteine che vengono indotte dall interferon, che quindi vengono trascritte a partire dai fattori STAT e IRF, sono molteplici e in continuo aumento, grazie anche all introduzione di nuovi metodi di analisi come la tecnologia a microarray. Le meglio caratterizzate sono la cosiddetta proteinchinasi RNA-dipendente, in inglese PKR, il sistema della 2 5 oligoadenilatosintetasi e le proteine MX. Ognuna di queste ha delle caratteristiche peculiari. Per esempio, il sistema della 2 5 oligoadenilatosintetasi è costituito da una serie di enzimi differenti che hanno comunque come risultato finale quello di degradare l RNA virale 12. L altra proteina interferon-inducibile è la cosiddetta PKR o proteinchinasi RNA-dipendente; si tratta di una proteina che, una volta fosforilata sotto l azione dell interferon o di RNA a doppia elica, riesce a sua volta a dar vita a una serie di trasformazioni all interno della cellula che hanno come risultato finale, in questo caso, l inibizione della sintesi proteica virale stessa, perché vengono sequestrati i fattori di inizio della trascrizione che sono quelli fondamentali per portare avanti la trascrizione virale 13. La PKR, come già anche la oligoadenilatosintetasi, oltre ad avere questa azione antivirale, è stata dimostrata avere anche un azione antiproliferativa e in certi casi anche di soppressore di tumori 14. Le MX protein sono un altro gruppo di proteine, conservate in diverse specie di vertebrati, le cui caratteristiche funzionali sono però ancora poco note. In origine, furono caratterizzate per la loro attività antivirale nel topo 15 e, successivamente, nell uomo. Quello che si sa è che la proteina umana, la MxA, è in grado in parte di inibire l azione di alcuni virus, soprattutto gli ortomixovirus e i paramixovirus 16. La famiglia genica di cui ci occupiamo attualmente nel nostro laboratorio è una famiglia particolare di geni interferon-inducibili; si tratta della famiglia di geni IfI200 nel topo e, più di recente, la sua controparte HIN200 nell uomo. Il nome IfI200 deriva dal fatto che queste proteine contengono uno o due domini amminoacidici 200, definiti a e b, e la famiglia è in realtà codificata da un cluster genico presente sul cromosoma 1 in posizione q21-22 sia nel topo che nell uomo. I quattro omologhi murini e i tre omologhi umani hanno quasi tutti le stesse caratteristiche, cioè sono indotti da interferon, lipopolisaccaridi, virus DNA o RNA, e sono soprattutto espressi nei tessuti ematopoietici. In particolar modo poi sono indotti dall interferon nel sistema delle cellule monocitomacrofagiche 17,18. Risultati abbastanza recenti del nostro laboratorio, assieme ad altri, hanno dimostrato poi che queste proteine riescono a controllare il ciclo cellulare e in particolar modo l overespressione su cellule in coltura. Si è visto così che queste cellule vengono bloccate in una fase del ciclo cellulare ben precisa, cioè prima che inizi la sintesi del DNA, tra la fase G1 e la fase S 19. A titolo di esempio, nella figura 2 abbiamo rappresentato schematicamente i componenti più importanti di questa famiglia: la proteina murina p204 e la sua controparte umana Ifi16. Esse presentano entrambi i domini a e b e due sequenze particolarmente importanti che concorrono a legare una proteina che è fondamentale nel controllo del ciclo cellulare: la proteina Retinoblastoma o prb 20. Esperimenti recenti confermano che la p204 è espressa nel tessuto ematopoietico come le altre proteine della famiglia, ma in particolare essa è altamente inducibile nel sistema delle cellule monocito e macrofagiche ed espressa nelle cellule endoteliali attivate ed espressa soprattutto nelle cellule della microglia, quindi in una particolare popolazione di cellule all interno del mesencefalo. Inoltre, recenti lavori che stiamo facendo nel nostro laboratorio per verificare l espressione dell Ifi16 sembrano dimostrare la presenza di questa cellula in cellule endoteliali di arterie nella patologia della arteriosclerosi (De Andrea et al., in preparazione). Questi dati, uniti agli studi che evidenziano un coinvolgimento dei componenti di questa famiglia nella suscettibilità al lupus sistemico 21,22, ci sollecitano a condurre ricerche più approfondite sulla correlazione tra l Ifi16 umana con varie patologie. 52

7 Bibliografia 1. Hoskins M. A protective action of neurotropic against viscerotropic yellow fever virus in Macacus rhesus. Amer. J. Trop. Med. Hyg. 1935; 15: Findlay GM, Mac Callum FO. An interference phenomenon in relation to yellow fever and other viruses. J. Path. Bact. 1937; 44: Isaacs A, Lindenmann J. Virus interference. I. The interferon. Proc. Royal Soc. 1957; B 147: Pestka S, Langer JA, Zoon KC, Samuel CE. Interferons and their actions. Annu. Rev. Biochem. 1987; 56: DeMaeyer EM, DeMaeyer-Guignard J. Interferons and other regulatory cytokines. Wiley-Interscience, New York, Landolfo S, Gribaudo G, Angeretti A, Gariglio M. Mechanisms of viral inhibition by interferons. Pharmacol. Ther. 1995; 65: Jonasch E, Haluska FG. Interferon in oncological practice: review of interferon biology, clinical applications, and toxicities. The Oncologist 2001; 6: Duhé RJ, Farrar WL. Structural and mechanistic aspects of Janus kinases: how the two-faced god wields a double-edged sword. J. Interferon Cytokine Res. 1998; 18: Schindler C, Darnell JE. Transcriptional responses to polypeptide ligands: the Jak-Stat pathway. Annu. Rev. Biochem. 1995; 64: Taniguchi T, Ogasawara K, Takaoka A, Tanaka N. IRF family of transcription factors as regulators of host defense. Annu. Rev. Immunol. 2001; 19: Sato M, Taniguchi T, Tanaka N. The interferon system and interferon regulatory factor transcription factors studies from gene knockout mice. Cytokine Growth Factor Rev. 2001; 12: Silverman RH. 2-5A dependent RNaseL: a regulated endoribonuclease in the interferon system. In: D Alessio G. and Riordan JF. (eds.). Ribonuclease: structure and functions. New York: Academic Press, 1997: Hovanessian AG. The double-stranded RNA-activated protein kinase induced by interferons: dsrna- PK. J. Interferon Res. 1989; 9: Clemens KL, Elia A. The double-stranded RNA-dependent protein kinase PKR: structure and function. J. Interferon Res. 1997; 17: Kolb E, Laine E, Strehler D, Staeheli P. Resistance to influenza virus infection of Mx transgenic mice expression Mx protein under the control of constitutive promoters. J. Virol. 1992; 66: Ponten A, Sick C, Weeber M, Haller O, Kochs G. Dominant-negative mutants of human MxA protein: domains in the carboxy-terminal moiety are important for oligomerization and antiviral activity. J. Virol. 1997; 71: Landolfo S, Gariglio M, Gribaudo G, Lembo D. The Ifi200 genes: an emerging family of IFN-inducible genes. Biochemie 1998; 80: Gariglio M, De Andrea M, Lembo M, Ravotto M, Zappador C, Valente G, Landolfo S. The murine homolog of the HIN200 family, Ifi204, is constitutively expressed in myeloid cells and selectively induced in the monocyte/macrophage lineage. J. Leokocyte Biol. 1998; 64: Lembo M, Sacchi C, Zappador C, Bellomo G, Gaboli M, Pandolfi PP, Gariglio M, Landolfo S. Inhibition of cell proliferation by the interferon-inducible 204 gene, a member of the Ifi200 cluster. Oncogene 1998; 16: Hertel L, Rolle S, De Andrea M, Azzimonti B, Osello R, Gribaudo G, Gariglio M, Landolfo S. The retinoblastoma protein is an essential mediator that links the interferon-inducible 204 gene to cell cycle regulation. Oncogene 2000; 19: Seelig HP, Ehrfeld H, Renz M. Interferon-gamma-inducible protein p16. A new target of antinuclear antibodies in patients with systemic lupus erythematosus. Arthritis Rheum. 1994; 37: Rozzo SJ, Allard JD, Choubey D, Vyse TJ, Izui S, Peltz G, Kotzin BL. Evidence for an interferoninducible gene, Ifi202, in the susceptibility to systemic lupus. Immunity 2001; 15:

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

What drives memory T cell inflation during MCMV infection?

What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISS. ETH Nr. 19895 What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISSERTATION for the degree of DOCTOR OF SCIENCES of the ETH ZURICH presented by NICOLE TORTI Dipl. Natw. ETH Born 15.06.1983

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Biochimica Ciclo XXI Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 TITOLO TESI Trasduzione del segnale e poliamine nell apoptosi

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Oltre l Osteoporosi...

Oltre l Osteoporosi... Oltre l Osteoporosi... Dr. Marco Valentini U.O. Reumatologia, Centro Osteoporosi Primus Forli Medical Center Metabolismo della vitamina D Sole ProD 3 PreD 3 Vitamina D 3 Cute ( 80%) Fegato Dieta (~20%)

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli