1. Controllare il Peso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Controllare il Peso"

Transcript

1

2 Introduzione Per nostra fortuna disponiamo di mol3ssimi alimen3, mol3 dei quali sono necessari, altri u3li, per realizzare una dieta salutare, che potrà darci la possibilità di perdere peso in minor tempo di quanto si possa pensare, ovviamente il tu;o dovrà essere accompagnato da uno s3le di vita altre;anto salutare. Ognuno di noi puo' scegliere, come mangiare e come vivere, ma nello scegliere bisognerebbe me;ere al primo posto la salute. Il mo3vo per il quale vi diamo queste Linee guida sulla nutrizione è per fornirvi delle semplici informazioni e indicazioni per imparare a mangiare meglio senza perdere il gusto di alimentarsi e rispe;ando le tradizioni culinarie del Bel Paese, ma proteggendo contemporaneamente la propria salute e la bilancia. Lo scopo di questo opuscolo e quindi quello di aiutare coloro che decidono di intraprendere una dieta con o senza integratori alimentari o per realizzare una alimentazione sana ed equilibrata, garantendosi più benessere e salute senza dover mor3ficare il gusto e il piacere di stare a tavola.

3 1. Controllare il Peso Il peso corporeo l nostro peso corporeo è il risultato del bilancio energe3co tra calorie assunte e calorie bruciate. Ciò vuol dire che se si introduce più energia di quanta ne richieda il corpo, sia a riposo che durante l'ajvità quo3diana, l'eccesso di calorie verrà trasformato in grasso, determinando quindi un aumento di peso, nel caso contrario invece il corpo u3lizzerà le riserve di grasso per far fronte alle richieste energe3che, ed il risultato sarà un dimagrimento assicurato. Peso e salute ll'eccesso di grasso corporeo puo' essere classificato in tre categorie: sovrappeso obesità moderata obesità grave In tuj e tre i casi il peso e il grasso eccessivo cos3tuiscono un pericolo per la salute, con la possibile insorgenza di malaje gravi, sia a livello cardiaco che respiratorio. In oltre l'eccessivo peso puo' causare problema3che alle ar3colazioni e allo scheletro. Tanto maggiore è l'eccesso di peso dovuto al grasso, tanto maggiore è il rischio che si corre. COM'E' COMPOSTO IL CORPO UMANO? Il peso corporeo di un adulto è cos3tuito da più elemen3, per l 80-85% da massa magra (liquidi corporei, muscoli, scheletro, visceri, ecc.) e per il 15-20% da massa grassa (tessuto adiposo). Nella donna adulta la percentuale di massa grassa è leggermente più elevata e risulta intorno al 20-30%. QUAL'E' IL PESO SPECIFICO DELLO SCHELETRO? Normalmente lo scheletro pesa tra i 10,5 e i 12,5 kg, e di norma quello di un uomo pesa circa 1 kg in più rispe;o a quello di quello di una donna. IL METABOLISMO NON E' UGUAlE PER TUTTI Ognuno di noi ha un metabolismo diverso, l'u3lizzazione energe3ca di ognuno puo' cambiare notevolmente. Quindi capita che pur introducendo lo stesso apporto calorico e avendo uno s3le di vita simile, ad un altra persona, una potrebbe ingrassare e l'altra no. Questo è dovuto a mol3 fa;ori, ma comunque l aumento di peso resta sempre legato ad un eccesso di eneregie assunte. Problema inverso all'obesità è quello della magrezza. Quando le riserve di grasso sono eccessivamente rido;e e non si introduce sufficiente energia a;raverso l'alimentazione, il corpo, per fronteggiare le richieste energe3che, intaccherà i muscoli ed organi interni. Pertanto molte funzioni metaboliche ed endocrine vengono compromesse. Per questo mo3vo è consigliato a coloro che decidono di affidarsi a diete veloci magari per perdere qualche chile;o di troppo prima della vacanze, di non prolungare per troppo tempo questo 3po di alimentazione, ma dopo un breve periodo per disintossicarsi e raccomandabile seguire una dieta equilibrata, che perme;a dimagrimento o un giusto mantenimento del peso.

4 2. Mangiare cereali, fru;a e verdura aiuta a vivere bene un elevata fonte di proteine. Molte persone sono convinte che mangiare carboidra3 faccia male, e faccia ingrassare, in un certo senso è vero, ma se come carboidra3 intendiamo solo, pasta, pane, pizza, brioches etc... in realtà i carboidra3 sono necessari al nostro corpo, e non dovrebbero mai essere elimina3 completamente, cio' che va limitato sono i carboidra3 semplici, a;enzione anch'essi limita3 non elimina3. I carboidra3 infaj si trovano anche in alimen3 come cereali, fru;a e ortaggi, i quali sono considera3 alimen3 sani è importan3 perché apportano sopra;u;o amido e fibra, ma anche vitamine, minerali ed altre sostanze importan3 per la salute. Inoltre i cereali, e i legumi, sono Consumare buone quan3tà di fru;a e ortaggi assicura, oltre a dare un alto apporto nutrizionale (vitamine, minerali, acidi organici) da la possibilità di ridurre le calorie assunte della dieta, sia perché grassi e apporto calorico sono molto bassi, sia perché posseggono un alto potere saziante che perme;e di sconfiggere gli a;acchi di fame, e aiutano ad eliminare i pas3 superflui tra i pas3 principali, che ricordiamo, per un giusto veloce e sano dimagrimento non vanno mai salta3. I cereali e deriva3, i legumi, gli ortaggi e la fru;a rappresentano un'alta fonte di fibra alimentare. La quale non ha valore nutri3vo o energe3co, ma è molto importante per il corpo perchè serve a regolare molteplici funzioni fisiologiche. Il risultato di una dieta priva di carboidra3 è la s33chezza, che di certo non è un alleato nella corsa alla perdita di peso. Inserire nella propria dieta fon3 di fibra alimentare è u3le oltre che a regolare la salute, a perdere peso; infaj la fibra alimentare contribuisce a aumentare il senso di sazietà perchè all'interno dello stomaco aumenta il suo volume, ed inoltre rallenta il processo di svuotamento di esso, tu;o si traduce in meno fame, assunzione di minori quan3tà di cibo e sopra;uto mai più a;acchi di fame. Consigli U3li: Consumare ogni giorno più porzioni di verdura e fru;a fresca, consumare legumi sia freschi che secchi, limitando le aggiunte di oli e di grassi, da sos3tuire con aromi e spezie. Consumare pane, pasta, riso ed altri cereali (meglio se integrali), almeno 1 volta al giorno (majno) nella prima fase della dieta, e poi 2 volte al giorno (colazione e pranzo) evitando di aggiungere condimen3 grassi, e troppo sale. Quando possibile, scegliere prodoj contenen3 farine integrali e con aggiunta di crusca o altre fibre.

5 3. Bisogna mangiare i grassi? Si! Ma a;en3 a quali scegliere! Come in tu;e le cose, il proverbio il Troppo Stroppia, nel caso dei grassi vale più che mai, infaj in una dieta equilibrata i grassi devono essere presen3, ma a;enzione a non esagerare! L'apporto calorico dei grassi è ne;amente superiore a quello di proteine e carboidra3, inoltre con i grassi si apportano acidi grassi essenziali della famiglia omega- 6 (acido linoleico) e della famiglia omega- 3 (acido linolenico) u3li per l assorbimento delle vitamine liposolubili A, D, E, K e dei carotenoidi, ecco perchè è necessario, ricordiamo e so;olineiamo senza esagerare, assumere i grassi nella nostra dieta. Un eccessivo consumo di grassi invece, non è certo consigliato per chi vuole perdere peso ed inoltre rappresenta un fa;ore di rischio per l insorgenza di obesità, malaje cardiovascolari e tumori. Le quan3tà di grassi giuste per un buono stato di salute si differenziano da persona a persona, a seconda del sesso, dell'età e dal 3po di vita: generalmente i grassi dovrebbero essere il 20-25% delle calorie complessive della dieta (per soggej sedentari) fino ad un massimo del 35% (per soggej con intensa ajvità fisica). QUANTI E QUALI GRASSI In una corre;a alimentazione, è necessario che i grassi siano Con una percentuale tra il 20-25% e il 30-35% della quota calorica giornaliera. la ripar3zione suggerita è la seguente: Acidi grassi saturi non più del 7-10% delle calorie totali Acidi grassi monoinsaturi fino al 20% delle calorie totali Acidi grassi polinsaturi circa il 7% delle calorie totali con un rapporto Omega- 6/Omega- 3 intorno a 5:1 Le quan3tà di grassi presen3 negli alimen3, puo' essere in forma visibile o invisibile, le quan3tà possono essere molto diverse da prodo;o a prodo;o, sopra;u;o ora con le linee light. Oggi e possibile trovare alimen3 con solo 1% di grassi, oltre tu;o vi sono svaria3 prodoj vegetali, certe carni e pesci par3colarmente magri, che contengono valori di grassi molto bassi. Ques3 alimen3 sono quelli da prediligere in un regime di dieta al fine di perdere peso. Quello a cui bisogna fare a;enzione sono i condimen3, infaj la percentuale di grassi in essi è molto alta l'85% nel burro e nella margarina e il 100% in tuj gli oli. A livello di apporto calorico i grassi sono tuj uguali ma ciò che li differenzia è la qualità, perchè la loro composizione chimica cambia, e cambia anche quella in acidi grassi (che possono essere saturi, insaturi, trans), questa loro par3colare differenza in qualità è molto importante per la salute e la

6 nutrizione dell'uomo. Qui di seguito troverete la tabella che classifica i grassi, e vi renderete conto, della differenza effejva che vi è tra un 3po di alimento e l'altro. Consigli u3li su come ges3re i grassi. Moderare le quan3tà di grassi ed oli che si u3lizzano normalmente per cucinare o condire, troppi condimen3 potrebbero trasformare un pia;o leggere e light, come una semplice insalata in una bomba calorica. Preferire i condimen3 vegetali a quelli animali ( meglio li oli che burro o margarina) Cucinare u3lizzando, co;ure al vapore, al forno, al cartoccio o padella an3aderen3, etc... Preferire l'u3lizzo di oli a crudo ed evitare di riu3lizzare i grassi e gli oli già coj, le fri;ure dei Fast Food, non molto consigliate! Non mangiare troppi alimen3 frij Mangiare il pesce, 2-3 volte a sejmana. Preferire le carni magre ed eliminare il grasso visibile. Se si amano le uova non superare le dose di 4 uova a sejmana Scegliere preferibilmente il la;e scremato o parzialmente scremato I formaggi sono un alta fonte di grassi e colesterolo, limitare le porzioni e preferire quelli par3colarmente magri Leggere a;entamente le e3che;e per conoscere le quan3tà e la qualità dei grassi contenu3 negli

7 alimen3. 4. Zuccheri, senza esagerare Al giorno d'oggi le fon3 più alte di zuccheri le ritroviamo in alimen3 e bevande dolci. Lo zucchero (saccarosio) che si ricava dalla barbabietola e dalla canna da zucchero, rappresenta la fonte più ricca di esso. Anche fru;a, miele e la;e contengono zucchero ma in forma di fru;osio, glucosio e la;osio. Il maltosio invece è lo zucchero presente, anche se in piccole quan3tà, nei cereali. Ogni 3po di zucchero viene facilmente assorbito ed u3lizzato dal corpo ma con tempis3che differen3. Assumere zuccheri provoca un innalzamento della glicemia del breve tempo, questo processo è quello che contrasta la sensazione di stanchezza fisica e mentale ed il senso di fame che si avvertono lontano dai pas3 o quando si è a digiuno, infaj quando si hanno ques3 sintomi si dice comunemente che si è avuto un calo di zuccheri, tecnicamente un ipoglicemia. Gli zuccheri semplici sono u3li come fon3 di energia, ma essi devono essere consuma3 nei limi3 del 10-15% dell apporto calorico giornaliero, chi dovrà fare par3colare a;enzione sono le persone diabe3che e quelle intolleran3 sopra;u;o al la;osio, ad oggi è l'intolleranza più diffusa che riguarda gli zuccheri. A chi non piace sen3re il sapore dolce almeno ogni tanto? La risposta più probabile è nessuno. Sarebbe opportuno però dis3nguere i dolci in due categorie, i prodoj da forno che apportano oltre agli zuccheri anche carboidra3 complessi (amido) e altri nutrien3, e i prodoj cos3tui3 prevalentemente da saccarosio e/o da grassi come caramelle, barre;e, cioccolata, ecc... quando si ha un incredibile voglia di dolci sarebbe meglio quindi per soddisfare la propria voglia con gli alimen3 appartenen3 alla prima categoria, ma anche il loro consumo va comunque controllato. LE LEGGENDE METROPOLITANE SUGLI ZUCCHERI 1. Il valore calorico e le cara;eris3che nutri3ve dello zucchero grezzo sono diverse da quelle dello zucchero bianco. - FALSO- Lo zucchero grezzo è semplicemente uno zucchero non totalmente raffinato 2. Il consumo di zuccheri provoca disturbi nel comportamento del bambino. - FALSO - Diversi studi hanno smen3to questa ipotesi sullo zucchero, ed inoltre, il consumo dello zucchero non ha influenza sulle capacità di apprendimento. 3. I succhi di fru;a senza zuccheri aggiun3 sono privi di zuccheri. - FALSO - Contengono comunque gli zuccheri naturali della fru;a saccarosio, fru;osio e glucosio - nella misura dell 8-10% possono fornire circa 70 kcal per bicchiere (200cc) 4. Le caramelle senza zucchero, vengono dolcificate con polialcoli (sorbitolo, xilitolo, e mal3tolo), ed inducono un effe;o lassa3vo quando si supera la quan3tà di 10 caramelle. 5. I prodoj light o senza zucchero non fanno ingrassare e quindi possano essere consuma3 liberamente. - FALSO - Mol3 dei prodoj di questo 3po apportano a volte un alta quan3tà di calorie. Per essere sicuri che i prodoj siano veramente light, si consiglia di controllare le tabelle nutrizionali del prodo;o e di non fidarsi solo delle scri;e, light, senza zucchero, a basso contenuto di grassi.

8 Consigli U3li sugli zuccheri Moderare il consumo di alimen3 e bevande dolci durante l'arco della giornata, in modo da non superare le quan3tà giornaliere di zuccheri consen3te Preferire i prodoj da forno, torte, biscoj etc, i quali contengono meno grasso e zucchero ma più amido. U3lizzare i prodoj dolci, in quan3tà controllata, preferibilmente al majno, meglio le marmellate, che le creme di nocciola. Limitare il consumo di prodoj che contengono molto saccarosio, in un regime diete3co andranno ovviamente elimina3, in questo caso per adempire ogni tanto alla voglia di dolce è opportuno consumare un prodo;o da forno piu;osto che cibi di puro saccarosio Quando si consumano alimen3 e/o bevande dolci, dolcifica3 con edulcoran3 sos3tu3vi, leggere sull e3che;a il 3po di edulcorante u3lizzato. Preferire prodoj dolciari faj in casa, potrete contenere le quan3tà di grassi e di zuccheri, o eventualmente sos3tuire il saccarosio con fru;osio o dolcifican3

9 5. Bere ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un cos3tuente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior quan3tà. La sua presenza è indispensabile per lo svolgimento di tuj i processi fisiologici e le reazioni biochimiche che avvengono nel nostro corpo. Inoltre, l acqua entra nella stru;ura di varie sostanze e agisce da solvente per la maggior parte dei nutrien3 (minerali, vitamine idrosolubili, aminoacidi, glucosio, ecc.), svolgendo un ruolo essenziale nella diges3one, nell assorbimento, nel trasporto e nella u3lizzazione degli stessi nutrien3. L acqua è anche il mezzo a;raverso il quale l organismo elimina le scorie metaboliche, ed è indispensabile per la regolazione della temperatura corporea. Inoltre, l acqua agisce come lubrificante e ha funzioni di ammor3zzatore nelle ar3colazioni e nei tessu3, man3ene elas3che e compa;e la pelle e le mucose, e garan3sce la giusta consistenza del contenuto intes3nale. Come tu;e le sostanze chimiche che compongono il nostro corpo, l acqua viene persa e consumata con3nuamente, e quindi deve essere di con3nuo reintegrata dall esterno. Il fabbisogno di acqua per adul3 e anziani è approssima3vamente di 1 ml di acqua per ogni chilocaloria alimentare introdo;a nel corso della giornata. Per i bambini, i quali sono maggiormente a rischio di disidratazione, il fabbisogno è maggiore, e corrisponde approssima3vamente ad 1.5 ml/kcal/giorno. L acqua non con3ene calorie, ed ogni variazione a breve termine del peso corporeo dovuta a maggiore perdita o a maggiore ritenzione di acqua è ingannevole e momentanea. Quindi, il tenta3vo di contenere il peso mediante il razionamento dell acqua è assolutamente inu3le, oltre ad essere rischioso per il nostro stato di salute. In condizioni normali le perdite giornaliere di acqua nell individuo adulto si aggirano intorno al 3-4% del peso corporeo (2-2.5 litri). 1. ACQUA E PESO CORPOREO Il nostro organismo è formato principalmente da acqua. Nel neonato l acqua rappresenta il 75% circa del peso corporeo. Questa frazione percentuale diminuisce fino all età adulta, quando si stabilizza intorno al 55-60% del peso corporeo. Nell anziano si ha una ulteriore diminuzione della quan3tà di acqua totale corporea, sia come valore assoluto che come frazione percentuale. Le differenze tra i sessi si evidenziano a par3re dalla adolescenza. La donna, infaj, avendo una maggiore percentuale di tessuto adiposo (povero di acqua), ha percentualmente una minore quan3tà di acqua. 2.L'ACQUA NELL ORGANISMO UMANO Approssima3vamente il 75% dei muscoli e degli organi interni e il 10% del tessuto adiposo sono cos3tui3 da acqua. Lo stesso scheletro è cos3tuito per oltre il 30% da acqua. Il 66% del totale dell acqua presente nel nostro organismo è localizzato all interno delle cellule e ne determina il volume e il turgore. Il 6-7% è presente nel plasma, il 2% nella linfa e il 23-25% è acqua extracellulare, localizzata negli spazi esisten3 tra le cellule.

10 Consigli u3li Assecondare sempre il senso di sete e anzi tentare di an3ciparlo, bere a sufficienza, mediamente litri di acqua al giorno. Bere frequentemente e in piccole quan3tà. Bere lentamente, sopra;u;o se l acqua è fredda: infaj un brusco abbassamento della temperatura dello stomaco può creare le condizioni per pericolose conges3oni. Bere preferibilmente acqua, piu;osto che bevande, zuccherine. Se non si ama bere molta acqua, bere 3sane e infusi È sbagliato evitare di bere per il 3more di sudare eccessivamente (sudare è fondamentale per regolare la temperatura corporea) o di ingrassare (l acqua non apporta calorie). 3. COME REINTEGRARE LE PERDITE DI ACQUA Noi assumiamo acqua a;raverso le bevande (mediamente ml al giorno) e gli alimen3 ( ml al giorno). Inoltre l organismo produce acqua mediante i processi di ossidazione dei carboidra3 (0.6g di acqua per ogni grammo di carboidra3 ossidato) e dei grassi (1.1 g di acqua per ogni grammo di acido grasso ossidato) e di degradazione delle proteine (0.4 g di acqua per ogni grammo di proteine), per un totale approssima3vo di 300 ml di acqua metabolica al giorno. 4. L ACQUA FORNITA DAGLI ALIMENTI Il contenuto di acqua degli alimen3 è estremamente variabile: fru;a, ortaggi, verdura e la;e sono cos3tui3 per oltre l 85% da acqua; carne, pesce, uova, formaggi freschi ne contengono il 50-80%; pane e pizza sono cos3tui3 per il 20-40% da acqua; pasta e riso coj ne contengono il 60-65%. Infine, biscoj, fe;e bisco;ate, grissini e fru;a secca ne contengono meno del 10%. Pochissimi alimen3 (olio, zucchero) sono cara;erizza3 dalla pressochè totale assenza di acqua Durante e dopo l ajvità fisica bere per reintegrare prontamente e tempes3vamente le perdite dovute alla sudorazione, ricorrendo prevalentemente all acqua. In determinate condizioni patologiche che provocano una maggiore perdita di acqua (ad esempio gli sta3 febbrili o ripetu3 episodi di diarrea), l acqua perduta deve essere reintegrata adeguatamente e tempes3vamente. FALSE CREDENZE SULL ACQUA 1. Non è vero che l acqua vada bevuta al di fuori dei pas3. Al limite, se si eccede nella quan3tà si allungheranno di un po' i tempi della diges3one (per una diluizione dei succhi gastrici), ma una adeguata quan3tà di acqua (non oltre ml) è u3le per favorire i processi diges3vi, perché migliora la consistenza degli alimen3 ingeri3. 2. Non è vero che l acqua faccia ingrassare. L acqua non con3ene calorie, e le variazioni di peso dovute all inges3one o eliminazione dell acqua sono momentanee e ingannevoli. 3. Non è vero che bere molta acqua provochi maggiore ritenzione idrica. La ritenzione idrica dipende più dal sale e da altre sostanze contenute nei cibi che consumiamo che dalla quan3tà di acqua che ingeriamo. 4. I sali contenu3 nell acqua favoriscono l eliminazione di quelli contenu3 in eccesso nell organismo. 5. Non è vero che il calcio presente nell acqua favorisca la formazione dei calcoli renali. Le persone predisposte a formare calcoli renali devono bere abbondantemente e ripetutamente nel corso della giornata. 6. Non è vero che l acqua gasata faccia male. Né l acqua naturalmente gasata né quella addizionata con gas (normalmente anidride carbonica) creano problemi alla nostra salute, anzi l anidride carbonica migliora la conservabilità del prodo;o. 7. Non è vero che le saune facciano dimagrire. Le saune fanno semplicemente eliminare sudore. Lo stesso organismo provvederà a reintegrare prontamente le perdite, cosicché nell arco di poche ore il peso tornerà ad essere esa;amente quello di prima.

11 6.Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno? Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale con3ene circa 0,4 g di sodio. In condizioni normali il nostro organismo elimina giornalmente da 0,1 a 0,6 g di sodio. Questa quan3tà va reintegrata con la dieta. Tu;avia, non è necessaria l aggiunta di sale ai cibi, in quanto già il sodio contenuto in natura negli alimen3 è sufficiente a coprire le necessità dell organismo. Solo in condizioni di sudorazione estrema e prolungata i fabbisogni di sodio possono aumentare. Ogni giorno l'adulto italiano ingerisce in media circa 10 g di sale (cioè 4 g di sodio), quindi molto più (quasi dieci volte) di quello fisiologicamente necessario. Perché ridurre il consumo di sale Un consumo eccessivo di sale può favorire l instaurarsi dell ipertensione arteriosa, sopra;u;o nelle persone predisposte. Eleva3 appor3 di sodio aumentano il rischio per alcune malaje del cuore, dei vasi sanguigni e dei reni, sia a;raverso l aumento della pressione arteriosa che indipendentemente da questo meccanismo. Un elevato consumo di sodio è inoltre associato all'aumento del peso perchè tende ad aumentare la ritenzione idrica, ma anche ad un rischio più elevato di tumori dello stomaco, a maggiori perdite urinarie di calcio e quindi, probabilmente, ad un maggiore rischio di osteoporosi. Di conseguenza, ridurre gli appor3 di sale può essere un importante misura sia preven3va che cura3va per molte persone. Le principali fon3 di sodio Le fon3 di sodio nell'alimentazione sono di varia natura: - il sodio contenuto allo stato naturale negli alimen3 (acqua, fru;a, verdura, carne, ecc.) - il sodio contenuto nel sale aggiunto nella cucina casalinga o a tavola - il sodio contenuto nei prodoj trasforma3 (ar3gianali e industriali) nonché nei consumi fuori casa. Come comportarsi: Ridurre progressivamente l uso di sale sia a tavola che in cucina. Preferire al sale comune il sale arricchito con iodio (sale iodato). Limita l uso di condimen3 alterna3vi contenen3 sodio (dado da brodo, ketchup, salsa di soia, senape, ecc.) Insaporisci i cibi con erbe aroma3che (come aglio, cipolla, basilico, prezzemolo, rosmarino, salvia,

12 menta, origano, maggiorana, sedano, porro, 3mo, semi di finocchio) e spezie (come pepe, peperoncino, noce moscata, zafferano, curry). Esalta il sapore dei cibi usando succo di limone e aceto. Scegli, quando sono disponibili, le linee di prodoj a basso contenuto di sale (pane senza sale, tonno in scatola a basso contenuto di sale, ecc.). Consuma solo saltuariamente alimen3 trasforma3 ricchi di sale (olive da tavola, alcuni salumi e formaggi). Nell ajvità spor3va moderata reintegra con la semplice acqua i liquidi perdu3 a;raverso la sudorazione.

13 7. Varia spesso le tue scelte a tavola La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidra3 e l energia da essi apportata, anche altri nutrien3 indispensabili, quali l acqua, le vitamine e i minerali. La dieta deve inoltre fornirci par3colari aminoacidi (presen3 nelle proteine) e alcuni acidi grassi polinsaturi (presen3 nei grassi). Queste sostanze infaj, così come le vitamine e i minerali, sono definite essenziali proprio perché l'organismo non è capace di "costruirsele" da solo: quindi ce le dobbiamo assicurare a;raverso gli alimen3. È bene ricordare però che non esiste, né come prodo;o naturale né come trasformato, l'alimento "completo" o "perfe;o" che contenga tu;e le sostanze indicate nella giusta quan3tà e che sia quindi in grado di soddisfare da solo le nostre necessità nutri3ve. Di conseguenza, il modo più semplice e sicuro per garan3re, in misura adeguata, l'apporto di tu;e le sostanze nutrien3 indispensabili, è quello di variare il più possibile le scelte e di combinare opportunamente i diversi alimen3. Comportarsi in questo modo significa non solo evitare il pericolo di squilibri nutrizionali e di possibili conseguen3 squilibri metabolici, ma anche soddisfare maggiormente il gusto e comba;ere la monotonia dei sapori. Inoltre, variare sistema3camente e razionalmente le scelte dei cibi significa ridurre un altro rischio che può derivare da abitudini alimentari monotone, vale a dire la inges3one ripetuta e con3nua3va - mangiando sempre gli stessi alimen3 - sia di sostanze estranee eventualmente presen3, sia di compos3 "an3nutrizionali" in essi naturalmente contenu3. È vero, invece, che diversificare le scelte alimentari a;enua rischi potenziali e assicura una maggiore protezione dello stato di salute, perché favorisce non soltanto un più completo apporto di vitamine e di minerali, ma anche una sufficiente inges3one di alcune sostanze naturali che svolgono in vari modi una funzione protejva per l'organismo: ad esempio, quelle sostanze an3ossidan3 che sono largamente presen3 negli alimen3 vegetali. Una corre;a alimentazione perme;e di poter perdere peso anche in tempi più veloci di quanto si pensi, e di mantenere uno stato di salute ojmale. Da un punto di vista pra3co, la traduzione di queste indicazioni nella dieta di tuj i giorni può essere più facile se si raggruppano i diversi alimen3 secondo le loro cara;eris3che nutri3ve principali: si o;engono così i gruppi di alimen3. Per realizzare una dieta completa e adeguata sarà sufficiente fare in modo che nell'alimentazione quo3diana ogni gruppo sia rappresentato da almeno una porzione degli alimen3 che ne fanno parte, avendo cura anche di variare abitualmente le scelte nell'ambito di ciascun singolo gruppo. Non va dimen3cato che comunque tali scelte vanno compiute tenendo presen3 tu;e le indicazioni

14 che sono state fornite nelle pagine preceden3. I gruppi di alimen3 La classificazione degli alimen3, più largamente condivisa, riunisce gli alimen3 stessi nei cinque gruppi di seguito elenca3, con la indicazione delle cara;eris3che nutrizionali principali. - Il gruppo cereali, loro deriva3 e tuberi comprende: pane, pasta, riso, altri cereali minori (quali mais, avena, orzo, farro, ecc.) oltre che patate. I cereali e deriva3, in par3colare, apportano buone quan3tà di vitamine del complesso B nonché di proteine che, pur essendo di scarsa qualità, possono, se unite a quelle dei legumi, dare origine ad una miscela proteica di valore biologico paragonabile a quello delle proteine animali. Fra gli alimen3 di questo gruppo è opportuno u3lizzare spesso anche quelli integrali, in quanto più ricchi di fibra in maniera naturale. - Il gruppo cos3tuito da fru;a ed ortaggi - comprendente anche legumi freschi - rappresenta una fonte importan3ssima di fibra, di ß- carotene (presente sopra;u;o in carote, peperoni, pomodori, albicocche, meloni, ecc.), di vitamina C (presente sopra;u;o in agrumi, fragole, kiwi, pomodori, peperoni, ecc.), di altre vitamine e dei più diversi minerali (di par3colare importanza il potassio). Ques3 alimen3 è opportuno che siano sempre presen3 sulla tavola, a cominciare dalla prima colazione. - Il gruppo la;e e deriva3 comprende il la;e, lo yogurt, i lajcini ed i formaggi. La funzione principale del gruppo è quella di fornire calcio, in forma altamente biodisponibile, ossia facilmente assorbibile e u3lizzabile. Gli alimen3 di questo gruppo contengono inoltre proteine di ojma qualità biologica ed alcune vitamine (sopra;u;o B2 e A). Nell'ambito del gruppo sono da preferire il la;e parzialmente scremato, i lajcini e i formaggi meno grassi. - Il gruppo carne, pesce ed uova ha la funzione principale di fornire proteine di elevata qualità e oligoelemen3 (in par3colare zinco, rame e ferro altamente biodisponibile, ossia facilmente assorbibile e u3lizzabile) e inoltre vitamine del complesso B (in par3colare vitamina B12). Nell'ambito del gruppo sono da preferire le carni magre (siano esse bovine, avicole, suine, ecc.) e il pesce. Va invece moderato, per quanto riguarda la quan3tà, il consumo di prodoj a maggiore tenore in grassi, quali cer3 3pi di carne e di insacca3. Per le uova, infine, un consumo acce;abile per soggej sani è quello di un uovo 2-4 volte alla sejmana. In questo gruppo è conveniente - da un punto di vista nutrizionale - includere i legumi secchi (fagioli, ceci, piselli, len3cchie, ecc.), ampliando così la possibilità di scelte e di alterna3ve. Ciò perché i legumi - oltre a rilevan3 quan3tà di amido e di fibra - forniscono anch'essi quei nutrien3 essenziali che sono cara;eris3ci della carne, del pesce e delle uova, come ferro, altri oligoelemen3 e notevoli quan3tà di proteine di buona qualità biologica. - Il gruppo dei grassi da condimento comprende tanto i grassi di origine vegetale quanto quelli di

15 origine animale. Il loro consumo deve essere contenuto, sia perché i grassi cos3tuiscono una fonte concentrata di energia e sia per gli altri mo3vi sopra elenca3. Sono da preferire quelli di origine vegetale (in par3colare l'olio extravergine d'oliva) rispe;o a quelli di origine animale (come burro, panna, lardo, stru;o, ecc.). Porzioni consigliate Il conce;o di "porzione", una porzione, presa come "unità pra3ca di misura della quan3tà di alimento consumata", corrisponde ad un certo quan3ta3vo in grammi, che si è cercato di ricavare sulla base dei consumi medi di alimen3 della popolazione italiana, degli alimen3 e pietanze 3pici della nostra tradizione e delle grammature di alcuni prodoj confeziona3. Consigli u3li su come comportarsi

16 8. Dieta 3po per perdere peso in modo sano Colazione: - 1 tazza di la;e (parzialmente scremato, o scremato), thè o caffè, o 1 yogurt magro - 2/3 fe;e bisco;ate, con la marmellata (2 cucchiaini) oppure: - 1 panino da 40 g con due fe;e di prosciu;o o del formaggio light Spun3no: 1 fru;o di stagione (durante la dieta evitare ciliegie, banane, cachi) Pranzo: Per le prime 2 sejmane: - (2 volte a sejmana) 50/80 g* (in base all'età e al sesso) di pasta o pane o riso, possibilmente condito con verdure per rendere il primo pia;o più appe3bile (sono da evitare, primi piaj elabora3 come carbonara, lasagne) *le porzioni sono da pesare a crudo - (5 volte a sejmana) 150g di carne bianca, oppure 100 di carne rossa, oppure 150/200g di pesce, oppure uova 2 a pasto e non più di 3/4 volte a sejmana. - contorno abbondante di verdure - terminare il pasto con caffè se è di gradimento - se si è ancora affama3, è possibile concludere il pasto con uno yogurt magro e delle fibre. Nelle sejmane successive i carboidra3 potranno essere consuma3 anche 3 volte a sejmana. Merenda - 1 fru;o di stagione o una spremuta fresca Cena - 150g di carne bianca, oppure 100 di carne rossa, oppure 150/200g di pesce, oppure uova 2 a pasto e non più di 3/4 volte a sejmana. - contorno abbondante di verdure - terminare il pasto con caffè se è di gradimento - se si è ancora affama3, è possibile concludere il pasto con uno yogurt magro e delle fibre. Buon Dimagrimento a TuJ!!!

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO GRASSO CHE COLA Di Luca Chianca Professore io mi son permesso di portarle il cibo sponsorizzato a Expo. FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli