Introduzione. Informazioni verso Tecnologie. Chianese Angelo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Informazioni verso Tecnologie. Chianese Angelo"

Transcript

1 Introduzione Informazioni verso Tecnologie Chianese Angelo

2 Due termini: una grande scommessa Chianese Angelo 2 Chianese Angelo 2

3 Obiettivi del corso Inquadrare il moderno concetto di Sistema Informativo Integrato come variabile chiave del funzionamento di una impresa e più in generale di una organizzazione e fornire relativi linguaggi e capacità di lettura. Infatti una organizzazione moderna alimenta le proprie decisioni quotidiane ed il proprio indirizzo strategico con flussi strutturati di informazioni. Flussi, che operando dall'esterno verso l'interno, all'interno dell'impresa, e dall'interno verso l'esterno, rivestono oggi una importanza almeno pari a quella dei flussi di merci e di risorse finanziarie. Chianese Angelo 3 Chianese Angelo 3

4 Una importante premessa Un Sistema Informativo ruota attorno alla comunicazione ed alla informazione, non al calcolo; Il Sistema Informativo può, ma non necessariamente deve, utilizzare un Sistema Informatico; Un Sistema Informativo è qualcosa di molto specifico, legato strettamente all organizzazione. Chianese Angelo 4 Chianese Angelo 4

5 Temi del Corso Analizzare il legame tra informazioni, tecnologie ed Organizzazioni Descrivere la struttura di un Sistema Informativo (SI) di una Organizzazione q Per comprenderne le relazioni con il sistema organizzativo Approfondire le metodologie che sostengono il ciclo di vita di un SI Introdurre le metodologie di progettazione ed acquisizione di un SI o Con un adeguato efficiente impiego delle Tecnologie della Informazione e delle Comunicazioni (ICT) Chianese Angelo 5 Chianese Angelo 5

6 Materiale Didattico Testo di riferimento: Giampio Bracchi Chiara Francalanci Gianmario Motta Sistemi Informativi d impresa McGraw-Hill Testo consigliato: q Tommaso Federici Il progetto di sistemi Informativi Franco Angeli Dispense disponibili su Chianese Angelo 6 Chianese Angelo 6

7 Modalità di esame Due prove infracorso (a metà e fine corso) al calcolatore con Una prova finale Chianese Angelo 7 Chianese Angelo 7

8 Da sistemi custom a sistemi integrati CENNI STORICI Chianese Angelo 8 Chianese Angelo 8

9 Premessa Le tecnologie hanno da sempre sostenuto i processi di una organizzazione Le tecnologie ICT sono da considerare fattori abilitanti al miglioramento (efficacia ed efficienza) dei processi Ma non si deve fare l errore di considerarle indispensabili I sistemi informativi esistono da molto tempo, prima ancora dei sistemi informatici Chianese Angelo 9 Chianese Angelo 9

10 Da calcolo scientifico a gestionale Memoria a carattere o byte Applicazioni gestionali Linguaggio COBOL e PL1 Applicazioni di ufficio Basi di Dati e DBMS Chianese Angelo 10 Chianese Angelo 10

11 Un pò di storia Packages altamente personalizzati sviluppati da un solo rivenditore software Packages interfacciati sviluppati da più rivenditori di software oggi Soluzioni integrate sviluppate da un rivenditore software Chianese Angelo 11 Chianese Angelo 11

12 Le prime soluzioni custom Differenti sistemi informativi che supportano diversi processi gestionali; Interfacce limitate e costose tra i diversi sistemi; Ritardi significativi nella definizione dei dati effettivi, dovuti a esigenze di riconciliazione e consolidamento Gestione dei fabbisogni Sistema Informativo Gestione economica Gestione approvvigionamenti Gestione della produzione Chianese Angelo 12 Chianese Angelo 12

13 Le prime integrazioni Un unico sistema informativo; Le informazioni sono parzialmente isolate, esistono strutture dati diverse per informazioni chiave, che devono integrate con uno sforzo significativo; presenza di un numero significativo di processi di elaborazione batch e off-line. Gestione dei fabbisogni Gestione della produzione Sistema Informativo Gestione economica Gestione approvvigionamenti Chianese Angelo 13 Chianese Angelo 13

14 I sistemi integrati Focalizzazione sulla gestione delle informazioni Un unico sistema informativo Strutture dati condivise tra tutte le applicazioni chiave con conseguente facilità d accesso da parte di tutti gli utenti Tutte le informazioni sono aggiornate in tempo reale, con la virtuale eliminazione delle elaborazioni batch Chianese Angelo 14 Chianese Angelo 14

15 Le soluzioni ERP attuali Soluzioni applicative concepite in modo da integrare su base aziendale l insieme dei processi operativi ed amministrativi che regolano lo svolgersi delle varie attività aziendali. Gli Enterprice Resource Planning rappresentano le più recenti soluzioni globali di pacchetti software applicativi, finalizzati ad integrare tutte le principali funzioni aziendali, quali amministrazione, finanza, produzione e vendite, ecc. FORTE INTEGRAZIONE RICCHEZZA DI FUNZIONALITA ORIENTAMENTO AL PROCESSO VISIONE UNITARIA DELLE ATTIVITA OPERATIVE Chianese Angelo 15 Chianese Angelo 15

16 Benefici ottenibili Un software ERP è un software progettato con focalizzazione non sulle sole singole funzioni tradizionali, ma sull intero processo aziendale Tutte le applicazioni operano con la stessa base dati eliminando la possibilità di duplicare i dati fornendo reporting e analisi coerenti per tutte le attività operative CON GLI ERP VIENE RILEVATO UN FATTO AMMINISTRATIVO UNA SOLA VOLTA VALIDO PER TUTTI I DIVERSI LIVELLI DI INFORMAZIONE Chianese Angelo 16 Chianese Angelo 16

17 Il mercato Chianese Angelo 17 Chianese Angelo 17

18 LE DEFINIZIONI Chianese Angelo 18 Chianese Angelo 18

19 Una prima definizione di SI La definizione proposta da Angell e Smithson (1991) esprime bene la visione delle finalità dei SI i sistemi informativi sono sistemi sociali le cui caratteristiche sono pesantemente influenzate dagli obiettivi, dai valori e dalle tradizioni degli individui, dei gruppi, così come delle performance della tecnologia. Un sistema informativo è un insieme di diversi componenti che consentono la produzione e la gestione dell informazione. Chianese Angelo 19 Chianese Angelo 19

20 Da Azienda ad Organizzazione Se i SI rappresentano per una qualsiasi struttura: q Sistemi a supporto dei processi gestionali e decisionali con i quali raggiungere i propri obiettivi o Raccogliendo e trattando informazioni capaci di orientare le decisioni coerentemente con missione (efficacia) e disegno organizzativo (efficienza) Si applicano a: q AZIENDE: strutture finalizzate al raggiungimento di obiettivi economici o Imprese industriali, finanziarie e commerciali q ORGANIZZAZIONI: Una qualsiasi struttura con finalità diverse dal solo profitto o Ente pubblico (Pubblica Amministrazione, Università, Ospedale) o Organismi no profit (Associazioni, Fondazioni) Chianese Angelo 20 Chianese Angelo 20

21 Organizzazione In una Organizzazione sono presenti ruoli e funzioni diversificate è caratterizzata da fini, metodi, regole opera attraverso processi ha almeno i (macro)processi: q operativo o produttivo q controllo e gestione dispone di risorse (tra cui le più importanti sono le informazioni) l insieme dei modi in cui un numero di persone, impegnate in una complessità di compiti, interagiscono le une con le altre per la consapevole e sistematica determinazione e realizzazione di obiettivi convenuti. Chianese Angelo 21 Chianese Angelo 21

22 L organigramma Suddivisione dell organizzazione in differenti sistemi con compiti ed obiettivi specifici che cooperano attraverso legami di tipo gerarchico e funzionale Chianese Angelo 22 Chianese Angelo 22

23 La governance Governance significa osservare una o più variabili di cui si ha la responsabilità (quindi assumere informazioni) e attuare azioni correttive (cioè realizzare decisioni) per riportare l andamento nelle condizioni previste (dal processo di pianificazione). Chianese Angelo 23 Chianese Angelo 23

24 PMI: Microimprese, piccole e medie imprese Le microimprese, le piccole o medie imprese vengono definite in funzione del loro organico e del loro fatturato ovvero del loro bilancio totale annuale. q Una media impresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 250 persone e il cui fatturato non superi 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio annuale non sia superiore a 43 milioni di euro. q Una piccola impresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 50 persone e il cui fatturato o il totale del bilancio annuale non superi 10 milioni di euro. q Una microimpresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 10 persone e il cui fatturato o il totale di bilancio annuale non superi 2 milioni di euro. Fonte Comunità Europea Chianese Angelo 24 Chianese Angelo 24

25 Sistema informativo e sistema organizzativo Sistema informativo: l insieme delle informazioni utilizzate, memorizzate, elaborate in una organizzazione per il perseguimento dei propri fini Sistema organizzativo: l insieme di risorse e regole (per l utilizzo coordinato di tali risorse) che in una organizzazione vengono utilizzate per il perseguimento dei propri scopi. q La risorsa è tutto cio con cui la organizzazione opera, sia materiale che immateriale per perseguire i propri obiettivi o prodotti, servizi, materiali utilizzati Chianese Angelo 25 Chianese Angelo 25

26 Efficienza ed Efficacia Efficacia: grado di raggiungimento degli obiettivi Efficienza: costo del raggiungimento degli obiettivi Chianese Angelo 26 Chianese Angelo 26

27 Le risorse Risorsa è tutto ciò con cui la azienda opera, sia materiale che immateriale, per perseguire i suoi obiettivi. Esterne q Ambiente sociale ed economico q Mercato q Clienti Interne q Risorse di scambio: prodotti (beni o servizi) q Risorse di struttura: finanze, persone, infrastrutture q Risorse di gestione: norme, organigrammi, deleghe, piani q Informazioni Chianese Angelo 27 Chianese Angelo 27

28 Ciclo di vita di una risorsa Chianese Angelo 28 Chianese Angelo 28

29 Sulla risorsa informazione Un patrimonio di dati, un insieme di procedure di raccolta, elaborazione dei dati, la produzione e comunicazione di informazioni Un insieme di persone che sovrintendono a tali procedure Un insieme di mezzi e strumenti per rilevazione, archiviazione, trattamento, comunicazione di dati e informazioni Un insieme di principi generali, valori, idee di fondo che ispirano il sistema informativo Chianese Angelo 29 Chianese Angelo 29

30 Organizzazione come insieme di processi PROCESSO: insieme di attività finalizzate al raggiungimento di un obiettivo in termini di un certo output (materiale, informativo, monetario), sulla base di determinati input (dati, risorse) Con la visione per processi ci si concentra sulla filiera di attività svolte e sugli scambi (fisici e informativi) fra gli attori coinvolti L organizzazione è vista come insieme di utenti che cooperano in modo integrato per il raggiungimento di un obiettivo comune Chianese Angelo 30 Chianese Angelo 30

31 Processo Il Processo è l insieme delle attività (sequenze di decisioni e azioni) che l organizzazione nel suo complesso svolge per gestire il ciclo di vita di una risorsa o di un gruppo omogeneo di risorse Processo di business (PB): come un percorso end-to-end con un inizio ed una fine precisa q ad esempio dall acquisto dei materiali al rilascio del prodotto I PB permettono di ottenere una visione organizzativa di alto livello q trasversale alla logica organizzativa funzionale q con l ottica integrata per il coordinamento delle risorse In una organizzazione ci sono da 3 a 5 PB, comunque non più di 10. Ad esempio in una banca: q Sistemi di pagamento q Servizi di deposito/credito q Servizi di risparmio/investimento Chianese Angelo 31 Chianese Angelo 31

32 Organizzazione: rappresentazione per processi Processo FORNITORI INPUT OUTPUT CLIENTI Fasi Chianese Angelo 32 Chianese Angelo 32

33 Scomposizione dei processi I processi di business si articolano in: q Sottoprocessi q Fasi q Attività q Funzioni Le attività sono regolate da procedure Chianese Angelo 33 Chianese Angelo 33

34 Caratterizzazione del processo Sottoprocessi q Un processo si articola in sottoprocessi: di minore ampiezza ma anch essi endto-end o Ad esempio rilascio mutui per tipi differenti di clientele Fasi q Combinazioni di attività, funzioni e decisioni che fanno capo a specifiche competenze o Alla base della concezione di organizzazione strutturata per funzioni o settori Attività q Componenti elementari di un processo di senso compiuto da svolgere in sequenza o in parallelo o Intervento umano necessario ad esprimere una decisione o Lavorazione automatica di un macchinario Funzioni q Area di competenza preposta alla soluzione dei casi di propria specializzazione Procedura q Visione burocratica del lavoro: infatti indica l insieme di regole da applicare per il conseguimento del risultato q Fissa sul piano organizzativo la sequenza di attività che soggetti, anche diversi, devono svolgere Chianese Angelo 34 Chianese Angelo 34

35 La Teoria di Anthony Secondo Anthony la vita di un'azienda dipende: q dalla definizione degli obiettivi strategici dell'azienda: o quali sono i prodotti o servizi su cui l'azienda punta di più o quale è il mercato su cui l'azienda vuole affermarsi, etc.; q dalla traduzione degli obiettivi strategici nell'organizzazione e nella gestione dell'azienda: o come sarà organizzata produzione di beni o erogazione servizi o quali saranno le norme di promozione dei prodotti o servizi. q dall attuazione degli obiettivi: o o la produzione dei beni, l'erogazione dei servizi, etc Chianese Angelo 35 Chianese Angelo 35

36 Classificazione dei processi Direzionali Gestionali Operativi Processi direzionali q concorrono alla definizione degli obiettivi strategici; Processi gestionali q concorrono alla traduzione degli obiettivi in criteri di gestione q effettuano il controllo del raggiungimento di tali obiettivi; Processi operativi q concorrono all'attuazione degli obiettivi. Piramide di Antony Chianese Angelo 36 Chianese Angelo 36

37 Nulla di nuovo Chianese Angelo 37 Chianese Angelo 37

38 Identificazione ed analisi dei processi Approccio analitico: analisi output driven q identificazione dei principali destinatari e degli output a essi destinati q individuazione attività che generano tali output q individuazione dei ruoli organizzativi che eseguono tali attività q individuazione dei requisiti fisici e informativi che sono output di attività a monte q q individuazione dei processi primari q individuazione dei processi di supporto Chianese Angelo 38 Chianese Angelo 38

39 Modelli a supporto dell approccio analitico La Catena del Valore (Porter) q una organizzazione può essere rappresentata esplicitando i processi che creano valore al cliente q la creazione del valore viene misurata: o dal costo delle attività e quindi del processo o dal tempo di esecuzione delle attività e quindi del processo o dalla qualità dello svolgimento dell attività e quindi dalla qualità complessiva dell output del processo Approccio coerente con la visione per processi (orientamento al cliente e interfunzionalità) Chianese Angelo 39 Chianese Angelo 39

40 La catena del valore (M. Porter, 1985) Chianese Angelo 40 Chianese Angelo 40

41 Processi di una struttura alberghiera Chianese Angelo 41 Chianese Angelo 41

42 Processi di una azienda di spedizioni Chianese Angelo 42 Chianese Angelo 42

43 Approccio per funzioni Si basa sul principio dell ottimizzazione locale (a livello di funzione) L organizzazione è vista come insiemi disgiunti di utenti e il sistema informativo come l unione dei sistemi informativi delle singole funzioni Svantaggi: mancanza di integrazione e conseguente scarsa capacità di rispondere in tempi brevi alle esigenze del mercato Chianese Angelo 43 Chianese Angelo 43

44 Per funzioni o per processi? L articolazione per funzioni è la forma organizzativa più naturale, è semplice ed efficiente. Quando aumenta la dinamica dell ambiente, però mostra i suoi limiti q inefficace; q rigida; q orientata più all interno che all esterno. Il suo problema principale è la mancanza di meccanismi naturali di gestione di ciò che attraversa i confini della funzione; q Non facilita quindi la rapida risposta a fenomeni inattesi (turbolenze del mercato); q Non sviluppa, inoltre, un pensiero complessivo, nelle persone che ne fanno parte; q Tende, infine, a respingere meccanismi di misurazione interfunzionali. Chianese Angelo 44 Chianese Angelo 44

45 Funzioni e processi Tradizionalmente le gestioni e i miglioramenti sono impostati per funzioni Ma... l impresa genera valore e profitto attraverso i suoi processi e non mediante le sue funzioni Chianese Angelo 45 Chianese Angelo 45

46 SI DEDICATI Chianese Angelo 46 Chianese Angelo 46

47 Geographical Information System (GIS) Traducibile in italiano come Sistema Informativo Geografico (SIG) o Territoriale (SIT) q Con il primo si intende indicare esclusivamente gli strumenti informatici (hardware e software ), con il secondo il risultato dell integrazione del SIG (l apparato tecnologico) con dati e procedure applicative richieste per l elaborazione delle informazioni Definizione classica data da Burrough nel 1986: Un GIS è un potente set di strumenti utilizzati per la raccolta, l archiviazione, la gestione, l analisi e la rappresentazione di dati spaziali tratti dal mondo reale per una particolare finalità. Chianese Angelo 47 Chianese Angelo 47

48 Caratteristiche Un Sistema Informativo Geografico, o GIS (da Geographic Information System), è un Sistema informatico per l'acquisizione, conservazione, analisi e visualizzazione di dati geografici. È costituito da un insieme di componenti, hardware, software e umane, che interagiscono fra loro. Caratteristica essenziale di un GIS è la capacità di gestire dati geografici, o georeferenziati, vale a dire dati relativi ad elementi od oggetti della superficie terrestre la cui posizione è definita da un insieme di coordinate. Chianese Angelo 48 Chianese Angelo 48

49 Livelli informativi sovrapposti Chianese Angelo 49 Chianese Angelo 49

50 I dati rappresentati In un GIS tutti gli oggetti presenti sulla superficie terrestre sono rappresentati mediante tre caratteristiche essenziali: la geometria, la topologia e gli attributi. La geometria riproduce la forma degli oggetti e viene ricondotta a tre elementi di base: punto, linea (o arco) e poligono (o area). q Un punto viene utilizzato per riprodurre elementi puntiformi, come ad esempio un punto quotato, un pozzo, o la posizione di una stazione meteorologica. q La linea definisce elementi a sviluppo lineare come una strada, una linea elettrica o un corso d'acqua. q Il poligono definisce aree chiuse, come un edificio, un lago o un affioramento geologico. La topologia è l'insieme delle informazioni che riguardano le mutue relazioni spaziali tra i diversi elementi come la connessione, l'adiacenza o l'inclusione. Gli attributi rappresentano i dati descrittivi dei singoli oggetti reali. Chianese Angelo 50 Chianese Angelo 50

51 Componenti di un GIS Un database spaziale e degli attributi q E' costituito da un insieme di carte e di informazioni associate, in forma digitale. q nel database sono contenuti oggetti, o elementi, della superficie terrestre, q è possibile distinguere un database spaziale che descrive la geografia (forma e posizione) degli oggetti, ed un database degli attributi, che descrive le caratteristiche, o qualità, degli stessi oggetti. Un sistema di visualizzazione Un sistema di digitalizzazione q per convertire dati cartografici esistenti su supporto cartaceo in forma digitale Un sistema di analisi geografica q capacità di confrontare differenti entità in base alla loro topologia. Chianese Angelo 51 Chianese Angelo 51

52 SI Sanitario (SIS) Sistema che custodisce e aggiorna informazioni e registrazioni di dati dei pazienti, sia cliniche che amministrative I SIS sono composti da parti differenti come: la cartella clinica elettronica, i sistemi per gli ordini, per le immagini, le prescrizioni, il laboratorio, i PACS, i sistemi basati sui referti, i sistemi di supporto alla decisione, i sistemi multimediali, i sistemi di fatturazione. Chianese Angelo 52 Chianese Angelo 52

53 Alcune finalità La Cartella Clinica Elettronica" (in inglese: EMR, "Electronic Medical Record") è lo strumento "locale" utilizzato dai professionisti sanitari per tenere traccia delle informazioni cliniche possedute sul paziente. q i dati anamnestici, le diagnosi ed i piani di cura, nonché gli esami diagnostici e le procedure correlate con questi piani. Il "Fascicolo Sanitario Personale" (FaSP, in inglese: EHR, Electronic Health Record), è una raccolta di informazioni sintetiche derivate dalle cartelle cliniche originali, per facilitare la condivisione delle informazioni tra operatori sanitari. Il Libretto Sanitario Elettronico (LiSE o ASEC, in inglese: PHR, Personal Health Record) è uno strumento ad uso del cittadino, usato anche per accedere a conoscenze cliniche mirate e per ricordare appuntamenti e scadenze. Chianese Angelo 53 Chianese Angelo 53

54 Hospital Information System (HIS) Sottosistema amministrativofinanziario Sottosistema di gestione del paziente Sottosistema servizi e laboratori Sottosistema di prenotazione Centro Unificato di Prenotazione (CUP) Radiology Information System (RIS) Chianese Angelo 54 Chianese Angelo 54

55 Attori del Sistema Sanitario Italiano Chianese Angelo 55 Chianese Angelo 55

56 Piattaforme di e-government Il Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) Entrato in vigore il 1º gennaio 2006, si compone di oltre 70 articoli. Contiene le disposizioni per garantire il diritto di ogni cittadino a usufruire dei servizi della P.A. anche on-line e l obbligo per la P.A. di snellire le procedure e di rendere tutti i servizi e le comunicazioni interne ed esterne per via telematica. Nella P.A. digitale le amministrazioni cooperano tra loro e costituiscono una rete integrata di cui il CAD definisce principi e finalità: q la riorganizzazione gestionale e dei servizi (art. 12) q il federalismo efficiente (art. 14) q la cooperazione (artt. 17, 63, 68) q la gestione informatica dei procedimenti (art. 41) q la trasmissione informatica dei documenti (art. 45 ss.) q la disponibilità dei dati (artt. 50, 58) q le basi di dati di interesse nazionale (art. 60) Chianese Angelo 56 Chianese Angelo 56

57 Nuovi diritti diritto all uso delle tecnologie (art. 3) diritto all accesso e all invio di documenti digitali (art. 4) diritto ad effettuare qualsiasi pagamento in forma digitale (art. 5) diritto a ricevere qualsiasi comunicazione pubblica per (art. 6) diritto alla qualità del servizio e alla misura della soddisfazione (art. 7) diritto all alfabetizzazione informatica (art. 8) diritto alla partecipazione (art. 9) diritto a trovare on-line tutti i moduli e i formulari validi e aggiornati (art. 57) Chianese Angelo 57 Chianese Angelo 57

58 Gli strumenti innovativi i documenti informatici (artt. 1, 20 ss., 39, 40) le firme elettroniche (artt. 1, 20, 21, 24 ss.) l archiviazione ottica (artt. 42, 43) la posta elettronica certificata (artt. 6, 48) i siti Internet delle P.A. (artt. 53, 54) le carte elettroniche (artt. 1, 66) Chianese Angelo 58 Chianese Angelo 58

59 Un modello Chianese Angelo 59 Chianese Angelo 59

60 CENTRALITÀ DELLA INFORMAZIONE Chianese Angelo 60 Chianese Angelo 60

61 IMPORTANZA DELL INFORMAZIONE L informazione è sempre più una risorsa, qualsiasi sia l organizzazione (profit e non) L'evoluzione dei sistemi informatici assegna un ruolo sempre più rilevante ai dati, come fattore di integrazione fra le varie procedure aziendali. I dati sono un elemento di stabilità rispetto alle procedure aziendali che possono variare anche molto rapidamente. Il vantaggio competitivo dipende oggi dalla velocità decisionale q Fortemente legata alla qualità delle informazioni disponibili per prendere le decisioni Chianese Angelo 61 Chianese Angelo 61

62 La risorsa informazione Un caso molto particolare di risorsa su cui operano tutte le aziende è l'informazione. L'informazione è infatti una risorsa che riguarda tutte le altre risorse. I processi, per poter operare, hanno bisogno di conoscere la risorsa o le risorse su cui agiscono, in altri termini hanno bisogno di informazioni. Chianese Angelo 62 Chianese Angelo 62

63 Il Sistema Informativo come sistema I PROCESSI di trattamento (raccolta, archiviazione, elaborazione, distribuzione) della risorsa INFORMAZIONE costituiscono, nel loro complesso, il sistema informativo. Chianese Angelo 63 Chianese Angelo 63

64 Un approfondimento Chianese Angelo 64 Chianese Angelo 64

65 Motore di una organizzazione Una organizzazione può esternalizzare attività o parti di esse q Affidando ad altri soggetti la realizzazione di prodotti o l erogazione di servizi caratterizzanti proprio la propria immagine Non può però privarsi della propria intelligenza q Come insieme di conoscenze ed informazioni necessarie per: o Progettare o Condurre o Controllare o Governare lo svolgimento quotidiano e l evoluzione nel tempo delle attività Chianese Angelo 65 Chianese Angelo 65

66 Tipologie di dati Dati settoriali e dati aziendali q I dati settoriali sono i dati che vengono generati ed utilizzati unicamente all'interno di un settore, i dati aziendali quelli condivisi da più settori. Dati personali e dati condivisi q I dati sono generalmente condivisi da più utenti. Un dato è personale se la sua definizione nasce da un utente che ne cura per intero tutte le fasi di vita (immissione, modifica, cancellazione, salvataggio) e ne è l'unico responsabile. Dati di analisi e dati di sintesi q Un dato è derivato o di sintesi, se esiste un procedimento di calcolo che permette di ottenere il suo valore a partire da altri dati, altrimenti è un dato elementare o di analisi. Ovviamente sono importanti i dati di analisi. Dati interni e dati esterni q Un dato può essere classificato come dato interno se la sua esistenza dipende dall'azienda e cessa quindi di esistere con essa; un dato è esterno se, anche se l'azienda può influire sul suo valore, esiste indipendentemente da essa. Chianese Angelo 66 Chianese Angelo 66

67 Dati ed informazioni Il dato (dal latino datum) è una rappresentazione di un elemento della realtà. I dati da soli non hanno significato Affinchè i dati forniscano informazioni devono essere accompagnati da descrittori che danno loro significato L efficacia di un SI è data dalla qualità dei dati gestiti e dalla qualità delle informazioni prodotte Chianese Angelo 67 Chianese Angelo 67

68 Qualità dei dati e delle informazioni I parametri principali che fissano la qualità dei dati sono valutati sulla base delle informazioni prodotte: q Completezza: se i dati colgono tutti gli aspetti di un fenomeno, altrimenti l informazione degrada in misura proporziale ai dati mancanti q Accuratezza: se non sono gestiti con cura e precisione, e secondo procedure note, le informazioni perdono di attendibilità e di possibilità di utilizzo q Tempestività: nel senso che devono essere resi disponibili in senso utile, altrimenti non servono La qualità dell informazione è legata a due fattori soggettivi: q Selettività: nel senso che un eccesso di informazioni riduce la loro efficacia; è importante quindi che siano ordinate e sintetiche, nel numero e nella forma idonea ad essere recepite dall interlocutore q Destinazione: è importante che le informazioni raggiungano gli interlocutori giusti, ossia coloro che ne traggano il maggior valore Chianese Angelo 68 Chianese Angelo 68

69 Quantità informativa Overload informativo: disponibilità di informazioni che eccedono le capacità di elaborazione individuale q Produce un rallentamento e peggioramento delle decisioni Underload informativo: disponibilità di informazioni al di sotto delle capacità di elaborazione individuale q Produce una ipersemplificazione delle decisioni con effetti sulla velocità delle decisioni Chianese Angelo 69 Chianese Angelo 69

70 Legame Informazioni e Processi Chianese Angelo 70 Chianese Angelo 70

71 I livelli dei processi e le tipologie di dati i processi gestionali e direzionali utilizzano sia dati interni che dati esterni, mentre quelli operativi hanno raramente bisogno di accedere a fonti esterne all'azienda; i processi gestionali e direzionali utilizzano molti dati di sintesi e pochi dati analitici, mentre la situazione opposta si verifica per quelli operativi; gli utenti dei processi gestionali e direzionali utilizzano frequentemente dati personali, mentre in genere l'utente di quelli operativi non ne ha bisogno; i processi gestionali e direzionali, infine, utilizzano molti dati aziendali, mentre i dati intersettoriali sono meno utilizzati dai processi operativi. Chianese Angelo 71 Chianese Angelo 71

72 SISTEMA INFORMATICO Chianese Angelo 72 Chianese Angelo 72

73 Cenni storici Prima dell'introduzione degli elaboratori elettronici q i processi informativi all'interno delle organizzazioni venivano gestiti con metodi manuali (complesse e lunghe procedure di registrazione dati su supporti cartacei, di archiviazione documenti, di ricerca su schedari,...) L introduzione delle ICT ha invece permesso: q di accelerare l'esecuzione dei processi informativi, mettendo a disposizione facili e rapide procedure di registrazione, archiviazione, elaborazione, ricerca dei dati. q di pensare ad una razionalizzazione dei processi informativi. Chianese Angelo 73 Chianese Angelo 73

74 Sistema informatico È la parte del sistema informativo le cui informazioni sono raccolte, elaborate, archiviate, scambiate mediante l uso delle tecnologie della informazione e della comunicazione (ICT) q Il suo compito è fornire informazioni utili allo svolgimento dei processi Cambia nel tempo con l evolvere della organizzazione e delle tecnologie Un errore frequente è attribuire ad esso un ruolo troppo ampio identificandolo con il sistema informativo q Le tecnologie sono un fattore abilitante per migliorare le performance di azioni svolte da altri soggetti (uomini o macchine) secondo un modello coerente ed unitario di processo. Chianese Angelo 74 Chianese Angelo 74

75 Rapporti tra sistema informativo e ICT Sistema Informativo Sistema Informativo Automatizzato Sistema Informatico Chianese Angelo 75 Chianese Angelo 75

76 Impianti di elaborazioni C.E.D. Data Center Network Cloud Computing Web Server Chianese Angelo 76 Chianese Angelo 76

77 L architettura a tre livelli Chianese Angelo 77 Chianese Angelo 77

78 Impatto delle ICT L informatizzazione può migliorare il sistema informativo. Può impattare sull efficienza: q aspetto quantitativo: in quanto sistema tecnico produce economie di scala con l aumento di produzione a parità di risorse Può impattare sull efficacia: q aspetto qualitativo: in quanto risorsa dei processi gestionali produce economie di scopo con la razionalizzazione nell uso di risorse Chianese Angelo 78 Chianese Angelo 78

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007 APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA Introduzione al corso Il sistema informativo aziendale Rimini, 2 marzo 2007 Alessandro Spada Alessandro Capodaglio Presentazione del corso Preiscrizione

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U.

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti (2 ore)

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE Aggiornato il 9 luglio 2009 ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

03. Il Modello Gestionale per Processi

03. Il Modello Gestionale per Processi 03. Il Modello Gestionale per Processi Gli aspetti strutturali (vale a dire l organigramma e la descrizione delle funzioni, ruoli e responsabilità) da soli non bastano per gestire la performance; l organigramma

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione Dott.ssa Teresa Caltabiano Area della Ricerca Catania, 15 luglio 2011 Agenda Il contesto di riferimento Le organizzazioni I processi Il

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web

Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web Paolo Atzeni Università Roma Tre Dipartimento di Informatica e Automazione atzeni@dia.uniroma3.it http://www.dia.uniroma3.it/ atzeni/ Roma, 25 settembre

Dettagli

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor Primo servizio del Portale del SIL A cura di Grazia Strano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Reti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0 SAFETY & QUALITY FORUM 2010 1 Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 2 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 OGGETTO 1987 Sistema Qualità FORNITORE/ ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Amministrazione Fatture Fornitori Documenti di trasporto Fatture Clienti Documenti contabili Libro Giornale Libro IVA Vendite Offerte Contratti

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli