Specifiche integrazione Verticale Erogatore nel SIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specifiche integrazione Verticale Erogatore nel SIO"

Transcript

1 Pag.1 ULSS 13 Mirano/Dolo Specifiche integrazione Verticale

2 Pag.2 Versione 1 Variante 13 Modifiche introdotte rispetto a versione precedente 1.13 Aggiunto campo SPM-2 (ID Campione) 1.12 Estesi valori previsti per TXA.3 PV1.42: specificata valorizzazione. TXA-13: specificata ulteriormente valorizzazione id documento padre MSH: Cambiata descrizione MSH PID: Modificato PID-3, aggiunti PID-19 e PID-21 C: Modificato C C: C-12 modificato in E TXA: TXA-14 se il paziente è esente non va valorizzato 1.9 per gli MDM MSH: MSH aggiornato con caso MDM PID: PID-11 modificato in E per residenza e luogo di nascita nel caso di MDM PV1: PV1-2 se campo vuoto valore di default = '' PV1-50 modificato in E C: C-3 modificato in E per sottocampo 4 C-10 modificato in E B: B-2 modificato in E B-4 modificato in E B-46 modificato in E TXA: TXA-10, -14, cambiato obbligatorietà = E TXA-15 cambiato obbligatorietà = Aggiunto possibilità di concordare alcuni codici dipartimentali al posto di codici G2 nel caso degli MDM (unità di consegna). Indicato fop utilizzato per la renderizzazione: 0.94

3 Pag B: B-18 cambiato valore obbligatorietà placer field 2 orc-2 orc-4 introdotti tipo documento 10 e 11 per campo TXA-2 specificata obbligatorietà pv1-7 dettagliata descrizione MIME documenti clinici 1.7 Sistemata la formattazione tabella con le corrispondenze Stati Prestazioni -> Stato rdine Messaggi M01-SC/SN, MDMT02, MDMT10: - sul segmento PID hanno ora attributo di obbligatorietà = i campi PID- 3, PID-7, PID-8, - sul segmento PV1 ha ora attributo di obbligatorietà = E il campo PV1-2, Specificata la composizione del segmento MSA nel caso di ACK in risposta a messaggi MDM. 1.6 Lo stato IP (vedi campo C.5) viene ora gestito a livello di singola prestazione. Inserita tabella con le corrispondenze Stati Prestazioni -> Stato rdine 1.5 Specificati nel capitolo 12 il formato richiesto per i documenti inviati al rpy. Cambiato segmento SPM: tolto segmento SPM.2. Modificato contenuto SPM.4 (sottocampi 1,2 e 5), Aggiunto campo SPM.8 con sottocampi 1,2 e 5. Cambiata da a E regola di compilazione dei campi PV1.7 e PV1.19 Corretta valorizzazione di TXA-18 (Document Confidentiality Code) 1.4 Messaggi classi M, ML ed MDM: aggiunto campo B-31 (eason for Study) Messaggi classi M, ML ed MDM: aggiunto campo C-8 (Parent) 1.3 Messaggio M^01 ridefinito in M^01-NW/CA Messaggio M^01-SC ridefinito in M^01-SC/SN Sostituito messaggio UL^22 con M^01-SC/SN Sostituito messaggio ML^33 con ML^33-NW/CA

4 Pag.4 Aggiunto il campo C-5 rder Status (dimenticanza precededente) sui messaggi ML^21-SC/SN e M^01-SC/SN Aggiunte strutture dei messaggi ML^33-NW/CA, M^01-NW/CA, M^01-SC/SN Aggiunta informazione Chiave impegnativa nell B-47 (ripetizione 5): utilizzata per comunicare a quale impegnativa associare la prestazione aggiuntiva. 1.2 TXA-18: prima era (optional) ora (requested) Aggiunto campo PV1-22 (Courtesy Code) valorizzato con l id del pagamento per la verifica dello stato di pagamento. 1.1 Cambiata dicitura campo HL7 Conditional : da I a E (come da HL7 Italia) Aggiunto disegno su comunicazione cambio stato Tolta tabella codifiche codice civile ripetuta Aggiunta descrizione segmenti PID-PV1-C-B per i messaggi MDM iferimenti [1] referto-cda2-v1.1.pdf

5 Pag.5 INDICE 1. Finalità del documento Architettura di integrazione Integrazione con Anagrafe Unica: Eventi e messaggi Scenari relativi alle richieste di prestazioni Comunicazione richieste di prestazioni Comunicazione cambio stato e prestazioni aggiuntive Comunicazione risultati e documenti Gestione codifiche Dettaglio messaggi scambiati Struttura (segmenti) dei messaggi considerati Descrizione puntuale segmenti-campi dei messaggi Descrizione segmenti comuni a tutti i messaggi Descrizione dei segmenti specializzati per messaggi APPENDICE A - Tabelle di riferimento... 27

6 Pag.6 Definizioni e abbreviazioni In uso in questo documento Azienda SI G2-CUP Anagrafe Unica (AU) G2-CUP G2-E G2-ADT PS epository SISTEMA VETICALE ANAGAFE LCALE L azienda ULSS 13 di Dolo/Mirano Sistema informativo ospedaliero Sistema destinato a gestire il Prenotato, Erogato e Pagato dell azienda; è la piattaforma comune su cui poggiamo i sistemi seguenti classificati come G2 Anagrafe Aziendale dei Contatti (Master Patient Index); contiene sia le posizioni anagrafiche si Assistiti dell ULSS di Dolo che quelle di pazienti fuori ULSS che hanno avuto almeno un contatto con l Azienda (è integrata a monte con l anagrafe aziendale). sistema CUP aziendale (rder Placer utilizzato prevalentemente per pazienti esterni) sistema aziendale di rder Entry (rder Placer utilizzato prevalentemente per pazienti interni) sistema aziendale per la gestione amministrativa dei ricoveri (Admission Dismission Transfer) Applicativo di Pronto Soccorso sistema di repository documentale questo termine verrà utilizzato per identificare un sistema software generico utilizzato per la gestione di uno o più servizi su una o più strutture dell Azienda ULSS 13 di Mirano/Dolo e che deve inserirsi nelle logiche di integrazione SI descritte nel documento. anagrafe del Sistema Verticale Appartenenti alla terminologia standard ADT CDA2 CUP Admission/Discharge/Transfer Clinical Document Architecture Applicativo utilizzato dal Centro Unico di Prenotazione HL7 Health Level 7 IHE LIS PAM Integrating the Healthcare Enterprise Laboratory Information System Profilo IHE Patient Administration Management

7 Pag.7 PDQ PI IS SWF LSWF Profilo IHE Patient Demographics Query Profilo IHE Patient Information econciliation adiology Information System Profilo IHE Scheduled Workflow Profilo IHE Laboratory Scheduled Workflow

8 Pag.8 1. Finalità del documento Questo documento intende esporre le specifiche tecniche di integrazione di un sistema Verticale (Dipartimentale) nel SI della ULSS 13 di Mirano/Dolo. Il nuovo sistema che viene attivato si deve infatti inserire nel contesto del SI attivo presso l azienda recependo le modalità di integrazione con gli altri moduli e gli standard previsti, in modo da costituire un sistema congruente e centrato sul paziente. Le modalità e le tecnologie di integrazione utilizzate nell architettura di seguito descritti sono diverse. In tutti i casi in cui lo si è ritenuto opportuno tuttavia si è utilizzato HL7 (Health Level Seven), standard internazionale per lo scambio di dati in ambito sanitario. La versione di protocollo HL7 utilizzata è la 2.5. Negli scenari descritti si è fatto laddove possibile riferimento ai profili-attori-transazioni IHE HL7 come previsti dal comitato IHE, anche se non sempre esplicitamente citati nel documento. La definizione dei trigger event e ed il contenuto dei messaggi HL7 sono stati prodotti tenendo conto della delle localizzazioni pubblicate da HL7 Italia al momento in cui si scrive, della realtà della sanità italiana, nonché di quella specifica della ULSS 13. Dove non esplicitamente indicato si sottintende che lo scambio dati avviene su canale di comunicazione socket con protocollo TCP/IP su porte concordare utilizzando MLLP (Multi Lower Layer Protocol). Il formalismo utilizzato per i messaggi HL7 è quello pipe e la modalità di ACK (acknowledge) adottata è quella di tipo riginal Mode. L ack sincrono sarà normalmente un messaggio di tipo ACK (general acknowledgement), restituito sulla stessa socket aperta dall inviante; questo messaggio verrà considerato implicito nella comunicazione tra i sistemi e quindi non verrà riportato nei diagrammi del documento. Laddove invece l ACK sincrono sia di tipo più strutturato, verrà evidenziato ed il corrispondente dialogo (msg+ack) verrà disegnato in rosso. In ogni caso è richiesto un ack sincrono con valenza applicativa.

9 Pag.9 2. Architettura di integrazione PNT SCCS ANAGAFE UNICA G2 CUP DE ENTY ADT INTEFACCIA HL7 PIATTAFMA SI Sistema Verticale Erogatore MIDDLEWAE HL7 INTEFACCIA HL7 SISTEMI EGATI EPSITY UNIC DATI SANITAI E AMMINISTATIVI FASCICL PAZIENTE VISE EFETI AEA DI MIDDLEWAE SISTEMA TASVESALE SISTEMA VETICALE SISTEMA DI MIDDLEWAE

10 Pag Integrazione con Anagrafe Unica: Eventi e messaggi Il sistema Verticale mantiene la propria anagrafe allineata con AU ricevendo i messaggi che comunicano i movimento avvenuti in AU. ANAGAFE UNICA ADT^A28 ADT^A31 ADT^A40 VETICALE Inserimento nuova anagrafica: Evento: viene inserita una nuova posizione sull Anagrafe Aziendale Messaggio utilizzato: ADT^A28. Aggiornamento anagrafica: Evento: vengono aggiornati uno o più dati relativi ad una posizione sull Anagrafe Aziendale Messaggio utilizzato: ADT^A31. Fusioni anagrafiche: Evento: viene effettuatom il merge anagrafico sull Anagrafe Aziendale; Messaggio utilizzato: ADT^A40.

11 Pag Scenari relativi alle richieste di prestazioni 4.1. Comunicazione richieste di prestazioni In questo paragrafo vengono considerati gli scenari relativi alle richieste (ordini) di prestazioni siano esse per pazienti interni (inpatient) od esterni (outpatient) (profili IHE di riferimento: SWF, LSWF). Esistono tre sistemi di rder Placer standard aziendali cioè il G2-CUP, G2-rder Entry ed il PS. Il sistema G2-CUP è tipicamente ma non esclusivamente utilizzato per la prenotazioni relative a pazienti non ricoverati; il sistema G2-E è tipicamente ma non esclusivamente dedicato alla registrazione di richieste per pazienti ricoverati. Il PS è utilizzato per pazienti in regime di Pronto Soccorso. Il Sistema Verticale può essere a seconda dei casi rappresentare il sistema richiedente (rder Placer) od il sistema erogatore (rder Filler) delle prestazioni. Per la comunicazione tra i due sistemi si utilizzeranno i messaggi HL7 seguenti: M^01-NW/CA: per flussi di richieste che non prevedono la comunicazione di informazioni relative ai campioni di materiale biologico; ML^33-NW/CA: per i flussi di richieste che prevedono la comunicazione di informazioni relative ai campioni di materiale biologico. In tutti gli scenari sopra descritti vengono generati-gestiti i seguenti eventi- messaggi 1. Inserimento nell rder Placer di un nuovo ordine (non per laboratorio analisi). Viene generato un messaggio M^01 con order control=nw e contenente una coppia di segmenti C-B per ogni prestazione richiesta. 2. Cancellazione di un ordine precedentemente comunicato dall rder Placer (non per laboratorio analisi). Viene generato un messaggio M^01 con order control=ca e contenente una coppia di segmenti C-B per ogni prestazione dell ordine. 3. Inserimento nell rder Placer di un nuovo ordine per il laboratorio analisi. Viene generato un messaggio ML^33 con order control=nw e contenente una coppia di segmenti C-B per ogni prestazione richiesta. 4. Cancellazione di un ordine precedentemente comunicato dall rder Placer Viene generato un messaggio ML^33 con order control=ca e contenente una coppia di segmenti C-B per ogni prestazione dell ordine.

12 Pag Comunicazione cambio stato e prestazioni aggiuntive L evento qui considerato è un cambio stato di una o più prestazioni effettuato sul Sistema Verticale (rder Filler). Le prestazioni a cui si fa riferimento sono prestazioni native del Placer, nel senso che appartengono a richieste inserite manualmente nel Placer. Questo evento deve scatenare l invio di un messaggio di tipo M^01 SC/SN. Un messaggio potrà contenere una o più prestazioni (coppie di segmenti C-B) di cui è stato aggiornato lo stato. Il campo C-2 dovrà essere valorizzato con: - SC se è la comunicazione di un cambio stato relativo a prestazione richiesta da G2; - SN se è la comunicazione di una prestazioni aggiuntiva eriogata da aggiungere ad una impegnativa originaria della richiesta registrata in G2 Lo stato della ichiesta nel suo complesso sarà derivazione diretta dello stato delle singole prestazioni che la compongono. Gli stati attualmente previsti: o o o o In esecuzione: significa che la prestazione richiesta è stata presa in carico dal sistema Verticale In questo caso il campo C-5 (rder Status) va valorizzato con IP (In progress) Non erogato: significa che la prestazione richiesta non verrà più erogata In questo caso il campo C-5 (rder Status) va valorizzato con CA (Cancelled) Erogato: la prestazione è stata eseguita. In questo caso il campo C-5 (rder Status) va valorizzato con CM (Completed). efertato: la prestazione è stata refertata. Questo cambio stato verrà impostato alla ricezione del referto (ved. Capitolo 2.6). A seconda dei casi il sistema verticale potrà notificare un unico messaggio con tutte le prestazioni della richiesta legandolo ad un proprio evento consuntivante oppure allineare l rder Placer con più messaggi contenenti le diverse prestazioni della richiesta.

13 Pag Comunicazione risultati e documenti Gli eventi presi in considerazione in questo caso sono - Generazione di un documento firmato l Sistema Verticale Erogatore produce un referto su richiesta prodotta da Sistema ichiedente. Parte un MDM_T02 dal Verticale Erogatore, il referto viene inviato al epository perché sia visualizzabile mediante Visore aziendale; se il caso viene anche trasmesso al ichiedente per l estrazione delle informazioni strutturate. Il referto andrà trasmesso sottoforma di MIME con due body codificati in base 64: 1. Un XML-CDA-2 secondo quanto previsto dal documento di specifica del TSE (ved. [1]) 2. Il foglio di stile per la rendirizzazione in PDF mediante FP (versione 0.94) La possibilitàm di inviare il documento in formato PDF invece che CDA2 deve essere concordato con l Azienda Sanitaria. I referti devono essere firmati elettronicamente secondo l ultimo standard di firma digitale in uso in Italia (attualmente CADES). - Sostituzione/Annullo referto firmato Potrebbe verificarsi la necessità di sostituire/annullare un documento precedentemente inviato al repository. In questo caso il verticale erogatore invierà un messaggio MDM_T10 contenente il referto da revisionare/revocare, in questi messaggi si dovrà indicare oltre all'identificativo del nuovo documento anche di quello vecchio. In caso di cancellazione di pura cancellazione dovrà mandare un documento fittizio con la dicitura CANCELLAT.

14 Pag Gestione codifiche Le codifiche delle strutture (reparti, ospedali, unità di erogazione, agende ecc ) e di tutti i dizionari di base saranno quelle del SI. Per mantenere i diversi sistemi allineati a fronte di variazioni nel sistema centrale delle codifiche si potrà valutare la trasmissione in broadcast deii messaggi HL7 tipicamente utilizzati nell implementazione dei Master Files.

15 Pag Dettaglio messaggi scambiati 7.1. Struttura (segmenti) dei messaggi considerati ACK (acknowledge) Segmento MSH MSA DESCIZINE Message Header Message Aknowledgement ADT^A28 (Nuova Anagrafica) e ADT^A31(Modifica Anagrafica) Segmento MSH EVN PID [PD1] PV1 DESCIZINE Message Header Event Type Patient Identification Additional Demographic Patient Visit ADT^A40 (Merge Anagrafiche) Segmento MSH EVN PID PV1 MG DESCIZINE Message Header Event Type Patient Identification Patient Visit Merge Information M^01- NW/CA (Inserimento-cancellazione richiesta di prestazioni) M^01- SC/SN (Comunicazione cambio stato ed aggiunta prestazioni ad impegnativa, anche laboratorio) Segmento MSH EVN PID PV1 {C} {B} DESCIZINE Message Header Event Type Patient Identification Patient Visit Common rder Segment bservation equest Segment

16 Pag.16 ML^33 NW/CA (Inserimento-cancellazione richiesta di prestazioni per Laboratorio Analisi) Segmento MSH PID PV1 {SPM} {C} {B} DESCIZINE Message Header Patient Identification Patient Visit Speciment Segment Common rder Segment bservation equest Segment MDM^T02 (comunicazione documento) MDM^T10 (comunicazione nuova versione documento) Segmento MSH EVN PID PV1 {C B} TXA BX DESCIZINE Message Header Event Type Patient Identification Patient Visit Common rder bservation equest Transcription Document Header bservation/esult 7.2. Descrizione puntuale segmenti-campi dei messaggi Nelle tabelle contenute in questo documento e destinate a descrivere la composizione ed i contenuti dei messaggi utilizzati, non si riportano tutte le proprietà (es. data type) dei campi considerati; per tali informazioni ci si riferisca allo standard HL7. I campi non utilizzati non vengono riportati sulle tabelle. I campi data-ora se non diversamente specificato sono nel formato YYYYMMDDHHMMSS Descrizione segmenti comuni a tutti i messaggi Vengono qui decsritti i segmenti comuni a tutti i messaggi considerati in questo docuemnto. Sulle stesse tabelle si riporta nella colonna nella colonna PT viene riportata l obbligatorietà o meno della valorizzazione. I valori possibili sono: - (requested): cioè il campo deve essere sempre valorizzato; - (opzionale): il campo può essere valorizzato o meno - C (conditional): obbligatorio se vale qualche altra condizione (da specificare puntualmente) - E (required but can be empty): obbligatorio se l informazione è valorizzata nel sistema di origine

17 Pag.17 MSH - Message header SEQ PT NME ELEMENT DESCIZINE 1 Field Separator 2 Encoding Characters ^~\& 3 Sending Application Componente HD-1= Codice identificativo applicativo inviante. Es: G2 4 Sending Facility Componente HD-1=Nome società produttrice applicativo inviante. Es: INSIELMECAT 5 eceiving Application Componente HD-1= Codice identificativo applicativo destinatario. 6 eceiving Facility Componente HD-1= Società produttrice applicativo destinatario. 7 Date/Time f Message Data e ora di sistema alla generazione del messaggio 9 Message Type Tipo messaggio come da standard: <codice messaggio>^<trigger event>^<struttura messaggio> (es. ADT^A01^ADT_A01). Il terzo campo viene omesso 10 Message Control ID Identificatore univoco del messaggio che deve essere restituito nel messaggio di ACK. 11 Processing ID P 12 Version ID 2.5 EVN Event type SEQ PT NME ELEMENT DESCIZINE 1 Event Type Code <trigger event> 2 ecorded Date/Time Data e ora di sistema alla generazione del messaggio 6 Event ccurred Data e ora di sistema alla generazione del messaggio MSA Message Acknowledge SEQ PT NME ELEMENT DESCIZINE 1 Acknowledgement Code Assume il valore AA in caso di successo AE o A in caso di errore 2 Message Control ID L ID del messaggio cui si risponde con l ACK (campo MSH-10 del messaggio originale). 3 Text Message Breve descrizione dell errore. Valorizzato solo in caso di fallimento (MSA-1 <> AA )

18 Pag.18 MSA Message Acknowledge (nel caso di ACK su messaggi MDM) SEQ PT NME ELEMENT DESCIZINE 1 Acknowledgement Code Assume il valore AA in caso di successo AE o A in caso di errore 2 Message Control ID L ID del messaggio cui si risponde con l ACK (campo MSH-10 del messaggio originale). Valorizzato solo in caso di fallimento (MSA-1 <> AA ) 3 Text Message In caso di successo (MSA-1 = AA ) riporta l identificativo assegnato dal repository al documento (numerico lungo al max. 22 cifre). In caso di fallimento (MSA-1 <> AA ) riporta una breve descrizione dell errore. E Error SEQ PT NME ELEMENT DESCIZINE 3 HL7 Error Code Codice errore : come da tabella standard HL Application Error Code Codice errore interno all applicazione ricevente 7 Diagnostic Information Informazione utile all help desk 8 User Message Descrizione testuale dell errore

19 Pag.19 PID - Patient identification Il segmento viene utilizzato per comunicare i dati anagrafici del paziente. Tale segmento viene spedito con tutti i messaggi considerati in questo documento in modo da consentire quando richiesto ai sistemi destinatari di inserire od aggiornare l anagrafica in gioco alla ricezione del primo messaggio significativo per lo specifico workflow. Nel caso dell ADT^A40 contiene i dati esaustivi dell anagrafica accorpante. SEQ NME ELEMENT DESCIZINE ADTA28 ADTA31 ADTA40 M01 ML33 M01- SC/SN MDMT02 MDMT10 3 Patient Identifier List Contiene più ripetizioni, ognuna relativa ad una tipologia di codice. Sono obbligatori i componenti CX-1 (ID Number) = ID anagrafico nel senso sotto specificato CX-4 (Assigning Authority) che assume i valori: PK (ID anagrafe aziendale) PK_CUP (ID G2) CF (Codice Fiscale) STP (Codice STP) ENI (Tessera ENI) CX-7: inizio validità (se prevista) SSN (Codice Sanitario) TEAM (tessera TEAM) DIP (ID nel sistema di origine) CX-8: fine validità (se prevista) per PK E per CF, SSN,STP, TEAM, ENI per PK,CF,DIP E per SSN,STP, TEAM, ENI 5 Patient Name Contiene una sola ripetizione del campo con cognome e nome del paziente. XPN-1 = Cognome XPN-2 = Nome XPN-7 = L 6 Mother s Maiden Name Contiene una sola ripetizione del campo con cognome e nome della madre del paziente neonato. XPN-1 = Cognome XPN-2 = Nome 7 Date/Time of Birth Data e ora di nascita (l ora è sempre 0000) 8 Administrative Sex Sesso (M: Maschio, F: Femmina, U: Sconosciuto) 11 Patient Address Indirizzo di residenza, domicilio e luogo di nascita XAD-1 = Indirizzo XAD-2 = Descrizione località XAD-3 = Descrizione Comune o Stato estero XAD-4 = sigla della provincia XAD-5 = CAP XAD-6 = Codice ISTAT nazione XAD-7 = Tipologia indirizzo. L (residenza) H (domicilio) N (nascita) XAD-9 = codice catastale del comune XAD-9 = codice ISTAT Comune o Stato estero (E per residenza e luogo di nascita nel caso di MDM) 13 Phone Number Home XTN-12 = recapiti di telefono non formattati. Attualmente nell anagrafe aziendale è un campo testo per cui il dato viene trasmesso senza formattazione così come compilato dall operatore 16 Marital Status CE-1: Codice Stato Civile (ved. User-defined Table Marital Status in fondo al documento) CE-2: Descrizione E E 19 SSN Number Patient Codice SSN paziente 21 Mother s Identifier CX-1: ID anagrafe aziendale della madre CX-4: PK 26 Citizenship Cittandinanza CE-1 = ISTAT cittadinanza CE-2 = descrizione cittadinanza 29 Patient Death Date and Time Data decesso (valorizzato se PID.30= Y ) C 30 Patient Death Indicator Y: se deceduto N: se non deceduto

20 Pag Descrizione dei segmenti specializzati per messaggi PV1 - Patient visit Contiene dati anagrafici e dati relativi all accesso (episodio). SEQ NME ELEMENT DESCIZINE ADTA28 ADTA31 ADTA40 2 Patient Class I: per richieste collegate a fasce contrattuali per Interni (o pre-post ricovero) : per richieste collegate a fasce contrattuali per Esterni Nel caso mancasse, il valore di default è 7 Attending Doctor Medico di base del paziente XCN-1 = Codice regionale medico XCN-2 = Cognome XCN-3 = nome 19 Visit Number Valori per CX-1: XCN-9 = Codice dell azienda Sanitaria di Assistenza del paziente in 6 cifre (3 cifre del codice della regione + 3 cifre del codice regionale dell azienda sanitaria) se tipo episodio (vedi PV1-50.5) è: - pronto soccorso allora Numero Cartella PS - lista di attesa allora Numero Posizione in Lista - degenza o DH allora Numero Nosologico del ricovero - post ricovero allora Numero Nosologico del ricovero da cui deriva - ambulatoriale allora numero appuntamento CX-4 = Codice dell azienda Sanitaria di 6 cifre (3 cifre del codice della regione + 3 cifre del codice regionale dell azienda sanitaria) M01 ML33 22 Courtesy Code ID pagamento (utilizzato per la verifica del pagamento) E 42 Pending Location Struttura destinataria del referto (G2): PL-1 = Codice G2 PL-11.1 = G2 Può essere concordato l utilizzo dei codici aziendali in vece dei codici G2 50 Alternate Visit ID CX.1= ID episodio 1 CX.2= ID accesso (o contatto o encounter) 2 CX.5= tipo episodio (vedi tabella U-0002) 51 Visit Indicator V M01- SC/SN MDMT02 MDMT10 E E E E E 1 E un id che identifica il singolo episodio all interno di accesso del paziente; può corrispondere ad un episodio di PS, alla degenza all interno di un dato reparto (in caso di ricovero su più reparti, solo una fase dunque del ricovero complessivo), un episodio di lista di attesa ; va utilizzato nella chiamata all applicativo rder Entry di Insiel quando previsto nell ambito del SI in modo che le richieste caricate sia collegate all episodio corrispondente. 2 L accesso o encounter o contatto rappresenta appunto un intero accesso del paziente alla struttura sanitaria e può comporsi di una catena di episodi (PS+DEGENZA ecc..); l id accesso corrisponde al primo id episodio (episodio capostipite)

21 Pag.21 Contiene identificativo anagrafica accorpata. MG Merge Information SEQ ELEMENT NAME DESCIZINE A40 1 Prior Patient Identifier List ID nell anagrafe aziendale dell anagrafica da accorpare

22 Pag.22 C Common rder Segment SEQ NME ELEMENT DESCIZINE M 01- NW/CA 1 rder Control Per M^01-NW/CA: NW quando viene creata una nuova richiesta CA quando viene cancellata una richiesta Per M^01-SC/SN: SC quando cambio stato di prestazione G2 SN quando aggiunta di prestazione (utilizzabile solo nei casi previsti dal nomenclatore) 2 Placer rder Number EI-1= ID prestazione richiesta su Placer EI-2 = G2 EI-3 = ID prestazione richiesta su Filler (quando nata su Filler) EI-4 = identificativo del filler/verticale (quando nata su Filler) 3 Filler rder Number ML33: ID ordine/richiesta secondo il formato richiesto dal Laboratorio M01: ID appuntamento ML 33 M MDM T MDM T10 SC/SN E E 4 Placer Group Number ID ordine/richiesta E 5 rder Status Comunica lo cambio stato dal verticale: IP = prestazione presa in carico (attenzione la presa in carico anche di una sola prestazione della richiesta, blocca la possibilità di cancellare la richiesta dal CUP/E) CA = prestazione non erogata CM = prestazione eseguita Se C-1 = SN allora può valere solo CM Vedi di seguito tabella STATI_DINE che descrive le relazioni tra gli stati delle singole prestazioni e quello della richiesta, anche come è visibile sull E/CUP. 7 Quantity/Timing Indica quantità, data e priorità delle prestazioni associate. TQ-1 = quantità, sempre impostato a 1 TQ-4 = - data schedulata o desiderata per l appuntamento nel caso di M^01 e ML^33 - data esecuzione delle prestazione nel caso di M^01-SC/SN, MDM^T02, MDM^T10 TQ-6 = la priorità, con i valori: S=Urgente nel più breve tempo, =routine, I tre componenti sono opzionali, se non specificati vanno intesi come quantità = 1, data = decisa da order filler, priorità =. 8 Parent rder Id SI che accorpa le due richieste effettuate nella stessa sessione di prenotazione (nel SI è anche chiamato impropriamente id_contatto) 9 Date/Time of Transaction Data-ora evento 10 Entered By Username operatore E 12 rdering Provider Medico richiedente/proscrittore XCN-1 = Codice regionale medico XCN-2 = Cognome XCN-3 = Nome 17 Entering rganization Struttura richiedente G2 (unità organizzativa) CE-1 (Identifier) = codice G2 CE-2 (Text) = descrizione CE-3 = Nome del sistema di codifica valorizzato con G2 E E E 18 Entering Device Workstation

23 Pag.23 Stato prestazione n Stati altre prestazioni dell ordine Stato ordine su E Stato ordine su CUP ANNULLATA ANNULLATA ANNULLAT ANNULLAT PENTATA IN ESECUZINE PENTATA EGATA NN EGATA PENTAT PENTAT PENTATA IN ESECUZINE EGATA NN EGATA IN ESECUZINE IN ESECUZINE EGATA EGATA EGAT EGAT EFETATA PENTATA IN ESECUZINE EGATA NN EGATA PAZIALMENTE EFETAT EGAT EFETATA EFETATA EFETAT EGAT Tabella 1 - STATI DINE Note Comandabile solo da CUP/E e per tutte le prestazioni assieme (ordine) B bservation equest Segment SEQ NME ELEMENT DESCIZINE M01 ML33 2 Placer rder Number ID prestazione richiesta (lo stesso valore del corrispondente C) 4 Universal Service Prestazione richiesta Identifier CE-1 = codice SI della prestazione CE-2 = descrizione prestazione CE-3 = Nome del sistema di codifica; valorizzato con SI 13 elevant Clinical Info Quesito clinico (testuale su SI) E 18 Placer Field 1 Unità o laboratorio di erogazione 19 Placer Field 2 Stanza di erogazione (Agenda o Lista di Accesso) E 30 Transportation Mode Modalità di trasporto (per interni). Vedi tabella HL7 Table 0124 a fine doc. 31 eason for Study Descrizione del quesito diagnostico codificato su SI E 46 Placer Supplemental Service Information Dati impegnativa (prescrizione) CE-1 (1) = numero prescrizione CE-5 (1) = PESC_NUM CE-1 (2) = data prescrizione CE-5 (2) = PESC_DATA CE-1 (3) = fascia contrattuale CE-3 (3) = G2 CE-5 (3) = PESC_FASCIA CE-1 (4) = codice esenzione CE-3 (4) = EGINALE CE-5 (4) = PESC_ESENZ CE-1(5) = chiave impegnativa (valorizzato anche se non esiste un impegnativa reale ) CE-5(5) = PESC_KEY E E M01-SC/SN MDMT02 MDMT10 E E E E

24 Pag.24 SPM Speciment Segment SEQ NME ELEMENT DESCIZINE ML^33 1 Set ID SPM Progressivo campione all interno del messaggio 2 Speciment ID ID Campione 4 Speciment Type CWE-1: Chiave Materiale CWE-2: Descrizione Materiale CWE-5: Note Materiale 8 Speciment Source Site CWE-1: Chiave Sede Prelievo 17 Specimen Collection Date/Time CWE-2: Descrizione Sede Prelievo CWE-5: Note Sede Prelievo Data-ora prelievo campione

25 Pag.25 TXA Transcription Document Header SEQ NME ELEMENT DESCIZINE MDMT02 MDMT10 2 Document Type Tipologia del documento. (1=eferto, 2=Scheda operatoria, 3=Lettera di dimissione, 4=Verbale di pronto soccorso, 10=eferto aperto 11=eferto chiuso ) Eventuali altri tipi di documento dovranno essere concordati. 3 Document Content Presentation Formato del documento: CDA2_XSL_PKCS7 se CDA2 contenuto in mime firmato secondo le specifiche riportate più avanti CDA2_XSL se CDA2 contenuto in mime non firmato secondo le specifiche riportate più avanti PDF_PKCS7 se formato PDF firmato CAdES PDF_ADBE se formato PDF firmato PadES PDF se formato PDF non firmato CDA2 se CDA2 puro CDA2_PKCS7 se CDA2 puro firmato 4 Activity Date/Time Data ora produzione o modifica del eferto 9 riginator Code/Name Medico repertante XCN-1 = Codice regionale medico XCN-2 = Cognome XCN-3 = nome 10 Assigned Document Authenticator Medico che autentica il referto XCN-1 = Codice regionale medico XCN-2 = Cognome XCN-3 = nome E 12 Unique Document Number Chiave univoca ed invariante nel tempo del documento sull applicativo d origine 13 Parent Document Number Chiave univoca sull applicativo d origine dell eventuale documento padre. In taluni casi è possibile concordare che sia utilizzata la chiave del repository restituita nell ack relativo al msg della versione precedente. 14 Placer rder Number Chiave dell ordine nell rder Placer Se il paziente è esente non è valorizzato E E 15 Filler rder Number Identificativo richiesta del dipartimentale 17 Document Completion Status Stato del documento: AN annullato (per il documento sostitutivo annullativo) D documento validato LA Legalmente Valido (firmato digitalmente) 18 Document Confidentiality Code Delega-Consenso-Privacy: N = normal (pubblicabile all MMG) = restricted (non pubblicabile all MMG) V = very restricted (da definire)

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL

FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL FAQ sul prestito locale, interbibliotecario (ILL) e intersistemico (ISS) in SOL PRESTITO LOCALE 1. Dove posso trovare informazioni dettagliate sul prestito locale e sulla gestione dei lettori? 2. Come

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

Grandi dimensioni e dimensioni variabili

Grandi dimensioni e dimensioni variabili Grandi dimensioni e dimensioni variabili aprile 2012 1 Questo capitolo studia alcuni ulteriori aspetti importanti e caratteristici della gestione delle dimensioni in particolare, delle grandi dimensioni

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS GESIRAD Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS Copyright Siemens AG Healthcare Sector 2009. For internal use only. Roma, 8 marzo 2011 Pellegrini

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0 Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE Versione 1.0.0 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. USO DEL SERVIZIO E FUNZIONALITÀ... 3 2.1 Funzionalità di Revoca del proprio medico... 4 2.2 Funzionalità di scelta/revoca

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli