Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;"

Transcript

1 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ) La Gunta regonale ha approvato Il Presdente della Gunta emana l seguente regolamento: Sommaro Preambolo Art. 1 - Modfche all artcolo 5 del d.p.g.r. 46/R/2008 Art. 2 - Modfche all artcolo 18 del d.p.g.r. 46/R/2008 Art. 3 - Modfche all artcolo 19bs del d.p.g.r. 46/ R/2008 Art. 4 - Modfche all artcolo 19ter del d.p.g.r. 46/ R/2008 Art. 5 - Modfche all artcolo 41 del d.p.g.r. 46/R/2008 Art. 6 - Modfche all allegato 2 del d.p.g.r. 46/R/2008 Art. 7 - Modfche all allegato 3 del d.p.g.r. 46/R/2008 Art. 8 - Entrata n vgore Preambolo Vsto l artcolo 117, comma sesto, della Costtuzone; Vsto l artcolo 42 dello Statuto; Vsta la legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 (Norme per la tutela delle acque dall nqunamento), ed n partcolare l artcolo 13; Vsto l regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ); Vsto l parere del Comtato tecnco d drezone espresso nella seduta del 27 gugno 2013; Vsto l parere della competente struttura d cu all artcolo 17, comma 4, del Regolamento nterno della Gunta regonale Toscana 18marzo 2013, n. 3; Vsta la prelmnare delberazone d adozone dello schema d regolamento del 15 luglo 2013 n. 574; Vsto l parere favorevole del Consglo delle Autonome Local espresso nella seduta del 4 settembre 2013; Vsto l parere favorevole, con raccomandazon delle competent Commsson conslar espresso nella seduta congunta del 25 luglo 2013; Vsta la delberazone della Gunta regonale 14 ottobre 2013, n Consderato quanto segue: 1. l regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 17 dcembre 2012, n. 76/R (Mo d fche al regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 8 settembre 2008, n. 46/R Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ) ha ntrodotto, tra l altro, l artcolo 19 ter relatvo a trattament approprat d scarch d acque reflue urbane con potenzaltà maggore d 200 AE e mnore d 2000 AE, stablendo la tempstca degl ntervent d adeguamento, oggetto degl accord d programma d cu all artcolo 26 della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 (Norme per la tutela delle acque dall nqunamento); 2. a seguto dell approvazone da parte dell Autortà per l energa elettrca e l gas de crter per determnare le tarffe del servzo drco ntegrato nel benno (delberazone 28 dcembre 2012, n. 585/2012/R/ dr), s è posta la necesstà d rmodulare la suddetta tempstca, perché quella attualmente prevsta nel ctato artcolo 19 ter del regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 8 settembre 2008, n. 46/R ( Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ), non consente d garantre la copertura fnanzara a tutt gl ntervent da nserre ne suddett accord d programma; 3. al fne d evtare aument tarffar o d gravare sulla fscaltà generale, s vuole ottmzzare l utlzzazone delle rsorse fnanzare dsponbl, concentrandole sugl ntervent prncpal o comunque pù urgent, n quanto necessar a garantre la qualtà e destnazone delle acque per uso potable o a scongurare possbl rsch d natura genco santara. Tal ntervent, preva stpula degl accord d programma d cu all artcolo 26 della l.r. 20/2006, saranno necessaramente realzzat entro le date del 31 dcembre 2015 e 31 dcembre 2018; 4. per tutt gl altr ntervent, l presente regolamento rnva ad un successvo atto d programmazone, che l Autortà drca toscana approverà entro la data del 31 dcembre 2017, nel quale verranno stablt modaltà e temp d attuazone de lavor, tenendo conto del termne prevsto dall artcolo 26, comma 3, della l.r. 20/2006 per gl ntervent che possono essere esegut dopo l 31 dcembre 2015, qualora gl scarch adducano ad

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 un corpo drco che abba gà raggunto gl obettv d qualtà o ne cas d cu quest non sano d pregudzo al raggungmento degl obettv d qualtà; 5. al fne d dsporre d un quadro completo degl ntervent d adeguamento relatv agl scarch con potenzaltà maggore d 200 AE e mnore d 2000 AE, s prevede che sano elencat negl accord d programma d cu all artcolo 26 della l.r. 20/2006 anche gl ntervent d cu al precedente capoverso, con l ndcazone delle condzon e modaltà per l rlasco delle autorzzazon provvsore da parte delle provnce; 6. per l rlanco dell economa è noltre necessaro ammettere tra nuov allacc agl scarch sottopost ad autorzzazone provvsora anche quell dervant dall attvtà edlza, che altrment potrebbe rschare d subre un arresto fno all attuazone degl ntervent d adeguamento; sono comunque prevste condzon e lmt d ncremento d carco della potenzaltà gà autorzzata volte a garantre la non compromssone degl obettv d qualtà; 7. al fne d rspondere a specfche esgenze che s sono manfestate nel corso della sua applcazone vengono apportate alcune specfche modfche. In partcolare s tratta d: a) precsare che le dsposzon sulla quantfcazone degl oner struttor per rlasco dell autorzzazone allo scarco s applcano anche per gl scarch d acque meteorche, qual pure sono soggett al pagamento d tal oner secondo quanto prevsto dall artcolo 124, comma 9, del d.lgs. 152/2006 ; b) precsare che le ret fognare prvate da cu dervano, d norma, acque reflue dverse dalle urbane sono, oltre alle ret a servzo degl stablment, anche quelle a servzo degl nsedament, da qual possono appunto dervare, secondo la defnzone contenuta all artcolo 2, comma 1, lettera u) della l.r. 20/2006, acque reflue domestche ed acque meteorche d dlavamento; c) per tutt gl scarch con potenzaltà mnore a 2000 AE, precsare che l obblgo del gestore del servzo drco d garantre l corretto deflusso delle acque reflue n corrspondenza della sezone d scarco e la perodca pulza del materale sedmentato d orgne fognara nelle mmedate pertnenze dello scarco, opera ne cas n cu sa assente un trattamento dello stesso gestore; 8. è opportuno prevedere che, prevo doneo trattamento, lo scarco d AMPP dervant da attvtà che presentano oggettvo rscho d trascnamento, nelle acque meteorche, d sostanze percolose o d sostanze n grado d determnare effettv pregudz ambental, sa recaptato oltre che n un corpo drco superfcale, nella condotta banca delle ret separate e, solo ove cò non sa possble, sul suolo o negl strat superfcal del sottosuolo; 9. al fne d rsolvere problem d natura nterpretatva o correggere error d carattere materale sono ntrodotte alcune modfche agl allegat 2 e 3; s rende necessaro prevedere l mmedata entrata n vgore del presente regolamento al fne d procedere velocemente alla defnzone e sottoscrzone degl accord d programma, avent ad oggetto gl ntervent d cu all artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, come modfcato dal presente regolamento; s approva l presente regolamento Art. 1 Modfche all artcolo 5 del d.p.g.r. 46/R/ Al comma 1 dell artcolo 5 del regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta regonale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ), le parole: d acque reflue urbane ed ndustral. sono sosttute dalle seguent: d acque reflue urbane, ndustral e meteo rche.. Art. 2 Modfche all artcolo 18 del d.p.g.r. 46/R/ Al comma 4 dell artcolo 18 del d.p.g.r. 46/R/2008, dopo la parola: stablment sono nserte le seguent: o nsedament. Art. 3 Modfche all artcolo 19 bs del d.p.g.r. 46/R/ Al comma 1 dell artcolo 19 bs del d.p.g.r. 46/ R/2008, le parole: d cu all artcolo 76 del decreto legslatvo. sono sosttute dalle seguent: stablt dal pano d tutela delle acque d cu all artcolo 121 del decreto legslatvo o dal pano d gestone d cu all artcolo 2, comma 1, lettera x quater) della l.r. 20/ Alla lettera b) del comma 2 dell artcolo 19 bs del d.p.g.r. 46/R/2008, le parole: del relatvo PMG del sono sosttute dalle seguent: del PMG, relatvo al. 3. Alla lettera c) del comma 2 dell artcolo 19 bs del d.p.g.r. 46/R/2008, le parole: qualora l trattamento sa presente solo al pede d utenza, anche se composto come specfcato dall art. 19 comma 10, sono sosttute dalle seguent: al d fuor de cas d cu alla lettera b),. 4. Dopo la lettera a) del comma 3 dell artcolo 19 bs del d.p.g.r. 46/R/2008, è nserta la seguente: a bs) per gl scarch d acque reflue domestche fno alla concorrenza del lmte d 200 AE;. Art. 4 Modfche all artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/ Al comma 1 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 R/2008, dopo le parole: s attengono sono nserte le seguent:, nel rspetto delle prevson del pano d tutela delle acque d cu all artcolo 121 del decreto legslatvo o del pano d gestone d cu all artcolo 2, comma 1, lettera x quater) della l.r. 20/2006,. 2. La lettera a) del comma 1 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, è sosttuta dalla seguente: a) entro l 31 dcembre 2015, sono realzzat : 1) gl ntervent sugl scarch stuat a monte de punt d prelevo e dervazone per uso dropotable afferent al servzo drco ntegrato, necessar a garantre la qualtà e la destnazone delle acque alla produzone d acqua potable; 2) gl ntervent sugl scarch per qual s rtene possa sussstere un effettvo rscho d natura gencosantara; 3) gl ntervent sugl scarch drettamente adducent a corp drc appartenent alle categore lagh, nvas e acque d transzone;. 3. La lettera b) del comma 1 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, è sosttuta dalla seguente: b) entro l 31 dcembre 2018, sono realzzat gl ntervent sugl scarch con oltre 1000 AE che adducono, drettamente o attraverso altro corpo recettore, ad un corpo drco tpzzato che non abba gà raggunto l lvello d buono stato d qualtà ambentale, d cu all artcolo 74, comma 2, lettera q) del medesmo decreto, come rsultante dalla classfcazone d stato ambentale delle acque superfcal contenuta nel pano d gestone, fatto salvo quanto prevsto all artcolo 55 bs;. 4. Le lettere c) e d) del comma 1 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, sono abrogate. 5. Dopo l comma 1 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, è nserto l seguente: 1 bs. Gl accord ed contratt d programma d cu al comma 1 contengono altresì l elenco degl ntervent, non rcompres tra quell d cu alle lettere a) e b) del medesmo comma, per qual l AIT provvede, entro l 31 dcembre 2017, all approvazone d un apposto programma contenente temp e modaltà d attuazone de lavor. Il termne d conclusone de lavor non può superare la data prevsta dall artcolo 26, comma 3, della l.r. 20/2006 per gl ntervent che possono essere esegut dopo l 31 dcembre 2015 senza pregudzo per l raggungmento degl obettv d qualtà.. 6. Dopo l comma 3 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, è nserto l seguente: 3 bs. Ne cas d cu al comma 1 bs, gl scarch sono autorzzat dalle provnce n va transtora fno alla data del 31 dcembre 2017 e, successvamente, fno al termne d ultmazone de lavor ndcato nel programma d cu al medesmo comma, a condzone che: a) gl ntervent d adeguamento sano elencat negl accord o contratt d programma d cu al comma 1; b) sano rspettate le condzon e le modaltà prevste negl accord e contratt d programma d cu alla lettera a).. 7. Alla lettera a) del comma 4 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, le parole: del relatvo sono sosttute dalle seguent: del PMG, relatvo al. 8. Alla lettera b) del comma 4 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, le parole: qualora l trattamento sa presente solo al pede d utenza, anche se composto come specfcato dall art. 19 comma 10, sono sosttute dalle seguent: al d fuor de cas d cu alla lettera a),. 9. Al comma 5 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/ R/2008, le parole: a sens del comma 3 sono sosttute dalle seguent: a sens de comm 3 e 3 bs. 10. Dopo la lettera d) del comma 5 dell artcolo 19 ter del d.p.g.r. 46/R/2008, è nserta la seguente: d bs) per scarch d acque reflue domestche dotat almeno d fosse bcameral, trcameral o Imhoff e dervant da nuove edfcazon o da rstrutturazon d edfc gà esstent, fno ad un massmo del 10 per cento della potenzaltà gà autorzzata a sens de comm 3 e 3bs e a condzone che non sa superata la sogla de 2000 AE e non venga compromesso l raggungmento degl obettv d qualtà.. Art. 5 Modfche all artcolo 41 del d.p.g.r. 46/R/ Alla lettera b) del comma 1 dell artcolo 41 del d.p.g.r. 46/R/2008, dopo le parole: nel rspetto delle dsposzon della normatva nazonale o regonale sono aggunte le seguent: o nella condotta banca delle ret separate per le zone non ubcate n prossmtà d corp drc superfcal;. Art. 6 Modfche all allegato 2 del d.p.g.r. 46/R/ La rubrca dell allegato 2 del d.p.g.r. 46/R/2008,è sosttuta dalla seguente: Dsposzon relatve alle acque reflue domestche. 2. Alla lettera f) del capo 1 dell allegato 2 del d.p.g.r. 46/R/2008, dopo le parole: l lmte d 100 AE sono nserte le seguent:, d cu alla colonna C della tabella 1,. 3. La rga numero 3 della tabella 1 dell allegato 2 del d.p.g.r. 46/R/2008, è sosttuta dalla seguente:

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Custoda d anmal non a fn d allevamento, v nclus gardn zoologc Tolette per anmal domestc Art. 7 Modfche all allegato 3 del d.p.g.r. 46/R/ La tabella 2 dell allegato 3 del d.p.g.r. 46/R/2008, è sosttuta dalla seguente: TABELLA N. 2 - Sstem mpantstc adottabl come trattament approprat per le acque superfcal nterne DIMENSIONI DELL INSEDIAMENTO OD AGGLOMERATO 200 AE 200 < AE 500 (1h) 500 < AE < 2000 SISTEMI IMPIANTISTICI (c) note A B C 1 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e subrrgazone e drenaggo (b) X X 2 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e trncea drenante X 3 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e ftodepurazone sub superfcale HF (flusso orzzontale) 4 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e ftodepurazone sub superfcale VF (flusso vertcale) 5 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e stagno o stagn n sere (a) 6 Stagno facoltatvo e ftodepurazone a flusso superfcale (FWS - free water surface) (a) 7 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e ftodepurazone combnata (combnazone d HF/HV/FWS) (a) 8 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e ftodepurazone combnata e fltro a sabba (a) X X 9 Stagno anaerobco e ftodepurazone combnata (a) X X 10 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e fltro a sabba ntermttente X X 11 Fossa trcamerale e stagno (a) X X 12 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e fltro percolatore aerobo o anaerobo 13 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e fangh attv, o bodsch 14 Fossa bcamerale, trcamerale o Imhoff e mpanto ad areazone prolungata X 15 Charflocculazone X 16 Impanto bologco e ftodepurazone X NOTE (a) L utlzzo d stagn o lagunagg è da rteners possble solo a seguto del parere postvo dell ASL n merto alle queston d dsturbo del vcnato, d salute ed gene pubblca e purchè rspettno le dsposzon urbanstche del comune; (b) La subrrgazone (realzzata e effettuata nel rspetto delle buona norma tecnca negl strat superfcal del suolo) costtusce parte del trattamento d affnamento del refluo per mezzo dell ossdazone e dgestone garantta dal suolo stesso, e non s confgura qund come organo d scarco sul suolo. ( ( c) A sens dell art. 19, comma 10, sono utl alla formazone del sstema tutte le sezon present dal pede d utenza ncluso e lo scarco nel corpo drco 2. La lettera b) del comma 5 del Capo 2 dell allegato 3 d.p.g.r. 46/R/2008, è sosttuta dalla seguente: b) prescrve le modaltà e l ambto d esecuzone delle operazon d cu all artcolo 19 bs, comma 2, lettera b) ed all artcolo 19 ter, comma 4, lettera b).. 3. La tabella 4 dell allegato 3 del d.p.g.r. 46/R/2008 è sosttuta dalla seguente: SEGUE TABELLA

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 TABELLA. 4. Tpologa e numero annuo mnmo d operazon prevste dal PMG OPERAZIONI DI MANUTENZIONE E AUTOCONTROLLO (numero d operazon annue) A B C D E F G H I L M N O P ANALISI ACQUE INGRESSO ED USCITA AE (a) Isp ez one str utt ure (c) R m oz o ne fa ng h Verfc a sstem contro llo, allarm e ed emerg enza (f) Organ e mpant meccan c o elettro meccan c (f) Co ntr oll e ver fc he d pro ces so (f) Verfca sstem rlevazone portate trattate e strument d camponam ento (f) Operaz on d cu all art. 19 bs lett. b) e 19 ter comma 4 lett. b) < PMG 2 2 PMG PMG da 201 a PMG 4 4 PMG PMG da 501 a PMG 4 4 PMG PMG da 2001 a (g) 12 PMG PMG PMG ---- BO D 12 (e) COD SS E. Col (b) 12 (e) 12 (e) 12 (e) NOTE ( a )come rportat sul provvedmento autorzzatv ( b ) n caso d scarco n acque destnate alla balneazone, comunque nel perodo, 1 marzo 15 settembre ( c ) per le condotte a mare l spezone dell ntegrtà della condotta deve essere annuale ( d ) solo per gl mpant che scarcano n aree sensbl ( e ) se conforme dopo l prmo anno la frequenza scende a 4 - Se uno de campon non è conforme l anno successvo la frequenza torna a 6, per E.Col, o 12 per gl altr parametr. (f) se presente la tpologa (g) solo trattament approprat d cu alla tabella 3 del presente allegato Az oto tot ale (d) Fosf oro Total e (d) Art. 8 Entrata n vgore 1. Il presente regolamento, dcharato urgente, entra n vgore l gorno successvo alla sua pubblcazone nel bollettno uffcale della Regone Toscana (BURT). Il presente regolamento è pubblcato nel Bollettno Uffcale della Regone Toscana. E fatto obblgo a chunque spett d osservarlo e farlo osservare come regolamento della Regone Toscana. Frenze, 22 ottobre 2013 AVVERTENZA ROSSI S pubblca d seguto l testo del regolamento emanato con decreto del Presdente della Gunta Regonale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ), coordnato con: - decreto del Presdente della Gunta regonale 22 ottobre 2013, n. 59/R, sopra rportato. Il testo coordnato qu pubblcato è stato redatto a cura degl uffc della Gunta regonale, a sens dell artcolo 10 della legge regonale 23 aprle 2007, n. 23 (Nuovo ordnamento del Bollettno Uffcale della Regone Toscana e norme per la pubblcazone degl att. Modfche alla legge regonale 20 gennao 1995, n. 9 Dsposzon n matera d procedmento ammnstratvo e d accesso agl att ), al solo fne d facltare la lettura. Restano nvarat l valore e l effcaca degl att normatv qu rchamat. Le modfche sono stampate con caratter corsv. Testo coordnato del decreto del Presdente della Gunta Regonale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall nqunamento ) TITOLO I Norme general Capo I Norme general, montoraggo e flusso dat Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento contene la dscplna d attuazone della legge regonale 31 maggo 2006, n. 20 (Norme per la tutela delle acque dall nqunamento) d seguto denomnata legge regonale. Art. 2 Defnzon 1. Fatte salve le defnzon della parte III del decreto legslatvo 3 aprle 2006, n. 152 (Norme n matera ambentale), d seguto denomnato decreto legslatvo, e della legge regonale a fn dell applcazone del presente regolamento, s ntende per: a) accumul d letam: depost temporane d letam done all mpego, effettuat n prossmtà e/o su terren destnat all utlzzazone, così come prevsto dall artcolo 27;

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

REGOLAMEruTO COMUNALE DI

REGOLAMEruTO COMUNALE DI Í 't' GOMUNE D GETRARO (Provnca d Gosenza) rf JÉ. ' S t f REGOLAMEruTO COMUNALE D frogf{,atura E DlPURAZff hth l! t lb SOMMARO TTOLO FNALTA DEL REGOLAMENTO Artcolo 1 - Generaltà. TTOLO DEFNZON Artcolo

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.)

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.) RE Regol ament oed l z o Gest oneecont r ol l odelter r t or o Regol ament oed l z o C 43 04/ 11/ 2011 5 06/ 02/ 2012 Abacodemezzpubbl c t ar PROGETTO ECOORDI NAMENTO ar ch.domen coleo GRUPPO DIPROGETTAZI

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze

Comune di Capraia e Limite Provincia di Firenze Comune d Capraa e Lmte Provnca d Frenze COPA MMEDATAMENTE ESEGUT3 LE. VERBALE D DELBERAZ1ONE DELLA GUNTA MUNCPALE Del bera Numero 103 del 13111/2012 Oggetto NZATVA PRESENTATA DALLASSOCAZONE NOt DA GRAND

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

COMUNE DI SANTA VENERINA

COMUNE DI SANTA VENERINA COMUNE DI SANTA VENERINA Provnca Catana ORDINANZA SINDACALE n. 13 el 21 agosto 2014 OGGETTO: Mofca el calenaro raccolta porta a porta a partre a gorno 8 settembre 2014. PREMESSO che l Comune Santa Venerna

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE ALLEGATO N. 7 AL PTPC MODELLO N. 1 Al Segretaro Generale, Responsable Antcorruzone OGGETTO: dcharazone generale d conoscenza del Pano 2016-2018 d Prevenzone della Corruzone, del Programma trennale per

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III

11111111111 111111111111111' 111111111111 1III CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI 31'110/2014 U-5s/6249/2014 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI IN'GEGNEHl 11111111111 111111111111111' 111111111111 1III /''''''(1''} l,\{lfij,ae'r'1 '-.;'H/h/rl Crco n. 445/XVIII

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

CITTÀ DI CARPI IL SINDACO

CITTÀ DI CARPI IL SINDACO w ~ agl att presso l Comune d Carp. ~- IL SINDACO Consderato che: la nutra (lvfyocastor coypus) è un rodtore d meda tagla tpco d ambent acquatc orgnaro del Sud Amerca ed mportato n Itala nel 1929 a scopo

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore.

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore. CITFÀ DIPOMFEI F ROVIN.\ Dl NAPOI.l Patrmono de11 Unant - Cttì d arte Settore Affar General e Fnanzar Servzo Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore I Proposta d Captolo n. determnazone del Drgente

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA

Comune di Piedimonte Etneo PROVINCIALI CATANIA Comune d Pedmonte Etneo PROVINCIALI CATANIA DELIBERAZIONE N. 26 COPIA d Delberazone del Consglo Comunale Aggornamento della Seduta del 04.08.2011 ' v ' OGGETTO: CONFERMA DESTINAZIONE MUTUO CASSA DEPOTI

Dettagli

notiziario Firmato l accordo sul prezzo del latte: il Piemonte adotta l indicizzazione

notiziario Firmato l accordo sul prezzo del latte: il Piemonte adotta l indicizzazione Frmato l accordo sul prezzo del latte: l Pemonte adotta l ndczzazone Per la prma volta l Pemonte adotta l meccansmo dell ndczzazone per determnare l prezzo del latte alla stalla, attraverso la sottoscrzone

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019 ^^^ j 11 ORGNLE CENTRO RESDENZLE PERNZN "Ul\/[BERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) DECRETO N 191 del 11/07/2014 l Segretaro Drettore d questo sttuto Pern Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/2001 delle

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 "SAN QUIRICO MARTIRE" PER EROGAZIONE CONTRIBUTI.

-l COMUNE DI BUDDUSO' CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA 1 SAN QUIRICO MARTIRE PER EROGAZIONE CONTRIBUTI. - COMUNE D BUDDUSO'... :, PROVNCA D OLBA TEMPO CONVENZONE SCUO.A MATERNA SAN QURCO MARTRE (art. 2. comma 2.L.R. 25.06.984. N. 3 ) CONVENZONE TRA L COMUNE D BUDDUSO' E LA SCUOLA MATERNA "SAN QURCO MARTRE"

Dettagli

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T

n, 155 dei 03/03/2014 G GE T T REGIONE DEL VENETO AZIENDA LJNITA LOCALE SOCIOSANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n, 155 dei 03/03/2014 O G GE T T O Convenzone con STEFANI SPORT Socetà Cooperatva Socale Sportva Dlettantstca per attvta

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dpartmento d Economa Azendale e Stud Gusprvatstc Unverstà degl Stud d Bar Aldo Moro Corso d Macroeconoma 2014 1.Consderate l seguente grafco: LM Partà de tass d nteresse LM B A IS IS Y E E E Immagnate

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.9.2015 C(2015) 6588 fnal REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del 30.9.2015 che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r / ARFAT Anerzc reqonaie P ft b r doua Toscana Decreto del Drettore Generale N ) del Proponente:Dott. ssa Dan ela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone ntegrale (sto

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITA URBANA SERVIZIO ECOLOGIA UFFICIO INQUINAMENTO E GRANDI IMPIANTI

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITA URBANA SERVIZIO ECOLOGIA UFFICIO INQUINAMENTO E GRANDI IMPIANTI la la o o o o o REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITA URBANA SERVIZIO ECOLOGIA UFFICIO INQUINAMENTO E GRANDI IMPIANTI Determnazone del Drgente del Servzo Ecologa N. ÀdeI regstro

Dettagli

Gli appartamenti Residence Alberti

Gli appartamenti Residence Alberti Gl appartament Resdence Albert Comune d Fren_ Project Fnancng Fren Mobltà _ Ex Deposto ATAF_ Resden per student Albert_ L ntervento d Pazza Albert è stato naugurato l 2 febbrao 2008. Salvo parchegg prvat,

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta

Dettagli

Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre

Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre Regolamento Centro d Raccolta V/'fat Po O d Cavergnago 99 - Mestre Conforme ala Norma UN EN SO 9001:2000 Conforme ala norma UN EN SO 14001:2004 Conforme al D,Lgs 196103 Conforme al Modello Organzzatvo

Dettagli

CITTA Dl CIAM PINO PROVINCIA Dl ROMA

CITTA Dl CIAM PINO PROVINCIA Dl ROMA , D, ).., CTTA Dl CAM PNO PROVNCA Dl ROMA ( ( L DELBERAZONE ORGNALE DEL CONSGLO COMUNALE zttto v. 28 [Oggetto: Approvazone Alquote Tas Del 09.04.2014 1 L anno duernlaquattordc, l gorno nove del mese d

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA U.O. Protezone Cvle MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA Centro Funzonale Component del gruppo d lavoro: Nomnatvo Ente Tel. Fax Ing. Maurzo

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5 T3 (IP) Comfort collegable a Integral 5 Benutzerhandbuch User s gude Manual de usuaro Manuel utlsateur Manuale d uso Gebrukersdocumentate Indce Indce Utlzzo del telefono Note mportant...4 Panoramca del

Dettagli

Indice svizzero dei prezzi delle costruzioni Ottobre 2010=100

Indice svizzero dei prezzi delle costruzioni Ottobre 2010=100 Dpartmento federale dell nterno DFI Uffco federale d statstca UST Attualtà UST 5 Prezz Neuchâtel, luglo 211 Indce svzzero de prezz delle costruzon Ottobre 21=1 Compendo metodologco Informazone: Yves Gullod,

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

REGIONE CALABRIA 2 8 SET.2016

REGIONE CALABRIA 2 8 SET.2016 REGIONE CALABRIA DCA n/~04 del 2 8 SET.2016 Oggetto: Indvduazone delle Azende del SSR da sottoporre a Pano d Rentro trennal n attuazone art. 1c.526 L.208 del 28/12/2015 Approvazone tabella d requlbro dsavanzo

Dettagli