Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre"

Transcript

1 Regolamento Centro d Raccolta V/'fat Po O d Cavergnago 99 - Mestre Conforme ala Norma UN EN SO 9001:2000 Conforme ala norma UN EN SO 14001:2004 Conforme al D,Lgs Conforme al Modello Organzzatvo Conforme al D.Lgs 81/08

2 JJj'.TAS Regolamento Centro d Raccolta d Mestre NDCE 1 Premessa 2 Scopo 3 Campo dapplcazone 4 Responsablt l 5 Rfut conferbl 7 Oraro d apertura 8 Accesso all'area Centro d Raccolta 9 Gestone della Prvacy 10 Modalt l d Confermento 11 Comportamento de confertor 12 Trasportator Autorzzat 14 Modaltb operatve del personale del Centro d Raccolta 15 Norme Comportamental del personale del Centro d Raccolta 16 Segnaletca e lmt d veloct l 17 Documentazone d Rfermento Preparazone Verfca Approvazone Responsable Servz Ambental Mestre Responsable Servzo Qualt& e Ambente Veneza, erm.- Mogl' a 'ettore Dvsc e Ambente e Servz cal,qrea ual a e/4rnoente -' )ners Boat Varazon: nuova emtssone. presente documento propreta d VERTAS S.p.A. La sua rproduzone vetata. R Centro d Raccolta Rev. 00 del

3 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre t Premessa Centro d Raccolta VERTAS stuato a Mestre n Va Porto d Cavergnago n. 99, Comune d Veneza, 8 autorzzato dalla Provnca d Veneza - Settore Poltche Ambental -con Decreto n /06 del 20ttobre 2006, ed conforme alle drettve vgent contenute nel D.M. 8 Aprle 2008 cos come modfcato dal D.M. del 13/05/2009, e dalla DGRV 3043 del 20/10/2009. L'attvt svolta gestta secondo le vgent normatve nazonal e le lnee guda regonal su Centr d Raccolta sopra ctate. L'area adbta a Centro d Raccolta occupa una superfce complessva par a crca metr quadrat ed dotata d accesso autonomo da Va Porto d Cavergnago. Centro d Raccolta rspetta requst prevst dalla normatva per quanto rguarda la cartellonstca nformatva per 'utenza, sstem d llumnazone, 'adeguatezza della barrera esterna realzzata con sepe e recnzone d altezza non nferore a due metr, la vablt nterna, la pavmentazone e la cartelonstca per 'ndcazone alrutenza de rfut da conferre presso contentor. L'area noltre 6 vglata 24 ore al gorno con 'auslo d vdeo sorveglanza. 2 Scopo Centro d Raccolta costtusce un'area presdata ed alestta n conformt alle normatve contenute ne DM e DGRV sopra menzonat e v s svo]ge uncamente rattvt d raccolta (medante raggruppamento per frazon omogenee) d rfut urban ed assmlat la cu raccolta n manera separata da parte del servzo pubblco rsut non agevole ma funzonale e convenente per l cttadno che confersce l materale drettamente con mezzo propro. Per tal ragon l Centro d Raccolta 6 ocalzzato sul terrtoro n modo da essere faclmente raggungble dagl utent servt e ' oraro d apertura al pubblco 6 stablto n funzone delle esgenze degl utent stess. Nella realzzazone sono state rspettate tutte le norme vgent n matera d tutela della salute dell'uomo e dell'ambente. Al'nterno del Centro d Raccolta sono poszonat contentor ne qua] cttadn possono conferre rfut ndcat al successvo artcolo 5. presente Regolamento ha o scopo d defnre le modalt& d confermento de rfut e del oro successvo avvo a recupero o smaltmento, l comportamento da tenere da parte del personale addetto e da parte de cttadn e de trasportator all'nterno del Centro d Raccolta. =====" Centro d Raccolta Rev, 00 del

4 Regolamento Centre d Raccolta d Mestre 3 Campo dapplcazone presente Regolamento s applca all'nterne del Centre d Racco]ta d Mestre - Va Porto d Cavergnago 99, arle utenze domestche e non domestche che conferscono rfut urban o lore frazon, nonch d rfut ad ess assmlat e/o aglj operator della raccolta dfferenzata e gestor del servzo pubblco. noltre 6 destnato agl operated terz che effettuano le operazon d trasporto d rfut dar Centre d Raccolta verso gl mpmnt d recupero/smaltmento. 4 Responsablt& L'addetto Centre d Raccolta dj turno ha l compto d rspettare e far rspettare l Regolamento n ogn sua parte. Nel case n cu s presentno probtem a cu 'addetto Centre d Raccolta non n grade d far fronte, o stesso potr& rvorgers al Referente Tecnco (Sg. Maure Vanello- cell ). E' respensablt& de confertor (utent domestc e non domestc) e de trasportator rspettare tutte le norme comportamental defnte ne] presente Regolamento, 5 Rfut conferbl rfut e le quantt conferbl presso l Centre d Raccolta VERTAS d Mestre sono rportat nella tabella che segue nel rspetto della normatva ndcata n premessa: Tpo rfuto CER SCART D CUCNA Defnzone Descrzone Quantt& massma conferble confermento per el vegetal e el e grass provenent da anmal el e grass commestbl mense e cucne domestche o 5 ltr d rstorazone FRAZON SECCHE RECUPERABL Multmaterale Carta Cartone Vetro e L E r mballagg n matedal mst mballagg n carta e cartone Carta e cartone Raccolte dfferenzate 1 metro cube multmaterale Carta e cartone che ] costtuscono mballaggo! oggetto d raccolta 2 metr cub dfferenzata tpo contentor,p della pasta, bscott e altr alment Carta dversa dagl mballagg 1 metro cube tpo carta d gornale Vetro che costtusce mballagg n vetro raccolta mballaggo dfferenzata oggetto tpo vas d ½ metro cube e bottgle J Centre d Raccolta Rev. 00del

5 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre Quantt massma Tpo rfuto CER Defnzone l Descrzone ',1 conferble per! confermento Vetro Vetro dverso dagl mballagg ½ metro cubo tpo oggett e lastre d vetro Plastca Plastca che costtusce mballaggn plastca mballaggo oggetto d raccolta dfferenzata tpo 1 metro cubo contentor per lqud e altro matedale almentare Plastca dversa dagl plastca da gardno, gocattol Lattne n Plastca mballagg mballagg oggetto tpo oggett d racco[ta n 1 metro cubo allumno banda o mballagg metarlc dfferenzata allumno e barattol tpo lattne banda Jn 3metrcub, stagnata stagnata Altr oggett n metallo dverso Ferros Metallo dagl mballagg tpo ret n 3 metrcub ferro Legno che non contene Legno dverso da quello d sostanze rtenute percolose 2 metrcub cu ala voce " compreso quello che Legno ] costtusce l moblo Legno che contene sostanze * percoloselegn contenente sostanze catram, rtenute solvent,...) pedcolose (es.! 2 metr cub Legno che costtusce mballagg n mballaggn legno mballaggo oggetto d 2 metd cub legno raccolta dfferenzata tpo cassette per ortagg e frutta ndument Abbglamento ndument usat tpo abt, 1 metro cubo usat scarpe... Altr prodott Prodotttessl! Stracc 1 metro cubo tessl dvers dall'ndument o usato tessle mballagg n materale Tpo sacch n juta, cotone 1 metro cubo oggetto d raccolta compostlmballagg mballagg n materal dfferenzata (esempo Non defnta! compost tetrapak) ' RFUT NGOMBRANT E BEN DUREVOL Frgh, Apparecchature fuor uso Solo nel caso n cu le] = surgelator, * contenent cloro- apparecchature contengono 2 pezz congelator, fluorocarbur l CFC ; E Centro d Raccolta Rev. 00 del

6 ejj' _r AS Regolamento Centro d Raccolta d Mestre Tpo rfuto Televsor, computer, stampaet Lavatrc " Quantt& masema CER Defnzone Descrzone conferble per., confer mento, ]! [ * lavastovgle * ed atre, apparecch. fuor uso non component percolosl Apparecchature elettrche ed elettronche fuor uso, dverse da quelle d cu alle voc , e! Apparecchature elettrche ed elettronche fuor uso, dverse da quelle d cu ala voce e , contenent percolos component Apparecchature elettrche ed elettronche fuor uso, dverse da quelle d cu alle voc , e Apparecchature elettrche ed elettronche fuor uso, dverse da quelle d cu ala voce e , contenent component percolos schede elettronche Apparecchature elettrche ed elettronche fuor uso, dverse da quelle d cu ale voc200121, e * Qualora non CFC perch generazone contengano d nuova 2 pezz Normalmente questo rpe d apparecchatura elettronca vene codfcata con questo codce Solo nel caso n cu questo tpo d apparecchatura elettronca non contenga delle sostanze percolose Solo nel caso n cu questo tpo d apparecchatura elettrca contenga delle sostanze percolose tpo condensator al PCB (stuazone molto rara e da j verfcars solo n sede d recupero) Solo nel caso n cu questo tpo d apparecchatura elettronca non contenga delle sostanze pedeolose l 3 pezz (per computer s ntende Montor+base+tas tera+mouse) 3 pezz (per computer s ntende Montor+base+tas tera+mouse) 2 pezz 3 pezz Altr Rfut ngombrant eterogene Pneumatc usat RFUT PARTCOLAR Rfut ngombrant Pneumatc usat Quando s tratta d rfut ngombrant eterogene per qual non sa ndvduable un materale prevalente e che non rentra nelle categore recedent / 1 metro cubo 5 purch6 prv d cerchone Cartucce Component rmoss da esaurte e apparecchature fuor uso, dvers da quell d cu ala 4 pezz toner voce , mballagg contenent Contentor vuot che etchettat o "F" "T" * percolose o contamnat da altre sostanze percolose (o4 pezz) Contentod resdu d sostanze contenevano vernc, acd e A massmo 5 Kg tal sostanze Vernc, Vernc, nchostr, adesv e nchostr, * resne contenent sostanze A massmo 5 kg adesv percolose [. l P Centro d Raccolta Rev. 00 de]

7 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre l Quantt! Tpo rfuto CER Defnzlone Deserlzone massma conferb fe per confermento Vernc, nchostr, adesv e resne contenent sostanze dvers da quell d cu ala voce A massmo 10 kg Solvent " Solvent A massmo 3 kg Acd " Acd A massmo3 kg! Rfut alcaln " Sostanze alcalne A massmo 3 kg Detergent, * Detergent contenent A massmo 5 kg sostanze percolose, Detergent dvers da quell d cu ala voce A massmo 10 kg ProdottJ fotochmc * Prodott fotochmc A massmo 1 kg Medcnal scadut MedcnalJ dvers da quell d cu ala voce A massmo 2 kg * Medcnal ctotossc e ctostatc Medcna] tpo chemoterapc A massmo 2 kg E Pestcd " Pestcd A massmo 1 k9 Battere e accumulatof d' cu ale voc , Ple e battere al A massmo * e nonch pombo,nchel-cadm]o, pezz per battere e accumulator non accumu]ator e 5 Ple e bsttere suddvs contenent tal contenent mercuro Kg per ple battere Battere e accumulator A massmo dvers da quell d cu a]la pezz per accumulatof e 5 voce ] Kg per ple Tublalneon * Tub fluorescent ed altr rfut contenent mercuro A massmo 10 k, Gas pressone n (compres contentor gl] Aerosol * halon), contenent sostanze a A massmo' 5 kg percolose Centro "P.. d Raccolta Rev. 00 del J

8 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre "rpe rf to efnzlone - = Deserz 6he Accumulator al Pombo Battere e accumulatod d cu alle voc , e nonch battere e accumulator non suddvs contenent tal battere Accumulator al pombo tpo battere d'auto t Quantt ] eo fer lle per dhfedm nto " A massmo 3 pezz Ol mlneral Tpo el esaurt da motore, * Ol e grass dvers da quell trasmsson e ngranagg, commestbl contenent compost organc Af massmo 5 ltd non clorurat * Scart d olo mnerale per motor, ngranagg e A massmo 5 ltr lubrflcazone non ctorurat Mscugl o score d cemento, matton, Rfut nert mattonelle e ceramche non 0,5 mc contenent ercotose RFUT PRODOTT DA GARDN E PARCH NCLUS RFUT PROVENENT DA ClMTER) Resldu Verd sostanze Rfuto Urbano, provenente dalla manutenzone del verde Rflut bodegradabll pubblco e pdvato, ncluso l rfuto provenlente da cmted, 0,5 mc costtuto da sfalc, fogle, potature, pjante ntere e cepp ALTR RFUT URBAN Centro d Raccolta Rev. 00 de[

9 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre Tpo rfluto CER Deflnzone Descrlzlone Quantt masslma confedblle confedmento per 70raro d apertura Gorno Oraro Dal Luned al Sabato e 13, Domenca ,00 8 Accesso all'area Centro d Raccolta L'accesso al Centro d Raccolta avvene per mezzo della Va Porto d Cavergnago, attraverso un percorso rotable e/o pedonale. Possono accedere al Centro d Raccolta gl utent resdent nel Comune d Veneza, 'dentt& de qual verr& d volta n volta verfcata e regstrata dal personale addetto. 9 Gestone della Prvacy Per quanto attene 'accettazone de rfut presso Centr d Raccota VERTAS s fa rfermento ala "lnformafva sul trattamento de dat personaf con confermento d Materale a Centr d Raccolta" (mod. PRY AZ 03) affssa presso l Centro. Per l confermento de rfut d apparecchature elettdche ed elettronche -RAEE- qual ad esempo PC, HD e cellular gl utent devono complare per accettazone l mod. PRY AZ 01 (modulo per l confermento de rfut RAEE). 10 Modaltb d Confermento L'utente che ntende conferre propr rfut deve qualfcars all'entrata del Centro d Raccolta, presso o sportello presdato dagl addett, esbendo donea documentazone d dentfcazone e deve dcharare la tpologa de rfut da conferre. E' cura dell'addetto Centro d Raccolta rportare dat relatv alrutente e ala tpologa del rfuto conferto sull'apposto "Quademo d Regstrazone de/centre d Racco/ta". rfut devono essere confert drettamente negl appost contentor a cura dell'utente. Cascun utente dovr& segure scrupolosamente le ndcazon su!la tpologa d rfuto rportata negl Centro d Raccolta Rev. 0O del 28,

10 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre appost cartell collocat presso cascuna area d confermento. Qualora c fossero p tpologe d rfuto da scarfcare, sara cura del confertore prowedere ala oro separazone per l corretto stoccaggo. L'addetto Centro d Racco]ta prester la propra collaborazone durante le fas d confermento, ndcando ed eventualmente accompagnando 'utente verso l corretto sto d destnazone del rfuto, prestando attenzone che nessun utente sj aggr per l Centro d Raccolta senza autorzzazone. L'utente dovr& rspettare tutte le dsposzon mpartte dagl addett Centro d Raccolta n turno, qual hanno ra facolt& d respngere eventual conferment che non sano compatbl con le tpologe d rfuto prevste dal Regolamento e con la capact& d stoccaggo del Centro; nell'eventualt& che sa solo un problema d capact d contenmento, 'addetto dar ndcazone d un'altra data n cu l confermento potr essere effettuato. L'accesso al Centro d Raccolta sar comunque regolato dall'addetto n turno, al fne d non compromettere le corrette operazon d confermento e manovra. 11 Comportamento de confertor Non devono n nessun caso essere scarcat rfut alresterno de contentor o della recnzone del Centro d Raccolta. Durante l confermento d elettrodornestc contenent clorofluorocarbur (frgorfer, congelator, condzonator d'ara) deve essere prestata la rnassma cura al fne d evtare l danneggamento della serpentna d raffreddarnento con conseguente dspersone del fludo refrgerante. La stessa partcolare attenzone deve essere adottata nel confermento d montor e televson per prevenre la rottura del tubo a ragg catodc, e tun al neon. Nelresecuzone d tutte le operazon d scarco e manovra 'utente dovr& operare con la massma cautela e perza per evtare d arrecare danno a se stesso e agl altr, nonch6 ntralco a cosee persone present nel Centro d[ Raccolta. VERtTAS declna cornunque ogn responsablt& per dann a persone e/o cose arrecat nell'area del Centro d Raccolta. E' severamente vetato a,qqrars per l Centro d Raccolta se non autorzzat od accompagnat da personale addetto. Ogn confertore ha cornunque 'obblgo d attendere l benestare dell'addetto all'accettazone prma d poters recare presso l'area d deposto. Ogn confermento effettuato senza 'opportuno benestare sar& consderato confermento non autorzzato e come tale verr denuncato agl organ cornpetent. L [l l l',] Centro d Raccolta Rev. 00 del

11 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre VERTAS declna ogn responsablt n caso d dann drett e/o ndrett a persone e/o cose d propretd del conferente e/o d terz che potessero verfcars durante la permanenza nel Centro d Raccolta. Tutto l personale addetto, confertor, nonch6 tutto l personale a bordo degl automezz d terz obblgato a: [] non fumare e/o non accendere torce a combustble lqudo o soldo n tutta 'area nterna all'ecocentro; n non effettuare alcuna operazone d cernta d oggett d qualsas genere e natura; [] durante la permanenza nell'centro d Raecolta atteners alle norme d scurezza vgentl 12 Trasportator Autorzzat trasportator autorzzat che s recano presso l Centro d Raccolta per l rtro del materale da avvare al recupero e/o allo smaltmento, saranno soggett a specfc contro]l da parte dell'addetto Centro d Raccolta n turno, n partcolar modo verranno verfcate: [] Le autorzzazon del trasportatore e del destnataro al fne della compatblt de] rfuto da trasportare e rcevere; [] Autorzzazone confacente del mezzo e coerenza con l formularo complato. trasportator, nell'esecuzone d tutte le operazon d scarco e manovra, dovranno operare con la massma cautela e perza per evtare d arrecare danno nonch8 ntralco a cose e persone present nel Centro. VERTAS declna comunque ogn responsablt per dann a persone e/o cose arrecat nelrarea del Centro d Raccolta. n ogn caso le operazon d carco dovranno avvenre n orar dfferenzat rspetto a quell d apertura al pubblco. Cascun trasportatore all'nterne del Centro d Raccolta dovr segure scrupolosamente le ndcazon sulle modalt& d asporto defnte da VERTAS, anche d valenza arnbentale (modalt d gestone d sversament; spandment; ecc...). E' severamente vetato aggrars per l Centro d Raccolta se non accompagnat da personale addetto. t4 Modalt operatve del personale del Centro d Raccolta Le modalt operatve sa n condz[on normal, che n condzon d emergenza (es. spandment d ol, ncendo,...) sono descrtte n specfca struzone Operatva (PA ECO AZ 00 "Gestone Centr d Raccolta") allegata al presente Regolamento. Lj F.,-, H a m F 1"4 Centro d Raccolta Rev. 00 del 28.11,2011

12 Regolamento Centro d Raccolta d Mestre Nella stessa sono defnte anche le modalt d[ regstrazone delle attvt& 15 Norme Comportamental del personale del Centro d Raccolta Codce Etco un documento uffcale d VERTAS, approvato dal Consglo d Ammnstrazone, che esprme gl mpegn e le responsablt& etche, attuate nella conduzone dj tutte le attvta fnalzzate al raggungmento degl obettv azendal; l Codce Etco vncolante per comportament d tutt dpendent e collaborator estern. Codce dscpnare d VERTAS norma le regofe ed l contegno che deve corrspondere a dover nerent 'esplcazone delle manson assegnate. Pertanto g addett al Centro d Raccolta, oltre ad atteners a quanto dettato dal Codce Etco e Dscplnare, devono osservare le prescrzon comportamental qual: Non fumare Q Non accendere torce a combustble lqudo o soldo e/o non ntrodurre o sostanze nfammabl n tutta 'area del Centro Non assumere bevande alcolche n Usare DP prevst per ogn tpo d operazone, attenendos alle norme d o scurezza vgent Usare la dvsa azendale con cartellno dentfcatvo o Non effettuare alcuna operazone d cernta d oggett d qualsas genere e natura. 16 Segnaletca e lmt d veloct& Per la crcolazone nterna ed esterna d accesso e uscta al Centro d Racco[ta, s fa obblgo d osservare la segnaletca adottata ed percors stablt e comuncat a tutt conferent da parte del personale dell'mpanto. n tutta 'area del Centro d Raccolta la veloct& massma consentta d 5 km/h. 17 Documentazone d Rfermento SGLA Quaderno d Regstrazone PRY AZ 03 PRY AZ 01 PA ECO AZ 00 Codce etco VERTAS Codce Dscplnare VERTAS Ttolo Quaderno n cu s regstrano dat dell'utente e la tpologa del rfuto nformatva sul trattamento de dat personal con confermento d Materale a Centr d Raccolta modulo per l confermento de rfut RAEE Procedura Gestone Centr d Raccolta Codce che ndvdua valor d comportamento, uguale per tutt dpendent VERTAS da qual nessuno autorzzato a derngare Codce che ndvdua dover, le responsablt e dscplna d tutt dpendent con relatve sanzon ". P:lll Centro d Raccofta Rev. 00 del

\ PO"o Cavergnago ) (J R eg/olaime,nto Centro di Raccolta 99 iestre

\ POo Cavergnago ) (J R eg/olaime,nto Centro di Raccolta 99 iestre (J R eg/olame,nto Centro d Raccolta 99 estre \ PO"o Cavergnago ) Conforme ala Norma UN EN SO 9001:2000 Conforme ala norma UN EN SO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 196103 Conforme al Modello Organzzatvo 231/0t

Dettagli

Re ioltamento Centro di Raccolta

Re ioltamento Centro di Raccolta Re oltamento Centro d Raccolta al!lln o T re p o rt Conforme ala Norma UN EN SO 9001:2000 Conforme ala norma UN EN SO 14001:2004 Conforme al D.Lgs t 96/03 Conforme al Modello Organzzatvo 231101 Conforme

Dettagli

COMUNE DI SANTA VENERINA

COMUNE DI SANTA VENERINA COMUNE DI SANTA VENERINA Provnca Catana ORDINANZA SINDACALE n. 13 el 21 agosto 2014 OGGETTO: Mofca el calenaro raccolta porta a porta a partre a gorno 8 settembre 2014. PREMESSO che l Comune Santa Venerna

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

4. IL METODO NAZIONALE DI CALCOLO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

4. IL METODO NAZIONALE DI CALCOLO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 4. IL METODO NAZIONALE DI CALCOLO DELLA L equazone adottata per l calcolo della percentuale d raccolta dfferenzata (RD), utlzzando crter sopra descrtt al paragrafo 3, è pertanto, la seguente: dove: RD

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE Re Regolamento Ecocentro Marcon Via Praello INDICE 1 Premessa 3 2 Scopo 3 3 Campo di Applicazione 3 4 Responsabilità 3 5 Rifiuti conferibili da utenze domestiche 4 6 Orario di apertura 8 7 Accesso all

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001 :2000 Conforme alla norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 196/03 Conforme al Modello Organizzativo 231/01

Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001 :2000 Conforme alla norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 196/03 Conforme al Modello Organizzativo 231/01 Regolamento Regolamento Centro di Raccolta Mogliano Veneto Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001 :2000 Conforme alla norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 196/03 Conforme al Modello Organizzativo

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.)

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.) RE Regol ament oed l z o Gest oneecont r ol l odelter r t or o Regol ament oed l z o C 43 04/ 11/ 2011 5 06/ 02/ 2012 Abacodemezzpubbl c t ar PROGETTO ECOORDI NAMENTO ar ch.domen coleo GRUPPO DIPROGETTAZI

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

[ Regolamento Centro di Raccolta Q D'AIt=no

[ Regolamento Centro di Raccolta Q D'AIt=no / [ Regolamento Centro di Raccolta Q D'AIt=no ) Conforme alia Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alia Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 196/03 Conforme al Modello Organizzativo 231101 Conforme

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI

CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI Il rfuto che contene una o pù sostanze classfcate con uno de codc d classe e categora e uno de codc d ndcazone fgurant nella tabella 1 è valutato rspetto alla

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

REGOLAMEruTO COMUNALE DI

REGOLAMEruTO COMUNALE DI Í 't' GOMUNE D GETRARO (Provnca d Gosenza) rf JÉ. ' S t f REGOLAMEruTO COMUNALE D frogf{,atura E DlPURAZff hth l! t lb SOMMARO TTOLO FNALTA DEL REGOLAMENTO Artcolo 1 - Generaltà. TTOLO DEFNZON Artcolo

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI AVVISO AI CITTADINI APERTURA ECOCENTRO COMUNE DI USINI Alle ore 9:00 di Sabato 14 Marzo 2015 avrà luogo l inaugurazione del Centro

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

.REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 44 74995)

.REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 44 74995) .REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'NQUNAMENTO ACUSTCO (L. 44 74995) TTOLO DSPOSZON GEQERAL l Art. 1 - Campo d applcazone l. l presente regolamento dscplna la gestone delle competenze della Cttà d

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA

I NUOVI ASSUNTI INCONTRANO L AGENDA NUOV ASSUNT NCONTRANO L AGENDA L ABC DEL SSTEMA QUALTA Verona, 12 Maggio 2009 L ABC PERCO L SGNFCATO D SSTEMA D GESTONE DELLA QUALTA AZENDALE SSTEMA E Ciò che è costituito da più elementi interdipendenti,

Dettagli

COMUNE DI ROCCARASO Prov. L Aquila

COMUNE DI ROCCARASO Prov. L Aquila COMUNE DI ROCCARASO Prov. L Aquila REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI L.R. 19.12.2007, n. 45 - art. 3, comma 1, lett. k) DGR n. 131 del 22.02.2006 D.M. 8.04.2008

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Allegato 2) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Approvato con deliberazione n. 39 del 29/12/2011 Regolamento_AggDic2011_Approvato.doc pagina 2 di 13 Co.S.R.A.B.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008 REGONE SCLA REGONE LAZO REGONE PEMONTE CONVEGNO NAZONALE SCUREZZA NE CONTRATT PUBBLC Problematiche e prospettive applicative Gestione della sicurezza nei lavori pubblici Palermo - 28 ottobre 2008 Palazzo

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE.

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE. AZIENDA PROFILO AZIENDALE. 3S Saldature Specal Segrate Srl vene costtuta nel 1970. Sn dalle sue orgn, la Socetà s dedca alla progettazone e produzone d component ed apparecchature che trovano larga applcazone

Dettagli

REGIONE ABRUZZO INDICE

REGIONE ABRUZZO INDICE ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE DI UNA STAZIONE ECOLOGICA E/O CENTRO DI RACCOLTA L.R. 19.12.2007, n. 45 - art. 3, comma 1, lett. k) DGR n. 131 del 22.02.2006 D.M. 8.04.2008 e

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA A SAN DONATO MILANESE

RIFIUTI PRODOTTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA A SAN DONATO MILANESE [ kg/abtante ] RIFIUTI PRODOTTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA A SAN DONATO MILANESE Rfut prodott pro capte La quanttà pro capte d rfut urban 1 prodott a San Donato nel 2012 conferma l andamento nazonale che

Dettagli

Comune di SORDIO. Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B NUOVO MUNICIPIO. Dati Contabili (euro):

Comune di SORDIO. Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B NUOVO MUNICIPIO. Dati Contabili (euro): Esse in srl Cmune di SORDO nventri mmbili - Ptrimni ndispnibile - Mdell B NUOVO MUNCPO Ubiczine: PAZZA LBERAZONE Descrizine Smmri dell'mmbile: FABBRCATO N FASE D COSTRUZONE Titl: PROPRETA' Descrizine mpintistic:

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Deutsche Bank. Carte di Credito. Guida all attivazione della Lista movimenti on line

Deutsche Bank. Carte di Credito. Guida all attivazione della Lista movimenti on line Carte d Credto Guda all attvazone della Lsta movment on lne Lsta movment on lne. Guda alla regstrazone all Area Clent e all attvazone del Codce Operatvo. Desder passare dalla Lsta movment cartacea alla

Dettagli

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2 Dstrbutore d comando della motrce con pedale / 3 Interruttor Istruzone d controllo Prma d nzare l controllo s raccomanda d leggere attentamente le nformazon d scurezza. Informazon sulla scurezza Il controllo

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI TESSUTI PER L ARREDAMENTO, DI TAPPETI E DI BIANCHERIA DA TAVOLA E DA CASA

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI TESSUTI PER L ARREDAMENTO, DI TAPPETI E DI BIANCHERIA DA TAVOLA E DA CASA Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI TESSUTI PER L ARREDAMENTO, DI TAPPETI E DI BIANCHERIA DA TAVOLA E DA CASA Codce attvtà: 52.41.2 52.41.3 Indce 1. PREMES SA... 2 1.1 Caratterstche economco

Dettagli