Speculazioni matematiche per la formalizzazione/descrizione di un Sistema di Gestione per la Qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Speculazioni matematiche per la formalizzazione/descrizione di un Sistema di Gestione per la Qualità"

Transcript

1 Speculazon matematche per la formalzzazone/descrzone d un Sstema d Gestone per la Qualtà S. Gorla (*), (**) R. Grass (*) Responsable Qualtà e Certfcazone Ctroën tala S.p.A. e consglere d gunta AcqCN, (**) Consultec Scopo del presente artcolo è quello d poter formulare e descrvere l Sstema d Gestone della Qualtà attraverso delle consderazon relatve alla Teora de Sstem. Dalla norma UN EN SO 9000:2000 possamo ndvduare le seguent defnzon: Sstema: nseme d element tra loro correlat o nteragent Sstema d gestone: Sstema per stablre poltca ed obettv e per consegure tal obettv Sstema d gestone per la qualtà: Sstema d gestone per gudare e tenere sotto controllo un organzzazone con rfermento alla qualtà. C E N T E R E Q U S T MGORAMENTO CONTNUATVO SSTEMA D GESTONE DEA QUATA RESPONSABTA della DREZONE GESTONE delle RSORSE P D A C MSURAZON, ANAS, MGORAMENTO EEMENT EEMENT N NGRESSO REAZZAZONE PRODOTTO/SERVZO N USCTA PRODOTTO /SERVZO S O D D S A Z O N E C E N T E fgura 1: descrzone del Sstema d Gestone della Qualtà secondo la norma UN EN SO 9001:2005 1/12

2 O descrtto pù n dettaglo (cfr. artcolo rvsta Qualtà potes per la realzzazone d un modello matematco per l anals d effcaca d Sstem Qualtà S. Gorla et al) 2) Responsabltà Drezone mpegno Drezone Peso = 39 Attenzone al Clente Peso = 27 1) Peso = 6 Poltca Qualtà Messa a dsposzone 3) N Sstema Gestone Qualtà Requst general Requst documentazone Panfcazone Responsabltà Autortà Rsorse umane nfrastrutture Gestone Rsorse OUT Resame della Drezone Ambente d lavoro Gestone NC Produzone ed Erogazone Montoraggo Process Approvvgonamento Anals dat Mgloramento Azon Correttve Azon Preventve Verfche spettve Soddsfazone Clente Montoragg OBETTV Progettazone & Svluppo Process relatv al Clente Panfcazone Tenuta sotto controllo dspostv d msura 5) Peso = 16 Msurazone Anals Mgloramento Realzzazone Prodotto Peso = 12 4) Sstema fgura 2: descrzone del Sstema d Gestone della Qualtà Dalla Teora de Sstem abbamo: Sstema è cò che può essere dstnto, sulla base d qualche crtero specfco agl scop dell osservatore, da cò che è consderato esterno al sstema stesso, l suo ambente. fgura 3: sstema, ambente e osservatore Un sstema è una totaltà organzzata, composta d element soldal che possono essere defnt soltanto gl un n rapporto gl altr, n funzone della loro collocazone n questa totaltà (Saussure, 1922). Un sstema è un nseme d untà n recproca nterazone (von Bertalanffy, 1956). Un sstema è un tutto che funzona come tutto sulla base degl element che lo costtuscono (Rapoport, 1968). Un sstema è l untà che rsulta dalle part n recproca alterazone (Ackoff, 1971). 2/12

3 Un sstema è un untà globale organzzata d nterrelazon fra element, azon, ndvdu (Morn, 1977). Alla base del punto d vsta sstemco abbamo alcune poszon molto general. S assume che la realtà essta là fuor e che abba caratterstche che non dpendono dal fatto che qualcuno la osserva, benché n partcolar cas gà l osservazone possa modfcare la realtà osservata (s not che non s tratta d un potes scontata, per ragon flosofche e n seguto all ndetermnazone quantstca). n quanto osservator costruamo nterpretazon per part della realtà : chamamo modell tal nterpretazon, e sstem tal part della realtà oggetto d nterpretazone. modell possono essere espress n modo nformale (per esempo medante una descrzone n talano o de dsegn); per renderl comuncabl (a esser uman o sstem automatc) n modo completo e non ambguo, l s formalzza, medante strument quanttatv o non. Poché no stess samo parte della realtà, sstem possono ncluderc o meno. Ogn sstema è mmerso n un ambente: la scelta d cosa ncludere nel sstema e cosa nell ambente, e qund d dove stablre l confne del sstema, dpende dal modello adottato. n generale, l confne è posto sa n ampezza, a separare cò che vene escluso dal sstema perché suffcentemente lontano da esso, sa n profondtà, a separare cò che vene escluso dal sstema perché eccessvamente specfco. Ogn sstema può essere nterpretato come un tutt uno, oppure può essere rconoscuto come costtuto da pù sottosstem, che con modaltà vare nteragscono recprocamente Quanto pù un sstema è specalzzato, tanto meno è n grado d adattars a cambament; Quanto pù grande è un sstema, tanto maggore è la quanttà delle rsorse che devono essere dedcate per asscurare l suo funzonamento; E sempre possble consderare un sstema come parte d sstem che lo ncludono (supersstem) e come nseme d sstem nclus n esso (sottosstem); sstem tendono a crescere. NPUT OUTPUT NPUT OUTPUT NPUT OUTPUT fgura 4: sstema chuso (n alto a sx.), sstema aperto (n alto a dx.), come black box (n basso a dx.) o come sstema trasparente(n basso a sx.) a descrzone d un sstema e delle sue nterazon con l ambente crcostante può essere: statca: l modello fornsce una fotografa del sstema, che, però non può essere mpegata esplctamente per realzzare una prevsone sull evoluzone del sstema stesso; 3/12

4 dnamca, con l potes che l osservatore non ntervenga (per esempo perché non è n grado d farlo ) sull evoluzone del sstema ( sstema autonomo ); dnamca, nclusva degl effett dell ntervento dell osservatore sul sstema, generalmente fnalzzat a modfcarne l evoluzone. Dunque nel caso pù generale s potzza che l sstema rceva nel corso del tempo degl nput dall ambente e/o dall osservatore (che n questo caso è dunque pù che un semplce osservatore) e produca degl output sull ambente: Voglamo qund dentfcare le grandezze rlevant per descrvere l oggetto;() dentfcare la/le relazon che connettono tal grandezze, formalzzata come equazone;() rsolvere tale equazone, ottenendo n questo modo l nformazone sul valore delle grandezze. Consderamo allora un sstema dnamco (un organzzazone è un sstema dnamco) come nel dsegno n basso a destra della fgura 4 e la tabella 1 dove sono ndcat captol della norma UN EN SO 9001:2000 con alcun sottocaptol. Defnamo come varable lvello, le varabl che rappresentano lo stato del sstema ( captol della norma) e come varabl flusso,, vettor d nformazone, che agscono per modfcare lo stato delle varabl lvello (le connesson). Avremo allora (1) t = t+δt + Δt con t l tempo e Δt l ntervallo d tempo. Per ntervall nfntamente pccol abbamo (2) d/dt = (3) t = t0 + dt Responsabltà Drezone Sstema Gestone Qualtà Gestone Rsorse Msurazone Anals Mgloramento Realzzazone Prodotto fgura 5: rappresentazone delle varabl d lvello e quelle d flusso 4/12

5 oppure, rappresentando n manera dfferente l sstema (cfr. artcolo rvsta Qualtà potes per la realzzazone d un modello matematco per l anals d effcaca d Sstem Qualtà S. Gorla et al) dove l smbolsmo fa rfermento alla tabella 1 e consderando, gl come varable latente, con m varable manfesta, la varable latente non osservable, λ coeffcent d regressone e ε le varabl casual d meda nulla e varanza fnta ottenendo: (4) m = λ + ε oppure n forma matrcale m 1 λ 1, ε 1 m 1 λ 1, S ε 1 m 2 0 λ 2, ε 25 m 2 0 λ 2, ε 2 m 3 = 0 0 λ 3, ε 3 = m λ 3,3 0 0 Ρ ε 3 m λ 4,4 0 4 ε 4 m λ 4,4 0 Π ε 4 m λ 5,5 5 ε 5 m λ 5,5 Μ ε 5 m S λ σ ε λ δ ε Ρ λ? ε Π λ π ε Μ λ µ ε fgura 6: rappresentazone delle varabl d lvello e quelle d flusso rspetto alla tabella 1 Parametro (varable) S σ 1 σ 2 D δ 1 δ 2 δ 3 Captolo 4.0 Sstema Gestone Qualtà 4.1 Requst general 4.2 Requst documentazone 5.0 Responsabltà Drezone 5.1 mpegno Drezone 5.2 Attenzone al Clente 5.3 Poltca Qualtà 5/12

6 δ Panfcazone δ Responsabltà Autortà δ Resame della Drezone Ρ 6.0 Gestone Rsorse ρ Messa a dsposzone ρ Rsorse umane ρ nfrastrutture ρ Ambente d lavoro Π 7.0 Realzzazone Prodotto π Panfcazone π Process relatv al Clente π Progettazone & Svluppo π Approvvgonamento π Produzone ed Erogazone π Tenuta sotto controllo dspostv d msura Μ 8.0 Msurazone Anals Mgloramento µ Montoragg µ Soddsfazone Clente µ Verfche spettve µ Montoraggo Process µ Gestone NC µ Anals dat µ Mgloramento Azon Correttve Azon Preventve Tabella 1: captol e punt della norma con alcun sottopunt. Possamo allora scrvere, rspetto alle equazon precedent: (5) = (m - ε )/ λ (6) t = t0 + dt = (m - ε )/ λ + dt Essendo un sstema dnamco, l effetto del feed back d nformazone fa sì che l tasso d cambo della varable lvello è funzone della varable lvello stessa, coè (7) = f() = d/dt = # Rportando l equazone relatva alle varabl latent ( = (m - ε )/ λ ) abbamo: (8) = f() = d/dt = d m ε λ dt = dm dε = # dt dt E mportante rcordare che, normalmente, n un modello, esstono pù crcut d retroazone ed un 6/12

7 numero mprecsato d varabl lvello e varabl flusso. crcut d retroazone sono po concatenat poché cascuna varable flusso, oltre che essere funzone della varable lvello cu è drettamente connessa, può dpendere anche da altre varabl lvello comprese nel modello. Generalzzando, qund, modell d Sstem dnamc possono essere descrtt, n termn matematc, da compless sstem d equazon dfferenzal d ordne n-esmo # 1 = d 1 /dt = f( 1, 2,. n ) # 2= d2/dt = f( 1, 2,. n ). (9).. # n = d n /dt = f( 1, 2,. n ) Vale a dre, che, un vettore d varabl flusso è funzone dello stato d un vettore d varabl lvello (10) = f() = d/dt = # Coè le relazon sono legate alle varabl lvello. Nel caso n esame, consderando solo captol della norma e non sottocaptol, abbamo 5 equazon dfferenzal # S = d S /dt = f( S,, Ρ, Π, Μ ) # = d /dt = f( S,, Ρ, Π, Μ ) (9a) # Ρ = d Ρ /dt = f( S,, Ρ, Π, Μ ) # Π = d Π /dt = f( S,, Ρ, Π, Μ ) # Μ = d Μ /dt = f( S,, Ρ, Π, Μ ) Ora consderamo la norma UN EN SO 9001:2005 e per cascun captolo assegnamo de pes W e de lvell d mportanza. pes de captol sono stat calcolat rspetto al modello EQM (cfr. artcolo ctato) e l mportanza attrbuta secondo l ndce della norma secondo la tabella 2. Parametro Captolo Peso W mportanza (varable) S 4.0 Sstema Gestone Qualtà 6 5 σ Requst general 2 σ Requst documentazone 4 D 5.0 Responsabltà Drezone 39 4 δ mpegno Drezone 7,5 δ Attenzone al Clente 7 δ Poltca Qualtà 5 δ Panfcazone 6,5 δ Responsabltà Autortà 6 δ Resame della Drezone 7 Ρ 6.0 Gestone Rsorse 27 3 ρ Messa a dsposzone 8 7/12

8 ρ Rsorse umane 7 ρ nfrastrutture 6 ρ Ambente d lavoro 6 Π 7.0 Realzzazone Prodotto 12 2 π Panfcazone 2 π Process relatv al Clente 3 π Progettazone & Svluppo 2 π Approvvgonamento 1 π Produzone ed Erogazone Tenuta sotto controllo dspostv π 6 Μ d msura Msurazone Anals Mgloramento 16 1 µ Montoragg 2,1 µ Soddsfazone Clente 2,6 µ Verfche spettve 2,1 µ Montoraggo Process 2,5 µ Gestone NC 2,3 µ Anals dat 2 µ Mgloramento Azon Correttve Azon Preventve 2,4 Tabella 2: captol e punt della norma con relatv pes e l mportanza Dato che m è la varable manfesta, coè msurable, (vedas eq. (4)) dobbamo ad essa assocare pes e l mportanza. Possamo allora scrvere (11) m ^ = m * w * qund la (8) rsulta: (12) = f() = d /dt = d m ^ ε λ dt = dm dt ^ dε dt d m w dε = # = ( ) dt dt Calcolamo la relazone tra la varable lvello e la varable flusso, la loro nfluenza recproca, ed l segno della dervata della varable flusso rspetto alla varable lvello per la polartà del sstema coè: (13) d # /d = d m ^ ε λ dt / d = d m ^ ε λ dt /d((m^ - ε )/ λ ) 8/12

9 Dalla (13) possamo calcolare l segno della dervata e qund defnre la polartà del sstema, l verso d percorrenza del flusso. Nel nostro caso abbamo però n varabl ( captol della norma) e qund dobbamo rscrvere la (13) sotto forma d un sstema d equazon come la (9), consderando un sstema lneare. 1 # = d 1 /dt = a 1,1 1,. a 1,n n 2# = d 2 /dt = a 2,1 1,. a 2,n n. (14).. n# = d n /dt = a n,1 1,. a n,n n a questo punto tradotta la (14) n forma matrcale: # 1 a 1, 1... a 1, n 1 # 2 a 2, 1... a 2, 1 2 (15). = # n a 1, n... a n, n 5 con le uguale alle S,, Ρ, Π, Μ e con a n, n coeffcent relatv al fenomeno della retroazone, coè l nfluenza delle varabl fluss sulle varabl lvello. Dobbamo, qund, calcolane gl autovalor che metteranno n luce la polartà domnante del sstema. n partcolare, la polartà domnante rsulterà dall anals del segno degl autovalor che possono essere numer compless. Nel caso n cu gl autovalor presentno part mmagnare, la polartà domnante sarà sempre rvelata dalla parte reale dell autovalore mentre la presenza d una parte mmagnara ndcherà l manfestars d comportament oscllator nel sstema. Dall anals degl autovalor emergeranno, qund, cnque cas. Parte reale degl autovalor Parte mmagnara dell autovalore Polartà domnante 1 Postva per almeno un 0 Postva autovalore 2 Negatva per tutt gl autovalor 0 Negatva 3 0 +/- Nessuna con oscllazon costant 4 Negatva per tutt gl autovalor +/- Nessuna con oscllazone che s attenua 5 Postva per almeno un autovalore +/- Nessuna con oscllazone che s amplfca Tabella 3: anals degl autovalor 9/12

10 Se almeno uno degl autovalor della matrce ha la parte reale postva, la polartà domnante sarà postva e l comportamento emergente sarà esponenzale (caso 1 nella fgura 7). Se tutt gl autovalor hanno le part real negatve, la polartà domnante sarà quella negatva e l comportamento emergente sarà quello tpco d aggustamento graduale verso un obettvo (caso 2 nella fgura 7). Se gl autovalor hanno part mmagnare, l comportamento atteso del sstema sarà oscllatoro e potranno manfestars tre cas. Se la parte reale è uguale a zero, l oscllazone del sstema sarà costante come descrtto nel Caso 3 del grafco della fgura 7. Se tutt gl autovalor hanno parte real negatve, l sstema presenterà delle oscllazon che s spegneranno gradualmente, all avvcnars del sstema verso l suo punto d equlbro (caso 4 della fgura 7). Se, nfne, almeno un autovalore ha la parte reale postva, l oscllazone del sstema sarà esplosva come descrtto nel caso 5 della fgura 7. fgura 7: rappresentazone grafca de rsultat della tabella 3 Possamo congelare ad un tempo t l sstema e le relatve relazon ottenendo: (16) # =(m * w * ) - ε S, = (m S * w S * S ) - ε S = (m * w * ) - ε (17) Ρ = (m Ρ * w Ρ * Ρ ) - ε Ρ Π = (m Π * w Π * Π ) - ε Π Μ = (m Μ * w Μ * Μ ) - ε Μ Consderamo noltre, valor med d ε null. Oppure possamo rscrvere la (2) dscretzzandola nel tempo come, con ( n out )dfferenza del flusso n ngresso e del flusso n uscta, come n fgura 8: 10/12

11 (18) = d(t)/dt = Δ(t)/dt = ( n out ) (t) (19) (t+δt) = (t) + ( n out )Δt fgura 8: rappresentazone grafca de fluss secondo la System Dynamcs parametrzzando e ponendo Δt = 1 e t = k s ottene (20) (k+1) = (k) + ( n out ) d pù facle calcolo utlzzando la System Dynamcs ed modell comportamental (archetp). Dalla (16) valor d m possono essere calcolat attraverso un modello d autovalutazone come quello proposto dalla norma SO/DS 9004 del Nell annex A, self assessment tool, trovamo un questonaro dedcato per poter effettuare un autovalutazone dell organzzazone. e tabelle consderano una scala a 5 valor per dentfcare l lvello d maturtà dell organzzazone scomposta n vare domande. 1 Basc 2 Proactve 3 lexble 4 Progressve 5 Achevng Sustanable Success Assegnando sempre l valore 1 se la domanda è rspettata abbamo un range che vara da 6 come valore mnmo a 30 come valore massmo per tutto l questonaro. l questonaro sopra ctato è stato dstrbuto a 100 persone all nterno dell organzzazone. Abbamo consderato, per facltà d calcolo, l osservatore (coè colu che compla l questonaro) esterno al sstema n quanto solo per poch cas le domande mpattavano realmente con la possbltà d prendere decson da parte del complatore. rsultat med ottenut sono rassunt nella tabella 4. Captolo m Peso W mportanza RSUTATO 4.0 Sstema Gestone Qualtà Responsabltà Drezone Gestone Rsorse Realzzazone Prodotto Msurazone Anals Mgloramento /12

12 Tabella 4: rsultat dell autovalutazone RADAR RSUTAT AUTOVAUTAZONE CON REATV PES ED MPORTANZA ACT Anals e Msure Organzzazone PAN Stratega, Poltca, Obettv Test OBJ CHECK Process Rsorse DO fgura 9: rappresentazone grafca de rsultat dell autovalutazone Concluson Abbamo cercato d applcare la teora de sstem all mplementazone d un Sstema Qualtà secondo la UN EN SO 9001:2005 cercando d ndvduare le varabl n goco, fluss e le loro relazon dando una rappresentazone matematca del tutto. Abbamo po applcato alle equazon trovate, rsultat d un autovalutazone secondo la SO/DS 9004 defnendo così lo stato del sstema. Bblografa [1]. Banchn, Teora de Sstem e del controllo 2008 [2] R. Albano, ntroduzone all anals fattorale per la rcerca socale 2004 [3]. Mar, ntroduzone alla Teora de Sstem 2006 [4]. von Bertalannfy, Teora generale de Sstem 1983 [5] S. Monaco, Teora de Sstem, appunt delle lezon 2001 [6] D.G. uenberger, ntroducton to Dynamc Systems: Theory, Models and Applcatons, 1979 [7] P.G. ovaglo, a stma d varabl latent da varabl osservate mste 2001 [8] A. Bemporad, appunt corso Teora de sstem 2001 [9] Appunt corso System Dynamcs acoltà ngegnera Unverstà degl Stud d Genova A.A. 2007/2008 [10] Mollona, Struttura de modell d System Dynamcs e struttura delle azende 2008 [11] M. aretto, ntroduzone alla System Dynamcs (SD) e declnazone della System Dynamcs n ambto economco-managerale: la Busness Dynamcs [12] A.. De Ton, M. Bearz, ntroduzone alla System Dynamcs 2005 [13] G. Gallo Dnamca de Sstem 2006 [14] P. Senge a qunta dscplna arte e la pratca dell apprendmento organzzatvo Sperlng & Kupfer Edtor, /12

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE Lezone 6 - La statstca: obettv; raccolta dat; le frequenze (EXCEL) assolute e relatve 1 LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE GRUPPO MAT06 Dp. Matematca, Unverstà

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Statstca Applcata Vol. 17, n. 3, 2005 377 SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Gan Pero Cervellera Poste Italane, Dvsone Rete Terrtorale, Drezone Operazon, Svluppo Process Ducco

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte Lavoro, Energa e stabltà dell equlbro II parte orze conservatve e non conservatve Il concetto d Energa potenzale s aanca per mportanza a quello d Energa cnetca, perché c permette d passare dallo studo

Dettagli

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi Programmazone e Controllo della Produzone Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Lo rsolvo con la smulazone? Sarebbe

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo Element d teora de goch Govann D Bartolomeo Unverstà degl Stud d Teramo 1. Descrzone d un goco Un generco goco, Γ, che s svolge n un unco perodo, può essere descrtto da una Γ= NSP,,. Ess sono: trpla d

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF

Statistica e calcolo delle Probabilità. Allievi INF Statstca e calcolo delle Probabltà. Allev INF Proff. L. Ladell e G. Posta 06.09.10 I drtt d autore sono rservat. Ogn sfruttamento commercale non autorzzato sarà perseguto. Cognome e Nome: Matrcola: Docente:

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso d Statstca medca e applcata 3 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone I concett prncpal che sono stat presentat sono: Mede forme o analtche (Meda artmetca semplce, Meda artmetca

Dettagli

Test delle ipotesi Parte 2

Test delle ipotesi Parte 2 Test delle potes arte Test delle potes sulla dstrbuzone: Introduzone Test χ sulla dstrbuzone b Test χ sulla dstrbuzone: Eserczo Test delle potes sulla dstrbuzone Molte concluson tratte nell nferenza parametrca

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 7

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 7 1 Corso d Automazone Industrale 1 Captolo 7 Teora delle code e delle ret d code Introduzone alla Teora delle Code La Teora delle Code s propone d svluppare modell per lo studo de fenomen d attesa che s

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti UNIVERSIA DEGLI SUDI DI CAGLIARI Facoltà d Ingegnera Elettronca Corso d Calcolo Numerco 1 A.A. 00/003 Anals e confronto tra metod d regolarzzazone drett per la rsoluzone d prolem dscret mal-post Docente:

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali Adattamento d una relazone 1 funzonale a dat spermental Sno ad ora abbamo vsto come può essere stmato, con un certo lvello d confdenza, l valore vero d una grandezza fsca (dretta o dervata) con l suo ntervallo

Dettagli

Pianificazione dei Trasporti

Pianificazione dei Trasporti Unverstà degl Stud d Treste Facoltà d Ingegnera Corso d Panfcazone de Trasport Prof. Govann Longo Anno Accademco 2003-2004 APPUNTI d Panfcazone de Trasport Paolo Martns LA PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale.

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale. . ll metodo del fattore d scala globale Il progetto d un sstema d controllo dgtale può avvalers del cosddetto metodo del fattore d scala globale (FSG), attraverso l quale è possble stablre una corrspondenza

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

Aritmetica e architetture

Aritmetica e architetture Unverstà degl stud d Parma Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Poltecnco d Mlano Artmetca e archtetture Sommator Rpple Carry e CLA Bozza da completare del 7 nov 03 La rappresentazone de numer Rappresentazone

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Elementi di statistica

Elementi di statistica Element d statstca Popolazone statstca e campone casuale S chama popolazone statstca l nseme d tutt gl element che s voglono studare (ndvdu, anmal, vegetal, cellule, caratterstche delle collettvtà..) e

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

Analisi dei Segnali. Sergio Frasca. Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza

Analisi dei Segnali. Sergio Frasca. Dipartimento di Fisica Università di Roma La Sapienza Sergo Frasca Anals de Segnal Dpartmento d Fsca Unverstà d Roma La Sapenza Versone 13 dcembre 011 Versone aggornata n http://grwavsf.roma1.nfn.t/sp/sp.pdf Sommaro 1 Introduzone: segnal e sstem... 7 1.1

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

CARATTERISTICHE DEI SEGNALI RANDOM

CARATTERISTICHE DEI SEGNALI RANDOM CARATTERISTICHE DEI SEGNALI RANDOM I segnal random o stocastc rvestono una notevole mportanza poché sono present, pù che segnal determnstc, nella maggor parte de process fsc real. Esempo d segnale random:

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile

Unità Didattica N 29. Campo magnetico variabile Untà Ddattca N 29 Campo magnetco varable 1) Il flusso del vettore B 2) Esperenze d Faraday sulle corrent ndotte 3) Legge d Faraday-Newmann-Lenz 4) Corrent d Foucoult 5) Il fenomeno dell'autonduzone 6)

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Analisi e Sviluppo di una Rete Neurale Modulare basata su Mixture of Experts, e Confronto con Algoritmi di Boosting

Analisi e Sviluppo di una Rete Neurale Modulare basata su Mixture of Experts, e Confronto con Algoritmi di Boosting Tes d Dploma d Laurea n Informatca d Petro Mele matrcola 54304 Anals e Svluppo d una Rete Neurale Modulare basata su Mxture of Experts, e Confronto con Algortm d Boostng Relatore: Prof. Alberto Berton

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. Elaborazione Dati. Lab 2B CdL Fisica

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. Elaborazione Dati. Lab 2B CdL Fisica Laboratoro B A.A. 01/013 Elaborazone Dat Lab B CdL Fsca Lab B CdL Fsca Elaborazone dat spermental Prncpo della massma verosmglanza Quando eseguamo una sere d msure relatve ad una data grandezza fsca, quanto

Dettagli