Scheda di presentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di presentazione"

Transcript

1 Scheda di presentazione TITOLO: L apparato digerente BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: In questa unità di apprendimento si vuole affrontare lo studio dell apparato digerente, gli organi che ne fanno parte, la loro funzione e, in scheda di approfondimento, la corretta alimentazione. Il lavoro di studio è diviso in: 1) attività di pre-lettura che stimolano l expentancy grammar; 2) attività di lettura guidata che aiutano lo studente a focalizzare le informazioni chiave vengono fornite dal testo, cioè nomi, definizioni etc. 3) attività di post-lettura che mettono alla prova le conoscenze apprese dalla lettura del testo (domande a risposta aperta, domande a risposta chiusa etc.) 4) fase di autovalutazione DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di: Elena Spotti CONTENUTO NOZIONISTICO a cura di: Prof. Ceci LIVELLO DI COMPETENZA LINGUISTICA RICHIESTA: B1 (alto) SI RIVOLGE A: studenti della scuola superiore di II grado USO: apprendimento con la guida di un insegnante

2 L APPARATO DIGERENTE GUIDA PER L INSEGNANTE In questa unità di apprendimento si vuole affrontare lo studio Il livello linguistico del testo è un livello B1 (vedi Quadro comune europeo) I prerequisiti necessari per affrontare lo studio di questa unità di apprendimento sono conoscenze relative all apparato digerente, agli organi coinvolti nella digestione, alla loro funzione. In questa unità di apprendimento si eserciterà il seguente metodo di studio: - la lettura per lo studio. La LETTURA PER LO STUDIO è finalizzata alla comprensione dei concetti esposti, alla memorizzazione dei termini che rientrano nel vocabolario specifico della materia (in questo caso scienze della terra) e alla loro riutilizzazione, all assimilazione dei concetti chiave, per poi ricavarne, in fase di verifica, tutte le altre informazioni attinenti alla domanda. L unità di apprendimento è divisa in 3 attività: 1. ATTIVITÀ DI PRE-LETTURA Serie di domande-stimolo per far emergere le conoscenze pregresse degli studenti e stimolare l interesse sul tema trattato nel testo, anche attraverso evocazione di esperienze personali. 2. ATTIVITÀ DI LETTURA O DI ASCOLTO 3. BREVE ATTIVITÀ DI LAVORO SUL LESSICO 4. ATTIVITÀ DI POST-LETTURA Dopo la fase di lettura vengono riprese le risposte date nella fase di pre-lettura e vengono ricontrollate, eventualmente corrette in caso di errore. Poi c è la vera fase di verifica con esercizi di vario tipo, domande a risposta aperta, richiesta di definizioni, completamento di testo e fase ludica con cruciverba, da fare insieme o a gruppi. Infine fase di autovalutazione.

3 L APPARATO DIGERENTE Prerequisiti: conoscenze relative alla digestione apprese alle scuole medie inferiori, nomi scientifici specifici di alcune sostanze chimiche. Obiettivi: apprendimento del funzionamento dell apparato digerente con acquisizione di terminologia specifica. Livello linguistico: B1 Strategie di studio: lettura studio

4 L APPARATO DIGERENTE Esercizi di Pre-lettura 1. Secondo te, è più sano: Oppure? Oppure? Oppure? Oppure?

5 2. Dove comincia la digestione? 3. Quanti denti abbiamo in bocca? 4. Quanti pasti si dovrebbero fare ogni giorno? Attenzione: nel testo ci possono essere delle parole che non capisci. Quando le incontri, cerca di capire il loro significato guardando il contesto, altrimenti cerca il significato nel dizionario.

6 L APPARATO DIGERENTE Per sopravvivere, il nostro corpo ha bisogno di nutrirsi. L APPARATO DIGERENTE si occupa di DIGERIRE il cibo che mangiamo. Quello che mangiamo viene in parte assorbito e trasformato in energia, in parte eliminato, se non serve. Digerire significa distruggere e trasformare le cose che mangiamo in energia per vivere. La digestione avviene sia per le sostanze solide (pasta, pane, pizza, carne, pesce etc.)che per quelle liquide (acqua, bibite, latte etc.) L apparato digerente è formato da diversi organi, collegati tra loro attraverso delle piccole valvole, dette SFINTERI. Lo sfintere è come una piccola apertura che regola la quantità del cibo, è un muscolo che si apre e si chiude per far passare o per bloccare il cibo nell apparato. L attività di digestione è divisa in 3 fasi: 1. la prima fase, fase di preparazione alla digestione interessa la BOCCA, la FARINGE, l ESOFAGO e lo STOMACO; 2. la seconda fase, fase di digestione interessa l INTESTINO TENUE; 3. la terza fase, fase di assorbimento, interessa l INTESTINO TENUE e l INTESTINO CRASSO.

7 LA PRIMA FASE DI PREPARAZIONE ALLA DIGESTIONE La digestione comincia in bocca. Quando mangiamo, il cibo che mettiamo in bocca viene MASTICATO dai DENTI, che lo frantumano in parti più piccole. I denti di una persona adulta sono 32. I pezzettini di cibo vengono ammorbiditi dalla SALIVA. La saliva viene secreta da 3 paia di ghiandole: 1. parotidi; 2. sottomandibolari; 3. sottolinguali. Il cibo così frantumato viene spinto dalla LINGUA verso la FARINGE. Da adesso in poi il cibo frantumato viene chiamato BOLO. Dopo aver attraversato la faringe, il bolo arriva nell ESOFAGO. La FARINGE è quel tratto che collega la bocca con l esofago, ma anche con le vie respiratorie. Per fare in modo che il cibo (bolo) non vada nella trachea (che è il primo tratto delle vie respiratorie), esiste l EPIGLOTTIDE, una piccola lamina che chiude l apertura della trachea mentre passa il cibo.

8 Il bolo attraversa l esofago e, grazie alle CONTRAZIONI PERISTALTICHE, che lo spingono verso il basso, arriva nello STOMACO. Prima di entrare nello stomaco, il bolo deve passare attraverso il CARDIAS, una piccola apertura che regola la quantità del cibo che entra nello stomaco. Nello stomaco inizia la vera digestione. Lo stomaco ha tre funzioni principali: 1. secerne acido cloridrico (HCl) e enzimi; 2. mescola il cibo; 3. regola la quantità di cibo che entrerà nell intestino (attraverso un altra apertura chiamata PILORO). La fase di digestione che avviene nello stomaco dura dalle 2 alle 6 ore. L acido cloridrico (HCl) che lo stomaco produce agisce sulle proteine del bolo e aiuta il lavoro delle PEPSINE. Le PEPSINE sono enzimi secreti dallo stomaco. Il loro compito è spezzare le molecole polipeptidiche in pezzetti più o meno lunghi. In più l HCl uccide molto dei batteri che sono nel cibo che mangiamo. Quando lo stomaco ha finito il suo lavoro sul cibo, il bolo diventa un acido semifluido e viene chiamato CHIMO. Il chimo è composto da molecole, ancora abbastanza grandi, di polisaccaridi e disaccaridi, trigliceridi e proteine.

9 LA SECONDA FASE DI DIGESTIONE Il chimo esce dallo stomaco attraverso il piloro e arriva nel primo tratto dell intestino tenue. Questo tratto è chiamato DUODENO. Questa fase della digestione non coinvolge solo l intestino, ma anche altri due organi: 1. FEGATO; 2. PANCREAS. Mentre il chimo passa per il duodeno, il pancreas produce del bicarbonato di sodio che toglie l acidità al chimo. Poi il chimo viene a contatto con la BILE. La BILE è la sostanza secreta dal fegato. Il suo compito è quello di emulsionare i grassi per aiutare gli enzimi prodotti da pancreas. La bile viene secreta quando nel duodeno c è una quantità precisa di grassi. La bile è depositata in un organo a forma di sacchetto, chiamato COLECISTI o CISTIFELLEA. Il chimo ora è formato da queste sostanze: Glucosio; Aminoacidi; Acidi grassi; Monogliceridi.

10 LA TERZA FASE DI ASSORBIMENTO Queste sostanze vengono poi assorbite per opera della parete intestinale. L INTESTINO TENUE è lungo circa 7 metri. Il chimo impiega dalle 5 alle 7 ore per percorrere tutto l intestino. La mucosa che copre la parete interna dell intestino è composta da rilievi di circa 1 mm o 1,5 mm di altezza. Queste protuberanze sono chiamate VILLI INTESTINALI. Ogni villo è attraversato da vasi sanguigni e da un grande vaso linfatico. Glucosio e aminoacidi vengono assorbiti dai vasi sanguigni, entrano in circolo e raggiungono il fegato. I trigliceridi, invece, vengono assorbiti in modo diverso. Essi sono IDROFOBI e formano delle goccioline che vengono colpite dai SALI BILIARI secreti dalla colecisti. I trigliceridi vengono così sminuzzati in parti più piccole, composte da acidi grassi e glicerolo. Quando hanno superato i villi intestinali, gli acidi grassi ridiventano trigliceridi. Questi trigliceridi si uniscono tra di loro e vengono coperti dalle proteine; vengono chiamati CHILOMICRONI. Attraverso un meccanismo chiamato ESOCITOSI, i chilomicroni entrano nell apparato di Golgi che li avvolge in vescicole e li manda nel liquido extracellulare. Vengono poi assorbiti dalla circolazione linfatica, mandati nelle vene e divisi in acidi grassi e glicerolo. Una parte di loro andrà nel fegato, un altra nelle cellule adipose.

11 L INTESTINO CRASSO viene chiamato anche COLON. È lungo circa 1, 20 metri. Nell intestino crasso avviene l assorbimento delle sostanze rimaste nel chimo che non sono state assorbite dall intestino tenue. Nell intestino crasso si formano anche le FECI. Queste sono composte da tutte quelle sostanze che non sono state assorbite durante la digestione. Nelle feci non ci sono solo queste sostanze, ma anche acqua, materiale che proviene dalla parete intestinale e bilirubina, una sostanza contenuta nella bile. Ogni giorno arrivano nel colon circa 500 ml di chimo. Le pareti dell intestino crasso assorbono soprattutto acqua e sodio. L intestino crasso assorbe anche una piccola quantità di vitamine. Queste vitamine sono prodotte dai batteri presenti nell intestino e sono chiamate FLORA BATTERICA. La flora batterica aiuta l intestino a distruggere le sostanze non digerite e a trasformarle in feci. Le feci attraversano l ultimo tratto dell intestino, il RETTO, e vengono poi espulse attraverso l ANO.

12 Lavoriamo con le parole. Nel testo ci sono delle parole sottolineate. Cosa significano? Conosci dei sinonimi? 1. VALVOLA: 2. FRANTUMARE: 3. CONTRAZIONE: 4. SECERNERE: 5. EMULSIONARE: 6. MUCOSA: 7. PROTUBERANZA: 8. IDROFOBO: 9. SMINUZZARE: 10. VESCICOLA: 11. ADIPOSO: Riscrivi queste frasi usando una forma diversa. Esempio: 1. Il bolo attraversa l esofago e, grazie alle contrazioni peristaltiche, che lo spingono verso il basso, arriva nello stomaco. L esofago spinge il bolo verso lo stomaco attraverso le contrazioni peristaltiche. 2. La mucosa che copre la parete interna dell intestino è composta da rilievi di circa 1 mm o 1,5 mm di altezza. Queste protuberanze sono chiamate villi intestinali. 3. La fase di digestione che avviene nello stomaco dura dalle 2 alle 6 ore. 4. Il cibo così frantumato viene spinto dalla lingua verso la faringe. Da adesso in poi il cibo frantumato viene chiamato bolo.

13 SCHEDA DI APPROFONDIMENTO L ALIMENTAZIONE GIUSTA Per mantenere sano il nostro corpo bisogna seguire delle regole alimentari. Le REGOLE ALIMENTARI vengono scritte guardando la qualità di ogni cibo, cioè quanti grassi, zuccheri, proteine e altri elementi sono presenti in ciò che mangiamo. Le persone che si occupano di consigliare l alimentazione giusta sono i DIETOLOGI. La parola DIETA si usa per indicare il tipo di alimentazione che una persona segue. Tante volte si pensa che la dieta sia quell insieme di regole alimentari che usano le persone soprappeso per dimagrire, ma non è così. Esistono tanti tipi di dieta, DIETA MEDITERRANEA e DIETA VEGETARIANA sono 2 esempi. Le diete cambiano a seconda delle persone, della loro età, del loro fisico, dell attività che fanno (se fanno sport oppure no). Le necessità del corpo infatti cambiano proprio per questi motivi.

14 Le regole più importanti che dovrebbero essere seguite sono queste: 1. Varia il cibo che mangi, e, se si può, cerca di avere un menù diverso ogni giorno. 2. Fai una colazione ricca. La colazione deve fornire al nostro corpo il 20% delle calorie necessarie ogni giorno. Inoltre è il primo pasto dopo molte ore di riposo. 4. Fai una cena leggera. La cena deve fornire il 30% delle calorie necessarie ogni giorno. 3. Non esagerare a pranzo! Il pranzo deve fornire il 50% delle calorie necessarie ogni giorno. 5. Fai merenda a metà mattina e a metà pomeriggio, meglio se con un frutto fresco. 6. Non condire troppo quello che mangi. I condimenti migliori sono quelli vegetali (olio d oliva, margarina etc.). 7. Non mangiare troppa carne o salumi. Sono buoni ma contengono tanti grassi e colesterolo. 8. Mangia tanto pesce, almeno tre volte alla settimana cucinato in modo semplice. 10. Non usare troppo sale. 11. Non mangiare troppi dolci. 12. Bevi tanta acqua! 9. Mangia ogni giorno un po di verdura cotta e cruda.

15 13. Bevi alcolici con moderazione e preferibilmente a pasto. Sarebbe meglio EVITARE troppo zucchero, sale, merendine, burro, panna, cioccolata, dolci, brioches, cibi fritti, panini e hamburger. PRIMA COLAZIONE La prima colazione è molto importante, è il pasto che ci deve ricaricare dopo una notte di digiuno e deve fornire l energia necessaria per affrontare la giornata. Per colazione è meglio mangiare: LATTE o YOGURT: sono completi perché contengono proteine, zuccheri, grassi, vitamina A e D e soprattutto calcio (fa bene alle ossa, ai denti, alle unghie). CEREALI come fette biscottate, biscotti secchi, cornflakes, che contengono carboidrati e fibre. FRUTTA e SPREMUTE di frutta, che contengono tante vitamine.

16 IL PRANZO Il pranzo è il primo pasto veramente completo della giornata. Per pranzo bisognerebbe mangiare: Primo: PASTA CON VERDURE o LEGUMI o PASTA AL POMODORO oppure MINESTRA DI LEGUMI oppure MINESTRA DI VERDURA. Bisognerebbe evitare di mangiare spesso cibi troppo conditi, come lasagne, pasta al forno etc. Secondo: non bisogna mangiare troppa CARNE. È ricca di proteine, ma anche di grassi e di colesterolo e per questo bisognerebbe mangiarla due/tre volte alla settimana. Sarebbe bene mangiare PESCE, soprattutto pesce azzurro, almeno due/tre volte alla settimana. Le UOVA andrebbero mangiate una/due volte alla settimana, hanno un alto valore nutritivo. I FORMAGGI sono ricchi di calcio e proteine, ma sono anche ricchi di grassi saturi, acidi grassi che non fanno bene alla salute. Per cui non bisognerebbe mangiarli troppo spesso. Per lo stesso motivo è meglio evitare di mangiare troppi SALUMI. Il PANE fa molto bene, meglio se INTERGALE.

17 Bisogna SEMPRE mangiare FRUTTA e VERDURA, ricche di vitamine e sali minerali. Bisognerebbe mangiare una volta al giorno verdura cotta e cruda, due o tre volte al giorno frutta fresca di stagione. LA CENA La cena deve essere leggera per non appesantirci quando poi andiamo a dormire. Dovrebbe comprendere un SECONDO, un CONTORNO, PANE e FRUTTA. I CONDIMENTI Il miglior condimento è l OLIO D OLIVA, condimento vegetale. Bisognerebbe usare poco altri condimenti di origine animale (burro, strutto, panna, maionese, lardo etc.). I DOLCI I DOLCI si dovrebbero mangiare solo in alcune occasioni. Bisognerebbe mangiare i GELATI ALLA FRUTTA (o SORBETTI) piuttosto che quelli alle creme, ricchi di grassi e calorie. I dolci migliori sono i dolci secchi o con la marmellata (CROSTATE). LE BIBITE Bisogna bere molta acqua, circa 2 litri al giorno. Le bevande migliori sono ACQUA NATURALE E/O GASATA. Meglio evitare bibite zuccherine (come succo di frutta, coca-cola, aranciata etc.) e alcolici.

18 Seguendo tutte queste istruzioni, ecco la PIRAMIDE ALIMENTARE.

19 ESERCIZIO 1 1) Segna la risposta esatta.(1 punto per risposta) 1. La digestione comincia: a) nello stomaco b) nella bocca c) nell'intestino d) nel fegato ATTENZIONE! Se ti serve un aiuto non andare a rileggere tutto il testo, ma cerca solo le parole che ti servono per rispondere alle domande. 2. L'apertura che controlla il passaggio del cibo nella faringe è: a) il cardias b) il piloro c) l'epiglottide d) il duodeno 3. La digestione nello stomaco dura: a) da 2 a 6 ore b) da 1 a 2 ore c) da 5 a 7 ore d) da 6 a 8 ore /3 2) Segna la risposta sbagliata e correggila.(2 punti per risposta) 1. L'intestino tenue a) è lungo circa 7 metri. b) ha una mucosa liscia. c) ha il compito di assorbire alcuni elementi dei cibi che mangiamo. d) lavora nella terza fase della digestione. Risposta corretta: 2. Il chimo a) esce dallo stomaco passando per il cardias. b) dallo stomaco arriva nel duodeno. c) è il bolo in parte digerito dagli acidi dello stomaco. d) viene lavorato anche dai succhi del pancreas e del fegato. Risposta corretta:

20 3. Il bolo a) è il cibo spezzettato dai denti nella bocca. b) viene spinto nella faringe dalla lingua. c) arriva nello stomaco passando per il cardias. d) scivola lungo l'esofago e arriva nello stomaco. Risposta corretta: /6 3) Completa il testo usando le parole scritte nella casella qui sotto.(1 punto per risposta) La giusta alimentazione Per mantenere sano il nostro corpo bisogna seguire delle regole alimentari. Le persone che scrivono queste regole si chiamano (1). Le (2) cambiano a seconda dell'età delle persone, del loro fisico, dell'attività che fanno. Secondo queste regole, la (3) dovrebbe essere ricca e darci il (4) delle calorie necessarie, dato che è il primo pasto dopo una notte di digiuno. Il (5) dovrebbe essere un pasto completo, con (6) e (7). Dovrebbe darci il (8) delle calorie necessarie. La (9) invece dovrebbe essere leggera e darci il (10) delle calorie necessarie. Bisognerebbe fare una (11) a metà mattina e una a metà pomeriggio e mangiare (12). Il (13) andrebbe mangiato almeno 3 volte alla settimana, cucinato in modo semplice. La (14) invece andrebbe mangiata (15) volte la settimana, perchè è ricca di proteine ma anche di (16) / 16 che non fa bene alla salute. 20% DIETE DUE/TRE CARNE SECONDO COLAZIONE PRANZO FRUTTA CENA DIETOLOGI MERENDA 50% PESCE COLESTEROLO PRIMO 30%

21 4) Rispondi brevemente alle domande.(5 punti per risposta) Cosa succede al cibo quando arriva nell intestino crasso? Quali sono i tre compiti dello stomaco? Spiegali. Dove viene prodotta la saliva? A cosa serve? /15

22 Adesso valuta le tue conoscenze con questi esercizi. 5) Completa il cruciverba ORIZZONTALI VERTICALI 2 sostanza secreta dal fegato. 1 primo tratto dell'intestino. 5 viene chiamato così il cibo masticato. 3 valvola che regola il passaggio del 6 ultimo tratto dell'intestino cibo nella faringe. 7 piccolo organo che produce 4 l'intestino chiamato anche colon. bicarbonato di sodio e lavora mentre il chimo è nell'intestino. 8 viene chiamato così il bolo che esce dallo stomaco. 9 organo a forma di sacchetto che 12 liquido che ammorbidisce il cibo in digerisce per primo il cibo. bocca. 10 apertura che regola il passaggio del 14 piccole protuberanze che coprono cibo che entra nell'intestino. la parete interna dell'intestino. 11 tubo che collega faringe e stomaco. 13 le persone adulte normali ne hanno piccolo sacchettino che contiene la bile 16 valvola che regola il passaggio del cibo nello stomaco.

23 6) Come si chiama? Scrivi il nome dell organo indicato dalla freccia.

24 Vai a ricontrollare tutte le risposte degli esercizi. Per ogni esercizio segna le risposte esatte nel quadratino a lato. Confronta i tuoi risultati con la tabella dei voti e scrivi il tuo voto. Delle domande che hai sbagliato, quali hai sbagliato? Perché le hai sbagliate? Non ti ricordavi o non hai capito? Cerca di correggere le risposte che hai sbagliato andando a cercare la soluzione nel testo. Hai capito dove hai sbagliato e perché? Adesso prova a rispondere di nuovo alle domande che hai sbagliato. Qui sotto c è la tabella con i punti. Per ogni esercizio segna le risposte esatte nel quadratino e poi calcola il tuo voto. ESERCIZIO PUNTI IL TUO PUNTEGGIO Tot. 40 IL TUO VOTO: PUNTI 4 VOTO 1 PUNTI 8 VOTO 2 PUNTI 12 VOTO 3 PUNTI 16 VOTO 4 PUNTI 20 VOTO 5 PUNTI 24 VOTO 6 PUNTI 28 VOTO 7 PUNTI 32 VOTO 8 PUNTI 36 VOTO 9 PUNTI 40 VOTO 10 non hai capito nulla! gravemente insufficiente gravemente insufficiente insufficiente quasi sufficiente sufficiente buono distinto ottimo perfetto!

25 SOLUZIONI ES.1 ES.2 ES.3 1) B; 2) C; 3) A. 1) B; 2) A; 3) D. Per mantenere sano il nostro corpo bisogna seguire delle regole alimentari. Le persone che scrivono queste regole si chiamano DIETOLOGI. Le DIETE cambiano a seconda dell'età delle persone, del loro fisico, dell'attività che fanno. Secondo queste regole, la COLAZIONE dovrebbe essere ricca e darci il 20% delle calorie necessarie, dato che è il primo pasto dopo una notte di digiuno. Il PRANZO dovrebbe essere un pasto completo, con PRIMO e SECONDO. Dovrebbe darci il 50% delle calorie necessarie. La CENA invece dovrebbe essere leggera e darci il 30% delle calorie necessarie. Bisognerebbe fare una MERENDA a metà mattina e una a metà pomeriggio e mangiare FRUTTA. Il PESCE andrebbe mangiato almeno 3 volte alla settimana, cucinato in modo semplice. La CARNE invece andrebbe mangiata DUE/TRE volte la settimana, perchè è ricca di proteine ma anche di COLESTEROLO che non fa bene alla salute.

26 ES.5 1 D 2 B I L E 3 U 4 C P 5 B O L O 6 R E T T O I D A G 7 P A N C R E A S 8 L H N 9 S T O M A C O 10 P I L O R O T M T 11 E S O F A G O D E N T I A 14 V D L I E 15 C I S T I F E L L E A V L A 16 C A R D I A S Bibliografia: o BOSCHETTI, FEDRIZZI Pianeta Vivo 2, Corso di Scienze della Natura, Milano, Minerva Italica, o (ultima consultazione: ) Per le immagini: o

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Perché la dieta vegan crudista è il fondamentale per tornare in forma?

Perché la dieta vegan crudista è il fondamentale per tornare in forma? Perché la dieta vegan crudista è il fondamentale per tornare in forma? Diego Pagani Prima di entrare nei dettagli della dieta vegan crudista, è importante capire che i nostri corpi sono macchine biologiche

Dettagli

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere.

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere. free.salute Alimentazione Benessere Una guida per più gusto e benessere. Latte & Co. Quando il malessere nasce a tavola. Cucinare senza lattosio. Menu leggero di 3 portate. Abitudini alimentari e tendenze.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Il cibo dell uomo Franco Berrino Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori MILANO Il cibo dell uomo2013 Pagina 2 Quale

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli