Presentazione del corso e Introduzione alle scelte in condizioni di incertezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione del corso e Introduzione alle scelte in condizioni di incertezza"

Transcript

1 GIOCHI E STRATEGIE PER MANAGER (2010/2011 MODULO DEL CORSO STORIA DELL IMPRESA, GIOCHI E STRATEGIE PER MANAGER Lezione 01 Presentazione del corso e Introduzione alle scelte in condizioni di incertezza Professore: Mario Gilli 1 2 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE 1. Presentazione del docente e del corso 2. Indichiamo ciò che richiede l apprendimento della microeconomia MODERNA 3. Iniziamo lo studio della teoria dei giochi (e dell economia dell informazione spiegando la sua rilevanza per la teoria economica e per i manager 4. INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA Presentazione del docente Laurea in Discipline Economiche e Sociali presso la Bocconi Studi dopo la laurea (Ph.D. presso Cambridge (R.U. Ricercatore dal 1992 presso la Bocconi Professore Associato presso l'università di Bari dal 1998 al 2001 Professore Ordinario presso l'università di Milano - Bicocca dal 2002 Membro dalla fondazione della Game Theory Society INTERESSI: Teoria dei giochi Comportamento razionale Interconnessioni tra economia e altre scienze sociali. 3 4 Presentazione del corso 1. Lo scopo del corso 2. Il metodo di insegnamento e di studio 3. I libri di testo 4. L orario del corso. 5. Il sito web del Dipartimento di Economia Politica. 6. Le dispense associate al corso. 7. L esame 8. IL CODICE D ONORE 9. La verbalizzazione 10. Il ricevimento studenti 5 1. Lo scopo del corso - 1 Questo corso è un introduzione all uso dell economia dell informazione e della teoria dei giochi, finalizzato al loro uso concreto nell ambito delle attività manageriali. Gli obiettivi generali del corso sono: 1. Comprendere come si modella il comportamento razionale in contesti d incertezza e in particolare 1. l avversione al rischio e l utilità attesa 2. l utilità attesa come strumento decisionale normativo. 6 lezione giochi e strategie 01 1

2 1. Lo scopo del corso Comprendere i principali principi sottostanti al comportamento strategico e in particolare l importanza dei fattori di competitività e di cooperazione in diversi contesti socio economici il ruolo dell informazione in contesti d interazione strategica 3. dotare gli studenti di un linguaggio e di una strumentazione concettuale che permetta la comprensione di specifici casi aziendali, focalizzando l attenzione sull importanza delle istituzioni e del comportamento degli agenti. 1. Lo scopo del corso usare la strumentazione introdotta per analizzare dei concetti fondamentali per la comprensione del comportamento strategico dei manager, con particolare attenzione ai concetti di: 1. reciprocità 2. collusione 3. credibilità 4. reputazione. 5. Comprendere il funzionamento e le conseguenze dei problemi di informazione asimmetrica Il metodo di insegnamento e di studio Gli obiettivi saranno perseguiti usando un metodo induttivo, cioè partendo da casi aziendali ed economici specifici ed usando tali casi per sviluppare gli opportuni strumenti concettuali Dato questa modalità di insegnamento e date le difficoltà concettuali del corso, è mia ferma intenzione seguire le modalità di insegnamento prevalenti nelle migliori università anglosassoni al fine di favorire l apprendimento efficace degli studenti. In particolare questo significa che gli studenti sono fortemente incentivati A frequentare il corso A studiare durante il suo svolgimento A partecipare attivamente durante lo stesso Il metodo di insegnamento e di studio Il meccanismo di incentivazione per questo corso sarà articolato secondo le seguenti modalità, spiegate in dettaglio nella sezione dedicata agli esami 1. Valutazione di compiti in classe svolti nella date indicate al punto 4 2. Incoraggiamento a sostenere l esame durante o subito dopo il corso 3. Invio per posta elettronica di esercizi da svolgere prima delle lezioni, in modo da aiutare la partecipazione alla lezione stessa: la partecipazione attiva verrà premiata tramite punti che verranno aggiunti al voto finale I libri di testo David Kreps Microeconomia per manager, Egea 2006, capitoli 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26 e 27 ESERCIZI INVIATI PER POSTA ELETTRONICA E DA SVOLGERE SUL WEB Appunti a cura del docente 4. L orario del corso. Le lezioni sono nei seguenti orari: Lunedì dalle alle Aula U7/2 Le lezioni durano due ore e quindici minuti: quindi non è previsto un intervallo durante la lezione. Le lezioni inizieranno in orario secondo quando indicato prima, non sono benvenuti gli studenti che arriveranno in ritardo lezione giochi e strategie 01 2

3 5. Il sito Web del Dipartimento di Economia Politica Il sito Web ufficiale del Dipartimento di Economia Politica è il seguente A questo indirizzo potete trovare la pagina di Giochi e strategie per manager Tutte le lezioni saranno reperibili in questo sito. 6. Le dispense associate al corso Le dispense relative alle varie lezioni del corso in formato pdf potranno essere stampate direttamente dal sito Web del corso, posto all interno del sito del dipartimento di economia politica: L ESAME - 1 Le informazioni che seguono riguardano solo ed esclusivamente gli esami relativi al modulo di Giochi e Strategie per Manager, le informazioni per la verbalizzazione sono al punto 8. Sono previste due modalità di esame, una con prove durante lo svolgimento delle lezioni, un altra dopo la fine delle lezioni L ESAME 2 PRIMA MODALITA l esame consiste in tre compiti in classe composti da due domande vero/falso teoriche e un esercizio articolato in due punti. I compiti si svolgeranno durante il corso nelle date precedentemente indicate e avranno durata di 30 minuti. Il voto più basso tra i tre non verrà conteggiato e il voto finale è la media aritmetica dei restanti due voti. Per sostenere l esame con questa modalità è necessario iscriversi al seguente indirizzo: dove si devono inserire nome, cognome e indirizzo mail L ESAME 3 Seconda modalità: l esame si svolge nelle date che seguono, dura 60 minuti ed è composto da due parti: quattro domande vero/falso teoriche e un esercizio diviso in tre punti. Gli esami sono previsti nei seguenti giorni: 13/6/2011 ore /7/2011 ore /9/2011 ore 9.30 Altre tre date in gennaio, febbraio e aprile verranno stabilite quando verranno deliberate le scadenze del nuovo anno accademico. 7. L ESAME - 4 Come spiegato, è mia intenzione incentivare gli studenti a studiare durante lo svolgimento del corso e le modalità d esame verranno usate a questo scopo. Di conseguenza per evitare che gli studenti cerchino di essere promossi semplicemente ripetendo ad oltranza gli esami, invito gli studenti in primo luogo a scegliere la prima modalità, in alternativa a sostenere gli esami del 1 Luglio 2011 e del 14 Settembre lezione giochi e strategie 01 3

4 7. L ESAME - 5 Inoltre I COMPITI CONSEGNATI E GRAVEMENTE INSUFFICIENTI, CIOE CON UN VOTO INFERIORE A 14, VERRANNO CONSIDERATI PER IL VOTO AI SUCCESSIVI ESAMI CON VOTI INFERIORI A 14 NON E POSSIBILE RIPETERE L ESAME PRIMA DI TRE SETTIMANE A NORMA DI REGOLAMENTO DI ATENEO NON E POSSIBILE RIFIUTARE IL VOTO SUFFICIENTE PER RIPETERE L ESAME QUESTO SIGNIFICA CHE E NELL INTERESSE DEGLI STUDENTI RITIRARSI SE RITENGONO DI NON AVERE SVOLTO BENE L ESAME IL CODICE D ONORE L università dovrebbe fondarsi su un sistema meritocratico e siccome il merito è relativo copiare e far copiare colpisce due volte: fa guadagnare un voto alto ad una persona che non lo merita e spinge in basso nella classifica chi ha fatto bene da solo ma magari non benissimo come chi copia. Quindi per cercare di eliminare l oscena pratica della copiatura viene introdotto il codice d onore: lo studente per ogni esame sottoscrive la seguente regola: "Dichiaro sul mio onore di non avere copiato o lasciato copiare questo esame Chi trasgredisce tale regola viene sospeso dalla possibilità di fare esami per due appelli La verbalizzazione La verbalizzazione può avvenire SOLO DOPO L ISCRIZIONE SUL SIFA ALL ESAME STORIA DELL IMPRESA, GIOCHI E STRATEGIE PER MANAGER presentandosi di persona nelle seguenti date: 13 LUGLIO 2011 h AULA DA STABILIRE 21 SETTEMBRE 2011 h AULA DA STABILIRE Il ricevimento studenti Orario di ricevimento: mercoledì Viene svolto anche ricevimento per posta elettronica: inviare domande e quesiti al seguente indirizzo 22 Metodo di lavoro: 1. lucidi (files disponibili prima delle lezioni (se possibile. 2. SUGGERIMENTO: leggerli PRIMA della lezione 3. studiare durante il corso, in modo graduale 4. Svolgere gli esercizi inviati per posta elettronica prima delle lezioni 5. fare domande durante la lezione 6. ripasso prima della lezione successiva: domande su lezioni passate 23 Introduzione alla teoria dei giochi con esempi e un caso di studio 24 lezione giochi e strategie 01 4

5 Scacchi Tangentopoli Attacco terroristico Mercato Oligopolistico Aste Mercatino di Senigallia Famiglia o coppia Disarmo mondiale Riduzione del debito dei Paesi in via di sviluppo Rapimenti a scopo di estorsione Cosa hanno in comune queste situazioni? Sono tutte situazioni di interazione strategica situazione in cui l utilità di un individuo (o il profitto di un impresa dipende non solo dall azione da lui compiuta, ma anche dalle azioni compiute da altri agenti. Teoria dei giochi Modelli economici Mario Gilli Kreps "Microeconomia per manager" 25 Mario Gilli Kreps "Microeconomia per manager" 26 TEORIA DEI GIOCHI La teoria dei giochi non cooperativi studia i processi decisionali in situazioni in cui i comportamenti strategici sono rilevanti. Le situazioni di interazione strategica vengono dette giochi. Un decisore si comporta strategicamente quando prende in considerazione quello che ritiene che gli altri agenti faranno. Questi giochi vengono definiti non cooperativi perché ciascun soggetto che vi partecipa agisce unicamente per il proprio tornaconto; questo non significa che la cooperazione non possa essere un risultato del comportamento strategico. Una caratteristica importante nell interazione fra più agenti è la presenza di interdipendenza strategica. In situazioni di interdipendenza strategica ogni agente capisce che le vincite che riceve (espresse in termini di utilità o profitto non dipendono solamente dalle sue azioni, ma anche dalle azioni degli altri agenti. Nel suo processo decisionale, ogni agente dovrebbe considerare: 1 le azioni che gli altri agenti hanno già scelto; 2 le azioni che si aspetta che loro scelgano contemporaneamente; 3 le azioni future che loro possono (o no scegliere come conseguenza delle sue azioni nel presente. Mario Gilli Kreps "Microeconomia per manager" 27 Mario Gilli Kreps "Microeconomia per manager" 28 Teoria dei giochi Studio dei modelli matematici di cooperazione e conflitto tra individui intelligenti e razionali. Razionalità: ciascun individuo massimizza la sua utilità attesa rispetto a qualche credenza Intelligenza: ciascun individuo comprende la situazione in cui è coinvolto, compreso il fatto che gli altri individui sono intelligenti e razionali. Perché questi argomenti sono importanti? I modelli microeconomici tradizionali, in particolare i modelli di equilibrio economico generale sono interessanti ed eleganti, ma hanno alcune limitazioni importanti: Gli agenti interagiscono solo tramite il sistema dei prezzi Le istituzioni, ad esempio i contratti complessi, non svolgono alcun ruolo E difficile analizzare i problemi connessi alla INFORMAZIONE ASIMMETRICA, perché questa genera endogenamente incentivi a manipolarla, cioè crea ENDOGENAMENTE potere strategico Di conseguenza è necessario usare la teoria dei giochi. Mario Gilli Kreps "Microeconomia per manager" lezione giochi e strategie 01 5

6 Perché usiamo i giochi come paradigma? Diversi tipi di giochi Giochi in senso stretto: poker, scacchi, Giochi economici: aste, contrattazione, Caratteristiche di questi giochi Interdipendenza strategica Le regole determinano in modo univoco i risultati Cos è un gioco? Un gioco è descritto da quattro cose: 1. I giocatori 2. Le regole: ordine delle mosse, azioni possibili, informazione 3. Esiti (per ogni possibile profile di scelte 4. Vincite o utilità attesa UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (1 Due amici, Sonia e Gianni, devono decidere indipendentemente dove trascorrere martedì sera. Le scelte possibili sono: un pub chiamato Old Pros, un museo d arte e un bar chiamato Cafeen. 33 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (2 Preferenze di Sonia: 1. andare con Gianni all Old Pros, 2. andare con Gianni al museo d arte, 3. andare da sola all Old Pros, 4. andare con Gianni al Cafeen, 5. andare da sola al museo d arte e 6. andare da sola al Cafeen. Preferenze di Gianni: 1. andare con Sonia al Cafeen, 2. andare con Sonia al museo d arte, 3. andare con Sonia all Old Pros, 4. andare da solo al museo d arte, 5. andare da solo al Cafeen e 6. andare da solo all Old Pros. 34 Un modello di questa situazione è rappresentato nella figura che riporta una matrice 3 3: nelle tre righe sono indicate le opzioni di Sonia e nelle tre colonne quelle di Gianni. In ciascuna delle nove celle sono presenti due numeri, che rappresentano le preferenze dei nove esiti possibili GIANNI Old Pros Museo Cafeen Old Pros SONIA Museo Cafeen 6; 4 4; 3 4; 2 2; 1 5; 5 2; 2 1; 1 1; 3 3; 6 35 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (3 Osservate che: 1. gli ordini di preferenza presentano sei e non nove esiti per l ipotesi che, qualora non si rechino entrambi nello stesso posto, a Sonia e a Gianni non importa dove si rechi l altro; 2. gli ordini di preferenza degli esiti hanno carattere ordinale. Giungiamo ora a un ipotesi essenziale: Sonia e Gianni devono scegliere dove recarsi, senza conoscere la scelta effettuata dall altra parte. Possono consultarsi prima di scegliere? Per ora tralasciamo questo quesito. 36 lezione giochi e strategie 01 6

7 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (4 Possiamo prevedere che cosa accadrà? Possiamo prevedere che cosa non accadrà? Se (ipotesi impegnativa abbiamo gli esatti valori delle utilità di Sonia, siamo certi che non si recherà al Cafeen: a prescindere dalla scelta di Gianni, Sonia preferisce andare all Old Pros anziché al Cafeen. Possiamo prevedere qualcos altro? Se (supposizione molto impegnativa Gianni conosce l utilità di Sonia, allora dovrebbe concludere che Sonia non si recherà al Cafeen. Esclusa questa possibilità, le preferenze di Gianni sono tali per cui preferisce recarsi al museo d arte con o senza Sonia piuttosto che andare al Cafeen senza Sonia. 37 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (5 Obiezioni: 1. La prima scelta di Gianni è quella di recarsi al Cafeen con Sonia. Se Sonia e Gianni sono amici, non esiste la probabilità che Sonia sacrifichi i suoi interessi per Gianni? 2. Se i due amici escono insieme piuttosto spesso, Sonia non potrebbe sacrificare i suoi interessi in questa occasione, aspettandosi che Gianni ricambi il favore in futuro? Se queste possibilità sono reali, allora: 1. l ordine di preferenze che abbiamo ipotizzato per Sonia non è corretto; 2. se i due amici si trovano spesso dinnanzi a questo tipo di situazione, il gioco è molto più complesso della semplice scelta di dove andare. La ripetizione del gioco può cambiare tutto, come vedremo. 38 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (6 Possiamo procedere oltre? Rimaniamo con le conclusioni che Sonia non sceglierà il Cafeen e, se Gianni lo capisce, non lo sceglierà nemmeno lui. A questo punto Sonia e Gianni devono scegliere tra il museo d arte e l Old Pros. Siamo giunti a un punto morto: se Gianni prevede che Sonia andrà al museo d arte, il museo d arte sarebbe la sua risposta migliore; se prevede che Sonia andrà all Old Pros, allora la sua risposta migliore sarebbe l Old Pros. Lo stesso vale per Sonia: la sua scelta migliore dipende dalla scelta che prevede sarà presa da Gianni. La semplice logica sembra non sufficiente a capire dove i due amici si recheranno. 39 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (7 Se non possiamo sapere come Sonia e Gianni coordineranno le loro azioni, possiamo almeno prevedere che le coordineranno? Dipende. Se potessero avere una conversazione telefonica prima di prendere la loro decisione, probabilmente lo farebbero. 40 UN ESEMPIO: il gioco di Sonia e Gianni (8 Quando Sonia e Gianni si muovono contemporaneamente, si impegnano in un gioco in cui le strategie sono costituite da azioni semplici e quindi la bimatrice rappresenta la situazione come un gioco in forma strategica. Quando escludiamo che Sonia si rechi al Cafeen, stiamo applicando un criterio di dominanza. La conseguente decisione di Gianni di non recarsi al Cafeen è un applicazione di dominanza iterata. Quando sosteniamo che la soluzione del gioco non prevede che Sonia si rechi all Old Pros e Gianni al museo d arte, il motivo è che questo profilo di strategie non costituisce un equilibrio di Nash. 41 MA A COSA SERVONO QUESTI GIOCHETTI PER I MANAGER? UN CASO DI STUDIO: i pannolini monouso Le cinque forze di Porter e la teoria economica delle identità La definizione del settore e delle nicchie importanti I prodotti sostituti e complementi Il potere di contrattazione dei clienti e dei fornitori I potenziali entranti (e le barriere all entrata e alla mobilità La rivalità 42 lezione giochi e strategie 01 7

8 IL CASO (1 Nel 1974 il business dei pannolini monouso negli Stati Uniti era controllato dalla Procter & Gamble (P&G. Le dimensioni dei profitti di P&G attrassero nuovi entranti la Johnson & Johnson (J&J, impresa di prodotti per la cura dei bambini, e la Union Carbide, produttore di materie plastiche La P&G aveva un occhio di riguardo per la J&J, che considerava un entrante accettabile, mentre non desiderava ammettere nel settore la Union Carbide la P&G si impegnò con tutte le sue forze in una concorrenza all ultimo sangue contro la Union Carbide, uscendone vittoriosa. 43 IL CASO (2 Dal punto di vista della P&G la concorrenza proveniente dalla J&J non era uguale alla concorrenza della Union Carbide. Una teoria economica utile per comprendere le interazioni tra P&G, J&J e Union Carbide non può riguardare i mercati impersonali e anonimi, ma deve tenere in considerazione le identità dei concorrenti. Contano le identità dei fornitori Può contare anche l identità dei clienti E può importare anche l identità di imprese che non sono né concorrenti né fornitori né clienti 44 La teoria economica delle identità Non vogliamo sminuire l importanza della teoria economica dei grandi mercati anonimi: i modelli di tali mercati si rivelano molto utili nello studio di un ampia porzione del settore economico. Le identità tuttavia sono importanti per una porzione ancora maggiore del sistema economico, e per studiare tali situazioni occorrono modelli e strumenti diversi. Le identità rivestono importanza anche nelle relazioni economiche più personali, come tra cliente e avvocato oppure tra datore di lavoro e dipendente. 45 Esempio: i pannolini monouso (1 I prodotti sostituti e complementi (1 La capacità delle imprese di un dato settore di realizzare lauti profitti tramite prezzi elevati è limitata dall esistenza dei prodotti sostituti. In parte si tratta di elasticità della domanda. Per il settore dei pannolini monouso, i sostituti sono i pannolini in stoffa. I servizi di noleggio e lavaggio costituiscono un alternativa più comoda ma più costosa rispetto al bucato casalingo. Il settore di questo servizio era concentrato a livello locale e accusato di fare accordi di prezzo, un fattore positivo per i pannolini monouso. Il vantaggio dei pannolini monouso è costituito dalla comodità di gettare l usato, soprattutto quando il neonato e i genitori viaggiano. Un aumento generale della mobilità funge quindi da fattore complementare per i pannolini monouso: la deregolamentazione delle linee aeree fu propizia per tale settore. 46 Esempio: i pannolini monouso (2 Il potere di contrattazione dei clienti e dei fornitori Quali elementi rendono potente un cliente o un fornitore? Il fornitore ha una concessione esclusiva su un dato prodotto richiesto dalle imprese del settore Il fornitore non è limitato da alcun sostituto. Il settore fornitore è concentrato e non sussistono relazioni di rivalità interna. Il settore cliente è altamente concentrato. Il settore cliente acquista una porzione molto ampia dei prodotti. Il prodotto venduto non è essenziale per i clienti (il problema dei sostituti. Il costo del prodotto venduto costituisce una porzione considerevole dei costi totali del cliente, pertanto il cliente vorrà resistere ai tentativi di aumento dei prezzi. 47 I potenziali entranti (e le barriere all entrata e alla mobilità Se le imprese di un settore realizzano dei profitti, le imprese all esterno proveranno ad entrarvi per condividere la situazione favorevole. Se l entrata ha successo, la situazione delle imprese esistenti subirà un lieve peggioramento. Pertanto le imprese di un settore redditizio continuano a realizzare profitti a condizione che le barriere all entrata ostacolino i potenziali entranti. Gli economisti si concentrano su due categorie di barriere all entrata: 1. le barriere tangibili e 2. quelle psicologiche. 48 lezione giochi e strategie 01 8

9 Le barriere tangibili Le barriere tangibili sono costituite da qualsiasi elemento porti l entrante in una condizione di svantaggio nella concorrenza che seguirebbe all entrata: 1. Vantaggi di costo basati sulla scala. 2. Vantaggi di costo basati sulla gamma. 3. Vantaggi di costo basati sulla conoscenza. 4. Risorse finanziarie ed estensione del potere di mercato. 5. Accesso privilegiato a risorse particolari. 6. Accesso privilegiato ai canali di distribuzione. 7. La buona disposizione dei clienti e la reputazione. 8. Agganciamento dei clienti. 9. Limitazioni legali e politiche. 49 Le barriere psicologiche E la convinzione degli entranti che le imprese già presenti reagiranno in modo aggressivo, a prescindere da qualsiasi perdita di breve periodo si renda necessaria. Combattere un entrante o due è il metodo più sicuro con cui guadagnarsi la reputazione di oppositrici all entrata E anche una questione di credibilità, spesso le imprese intraprendono azioni tangibili per rendere credibile la barriera psicologica. Disporre di eccesso di capacità o il possesso di brevetti e prodotti pronti all uso in caso di necessità. Anche la struttura del capitale può essere utilizzata per segnalare aggressività: un impresa ad alta leva finanziaria sembra costretta a proteggere la sua quota di mercato per poter servire il suo debito, ma l efficacia di tale segnale è dubbia, perché può ridurre una barriera tangibile 50 Proseguiamo con il caso dei pannolini monouso (1 Nel business dei pannolini monouso le barriere all entrata erano imponenti: 1. Il processo produttivo necessita di un enorme investimento in capitale 2. La produzione manifesta una forte curva di esperienza 3. La reputazione con i consumatori è essenziale 4. La P&G aveva un accesso preferenziale ai canali di distribuzione, grazie ai vantaggi basati sulla gamma che le consentivano di ottenere ampio spazio sugli scaffali dei supermercati 5. Per i costi di spedizione, l enorme quota di mercato della P&G forniva un vantaggio di costo. 6. la P&G aveva coltivato negli anni una reputazione di concorrente aggressivo, che si rafforzò quando si oppose con tutte le forze alla Union Carbide. 51 I pannolini monouso (1 La rivalità (1 Esistono rivali buoni: le imprese che seguono la guida della vostra impresa, si accontentano di curare la propria nicchia e vi lasciano curare la vostra, e rivali cattivi. La P&G considerava la Kimberly-Clark un ottimo rivale perché questa impresa sembrava disposta ad accettare il suo secondo posto nel settore. La P&G riteneva che anche la J&J sarebbe stata un buon rivale: si sarebbe probabilmente accontentata della porzione del mercato di alta qualità, coerentemente con la sua immagine. 52 I pannolini monouso (2 La rivalità (2 La Union Carbide era completamente diversa: aveva manifestato il desiderio di espandersi in tutti i prodotti di consumo e data la sua forte base industriale, avrebbe potuto diventare un rivale temibile per la P&G, che decise pertanto di non risparmiarsi per far capire alla Union Carbide che si sarebbe pentita di averla scelta come rivale. Introduzione alla teoria della scelta in condizioni di incertezza lezione giochi e strategie 01 9

10 MODELLARE LA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA STRATEGICA Scelta razionale in 1. Condizioni di incertezza 2. Sul comportamento altri soggetti 3. Soggetti a loro volta razionali SCELTE IN SITUAZIONI DI INCERTEZZA (1 Usiamo il termine rischio/incertezza per descrivere quelle situazioni in cui l esito di una scelta è incerto. Ciò che determina l esito di una situazione incerta, o rischiosa, è noto come stato del mondo. Una lotteria è un meccanismo usato per rappresentare situazioni rischiose. Ci sono tre elementi fondamentali in una lotteria: i L insieme degli stati possibili, gli stati del mondo; ii Le probabilità connesse a ogni possibile stato del mondo; iii I valori associati a ogni possibile stato del mondo SCELTE IN SITUAZIONI DI INCERTEZZA (2 Per semplicità ci concentreremo su lotterie con un numero finito di stati e valori possibili. La probabilità di un certo stato del mondo è una misura della verosimiglianza che questo accada. Se un certo evento non può accadere, la sua probabilità è zero. Se un evento accade sicuramente, la sua probabilità è uno. Se potrebbe accadere, ma non per certo, allora la sua probabilità è fra zero e uno. Per ogni dato processo casuale, le probabilità di tutti gli stati devono sommarsi a uno, perché è certo che uno o l altro degli esiti possibili accadrà. 57 Esempio Se tiri un dado, sei davanti a una situazione di incertezza; in questo caso, la lotteria associata è caratterizzata da: i Stati o esiti: sei possibili esiti (le sei facce del dado ii Probabilità: ogni esito ha la stessa probabilità, pari a 1/6 iii Valori: per esempio, una somma di euro pari al numero sulla faccia del dado. Possiamo rappresentare questa lotteria con il seguente albero decisionale: 1/6 1 1/6 2 1/6 3 1/6 1/6 1/ Valore atteso Il valore atteso di una generica variabile casuale X è il valore di X che si realizza in media. Per trovare il valore atteso di X, si deve pesare il valore di X in ogni stato del mondo con la probabilità che quello stato del mondo e quindi il relativo valore - si realizzi. Il valore atteso di una semplice lotteria con due esiti è: ( p 2 EV = p v1 + 1 v dove p è la probabilità relativa al primo esito, e v j è il valore associato all esito j. Se v j = v per j = {1,2}, allora: ( 1 p v = v ( p + 1 p v EV = p v + = = 1 Il modello dell utilità attesa (1 Il modello più utilizzato dagli economisti per rappresentare il processo decisionale in presenza di esiti incerti è il modello dell utilità attesa. Iniziamo descrivendone il funzionamento per le scommesse con date probabilità oggettive e premi monetari. Le preferenze di una persona tra tali scommesse sono determinate dalla sua funzione di utilità, che assegna a ogni livello di premio monetario un numero corrispondente, ossia l utilità del premio 60 lezione giochi e strategie 01 10

11 Il modello dell utilità attesa (2 v1 p Consideriamo una generica lotteria V : V = v 2 1 p Ipotizziamo che i consumatori siano in grado di assegnare un livello di utilità a ogni valore possibile attraverso una funzione di utilità (ordinale U(v j. Teorema dell utilità attesa: date alcune ipotesi sulle preferenze, l utilità della lotteria V può essere rappresentata dalla seguente funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern: ( v + ( 1 p U ( v EU W ( V pu = = 1 2 Il teorema dell utilità attesa implica che i consumatori, se chiamati a scegliere fra diverse lotterie, paragoneranno i livelli di utilità attesa EU associati alle diverse lotterie. 61 Il modello dell utilità attesa (3 Una funzione di utilità Utilità 62 U Supponiamo che l individuo caratterizzato da questa funzione debba scegliere tra le tre scommesse rappresentate nella figura che segue: (X Il modello dell utilità attesa (4 0,7 0, (Y 0, , , (Z 0,12 0,39 0,21 0, Il modello dell utilità attesa (5 Dinnanzi a questo dilemma, ipotizziamo che il decisore: 1. utilizzi U per convertire ogni premio di ciascuna scommessa disponibile nel corrispondente livello di utilità; 2. calcoli l utilità attesa di ogni scommessa: per ciascuna scommessa si moltiplica la probabilità di ogni premio per l utilità corrispondente e si sommano i prodotti; ad es. l utilità attesa della prima scommessa è (0,7[2] + (0,3[1] = [1,7] 3. scelga la scommessa caratterizzata dall utilità attesa maggiore. 64 (X Il modello dell utilità attesa (6 0,7 0, (Y 0, , , (Z 0,12 0,39 0,21 0,28 PREFERITE LA SCOMMESSA (X, (Y oppure (Z? 0,7 750 [2] 0, [4] [1,4+0,3=1,7] [1,57] [1,28] (X (Y 0,44 250[1,35] 0,3 0,23 (Z 0 [1] [-1,5] USANDO L UTILITA ATTESA PREFERITE (X , [4] 0, [1,35] 0,21 0, [0] 0 [1] 65 Il modello dell utilità attesa (7 La funzione di utilità specifica è importante solamente per preservare l ordine delle utilità attese: se U è la funzione di utilità che (insieme all ipotesi di massimizzazione dell utilità attesa caratterizza le scelte di un dato individuo, allora la funzione V determinata moltiplicando U per una costante positiva e aggiungendo un altra costante porta esattamente alle stesse scelte; in particolare, un livello di utilità nullo non ha alcun significato cardinale. 66 lezione giochi e strategie 01 11

12 I premi non monetari E facile estendere subito il modello ai premi non monetari: qualsiasi sia la gamma dei premi possibili, la funzione di utilità U assegna a ogni premio un livello di utilità e quindi misuriamo il valore di ogni scommessa in base alla sua utilità attesa. 67 EU U U( v 2 U( v 1 v 1 L equivalente certo CE L equivalente certo è il prospetto senza rischio che genera un livello di utilità pari all utilità attesa della lotteria. 68 v2 v Esempio di calcolo del CE Consideriamo una specifica lotteria V : 0 V = 1 1 / 2 Ipotizziamo che i consumatori siano caratterizzati da una funzione di utilità (ordinale U(v j = v W ( V = 0, ,5 1 = 0,5 1 / 2 Per definizione il CE deve soddisfare la seguente equazione Quindi W ( V = W ( CE = U ( CE CE = 0,5 CE = ( 0,5 2 = 0, 25 Mario Gilli lezione giochi info e mercati strategie Una funzione di utilità tipica U Le proprietà della funzione di utilità 1. è crescente: una quantità maggiore di denaro è migliore di una quantità minore; 2. è continua: il valore di una scommessa per il decisore non varia in misura notevole quando i livelli dei premi cambiano in modo continuo; la continuità garantisce che ogni scommessa abbia un certo equivalente; 3. è concava, conformemente a un comportamento avverso al rischio. 70 U ( v 2 U ( EV EU =W(V U ( v 1 Avversione al rischio (1 v1 EV v2 v 1 p V = EV = p v p v 2 1 p W ( V = EU = p U ( v 1 + ( 1 p U ( v 2 ( v U ( v 71 2 v Avversione al rischio (2 Quando un consumatore preferisce un prospettiva senza rischio (certa rispetto a una lotteria rischiosa con lo stesso valore atteso, allora quel consumatore è detto avverso al rischio. U,W W ( EV = U ( EV W ( V = EU v 1 EV W ( EV > W ( V U ( EV > v2 U ( v In questo esempio l alternativa certa, EV, è preferita a una lotteria con lo stesso valore atteso. v EU 72 lezione giochi e strategie 01 12

13 U,W W ( V = EU W ( EV = U Propensione al rischio ( EV U,W W ( V = EU = W ( EV = U Indifferenza al rischio ( EV v 1 Propenso al rischio : ( EV < W ( V U ( EV EU EV W < 73 v2 v v 1 EV Indifferente al rischio : ( EV = W ( V U ( EV EU v2 W = 74 x premio al rischio CE rappresenta l equivalente certo, cioè il prospetto senza rischio che genera un livello di utilità pari all utilità attesa dalla lotteria. La quantità RP EV CE misura la somma che rende il consumatore indifferente fra il prospetto senza rischio e la lotteria. Questa somma è nota come premio al rischio; più in generale, il premio al rischio misura il guadagno extra su una lotteria necessario per compensare per il rischio un individuo avverso al rischio. Quindi a seconda del segno di RP possiamo classificare l individuo come: propenso al rischio se e solo se RP < 0 neutrale al rischio se e solo se RP = 0 avverso al rischio se e solo se RP > 0 75 Relazione tra questo capitolo e il modello del consumatore che massimizza l utilità (1 Indichiamo con Z l insieme di tutti gli oggetti tra cui l individuo deve scegliere; essi possono essere costituiti da una varietà di elementi. Possiamo pensare a ogni z 1. come a un paniere di beni ( z 1,..., z N 2. come a un paniere di beni ( z 1,..., zn, m dove l ultimo bene m è la quantità di denaro avanzato. 3. come a una lotteria: esiste un insieme X di premi possibili e ogni z rappresenta una lotteria che offre i premi dell insieme 76 Relazione tra questo capitolo e il modello del consumatore che massimizza l utilità (3 4. come a un portafoglio di titoli, ( z 1,..., z N dove z i sono i soldi investiti nel titolo i. 5. come a denaro contante derivante da investimenti nel tempo, z = ( z0, z1,..., z N rappresenta z 0 euro derivanti dall investimento oggi, z 1 euro accumulati il prossimo mese, e così via. 77 Relazione tra questo capitolo e il modello del consumatore che massimizza l utilità (4 6. come a una particolare varietà di un dato prodotto di consumo, per es. un automobile, dove z = ( z1, z2, z3, z4 1. z 1 è il tipo di carrozzeria del veicolo, 2. z 2 il colore, 3. z 3 la cilindrata e 4. z 4 il consumo di carburante. Questo tipo di rappresentazione degli oggetti viene utilizzato nel marketing dei beni di largo consumo. 78 lezione giochi e strategie 01 13

14 Relazione tra questo capitolo e il modello del consumatore che massimizza l utilità (5 Per costruire un modello del comportamento di scelta dell individuo dinnanzi a questi oggetti supponiamo che una data funzione u associ a ogni oggetto z dell insieme Z un indice numerico, u(z, e, dato un insieme di oggetti tra i quali scegliere, l individuo scelga l oggetto che fornisce l utilità più elevata. Il punto è che utilizziamo il termine funzione di utilità in due modi diversi 79 Relazione tra questo capitolo e il modello del consumatore che massimizza l utilità (6 Nel modello del consumatore la funzione di utilità (con la u minuscola fornisce, per ogni oggetto che potrebbe essere scelto, una misura diretta della preferenza dell individuo per l oggetto. In questa lezione la funzione di utilità (con la U maiuscola rappresenta una componente della misura delle preferenze dell individuo per le lotterie; U(x fornisce infatti un indice della desiderabilità del premio x, che deve essere moltiplicato per la probabilità di occorrenza di x e poi sommato agli altri risultati per ottenere la misura complessiva della desiderabilità della scommessa in questione. 80 lezione giochi e strategie 01 14

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Introduzione alla Teoria dei Giochi

Introduzione alla Teoria dei Giochi Introduzione alla Teoria dei Giochi A. Agnetis Questi appunti presentano alcuni concetti introduttivi fondamentali di Teoria dei Giochi. Si tratta di appunti pensati per studenti di Ingegneria Gestionale

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli