.REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ".REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 44 74995)"

Transcript

1 .REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'NQUNAMENTO ACUSTCO (L )

2 TTOLO DSPOSZON GEQERAL l Art. 1 - Campo d applcazone l. l presente regolamento dscplna la gestone delle competenze della Cttà d Lentn n matera d nqunamento acustco a sens dell'art. 6 della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 "legge quadro sull'nqunamento acustco", nonché le attvtà poste n essere da persone n grado d turbare la quete pubblca e prvata presente non regolamenta le font d rumore arrecant dsturbo alle occupazon ed al rposo delle persone, qual schamazz e strept d anmal, volume rado-tv, uso d strument muscal per dletto, goch d bambn, ecc., cu provvede l prmo comma dell'art. 659 del Codce Penale. 3. Tutte le attvtà produttve permanent che producono ben e servz ne settor dell'ndustra, artganato, agrcoltura e commerco devono consentre che l rumore mmesso ne local abtatv adacent l'attvtà non super d 5 db l lvello d rumore resduo, per l perodo durno; d 3 d3 l lvello d rumore resduo, per l perodo notturno; - Art. 2 - Defnzon S defnscono: l. Attvtà Rumorosa: l'attvtà causa d ntroduzone d rumore nell'ambente abtatvo o nell'ambente esterno tale da provocare fastdo o dsturbo al rposo ed alle attvtà umane,:: percolo per la salute umana, deterorament degl ecosstem, de ben materal, de.. monument, dell'ambente abtatvo. dell'ambente esterno o tale da nterferre con le legttme frzon degl ambent stess. 2. Attvtà rumorosa a carattere temporaneo: qualsas attvtà rumorosa che s esaursce n perod d tempo lmtat o legata ad ubcazon varabl. Sono da escluders le attvtà rpettve e10 rcorrent nserte nell'ambto d process produttv svolte all'nterno dell'area dell'nsedamento. 3. Valore lmte d emssone: l valore massmo d rumore che può essere emesso da una sorgente soncra, msurato n prossmtà della sorgente stessa. 4. Valore lmte d mmssone: l valore massmo d rumore che può essere mmesso da una o pù sorgent sonore nell'ambente abtatvo o nell'ambente esterno, msurato n prossmtà de rcettor. 5. Valor d attenzone: l valore d rumore che segnala la presenza d un potenzale rscho per la saute umana o per l'ambente. 6. Valor d qualtà: valor d rumore ca consegure ne breve, medo e ne! lungo perndn c~r! le tecnologe e le metodche d rsanamento dsponbl, per realzzare gl obettv d tutela pretvst dalla vgente normatva. Ad Clascfcazane acustca e lmt d rumore l. l terrtoro comunale è suddvso n zone acustche omogenee alle qual sono assegnat valor lmte d emssone, valor lmte assolut d mmssone, vaor lme dfferenzal d mmssone, valor d attenzone e valor d qualtà prevst dal D.P.C.M. 14 novembre 1997 e d szg~ltu rportat: ', Valor lmte d emssone - Leq n db(a) *,.-: ~...* :.""." ". m*... '"'"..." '.-'."-.-.-~.'-.-'.-.".-.' r.-... "..".... " ^ ' class d destnazone d'uso del ;Tempd rfermento: /Temp d rfermento:!.;terrtoro ' :!durna ( ) ::notturno ( ).... -_.~_._.-.._ ,......_._.. :.:aree partcoarmente protete : 45 : 35 :.... _ j l1 :aree prevalentemente resdenzal :l 50! :' l.'.-.'"..- L lll.aree d tpo msto l...,... j *.:...! ,:...< ,.,....,.:. z 7 : T

3 ,--.-~, j.j _ jjj ", ~[V jaree d ntensa attvtà umana ; 60 5 O t p _......, & W---. -_._ : T----? "-* 'aree prevalentemente ndustral ;, 65 - k.:.: ;.:.L:::.:z:.::.::..-::.:::.:.:..:... 1:-.:.:.-:.L.:.. :.:.: :-:-=L:-: :.=T= ::-:-.:z:..-- ::- ::2.:.,::::::::::::::t.:::::::::::::,:.:.::.~.:.:.:.:-.:; ::-:.:.:,.:.: : :.:.: :.,;. :; :V aree esclusvamente ndustral jl : j... ul.~:::~-:r.z~~l:..:::;:,::-:-~::- 1:-:-:;:. :...:::-.-=-:.::--.:-:.!.... :.:..,.,.... ;-.:.:... 2,... ~,~::., 1.; =.:...:..:..-2::--;::.:.::.:.:.:. :L,. : Valor lmte assolut d mmssone - Leq... n db(a1.- ;.-.-.: L-.L *- -.. sf-class d destnazone d'uso del :$emp d rfermento: ;;Temp d rfermento: ' /.- :(terrtoro... :!durna /.. ( ) :/notturno( ) _. _.....: ;..,_ ^"_ ".-..."_.! h-- laree partcolarmente protette l.,:. ~"..... *...,: e".,,..,. " ". " --.-_-.-."...-^----.-"- -- :)l... laree prevalentemente resdenzal :,-... r-" - -- " m v. ) aree ~ ~ d ~ tpo msto, ^ _! "...-" "- " " ".... C '"- ~LV,laree d ntensa attvtà umana j >_ ^._._ _."..... _ 5 :/V.. 7 O 6 O.".!aree,... -_ prevalentemente _.... _. _.,. ndustral o-.. A.! $ :.._ T..v... : fvl, laree esclusvamente ndustral 1 7 O *.... _ "... t... _ " :.:-.:.,.: :.: :.:.:.:. :.:,:,.:... :.: :.55.:.:::::.;:::-:..:::.: "..> Valor lmte dfferenzal d mmssone d mmsson defnt come dfferenza tra l lvello equvalente d rumore (rumore con tutte le sorgent attve) ed l rumore resduo (rumore con la sorgente da attva) sono seguerrt: 5 db nel perodo durno; 3 db nel perodo notturno. dfferenzal non s applcano ne seguent cas: a) nelle aree classfcate nella classe msurato a fnestre aperte sa nferore a 50 db(a) durante l perodo durno e 40 C) se l lvello d rumore ambentale a fnestre chuse sa nferore C: a 35 db(a) durante l perodo durno e 25 db(a) durante l perodo notturno; d) al rumore prodotto da: nfrastrutture stradal, ferrovare, aeroportual e marttme, da attvtà e comportament non conness con esgenze produttve, commercal professonal, da servz e mpant fss dell'edfco adbt ad uso comune, lmtatamente al dsturbo provocato all'nterno dello stesso.,.,, tnazone d'uso del \a vaur d attenzone - ìeq n cba) a) se rfert a un'ora, valor lmte d rrmssore aumentat d '0 db per l perodo durno e d 5 db per l perodo notturno; b) se relatv a temp d rfermento, valor me d mmssone. n questo caso, l perodo d valutazone vene scelto n base alle realtà specfche local n modo da zve-e la caratterzzazone del terrtoro dal punto d vsta della rumorostà ambentale. l superameno d uso ae tue valor, aj o b), ad eccezone delle aree ndustral n cu vale l superamento del solo valore d cu al punto b), corrporta l'adozone de pan d rsanamento d cu all'art. 7 della Legge

4 Art. 4 - Val~tazone prevsonale d mpatto acustco 1 Sono tenut a presentare al Comne la documentazone d prevsone d mpatto acustco, predsposta e frmata da tecnco competente cos come defnto dall'art. 2 della Legge , ttolar de progett per la realzzazone, la modfca e l potenzamento delle opere elencate dall' art. 8, comma 2 della Legge La documentazone d mpatto acustco prescrtta, qualora lvell d rumore prevst superno valor d emssone defnt dal DPCM 14 novembre 1997, a sens dell'art. 3, comma 1, lett. a), Legge , deve espressamente contenere l'ndcazone delle msure prevste per rdurre o elmnare le emsson sonore causate dall'attvtà o dagl mpant. 3 La documentazone prevsonale d mpatto acustco, d cu all'art. 8 comma 4, della Legge , è effettuata sulla base della documentazone predsposta a cura del proponente o del ttolarellegale rappresentante degl nsedament d cu al sopractato art. 8 comma 4 della Legge Art. 5 - Valutazone prevsonale d clma acustco 1 1 soggett pubblc e prvat nteressat. alla realzzazone delle tpologe d nsedament elencat dall'art. 8, comma 3, Legge e d seguto elencat, sono ten'ut a presentare la relazone prevsonale d clma acustco predsposta e frmata da tecnco competente cos come d dall'art. 2 della Legge : scuole e asl ndo; ospedal; case d cura e d rposo; parch pu urban ed extraurban; nuov nsedament resdenzal prossm alle opere ndcate all'art. 8, co 2 della Legge La valutazone prevsonale del clma acustco d cu all'art. 8, comma 3, della Legge 447 effettuata sulla base della documentazone predsposta a cura del proponente o del ttolarelle rappresentantelcostruttore degl edfc o degl nsedament d cu al sopractato art. 8, com della Legge $

5 TTOLO l DSCPLNA DELLE ATTVTA' RUMOROSE A CARATTERE TEhlPORAP4EO Art. 6 - DefnUone 1. S defnsce attvtà temporanea qualsas attvtà che s esaursce n perod lmtat e10 legata ad ubcazon varabl d tpo provvsoro. 2. Sono da escluders le attvtà rumorose a carattere stagonale o fsse che rentrano nel campo d attvtà d cu'alla ~ e 26 ~ ottobre ~ 1995 e n. 447 e al D.P.C.M. 16 aprle 1999 n Art. 7 - mpant ed attrezzature Capo l CAN'ER EDL, STRADAL ED ASSMLABL 1. n caso d attvazone d canter edl o stradal, anche d manutenzone, le macchne e gl,. mpant n uso dovranno essere conform alle drettve U.E. recepte dalla normatva nazonale o 1 comunque emanate dalla U.E. da oltre un anno ancorche non recepte dalla normatva nazonale; ' -~ comprese quelle non consderate nella normatva nazonale vgente, comunque essere utlzzat tutt gl accorgment tecncamente dsponbl per rendere l loro uso acustc de canter potranno essere utlzzat nel rspetto delle vgent norme Art. 8 - Orar l. L'attvazone d macchne rumorose e 'esecuzone d lavor rumoros n canter edl o assmlabl e consentta ne gorn feral, escluso l sabato pomerggo, nell'oraro: nvernale (dal la ottobre al 30 aprle): dalle ore 8,00 alle ore 12,OO e dalle ore 14,OO alle ore 18,OO; estvo (dal lo maggo al 30 settembre): dalle ore 8,00 alle ore 13,OO e dalle 15,00 alle ore 19,OO. 2. L'attvazone d macchne rumorose e 'esecuzone d lavor rumoros n local post nello stesso fabbrcato dove sono present rcettor (appartament e10 uffc n uso) è consentto dalle ore 9,OO alle ore 12,OO e dalle ore 15,OU alle 1%,00. E' vetato l'uso d macchnar prv della-certfcazone d emssone acustca contenuta nella scheda tecnca. 3. L'attvazone d macchne rumorose e 'esecuzone d lavor rumoros n canter stradal, o d potatura ed abbattmento d alher ed assmlobl, cvnsena ne gorn feral dalle ore 7,00 alle ore 20,00, preva opportuna nformazone della cttadnanza nteressata, con congruo antcpo. 4. Nel caso d effettve esgenze d scurezza e10 d vabltà, l'attvazone d macchne rumorose per 'esecuzone d lavo rurnoros n canter stradal è consentta anche n orar notturn, preva nformazone della cttadnanza con congruo antcpo. Art. 9 - Lmt massm 1. lmt assolut da non rsperzre :~letvamele ale sorgent fsse, ad esclusone del traffco vecolare, sono: n zona 1: 65 db(a); n zona 11, 111, V e l!: 70 db(a); n zona V: 75 db(a). 2. Tal lmt s ntendono fssat n faccata delle abtazon confnant con le aree n cu vengono eserctate le attvt5. Nel caso d crttcr post nelo stesso fabbrcato n cu s eseguono lavor, s consdera l lmte d 65 db(a) all'nterno de local dove s eseguono lavor; dovranno essere usat macchnar modern provvst d certfcazone d emssone acustca contenuta nella scheda tecnca tto!r d mprese che utlzzano macchnar non provvst d certfcazone d emssone acustca e scheda tecnca entro un anno dall'entrata n vgore del presente regolamento dovranno dotars del certfcato n parola e relatva scheda. Non s consderano lmt dfft3renzal né are

6 penalzzazon. Art Emergenze 1. Per l rprstno urgerte dell'erogazone de servz pubblc (lnee telefonche ed elettrche, condotte fognare, acqua, gas, ecc.) ovvero n stuazon d percolo per 'ncolumtà della popolazone, e concessa automatcamente deroga agl orar ed agl adempment prevst dal presente regolamento. Art. l l - Modaltà per rlasco delle autorzzazon 1. L'attvazone d canter, nel rspetto de lmt ndcat negl artcol precedent, non necessta d autorzzazone, ma solo d una dcharazone, con la quale l responsable del cantere s mpegna al rspetto d tutte le seguent condzon: Orar d cu al precedente artcolo 8; Lmt d cu al precedente artcolo 9, Tal condzon saranno rportate ne relatv permess d costruzone, o, per le procedure semplfcate, declarate nella rchesta d D..A. 2. Qualora per eccezonal e contngent motv documentabl, l responsable del cantere rtenga necessaro superare lmt ndcat nel regolamento, dovrà ndrzzare al Corn-ne specfca domanda d autorzzazone n deroga 30 gorn prma dell'nzo de lavor. l Drgente competente, 'r, valutate le motvazon eccezonal e contngent, rlasca 1autorzzazone n deroga, che potrg(~ contenere comunque prescrzon, tra cu ad esempo l dveto d uso contemporaneo d macchndrì~~ f :. : partcolarmente rumoros, o la messa n opera d adeguat scherm fonosolant e/o fonoas~orbqdh~~ 4 sulla recnzone del cantere o a protezone de sngol macchnar d maggore mpatto acustco: Copa dell'autorzzazone dovrà essere tenuta sul luogo ove vene svolta l'attvtà ed esbta a% K personale ncarcato d esegure '% controll. 3. La durata complessva dell'attvtà rumorosa nonché relatv orar devono essere res not alla popolazone medante apposto e ben vsble avvso da appors, a cura del soggetto autorzzato, quantomeno all'ngresso del cantere o dell'area sede dell'attvt stessa. 4. Sono esentate dalla presentazone dell'stanza tesa al rlasco d autorzzazone n deroga a valor lmte prevst dalla vgente normatva, n quanto s ntendono autorzzate, le seguent attvtà: a) lavor d pronto ntervento, con carattere d emergenza, d durata non superore a tre gorn; b) lavor che comportno l'utlzzo d attrezz qual ad esempo martellno demoltore, trapano professonale, ecc. della durata non superore a tre gorn e sempre che svolt durante l'arco temporale d cu al precedente art. 8. Art Sorgent mobl ed attrezzature d cantere 1. Le macchne ed attrezzature utlzzabl n esterno acqustate dopo la data del 21/09/1996 da,,mnn neeer-..p-!..bw,,,u GaaGl, n possessu delle caratentche d cu a vrn ec realv aegat; n partcolare le emsson d rumore prodotte da macchne ed attrezzature dovranno essere contenute ne valor lmte d emssone d cu al DPCM , con rfermento alla zonzzazone acustca del terrtoro comunale n vgore.

7 Capo 2 MANFESTAZON N LUOGO PUBBLCO 8 APERTO AL PUBBL:CO, FESTE POPOLAR ED ASSMLABL :.._ e ART Defnzon 1. Sono da consderars attvtà rumorose a carattere temporaneo e come tal possono usufrure della deroga a lmt d legge, concert, gl spettacol, le feste popolar, le sagre, le manfestazor d partto, sndacal, d'benefcenza, luna park, le manfestazon sportve e quant'altro, che per la buona ruscta della manfestazone necesst dell'utlzzo d sorgent sonore che producono elevat lvell d rumore (amplfcate e non) e con allestment temporane. 2. Sono altresì da consderars attvtà rumorose a carattere temporaneo e come tal possono usufrure della deroga a lmt d legge, le attvtà d ntrattenmento, eserctate presso pubblc esercz o crcol prvat solo se a supporto dell'attvtà prncpale lcenzata e qualora non superno le 16 gornate nell'arco d un anno solare. 3. Qualsas manfestazone o festa che s protragga per un perodo superore a 16 gorn non e soggetta a deroga e deve pertanto rspettare le norme prevste per le attvtà rumorose d c-. all'artcolo 8 della Legge e del D.P.C.M. 16 aprle 1999, n e le attvtà sono organzzate dall'ammnstrazone Comunale, e qund dsposte con decsone unta Comunale, può essere rchesta ed ottenuta la deroga fno a n. 60 gorn. ta salva la facoltà del Settore competente d rchedere tutta la documentazone necessara e10 rocedere agl accertament necessar a garantre l'assenza d dsturbo per le abtazon ste ne delle localtà sede d tal manfestazon. Art Localzzazon F 1. Le manfestazon d cu al precedente artcolo dovranno essere prevste nell'ambto delle apposte aree da destnars a spettacolo a carattere temporaneo, ovvero moble, ovvero all'aperto, specfcatamente ndvduate dalllammnstrazone Comunale, come successvamente valutate dalla Gunta Comunale a seguto d eventual specfche necesstà. 2. Tal manfestazon non s possono effettuare nelle aree ospedalere e, se poste n quelle adacent ad esse, d norma non potranno essere autorzzate e comunque non dovranno nfluenzarne lvell acustc. 3. n deroga a quanto prevsto al precedente comma 1, le manfestazon stesse, n partcolar cas e su specfca stanza rvolta dal soggetto nteressato almeno 30 gg. prma dell'nzo dell'attvtà, potranno svolgers ne luogh ndcat da rchedent, purché rtenut done. All'stanza andrà allegata una relazone d mpatto acustco redatta da parte d tecnco competente n acustca. Art Orar 1. l funzonamento delle sorge~t sonore al d sopra de lvell d zona, e consentto dalle ore 9:00 alle ore 13:OO e dalle ore 1 V:00 alle ore Per le aree dn\!e sano present edfc scolastc ad una dstanza nfeore a 200 metr, l'oraro d funzonamento delle sorgent sonore al d sopra de lvell d zona è consentto solo al d fuor dell'oraro scolastco. 3. Le manfestazon sport\!e non rumorose sono sempre consentte n oraro durno. Le manfestazon sportve che possono produrre emsson rumorose sono consentte negl orar: dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,30, purché non sa superato, alla faccata delle abtazon crccstant,! valore d 70 db(a). Le manfectaz~n sport\!e s possono s\!olgere n oraro serale o notturno dalle ore 21,OO alle ore 24,00, ma se comportano emsson rumorose, deve essere rchesta la deroga. Deroghe oltre le ore 24 potranno essere rlascate per cas assolutamente eccezonal crch e luld park pussune svulyee la ;o;a a:v:à cvn seguent orar: dalla d~mencs z! goved: fno alle ore 23,OO; dal venerdì al sabato: fno alle ore 24,OO. Deroghe oltre le ore 24 potranno essere rlascate per cas assolutamente eccezonal.

8 5. Le manfestazon qual comz poltc e sndacal, manfestazon commemorave pcbblche, manfestazon a carattere benefco, purché d durata non superore a 4 ore e che s svolgano n perodo durno e qund non oltre le ore 22,00, sono esentate dalla rchesta d autorzzazone n deroga per l'uso d apparecch elettroacustc per 'amplfcazore della voce. Tuttava, se connesse a comz s svolgono manfestazon muscal, queste soggaccono alla dscplna del presente Regolamento. Art Lmt massm 1. Lo svolgmento nel terrtoro comunale delle manfestazon temporanee a carattere rumoroso ndcate all'art. 13, e consentto negl orar ndcat all'art. 15, o n quell prevst nelle specal deroghe concesse. 2. Le deroghe sono basate su crter che correlano la tpologa della manfestazone ( valor socal, poltc, storc e tradzonal che rappresentano ed 11 numero d persone che pr'esumblmente convolgono) con gl orar d attvtà, la durata n gorn, 'ubcazone ed altre deroghe concesse per l medesmo sto nell'arco d un anno, tuttava dovrà comunque essere sempre rspettato l lmte massmo d mmssone d 80 db Leq(A). 3. Tale lrrte s ntende msurato n faccata degl edfc adbt ad uso abtatvo potenzalmente espost a lvell pù elevat. Non s consderano lmt dfferenzal. Non sono da rteners applcably n nessun caso altre penalzzazon (component tonat o component mpulsve). 4. Nel caso d attvtà rumorose temporanee svolte all'nterno degl edfc, l lmte, msuratoa [.C all'nterno de local pù dsturbat o pj vcn, e d 70 db(a). ART Modaltà per l rlasco delle autorzzazon,... ;,;.... ; :,:...+., :,% $2.. l l 1. Lo svolgmento nel terrtoro comunale delle attvtà d cu all'art. 13 che venga eserctato nel rspetto de lmt ed orar sopra ndcat, nell'ambto delle aree appostamente ndvduate a sens del precedente art.14 C. ;.s ntende automatcamente autorzzato~se~~/en~~pe'3erfaf~~ar'c alrneno 10 gorn prma dell'nzo della manfestazone, una comuncazone contenente: una dcharazone che afferm l rspetto de lmt ed orar d cu a precedent artcol; l'elenco degl accorgment tecnco-procedural per l'ulterore lmtazone del dsturbo.' 2. Per tutte le attvtà non rentrant ne lmt prevst, dovrà essere presentata al Comune domanda,.. d deroga, 30 gorn prma dell'nzo della manfestazone. l Drgente puo autorzzare deroghe'a quanto stablto nel presente regolamento, preva presentazone della relazone d mpatto acustco' descrttva dell'attvtà, redatta da un tecnco competente n acustca,comprendente gl accorgment tecnc e procedural per lmtare l dsturbo e la descrzone delle modaltà d realzzazone, planmtra dettaglata ed aggornata dell'area d rtervento con l'dentfcazone degl edfc d cvle abtazone potenzalmenta dsturbat; tal deroohe potranno contenere cnmncpe prescrzon, r2 cu per esempo la taratura degl mpant o l'nstallazone d doneo sstema d controllo e regstrazone n relazone alla potenza degl mpant e alla dstanza da soggett rcettor. 3. Sono esentate dalla rchesta d autorzzazone n deroga le processon relgose d qualsas professone. 4. la vo!azone de!le prescrzcr cortenute r:ell1autcrzzazone pot& comportare a revoca dela stessa e l'attvtà rumorosa dovrà essere mmedatamente adeguata a lmt massm e orar del presente regolamento h <

9 TTOLO 111 DSCOTECHE, SALE DA BALLO E SMLAR E TUTTE LE STRUTTLRE DESTNATE ALLO SPETTACBLQ Art Lmt del rumore l. n tutte le strutture fsse, aperte o chuse, destnate al tempo lbero, al trattenmento ed allo spettacolo, qual ad es. dscoteche, sale da ballo, crcol prvat e smlar, a fn della tutela della salute de frequentator, dovrà essere rspettato l lmte massmo prevsto dal DPCM 16 aprle 1999 n. 215, sa per le sale da ballo e srrlar e sa per local adbt a pubblco spettacolo (teatr, concert, ecc.). TTOLO V ALTRE ATTVTA' RUMOROSE ; h A$ Macchne da gardno o d macchne e mpant rumoros per l'esecuzone d lavor d gardnaggo è consentto ne ral, escluso l sabato, dalle ore 8:00 alle 12:OO e dalle 14:30 alle 19:OO. Ne gorn festv ato, dalle ore 9:00 alle 12:OO e dalle 16:OO alle 19:OO. Le macchne e gl rrpant n uso per uzone d lavor d gardnaggo, devono essere tal da rdurre l'nqunamento ac~stco nelle dacent a pù bass lvell consentt dalla tecnca corrente, ovvero conform alle drettve tare recepte dalla normatva nazonale. Art Macchne agrcole 4. L'mpego temporaneo d macchne agrcole per lavor stagonal e d manutenzone e adeguarrento nerent la conduzone, coltvazone e la slvcoltura de fond n deroga a lmt della classfcazone acustca è consentto dalle ore 6:00 alle ore 21:OO de gorn feral e dalle ore 6:00 1 alle ore 13:OO ne gorn festv. Relatvamente alle emsson rurrorose le macchne e gl mpant t post n uso dovranno essere conforrr alle drettve comuntare recepte dalla normatva nazonale. 1 ; Art Allarm acustc 1 l. sstem d allarme acustco antfurto devono essere dotat d un dspostvo temporzzatore che / ne lmt l'emssone sonora ad un massmo d 10 mnut prm; nel caso d sstem d a!!srme acustco antfurto nstallat su vecol 'emssone sonora deve essere ntervallata e comunque j contenuta nella durata massma d 3 mnut prm. n tutt cas l rarmo del sstema d allarme non può essere d tpo automatco, ma deve essere effettuato manualmente h 1 Art mpant d lavaggo - 1. L'mpego d apparecchature rumorose (asprator automatc, lavajet, ecc.) nell'ambto de sstem d autolavaggo con mezz automatc nstallat nelle zone resdenzal è consentta ne gorn feral dalle ore 7:00 alle ore 22:OO e ne gorn festv dalle 9:00 alle 21 :O0 e comunque nel rspetto de lmt c legge. t Art Cannoncn antvolatl 4 1. L'mpego de dspostv denomnat "cannoncn artvolatl" per la dspersone degl stess ne terren coltvat è consentto a rstanzz s~perlore a 500 m dalle abtazlrl resdenza pù prossme 1 ed è comunque vetato nel perodo dalle 21.O0 alle

10 Art P,ltoparlant 1. L'LSO d altoparlant su vecol ad uso pubblctaro, a sens dell'art. 59 del DPR , 6 consentto ne gorn feral dalle ore 8,00 alle 13,OO e dalle ore 16,OO alle ore 19,OO per l perodo dal 16 settembre al 14 gugno e dalle ore 8 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 20,30 dal 15 gugno al 15 settembre. Art Condzonator 1. condzonator devono essere stallat ad una dstanza dalle fnestre degl ambent abtatv d terz tale da non creare emsson d ara calda e d rumore, con valor che superno lmt d emssone prevst dalla classfcazone acustca e lmt dfferenzal prevst dall'art. 4 del DPCM 14 novembre condzonator devono essere nstallat n modo da non creare vbrazon alle strutture e generare rumore per va solda. 3. Ove necessaro l Comune ha facoltà, anche dopo la nstallazone, d chedere donea documentazone sulle caratterstche tecnche del condzonatore e la poszone recproca rspetto - alle altre abtazon, frmata da tecnco competente o rlascata dalla casa costruttrce del condzonatore al momento dell'acqusto. 4. Cascun condzonatore deve essere munto d marcatura CE e relatva Certfcazone Conformtà e del lbretto d uso e manutenzone da tenere a dsposzone del personale Comune e dellla.r.p.a. n caso d controllo condzonator a servzo d ospedal o case d cura, possono essere utlzzat purché dmostrato 11 rspetto de lr-lt prevst dalla normatva Art Sorgent mobl ed attrezzature per uso domestco 1. Per le macchne e le attrezzature utlzzabl permanentemente alllnterno degl edfc ad uso abtatvo, uffco e sml, s dovrà aver cura che le emsson d rumore prodotte sano contenute entro l lmte assoluto d mmssone ed entro l lmte dfferenzale d mmssone, quest'ultmo rdotto a 2 db (A) dopo la mezzanotte calcolandolo sul rumore d fondo della zona con fnestre chuse. Art Orar per 'uso d macchnar o mpant rumoros 1. n generale, per quanto non prevsto dal presente Regolamento, gl orar n c~ è consentto 'uso d macchnar o mpa~t rumoros, purché nel rspettc de lmt prevst dalla normatva, è dalle ore 8:00 alle ore 12,30 e dalle 15,30 alle 20,30. TTOLO V dorrne specal A? Rlasco d autorzzazon ammnstratve per attvtà d ntrattenmento che possono provocare nqunamento acustco. 1. Per procedment relatv all'autorzzazone Ammnstratva per attvtà d ntrattenmento o spettacolo, complementare all'attvtà d sommstrazone d almert e bevande n pubblco eserczo (apparecch karaoke, juke-box, npa~t sterev con =~ltopurlant o dffusor), l rchedente dovrà ndcare nella domanda 'oraro n cu saranno n funzone gl apparecch acustc. Preso atto che gl orar d apertura e chusura e gl orar massm per le deroghe saranno fssat con ordnanza del Sndaco, sempre che norme statal o regonal non l prevedano n manera tassatva, 'oraro Ù'uzzazone a apparecch per karaoke, juke-box, mpant stereo con aoparan o afusor, nonché 'oraro per spettacol var, non può eccedere le ore 24,OO. noltre, alla domanda d autorzzazone dovranno essere allegat seguent document:

11 Art Crcol prvat. A responsabl de crcol prvat, anche se non ttolar d autorzzazone ammnstratva, è fatto chblgo d asscurare che local ne qual s runscono soc e comunque frequentator del crco!= stesso sano strutturat n modo tale da non consentre a suon e rumor d dffonders negl ambent confnant. 2. A responsabl de crcol prvat noltre e fatto obblgo d vglare affnché, all'uscta da local, frequentator evtno comportament da qual possa dervare pregudzo alla qcete pubblca e prvata. quale ad esempo chusura delle portere degl autovecol e vocare degl avventor,nformando tempestvamente le Forze d Polza, ove necessaro crcol prvat ove s svolgano attvtà rumorose, anche con utlzzo d mpant rumoros, devono presentare al Comune donea D..A., contestualmente alla dornandaldenunca per poter sommnstrare alment e bevande, o comunque prma dell'nsedamento ne local prevst. TTOLO V DFESA DALL'NQUNAMENTO ACUSTCO DERVANTE DALLA CRCOLAZONE DEGL AUTOVECOL seguent dvet per l'abbattmento della rumorostà prodotta dal traffco: l motore a regme elevato ed a vecolo fermo ne centr abtat; esegure manovre rumorose, produrre rapde accelerazon o strd0 d pneumatc, senza - esegure operazon d carco e scarco, senza adottare adeguat - provvedment per rdurne la rumorosta e al d fuor degl orar consentt se esstent; - trasportare bdon, proflat metallc o comunque carch potenzalmente rumoros, senza fssarl e10 solarl adeguatamente; - utlzzare ad alto volume apparecch rado o altr strument per la rproduzone de suon, nstallat o trasportat a bordo d vecol; - attvare nel perodo notturno, se non n caso d necesstà, apparecch acustc qual clacson, trombe, srene e smlar; - attvare apparecch acustc qual cacson, trombe, e smlar n prossmtà d ospedal e case d cura e d rposo; azonare srene su vecol autorzzat, fuor da cas d necesstà. m.- -. ULS v CONTROLL E SANZON Art Ordnanze 1. n caso d constatazone d superamento de lmt e delle norme prevst dalle legg e regolament vgent l Comune dspone con ordnanza specfca l termne entro l quale elmnare le caus che danno orgne all'nqunamento acustco Comune può noltre dsporre, con ordnanza: - lrrt d'oraro per l'eserczo d attvtà rumorose d carattere straordnaro ed eccezonae che s svolgano n aree aperte al pubblco,.non -consderate nel presente regolamento; - partcolar prescrzon fnalzzate al rcorso d specalj forme d abbattmento o contenmento delle emsson per l'eserczo d attvtà rumorose, anche temporaneamente autorzzate n deroga e comunque tutto quanto sa fnalzzato alla tutela della salute pubblca - dvet d cu al precedente art. 30; Ar Msurazon e controll.

12 L.,.. L modaltà d svolgmento delle'attvtà d goch;d trattenment e spettacol var e nuscal, salvo rfutare o sospendere l'autorzzazone con provvedmento motvato. La volazone delle condzon pesc? n sede d Zutsrrzzazuz zu.7pur'ls evzlea della stassa.. ~ ut~:zzaz~~~j~ rar e , ,., -...,.,.,,, w.. " W-"-%' 4~.Y-0.,.~ a) Planmetra generale del locale, possblmente n scala 1:100, cor localzzazone delle apparecchature utlzzate; b) Relazone tecnco llustratva delle apparecchature d amplfcazone utlzzate e d qualsas altra sorgente d rumore, evdenzando: bl) valor d lvello equvalente, LEQ (db(a)) o pressone sonora,, ndott nell'ambente esterno o all'nterno d eventual unta abtatve adacent al locale, con e senza l'attvtà complementare d trattenmento; (dett valor potranno essere rcavat da rlev fonometrc sgnfcatv o da probant calcol teorc a frma d un tecnco competente);, b2) stuazone relatva a local adacent al pubblco eserczo con la segnalazone della presenza d cvl abtazon e l'ndcazone degl accorgment tecnc adottat per l contenmento delle emsson sonore prodotte (presenza d controsoffttature con materale fonoassorbente, nstallazone d gunt antvbrant, dffusor acustc. non collegat drettamente alle paret del locale, rlevator elettroacustc lumnos, lmtator d potenza sonora, ecc.). 2. Per ottenere la deroga all'oraro suddetto, dovrà essere garantto, da parte dell'nteressato, l rspetto delle seguent condzon n manera tale che l'mpatto ambentale dell'eserczo rspett le regole della convvenza cvle e della vvblta per tutt nella zona: a) che sa utlzzato propro personale, anche n forma assocata con altr esercz lrrtrof, che asscur un adeguato servzo, all'nterno dell'eserczo e nelle mmedate pertnenze del locale, volto a garantre l normale andamento dell'attvtà, a prevenre la sost# abusva delle auto e delle moto e, n generale, dsag a cttadn dovut alla chusur, f delle portere degl autovecol e dal vocare degl avventor, rchedendo, ove necessar l'ntervento della Polza Muncpale o delle Forze d polza; b) s prevengano ed elmnno gl nconvenent dervant dall'ntralco de vecol al traffco e _,. dalla crcolazone stradale e de pedon anche attraverso stpulazone d convenzon con parchegg e garage prvat, nel rspetto delle normatve n vgore; q _ %-._.." ,--.. C) che sa lmtato l rumore anche nstallando lmtator -d -emssone-acustca-agl"' apparecch muscal; d) che sano rspettat gl ndc d solamento acustco, d cu al D.P.C.M. 5 dcembre 1997, d tutte le partzon vertcal ed orzzontal dell'unta mmoblare, sa confnant che non confnante con altr ambent, sa fnestrat che non fnestrat; e) che sano adottate le msure per mpedre che! rumore prodotto dalle stesse sorgent possa essere mmesso, nell'ambente esterno e negl ambent abtatv, oltre lmt d legge con rfermento specfco al lmte dfferenzale; f) che sa valutato l'ndotto che la nuova attvtà potrà avere sul traffco vecolare della zona e del relatvo ncremento d rumore ambentale prodotto e che pertanto sano adottate le msure per lmtarne l'mpatto ambentale. 3. Le condzon d cu al comma precedente devono essere rspettate e garantte anche dagl esercz che ntendono svolgere un'attvtà lmtata alle ore seral e notturne. 4. Gl esercz che effettuano la sola sommnstrazone d alment e bevande e non svolgono altre attvtà complementar, ma che confnno con spaz abtatv ed ntendano protrarre l'oraro oltre le Gre 22,0C! devono yurantre che! n!more prdotto dall'attvtà sa contenuto entro lmt d legge, medante: a) verfca strumentale n loco degl ndc d s~lamento acustco d tutte le partzon vertcal, >.,- ed crzzontal dell'untg mrncblare; b) msure stnttural e gestonal adottate per mpedre che l rumore connesso all'attvtà (vocare degl avventor, emssone d mpant d servzo, spostamento d arred e E-Eflrgg suppellettl,~cc.) super!xt prelst dslla..ormatv. 5. Nell'autorzzazone ad usufrure della deroga, comunque, l Comune ha facoltà d prescrvere le -," '

13 1. Per la strumentazone le nlodalta d msura e le defnzon tecnche s fa rfermento alla normatva nazonale vgene. 2. L'attvtà d controllo è demandata allla.r.p.a. ed al Corpo d Poza [vuncpale che la eserctanone lmt del regolamento e cascuno per le propre competenze. Art Sanzon ammnstratve Le nossevnze alle prescrzon del presente regolamento sono punte con la sanzone ammnstratva pre,vcta dall'art. 10 della Legge Nel caso n cu le sanzon prevste dal comma precedente dovessero essere modfcate dallo Stato o dalla Reaone - queste s ntendono automatcamente modfcate anche nel presente regolameno. 3. Qualora un'attvtà da luogo ad mmsson sonore superor a lmt vgent e a rrt autorzzat n deroga e sa stata gà dffdata e10 gl sa stata ordnata la bonfca acustca o gl sa stata negata o revocata l'autorzzazone e contnu a non rspettare le norme d legge o del presente regolamento, l Drgente, con propra Ordnanza, provvede a sospendere l'uso della sorgente sonora causa del dsturbo, se ndvduable, oppure a sospendere l'ntera attvtà. l provvedmento d sospensone dell'attvta determna automatcamente la sospensone d eventual lcenze. autoruazon o concesson relatve all'eserczo dellattvtà stessa fno all'avvenuto adeguamento lmt fssat dalla normatva. rt Abrogazone d norme TTOLO V NORME TRANSTORE E FNAL l. Sono abrogate tutte le norme esstent n matera n qualsas regolamento comunale n contrasto "-1 con l presente..j E j. l b f Art Entrata n vgore 1. l presente regolamento entra n vgore l 30 gorno successvo alla data d avvenuta esecutvtà della rel~tva delbera conslare d approvazone.

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008 REGONE SCLA REGONE LAZO REGONE PEMONTE CONVEGNO NAZONALE SCUREZZA NE CONTRATT PUBBLC Problematiche e prospettive applicative Gestione della sicurezza nei lavori pubblici Palermo - 28 ottobre 2008 Palazzo

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

REGOLAMEruTO COMUNALE DI

REGOLAMEruTO COMUNALE DI Í 't' GOMUNE D GETRARO (Provnca d Gosenza) rf JÉ. ' S t f REGOLAMEruTO COMUNALE D frogf{,atura E DlPURAZff hth l! t lb SOMMARO TTOLO FNALTA DEL REGOLAMENTO Artcolo 1 - Generaltà. TTOLO DEFNZON Artcolo

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.)

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.) RE Regol ament oed l z o Gest oneecont r ol l odelter r t or o Regol ament oed l z o C 43 04/ 11/ 2011 5 06/ 02/ 2012 Abacodemezzpubbl c t ar PROGETTO ECOORDI NAMENTO ar ch.domen coleo GRUPPO DIPROGETTAZI

Dettagli

Estremi dd versamento 43/028 4 VC Y 160

Estremi dd versamento 43/028 4 VC Y 160 Anas SpA Socetà con Soco Unco Gap. Soc. 2.269.892.000,00 - scr. R.E.A. 1024951 - P.VA 02133681003 - C-F. 80208450587 Sede legale: Va Mozambano, 10-00185 Roma «Te. 06 44461 - Fax 06 44S6224 Sede Compartmentale:

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

CITTÀ DI CARPI IL SINDACO

CITTÀ DI CARPI IL SINDACO w ~ agl att presso l Comune d Carp. ~- IL SINDACO Consderato che: la nutra (lvfyocastor coypus) è un rodtore d meda tagla tpco d ambent acquatc orgnaro del Sud Amerca ed mportato n Itala nel 1929 a scopo

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA)

XXX.XX Ordinanza sulla contrassegnazione delle automobili nuove con l etichetta ambientale (Ordinanza sull etichetta ambientale, OEA) XXX.XX Ordnanza sulla contrassegnazone delle automobl nuove con l etchetta ambentale (Ordnanza sull etchetta ambentale, OEA) del xx.xx. 2009 Il Consglo federale svzzero, vst gl artcol 8 capoverso e 6 capoverso

Dettagli

stabilisce le seguenti

stabilisce le seguenti s ~ SENZA INCANTO IL 9 aprle 2014 ORE 15,00 { 4 1 9ep~901\C 114 LI PMP ERGE 2367/2012. TRIBUNALE DI MILANO Sezone Terza Cvle - Esecuzon Immoblar. G.E. Dott.ssa Mennun PRIMO AWISO DI VENDITA E CON INCANTO

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA > Dip. - Servizi Finanzari Tributi Provinciali - Fitti Attivi e Passivi

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA > Dip. - Servizi Finanzari Tributi Provinciali - Fitti Attivi e Passivi PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA > Dp. - Servz Fnanzar Trbut Provncal - Ftt Attv e Passv DETERMINA DIRIGENZIALE N. fa del 18 'OGGETTO : Presa atto della concessone all'assocazone Muscale "N.Pagann" d S.Stefano

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA UNVERST DEGL STUD D PLERMO FCOLT D NGEGNER DSPENS DEL CORSO D TECNC DELL SCUREZZ ELETTRC (ntegratva del lbro d testo) Prof. Stefano Mangone RFERMENT LEGSLTV E NORMTV 1.1 RFERMENT LEGSLTV Legge 1/3/68 n.

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 20122013 16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO 16.1 INTRODUZIONE La legslazone talana prevede la certfcazone energetca degl edfc [1,2,3,4]. Gl edfc, o meglo

Dettagli

COMUNE DI APPIANO GENTILE (CO) CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

COMUNE DI APPIANO GENTILE (CO) CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE COMUNE DI APPIANO GENTILE (CO) CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE 2 INDICE Art. 1 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Pag. 3 Art. 2 I LIMITI DI ZONA

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA)

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA) ,, " \~...~v ENAVs,p.A. Untà Produttva - l'sed d Roma)' \~ f~ \ ' Roma - Va d Settebagn 390...,,l, "1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE, INFORMAZIONI SUI RISCHI SPECIFICI E MISURE

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA Art. l Denomnazone e sede E' costtuta, l Assocazone culturale denomnata TUTTI PER ROMA, con sede n Roma, n vale Aventno 67, che, a secondo delle necesstà, potrà avere una o pù sed operatve n altr luogh.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario SERVITU PREDIALI Defnzone: peso mposto sopra un fondo (servente), per l utltà d un altro fondo (domnante) appartenente a dverso propretaro PREDIALE: predum = FONDO (rferble ad mmoble sa rustco che urbano)

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group

The original laser distance meter. The original laser distance meter. Analist Group Leca Leca DISTO DISTO TM TM D510 X310 The orgnal laser dstance meter The orgnal laser dstance meter Indce Impostazone dello strumento - - - - - - - - - - - - - 2 Introduzone - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r

ARFAT Anerzci reqonaie P ft b r / ARFAT Anerzc reqonaie P ft b r doua Toscana Decreto del Drettore Generale N ) del Proponente:Dott. ssa Dan ela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone ntegrale (sto

Dettagli

COMUNE DI MOLA Provìncia di Napoli 2 ~ (S ILjmCIG E

COMUNE DI MOLA Provìncia di Napoli 2 ~ (S ILjmCIG E COMUNE DI MOLA Provìnca d Napol 2 ~ (S ILjmCIG E 0,Y/ 'J.V /"O,(V' S '' " e-ma!: su * > > ' > l " ', / M ' ; n (ì ', > I I Noa lì 25 febbrao 2016 (O\H'\ D NOI A l'j \l l Nl A Drgent Alle P.O.

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4

Sommario PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 Sommaro PRESENTAZIONE DEL SINDACO... 4 NOTIZIE UTILI... 5 ORARI UFFICI COMUNALI... 5 Sndaco... 5 Protocollo Anagrafe, Stato Cvle, Elettorale e Leva... 5 Ragonera e Trbut... 5 Segretera... 5 Uffco Tecnco

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2 Dstrbutore d comando della motrce con pedale / 3 Interruttor Istruzone d controllo Prma d nzare l controllo s raccomanda d leggere attentamente le nformazon d scurezza. Informazon sulla scurezza Il controllo

Dettagli

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004

SUNIA. Br,k- rpg. ,..4 a..' s. r.é. E. r. Al Sig. SINDACO del COMUNE di ACCORDO TERRITORIALE PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE. Arezzo li 0511012004 Mnente: ASSOCAZON PROPRETAR c NQULN Presso U.P.P.. (Unone Pccol Proprctar mmoblar) Sede Provncale d Arezzo Va Roma no? - 52100 AREZZO Tel. 0575/353494; fax 0575/409802 Arezzo l 0511012004 Al Sg. SNDACO

Dettagli

Ari. 70 Uso. ArI. 71. Ari. 72 Orari Ari. 73 Percorso dei cortei funebri. Ari. Ari. Ari. Ari. Ari. Ait. Ari.

Ari. 70 Uso. ArI. 71. Ari. 72 Orari Ari. 73 Percorso dei cortei funebri. Ari. Ari. Ari. Ari. Ari. Ait. Ari. - - CAPTOLO V. AREE A DUE POST SOVRAPPOST (TOMBETTE> CAPTOLO X. CAMERA MORTJARA Ad. Ar. Ar. Ar. Ar. Ar. Ar. 43 44 45 46 47 48 49 Defnzone Concesson Durata delle concesson Effetto delle concesson Possbltà

Dettagli

Comune di San Marcellino (Provincia di Caserta)

Comune di San Marcellino (Provincia di Caserta) Comune d San Marcellno (Provnca d Caserta) DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 21 del 29.08.2011 OGGETTO:Esame ed approvazone del "Regolamento per l'occupazone d spaz ed aree pubblche". Proposta

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

COMUNE DI SANTA VENERINA

COMUNE DI SANTA VENERINA COMUNE DI SANTA VENERINA Provnca Catana ORDINANZA SINDACALE n. 13 el 21 agosto 2014 OGGETTO: Mofca el calenaro raccolta porta a porta a partre a gorno 8 settembre 2014. PREMESSO che l Comune Santa Venerna

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm)

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm) SpA con sede Legale e Ammnstratva Solgnano (PR) - 43045 Rubbano d Fornovo va Vttoro Veneto, 30 Tel. 0525 4198 - Fax 0525 419988 Part. VA e Cod. Fsc. 02193140346 Captale Socale euro 25.000.000,00 nt.vers.

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli