L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1"

Transcript

1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008 ha causato una contrazione dell attività economica a livello mondiale che è stata paragonata da alcuni a quella della Grande Depressione degli anni 0. Uno dei fattori che ha contribuito alla recessione è stato il cosiddetto credit crunch, vale a dire la riduzione nel credito che le imprese sono riuscite ad ottenere dalle istituzioni finanziarie, in primo luogo dalle banche. Più esattamente, alcune imprese hanno sperimentato un problema di razionamento del credito, vale a dire l incapacità di ottenere finanziamenti dalle banche anche in presenza della disponibilità delle imprese a pagare tassi di interessi più elevati per i prestiti. Il razionamento di un bene nel mercato in situazioni normali è qualcosa che quello che abbiamo imparato finora nel corso di Microeconomia non riesce a spiegare. Se nel mercato delle mele, ad un dato prezzo, c è un eccesso di domanda, sappiamo cosa accade: il prezzo delle mele sale, la quantità domandata scende, la quantità offerta sale fino a che si realizza l uguaglianza tra domanda e offerta. Non c è razionamento nel mercato delle mele. Allora, se vogliamo capire perché invece il razionamento del credito può esistere, dobbiamo capire in cosa il mercato del credito differisce dal mercato delle mele. Una delle differenze fondamentali è il ruolo giocato dalle asimmetrie informative. Consideriamo un imprenditore che vuole ottenere un prestito da una banca per finanziare un nuovo progetto. Nel decidere se concedere il prestito, la banca deve considerare anche la probabilità che l imprenditore sia in grado di ripagare tale prestito e quindi la probabilità che il progetto abbia successo. 4 Il successo del progetto dipende da molte variabili: il talento dell imprenditore, il suo grado di impegno nel progetto, le condizioni del mercato, ecc. Rispetto ad alcune di queste variabili esiste 1 Nota didattica preparata per il corso di Microeconomia dell Università Bocconi. 2 Dipartimento di Economia, Università Bocconi. In altre parole, si ha una situazione di razionamento di un bene, in questo caso il credito, quando a prezzi più elevati del bene non corrisponde una maggiore offerta del bene stesso nel mercato. Si veda ad esempio 4 Ovviamente la banca può anche chiedere delle garanzie (collaterale) all imprenditore al fine di ridurre il rischio fronteggiato. Ad esempio, può chiedere in garanzia la casa dell imprenditore. L uso del collaterale è assai diffuso in pratica. Per semplicità noi supporremo che l imprenditore non possa offrire garanzie. 1

2 un asimmetria informativa tra banca e imprenditore. L imprenditore può avere una migliore conoscenza del mercato del prodotto o di quello dei fattori produttivi. L imprenditore può anche avere una migliore conoscenza del suo talento. 5 Altre variabili, come l impegno profuso dall imprenditore, sono osservabili solo dall imprenditore stesso. In quello che segue cercheremo di mostrare come la presenza di questi elementi possa creare un inefficiente funzionamento del mercato del credito, di cui il razionamento è una delle possibili manifestazioni. Caratteristiche nascoste, sottoinvestimento e investimento eccessivo Consideriamo un imprenditore che cerchi di finanziare un progetto. L investimento necessario per attivare il progetto (es. comprare un macchinario) è pari a 65 (decine di migliaia di euro, ad esempio). L imprenditore non ha soldi propri da investire e quindi è la banca che deve prestargli l intero ammontare, 65. L imprenditore non ha altri beni che possano essere usati come garanzia (collaterale). Il progetto può fallire oppure può avere successo. Se ha successo genera un cash flow pari a 100, mentre se fallisce genera 0. La probabilità di successo del progetto dipende dalle caratteristiche dell imprenditore. Se l imprenditore ha talento allora la probabilità di successo è 0.8. Se egli invece non ha talento è solo di 0.4. Diremo che, nel primo caso, l imprenditore è del tipo T (dove T sta per talento), mentre nel secondo caso diremo che egli è del tipo NT. L imprenditore conosce il proprio tipo, mentre la banca sa solo che la probabilità che l imprenditore sia del tipo T è pari a ½. Abbiamo bisogno ancora di altre ipotesi. Quella più importante è che l imprenditore sia protetto da responsabilità limitata: non può essere mai costretto a pagare più del cash flow generato dal progetto. In particolare, se il progetto fallisce, egli non ripaga nulla alla banca, dato che il cash flow è 0. Il contratto di credito è allora molto semplice, in questa situazione: la banca presta 65 all imprenditore e, in cambio, l imprenditore si impegna a pagare una somma D ( 100) in caso di successo del progetto. Supponiamo inoltre, per semplicità, che sia l imprenditore ad offrire il contratto alla banca, la quale può solo accettarlo o rifiutarlo. Inoltre supponiamo che il tasso di interesse sia 0 e quindi che il costo opportunità di prestare 65 all imprenditore sia esattamente 65. In altre parole, la banca è disposta ad accettare di prestare 65 solamente quando si aspetta di non fare perdite. 6 5 Naturalmente la banca può guardare alla storia passata dell imprenditore per mitigare il gap informativo. E, d altra parte, l imprenditore può essere eccessivamente ottimista (overconfident) sulle sue capacità. Malgrado ciò, l ipotesi che l imprenditore abbia un vantaggio informativo sulla banca è una buona prima approssimazione. 6 Stiamo implicitamente assumendo che la banca sia neutrale al rischio e quindi sia solo interessata al profitto atteso. 2

3 Per prima cosa vediamo cosa accadrebbe nel caso di informazione simmetrica, cioè nel caso in cui la banca potesse osservare il tipo dell imprenditore (first best) Il tipo T riuscirebbe ad essere finanziato. Infatti, il cash flow atteso che egli genera è pari a = 80 > 65. Il tipo T potrebbe proporre alla banca di ripagare, in caso di successo, l ammontare D tale che la banca abbia profitti attesi nulli. 7 Più esattamente, il contratto proposto dal tipo T dovrebbe soddisfare la condizione 0.8 D = 65 e quindi D = Il profitto atteso del tipo T sarebbe allora 0.8( ) = 15. Notate che 15 è esattamente il profitto complessivo atteso del progetto (80-65). Veniamo ora al tipo NT. E facile vedere che egli non sarebbe finanziato. Infatti, il cash flow atteso che egli genera è solo 40 ( ) e quindi insufficiente a ripagare 65. In altre parole, anche se egli proponesse di ripagare D=100, la banca rifiuterebbe di concedere il prestito. Quindi, nel caso di informazione simmetrica (first best) solo la metà degli imprenditori (quelli del tipo T) sarebbe finanziata. Vediamo cosa accade quando l informazione è asimmetrica. La banca non può adesso distinguere tra i tipi di imprenditore. Dal suo punto di vista l imprenditore può ripagare, al massimo, 1 1 [ ] + [ ] = 60, cioè la media tra quello che potrebbe ripagare il tipo 2 2 T e quello che potrebbe ripagare il tipo NT. Ma poiché 60 < 65 la banca non concede il prestito all imprenditore. In altre parole, anche se l imprenditore offrisse di ripagare D = 100 la banca si aspetterebbe di avere delle perdite dal prestito fatto. Dunque nessun imprenditore ottiene il finanziamento in questo caso e abbiamo un fenomeno di sottoinvestimento rispetto al first best. Ma questo non è l unico caso possibile. Supponiamo ora che la banca assegni una probabilità pari a 2 al fatto che l imprenditore sia del tipo T. Questo implica che il cash flow atteso generato dal progetto, per la banca, è pari a 2 [ ] + 1 [ ] 66.7 > 65. Adesso la banca è disposta a concedere un prestito. Qual è il valore più basso di D per cui la banca è disposta a prestare i soldi all imprenditore? Deve valere 2 1 [0.8 D ] + [0.4 D ] = 65 7 Dato che l imprenditore ha per ipotesi il potere di proporre il contratto, egli lo userà in modo da appropriarsi di tutti i profitti, lasciando la banca con un profitto pari a 0. D altra parte, per ipotesi, la banca è disposta a prestare i soldi all imprenditore purché non abbia delle perdite in valore atteso.

4 e quindi D = In questo caso entrambi i tipi di imprenditore ottengono fondi dalla banca e quindi abbiamo un investimento maggiore di quello di first best. In particolare, anche l imprenditore NT viene finanziato, anche se in media egli genera un cash flow inferiore al costo dell investimento. Questo è un altro tipo di inefficienza del mercato del credito causata dall informazione asimmetrica. La banca, incapace di distinguere tra due tipi, finanzia entrambi. E facile vedere che la banca perde soldi prestando all imprenditore NT. Infatti, egli ripaga in media = 9 mentre prende a prestito 65. Chi compensa la banca per le perdite fatte prestando al tipo NT? Ovviamente il tipo T. Infatti egli ripaga in media = 78 quindi un sussidio implicito che va dal tipo T al tipo NT ed è questo sussidio che causa un eccessivo livello di investimento. Un ruolo cruciale è giocato dalla responsabilità limitata dell imprenditore. L imprenditore del tipo NT è felice di prendere a prestito malgrado sappia che il suo progetto genererà un cash flow insufficiente a ripagare il prestito perché non deve sopportare il costo del fallimento. Quando il progetto fallisce egli ha un payoff nullo e tutta la perdita ricade sulla banca. 8 Ma, in caso di successo, egli ha un profitto pari a =2.5. Ricapitolando: l informazione asimmetrica sulle caratteristiche dell imprenditore causa un inefficiente livello di investimento nel mercato del credito. L inefficienza può prendere o la forma di un sottoinvestimento o di eccessivo investimento rispetto al first best. Nel nostro esempio abbiamo considerato il rapporto di finanziamento tra banche e imprese. Ma gli stessi argomenti valgono per i rapporti tra banche. Nella recente crisi finanziaria alcune banche avevano nel loro attivo dei titoli cosiddetti tossici, vale a dire titoli il cui valore di mercato era crollato in seguito allo scoppio della bolla immobiliare e all incapacità delle famiglie di ripagare i loro mutui. La mancanza di informazioni attendibili sulla quantità di tali titoli detenuti dalle banche nei loro portafogli ha portato ad un congelamento del mercato interbancario, vale a dire dei prestiti che le banche fanno alle altre banche. Nessuna banca era disposta a prestare soldi ad un altra banca poiché temeva che la controparte potesse essere incapace di ripagare il prestito.. C è Azioni nascoste (moral hazard) e mercato del credito Veniamo ora all impatto del moral hazard sul funzionamento del mercato del credito. Il modello è in larga parte simile a quello visto in precedenza. La principale variazione è che la probabilità di successo del progetto non dipende dalle caratteristiche intrinseche dell imprenditore, ma dal suo livello di sforzo. 8 Più precisamente, dato che la banca ha profitti nulli, come abbiamo visto, la perdita generata dal tipo NT ricade sul tipo T. 4

5 Per semplicità, supponiamo che l imprenditore possa scegliere di esercitare o uno sforzo basso o uno alto. In caso di sforzo alto, la probabilità di successo è 0.8, mentre in caso di sforzo basso è 0.4. Quindi, come sembra naturale, stiamo supponendo che ad un livello di sforzo più elevato corrisponda una maggiore probabilità di successo. Ma altrettanto naturale è l ipotesi che l imprenditore non ami esercitare uno sforzo elevato di per sé e che, anzi, abbia una disutilità dal lavorare intensamente al progetto. Per tale ragione assumiamo che, in caso di sforzo alto, l imprenditore abbia una disutilità dello sforzo pari a 10, mentre in caso di sforzo basso ipotizziamo che la disutilità sia pari a 0. Notiamo che, in caso di sforzo alto, il cash flow atteso è 80. Sottraendo la disutilità dello sforzo, 10, otteniamo 70. Quindi le risorse generate con lo sforzo alto, anche tenendo conto del costo dello sforzo stesso, sono maggiori del costo dell investimento, 65. Se invece l imprenditore sceglie lo sforzo basso, il cash flow atteso è pari a 40 e quindi inferiore al costo del progetto. E chiaro quindi che la banca è disposta a finanziare il progetto solo se l imprenditore sceglie lo sforzo alto. Ma la nostra ipotesi cruciale è che le azioni dell imprenditore non siano osservabili dalla banca (moral hazard). 9 Occorre pertanto che il contratto di finanziamento sottoscritto tra banca e imprenditore sia tale da indurre l imprenditore a scegliere lo sforzo alto, perché altrimenti la banca non sarà disposta a concedere il finanziamento. Il contratto ha le s tesse caratteristiche di quello che abbiamo visto in precedenza: in caso di fallimento del progetto l imprenditore non ripaga nulla (responsabilità limitata) mentre in caso di successo ripaga D ( 100 ). Per prima cosa, occorre stabilire per quali valori di D l imprendi tore ha incentivo a esercitare lo sforzo alto. La condizione viene chiamata vincolo di compatibilità degli incentivi ed è la seguente: (100 D) (100 D). Svolgendo i calcoli, otteniamo D 75. La condizione ha una semplice interpretazione: per preservare gli incentivi dell imprenditore a esercitare lo sforzo alto, egli deve ricevere almeno 25 (100-75) in caso di successo. Possiamo vederla in altro modo. La disutilità extra derivante dall esercitare lo sforzo elevato invece che quello basso è pari a 10. Ma lo sforzo alto aumenta la probabilità di successo da 0.4 a 0.8. Se l imprenditore ottiene 25 in caso di successo vale esattamente la condizione ( ) 25 = 10. Un valore inferiore a 25 indurrebbe l imprenditore a esercitare lo sforzo basso. 9 Nel nostro esempio l imprenditore sceglie il livello di sforzo. Un altro esempio di azione nascosta potrebbe essere quello della scelta della rischiosità degli investimenti o del consumo di benefici privati (cioè l uso delle risorse dell impresa per fini privati). 10 Assumiamo che la funzione di utilità dell imprenditore sia la pari al suo payoff monetario meno la disutilità dello sforzo. Ricordiamo inoltre che vale l ipotesi che la banca conosca sia le probabilità di successo legate ai due livelli di sforzo che la disutilità dello sforzo per l imprenditore. 5

6 Assumiamo che la condizione D 75 sia soddisfatta e che pertanto l imprenditore eserciti lo sforzo elevato. La banca sarà disposta a finanziare il progetto solo se non ha perdite in valore atteso, vale a dire se 0.8 D 65. Questa condizione prende il nome di vincolo di partecipazione della banca. Prendiamo il valore più elevato di D compatibile con il vincolo di partecipazione degli incentivi, vale a dire D=75. E facile vedere che = 60 < 65 e quindi in questo esempio i due vincoli, quello di compatibilità degli incentivi e quello di partecipazione, sono incompatibili. Questo significa che l imprenditore non verrà finanziato. E importante capire perché l imprenditore non ottiene il finanziamento. Dato che la banca non è disposta a prestare per D=75, la soluzione più ovvia sembrerebbe quella di aumentare la remunerazione della banca, cioè aumentare D. Ad esempio, è facile controllare che se D fosse pari a avremmo = 65. Perché l imprenditore non propone questo contratto alla banca? Perché se D = 81.25, l imprenditore sceglierebbe lo sforzo basso e quindi la probabilità di successo sarebbe 0.4. Quindi la banca riceverebbe, in valore atteso, = 2.50 e non sarebbe disposta a concedere il prestito all imprenditore. Siamo dunque in presenza di un razionamento del credito: un aumento del prezzo del credito (D più elevato) non riesce a equilibrare il mercato. Vale la pena di tornare su questo risultato ancora una volta. Perché l imprenditore non ottiene credito anche se, nel caso di sforzo elevato, il cash flow generato eccede i costi? Il problema è che non tutto il cash flow generato può essere pagato alla banca. Una parte di esso deve essere promessa all imprenditore per preservarne gli incentivi a esercitare lo sforzo elevato. Più esattamente, l imprenditore, come abbiamo visto, deve ricevere 25 in caso di successo, e quindi, in valore atteso, egli deve ricevere = 20. Il cash flow atteso generato in caso di sforzo elevato è = 80. Sottraendo i 20 che devono andare all imprenditore rimangono 60, insufficienti a ripagare i 65 che la banca deve prestare all imprenditore. 11 Finora abbiamo ipotizzato che l imprenditore non abbia ricchezza propria. Supponiamo ora che egli abbia una ricchezza pari a 5. In tal caso, egli deve prendere a prestito solo 65-5=60. Allora l imprenditore riuscirà ad essere finanziato poiché quello che egli può credibilmente promettere di ripagare alla banca (il pledgeable income), cioè 60, è esattamente pari al prestito di cui egli necessita. Detto in altre parole, consideriamo due imprenditori, che hanno progetti identici come quello descritto sopra e che differiscono solo nella loro ricchezza privata. Uno di essi ha una ricchezza propria pari a 0 mentre l altro ha una ricchezza pari a 5. Allora il primo verrà finanziato mentre il 11 Naturalmente per ottenere questo risultato gioca un ruolo cruciale l ipotesi di responsabilità limitata dell imprenditore. Se l imprenditore dovesse (e potesse) ripagare una parte del debito anche in caso di insuccesso (ad esempio usando i suoi beni personali), allora una quota maggiore del cash flow atteso generate dal progetto potrebbe essere ripagata alla banca. 6

7 secondo no. Questo giustifica il vecchio adagio secondo cui le banche prestano i soldi solo a chi ha già i soldi. Più in generale, nel nostro esempio, nessun imprenditore può promettere di ripagare più di 60, nonostante il cash flow atteso sia pari a 80. La differenza di 20 costituisce il prezzo necessario a risolvere il problema di moral hazard ed è ciò che crea il razionamento del credito. Conclusioni Il credito è la benzina che fa marciare l economia. Quando il mercato del credito si congela, come è avvenuto alla fine del 2008 e ancora nel 2009, anche l attività economica subisce inevitabilmente delle contrazioni. Il mercato del credito (come quello delle assicurazioni, quello del lavoro, ecc.) differisce da altri tipi di mercati per la presenza di asimmetrie informative. In questi casi l efficienza delle allocazioni di mercato non è garantita. Come abbiamo visto, possono esistere fenomeni di sottoinvestimento o di eccessivo investimento. E (anche) per tale ragione che tali mercati sono tipicamente regolamentati, proprio al fine di mitigare gli effetti delle asimmetrie informative. Ad esempio, le banche devono rispettare dei coefficienti patrimoniali (cioè un certo rapporto minimo tra capitale proprio e totale dell attivo) proprio per limitare l assunzione di rischi eccessivi. La crisi finanziaria del 2008 è stata anche, secondo molti economisti, causata da una cattiva regolamentazione. Non è un caso che nel giugno 2009 il Presidente Obama abbia annunciato una riforma nella regolamentazione delle istituzioni finanziarie. 7

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16 Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016 Corso di Macroeconomia Lezione 16 1 La teoria del consumo e il ruolo delle aspe1a2ve Le teorie

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa]

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Lezion4 - Selezione avversa, screening e segnalazione Asimmetrie informative pre-contrattuali e selezione avversa

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981)

MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981) MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981) Presentazione a cura di Isabella Natoli Modello di Stiglitz e Weiss (1981) Tasso d interesse svolge una duplice funzione in condizioni che implicano il razionamento

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2010/2011 INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento;

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento; Selezione avversa Informazione nascosta; Possibili conseguenze: distruzione dei mercati; razionamento; Possibili rimedi: Screening Signaling; Costi; Equilibri (pooling and screening) Selezione avversa

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli