LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE"

Transcript

1 SHARED SERVICES CENTRE LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE di Marco Tambornini e Marcello Chierici Produzione e logistica >> Logistica

2 Una delle strade possibili per contenere e razionalizzare i costi di struttura è quella di accentrare, soprattutto nei gruppi di imprese, coinvolti sempre di più nel processo di globalizzazione economica, la gestione delle cosiddette attività non caratteristiche in uffici dedicati, dislocati in punti strategici per la logistica e il controllo. Si chiamano Shared Services Centre e per funzionare davvero necessitano di un preventivo studio di fattibilità, di una implementazione in linea con i sistemi informativi già presenti o da integrare e di una attenta politica di change management. I risultati di una recente ricerca condotta su scala internazionale. INTRODUZIONE Gli «Shared Services Centre» sono organizzazioni che erogano servizi comuni alle diverse business unit della società a cui fanno capo o alle società del gruppo di appartenenza. Nati negli anni 80 negli Stati Uniti per gestire tipicamente le attività amministrative di grandi realtà industriali, caratterizzate da volumi significativi di transazioni a basso valore aggiunto, gli Shared Services Centre si sono successivamente diffusi anche altrove superando le barriere geografiche, culturali, linguistiche e politiche esistenti tra nazioni diverse attraverso l offerta di servizi a società del gruppo di appartenenza dislocate in più nazioni. La realizzazione di uno Shared Services Centre rappresenta, infatti, la soluzione organizzativa adottata per la gestione dei processi a supporto del core business da un significativo e crescente numero di gruppi ed aziende nel mondo, nell ambito di azioni strategiche intraprese per la creazione di valore per gli stakeholders attraverso il contenimento dei costi di struttura ed il miglioramento della posizione competitiva dell azienda. Il presente articolo illustra i risultati di una recente ricerca condotta su un ampio campione di Shared Services Centre, volta a chiarire i relativi fattori di successo e di criticità 1. LE MOTIVAZIONI DI BASE E LO STUDIO DI FATTIBILITA I principali driver che portano alla decisione di procedere alla realizzazione di uno Shared Services Centre - decisione che più dell 80% degli intervistati ha assunto sulla base di un business case elaborato dal gruppo di persone dedicato all iniziativa possono essere così sintetizzati: il recupero di efficienza nei processi trasferiti in gestione allo Shared Services Centre; il miglioramento continuo del livello qualitativo dei servizi erogati, stimolato dall introduzione di logiche cliente-fornitore nella gestione di processi definiti e concordati tra le parti in Service Level Agreement, strumenti operativi che regolamentano il rapporto di fornitura, la possibilità di concentrare le risorse disponibili esclusivamente sullo sviluppo del core business e, non da ultimo, il poter disporre di un ulteriore ed importante leva di accelerazione dei processi di integrazione postacquisizioni. Tali obiettivi possono essere raggiunti grazie a: la standardizzazione delle prassi e delle modalità operative; l adozione di piattaforme applicative e di infrastrutture tecnologiche omogenee; il conseguimento di economie di scala; l aumento di produttività individuale conseguente alla progressiva specializzazione delle risorse dedicate ai servizi erogati. 1 Per fare il punto della situazione e capire i trend in atto, Deloitte ha condotto nel 2003 una ricerca volta ad analizzare gli impatti generati sul business dall introduzione di uno Shared Services Centre ed a far emergere i fattori critici di successo nella sua realizzazione e gestione operativa, i cui principali risultati sono esposti, in sintesi, nel presente articolo. La ricerca ha visto la partecipazione di circa 70 Shared Services Centre realizzati nel mondo da gruppi ed aziende equamente distribuiti nelle principali industry dei mercati europei, americani ed asiatici (Manufacturing, Consumer Business, Utilities, Healthcare, Settore Pubblico, Financial Services e Telecomunicazioni) ed operativi, nella maggioranza dei casi, da circa 5 anni. Pagina 1 di 10

3 Più del 54% del campione ha dichiarato di aver proceduto ad aggiornamenti successivi del business case nel corso del processo di implementazione dello Shared Services Centre. I risultati della ricerca indicano che coloro che hanno operato in tale senso, oltre che dare maggior evidenza agli aspetti economico-finanziari e qualitativi, hanno potuto tener traccia dei progressi della loro implementazione in modo più accurato ed affidabile ed hanno determinato aspettative, soprattutto relative a cost-saving iniziali e ricorrenti, più reali ed attendibili. Ma quali sono i presupposti per l elaborazione di un business case affidabile? Innanzitutto la chiara e condivisa definizione degli obiettivi che si intendono perseguire attraverso la costituzione dello Shared Services Centre. Obiettivi che devono essere realizzabili e raggiungibili in un intervallo di tempo definito e, soprattutto, devono essere misurabili. La definizione di un sistema di misurazione del grado di raggiungimento degli obiettivi fissati costituisce infatti un presupposto altrettanto fondamentale ai fini del successo dell iniziativa. Non ultimo in ordine di importanza, la partecipazione all intero processo previsionale di risorse che nel futuro Shared Services Centre assumeranno la responsabilità di raggiungere gli obiettivi pianificati. Nonostante il 95% dei partecipanti abbia dichiarato che la realizzazione del loro Shared Services Centre si è dimostrata un vero e proprio successo e il 70% abbia indicato che i benefici economico-finanziari ottenuti hanno soddisfatto, se non addirittura superato, ogni loro aspettativa, i risultati ottenuti dalla realizzazione non sempre hanno coinciso con quelli preventivati nel business case (Tavola 1). TAVOLA 1 L analisi del Business Case Under-Estimated 30% 25% 20% 15% 10% 5% Overall Reduction in SG&A Costs Amount of Headcount Length of Implementation Cost of Implementation Amount of People/Change Costs Over-Estimated 5% 10% 15% 20% 25% 30% Positive Impact on Business Case Negative Impact on Business Case La sovrastima dei benefici attesi dalla riduzione del personale e, più in generale, dei costi dei processi e la sottostima della durata del processo di implementazione con i connessi costi rappresentano gli errori più frequentemente commessi nell elaborazione del business case e nei suoi successivi eventuali aggiornamenti, con evidenti ripercussioni sul livello di soddisfazione del management. L IMPLEMENTAZIONE Nonostante la decisa ricerca di sintesi, l'elevato numero di agenti presenti nel report ha imposto una significativa quantità di dati da esporre. La durata della fase di implementazione di uno Shared Services Centre dipende strettamente da alcune scelte di fondo assunte nel corso delle fasi di elaborazione del business case. Tra di esse, assumono Pagina 2 di 10

4 particolare rilevanza l estensione del perimetro dei servizi erogati, l infrastruttura applicativa, tecnologica e delle comunicazioni, il modello organizzativo ed operativo prescelto. Ciò premesso, la ricerca ha evidenziato che nel 43% dei casi i partecipanti hanno impiegato un periodo compreso tra i 24 e i 36 mesi dall approvazione del progetto (successiva alla formulazione del business case) per l entrata in funzione a regime dello Shared Services Centre. La maggior parte delle implementazioni che sono durate meno di 24 mesi sono avvenute in realtà aziendali nelle quali erano già stati precedentemente installati ERP (Enterprise Resource Planning) e non hanno pertanto richiesto interventi significativi sugli stessi. Di contro, ed a conferma di quanto riferito, le durate superiori si riferiscono a progetti di implementazione di Shared Services Centre ove la componente Information & Communication Technology ha assunto un peso significativo (è il caso, ad esempio, in cui contestualmente alla creazione del Shared Services Centre l azienda procede anche all implementazione di un ERP o al profondo cambiamento di quello preesistente). Come già precisato, anche il tipo di modello di Shared Services Centre che si intende adottare ha un certo impatto sulle tempistiche di realizzazione: uno dei principali driver è il numero di centri di cui un azienda intende dotarsi. A sua volta, la scelta del modello da implementare dipende da problematiche legate alla specificità del core business dell azienda ma anche da scelte di convenienza legate all esistenza di eventuali vincoli derivanti dalla complessità e specificità delle normative in vigore nelle aree geografiche in cui l azienda è presente. Naturalmente, quanto minore è il numero di centri da implementare tanto minori sono le complessità realizzative e, quindi, a parità di altre condizioni, i tempi richiesti dall implementazione ed avvio a regime del modello. Come viene evidenziato nella Tavola 2, che fornisce anche informazioni circa le percentuali di adozione tra i partecipanti alla ricerca, i principali modelli di Shared Services Centre adottabili sono: Single center Un solo centro per tutti i processi gestiti e, quindi, i servizi nello stesso ambito; Single regional centers Un centro per ogni area geografica rilevante per l azienda, ognuno dei quali eroga tutti i servizi nello stesso ambito; Multiple regional centers Più centri all interno della stessa area geografica rilevante, ognuno dei quali eroga tutti i servizi nello stesso ambito; Multiple functional centers Più centri all interno della stessa area geografica rilevante, ognuno dei quali dedicato ad un gruppo di servizi in ambito diverso; Mixture Modello derivante dalle diverse combinazioni dei precedenti. TAVOLA 2 I principali modelli di Shared Services Centre SSC Model Mixture 17% Multiple Functional Centers 5% Single Center 25% Multiple Regional Centers 17% Single Regional Center 36% Con riferimento ai criteri di selezione della sede ove collocare lo Shared Services Centre, i partecipanti alla ricerca hanno indicato l esistenza di strutture attrezzate (70% dei casi), la disponibilità di personale con competenze adeguate (circa il 65% dei casi) e la vicinanza con i clienti (circa il 50% dei casi). Pagina 3 di 10

5 Tra le aree di attività maggiormente sottostimate in termini di impegno da dedicare, con conseguenti impatti negativi sui tempi di implementazione, i partecipanti alla ricerca segnalano quelle relative alle tematiche di change management e change enablement. Il passaggio ad uno Shared Services Centre può generare tipicamente forti resistenze da parte delle risorse che vi vengono trasferite, riconducibili al timore della perdita di potere e di autonomia, anche in considerazione della presenza di precisi «livelli di servizio» ai quali tipicamente si è ancorati, se non addirittura di perdere il posto di lavoro stesso. Da qui, risulta evidente come i driver fondamentali per il successo di uno Shared Services Centre siano la piena comprensione del modo di lavorare «interno» e delle aspettative delle persone che vi lavorano e il corretto sviluppo di un piano d azione che permetta di allineare le necessità e i bisogni dell azienda con le esigenze del personale. La questione è che, se è vero che molti sono concordi nell affermare che la gestione del cambiamento organizzativo è un aspetto importante, è altresì vero che molti ne sottovalutano la portata, l impegno e lo sforzo richiesto, sia da un punto di vista di tempo che degli investimenti necessari 2. Come si evince dalla Tavola 3, gli intervistati hanno indicato nella gestione della formazione, delle implicazioni sulla cultura aziendale, del processo di comunicazione e nel necessario allineamento degli obiettivi dei singoli alle strategie aziendali le aree maggiormente trascurate nelle attività di change management. TAVOLA 3 Le aree critiche dell attività di change management Under-estimated Level of Effort Training Cultural Implications Communication Executive Alignment B enefits Tracking W orkforce Transition Technology Recruiting Implementation Approach 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Percentage of Respondents Risulta pertanto evidente che la pianificazione, lo sviluppo e l implementazione di un corretto piano di change management è di fondamentale importanza, esattamente al pari di altre attività come la definizione della portata del progetto, della definizione delle nuove strutture aziendali, del disegno dei nuovi processi e dell eventuale selezione dei sistemi informativi di supporto. A prescindere dalla durata prevista del periodo di implementazione e dall impatto della componente tecnologica, la ricerca ha evidenziato alcuni fattori di successo da presidiare con particolare attenzione, quali: 2 A questo proposito, può essere utile riportare il commento di un partecipante alla ricerca: Quando ci rendemmo conto che i costi del progetto stavano superando il budget previsto, decidemmo di ridurre l impegno nelle attività legate al change management. Non commettete lo stesso errore: anziché farci risparmiare, questa decisione ci ha portato a dover sostenere ulteriori costi non preventivati. Pagina 4 di 10

6 prevedere e conseguire quick wins significativi, individuare con attenzione le aree che risultano essere maggiormente coinvolte dai cambiamenti strategici e gestionali, da presidiare con ancora maggiore attenzione, monitorare attentamente tutti i rischi che potrebbero verificarsi relativamente a quanto sostenuto nel business plan; mantenere un elevato coinvolgimento di tutte le risorse impegnate direttamente ed indirettamente nel progetto. LE FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE Tradizionalmente, l area che per prima viene convogliata all interno di uno Shared Services Centre è l area Amministrazione e Finanza, soprattutto con riferimento alla gestione dei processi transazionali. Sebbene questo sia ancora il tipico punto di partenza, la ricerca evidenzia un orientamento verso il trasferimento nello Shared Services Centre anche di altre aree quali le Human Resources, la Supply Chain e l Information & Communication Technology. Nel dettaglio, i principali processi gestiti dagli Shared Services Centre partecipanti alla ricerca, sono: il ciclo passivo, le riconciliazioni bancarie, la contabilità generale, la gestione dell attivo fisso, il ciclo attivo, la gestione di viaggi e trasferte, e il payroll. Sempre di più, comunque, le aziende si stanno orientando a fare rientrare negli Shared Services Centre il reporting, gli acquisti, il supporto IT per la gestione di applicativi e reti aziendali, la gestione fiscale e dei benefit aziendali. Infine, circa un terzo degli intervistati ha affermato che le attività di tesoreria, Help Desk e inserimento ordini potrebbero essere trasferiti all interno dello Shared Services Centre (Tavola 4). TAVOLA 4 I principali processi gestiti dagli Shared Services Centre Top Functions in Shared Service Centers Accounts Payable Bank Reconciliation General Ledger Fixed Assets Accounts Receivable Travel & Expenses Payroll Reporting & Analysis Procurement Application & Network Support Tax Services Benefits Administration Treasury PC Support/Help Desk Order Entry 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Percentage of Respondents Pagina 5 di 10

7 Sotto il profilo dei sistemi informativi e della tecnologia a supporto dei processi gestiti dallo Shared Services Centre, il 44% degli intervistati dichiara di essere dotato di un ERP e il 55% di questi di aver implementato un unico database globale. La continua focalizzazione sullo sviluppo delle proprie performance attraverso la standardizzazione dei processi, l aumento dei livelli di servizio e l aumento dei livelli di controllo richiede il ricorso a tecnologie abilitanti quali i sistemi per i trasferimenti elettronici dei fondi (EFT), i sistemi per la gestione dei call center, i sistemi per la gestione ed il trasferimento elettronico dei dati (EDI), sistemi evoluti di reporting delle performance (Tavola 5). TAVOLA 5 Standardizzazione ed automazione dei sistemi di servizio e controllo Most Commonly Used Automation Tools Electronic Funds Transfer Call Center Technology Electronic Data Interchange Performance Reporting Direct Deposit Document Imaging Data Warehousing Procurement Cards Automated Workflow Tool Other Web Services Employee Self Service 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Percentage of Respondents Ma nessun sistema informativo e nessuna tecnologia abilitante consentono di conseguire i risultati desiderati se lo Shared Services Centre non è organizzativamente collocato in una posizione che preveda in capo al suo responsabile la disponibilità dei poteri e delle deleghe necessari per una gestione autonoma del business. Nel 70% dei casi lo Shared Services Centre è una business unit distinta dotata di autonomia a capo della quale nel 41% dei casi vi è un direttore che nella maggior parte dei casi riporta gerarchicamente al Vice President del gruppo o dell azienda che ha costituito lo Shared Services Centre. Il responsabile dello Shared Services Centre deve pertanto essere posizionato almeno allo stesso livello organizzativo degli altri responsabili di business unit/società del gruppo e, conseguentemente, essere dotato di livelli di autonomia equiparabili in modo da poter adeguatamente sostenere un confronto costruttivo finalizzato al miglioramento continuo del rapporto di servizio. Da un punto di vista gestionale, il responsabile di uno Shared Services Centre deve riuscire a creare un clima aziendale orientato al cliente all interno della propria struttura. Per poter ottenere questo risultato, le aziende intervistate dichiarano di aver impostato il processo di selezione in modo da preferire alle competenze tecniche le competenze manageriali di gestione delle relazioni interpersonali, di problem solving, di capacità di sviluppo di offerte commerciali e con spiccato senso di orientamento al cliente. Alla domanda su quale fosse l elemento più importante per il successo di uno Shared Services Centre, la risposta dei partecipanti alla ricerca è stata praticamente unisona: le caratteristiche del suo responsabile e l affidabilità nei confronti del cliente. Anche in presenza di un responsabile con le caratteristiche indicate, la creazione di una cultura orientata al cliente può essere una vera sfida, specialmente se le risorse coinvolte hanno un atteggiamento di resistenza nei confronti del nuovo modello operativo. Dalla ricerca condotta, è emerso che le quattro componenti principali per la creazione di una forte cultura aziendale sono, in ordine di importanza: una Pagina 6 di 10

8 precisa dichiarazione della mission, della vision e dei valori aziendali nei quali esse si declinano, l introduzione di sistemi di gestione delle performance, la previsione di momenti di confronto tra la dirigenza e il resto dell organizzazione ed infine il training interno. Infine, il leader di uno Shared Services Centre deve essere capace di occuparsi del personale in maniera sempre mirata all ottenimento di un alto grado di soddisfazione di quest ultimo e deve possedere delle elevate capacità nella gestione delle carriere, dal recruiting alla pianificazione dei percorsi professionali. LE RELAZIONI CON IL CLIENTE COME CHIAVE DI SUCCESSO La costruzione di una forte relazione con il cliente è di vitale importanza per il successo di uno Shared Services Centre. Il suo responsabile e tutte le risorse che vi operano non devono mai sottostimare l importanza di assicurare in maniera continua elevati standard di qualità unitamente ad un efficace comunicazione con il cliente. Spesso, dopo che in un organizzazione aziendale inizia ad operare uno Shared Services Centre, si erge un «muro» fra le parti a discapito del corretto funzionamento dei processi e delle attività. È un fattore critico che occorre cercare di prevenire operando attraverso chiari processi stabiliti sin dall inizio, dotandosi di efficaci Service Level Agreement (SLA), focalizzandosi sul miglioramento continuo, tenendo costantemente traccia delle performance reciproche, instaurando un atteggiamento proattivo e sviluppando un chiaro piano di comunicazione fra Shared Services Centre e cliente. Le parti coinvolte devono riuscire a comprendere appieno le esigenze reciproche attraverso una sempre tempestiva comunicazione dei bisogni da soddisfare e delle inefficienze da colmare. Come indicato nella Tavola 6, le modalità attraverso cui i partecipanti alla ricerca dichiarano di costruire e, soprattutto, sostenere profittevoli relazioni fra le parti, sono il continuo e comune sviluppo di obiettivi di miglioramento, la definizione di SLA, la visita costante dei siti di lavoro, la programmazione di meeting fra i responsabili delle parti e la comunicazione periodica delle performance. Non esiste, comunque, un unico ed inequivocabile approccio per sviluppare le relazioni con il cliente: ogni organizzazione deve trovare la propria strada in base ai propri obiettivi, ai servizi offerti, ai livelli di servizio che intende fornire e ai sistemi di comunicazione a disposizione. TAVOLA 6 Customer Relationship Management Connecting with Customers Joint Continuous Improvement Objectives Service Level Agreements Site Visits g Joint Leadership Meetings Performance Management Communications 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Percentage of Respondents Pagina 7 di 10

9 Tra gli strumenti normalmente utilizzati per disciplinare i rapporti tra le parti, come già accennato, vi è lo SLA (Service Level Agreement). Trattasi di un insieme di documenti che contempla, al suo interno, la durata del rapporto di servizio e le relative modalità di rinnovo e/o disdetta e, per ciascun servizio erogato, i ruoli e le responsabilità reciproche delle parti, gli indicatori di performance (Key Performance Indicators) ed i relativi strumenti di misurazione ed il sistema di rilevazione della soddisfazione del cliente (Customer Satisfaction Management). Nonostante ne riconoscano l importanza ai fini di una valutazione oggettiva dei livelli di servizio resi e quale presupposto fondamentale per la corretta gestione del processo di miglioramento continuo dei servizi erogati dallo Shared Services Centre, solo nel 26% dei casi i partecipanti alla ricerca ne hanno constatato l efficacia. Tra le cause di insuccesso e, quindi, di scarsa efficacia degli SLA i partecipanti annoverano l eccessiva complessità, la scarsa comprensibilità dei suoi contenuti e la previsione di indicatori di performance e di livelli di servizio non monitorabili facilmente o del tutto. Ne consegue che affinché uno SLA possa effettivamente consentire il raggiungimento degli obiettivi per cui è redatto, deve presentare contenuti semplici e facilmente comprensibili dalle parti e prevedere pochi ma realmente misurabili indicatori di prestazione e servizio. Inoltre, è fondamentale che le parti prevedano meccanismi di revisione periodica dei contenuti degli SLA in modo che gli stessi continuino ad essere perfettamente rispondenti alle mutevoli esigenze delle parti stesse. LE EVOLUZIONI PREVISTE La totalità dei partecipanti alla ricerca concorda nell indicare quale priorità assoluta il miglioramento continuo dei processi gestiti e, quindi, del livello dei servizi erogati ai clienti, condizione imprescindibile per il successo dello Shared Services Centre. La visione d insieme di tale orientamento strategico è desumibile dalla Tavola 7. TAVOLA 7 L orientamento strategico degli Shared Services Centre Multiple Systems Multiple Processes Rationalize Systems Move to One System Move to One Database One Location Consolidate within Region Consolidate within Country Shared Services Define Processes Commonize Policies Commonize Processes One Organization per Process Separate from Business Units Multiple Locations Multiple Organizations Pagina 8 di 10

10 Ancora una volta, la disponibilità di soluzioni tecnologiche implementabili, soprattutto collegate alle potenzialità offerte da soluzioni web based, consente agli Shared Services Centre di conseguire eccellenti risultati in termini di incremento dell efficienza di processo, di riduzione degli errori e di innalzamento del livello di servizio assicurato ai clienti. Tra le soluzioni applicative che i partecipanti alla ricerca hanno dichiarato di essere interessati ad implementare nel breve termine emergono l automazione del processo di contabilizzazione e liquidazione delle fatture passive, l archiviazione ottica dei documenti e la gestione documentale informatizzata, l e-procurement ed il data warehousing. Sempre in ottica prospettica, i partecipanti alla ricerca indicano, quali evoluzioni perseguibili: l aumento della standardizzazione dei processi (70% dei partecipanti), in risposta alla situazione attuale che vede solo poco più del 50% dei partecipanti che hanno dichiarato di poter adottare processi standard su una percentuale di clienti superiore al 75%; l ampliamento della gamma di servizi offerti verso servizi a maggior valore aggiunto e l acquisizione di nuovi clienti (65%), in considerazione del fatto che circa il 25% dei partecipanti alla ricerca ha dichiarato di prestare i propri servizi a meno del 75% dell organizzazione che ha deciso di costituire lo Shared Services Centre; l aumento del livello di automazione dei processi (circa il 60%); l implementazione effettiva di SLA (circa il 35%). CONCLUSIONI La realizzazione di uno Shared Services Centre rappresenta una delle soluzioni strategiche adottate dalle aziende o da gruppi di esse per far fronte alle sfide competitive rese ancor più pressanti dalla globalizzazione dei mercati e dell economia. Gli Shared Services Centre consentono infatti a tutti i tipi di organizzazioni di ottimizzare la loro infrastruttura applicativa e tecnologica, ridurre i costi, incrementare lo shareholder value. Il quadro di sintesi che emerge dalla ricerca è che gli Shared Service Center rappresentano un modello organizzativo consolidato, stanno progressivamente estendo il loro raggio d azione, sia in termini di attività che di ambito geografico, consentono di realizzare benefici significativi, anche se a volte non in linea con le aspettative. Ciò, in parte, è dovuto a una sotto-stima dell impegno necessario nelle attività riguardanti la gestione delle risorse umane. La predisposizione di un piano di implementazione dettagliato ove gli aspetti di gestione del cambiamento siano adeguatamente considerati, l elaborazione di un business case realistico e affidabile, la scelta di un leader dotato dei necessari poteri e predisposto alla gestione delle relazioni forniscono un contributo determinante ad affrontare la sfida con successo. Pagina 9 di 10

11 GLOSSARIO Stakeholders Sono tutti quei soggetti portatori di interessi potenziali per un azienda, cioè persone o gruppi che hanno pretese, titoli di proprietà, diritti o interessi relativi ad un impresa ed alle sue attività. Shareholder Value Esso indica la capacità di creare valore per gli azionisti e risponderne di fronte al consiglio di amministrazione e agli stessi azionisti.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Amministrazione & Finanza - Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale, Ipsoa Editore Pagina 10 di 10

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli