MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno n. 8/5018

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b - Legge n. 662/ Flale d Varese C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Delberazone Gunta regonale 26 gugno n. 8/5018 [4.2.2] Determnazon nerent la certfcazone energetca degl edfc, n attuazone del d.lgs. 192/2005 e degl artt. 9 e 25, l.r. 24/ SVILUPPO ECONOMICO / Infrastrutture general / Energa

2

3 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Y 3 [BUR ] [4.2.2] D.g.r. 26 gugno n. 8/5018 Determnazon nerent la certfcazone energetca degl e- dfc, n attuazone del d.lgs. 192/2005 e degl artt. 9 e 25, l.r. 24/2006 LA GIUNTA REGIONALE Premesso che l d.lgs. 192/2005, attuatvo della drettva 2002/91/CE, stablsce crter, le condzon e le modaltà per mglorare le prestazon energetche degl edfc, rnvando a successv decret le metodologe d calcolo ed requst mnm fnalzzat al contenmento de consum d energa, nonché requst professonal e d accredtamento per asscurare la qualfcazone e l ndpendenza degl espert a cu affdare la certfcazone energetca degl edfc; Dato atto che lo stesso d.lgs. prevede: che le Regon svluppno l applcazone d un sstema d certfcazone energetca coerente con prncp general del decreto (art. 9, comma 3-bs); che le norme del decreto medesmo e de decret attuatv s applchno, nelle matere d legslazone concorrente, per le Regon e le Provnce autonome che non abbano ancora provveduto al recepmento della drettva 2002/91/CE (art. 17); Dato atto altresì: che la Gunta regonale, con delberazone n del 22 dcembre 2005 (modfcata con delbera n del 22 marzo 2006), ha approvato lo schema d convenzone con l Assocazone Ret d Punt Energa, fnalzzata all aggornamento del Pano d Azone del Programma energetco regonale e all ncentvazone dell uso razonale dell energa e delle font rnnovabl; che tra le attvtà oggetto della suddetta convenzone è nclusa l elaborazone d una proposta per certfcare l effcenza energetca degl edfc adbt ad uso resdenzale e terzaro; Consderato che la l.r. 24/2006 («Norme per la prevenzone e la rduzone delle emsson n atmosfera a tutela della salute e dell ambente») prevede che la Gunta regonale: dett norme per rdurre e certfcare l consumo energetco degl edfc esstent, da rstrutturare e d nuova costruzone, stablendo requst d prestazone energetca degl nvolucr edlz, degl mpant termc e de generator d calore (art. 9, lettera a); defnsca le modaltà applcatve concernent la certfcazone energetca degl edfc, le caratterstche termofsche mnme dell nvolucro edlzo ed valor d energa prmara per l soddsfacmento del fabbsogno energetco degl edfc, tenendo conto, tra l altro, delle dverse destnazon d uso, della necesstà d applcare un lmte massmo d fabbsogno energetco agl edfc d nuova costruzone e a quell rstrutturat (art. 25, comma 1); Rchamata la d.g.r del 27 dcembre 2007, con la quale era stata approvata la procedura d calcolo per certfcare l fabbsogno energetco degl edfc, premettendo la necesstà d una successva ntegrazone con la procedura d calcolo relatva all llumnazone e alla clmatzzazone estva e dando atto che, con successv provvedment, sarebbe stata defnta: la procedura ammnstratva per l rlasco della certfcazone energetca; la procedura per la qualfcazone de soggett certfcator; Rlevata la necesstà d defnre, n attuazone degl artt. 9 e 25 della l.r. 24/2006, le msure per contenere l consumo energetco degl edfc, con rfermento sa alle caratterstche d trasmttanza dell nvolucro edlzo, sa al fabbsogno d energa prmara connesso al sstema edfco-mpanto, ndcando altresì crter per classfcare l effcenza energetca degl edfc; Consderato che l Documento d Programmazone Economco-Fnanzara Regonale nclude gl obettv della «pena attuazone alla certfcazone energetca» e del «rsparmo energetco n edlza», rtenut msure con cu contrastare l nqunamento atmosferco; Vste le modfche ntrodotte al d.lgs. 192/2005 con l d.lgs. 311/2006; Rtenuto opportuno, a fn d un effcace e coerente poltca d rduzone de consum energetc e, conseguentemente, delle emsson clmalterant ed nqunant, applcare fn dal 1º gennao 2008 lmt d fabbsogno energetco e d trasmttanza termca prevst dal d.lgs. 192/2005 con decorrenza 1º gennao 2010; 3º Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 Vsto l allegato documento «Dsposzon nerent all effcenza energetca n edlza», che rguarda: requst d prestazone energetca degl edfc e la dscplna ammnstratva della certfcazone energetca; la procedura d calcolo, aggornata rspetto a quella approvata con d.g.r del 27 dcembre 2006; modell della relazone tecnca d cu all art. 28 della l. 10/91, dell attestato d certfcazone energetca e della targa e- nergetca; Rtenuto d approvare l suddetto documento e d mplementare la procedura d calcolo nclusa nello stesso attraverso un software da pubblcare sul sto della Drezone regonale competente, n modo che possa essere utlzzato gratutamente da tutt soggett nteressat; Dato atto che: con d.g.r del 27 gugno 2006 è stato approvato l accordo quadro con l Consglo Nazonale delle Rcerche, che comprende lo svluppo d progett dmostratv n tema d energa; con d.g.r del 4 maggo 2007 è stato approvato lo schema d convenzone con Punt Energa s.c.a.r.l., fnalzzato all attuazone d msure ndvduate nell ambto del Pano d Azone d cu sopra; Rlevato che l mplementazone del software per calcolare l fabbsogno energetco degl edfc può essere attuata n temp brev graze alla collaborazone del CNR e d Punt Energa s.c.a.r.l., prevsta nell ambto delle convezon ctate; Atteso che: l attvtà d Organsmo d Accredtamento, prevsta nel documento allegato, verrà svolta da Punt Energa s.c.a.r.l., n quanto assocazone senza fn d lucro, penamente controllata dalla Regone Lombarda e strumentale rspetto a fn statutar e programmatc della Regone medesma; l suddetto Organsmo d Accredtamento dovrà anche montorare l mpatto del presente provvedmento: sugl utent fnal, n termn d adempment burocratc, oner post a loro carco, benefc ottenut; sul mercato mmoblare regonale, sulle mprese d costruzone, d materal e component per l edlza e su quelle d produzone e d nstallazone e manutenzone degl mpant d clmatzzazone; Consderato altresì che le modaltà procedural ndcate nell allegato documento non comportano oner per Comun e per la fnanza pubblca n generale n quanto è prevsto l rmborso, da parte de rchedent, delle spese per la gestone delle attvtà connesse al sstema d certfcazone; A vot unanm, palesemente espress, DELIBERA 1. d approvare la dscplna complessva per la certfcazone energetca degl edfc, come defnta nell allegato documento «Dsposzon nerent all effcenza energetca n edlza», parte ntegrante e sostanzale del presente provvedmento; 2. d dsporre l mplementazone della procedura d calcolo nclusa nel documento d cu sopra medante la collaborazone del CNR e d Punt Energa s.c.a.r.l., gà regolata con le convenzon ndcate n premessa. Il segretaro: Bonomo

4 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Y 4 3º Suppl. Straordnaro al n luglo 2007

5 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 DISPOSIZIONI INERENTI ALL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA INDICE 1. FINALITÀ 2. DEFINIZIONI 3. AMBITO DI APPLICAZIONE 4. REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI 5. METODOLOGIA DI CALCOLO 6. CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 7. ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA 8. TARGA ENERGETICA 9. PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PER I QUALI È RICHIESTO IL TITOLO ABILITATIVO 10. PROCEDURA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI 11. ACCERTAMENTI E ISPEZIONI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 12 CLASSIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 13 SOGGETTO CERTIFICATORE 14 ORGANISMO REGIONALE DI ACCREDITAMENTO REGIONALE 15 CATASTO REGIONALE DELLE CERTIFICAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE A.2 VALORI LIMITE DI TRASMITTANZA TERMICA DELLE STRUTTURE CHE DELIMITANO L INVOLUCRO A.3 RENDIMENTO MEDIO GLOBALE STAGIONALE DELL IMPIANTO TERMICO A.4 CLASSIFICAZIONE ENERGETICA ALLEGATO B - RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 ALLEGATO C - ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA ALLEGATO D TARGA ENERGETICA ALLEGATO E PROCEDURA DI CALCOLO

6

7 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo Fnaltà Le dsposzon contenute nel presente dspostvo sono fnalzzate ad attuare l rsparmo energetco, l uso razonale dell energa e la produzone energetca da font energetche rnnovabl n conformtà a prncp fondamental fssat dalla Drettva 2002/91/CE e dal Decreto legslatvo del 19 agosto 2005, n. 192, così come modfcato con Decreto legslatvo del 29 dcembre 2006, n. 311, e n attuazone degl artcol 9 e 25 della legge regonale del 2 dcembre 2006, n Defnzon A fn del presente provvedmento s defnsce: a) accertamento: è l nseme delle attvtà d controllo pubblco volte ad accertare che l progetto delle opere e gl mpant sano conform alle norme vgent e che rspettno le prescrzon e gl obblgh stablt; b) ambent a temperatura controllata: sono gl ambent servt da un mpanto termco; c) attestato d certfcazone energetca: è l documento redatto nel rspetto delle norme contenute nel presente dspostvo, attestante la prestazone energetca ed eventualmente alcun parametr energetc caratterstc del sstema edfco-mpant. Nell attestato vengono altresì ndcat la classe energetca d appartenenza dell edfco oltre a possbl ntervent mgloratv delle prestazon energetche del sstema edfco-mpant. Tale documento deve essere necessaramente predsposto ed asseverato da un professonsta accredtato, estraneo alla propretà, alla progettazone o alla realzzazone dell edfco; d) certfcazone energetca dell edfco: è l complesso delle operazon svolte da soggett accredtat per l rlasco dell attestato d certfcazone energetca; e) clmatzzazone nvernale o estva: è l'nseme d funzon atte ad asscurare l benessere degl occupant medante l controllo, all'nterno degl ambent, della temperatura e, ove sano present dspostv done, della umdtà, della portata d rnnovo e della purezza dell'ara; f) contratto servzo energa: è l'atto contrattuale che dscplna l'erogazone de ben e servz necessar a mantenere le condzon d comfort negl edfc nel rspetto delle vgent legg n matera d uso razonale dell'energa, d scurezza e d salvaguarda dell'ambente, provvedendo nel contempo al mgloramento del processo d trasformazone e d utlzzo dell'energa; g) edfco adbto ad uso pubblco: è un edfco nel quale s svolge, n tutto o n parte, l'attvtà sttuzonale d Ent pubblc; h) edfco d propretà pubblca: è un edfco d propretà dello Stato, delle Regon o degl Ent local, nonché d altr Ent pubblc, anche economc, destnato sa allo svolgmento delle attvtà dell'ente, sa ad altre attvtà od us, compreso quello d abtazone prvata; ) edfco: è un sstema costtuto dalle strutture edlze esterne che delmtano uno spazo d volume defnto, dalle strutture nterne che rpartscono detto volume e da tutt gl mpant e dspostv tecnologc che s trovano stablmente al suo nterno; la superfce esterna che delmta un edfco può confnare con tutt o alcun de seguent element: l'ambente esterno, l terreno, altr edfc; l termne può rferrs a un ntero edfco ovvero a part d edfco progettate o rstrutturate per essere utlzzate come untà mmoblar a sé stant; j) edfco d nuova costruzone: è un edfco per l quale la rchesta d permesso d costrure o denunca d nzo attvtà, comunque denomnato, sa stata presentata successvamente alla data d entrata n vgore del presente dspostvo; k) fabbsogno annuo d energa prmara per la clmatzzazone nvernale: è la quanttà d energa prmara globalmente rchesta, nel corso d un anno, per mantenere negl ambent rscaldat la temperatura d progetto, n regme d attvazone contnuo; l) font energetche rnnovabl: sono quelle defnte all artcolo 2, comma 1, lettera a), del Decreto legslatvo del 29 dcembre 2003, n. 387; m) generatore d calore: è l complesso brucatore-caldaa, che permette d trasferre al fludo termovettore l calore prodotto dalla combustone; n) grad gorno d una localtà: è l parametro convenzonale rappresentatvo delle condzon clmatche d una localtà, utlzzato per stmare al meglo l fabbsogno energetco necessaro per mantenere gl ambent ad una temperatura prefssata; l'untà d msura utlzzata è l grado gorno, GG; o) mpanto termco: è un mpanto tecnologco destnato alla clmatzzazone estva ed nvernale degl ambent con o senza produzone d acqua calda per us genco-santar o alla sola produzone centralzzata d acqua calda per gl stess us, comprendente eventual sstem d produzone, dstrbuzone e utlzzazone del calore, nonché gl organ d regolazone e d controllo; sono compres negl mpant termc gl mpant ndvdual d rscaldamento, mentre non sono consderat tal gl apparecch qual stufe, camnett, radator ndvdual, apparecch per l rscaldamento localzzato ad energa radante, scaldacqua unfamlar; tal apparecch, se fss, sono tuttava assmlat agl mpant termc quando la somma delle potenze nomnal del focolare degl apparecch al servzo della sngola untà mmoblare è maggore a 15 kw; p) mpanto termco d nuova nstallazone: è un mpanto termco nstallato n un edfco d nuova costruzone o n un edfco o porzone d edfco antecedentemente sprovvsto d mpanto termco; q) ndce d prestazone energetca EP: esprme l consumo d energa prmara rferto ad un sngolo uso energetco dell edfco (a ttolo d esempo: alla sola clmatzzazone nvernale, EP H, alla clmatzzazone estva, EP C, alla produzone d acqua calda santara, EP W ), rferto all untà d superfce utle o d volume lordo, espresso rspettvamente n kwh/m 2 anno o kwh/m 3 anno;

8 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 r) ntervent d manutenzone ordnara: sono gl ntervent edlz che rguardano le opere d rparazone, rnnovamento e sosttuzone delle fnture degl edfc (a solo ttolo d esempo, s cta l rfacmento dell ntonaco) e quell necessar ad ntegrare o mantenere n effcenza gl mpant tecnologc esstent, anche con l mpego d materal dvers, purché predett materal rsultno compatbl con le norme e regolament comunal vgent; s) ntervent d manutenzone straordnara: sono le opere e le modfche rguardant l consoldamento, l rnnovamento e la sosttuzone d part anche struttural degl edfc, la realzzazone e ntegrazone de servz genco-santar e tecnologc, nonché le modfcazon dell assetto dstrbutvo d sngole untà mmoblar. Sono così consderat anche gl ntervent che comportno la trasformazone d una sngola untà mmoblare n due o pù untà mmoblar o l aggregazone d due o pù untà mmoblar n una untà mmoblare; t) ntervent d rstrutturazone edlza: sono gl ntervent rvolt a trasformare gl organsm edlz medante un nseme sstematco d opere che possono portare ad un organsmo edlzo n tutto o n parte dverso dal precedente. Tal ntervent comprendono l rprstno o la sosttuzone d alcun element costtutv dell edfco, l elmnazone, la modfca e l nsermento d nuov element e mpant. Nell ambto degl ntervent d rstrutturazone edlza, sono rcomprese anche la demolzone e rcostruzone parzale o totale nel rspetto della volumetra preesstente, fatte salve le sole nnovazon necessare per l adeguamento alla normatva antssmca; u) nvolucro edlzo: è l nseme delle strutture edlze esterne che delmtano un edfco; v) spezon su edfc ed mpant: sono gl ntervent d controllo tecnco e documentale n stu, svolt sa dal professonsta ncarcato d redgere la certfcazone energetca dell edfco, sa da espert qualfcat ncarcat dagl Ent predspost al controllo, o da organsm da ess deputat, così da verfcare che le opere e gl mpant sano conform alle norme vgent e che rspettno le prescrzon e gl obblgh stablt; w) manutenzone ordnara dell'mpanto termco: nella defnzone sono comprese le operazon prevste ne lbrett d'uso e manutenzone degl apparecch e component, che possono essere effettuate n luogo con strument ed attrezzature d corredo agl apparecch e component stess e che comportno l'mpego d attrezzature e d materal d consumo d'uso corrente; x) manutenzone straordnara dell'mpanto termco: sono così defnt gl ntervent att a rcondurre l funzonamento dell'mpanto a quello prevsto dal progetto e/o dalla normatva vgente medante l rcorso, n tutto o n parte, a mezz, attrezzature, strumentazon, rparazon, rcamb d part, rprstn, revsone o sosttuzone d apparecch o component dell'mpanto termco; y) massa superfcale: è la massa per untà d superfce della parete opaca compresa la malta de gunt; l untà d msura utlzzata è l kg/m 2 ; z) parete fttza: è la parete schematzzata n fgura; Locale 1 Parete corrente Ponte termco Locale 2 Parete corrente aa) bb) cc) dd) ee) ff) gg) pompa d calore: è un dspostvo o un mpanto che sottrae calore dall ambente esterno o da una sorgente d calore a bassa temperatura e lo trasfersce all ambente a temperatura controllata; ponte termco: è la dscontnutà d solamento termco che s può verfcare n corrspondenza degl nnest d element struttural (sola e paret vertcal o paret vertcal tra loro); ponte termco corretto: s ha quando la trasmttanza termca della parete fttza (l tratto d parete esterna n corrspondenza del ponte termco) non supera per oltre l 15% la trasmttanza termca della parete corrente; potenza termca convenzonale d un generatore d calore: è la potenza termca del focolare dmnuta della potenza termca persa al camno n regme d funzonamento contnuo; l'untà d msura utlzzata è l kw; potenza termca del focolare d un generatore d calore: è l prodotto del potere calorfco nferore del combustble mpegato e della portata d combustble brucato; l'untà d msura utlzzata è l kw; potenza termca utle d un generatore d calore: è la quanttà d calore trasferta nell'untà d tempo al fludo termovettore; l'untà d msura utlzzata è l kw; prestazone energetca d un edfco: è la quanttà annua d energa effettvamente consumata o che s prevede possa essere necessara per soddsfare var bsogn conness ad un uso standard dell'edfco, compres la clmatzzazone nvernale ed estva, la preparazone dell acqua calda per us genco-santar, la ventlazone e l'llumnazone. Tale quanttà vene espressa da uno o pù descrttor che tengono conto della cobentazone, delle caratterstche tecnche e d nstallazone degl mpant,

9 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 hh) ) jj) kk) ll) della progettazone e della poszone dell edfco n relazone agl aspett clmatc, dell'esposzone al sole e dell'nfluenza delle strutture adacent, dell'esstenza d sstem d trasformazone propra d energa e degl altr fattor, compreso l clma degl ambent ntern, che nfluenzano l fabbsogno energetco; rendmento d combustone d un generatore d calore: è l rapporto tra la potenza termca convenzonale e la potenza termca del focolare; rendmento globale medo stagonale dell mpanto termco: è l rapporto tra l fabbsogno d energa termca utle per la clmatzzazone nvernale e l energa prmara delle font energetche, v compresa l energa elettrca de dspostv auslar, calcolato con rfermento al perodo annuale d eserczo d cu all art. 9 del Decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n A fn della conversone dell energa elettrca n energa prmara s consdera l equvalenza: 9 MJ = 1kWh e ; rendmento d produzone medo stagonale: è l rapporto tra l energa termca utle generata ed mmessa nella rete d dstrbuzone e l energa prmara delle font energetche, compresa l energa elettrca, calcolato con rfermento al perodo annuale d eserczo d cu all art. 9 del Decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n A fn della conversone dell energa elettrca n energa prmara s consdera l equvalenza: 9 MJ = 1 kwh e ; rendmento termco utle d un generatore d calore: è l rapporto tra la potenza termca utle e la potenza termca del focolare; rstrutturazone d un mpanto termco: è un nseme d opere che comportano la modfca sostanzale sa de sstem d produzone che d dstrbuzone ed emssone del calore; rentrano n questa categora anche la trasformazone d un mpanto termco centralzzato n mpant termc ndvdual, nonché la rsstemazone mpantstca nelle sngole untà mmoblar o part d edfco n caso d nstallazone d un mpanto termco ndvduale prevo dstacco dall'mpanto termco centralzzato; mm) schermature solar esterne: sono sstem che, applcat all esterno d una superfce vetrata trasparente, permettono una modulazone varable e controllata de parametr energetc e ottco-lumnos n rsposta alle sollectazon solar; nn) oo) pp) qq) rr) ss) soggetto certfcatore: è l soggetto accredtato al rlasco dell attestato d certfcazone energetca; sosttuzone d un generatore d calore: consste nella rmozone d un veccho generatore e l'nstallazone d un generatore nuovo, d potenza termca non superore del 10% alla potenza del generatore sosttuto, destnato ad erogare energa termca alle medesme utenze; superfce utle: è la superfce netta calpestable d un edfco; targa energetca: è l documento, rlascato dal Comune d competenza, n cu vene rportato l valore del fabbsogno d energa prmara per la clmatzzazone nvernale dell edfco, nonché la sua classfcazone n rfermento alle class d consumo; trasmttanza termca: è l flusso d calore che passa attraverso una parete per sngolo m 2 d superfce della parete e per grado K d dfferenza tra la temperatura nterna ad un locale e la temperatura esterna o del locale contguo; valor nomnal delle potenze e de rendment: sono valor d potenza massma e d rendmento d un appareccho specfcat e garantt dal costruttore per l regme d funzonamento contnuo. 3. Ambto d applcazone 3.1 Fatte salve le eccezon d cu al successvo punto 3.2, le dsposzon del presente provvedmento s applcano a tutte le categore d edfc, così come classfcat n base alla destnazone d uso ndcata all artcolo 3 del Decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n. 412, a fn del contenmento de consum energetc e della rduzone delle emsson nqunant, nel caso d: a) progettazone e realzzazone d edfc d nuova costruzone e degl mpant n ess nstallat; b) opere d rstrutturazone degl edfc e degl mpant esstent, amplament volumetrc e nstallazone d nuov mpant n edfc esstent; c) certfcazone energetca degl edfc, secondo quanto prevsto al successvo punto Sono escluse dall applcazone del presente provvedmento le seguent categore d edfc e d mpant: a) gl mmobl rcadent nell ambto della dscplna della parte seconda e dell artcolo 136, comma 1, lettere b) e c) del Decreto legslatvo 22 gennao 2004, n. 42, recante l codce de ben cultural e del paesaggo ne cas n cu l rspetto delle prescrzon mplcherebbe una alterazone naccettable del loro carattere o aspetto, con partcolare rfermento a caratter storc o artstc; b) fabbrcat ndustral, artganal e agrcol non resdenzal quando gl ambent sono mantenut a temperatura controllata per esgenze del processo produttvo o utlzzando reflu energetc del processo produttvo non altrment utlzzabl; c) fabbrcat solat con una superfce utle totale nferore a 50 m 2 ; d) gl mpant nstallat a fn del processo produttvo realzzato nell'edfco, anche se utlzzat, n parte non preponderante, per gl us tpc del settore cvle.

10 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo Requst d prestazone energetca degl edfc e degl mpant Le seguent dsposzon hanno valdtà a partre dal 1 gennao 2008, salvo ove dversamente specfcato. 4.1 Nel caso d edfc d nuova costruzone, ntervent d demolzone e rcostruzone n manutenzone straordnara o rstrutturazone e d amplament volumetrc, sempre che l volume a temperatura controllata della nuova porzone dell edfco rsult superore al 20% d quello esstente, s procede, n sede progettuale: a) alla determnazone dell ndce d prestazone energetca per la clmatzzazone nvernale, EP H, ed alla verfca che lo stesso rsult nferore a valor lmte che sono rportat nella Tabelle A.1 A.2 d cu all Allegato A, a seconda della classe dell edfco, n funzone della zona clmatca n cu esso è stuato e del suo rapporto d forma; b) al calcolo del rendmento globale medo stagonale dell mpanto termco e alla verfca che lo stesso rsult superore al valore lmte calcolato secondo quanto prevsto al punto A.3 d cu all Allegato A. 4.2 Ne cas d ntervent d rstrutturazone edlza che convolgono pù del 25% della superfce dsperdente dell edfco a cu l mpanto è asservto, s procede, n sede progettuale, alla verfca che la trasmttanza termca non super valor fssat nella Tabella A.3 d cu all Allegato A, n funzone della fasca clmatca d rfermento. Il valore della trasmttanza (U) delle strutture edlze d separazone tra edfc o untà mmoblar confnant, fatto salvo l rspetto del Decreto del Presdente del Consglo de Mnstr del 5 dcembre 1997 Determnazone de requst acustc passv degl edfc, deve essere nferore a 0,8 W/m 2 K nel caso d paret dvsore vertcal e orzzontal. Il medesmo lmte deve essere rspettato per tutte le strutture opache, vertcal, orzzontal e nclnate, che delmtano verso l ambente esterno gl ambent non dotat d mpanto d rscaldamento. Per tutte le chusure trasparent comprensve d nfss che delmtano verso l ambente esterno gl ambent non dotat d mpanto d rscaldamento, l valore lmte della trasmttanza termca (U) deve essere nferore a 2,8 W/m 2 K. Per le strutture opache vertcal, orzzontal o nclnate, a ponte termco corretto, delmtant l volume a temperatura controllata verso l esterno, ovvero verso ambent a temperatura non controllata, l valore della trasmttanza termca (U) deve essere nferore a quello rportato nella Tabella A.3 d cu all Allegato A. Qualora l ponte termco della strutture opache non rsultasse corretto o nel caso n cu la progettazone dell nvolucro edlzo non preveda la correzone de pont termc, valor lmte della trasmttanza termca rportat nella Tabella A.3 d cu all Allegato A devono essere rspettat dalla trasmttanza termca meda (parete corrente pù ponte termco). Nel caso d paret opache esterne n cu fossero prevste aree lmtate oggetto d rduzone d spessore (sottofnestre e altr component), devono essere rspettat lmt rportat nella Tabella A.3 d cu all Allegato A, con rfermento alla superfce totale d calcolo. Nel caso d strutture orzzontal sul suolo, valor d trasmttanza termca, da confrontare con valor rportat nella Tabella A.3 d cu all Allegato A, sono calcolat con rfermento al sstema struttura-terreno. 4.3 Ne cas d cu al precedente punto 4.2, le verfche prevste possono essere omesse qualora s proceda alla verfca che l valore d fabbsogno d energa prmara per la clmatzzazone nvernale dell edfco, EP H, sa nferore a valor lmte che sono rportat nelle Tabelle A.1 A.2 d cu all Allegato A. 4.4 Ne cas d ntervent d rstrutturazone edlza, manutenzone straordnara dell nvolucro e amplament volumetrc, fatta eccezone per quanto gà prevsto, occorre verfcare, lmtatamente alle strutture edlze oggetto d ntervento, l rspetto d quanto ndcato al precedente punto 4.2, consderando un margne d tolleranza par al 30% de valor lmte d trasmttanza termca delle strutture opache che delmtano l edfco verso l esterno. 4.5 Nel caso d nuova nstallazone e rstrutturazone d mpant termc o sosttuzone d generator d calore, s procede al calcolo del rendmento globale medo stagonale dell mpanto termco e alla verfca che lo stesso rsult superore al valore lmte rportato al punto A.3 d cu all Allegato A. Nel caso d nstallazon d potenze nomnal del focolare maggor o ugual a 100 kw, è fatto obblgo d allegare alla relazone tecnca d cu all Allegato B sa l attestato d certfcazone energetca d cu all Allegato C sa una dagnos energetca dell edfco e dell mpanto, nella quale s ndvduano gl ntervent utl alla rduzone della spesa energetca, relatv temp d rtorno degl nvestment e possbl mglorament d classe energetca dell edfco. In caso d nstallazone d mpant termc ndvdual, anche a seguto d decsone condomnale d dsmssone dell mpanto termco centralzzato o d decsone autonoma de sngol, l obblgo d allegare l attestato d certfcazone energetca d cu all Allegato C e la dagnos energetca alla relazone tecnca d cu all Allegato B, come sopra specfcato, s applca quando l lmte d 100 kw è raggunto o superato dalla somma delle potenze de sngol generator d calore da nstallare nell edfco o dalla potenza nomnale dell mpanto termco preesstente, se superore. 4.6 Nel caso della semplce sosttuzone d generator d calore, s ntendono rspettate tutte le dsposzon vgent n tema d uso razonale dell energa, ncluse quelle d cu al precedente punto 4.5, qualora coesstano le seguent condzon: a) nuov generator d calore a combustone abbano rendmento termco utle, n corrspondenza d un carco par al 100% della potenza termca utle nomnale, maggore o uguale al valore lmte calcolato secondo la formula: ( ) ηtu = log P n % dove log P n è l logartmo n base 10 della potenza utle nomnale del generatore, espressa n kw. Per valor d P n maggor d 400 kw, s applca l lmte massmo corrspondente a 400 kw; b) le nuove pompe d calore elettrche o a gas abbano un rendmento utle, n condzon nomnal, rferto all energa prmara, maggore o uguale al valore lmte calcolato secondo la formula:

11 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 ( ) ηtu = log P n % dove log P n è l logartmo n base 10 della potenza utle nomnale del generatore, espressa n kw; la verfca per le pompe d calore elettrche è fatta utlzzando 0,36 Wh en. elettrca / Wh en. prmara come fattore d conversone tra energa elettrca e energa prmara, mentre per le pompe d calore a gas l fattore d conversone è da consderars par ad 1; c) sano present, salvo che ne sa dmostrata nequvocablmente la non fattbltà tecnca nel caso specfco, opportunamente documentata nell apposta relazone d cu all Allegato B, almeno una centralna d termoregolazone programmable per ogn generatore d calore e dspostv modulant per la regolazone automatca della temperatura ambente ne sngol local o nelle sngole zone, che, per le loro caratterstche d uso ed esposzone, possano godere, a dfferenza degl altr ambent rscaldat, d apport d calore solare o comunque gratut. La centralna d termoregolazone s dfferenza n relazone alla tpologa mpantstca e deve possedere almeno requst gà prevst all artcolo 7 del Decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n. 412, ne cas d nuova nstallazone o rstrutturazone d mpant termc. In ogn caso la centralna:. nel caso d mpant termc centralzzat, deve essere plotata da sonde d rlevamento della temperatura nterna, supportate eventualmente da una analoga centralna per la temperatura esterna, con programmatore che consenta la regolazone della temperatura ambente su due lvell d temperatura nell arco delle 24 ore;. nel caso d mpant termc per sngole untà mmoblar, deve consentre la programmazone e la regolazone della temperatura ambente su due lvell d temperatura nell arco delle 24 ore; d) nel caso d nstallazon d generator con potenza nomnale del focolare maggore del 10% rspetto al valore preesstente, l aumento d potenza deve essere motvato attraverso la verfca dmensonale dell mpanto d rscaldamento, opportunamente documentata nell apposta relazone d cu all Allegato B; e) nel caso d nstallazone d generator d calore a servzo d pù untà mmoblar, sa verfcata la corretta equlbratura del sstema d dstrbuzone, al fne d consentre contemporaneamente, n ogn untà mmoblare, l rspetto de lmt mnm d comfort e de lmt massm d temperatura nterna; eventual squlbr devono essere corrett n occasone della sosttuzone del generatore, eventualmente nstallando un sstema d contablzzazone del calore che permetta la rpartzone de consum per sngola untà mmoblare; f) nel caso d sosttuzone d generator d calore d potenza nomnale del focolare nferore a 35 kw, non è rchesta la relazone d cu all Allegato B, a fronte dell obblgo d presentazone della dcharazone d conformtà a sens della legge 5 marzo 1990, n. 46 e s.m... In tal caso, a quest ultmo documento dovrà essere allegata una relazone tecnca che attest motv della deroga dalle dsposzon d cu a precedent punt c) e d). 4.7 Qualora, nella sosttuzone del generatore d calore, per garantre la scurezza, non fosse possble rspettare le condzon del precedente punto 4.6, lettera a), n partcolare nel caso n cu l sstema fumaro per l evacuazone de prodott della combustone è al servzo d pù utenze ed è d tpo collettvo ramfcato, e qualora sussstano motv tecnc o Regolament local che mpedscano d avvalers della deroga prevsta all artcolo 2, comma 2 del Decreto del Presdente della Repubblca 21 dcembre 1999, n. 551, la semplfcazone d cu al precedente punto 4.5 può comunque applcars, provvedendo: a) all nstallazone d generator d calore che abbano rendmento termco utle, a carco parzale par al 30% della potenza termca utle nomnale, maggore o uguale a: tu (30%) ( ) η = log P n % dove log P n è l logartmo n base 10 della potenza utle nomnale del generatore o de generator d calore al servzo del sngolo mpanto termco, espressa n kw. Per valor d P n maggor d 400 kw, s applca l lmte massmo corrspondente a 400 kw; b) alla redazone d una dettaglata relazone che attest motv della deroga dalle dsposzon del precedente punto 4.6, da allegare alla relazone tecnca d cu all Allegato B o alla dcharazone d conformtà, a sens della legge 5 marzo 1990, n. 46 e s.m., correlata all ntervento, nel caso d mpant con potenza nomnale del focolare nferore a 35 kw. 4.8 Ad eccezone degl edfc appartenent alla categora E.8, s procede alla verfca dell assenza d condensazon superfcal e che le condensazon nterstzal delle paret opache sano lmtate alla quanttà revaporable, conformemente alla normatva tecnca vgente. Qualora non essta un sstema d controllo della umdtà relatva nterna, per calcol necessar, questa verrà assunta par al 65% alla temperatura nterna d 20 C. 4.9 Ad eccezone degl edfc appartenent alle categore E.6 ed E.8, l progettsta, nel caso d edfc d nuova costruzone, demolzone e rcostruzone n manutenzone straordnara o n rstrutturazone, rstrutturazone degl element edlz costtuent l nvolucro e nel caso d amplament volumetrc, sempre che l volume a temperatura controllata della nuova porzone dell edfco rsult superore al 20% d quello esstente: a) valuta e documenta l effcaca de sstem schermant delle superfc vetrate, estern o ntern, tal da rdurre l'apporto d calore per rraggamento solare, ntegrando le nformazon; b) verfca, n tutte le zone clmatche ad esclusone della Zona F, per le localtà ove l valore medo mensle dell rradanza sul pano orzzontale nel mese d massma nsolazone estva, I m,s, sa maggore a 290 W/m 2, che l valore della massa superfcale M s delle paret opache vertcal, orzzontal e nclnate sa superore a 230 kg/m 2. Gl effett postv che s ottengono rspettando valor d massa superfcale delle paret opache prevst possono essere raggunt, n alternatva, con l utlzzo d tecnche e materal, anche nnovatv, che permettano d contenere le oscllazon della temperatura degl ambent n funzone dell andamento dell rraggamento solare. In tal caso, deve essere prodotta una adeguata

12 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 documentazone e certfcazone delle tecnologe e de materal che ne attest l effcaca rspetto alle predette dsposzon; c) utlzza al meglo le condzon ambental esterne e le caratterstche dstrbutve degl spaz per favorre la ventlazone naturale dell edfco; nel caso che l rcorso a tale ventlazone non sa effcace, può prevedere l mpego d sstem d ventlazone meccanca nel rspetto del comma 13, artcolo 5, decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto1993, n Documentazon e valutazon dovranno comunque essere ntegrate nella relazone tecnca d cu all Allegato B Per mmobl d superfce utle superore a 1000 m 2, ad eccezone delle categore E.6 ed E.8, e per la categora E.1, lmtatamente a colleg, convent, case d pena e caserme, nel caso d edfc d nuova costruzone, demolzone e rcostruzone n manutenzone straordnara, ntervent d rstrutturazone edlza e nel caso d amplament volumetrc, sempre che l volume a temperatura controllata della nuova porzone dell edfco rsult superore al 20 % d quello esstente, è obblgatora la presenza d sstem schermant estern Per tutt gl edfc e gl mpant termc nuov o rstrutturat, è prescrtta l nstallazone d dspostv per la regolazone automatca della temperatura ambente ne sngol local o nelle sngole zone che hanno caratterstche d uso ed esposzon unform, al fne d non determnare sovrarscaldamento per effetto degl apport solar e degl apport gratut ntern. L nstallazone d dett dspostv è agguntva rspetto a sstem d regolazone d cu all art. 7, comm 2, 4, 5 e 6 del Decreto Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n. 412 e s.m.., e deve comunque essere tecncamente compatble con l eventuale sstema d contablzzazone A partre dalla data d pubblcazone del presente provvedmento, nel caso d edfc pubblc e prvat d nuova costruzone, n occasone d nuova nstallazone o d rstrutturazone d mpant termc, è obblgatoro progettare e realzzare l mpanto d produzone d energa termca n modo tale da coprre almeno l 50% del fabbsogno annuo d energa prmara rchesta per la produzone d acqua calda santara attraverso l contrbuto d mpant solar termc. Tale lmte è rdotto al 20% per gl edfc stuat ne centr storc Se l ubcazone dell edfco rende tecncamente mpossble l nstallazone d mpant solar oppure esstano condzon tal da mpedre lo sfruttamento ottmale dell energa solare, le prescrzon d cu al precedente punto 4.12 possono essere omesse. L eventuale omssone dovrà essere dettaglatamente documentata nella relazone tecnca d cu all Allegato B A partre dalla data d pubblcazone del presente provvedmento, nel caso d nuova costruzone d edfc pubblc o prvat e n occasone d nuova nstallazone o d rstrutturazone d mpant termc, è obblgatora la predsposzone delle opere e degl mpant, necessar a favorre l collegamento a ret d telerscaldamento, nel caso d presenza d tratte d rete ad una dstanza nferore a metr 1000 ovvero n presenza d progett approvat nell ambto d opportun strument panfcator. 5. Metodologa d calcolo 5.1 Le verfche d cu al precedente punto 4 devono essere esegute utlzzando la metodologa d calcolo defnta all Allegato E. S procede analogamente per l calcolo degl ndcator d prestazone energetca rportat nell attestato d certfcazone energetca d cu all Allegato C. 5.2 In ragone dell evoluzone del quadro normatvo nazonale e comuntaro, n funzone delle defnzone d nuove procedure agguntve per l calcolo delle prestazon energetche degl edfc, Regone Lombarda, con provvedmento della Gunta, s rserva la possbltà d modfcare e ntegrare la procedura d calcolo d cu all Allegato E. 6. Certfcazone energetca degl edfc 6.1 Gl edfc per qual, a decorrere dal 1 settembre 2007, verrà presentata la denunca d nzo attvtà o la domanda fnalzzata ad ottenere l permesso d costrure per ntervent d nuova costruzone, demolzone e rcostruzone n manutenzone straordnara o n rstrutturazone, rstrutturazone edlza che convolgono pù del 25% della superfce dsperdente dell edfco cu l mpanto d rscaldamento è asservto, dovranno essere dotat, al termne de lavor, dell attestato d certfcazone energetca, redatto secondo lo schema defnto dall Allegato C. Con la stessa decorrenza, con onere a carco del propretaro o ch ne ha ttolo, gl edfc sottopost ad amplament volumetrc, sempre che l volume a temperatura controllata della nuova porzone dell edfco rsult superore al 20% d quello esstente, devono essere dotat d attestato d certfcazone energetca: a) lmtatamente alla nuova porzone d edfco, se questa è servta da uno o pù mpant ad essa dedcat; b) all ntero edfco (esstente pù amplamento), se la nuova porzone è allaccata all mpanto termco dell edfco esstente. 6.2 Gl edfc esstent che non rentrano nel campo d applcazone rchamato al precedente punto 6.1, sono soggett all obblgo della certfcazone energetca, secondo la seguente gradualtà temporale: a) a decorrere dal 1 settembre 2007, per tutt gl edfc, nel caso d trasfermento a ttolo oneroso dell ntero mmoble. Qualora l ntero edfco oggetto d compravendta sa costtuto da pù untà abtatve servte da mpant termc autonom, è prevsto l obblgo della certfcazone energetca d cascuna untà; b) a decorrere dal 1 settembre 2007 ed entro l 1 luglo 2009, nel caso d edfc d propretà pubblca o adbt ad uso pubblco, la cu superfce utle super 1000 m 2 ; c) a decorrere dal 1 settembre 2007, l attestato d certfcazone energetca dell edfco o dell untà mmoblare nteressata è necessaro per accedere agl ncentv ed alle agevolazon d qualsas natura, sa come sgrav fscal o contrbut a carco d fond pubblc o della generaltà degl utent, fnalzzat al mgloramento delle prestazon energetche dell untà mmoblare, dell edfco o degl mpant. Sono n ogn caso fatt salv drtt acqust ed l legttmo affdamento n relazone ad nzatve gà formalmente avvate a realzzazone o notfcate all Ammnstrazone competente, per le qual non necessta l preventvo assenso o concessone da parte medesma;

13 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 d) a decorrere dal 1 gennao 2008, nel caso d contratt servzo energa, nuov o rnnovat, relatv ad edfc pubblc o prvat; e) a decorrere dal 1 luglo 2009, nel caso d trasfermento a ttolo oneroso delle sngole untà mmoblar; f) a decorrere dal 1 luglo 2010, nel caso d locazone dell ntero edfco o della sngola untà mmoblare. 6.3 Nel caso d trasfermento a ttolo oneroso d nter mmobl o sngole untà mmoblar, l attestato d certfcazone energetca deve essere allegato, n orgnale o n copa autentcata, all atto d trasfermento a ttolo oneroso. 6.4 Nel caso d locazone d nter mmobl o sngole untà mmoblar gà dotat d attestato d certfcazone energetca, l attestato stesso deve essere consegnato dal propretaro al conduttore, n copa dcharata conforme all orgnale n suo possesso. A partre dal 1 luglo 2010, nel caso d locazone d nter mmobl o sngole untà mmoblar, l attestato d certfcazone energetca deve essere obblgatoramente consegnato dal propretaro al conduttore, n copa dcharata conforme all orgnale n suo possesso. 7. Attestato d certfcazone energetca 7.1 L attestato d certfcazone energetca è complato e sottoscrtto dal Soggetto certfcatore d cu al successvo punto 13, secondo le modaltà defnte nell Allegato C. 7.2 Gl us d energa rportat sull attestato d certfcazone energetca rguardano l rscaldamento, la produzone d acqua calda ad us genco-santar, la clmatzzazone estva e l utlzzo d font energetche rnnovabl. Inoltre, al fne d fornre un ndcazone crca l mpatto dell edfco sull ambente, nell attestato deve essere rportata la stma delle emsson d gas ad effetto serra determnate dagl us energetc dell edfco. 7.3 L attestato d certfcazone energetca ha una valdtà massma d 10 ann a partre dal suo rlasco ed è aggornato ad ogn ntervento che modfca la prestazone energetca dell edfco o dell mpanto. 7.4 Negl edfc d propretà pubblca o adbt ad uso pubblco e per quell che sono oggetto de programm d cu all artcolo 13, comma 2, de Decret adottat dal Mnstero delle Attvtà Produttve l 20 luglo 2004, l attestato d certfcazone energetca deve essere affsso nello stesso edfco a cu s rfersce n un luogo faclmente vsble al pubblco. 8. Targa energetca 8.1 La targa energetca, rlascata dal Comune d competenza, deve essere rprodotta n conformtà al modello rportato all Allegato D. 8.2 Il Comune d competenza rlasca la targa energetca solamente ne cas n cu l attestato d certfcazone energetca sa rferto all ntero edfco. 8.3 La targa deve obblgatoramente essere esposta n un luogo che garantsca la sua massma vsbltà e rconoscbltà. 8.4 Qualora venga aggornato l attestato d certfcazone energetca, è fatto obblgo d provvedere all aggornamento della targa energetca dell edfco. 9. Procedura per la certfcazone energetca degl edfc per qual è rchesto l ttolo abltatvo 9.1 A fn della complazone della relazone tecnca d cu alla legge 9 gennao 1991, n. 10, artcolo 28, attestante la rspondenza alle prescrzon n matera d contenmento del consumo energetco degl edfc, l progettsta provvede ad effettuare calcol necessar per le verfche d cu al precedente punto 4, per mezzo della procedura d calcolo defnta all Allegato E. Lo schema e la modaltà d rfermento per la complazone della relazone tecnca d cu sopra sono rportat nell Allegato B. 9.2 Il propretaro dell edfco o ch ne ha ttolo deposta presso l Comune, untamente alla rchesta d permesso d costrure o alla denunca d nzo attvtà, la relazone d cu al precedente punto 9.1, n forma cartacea e n forma dgtale. 9.3 Il propretaro dell edfco o ch ne ha ttolo, prma dell nzo de lavor e comunque non oltre 30 gorn dalla data d rlasco del ttolo abltatvo, attrbusce ad un Soggetto certfcatore l ncarco d complare l attestato d certfcazone energetca. 9.4 Il propretaro dell edfco o ch ne ha ttolo, nel caso d varant al ttolo abltatvo che alterno le prestazon energetche dell edfco, deposta presso l Comune, n forma cartacea e n forma dgtale, untamente alla denunca d nzo attvtà, la relazone d cu al precedente punto 9.1., aggornata secondo le varant ntrodotte. 9.5 Il propretaro dell edfco o ch ne ha ttolo deposta presso l Comune, untamente alla dcharazone d ultmazone lavor, l asseverazone del Drettore lavor crca la conformtà delle opere realzzate rspetto al progetto e alle sue eventual varant e l attestato d certfcazone energetca redatto dal Soggetto certfcatore, corredato da un autodcharazone n cu lo stesso certfcatore, a sens dell art. 47 D.P.R. 445/2000, dchar d non trovars n nessuna delle condzon d ncompatbltà d cu al punto In assenza della predetta documentazone, la dcharazone d ultmazone lavor è neffcace. 9.6 Il Comune, a seguto del deposto dell attestato d certfcazone energetca dell edfco e contestualmente al rlasco del certfcato d agbltà o alla presentazone della dcharazone sosttutva d cu all art. 5 della l.r. 1/2007, provvede a consegnare al propretaro dell edfco o a ch ne ha ttolo una copa dell attestato d certfcazone energetca dell edfco appostamente vdmato e, qualora sa prevsta, la targa energetca. 9.7 Il Comune provvede ad nvare all Organsmo regonale d accredtamento, n forma dgtale, una copa dell attestato d certfcazone energetca. 9.8 Il rlasco da parte del Comune del certfcato e della rspettva targa energetca è subordnato al rmborso delle spese d gestone delle attvtà connesse al sstema d certfcazone, comprensve della quota d competenza dell Organsmo regonale d Accredtamento, fssata n 5,00 per l attestato d certfcazone energetca e n 10,00 per la targa energetca.

14 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo Il Comune, con cadenza trmestrale, provvederà a versare all Organsmo regonale d accredtamento le quote d cu al precedente punto Procedura per la certfcazone energetca degl edfc esstent 10.1 Il propretaro dell edfco o ch ne ha ttolo deposta, n forma cartacea e n forma dgtale, presso l Comune, l attestato d certfcazone energetca redatto dal Soggetto certfcatore. Il Comune rlasca al propretaro dell edfco o a ch ne ha ttolo una copa dell attestato d certfcazone energetca opportunamente vdmato, provvedendo, qualora sa prevsta, a consegnare la corrspondente targa energetca Il Comune provvede ad nvare all Organsmo regonale d accredtamento, n forma dgtale, una copa dell attestato d certfcazone energetca Il rlasco, da parte del Comune, dell attestato d certfcazone energetca e della eventuale rspettva targa energetca è subordnato a quanto prevsto al precedente punto Il Comune, con cadenza trmestrale, provvederà a versare all Organsmo regonale d accredtamento le quote d cu al precedente punto Accertament e spezon per la certfcazone energetca degl edfc 11.1 L Organsmo regonale d accredtamento provvede a verfcare, a campone, la conformtà de lavor rspetto a quanto dcharato nella relazone d cu punto 9.1, anche medante spezon n corso d opera. A tale scopo, l Organsmo regonale d accredtamento, potrà chedere al Comune la relazone ctata, nonché document progettual rtenut necessar. L Organsmo regonale d accredtamento, provvede altresì a verfcare la correttezza de valor d prestazone energetca dcharat dal Soggetto certfcatore entro 5 ann dal deposto della dcharazone d ultmazone lavor d cu al precedente punto L Organsmo regonale d accredtamento, anche avvalendos d espert qualfcat o d organsm estern, effettua le operazon d verfca d conformtà de rsultat rportat sull attestato d certfcazon energetca, anche su rchesta del Comune, del propretaro, dell acqurente o del conduttore dell mmoble. Il costo d tal accertament, qualora avvengano su rchesta, è a carco de rchedent. 12. Classfcazone energetca degl edfc 12.1 La prestazone energetca del sstema edfco-mpanto è defnta dal valore del fabbsogno d energa prmara per la clmatzzazone nvernale, EPH, espresso: a) n chlowattora per metro quadrato d superfce utle dell edfco per anno [kwh/m 2 anno], per gl edfc appartenent alla classe E.1, esclus colleg, convent, case d pena e caserme; b) n chlowattora per metro cubo d volume lordo, delle part d edfco rscaldate, per anno [kwh/m 3 anno], per tutt gl altr edfc Il terrtoro regonale è suddvso n tre zone clmatche n funzone de grad gorno: zona E: Comun che presentano un numero d grad gorno maggore d 2101 e non superore a 3000; zona F1: Comun che presentano un numero d grad gorno maggore d 3001 e non superore a 3900; zona F2: Comun che presentano un numero d grad gorno maggore d 3901 e non superore a A sol fn della classfcazone energetca, l Comune d Lmone sul Garda è collocato n zona clmatca E In funzone della zona clmatca d appartenenza della localtà n cu ha sede l edfco, d cu al punto 12.1 e n relazone alla sua destnazone d uso, vengono defnt parametr numerc assocat a cascuna delle otto class d consumo, dalla A+ alla G, secondo quanto ndcato alle Tabelle A.4 e A.5 d cu all Allegato A La classe energetca a cu l edfco appartene è determnata confrontando l valore del fabbsogno d energa prmara per la clmatzzazone nvernale dell edfco, EPH, calcolato secondo la procedura d calcolo d cu all Allegato D, con parametr numerc assocat a ogn classe, defnt secondo quanto prevsto al punto Soggetto certfcatore 13.1 Presso l Organsmo regonale d accredtamento, è sttuto l elenco de Soggett certfcator abltat alla certfcazone energetca degl edfc Possono essere accredtat come Soggett certfcator esclusvamente le persone fsche che rsultano n possesso d: a) uno de seguent ttol d studo: dploma d laurea specalstca n ngegnera o archtettura, nonché abltazone all eserczo della professone ed scrzone al relatvo Ordne professonale; dploma d laurea n ngegnera o archtettura, nonché abltazone all eserczo della professone ed scrzone al relatvo Ordne professonale; dploma d laurea specalstca n Scenze Ambental ed scrzone alla relatva Assocazone professonale; dploma d laurea specalstca n Chmca ed scrzone al relatvo Ordne professonale; dploma d geometra o perto ndustrale, nonché abltazone all eserczo della professone ed scrzone al relatvo Collego professonale;

15 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 b) un adeguata competenza comprovata da: esperenza almeno trennale, acqusta prma della data d pubblcazone sul B.U.R.L. del presente provvedmento ed attestata da una dcharazone del rspettvo Ordne, Collego professonale o Assocazone, n almeno due delle seguent attvtà: progettazone dell solamento termco degl edfc; progettazone d mpant d clmatzzazone nvernale ed estva; gestone energetca d edfc ed mpant; certfcazon e dagnos energetche; oppure frequenza d specfc cors d formazone organzzat da soggett accredtat dalla Regone Lombarda n base alla delberazone della Gunta regonale del 16 dcembre 2004, n e s.m.., con superamento d un esame fnale. La Commssone gudcatrce, sttuta per tale esame, dovrà essere preseduta da un docente unverstaro esperto n matera, che non abba partecpato all attvtà d docenza o d organzzazone del corso medesmo I requst d cu al precedente punto 13.2, lettera b) non sono necessar nel caso n cu l Soggetto rchedente abba frequentato con proftto, n data antecedente alla pubblcazone del presente provvedmento, un corso d formazone la cu valdtà dovrà essere rconoscuta con provvedmento regonale Sono altresì accredtat come Soggett certfcator coloro che, n possesso de requst d cu al punto 13.2, lettera a), sono rconoscut come certfcator energetc da altre Regon o Provnce Autonome, preva verfca da parte dell Organsmo regonale d accredtamento Sono altresì accredtat come Soggett certfcator coloro che sono rconoscut come certfcator energetc da altr Paes appartenent alla Unone europea, preva verfca da parte dell Organsmo regonale d accredtamento L Organsmo regonale d accredtamento verfca l soddsfacmento de requst d cu a punt precedent, provvede ad accredtare l Soggetto certfcatore e ad scrverlo nell apposto elenco regonale Il Soggetto certfcatore non può svolgere attvtà d certfcazone sugl edfc per qual rsult propretaro o sa stato convolto, personalmente o comunque n qualtà d dpendente o collaboratore d un azenda terza, n una delle seguent attvtà: a) progettazone dell edfco o d qualsas mpanto tecnco n esso presente; b) costruzone dell edfco o d qualsas mpanto tecnco n esso presente; c) ammnstrazone dell edfco; d) forntura d energa per l edfco; e) attvtà d gestone e/o manutenzone d qualsas mpanto presente nell edfco Fno al 1 luglo 2010, possono svolgere l attvtà d certfcazone energetca dpendent d Ent o Socetà pubblche, n possesso del requsto d cu al precedente punto 13.2, lettera a), lmtatamente agl edfc delle Pubblche Ammnstrazon d appartenenza. Nel caso n cu un ente o socetà pubblca non abba nel propro organco del personale con le caratterstche d cu sopra, potrà avvalers d un Certfcatore dpendente da un altro ente o socetà pubblca. 14. Organsmo regonale d accredtamento regonale 14.1 Le funzon d Organsmo regonale d accredtamento sono svolte da Punt Energa scarl e ncludono le seguent attvtà: a) accredtamento de Soggett certfcator; b) creazone e gestone del catasto energetco degl edfc; c) controllo su certfcat energetc e sull operato de Soggett certfcator, da esegure a campone o su segnalazone de comun o su rchesta de prvat; d) elaborazone d lnee guda per l organzzazone de cors d formazone e del relatvo esame, d cu al punto 13.2, lettera b) e relatv controll; e) verfca de cors sostenut e accredtamento de Soggett che hanno superato con proftto cors d cu al punto 13.2, lettera b), 2 punto; f) aggornamento della procedura d calcolo per la determnazone de requst d prestazone energetca degl edfc, e della modulstca da utlzzare nell ambto delle procedure d certfcazone; g) aggornamento della procedura operatva per l rlasco dell attestato d certfcazone energetca e della targa energetca; h) montoraggo sull mpatto del presente provvedmento sugl utent fnal, n termn d adempment burocratc, oner post a loro carco, benefc ottenut; ) montoraggo sull mpatto del presente provvedmento sul mercato mmoblare regonale, sulle mprese d costruzone, d materal e component per l edlza e su quelle d produzone e d nstallazone e manutenzone degl mpant d clmatzzazone In relazone alle funzon d cu al precedente punto 14.1, l approvazone de provvedment d regolazone e d ndrzzo resta d competenza della Gunta regonale. 15. Catasto regonale delle certfcazon energetche degl edfc 15.1 L Organsmo regonale d accredtamento, sulla base de dat acqust medante la certfcazone energetca, provvede alla realzzazone e alla gestone d un programma nformatco per la costtuzone d un catasto delle certfcazon energetche degl edfc Le nformazon contenute nel catasto saranno rese dsponbl a tutt gl Ent pubblc che ne faranno rchesta alla struttura regonale competente.

16 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indce d prestazone energetca per la clmatzzazone nvernale A.1.1 Per gl edfc resdenzal della classe E.1, esclus colleg, convent, case d pena e caserme, valor lmte d fabbsogno annuo d energa prmara, relatvamente alla clmatzzazone nvernale, espresso n kwh per metro quadrato d superfce utle, vgent sul terrtoro regonale sono ndcat nella Tabella A.1. Rapporto Zona clmatca d forma dell edfco D E F S/V da 1401 GG a 2100 GG a 2101 GG a 3000 GG oltre 3001 GG 0,2 21, ,8 46,8 0, Tabella A.1 Valor lmte dell ndce d prestazone energetca per la clmatzzazone nvernale, espresso n kwh/m 2 anno, per gl edfc della categora E.1, esclus collegg, convent, case d pena e caserme. A.1.2 Per tutt gl altr edfc, valor lmte d fabbsogno annuo d energa prmara, relatvamente alla clmatzzazone nvernale, espresso n kwh per m3 d volume utle, vgent sul terrtoro regonale sono ndcat nella Tabella A.2. Rapporto Zona clmatca d forma dell edfco D E F S/V da 1401 GG a 2100 GG a 2101 GG a 3000 GG oltre 3001 GG 0,2 6 9,6 9,6 12,7 12,7 0,9 17,3 22,5 22, Tabella A.2 Valor lmte dell ndce d prestazone energetca per la clmatzzazone nvernale, espresso n kwh/m 3 anno, per tutt gl edfc con l esclusone d quell appartenent alla categora E.1. I valor lmte rportat nelle Tabelle precedent sono espress n funzone della zona clmatca, così come ndvduata all artcolo 2 del Decreto del Presdente della Repubblca 26 agosto 1993, n. 412 e del rapporto d forma dell edfco S/V, S, espressa n m 2, è la superfce che delmta l ambente rscaldato verso ambent non rscaldat, l volume rscaldato V; V è l volume lordo, espresso n m 3, delle part d edfco rscaldate, defnto dalle superfc che lo delmtano. Per valor d S/V compres nell ntervallo 0,2-0,9 e analogamente per grad gorno (GG) ntermed a lmt delle zone clmatche rportat nelle Tabelle precedent, l valore lmte del fabbsogno annuo d energa prmara è determnato medante nterpolazone lneare. Per localtà caratterzzate da un numero d grad gorno superor a 3001, valor lmte sono determnat per estrapolazone lneare, sulla base de valor fssat per la zona clmatca E, con rfermento al numero d GG propr della localtà n esame. A.2 Valor lmte d trasmttanza termca delle strutture che delmtano l nvolucro I valor d trasmttanza lmte per sngol component opach e vetrat che delmtano l nvolucro dell edfco, vgent sul terrtoro regonale, sono rportat nella Tabella A.3. Zona clmatca Opache vertcal Coperture Strutture Opache orzzontal o nclnate Pavment verso local a temperatura non controllata o verso l esterno Chusure trasparent comprensve d nfss D 0,36 0,32 0,36 2,4 E 0,34 0,30 0,33 2,2 F 0,33 0,29 0,32 2,0 Tabella A.3 - Valor lmte della trasmttanza termca espressa n W/m 2 K. A.3 Rendmento medo globale stagonale dell mpanto termco log Pn ηgh,yr = log( Pn) % è l logartmo n base 10 della potenza utle nomnale del generatore d calore o de generator d calore al servzo del sngolo mpanto termco, espressa n kw. Per Pn superor a 1000 kw la formula precedente non s applca e la sogla mnma d rendmento globale medo stagonale è par a 84%.

17 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 A.4 Classfcazone energetca Classe Edfc d classe E.1 esclus colleg, convent, case d pena e caserme Zona E Zona F1 Zona F2 A+ EP H < 14 EP H < 20 EP H < 25 A 14 EP H < EP H < EP H < 49 B 29 EP H < EP H < EP H < 98 C 58 EP H < EP H < EP H < 148 D 87 EP H < EP H < EP H < 198 E 116 EP H < EP H < EP H < 248 F 145 EP H < EP H < EP H < 298 G EP H 175 EP H 236 EP H 298 Tabella A.4 - Valor lmte della class energetche, espress n chlowattora per metro quadrato d superfce utle dell edfco per anno [kwh/m 2 anno], per gl edfc della classe E.1, esclus colleg, convent, case d pena e caserme. Classe Altr edfc Zona E Zona F1 Zona F2 A+ EP H < 3 EP H < 4 EP H < 5 A 3 EP H < 6 4 EP H < 7 5 EP H < 9 B 6 EP H < 11 7 EP H < 15 9 EP H < 19 C 11 EP H < EP H < EP H < 46 D 27 EP H < EP H < EP H < 74 E 43 EP H < EP H < EP H < 92 F 54 EP H < EP H < EP H < 110 G EP H 65 EP H 87 EP H 110 Tabella A.5 - Valor lmte della class energetche, espress n chlowattora per metro cubo d volume lordo, delle part d edfco rscaldate, per anno [kwh/m 3 anno], per tutt gl edfc, esclus quell d cu alla tabella A.4.

18 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 ALLEGATO B - RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Lo schema d relazone tecnca nel seguto descrtto contene le nformazon mnme necessare per accertare l osservanza delle norme vgent da parte degl organsm pubblc competent. 1. INFORMAZIONI GENERALI Comune d Provnca Progetto per la realzzazone d (specfcare l tpo d opere) Sto n (specfcare l'ubcazone o, n alternatva, ndcare che è da edfcare nel terreno d cu s rportano gl estrem del censmento al Nuovo Catasto Terrtorale) Concessone edlza n. Classfcazone dell'edfco (o del complesso d edfc) n base alla categora d cu all'artcolo 3 del DPR 26 agosto 1993, n. 412 del (per edfc costtut da part appartenent a categore dfferent, specfcare le dverse categore) Numero delle untà abtatve Commttente() Progettsta() degl mpant termc e dell solamento termco dell'edfco Drettore() degl mpant termc e dell solamento termco dell'edfco L'edfco (o l complesso d edfc) rentra tra quell d propretà pubblca o adbt ad uso pubblco a fn dell'artcolo 5, comma 15, del DPR n. 412/93 (utlzzo delle font rnnovabl d energa) e del punto 4.14 del presente provvedmento. 2. FATTORI TIPOLOGICI DELL EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) Gl element tpologc fornt, al solo scopo d supportare la presente relazone tecnca, sono seguent: Pante d cascun pano degl edfc con orentamento e ndcazone d'uso prevalente de sngol local Prospett e sezon degl edfc con evdenzazone de sstem d protezone solare Elaborat grafc relatv ad eventual sstem solar passv specfcatamente progettat per favorre lo sfruttamento degl apport solar 3. PARAMETRI CLIMATICI DELLA LOCALITA' Grad gorno (della zona d'nsedamento, determnat n base al DPR n. 412/93) GG Temperatura mnma d progetto (dell'ara esterna secondo norma UNI 5364 e successv aggornament) C 4. DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) E DELLE RELATIVE STRUTTURE Volume delle part d edfco abtabl o agbl al lordo delle strutture che l delmtano (V) m 3 Superfce esterna che delmta l volume (S) m²

19 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 Rapporto S/V 1/m Superfce utle dell edfco m² Valore d progetto della temperatura nterna C Valore d progetto dell'umdtà relatva nterna % 5. DATI RELATIVI AGLI IMPIANTI 5.1 Impant termc a) Descrzone mpanto Tpologa Sstem d generazone Sstem d termoregolazone Sstem d contablzzazone dell'energa termca Sstem d dstrbuzone del vettore termco Sstem d ventlazone forzata: tpologe Sstem d accumulo termco: tpologe Sstem d produzone e d dstrbuzone dell'acqua calda santara Durezza dell'acqua d almentazone de generator d calore per potenza nstallata maggore o uguale a 350 kw grad frances b) Specfche de generator d energa Fludo termovettore Valore nomnale della potenza termca utle kw Rendmento termco utle (o d combustone per generator ad ara calda) al 100% Pn Valore d progetto Valore mnmo prescrtto dal regolamento ( se necessaro) % % Rendmento termco utle al 30% Pn Valore d progetto Valore mnmo prescrtto dal regolamento ( se necessaro) % Combustble utlzzato (Nel caso d generator che utlzzno pù d un combustble ndcare l tpo e le percentual d utlzzo de sngol combustbl) NOTA - Per gl mpant termc con o senza produzone d acqua calda santara, che utlzzano, n tutto o n parte, macchne dverse da generator d calore convenzonal (qual, ad esempo, macchne frgorfere, pompe d calore, grupp d cogenerazone d energa termca ed elettrca), le prestazon delle macchne dverse da generator d calore sono fornte ndcando le caratterstche normalmente utlzzate per le specfche apparecchature, applcando, ove esstent, le vgent norme tecnche. %

20 Bollettno Uffcale della Regone Lombarda Suppl. Straordnaro al n luglo 2007 c) Specfche relatve a sstem d regolazone dell'mpanto termco Tpo d conduzone prevsta contnua con attenuazone notturna ntermttente Sstema d telegestone dell'mpanto termco, se esstente Descrzone sntetca delle funzon Sstema d regolazone clmatca n centrale termca (solo per mpant centralzzat) - Centralna clmatca Descrzone sntetca delle funzon - Numero de lvell d programmazone della temperatura nelle 24 ore - Organ d attuazone Descrzone sntetca delle funzon Regolator clmatc delle sngole zone o untà mmoblar - Numero d apparecch Descrzone sntetca delle funzon - Numero de lvell d programmazone della temperatura nelle 24 ore Dspostv per la regolazone automatca della temperatura ambente ne sngol local o nelle sngole zone, cascuna avente caratterstche d uso ed esposzon unform - Numero d apparecch Descrzone sntetca de dspostv d) Dspostv per la contablzzazone del calore nelle sngole untà mmoblar (solo per mpant centralzzat) Numero d apparecch Descrzone sntetca del dspostvo e) Termnal d erogazone dell'energa termca Numero d apparecch (quando applcable) Tpo Potenza termca nomnale (quando applcable) f) Condott d evacuazone de prodott della combustone Descrzone e caratterstche prncpal (ndcare con quale norma è stato eseguto l dmensonamento) g) Sstem d trattamento dell'acqua (tpo d trattamento)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio Calcolo della potenza e dell energa necessara per la clmatzzazone d un edfco Rcambo d ara Ø dsperson Rcambo d ara φ φ dsperson + φ rcambo d'ara φ dsperson ΣUS (t nt t est ) φ rcambo d'ara Σn V ρ ara c

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXVII - N. 146 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. n L. 27/02/2004 - n. 46 - Flale d Varese BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXVII - N. 146 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. n L. 27/02/2004 - n. 46 - Flale d Varese BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ,

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 20122013 16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO 16.1 INTRODUZIONE La legslazone talana prevede la certfcazone energetca degl edfc [1,2,3,4]. Gl edfc, o meglo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Bollettno Uffcale della Regone Lombarda C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Y 3 [BUR2007031] [4.2.2] D.g.r. 26 gugno 2007 - n. 8/5018 Determnazon nerent la certfcazone energetca degl e- dfc, n attuazone del

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Con il termine Elemento di fabbrica di confine viene indicare il sistema tecnologico destinato a separare lo spazio architettonico da quello esterno

Con il termine Elemento di fabbrica di confine viene indicare il sistema tecnologico destinato a separare lo spazio architettonico da quello esterno Flava Fasca, Renato Iovno L ELEMENTO DI FABBRICA DI CONFINE 1. PREMESSA Con l termne Elemento d fabbrca d confne vene ndcare l sstema tecnologco destnato a separare lo spazo archtettonco da quello esterno

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche ALLEGATO G Guda all autovalutazone n fase d progetto Protocollo ITACA - Marche Indce Defnzone delle caratterstche geometrche, archtettonche e d utlzzo d un edfco rappresentatvo della tpologa resdenzale

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui:

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui: I IDACATI E LA COTRATTAZIOE COLLETTIVA Il ruolo economco del sndacato n concorrenza mperfetta, n cu: a) le mprese fssano prezz de ben n contest d concorrenza monopolstca (con extra-proftt); b) lavorator

Dettagli

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario SERVITU PREDIALI Defnzone: peso mposto sopra un fondo (servente), per l utltà d un altro fondo (domnante) appartenente a dverso propretaro PREDIALE: predum = FONDO (rferble ad mmoble sa rustco che urbano)

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

Gli indicatori per l elaborazione delle graduatorie di cui all art. 5) del presente bando risultano essere così articolati:

Gli indicatori per l elaborazione delle graduatorie di cui all art. 5) del presente bando risultano essere così articolati: OGGETTO Crter d Formazone della graduatora. Gl ndcator per l elaborazone delle graduatore d cu all art. 5) del presente bando rsultano essere così artcolat INDICATORI PUNTEGGIO 1. Tpologa d ntervento.

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm)

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm) SpA con sede Legale e Ammnstratva Solgnano (PR) - 43045 Rubbano d Fornovo va Vttoro Veneto, 30 Tel. 0525 4198 - Fax 0525 419988 Part. VA e Cod. Fsc. 02193140346 Captale Socale euro 25.000.000,00 nt.vers.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

.REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 44 74995)

.REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 44 74995) .REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'NQUNAMENTO ACUSTCO (L. 44 74995) TTOLO DSPOSZON GEQERAL l Art. 1 - Campo d applcazone l. l presente regolamento dscplna la gestone delle competenze della Cttà d

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

Il progetto che viene qui descritto è la riplasmazione ad opera dello Studio. il progetto. Un edificio energeticamente ottimizzato.

Il progetto che viene qui descritto è la riplasmazione ad opera dello Studio. il progetto. Un edificio energeticamente ottimizzato. l progetto Pollenzo (Cuneo) Un edfco energetcamente ottmzzato Nella realzzazone della nuova sede della Monchero le scelte sono state orentate alla sostenbltà, prestando molta attenzone a cost ambental

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

REGOLAMEruTO COMUNALE DI

REGOLAMEruTO COMUNALE DI Í 't' GOMUNE D GETRARO (Provnca d Gosenza) rf JÉ. ' S t f REGOLAMEruTO COMUNALE D frogf{,atura E DlPURAZff hth l! t lb SOMMARO TTOLO FNALTA DEL REGOLAMENTO Artcolo 1 - Generaltà. TTOLO DEFNZON Artcolo

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004 Mnente: ASSOCAZON PROPRETAR c NQULN Presso U.P.P.. (Unone Pccol Proprctar mmoblar) Sede Provncale d Arezzo Va Roma no? - 52100 AREZZO Tel. 0575/353494; fax 0575/409802 Arezzo l 0511012004 Al Sg. SNDACO

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r / ARFAT Anerzc reqonaie P ft b r doua Toscana Decreto del Drettore Generale N ) del Proponente:Dott. ssa Dan ela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone ntegrale (sto

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

DI SAN MARCELLIN COMUNE. Importo. Riferimento normativo. Oggetto. Fondo Contratto Decentrato ^ CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2

DI SAN MARCELLIN COMUNE. Importo. Riferimento normativo. Oggetto. Fondo Contratto Decentrato ^ CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2 v COMUNE Fondo Contratto Decentrato ^ D SAN MARCELLN [Data nov-13ì Oggetto Rfermento normatvo mporto Totale delle rsorse d natura stable al 22.1.2004 CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2 COMUNE D SAN MARCELLNO

Dettagli

Impatto di tecnologie Cool Roof sulle prestazioni energetiche degli edifici. Caso studio.

Impatto di tecnologie Cool Roof sulle prestazioni energetiche degli edifici. Caso studio. Agenza Nazonale per le Nuove ecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISEMA ELERICO Impatto d tecnologe Roof sulle prestazon energetche degl edfc. Caso studo. Aldo Fanchott, Emlano

Dettagli

Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche

Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche Guda all autovalutazone n fase d progetto Protocollo ITACA - Marche Indce Defnzone delle caratterstche geometrche, archtettonche e d utlzzo d un edfco rappresentatvo della tpologa resdenzale (caso-studo)

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile

ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile Mod. 002.2 ARES F.A.Q. Aggornamento 31 maggo 2012 1. Qual professonst possono redgere la Certfcazone VEA? La certfcazone VEA, a sens del comma 1 dell artcolo 3 del regolamento DPReg n.274/pres dd. 01.10.2009,

Dettagli

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A.

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A. Sntes della polcy d valutazone e prcng delle obblgazon emesse da Banca Emlveneta S.p.A. INDICE 1. PREMESSA...1 2. METODOLOGIA DI PRICING...1 2.1 PRICING...3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

Delibera n. 178/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 1 agosto Visti:

Delibera n. 178/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 1 agosto Visti: Delbera n. 178/06 Crter per la determnazone de maggor cost sostenut per l utlzzo degl mpant d produzone d energa elettrca almentat ad olo combustble, a sens dell artcolo 1 del decreto legge 25 gennao 2006,

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli