Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio"

Transcript

1 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall applcazone de corrspettv pubblcat da STOGIT sul propro sto nternet, e strutturat come d seguto rportato: f S ( /GJ/anno) f PE ( /GJ/gorno) f PI ( /GJ/gorno) f d ( /GJ/anno) CVS ( /GJ) Il corrspettvo d Spazo f S s applca, su base annua, allo Spazo conferto all UTENTE per l Anno Termco, per l Servzo d Modulazone e/o l Servzo d Stoccaggo Mneraro e/o Servzo d Stoccaggo Strategco, aggornato per tener conto d eventual conferment n corso d Anno Termco e/o de trasferment d capactà d cu al paragrafo 6.4 o delle cesson d capactà d cu al paragrafo 6.5 o delle compensazon d capactà d cu al paragrafo 7.7. Il corrspettvo d dsponbltà d punta gornalera per Erogazone f PE s applca, su base annua, alla Capactà d Erogazone conferta su base contnua all UTENTE del Servzo d Stoccaggo Mneraro e d Modulazone per la Fase d Erogazone, aggornata per tener conto d eventual conferment n corso d Anno Termco e/o de trasferment d capactà d cu al paragrafo 6.4 o delle cesson d capactà d cu al paragrafo 6.5 o delle compensazon d capactà d cu al paragrafo 7.7, con la seguente dfferenzazone: o o o f PE alla Capactà d Erogazone mnma; f PE 2 alla Capactà d Erogazone addzonale; f PE 0,5 alla Capactà d Erogazone conferta (base e d back up ) per l servzo d Stoccaggo Mneraro; Il corrspettvo d dsponbltà d punta gornalera per Erogazone f PE s applca noltre, su base annua, alla Capactà d Erogazone conferta su base contnua all UTENTE del Servzo d Blancamento n msura par a f PE 0,5 alla Capactà d Erogazone conferta. Il corrspettvo d dsponbltà d punta gornalera per Inezone f PI s applca, su base annua, alla Capactà d Inezone conferta su base contnua all UTENTE, per tutta la durata dell Anno Termco, aggornata per tener conto d eventual conferment n corso d Anno Termco e/o de trasferment d capactà d cu al paragrafo 6.4 o delle cesson d capactà d cu al paragrafo

2 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 6.5 o delle compensazon d capactà d cu al paragrafo 7.7. Il corrspettvo per l onere d mmoblzzo del Gas Strategco da parte d STOGIT f d s applca, su base annua, allo Spazo conferto all UTENTE per l Anno Termco per l Servzo d Stoccaggo Strategco. Il corrspettvo d movmentazone CVS s applca a ogn GJ d Gas movmentato n Inezone o Erogazone, tranne nel caso d Inezone durante la Fase d Erogazone. In tal caso l corrspettvo CVS è moltplcato per l coeffcente 0,5. Per l applcazone del CVS n Erogazone sono da consderars dat d Allocazone ncrementat degl eventual consum attrbut secondo quanto prevsto dalla procedura d cu all allegato 1 al presente captolo. In caso d Controflusso che da orgne ad una movmentazone complessva d Sstema contrara a quella della Fase n cu s regstra ( Controflusso fsco ), STOGIT attrbusce all UTENTE consum dervant dall applcazone della procedura d cu all allegato 1 al presente captolo. Il corrspettvo dovuto dall UTENTE per la Capactà d Inezone e/o d Erogazone Interrompble s applca alla Capactà eventualmente conferta su tale base all UTENTE ed è pubblcato da STOGIT sul propro sto nternet. Il corrspettvo dovuto dall UTENTE del Servzo d Modulazone per la Capactà d Erogazone extra eventualmente assegnatagl è par a quello ndcato dall UTENTE stesso, entro lmt d cu al paragrafo del presente Codce. Il corrspettvo dovuto dall UTENTE per la MPC eventualmente conferta è par a f PE /5 ( /GJ/gorno/mese) moltplcato per coeffcent σ, pubblcat da STOGIT sul propro sto nternet. I corrspettv d capactà sono applcat n proporzone alla durata del confermento n caso d confermento d capactà d stoccaggo per perod nferor a perod a base della defnzone de corrspettv d cu al comma 6.1 della Delbera 50/06. Pertanto, ne sol cas d confermento d Capactà d Erogazone agguntve conferte nel perodo fno al 31 ottobre compreso, l UTENTE è tenuto al pagamento del corrspettvo non soggetto a rproporzonamento. L UTENTE, al termne dell Anno Termco, è tenuto al pagamento d un corrspettvo par a due volte l corrspettvo CVS, applcato alla gacenza d Gas al 31 marzo.

3 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7 A1 PROCEDURA PER L ATTRIBUZIONE DEI CONSUMI DI INIEZIONE E DI EROGAZIONE E DELLE RELATIVE ACCISE Premessa I consum d compressone e d trattamento per l Inezone e l Erogazone (d seguto consum d Inezone e Erogazone) relatv a cascun Gorno Gas saranno complessvamente rpartt tra tutt gl UTENTI de Servz d Stoccaggo Mneraro e Modulazone secondo quanto stablto dalla presente procedura. I consum gornaler, come rportato al paragrafo 8.3.1, comprendono l Gas combusto e quello ncombusto. 1.2 Rpartzone de consum d Inezone/Erogazone La rpartzone de consum, d cu alla presente procedura, è comuncata da STOGIT agl UTENTI secondo le modaltà e le tempstche specfcate al paragrafo d cu al presente Codce, sulla base de seguent crter general: a) L energa assocata al consumo d Inezone, attrbutoa all UTENTE k-esmo nel Gorno Gas per l quale le Allocazon d SRG evdenzano un Inezone, è detratta dalla quanttà d energa rlevata dalle suddette Allocazon d SRG. b) L energa assocata al consumo d Erogazone, attrbutoa all UTENTE k-esmo nel Gorno Gas per l quale le Allocazon d SRG evdenzano un Erogazone, è sommata alla quanttà d energa rlevata dalle suddette Allocazon d SRG. In partcolare, consum d Inezone e Erogazone, rlevat menslmente gornalmente da STOGIT su base gornalera, sono rpartt tra tutt gl UTENTI de Servz Base n base alle seguent formule:, per ogn Gorno Gas del mese cu le Allocazon d SRG s rferscono: Per ogn Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone ( ) FG k = I k / I tot FG tot + I k / (I tot + E tot ) GT tot (1) GT k = E k / (I tot + E tot ) GT tot (1bs) FG k è l energa assocata al consumo d Inezone attrbuto all UTENTE k-esmo per l quale le Allocazon evdenzano un Inezone, n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; I k è l energa assocata al gas nettato dall UTENTE k-esmo n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone, così come rlevato dalle Allocazon d SRG, eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal;

4 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo è l energa assocata al gas nettato allocato n Inezone nel Sstema Stoccaggo nello stesso Gorno Gas n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; I tot è l energa assocata al consumo gas d Inezone complessvamente regstrato consumato da STOGIT, per quel Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; FG tot è l energa assocata al gas erogato allocato n Erogazone dal Sstema d Stoccaggo nello stesso Gorno Gas n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; E tot è l energa assocata al consumo gas d Erogazone complessvamente regstrato consumato da STOGIT, per quel Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; GT tot GT k è l energa assocata al consumo d Erogazone attrbuto all UTENTE k-esmo per l quale le Allocazon evdenzano un Erogazone n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone; E k è l energa assocata al gas erogato dall UTENTE k-esmo n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Inezone, così come rlevato dalle Allocazon d SRG, eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal. Per ogn Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone ( e ): GT k e = E k e / E tot e GT tot e + E k e / (I tot e + E tot e ) FG tot e (2) FG k e = I k e / (I tot e + E tot e ) FG tot e (2bs) GT k e è l energa assocata al consumo attrbuto all UTENTE k-esmo per l quale le Allocazon evdenzano un Erogazone, n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone; E k e è l energa assocata al gas erogato dall UTENTE k-esmo n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone, così come rlevato dalle Allocazon d SRG, eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal; E tot e è l energa assocata al gas erogato dal Sstema n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone; GT tot e è l energa assocata al consumo d Erogazone complessvamente regstrato da STOGIT, per quel Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone;

5 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo I tot e è l energa assocata al gas nettato nel Sstema n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone; FG tot e è l energa assocata al consumo d Inezone complessvamente regstrato da STOGIT, per quel Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone; FG k e è l energa assocata al consumo d Inezone attrbuto all UTENTE k-esmo per l quale le Allocazon evdenzano un Inezone n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone; I k e è l energa assocata al gas nettato dall UTENTE k-esmo n corrspondenza del Gorno Gas n cu l movmentato complessvo del Sstema evdenz un Erogazone, così come rlevato dalle Allocazon d SRG, eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal; 1.1Rpartzone de consum d Inezone/Erogazone La rpartzone de consum, d cu alla presente procedura, è comuncata da STOGIT agl UTENTI secondo le modaltà e le tempstche specfcate al paragrafo d cu al presente Codce, sulla base de seguent crter general: c)l energa assocata al consumo d Inezone, attrbuta all UTENTE k-esmo nel Gorno Gas, è detratta dalla quanttà d energa rlevata dalle Allocazon d SRG. d)l energa assocata al consumo d Erogazone, attrbuta all UTENTE k-esmo nel Gorno Gas, è sommata alla quanttà d energa rlevata dalle Allocazon d SRG. In partcolare, consum d Inezone e Erogazone, rlevat menslmente da STOGIT su base gornalera, sono rpartt tra tutt gl UTENTI de Servz Base n base alle seguent formule, per ogn Gorno Gas del mese cu le Allocazon d SRG s rferscono: FG k = I k / I tot FG tot (1) FG k è l energa assocata al consumo d Inezone attrbuto all UTENTE k-esmo; I k è l energa assocata al gas nettato dall UTENTE k-esmo, così come rlevato dalle Allocazon d SRG eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal; I tot è l energa assocata al gas allocato n Inezone nel Sstema d Stoccaggo nello stesso Gorno Gas; FG tot è l energa assocata al gas d Inezone complessvamente consumato da STOGIT, per quel Gorno Gas; GT k = E k / E tot GT tot (2)

6 Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo GT k è l energa assocata al consumo d Erogazone attrbuto all UTENTE k-esmo; E k è l energa assocata al gas erogato dall UTENTE k-esmo, così come rlevato dalle Allocazon d SRG, eventualmente modfcate da STOGIT, secondo quanto evdenzato al paragrafo d cu al presente Codce, per tenere conto della dversa attrbuzone n caso d servz specal; E tot è l energa assocata al gas allocato n Erogazone dal Sstema d Stoccaggo nello stesso Gorno Gas; GT tot è l energa assocata al gas d Erogazone complessvamente consumato da STOGIT, per quel Gorno Gas.

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore.

CITFÀ DIPOMFEI 9 F EB 2015. Servizio Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. in data. Settore Affari Generali e Finanziari. Settore. CITFÀ DIPOMFEI F ROVIN.\ Dl NAPOI.l Patrmono de11 Unant - Cttì d arte Settore Affar General e Fnanzar Servzo Economato DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore I Proposta d Captolo n. determnazone del Drgente

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019 ^^^ j 11 ORGNLE CENTRO RESDENZLE PERNZN "Ul\/[BERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) DECRETO N 191 del 11/07/2014 l Segretaro Drettore d questo sttuto Pern Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/2001 delle

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI. Codice attività: 52.47.1. Indice

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI. Codice attività: 52.47.1. Indice Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI Codce attvtà: 52.47.1 Indce 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratterstche economco - azendal del settore... 2 1.2 Cenn sulla normatva fscale d settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre

Regolamento Centro di Raccolta V/'fat Po I Oi di Cavergnago 99 - Mestre Regolamento Centro d Raccolta V/'fat Po O d Cavergnago 99 - Mestre Conforme ala Norma UN EN SO 9001:2000 Conforme ala norma UN EN SO 14001:2004 Conforme al D,Lgs 196103 Conforme al Modello Organzzatvo

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 20122013 16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO 16.1 INTRODUZIONE La legslazone talana prevede la certfcazone energetca degl edfc [1,2,3,4]. Gl edfc, o meglo

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE

SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Statstca Applcata Vol. 17, n. 3, 2005 377 SISTEMI PREVISIVI PER IL FLUSSO DI CLIENTELA IN POSTE ITALIANE Gan Pero Cervellera Poste Italane, Dvsone Rete Terrtorale, Drezone Operazon, Svluppo Process Ducco

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

stabilisce le seguenti

stabilisce le seguenti s ~ SENZA INCANTO IL 9 aprle 2014 ORE 15,00 { 4 1 9ep~901\C 114 LI PMP ERGE 2367/2012. TRIBUNALE DI MILANO Sezone Terza Cvle - Esecuzon Immoblar. G.E. Dott.ssa Mennun PRIMO AWISO DI VENDITA E CON INCANTO

Dettagli

Elementi di Chimica. Lezione 02

Elementi di Chimica. Lezione 02 Element d Chmca Lezone 02 La tavola perodca degl element I 92 element chmc esstent n natura, pur essendo dvers gl un dagl altr, presentano a volte propretà chmche sml. Gà nella prma metà del I secolo molt

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta

Dettagli

Amplificatori operazionali

Amplificatori operazionali mplfcator operazonal Parte www.e.ng.unbo.t/pers/mastr/attca.htm (ersone el 9-5-0) mplfcatore operazonale L amplfcatore operazonale è un sposto, normalmente realzzato come crcuto ntegrato, otato tre termnal

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

DI FONDACHELLI FANTINA Provincia di Messina

DI FONDACHELLI FANTINA Provincia di Messina COMUNE D FONDACHELL FANTNA Provnca d Messna VA Rubno s.n.c. Te!. 0941-651 001 -- 0941-630535 Fax. 0941-651239 E. Mal casadrposojondachell@hotmal.l STTUZONE COMUNALE BANDO D GARA A PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRlBUNALE ORDINARIO DI ROMA SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRlBUNALE ORDINARIO DI ROMA SENTENZA REPUBBLCA TALANA N NOME DEL POPOLO TALANO L TRlBUNALE ORDNARO D ROMA [ - SEZONE V CVLE n composzone monocratca, nella persona del dott. PAOLO D'AvNO Gudce ha pronunzato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E GIOCATTOLI. Codice attività: 52.48.4. Indice

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E GIOCATTOLI. Codice attività: 52.48.4. Indice Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E GIOCATTOLI Codce attvtà: 52.48.4 Indce 1. PREMESSA...2 1.1 Caratterstche economco - azendal del settore...2 1.2 Cenn normatv - consuetudn commercal...3

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COPERTURA ASSICURATIVA TRIENNALE R.C.A. ED A.R.D. DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETÀ DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PALERMO. Premessa Il contenuto del presente

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A.

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A. Sntes della polcy d valutazone e prcng delle obblgazon emesse da Banca Emlveneta S.p.A. INDICE 1. PREMESSA...1 2. METODOLOGIA DI PRICING...1 2.1 PRICING...3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

Gli appartamenti Residence Alberti

Gli appartamenti Residence Alberti Gl appartament Resdence Albert Comune d Fren_ Project Fnancng Fren Mobltà _ Ex Deposto ATAF_ Resden per student Albert_ L ntervento d Pazza Albert è stato naugurato l 2 febbrao 2008. Salvo parchegg prvat,

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5 T3 (IP) Comfort collegable a Integral 5 Benutzerhandbuch User s gude Manual de usuaro Manuel utlsateur Manuale d uso Gebrukersdocumentate Indce Indce Utlzzo del telefono Note mportant...4 Panoramca del

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO. Codice attività: 52.47.3.

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO. Codice attività: 52.47.3. Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO ARTICOLI DI CARTOLERIA, DI CANCELLERIA E FORNITURE PER UFFICIO Codce attvtà: 52.47.3 Indce 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratterstche economco - azendal del settore...

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.9.2015 C(2015) 6588 fnal REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del 30.9.2015 che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edizione) Codice attività: 52.33.2 Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edizione) Codice attività: 52.33.2 Indice Metodologa d controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI DI PROFUMERIA (II edzone) Codce attvtà: 52.33.2 Indce 1. PREMESSA...2 1.1 Caratterstche economco - azendal del settore...2 1.2 Consuetudn commercal

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

COMUNE DI SAN FELICE A rancello PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI SAN FELICE A rancello PROVINCIA DI CASERTA ~ COMUNE D SAN FELCE A rancello PROVNCA D CASERTA DETERl\1NAZONE UOUD~4ZONE ""' (art.184 d.lgs. 267/00 - art.54 reg. contabltà) N._91_ DEL _27_ / _07_ /2015_ REG. GEN. N.' 251- del ~/8' tu~.. 2tl15 SETTORE

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI. Codici attività: 50.30.0 50.40.2.

Metodologia di controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI. Codici attività: 50.30.0 50.40.2. Metodologa d controllo COMMERCIO DI PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI Codc attvtà: 50.30.0 50.40.2 Indce 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratterstche del settore... 2 2. ATTIVITÀ

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli