Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE"

Transcript

1 Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

2 INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI E I PRINCIPI GENERALI 1.3. I DESTINATARI pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag GLI ELEMENTI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE pag IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI pag La scelta degl obettv pag La defnzone de pes pag La defnzone del punteggo d rsultato pag Il calcolo del punteggo d rsultato pag IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E COMPORTAMENTI PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVI Il quadro delle competenze e comportament professonal ed organzzatv La defnzone del punteggo I descrttor de comportament legat all organzzazone I descrttor de comportament trasversal d relazone I descrttor de comportament trasversal d realzzazone I descrttor de comportament professonal Il calcolo del punteggo pag. 8 pag. 8 pag. 8 pag. 9 pag. 10 pag. 11 pag. 13 pag IL PUNTEGGIO COMPLESSIVO pag IL PROCESSO DI VALUTAZIONE pag GLI ATTORI pag GLI OBIETTIVI pag Proposta e defnzone degl obettv Assegnazone degl obettv Montoraggo dello stato d avanzamento degl obettv Valutazone fnale de rsultat pag. 17 pag. 17 pag. 17 pag VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E COMPORTAMENTI PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVI pag ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO pag CASI PARTICOLARI pag Rdefnzone degl obettv Trasfermento d un untà d personale n corso d anno Valutazone del personale n servzo presso gl Uffc d dretta collaborazone Valutazone del personale n servzo presso l OIV Scheda 1 Scheda 2 Scheda 3 Scheda 4 Scheda 5 Scheda 6 pag. 19 pag. 19 pag. 19 pag. 19 pag. 20 pag. 21 pag. 22 pag. 23 pag. 23 pag. 25 2

3 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. INTRODUZIONE L adozone d un sstema d valutazone derva dalla necesstà d corrspondere a specfche dsposzon normatve e contrattual, nonché dall esgenza d dotare l Mnstero d nuov sstem gestonal I RIFERIMENTI NORMATIVI La dscplna normatva n matera s rfersce prncpalmente alle dsposzon d seguto rportate: L artcolo 2, comma 1, lettera o), della legge delega 23 ottobre 1992, n. 421, ha autorzzato l Governo a procedere alla abrogazone delle dsposzon che prevedono automatsm che nfluenzano l trattamento economco fondamentale ed accessoro, e d quelle che prevedono trattament economc accessor, settoral, comunque denomnat, a favore d pubblc dpendent sosttuendole contemporaneamente con corrspondent dsposzon d accord contrattual anche al fne d collegare drettamente tal trattament alla produttvtà ndvduale e a quella collettva ancorché non generalzzata ma correlata all'apporto partecpatvo, raggunte nel perodo, per la determnazone delle qual devono essere ntrodott sstem d valutazone e msurazone. L artcolo 49, comma 3, del decreto delegato 3 febbrao 1993, n. 29, po abrogato e nteramente sosttuto dal decreto legslatvo 30 marzo 2001, n. 165, ha posto n capo a drgent la valutazone dell'apporto partecpatvo d cascun dpendente, nell'ambto d crter obettv defnt dalla contrattazone collettva. L artcolo 17 della legge delega 15 marzo 1997, n. 59, ha ndcato, tra prncp e crter drettv per l eserczo della delega stessa, l sttuzone d sstem per la valutazone, sulla base d parametr oggettv, de rsultat dell attvtà ammnstratva e de servz pubblc. Il decreto legslatvo 30 luglo 1999, n. 286 ha ntrodotto un organca dscplna de controll ntern, rdsegnandone contenut e competenze e prevedendo un sstema artcolato nel quale s vanno a collocare le verfche d regolartà ammnstratva e contable, la valutazone de drgent, nonché l controllo strategco e l controllo d gestone. L artcolo 45, comma 2, lettera c), del decreto legslatvo 30 marzo 2001, n.165, confermando quanto gà prevsto dal decreto legslatvo n. 29/1993, ha dsposto che compete a drgent la valutazone dell'apporto partecpatvo d cascun dpendente, nell'ambto d crter obettv defnt dalla contrattazone collettva. L artcolo 22 del CCNL relatvo al personale del comparto mnster per l quadrenno normatvo e benno economco , ha stablto che la valutazone è una componente essenzale del rapporto d lavoro de dpendent ed è fnalzzata a valorzzare le competenze e le capactà d svluppo professonale degl stess, nonché a verfcare l raggungmento degl obettv prefssat, nell ambto delle relazon sndacal. L artcolo 2 del CCNL relatvo al personale del comparto mnster, benno economco , sottoscrtto l 23 gennao 2009, ha stablto, n partcolare, che le Ammnstrazon s dotano d strument done a consentre una gestone orentata al rsultato, che comporta, n va prortara, una puntuale fssazone degl obettv e la predsposzone d appost programm d azone e che la verfca dell attvtà ammnstratva nel suo complesso, costtusce un momento essenzale e preventvo che potrà consentre la valutazone, secondo canon d oggettvtà e trasparenza, delle strutture/uffc e d tutto l personale, secondo quanto prevsto dall art. 23 del CCNL del 14 settembre

4 L artcolo 2, comma 32, della legge fnanzara 2009, ha dsposto che a decorrere dall anno 2009 l trattamento economco accessoro de dpendent delle pubblche ammnstrazon è corrsposto n base alla qualtà, produttvtà e capactà nnovatva della prestazone lavoratva. L artcolo 7-bs del decreto legge 30 dcembre 2008, n. 207, convertto nella legge 27 febbrao 2009, n. 14, ha ntrodotto crter e parametr d msurabltà dell azone ammnstratva, rnvando, per l applcazone, ad un decreto del Presdente del Consglo de Mnstr. La legge 4 marzo 2009, n. 15, ha ntrodotto, all artcolo 4, prncp e crter n matera d valutazone delle strutture e del personale delle ammnstrazon pubblche e, all artcolo 5, prncp e crter fnalzzat a favorre l merto e la premaltà. Il decreto legslatvo 27 ottobre 2009, n.150, ha dato attuazone alla legge 4 marzo 2009, n GLI OBIETTIVI E I PRINCIPI GENERALI Il sstema d valutazone tende al raggungmento d quattro dfferent obettv: fornre un nput al sstema ncentvante per premare l merto, l mpegno e la produttvtà; promuovere process d mgloramento delle prestazon n termn d qualtà; valorzzare le competenze e le capactà d svluppo, ndvduando fabbsogn formatv del personale; dffondere e condvdere gl obettv all nterno dell Ammnstrazone, promuovendo strument d nterazone tra l personale e la drgenza. I prncp general a cu s spra sono quell ntrodott dagl artcol 21 e 22 del CCNL del comparto Mnster: valorzzazone del merto, dell mpegno e della produttvtà d cascun dpendente; trasparenza e pubblctà de crter e de rsultat; partecpazone al procedmento della persona sottoposta a valutazone, anche attraverso la comuncazone ed l contraddttoro da realzzare n temp cert e congru; quell ctat nella drettva del Mnstro della funzone pubblca sulle msure fnalzzate al mgloramento del benessere organzzatvo nelle pubblche ammnstrazon, 24 marzo 2004: dffusone della cultura della partecpazone, quale presupposto all orentamento al rsultato, al posto della cultura dell adempmento, per accrescere l senso d responsabltà, lealtà e nzatva ndvduale; mgloramento della qualtà complessva de servz fornt quell ctat nell artcolo 1 del decreto legslatvo 30 marzo 2001, n. 165: mgloramento dell utlzzazone delle rsorse umane; cura della formazone e dello svluppo professonale del personale, garantendo par opportuntà alle lavoratrc e a lavorator I DESTINATARI Il Sstema d valutazone del personale del Mnstero s applca al personale dpendente nquadrato nelle aree prma, seconda e terza d cu all artcolo 6 del CCNL Comparto Mnster

5 2. GLI ELEMENTI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE Il sstema collega compens ncentvant la produttvtà per l mgloramento de servz a rsultat consegut dall untà organzzatva d appartenenza ed alle competenze e comportament professonal ed organzzatv dmostrat. La struttura complessva del sstema d valutazone è rassunta nello schema che segue. Compens ncentvant Punteggo complessvo Punteggo rsultat (max 75 punt) + Punteggo profesonaltà (max 25 punt) Il sstema s artcola n quattro punt fondamental: attrbuzone d un punteggo (max 75 punt) n funzone del raggungmento degl specfc obettv assegnat, d gruppo (rmodulato sulla base del coeffcente d presenza) o ndvdual e/o dell apporto asscurato alla performance dell untà organzzatva (rmodulato sulla base del coeffcente d presenza) secondo crter e le modaltà stablte n sede d contrattazone ntegratva; valutazone delle competenze dmostrate e de comportament professonal e organzzatv ed attrbuzone d un punteggo (max 25 punt); calcolo del punteggo complessvo (Scheda 5); attrbuzone degl ncentv, calcolat n proporzone al punteggo conseguto, secondo crter e le modaltà stablte n sede d contrattazone ntegratva IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI La valutazone de rsultat ottenut msura la capactà del personale dell untà organzzatva d consegure, nell ambto della propra funzone, rsultat adeguat agl obettv assegnat La scelta degl obettv Al fne d garantre la trasparenza della valutazone, gl obettv specfc sono assegnat osservando crter descrtt d seguto: rlevanza dell obettvo nell ambto delle attvtà svolte dall untà organzzatva. E concentrare l attenzone sulle lnee d attvtà d maggore rlevanza tra quelle svolte dall untà organzzatva e desumbl da sstem nformatv a supporto del controllo 5

6 d gestone, al quale drgent d cascuna untà organzzatva hanno accesso attraverso le propre utenze. Le lnee d attvtà devono essere correlate ad obettv strategc o obettv struttural (secondo l formalsmo della Nota ntegratva); msurabltà dell obettvo. Il raggungmento degl obettv assegnat deve poter essere verfcato senza ambgutà. In fase d assegnazone, pertanto, occorre ndvduare ndcator pertnent e corredat da specfche modaltà d calcolo; controllabltà dell obettvo da parte dell untà organzzatva. La valutazone deve basars sul prncpo della responsablzzazone de valutat. A tal fne, è che l consegumento dell obettvo dpenda solo, o almeno n msura prevalente, dall attvtà svolta da valutat stess e dalla loro struttura. Nel caso d macroprocess compless che convolgono pù attor dfferent, occorre ndvduare solo l sotto-obettvo, relatvo alla parte d processo drettamente controllata. S consder, ad esempo, la valutazone d una generca attvtà d rlasco document. S potzz d avere un obettvo generale d rduzone del tempo medo d erogazone del servzo. Tale obettvo non è drettamente controllable dal personale dell untà organzzatva, poché dpende anche dalla qualtà della documentazone presentata. Eventual error o carenze, nfatt, nducono rtard non ascrvbl all untà organzzatva. L obettvo, pertanto, va formulato n termn d rduzone del tempo medo d erogazone del servzo, una volta che sa accertata la correttezza della documentazone presentata. Caso non dssmle è quello degl obettv trasversal, l cu raggungmento rchede la collaborazone tra dverse untà organzzatve del Mnstero (s pens, ad esempo, ad un processo d nformatzzazone esteso o alla costruzone d nuov sstem per le poltche del personale), nessuna delle qual lo controlla completamente. Occorre, anche n questo caso, segmentare l obettvo complessvo n sotto-obettv, cascuno controllable da una sngola struttura. Solo se non fosse possble scomporre l obettvo complessvo n una sere d sotto-obettv ndpendent e se l obettvo complessvo fosse consderato talmente rlevante da non poter essere escluso dalla valutazone, può proceders all attrbuzone dello stesso obettvo a tutte le untà organzzatve nteressate, conferendo all obettvo stesso un peso dverso per cascuna untà organzzatva, ove ruol fossero molto dvers rspetto all obettvo assegnato. L aspetto postvo d tale ultmo modo d operare rsede nella capactà d stmolare la cooperazone: solo se tutte le untà organzzatve ruscssero a realzzare la parte d competenza, l obettvo sarebbe raggunto. Tutt contrburebbero postvamente alla retrbuzone d rsultato d cascuno. charezza del lmte temporale d rfermento. L obettvo, quale effetto atteso dell attvtà svolta nel sngolo eserczo, ha, al massmo, durata annuale. E, n ogn caso, ndspensable che sa ndcata n manera certa la data d completamento dell obettvo La defnzone de pes A cascun obettvo da valutare è assocato un peso, rappresentatvo dell mportanza che ad esso s attrbusce. La somma de pes deve essere par a La defnzone del punteggo d rsultato Il sstema s basa sulla valutazone del lvello d raggungmento degl obettv ndvduat n cascuna untà organzzatva. Agl obettv sono assocat, n fase d programmazone, ndcator quanttatv msurabl ed relatv pes. Il rapporto tra l valore dell ndcatore proposto e l valore dell ndcatore conseguto esprme, n fase d valutazone, l lvello d raggungmento d cascun obettvo. 6

7 La somma ponderata del lvello d raggungmento d cascun obettvo rappresenta l punteggo conseguto dall untà organzzatva. Il punteggo d rsultato del personale s basa sul punteggo conseguto dalla untà organzzatva (dvsone) e vene modulato secondo l coeffcente d presenza Il calcolo del punteggo d rsultato Il punteggo attrbuto all untà organzzatva è espresso dalla somma de puntegg de sngol obettv, secondo la relazone P p P n cu P r è l punteggo d rsultato conseguto dall untà organzzatva p è l peso attrbuto all obettvo -esmo P è l punteggo ottenuto per l obettvo -esmo r Esempo: Obettvo Peso p Punteggo conseguto P p P 1 P1 2 P2 1 p 1 25 P 100% 1 p 25 2 p 2 30 P 90% 2 p 27 3 p 3 20 P % 3 85 p 3 P3 17 p 75 p P 69 P r = 69 Il punteggo attrbuto a cascuna untà d personale dell untà organzzatva è par a n cu P α r p P r P r è l punteggo d rsultato dell untà d personale α p è l coeffcente d presenza d cascuna untà d personale P r è l punteggo d rsultato conseguto dall untà organzzatva. Esempo: Pr = 0,90 x 69 = 62,1 Il punteggo attrbuto a cascuna untà d personale d supporto al Drettore generale e al Segretaro generale è par a P α r p P DG 7

8 n cu P è l punteggo d rsultato dell untà d personale r p è l coeffcente d presenza d cascuna untà d personale P DG è l punteggo d rsultato conseguto dalla drezone generale, corrspondente alla meda de puntegg d rsultato delle untà organzzatve n essa ncardnate con esclusvo rguardo agl obettv dervant dagl obettv strategc assegnat alla drezone stessa IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E COMPORTAMENTI PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVI Il quadro delle competenze e comportament professonal ed organzzatv La valutazone ha l obettvo d confrontare le competenze e comportament professonal ed organzzatv attes dalle untà d personale rspetto a quell effettvamente realzzats. La suddetta valutazone ha, noltre, la funzone d ntegrare punt d debolezza del sstema d valutazone de rsultat, che: dovendo necessaramente basare la valutazone su poch obettv predefnt all nzo del perodo d programmazone, resce con dffcoltà a valorzzare le ulteror attvtà svolte all nterno dell organzzazone; dovendo rcorrere ad obettv che sano traducbl n rsultat msurabl, non resce ad evdenzare l contrbuto fornto da cascuna untà d personale al raggungmento degl obettv. A tale scopo, vengono valutate quattro tpologe d manfestazone delle competenze e de comportament professonal ed organzzatv: quelle legate all organzzazone, artcolate n collaborazone nterfunzonale e flessbltà; quelle trasversal d relazone, artcolate n gestone della comuncazone e gestone della relazone; quelle trasversal d realzzazone, artcolate n tempestvtà e accuratezza; quelle professonal, artcolat n svluppo e condvsone della conoscenza e anals e rsoluzone de problem La defnzone del punteggo A cascuna artcolazone delle predette quattro tpologe è assocato un descrttore. A cascun descrttore sono assocat cnque lvell d valutazone, che ndcano le caratterstche che occorre possedere per raggungere un determnato lvello d valutazone: 1. se l comportamento descrtto dall ndcatore è stato espresso quas ma o raramente, l punteggo è par a 0,5; 2. se l comportamento descrtto dall ndcatore è stato espresso a volte, soprattutto n stuazon non complesse l punteggo è par a 1; 3. se l comportamento descrtto dall ndcatore è stato espresso spesso, ma non n tutte le cu l punteggo è par a 1,5; 4. se l comportamento descrtto dall ndcatore è stato espresso sempre, n tutte le l punteggo è par a 2; 5. se l comportamento descrtto dall ndcatore è stato espresso sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh l punteggo è par a 2,5. 8

9 I descrttor de comportament legat all organzzazone Comportament organzzatv LEGATI ALLA ORGANIZZAZIONE Collaborazone nterfunzonale Descrttor 9 D 1 Offre spontaneamente supporto ed auto a collegh. D 2 Tene costantemente conto delle nterrelazon esstent tra la propra attvtà e quella degl altr collegh, agendo d conseguenza Crtero d valutazone Il comportamento descrtto è stato espresso dal valutato 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 1 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat Punteggo 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5

10 Flessbltà D 3 E dsponble ad adeguars alle esgenze dell ncarco rcoperto, anche n presenza d mutament organzzatv. decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 0,5 1,0 1,5 2,0 2, I descrttor de comportament trasversal d relazone Comportament organzzatv Gestone della comuncazone Descrttor D 4 E n grado d susctare nell utenza (nterna e/o esterna) una mmagne dell Ammnstraz one affdable ed effcente. Crtero d valutazone Il comportamento descrtto è stato espresso dal valutato 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le Puntegg o 0,5 1,0 1,5 2,0 10

11 TRASVERSALI DI RELAZIONE Gestone della relazone D 5 Indvdua e utlzza le guste modaltà d rapportars agl altr e le adatta rspetto a dvers nterlocutor 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 2,5 0,5 1,0 1, 2,0 2, I descrttor de comportament trasversal d realzzazone Comportament organzzatv Tempestvtà Descrttor D 6 Rspetta temp e le Crtero d valutazone Il comportamento descrtto è stato espresso dal valutato 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non Punteggo 0,5 1,0 11

12 TRASVERSALI DI REALIZZAZIONE Accuratezza scadenze per l esecuzone della prestazone. D 7 Opera con l attenzone, la precsone e l esattezza rcheste dalle crcostanze specfche e dalla natura del compto assegnato complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1,5 2,0 2,5 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 12

13 I descrttor de comportament professonal Comportament organzzatv PROFESSIONALI Svluppo e condvson e della conoscenza Descrttor D 8 Cura costantemente le propre competenze valorzzando le opportuntà formatve rcevute, l autoapprendm ento e lo scambo professonale D 9 Trasmette le competenze possedute a collegh, anche d altre funzon 13 Crtero d valutazone Il comportamento descrtto è stato espresso dal valutato 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat Punteggo 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5

14 decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh Anals e soluzone de problem D 10 E n grado d affrontare stuazon crtche e d rsolvere problem mprevst, proponendo possbl alternatve ed utlzzando le propre conoscenze, anche dervant dall esperenza sul campo. 1. Quas ma o raramente 2. A volte, soprattutto n stuazon non complesse 3. Spesso, ma non n tutte le 4. Sempre, n tutte le 5. Sempre ad un lvello superore e con rsultat decsamente superor all attesa e rspetto agl altr collegh 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 14

15 Il calcolo del punteggo Il punteggo relatvo a comportament organzzatv d cascuna untà d personale è par alla somma de puntegg ottenut per cascuno de 10 descrttor. Il punteggo può, qund, assumere un valore massmo par a 25. Esempo Descrttore Punteggo conseguto P D 1 2,0 D 2 2,5 D 3 1,5 D 4 2,5 D 5 2,0 D 6 2,5 D 7 2,0 D 8 2,0 D 9 2,5 D 10 2,5 Totale = 22/25 Punteggo d comportamento organzzatvo P = 22 c 15

16 3. IL PUNTEGGIO COMPLESSIVO Il punteggo complessvamente conseguto da cascuna untà d personale è par alla somma del punteggo rsultat e del punteggo comportament organzzatv P tot P r P c n cu P è l punteggo complessvo ottenuto dall untà d personale tot P r è l punteggo d rsultato dell untà d personale P è l punteggo comportament organzzatv dell untà d personale. c Obettvo Peso p Punteggo conseguto P p P 1 P1 2 P2 1 p 1 25 P 100% 1 p 25 2 p 2 30 P 90% 2 p 27 3 p 3 20 P % 3 85 p 3 P3 17 p 75 p P 69 /75 Punteggo d rsultato P r = 69/75 P tot P r P c P tot = = 91/100 16

17 4. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE L artcolazone del processo d valutazone del personale è coerente con l processo d programmazone e controllo strategco ed è strettamente connesso con l processo d valutazone de drgent ed al processo d programmazone e controllo d gestone. 4.1 GLI ATTORI Le fas operatve che scandscono temp e modaltà d attuazone del processo d valutazone, descrtte d seguto, vedono l convolgmento d tre fgure prncpal: l Valutatore, concdente con l Drgente; l Valutato, concdente con l untà d personale soggetta alla procedura d valutazone; l Valutatore d seconda stanza/conclatore, concdente con l Drgente generale della struttura d appartenenza GLI OBIETTIVI Proposta e defnzone degl obettv Come descrtto gà nel Manuale operatvo per la valutazone de drgent, l Drgente o l responsable dell untà organzzatva, d ntesa con valutat, propone gl obettv oggetto d valutazone da assegnare alla struttura e da persegure nell anno successvo e gl eventual obettv ndvdual o d gruppo, prevo censmento delle rsorse umane, fnanzare e strumental dsponbl. Tal proposte sono formulate tenendo conto delle lnee d attvtà d maggore rlevanza tra quelle svolte dall untà organzzatva, desumbl dal sstema nformatvo del controllo d gestone. Le proposte, rsultant da apposto verbale, s consderano defnte con la frma d almeno la maggoranza de valutat. La scheda obettv è parte ntegrante del verbale. Il Valutatore presenta le proposte al Ttolare d CdR e le condvde con quest ultmo fno consoldarle entro l mese d novembre, fssando pes rspetto a qual è defnto l calcolo per la valutazone de rsultat. Nel mese d dcembre, Ttolar d CdR, convocat necessar ncontr d negozazone n caso d obettv nuov o suscettbl d varazone, predspongono le bozze de decret drettoral per l assegnazone d obettv e rsorse a drgent d seconda fasca Assegnazone degl obettv Entro 10 gorn dall emanazone della Drettva mnsterale concernente gl ndrzz general sull attvtà ammnstratva e sulla gestone, a sens dell artcolo 14 del decreto legslatvo 30 marzo 2001, n. 165, l Ttolare d CdR emana l decreto drettorale per l assegnazone d obettv e rsorse a drgent d seconda fasca, precsando contestualmente gl obettv oggetto d valutazone ed pes relatv. Le corrspondent schede obettv (Scheda 1), vengono contestualmente trasmesse all OIV per gl eventual aggornament del sstema nformatvo per l controllo d gestone Montoraggo dello stato d avanzamento degl obettv I Drgent, responsabl delle untà organzzatve e Ttolar d CdR effettuano semestralmente l montoraggo degl obettv confert, acqusendo tramte l Controllo d gestone dat necessar ed nformando l personale convolto. 17

18 Il montoraggo rleva, nel corso dell eserczo, la percentuale d avanzamento degl obettv, dentfcando gl eventual scostament rspetto a rsultat attes. Alla fne de mes d luglo e gennao, drgent o responsabl delle untà organzzatve promuovono ncontr con l personale, volt ad approfondre le cause degl scostament e le modaltà degl ntervent correttv da adottare Valutazone fnale de rsultat A conclusone del montoraggo d fne anno: l Drgente, con l auslo della scheda obettv, effettua la valutazone fnale, anche rlevando, da sstem nformatc: o per cascun obettvo valor numerc de rsultat raggunt (Scheda 2); o per cascun Valutato l coeffcente d presenza p (Scheda 2); l Ttolare d CdR effettua la valutazone fnale, rlevando: o valor numerc de rsultat raggunt da tutte le untà organzzatve dpendent (Scheda 3), (segretera del Drettore generale); o per cascuna untà d personale d supporto l coeffcente d presenza p (Scheda 2) VALUTAZIONE DEI DELLE COMPETENZE E COMPORTAMENTI PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVI Il Valutatore, con l auslo della scheda d valutazone de comportament organzzatv (scheda 4), determna l punteggo da attrbure al Valutato per la parte relatva a comportament organzzatv, utlzzando descrttor d cu al paragrafo , , e e tenendo conto dell nterazone avuta nel corso dell anno col Valutato ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO I Valutator all nterno d ogn Drezone generale, prma del colloquo con valutat, n ncontr collegal con l ttolare d CdR e l OIV, verfcano puntegg complessv al fne d rendere omogene parametr d valutazone all nterno della Drezone generale. Le valutazon, così armonzzate a lvello ntradrezonale, sono successvamente unfcate n termn d omogenetà a lvello nterdrezonale n una apposta runone della Conferenza de Drettor, cu partecpa l OIV. Al termne d tal procedure ogn Drezone generale emana provvedment fnal, che sono notfcat a sngol Valutat. Successvamente alle valutazon fnal d cu a punt e 3.3., ha luogo un colloquo, che può essere d gruppo o ndvduale n relazone alle specfctà del caso, tra l Valutato ed l Valutatore, al fne d consoldare l rsultato della valutazone. Entro febbrao, al termne de colloqu, è notfcato al Valutato lo schema d provvedmento contenente la scheda d valutazone de rsultat (Scheda 2) e la scheda d valutazone de comportament organzzatv (Scheda 4) con assegnazone d un termne non superore a dec gorn lavoratv, al fne d consentrgl d esperre l'eventuale fase d contraddttoro medante la presentazone d osservazon o rchesta d confronto dretto sulla regolartà della procedura seguta e sulle valutazon effettuate. Decors predett dec gorn, l Valutatore calcola per cascun valutato l punteggo complessvo e notfca l provvedmento fnale, contenente la scheda 5 e compla la graduatora delle valutazon ndvdual, rendendola nota a tutt Valutat (Scheda 6). Con le medesme modaltà s svolge l'eventuale procedura d conclazone n relazone a rsultat della valutazone, a seguto d rchesta del Valutato, da presentars entro 10 gorn dalla notfca del provvedmento medesmo. Tale rchesta deve precsare l esposzone de 18

19 fatt e delle ragon post a fondamento della pretesa. Essa è valutata con la comparzone delle part nteressate n sede conclatva, fase che s conclude con provvedmento motvato, entro 30 gorn dalla presentazone del reclamo. Il Valutato può chedere l'assstenza d un rappresentante sndacale o d un legale. Con successvo provvedmento sarà regolamentata l ammssbltà delle rcheste d conclazone. I provvedment d valutazone fnal sono trasmess, entro l mese d marzo, all OIV, che provvede alla redazone delle graduatore complessve, da pubblcars sul sto sttuzonale del Mnstero. Tale fase dà avvo alla procedura per la corresponsone, da parte della Drezone generale degl affar general e del personale, de compens ncentvant. I provvedment d valutazone soggett a rettfca per autotutela devono essere emess comunque entro l mese d maggo dell'eserczo fnanzaro consderato CASI PARTICOLARI Rdefnzone degl obettv Gl obettv assegnat all untà organzzatva possono essere rdefnt nel corso dell eserczo a seguto d modfca del contesto normatvo/sttuzonale o d sopravvenuta carenza d rsorse. La rdefnzone può comportare l ntroduzone d nuov obettv, la revsone d obettv precedentemente assegnat, la modfca delle rsorse attrbute all untà organzzatva. La rdefnzone è negozata con Valutat, mentre la valutazone degl obettv nuov o modfcat n corso d anno è effettuata con le modaltà prevste per gl obettv assegnat ad nzo d anno Trasfermento d un untà d personale n corso d anno E possble che un untà d personale venga assegnata, n corso d anno, ad una dversa untà organzzatva. In tal caso, la valutazone è effettuata dal responsable dell untà organzzatva d nuova assegnazone, sentto l responsable dell untà organzzatva d provenenza Valutazone del personale n servzo presso gl Uffc d dretta collaborazone Per la valutazone del personale che presta servzo nell ambto degl Uffc d dretta collaborazone, valgono le procedure prevste al paragrafo del Manuale operatvo per l sstema d msurazone e valutazone de drgent. In caso d mancata adozone d una drettva per gl uffc d dretta collaborazone, l cnquanta per cento dell ndenntà spettante al relatvo personale sarà attrbuta sulla base della valutazone delle competenze e comportament professonal ed organzzatv Valutazone del personale n servzo presso l OIV Il personale n servzo presso l OIV è valutato, n prma stanza, dal Drgente responsable della Struttura tecnca permanente e, n sede conclatva, dal Drettore del medesmo Organsmo, con le stesse procedure ndvduate per l personale, che presta servzo nell ambto degl Uffc d dretta collaborazone. 19

20 Scheda 1 DIREZIONE GENERALE: Valutato: DIVISIONE: SCHEDA DI ASSEGNAZIONE OBIETTIVI VALUTAZIONE DEI RISULTATI RAGGIUNTI N Obettvo oggetto d valutazone Stra/Strut PESO Totale pes 75 VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI Problem solvng Integrazone personale nell organzzazone Capactà e contrbuto organzzatvo Totale pes 25 20

21 Scheda 2 DIREZIONE GENERALE: Valutato: DIVISIONE: SCHEDA DI MONITORAGGIO OBIETTIVI Semestre N Obettvo oggetto d valutazone Punteggo P 1 Peso p Punteggo pesato P x p p ) Punteggo pesato massmo raggungble 75 p ) rmodulato per l 21

22 Scheda 3 DIREZIONE GENERALE: D.G. dott. PUNTEGGIO CONSEGUITO VALUTAZIONE DEI RISULTATI dalla DIREZIONE GENERALE Semestre N DIVISIONE PUNTEGGIO CONSEGUITO Punteggo conseguto totale Punteggo conseguto dalla DIREZIONE GENERALE (Punteg.tot/N)

23 Scheda 4 DIREZIONE GENERALE: Valutato: DIVISIONE: PUNTEGGIO CONSEGUITO VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI DESCRITTORE PUNTEGGIO CONSEGUITO D 1 D 2 D 3 D 4 D 5 D 6 D 7 D 8 D 9 D 10 Punteggo conseguto totale

24 Scheda 5 DIREZIONE GENERALE: Valutato DIVISIONE: SCHEDA VALUTAZIONE FINALE N PUNTEGGI O CONSEGUI TO 1 VALUTAZIONE DEI RISULTATI (SCHEDA 1 ) 2 VALUTAZIONE COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI (SCHEDA 4) VALUTAZIONE COMPLESSIVA (1+2) Punteggo massmo conseguble

25 Scheda 6 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DATA DIREZIONE GENERALE UNITA ORGANIZZATIVA GRADUATORIA DELLE VALUTAZIONI INDIVIDUALI PERSONALE IN SERVIZIO Punteggo Lvello d performan ce NOTE 25

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (OIV) MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE SETTEMBRE 2010 1. I riferimenti

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.9.2015 C(2015) 6588 fnal REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del 30.9.2015 che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Speculazioni matematiche per la formalizzazione/descrizione di un Sistema di Gestione per la Qualità

Speculazioni matematiche per la formalizzazione/descrizione di un Sistema di Gestione per la Qualità Speculazon matematche per la formalzzazone/descrzone d un Sstema d Gestone per la Qualtà S. Gorla (*), (**) R. Grass (*) Responsable Qualtà e Certfcazone Ctroën tala S.p.A. e consglere d gunta AcqCN, (**)

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA Art. l Denomnazone e sede E' costtuta, l Assocazone culturale denomnata TUTTI PER ROMA, con sede n Roma, n vale Aventno 67, che, a secondo delle necesstà, potrà avere una o pù sed operatve n altr luogh.

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità;

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità; AREA TEMATICA Progetto14 CULTURA TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Polo culturale nel CS: Pano de contentor Allegato B- scheda tpo per la strutturazone de progett 1. Ttolo del progetto Polo culturale nel

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore.

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore. CITFÀ DIPOMFEI F ROVIN.\ Dl NAPOI.l Patrmono de11 Unant - Cttì d arte Settore Affar General e Fnanzar Servzo Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore I Proposta d Captolo n. determnazone del Drgente

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Statstca Applcata Vol. 17, n. 3, 2005 377 SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Gan Pero Cervellera Poste Italane, Dvsone Rete Terrtorale, Drezone Operazon, Svluppo Process Ducco

Dettagli

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE ALLEGATO N. 7 AL PTPC MODELLO N. 1 Al Segretaro Generale, Responsable Antcorruzone OGGETTO: dcharazone generale d conoscenza del Pano 2016-2018 d Prevenzone della Corruzone, del Programma trennale per

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui:

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui: I IDACATI E LA COTRATTAZIOE COLLETTIVA Il ruolo economco del sndacato n concorrenza mperfetta, n cu: a) le mprese fssano prezz de ben n contest d concorrenza monopolstca (con extra-proftt); b) lavorator

Dettagli