ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISPETIORATO NAZIONALE DEL LAVORO RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 SPETORATO NAZONALE DEL LAVORO RELAZONE LLUSTRATVA L'spettorato nazonale del lavoro è costtuto a sens dell'art. 8 del decreto legslatvo n. 300 del 1999, cò vuo sgnfcare anztutto che allo stesso è attrbuta autonoma d blanco e "autonom poter per lo determnazone delle norme concernent lo propro organzzazone ed l propro funzotujmento". L'spettorato ha sede n Roma, presso un mmoble demanale owero presso un mmoble del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, del'nps, dell'lnal o d altr sttut prevdenzal. L'spettorato è noltre sottoposto al controllo della Corte de cont a sens dell'artcolo 3, comma 4, della legge 14 gennao 1994, n. 20, e successve modfcazon. funzon Con D.P.R. è adottato lo statuto dell'spettorato, n conformtà a prncp e a crter drettv stablt dall'artcolo 8. comma 4, del decreto legslatvo n. 300 del 1999, v compresa la defnzone, tramte convenzone da stpulars tra l Mnstro del lavoro e delle poltche socal e l drettore dell'spettorato, degl obettv specfcamente attrbut a quest'ultmo. L'spettorato esercta. n partcolare, le seguent funzon e attrbuzon: al esercta e coordna, sulla base d drettve emanate dal Mnstro del lavoro e delle poltche socal, la vglanza n matera d lavoro, contrbuzone e asscurazone obblgatora nonché legslazone socale, v compresa la vglanza n matera d tutela della salute e della scurezza ne luogh d lavoro ne lmt delle competenze gà attrbute al personale spettvo del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, e gl accertament n matera d rconoscmento del drtto a prestazon per nfortun su lavoro e malatte professonal, della esposzone al rscho nelle malatte professonal, delle caratterstche de var ccl produttv a ln della applcazone della tarffa de prem; b) emana crcolar nterpretatve n matera spettva e sanzonatora, prevo parere concorde del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, nonché drettve operatve rvolte al personale spettvo; cl propone, sulla base d drettve del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, gl obettv quanttatv e qualtatv delle verfche ed effettua l montoraggo sulla loro realzzazone; dl cura la formazone e l'aggornamento del personale spettvo, v compreso l personale spettvo d NPS enal; e) svolge le attvtà d prevenzone e promozone della legaltà presso ent, dator d lavoro e assocazon fnalzzate al contrasto del lavoro sommerso e rregolare a sens dell'artcolo 8 del decreto legslatvo 23 aprle 2004, n. 124;

2 fl esercta e coordna le attvtà d vglanza su rapport d lavoro nel settore de trasport su strada, controll prevst dalle norme d recepmento delle drettve d prodotto e cura la gestone delle vglanze specal effettuate sul terrtoro nazonale; gl svolge attvtà d studo e analìs relatve a fenomen del lavoro sommerso e rregolare e alla mappatura de rsch, al fne d orentare l'attvtà d vglanza; hl gestsce le rsorse assegnate a sens dell'artcolo 8, anche al fne d garantre l'unformtà dell'attvtà d vglanza, delle competenze professonal e delle dotazon strumentalì n uso al personale spettvo; l svolge ogn ulterore attvtà connessa allo svolgmento d funzon spettve ad esso demandata dal Mnstro del lavoro e delle poltche sadal; ) rfersce al Mnstero del lavoro e delle poltche socal, au'nps e all'lnall ogn nformazone utle alla programmazone e allo svolgmento delle attvtà sttuzonal delle predette ammnstrazon; ml ferme restando le rspettve competenze, s coordna con servz spettv delle azende santare local e delle agenze regonal per la protezone ambentale al fne d asscurare l'unformtà d comportamento ed una maggore effcaca degl accertament spettv, evtando la sovrapposzone degl ntervent. Organ dell'spettorato Sono organ dell'spettorato e restano n carca per tre ann rnndvabl per una sola volta: l Drettore, l Consglo d ammnstrazone e l Collego de revsor. l Drettore è scelto tra espert Ovvero tra personale ncarcato d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo 1 comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n. 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, n possesso d provata esperenza e professonaltà nelle matere d competenza dell'spettorato ed è nomnato con decreto del Presdente della Repubblca, preva delberazone del Consglo de Mnstr, su proposta del Mnstro del lavoro e delle poltche socal e, se dpendente delle ammnstrazon pubblche, prevo collocamento fuor ruolo, aspettatva non retrbuta, comando o analogo provvedmento secondo rspettv ordnament. n tal caso è reso ndsponble un posto equvalente, dal punto d vsta fnanzaro, presso l'ammnstrazone d provenenza. A Drettore dell'spettorato spetta l trattamento economco e normatva rconoscuto per l'ncarco d capo dpartmento d cu all'artcolo 5 del decreto legslatvo n. 300 del l Drettore ha la rappresentanza legale dell'spettorato, provvede all'attuazone degl ndrzz e delle lnee guda adottate untamente al Consglo d ammnstrazone e approvate dal Mnstro del!avoro e delle poltche socal e presenta al Consglo d ammnstrazone l blanco preventvo e l conto consuntvo. l Drettore propone gl obettv quanttatv e qualtatvl delle verfche spettve, rfersce perodcamente al Mnstro del lavoro e delle poltche socal e al Consglo d ammnstrazone e presenta una relazone annuale sull'attvtà svolta dall'spettorato. A drettore sono assegnat poter e la responsabltà della gestone dell'spettorato, nonché la responsabltà per l consegumento de rsultat fssat dal Mnstro del lavoro e delle poltche socal nell'ambto, ove possble, d massmal d spesa predetermnat dal blanco o, nell'ambto d questo, dal Mnstro stesso. È no!tre facoltà del drettore proporre all'approvazone del Mnstro de! lavoro e delle poltche socal, d concerto con l Mnstro dell'economa e delle fnanze, modfche a regolament ntern d contabltà adottat a sens dell'artcolo 5, comma 1 del decreto.

3 l Consglo d ammnstrazone è nomnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal ed è composto da quattro drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo 1, comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n, 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, n possesso d provata esperenza e professonaltà nelle matere d competenza dell'spettorato, Un componente cascuno è ndcato dall'lnps e dall'nal n rappresentanza de predett sttut. Uno de component del Consglo svolge, su desgnazone del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, le funzon d presdente, l Consglo d ammnstrazone, convocato dal componente che svolge le funzon d presdente, che ne stablsce l'ordne del gomo delle sedute, coaduva l drettore nell'eserczo delle attrbuzon ad esso conferte, delbera l blanco, l conto consuntvo e pan d spesa ed nvestmento, Alle sedute del Consglo d ammnstrazone partecpa l drettore dell'spettorato, l Collego de revsor è nomnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal ed è composto da tre membr effettv, d cu due n rappresentanza del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e uno n rappresentanza del Mnstero dell'economa e delle fnanze, Con l medesmo decreto sono nomnat membr supplent n rappresentanza de predett Mnster, component del collego sono scelt tra drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale non generale delle ammnstrazon d cu all'artcolo 1, comma 2, del decreto legslatvo n, 165 del 2001, n possesso d specfca professonaltà, L'assegnazone delle funzon d presdente del Collego de revsor awene secondo le modaltà stablte dallo statuto, Per la partecpazone alle sedute degl organ non spettano getton d presenza o emolument a qualsas ttolo dovut, l dretlore è sottoposto alla dscplna n matera d responsabltà drgenzale d cu all'artcolo 21 del D.Lgs, n, 165/2001 v compresa la facoltà d revoca dell'ncarco, L'spettorato s awale noltre dell'organsmo ndpendente d Valutazone della Performance del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, Organnazone e funzonamento dell'spettorato Con uno o pù decret del Presdente del Consglo de Mnstr, su proposta del Mnstro del lavoro e delle poltche socal e d concerto con l Mnstero deweconoma e delle fnanze, l Mnstro per la semplfcazone e la pubblca ammnstrazone e l Mnstro della dfesa, sono dscplnat, senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca, l'organzzazone delle rsorse umane e strumental per l funzonamento dell'spettorato e la contabltà fnanzara ed economco patrmonale relatva alla sua gestone, l decret n questone, ferm restando gl ordnar stanzament d blanco e senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca, prowedono, n deroga alle dscplne normatve e contrattual vgent, a rdetermnare n modo unforme l trattamento d mssone del personale dell'spettorato, dell'lnps e dell'nal, n consderazone delle esgenze d utlzzo abtuale del mezlo propra per lo svolgmento della ordnara attvtà sttuzonale che comporta, peraltro, l trasporto d strument nformatc, fotocamere e altre attrezzature d lavoro, la dscplna d cu al presente comma è sprata a seguent crter:

4 al mantenmento della msura dell'ndenntà chlometrca d cu al prmo comma dell'artcolo 15 della legge 18 dcembre 1973, n, 836 come rdetermnata dall'artcolo 8 della legge 26 luglo 1978, n. 417; b prevsone d una specfca ndenntà volta a favorre la messa a dsposzone del mezzo propro commsurata a chlometr effettvamente percors; c) prevsone d coperture asscuratve per event non copert dal sstema asscuratvo obblgatoro e dall'nal, Dsposzon n matera d personale La dotazone organca dell'spettorato, rpartte tra le dverse qualfche, drgenzal e non, è defnta con decret d organzzazone n msura comunque non superore a 6357 untà, Nella dotazone organca sono comunque prevste due poszon drgenzal d lvello drgenzale generale e 88 poszon drgendal d lvello non generale, nonché un ulterore numero d untà d personale tale da rcomprendere quello gà n servzo presso le drezon nterregonal e terrtoral del lavoro e la drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. S prevede noltre l trasfermento presso la sede centrale e le sed terrtoral dell'spettorato del personale spettvo n sevzo presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, fatta salva la possbltà d rmanere, a domanda, ne ruol dello stesso Mnstero con nquadramento ne corrspondent profl ammnstratv. La dotazone organca dell'spettorato è rdotta n msura corrspondente alle cessazon del personale delle aree funzonal, appartenente a profl ammnstratv, provenente dalle Drezon nterregonal e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal che awerranno successvamente al' entrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1 e fno al 31 dcembre le rsorse dervante dalle econome per le cessazon dal servzo relatve agl ann 2015 e 2016 non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon ed, noltre, saranno contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. A partre dal 2017, n relazone a rsparm d spesa dervant dal progressvo esaurmento del ruolo del personale spettvo degl sttut, la dotazone organca dell'spettorato è ncrementata, ogn tre ann, d un numero d post corrspondente alle facoltà assunzonal prevste dalle vgent dsposzon n matera d turn over del personale, COn conseguente assegnazone delle relatve rsorse fnanzare dal parte dell'lnps e dell'lnall n relazone al contratto collettvo applcato dall'spettorato. A personale drgenzale e non drgenzale d ruolo dell'spettorato s applca, rspettvamente, la contrattazone collettva dell'area e la contrattazone collettva del comparto Mnster. Presso la sede d Roma dell'spettorato è sttuto, alle dpendenze del Mnstro del lavoro e delle poltche socal, l "Comando carabner per la tutela del lavoro". noltre, presso le sed terrtoral dell'spettorato, opera un contngente dì personale che dpende funzonalmente dal drgente preposto alla sede terrtorale dell'spettorato e gerarchcamente dal comandante dell'artcolazone del Comando carabner per la tutela del lavoro. l personale del!' Arma gà operante presso l Mnstero del lavoro e delle poltche socal, salvo possbl rduzon del contngente, è sostanzalmente "trasferto" nell'ambto dell'spettorato.

5 decret d organzzazone ndvdueranno la data n cu cesseranno d operare ìe drezon nterregonal e terrtoral del lavoro sosttute, comunque n numero mnore, dalle sed terrtoral dell'spettorato, le qual svolgeranno compt gà assegnat alle predette drezon. La sosttuzone delle drezon del lavoro con gl spettorat terrtoral determnerà - "al netto" - la soppressone d 5 uffc (ad ogg, nfatt, gl uffc sul terrtoro sono 85 mentre s prevede che gl uffc terrtoral dell'spettorato sano 80). Coordnamento e accentramento delle funzon d vglanza Dalla data ndcata da decret d cu all'artcolo 5, comma l, l personale spettvo gà appartenente all'lnps e all'lnal è nserto n un ruolo provvsorlo ad esaurmento de predett sttut con l mantenmento del trattamento economco e normatva n vgore. Le rsorse dervant dalle econome per le cessazon dal servzo non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon da parte dell'lnps e dell'lnal prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon. n relazone alle cessazon del personale n questone, che s verfcheranno dalla data d entrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1, sono contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. A fne d razonalzzare e semplfcare l'attvtà spettva, con decret d cu all'artcolo 5 comma l, saranno ndvduate forme d coordnamento tra nspettorato e servz spettv d NPS e NAL che comprendono, n ogn caso, l potere dell'spettorato d dettare le lnee d condotta e le drettve d carattere operatvo, nonché d defnre tutta la programmazone spettva e le specfche modaltà d accertamento. A tal fn s tene conto delle esgenze del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, dell'lnps e dell'lnall d effettuare accertament tecnc funzonal allo svolgmento delle attvtà sttuzonal delle predette ammnstrazon, Entro trenta gorn dall'entrata n vgore del decreto, s prevede la possbltà, per l personale spettìvo dell'lnps e del'nal, d chedere d essere nquadrato ne corrspondent profl ammnstratv de rspettv sttut, ne lmt delle dsponbltà prevste dalle relatve dotazon organche. Da ultmo s prevede che nella Regone Scla e nelle Provnce autonome d Trento e Bolzano l'spettorato provvede alla stpulazone d appost protocollì d'ntesa al fne d garantre n dett terrtor l'unforme svolgmento dell'attvtà d vglanza ed evtare la sovrapposzone d ntervent spettv, nel rspetto delle competenze attrbute da rspettv statut n matera d vglanza sul lavoro e legslazone socale. Rappresentanza n gudzo Fatto salvo Quanto gà prevsto dall'art. 6 del D.Lgs. n, 150/2011, all'spettorato s applca,'artcolo 1 del testo unco delle legg e delle norme gurdche sulla rappresentanza e dfesa n gudzo dello Stato e sull'ordnamento dell'awocatura dello Stato d cu al rego decreto 30 ottobre 1933, n

6 Rorganllalone del Mnstero del lavoro, dewnps e dell'lnall La creazone dell'spettorato, Sla a lvello centrale che terrtorale, determna una ncsva rorganzzazone del Mnstero del lavoro e, n parte mnore, degl sttut. È nfatt prevsto che, n applcazone del decreto legslatvo, sono apportate le conseguent modfche a decret d organzzazone del Mnstero del lavoro e delle poltcne socal, dell'lnps e dell'nal. decret dovranno prevedere altresì la soppressone della drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal nonché eventual rdmensonament delle altre drezon general dello stesso Mnstero. Conseguentemente s prevede una rduzone delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, anche con rfermento alle relatve poszon drgenzal d lvello generale e non generale. Norme per l coordnamento Partcolare attenzone è posta dal decreto al coordnamento con altr soggett cne svolgono attvtà d vglanza n matera dì lavoro e legslazone socale (ad es. Guarda d Fnanza) e alla necesstà d condvdere, quanto pù possble, nformazon o nzatve spettve. Èanztutto prevsto cne l'spettorato possa stpulare uno o pù protocoll d'ntesa che prevedono strument e forme d coordnamento Con servz spettv delle azende santare local e delle agenze regonal per la protezone ambentale e protocoll d'ntesa con le ammnstrazon pubblche regonal e local e con le azende d trasporto pubblco regonale e locale al fne d facltare la mobltà del personale spettvo nell'ambto dello svolgmento de propr compt. l'nps, l'nall e l'agenza delle entrate sono tenute a mettere a dsposzone dell'spettorato, anche attraverso l'accesso a specfc archv nformatc, dat e nformazon, sa n forma analtca che aggregata, utl alla programmazone e allo svolgmento dell'attvtà d vglanza e d dfesa n gudzo, al fne d orentare l'azone spettva ne confront delle mprese che evdenzno fattor d rscho sul pano del lavoro rregolare owero della evasone od omssone contrbutva e al fne d una maggore effcaca della gestone del contenzoso. l'nosservanza delle dsposzon n questone comporta l'applcazone delle norme n matera d responsabltà drgenzale. A fne d unformare l'attvt! dì vglanza ed evtare la sovrapposzone d ntervent spettv, s prevede che ogn altro organo d vglanza che svolge accertament n matera d lavoro e legslazone socale sa tenuto a raccordars con le sed central e terrtoral dell'spettorato. Da ultmo s prevede che, l Mnstero del lavoro e delle poltche socalì, l'nps e,'nal asscurano altresì ogn forma d collaborazone utle ad un effcente svolgmento dell'attvtà d vglanza, v comprese le attvtà volte all'approwgonamento e alla manutenzone delle dotazon strumental da assegnare al personale spettvo.

7 Operatvtà dell'spettorato A fne d garantre la corretta "funzonaltà" dell'spettorato, s prevede la costtuzone d un "Comtato operatvo", senza oner per la fnanza pubblìca, preseduto dal drettore dell'spettorato e formato da un esperto de ruol del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, uno dell'lnps e uno del'nal. l Comtato svolge le propre attvtà per l perodo necessaro a garantre la progressva funzonaltà dell'spettorato e comunque per un perodo non superore a tre ann. l Comtato svolge n partcolare le seguent funzon: a) coaduva l drettore nella defnzone degl att d ndrzzo dell'attvtà d vglanza n matera d lavoro e legslazone socale da sottoporre alla Commssone centrale d coordnamento d cu all'artcolo:; del decreto legslatvo 23 aprle 2004, n. 124; b asscura ogn utle coordnamento tra l'spettorato, l Mnstero del lavoro e delle poltche socal, l'nps e l'nall, sa a fn d una corretta ed effcace gestone del personale spettvo che della defnzone degl obettv n relazone a complessv pan d attvtà delle stesse ammnstrazon; c) adotta, n raccordo con l drettore, msure fnalzzate ad una pù effcace unformtà dell'attvtà d vglanza, v comprese msure d carattere economco e.

8 SPETTORATO NAZONALE DEl LAVORO RElAZONE TECNCA L'spettorato nazonale del lavoro ha personaltà gurdca d drtto pubblco ed è dotato d autonoma organzzatva e contable. La sua creazone, come meglo evdenzato n seguto, non comporta oner ulteror per la fnanza pubblca. CREAZONE SEDE CENTRALE DElL'SPETTORATO (ART. 1, COMMA 3) la sede centrale dell'spettorato d Roma sarà ubcata presso un mmoble demanale ovvero presso un mmoble del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, del'nps, dell'nal o d altr sttut prevdenzal. È possble prevedere che l'mmoble n questone debba osptare non pù d 160 untà d personale (v compreso l personale appartenente al Comando Carabner per la tutela del lavoro) e che pertanto abba una metratura non superore a 2.500/3.000 mq. Qualora l'spettorato non trov allocazone n un mmoble demanale o non sa allocato presso un mmoble gà n uso del Mnstero del lavoro e delle poltche socal o degl sttut prevdenza!!, con rfermento alla metratura necessara, è possble ndvduare una spesa annua non superore a Tale mporto è ndvduato attraverso la consultazone del valore d locazone euro/mq/mese nella zona d Roma dove gà trovano posto le sed central d NPS e NAL, decurtato dell'abbattmento del canone locatvo prevsto dalla vgente normatva (valore medo canone locazone la-lo/mq al mese). Sotto l proflo fnanzaro è noltre possble presumere una spesa una tdntum per l trasloco del personale. Tale somma è ndvduata attraverso dat gà a dsposzone del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. n partcolare, è stato rlevato che l costo pro capte d un trasloco effettuato Roma su Roma è stato par a crca': 143 (costo del trasloco della ex DTl d Roma e d 346 untà). Utlzzando tale parametro con rfermento al trasloco d crca 160 untà l costo è d , prudenzalmente arrotondato ad ( : Spese trasloco (una tantum) Quanto alle spese d funzonamento le stesse possono rteners compensate dal venr meno degl analogh oner prevst n capo al Mnstero del lavoro e delle poltche socal ne corrspondent captol d blando della drezone generale per l'attvtà spettva e, n quota parte, delle altre drezon general d provenenza del personale assegnato all'spettorato (n quest'ultmo caso trasferment non quantfcabl). S ndcano, n partcolare, captol d blanco della drezone generale per l'attvtà spettva nteressat da dett trasferment: ["'Mssone ' Programma '" Centro d responsabl!a:.. --'-.-J ~ ' L ~ 1

9 Macroaggregato... ~ SPE5E PER LA GESTONE ED L CP -h ! FUNZONAMENTO DEL SSTEMA CS 4, S NFORMATVO (R) (l.l.l)( 4.1.2) r2952! (R)(2)(4.L2) SPESE PER ACQUSTO D BEN ESERVZ CP es : : ORGAN DEll'lspmORATO (ART. 3) Gl organ dell'spettorato sono l Drettore, l Consglo d ammnstrazone e l Collego de revsor. Rspetto al Drettore generale, con retrbuzone equparable a quella d Capo dpartmento, è prevsta una spesa annua par a crca (stpendo tabellare + vacanza contrattuale + retrbuzone d poszone parte fssa + retrbuzone d poszone varable/emolumento açcessoro + retrbuzone d rsultato) comprensva d oner prevdemal e fscal a carco del dpendente. l Consglo d ammnstrazone è composto da quattro drgent ncarcat d funzon d lvello drgenzale generale delle ammnstrazon pubblche d cu all'artcolo l comma 2, del decreto legslatvo 30 marzo 2001 n. 165 o altro personale d cu all'artcolo 3 del medesmo decreto legslatvo, rspetto a qual non sono prevst ulteror oner per la fnanza pubblca. l Collego de revsor è composto da tre membr effettv, d w due n rappresentanza del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e uno n rappresentanza del Mnstero dell'economa e delle fnanze. A component del collego de revsor compete, per lo svolgmento della loro attvtà, un compenso determnato con decreto del Mnstro del lavoro e delle poltche socal d concerto con l Mnstro dell'economa e delle fnanze, a valere sugl ordnar stamament d blanco dell'spettorato e comunque senza nuov o maggor oner a carco della fnanza pubblca. Sulla base d una valutazone de compens de membr d Collego de revsor d altre Agenze, è possble preventvare una spesa annua par, nel massmo, a { lord (v. ad es. Agenza delle dogane e de monopol). Pertanto la spesa complessva annua, al lordo degl oner rfless a carco dell'ammnstrazone, relatva agl organ dell'spettorato ammonta a crca euro. OSPOSZONN MATERA D PERSONAlE (ART. 6) la dotazone organca dell'spettorato, non superore comunque a 6357 untà, sara computamente ndvduata con decret d organzzazone prevst dall'art. 5, comma l, nel rspetto d quanto prevsto dall'artcolo 6, comma 2 del decreto n matera d rduzon organche. n ogn caso è prevsta la presenza d n. 2 poszon drgenzal d lvello generale e g8 poszon d lvello drgenzale non generale. A personale s applcherà l contratto collettvo dell' Area (drgent) e del comparto Mnster (non drgent). 2

10 ..._..._.. _--- L'effettva assègn~zone del personale all'spettorato determnerà una corrspondente rcluzone della dotaz.one organca del Mnstero del lavoro e del!e poltche socal, ferme restando le ulteror rduzon organche n 2?plcazlone dell'art. 6 del decreto V. nfra}. Personale drgenzale Quanto ahe poszon drgenz.al d lvello generale, una d esse è possblle consderarla trasfert2, a:teso l 'J nr menq della conlspo\ldent;:: POS!Z!vì2 ne ruol de' Mnstero de lavoro e delle poltche- 5ùcla. La seconda poszone drgenzale d lvello geìerale avrà un costo d crg: (stpe:ndo tabella re.; V2C2nza contrattuale + retrbuzone d posz.one parte fssa + retrbuzor,e d poszone 'V2 rablejelt,olumento accessoro -;- ' '~"'W "~-~~--> fscah ~,."!.f~~ ~1f~~jl;~<!.V,~~~, per un totale d retrbuzone d rsultato) oltre ad 56.80e per oner prevdenzfal e Quanto alle n. 88 posz.on drgenzal dì lve:lc non generale Va evdeìzato che 13 creazone delle stesse comporta una corrspondente rduzone delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e del!e poltche socal. l Tale rduzone sarà verosmlmente mputable alle n. 85 posz!on ''drgenzal non generah prevste sul terrtoro e ahe n. 3 poszon drgenzal non general prevste jn capo alla drezone generale pe:' l'attvtà spettva (n totale n, 88 poszon drgenzal non general), te dtate posh:on sono dunque da rteners trasferte ne ruoì dell'spettorato senza comportare petanto acun u!terore onere per 12 fnanza pubblca. Come meglo evdenzato ;:'] segllftc', tutte le poszon drgenzal trasferte sono fnanzaramente coperh ~.! spe~e per n. 1 poszone drg.eruale d lvello generale {una u';-~e-r-ìo-r-e-po-5--l-o-n-e-\' -- -:-'O ~ \ da consderars trasferta da ruol de! Mnstero de lavoro e delle ooltche!socal} ' l! lspese per fì, 88 poszon ddge,;z8 dlve:lo no:1 generale l!---d-a-c-o-"-s-d-e-r"-r-s;---- t"-èsferh:e TOT"'.LE COMPRENSVO D ONER! PREVDENZAL E FSCAL r r " ~ ~?ersonofe non drgenzale 11 personale trasrento awlspetwrato provene totamente da ruo del Mnstero de! la'joo e delle poltche socal, l quale ad ogg può contare sv:la seguente dotazoì"e organca: Drgent: - 1~ (vele generale). l <1.5 (lvello non generale) Personale aree runzìonal: terza area: seconda area: prma area: S5 3

11 Totale qualfche drgenzal: 159 Totale aree: Totale complessvo: l personale del Mnstero del lavoro e delle poltche socal trasferto ne ruol dell'spettorato sarà computamente ndvduato da decret d organzzazone. È comunque scuramente rcompreso, nell'ambto del trasfermento, l personale gà n servzo presso le drezon nterregonal e terrtoral del lavoro e presso la drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. È altres trasferto presso la sede centrale e le sed terrtoral dell'spettorato l personale spettvo n sevzo presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, fatta salva la possbltà d rmanere, a domanda, ne ruol dello stesso Mnstero con nquadramento ne corrspondent profl ammnstratv (n. 152 untà d personale). Come gà ndcato, la dotazone organca massma dell'spettorato sarà par a Tale dotazone, se totalmente rcoperta, rcomprende corrspondent post gà prevst presso le sed central e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. n partcolare s evdenza che: - n post delle aree funzonal sono relatv agl uffc del terrtoro del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. Trattas d n post gà prevst nelle dotazon organche degl uffc del terrtoro del Mnstero a qual va sottratto l numero delle untà d personale che cessa dal servzo entro la data d entrata n vgore del decreto (presumblmente 1 luglo 2015), par a n. 52 untà (n. 1 untà appartenente all'area, n. 39 untà appartenent all'area l e n. 12 untà appartenent all'area, v. tabelle nfra); - n. 29 post delle aree funzonal relatve alla soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal; - n. 152 post delle aree funzonal, qualora tutto l personale spettvo gà dstaccato presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal opt per l passaggo ne ruol dell'spettorato; - n. 2 post d drgente d lvello generale (d cu uno relatvo alla.soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal); - n. 88 post d drgente d lvello non generale (d cu 3 relatv alla soppressa drezone generale per l'attvtà spettva del Mnstero del lavoro e delle poltche socal e n. 85 relatv agl uffc del terrtoro); - n. 233 post delle aree funzonal relatv a personale gà operante presso le sed central del Mnstero del lavoro e delle poltche socal, da ndvduare secondo crter d selezone prevst da decret d cu all'artcolo 5, commal. l trasfermento avverrà, evdentemente, con l mantenmento delle aree e delle poszon economche gà n capo al personale trasferto e l'operazone comporterà una corrspondente rduzone alle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal. Da cò derva pertanto una nvaranza d cost per la fnanza pubblca. 11 decreto prevede ancora che la dotazone organca dell'spettorato è rdotta n msura corrspondente alle cessazon del personale delle aree funzonal, appartenente a profl ammnstratv, provenente dalle Drezon nterregonal e terrtoral del Mnstero del lavoro e delle poltche socal che avverranno 4

12 ..~-~-- successvamente awentrata n vgore de decret d cu all'artcolo 5, comma 1 e fno al 31 dcembre Le rsorse dervante dalle econome per le cessazon dal servzo relatve agl ann 2015 e 2016 non saranno utlzzabl a fn della determnazone del budget d assunzon prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon ed, noltre, sono contestualmente rdott relatv fond per l trattamento accessoro. Cò con conseguente rduzone anche delle dotazon organche del Mnstero del lavoro e delle poltche socal per le cessazon dal 1- gennao 2015 fno alla data d entrata n vgore de predett decret d cu all'art. 5, comma 1. n sostanza, pertanto l è prevsta una mnor spesa legata alla mancata nsostrtuzonen del personale n questone, tenendo altres conto de lmt gà prevst dall'art. 3 del D.l. n. 90/2014 (conv. da l. n. 114/2014). n forza del predetto D.L. n. 90/2014: - nel corso del a nno d effettva operatvtà e avvo dell'spettorato - sar ebbe stato possble assumere l 60% del personale cessato dal servzo nel corso del 2015 e - nel corso del 2017, sarebbe stato possble assumere 1'80% del personale cessato dal servzo nel corso de! Cò premesso, con l'art. 6 del decreto, è dunque prevsta una mnor spesa: per l 2016, legata alla mancata assunzone d 55 untà d personale (ossa l 60% delle untà cessate dal servzo nel corso del 2015); per l 2017, legata alla mancata assunzone delle predette S5 untà oltre a ulteror 33 untà d personale (ossa 1'80% delle untà cessate dal servzo nel corso del 2016). n termn fnanzar, tenuto conto delle tabelle che seguono, segue: rspann possono essere calcolat come rsparm per l 2016: (costo d 55 untà d personale non assunte); - rsparm per l (costo d 55 untà d personale non assunte nel 2016) oltre (costo d 33 untà d personale non assunte nel 2017), per un totale d A rguardo la dsposzone n esame prevede altresì che le rsorse dervant dalle econome per le cessazon d,,1 Servzo non concorrono a fn della determnazone del budget d assunzon da parte del Mnstero del lavoro e delle poltche socal prevsto dalle vgent dsposzon n matera d assunzon. cessazon dal sef'yro 2015 pef30nale Mnstero del lavoro e d el.: polltlcme sodal n. Area Posìtone Promo Economca professonale r-~~~-.---_.. Assstente ; 1, F3 ammnstr"lvoj 01/03(201S ges.tonale Cessazone Motvo c ess31one DMSSON f 32,695,17 ' 5

13 ASsstente DMSSON m.:9:'j 2 2 '3 amml'1stràl:vo 01/01/2015 gestìonale Operatot: 3 2 '3 ammnstratvo 01/01/2015 DMSSON { ,17 : Operatore 4 2 F3 ammnstratvo 01/01/2015 PASSAGGO (32.695,17 Operatore 5 2 F2,;mmìl'lstratvo 01/06/1015 FNE ESONERO (::593,60! Assstente 6, '3 ammnstratvo 01/09/2015 UM1T D ETA' : ,17 : tu('l::on.lro area :, 3,. amtn.va e 01/10/2015 FNE ESONERO : ( gurdco contem:ì050, Operatore 8, F1 ammnstrano 01/04/2015 DMSSON f OperCtore 9 2 '2 ammnstratvo 01/04/2015 LMT D ETA' (lo.su,to -- Assstente la l '3 ammnstratlyo 01111/201$ UMT 01 ETA' 4: ,17 gestìonale A$!uente 11 2 '3 ammnstratno 01/05/2015 FNE ESONERO (32,695,11 -_... Assls.tente 12,,. ammnstratvo 01/12/2015 FNE ESONERO (34.424,54 Assstente 13 l F3 ammnstratvo 01/ LMT 01 ETA' 4: ,17,. 3,. amml.vae: ll:e~tlonafe funzonara alea gurdco contenloso : 01/03/2015 OlMSSON! (48, Assstente 15 2 F' ammnstratvo 01/03/2015 OMSSON ( ,54 :,. -- Operatore 2 F1 ammnstratvo 01/ DMSSON t: 30, ge!tonale As~stente:!! 17 2 '3 ammnstratvo 30/09/2015 DMSSON gestonale... ~.._.. 6

14 1 F' ammnstratvo 1 18 : 2 : : 3 F6 21 : 2 F3 l2 2 Assstente amrrtnstra.tvo : Assstente ammnstratvo! FunzonarQ area ammlva. e gurdco contentloso Assstente ammnstratvo : gertonale Assstente ammnstratvo l! 01/07{>015 lmt 01 ETA.j ".,2,, /l015 OMSSON! ,54 01/08/Z015 UMT D ETA'! ,81 01/08/2015 LMT D ETA' 32,69S,17 J! 01102/2015 UMT D ETA'! ,54 ' 23 1 F3 2. f3 Auslaro 01/02/2015 : UMm 01 ETA' (29.120,40 Assstente ammn~ratvo 01/01/2015 OMSSON 2S l 26 : 2 F4 Assstente ammlnstra.tvo Assstente 2 F3 ammnlstr.uno : l gestonale 01/10/ /01/2015 lmt D ErA' DMSSON ~---l t---f opera~ore 27! F2, 01/03/2015 DMSSON ! FS F4 Assstente ammnstratvo ge~tonale Funzonaro area : amml'ja e gurtdko conteolìoso 01101/ /07/2015 lm1t D ETA' DMSSON 35,470,18!,! l, (43,009,68!, 3D F3 Assstente ammn$lrau'o 21/11/2015 OlM!SSON (: 32.&95,17 F' A$$tstente,ammnstratvo gestorlale 01/12/2015 '""'~,~!,~"~ 2 F2 Operatore ammnstratvo 01101/2015, LMT 01 ETA' : , ! Oper.atore ammnstratvo genfona!e 01/11/2015 DMSSONl 7

15 3' 2 F3 ASsstente ammnstratvo 01/04/2015 DMSSON ,17 3S F3 ammtw~ gurdco contenzoso 01/ Assstente ammlnstratì\lo 01/ LMT D la' DMSSON 37 2 F2 Operatore arnmì1'\strat'lo 01/11/2015 LfM'f'l D ETA' t30.593,60 2 ASsstente ammnìstratvo ge$1ìonale 01/03/2015 OMlSSfON 32:.69S FS Ass$tente ammnstr.nvo geston'lle 22/01/2015 DECESSO ,18 f3 'l' AsslstenH~ ammnmatvo ol/011201s lm't' DET A' (32.695,17 41 F2 Operatore "mmlnstratl'lo 01/02,/2015,!' UMT 01 ETA' '1 2 F2 2 F4 Operatore : ammnstratvo Assstenft ammmstratvo : 01lOG201S 0110S/201S DMSSON (30.593,60 LlMl11 D'ETA' 34A24,54 " 2 f3 Operatore ammnstratvo 01/12/2015 UMlT D ETA' (32-«95,17 3 F6 Funllon~r(j area. amml.1t.l ~ gurdìw, contentoso 0l/{lS!201S LMT 01 [TA' ,81 4G 2 F2 Operatore ammnstr.'ltvò ge!ulonale 01/12/2015 ' LMT 01 ETA'! {: 30.$93.O 2 FS! Assstente ;Jmmlnstrat\'o OllOS1201S DMSSON { ] F6 FunZonaro are.. ammì.v< e eurdco conte-rul050 01/ FlNHSONERO 4$,28',81 8

16 'rl:'... _,,_, --+,_<_0_"_'._"_'_'0_'0_+, l',, 49 3 Fum.lonaro area ar.-;mlvae gurdco contetltloso! l' 01/03/2015! UMTfOETA' (45.505,46 50 : Sl 2 2!! '3 Assstente ammnstratvo ~5tonale AssstEnte ammnlstratvo,, 21/11/ /201!) OMSSONt! ,.54 UMT D ETA' 02,695,17 Assstente ammnstratvo Dlf06/2015 ; S4 2 '!! Ftmzonaro area l' r, ammlva e ' S5 3' FS 01/01/2015 DMSSON, f:45.>os,46 gurdco : contenz05o '! n- funzonaro a rea l'..~ amml.vae, f3 gufdìco 01/08/2015,LMT D HA' ' 39,214,40 '( ' funzonaro area, :; amml'a e, 57; 3.! F3 Burdco 01/01/2015 FNe ESONERO 39, wnten:kho ; 58 '6 ful'ulonaro acea ammlva e gurdco 01/01/(015 DM5SON ,91! çontenoso '3 Funzona rto ;lrea ammlvae gurdco conten1:050 01/11}2015 FNE ESONER]...21.,.0 Assstente 60 2 F5 ammnstratvo l' 01/10/2015 LlMtT D ETA' r3s.lt ! ASsstente r 61 2 FS ammln$tratvo j' 01102/2015 UMT 01 ETA' 3$.470,18 l,, Assstente ',, ; $2 2: F4 ammnstratvo 16/01/2015 D!MSSrON 34.'f24,54 : : --L_--1_-' --+ l",_l---'- l L 9

17 63 3 F6 Funzonaro arc amml.va c gurdco contenzoso 01/10/2015 FNE ESONERO ( , F3 Assstente ammnstratvo 01/11/2015 LMT D[ ETA' ( , F2 Operatore ammnstratvo 01/10/2015 LMT D ETA' ( , F' Assstente ammnstratvo 01/01/2015 DMSSON , F2 Assstente ammnstratvo 01/06/2015 DMSSON , F3 Assstente ammnstratvo 01/04/2015 DMSSON ( , F2 Operatore ammnstratvo 01/07/2015 LMT 01 ETA' , FS Assstente ammnstratvo 01/09/2015 FNE ESONERO , FS Assstente ammnstratvo 01/12/2015 LMT D ETA' ( , F' Assstente ammnstratvo 03/01/2015 DMSSON ( , F2 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/02}2015 DMSSON ( ,92 7' 2 F4 Assstente ammnstatvo 01/10/2015 LMT 01 ETA' , F3 Assstente ammnstratvo 01/02/2015 DMSSON , FS Assstente ammnstrltvo 01/02/2015 LMT D ETA' 35.,HO, F6 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/05/2015 LMT D ETA' , FS Assstente ammnstratvo gestonlle 01/06/2015 FNE ESONERO { ,18 10

18 ..._ fuflonolro area 79 3,. :amm!.va e gurdlt:o conteotoso 01!07/<01> LMT D ETA' (48,283,81 Assstente 80 : 2 Fa ammnmatwo 01l07!2015 DMSSON { 32,695,17 Assstente B 2 F4 ammnstratvo 01/01/2015 OMSSON ,54, Assstente, ; 82 f3 lllnrnnstratvo 01/07/2015 FNE ESONERO 32,69S,17, S3 3 F6 Funzlof<lrlo am!! amm.va e eurdco 01/01/2015 OMSSON { ,81 çonten:z-oso 1\s~5tente 8., F' ammnslratlvo 01/09/2015 FNE ESONERO 31:.424,54 ~ Funnon,aro area ss 3 F' sodo st<ltstco 01/05/2015 UMTl D ETA' 43, economca ASSstente S6 2 F3 ammnstratvo 01/04/201' lmltl D ETA' : ( AS$l$tente 87, FS ammnstratno 01/07/201S OMSSON o{ ,,' r-+... sa q. Assstente AsS$hmte 2 F3 ammnstratvo 01/Qo1/2015 L1MjT D era' 3Z.69S,1 :, L F. ammìnstratvo 01/08/2015 FNE ESONERO 34.4:(4,54 gestonale area F2 nformatca lfunzonaro t, Operatore /01/2015 tlmr5510nf 36,884,92 F2 ammnstratlvc) 01/12/2015 : FNE E'SONERO 30.S93,60 À55!Slente! F3 ammnstfatvo 01/01/2015 DMSSON (32,695,17 gestlonùle Costo totale 92 unt! :.l4, CO$10 totale 5S untà (1.968,374 l

19 C!!,ssazonJ dal servzo 2016 personale Mnstero del lavoro e delle poltche socal n. Area Poszone: Economca Proflo professonale Cessazone Motvo cessazone Retrbuzon l 2 F3 Assstente 01/12/2016 lmt d età 32.69S, F6 Funzonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01{05{2016 Lmt d età , F6 Funzonaro area amm.va e gurdco contenzoso 01/12/2016 Fne esonero ,81 3 F. Funtonaro area ammlva e gurdco contenzoso 01/10/2016 Lmt d età Fl Operatore ammnstratvo 01/11/2016 lmt d et~ { , FS Funzonaro area amm.va e gurdco contenzoso 01/12/2016 Umt d età 45.50S, F3 Funzonarlo area ammlva e gurdco contenzoso 01/10/2016 Lml d età { , F6 Funzonaro area ammlvae gurdc:o contentloso 01/09/2016 Lmt d età {48.283, Fl Operatore ammnstratvo 0l/11{2016 Umt d età { , F3 Operatore ammnstratvo 01/02/2016 Lmt d età { , F' Assstente, ammnlstrauvo 01/09/2016 Lmt d età {34.424,S F6 Funzon!'lro area amml.va e gurdco contenzoso 01/01/2016 Fne esonero { ,81 12 (r)}.~' \ - C'.. '.".,1>.

20 1 FS Assstente ammnstratvo genonale Ol/ll1/2ù16 Lmt d età {: ,18 2 FS Assstente ammnstratvo 01/ Hne esonero 15 OpeJ<ltorE' 2 F2 ammnsttarvo 01/06/1016 r-r--! F3 Lmt d eta Assstente amm-m1stratno 01/08/2016 Lmt df eta Operatore 17 2 ammnstratvo 01/06/2016 Llmt d, eta l's Operatore F1 ammnstratvo J' 01/ Lmt d età C 28.%4,86 gestjof1.01e ' Operatore ~ f2 ammnstratvo' 01/01/2016 lmt detà! l[ 30.SS3,60 '---r ~-----~~------l------~ Assstente 20 2 F4, ammnlst(atvo 01/03/2.016 Lmt! d eta! ,54 - j 12 1/ /2:'"-- ~~~~d_._tà~!-!!_'_34_'_4_24_,_54-1\1, 1-:~_'1_-+_, 2~t- F4~~+_,_~_:_:_~_s~_~_::_'_O_+l, 22 3 F6 Funzonaro area amm.'ja E' gurdco contenzoso 01/12/2016 f , Assstente ammnstratvo çestonala 01/02:;2016 Umtì tl<hà ~ As--sl"-ente-+----t---~, 24! 2' F2 amm!nstrs,{'lo 01/08/2016" lmt d età gestona e US.'7",l. J ,60! 25 3 F6 funzonaro area amm,v:) c gurdco Ol/06/20l6 1 lmt d eta : corotenxoso f--'--,---j~ r--,~-,_+-- FumlonanO' area! 3 ' amm.va e /01/2016 Fne esonero ( gurdlco! tontenlìoso ~~ 01/03/2016 [ lmlt. d, et' (30.593,60 Ol/OS/2016 Jm'tt d età 13

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218 REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Isttuto Comprensvo d scuola prmara e secondara d prmo grado n lngua talana BOLZANO II DON BOSCO REPUBLIK ITALIEN AUTONOME PROVINZ BOZEN SUDTIROL

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

$s 9) {o. s a '' - :' as \é. cs t-+ (A.N.C.E,A.O.) ..-.{i;f-; a) contribuire all'assisúenza sociale, alla istruzione e formazione

$s 9) {o. s a '' - :' as \é. cs t-+ (A.N.C.E,A.O.) ..-.{i;f-; a) contribuire all'assisúenza sociale, alla istruzione e formazione ^-l :.,ì.i h '.,.1. 'r î - ^i,-\, 'l.,1 i" \.:ii! l! g :, :;,i i/..''-,"$ r'iy -,ii-, )l 4: ".,. i' STA TTJTO DELLAASSOC AZONE NAZONALE CLUB EX ALLEV O.N,F.A. O.N,L.U.S. (A.N.C.E,A.O.) Art. 1-SEDE., _]_,,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

NUTRIRE IL MONDO, TUTELARE LA QUALITÀ

NUTRIRE IL MONDO, TUTELARE LA QUALITÀ TÀ E I R EE P L O PR TUA RE: A T LE ENT ggo L e TE M IN ALI un v gn e m on O d R m z AG ppe me, ov lno t no nn t e r e bo t f r lc e d pp T m Pr E, R I DO R T N U N MO RE À A T I L L I TE AL e v t t U

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

~: ~~.::.. ::... :.: ~ #é

~: ~~.::.. ::... :.: ~ #é AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBSUCHE.wMINISTRAZIONI CCNL relativo al riconoscimento al personale ATA del comparto Scuola dell'emolumento una-tantum avente carattere stipendiale di cui

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli