Dossier. di Claudia Farallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dossier. di Claudia Farallo"

Transcript

1 LEADER: CHI L HA VISTO? l tema della leadership è cruciale per il volontariato che, se vuole decidere dove andare, deve decidere che leadership darsi. I leader non sempre coincidono con coloro la cui carica ai vertici dell organizzazione è formalizzata: ci possono essere presidenti assai poco leader. Leader è una parola inglese che significa colui che conduce (e chi lo riconosce come tale è il follower, colui che segue ): sa motivare, e sa trascinare verso l obiettivo. Naturalmente ci sono tanti modi di essere leader. C è quello carismatico, che vede una persona dotata di capacità, ma soprattutto di fascino porsi in modo naturale alla testa del gruppo. E c è quello democratico, che si basa piuttosto sulla capacità di raccogliere consensi attorno a programmi ed obiettivi. E ci sono, ovviamente, tanti modelli intermedi quanti sono i leader. Oggi in politica prevale decisamente il modello carismatico, basato sull immagine, la verve, la simpatia. Bisogna ammettere che il modello carismatico in qualche situazione funziona, ma a lungo termine mostra dei limiti: non stimola partecipazione, non responsabilizza, non fa crescere gli altri membri del gruppo, non permette quell alternanza nei ruoli di potere che porta innovazione. Il modello democratico, invece, permette tutto questo. A meno che non si burocratizzi e non si cristallizzi in una piramide di poteri che si sostengono l un l altro, o che viceversa non anneghi nelle sabbie mobili dell assemblearismo. Il volontariato moderno è stato fondato, negli anni settanta-ottanta, da leader carismatici. Uno per uno, però sono usciti o stanno uscendo di scena. C è qualcuno in grado di sostituirli? I dati sul volontariato ci dicono che le organizzazioni sono sempre più numerose, ma sempre più piccole. Significa forse che ogni persona un 51

2 po intraprendente costruisce attorno a sé un sodalizio che lo gratifica riconoscendolo come capo? Ma questi capi diventeranno leader? E i loro gruppi sopravvivranno alla loro uscita di scena? O forse il problema è che le organizzazioni sono ormai così irrigidite nelle dinamiche interne, da non essere più capaci di accogliere nuovi membri, per cui la voglia di partecipazione si esprime per forza di cose in nuove organizzazioni? Resta il problema che, per essere efficaci e contare, bisogna crescere. E che per crescere bisogna avere una buona leadership. Maschio, maturo, centrista ecco chi comanda nel volontariato Una ricerca ha studiato i leader del terzo settore, e le loro carriere di Claudia Farallo La letteratura sulla leadership si è finora concentrata sulle imprese e sulla pubblica amministrazione, lasciando sostanzialmente in ombra il mondo del Terzo settore. Proprio per colmare questa lacuna, nasce la ricerca I leader del terzo settore. Percorsi biografici, culture e stili di leadership, a cura di Ivo Colozzi e Riccardo Grandini (Franco Angeli 2008), che si incentra sui responsabili di organizzazioni di volontariato, cooperative e associazioni di promozione sociale. Identikit dei leader Maschio in età matura, religioso, istruito, lavoratore, di credo politico centrista, con più di due anni di esperienza nell associazione. Queste le caratteristiche del leader emerse dalla ricerca sulle organizzazioni di volontariato. I leader presi in esame sono presidenti (64%), vicepresidenti (14%) e consiglieri (22%), di cui il 7% responsabile a livello nazionale, il 12% a livello regionale, il18% a livello provinciale ed il 63% a livello locale. Rispetto al sesso d appartenenza, emerge con chiarezza che i leader delle 52

3 organizzazioni di volontariato sono per la maggior parte maschi (74%), soprattutto nella posizione presidenziale (78,1%). Da sottolineare che questa percentuale è molto superiore a quella rilevata complessivamente nel Terzo settore, in cui i leader uomini rappresentano il 66,5%. Anche l età sembra un fattore di rilievo, in quanto i leader hanno una maggiore anzianità e quindi una maggiore esperienza rispetto agli altri volontari. La grande maggioranza, infatti, ha più di 51 anni (64%), mentre i dati Istat rilevati complessivamente sui volontari indicano che solo il 36,8% supera i 54 anni. I leader del volontariato hanno un età media superiore anche rispetto a quelli dell intero Terzo settore: circa 53 anni contro i circa 49 del non profit. In particolare, i leader nel Terzo settore tra i 51 e i 60 anni sono solo 25,2% (contro il 29% del volontariato) e gli over 60 solo il 23,5% (contro il 35% del volontariato). Va anche sottolineato che nel volontariato 8 leader su 10 con più di 60 anni sono uomini. Al crescere dell età dei leader si riscontra, inoltre, una crescita parallela della loro religiosità. Per quanto riguarda quest aspetto, il 68% dell intero campione si dichiara molto o abbastanza religioso, seguito dal 22,7% di poco religiosi e dal 9,3% di non credenti in nessuna religione. Rispetto alla collocazione politica, inoltre, i leader del volontariato sono per lo più centristi (34,6%), superando in questo i dati sull intera popolazione italiana votante. Percorsi I leader hanno uno status culturale superiore rispetto alla totalità dei volontari (dati Istat). Quasi la metà dei leader, infatti, ha conseguito il diploma di maturità (49,5%) e molti possiedono una laurea (24,2%). Solo il 16,2%, invece, ha la licenza media o di avviamento, l 8,1% il diploma universitario. Sono solo 2 su 100 quelli con licenza elementare o nessun titolo e neanche uno, invece, ha conseguito un titolo post laurea. I dati della ricerca, inoltre, smentiscono la leggenda secondo cui chi si impegna nel volontariato è pensionato, casalinga o disoccupato. Ben il 59,2% dei leader, infatti, ha un occupazione lavorativa, soprattutto come dipendente nel settore privato (25,5%), mentre casalinghe, studenti, volontari in servizio civile e disoccupati raggiungono solo il 6,1%. Bisogna rilevare, però, che i leader pensionati e i ritirati dal lavoro rappresentano comunque una fetta consistente (32,7%). Molti leader si sono impegnati precedentemente in altre organizzazioni del terzo settore (36,1%) ed il 20% ha avuto esperienze di dirigenza nelle 53

4 imprese di mercato. Mentre da quando sono entrati nell attuale organizzazione, la maggior parte (60%) ha dovuto attendere più di due anni prima di ricoprire la posizione di leader. Sembrerebbe, dunque, che la posizione di leader si raggiunga soprattutto attraverso una vera e propria carriera interna all organizzazione. C è però da sottolineare che questo è vero soprattutto per i maschi, mentre le donne hanno avuto, generalmente, un esperienza di vita associativa più breve. Un leader tanti stili Meglio un leader che si impone, ma dà sicurezza ed efficienza, o un leader collaborativo, che sa motivare? Forse basta che non sia esaurito di Claudia Farallo I primi studi sulla leadership sostenevano che leader si nasce e non si diventa. Le qualità più importanti sarebbero: intelligenza (intesa come capacità critica) decisionalità, conoscenza, facilità di parola; personalità (nel senso di adattabilità), attenzione, creatività, sicurezza e fiducia in se stessi, capacità di controllare le emozioni, indipendenza e socievolezza; abilità nell ottenere la cooperazione, nel cooperare, popolarità e prestigio, tatto, diplomazia, abilità nel dirigere. La lista sembra poter essere infinita. Successivamente, il discorso sulla leadership si fa più complesso. La griglia manageriale elaborata da Blake e Mounton nel 1964 identifica cinque diversi stili di leadership: Esaurito: definito anche povero o laissezfaire, cerca soprattutto di evitare problemi, esercitando il minimo sforzo per fare eseguire il lavoro richiesto con lo scopo principale di mantenere lo spirito di appartenenza all organizzazione. Circolo ricreativo: definito gruppo di amici, è orientato alla relazione e mira a creare un atmosfera sicura, confortevole e familiare, con l auspicio che in questo modo i dipendenti producano di più. Compito: orientato alla produzione, consiste nell usare potere ed autorità per fare pressione sui dipendenti in modo da far raggiungere nel minor tempo possibile gli obiettivi. 54

5 Metà strada: tiene conto mediamente sia della produzione sia della relazione, quindi bilancia i bisogni dei dipendenti con la necessità dell organizzazione. Squadra: ha un alto interesse sia per la relazione sia per la produzione, ottenendo i risultati grazie al coinvolgimento delle persone sul comune obiettivo. Gli studi più recenti considerano anche la variabile situazionale, giudicando una leadership in base alla capacità di saper individuare e di sapersi adattare alle dinamiche di una particolare situazione. Secondo Fiedler (1967), si può fare analizzare una situazione combinando tre fattori: la posizione di potere del leader: a seconda che sia più o meno forte, determina una differente quantità di energia da impiegare. la struttura del compito: ha insita una maggiore o minore controllabilità del lavoro, in base alla quale muterà l intensità dello sforzo di motivare e guidare i collaboratori. i rapporti interpersonali tra leader e componenti del gruppo: un leader può essere accettato anche solo in base alla sua posizione, ma quando gode della piena fiducia dei collaboratori non ha bisogno dell appoggio dell organizzazione per esercitare la sua influenza. Le doti personali e il contesto Non si è leader sempre e comunque: il contesto in cui agisce è determinante di Claudia Farallo Il grande dilemma, si nasce o si diventa?, sembra avere una soluzione non tanto scontata: non si è leader, né lo si diventa una volta per tutte. La leadership, infatti, non sarebbe un qualcosa che ci si porta sempre dentro, ma sarebbe invece un ruolo possibile solo in uno specifico contesto, difficile da decidere a priori. A spiegarci meglio questo pensiero è Anna Grimaldi, Responsabile dell Area politiche per l orientamento dell Isfol Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori. 55

6 Non esiste un prototipo di leader Fin dall antichità, molti sono stati i pensatori che hanno tentato di individuare il segreto dell essere leader. Tuttavia, «definire i tratti che caratterizzano un leader è una cosa abbastanza ardua: non possiamo avere delle persone che sono leader in un organizzazione e non lo sono in un altra». Questa ipotesi è particolarmente evidente nell attuale mercato del lavoro, dove aumenta la flessibilità e la possibilità di avere più di un impiego. Studiando queste dinamiche, si è visto che la stessa persona, mentre svolge un ruolo di leadership in un organizzazione, può non mantenerlo in un altra. Questo dimostra, secondo Grimaldi, «che in realtà non esistono delle ricette o delle variabili che individuano quel leader perché più intelligente, preparato, perché si mette in discussione, perché ha capacità di delegare (tutte variabili correlate al ruolo di leadership) ma che invece esiste un interazione tra alcune caratteristiche personali e alcune variabili situazionali, che poi determinano che quella figura diventi il leader dell organizzazione». La leadership sembra manifestarsi in maniera spontanea grazie al riconoscimento degli altri membri dell organizzazione, così che non sia possibile definire a priori o dall alto chi in effetti ricopra quel ruolo. È curioso, a questo proposito, notare come il ruolo di leader sia l unico a non essere indicato negli organigrammi. «È una caratteristica importantissima del leader», fa notare Grimaldi. «Se lei va a vedere l organigramma di una qualsiasi organizzazione», spiega, «troverà tutte le diverse posizioni. Troverà i quadri, troverà ruoli operativi, ruoli manageriali, ruoli esecutivi, ma non troverà mai la figura del leader». Non c è differenza tra leader non profit e leader for profit Pensando al mondo del volontariato, dove non è presente l incentivo del denaro, potrebbe venire spontaneo ipotizzare una maggiore importanza delle doti carismatiche e di inclusione, rispetto ad un carattere più autoritario e severo del contesto lavorativo. Ma per la ricercatrice «potrebbe essere benissimo il contrario e funzionare ugualmente. Dipende sempre dall intreccio dei fattori». A cambiare non sarebbe tanto lo stile di leadership, quanto piuttosto gli obiettivi dell organizzazione: «il leader è comunque quello che riesce a farsi seguire, che riesce a raggiungere gli obiettivi, indipendentemente da quelli che sono». 56

7 Paradossalmente, potrebbe verificarsi il contrario, cioè che «bisogna motivare di più le organizzazioni dove invece le persone sono retribuite che non quelle di volontari, che generalmente hanno un livello di motivazione molto alto». Inoltre, «in organizzazioni giovani, che sono più tipiche del volontariato, c è una forte volontà e si è più motivati», fa notare, mentre «ci sono dei casi in cui, in organizzazioni molto anziane e che hanno una cultura radicata, la motivazione è una delle prime cose di cui si deve occupare un leader». Come si conquista il gruppo Competenza, impegno, capacità di valorizzare le competenza. Così due leader raccontano la loro esperienza di Claudia Farallo Cosa significa essere leader di un organizzazione di volontariato? Ne abbiamo parlato con il presidente (Giovanni) ed il componente del comitato esecutivo di un associazione (Roberto) che si occupa di protezione civile. Il leader eletto «Nessuno di noi è imposto dall alto», dichiara Roberto, «quindi deve conoscere il proprio lavoro, deve darsi da fare forse più degli altri e deve farsi rispettare. Inoltre si deve sempre mettere in discussione, perché tutte le discussioni che si fanno, pro o contro, portano a una crescita di tutto il nucleo e non sono fatte per difendere interessi privati». Un leader eletto deve avere, oltre che competenza e impegno, anche apertura verso gli altri volontari. Questo, infatti, permette di apparire saggi e ben disposti verso le competenze degli altri membri del gruppo, senza per questo essere delegittimati. Una scelta, questa, che sembra particolarmente legata alla volontarietà della partecipazione, come fa notare il presidente: «essendo un associazione di volontariato, la gente non sta lì per svolgere un attività lavorativa, quindi ci deve essere, da parte di chi gestisce, la capacità di dare spazio alle persone perché possano dire la loro e per spiegare certe scelte che vengono fatte». 57

8 Sapersi imporre Ma ovviamente ci sono alcuni momenti in cui è necessario che le persone facciano quello che il responsabile decide, senza avere necessariamente il tempo di discutere. «Di fronte ad un emergenza o allo stress», sottolinea Giovanni, «il leader si deve imporre anche dal punto di vista gerarchico». Ma anche in questi casi, il leader deve godere prima di tutto della fiducia da parte del gruppo. In primo luogo, attraverso la sua competenza. Per Roberto «tu credi a una persona se credi nelle sue capacità e ti dà affidamento, perché, se mi rimangio quello che ho detto, inizio ad avere incertezze o non rispondo a qualsiasi domanda che mi si pone, io ho chiuso». In secondo luogo, attraverso la condivisione delle decisioni e delle azioni con gli altri volontari. «È importante dare la possibilità di esprimere la propria opinione, facendo sentire il volontario parte attiva nel processo decisionale», suggerisce il presidente, «ma è anche importante prendere parte attivamente alle operazioni. Non basta, infatti, assumere la giusta decisione, ma anche dimostrare che si è disposti in prima persona ad attuarla». Dare spazio a chi è più preparato In terzo luogo, si conquista fiducia attraverso la capacità di valorizzare e di dare credito ai volontari, mescolando efficacemente le diverse professionalità a seconda delle situazioni. «Cerco di affiancarmi», ammette Roberto. «Se sei una squadra motivata e ognuno ha le proprie competenze, il responsabile deve capire cosa fare, sapere chi lo sa fare e nel momento giusto metterci dentro le persone giuste», anche perché, continua, «il leader deve essere un punto di riferimento per gli altri. A livello di operatività, tante volte il leader sulla carta non coincide con il leader effettivo». Concorda Giovanni, che sottolinea come «questo non ti fa perdere leadership, anzi te la legittima perché fa capire che sei una persona che riconosce i propri limiti e che non abusa del ruolo che ha». L ideale sarebbe, secondo Roberto, «che ci fossero tanti leader, ognuno per le proprie capacità. L importante è che poi faccia tutto capo al responsabile». Questa suddivisione dei ruoli di leadership è anche funzionale alla sopravvivenza dell organizzazione. «Non può essere tutto in capo a te stesso», suggerisce Giovanni, «ma devi delegare le funzioni e conservare il ruolo decisionale e di coordinamento», anche se, così facendo, si può talvolta incorrere nella perdita della fiducia da parte del gruppo: «la gente 58

9 è abituata al dittatore che prende le decisioni per tutti», suggerisce, «quindi la delega viene presa come mancanza di leadership, come se una persona che non è autoritaria su tutto fosse uno che non ha il nerbo». Troppo carisma fa male In particolare, il leader più dannoso ai fini della sopravvivenza dell associazione sembra essere quello carismatico, come dichiara il presidente: «se c è un leader carismatico, non uscirà mai fuori nessuno anche se ne ha le capacità, perché viene schiacciato». «Tutti si riconoscono in quello», prosegue, «e, salvo conflitti, non emerge nessun altro. Il modello del cedere le deleghe, invece, serve per fare emergere delle capacità all interno dell associazione. Ci deve essere la possibilità da parte dei volontari di assumere delle responsabilità, costruendo così i dirigenti del futuro». Quando il capo è difficile La storia di due volontarie in servizio civile, e del loro impatto con un capo autoriario di Claudia Farallo Due storie, un solo leader. Sembra la prova che chi è leader per uno, può non esserlo per l altro. Due ex volontarie, in servizio civile presso la stessa organizzazione di volontariato, ci hanno raccontato la loro esperienza nel medesimo progetto, ma in due edizioni diverse. Anna, nonostante abbia inizialmente continuato il rapporto con l associazione, ha poi chiuso definitivamente a causa del cattivo modello di leadership; Francesca, invece, è tuttora volontaria attiva nell associazione, supportata da due differenti leader. Su una cosa le due ragazze sono d accordo: il solo fatto di essere presidente dell associazione non rende automaticamente leader. L inizio dell esperienza, infatti, è stato difficile per entrambe. «Noi eravamo un esperimento di servizio civile», confessa la prima volontaria, «quindi non c era la cultura di nuove persone che potrebbero portare innovazione all interno dell associazione, forse avevano paura». Conferma la seconda: «per i primi sei mesi mi sono sentita sempre costantemente sotto prova e sotto esame». 59

10 Autorità e autoritarismo Per Anna la situazione non è mutata: ha finito il suo progetto con l amaro in bocca. Il presidente dell associazione le è sembrato troppo autoritario e gerarchico. «È stato un leader di tipo negativo, cioè colui che impone le proprie idee verso un obiettivo che magari non è nemmeno condiviso, mentre il leader, attraverso il proprio carisma e il proprio modo di essere, riesce ad avere la stima delle persone e le indirizza verso un obiettivo. Una è un imposizione e l altra una condivisione». Invece, col passare dei mesi, la situazione di Francesca si è gradualmente evoluta in positivo: «è stato molto difficoltoso», dichiara, «avrei voluto forse una maggiore apertura fin dall inizio, un po più di fiducia: invece è stata proprio una conquista». A convincerla della bontà del presidente, è stato proprio quel suo esempio di fermezza e costanza, che all inizio forse era stato mascherato con la chiusura. Il grande insegnamento che questa volontaria conserva dalla sua esperienza è proprio il riuscire a trovare coraggio e determinazione per raggiungere i propri obiettivi: «si lotta con le unghie e con i denti finché non li si raggiunge». Una piccola apertura si è verificata anche per Francesca, anche se come si suol dire la frittata ormai era fatta: «è ovvio che col passare del tempo, con la fiducia, ci sono state delle aperture: riconosceva le competenze», ammette. Ma non le è mai andato giù il suo atteggiamento di superiorità: «ci vedeva molto come io sono grande, voi siete bambine», ricorda. Oppure scadeva nel ricatto, rivelando così non solo poco rispetto, ma anche un idea errata del servizio civile: «a noi diceva più o meno così: voi venite pagate e quindi fate quello che dico io» Di certo l esperienza di Anna non è stata così negativa, ma per i primi mesi le è stato fondamentale il supporto di un altra volontaria interna all associazione: un vero e proprio leader, anche se meno esplicito. «Pur essendo una persona molto diplomatica e discreta», racconta, «in tanti momenti di cedimento e di stanchezza, parlare con lei ci ha fatto vedere come la cosa potesse avere un altra faccia della medaglia e quindi ha contribuito ad incoraggiarci per andare avanti». Quello che distingueva le due persone era proprio il differente stile di leadership: l uno più autoritario e pragmatico e l altro più sensibile ed attento all emotività. «Se era una questione prettamente professionale sapevi a chi rivolgerti, così da avere la tranquillità di svolgere quella cosa pratica in un certo modo; per una questione più emotiva sapevi di rivolgerti all altro, perché eri sicura di trovare una risposta», confessa la volontaria, che sottolinea: «sono due persone con due ruoli completamente 60

11 distinti. Se fosse mancata una delle due, si sarebbe sentita la mancanza dell altra». Fine progetto: è davvero la fine? Entrambe le ragazze hanno deciso di rimanere in associazione anche dopo la fine del progetto di servizio civile. Anna ha continuato a frequentare la sede, una o due volte a settimana, per dare una mano ai nuovi volontari in servizio civile trasmettendogli l esperienza maturata in un anno. Successivamente, le è stato proposta la partecipazione ad un progetto vero e proprio. Tuttavia il tentativo si è rivelato fallimentare. A renderlo tale sono state proprio l autorità e la durezza del presidente. È bastata la richiesta, da parte della volontaria, di un momento di riflessione intorno ad una questione prettamente burocratica, per ottenere una sentenza dura e senza possibile replica: «mi disse allora niente, il tuo rapporto è finito qui», ricorda, «e io dissi va bene, è finito qui. La vide proprio come una questione di fiducia, come se io non avessi fiducia in quello che stava facendo lei». Francesca, invece, tuttora si impegna come volontaria presso l associazione ed anche adesso collabora con entrambi i leader. Come diventare leader in poche mosse Due formatori suggeriscono come formare nuovi capi, naturalmente a seconda del modello che si vuole adottare Il punto: cosa serve ai volontari? di Francesca Romana Busnelli* La leadership può essere definita come la scelta di avere a che fare con le persone In ogni organizzazione dovrebbe esistere qualcuno che sia capace di far girare il motore stesso dell organizzazione: le persone. In molti settori, ma forse anche nel mondo del volontariato, si potrebbe dire che un bravo leader è capace di mettersi accanto dei bravi manager che assolvano per lui agli aspetti più formali e tecnici della vita organizzativa. *Studio di consulenza e formazione Aliante 61

12 In realtà nel volontariato abbiamo soprattutto esempi di persone che definiamo carismatiche : coloro attorno ai quali i gruppi si formano e crescono, coloro che danno le spinte motivazionali, spesso sono anche coloro che lavorano di più, quasi per dare il buon esempio. Questo ci fa dire che nel volontariato viviamo di leader e che forse da poco siamo in presenza della necessità della parte più organizzativa e manageriale. Il management è più facile da acquisire, la leadership è maggiormente legata alle disposizioni personali per dirlo in modo semplice. Chi studia i tratti di personalità, direbbe che si nasce con alcune caratteristiche tipiche del leader (fiducia in se stesso, senso di responsabilità, spirito di iniziativa, tenacia, audacia, capacità di influenzare il comportamento degli altri, umorismo...), ma c è anche chi sostiene che la leadership sia il frutto dell interazione e dell interdipendenza tra capacità personali, competenze acquisite, aspettative altrui e contesti nei quali ci si trova ad agire. In questa ottica si può imparare ad avere delle competenze da leader. Troviamo allora diverse strade e proposte: c è chi dice che il leader impara soprattutto dall esperienza e dal feedback del campo e che è aiutato dalla sua storia personale, dal carattere, dalla storia professionale e manageriale... C è invece chi sostiene che la leadership possa essere condivisa e distribuita nelle organizzazioni: ognuno mette la propria parte, le proprie competenze in un ottica di vera disponibilità reciproca e di capacità di delega e di piena fiducia Il punto è: cosa serve ai volontari? Cercano dei leader o dei capi o dei manager che li facciano lavorare bene o hanno voglia di farsi carico della propria organizzazione, imparando l attenzione all altro (volontario e non solo esterno!), imparando le regole per comunicare in modo chiaro e preciso, oltre che rispettoso, imparando a gestirsi le conflittualità interne, a prendere decisioni condivise, a dare fiducia e a delegare realmente? Se è questo ciò che serve alle nostre organizzazioni forse possiamo impararlo. 62

13 Un confronto, quasi un test Leggendo queste definizioni in gruppo dove siete e cosa vi manca? Leadership I leader sono persone che fanno la cosa giusta (Warren Bennis) Leadership significa affrontare il cambiamento (John Kotter) I leader si preoccupano di cosa significano le cose per le persone (Abraham Zaleznik) La leadership si focalizza sulla creazione di una visione comune (George Weathersby) Management I manager sono persone che fanno le cose giuste nel modo giusto (Warren Bennis) Management significa affrontare la complessità (John Kotter) I manager si preoccupano di come le cose vengono fatte (Abraham Zaleznik) Il management è la pianificazione del lavoro ha a che fare con il controllo (George Weathersby) a cura di Francesca Busnelli A lezione dalle anatre di Marco Crescenzi* Ad ogni battito di ali, ogni anatra crea una corrente ascensionale che aiuta gli uccelli che volano dietro di lei. Volare in una formazione a V aggiunge il 70% in più di potenza nel volo rispetto a quando un uccello vola da solo. Quando un anatra esce dalla formazione, sente immediatamente la fatica e la resistenza del volare da sola e velocemente torna nella formazione per avvantaggiarsi della spinta dell uccello davanti a lei. Quando l anatra che sta a capo della formazione diventa stanca, si sposta all indietro nella formazione e un altra prende il suo posto alla guida del gruppo. Le anatre nel retro della V starnazzano per incoraggiare gli altri uccelli nella parte anteriore della formazione a mantenere la velocità. Se un anatra viene colpita da un cacciatore o se si ammala, due altre anatre lasciano la formazione e la seguono per aiutarla e proteggerla. Rimangono con lei finché riesce a volare di nuovo oppure finché muore 1. Il non profit è composto da leader-fondatori di grande buona volontà e generosità, spesso anziani ed apparentemente inamovibili. I giovani dirigenti non raramente nascono già vecchi perché cooptati e cresciuti in *Presidente ASVI- Fondazione per lo Sviluppo del Non Profit; Fondatore e Coordinatore di Leader2Leader 63

14 un clima culturale scarsamente internazionale ed aperto al nuovo, più attenti all appartenenza che allo scambio, più conservativi che curiosi, più attenti a rincorrere bandi che a creare servizi innovativi. Le vision che dovrebbero sviluppare e diffondere, sono spesso residuali:ci si considera dei servitori, tappabuchi di un welfare a buon mercato, più che soggetti di governance, di pari dignità. Siamo pieni di cose fatte e di piccoli comunicati stampa come flebili cinguettii nell ora di punta di una grande metropoli. Abbiamo una rappresentanza tradizionalmente più intenta a tenere insieme se stessa che a proporre politiche. Come uscirne? Curare il talento: che si avanzi non solo per anzianità di servizio (come nell esercito) ma anche per meriti. Riconosciamo e supportiamo quotidianamente le capacità, attraverso buona formazione, letture, networking. Visite di studio all estero. Iniziamo ad andare e/o mandare i nostri operatori all estero, in particolare nel Regno Unito, a fare percorsi di studio, anche brevi. Torneranno più motivati, innovativi, ricchi di spunti. Programmi di scambio internazionale. Favoriamo lo scambio con gli operatori europei, che vengano anche loro ospiti da noi, ad es. per stage, e viceversa. Prendiamo persone che vengono dal for profit. Spesso più motivati, sempre più concreti e più attenti ai risulti ma spesso troppo tesi all obiettivo e poco attenti ai processi. Valutiamo il personale. Come possiamo crescere se nessuno ci valuta e si confronta con noi sulla qualità e potenzialità del nostro lavoro? Se non ci conosce abbastanza per investire adeguatamente su di noi? Sviluppare la leadership. Selezioniamo i nostri operatori anche con attenzione al loro potenziale, non è detto che debbano abbandonarci per andare altrove 1Tratto dai Master Internazionali ASVI- Lezioni sulla Leadership 64

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Promuovere Rapporti Interpersonali

Promuovere Rapporti Interpersonali Promuovere Rapporti Interpersonali Obiettivi: Sensibilizzare maggiormente i soci sulla necessità del lavoro di squadra e di allacciare a tal fine rapporti interpersonali Fornire ai governatori distrettuali

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE 1 Indice 1. Premessa 2. Obiettivo 3. Le competenze del profilo ideale Competenze 3.1. Età ed esperienza 3.2. Le reali competenze

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte -

Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - Intervista a un Temporary Manager - Seconda Parte - di Valentina Gagliardo Facciamo seguito all articolo del mese scorso sul tema Temporary Manager. L intervista a Gian Andrea Oberegelsbacher prosegue

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli