LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE"

Transcript

1 SHARED SERVICES CENTRE LA RISPOSTA DELLE IMPRESE ALLA GLOBALIZZAZIONE di Marco Tambornini e Marcello Chierici Produzione e logistica >> Logistica

2 Una delle strade possibili per contenere e razionalizzare i costi di struttura è quella di accentrare, soprattutto nei gruppi di imprese, coinvolti sempre di più nel processo di globalizzazione economica, la gestione delle cosiddette attività non caratteristiche in uffici dedicati, dislocati in punti strategici per la logistica e il controllo. Si chiamano Shared Services Centre e per funzionare davvero necessitano di un preventivo studio di fattibilità, di una implementazione in linea con i sistemi informativi già presenti o da integrare e di una attenta politica di change management. I risultati di una recente ricerca condotta su scala internazionale. INTRODUZIONE Gli «Shared Services Centre» sono organizzazioni che erogano servizi comuni alle diverse business unit della società a cui fanno capo o alle società del gruppo di appartenenza. Nati negli anni 80 negli Stati Uniti per gestire tipicamente le attività amministrative di grandi realtà industriali, caratterizzate da volumi significativi di transazioni a basso valore aggiunto, gli Shared Services Centre si sono successivamente diffusi anche altrove superando le barriere geografiche, culturali, linguistiche e politiche esistenti tra nazioni diverse attraverso l offerta di servizi a società del gruppo di appartenenza dislocate in più nazioni. La realizzazione di uno Shared Services Centre rappresenta, infatti, la soluzione organizzativa adottata per la gestione dei processi a supporto del core business da un significativo e crescente numero di gruppi ed aziende nel mondo, nell ambito di azioni strategiche intraprese per la creazione di valore per gli stakeholders attraverso il contenimento dei costi di struttura ed il miglioramento della posizione competitiva dell azienda. Il presente articolo illustra i risultati di una recente ricerca condotta su un ampio campione di Shared Services Centre, volta a chiarire i relativi fattori di successo e di criticità 1. LE MOTIVAZIONI DI BASE E LO STUDIO DI FATTIBILITA I principali driver che portano alla decisione di procedere alla realizzazione di uno Shared Services Centre - decisione che più dell 80% degli intervistati ha assunto sulla base di un business case elaborato dal gruppo di persone dedicato all iniziativa possono essere così sintetizzati: il recupero di efficienza nei processi trasferiti in gestione allo Shared Services Centre; il miglioramento continuo del livello qualitativo dei servizi erogati, stimolato dall introduzione di logiche cliente-fornitore nella gestione di processi definiti e concordati tra le parti in Service Level Agreement, strumenti operativi che regolamentano il rapporto di fornitura, la possibilità di concentrare le risorse disponibili esclusivamente sullo sviluppo del core business e, non da ultimo, il poter disporre di un ulteriore ed importante leva di accelerazione dei processi di integrazione postacquisizioni. Tali obiettivi possono essere raggiunti grazie a: la standardizzazione delle prassi e delle modalità operative; l adozione di piattaforme applicative e di infrastrutture tecnologiche omogenee; il conseguimento di economie di scala; l aumento di produttività individuale conseguente alla progressiva specializzazione delle risorse dedicate ai servizi erogati. 1 Per fare il punto della situazione e capire i trend in atto, Deloitte ha condotto nel 2003 una ricerca volta ad analizzare gli impatti generati sul business dall introduzione di uno Shared Services Centre ed a far emergere i fattori critici di successo nella sua realizzazione e gestione operativa, i cui principali risultati sono esposti, in sintesi, nel presente articolo. La ricerca ha visto la partecipazione di circa 70 Shared Services Centre realizzati nel mondo da gruppi ed aziende equamente distribuiti nelle principali industry dei mercati europei, americani ed asiatici (Manufacturing, Consumer Business, Utilities, Healthcare, Settore Pubblico, Financial Services e Telecomunicazioni) ed operativi, nella maggioranza dei casi, da circa 5 anni. Pagina 1 di 10

3 Più del 54% del campione ha dichiarato di aver proceduto ad aggiornamenti successivi del business case nel corso del processo di implementazione dello Shared Services Centre. I risultati della ricerca indicano che coloro che hanno operato in tale senso, oltre che dare maggior evidenza agli aspetti economico-finanziari e qualitativi, hanno potuto tener traccia dei progressi della loro implementazione in modo più accurato ed affidabile ed hanno determinato aspettative, soprattutto relative a cost-saving iniziali e ricorrenti, più reali ed attendibili. Ma quali sono i presupposti per l elaborazione di un business case affidabile? Innanzitutto la chiara e condivisa definizione degli obiettivi che si intendono perseguire attraverso la costituzione dello Shared Services Centre. Obiettivi che devono essere realizzabili e raggiungibili in un intervallo di tempo definito e, soprattutto, devono essere misurabili. La definizione di un sistema di misurazione del grado di raggiungimento degli obiettivi fissati costituisce infatti un presupposto altrettanto fondamentale ai fini del successo dell iniziativa. Non ultimo in ordine di importanza, la partecipazione all intero processo previsionale di risorse che nel futuro Shared Services Centre assumeranno la responsabilità di raggiungere gli obiettivi pianificati. Nonostante il 95% dei partecipanti abbia dichiarato che la realizzazione del loro Shared Services Centre si è dimostrata un vero e proprio successo e il 70% abbia indicato che i benefici economico-finanziari ottenuti hanno soddisfatto, se non addirittura superato, ogni loro aspettativa, i risultati ottenuti dalla realizzazione non sempre hanno coinciso con quelli preventivati nel business case (Tavola 1). TAVOLA 1 L analisi del Business Case Under-Estimated 30% 25% 20% 15% 10% 5% Overall Reduction in SG&A Costs Amount of Headcount Length of Implementation Cost of Implementation Amount of People/Change Costs Over-Estimated 5% 10% 15% 20% 25% 30% Positive Impact on Business Case Negative Impact on Business Case La sovrastima dei benefici attesi dalla riduzione del personale e, più in generale, dei costi dei processi e la sottostima della durata del processo di implementazione con i connessi costi rappresentano gli errori più frequentemente commessi nell elaborazione del business case e nei suoi successivi eventuali aggiornamenti, con evidenti ripercussioni sul livello di soddisfazione del management. L IMPLEMENTAZIONE Nonostante la decisa ricerca di sintesi, l'elevato numero di agenti presenti nel report ha imposto una significativa quantità di dati da esporre. La durata della fase di implementazione di uno Shared Services Centre dipende strettamente da alcune scelte di fondo assunte nel corso delle fasi di elaborazione del business case. Tra di esse, assumono Pagina 2 di 10

4 particolare rilevanza l estensione del perimetro dei servizi erogati, l infrastruttura applicativa, tecnologica e delle comunicazioni, il modello organizzativo ed operativo prescelto. Ciò premesso, la ricerca ha evidenziato che nel 43% dei casi i partecipanti hanno impiegato un periodo compreso tra i 24 e i 36 mesi dall approvazione del progetto (successiva alla formulazione del business case) per l entrata in funzione a regime dello Shared Services Centre. La maggior parte delle implementazioni che sono durate meno di 24 mesi sono avvenute in realtà aziendali nelle quali erano già stati precedentemente installati ERP (Enterprise Resource Planning) e non hanno pertanto richiesto interventi significativi sugli stessi. Di contro, ed a conferma di quanto riferito, le durate superiori si riferiscono a progetti di implementazione di Shared Services Centre ove la componente Information & Communication Technology ha assunto un peso significativo (è il caso, ad esempio, in cui contestualmente alla creazione del Shared Services Centre l azienda procede anche all implementazione di un ERP o al profondo cambiamento di quello preesistente). Come già precisato, anche il tipo di modello di Shared Services Centre che si intende adottare ha un certo impatto sulle tempistiche di realizzazione: uno dei principali driver è il numero di centri di cui un azienda intende dotarsi. A sua volta, la scelta del modello da implementare dipende da problematiche legate alla specificità del core business dell azienda ma anche da scelte di convenienza legate all esistenza di eventuali vincoli derivanti dalla complessità e specificità delle normative in vigore nelle aree geografiche in cui l azienda è presente. Naturalmente, quanto minore è il numero di centri da implementare tanto minori sono le complessità realizzative e, quindi, a parità di altre condizioni, i tempi richiesti dall implementazione ed avvio a regime del modello. Come viene evidenziato nella Tavola 2, che fornisce anche informazioni circa le percentuali di adozione tra i partecipanti alla ricerca, i principali modelli di Shared Services Centre adottabili sono: Single center Un solo centro per tutti i processi gestiti e, quindi, i servizi nello stesso ambito; Single regional centers Un centro per ogni area geografica rilevante per l azienda, ognuno dei quali eroga tutti i servizi nello stesso ambito; Multiple regional centers Più centri all interno della stessa area geografica rilevante, ognuno dei quali eroga tutti i servizi nello stesso ambito; Multiple functional centers Più centri all interno della stessa area geografica rilevante, ognuno dei quali dedicato ad un gruppo di servizi in ambito diverso; Mixture Modello derivante dalle diverse combinazioni dei precedenti. TAVOLA 2 I principali modelli di Shared Services Centre SSC Model Mixture 17% Multiple Functional Centers 5% Single Center 25% Multiple Regional Centers 17% Single Regional Center 36% Con riferimento ai criteri di selezione della sede ove collocare lo Shared Services Centre, i partecipanti alla ricerca hanno indicato l esistenza di strutture attrezzate (70% dei casi), la disponibilità di personale con competenze adeguate (circa il 65% dei casi) e la vicinanza con i clienti (circa il 50% dei casi). Pagina 3 di 10

5 Tra le aree di attività maggiormente sottostimate in termini di impegno da dedicare, con conseguenti impatti negativi sui tempi di implementazione, i partecipanti alla ricerca segnalano quelle relative alle tematiche di change management e change enablement. Il passaggio ad uno Shared Services Centre può generare tipicamente forti resistenze da parte delle risorse che vi vengono trasferite, riconducibili al timore della perdita di potere e di autonomia, anche in considerazione della presenza di precisi «livelli di servizio» ai quali tipicamente si è ancorati, se non addirittura di perdere il posto di lavoro stesso. Da qui, risulta evidente come i driver fondamentali per il successo di uno Shared Services Centre siano la piena comprensione del modo di lavorare «interno» e delle aspettative delle persone che vi lavorano e il corretto sviluppo di un piano d azione che permetta di allineare le necessità e i bisogni dell azienda con le esigenze del personale. La questione è che, se è vero che molti sono concordi nell affermare che la gestione del cambiamento organizzativo è un aspetto importante, è altresì vero che molti ne sottovalutano la portata, l impegno e lo sforzo richiesto, sia da un punto di vista di tempo che degli investimenti necessari 2. Come si evince dalla Tavola 3, gli intervistati hanno indicato nella gestione della formazione, delle implicazioni sulla cultura aziendale, del processo di comunicazione e nel necessario allineamento degli obiettivi dei singoli alle strategie aziendali le aree maggiormente trascurate nelle attività di change management. TAVOLA 3 Le aree critiche dell attività di change management Under-estimated Level of Effort Training Cultural Implications Communication Executive Alignment B enefits Tracking W orkforce Transition Technology Recruiting Implementation Approach 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Percentage of Respondents Risulta pertanto evidente che la pianificazione, lo sviluppo e l implementazione di un corretto piano di change management è di fondamentale importanza, esattamente al pari di altre attività come la definizione della portata del progetto, della definizione delle nuove strutture aziendali, del disegno dei nuovi processi e dell eventuale selezione dei sistemi informativi di supporto. A prescindere dalla durata prevista del periodo di implementazione e dall impatto della componente tecnologica, la ricerca ha evidenziato alcuni fattori di successo da presidiare con particolare attenzione, quali: 2 A questo proposito, può essere utile riportare il commento di un partecipante alla ricerca: Quando ci rendemmo conto che i costi del progetto stavano superando il budget previsto, decidemmo di ridurre l impegno nelle attività legate al change management. Non commettete lo stesso errore: anziché farci risparmiare, questa decisione ci ha portato a dover sostenere ulteriori costi non preventivati. Pagina 4 di 10

6 prevedere e conseguire quick wins significativi, individuare con attenzione le aree che risultano essere maggiormente coinvolte dai cambiamenti strategici e gestionali, da presidiare con ancora maggiore attenzione, monitorare attentamente tutti i rischi che potrebbero verificarsi relativamente a quanto sostenuto nel business plan; mantenere un elevato coinvolgimento di tutte le risorse impegnate direttamente ed indirettamente nel progetto. LE FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE Tradizionalmente, l area che per prima viene convogliata all interno di uno Shared Services Centre è l area Amministrazione e Finanza, soprattutto con riferimento alla gestione dei processi transazionali. Sebbene questo sia ancora il tipico punto di partenza, la ricerca evidenzia un orientamento verso il trasferimento nello Shared Services Centre anche di altre aree quali le Human Resources, la Supply Chain e l Information & Communication Technology. Nel dettaglio, i principali processi gestiti dagli Shared Services Centre partecipanti alla ricerca, sono: il ciclo passivo, le riconciliazioni bancarie, la contabilità generale, la gestione dell attivo fisso, il ciclo attivo, la gestione di viaggi e trasferte, e il payroll. Sempre di più, comunque, le aziende si stanno orientando a fare rientrare negli Shared Services Centre il reporting, gli acquisti, il supporto IT per la gestione di applicativi e reti aziendali, la gestione fiscale e dei benefit aziendali. Infine, circa un terzo degli intervistati ha affermato che le attività di tesoreria, Help Desk e inserimento ordini potrebbero essere trasferiti all interno dello Shared Services Centre (Tavola 4). TAVOLA 4 I principali processi gestiti dagli Shared Services Centre Top Functions in Shared Service Centers Accounts Payable Bank Reconciliation General Ledger Fixed Assets Accounts Receivable Travel & Expenses Payroll Reporting & Analysis Procurement Application & Network Support Tax Services Benefits Administration Treasury PC Support/Help Desk Order Entry 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Percentage of Respondents Pagina 5 di 10

7 Sotto il profilo dei sistemi informativi e della tecnologia a supporto dei processi gestiti dallo Shared Services Centre, il 44% degli intervistati dichiara di essere dotato di un ERP e il 55% di questi di aver implementato un unico database globale. La continua focalizzazione sullo sviluppo delle proprie performance attraverso la standardizzazione dei processi, l aumento dei livelli di servizio e l aumento dei livelli di controllo richiede il ricorso a tecnologie abilitanti quali i sistemi per i trasferimenti elettronici dei fondi (EFT), i sistemi per la gestione dei call center, i sistemi per la gestione ed il trasferimento elettronico dei dati (EDI), sistemi evoluti di reporting delle performance (Tavola 5). TAVOLA 5 Standardizzazione ed automazione dei sistemi di servizio e controllo Most Commonly Used Automation Tools Electronic Funds Transfer Call Center Technology Electronic Data Interchange Performance Reporting Direct Deposit Document Imaging Data Warehousing Procurement Cards Automated Workflow Tool Other Web Services Employee Self Service 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Percentage of Respondents Ma nessun sistema informativo e nessuna tecnologia abilitante consentono di conseguire i risultati desiderati se lo Shared Services Centre non è organizzativamente collocato in una posizione che preveda in capo al suo responsabile la disponibilità dei poteri e delle deleghe necessari per una gestione autonoma del business. Nel 70% dei casi lo Shared Services Centre è una business unit distinta dotata di autonomia a capo della quale nel 41% dei casi vi è un direttore che nella maggior parte dei casi riporta gerarchicamente al Vice President del gruppo o dell azienda che ha costituito lo Shared Services Centre. Il responsabile dello Shared Services Centre deve pertanto essere posizionato almeno allo stesso livello organizzativo degli altri responsabili di business unit/società del gruppo e, conseguentemente, essere dotato di livelli di autonomia equiparabili in modo da poter adeguatamente sostenere un confronto costruttivo finalizzato al miglioramento continuo del rapporto di servizio. Da un punto di vista gestionale, il responsabile di uno Shared Services Centre deve riuscire a creare un clima aziendale orientato al cliente all interno della propria struttura. Per poter ottenere questo risultato, le aziende intervistate dichiarano di aver impostato il processo di selezione in modo da preferire alle competenze tecniche le competenze manageriali di gestione delle relazioni interpersonali, di problem solving, di capacità di sviluppo di offerte commerciali e con spiccato senso di orientamento al cliente. Alla domanda su quale fosse l elemento più importante per il successo di uno Shared Services Centre, la risposta dei partecipanti alla ricerca è stata praticamente unisona: le caratteristiche del suo responsabile e l affidabilità nei confronti del cliente. Anche in presenza di un responsabile con le caratteristiche indicate, la creazione di una cultura orientata al cliente può essere una vera sfida, specialmente se le risorse coinvolte hanno un atteggiamento di resistenza nei confronti del nuovo modello operativo. Dalla ricerca condotta, è emerso che le quattro componenti principali per la creazione di una forte cultura aziendale sono, in ordine di importanza: una Pagina 6 di 10

8 precisa dichiarazione della mission, della vision e dei valori aziendali nei quali esse si declinano, l introduzione di sistemi di gestione delle performance, la previsione di momenti di confronto tra la dirigenza e il resto dell organizzazione ed infine il training interno. Infine, il leader di uno Shared Services Centre deve essere capace di occuparsi del personale in maniera sempre mirata all ottenimento di un alto grado di soddisfazione di quest ultimo e deve possedere delle elevate capacità nella gestione delle carriere, dal recruiting alla pianificazione dei percorsi professionali. LE RELAZIONI CON IL CLIENTE COME CHIAVE DI SUCCESSO La costruzione di una forte relazione con il cliente è di vitale importanza per il successo di uno Shared Services Centre. Il suo responsabile e tutte le risorse che vi operano non devono mai sottostimare l importanza di assicurare in maniera continua elevati standard di qualità unitamente ad un efficace comunicazione con il cliente. Spesso, dopo che in un organizzazione aziendale inizia ad operare uno Shared Services Centre, si erge un «muro» fra le parti a discapito del corretto funzionamento dei processi e delle attività. È un fattore critico che occorre cercare di prevenire operando attraverso chiari processi stabiliti sin dall inizio, dotandosi di efficaci Service Level Agreement (SLA), focalizzandosi sul miglioramento continuo, tenendo costantemente traccia delle performance reciproche, instaurando un atteggiamento proattivo e sviluppando un chiaro piano di comunicazione fra Shared Services Centre e cliente. Le parti coinvolte devono riuscire a comprendere appieno le esigenze reciproche attraverso una sempre tempestiva comunicazione dei bisogni da soddisfare e delle inefficienze da colmare. Come indicato nella Tavola 6, le modalità attraverso cui i partecipanti alla ricerca dichiarano di costruire e, soprattutto, sostenere profittevoli relazioni fra le parti, sono il continuo e comune sviluppo di obiettivi di miglioramento, la definizione di SLA, la visita costante dei siti di lavoro, la programmazione di meeting fra i responsabili delle parti e la comunicazione periodica delle performance. Non esiste, comunque, un unico ed inequivocabile approccio per sviluppare le relazioni con il cliente: ogni organizzazione deve trovare la propria strada in base ai propri obiettivi, ai servizi offerti, ai livelli di servizio che intende fornire e ai sistemi di comunicazione a disposizione. TAVOLA 6 Customer Relationship Management Connecting with Customers Joint Continuous Improvement Objectives Service Level Agreements Site Visits g Joint Leadership Meetings Performance Management Communications 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Percentage of Respondents Pagina 7 di 10

9 Tra gli strumenti normalmente utilizzati per disciplinare i rapporti tra le parti, come già accennato, vi è lo SLA (Service Level Agreement). Trattasi di un insieme di documenti che contempla, al suo interno, la durata del rapporto di servizio e le relative modalità di rinnovo e/o disdetta e, per ciascun servizio erogato, i ruoli e le responsabilità reciproche delle parti, gli indicatori di performance (Key Performance Indicators) ed i relativi strumenti di misurazione ed il sistema di rilevazione della soddisfazione del cliente (Customer Satisfaction Management). Nonostante ne riconoscano l importanza ai fini di una valutazione oggettiva dei livelli di servizio resi e quale presupposto fondamentale per la corretta gestione del processo di miglioramento continuo dei servizi erogati dallo Shared Services Centre, solo nel 26% dei casi i partecipanti alla ricerca ne hanno constatato l efficacia. Tra le cause di insuccesso e, quindi, di scarsa efficacia degli SLA i partecipanti annoverano l eccessiva complessità, la scarsa comprensibilità dei suoi contenuti e la previsione di indicatori di performance e di livelli di servizio non monitorabili facilmente o del tutto. Ne consegue che affinché uno SLA possa effettivamente consentire il raggiungimento degli obiettivi per cui è redatto, deve presentare contenuti semplici e facilmente comprensibili dalle parti e prevedere pochi ma realmente misurabili indicatori di prestazione e servizio. Inoltre, è fondamentale che le parti prevedano meccanismi di revisione periodica dei contenuti degli SLA in modo che gli stessi continuino ad essere perfettamente rispondenti alle mutevoli esigenze delle parti stesse. LE EVOLUZIONI PREVISTE La totalità dei partecipanti alla ricerca concorda nell indicare quale priorità assoluta il miglioramento continuo dei processi gestiti e, quindi, del livello dei servizi erogati ai clienti, condizione imprescindibile per il successo dello Shared Services Centre. La visione d insieme di tale orientamento strategico è desumibile dalla Tavola 7. TAVOLA 7 L orientamento strategico degli Shared Services Centre Multiple Systems Multiple Processes Rationalize Systems Move to One System Move to One Database One Location Consolidate within Region Consolidate within Country Shared Services Define Processes Commonize Policies Commonize Processes One Organization per Process Separate from Business Units Multiple Locations Multiple Organizations Pagina 8 di 10

10 Ancora una volta, la disponibilità di soluzioni tecnologiche implementabili, soprattutto collegate alle potenzialità offerte da soluzioni web based, consente agli Shared Services Centre di conseguire eccellenti risultati in termini di incremento dell efficienza di processo, di riduzione degli errori e di innalzamento del livello di servizio assicurato ai clienti. Tra le soluzioni applicative che i partecipanti alla ricerca hanno dichiarato di essere interessati ad implementare nel breve termine emergono l automazione del processo di contabilizzazione e liquidazione delle fatture passive, l archiviazione ottica dei documenti e la gestione documentale informatizzata, l e-procurement ed il data warehousing. Sempre in ottica prospettica, i partecipanti alla ricerca indicano, quali evoluzioni perseguibili: l aumento della standardizzazione dei processi (70% dei partecipanti), in risposta alla situazione attuale che vede solo poco più del 50% dei partecipanti che hanno dichiarato di poter adottare processi standard su una percentuale di clienti superiore al 75%; l ampliamento della gamma di servizi offerti verso servizi a maggior valore aggiunto e l acquisizione di nuovi clienti (65%), in considerazione del fatto che circa il 25% dei partecipanti alla ricerca ha dichiarato di prestare i propri servizi a meno del 75% dell organizzazione che ha deciso di costituire lo Shared Services Centre; l aumento del livello di automazione dei processi (circa il 60%); l implementazione effettiva di SLA (circa il 35%). CONCLUSIONI La realizzazione di uno Shared Services Centre rappresenta una delle soluzioni strategiche adottate dalle aziende o da gruppi di esse per far fronte alle sfide competitive rese ancor più pressanti dalla globalizzazione dei mercati e dell economia. Gli Shared Services Centre consentono infatti a tutti i tipi di organizzazioni di ottimizzare la loro infrastruttura applicativa e tecnologica, ridurre i costi, incrementare lo shareholder value. Il quadro di sintesi che emerge dalla ricerca è che gli Shared Service Center rappresentano un modello organizzativo consolidato, stanno progressivamente estendo il loro raggio d azione, sia in termini di attività che di ambito geografico, consentono di realizzare benefici significativi, anche se a volte non in linea con le aspettative. Ciò, in parte, è dovuto a una sotto-stima dell impegno necessario nelle attività riguardanti la gestione delle risorse umane. La predisposizione di un piano di implementazione dettagliato ove gli aspetti di gestione del cambiamento siano adeguatamente considerati, l elaborazione di un business case realistico e affidabile, la scelta di un leader dotato dei necessari poteri e predisposto alla gestione delle relazioni forniscono un contributo determinante ad affrontare la sfida con successo. Pagina 9 di 10

11 GLOSSARIO Stakeholders Sono tutti quei soggetti portatori di interessi potenziali per un azienda, cioè persone o gruppi che hanno pretese, titoli di proprietà, diritti o interessi relativi ad un impresa ed alle sue attività. Shareholder Value Esso indica la capacità di creare valore per gli azionisti e risponderne di fronte al consiglio di amministrazione e agli stessi azionisti.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di Ipsoa Editore S.r.l. Copyright Ipsoa Editore S.r.l. Fonte: Amministrazione & Finanza - Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale, Ipsoa Editore Pagina 10 di 10

Shared Services Centers

Shared Services Centers Creating Value Through Innovation Shared Services Centers IBM Global Business Services Definizione di Shared Services Center (SSC) I Centri di Servizio Condivisi (Shared Services Center SSC) sono: Organizzazioni

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Evento Filenet-CeTIF 25 marzo 2004 aula Pio XI Chiara Frigerio Federico Rajola, Università Cattolica di Milano www.cetif.it L agenda Il contesto bancario

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

IL CASO DELL AZIENDA. Perché SAP. www.softwarebusiness.it

IL CASO DELL AZIENDA. Perché SAP. www.softwarebusiness.it LA SOLUZIONE SAP FOR PROFESSIONAL SERVICES IL CASO DELL AZIENDA Perché SAP Grazie a SAP siamo riusciti a pianificare meglio e ad ottenere tempestive informazioni su tempi e costi delle nostre commesse.

Dettagli

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance Andrea Guillermaz Piteco PITECO SpA PITECO PITECO nasce nel 1980. Con oltre 2500 Clienti, da 10 anni è il più importante

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

WebRatio. Per il settore Servizi Finanziari. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. Per il settore Servizi Finanziari. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio Per il settore Servizi Finanziari Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il divario tra Business e IT nel settore Servizi Finanziari Il settore dei servizi finanziari è

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt Trouble Ticketing Contesto di riferimento I benefici del Trouble Ticketing Nell area Operations Support si collocano le varie fasi della gestione di un infrastruttura IT: a tale area è strettamente correlata

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS)

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS) Gestione Strategica** Progettazione Organizzativa** Marketing & Vendite** Sistemi Informativi** Controllo di Gestione** Finanza Aziendale** Sistemi di QualitàTotale** Formazione** Sede legale : Via G.Pansera,

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen

L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Management Consulting Leader - IBM Italia. 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen L informazione in azienda Problema o fattore di successo? Giorgio Merli Consulting Leader - IBM Italia 23 Ottobre 2007 Milano Area Kitchen Il contesto di riferimento: le aziende devono far fronte ad un

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie Marketing e Strategie Marketing e Strategie INDICE 1. IL METODO DEL CHECK UP Pag. 3. 2. I RISULTATI Pag. 5 3. IL CONFRONTO CON GLI ALTRI Pag. 10 4. AREE DI MIGLIORAMENTO Pag. 12 5. PROSSIMI PASSI Pag.

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti ATLAS Reply Modello, metodologia e servizi offerti Mission Atlas Reply nasce nel 2001 con questa mission: Allineare l IT alle necessità del business operando sull automazione dei processi, l efficacia

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ravera Mario e-mail mario_ravera@fastwebnet.it Nazionalità Italiana Data di nascita 04/10/1969 ESPERIENZA LAVORATIVA Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli