MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008"

Transcript

1 MARCHE Marche

2 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 216

3 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 217

4 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 218

5 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 219

6 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA Centro per la giustizia minorile per l Abruzzo, le Marche e il Molise* Regione MARCHE Caratteristiche dell utenza La provenienza territoriale dei minori, nell ambito della Regione, conferma una prevalenza della distribuzione nella fascia costiera rispetto alle aree interne, tranne che per la zona di Ascoli Piceno, in cui i reati sono sempre molto numerosi e l utenza presenta spesso particolari problematiche relative a disagio personale e atti di bullismo. Nella zona costiera si evidenzia che il maggior numero di minorenni proviene da S. Benedetto del Tronto (AP), dove le forme della recidiva (intesa come commissione di più reati nel tempo) e del disagio familiare appaiono più evidenti, così come nella Provincia di Pesaro, dove anche l uso di sostanze stupefacenti e i reati ad esso connessi risultano più frequenti. Le caratteristiche della devianza minorile marchigiana sono perlopiù riconducibili a forme di disagio temporaneo strettamente connesse al periodo dell adolescenza. E importante sottolineare, tuttavia, che è in netto aumento il numero dei minorenni assuntori di sostanze stupefacenti, così come sembra in crescita il fenomeno del bullismo, che si manifesta prevalentemente nelle scuole superiori. Il livello di scolarità dei minori continua a rappresentare un fattore di rischio o di fragilità di cui tenere conto. La gran parte dell utenza, infatti, presenta un livello di bassa scolarizzazione (dispersione scolastica, abbandono precoce, insuccesso, migrazione scolastica, ecc ) unita ad una grande difficoltà a trovare spazi alternativi di formazione e di realizzazione. Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni Ancona Gli interventi realizzati dal Servizio, come si evince dai dati riportati in tabella, consistono prevalentemente nella presa in carico per accertamento della personalità (n.443), mentre la presa in carico dei minori per l esecuzione di misure penali e/o altri istituti giuridici è numericamente inferiore. Questo elemento dipende dalla permanenza relativamente breve dei minori marchigiani nel circuito penale ed è determinata sostanzialmente dal basso numero di recidive e dall episodicità dei reati. Nel 2007, da un punto di vista strettamente numerico, tuttavia, gli interventi del Servizio risultano in discreto aumento rispetto agli anni precedenti. Per quanto riguarda l implementazione degli interventi attraverso il raccordo con le agenzie territoriali (EELL, Scuole), l USSM ha elaborato diversi progetti che sono stati realizzati negli ambiti territoriali di Ancona, Fermo ed Ascoli Piceno, con modalità e tempi diversi, raggiungendo ottimi risultati. Il * di Sandra Belloni referente locale studi e ricerche per le Marche l Abruzzo e il Molise. 220

7 4. SCENARI REGIONALI MARCHE Servizio, inoltre, è presente e collabora alla realizzazione di tutte le iniziative in favore delle fasce di età degli adolescenti e preadolescenti realizzate nel territorio regionale. Tipologia dell utenza Dall analisi della casistica svolta dall USSM, la devianza minorile nelle Marche risulta trasversale rispetto alle caratteristiche dei nuclei familiari, in quanto il fenomeno attraversa allo stesso modo sia famiglie con entrambi i genitori conviventi, sia famiglie con genitori separati o famiglie ricomposte. La tipologia delle relazioni familiari, sembra connotarsi per: conflitto inespresso; marginalità del minore nella famiglia (tendenza ad isolarsi); genitori molto impegnati nel lavoro e comunque incapaci di relazioni autentiche con il figlio; incapacità del genitore a costituire un riferimento educativo stabile. Per quanto riguarda i minori e il mondo del lavoro, emerge che solo una minoranza di essi sia alla ricerca di occupazione, ma incontri delle difficoltà nel reperirlo, anche a causa della carenza di servizi di orientamento. L USSM, pertanto, si sta attivando per promuovere la collaborazione degli EELL (Regione, Province, Ambiti Territoriali, Comuni capoluogo) rispetto alla realizzazione d interventi progettuali, finalizzati all inserimento lavorativo. Nell area del tempo libero, occorre segnalare che le uniche attività strutturate dei minorenni segnalati al Servizio attengono, quando presenti, all area dello sport, per il resto il tempo libero appare come un tempo vuoto. Pochi sono gli interessi coltivati dai minori, scarso è l interesse per il mondo dell associazionismo o il volontariato. Rispetto alla nazionalità dei minori, emerge un costante aumento degli stranieri rispetto agli italiani, che probabilmente segue anche il trend di composizione sociale generale, in quanto è in crescita il numero degli stranieri nel territorio regionale. Le caratteristiche dell utenza straniera, fatti salvi i minori stranieri non accompagnati per i quali è difficile conoscere le caratteristiche delle famiglie di origine, si può notare un discreto numero di famiglie ben integrate nel territorio e che non differiscono di molto da quelle italiane. I minori stranieri sembrano differenziarsi dai coetanei italiani per: la tipologia di reato in quanto risultano prevalenti i reati patrimoniali (furti) ed i reati contro la persona; una maggiore tendenza alla recidiva; una maggiore precarietà economica (instabilità lavorativa dei genitori); maggiori difficoltà di integrazione (individuale e familiare); precarietà familiare (spesso i genitori si spostano per lavoro). Rispetto ai minori stranieri, inoltre, sono state rilevate patologie psichiatriche determinate anche da fenomeni di disgregazione culturale di seconda generazione, che necessitano di attenta valutazione e politiche appropriate. 221

8 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA Il numero dei minorenni stranieri non accompagnati, sprovvisti di documenti e senza riferimenti significativi appare nettamente inferiore a quello di altre regioni. Si riconferma il dato di una maggioranza di minori di prima generazione, con la differenza che le condizioni lavorative familiari e d integrazione sociale risultano discrete. I minorenni stranieri residenti nel territorio, inoltre, spesso svolgono regolari attività scolastiche e, quasi nella metà dei casi gli stessi sono già seguiti dai servizi del territorio al momento dell ingresso nel circuito penale. Si evince una differenza determinante rispetto alla rete dei servizi degli Enti Locali di altre regioni del distretto, che appare più strutturata e meglio organizzata e, pertanto, la possibilità di attivare sinergie tra area civile ed area penale è possibile anche in assenza di protocolli specifici. In questo senso, la tutela dei diritti dei minori sembra maggiormente garantita. Il ridotto numero di minori non accompagnati, la presenza maggiore di supporti genitoriali ed educativi sul territorio di provenienza, favorisce una buona presa in carico e un più efficace trattamento dei minori stranieri. Tipologia dei reati Per quanto attiene alla tipologia di reati si conferma la scarsa propensione alla recidiva. Si rileva inoltre la presenza di: un aumento di uso di sostanze stupefacenti, soprattutto nella zona di Pesaro e S. Benedetto del Tronto e di reati ad esso connessi; atti di bullismo incrociato a violenze sessuali, violenze sugli animali, disprezzo di persone più fragili e atti di bullismo perpetrati con l utilizzo di nuove tecnologie; latin King reato di gruppo, con forte organizzazione clandestina a carattere verticistico, caratterizzato da gerarchia rigida e leadership identificativa, vera organizzazione a delinquere con tendenza alla diramazione; nuovi reati informatici con dissonanza rispetto alla scarsa scolarizzazione che depone per un uso solitario del mezzo informatico; reati a sfondo sessuale agiti sia dai maschi che dalle femmine (uso del proprio corpo per divulgazioni informatiche) che depone per un sempre maggiore analfabetismo sessuale. I minori non sembrano avere adeguati riferimenti educativi nemmeno in questo ambito. Per quanto riguarda la simbologia dell azione-reato, rimangono alcune aree minoritarie di significato strumentale (come già detto per i minori stranieri), con qualche raro caso di appartenenza a culture familiari devianti; per gli altri minori il significato simbolico comunicativo è preponderante e sottende: richiesta di attenzione familiare e sociale; richiesta di considerazione (esisto); messaggio di solitudine; necessità di individuazione e di identità; 222

9 4. SCENARI REGIONALI MARCHE identificazione con adulti significativi, ma negativi; necessità di sentirsi protetti ; assoggettamento ad adulti forti protettivi che danno regole molto chiare (vedi latin King); bisogno di essere leader seppure negativo; bisogno di essere gregari, di solito nei soggetti più fragili. Centro di Prima Accoglienza Ancona Per quanto riguarda l anno 2007, è da sottolineare un considerevole calo di ingressi rispetto agli scorsi anni, dal momento che se ne sono verificati soltanto 4 (quattro, di cui due maschi italiani, una femmina italiana e una femmina straniera) e l attivazione del servizio per cinque ore per il concorso in omicidio verificatosi nella metropolitana di Roma nel mese di aprile E il primo anno dal 1989 che il C.P.A di Ancona registra un numero così basso di utenza e al momento non si hanno elementi per spiegare il dato; l analisi degli atti pone in evidenza (ma è un dato del tutto relativo) che l arresto e l ingresso in C.P.A. viene realizzato solo in piena flagranza di reato. Per quanto riguarda le misure cautelari, per tutti i minori entrati vi è stata applicazione del collocamento in comunità. Comunità Gli ingressi dei minorenni in comunità nel 2007 sono complessivamente n.29, di cui 5 per lo svolgimento delle messe alla prova e 24 per applicazione dell art. 22 DPR 448/88. Le strutture utilizzate risultano essere prevalentemente a carattere educativo. Si evidenzia, tuttavia, che per 6 minorenni è stata necessaria l individuazione di strutture specialistiche per il recupero della tossicodipendenza. Buona risulta la collaborazione con i Servizi del territorio per lo svolgimento delle messe alla prova in comunità, soprattutto nei casi dei minori già sottoposti a misura di sicurezza, già seguiti dai Ser.T o già in carico all Ente Locale in seguito a provvedimenti di tipo civile. 223

10

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 ABRUZZO Abruzzo 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 226 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 227 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 228 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 229 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 SARDEGNA Sardegna 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 302 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 303 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 304 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 305 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici sui minori provenienti dalla Bosnia Erzegovina Soggetti in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni Ingressi nei Centri di prima accoglienza

Dettagli

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 Toscana TOSCANA 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 190 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 191 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 192 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 193 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M.

PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M. PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M. PROGETTO S.P.E.M. S.P.E.M. Servizio di Progettazione Educativa Minori a rischio di recidiva Un Servizio Minorile nel settore della giustizia penale e civile per una maggiore

Dettagli

L affido e le iniziative del Garante a tutela dell infanzia e dell adolescenza nelle Marche. Prof. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.

L affido e le iniziative del Garante a tutela dell infanzia e dell adolescenza nelle Marche. Prof. Italo Tanoni www.ombudsman.marche. L affido e le iniziative del Garante a tutela dell infanzia e dell adolescenza nelle Marche Prof. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Il quadro normativo di riferimento Norme regionali L.R. 20/ 2002 disciplina

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità

Ministero della Giustizia. Servizio Statistica. Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile e di comunità Servizio Statistica I Servizi della Giustizia Minorile 31 dicembre 2015 Dati statistici Elaborazione del 20 gennaio 2016 su

Dettagli

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 Le analisi che seguono sono relative al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2013. 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLE

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

Servizi sociali di Ambito tutela minori

Servizi sociali di Ambito tutela minori Settore 4 servizi alla persona Ambito di Seriate Piano sociale di Zona Servizi sociali di Ambito report_tm_2012.doc Premessa Report sull attività del servizio tutela minori e affidi dell Ambito territoriale

Dettagli

Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza di Torino, Italia

Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza di Torino, Italia Programme PREVENTION AND FIGHT AGAINST CRIME 2007 2013 Community prevention and community prevention Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza

Dettagli

STORIE TRA PARENTESI

STORIE TRA PARENTESI ---- Ministero della Giustizia Dipartimento Giustizia Minorile Centro per la Giustizia Minorile per la Lombardia Milano ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA

I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA I MINORENNI fuori DALLA FAMIGLIA D ORIGINE: I NUMERI Liviana Marelli CNCA LE FONTI I Quaderni della ricerca sociale 31 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali direzione generale per l inclusione

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI DELLA GIUSTIZIA

Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI DELLA GIUSTIZIA 29 dicembre 2014 Anno 2013 I GIOVANI NELLE STRUTTURE MINORILI L Istat e il Dipartimento per la Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia pubblicano un quadro aggiornato della condizione dei minori

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 4.2 Sostegno agli oneri relativi ai minori inseriti in strutture di tipo familiare SOTTOMISURA 4.2 1. TITOLO DELL INTERVENTO SOSTEGNO

Dettagli

4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale. 4.2.1 Interventi di prevenzione mirata a livello della scuola

4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale. 4.2.1 Interventi di prevenzione mirata a livello della scuola 4. PREVENZIONE 4.1 Prevenzione universale 4.1.1 Prevenzione a livello della scuola 4.1.2 Prevenzione a livello della famiglia 4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale 4.2 Prevenzione selettiva

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 Il servizio 114 Emergenza infanzia svolge la sua attività di aiuto in emergenza a bambini e adolescenti dal 2003. La fase sperimentale, inizialmente realizzata

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità Progetto Welfare e qualità sociale del territorio: un percorso continuo di aggiornamento

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori.

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Trieste, 1 dicembre 212 Il Mal.Ab. di Trieste Gruppo interistituzionale attivo dal

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

Punto di vista un progetto di sistema

Punto di vista un progetto di sistema Progetti scuola /extrascuola Punto di vista un progetto di sistema L.Grotti - Promeco Forlì 17 Febbraio 2011 Promeco È un servizio pubblico istituito attraverso una convenzione tra più enti. (Comune, A.USL,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale

Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale Riflessioni sulla sospensione del processo e la messa alla prova dei minori (Art. 28 D.P.R. 448/88) - a cura di Salvo Vitale L istituto della messa alla prova rappresenta un importante strumento legislativo

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

piccola comunità madre.bambino vanessa

piccola comunità madre.bambino vanessa piccola comunità madre.bambino vanessa Obiettivi > favorire la ricongiunzione di nuclei familiari disgregati dalla tossicodipendenza, da disturbi psichici e da svantaggio sociale in genere, in un contesto

Dettagli

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s.

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE ISTITUTO PENALE PER MINORENNI Cesare Beccaria Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. Minori ACCORDI OPERATIVI IN MERITO AGLI INTERVENTI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

2. Analisi della domanda sociale.

2. Analisi della domanda sociale. 2. Analisi della domanda sociale. La domanda sociale - come si evince dalle caratteristiche demografiche del Distretto, e da quanto è emerso dai lavori del tavolo tecnico del Distretto e dai Focus Groups

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

SERVIZIO di PRONTO INTERVENTO SOCIALE

SERVIZIO di PRONTO INTERVENTO SOCIALE Ambito Territoriale Sociale di Galatina PROVINCIA DI LECCE Tel. 0836/633542-453-454 telefax 0836/633460 Internet: www.comune.galatina.le.it e-mail servizisociali@comune.galatina.le.it SERVIZIO di PRONTO

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa.

2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. 2. GLI ISTITUTI PENALI PER I MINORENNI. Premessa. L analisi statistica sviluppata in questa seconda parte del lavoro riguarda sia la presenza di minori sia i movimenti in entrata e in uscita registrati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi

IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE. Dott.ssa Mariagrazia Rossi IL CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE Dott.ssa Mariagrazia Rossi CENTRO ANTIVIOLENZA LIBERAMENTE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS ATTIVO SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DAL 1989 REFERENTE PER IL NUMERO VERDE

Dettagli

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di:

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di: 3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007 Ai sensi di: - Deliberazione di C.R. n. 615 del 16/11/2004 - Determinazione regionale del Servizio politiche familiari, infanzia

Dettagli

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013 REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 213 Premessa Il Punto informativo svolge attività di accoglienza, informazione e orientamento rivolta a cittadini e servizi. E aperto al pubblico tutte

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della scuola media numero 19 104 III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni M. Anglesio L abbandono dei bambini è una questione sociale, non solamente individuale. E necessario che l adozione acquisisca il suo carattere,

Dettagli

negli Istituti Penali per i Minorenni anno 2003 e primo semestre 2004

negli Istituti Penali per i Minorenni anno 2003 e primo semestre 2004 negli Istituti Penali per i Minorenni anno 2003 e primo semestre 2004 A cura dell Ufficio III Servizio 3 della Direzione Generale per gli interventi di Giustizia Minorile e l attuazione dei provvedimenti

Dettagli

Guida ai servizi per gli immigrati nella regione Marche

Guida ai servizi per gli immigrati nella regione Marche Guida ai servizi per gli immigrati nella regione Marche Autori: Dr.ssa Licia Fiordarancio, dr.ssa Stefania Vichi, dr.ssa Patrizia Carletti Associazione Senza Confini,/ONLUS, Ancona Presentazione La presenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL COORDINAMENTO TECNICO DI ZONA All.B1 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Uff/SSC AMBITO ZONALE ALTO AGRI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI DI SERVIZIO SOCIALE E DEL Art. 1 Premessa

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE VIII SERVIZI SOCIALI, POLITICHE GIOVANILI E SPORT PROGETTO DOPOSCUOLA PINOCCHIO 1 PREMESSA Nell'ambito del programma degli interventi e servizi socio-assistenziali,

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

Area tecnica P.O. Area Minori Sottoposti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Area Minori Territorio. Area Adulti Area Disabili Area Anziani

Area tecnica P.O. Area Minori Sottoposti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria. Area Minori Territorio. Area Adulti Area Disabili Area Anziani RAGAZZE A DISAGIO : PERCORSI D AIUTO Dott. Giovanni La Mantia Assistente Sociale Responsabile dell Area Minori Rapporti con la Magistratura XV Municipio di Roma Capitale Organizzazione dell Ufficio di

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 7 Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE IL SOGNO Società Cooperativa Sociale a.r.l. 1 STORIA La Cooperativa Il Sogno agisce con finalità preventiva e di recupero a favore di minori in situazioni di disagio. Nasce come naturale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

MEDIAZIONE DEI CONFLITTI E SERVIZIO SOCIALE

MEDIAZIONE DEI CONFLITTI E SERVIZIO SOCIALE MEDIAZIONE DEI CONFLITTI E SERVIZIO SOCIALE ARGENTO GABRIELLA, ASSISTENTE SOCIALE MEDIATRICE Consulente Specialista Esterno di S.O.S. Servizi Sociali On Line Negli ultimi decenni la mediazione dei conflitti

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Allegato 6 Progetti con Enti Esterni A) Progetti in atto sostenuti da protocolli d intesa e accordi La Scuola ha firmato Protocolli d intesa con la città di Torino grazie ai quali il Comune mette a disposizione

Dettagli

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Premessa Il progetto "Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato" nasce dall'esigenza,

Dettagli

Allegato A) 1) OBIETTIVI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI

Allegato A) 1) OBIETTIVI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Allegato A) Fondo lotta alla Droga Definizione dei requisiti, delle modalità e dei criteri per il finanziamento dei Piani territoriali di intervento per la lotta alla droga. Il presente atto fissa i requisiti,

Dettagli

2.3 I SERVIZI SOCIALI

2.3 I SERVIZI SOCIALI 2.3.2 Il Servizio Sociale Apertura: Indirizzo: Recapiti: tel. Il Servizio alla Persona, ha preso avvio il: I servizi socio-assistenziali sono rivolti a tutti i cittadini residenti nel Comune di Pomezia.

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA CISMAI COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA Requisiti minimi dei Servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia Premessa Il presente documento è finalizzato

Dettagli

SERVIZIO PUBBLICO 114 EMERGENZA INFANZIA

SERVIZIO PUBBLICO 114 EMERGENZA INFANZIA SERVIZIO PUBBLICO 114 EMERGENZA INFANZIA INDICE Lo scenario dell emergenza dell infanzia in Italia Pag. 1 Il 114 Emergenza Infanzia Pag. 2 Gestione dell emergenza e messa in rete del caso Pag. 3 Il funzionamento

Dettagli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Centro di Psicologia e Psicoterapia Via Vicinale Maranda n. 25 80147 (NA) per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Mail: associazionesvt@gmail.com

Dettagli

LOMBARDIA Lombardia da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

LOMBARDIA Lombardia da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 Lombardia LOMBARDIA 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 134 4. SCENARI REGIONALI LOMBARDIA 135 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 136 4. SCENARI REGIONALI LOMBARDIA 137 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

«FARE INCLUSIONE» a SCUOLA con il TERRITORIO

«FARE INCLUSIONE» a SCUOLA con il TERRITORIO «FARE INCLUSIONE» a SCUOLA con il TERRITORIO Il Protocollo di Intesa per il coordinamento e l integrazione delle azioni e delle programmazioni finalizzate alla crescita del grado di inclusività del sistema

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Condotte autolesive in ambito minorile

Condotte autolesive in ambito minorile Condotte autolesive in ambito minorile dr Corradina Patrizia RENDO medico ASL 10 Presidio IPM-CPA 15-22 -29 ottobre 2014 Il disadattamento è figlio del disagio. Sono 575mila gli under 18 italiani in condizioni

Dettagli

CALABRIA Calabria da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

CALABRIA Calabria da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 CALABRIA Calabria 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 266 4. SCENARI REGIONALI CALABRIA 267 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 268 4. SCENARI REGIONALI CALABRIA 269 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.4. Area Diversamente Abili 11.4.1. UN GIORNO DOPO L ALTRO DALLA CONVIVENZA ALLA RESIDENZIALITÁ PER UNA VITA INDIPENDENTE SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita. Associazione Culturale "Giuseppe Dossetti: i Valori"

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita. Associazione Culturale Giuseppe Dossetti: i Valori P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita 1 Roma, 25 ottobre 2006 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini, Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma 2 Centro

Dettagli