ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta autonoma d blanco e "autonom poter per lo determnazone delle norme concernent lo propro organzzazone ed l propro funzotujmento". L'spettorato ha sede n Roma, presso un mmoble demanale owero presso un mmoble del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, del'nps, dell'lnal o d altr sttut prevdenzal. L'spettorato è noltre sottoposto al controllo della Corte de cont a sens dell'artcolo 3, comma 4, della legge 14 gennao 1994, n. 20, e successve modfcazon. funzon Con D.P.R. è adottato lo statuto dell'spettorato, n conformtà a prncp e a crter drettv stablt dall'artcolo 8. comma 4, del decreto legslatvo n. 300 del 1999, v compresa la defnzone, tramte convenzone da stpulars tra l Mnstro del lavoro e delle poltche socal e l drettore dell'spettorato, degl obettv specfcamente attrbut a quest'ultmo. L'spettorato esercta. n partcolare, le seguent funzon e attrbuzon: al esercta e coordna, sulla base d drettve emanate dal Mnstro del lavoro e delle poltche socal, la vglanza n matera d lavoro, contrbuzone e asscurazone obblgatora nonché legslazone socale, v compresa la vglanza n matera d tutela della salute e della scurezza ne luogh d lavoro ne lmt delle competenze gà attrbute al personale spettvo del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, e gl accertament n matera d rconoscmento del drtto a prestazon per nfortun su lavoro e malatte professonal, della esposzone al rscho nelle malatte professonal, delle caratterstche de var ccl produttv a ln della applcazone della tarffa de prem; b) emana crcolar nterpretatve n matera spettva e sanzonatora, prevo parere concorde del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, nonché drettve operatve rvolte al personale spettvo; cl propone, sulla base d drettve del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, gl obettv quanttatv e qualtatv delle verfche ed effettua l montoraggo sulla loro realzzazone; dl cura la formazone e l'aggornamento del personale spettvo, v compreso l personale spettvo d NPS enal; e) svolge le attvtà d prevenzone e promozone della legaltà presso ent, dator d lavoro e assocazon fnalzzate al contrasto del lavoro sommerso e rregolare a sens dell'artcolo 8 del decreto legslatvo 23 aprle 2004, n. 124;

2 fl esercta e coordna le attvtà d vglanza su rapport d lavoro nel settore de trasport su strada, controll prevst dalle norme d recepmento delle drettve d prodotto e cura la gestone delle vglanze specal effettuate sul terrtoro nazonale; gl svolge attvtà d studo e analìs relatve a fenomen del lavoro sommerso e rregolare e alla mappatura de rsch, al fne d orentare l'attvtà d vglanza; hl gestsce le rsorse assegnate a sens dell'artcolo 8, anche al fne d garantre l'unformtà dell'attvtà d vglanza, delle competenze professonal e delle dotazon strumentalì n uso al personale spettvo; l svolge ogn ulterore attvtà connessa allo svolgmento d funzon spettve ad esso demandata dal Mnstro del lavoro e delle poltche sadal; ) rfersce al Mnstero del lavoro e delle poltche socal, au'nps e all'lnall ogn nformazone utle alla programmazone e allo svolgmento delle attvtà sttuzonal delle predette ammnstrazon; ml ferme restando le rspettve competenze, s coordna con servz spettv delle azende santare local e delle agenze regonal per la protezone ambentale al fne d asscurare l'unformtà d comportamento ed una maggore effcaca degl accertament spettv, evtando la sovrapposzone degl ntervent. Organ dell'spettorato Sono organ dell'spettorato e restano n carca per tre ann rnndvabl per una sola volta: l Drettore, l Consglo d ammnstrazone e l Collego de revsor. l Drettore è scelto tra espert Ovvero tra personale ncarcato d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo 1 comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n. 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, n possesso d provata esperenza e professonaltà nelle matere d competenza dell'spettorato ed è nomnato con decreto del Presdente della Repubblca, preva delberazone del Consglo de Mnstr, su proposta del Mnstro del lavoro e delle poltche socal e, se dpendente delle ammnstrazon pubblche, prevo collocamento fuor ruolo, aspettatva non retrbuta, comando o analogo provvedmento secondo rspettv ordnament. n tal caso è reso ndsponble un posto equvalente, dal punto d vsta fnanzaro, presso l'ammnstrazone d provenenza. A Drettore dell'spettorato spetta l trattamento economco e normatva rconoscuto per l'ncarco d capo dpartmento d cu all'artcolo 5 del decreto legslatvo n. 300 del l Drettore ha la rappresentanza legale dell'spettorato, provvede all'attuazone degl ndrzz e delle lnee guda adottate untamente al Consglo d ammnstrazone e approvate dal Mnstro del!avoro e delle poltche socal e presenta al Consglo d ammnstrazone l blanco preventvo e l conto consuntvo. l Drettore propone gl obettv quanttatv e qualtatvl delle verfche spettve, rfersce perodcamente al Mnstro del lavoro e delle poltche socal e al Consglo d ammnstrazone e presenta una relazone annuale sull'attvtà svolta dall'spettorato. A drettore sono assegnat poter e la responsabltà della gestone dell'spettorato, nonché la responsabltà per l consegumento de rsultat fssat dal Mnstro del lavoro e delle poltche socal nell'ambto, ove possble, d massmal d spesa predetermnat dal blanco o, nell'ambto d questo, dal Mnstro stesso. È no!tre facoltà del drettore proporre all'approvazone del Mnstro de! lavoro e delle poltche socal, d concerto con l Mnstro dell'economa e delle fnanze, modfche a regolament ntern d contabltà adottat a sens dell'artcolo 5, comma 1 del decreto.

3 l Consglo d ammnstrazone è nomnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal ed è composto da quattro drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo 1, comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n, 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, n possesso d provata esperenza e professonaltà nelle matere d competenza dell'spettorato, Un componente cascuno è ndcato dall'lnps e dall'nal n rappresentanza de predett sttut. Uno de component del Consglo svolge, su desgnazone del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, le funzon d presdente, l Consglo d ammnstrazone, convocato dal componente che svolge le funzon d presdente, che ne stablsce l'ordne del gomo delle sedute, coaduva l drettore nell'eserczo delle attrbuzon ad esso conferte, delbera l blanco, l conto consuntvo e pan d spesa ed nvestmento, Alle sedute del Consglo d ammnstrazone partecpa l drettore dell'spettorato, l Collego de revsor è nomnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal ed è composto da tre membr effettv, d cu due n rappresentanza del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e uno n rappresentanza del Mnstero dell'economa e delle fnanze, Con l medesmo decreto sono nomnat membr supplent n rappresentanza de predett Mnster, component del collego sono scelt tra drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale non generale delle ammnstrazon d cu all'artcolo 1, comma 2, del decreto legslatvo n, 165 del 2001, n possesso d specfca professonaltà, L'assegnazone delle funzon d presdente del Collego de revsor awene secondo le modaltà stablte dallo statuto, Per la partecpazone alle sedute degl organ non spettano getton d presenza o emolument a qualsas ttolo dovut, l dretlore è sottoposto alla dscplna n matera d responsabltà drgenzale d cu all'artcolo 21 del D.Lgs, n, 165/2001 v compresa la facoltà d revoca dell'ncarco, L'spettorato s awale noltre dell'organsmo ndpendente d Valutazone della Performance del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, Organnazone e funzonamento dell'spettorato Con uno o pù decret del Presdente del Consglo de Mnstr, su proposta del Mnstro del lavoro e delle poltche socal e d concerto con l Mnstero deweconoma e delle fnanze, l Mnstro per la semplfcazone e la pubblca ammnstrazone e l Mnstro della dfesa, sono dscplnat, senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca, l'organzzazone delle rsorse umane e strumental per l funzonamento dell'spettorato e la contabltà fnanzara ed economco patrmonale relatva alla sua gestone, l decret n questone, ferm restando gl ordnar stanzament d blanco e senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca, prowedono, n deroga alle dscplne normatve e contrattual vgent, a rdetermnare n modo unforme l trattamento d mssone del personale dell'spettorato, dell'lnps e dell'nal, n consderazone delle esgenze d utlzzo abtuale del mezlo propra per lo svolgmento della ordnara attvtà sttuzonale che comporta, peraltro, l trasporto d strument nformatc, fotocamere e altre attrezzature d lavoro, la dscplna d cu al presente comma è sprata a seguent crter:

4 al mantenmento della msura dell'ndenntà chlometrca d cu al prmo comma dell'artcolo 15 della legge 18 dcembre 1973, n, 836 come rdetermnata dall'artcolo 8 della legge 26 luglo 1978, n. 417; b prevsone d una specfca ndenntà volta a favorre la messa a dsposzone del mezzo propro commsurata a chlometr effettvamente percors; c) prevsone d coperture asscuratve per event non copert dal sstema asscuratvo obblgatoro e dall'nal, Dsposzon n matera d personale La dotazone organca dell'spettorato, rpartte tra le dverse qualfche, drgenzal e non, è defnta con decret d organzzazone n msura comunque non superore a 6357 untà, Nella dotazone organca sono comunque prevste due poszon drgenzal d lvello drgenzale generale e 88 poszon drgendal d lvello non generale, nonché un ulterore numero d untà d personale tale da rcomprendere quello gà n servzo presso le drezon nterregonal e terrtoral del lavoro e la drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. S prevede noltre l trasfermento presso la sede centrale e le sed terrtoral dell'spettorato del personale spettvo n sevzo presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, fatta salva la possbltà d rmanere, a domanda, ne ruol dello stesso Mnstero con nquadramento ne corrspondent profl ammnstratv. La dotazone organca dell'spettorato è rdotta n msura corrspondente alle cessazon del personale delle aree funzonal, appartenente a profl ammnstratv, provenente dalle Drezon nterregonal e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal che awerranno successvamente al' entrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1 e fno al 31 dcembre le rsorse dervante dalle econome per le cessazon dal servzo relatve agl ann 2015 e 2016 non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon ed, noltre, saranno contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. A partre dal 2017, n relazone a rsparm d spesa dervant dal progressvo esaurmento del ruolo del personale spettvo degl sttut, la dotazone organca dell'spettorato è ncrementata, ogn tre ann, d un numero d post corrspondente alle facoltà assunzonal prevste dalle vgent dsposzon n matera d turn over del personale, COn conseguente assegnazone delle relatve rsorse fnanzare dal parte dell'lnps e dell'lnall n relazone al contratto collettvo applcato dall'spettorato. A personale drgenzale e non drgenzale d ruolo dell'spettorato s applca, rspettvamente, la contrattazone collettva dell'area e la contrattazone collettva del comparto Mnster. Presso la sede d Roma dell'spettorato è sttuto, alle dpendenze del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, l "Comando carabner per la tutela del lavoro". noltre, presso le sed terrtoral dell'spettorato, opera un contngente dì personale che dpende funzonalmente dal drgente preposto alla sede terrtorale dell'spettorato e gerarchcamente dal comandante dell'artcolazone del Comando carabner per la tutela del lavoro. l personale del!' Arma gà operante presso l Mnstero del lavoro e delle poltche socal, salvo possbl rduzon del contngente, è sostanzalmente "trasferto" nell'ambto dell'spettorato.

5 decret d organzzazone ndvdueranno la data n cu cesseranno d operare ìe drezon nterregonal e terrtoral del lavoro sosttute, comunque n numero mnore, dalle sed terrtoral dell'spettorato, le qual svolgeranno compt gà assegnat alle predette drezon. La sosttuzone delle drezon del lavoro con gl spettorat terrtoral determnerà - "al netto" - la soppressone d 5 uffc (ad ogg, nfatt, gl uffc sul terrtoro sono 85 mentre s prevede che gl uffc terrtoral dell'spettorato sano 80). Coordnamento e accentramento delle funzon d vglanza Dalla data ndcata da decret d cu all'artcolo 5, comma l, l personale spettvo gà appartenente all'lnps e all'lnal è nserto n un ruolo provvsorlo ad esaurmento de predett sttut con l mantenmento del trattamento economco e normatva n vgore. Le rsorse dervant dalle econome per le cessazon dal servzo non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon da parte dell'lnps e dell'lnal prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon. n relazone alle cessazon del personale n questone, che s verfcheranno dalla data d entrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1, sono contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. A fne d razonalzzare e semplfcare l'attvtà spettva, con decret d cu all'artcolo 5 comma l, saranno ndvduate forme d coordnamento tra nspettorato e servz spettv d NPS e NAL che comprendono, n ogn caso, l potere dell'spettorato d dettare le lnee d condotta e le drettve d carattere operatvo, nonché d defnre tutta la programmazone spettva e le specfche modaltà d accertamento. A tal fn s tene conto delle esgenze del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, dell'lnps e dell'lnall d effettuare accertament tecnc funzonal allo svolgmento delle attvtà sttuzonal delle predette ammnstrazon, Entro trenta gorn dall'entrata n vgore del decreto, s prevede la possbltà, per l personale spettìvo dell'lnps e del'nal, d chedere d essere nquadrato ne corrspondent profl ammnstratv de rspettv sttut, ne lmt delle dsponbltà prevste dalle relatve dotazon organche. Da ultmo s prevede che nella Regone Scla e nelle Provnce autonome d Trento e Bolzano l'spettorato provvede alla stpulazone d appost protocollì d'ntesa al fne d garantre n dett terrtor l'unforme svolgmento dell'attvtà d vglanza ed evtare la sovrapposzone d ntervent spettv, nel rspetto delle competenze attrbute da rspettv statut n matera d vglanza sul lavoro e legslazone socale. Rappresentanza n gudzo Fatto salvo Quanto gà prevsto dall'art. 6 del D.Lgs. n, 150/2011, all'spettorato s applca,'artcolo 1 del testo unco delle legg e delle norme gurdche sulla rappresentanza e dfesa n gudzo dello Stato e sull'ordnamento dell'awocatura dello Stato d cu al rego decreto 30 ottobre 1933, n

6 Rorganllalone del Mnstero del lavoro, dewnps e dell'lnall La creazone dell'spettorato, Sla a lvello centrale che terrtorale, determna una ncsva rorganzzazone del Mnstero del lavoro e, n parte mnore, degl sttut. È nfatt prevsto che, n applcazone del decreto legslatvo, sono apportate le conseguent modfche a decret d organzzazone del Mnstero del lavoro e delle poltcne socal, dell'lnps e dell'nal. decret dovranno prevedere altresì la soppressone della drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal nonché eventual rdmensonament delle altre drezon general dello stesso Mnstero. Conseguentemente s prevede una rduzone delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, anche con rfermento alle relatve poszon drgenzal d lvello generale e non generale. Norme per l coordnamento Partcolare attenzone è posta dal decreto al coordnamento con altr soggett cne svolgono attvtà d vglanza n matera dì lavoro e legslazone socale (ad es. Guarda d Fnanza) e alla necesstà d condvdere, quanto pù possble, nformazon o nzatve spettve. Èanztutto prevsto cne l'spettorato possa stpulare uno o pù protocoll d'ntesa che prevedono strument e forme d coordnamento Con servz spettv delle azende santare local e delle agenze regonal per la protezone ambentale e protocoll d'ntesa con le ammnstrazon pubblche regonal e local e con le azende d trasporto pubblco regonale e locale al fne d facltare la mobltà del personale spettvo nell'ambto dello svolgmento de propr compt. l'nps, l'nall e l'agenza delle entrate sono tenute a mettere a dsposzone dell'spettorato, anche attraverso l'accesso a specfc archv nformatc, dat e nformazon, sa n forma analtca che aggregata, utl alla programmazone e allo svolgmento dell'attvtà d vglanza e d dfesa n gudzo, al fne d orentare l'azone spettva ne confront delle mprese che evdenzno fattor d rscho sul pano del lavoro rregolare owero della evasone od omssone contrbutva e al fne d una maggore effcaca della gestone del contenzoso. l'nosservanza delle dsposzon n questone comporta l'applcazone delle norme n matera d responsabltà drgenzale. A fne d unformare l'attvt! dì vglanza ed evtare la sovrapposzone d ntervent spettv, s prevede che ogn altro organo d vglanza che svolge accertament n matera d lavoro e legslazone socale sa tenuto a raccordars con le sed central e terrtoral dell'spettorato. Da ultmo s prevede che, l Mnstero del lavoro e delle poltche socalì, l'nps e,'nal asscurano altresì ogn forma d collaborazone utle ad un effcente svolgmento dell'attvtà d vglanza, v comprese le attvtà volte all'approwgonamento e alla manutenzone delle dotazon strumental da assegnare al personale spettvo.

7 Operatvtà dell'spettorato A fne d garantre la corretta "funzonaltà" dell'spettorato, s prevede la costtuzone d un "Comtato operatvo", senza oner per la fnanza pubblìca, preseduto dal drettore dell'spettorato e formato da un esperto de ruol del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, uno dell'lnps e uno del'nal. l Comtato svolge le propre attvtà per l perodo necessaro a garantre la progressva funzonaltà dell'spettorato e comunque per un perodo non superore a tre ann. l Comtato svolge n partcolare le seguent funzon: a) coaduva l drettore nella defnzone degl att d ndrzzo dell'attvtà d vglanza n matera d lavoro e legslazone socale da sottoporre alla Commssone centrale d coordnamento d cu all'artcolo:; del decreto legslatvo 23 aprle 2004, n. 124; b asscura ogn utle coordnamento tra l'spettorato, l Mnstero del lavoro e delle poltche socal, l'nps e l'nall, sa a fn d una corretta ed effcace gestone del personale spettvo che della defnzone degl obettv n relazone a complessv pan d attvtà delle stesse ammnstrazon; c) adotta, n raccordo con l drettore, msure fnalzzate ad una pù effcace unformtà dell'attvtà d vglanza, v comprese msure d carattere economco e.

8 SPETTORATO NAZONALE DEl LAVORO RElAZONE TECNCA L'spettorato nazonale del lavoro ha personaltà gurdca d drtto pubblco ed è dotato d autonoma organzzatva e contable. La sua creazone, come meglo evdenzato n seguto, non comporta oner ulteror per la fnanza pubblca. CREAZONE SEDE CENTRALE DElL'SPETTORATO (ART. 1, COMMA 3) la sede centrale dell'spettorato d Roma sarà ubcata presso un mmoble demanale ovvero presso un mmoble del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, del'nps, dell'nal o d altr sttut prevdenzal. È possble prevedere che l'mmoble n questone debba osptare non pù d 160 untà d personale (v compreso l personale appartenente al Comando Carabner per la tutela del lavoro) e che pertanto abba una metratura non superore a 2.500/3.000 mq. Qualora l'spettorato non trov allocazone n un mmoble demanale o non sa allocato presso un mmoble gà n uso del Mnstero del lavoro e delle poltche socal o degl sttut prevdenza!!, con rfermento alla metratura necessara, è possble ndvduare una spesa annua non superore a Tale mporto è ndvduato attraverso la consultazone del valore d locazone euro/mq/mese nella zona d Roma dove gà trovano posto le sed central d NPS e NAL, decurtato dell'abbattmento del canone locatvo prevsto dalla vgente normatva (valore medo canone locazone la-lo/mq al mese). Sotto l proflo fnanzaro è noltre possble presumere una spesa una tdntum per l trasloco del personale. Tale somma è ndvduata attraverso dat gà a dsposzone del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. n partcolare, è stato rlevato che l costo pro capte d un trasloco effettuato Roma su Roma è stato par a crca': 143 (costo del trasloco della ex DTl d Roma e d 346 untà). Utlzzando tale parametro con rfermento al trasloco d crca 160 untà l costo è d , prudenzalmente arrotondato ad ( : Spese trasloco (una tantum) Quanto alle spese d funzonamento le stesse possono rteners compensate dal venr meno degl analogh oner prevst n capo al Mnstero del lavoro e delle poltche socal ne corrspondent captol d blando della drezone generale per l'attvtà spettva e, n quota parte, delle altre drezon general d provenenza del personale assegnato all'spettorato (n quest'ultmo caso trasferment non quantfcabl). S ndcano, n partcolare, captol d blanco della drezone generale per l'attvtà spettva nteressat da dett trasferment: ["'Mssone ' Programma '" Centro d responsabl!a:.. --'-.-J ~ ' L ~ 1

9 Macroaggregato... ~ SPE5E PER LA GESTONE ED L CP -h ! FUNZONAMENTO DEL SSTEMA CS 4, S NFORMATVO (R) (l.l.l)( 4.1.2) r2952! (R)(2)(4.L2) SPESE PER ACQUSTO D BEN ESERVZ CP es : : ORGAN DEll'lspmORATO (ART. 3) Gl organ dell'spettorato sono l Drettore, l Consglo d ammnstrazone e l Collego de revsor. Rspetto al Drettore generale, con retrbuzone equparable a quella d Capo dpartmento, è prevsta una spesa annua par a crca (stpendo tabellare + vacanza contrattuale + retrbuzone d poszone parte fssa + retrbuzone d poszone varable/emolumento açcessoro + retrbuzone d rsultato) comprensva d oner prevdemal e fscal a carco del dpendente. l Consglo d ammnstrazone è composto da quattro drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo l comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n. 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, rspetto a qual non sono prevst ulteror oner per la fnanza pubblca. l Collego de revsor è composto da tre membr effettv, d w due n rappresentanza del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e uno n rappresentanza del Mnstero dell'economa e delle fnanze. A component del collego de revsor compete, per lo svolgmento della loro attvtà, un compenso determnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal d concerto con l Mnstro dell'economa e delle fnanze, a valere sugl ordnar stamament d blanco dell'spettorato e comunque senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca. Sulla base d una valutazone de compens de membr d Collego de revsor d altre Agenze, è possble preventvare una spesa annua par, nel massmo, a { lord (v. ad es. Agenza delle dogane e de monopol). Pertanto la spesa complessva annua, al lordo degl oner rfless a carco dell'ammnstrazone, relatva agl organ dell'spettorato ammonta a crca euro. OSPOSZONN MATERA D PERSONAlE (ART. 6) la dotazone organca dell'spettorato, non superore comunque a 6357 untà, sara computamente ndvduata con decret d organzzazone prevst dall'art. 5, comma l, nel rspetto d quanto prevsto dall'artcolo 6, comma 2 del decreto n matera d rduzon organche. n ogn caso è prevsta la presenza d n. 2 poszon drgenzal d lvello generale e g8 poszon d lvello drgenzale non generale. A personale s applcherà l contratto collettvo dell' Area (drgent) e del comparto Mnster (non drgent). 2

10 ..._..._.. _--- L'effettva assègn~zone del personale all'spettorato determnerà una corrspondente rcluzone della dotaz.one organca del Mnstero del lavoro e del!e poltche socal, ferme restando le ulteror rduzon organche n 2?plcazlone dell'art. 6 del decreto V. nfra}. Personale drgenzale Quanto ahe poszon drgenz.al d lvello generale, una d esse è possblle consderarla trasfert2, a:teso l 'J nr menq della conlspo\ldent;:: POS!Z!vì2 ne ruol de' Mnstero de lavoro e delle poltche- 5ùcla. La seconda poszone drgenzale d lvello geìerale avrà un costo d crg: (stpe:ndo tabella re.; V2C2nza contrattuale + retrbuzone d posz.one parte fssa + retrbuzor,e d poszone 'V2 rablejelt,olumento accessoro -;- ' '~"'W "~-~~--> fscah ~,."!.f~~ ~1f~~jl;~<!.V,~~~, per un totale d retrbuzone d rsultato) oltre ad 56.80e per oner prevdenzfal e Quanto alle n. 88 posz.on drgenzal dì lve:lc non generale Va evdeìzato che 13 creazone delle stesse comporta una corrspondente rduzone delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e del!e poltche socal. l Tale rduzone sarà verosmlmente mputable alle n. 85 posz!on ''drgenzal non generah prevste sul terrtoro e ahe n. 3 poszon drgenzal non general prevste jn capo alla drezone generale pe:' l'attvtà spettva (n totale n, 88 poszon drgenzal non general), te dtate posh:on sono dunque da rteners trasferte ne ruoì dell'spettorato senza comportare petanto acun u!terore onere per 12 fnanza pubblca. Come meglo evdenzato ;:'] segllftc', tutte le poszon drgenzal trasferte sono fnanzaramente coperh ~.! spe~e per n. 1 poszone drg.eruale d lvello generale {una u';-~e-r-ìo-r-e-po-5--l-o-n-e-\' -- -:-'O ~ \ da consderars trasferta da ruol de! Mnstero de lavoro e delle ooltche!socal} ' l! lspese per fì, 88 poszon ddge,;z8 dlve:lo no:1 generale l!---d-a-c-o-"-s-d-e-r"-r-s;---- t"-èsferh:e TOT"'.LE COMPRENSVO D ONER! PREVDENZAL E FSCAL r r " ~ ~?ersonofe non drgenzale 11 personale trasrento awlspetwrato provene totamente da ruo del Mnstero de! la'joo e delle poltche socal, l quale ad ogg può contare sv:la seguente dotazoì"e organca: Drgent: - 1~ (vele generale). l <1.5 (lvello non generale) Personale aree runzìonal: terza area: seconda area: prma area: S5 3

11 Totale qualfche drgenzal: 159 Totale aree: Totale complessvo: l personale del Mnstero del lavoro e delle poltche socal trasferto ne ruol dell'spettorato sarà computamente ndvduato da decret d organzzazone. È comunque scuramente rcompreso, nell'ambto del trasfermento, l personale gà n servzo presso le drezon nterregonal e terrtoral del lavoro e presso la drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. È altres trasferto presso la sede centrale e le sed terrtoral dell'spettorato l personale spettvo n sevzo presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, fatta salva la possbltà d rmanere, a domanda, ne ruol dello stesso Mnstero con nquadramento ne corrspondent profl ammnstratv (n. 152 untà d personale). Come gà ndcato, la dotazone organca massma dell'spettorato sarà par a Tale dotazone, se totalmente rcoperta, rcomprende corrspondent post gà prevst presso le sed central e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. n partcolare s evdenza che: - n post delle aree funzonal sono relatv agl uffc del terrtoro del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. Trattas d n post gà prevst nelle dotazon organche degl uffc del terrtoro del Mnstero a qual va sottratto l numero delle untà d personale che cessa dal servzo entro la data d entrata n vgore del decreto (presumblmente 1 luglo 2015), par a n. 52 untà (n. 1 untà appartenente all'area, n. 39 untà appartenent all'area l e n. 12 untà appartenent all'area, v. tabelle nfra); - n. 29 post delle aree funzonal relatve alla soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal; - n. 152 post delle aree funzonal, qualora tutto l personale spettvo gà dstaccato presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal opt per l passaggo ne ruol dell'spettorato; - n. 2 post d drgente d lvello generale (d cu uno relatvo alla.soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal); - n. 88 post d drgente d lvello non generale (d cu 3 relatv alla soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e n. 85 relatv agl uffc del terrtoro); - n. 233 post delle aree funzonal relatv a personale gà operante presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, da ndvduare secondo crter d selezone prevst da decret d cu all'artcolo 5, commal. l trasfermento avverrà, evdentemente, con l mantenmento delle aree e delle poszon economche gà n capo al personale trasferto e l'operazone comporterà una corrspondente rduzone alle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. Da cò derva pertanto una nvaranza d cost per la fnanza pubblca. 11 decreto prevede ancora che la dotazone organca dell'spettorato è rdotta n msura corrspondente alle cessazon del personale delle aree funzonal, appartenente a profl ammnstratv, provenente dalle Drezon nterregonal e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal che avverranno 4

12 ..~-~-- successvamente awentrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1 e fno al 31 dcembre Le rsorse dervante dalle econome per le cessazon dal servzo relatve agl ann 2015 e 2016 non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon ed, noltre, sono contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. Cò con conseguente rduzone anche delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal per le cessazon dal 1- gennao 2015 fno alla data d entrata n vgore de predett decret d cu all'art. 5, comma 1. n sostanza, pertanto l è prevsta una mnor spesa legata alla mancata nsostrtuzonen del personale n questone, tenendo altres conto de lmt gà prevst dall'art. 3 del D.l. n. 90/2014 (conv. da l. n. 114/2014). n forza del predetto D.L. n. 90/2014: - nel corso del a nno d effettva operatvtà e avvo dell'spettorato - sar ebbe stato possble assumere l 60% del personale cessato dal servzo nel corso del 2015 e - nel corso del 2017, sarebbe stato possble assumere 1'80% del personale cessato dal servzo nel corso de! Cò premesso, con l'art. 6 del decreto, è dunque prevsta una mnor spesa: per l 2016, legata alla mancata assunzone d 55 untà d personale (ossa l 60% delle untà cessate dal servzo nel corso del 2015); per l 2017, legata alla mancata assunzone delle predette S5 untà oltre a ulteror 33 untà d personale (ossa 1'80% delle untà cessate dal servzo nel corso del 2016). n termn fnanzar, tenuto conto delle tabelle che seguono, segue: rspann possono essere calcolat come rsparm per l 2016: (costo d 55 untà d personale non assunte); - rsparm per l (costo d 55 untà d personale non assunte nel 2016) oltre (costo d 33 untà d personale non assunte nel 2017), per un totale d A rguardo la dsposzone n esame prevede altresì che le rsorse dervant dalle econome per le cessazon d,,1 Servzo non concorrono a fn della determnazone del budget d assunzon da parte del Mnstero del lavoro e delle poltche socal prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon. cessazon dal sef'yro 2015 pef30nale Mnstero del lavoro e d el.: polltlcme sodal n. Area Posìtone Promo Economca professonale r-~~~-.---_.. Assstente ; 1, F3 ammnstr"lvoj 01/03(201S ges.tonale Cessazone Motvo c ess31one DMSSON f 32,695,17 ' 5

13 ASsstente DMSSON m.:9:'j 2 2 '3 amml'1stràl:vo 01/01/2015 gestìonale Operatot: 3 2 '3 ammnstratvo 01/01/2015 DMSSON { ,17 : Operatore 4 2 F3 ammnstratvo 01/01/2015 PASSAGGO (32.695,17 Operatore 5 2 F2,;mmìl'lstratvo 01/06/1015 FNE ESONERO (::593,60! Assstente 6, '3 ammnstratvo 01/09/2015 UM1T D ETA' : ,17 : tu('l::on.lro area :, 3,. amtn.va e 01/10/2015 FNE ESONERO : ( gurdco contem:ì050, Operatore 8, F1 ammnstrano 01/04/2015 DMSSON f OperCtore 9 2 '2 ammnstratvo 01/04/2015 LMT D ETA' (lo.su,to -- Assstente la l '3 ammnstratlyo 01111/201$ UMT 01 ETA' 4: ,17 gestìonale A$!uente 11 2 '3 ammnstratno 01/05/2015 FNE ESONERO (32,695,11 -_... Assls.tente 12,,. ammnstratvo 01/12/2015 FNE ESONERO (34.424,54 Assstente 13 l F3 ammnstratvo 01/ LMT 01 ETA' 4: ,17,. 3,. amml.vae: ll:e~tlonafe funzonara alea gurdco contenloso : 01/03/2015 OlMSSON! (48, Assstente 15 2 F' ammnstratvo 01/03/2015 OMSSON ( ,54 :,. -- Operatore 2 F1 ammnstratvo 01/ DMSSON t: 30, ge!tonale As~stente:!! 17 2 '3 ammnstratvo 30/09/2015 DMSSON gestonale... ~.._.. 6

14 1 F' ammnstratvo 1 18 : 2 : : 3 F6 21 : 2 F3 l2 2 Assstente amrrtnstra.tvo : Assstente ammnstratvo! FunzonarQ area ammlva. e gurdco contentloso Assstente ammnstratvo : gertonale Assstente ammnstratvo l! 01/07{>015 lmt 01 ETA.j ".,2,, /l015 OMSSON! ,54 01/08/Z015 UMT D ETA'! ,81 01/08/2015 LMT D ETA' 32,69S,17 J! 01102/2015 UMT D ETA'! ,54 ' 23 1 F3 2. f3 Auslaro 01/02/2015 : UMm 01 ETA' (29.120,40 Assstente ammn~ratvo 01/01/2015 OMSSON 2S l 26 : 2 F4 Assstente ammlnstra.tvo Assstente 2 F3 ammnlstr.uno : l gestonale 01/10/ /01/2015 lmt D ErA' DMSSON ~---l t---f opera~ore 27! F2, 01/03/2015 DMSSON ! FS F4 Assstente ammnstratvo ge~tonale Funzonaro area : amml'ja e gurtdko conteolìoso 01101/ /07/2015 lm1t D ETA' DMSSON 35,470,18!,! l, (43,009,68!, 3D F3 Assstente ammn$lrau'o 21/11/2015 OlM!SSON (: 32.&95,17 F' A$$tstente,ammnstratvo gestorlale 01/12/2015 '""'~,~!,~"~ 2 F2 Operatore ammnstratvo 01101/2015, LMT 01 ETA' : , ! Oper.atore ammnstratvo genfona!e 01/11/2015 DMSSONl 7

15 3' 2 F3 ASsstente ammnstratvo 01/04/2015 DMSSON ,17 3S F3 ammtw~ gurdco contenzoso 01/ Assstente ammlnstratì\lo 01/ LMT D la' DMSSON 37 2 F2 Operatore arnmì1'\strat'lo 01/11/2015 LfM'f'l D ETA' t30.593,60 2 ASsstente ammnìstratvo ge$1ìonale 01/03/2015 OMlSSfON 32:.69S FS Ass$tente ammnstr.nvo geston'lle 22/01/2015 DECESSO ,18 f3 'l' AsslstenH~ ammnmatvo ol/011201s lm't' DET A' (32.695,17 41 F2 Operatore "mmlnstratl'lo 01/02,/2015,!' UMT 01 ETA' '1 2 F2 2 F4 Operatore : ammnstratvo Assstenft ammmstratvo : 01lOG201S 0110S/201S DMSSON (30.593,60 LlMl11 D'ETA' 34A24,54 " 2 f3 Operatore ammnstratvo 01/12/2015 UMlT D ETA' (32-«95,17 3 F6 Funllon~r(j area. amml.1t.l ~ gurdìw, contentoso 0l/{lS!201S LMT 01 [TA' ,81 4G 2 F2 Operatore ammnstr.'ltvò ge!ulonale 01/12/2015 ' LMT 01 ETA'! {: 30.$93.O 2 FS! Assstente ;Jmmlnstrat\'o OllOS1201S DMSSON { ] F6 FunZonaro are.. ammì.v< e eurdco conte-rul050 01/ FlNHSONERO 4$,28',81 8

16 'rl:'... _,,_, --+,_<_0_"_'._"_'_'0_'0_+, l',, 49 3 Fum.lonaro area ar.-;mlvae gurdco contetltloso! l' 01/03/2015! UMTfOETA' (45.505,46 50 : Sl 2 2!! '3 Assstente ammnstratvo ~5tonale AssstEnte ammnlstratvo,, 21/11/ /201!) OMSSONt! ,.54 UMT D ETA' 02,695,17 Assstente ammnstratvo Dlf06/2015 ; S4 2 '!! Ftmzonaro area l' r, ammlva e ' S5 3' FS 01/01/2015 DMSSON, f:45.>os,46 gurdco : contenz05o '! n- funzonaro a rea l'..~ amml.vae, f3 gufdìco 01/08/2015,LMT D HA' ' 39,214,40 '( ' funzonaro area, :; amml'a e, 57; 3.! F3 Burdco 01/01/2015 FNe ESONERO 39, wnten:kho ; 58 '6 ful'ulonaro acea ammlva e gurdco 01/01/(015 DM5SON ,91! çontenoso '3 Funzona rto ;lrea ammlvae gurdco conten1:050 01/11}2015 FNE ESONER]...21.,.0 Assstente 60 2 F5 ammnstratvo l' 01/10/2015 LlMtT D ETA' r3s.lt ! ASsstente r 61 2 FS ammln$tratvo j' 01102/2015 UMT 01 ETA' 3$.470,18 l,, Assstente ',, ; $2 2: F4 ammnstratvo 16/01/2015 D!MSSrON 34.'f24,54 : : --L_--1_-' --+ l",_l---'- l L 9

17 63 3 F6 Funzonaro arc amml.va c gurdco contenzoso 01/10/2015 FNE ESONERO ( , F3 Assstente ammnstratvo 01/11/2015 LMT D[ ETA' ( , F2 Operatore ammnstratvo 01/10/2015 LMT D ETA' ( , F' Assstente ammnstratvo 01/01/2015 DMSSON , F2 Assstente ammnstratvo 01/06/2015 DMSSON , F3 Assstente ammnstratvo 01/04/2015 DMSSON ( , F2 Operatore ammnstratvo 01/07/2015 LMT 01 ETA' , FS Assstente ammnstratvo 01/09/2015 FNE ESONERO , FS Assstente ammnstratvo 01/12/2015 LMT D ETA' ( , F' Assstente ammnstratvo 03/01/2015 DMSSON ( , F2 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/02}2015 DMSSON ( ,92 7' 2 F4 Assstente ammnstatvo 01/10/2015 LMT 01 ETA' , F3 Assstente ammnstratvo 01/02/2015 DMSSON , FS Assstente ammnstrltvo 01/02/2015 LMT D ETA' 35.,HO, F6 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/05/2015 LMT D ETA' , FS Assstente ammnstratvo gestonlle 01/06/2015 FNE ESONERO { ,18 10

18 ..._ fuflonolro area 79 3,. :amm!.va e gurdlt:o conteotoso 01!07/<01> LMT D ETA' (48,283,81 Assstente 80 : 2 Fa ammnmatwo 01l07!2015 DMSSON { 32,695,17 Assstente B 2 F4 ammnstratvo 01/01/2015 OMSSON ,54, Assstente, ; 82 f3 lllnrnnstratvo 01/07/2015 FNE ESONERO 32,69S,17, S3 3 F6 Funzlof<lrlo am!! amm.va e eurdco 01/01/2015 OMSSON { ,81 çonten:z-oso 1\s~5tente 8., F' ammnslratlvo 01/09/2015 FNE ESONERO 31:.424,54 ~ Funnon,aro area ss 3 F' sodo st<ltstco 01/05/2015 UMTl D ETA' 43, economca ASSstente S6 2 F3 ammnstratvo 01/04/201' lmltl D ETA' : ( AS$l$tente 87, FS ammnstratno 01/07/201S OMSSON o{ ,,' r-+... sa q. Assstente AsS$hmte 2 F3 ammnstratvo 01/Qo1/2015 L1MjT D era' 3Z.69S,1 :, L F. ammìnstratvo 01/08/2015 FNE ESONERO 34.4:(4,54 gestonale area F2 nformatca lfunzonaro t, Operatore /01/2015 tlmr5510nf 36,884,92 F2 ammnstratlvc) 01/12/2015 : FNE E'SONERO 30.S93,60 À55!Slente! F3 ammnstfatvo 01/01/2015 DMSSON (32,695,17 gestlonùle Costo totale 92 unt! :.l4, CO$10 totale 5S untà (1.968,374 l

19 C!!,ssazonJ dal servzo 2016 personale Mnstero del lavoro e delle poltche socal n. Area Poszone: Economca Proflo professonale Cessazone Motvo cessazone Retrbuzon l 2 F3 Assstente 01/12/2016 lmt d età 32.69S, F6 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01{05{2016 Lmt d età , F6 Funzonaro area amm.va e gurdco contenzoso 01/12/2016 Fne esonero ,81 3 F. Funtonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/10/2016 Lmt d età Fl Operatore ammnstratvo 01/11/2016 lmt d et~ { , FS Funzonaro area amm.va e gurdco contenzoso 01/12/2016 Umt d età 45.50S, F3 Funzonarlo area ammlva e gurdco contenzoso 01/10/2016 Lml d età { , F6 Funzonaro area ammlvae gurdc:o contentloso 01/09/2016 Lmt d età {48.283, Fl Operatore ammnstratvo 0l/11{2016 Umt d età { , F3 Operatore ammnstratvo 01/02/2016 Lmt d età { , F' Assstente, ammnlstrauvo 01/09/2016 Lmt d età {34.424,S F6 Funzon!'lro area amml.va e gurdco contenzoso 01/01/2016 Fne esonero { ,81 12 (r)}.~' \ - C'.. '.".,1>.

20 1 FS Assstente ammnstratvo genonale Ol/ll1/2ù16 Lmt d età {: ,18 2 FS Assstente ammnstratvo 01/ Hne esonero 15 OpeJ<ltorE' 2 F2 ammnsttarvo 01/06/1016 r-r--! F3 Lmt d eta Assstente amm-m1stratno 01/08/2016 Lmt df eta Operatore 17 2 ammnstratvo 01/06/2016 Llmt d, eta l's Operatore F1 ammnstratvo J' 01/ Lmt d età C 28.%4,86 gestjof1.01e ' Operatore ~ f2 ammnstratvo' 01/01/2016 lmt detà! l[ 30.SS3,60 '---r ~-----~~------l------~ Assstente 20 2 F4, ammnlst(atvo 01/03/2.016 Lmt! d eta! ,54 - j 12 1/ /2:'"-- ~~~~d_._tà~!-!!_'_34_'_4_24_,_54-1\1, 1-:~_'1_-+_, 2~t- F4~~+_,_~_:_:_~_s~_~_::_'_O_+l, 22 3 F6 Funzonaro area amm.'ja E' gurdco contenzoso 01/12/2016 f , Assstente ammnstratvo çestonala 01/02:;2016 Umtì tl<hà ~ As--sl"-ente-+----t---~, 24! 2' F2 amm!nstrs,{'lo 01/08/2016" lmt d età gestona e US.'7",l. J ,60! 25 3 F6 funzonaro area amm,v:) c gurdco Ol/06/20l6 1 lmt d eta : corotenxoso f--'--,---j~ r--,~-,_+-- FumlonanO' area! 3 ' amm.va e /01/2016 Fne esonero ( gurdlco! tontenlìoso ~~ 01/03/2016 [ lmlt. d, et' (30.593,60 Ol/OS/2016 Jm'tt d età 13

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2011 predsposta dalla Gunta Esecutva del 04/02/2011 delberato dal Consglo d Isttuto del 11/02/2011 Per la formulazone del Programma Annuale 2011s tene conto del Decreto Intermnsterale

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.9.2015 C(2015) 6588 fnal REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del 30.9.2015 che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

ALLEGATO 1 PREVENTIVO FINANZIARIO DECISIONALE. Riepilogo delle entrate per titoli. Totale delle entrate finali TOTALE GENERALE.

ALLEGATO 1 PREVENTIVO FINANZIARIO DECISIONALE. Riepilogo delle entrate per titoli. Totale delle entrate finali TOTALE GENERALE. ALLEGATO 1 PREVENTVO FNANZARO DECSONALE PARTE - ENTRATA ANNO FNANZARO N ANNO FNANZARO N - 1 Residui presunti alla fine dell'anno in corso (iniziali anno N) Competenza Cassa Residui iniziali dell'anno N

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA

Statuto dell Associazione Culturale TUTTI PER ROMA Art. l Denomnazone e sede E' costtuta, l Assocazone culturale denomnata TUTTI PER ROMA, con sede n Roma, n vale Aventno 67, che, a secondo delle necesstà, potrà avere una o pù sed operatve n altr luogh.

Dettagli

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008

Il Salotto del Mix. Dir. Sup. Domenico Vulpiani Direttore Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. Milano, 16 ottobre 2008 Il Salotto del Mx Dr. Sup. Domenco Vulpan Drettore Servzo Polza Postale e delle Comuncazon Mlano, 16 ottobre 2008 Maggore rchesta d scurezza... l g da t n e t u t l g a d r o t a oper s l g da e n l on

Dettagli

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~---

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~--- +ASL REGONEY ROMA 6 LAZO ~ U.O.c. Formazone-Comuncazone Unta' Operatva Formazone Te!. 0693273839-390 l Fax 0693273919 f Q ~ () () _ 1_ 00 t L Protocollo no )J,J. ~..v del rj...1...a ~ 4 P ------------~---

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana

ARPAT Agenzia regonaie per a proiezione ambentae deia Toscana ARPAT Agenza regonaie per a proezone ambentae deia Toscana Decreto del Drettore Ammnstratvo N. del ) M 13 Proponente: Dott. ssa Danela Masn Settore Provvedtorato Pubblctà/Pubblcazone: Atto soggetto a pubblcazone

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

Settimanale della segreteria nazionale del Silp per la CGIL

Settimanale della segreteria nazionale del Silp per la CGIL Settmanale della segretera nazonale del Slp per la CGIL L e g g e d S ta b l tà I N P I AZ Z A CO NT RO I T AG L I IN QUESTO NUMERO Legge d stabltà: n pazza l 19 novembre contro gl ennesm tagl Pansa annunca

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli

COMUNE DI MELEGNANO PROVINCIA DI MILANO CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE SPESE 2014 - SPESE. Dettaglio Capitoli COMUNE D MELEGNANO OVNCA D MLANO CONTO DEL BLANCO - GESTONE DELLE SPESE 2014 - SPESE RESDU PASSV AL 1/1/2014 () PAGAMENT N C/RESDU () RACCERTAMENTO RESDU RESDU PASSV DA ESERCZ EDENT (EP=-+R) MSSONE, OGRAMMA,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

UMBERTO I " Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014...

UMBERTO I  Il suesposto decreto e divenuto esecutivo in seguito alla pubblicazione all Albo dell Ente L. al... 11/10/2014... M À} CENTRO RESDENZE PERNZN UMBERTO " ORGNE 35028 POE D SCCO (Padova) N 244 del 24/09/204 l Segretaro Drettore d uesto sttuto Perìn Dottssa Emanuela a sens del Dgs n 65/ 200 delle successve dsposzon d

Dettagli

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013

N. ASÀ dei 1 9 HOV. 2013 PROPOSTA SETI. VI N r DEL REGISTRO PROPOSTE G.C DEL -J'k COMUNE DI AGRIGENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ASÀ de 1 9 HOV. 2013 OGGETTO Confermento resdu sold urban nella dscarca d

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa

A cura di: Barbara Di Vetta. Oggetto: Il regime dell IVA per cassa A cura d: Barbara D Vetta Oggetto: Il regme dell IVA per cassa Con l decreto del Mnstero dell Economa e delle fnanze del 26 marzo 2009 (n Gazzetta Uffcale n. 96 del 27 aprle 2009), prevsto dall artcolo

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE

UNIVERSITÀ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE UNVERSTÀ VTA-SALUTE SAN RAFFAELE DECRETO RETTORALE N. 4809 Vsta Vsto Vsta Vste la Legge 2 agosto 1999, n. 264 L RETTORE l Decreto del Mnstero dell'struzone, dell'unverstà e della Rcerca del 22 ottobre

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità;

Tali linee strategiche si concretizzano nel: 2_Organizzazione di spazi da dedicare ad eventi temporanei di qualità; AREA TEMATICA Progetto14 CULTURA TURISMO E MARKETING TERRITORIALE Polo culturale nel CS: Pano de contentor Allegato B- scheda tpo per la strutturazone de progett 1. Ttolo del progetto Polo culturale nel

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre '" _'.:=af'al;f+.1r.4 W ff COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO c.a.p.98060 PROVINCIA DI TlESSINA c.f. 00108980830 Res. No 483 del.16 ttztzolr DEUIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Realzzazone st web

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo 1991 14 aggornamento del 16 dcembre 2009 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO POLITICHE RIASSICURATIVE OTTIMALI NELLE ASSICURAZIONI DANNI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO POLITICHE RIASSICURATIVE OTTIMALI NELLE ASSICURAZIONI DANNI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE STATISTICHE E ATTUARIALI TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN TEORIA DEL RISCHIO TITOLO DELLA

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

notiziario Firmato l accordo sul prezzo del latte: il Piemonte adotta l indicizzazione

notiziario Firmato l accordo sul prezzo del latte: il Piemonte adotta l indicizzazione Frmato l accordo sul prezzo del latte: l Pemonte adotta l ndczzazone Per la prma volta l Pemonte adotta l meccansmo dell ndczzazone per determnare l prezzo del latte alla stalla, attraverso la sottoscrzone

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di'

domiciliato per la carica ove appresso, quale Presidente del Consiglio di' Repertoro N. 26064 Notao Raccolta N. 13000 Salvatore FEDERCO VERBALE D ASSEMBLEA STRAOPRDNARA REPUBBLCA TALANA L'anno duemla undc l gorno ventcnque del mese d luglo alle ore dcotto e ventcnque. n Gula

Dettagli

U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione

U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, 2. fs004008@struzone.t - fs004008@pec.struzone.t - www.elsamorante.gov.t codce fscale 94017140487 Classe QUARTA Anno scolastco 2014-2015 CORSO O.S.S. PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO

La POLITICA di BILANCIO espansiva della DOMANDA Il Deficit spending Il DEBITO PUBBLICO 1 Ettore Peyron P.A.S. 2014 Ddattca della MACROECONOMIA Lezone N 4 A Testo tratto dalle Dspense del Corso d Economa pubblca Unverstà degl stud d Torno Anno accademco 2010/2011 Facoltà d Economa Lezone

Dettagli