IMC = Kg : m 2 L ALIMENTAZIONE. Esempio: peso 80 Kg statura 1.85 m. IMC = 80 : (1.85 x 1.85) = 23.4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMC = Kg : m 2 L ALIMENTAZIONE. Esempio: peso 80 Kg statura 1.85 m. IMC = 80 : (1.85 x 1.85) = 23.4"

Transcript

1 L ALIMENTAZIONE Che alimentari in modo corretto ia importante non è certo una novità! Tutti lo anno, pochi lo mettono in pratica. Perché? Varie ono le ripote, peo tutte hanno in comune due fattori: la difficoltà di mantenere l abitudine a un alimentazione corretta e il non apere coa realmente ia corretto. Quante ono le perone che, otto la pinta di credenze popolari o peronali, mode, ma media, penano di alimentari in modo alutare, ma in realtà non lo fanno o lo fanno in modo che mai potrà diventare una vera abitudine di vita? Quante perone non hanno chiaro quale, o meglio quali benefici poano derivare dall alimentari in modo corretto ia da un punto di vita quantitativo che qualitativo? È proprio queto uno dei punti principali che va chiarito: alimentari in modo corretto ignifica tener preente ia la quantità che la qualità del cibo, e i principali benefici ottenibili ono: - controllo del peo corporeo; - controllo del profilo metabolico (oprattutto del metabolimo glucidico [glicemia], lipidico [coleterolo e trigliceridi] ed epatico [tranaminai e gamma GT]); - controllo della funzionalità gatroenterica (getione di problematiche digetive, dolori o altri fatidi gatrici e addominali, tipi e diarrea); - controllo dello tato di beneere generale. Alimentazione e dimagramento: il peo corporeo rappreenta il modo più emplice per quantificare il bilancio energetico tra quante calorie aumiamo con l alimentazione e quante ne conumiamo con l attività. Quando le calorie aunte ono più di quelle conumate, il peo aumenta, e l ecceo di calorie i accumula ottoforma di teuto adipoo (grao). Quando invece i introduce meno energia di quanta e ne conuma, il corpo utilizza le ue rierve di grao per oddifare le richiete energetiche, con coneguente dimagramento. Ogni perona ha il proprio metabolimo ed è quindi in parte vero che l utilizzazione dell energia varia da un individuo e l altro. In poche parole, a parità di cibo introdotto con la dieta e facendo un attività fiica imile, una perona tende a ingraare più dell altra. IMC = Kg : m 2 Eempio: peo 80 Kg tatura 1.85 m IMC = 80 : (1.85 x 1.85) =

2 Le ragioni di queto fatto ono varie, entrano in gioco fattori ormonali, ma non olo. Sta di fatto che comunque l energia introdotta è di più di quella necearia e quindi, chi a di appartenere a queta categoria di perone deve tare molto più attento all alimentazione e fare più attività fiica. Il corpo di un oggetto adulto e ano dovrebbe eere compoto da circa l 80-85% da maa magra (mucoli) cheletro, viceri, liquidi corporei e olo dal 15-20% di maa graa (teuto adipoo); nella donna tale percentuale è del 20-30%. La diagnoi di ovrappeo (e di obeità) (tabella 3) viene pota coniderando il peo e l altezza di un individuo. Ovviamente vanno inoltre coniderati fattori individuali come eo, età e truttura corporea, in genere è però poibile utilizzare formule e tabelle in grado di calcolare l Indice di maa corporea (IMC) che i ottiene facendo il rapporto tra il peo e la tatura al quadrato eprea in metri. Figura 2. Non è olo il emplice peo che conta, ma anche come il teuto adipoo è ditribuito. Difatti molti tudi cientifici hanno dimotrato che il teuto adipoo ditribuito a livello addominale (tipico dell uomo e della donna in età pot menopauale) ia aociato a un aumento del richio di numeroe malattie quali quelle cardiovacolari (infarto, angina, ictu, ipertenione, ecc) e metaboliche (diabete, indrome metabolica). Il teuto adipoo, invece, ditribuito oprattutto a livello ottocutaneo (ad eempio u Tabella 3: CATEGORIE DI INDICE DI MASSA CORPOREA Magrezza grave Inferiore a 16 Magrezza moderata Sottopeo Normopeo Sovrappeo Obeità moderata Obeità grave Superiore a 40 22

3 gambe e glutei, tipico della donna in età fertile) è invece meno correlato a tale richio. I valori di circonferenza addominale aociati a un aumento di richio dipendono non olo dal eo, ma anche dalla razza 4: quelli riportati in tabella 2 ono riferiti alla razza caucaica, quella bianca tipica dei paei Europei. Valori di circonferenza vita pari o uperiori a 94 cm nell uomo e 80 cm nella donna, i aociano a un iniziale aumento del richio, che diventa maggiore quando tali valori ono pari o, peggio, uperano i 102 cm nell uomo e gli 88 cm nella donna. Sovrappeo e oprattutto obeità rappreentano oggi una vera epidemia che colpice non olo in età adulta, ma anche in età pediatrica, con coneguente diagnoi di diabete di tipo 2, dilipidemie e ipertenione arterioa eenziale anche in queta facia di età che, ino a qualche decennio fa, ne era quai immune. Anche altre patologie ono peggiorate dall aumento del peo corporeo, tra quete ricordiamo: alcuni tipi di cancro, inufficienza repiratoria, indrome delle apnee notturne, diturbi alla colonna vertebrale, diturbi dell apparato mucolare, diturbi alle articolazioni e problematiche picologiche. DIMAGRIRE È UTILE! Sono molte però anche le evidenze cientifiche che motrano come perdere peo ignifichi invece ridurre il richio per tali malattie, indipendentemente dall età e dalle patologie preenti. Ecco quindi che l attenzione i focalizza non olo e non tanto ul peo raggiunto, ma u come e quanto perderne. Anche e non i riece a raggiungere il peo ideale, comunque dimagrire aiuta a ridurre la poibilità di andare incontro o di peggiorare (e ono già preenti) tali patologie. Ne vale empre la pena! Come dimagrire? Dimagrire non è emplice, ma è icuramente poibile. Il egreto ta nel riucire a introdurre meno calorie di quante e ne conuma. In poche parole mangiare meglio e fare più attività. Quello che conta però non è olo perdere peo, ma oprattutto riucire poi a mantenere il peo pero. Ecco quindi che diete fai da te trette, non controllate, che magari portano a perdere in fretta qualche chilo ma che non garanticono di mantenere il riultato, non ono utili, anzi peo dannoe. Infatti, peo, perdite di peo repentine e non controllate portano a riacquiire tutti i chili peri e magari qualcuno in più! Occorrono, invece, programmi che educhino u come mangiare, diano informazioni utili ugli alimenti in modo che la perona ia in grado di getiri da ola nel tempo. Ovviamente all inizio occorre una guida che indichi chiaramente coa e come mangiare (programmi alimentari creati in bae alle caratteritiche ed eigenze della perona) affiancati da piegazioni, informazioni, ecc. 23

4 Molte ricerche ono tate fatte per individuare la dieta ideale, per indicare quali principi nutritivi e quali le relative proporzioni (5,6). I lavori cientifici più recenti indicano chiaramente che non eite una dieta ideale, la maggior parte dei regimi alimentari cientificamente impiegati raggiungevano l obiettivo di far perdere peo a patto che: - vi foe una ignificativa riduzione della quantità di cibo aunto compleivamente; - foero preenti in varie proporzioni carboidrati, proteine e lipidi; - generalmente vi foe una limitazione pecialmente degli alimenti ad alto contenuto lipidico, oprattutto vi foe cotanza e aderenza nel eguire il regime alimentare propoto. Ovviamente ogni regime alimentare va peronalizzato in bae alle caratteritiche del paziente e a eventuali eigenze cliniche. Eere diabetico o avere il coleterolo alto dovrà eere tenuto ben preente nell impotare un programma alimentare. Oltre a mangiare in modo più corretto da un punto di vita quantitativo e, oprattutto, qualitativo, occorre poi aumentare l attività fiica volta. Per dimagrire biogna fare molta attività fiica di tipo aerobico (correre, camminare a pao veloce, nuotare, andare in bicicletta, ecc), ma attività fiica volta a intenità meno elevate è comunque importantiima per aiutare a mantenere un buon peo raggiunto con un alimentazione più corretta. Coa ono le calorie? La caloria (cal) è un unità di miura dell energia, deriva dal latino calor che ignifica calore. Rappreenta la quantità di calore necearia per elevare di un grado centigrado la temperatura di 1 grammo d acqua. La chilocaloria (Cal o Kcal) rappreenta la quantità di calore necearia per elevare di un grado centigrado la temperatura di 1 chilo d acqua. Gli alimenti fornicono una determinata quantità di energia che varia da alimento ad alimento e che viene uata dall organimo a livello cellulare per volgere tutte le ue funzioni. Gli alimenti. Gli alimenti in grado di fornire energia ono di 3 tipi: i carboidrati, i grai e le proteine. Acqua, ali minerali e vitamine ono elementi indipenabili per la alute, ma non fornicono direttamente energia. Tutti gli alimenti che aumiamo vengono metabolizzati dal fegato. Il metabolimo epatico è un proceo molto compleo: in breve poiamo emplificarlo dicendo che il fegato traforma (quando neceario) gli alimenti che aumiamo in glucoio (uno zucchero che rappreenta la benzina per le cellule) oppure in grai (trigliceridi) che vengono mei in rierva (teuto adipoo, maa graa) 24

5 con coneguente ingraamento. Vicevera, quando i dimagrice, il metabolimo lavora in modo divero: i grai depoitati nel teuto adipoo vengono rimoi ed il fegato li riconverte in glucoio per poterli utilizzare e produrre energia. Le proteine aunte con la dieta di olito vengono invece utilizzate per produrre i mucoli (maa magra). Carboidrati: (zuccheri) cotituicono una fonte immediata di energia per l organimo: vengono infatti aorbiti e utilizzati facilmente enza produrre corie metaboliche, aicurando un rifornimento di glucoio immediato. I carboidrati i dividono generalmente in 2 gruppi (tabella 4): quelli emplici (che hanno il apore dolce) e quelli complei o amidi. Queti ultimi, eendo appunto chimicamente più complei, richiedono più tempo per eere metabolizzati ( mantellati in molecole più piccole, come il glucoio teo, per poter eere aorbiti) e quindi vengono aorbiti più lentamente. Di coneguenza, la preenza contemporanea dei 2 tipi di carboidrati nella dieta in proporzioni adeguate (pochi carboidrati emplici e più complei) garantice all organimo un rifornimento d energia cotante e prolungato nel tempo. La quantità di carboidrati che deve eere preente nella dieta dipende dall età, tipo di attività fiica, tato di alute, peo corporeo. In generale poiamo dire che i carboidrati devono eere preenti ma (attenzione!) non in ecceo. Buona regola è che iano preenti al mattino e nella prima parte della giornata, meglio poi e complei. Ogni grammo di carboidrati aunti fornice 4 Kcal. Un particolare tipo di zucchero è poi l alcool, ricordiamo che 1 grammo di alcool fornice ben 7 Kcal! Tabella 4: ESEMPI DEI PRINCIPALI CARBOIDRATI SEMPLICI: accaroio, glucoio, fruttoio, lattoio COMPLESSI: - cereali (frumento, mai, orzo, rio) - legumi (fagioli, ceci, lenticchie, farro, pielli) - tuberi (patate) Conigli utili: limita l utilizzo di zucchero per addolcire cibi e bevande; limita la quantità di marmellate, creme, miele, ecc; limita la quantità di pane, pata, rio, ecc; limita la quantità di bibite dolcificate; limita il conumo di dolci in genere ed eliminali, e vuoi dimagrire; aumi preferibilmente carboidrati contenuti in cereali e legumi; preferici prodotti integrali. 25

6 Grai: una corretta alimentazione prevede anche l aunzione di grai, ma in quantità moderate che dipendono dalle caratteritiche della perona. Fornicono infatti una grande quantità di energia (1 grammo di grai fornice ben 9 Kcal!) e, e di origine animale, poono contenere ignificative quantità di coleterolo che, quando in ecceo, è dannoo per la alute. Sul piano dell apporto di energia tutti i grai ono uguali, ma ul piano della qualità poono eere molto diveri (tabella 5). Infatti la loro compoizione chimica è variabile, in particolare quella di acidi grai (aturi, inaturi, ecc). La divera qualità dei grai può avere effetti importanti ulla alute. Sono immagazzinati nell organimo ottoforma di trigliceridi (ia circolanti nel angue, che nel teuto adipoo di rierva, che in alcuni organi) e di coleterolo. Tabella 5: DIFFERENTI TIPI DI ACIDI GRASSI SATURI: contenuti in alimenti che tendono a far innalzare il livello di coleterolo (formaggi, alumi, burro, panna, carni grae). Anche cibi di origine vegetale come olio di cocco e di palma contengono acidi grai aturi. INSATURI: contenuti oprattutto in olii vegetali (d oliva, emi, ecc), noci, nocciole e pece. Si dividono in : - monoinaturi, contenuti, ad eempio nell olio d oliva; - poliinaturi tipo omega 6, contenuti, ad eempio nell olio di emi; - poliinaturi tipo omega 3, contenuti, ad eempio, nel pece. Queti hanno il vantaggio di aiutare a ridurre il livello di trigliceridi in ecceo. TRANS: preenti in cibi di origine animale, i formano durante alcuni trattamenti indutriali dei grai vegetali. Favoricono l aumento del coleterolo. Conigli utili: riduci (o meglio elimina) i condimenti (burro, gradine, olio) pecie per cucinare; per cucinare ua preferibilmente pentole antiaderenti, cottura al vapore, al cartoccio, alla griglia, ecc; condici preferibilmente gli alimenti con oli crudi; utilizza comunque empre pochi condimenti; non eccedere nel conumo di cibi fritti, e puoi evitali; preferici carni magre e/o bianche (pollo, vitello, ecc); mangia peo il pece; cegli latte, yogurt, ecc cremati o parzialmente cremati; attenzione al conumo di uova e alimenti che li contengono; limita il conumo di formaggi e alumi. 26

7 Proteine: rappreentano i mattoni con cui cotruiamo i notri mucoli. È molto importante che la dieta contenga una giuta quantità di proteine, non olo durante le fai della crecita. La giuta quantità dipende dalle caratteritiche della perona, ma comunque, neuno ne può fare a meno. Sono contenute oprattutto in alimenti di origine animale (carne e pece), ma anche in alcuni vegetali come la oia, i fagioli, le lenticchie, ecc. Attenzione al fatto che gli alimenti che le contengono poono eere ricchi in grai (carni grae, formaggi, alumi): è bene quindi aumere le proteine prevalentemente da pece, carni magre e/o bianche e vegetali. Un grammo di proteine fornice 4 Kcal. Conigli utili: preferici carni bianche (pollo, tacchino, vitello, ecc); quando cegli carni roe, preferici parti magre; togli empre il grao dalla carne, meglio prima di cuocerla; togli la pelle dal pollame, meglio e prima di cuocerlo; aumi legumi; mangia il pece più volte alla ettimana. Acqua, ali minerali e vitamine. Sono elementi eenziali che devono eere neceariamente aunti con la dieta. Una loro carenza conduce a importanti, malattie, a ogni età. L acqua infatti rappreenta la principale componente del notro organimo ed è indipenabile per volgere tutti i procei fiiologici e le reazioni biochimiche che avvengono nel notro organimo. È bene aumere circa 1,5-2 litri di acqua ogni giorno per reintegrare quella che normalmente viene eliminata con urina, udore, ecc. Attenzione! È meglio aumere acqua ottoforma di acqua e non bevande zuccherate, ucchi di frutta zuccherati, bevande alcoliche, ecc. Sali minerali e vitamine ono altrettanto indipenabili per garantire il corretto funzionamento di tutti i procei metabolici. Un alimentazione regolare e varia garantice generalmente tutto il fabbiogno di ali e vitamine, in cai particolari può eere necearia l integrazione di queti elementi: arà il votro medico a indicare quali e quanti. State comunque attenti a non aumere troppo ale (cloruro di odio) con la dieta, in quanto un uo ecceo può eere dannoo. 27

8 Come deve eere un alimentazione corretta? È una domanda che embra emplice, ma che in realtà è complea: la ripota varia a econda delle caratteritiche della perona (eo, età, eventuali patologie, attività fiica volta, ecc). In generale è importante che l alimentazione ia: - varia (non mangiare empre le tee coe); - regolare (mangiare ai pati principali, cioè colazione, pranzo e cena, evitando troppi puntini durante la giornata); - povera in alimenti grai o zuccherati; - ricca di frutta e verdura; - contenente adeguate quantità di carboidrati complei, carni magre e pece. La piramide alimentare (figura 3) è un buon modello eemplificativo: alla bae troviamo acqua e vitamine, poi andando vero l alto frutta e verdura, carboidrati complei, meglio e integrali, carni magre e pece e olo alla fine condimenti e dolci. Più i va vero il vertice e meno tale alimento deve eere preente nella notra alimentazione. Comunque, la corretta alimentazione per ogni perona, pecie e i vuole dimagrire o acquitare peo o getire alcune patologie (come diabete, malattie cardiovacolari, ecc) deve eere indicata dal proprio medico di fiducia evitando diete fai da te che peo ono più dannoe che utili. Figura 3. Come leggere le tabelle nutrizionali: le tabelle nutrizionali (figura 4) che i trovano u ogni alimento in commercio ono uno trumento etremamente utile per avere un alimentazione corretta: fornicono infatti molte indicazioni utili nella celta di un determinato prodotto. Occorre però aperle leggere in modo corretto. - Innanzitutto, è importante oervare la colonna che riporta i dati relativi a 100 grammi di prodotto. In alcuni cai infatti, viene anche riportata una colonna che indica i dati 28

9 relativi a 1 pezzo di quel prodotto (una merendina o un bicotto) o a una porzione (eempio, 30 grammi). Tale informazione può eere utile ma talvolta anche fuorviante, in quanto, e viene letta come e il valore foe relativo a 100 grammi, potrebbe embrare che le calorie contenute iano in effetti poche. - Se vi interea apere quante calorie contiene quell alimento, coniderate il valore epreo in Kcal (nell eempio, 370). - Potete poi oervare il contenuto dei vari elementi (carboidrati, grai, proteine, ecc). - Non fatevi mai fuorviare da meaggi pubblicitari riportati ulla confezione. Frai come: cioccolato per diabetici, bicotti dietetici, ricchi in fibre, enza coleterolo, ecc vanno empre verificati e non è empre detto che iano alutari. Se avete dubbi, chiedete empre al votro medico di fiducia. Figura 4. TABELLA NUTRIZIONALE 100g di prodotto 30g di prodotto con 125 ml di LATTE SCREMATO Valore energetico Kcal KJoule Proteine Carboidrati di cui zuccheri amido Grai di cui aturi Fibra alimentare Sodio ,3 2,5 0, ,5 0,4 0,7 0,3 VITAMINE E FERRO % RDA(*) % RDA(*) B1 B2 B6 B12 PP C FOLACINA FERRO 2,3 (165%) 2,7 (165%) 3,3 (165%) 1,7 (170%) 30 (165%) 100 (165%) 333 (165%) 23,3 (165%) (*) RDA= Razione giornaliera raccomandata dalla CEE in viamine e minerali 0,8 (55%) 1 (65%) 1 (65%) 0,95 (95%) 9 (50%) 31 (50%) 100 (50%) 7 (50%) 29

10 Sono in ovrappeo: che eami devo fare? La prima coa da fare è rivolgervi al votro medico di fiducia o a un centro medico pecialitico per queto tipo di problematiche: una buona viita medica (che comprenda rilevazione di peo, tatura, circonferenza vita, rilevazione preione arterioa, ecc) e un buon colloquio con il medico ono alla bae di tutto. Succeivamente, può eere utile fare degli eami che dipendono dalla condizione particolare di ogni perona. Tra gli eami più comuni ricordiamo: - emplici eami del angue per vedere il profilo metabolico (glicemia, coleterolo, trigliceridi, ecc) e, e neceario, ormonale (funzionalità tiroidea, cortiolo, ecc); - elettrocardiogramma; - altri eami cardiovacolari a parere del medico (ecocardiogramma, elettrocardiogramma otto forzo, miurazione preoria nelle 24 ore, ecc); - determinazione maa corporea. La tabella 6 riporta il valore energetico di alcuni alimenti, eprei come Kcal per 100 grammi di parte edibile. Tabella 6: ALIMENTI Kcal ALIMENTI Kcal CEREALI E DERIVATI bicotti frollini 429 griini 431 bicotti ecchi 416 orzo perlato 319 cornflake 361 pane tipo craker alati 428 pane tipo integrale 224 croiant 358 pata all uovo ecca cruda 366 cruca al frumento 206 pizza con pomod. e mozz. 271 farina frumento tipo rio brillato crudo 332 farina, rio 360 tortellini frechi 300 LEGUMI fagioli borlotti frechi crudi 133 lenticchie ecche crude 291 fagioli borlotti in catola colati 91 pielli frechi crudi 52 fagiolini frechi crudi 18 30

11 VERDURE aparagi di boco 35 patate fritte 188 bieta cruda 17 peperoni crudi 22 broccoletti di rapa crudi 22 pomodori da inalata 17 broccolo a teta crudo 27 porri crudi 29 carciofi crudi 22 radicchio roo 13 carote crude 35 rape crude 18 cicoria di campo cruda 10 ravanelli 11 cipolle crude 26 rucola 28 finocchi crudi 9 edano 20 funghi coltivati 28 pinaci, crudi 31 lattuga 19 tartufo nero 31 melanzane crude 18 zucca gialla 18 patate crude 85 zucchine crude 11 FRUTTA albicocche 28 limoni 11 amarene 42 mandaranci 53 anana 40 mandarini 72 arachidi totate 598 mandorle 603 arance 34 mele freche con buccia 38 avocado 231 melone 33 banane 65 mirtilli 25 catagne arrotite 193 nocciole ecche 655 ciliegie freche 38 noci ecche 689 clementine 37 olive da tavola conervate 268 cocco freco 364 pere freche enza buccia 35 cocomero 16 peche freche con buccia 25 fichi frechi 47 pinoli 595 fichi eccati al forno e mandorlati 277 pitacchi 608 fragole 27 pompelmo 26 kiwi 44 prugne freche 42 lamponi 34 uva freca 61 CARNI FRESCHE agnello 159 coniglio 2 intero crudo 118 anatra dometica 159 gallina 194 bovino adulto 1 cotata 140 maiale 1 leggero, bitecca cruda 157 bovino adulto 1 fea 103 pollo intero, con pelle, crudo 171 bovino adulto 1 filetto 127 pollo intero, enza pelle, crudo 110 capretto 122 tacchino intero enza pelle 109 cavallo 143 vitello filetto crudo tutti i valori i rifericono al teuto mucolare, privato del grao viibile 2 pronto da cuocere (lo carto è cotituito olo dalle oa del buto) CARNI TRASFORMATE breaola 151 patè, fegato 341 coppa parma 398 prociutto crudo San Daniele 320 cotechino confezionato, precotto, crudo 450 alame brianza

12 mortadella, olo uino 317 aliccia di uino freca, cruda 304 pancetta tea 337 peck 303 prociutto cotto 215 wurtel crudo 270 FAST-FOOD A BASE DI CARNE hamburgher, peo medio 111 g 242 pane all olio o al latte, hamburger di carne bovina, ketchup, verdure FRATTAGLIE cervello, bovino 157 lingua, bovino 232 cuore, bovino 123 trippa, bovino 108 fegato, bovino 142 PRODOTTI DELLA PESCA acciuga freca 96 dentice freco 101 acciuga otto ale 137 gamberi frechi 71 acciuga ott olio 206 merluzzo o naello freco 71 aragota cruda 85 orata elvatica, freca, filetti 121 calamaro freco 68 orata allev., freca, filetti 159 cernia urgelata 88 pagello 101 cozza 84 palombo 80 polpo 57 ogliola freca 83 almone freco 185 pigola elvatica 82 almone affumicato 147 tonno freco 159 arda 129 tonno in alamoia (gocciolato) 103 corfano 82 tonno ott olio (gocciolato) 192 eppia 72 trota 86 gombro freco 170 vongola 72 LATTE E YOGURT latte, vacca, pat. intero 64 yogurt, da latte intero 66 latte, vacca, pat. parz. crem. 46 yogurt, da latte parz. crem. 43 latte, vacca, pat. cremato 36 yogurt, da latte cremato 36 panna 337 FORMAGGI brie 319 groviera 389 caciotta 384 macarpone 455 camembert 297 mozzarella di bufala 288 crecenza 281 mozzarella di vacca 253 emmenthal 403 parmigiano 387 fiocchi di formaggio magro 115 ricotta di vacca 146 fontina 343 tracchino 300 gorgonzola 324 taleggio 315 UOVA uova, gallina, intero uova, tuorlo (100 g) 325 uova, albume (100 g) 43 un uovo pea mediamente 61g, il gucio 8g, l albume 37g, il tuorlo 16g 32

13 OLII E GRASSI burro 758 margarina 760 lardo 891 olii vegetali: oliva, oia, mai, ecc 899 DOLCI cioccolato al latte 545 merendine tipo brioche 438 cioccolato fondente 515 merendine tipo pan di pagna 383 crotata con marmellata 339 merendine tipo pata frolla 444 gelato confezionato, cono con panna, caglie cioccolato e noccioline 326 miele 304 marmellate 222 zucchero 392 PRODOTTI VARI aranciata 38 minetre in catola, crema aparagi 26 bevanda tipo cola 39 pop corn 378 dadi da brodo 250 ala tomato ketchup 98 maionee 655 Dati etratti da Tabelle di compoizione degli alimenti - INRAN - ed. Edra, In concluione Conulta il tuo medico di fiducia per avere indicazioni peronalizzate circa una corretta alimentazione, pecie e deideri perdere peo. In generale comunque: - ricordati di ditribuire le calorie aunte u tutto l arco della giornata, non dimenticare mai l importanza della colazione ed evita cene particolarmente abbondanti; - aumi regolarmente frutta e verdura; - non aumere troppi carboidrati (zuccheri, farine, ecc), preferici comunque quelli integrali; - limita il più poibile il conumo di grai (contenuti oprattutto in condimenti, dolci, fritti, alumi, formaggi, carni grae, ecc) e preferici comunque quelli di origine vegetale; - aumi giute quantità di proteine magre (contenute oprattutto in carni bianche, carni roe comunque magre, pece); - ricordati di aumere almeno 1,5 l di liquidi al giorno (meglio emplice acqua); - limita il conumo di alcool; - non eguire diete fai da te o comunque enza controllo medico; - l alimentazione corretta deve diventare un abitudine di vita. 33

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio,

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio, L ATTIVITÁ FISICA Fare regolarmente attività fiica fa bene! E le ragioni ono molte: la prima è il miglioramento ia in quantità che in qualità della vita. Maggiore è il livello di allenamento e minore è

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm Pagina 1 di 5 Calorie Giornaliere Meglio mangiare o nutrirsi? Scoprilo con Nestlé! www.nestle.it Dieta Peso Calcola gratis il tuo peso forma e adatta il tuo peso al tuo corpo! www.perdipesosystem.it/peso

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

1 2 3 4 5 Quaderno Operativo

1 2 3 4 5 Quaderno Operativo 1 2 3 4 5 Quaderno Operativo (Nome e Cognome): Quaderno operativo di...... Via: Città: Tel.: E-mail: Scuola: Via: Classe:... Sez.:... Alimentazione & Territorio - Quaderno operativo CULTURA ALIMENTARE

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

la Zona per lei Una settimana e sei in Zona Scopri com è facile

la Zona per lei Una settimana e sei in Zona Scopri com è facile la Zona per lei Una settimana e sei in Zona Scopri com è facile Due minuti di attenzione Potete modificare il vostro stile alimentare entrando in Zona in una settimana Il manuale che avete in mano vi aiuterà

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA

AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA La dieta proteica che funziona 1 AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA I prodotti ProtiPlus si utilizzano all interno di un metodo di dieta ipocalorica

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Capretto 300 Caramelle 210 Caramelle tipo "mou" 210 Carciofi 376 Carciofi surgelati 248 carciofini sott'olio 146 Cardi 293 Carne di Maiale (media)

Capretto 300 Caramelle 210 Caramelle tipo mou 210 Carciofi 376 Carciofi surgelati 248 carciofini sott'olio 146 Cardi 293 Carne di Maiale (media) Contenuto in potassio di alcuni alimenti Gli alimenti contrassegnati in rosso sono quelli con piu alto contenuto di potassio e quindi assunti con molta moderazione. Descrizione potassio mg Acciuga 278

Dettagli

Silvano Rodato. Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita. Quaderno Operativo

Silvano Rodato. Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita. Quaderno Operativo 1 2 3 4 5 Silvano Rodato Conoscere gli alimenti Scienza e cultura dell alimentazione per i servizi di enogastronomia e di sala e vendita Quaderno Operativo (Nome e Cognome): Quaderno operativo di......

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

A.U.S.L. n 2 AZIENDA SANITARIA REGIONALE DELL UMBRIA Unità Organica di Nefrologia e Dialisi

A.U.S.L. n 2 AZIENDA SANITARIA REGIONALE DELL UMBRIA Unità Organica di Nefrologia e Dialisi Unità Oranica di Nefroloia e Dialisi Il rene a dieta: limitiamo il fosforo Livelli elevati di fosforo possono causare iperparatiroidismo, aterosclerosi, patoloie cardiovascolari. Il cardine del trattamento

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

QUESTIONARIO ALIMENTARE

QUESTIONARIO ALIMENTARE 1 QUESTIONARIO ALIMENTARE Barbara Naldi 2015 2 DATI PERSONALI Nome e Cognome Data di nascita Via, Numero CAP / Paese Numero telefonico Indirizzo email Cassa Malati Nome del medico di famiglia Se donna:

Dettagli

Colazione (abbondante)

Colazione (abbondante) Dr Fabrizio Moda Specialista in Scienza dell Alimentazione www.dietadellasalute.com fabrizio.moda@libero.it Dieta Gianni Consigli alimentari per Gotta Colazione (abbondante) 1) Un frutto fresco di stagione

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIALISI

ALIMENTAZIONE E DIALISI Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza Nefrologia e Dialisi Direttore: dr. Roberto Scarpioni ALIMENTAZIONE E DIALISI L alimentazione

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE

ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE MENU' CRECHE ANNO 2014-2015 PREMESSA Una corretta alimentazione durante la crescita è fondamentale per un ottimale sviluppo psicofisico del bambino. Dal momento

Dettagli

CALORIE DEGLI ALIMENTI

CALORIE DEGLI ALIMENTI CALORIE DEGLI ALIMENTI Verdure ed Ortaggi - Conta Calorie Verdure ed Ortaggi Calorie x Porzione Calorie x 100 gr Aglio - 1 spicchio - 2 40 Asparagi di campo 60 29 Asparagi di serra 50 24 Basilico - 39

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

BASI DIETETICHE PER L ANZIANO

BASI DIETETICHE PER L ANZIANO BASI DIETETICHE PER L ANZIANO DOTT.SSA EMINE MERAL INELMEN DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE CATTEDRA DI GERIATRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA SIGG- 52 CONGRESSO-FIRENZE CORSO MULTIPROFESSIONALE

Dettagli

L equilibrio acido-base nell organismo

L equilibrio acido-base nell organismo L equilibrio acido-base nell organismo L'acidosi è una stato pericoloso del nostro organismo: crea stanchezza, stati infiammatori nei tessuti, sofferenza della mielina del sistema nervoso, aumento dei

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g. ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g

ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g. ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g ALIMENTO CALORIE / 100g Conta Calorie A Abbacchio 106 Acciuga 104 Acciuga salata 107 Aglio 40 Agnello fegato 136 Agnello grasso 336 Agnello magro 126 Agnello rognone 105 Aguglia 60 Albicocca 31 Albume 50 Amarena 41 Ananas 47

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIA VINICIO CORTESE, 25 8810 CATANZARO PRONTUARIO DIETETICO DIETISTA ADRIANA GRANDINETTI DIREZIONE SANITARIA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME 0 ELENCO CODIFICATO

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011

TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011 TABELLE DIETETICHE - Menù scolastico comune di Marradi 2010-2011 Le tabelle sono state elaborate nel rispetto delle linee fondamentali date dai L.A.R.N. 1996 (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Piano alimentare Lunedì 1 Settimana. Prima colazione

Piano alimentare Lunedì 1 Settimana. Prima colazione Piano alimentare Lunedì 1 Settimana Farro con il pomodoro Farro gr 120 Salsa di pomodoro gr 90 Patate gr 200 Banane gr 200 Vitello magro gr 100 Cipolle gr 200 Ananas gr 280 Pane integrale gr 100 9 cucchiaini

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI La glicemia indica la concentrazione di glucosio nel sangue. Di norma in una persona sana e adulta, donna e uomo, si attesta attorno a valori compresi tra 0,8 1 grammo

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------ mercoledì 7 agosto 2013 12:28:27 Dieta semplice Apporto calorico per circa (1705) Kcalorie ------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

ROSSI MARIO. Colazione

ROSSI MARIO. Colazione Colazione Latte di soia 200 g (64 Kcal) Caffè 40 g (2 Kcal) Caffe' all'americana 100 g (2 Kcal) Caffe' decaffeinato 40 g (2 Kcal) Caffè d'orzo 125 g (6 Kcal) Camomilla 125 g (0 Kcal) Thè 125 g (0 Kcal)

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione - S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2-0432 553975-553253 553217 nutrizione@ass4.sanita.fvg.it

Dettagli

dott. Massimiliano Molfetta

dott. Massimiliano Molfetta dott. Massimiliano Molfetta Telefono amb. 0436890344 Cellulare 330537056 www.molfettamassimiliano.it medico chirurgo specialista in chirurgia generale via Annibale De Lotto 34/a San Vito di Cadore I cibi

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

dimagrire senza bilancia la nuova dieta visiva della dottoressa Makarovic

dimagrire senza bilancia la nuova dieta visiva della dottoressa Makarovic Scheda volume dimagrire senza bilancia la nuova dieta visiva della dottoressa Makarovic Maria Makarovic Formato cm 16,5 x 23,5 Pagine 168 Illustrazioni oltre 700 illustrazioni minimali Prezzo 19,00 Editore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno Rev. 15 del 3 settembre 2015 Emesso da dietista P. Battisodo Approvato da Asur dr.ssa E. Ravaglia SCUOLA PRIMARIA Menu autunno inverno a. sc. 2015-2016 in vigore da ottobre 2015 a marzo 2016 pag. n.1 di

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli