I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rapporto sul turismo attivo in Sardegna"

Transcript

1 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione

2 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in Sardegna L offerta di turismo attivo in Sardegna Gli operatori turistici La consistenza degli operatori turistici Il periodo di apertura delle attività Gli operatori turistici e l ICT L uso delle lingue straniere Gli operatori turistici e la loro attività nel mercato del turismo attivo Le strutture ricettive La consistenza delle strutture ricettive Il periodo di apertura delle attività Le strutture ricettive e l ICT L uso delle lingue straniere Le strutture ricettive e il turismo attivo Enti e associazioni La consistenza di enti e associazioni L ICT negli enti e nelle associazioni Il mercato del turismo attivo: il mercato inquadrato dagli esperti Gli esperti I segmenti del turismo attivo che impiegano la bicicletta Segmento cicloturismo Segmento bici da strada Segmento mountain bike I segmenti del turismo attivo in ambiente montano e collinare Segmento trekking Segmento arrampicata Segmento speleologia I segmenti del turismo attivo in ambiente marino e lacustre Segmento kayak-canoa Segmento diving Segmento vela

3 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione Sport da onda Segmento canyoning Altri segmenti Segmento ippoturismo Segmento golf Segmento incentive Segmento team building Conclusioni

4

5 1 Il turismo attivo in Sardegna Lo studio sulle potenzialità del turismo attivo, inquadrato come uno dei macrosegmenti che compongono il mercato turistico, è soggetto ad una valutazione basata su due differenti fronti. Il primo fronte è costituito dalle informazioni fornite dagli iscritti al pre-workshop sul turismo attivo che si è tenuto ad Olbia il 3 e 4 dicembre 2009, che rappresentano l offerta di turismo attivo espressa dal contesto regionale sardo. Il pre-workshop organizzato dall Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione in collaborazione con l Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, aveva l obiettivo di conoscere le caratteristiche e far emergere le esigenze degli operatori economici che in Sardegna operano nel mercato del turismo attivo, con grandi potenzialità in termini di ricadute economiche e sociali. Il secondo fronte si basa sulle informazioni fornite da un gruppo costituito da 23 esperti, ciascuno dei quali ha messo a disposizione il proprio know how rispondendo ad un questionario composto da 10 quesiti relativi alla definizione del profilo dell utente/turista del proprio segmento di riferimento. Il rapporto si compone di tre parti: La prima parte definisce il profilo delle classi di operatori economici che compongono l offerta sarda espressa nel mercato del turismo attivo La seconda parte definisce il profilo della domanda espressa nel mercato del turismo attivo in relazione agli specifici segmenti per i quali esiste un offerta nel contesto regionale sardo. La terza parte formalizza le conclusioni sulle potenzialità espresse dal mercato del turismo attivo sulla base di quanto emerso dall analisi delle sue componenti. 2

6 3

7 2 L offerta di turismo attivo in Sardegna Lo studio della prima componente di mercato del turismo attivo è basata sulle informazioni fornite dagli operatori economici iscritti e chiamati a partecipare al pre-workshop che si è tenuto ad Olbia il 3 e 4 dicembre I soggetti che hanno mostrato un forte interesse verso quest iniziativa, sono stati distinti in tre categorie di operatori: - operatori turistici che erogano i servizi definiti core poiché supportano il turista nella visita attiva del territorio - strutture ricettive che accolgono i turisti che desiderano soggiornare in Sardegna - enti e associazioni la cui funzione è quella di captare gli interessi latenti ed espressi dai diversi ambiti territoriali, al fine di ottimizzare lo sviluppo di questo importantissimo macrosegmento del mercato turistico. Le tre tipologie di soggetti, che esprimono l offerta del mercato del turismo attivo, definiscono anche la struttura di questa prima parte del rapporto che sarà articolata in tre sottosezioni ciascuna delle quali esprime le caratteristiche delle tre tipologie di soggetti. Ogni sottosezione analizza le principali caratteristiche delle tre tipologie di soggetti in termini funzionali all oggetto di studio: il turismo attivo. Lo schema di analisi che definisce la struttura di ogni sottosezione è comune per le categorie degli operatori turistici e delle strutture ricettive, e in parte, questo viene ripercorso anche per la categoria degli enti e delle associazioni. Infatti in quest ultimo caso si parla di soggetti le cui finalità non sono solo di carattere prettamente economico ma anche sociale. Pertanto, rispetto alle prime due tipologie di soggetti (operatori turistici e strutture ricettive) verranno analizzati i dati relativi: - alla consistenza delle iscrizioni per tipologia di soggetto o attività - il carattere stagionale o annuale dell attività condotta - l utilizzo o meno di mezzi di comunicazione telematica - l uso delle lingue straniere - la vocazione della strutture rispetto ai differenti segmenti di domanda del turismo attivo - l offerta di pacchetti e dei servizi messi a disposizione da parte degli operatori turistici. Mentre con riferimento alla categoria enti e associazioni verranno analizzati gli aspetti relativi alla consistenza e alla disponibilità di mezzi di comunicazione telematica. 4

8 2.1 Gli operatori turistici Con il termine operatore turistico vengono identificati quei soggetti titolari di quelle attività economiche che operano direttamente e/o indirettamente rispetto alla domanda espressa dal mercato del turismo attivo. Da questa tipologia di soggetti vengono escluse le strutture ricettive per le quali esiste una specifica sottosezione d analisi. Nello specifico la categoria operatori turistici è composta da due sottocategorie di attività: - attività economiche che offrono servizi di accompagnamento, definizione di programmi, pacchetti e quant altro occorra al turista/viaggiatore per portare avanti la propria visita del territorio sardo o di una sua parte in funzione del segmento turistico attivo di riferimento - attività di supporto alla precedente forma di attività. L operatività delle attività economiche che offrono servizi diretti al turista/viaggiatore è strettamente dipendente dai servizi e dai beni offerti da imprese terze, che costituiscono i semilavorati della loro attività e che devono essere richiesti ad altre attività economiche e non. Questa sottocategoria di operatori costituisce il cosiddetto indotto La consistenza degli operatori turistici Al pre-workshop di Olbia si sono iscritti 220 operatori turistici. A livello territoriale il maggior numero di operatori turistici proviene dalla provincia di Olbia-Tempio (69 unità), mentre rispetto alla specifica classe di attività il maggior numero delle imprese iscritte è quello relativo alle imprese di servizi turistici (96 unità). 5

9 Tavola 1.1 Operatori turistici iscritti al pre-workshop per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P. N.R: Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia; ** N.R.: non risposto Quindi il 43% degli operatori turistici è costituito dalle imprese di servizi turistici, le cosiddette imprese che si occupano di offrire servizi diretti rispetto ai differenti segmenti di domanda del turismo attivo. Seguono in termini di unità iscritte per specifica classe di attività, le agenzie di servizi (18%), le imprese di produzione agroalimentare (8%) e le agenzie di viaggio (7%). Distribuzione degli operatori turistici iscritti per tipologia di attività - Ristorazione 2% Noleggio 6% Tour operator 2% Altro 7% Non risposto 4% Agenzia di servizi 18% Agenzia di viaggio 7% Im presa di trasporto 2% Im presa servizi turistici 43% Im presa di produzione agroalim entare 8% Impresa produzione artigianato 1% L approfondimento sulla distribuzione territoriale degli operatori turistici mette in evidenza come il 56% degli stessi sia concentrato in due distinte province. Nell ordine la provincia di Olbia-Tempio dalla quale proviene il 32% degli operatori turistici, segue quella di Cagliari con il 24%. La restante quota proviene dal resto delle province della Sardegna. 6

10 Distribuzione degli operatori turistici iscritti per provincia di provenienza - Sassari 13% Medio Campidano 3% Altro 2% Non risposto 1% Cagliari 24% Carbonia-Iglesias 3% Olbia-Tem pio 32% Oristano 6% Ogliastra 6% Nuoro 10% Lo studio sulla distribuzione per classe di attività e per territorio di provenienza viene approfondito con l analisi della specifica classe di operatori turistici che hanno un rapporto diretto con i distinti segmenti che costituiscono il mercato del turismo attivo. Delle 96 imprese di servizi turistici, la quota più elevata (31% circa) è costituita dalle 30 imprese che operano nel segmento di mercato del trekking. Con il 12,5% segue la quota delle cosiddette imprese definite generaliste poiché operano nei mercati facenti capo ai vari segmenti. La lettura del dato sulla distribuzione per segmento di riferimento in base alla dislocazione territoriale provinciale, conferma come anche in questo caso il maggior numero di imprese di servizi turistici (35 unità) provenga dalla provincia di Olbia-Tempio, seguono le province di Cagliari (21 unità), Sassari e Nuoro (12 unità). 7

11 Tavola 2.1 Imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per segmento di turismo attivo e provincia - numero unità Provincia Segmento turismo attivo CA CI NU OG OR OT SS VS Totale Balneare 1 1 Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf Incentive 1 1 Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf 2 2 Mountain bike 1 1 Trekking Vela Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione delle imprese di servizi turistici iscritte per provincia di provenienza - Sassari 13% Medio Campidano 2% Cagliari 22% Carbonia-Iglesias 2% Olbia-Tem pio 36% Nuoro 13% Oristano 4% Ogliastra 8% 8

12 Distribuzione delle imprese di servizi turistici per segmento del turismo attivo in cui operano - Vela 7% Altro 5% Non risposto 8% Balneare 1% Cicloturism o 4% Diving 8% Escursionism o 5% Generale 14% Golf 2% Trekking 32% Mountain bike 1% Kite surf 2% Incentive 1% Ippoturism o 4% Kayak-Canoa 6% La consistenza delle iscrizioni deve essere valutata tenendo conto anche delle iscrizioni effettuate durante il pre-workshop. Infatti sulla base del forte interesse che gli operatori turistici hanno manifestato si è deciso di raccogliere ulteriori iscrizioni anche nei due giorni dell evento. Alle iscrizioni effettuate entro i termini fissati per il 25 novembre, devono essere sommate quelle dei 74 operatori turistici iscritti durante la tenuta dell evento. Tra questi nuovi iscritti prevalgono le agenzie di servizi (24 unità) e le imprese di servizi turistici (19 unità), queste due tipologie di operatori turistici costituiscono il 58% circa degli iscritti nella due giorni dell evento. A livello provinciale, spicca il dato delle province di Olbia-Tempio, Cagliari e Sassari, dalle quali provengono il 69% circa degli iscritti dopo la scadenza dei termini. 9

13 Tavola 3.1 Operatori turistici iscritti il giorno del pre-worshop per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS A.P. N.R. Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio 1 1 Ristorazione Tour operator Altro Non risposto 2 2 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 A.P.: altra provincia N.R.: non risposto Il periodo di apertura delle attività Analizzati gli aspetti relativi alla consistenza degli operatori turistici e delle imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop, si passa all analisi degli aspetti relativi al periodo d apertura delle attività. Capire come le imprese si distribuiscano rispetto al periodo di apertura, consente di valutare in modo più attento come e in quali termini il sistema dell offerta di servizi offerti possa accrescere la propria efficacia. Infatti è necessario capire se i tempi di apertura delle attività sono in linea con quelli che sono i periodi di soggiorno della domanda, espressa e latente, del turista attivo. Rispetto alla totalità degli operatori turistici, la maggior parte per una quota pari al 68,2%, tiene aperta la propria attività per tutto il corso dell anno. Tendenza confermata nella disaggregazione territoriale provinciale che risulta essere marcata nelle province di Olbia-Tempio e Cagliari, nelle quali 44 e 41, rispettivamente, operatori turistici tengono aperte le loro attività per l intero anno. Il 13,6% degli operatori turistici conduce un attività a carattere stagionale. Una quota limitata, sulla quale incidono le province di Olbia-Tempio e Cagliari con 9 e 6 attività stagionali. Anche se limitata, sarebbe bene ridurre ulteriormente questa componente stagionale che non agevola il processo di destagionalizzazione che può essere attivato con il turismo attivo. 10

14 Tavola 4.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per periodo di attività e provincia numero unità Provincia Periodo attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Annuale Stagionale Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione provinciale degli operatori turistici iscritti per periodo di attività -, provincia = ,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Cagliari Carbonia- Iglesias Nuoro Ogliastra Oristano Olbia-Tem pio Sassari Medio Cam pidano Altra provincia Totale Annuale Stagionale Non risposto Nello specifico, l attività che risulta essere caratterizzata dal più basso livello di stagionalità è quella delle agenzie di viaggio. Oltre alle agenzie di viaggio sono presenti altre attività che presentano una quota percentuale di apertura annuale superiore al 70%, sono questi i casi delle attività di ristorazione, dei tour operator, delle imprese di trasporto, delle agenzie di servizi e delle imprese di produzione agroalimentare. Nella lettura del dato è necessario tener presente che le percentuali di non risposta in alcuni casi risultano essere elevate. Sempre rispetto alle diverse tipologie di attività risulta che le imprese di servizi turistici, quelle che si occupano direttamente del turismo attivo, presentano una componente stagionale pari al 26%, che potrebbe essere ridotta con l ulteriore sviluppo di questo mercato nel contesto territoriale sardo. 11

15 Tavola 5.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per tipologia e periodo di attività -numero unità Periodo di attività Tipologia di attività Annuale Stagionale Non risposto Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione degli operatori turistici iscritti per periodo e tipologia di attività -, tipologia attività = ,0 90,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Annuale Stagionale Non risposto L approfondimento rispetto alle imprese di servizi turistici ripropone in parte quanto riscontrato per la totalità degli operatori turistici. In tal senso occorre sottolineare come per le imprese che si occupano direttamente di turismo attivo la componente stagionale tenda a crescere. A livello territoriale questa crescita è verificata per tutte le province della Sardegna, anche se risulta essere minima nel caso delle province di Sassari e Cagliari, e più marcata nel caso della provincia del Medio Campidano. In termini relativi la miglior provincia è quella di Carbonia Iglesias, dove la componente stagionale è addirittura assente. 12

16 Tavola 5.1 Numero di imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per periodo di attività e provincia - -numero unità Provincia Periodo attività CA CI NU OG OR OT SS VS Totale Annuale Stagionale Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione provinciale delle imprese di servizi turistici per periodo di attività -, provincia = ,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 0,0 Cagliari Carbonia- Iglesias Nuoro Ogliastra Oristano Olbia-Tem pio Sassari Medio Cam pidano Altra provincia Annuale Stagionale Non risposto La componente stagionale interessa soprattutto le imprese di servizi turistici che operano nel segmento balneare, dell escursionismo e dell ippoturismo, invece non risentono della stagionalità le imprese che operano nei segmenti del golf, dell incentive e della mountain bike. Sono, comunque solo in parte, interessati da una limitata componente stagionale, che comunque non va oltre il 25%, i segmenti del trekking, del cicloturismo e del diving. Nel complesso la bassa stagionalità che interessa le imprese di servizi turistici mette in evidenza un offerta caratterizzata da un alto potenziale in termini di destagionalizzazione del mercato turistico sardo. 13

17 Tavola 6.1 Numero delle imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per segmento -di turismo attivo in cui operano e per periodo di attività - numero unità Periodo di attività Segmento turismo attivo Annuale Stagionale Non risposto Totale Balneare 1 1 Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf 2 2 Incentive 1 1 Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf Mountain bike 1 1 Trekking Vela Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione delle imprese di servizi turistici per segmento di turismo attivo in cui operano e periodo di attività -, segmento turimo attivo = % 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 90% 80% 70% 25,0 25,0 25,0 25,0 50,0 50,0 10,0 10,0 14,3 28,6 20,0 37,5 10,4 26,0 60% 80,0 40,0 50% 100,0 100,0 100,0 50,0 0,0 100,0 25,0 40% 75,0 75,0 75,0 80,0 30% 50,0 50,0 57,1 63,5 20% 40,0 37,5 10% 20,0 25,0 0% 0,0 Balneare Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf Incentive Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf Mountain bike Trekking Vela Altro Non risposto Totale Annuale Stagionale Non risposto Gli operatori turistici e l ICT Gli operatori turistici mostrano una buona attitudine verso l uso delle nuove forme di comunicazione ICT. Su 220 operatori turistici 152 dispongono di un sito internet, per una quota pari al 69,1% degli operatori turistici iscritti. 14

18 Tavola 7.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per disponibilità di un sito internet e provincia numero unità Provincia Disponibilità sito internet CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Non hanno un sito internet Hanno un sito internet Non risposto 1 1 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici per disponibilità di un sito internet - Non risposto 0,5% Non hanno un sito internet 30,5% Hanno un sito internet 69,1% Delle 152 realtà che dispongono di un sito internet, 66 unità, per una quota pari al 43,4% dei soggetti che dispongo di un sito internet, sono imprese di servizi turistici che si occupano direttamente di turismo attivo. Di queste 66 realtà, 19 sono localizzate nella provincia di Olbia-Tempio. 15

19 Tavola 8.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop che hanno un sito internet per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Altro Impresa di trasporto Impresa produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato 1 1 Impresa servizi turistici Noleggio Non risposto Ristorazione Tour operator Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici che hanno un sito internet per tipologia attività - Noleggio 6,6% Ristorazione Non risposto 2,0% 3,3% Tour operator 2,6% Agenzia di servizi 19,7% Agenziia di viaggio 9,2% Im presa servizi turistici 43,4% Altro 6,6% Im presa produzione agroalim entare 3,3% Im presa produzione artigianato 0,7% Im presa di trasporto 2,6% La diffusione delle caselle di posta elettronica è più marcata della diffusione dei siti internet. Infatti su 220 operatori turistici, 202, per una quota pari al 92%, dispongono di una casella di posta elettronica. 16

20 Tavola 9.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per disponibilità di una casella di posta elettronica e provincia numero unità Provincia Disponibilità CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Non hanno un casella di posta elettronica Hanno un casella di posta elettronica Non risposto 1 1 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici per disponibilità di una casella di posta elettronica - Non risposto 0,5% Non hanno un casella di posta elettronica 7,7% Hanno un casella di posta elettronica 91,8% Dall analisi della distribuzione per tipologia di attività viene confermato quanto riscontrato nell analisi dei dati sulla disponibilità di un sito internet. Infatti la forma di attività dove prevale la disponibilità di una casella di posta elettronica è quella delle imprese di servizi turistici. 17

21 Distribuzione degli operatori turistici che hanno una casella di posta elettronica per tipologia di attività - Noleggio 6,4% Non risposto 3,5% Ristorazione 2,0% Tour operator 2,0% Agenzia di servizi 17,3% Agenzia di viaggio 7,4% Altro 7,4% Im presa di trasporto 2,0% Im presa servizi turistici 46,5% Im presa produzione agroalim entare 4,5% Impresa produzione artigianato 1,0% L uso delle lingue straniere L apertura degli operatori turistici alle nuove opportunità offerte dal mercato del turismo attivo, richiede l uso di una o più lingue straniere. Infatti è nei paesi stranieri che risiede una grossa quota della domanda dei differenti segmenti del turismo attivo. Con riferimento a quest ultimo aspetto, è necessario ricordare che nella seconda parte di questo rapporto verranno riportati, per i vari segmenti che compongono il turismo attivo, due ordini di informazioni: 1) la composizione della domanda sulla base della provenienza, nazionale ed estera, 2) la composizione della domanda turistica attiva nazionale per regione di provenienza e della domanda turistica attiva estera per nazione di provenienza. Dall analisi sulla provenienza dei turisti attivi è emersa la necessità di acquisire informazioni relative all uso delle lingue straniere da parte degli operatori che compongono l offerta. Occorre ricordare che le elaborazioni sull uso delle lingue straniere si basano su quanto è stato dichiarato dagli operatori al momento dell iscrizione al pre-workshop. Le lingue che gli operatori turistici hanno dichiarato di utilizzare sono: l inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo e il russo. La lingua inglese è parlata da 174 su 220 operatori turistici iscritti. Quindi il 79,1% degli operatori turistici iscritti parla la lingua inglese. Particolarmente interessanti sono i dati relativi ai tour operator e alla ristorazione, per le quali la totalità degli operatori turistici (100%) parla la lingua inglese. Interessante è anche il dato relativo alle imprese di servizi turistici che nel 90% dei casi usa la lingua inglese. Le attività che invece non utilizzano la lingua inglese sono quelle relative alla produzione artigiana e a 18

22 quella agroalimentare. Rispetto al totale degli iscritti della prima forma di attività parla la lingua inglese il 33% degli operatori turistici, mentre nel secondo caso solo l 11%. Tavola 10.1 Numero di operatori turistici iscritti al pre-workshop che usano la lingua inglese per tipologia di attività numero unità Lingua inglese Tipologia attività Non parla Parla N.R. Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione 4 4 Tour operator 4 4 Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 *N.R.: non risposto Uso della lingua inglese per specifica tipologia di attività - 120,0 100,0 80, , , , ,0 0 0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Dopo l inglese la lingua straniera più utilizzata dagli operatori turistici è il francese. Questa lingua è parlata soprattutto dai tour operator (75%), seguiti dalle agenzie di viaggio (67%) e dalle agenzie di servizi (59%). Relativamente alle imprese di servizi turistici, che assumono un ruolo particolarmente importante nello sviluppo del mercato del turismo attivo, vi è un equa ripartizione tra coloro che usano e non usano la lingua francese. Anche in questo caso si conferma la bassa tendenza degli iscritti appartenenti ai settori produttivi dell artigianato e dell agroalimentare a utilizzare poco anche la lingua francese. 19

23 E importante porre in risalto anche il dato della ristorazione dove nessun operatore utilizza il francese. Uso della lingua francese per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , ,0 40, ,0 0,0 6 0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Il tedesco risulta essere utilizzato dal 53% delle agenzie di viaggio e dal 50% dei tour operator iscritti. Negli altri casi emerge uno scarso uso di questa lingua. Uso della lingua tedesca per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , , ,0 20,0 0, Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Come il tedesco, l uso della lingua spagnola è poco diffuso. Le attività che utilizzano questa lingua 20

24 sono quelle dei tour operator (50%), delle agenzie di viaggio (40%), delle agenzie di servizi (38%) e delle imprese di servizi turistici (35%). Uso della lingua spagnola per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , , , ,0 0, Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Oltre alle lingue viste finora, alcuni operatori turistici hanno dichiarato di utilizzare la lingua russa. Questi risultati sono stati inseriti poiché fanno riferimento ad un mercato come quello russo che può essere definito emergente sul quale è necessario investire. Il russo è poco utilizzato, e le sole attività in cui solo una piccola parte usa questa lingua sono: la ristorazione, dove il 25% dei ristoratori iscritti ha dichiarato di utilizzare questa lingua, le agenzie di viaggio nel 20% dei casi, le agenzie di servizi (8%), le imprese di produzione agroalimentare (6%) e le imprese di servizi turistici (3%). 21

25 Uso della lingua russa per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , ,0 40,0 20, , Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Gli operatori turistici e la loro attività nel mercato del turismo attivo Dopo aver analizzato gli aspetti generali e gli elementi di supporto all attività degli operatori turistici, è stato necessario approfondire alcuni aspetti inerenti la loro operatività rispetto agli specifici segmenti che costituiscono il mercato del turismo attivo. Due sono gli aspetti presi in considerazione: 1) propensione degli operatori turistici ad offrire servizi di accompagnamento ai turisti; 2) servizio di offerta di pacchetti ai diversi segmenti del turismo attivo. Nella lettura dei dati dichiarati dagli operatori turistici si è tenuto conto di due aspetti: - ogni operatore può offrire il servizio di accompagnamento per uno o più segmenti, quindi l unità può essere ripetuta - nell erogazione delle due tipologie di servizio si è tenuto conto di tutto l universo costituito da 220 operatori turistici, infatti è possibile verificare che, anche nel caso delle attività il cui core business non è rappresentato dal turismo attivo (aspetto che invece risulta essere sempre valido per le 96 imprese di servizi turistici), vi siano operatori turistici che offrono alcuni servizi funzionali alle attività tipiche del turista attivo. Secondo le dichiarazioni fornite dagli operatori turistici risulta che il servizio di accompagnamento più diffuso è quello relativo al trekking. Sono 20 gli operatori turistici che hanno dichiarato di offrire questo servizio a chi desidera fare trekking. Degno di nota è anche il servizio di accompagnamento relativo alla mountain bike prestato da 10 operatori turistici. Lo studio dell erogazione del servizio di accompagnamento, tenuto conto del contesto territoriale, fa 22

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Servizio della Statistica regionale Via XXIX Novembre

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013

15 Rapporto sulla gestione dei rifiuti urbani in Sardegna Anno 2013 REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGENTZIA REGIONALE PRO S AMPARU DE S AMBIENTE DE SARDIGNA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS 15 Rapporto

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 10/11

Riassunto delle ammissioni programma talenti SMS anno scolastico 10/11 Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 0/ Classi di prima Richiesta di documentazione all'uefs 75 Domande accettate secondo i criteri previsti 5 68.0% artisti 9 ( 8 musica,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny Domanda 1 codifica ٱ Domanda 2 codifica ٱ Domanda 3 codifica ٱ Domanda 4 codifica ٱ Domanda 5 codifica ٱ Domanda 6 codifica ٱ Scomparsi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche Dalla spesa del turista all analisi della filiera, l individuazione delle aree

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione absolutgroup.it O 12 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Provincia di Bologna Servizio Industria, Artigianato e Commercio Ufficio di Coordinamento SUAP Via Benedetto XIV, 3-40125

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Filiale di Padova Anno XXX BARI, 19 FEBBRAIO 1999 N. 18 Il Bollettino Ufficiale

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE Lo Sportello Unico Produttive è un servizio istituito dai

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

ISBN 978-88-88343-65-5

ISBN 978-88-88343-65-5 2008 osservatorio del turismo della regione calabria 2008 le nuvole - editoria e arti visive via F.lli Cervi 17/L - 87100 Cosenza www.lenuvole.it - e.mail: info@lenuvole.it ISBN 978-88-88343-65-5 REGIONE

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA 1. PREMESSA Il presente bando esplicita i criteri e le modalità con cui,

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Scopriamo insieme il

Scopriamo insieme il Scopriamo insieme il SettemariClub Sol Falcó Durante la visita tecnica della struttura, porta con te questo Mini Book inspection, potrà esserti utile. In molti casi, le notizie contenute nel Mini Book

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

Proposta di legge. presentata dai consiglieri MELONI F, VARGIU, COSSA, DEDONI, FOIS, MULA. Relazione dei proponenti

Proposta di legge. presentata dai consiglieri MELONI F, VARGIU, COSSA, DEDONI, FOIS, MULA. Relazione dei proponenti ATTI CONSILIARI - XIV LEGISLATURA Proposta di legge presentata dai consiglieri MELONI F, VARGIU, COSSA, DEDONI, FOIS, MULA RIFORMA DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Relazione dei proponenti PREMESSA L attuale

Dettagli

Quali sono i compiti della Provincia in materia di formazione?

Quali sono i compiti della Provincia in materia di formazione? Quali sono i compiti della Provincia in materia di formazione? Redige il Piano Annuale della Formazione; Pubblica gli avvisi; Seleziona i progetti e redige le graduatorie; Assegna le risorse e stipula

Dettagli

Hiking 10 Famiglia 14 E altro ancora... Estate 18 Panorama Estate 20. Inverno. Sci 24 E altro ancora... Inverno 30 Panorama Inverno 32

Hiking 10 Famiglia 14 E altro ancora... Estate 18 Panorama Estate 20. Inverno. Sci 24 E altro ancora... Inverno 30 Panorama Inverno 32 ... ma di vacanze attive: è questa la nostra specializzazione! Siamo diventati la stazione alpina in cui vacanza si coniuga con sport. Mountain bike, sci, podismo, sci nordico, nordic walking, hiking...

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DIVENTA ISPETTORE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLA RISTORAZIONE

DIVENTA ISPETTORE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLA RISTORAZIONE Aggiungi valore alle tue abilità professionali DIVENTA ISPETTORE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLA RISTORAZIONE L organizzazione, le tecniche e la pratica operativa per le attività ispettive, di controllo

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 BANDO DI CONCORSO VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Dipendenti

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli