I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rapporto sul turismo attivo in Sardegna"

Transcript

1 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione

2 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in Sardegna L offerta di turismo attivo in Sardegna Gli operatori turistici La consistenza degli operatori turistici Il periodo di apertura delle attività Gli operatori turistici e l ICT L uso delle lingue straniere Gli operatori turistici e la loro attività nel mercato del turismo attivo Le strutture ricettive La consistenza delle strutture ricettive Il periodo di apertura delle attività Le strutture ricettive e l ICT L uso delle lingue straniere Le strutture ricettive e il turismo attivo Enti e associazioni La consistenza di enti e associazioni L ICT negli enti e nelle associazioni Il mercato del turismo attivo: il mercato inquadrato dagli esperti Gli esperti I segmenti del turismo attivo che impiegano la bicicletta Segmento cicloturismo Segmento bici da strada Segmento mountain bike I segmenti del turismo attivo in ambiente montano e collinare Segmento trekking Segmento arrampicata Segmento speleologia I segmenti del turismo attivo in ambiente marino e lacustre Segmento kayak-canoa Segmento diving Segmento vela

3 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione Sport da onda Segmento canyoning Altri segmenti Segmento ippoturismo Segmento golf Segmento incentive Segmento team building Conclusioni

4

5 1 Il turismo attivo in Sardegna Lo studio sulle potenzialità del turismo attivo, inquadrato come uno dei macrosegmenti che compongono il mercato turistico, è soggetto ad una valutazione basata su due differenti fronti. Il primo fronte è costituito dalle informazioni fornite dagli iscritti al pre-workshop sul turismo attivo che si è tenuto ad Olbia il 3 e 4 dicembre 2009, che rappresentano l offerta di turismo attivo espressa dal contesto regionale sardo. Il pre-workshop organizzato dall Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione in collaborazione con l Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, aveva l obiettivo di conoscere le caratteristiche e far emergere le esigenze degli operatori economici che in Sardegna operano nel mercato del turismo attivo, con grandi potenzialità in termini di ricadute economiche e sociali. Il secondo fronte si basa sulle informazioni fornite da un gruppo costituito da 23 esperti, ciascuno dei quali ha messo a disposizione il proprio know how rispondendo ad un questionario composto da 10 quesiti relativi alla definizione del profilo dell utente/turista del proprio segmento di riferimento. Il rapporto si compone di tre parti: La prima parte definisce il profilo delle classi di operatori economici che compongono l offerta sarda espressa nel mercato del turismo attivo La seconda parte definisce il profilo della domanda espressa nel mercato del turismo attivo in relazione agli specifici segmenti per i quali esiste un offerta nel contesto regionale sardo. La terza parte formalizza le conclusioni sulle potenzialità espresse dal mercato del turismo attivo sulla base di quanto emerso dall analisi delle sue componenti. 2

6 3

7 2 L offerta di turismo attivo in Sardegna Lo studio della prima componente di mercato del turismo attivo è basata sulle informazioni fornite dagli operatori economici iscritti e chiamati a partecipare al pre-workshop che si è tenuto ad Olbia il 3 e 4 dicembre I soggetti che hanno mostrato un forte interesse verso quest iniziativa, sono stati distinti in tre categorie di operatori: - operatori turistici che erogano i servizi definiti core poiché supportano il turista nella visita attiva del territorio - strutture ricettive che accolgono i turisti che desiderano soggiornare in Sardegna - enti e associazioni la cui funzione è quella di captare gli interessi latenti ed espressi dai diversi ambiti territoriali, al fine di ottimizzare lo sviluppo di questo importantissimo macrosegmento del mercato turistico. Le tre tipologie di soggetti, che esprimono l offerta del mercato del turismo attivo, definiscono anche la struttura di questa prima parte del rapporto che sarà articolata in tre sottosezioni ciascuna delle quali esprime le caratteristiche delle tre tipologie di soggetti. Ogni sottosezione analizza le principali caratteristiche delle tre tipologie di soggetti in termini funzionali all oggetto di studio: il turismo attivo. Lo schema di analisi che definisce la struttura di ogni sottosezione è comune per le categorie degli operatori turistici e delle strutture ricettive, e in parte, questo viene ripercorso anche per la categoria degli enti e delle associazioni. Infatti in quest ultimo caso si parla di soggetti le cui finalità non sono solo di carattere prettamente economico ma anche sociale. Pertanto, rispetto alle prime due tipologie di soggetti (operatori turistici e strutture ricettive) verranno analizzati i dati relativi: - alla consistenza delle iscrizioni per tipologia di soggetto o attività - il carattere stagionale o annuale dell attività condotta - l utilizzo o meno di mezzi di comunicazione telematica - l uso delle lingue straniere - la vocazione della strutture rispetto ai differenti segmenti di domanda del turismo attivo - l offerta di pacchetti e dei servizi messi a disposizione da parte degli operatori turistici. Mentre con riferimento alla categoria enti e associazioni verranno analizzati gli aspetti relativi alla consistenza e alla disponibilità di mezzi di comunicazione telematica. 4

8 2.1 Gli operatori turistici Con il termine operatore turistico vengono identificati quei soggetti titolari di quelle attività economiche che operano direttamente e/o indirettamente rispetto alla domanda espressa dal mercato del turismo attivo. Da questa tipologia di soggetti vengono escluse le strutture ricettive per le quali esiste una specifica sottosezione d analisi. Nello specifico la categoria operatori turistici è composta da due sottocategorie di attività: - attività economiche che offrono servizi di accompagnamento, definizione di programmi, pacchetti e quant altro occorra al turista/viaggiatore per portare avanti la propria visita del territorio sardo o di una sua parte in funzione del segmento turistico attivo di riferimento - attività di supporto alla precedente forma di attività. L operatività delle attività economiche che offrono servizi diretti al turista/viaggiatore è strettamente dipendente dai servizi e dai beni offerti da imprese terze, che costituiscono i semilavorati della loro attività e che devono essere richiesti ad altre attività economiche e non. Questa sottocategoria di operatori costituisce il cosiddetto indotto La consistenza degli operatori turistici Al pre-workshop di Olbia si sono iscritti 220 operatori turistici. A livello territoriale il maggior numero di operatori turistici proviene dalla provincia di Olbia-Tempio (69 unità), mentre rispetto alla specifica classe di attività il maggior numero delle imprese iscritte è quello relativo alle imprese di servizi turistici (96 unità). 5

9 Tavola 1.1 Operatori turistici iscritti al pre-workshop per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P. N.R: Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia; ** N.R.: non risposto Quindi il 43% degli operatori turistici è costituito dalle imprese di servizi turistici, le cosiddette imprese che si occupano di offrire servizi diretti rispetto ai differenti segmenti di domanda del turismo attivo. Seguono in termini di unità iscritte per specifica classe di attività, le agenzie di servizi (18%), le imprese di produzione agroalimentare (8%) e le agenzie di viaggio (7%). Distribuzione degli operatori turistici iscritti per tipologia di attività - Ristorazione 2% Noleggio 6% Tour operator 2% Altro 7% Non risposto 4% Agenzia di servizi 18% Agenzia di viaggio 7% Im presa di trasporto 2% Im presa servizi turistici 43% Im presa di produzione agroalim entare 8% Impresa produzione artigianato 1% L approfondimento sulla distribuzione territoriale degli operatori turistici mette in evidenza come il 56% degli stessi sia concentrato in due distinte province. Nell ordine la provincia di Olbia-Tempio dalla quale proviene il 32% degli operatori turistici, segue quella di Cagliari con il 24%. La restante quota proviene dal resto delle province della Sardegna. 6

10 Distribuzione degli operatori turistici iscritti per provincia di provenienza - Sassari 13% Medio Campidano 3% Altro 2% Non risposto 1% Cagliari 24% Carbonia-Iglesias 3% Olbia-Tem pio 32% Oristano 6% Ogliastra 6% Nuoro 10% Lo studio sulla distribuzione per classe di attività e per territorio di provenienza viene approfondito con l analisi della specifica classe di operatori turistici che hanno un rapporto diretto con i distinti segmenti che costituiscono il mercato del turismo attivo. Delle 96 imprese di servizi turistici, la quota più elevata (31% circa) è costituita dalle 30 imprese che operano nel segmento di mercato del trekking. Con il 12,5% segue la quota delle cosiddette imprese definite generaliste poiché operano nei mercati facenti capo ai vari segmenti. La lettura del dato sulla distribuzione per segmento di riferimento in base alla dislocazione territoriale provinciale, conferma come anche in questo caso il maggior numero di imprese di servizi turistici (35 unità) provenga dalla provincia di Olbia-Tempio, seguono le province di Cagliari (21 unità), Sassari e Nuoro (12 unità). 7

11 Tavola 2.1 Imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per segmento di turismo attivo e provincia - numero unità Provincia Segmento turismo attivo CA CI NU OG OR OT SS VS Totale Balneare 1 1 Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf Incentive 1 1 Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf 2 2 Mountain bike 1 1 Trekking Vela Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione delle imprese di servizi turistici iscritte per provincia di provenienza - Sassari 13% Medio Campidano 2% Cagliari 22% Carbonia-Iglesias 2% Olbia-Tem pio 36% Nuoro 13% Oristano 4% Ogliastra 8% 8

12 Distribuzione delle imprese di servizi turistici per segmento del turismo attivo in cui operano - Vela 7% Altro 5% Non risposto 8% Balneare 1% Cicloturism o 4% Diving 8% Escursionism o 5% Generale 14% Golf 2% Trekking 32% Mountain bike 1% Kite surf 2% Incentive 1% Ippoturism o 4% Kayak-Canoa 6% La consistenza delle iscrizioni deve essere valutata tenendo conto anche delle iscrizioni effettuate durante il pre-workshop. Infatti sulla base del forte interesse che gli operatori turistici hanno manifestato si è deciso di raccogliere ulteriori iscrizioni anche nei due giorni dell evento. Alle iscrizioni effettuate entro i termini fissati per il 25 novembre, devono essere sommate quelle dei 74 operatori turistici iscritti durante la tenuta dell evento. Tra questi nuovi iscritti prevalgono le agenzie di servizi (24 unità) e le imprese di servizi turistici (19 unità), queste due tipologie di operatori turistici costituiscono il 58% circa degli iscritti nella due giorni dell evento. A livello provinciale, spicca il dato delle province di Olbia-Tempio, Cagliari e Sassari, dalle quali provengono il 69% circa degli iscritti dopo la scadenza dei termini. 9

13 Tavola 3.1 Operatori turistici iscritti il giorno del pre-worshop per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS A.P. N.R. Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio 1 1 Ristorazione Tour operator Altro Non risposto 2 2 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 A.P.: altra provincia N.R.: non risposto Il periodo di apertura delle attività Analizzati gli aspetti relativi alla consistenza degli operatori turistici e delle imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop, si passa all analisi degli aspetti relativi al periodo d apertura delle attività. Capire come le imprese si distribuiscano rispetto al periodo di apertura, consente di valutare in modo più attento come e in quali termini il sistema dell offerta di servizi offerti possa accrescere la propria efficacia. Infatti è necessario capire se i tempi di apertura delle attività sono in linea con quelli che sono i periodi di soggiorno della domanda, espressa e latente, del turista attivo. Rispetto alla totalità degli operatori turistici, la maggior parte per una quota pari al 68,2%, tiene aperta la propria attività per tutto il corso dell anno. Tendenza confermata nella disaggregazione territoriale provinciale che risulta essere marcata nelle province di Olbia-Tempio e Cagliari, nelle quali 44 e 41, rispettivamente, operatori turistici tengono aperte le loro attività per l intero anno. Il 13,6% degli operatori turistici conduce un attività a carattere stagionale. Una quota limitata, sulla quale incidono le province di Olbia-Tempio e Cagliari con 9 e 6 attività stagionali. Anche se limitata, sarebbe bene ridurre ulteriormente questa componente stagionale che non agevola il processo di destagionalizzazione che può essere attivato con il turismo attivo. 10

14 Tavola 4.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per periodo di attività e provincia numero unità Provincia Periodo attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Annuale Stagionale Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione provinciale degli operatori turistici iscritti per periodo di attività -, provincia = ,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Cagliari Carbonia- Iglesias Nuoro Ogliastra Oristano Olbia-Tem pio Sassari Medio Cam pidano Altra provincia Totale Annuale Stagionale Non risposto Nello specifico, l attività che risulta essere caratterizzata dal più basso livello di stagionalità è quella delle agenzie di viaggio. Oltre alle agenzie di viaggio sono presenti altre attività che presentano una quota percentuale di apertura annuale superiore al 70%, sono questi i casi delle attività di ristorazione, dei tour operator, delle imprese di trasporto, delle agenzie di servizi e delle imprese di produzione agroalimentare. Nella lettura del dato è necessario tener presente che le percentuali di non risposta in alcuni casi risultano essere elevate. Sempre rispetto alle diverse tipologie di attività risulta che le imprese di servizi turistici, quelle che si occupano direttamente del turismo attivo, presentano una componente stagionale pari al 26%, che potrebbe essere ridotta con l ulteriore sviluppo di questo mercato nel contesto territoriale sardo. 11

15 Tavola 5.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per tipologia e periodo di attività -numero unità Periodo di attività Tipologia di attività Annuale Stagionale Non risposto Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione degli operatori turistici iscritti per periodo e tipologia di attività -, tipologia attività = ,0 90,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Annuale Stagionale Non risposto L approfondimento rispetto alle imprese di servizi turistici ripropone in parte quanto riscontrato per la totalità degli operatori turistici. In tal senso occorre sottolineare come per le imprese che si occupano direttamente di turismo attivo la componente stagionale tenda a crescere. A livello territoriale questa crescita è verificata per tutte le province della Sardegna, anche se risulta essere minima nel caso delle province di Sassari e Cagliari, e più marcata nel caso della provincia del Medio Campidano. In termini relativi la miglior provincia è quella di Carbonia Iglesias, dove la componente stagionale è addirittura assente. 12

16 Tavola 5.1 Numero di imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per periodo di attività e provincia - -numero unità Provincia Periodo attività CA CI NU OG OR OT SS VS Totale Annuale Stagionale Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione provinciale delle imprese di servizi turistici per periodo di attività -, provincia = ,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 0,0 Cagliari Carbonia- Iglesias Nuoro Ogliastra Oristano Olbia-Tem pio Sassari Medio Cam pidano Altra provincia Annuale Stagionale Non risposto La componente stagionale interessa soprattutto le imprese di servizi turistici che operano nel segmento balneare, dell escursionismo e dell ippoturismo, invece non risentono della stagionalità le imprese che operano nei segmenti del golf, dell incentive e della mountain bike. Sono, comunque solo in parte, interessati da una limitata componente stagionale, che comunque non va oltre il 25%, i segmenti del trekking, del cicloturismo e del diving. Nel complesso la bassa stagionalità che interessa le imprese di servizi turistici mette in evidenza un offerta caratterizzata da un alto potenziale in termini di destagionalizzazione del mercato turistico sardo. 13

17 Tavola 6.1 Numero delle imprese di servizi turistici iscritte al pre-workshop per segmento -di turismo attivo in cui operano e per periodo di attività - numero unità Periodo di attività Segmento turismo attivo Annuale Stagionale Non risposto Totale Balneare 1 1 Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf 2 2 Incentive 1 1 Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf Mountain bike 1 1 Trekking Vela Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 Distribuzione delle imprese di servizi turistici per segmento di turismo attivo in cui operano e periodo di attività -, segmento turimo attivo = % 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 90% 80% 70% 25,0 25,0 25,0 25,0 50,0 50,0 10,0 10,0 14,3 28,6 20,0 37,5 10,4 26,0 60% 80,0 40,0 50% 100,0 100,0 100,0 50,0 0,0 100,0 25,0 40% 75,0 75,0 75,0 80,0 30% 50,0 50,0 57,1 63,5 20% 40,0 37,5 10% 20,0 25,0 0% 0,0 Balneare Cicloturismo Diving Escursionismo Generale Golf Incentive Ippoturismo Kayak-Canoa Kite surf Mountain bike Trekking Vela Altro Non risposto Totale Annuale Stagionale Non risposto Gli operatori turistici e l ICT Gli operatori turistici mostrano una buona attitudine verso l uso delle nuove forme di comunicazione ICT. Su 220 operatori turistici 152 dispongono di un sito internet, per una quota pari al 69,1% degli operatori turistici iscritti. 14

18 Tavola 7.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per disponibilità di un sito internet e provincia numero unità Provincia Disponibilità sito internet CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Non hanno un sito internet Hanno un sito internet Non risposto 1 1 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici per disponibilità di un sito internet - Non risposto 0,5% Non hanno un sito internet 30,5% Hanno un sito internet 69,1% Delle 152 realtà che dispongono di un sito internet, 66 unità, per una quota pari al 43,4% dei soggetti che dispongo di un sito internet, sono imprese di servizi turistici che si occupano direttamente di turismo attivo. Di queste 66 realtà, 19 sono localizzate nella provincia di Olbia-Tempio. 15

19 Tavola 8.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop che hanno un sito internet per tipologia di attività e provincia numero unità Provincia Tipologia di attività CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Altro Impresa di trasporto Impresa produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato 1 1 Impresa servizi turistici Noleggio Non risposto Ristorazione Tour operator Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici che hanno un sito internet per tipologia attività - Noleggio 6,6% Ristorazione Non risposto 2,0% 3,3% Tour operator 2,6% Agenzia di servizi 19,7% Agenziia di viaggio 9,2% Im presa servizi turistici 43,4% Altro 6,6% Im presa produzione agroalim entare 3,3% Im presa produzione artigianato 0,7% Im presa di trasporto 2,6% La diffusione delle caselle di posta elettronica è più marcata della diffusione dei siti internet. Infatti su 220 operatori turistici, 202, per una quota pari al 92%, dispongono di una casella di posta elettronica. 16

20 Tavola 9.1 Numero degli operatori turistici iscritti al pre-workshop per disponibilità di una casella di posta elettronica e provincia numero unità Provincia Disponibilità CA CI NU OG OR OT SS VS A.P.* Totale Non hanno un casella di posta elettronica Hanno un casella di posta elettronica Non risposto 1 1 Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 * A.P.: altra provincia Distribuzione degli operatori turistici per disponibilità di una casella di posta elettronica - Non risposto 0,5% Non hanno un casella di posta elettronica 7,7% Hanno un casella di posta elettronica 91,8% Dall analisi della distribuzione per tipologia di attività viene confermato quanto riscontrato nell analisi dei dati sulla disponibilità di un sito internet. Infatti la forma di attività dove prevale la disponibilità di una casella di posta elettronica è quella delle imprese di servizi turistici. 17

21 Distribuzione degli operatori turistici che hanno una casella di posta elettronica per tipologia di attività - Noleggio 6,4% Non risposto 3,5% Ristorazione 2,0% Tour operator 2,0% Agenzia di servizi 17,3% Agenzia di viaggio 7,4% Altro 7,4% Im presa di trasporto 2,0% Im presa servizi turistici 46,5% Im presa produzione agroalim entare 4,5% Impresa produzione artigianato 1,0% L uso delle lingue straniere L apertura degli operatori turistici alle nuove opportunità offerte dal mercato del turismo attivo, richiede l uso di una o più lingue straniere. Infatti è nei paesi stranieri che risiede una grossa quota della domanda dei differenti segmenti del turismo attivo. Con riferimento a quest ultimo aspetto, è necessario ricordare che nella seconda parte di questo rapporto verranno riportati, per i vari segmenti che compongono il turismo attivo, due ordini di informazioni: 1) la composizione della domanda sulla base della provenienza, nazionale ed estera, 2) la composizione della domanda turistica attiva nazionale per regione di provenienza e della domanda turistica attiva estera per nazione di provenienza. Dall analisi sulla provenienza dei turisti attivi è emersa la necessità di acquisire informazioni relative all uso delle lingue straniere da parte degli operatori che compongono l offerta. Occorre ricordare che le elaborazioni sull uso delle lingue straniere si basano su quanto è stato dichiarato dagli operatori al momento dell iscrizione al pre-workshop. Le lingue che gli operatori turistici hanno dichiarato di utilizzare sono: l inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo e il russo. La lingua inglese è parlata da 174 su 220 operatori turistici iscritti. Quindi il 79,1% degli operatori turistici iscritti parla la lingua inglese. Particolarmente interessanti sono i dati relativi ai tour operator e alla ristorazione, per le quali la totalità degli operatori turistici (100%) parla la lingua inglese. Interessante è anche il dato relativo alle imprese di servizi turistici che nel 90% dei casi usa la lingua inglese. Le attività che invece non utilizzano la lingua inglese sono quelle relative alla produzione artigiana e a 18

22 quella agroalimentare. Rispetto al totale degli iscritti della prima forma di attività parla la lingua inglese il 33% degli operatori turistici, mentre nel secondo caso solo l 11%. Tavola 10.1 Numero di operatori turistici iscritti al pre-workshop che usano la lingua inglese per tipologia di attività numero unità Lingua inglese Tipologia attività Non parla Parla N.R. Totale Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di trasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione 4 4 Tour operator 4 4 Altro Non risposto Totale Fonte: Nostra elaborazione su base dati degli iscritti al pre-workshop Olbia 3/4 Dicembre 09 *N.R.: non risposto Uso della lingua inglese per specifica tipologia di attività - 120,0 100,0 80, , , , ,0 0 0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Dopo l inglese la lingua straniera più utilizzata dagli operatori turistici è il francese. Questa lingua è parlata soprattutto dai tour operator (75%), seguiti dalle agenzie di viaggio (67%) e dalle agenzie di servizi (59%). Relativamente alle imprese di servizi turistici, che assumono un ruolo particolarmente importante nello sviluppo del mercato del turismo attivo, vi è un equa ripartizione tra coloro che usano e non usano la lingua francese. Anche in questo caso si conferma la bassa tendenza degli iscritti appartenenti ai settori produttivi dell artigianato e dell agroalimentare a utilizzare poco anche la lingua francese. 19

23 E importante porre in risalto anche il dato della ristorazione dove nessun operatore utilizza il francese. Uso della lingua francese per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , ,0 40, ,0 0,0 6 0 Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Il tedesco risulta essere utilizzato dal 53% delle agenzie di viaggio e dal 50% dei tour operator iscritti. Negli altri casi emerge uno scarso uso di questa lingua. Uso della lingua tedesca per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , , ,0 20,0 0, Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Come il tedesco, l uso della lingua spagnola è poco diffuso. Le attività che utilizzano questa lingua 20

24 sono quelle dei tour operator (50%), delle agenzie di viaggio (40%), delle agenzie di servizi (38%) e delle imprese di servizi turistici (35%). Uso della lingua spagnola per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , , , ,0 0, Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Oltre alle lingue viste finora, alcuni operatori turistici hanno dichiarato di utilizzare la lingua russa. Questi risultati sono stati inseriti poiché fanno riferimento ad un mercato come quello russo che può essere definito emergente sul quale è necessario investire. Il russo è poco utilizzato, e le sole attività in cui solo una piccola parte usa questa lingua sono: la ristorazione, dove il 25% dei ristoratori iscritti ha dichiarato di utilizzare questa lingua, le agenzie di viaggio nel 20% dei casi, le agenzie di servizi (8%), le imprese di produzione agroalimentare (6%) e le imprese di servizi turistici (3%). 21

25 Uso della lingua russa per specifica tipologia di attività - 120,0 100, , ,0 40,0 20, , Agenzia di servizi Agenzia di viaggio Impresa di tasporto Impresa di produzione agroalimentare Impresa produzione artigianato Impresa servizi turistici Noleggio Ristorazione Tour operator Altro Non risposto Totale Parla Non parla Gli operatori turistici e la loro attività nel mercato del turismo attivo Dopo aver analizzato gli aspetti generali e gli elementi di supporto all attività degli operatori turistici, è stato necessario approfondire alcuni aspetti inerenti la loro operatività rispetto agli specifici segmenti che costituiscono il mercato del turismo attivo. Due sono gli aspetti presi in considerazione: 1) propensione degli operatori turistici ad offrire servizi di accompagnamento ai turisti; 2) servizio di offerta di pacchetti ai diversi segmenti del turismo attivo. Nella lettura dei dati dichiarati dagli operatori turistici si è tenuto conto di due aspetti: - ogni operatore può offrire il servizio di accompagnamento per uno o più segmenti, quindi l unità può essere ripetuta - nell erogazione delle due tipologie di servizio si è tenuto conto di tutto l universo costituito da 220 operatori turistici, infatti è possibile verificare che, anche nel caso delle attività il cui core business non è rappresentato dal turismo attivo (aspetto che invece risulta essere sempre valido per le 96 imprese di servizi turistici), vi siano operatori turistici che offrono alcuni servizi funzionali alle attività tipiche del turista attivo. Secondo le dichiarazioni fornite dagli operatori turistici risulta che il servizio di accompagnamento più diffuso è quello relativo al trekking. Sono 20 gli operatori turistici che hanno dichiarato di offrire questo servizio a chi desidera fare trekking. Degno di nota è anche il servizio di accompagnamento relativo alla mountain bike prestato da 10 operatori turistici. Lo studio dell erogazione del servizio di accompagnamento, tenuto conto del contesto territoriale, fa 22

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

Notizie generali sulla struttura

Notizie generali sulla struttura Notizie generali sulla struttura DENOMINAZIONE DELL ESERCIZIO TIPOLOGIA Alberghi Motel Villaggi-Alberghi Alberghi Dimora Storica- Residenze d Epoca Campeggi Alberghi Centro Benessere Ostelli della gioventù

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche

1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche 1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche Il servizio di ricerca strutture turistiche (v. 2.1.1) permette di ricercare le strutture ricettive attraverso criteri di selezione piuttosto articolati: Macrotipo

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.10.2014 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in di - Venezia principalmente alla (ad es. San Clemente) zona di ubicazione della struttura -

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 2010 al 2014 Elaborazione a cura dell Ufficio del Turismo della Provincia di Novara turismo.statistica@provincia.novara.it 1 CAPACITA RICETTIVA Qualifica Stelle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.A ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ATTIVITÀ 55.10.B ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE ATTIVITÀ 55.23.4 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO ANNO 2013 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, adottato nell

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

CASE STUDY IL TOURISM NOMOGRAM APPLICATO ALLA SARDEGNA

CASE STUDY IL TOURISM NOMOGRAM APPLICATO ALLA SARDEGNA CASE STUDY IL TOURISM NOMOGRAM APPLICATO ALLA SARDEGNA ESTRATO DA INDICATORI DI EFFICIENZA- EFFICACIA PER MASSIMIZZARE LO SVILUPPO DEL SETTORE TURISTICO SARDO. ISBN 9788890714320 PRIMA EDIZIONE MARZO 2013

Dettagli

PROGETTARE IL TURISMO NELLE ISOLE:

PROGETTARE IL TURISMO NELLE ISOLE: OSSERVATORIO SUL TURISMO DELLE ISOLE EUROPEE OBSERVATORY ON TOURISM IN THE EUROPEAN ISLANDS OBSERVATOIRE SUR LE TOURISME DANS LES ILES EUROPÉENNES DIPARTIMENTO RICERCA CODICE: PA-3/08-I PROGETTARE IL TURISMO

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 Elaborazione su dati provvisori forniti dal Settore Turismo della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO

OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO Provincia di Livorno OSSERVATORIO TURISTICO PROVINCIA DI LIVORNO N. 0 1 aprile 2009 INDICE Il sistema di ospitalità in provincia di Livorno, caratteristiche strutturali e qualitative delle imprese ricettive.

Dettagli

NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI IL DECRETO "SEMPLIFICA ITALIA" vitantonio lippolis[1] CONSULENTE

NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI IL DECRETO SEMPLIFICA ITALIA vitantonio lippolis[1] CONSULENTE IL CONSULENTE Pubblicazione Ufficiale del Consiglio provinciale dell'ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma 8 NELLAVOROSIFA SPAZIOLA SEMPLIFICAZIONE DEGLI vitantonio lippolis[1] ADEMPIMENTI IL DECRETO

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

MANUALE INFORMATIVO BUONI VACANZE PER GLI OPERATORI TURISTICI

MANUALE INFORMATIVO BUONI VACANZE PER GLI OPERATORI TURISTICI MANUALE INFORMATIVO BUONI VACANZE PER GLI OPERATORI TURISTICI Disposizioni generali per gli operatori turistici che intendono aderire al sistema Buoni Vacanze L adesione al sistema BVI non comporta costi

Dettagli

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità (Anno Accademico 2010-2011) 2 Indice 1. Obiettivi del

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 19 gennaio 2012 Anno 2010 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2010 le aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo sfiorano le 20 mila unità, quasi mille in più rispetto all anno precedente

Dettagli

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre Amministrazione Provinciale di Firenze Dipartimento Sviluppo Economico e Turismo INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi

Dettagli

EDIZIONI AV. AUTORE Massimo Deiana. Valentina Corona TITOLO. Legislazione turistica della Sardegna

EDIZIONI AV. AUTORE Massimo Deiana. Valentina Corona TITOLO. Legislazione turistica della Sardegna EDIZIONI AV AUTORE Massimo Deiana MANUALI E TRATTATI Valentina Corona TITOLO Manuale di Legislazione turistica della Sardegna II a Edizione CARATTERISTICHE Pagine 360 Illustrazioni Nessuna Formato 17 x

Dettagli

AVVISO. Partecipazione alla BIT/BUY ITALY 2015. 12-14 febbraio 2015. Regolamento di partecipazione

AVVISO. Partecipazione alla BIT/BUY ITALY 2015. 12-14 febbraio 2015. Regolamento di partecipazione AVVISO Partecipazione alla BIT/BUY ITALY 2015 12-14 febbraio 2015 Regolamento di partecipazione La Regione Sardegna, come ogni anno parteciperà alla BIT con proprio spazio espositivo. Il Buy Italy e il

Dettagli

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca

Turismo verde questo sconosciuto. Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde questo sconosciuto Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Turismo verde?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

I servizi proposti saranno suddivisi nelle seguenti aree tematiche e raggruppati per tipologia di offerta:

I servizi proposti saranno suddivisi nelle seguenti aree tematiche e raggruppati per tipologia di offerta: SCOPRI LA VALTELLINA AUTUNNO 2013 Le offerte commerciali proposte dagli operatori privati (non verranno prese in esame proposte provenienti da agenzie viaggi e da Consorzi) dovranno presentare le seguenti

Dettagli

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Milano, 12 ottobre 2010 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO ESTATE 2010 E PREVISIONI PER L AUTUNNO L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Nel trimestre estivo il 63,6% delle

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO Disegno di Legge di Iniziativa della Giunta Regionale PUNTI SALIENTI E NOVITA Venezia, 18 maggio 2011 Quanto perderebbe l economia del Veneto senza il turismo?

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE

Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE Inverno 2010/2011 Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE Cosa è successo lo scorso inverno La clientela della montagna bianca: italiani vs stranieri A livello nazionale

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO GUIDA ALL OSPITALITÀ. in Provincia di Oristano HOSPITALITY. In the Province of Oristano

PROVINCIA DI ORISTANO GUIDA ALL OSPITALITÀ. in Provincia di Oristano HOSPITALITY. In the Province of Oristano PROVINCIA DI ORISTANO GUIDA ALL OSPITALITÀ in Provincia di Oristano HOSPITALITY In the Province of Oristano 2014 L Amministrazione Provinciale di Oristano rinnova ancora una volta la tradizione ormai pluridecennale,

Dettagli

Perdita di Competitività ITALIA

Perdita di Competitività ITALIA Perdita di Competitività ITALIA Totale assenza di qualsiasi riflessione sistematica sull innovazione di questo settore; Una eccessiva frammentazione della macchina gestionale che rende le poche risorse

Dettagli

Agriturismo biologico

Agriturismo biologico E Turismo sostenibile Secondo una indagine di Coldiretti-SWG, nel 2011, l 8% degli italiani ha scelto una vacanza improntata al relax nella natura, a stretto contatto con aziende agricole che producono

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO: PRIMO TRIMESTRE 2015 E CONSUNTIVO 2014

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO: PRIMO TRIMESTRE 2015 E CONSUNTIVO 2014 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO: PRIMO TRIMESTRE 2015 E CONSUNTIVO 2014 Elaborazione su dati forniti dai Settori Turismo e Agricoltura della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini Responsabile: Caterina

Dettagli

Un Osservatorio online per conoscere il turismo provinciale

Un Osservatorio online per conoscere il turismo provinciale Un Osservatorio online per conoscere il turismo provinciale Questo portale contiene informazioni relative all Osservatorio Turistico della Provincia di Lecce, uno strumento finalizzato alla definizione

Dettagli

LABORATORIO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA OLBIA - TEMPIO. SCHEDA FOCUS n. 2. Turismo costiero nella prospettiva dell allungamento della stagione

LABORATORIO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA OLBIA - TEMPIO. SCHEDA FOCUS n. 2. Turismo costiero nella prospettiva dell allungamento della stagione LABORATORIO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA OLBIA - TEMPIO SCHEDA FOCUS n. 2 Turismo costiero nella prospettiva dell allungamento della stagione L offerta ricettiva Descrizione Il parco ricettivo alberghiero

Dettagli

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000.

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/104 del 23.12.2011 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE COMPETITIVITA REGIONALE ED OCCUPAZIONE FERS 2007/2013 Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

Data Volume 1, Numero 1

Data Volume 1, Numero 1 Data Volume 1, Numero 1 Tra vent anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 10 ottobre 2014 Anno 2013 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2013 il numero delle aziende agrituristiche (aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo) è pari a 20.897, 423 in più rispetto

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

PANORAMA TURISMO. Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna. - Focus sull Appennino Reggiano -

PANORAMA TURISMO. Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna. - Focus sull Appennino Reggiano - PANORAMA TURISMO Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna - Focus sull Appennino Reggiano - Cosa è successo la scorsa estate ALCUNI DATI DELL APPENNINO REGIONALE MERCATO ITALIA VS ESTERO 6,3% ITALIA

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Denuncia di classificazione per il quinquennio..

Denuncia di classificazione per il quinquennio.. Denuncia di classificazione per il quinquennio.. Prima classificazione ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI COMUNE DI:.... Denominazione dell esercizio... Casa Principale Dipendenza SEZIONE 1 - GENERALITA

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

PANORAMA TURISMO. Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna. - Focus sull Appennino Bolognese -

PANORAMA TURISMO. Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna. - Focus sull Appennino Bolognese - PANORAMA TURISMO Osservatorio dell Appennino dell Emilia Romagna - Focus sull Appennino Bolognese - Cosa è successo la scorsa estate ALCUNI DATI DELL APPENNINO REGIONALE ITALIA Emilia Romagna Toscana Marche

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

Osservatorio nazionale sul turismo

Osservatorio nazionale sul turismo Osservatorio nazionale sul turismo Prima indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2006 a cura della

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 11 novembre 2013 Anno 2012 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2012 il numero di aziende agrituristiche si conferma superiore alle 20 mila unità: le aziende agricole autorizzate all esercizio dell

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI ESTERNE SVILUPPO E MANIFESTAZIONI PROT. UREM/n.

UFFICIO RELAZIONI ESTERNE SVILUPPO E MANIFESTAZIONI PROT. UREM/n. UFFICIO RELAZIONI ESTERNE SVILUPPO E MANIFESTAZIONI PROT. UREM/n. ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO SEDE CENTRALE Roma, - Assessorati Turismo e APT Regionali - Province Autonome e APT Provinciali di

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo XVIII Rapporto sul Turismo Italiano I INDICE Prefazione Presentazione 1 PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo 1 Il turismo nel mondo secondo

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Gavoi 17/10/2005. A cura del Centro Studi e Ricerche Confesercenti Regionale della Sardegna. In collaborazione con

Gavoi 17/10/2005. A cura del Centro Studi e Ricerche Confesercenti Regionale della Sardegna. In collaborazione con Gavoi 17/10/2005 A cura del Centro Studi e Ricerche Confesercenti Regionale della Sardegna In collaborazione con Pag.1 di 31 RAPPORTO SUL TURISMO: ANALISI DEL COMPARTO IN SARDEGNA PER LA STAGIONE 2005

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano.

Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano. Osservatorio del Turismo 2014: il lavoro degli enti bilaterali Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano. EBTT ed EBIT Presentazione a cura di Giampiero Poggiali Firenze,

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

Il ruolo del Turismo nello sviluppo economico della regione Sardegna

Il ruolo del Turismo nello sviluppo economico della regione Sardegna Il ruolo del Turismo nello sviluppo economico della regione Sardegna 9 giugno 2011 Agenda Il turismo: lo scenario nazionale ed internazionale e le prospettive di medio-lungo termine Il turismo nella regione:

Dettagli

Gianni Vivoli Architetto

Gianni Vivoli Architetto Gianni Vivoli Architetto 1) PREMESSA Prima di analizzare la distribuzione delle strutture turistiche di Follonica è utile riassumere alcuni aspetti e caratteristiche del turismo di Follonica. Follonica

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Assessorato Turismo - Industria Alberghiera

REGIONE PUGLIA. Assessorato Turismo - Industria Alberghiera REGIONE PUGLIA Assessorato Turismo - Industria Alberghiera DOSSIER SULLE CARATTERISTICHE E L ANDAMENTO DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA (2006) 1. CARATTERISTICHE DELL OFFERTA RICETTIVA L offerta turistica

Dettagli

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012

Ing. Marco Passigato Gruppo tecnico FIAB 25/02/2012 San Donà di Piave 2 marzo 2012 Seminario Il cicloturismo, opportunità per il turismo rurale del Veneto Orientale I manuali Infrastrutture a servizio del cicloturismo 2 Le reti Eurovelo e Bicitalia i cicloturisti

Dettagli

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri -

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - Gli affitti turistici, si sa, sono entrati in una crisi profonda: non serve essere in prima linea sul mare o nel centro della

Dettagli

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005)

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005) 11 maggio 5 Movimento alberghiero Pasqua 5 (25 marzo-3 aprile 5) Flussi dei clienti nelle strutture alberghiere Sulla base della rilevazione campionaria sull attività alberghiera (si vedano le Note Informative

Dettagli

Settori ammissibili, Criteri di selezione, Definizioni

Settori ammissibili, Criteri di selezione, Definizioni UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORADU DE SU TURISMU, ARTESANIA E CUMMÈRTZIU ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO PO FESR Sardegna 2007 2013 Competitività regionale e occupazione Asse

Dettagli

Osservatorio turistico della provincia di Pistoia Anticipazione risultati sul movimento turistico del I trimestre 2015 n.

Osservatorio turistico della provincia di Pistoia Anticipazione risultati sul movimento turistico del I trimestre 2015 n. Anticipazione risultati sul movimento turistico del I trimestre 2015 1) Capacità ricettiva al 1 gennaio 2015 in aumento rispetto al 2014 01/01/14 01/01/15 Var. % TIPOLOGIA Alberghi 5 Stelle 2 482 3 630

Dettagli

PRESTITO D ONORE DELLA SARDEGNA

PRESTITO D ONORE DELLA SARDEGNA Piano integrato per il lavoro, art. 10 L.R. n. 7/2005 Asse III Risorse Umane Misura 3.10 Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini di impiego, Azione 3.10 a Azioni di

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica)

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) (novembre 2007) (codice prodotto OSPN04-R02-D02) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Approvato con deliberazione di C.C. n. 4 del 10 gennaio 2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento. Art.

Dettagli

LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO

LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO Firenze 8 luglio 2015 Dott. Alberto Peruzzini LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO Crescita sostenuta nei primi cinque mesi del 2015, trainata dalla domanda straniera malgrado le incognite del quadro internazionale

Dettagli

Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale

Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale 27 novembre 2007 Pietro Aimetti TEMI DELLA PRESENTAZIONE RICETTIVITA E ATTRATTIVITA Consistenza e tipologia delle strutture ricettive:

Dettagli

Dominici & Associati Studio Legale e Tributario

Dominici & Associati Studio Legale e Tributario AI GENTILI CLIENTI INFORMATIVA Oggetto: Credito d imposta per la Digitalizzazione di Alberghi e Agenzie Viaggio Riferimenti: Art. 9 DL n. 83/2014 / DM 12.2.2015 Il DL n. 83/2014, Decreto Cult-Turismo,

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE

Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE Indagine sulle famiglie italiane con under 18 1427 interviste 992 famiglie Indagine sulle famiglie vacanziere Indagine sui ragazzi in vacanza da soli 250 bambini/ragazzi

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli