Appunti sulla Leadership Educativa di Andrea De Dominicis. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti sulla Leadership Educativa di Andrea De Dominicis. Introduzione"

Transcript

1 Appunti sulla Leadership Educativa di Andrea De Dominicis Introduzione Devo riconoscere che il compito richiesto dal predisporre questo Modulo, non è stato facile. La letteratura sul tema della leadership è smisurata, spesso ripetitiva, così come lo è la letteratura divulgativa o le migliaia, centinaia di migliaia di pagine web dedicate al tema. Lo stesso si può dire per il tema dei gruppi. Una giungla di informazioni, di cui alcune suggestive altre meno, spesso suadenti, tentatrici, con ricette ben confezionate che inducono a leggere. Non è stata facile la scelta, se fornire una dignitosa rassegna della letteratura, seguire tentazioni prescrittive o fornire stimoli per la riflessione. Non è stato facile nemmeno rispondere alla domanda, se sia possibile acquisire competenze di leadership attraverso un modulo didattico. Ci sono troppe domande a cui rispondere prima ancora di questa. Forse la più importante è quella alla base di ogni discorso sulla leadership, ovvero: leader si nasce o si diventa? E poi, da dove si origina tanto interesse per questo fenomeno? Che rapporto esiste tra leadership e potere? La ledership è un fenomeno dipendente dal contesto? Esistono leadership diverse per diverse organizzazioni? Per chi, come me, è abituato a lavorare con la leadership, piuttosto che a parlare di leadership, non risulta facile tradurre nell ordinato linguaggio della scrittura (che richiede la sua sintassi lineare) il mondo paludoso delle percezioni, delle scelte e delle decisioni che contraddistinguono la leadership. Henry Mintzberg 1 ha affrontato questa difficoltà, andando a studiare sul campo quello che fanno veramente i dirigenti, scoprendo quanto siano lontane le prescrizioni della teoria dalla realtà dei fatti. Il suo Management tra mito e realtà 2 rimane una pietra miliare (anche se troppo spesso dimenticata) dello studio del comportamento dei dirigenti. La tentazione delle prescrizioni è sempre forte. Forse dipende dal fascino di una realtà ordinata e comprensibile, o dal desiderio di conoscere e controllare, o di trasformare in modello un sapere che si esprime nella pratica quotidiana dell agire e del decidere. Agire e decidere intesi non solamente come verbi mascolini (come l immaginario collettivo della leadership ci porterebbe a credere). Agire e decidere (anche passivamente) come espressioni dell agente umano 3, sempre e comunque intenzionale (proattivamente o retrospettivamente). Il tema della leadership è antico come il mondo. Condottieri, santi, profeti, eroi, tiranni, rivoluzionari o tessitori di intrighi si sono avvicendati sulla scena, colpendo spesso la nostra immaginazione. Spesso la storia è stata raccontata come storia di leader, come se questi individui speciali avessero potuto fare qualcosa se non ci fossero stati altri a chiederlo? farglielo fare? aspettarsi che lo facciano? Ci sono davvero individui speciali? Ed in cosa sono speciali? Come se la storia non fosse storia di relazioni, sempre (o quasi sempre) asimmetriche, spesso caotiche e casuali, cui poi il sensemaking 4 umano fornisce la coerenza Mintzberg La Human Agency intenzionale che da Tolman a Bandura ha portato sempre più sulla scena l uomo cognitivo 4 Weick

2 Devo aggiungere, poi, la difficoltà di una situazione come questa, dove io non so dove si trova chi legge, cosa stia facendo nel frattempo, con quali occhiali legge queste pagine, e lui o lei non sanno dove mi trovo io, da quale prospettiva parlo, con quali conoscenze ed esperienze (e punti di vista) mi dispongo a discutere. Mi si potrebbe dire che sarebbe ragionevole affrontare la questione come si affronta la scrittura di un libro e, quindi, utilizzare le regole della saggistica. Ma, per questo, sarebbe allora sufficiente fornire un robusta bibliografia senza dover realizzare alcuna forma di comunicazione a due vie. Non sono convinto appieno che questa sia la strada migliore, trattandosi non di un saggio sulla leadership ma di una situazione di insegnamento/apprendimento intorno alla leadership, in cui la relazione è per certi versi fatto fondante. Allora come affrontare l argomento? Cosa selezionare e privilegiare per fornire un quadro coerente, stimolante ed utile alle diverse ragioni che giustificano l esistenza di questo Modulo? Come affrontarlo? Presentando un ordinata serie di contributi che permetta a chi legge di farsi un quadro degli studi e delle principali teorie? O fornendo una serie di stimoli che provochino domande e riflessioni per costruirsi una propria risposta sull argomento? Senza indugiare oltre nelle domande, quella che segue è la proposta che faccio a chi si appresta a studiare questo Modulo, consapevole di non esaurire l argomento. La bibliografia potrà rappresentare un supporto a chi intende misurarsi con l approfondimento di questo tema affascinante. La nostra Road Map Esiste un problema di Direzione? Ma cos è la leadership? Tra stili, orientamenti e situazioni Il tema della Leadership Educativa Lavorare sul confine La leadership e il Gruppo di Lavoro Perché i contenuti del modulo possano permettere una qualche forma di interazione, consiglio a tutti di contattarmi per chiedere chiarimenti o semplicemente per farmi avere commenti. Le esercitazioni conclusive dovrebbero permettere a ciascuno di rivedere il percorso e fare il punto di dove si è arrivati A tutti, buon lavoro! 2

3 1. Esiste un problema di Direzione? E difficile discutere del tanto interesse nei confronti della leadership educativa senza tener conto della sua importanza in quanto leva di trasformazione dei cambiamenti in atto nei sistemi globali. Se la produzione di ricerca e di letteratura (più o meno scientifica) riflette l importanza di un determinato tema nelle collettività, è certo allora che la smisurata produzione in materia di leadership (non solo educativa) ci segnala la cogenza di questa nell orientare, sostenere o eventualmente contrapporsi e limitare, lo sviluppo delle organizzazioni nel senso in cui se lo attendono i sistemi sociali più ampi in cui sono inserite. Ma non è solo il settore dell Istruzione ad essere interessato da questi fenomeni. Se è possibile affermare che esiste un problema di leadership in generale questo è ancora più evidente in alcuni specifici settori della vita sociale. Il mondo della produzione guarda con sempre maggiore interesse a questo tema (che peraltro ha occupato da sempre un ruolo centrale nelle scienze dell organizzazione), considerandolo uno dei principali fattori di vantaggio competitivo. La questione è di immediata comprensione: in un mondo in cui l accesso alle risorse e alla tecnologia si è distribuito in forma sicuramente più omogenea rispetto ad alcuni anni fa, è il fattore umano (conoscenza, creatività, leadership, appunto) a diventare l elemento critico per la competizione. Il mondo delle organizzazioni di servizi (sociali, cooperativi, educativi, del tempo libero) ha visto fiorire negli ultimi anni un gran numero di percorsi formativi e di specializzazione tutti centrati su problemi e questioni manageriali. Lo stesso è avvenuto per la Sanità, per le Forze Armate, per i corpi di pace e per le organizzazioni internazionali. E evidente una preoccupazione generalizzata ed una grande attenzione ai problemi di coordinamento, guida e direzione di diverse tipologie organizzative che in passato sono state prerogativa di ambiti molto più ristretti (dapprima l ambito militare cui ancora si attinge in molti casi per trarre ispirazione 5 e poi, indubbiamente, il mondo della produzione industriale). Certamente anche il mondo delle Istituzioni ha una lunga e nobile tradizione: i lavori di Max Weber, di Michel Crozier e di Henry Fayol sono pietre miliari nello sviluppo di una Scienza dell Amministrazione Pubblica, così come anche la Chiesa Cattolica può contare su veri e propri testi di strategia organizzativa 6. Eppure queste produzioni memorabili sono rimaste fino a pochi anni fa all interno di circoli relativamente ristretti di studiosi ed addetti ai lavori mentre oggi sono studiati fin dai primi anni di Università e sono diventati oggetto di una crescente attenzione ( e fioritura) di lauree magistrali, master e percorsi di alta formazione. Esiste quindi un problema di Direzione? E diventato oggettivamente più difficile dirigere? Esiste una maggior richiesta di coordinamento e autorità nel senso di un vero e proprio bisogno espresso socialmente? Apparentemente dovremmo rispondere affermativamente. Un po tutti i ruoli di autorità sono entrati in crisi e le ragioni sono molte. Essere genitori è oggi fortemente problematico per la mancanza di modelli stabili, per la complessità dei rapporti di socializzazione, per l anomia che caratterizza significativamente la convivenza nelle città, per le tensioni (e i desideri) contrastanti cui gli adulti sono sottoposti. Insegnare (e ottenere l autorità per farlo) è diventata una vera e propria sfida nei confronti delle motivazioni, delle circostanze ambientali e delle crescenti implicazioni che stili di vita e processi di socializzazione avvenuti altrove hanno sugli allievi. L autorità del docente si è andata sgretolando in mancanza di quei regimi di convenzione sociale che le erano utili per sostenersi. 5 Basti pensare a quante volte viene utilizzato il memorabile lavoro di Von Clausewitz o il meno noto Sun Tzu 6 Lowney

4 Guidare gruppi ed organizzazioni è sempre stato oggetto di ambizione 7 e lo rimane tuttora. Eppure per evitare di arroccarsi all interno di cittadelle di ruolo, chiunque diriga deve continuamente rivedere, mettere alla prova e articolare meglio le competenze e i comportamenti di cui è capace. Non si riesce più a mantenere un ruolo di autorità per inerzia, anche se a seguito di un investimento iniziale. L autorità è continuamente messa alla prova, in un processo di revisione permanente. Sfuggire a queste revisioni utilizzando stratagemmi sta diventando sempre meno possibile e, soprattutto, sempre più stressante. Queste e molte altre considerazioni possono portarci a concludere che esiste un problema di direzione ovvero che la Direzione è diventato un problema! Probabilmente non è cresciuta significativamente la domanda di direzione. Al contrario: uno dei fenomeni sociali di maggior rilievo è proprio il generalizzato appiattimento gerarchico cui assistiamo. Famiglie sempre meno gerarchizzate in cui i genitori hanno dovuto apprendere a diventare amici dei propri figli. Classi sempre più interpretate come insiemi e gruppi in cui l insegnante deve far ricorso a tecniche di gestione delle dinamiche di gruppo piuttosto che costruire rapporti individualizzati. Organizzazioni in cui la tendenza all appiattimento (la lean organisation) è un processo in atto da molto tempo. E così via, in una tendenza generalizzata all acefalia organizzativa 8 che sembra rendere, oggettivamente, il bisogno di coordinamento sempre meno dipendente dalle qualità di una singola persona. Eppure l esigenza di coordinamento rimane, permane e attraversa la storia stessa dell umanità, meta-struttura apparentemente necessaria per l esistenza stessa di un insieme sociale, con buona pace dell anarchismo utopista. I sistemici spiegano questa esigenza attraverso le caratteristiche intrinseche del sistema, ovvero l esigenza strutturale di coordinamento tra le parti per ottenere la migliore cooperazione funzionale possibile (con finalità adattative). Spiegazioni di tipo socio-culturale o antropologico ci porterebbero a discutere concetti quali legami, cura, socializzazione, educazione, per spiegare la necessità di costruire, ricostruire e rivedere continuamente (adattandole al tempo) le strutture sociali attraverso cui esprimiamo (e creiamo l esigenza) di forme accettabili di coordinamento. Ma perché, dirigere è diventato un problema? Perché non è più sufficiente la motivazione innata alla ricerca di autorità (quella che David Mc Clelland chiamava motivazione al potere 9 )? Perché questa motivazione, questo bisogno, si è dovuto trasformare in competenza, spogliandosi di ogni alone emotivo e quasi sterilizzandosi nel linguaggio delle scienze dell organizzazione? Esistono, probabilmente, diversi ordini di ragioni e diverse modalità di lettura. Ci interesserebbe un discorso più approfondito, che riprenderemo più oltre. Non ci soddisfa, infatti, una spiegazione di tipo sistemico anche se in questa prima fase può esserci utile. Questa tendenza a rivestire di competenza un fenomeno più inerente alla stessa natura umana (la ricerca e il bisogno di autorità) può rispondere a mutate esigenze del contesto, a nuove aspettative nei confronti delle organizzazioni (anche quelle pubbliche). La maggiore accelerazione si è avuta nel corso degli ultimi venti anni, quando, sulla scia delle riforme sociali di tipo neo-laburista è avvenuta una generale rivisitazione del ruolo delle Istituzioni con la creazione di specifiche istituzioni dedicate alla formazione dei leader della Scuola D altronde avere autorità non rappresenta una delle principali molle del comportamento umano? 8 Brafman, Beckstrom Mc Clelland, Ci riferiamo ad esempio al National College for School Leadership inglese. E interessante notare che alla data in cui si scrive il College sta discutendo se aggiungere alla sua denominazione la parola for children s a significare che non si intende puntare solo sulla leadership d Istituto ma ad una leadership diffusa che coinvolga anche gli alunni 4

5 Nella fattispecie italiana, questa centralità è stata anche causata dalle riforme in senso dell autonomia scolastica, che hanno inevitabilmente indirizzato verso la dirigenza il focus dell attenzione. Questa attenzione si pone in continuità con la riforma della dirigenza nella Pubblica Amministrazione che Fedele 11 sintetizza così: Il punto di arrivo che meglio degli altri riassume la logica del cambiamento in corso resta forse rappresentato dalla fioritura di «carte dei servizi» che un po in tutti i paesi sono state approvate a partire dagli anni Novanta, lasciando in tal modo emergere quello che oggi viene considerato il problema di fondo delle burocrazie tradizionali, e cioè la capacita di trasformarsi da amministrazioni di regole che producono leggi e procedure peraltro spesso non applicate, in amministrazioni di risultato in grado di rispondere della qualità dei servizi offerti e dei costi necessari per produrli. La crescita di poli istituzionali dotati di maggiore autonomia operativa e finanziaria rappresenta un esempio dei nuovi modelli culturali ed organizzativi che caratterizzano il ruolo dello Stato e il suo rapporto con i cittadini nelle attuali società ipercomplesse. La riflessione di Atkinson 12 sul Welfare State ci può essere d aiuto per comprendere anche quello che è avvenuto nel mondo dell Istruzione. Il ruolo dello Stato è da molti anni al centro del dibattito. In misura differenziata tutti i paesi europei sono attraversati da continue discussioni ed analisi in cui gli economisti giocano un ruolo preponderante. L origine di tale dibattito si può ritrovare negli shock economici (recessioni e stagnazioni economiche che rappresentano una minaccia per la crescita indefinita della produzione di ricchezza) e demografici (in particolare l invecchiamento della popolazione, la scarsa natalità e i flussi migratori) degli ultimi anni che hanno posto al centro del dibattito due questioni fondamentali: 1. I costi del Welfare non sono sostenibili (in quanto aggravano il finanziamento pubblico) 2. Un Welfare troppo protettivo riduce la capacità di crescita di un paese (riducendo con logiche protettive la vivacità dei mercati) Sulla prima questione si potrebbe facilmente obiettare che la riduzione di altri capitoli di spesa (ad esempio quello sugli armamenti) permetterebbero anch essi un risparmio. E quindi evidente che si tratta di un argomentazione debole. Sulla seconda questione, invece, i risultati della ricerca sono controversi, soprattutto se si evidenzia l andamento dei tassi di crescita economica di quei paesi in cui è tradizionalmente forte l intervento di protezione sociale dello Stato (nord Europa e paesi scandinavi). In estrema sintesi si deve concludere che più che su constatazioni e dati obiettivi, la necessità di riduzione del Welfare è una questione squisitamente politica ed un occasione per riscrivere le regole dei patti di solidarietà intra ed inter generazionali. Seguendo l analisi di Atkinson si possono identificare alcune dei fattori che operano da propulsivo per il dibattito sul Welfare: la pressione di nuovi gruppi di interessi il valore culturale che ha assunto la cosiddetta sfida all incertezza (mentre il Welfare nasce come strumento per la riduzione dell incertezza) 13 la cultura del managerialismo di Stato i cambiamenti nei modelli di governance. Gli aspetti più interessanti per il nostro contesto sono gli ultimi due: lo sviluppo di una cultura del managerialismo di Stato e i cambiamenti nei modelli di governance. Cercheremo di declinare questi due aspetti non tanto nel più generale cambiamento dei modelli organizzativi delle Istituzioni Pubbliche quanto nelle sue ricadute sul tema della leadership. 11 Fedele Atkinson Havemas, cit. in Atkinson

6 A livello più generale i processi di cambiamento nella cultura e nell operatività del settore pubblico si muovono nel senso indicato da Fedele, ovvero da Amministrazioni di regole (cioè custodi delle procedure e delle norme) ad Amministrazioni di risultato (orientate al prodotto, nel caso specifico un cittadino soddisfatto). Sono evidenti in moltissimi campi i cambiamenti nel rapporto Istituzione/cittadino (chiamato oggi cliente), nei meccanismi di rappresentanza (il ruolo della concertazione e il maggior peso assunto dalle organizzazioni di consumatori), nelle politiche di comunicazione (dalle carte dei servizi ai bilanci sociali) nonché nel moltiplicarsi dei programmi di misura e miglioramento della qualità. Tutto ciò riflette il nuovo ruolo assunto dagli stakeholders 14 (cioè i nuovi gruppi e portatori di interessi nel senso di Atkinson) che nel caso delle politiche sociali ed educative sono molteplici e a differenti livelli (dagli utenti ai loro familiari, alle comunità locali che vogliono veder risolti i problemi fino al comune cittadino che, pagando le tasse, vuole ricevere un servizio adeguato). Gli stakeholders stanno ai responsabili delle politiche come gli azionisti stanno al management di un impresa. Questo è ormai un assunto culturale condiviso dalla maggior parte degli amministratori 15. Nel nostro caso questa cultura del servizio pubblico è uno dei drivers più potenti alla base dei processi di autonomia, di una maggiore decentralizzazione del potere, della ricerca di strutture organizzative più snelle ed efficaci. Questo pone un problema di Direzione ovvero quello ben noto dell autonomia operativa della Dirigenza e del suo rapporto con il potere politico 16. Dal punto di vista organizzativo pone problemi di metodo, competenze e, perché no, di caratteristiche personali, su cui dovremo ritornare. Pur concordando con molte delle argomentazioni di Serpieri 17, che include il managerialismo pubblico tra i principali approcci che influenzano la leadership educativa (d altronde come potrebbe essere diversamente?), non ne condividiamo le conclusioni, per la loro scarsa traducibilità in pratiche organizzative 18. Indubbiamente la democrazia è un valore e deve informare in quanto tale i comportamenti. E imprescindibile, però, fornire suggestioni per le pratiche di direzione (necessarie psicologicamente e socialmente, come avremo modo di argomentare altrove) e contestualizzare il comportamento nelle situazioni. E altrettanto importante collegare i valori sociali e culturali condivisi, con le esigenze e i fenomeni psicologici che caratterizzano la leadership e con il ruolo che svolgono le aspettative dei sistemi sociali più ampi in cui le organizzazioni sono inserite. Ed in ultimo (ma non per importanza) esiste una retorica della democrazia che sembra dimenticare che la libertà proviene dall espulsione del padrone interno, malgrado le sue proteste 19. Per quanto riguarda la questione della governance può essere utile dapprima intenderci sul significato del termine 20. Con governance si intende l insieme dei meccanismi con cui vengono prese le decisioni rilevanti in una determinata materia e si differenzia dal governo che definisce invece le strutture dotate di autorità formale per prendere quelle decisioni. 14 Per una trattazione sistematica della Teoria degli stakeholders si veda Freeman R. E. (Ed.), Anche se è opportuno distinguere le pratiche di stakeholders management dalla gestione del consenso, che interessa in modo particolare i politici. Nel caso dell Amministratore l influenza dello stakeholder è un fatto gestionale che deve essere tenuto in considerazioni per ragioni etiche e strumentali 16 Per una trattazione approfondita si veda D Alessio Serpieri Su questi temi è raro trovare un buon equilibrio tra pars destruens e pars costruens. A noi sembra che una delle sintesi più felici si trovi in Sennett Sennett, op. cit., pag Il tema della governance, per le sue implicazioni sulle caratteristiche e sulle competenze della leadership, verrà ripreso più oltre 6

7 In altre parole quando parliamo di governance noi ci riferiamo ai processi (più o meno partecipativi, consultativi, negoziali, ecc.) che portano alla presa di decisione politica ed istituzionale. Il dibattito sulla governance ha radici nei processi di globalizzazione e nell accresciuta competenza che i cittadini, in forma individuale ma più spesso in forma associata, hanno raggiunto. Maggior competenza che si traduce nell esercizio della cittadinanza attiva, cioè nell agire direttamente in difesa dei propri interessi (non necessariamente in una dimensione individualista e riduttiva ma molto più spesso rispetto a problematiche di portata planetaria quali l ambiente, lo sviluppo, il clima, l energia). Un esempio emblematico può essere considerata la consultazione che l Unione Europea ha avviato nel 2001 per riscrivere le regole di governo dell Unione nell ottica di un rinnovato rapporto con i cittadini. Questi linguaggi hanno avuto un forte impatto anche nel mondo aziendale, con l introduzione di termini quali cittadinanza organizzativa 21 Sarebbe un errore, quindi, considerare la governance come una nuova etichetta con cui definire processi di gestione la cui natura (fondamentalmente autoritaria anche se travestita da partecipativa) è sostanzialmente identica alle piramidi gestionali gerarchizzate. Essa indica, almeno in via teorica, un processo di maggior distribuzione del decision making, che nella fattispecie del nostro tema, ha forti implicazioni sulla leadership. Gli effetti di questi processi sui modelli di governo delle Istituzioni sono principalmente di tre tipi 22 : 1. Una concezione strategica dello Stato che passa da erogatore a pianificatore 2. La necessità di condividere il potere formale con nuovi attori 3. Nuovi meccanismi di gestione delle politiche che si rifletteranno in impianti legislativi quali la legge sul federalismo in discussione. Il nostro interesse si concentrerà inevitabilmente sui primi due effetti, che chiamano direttamente in causa l identità ed il comportamento dei leader. Capacità strategica e condivisione del potere formale rappresentano quindi due caratteristiche necessarie all esercizio della leadership. Questo è almeno appare come una precisa richiesta proveniente dai processi di cambiamento delle politiche e degli ambienti sociali ed economici in cui le organizzazioni operano. Si apre qui il problema del rapporto tra organizzazioni ed ambiente, i reciproci influenzamenti ed il ruolo (inteso come aspettativa) che svolgono. Questione annosa e di grande spessore. Ancora una volta (in questa fase) ci attesteremo su una prospettiva sistemico-funzionalista 23 per poi problematizzarla utilizzando le suggestioni di Senge 24 e la sua distinzione tra apprendimento adattivo e apprendimento generativo. Ciò non ci sembra contraddire il modello critico che nella 21 Il concetto di cittadinanza organizzativa è stato proposto da Bateman e Organ (1983): per indicare quei comportamenti e quei gesti utili all organizzazione che non possono né venire imposti sulla base dei doveri di ruolo né indotti dalla garanzia di una ricompensa contrattuale. Il comportamento di cittadinanza organizzativa consiste nel contributo informale che i partecipanti possono decidere di dare o rifiutare senza tener conto di sanzioni o incentivi formali. 22 Fedele M L approccio sistemico- funzionalista considera al centro della propria riflessione la questione degli obiettivi, o scopi, dell organizzazione. Tra questi obiettivi si postula l esistenza di un compito primario (primary task) la cui origine non è da ricercarsi all interno delle organizzazioni, bensì dalle aspettative dei sistemi più ampi all interno dei quali le organizzazioni operano. Ad esempio, una scuola fa parte del sistema educativo che a sua volta fa parte del sistema sociale più ampio. Ne consegue che i suoi obiettivi vengono generati all interno di un sistema di aspettative la cui fonte è esterna alla singola organizzazione. Ne derivano due constatazione. La prima è che l obiettivo primario per un organizzazione è la sopravvivenza e, secondo, che la possibilità di sopravvivenza dipenderà dalla capacità di adattamento alle richiesta dei sistemi più ampi. 24 Senge

8 passiva riproduzione dei modelli sociali all interno delle organizzazione, fonda proprio una delle sue principali critiche. 8

9 2. Ma cos è la leadership? Tra stili, orientamenti e situazioni Pochi temi hanno ricevuto tanta attenzione, anche a causa dell importanza che la leadership riveste nelle culture organizzative occidentali, fortemente caratterizzate da una prospettiva individualista e dalla pressione crescente della competizione. In altre culture questo tema ha un minor appeal a favore di un maggior interesse per il lavoro di squadra e comunque collettivo 25 (come nella cultura giapponese). Anche nel campo delle ricerche sulla leadership è avvenuto qualcosa di molto simile a quanto successo per altri fenomeni cui la psicologia ha dedicato attenzione: la questione natura-cultura. I primi studi sulla leadership, infatti, cercavano di rintracciare nell'individuo quelle caratteristiche che lo rendevano diverso e, in un certo senso, superiore agli altri, in particolare per quanto riguardava il riuscire ad influenzare i subordinati. Questi primi studi, classificabili all'interno di un approccio innatista, ricercarono le caratteristiche del grande uomo, cercando di scoprire che cosa avesse caratterizzato dal punto di vista psicologico, persone come Napoleone o Hitler, se cioè si potevano identificare tratti psicologici (intelligenza, abilità, energia) che li rendevano speciali. Questo tipo di ricerche non riuscirono mai ad andare oltre la definizione generica di carisma: nello studiare le caratteristiche di individui speciali, infatti, era possibile rintracciare solamente un leggero margine di scostamento rispetto alla media (per quanto concerne il QI, e non sempre) mentre per il resto non sembrava ci fossero differenze così significative da giustificare le definizione di individuo speciale. Questo modello di ricerca, che fu caratteristico dei primi decenni del '900, venne presto abbandonato prima a favore di una prospettiva comportamentista (i cosiddetti approcci allo stile di leadership) e successivamente in senso situazionista, laddove la leadership rappresenta una caratteristica emergente da una particolare situazione. Il leader sarebbe quindi colui che in determinata situazione possiede le caratteristiche di personalità che gli permettono di emergere e di assumere un ruolo di guida. Questo ultimo approccio si è dimostrato estremamente fecondo nell'ispirare una quantità di ricerche sul comportamento dei gruppi e delle organizzazioni che hanno accresciuto in maniera determinante la nostra comprensione della leadership. Ed infine, come per moltissimi altri temi della psicologia, venne abbandonato il tentativo di costruire teorie esplicative generali del fenomeno leadership a favore di micro-teorie o prospettive specifiche che illuminassero alcuni degli aspetti che la caratterizzano. Anche il rinnovato interesse per le strategie di apprendimento della leadership, riflette non più solamente la curiosità scientifica ma, forse soprattutto, l esigenza sempre più cogente delle organizzazioni di rafforzare i propri strumenti di guida. Le prime ricerche Le prime ricerche hanno cercato di rispondere alla domanda se l autorità esercitata dal leader fosse fondata su talenti naturali 26. Al prevalere una concezione tutto o nulla del fenomeno leadership, si 25 L Teoria Z di Ouchi. Il segreto del successo giapponese, secondo Ouchi, non è la tecnologia, ma un modo di gestire le persone. "Si tratta di uno stile di gestione basato su una forte cultura aziendale, la sua chiara distinzione dalle altre, una visione dello sviluppo del personale a lungo termine e il consenso nelle decisioni" (Ouchi, 1982) 26 In particolare le diverse teorie dei tratti hanno contribuito a coltivare questa prospettiva. Lo studio relativo alla leadership è stato caratterizzato da un lungo cammino evolutivo durante il quale sono stati presi in considerazione e criticati diversi modelli. Agli inizi del 900 era prevalsa l impostazione dell approccio caratterologico del leader: gli autori di questo filone percepivano la leadership come una qualità posseduta solo da particolari soggetti, i quali si distinguevano dall uomo comune per alcuni tratti che li rendevano più efficienti degli altri. Le ricerche quindi erano volte ad individuare tali aspetti della personalità che potevano essere l intelligenza o abilità personali, in modo che questi potessero risultare utili ad una migliore comprensione del fenomeno leadership. Ci sono delle teorie che in parte si rifanno a tale approccio note come great man theories le quali riconoscono l importanza del background ereditario e quindi la leadership è spiegata sulla base della ereditarietà dei tratti della personalità. Bingham (1927), ad esempio, spiegava la leadership in termini esclusivamente di tratti e personalità. 9

10 trattava di scoprire quali caratteristiche di personalità distinguessero i capi e si riscontrassero tra loro con maggior frequenza. L obiettivo di questo tipo di ricerche è semplice: Se si possono determinare in modo incontestabile le caratteristiche individuali di successo, si sarà in grado di realizzare strumenti che permettano di selezionare leader efficaci (Rembert 1993) La mentalità che appare sullo sfondo di queste prime ricerche è quella del motto tayloristico la persona giusta al posto giusto. Spesso questo tipo di ricerche venivano realizzate sui quadri dirigenti delle organizzazioni, ritenuti i più dotati per il successo che avevano raggiunto. In questi studi sono stati identificati pochi tratti comuni e spesso le interpretazioni erano molto diverse, quando non opposte: l intelligenza, misurata con i tradizionali test, risultava leggermente superiore alla media ma senza raggiungere punteggi molto elevati l iniziativa si manifestava in modo marcato ma, essendo correlata all età, era difficile isolarla come fattore di spiegazione la fiducia in se stessi poteva essere considerata come il risultato dell esperienza come pure una dote che aveva permesso l accesso alla posizione. Inoltre queste ed altre doti (socievolezza, popolarità, perseveranza, responsabilità, ) erano possedute in larga misura anche da altri membri dei gruppi, rendendo ancor meno efficaci questo tipo di ipotesi. L unico risultato convincente sembrava essere il riconoscimento che il leader, in un certo settore variabile da situazione a situazione, tende a possedere conoscenze ed abilità superiori agli altri e, soprattutto, un alta motivazione a riuscire (il need for achievement di Mc Clelland) 27. Quest ultima però dipende dalla valutazione che l individuo fa della situazione ( la sensibilità agli effetti della sua azione e la valutazione delle possibilità di riuscita) e, quindi, in un certo senso più che sottolineare qualità stabili dell individuo segnala l esigenza di collegare le costellazioni motivazionali alle specifiche situazioni. Questa concezione innatista della leadership ha delle innegabili limitazioni. La diversità interindividuale non può essere spiegata con questo approccio, così come la differenza nell efficacia di un leader in situazioni diverse. L esempio classico di queste limitazioni è stato Winston Churchill. Come Primo Ministro della Gran Bretagna durante la seconda guerra mondiale fu un autentico leone, sostenendo mirabilmente il morale della nazione e mostrandosi coraggiosissimo. Eppure nella primavera del 1945, proprio alla fine di quella guerra tremenda che si concludeva con la sconfitta totale del nemico, fu a sua volta battuto alle elezioni politiche da un oscuro avversario. Fu proprio agli inizi degli anni 50 che questa tradizione di ricerca perse il suo appeal a favore dello studio del comportamento di leadership nel quale cominciavano a trovare posto differenti fattori e, soprattutto, i seguaci (followers). Le teorie degli stili di leadership Il primo passo per il superamento degli approcci innatisti fu quindi lo studio degli stili di comportamento adottati dai leader. Fu soprattutto negli Stati Uniti che prese corpo un considerevole sforzo di ricerca, utilizzando i metodi dell osservazione diretta, delle interviste e del self-report (la costruzione di biografie). Lo scopo era quello di ottenere una mole adeguata di dati per descrivere gli eventuali prototipi di leadership ma anche dare forma ad alcune intuizioni e concetti psicologici già da tempo presenti. 27 Va precisato che Mc Clelland ha poi distinto la relazione tra motivazione e leadership, identificando un rapporto più diretto tra motivazione al potere ( e non achievement) e leadership. L achievement (motivazione a riuscire) sarebbe in condizione di spiegare meglio il comportamento dei followers efficaci mentre la motivazione al potere, seppure limitata dall esistenza di forti inibizioni al suo uso per finalità esclusivamente personali, spiegherebbe meglio l emergere del leader (Mc Clelland, 1989) 10

11 Infatti Lewin, Lippit e White già nel avevano identificato tre tipologie di comportamento del leader dall osservazione nei gruppi terapeutici con adolescenti. Questi autori chiamarono i tre stili autoritario, democratico e lassista. Il leader autoritario mira ad una dipendenza assoluta dei suoi membri da se stesso, instaura una rete di comunicazione estremamente centralizzata, utilizza spesso sanzioni e punizioni esemplari, è molto rigido e diffidente. E il tipo che prende le decisioni riguardanti il gruppo, senza consultare nessun altro membro, limitandosi a comunicarle e farle seguire. In genere non dà spiegazioni. Il leader democratico si comporta in modo contrario al precedente: instaura, all interno del gruppo, una struttura comunicativa completamente aperta, preoccupandosi che tutti i membri partecipino alla vita di gruppo in maniera attiva; cerca di convincere, piuttosto che imporsi con idee preconfezionate. In genere, questi leader ripongono molta fiducia nelle persone e cercano di diventare uno del gruppo. I leader lassisti sono dei leader-non-leader; la loro presenza o la loro assenza non determinano differenze significative. Nei gruppi guidati da questi leader, vengono svolte le funzioni minimali per la sopravvivenza del gruppo senza enfasi per l obiettivo o per le persone. E a Rensis Likert 29 che si deve l approfondimento di questa classificazione attraverso l individuazione di una serie di variabili che determinano il comportamento di direzione: la confidenza e la fiducia del leader nei confronti dei subalterni, il tipo di motivazione utilizzata, l intensità delle interazioni, lo stile di leadership, la comunicazione, il processo decisionale e la formulazione degli obiettivi. Attraverso l analisi di queste variabili, Likert postulò l esistenza di quattro sistemi di direzione: Autoritario. I subordinati vengono raramente coinvolti nelle decisioni; ne consegue scarsa fiducia e confidenza; il vertice assume le decisioni e queste passano a cascata ai livelli inferiori; la motivazione è basata sul timore di punizioni più che sull attesa di gratificazione; l interazione si fonda sulla paura e si formano linee di pensiero in opposizione agli obiettivi dell organizzazione. Paternalistico. E un approccio del tipo padrone-servitore dove il superiore nutre una fiducia compiacente nei confronti dei subordinati; le decisioni vengono prese dal vertice ma i sottoposti hanno un certo margine di scelta all interno di schemi prefissati; la motivazione è basata più sui premi che sulle punizioni e questo crea un certo timore reverenziale nei confronti del capo che si comporta in maniera paternalistica. A livello informale si creano dei gruppi che però possono soddisfare i bisogni di appartenenza più che coagulare opposizione nei confronti dell organizzazione. Consultivo. La fiducia del leader è elevata ma non completa; le decisioni cui i subordinati possono partecipare sono determinanti ma non fondamentali; la motivazione deriva, oltre che dal sistema premi-punizioni, soprattutto dal coinvolgimento nel processo decisionale; la comunicazione e le interazioni sono fluide spesso caratterizzate da lealtà e confidenza; i gruppi informali condividono gli interessi dell organizzazione e quando vi si oppongono lo fanno lealmente e apertamente. Democratico. I membri dell organizzazione hanno fiducia reciproca completa; il processo decisionale è ampiamente distribuito tra i membri; la motivazione deriva dalla partecipazione e dal coinvolgimento; i rapporti tra superiore e subalterni sono leali e amichevoli; i gruppi informali coincidono con quelli formali. Molte ricerche si sono ispirate ai lavori di Likert ed al concetto di stile di leadership, costruendo continuum del comportamento di direzione dall autoritarismo alla partecipazione democratica. Nel 1958 la Harvard Business Review pubblicò un articolo di Tannenbaum R. e Schmidt W.R. intitolato How to choose a leadership pattern che ebbe un accoglienza estremamente favorevole, tanto da essere ripubblicato nel 1973 come classico della letteratura sulla leadership Lewin K., Lippit R., White R.K Likert R L articolo originale si può trovare all indirizzo: 11

12 Il favore derivava dal fatto che quegli autori prendevano in considerazione uno spettro alquanto ampio del comportamento di direzione, anziché la solita coppia antitetica (autoritario/democratico). Tannenbaum e Schmidt presentarono la leadership secondo una scala continua collegata alla cosiddetta legge della situazione 31 secondo la quale i leader possono decidere fra diverse alternative di comportamento a seconda dei fattori riferiti a loro stessi, ai loro subordinati o alla situazione. I fattori riferiti al leader riguardano il suo sistema di valori, la sua fiducia nei subordinati, le sue propensioni in fatto di leadership, il suo senso di sicurezza o insicurezza. I fattori riferiti ai subordinati riguardano il loro bisogno di indipendenza, il loro bisogno di responsabilità, le loro attitudini alla risoluzione di problemi, le loro aspettative di partecipazione al processo decisionale. I fattori riferiti alla situazione riguardano il tipo di organizzazione, il grado di efficacia del gruppo, l urgenza e la natura del problema da affrontare Questi autori operano un collegamento forte con il contesto, discostandosi dal quasi unanime coro di sostenitori del modello democratico- partecipativo, che riconoscono applicabile a condizione che il leader non soffra troppo delle ambiguità, abbia fiducia nei subordinati, possa contare sul sostegno dei superiori mentre è necessario che i dipendenti abbiano esperienza, competenza, un forte bisogno di indipendenza ed una forte motivazione a riuscire. Fig. 1: Il continuum del comportamento di leadership (adattamento da Tannenbaum & Schmidt 1958) Un altro contributo originale e rilevante si deve a Blake e Mouton, gli autori della Managerial Grid 32. Già altri lavori avevano dimostrato l'esistenza di due tendenze di fondo nel comportamento del leader, che erano state descritte come orientamento al compito o alle relazioni. Nel primo caso (orientamento al compito) il leader è maggiormente rivolto al raggiungimento dell'obiettivo, 31 Mary Park Follett, R.R. Blake, J.S. Mouton

13 caratterizzato tecnicamente e basato sulla competenza. Il leader riceve conferma attraverso il riconoscimento delle sua capacità e infonde per questo sicurezza. Nel secondo caso (orientamento alle relazioni), il leader è principalmente orientato alla coesione del gruppo, stimola la comunicazione e la partecipazione, al fine di creare un clima di fiducia e corresponsabilità. Blake e Mouton non collocarono questi due orientamenti su un continuum, ma su assi cartesiani, ottenendo così un quadrante su cui collocare i diversi stili di leadership (vedi fig. 2). Si ottengono in questo modo una varietà di combinazioni che rappresentano in maniera più flessibile la varietà del comportamento del leader. Blake e Mouton identificano 5 modelli che rappresentano le combinazioni dei 4 vertici del quadrante e del punto centrale. Lo stile autoritario, caratterizzato da estremo orientamento al compito e minimo orientamento alle relazioni, dove il leader focalizza la sua attenzione quasi esclusivamente sull'obiettivo da raggiungere. Lo stile partecipativo, caratterizzato da massimo orientamento alle relazioni e minimo al compito, caratteristico del leader democratico, sempre attento ai bisogni sociali del gruppo. Lo stile lassista,dove c'è disinteresse da parte del leader sia per il compito che per le relazioni ed in cui svolge il minimo lavoro indispensabile per il mantenimento del suo ruolo. Lo stile metà strada, caratterizzato da un livello intermedio di ambedue gli orientamenti. Lo stile di team in cui l'orientamento è massimo verso il compito e verso le relazioni. Secondo gli autori è con questo stile che un gruppo raggiunge la sua massima performance. Così come le ricerche ispirate dalla prospettiva innatista rispondevano alle esigenze del taylorismo, quelle sugli stili di leadership sottolineavano l'importanza del fattore umano e dei bisogni sociali, elementi centrali negli approcci psicosociali. Da questa linea di ricerca emergeva però la necessità di contestualizzare stile e comportamento di direzione nella specificità delle situazioni, aprendo così la strada alle ricerche sulla leadership situazionale. 13

14 Fig. 2: La Managerial Grid di Blake & Mouton (1964) Sempre nel campo degli approcci stile di leadership può essere inclusa la cosiddetta teoria Z di William Ouchi 33 che mette a confronto i modelli di industria americano e giapponese. Ouchi ritiene che il successo giapponese sia basato su modelli di gestione particolarmente efficaci, ispirati appunto alla cosiddetta teoria Z. Gli elementi che la costituiscono sono la pianificazione a lungo termine, la volontà di basare il processo decisionale sul consenso e l importanza fondamentale dei vincoli di fedeltà tra dipendenti e azienda. I circoli di qualità 34 rappresentano lo strumento organizzativo attraverso cui si esplica la teoria e il luogo in cui i suoi principi trovano applicazione. Lo stile di leadership che caratterizza questo approccio è fortemente orientato al consenso, alla fidelizzazione del dipendente, alla costruzione di una cultura comune dove l individuo possa identificarsi con l organizzazione. Per certi versi, Ouchi anticipa le tendenze allo studio antropologico-culturale delle organizzazioni, da cui deriveranno modelli sempre più organici, in cui la leadership si caratterizzerà per funzioni educative e di servizio (vedi più oltre la discussione sul contributo di P. Senge). Nel campo delle teorie sugli stili di leadership hanno trovato attenzione anche gli studi sulla followership (cioè il comportamento dei seguaci), che hanno cercato di identificare gli stili più efficaci degli esecutori cui i leader si dirigono. In questo campo la miglior classificazione si deve a Robert Kelley 35 (1992) che ha descritto i migliori esecutori come adulti equilibrati e responsabili che possono riuscire egregiamente anche 33 Vedi nota Si tratta di piccoli gruppi di dipendenti, relativamente autonomi, guidati da un quadro intermedio o da un lavoratore più esperto. I circoli cercano di ridurre i difetti, gli scarti, i tempi morti della produzione ma possono operare anche su questioni organizzative più generali, quali il morale o il clima. I circoli in pratica operano come problem solvers e contribuiscono alla significativa riduzione dello staff. 35 Kelley R

15 senza una guida particolarmente forte. Al contempo Kelley ha descritto anche i followers meno bravi, distinguendoli in: pecore, incapaci di pensiero critico, privi di iniziativa e di senso di responsabilità; si limitano ad eseguire i compiti assegnati e niente di più; semplici esecutori, che pensano ma in modo acritico, più attivi delle pecore ma altrettanto privi di iniziativa; dipendono dai superiori per l ispirazione; sono i cosiddetti yes men, particolarmente graditi ai capi insicuri; esecutori accorti, moderatamente indipendenti di pensiero ed attivi, bravi ad eseguire compiti e a seguire il cambiamento, adattandovisi prontamente; followers alienati, capaci di pensiero indipendente ma passivi, sono stati spenti da qualcosa in qualche momento; spesso disillusi contrastano difficilmente gli sforzi del leader; followers efficaci, capaci di pensiero indipendente e di iniziativa, eseguono i compiti con energia; sono sicuri di loro e possono riuscire anche senza una guida particolarmente forte. In un approccio behaviourista, il comportamento dei followers è visto come fortemente influenzato dallo stile di direzione praticato e ne deriva che se fossero di più i leader che utilizzano la teoria Y di Mc Gregor, lo stile di team di Blake e Mouton o la teoria Z di Ouchi, si avrebbero molti più followers efficaci e meno pecore, semplici esecutori, esecutori accorti o followers alienati. L esistenza o meno di uno stile di leadership ideale è una questione ancora aperta. Esistono ricerche ed argomentazioni a favore dell una e dell altra posizione. La maggior parte dei sostenitori della sua esistenza identificano nel modello partecipativo lo stile ideale di direzione e alcune ricerche sembrano confermare questa conclusione. L approccio partecipativo è senz altro un modello di grande dignità morale e di spessore intellettuale, soprattutto nelle società dell abbondanza. Allo stesso tempo, alcuni studi classici hanno confutato questa conclusione, dimostrando come esistano situazioni in cui uno stile autocratico può dare risultati migliori di quello partecipativo 36. Ancora una volta va sottolineata la complessità del fenomeno ledaership e la molteplicità di fattori e delle interdipendenze che di volta in volta la regolano. E a questa complessità che si sono rivolti i cosiddetti approcci situazionali (o della contingenza), cercando di districare la matassa delle variabili che costituiscono il comportamento di leadership. Le teorie situazionali In questo filone di studi l obiettivo principale è la comprensione di come lo stile di leadership vari la sua efficacia in relazione alla situazione in cui si esplica. Le principali teorie che afferiscono a questo modello sono la teoria della contingenza di Fiedler 37, la teoria dei modelli decisionali di Vroom e Yetton, la Path goal theory di House e la teoria della ledership situazionale di Hersey e Blanchard 38. Fiedler definì la sua teoria della leadership della contingenza per mettere in evidenza il concetto di modificabilità dei comportamenti e degli atteggiamenti del leader secondo le circostanze che caratterizzano il lavoro del suo gruppo. Fiedler ha l indubbio merito di aver posto l attenzione sull incidenza della variabile situazione nell analisi dell efficacia degli stili di leadership. Le tre dimensioni del cubo che rappresenta il modello di Fiedler (vedi Fig. 3) sono le relazioni tra leader e membri del gruppo, la struttura del compito e la posizione di potere del leader. 36 ad esempio situazioni di emergenza in cui è necessario prendere decisioni rapide 37 Fiedler F. E Blanchard & Hersey

16 Fig. 3: Il modello per la classificazione delle situazioni di Fiedler (1967) Le relazioni tra il leader e i membri all'interno del gruppo dipende dal grado con cui i leader è accettato, amato e stimato personalmente dai membri. Questa situazione personale del leader si può misurare in diversi modi ( ad esempio con il metodo del scelte sociometriche) da parte dei membri oppure con lo studio della percezione dell'atmosfera di gruppo da parte del leader (attraverso metodi di rilevazione e misura delle percezioni reciproche dei membri del gruppo). La struttura del compito è un altro elemento importante, poiché il leader può controllare agevolmente, nel caso di compiti molto strutturati, le diverse fasi dell'esecuzione del lavoro affidato ai membri del gruppo, mentre nel caso di un compito non strutturato ciò può divenire una difficoltà. Quanto al potere di posizione, tale variabile riguarda la possibilità o meno, da parte del leader, di avere potere di influenza sul gruppo in virtù della posizione, grazie al grado più elevato rispetto ai membri (in termini di gerarchie, piuttosto che di anzianità di ruolo, di posizione burocratica, ecc.). È chiaro perché, ad esempio, il leader informale di una squadra di pallacanestro ha una posizione di potere meno forte rispetto ad un ufficiale dell'esercito che, grazie al suo grado, può dare ordini al suo battaglione. Fiedler ha diviso ciascuna delle sue tre dimensioni in due, in modo da poter costruire uno schema basato su 8 tipi di situazioni di gruppo; egli ottiene così una divisione del cubo in otto parti che identificano le varie situazioni, da quella più favorevole (ottante 1) a quella meno favorevole (ottante 8). I gruppi che si possono classificare nel primo ottante, hanno infatti contemporaneamente una buona relazione tra leader e membri del gruppo, un compito con un elevato grado di strutturazione e un leader con una posizione di forte potere; al contrario i gruppi dell'ottante 8 hanno una relazione leader-membri povera, un compito non ben strutturato e un leader che si trova in una posizione povera di potere. Ciò rappresenta un continuum che va dalle situazioni di compiti di gruppo che sono presumibilmente molto favorevoli al leader, che sono cioè molto facili da gestire, a quelle che sono molto difficili per il leader. È ovviamente più facile essere un leader ben accettato e dotato di poteri, nonché con un compito che può essere svolto per tappe, piuttosto che essere un leader poco gradito, con un compito vago e non strutturato. La prima importante implicazione del modello di Fiedler si riferisce al processo di selezione e assegnazione del ruolo di leader. Il reclutamento e selezione del leader è possibile solo quando si può specificare la situazione per cui è stato reclutato. Non c'è ragione di credere che questo non si possa fare e che si debba fare in situazioni specifiche. Le difficoltà sorgono perché le situazioni di leadership cambiano nel tempo. Qualsiasi organizzazione deve avere coscienza del tipo di situazioni di leadership in cui si dovrà dibattere un individuo nei successivi momenti e ciò può non essere molto diverso dall'ottenere che, per esempio, un ingegnere elettronico non venga assegnato al reparto contabilità (Fiedler 1967). 16

17 Una seconda implicazione del modello corrisponde a quella che viene spesso chiamata ingegneria organizzativa (organisational engineering). Essa si riferisce alla possibilità di modificare opportunamente la situazione di lavoro in funzione delle caratteristiche di personalità del leader. In lavori più recenti il nostro autore ha riconosciuto che un programma di addestramento può essere efficace non tanto nel modificare i modelli di leadership in senso personale, ma piuttosto nel cambiare il modo di porsi nelle situazioni, dandogli più possibilità di controllo delle situazioni ovvero del rapporto con i membri del gruppo. È molto promettente insegnare agli individui a riconoscere le condizioni in cui possono lavorare al meglio e modificare le situazioni in modo da esaltare il proprio stile di leadership. Il modello della contingenza rappresenta uno sforzo ambizioso per andare oltre la corretta ma ovvia affermazione che la leadership dipende dalla situazione. Evidenzia anche da quali proprietà della situazione e delle persone deve partire l analisi. Fiedler pone in evidenza il limite delle teorie sugli stili di leadership che puntavano alla ricerca dello stile migliore senza considerare il contesto in cui quella leadership si esplica. Il suo contributo risulta importante in quanto è stato il primo a porre in evidenza l'importanza del fattore situazionale; d'altra parte, altre teorie della contingenza hanno analizzato in modo più dettagliato la variabile situazione e considerato un numero maggiore di stili di leadership al fine di proporre una teoria più dettagliata e completa nello spiegare l'efficienza della leadership. Un ulteriore modello di leadership di tipo situazionale è quello di Vroom e Yetton (1973) dove l'attenzione è focalizzata sull'analisi del processo decisionale del leader. Questa teoria è conosciuta anche con il nome di Teoria della Decisione Normativa. Considerando che il processo di presa di decisione è solo una delle funzioni del leader i risultati cui giungono questi autori non sono estendibili agli stili di leadership ma sono limitati al processo di decision making, ovvero al modo in cui un leader sceglie di adottare una determinata decisione. Gli autori prendono in considerazione 5 stili decisionali: 1. autoritario 2. autoritario informativo 3. consultivo individuale 4. consultivo di gruppo 5. gruppale. Lo stile autoritario implica la mancanza di comunicazione al gruppo sulla scelta che si deve compiere, in quello autoritario informativo invece il leader ha bisogno di informazioni dal gruppo con cui si consulta ma a cui non esplicita l'obiettivo della decisione. È qui che si distingue lo stile autoritario informativo da quello consultivo individuale in cui il leader invece informa i membri del gruppo contattati singolarmente sulla decisione e raccoglie opinioni. Lo stile consultivo di gruppo è attuato dal leader quando, prima di prendere una decisione, espone il problema e accetta la discussione con il gruppo. Ma solamente nell'ultimo stile (quello gruppale) è il gruppo a prendere decisioni di cui il team leader è semplicemente portavoce. Anche in questo modello non esiste uno stile di direzione adatto ad ogni situazione: se ci pensiamo bene sarebbe inverosimile che in ogni tipo di situazione si convocasse una riunione per prendere una decisione o che, viceversa, non si fornissero mai informazioni al proprio gruppo di lavoro. Gli autori evidenziano come la scelta dello stile decisionale più efficace dipenda dalla situazione ed in particolare: Le decisioni individuali risultano essere più rapide Per avere un'alta qualità della decisione è necessario raccogliere una grande mole di informazioni Le scelte di gruppo consentono il coinvolgimento di tutti i partecipanti. Il modello di presa di decisione di Vroom e Yetton utilizza un diagramma ad albero per l'analisi della situazione e la scelta del modello di leadership più appropriato alla situazione. Nell'analisi sono considerate 7 variabili situazionali: qualità della decisione, importanza della collaborazione da 17

18 parte dei membri del gruppo nel raggiungimento dell'obiettivo, quantità di informazioni di cui il leader è in possesso, natura e strutturazione del compito, grado di accettazione da parte dei subordinati di decisioni non condivise, grado di condivisione da parte dei collaboratori degli obiettivi dell'organizzazione, possibilità di generare conflitto tra i collaboratori. In anni più recenti il modello di analisi della situazione ha subito un perfezionamento superando l'assetto originale che prevedeva risposte del tipo si/no alle sette variabili e proponendo un modello più articolato in cui le risposte si collocano su una scala a 5 intervalli di tipo Likert. La maggior importanza di questa teoria è senza dubbio l'aver fornito uno strumento normativo attraverso cui il leader può analizzare la situazione e scegliere il comportamento più appropriato. Il limite più evidente è il suo essere circoscritta al processo di presa di decisione con la conseguente difficoltà a trasformarla in una vera e propria teoria sulla leadership. Un'altra teoria che appartiene alla famiglia degli approcci situazionali è la cosiddetta teoria della via alla meta o Path Goal Theory 39. Questa teoria si differenzia dalle altre per sottolineare il ruolo che il leader ha nel motivare i collaboratori. In questo approccio il leader è definito come colui che conduce il gruppo e viene evidenziato il suo ruolo di accompagnamento. Le variabili che caratterizzano la situazione sono: caratteristiche personali dei collaboratori, loro abilità lavorative, natura e caratteristiche del compito. In questa teoria risultano innovativi gli indicatori con cui viene misurato l'efficacia della leadership: i suoi autori infatti sottolineano l'importanza di includere il grado di soddisfazione dei componenti del gruppo nella misurazione dell'efficacia della leadership, senza limitare l'analisi al grado di raggiungimento degli obiettivi tecnici. In questo approccio si delineano quelle che saranno le caratteristiche delle nuove teorie sulla leadership, fortemente caratterizzate dal ruolo di ispirazione assegnato al leader. Una delle teoria sulla leadership maggiormente conosciuta è la cosiddetta teoria del ciclo di vita di Hersey e Blanchard. Il principale concetto in questo approccio è quello che le strategie di comportamento del leader devono regolarsi sul grado di maturità dei followers (ovvero i subordinati) e sulla natura del compito da eseguire. Il modello propone un processo di crescita del gruppo passando da uno stile direttivo a quello di delega che viene associato in questo caso al momento di maggiore maturità dei collaboratori. Hersey e Blanchard riprendono la griglia manageriale di Blake e Mouton in cui venivano identificati due orientamenti: quello verso il compito e quello verso le relazioni e mettono in luce quattro stili leadership: Lo stile direttivo, dove è forte l'orientamento al compito è minimo quello alle relazioni Lo stile di vendita, in cui si deve massimizzare sia l'attenzione al compito che alle relazioni Lo stile partecipativo, dove è massimo l'orientamento alle relazioni e minimo al compito Lo stile di delega, dove è minima l'intensità in entrambi gli orientamenti. Contrariamente a Blake e Mouton questi autori considerano questo lo stile più adatto a quelle situazioni in cui i collaboratori sono maturi, quindi a conclusione del processo di crescita del gruppo. La variabile situazionale in questo modello è il grado di maturità dei collaboratori cioè la capacità di individui e gruppi a stabilire obiettivi impegnativi ma non impossibili e accettarne a ragion veduta la responsabilità. La maturità è frutto di molteplici fattori, come l'istruzione e l'esperienza, che vanno però valutati in riferimento al compito specifico da eseguire. Gli autori identificano 4 situazioni in relazione al livello di maturità dei collaboratori. Nella prima i collaboratori non sanno svolgere il loro compito, hanno bisogno di supporto tecnico ed il leader deve, innanzitutto, insegnare, e quindi uno stile di leadership orientato al compito è considerato il 39 House

19 più adatto. Sin dal momento in cui i collaboratori cominciano a familiarizzare con il compito da svolgere e ad acquisire un certo grado di maturità tecnica sarà più appropriato uno stile di leadership di tipo supportivo che includa un sostegno emotivo. In una tale situazione i collaboratori avranno la possibilità di migliorare le loro competenze e acquisire un maggior grado di maturità psicologica. Fig. 4: Il modello di leadership situazionale di Hersey e Blanchard Quando i collaboratori hanno acquisito la completa padronanza tecnica e saranno in condizioni di svolgere bene il loro lavoro non sarà più necessaria l'attenzione del leader dei confronti del compito e il suo comportamento potrà essere finalizzato solamente al raggiungimento di una completa maturità psicologica. Di conseguenza lo stile più appropriato sarà quello partecipativo. Ma solamente quando i collaboratori saranno messi in grado di prendersi la responsabilità completa del loro operato, essi raggiungeranno il livello massimo di autorità e il leader passerà dallo stile partecipativo a quello di delega, lasciando che i propri collaboratori realizzino il compito loro assegnato in modo autonomo. Un esempio spesso citato da Hersey e Blanchard per spiegare la loro teoria della leadership è quello dei rapporti fra genitori e figli, dove si possono avere conseguenze negative se i primi applicano sempre il medesimo stile di leadership anche quando i figli crescono. Questi ha un certo punto finiscono magari per fuggire da casa o per diventare contestatari, ribelli o antisociali, reagendo a genitori troppo autoritari (cioè con forte orientamento al compito e debole orientamento alla relazione personale). D'altra parte se i genitori applicano uno stile di leadership permissivo, e solo quello, i figli rischiano di crescere come asociali che non riconoscono nessuna regola, nessuna autorità e nessun diritto altrui. 19

20 Alla luce di queste considerazioni la condotta migliore, per il leader, è quella di applicare un comportamento piuttosto autoritario all'inizio, attenuandolo man mano che i dipendenti maturano. Questa teoria risulta innovativa per la visione della leadership come processo dinamico piuttosto che statico. Il leader per questi autori conduce un gruppo in un processo di crescita e di sviluppo della maturità lavorativa, costituita sì dal saper fare, ma anche dal saper essere responsabili del proprio lavoro. Lo studio psicodinamico della leadership I contributi della psicoanalisi alla psicologia delle organizzazioni hanno la caratteristica di occupare un territorio per certi versi periferico rispetto alle correnti dei principali interessi della psicoanalisi. Tali contributi hanno comunque avuto un'influenza molto significativa in ambito intellettuale e scientifico soprattutto nel campo dell'intervento sulle organizzazioni. Il tema della leadership ha trovato forse ancora meno attenzione rispetto a quanto non abbiano trovato ad esempio i gruppi o le istituzioni. Come è noto la teoria psicoanalitica è articolata e complessa e una pur semplice e superficiale trattazione supererebbe di gran lunga lo spazio a disposizione in questo Modulo. Di conseguenza ci si limiterà ad alcuni concetti chiave che possono risultare di utilità per la comprensione del fenomeno della leadership. La prima traccia della problematicità, quando non dell'irrazionalità, del rapporto che lega particolari individui a collettività e gruppi, possiamo ritrovarla nel fondamentale lavoro di Freud Psicologia delle masse e analisi dell'io 40. Il padre della psicoanalisi non dedicò particolare attenzione al fenomeno della leadership, in quanto il suo interesse era concentrato sull'analisi dei fenomeni psicologici collettivi e sulla loro spiegazione attraverso la psicologia dell'io appena perfezionata. Nel prendere in considerazione due tipologie organizzative particolari, la Chiesa e l'esercito, Freud indicò nell'identificazione il processo psicologico fondamentale che lega leader e gregari. La natura della leadership sembra quasi relegata a funzione simbolica, rappresentando il figlio più giovane del padre simbolicamente ucciso 41. Il processo di identificazione con il leader, così come la funzione gregaria, vengono trattate da Freud come manifestazioni del processo di identificazione dell Io con l Io ideale. Wilfred Bion fu l autore che maggiormente contribuì alla comprensione psicodinamica della vita dei gruppi e al ruolo della leadership. La sua teoria dei gruppi identifica due modelli di funzionamento fondamentali: il gruppo in assunto di base e il gruppo di lavoro. Nel primo, il gruppo opera secondo schemi di funzionamento primitivi, inconsci e irrazionali e la leadership è funzionale a questo stato. Nel secondo invece, gli aspetti più primitivi sono controllati e il gruppo può operare per il raggiungimento degli scopi prefissati. Il leader in questa seconda situazione è maturo e competente, ben compensato nei confronti della sua vita inconscia e capace di operare sul livello della razionalità strumentale. All affermare la sostanziale identità tra leadership razionale e maturità personale, Bion scivola in una certa definizione grandiosa della leadership (la persona speciale che definisce il mistico) con cui probabilmente si identificava (sulle caratteristiche speciali della personalità di Bion esistono ben pochi dubbi!). Per Kenneth Rice 42 la leadership è quella funzione necessaria a garantire il funzionamento del sistema stesso ed il cui collasso provoca una regressione generalizzata (a livello individuale, di gruppo ed istituzionale). A Rice va il merito di aver studiato gli aspetti regressivi e disfunzionali della leadership ed aver messo a punto un metodo diagnostico che permetta di identificarli. 40 Freud S Il suo fondamentale lavoro ha radici ancora più lontane ovvero nella critica dell opera di Gustave Le Bon, Psicologia delle folle, del 1895 cui si fa convenzionalmente risalire la fondazione della psicologia sociale. 41 Freud analizza fiabe e miti classici e popolari, in cui il riscatto avviene ad opera del membro più giovane della famiglia o della comunità, spesso il più fragile o inerme, ed in cui vengono riposte le attese di salvezza. 42 Rice A. K

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

IL LEADER (competenze, motivazioni, legittimità e caratteristiche personali)

IL LEADER (competenze, motivazioni, legittimità e caratteristiche personali) ANCHE SE LA LEADERSHIP VIENE SPESSO IDENTIFICATA NELLA FIGURA DI UN LEADER DEVE ESSERE VISTA COME UN PROCESSO PIUTTOSTO CHE COME UNA PERSONA, È UN FENOMENO COMPLESSO DI INTERAZIONE CHE COINVOLGE : IL LEADER

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Information Summary: Leadership Situazionale

Information Summary: Leadership Situazionale Information Summary: Leadership Situazionale - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Come gestire il cambiamento organizzativo?

Come gestire il cambiamento organizzativo? DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it Come gestire il cambiamento organizzativo? Una breve guida all introduzione

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale la gestione delle persone

Gestione e organizzazione aziendale la gestione delle persone Gestione e organizzazione aziendale la gestione delle persone 12 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione 2 3/5 gio

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli