Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP"

Transcript

1 Osservatorio Cardiochirurgico Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP Dataset Interventi di Chirurgia Cardiaca Specifica di raccolta dati HL7 V3 - CDA R2 Versione /05/2007

2 Sommario 1 Introduzione Caratteristiche essenziali del documento CDA Componenti principali del CDA Body CDA Data Type Null Flavour (Valori Nulli) Template CDA Dizionari di riferimento Note sulla revisione: Colore Verde = nuove aggiunte Colore giallo = variazioni rispetto al precedente Colore Rosso = eliminazioni rispetto al precedente ii

3 CDA Dataset v1.02.doc 1 Introduzione La, tramite l Osservatorio Cardiochirurgico, ha definito un insieme di informazioni cliniche da raccogliere caratterizzanti un ricovero per l esecuzione di procedure cardiochirurgiche, definito Dataset Cardiochirurgico. La partecipa al progetto Mattone Patient File, in cui vengono definite delle linee guida per la trasmissione di informazioni cliniche strutturate al fine di costituire un Fascicolo Sanitario Personale. La partecipazione della al progetto è in qualità di esperta del campo cardiochirurgico, ed in questo ambito il progetto ha indicato il Dataset Cardiochirurgico come l insieme di informazioni strutturate che, a livello Nazionale, debbano essere raccolte per caratterizzare un intervento cardiochirurgico. Il progetto Mattone Patient File definisce anche le linee guida tecnologiche da adottare nella strutturazione informatica e trasmissione delle informazioni, ed ha individuato nello standard HL7 Versione 3 la metodologia di rappresentazione e scambio delle informazioni sanitarie. In accordo con questa linea guida, la piattaforma tecnologica dell Osservatorio gestirà lo scambio e raccolta dei dati del dataset cardiochirurgico in accordo allo standard HL7-V3 CDA Release 2 (Clinical Document Architecture) versione ANSI 2005 in formato XML. In questo documento viene riportato il formato XML di rappresentazione delle informazioni che implementano il dataset cardiochirurgico secondo il protocollo CDA Release 2; questo modello di rappresentazione viene chiamato Template. Per ogni riferimento ad HL7 Versione 3 e CDA si consulti: 1.1 Caratteristiche essenziali del documento CDA 1. Persistenza 2. Responsabilità della Risorsa 3. Potenziale per l'autenticazione 4. Contesto 5. Interezza 6. Leggibilità Umana Persistenza: (persistence) Un documento clinico continua ad esistere in uno stato inalterato per un periodo di tempo definito da leggi o regolamenti locali. Stewardship: Gestione responsabile delle risorse, un documento clinico è mantenuto da un'organizzazione responsabile. Potenziale per l'autenticazione: Un documento clinico è una raccolta di informazioni che possono essere autenticate giuridicamente. Contesto: Un documento clinico stabilisce il contesto predefinito per i suoi contenuti. Interezza (Wholeness): L'Autenticazione di un documento clinico viene applicata all'intero e non a porzioni del documento. Leggibilità umana: Un documento clinico è leggibile da un umano e non solo da una macchina (Computer). 1

4 CDA Dataset v1.02.doc 1.2 Componenti principali del CDA Un documento CDA è racchiuso nell'elemento <ClinicalDocument></ClinicalDocument> che ne caratterizza l'esistenza e contiene un intestazione (Header) e un corpo (Body). L header è compreso fra i tag ClinicalDocument e il tag structuredbody, esso identifica e classifica il documento fornendo informazioni sull autenticazione, gli attori sanitari, il paziente e i fornitori di prestazioni sanitarie. Il corpo del documento CDA può essere una sequenza strutturata di campi in formato xml. 2

5 CDA Dataset v1.02.doc 1.3 Body CDA Il body del CDA contiene dei tag entry con gli eventi sanitari che caratterizzano i dati clinici del documento. Tali eventi sono descritti mediante degli atti sanitari. I principali atti sono: Act - registra l informazione sanitaria relativa a cosa è stato fatto, cosa può essere fatto o è intenzione o richiesto che venga fatto. E derivata dalla classe Act del RIM e viene usata quando le altre classi più specifiche non sono appropriate. Observation - rappresenta l informazione sulla natura di una osservazione ed eventualmente il risultato o gli accertamenti correlati. E derivata dalla classe Observation del RIM. Encounter - è un interazione tra un paziente e una struttura sanitaria con il fine di fornire dei servizi sanitari fra i quali una valutazione diagnostica. L Encounter è usato per l ammisisone, la dimissione e il trasferimento come per ogni singola visita presso un ufficio. Inoltre tratta un piano per visite regolari quali cure preventive durante la gravidanza o il controllo di pazienti con malattie croniche. L Encounter è derivato dalla classe PatientEncounter del RIM, usata per rappresentare incontri correlati o un effettivo singolo incontro. Supply - è usata per rappresentare la fornitura di un materiale da una entità ad un altra. E derivata dalla classe Supply del RIM. Procedure - è usata per rappresentare gli interventi. E derivata dalla classe Procedure del RIM. SubstanceAdministration - è usata per rappresentare eventi relativi a medicazioni, quali la storia delle medicazioni, la pianificazione di medicazioni. Include la richiesta, le istruzioni per il paziente, le raccomandazioni, le promesse, i divieti o i rifiuti di somministrazione di una sostanza e gli effettivi atti si somministrazione di una sostanza. E derivata dalla classe SubstanceAdministration del RIM. Organizer - è usata per creare un arbitrario raggruppamento di altre classi rappresentanti eventi clinici che condividono un contesto. Un Organizer può contenere un altro Organizer ed altre classi rappresentanti eventi clinici attraverso la relazione Component. E derivata dalla classe Act del RIM. 3

6 CDA Dataset v1.02.doc 1.4 Data Type Proprietà dei Data Type utilizzati Nome Simbolo Descrizione DataValue ANY Definisce le proprietà di base di ogni valore. Questo é un tipo di dato astratto. Ogni valore per esistere deve appartenere ad un tipo concreto. Ogni tipo concreto é una specializzazione di questo tipo DataValue. Boolean BL Tipo booleano. Il tipo booleano può assumere solo due valori true (Vero) false (Falso). Esso può essere definito NULL. BooleanNonNull BN Questo é il tipo booleano che non può essere Null. Encapsulated Data ED Dati incapsulati, essi possono essere dati o informazioni che possono essere letti da una persona o processati da un computer. includono testi formattati o non formattati, dati multimediali, informazioni strutturate definite da standard differenti. Un campo ED può contenere anche riferimenti (vedi TEL.). Nota: Il tipo di dato ST é una specializzazione del tipo di dato ED, quando il tipo Media é definito text/plain. Character String ST Stringa di Testo, da utilizzare per elaborazione da parte di una macchina (computer) (e.g., sorting, querying, indexing, etc.) usato per nomi simboli ed espressioni formali. Concept Descriptor CD Descrittore di concetto, rappresenta ogni tipo di concetto, specificato attraverso un codice definito in un sistema di codici. Un concept descriptor può contenere il testo originale o la frase che é stata utilizzata come base per la codifica ed una o più traduzioni in differenti sistemi di codici. Un Concept Descriptor può inoltre contenere un qualificatore per descrivere, ad esempio, il concetto di piede sinistro come termine formato dal codice primario PIEDE e dal qualificatore SINISTRO. Nel caso in cui si abbia un valore eccezione, il concept descriptor non deve contenere un codice ma solo il testo originale che descrive il concetto. Coded Simple Value CS Dato codificato nella forma più semplice, dove solo il codice non é predeterminato, il sistema del codice, e la versione del sistema di codice sono fissate dal contesto nel quale si utilizza il valore di CS. Coded Ordinal CO Dati codificati, il cui dominio, da cui proviene il codice é ordinato. Coded With Equivalents CE Dati codificati che consistono in valori codificati (CV) ed in modo opzionale, valori codificati provenienti da altri sistemi di codifica. Nel caso in cui esistano codici alternativi. Character String with Code SC Una stringa di caratteri che può avere opzionalmente un codice associato, il testo deve essere sempre presente se il codice é presente. Il codice é spesso un codice locale. Instance Identifier II Un identificativo unico di una cosa od un oggetto. Ad esempio identificativi di oggetti appartenenti al RIM HL7: Medical Record number, order id, service catalog item id, Vehicle Identification Number (VIN), etc. Definiti in 4

7 CDA Dataset v1.02.doc Nome Simbolo Descrizione base a identificatori di oggetti ISO Telecommunication Address TEL Un numero telefonico (Voce o Fax), Indirizzo di posta elettronica ( ), o altro indirizzo di una risorsa raggiungibile con un'apparecchiatura di telecomunicazione. L'indirizzo viene specificato tramite un Universal Resource Locator URL qualificato da una specifica di tempo e codici di uso che aiutano nella decisione, di quale indirizzo scegliere, per una certa ora o giorno e finalità o scopo. Postal Address AD Indirizzo postale di casa o di ufficio. Una sequenza di parti di indirizzo come strada o casella postale, città, codice postale, paese, etc.. Entity Name EN Nome per una Persona, Organizzazione, Posto o Cosa. Una sequenza di parti di nome, come given name or family name, prefix, suffix, etc. Ad esempio " Bob Walton, Jr.", "Health Level Seven Italia, Inc.", "Lake Tahoe", etc. Un entity name può essere semplicemente una stringa di caratteri o semplicemente una serie di parti appartenenti al nome: "Jim", "Bob", "Walton", and "Jr.", "Health Level Seven" and "Inc.", "Lake" and "Tahoe". Trivial Name TN Una semplificazione dell'entity name, che é una stringa di caratteri semplice usata per nome per cose e posti. Person Name PN Specializzazione di entity name nel caso in cui l'entity sia una persona. Una sequenza di parti di nome, come given name or family name, prefix, suffix, etc. La specializzazione consiste nell'esclusione di parti di entity name non appartenenti al nome della persona. Organization Name ON Specializzazione dell'entity name nel caso in cui sia una Organizzazione. Una sequenza di parti di nome. Integer Number INT Numeri interi (-1,0,1,2, 100, , etc.) Non vengono imposti limiti sul range dei numeri interi, vengono forniti due NULL Flavours per più o meno infinito (PINF e NINF). Real Number REAL Numeri Reali. Tipicamente usati nel caso in cui vengano misurate, stimate, calcolate quantità. La rappresentazione tipica é un numero decimale, in cui il numero di cifre significative é la precisione. Ratio RTO Rapporto, una quantità costruita come il quoziente fra un numeratore diviso per un denominatore. e.g., "1:128" Physical Quantity PQ Una quantità a cui é associata una dimensione, é il risultato di una misura. Monetary Amount MO Quantità che esprime l'ammontare di denaro in una qualche valuta ad esempio l'euro. Point in Time TS Specifica un punto sull'asse temporale. Esso é rappresentato da un'espressione del tipo: " " per il primo Aprile 2000, 3:15 am. Non sono accettate quantità del tipo 2004/12/06 Set SET Un valore che contiene altri valori distinti senza un ordine particolare. Sequence LIST Un valore che contiene altri valori distinti in una particolare sequenza. Bag BAG Una collezione di valori non-ordinata, dove ogni valore può essere contenuto più di una volta nella collezione stessa. Interval IVL Un set di valori consecutivi appartenenti ad un tipo di 5

8 CDA Dataset v1.02.doc Nome Simbolo Descrizione dato ordinato. History HIST Un set di valori che hanno una proprietà temporale definita e valida, conforme con il tipo storia (HXIT). Il tipo storia non é limitato al passato ma anche a valori attesi nel futuro. Uncertain Value - Probabilistic UVP Valore non certo Probabilistico, usato per specificare una probabilità. Periodic Interval of Time PIVL Un intervallo di tempo che si ripresenta periodicamente, esso ha due proprietà una fase ed un periodo, la fase specifica il prototipo dell'intervallo che viene ripetuto ogni periodo. Event-Related Periodic Interval of Time EIVL Specifica un intervallo di tempo periodico nel quale la ricorrenza è caratterizzata da attività giornaliere o da altri eventi importanti che sono, sempre, collegati al tempo ma non sono completamente determinati nel tempo. General Timing Specification GTS Una serie di punti nel tempo, che specificano i tempi di eventi, azioni, ed i pattern di validità ciclica che esistono per alcuni generi di informazioni, ad esempio numeri di telefono (disponibili, la sera, orario di lavoro), indirizzi, orari di ufficio. Parametric Probability Distribution PPD Distribuzione parametrica di probabilità, si usa una funzione di distribuzione ed i suoi parametri. In generale si fornisce un valore medio ed una deviazione standard per mantenere una certa co-operabilità con applicazioni esistenti che magari non possiedono differenti funzioni di distribuzione. 6

9 CDA Dataset v1.02.doc 1.5 Null Flavour (Valori Nulli) codice nome definizione NI NoInformation Nessuna informazione, questo é il valore più generale, da usare con parsimonia. NA not applicable Non Applicabile, nessun valore può essere applicato nel contesto attuale. UNK unknown Sconosciuto, un valore é applicabile ma non é conosciuto. NASK not asked Non Chiesto, questa informazione non é stata chiesta al paziente. ASKU asked but unknown Chiesta ma non conosciuta, l'informazione é stata chiesta ma non é stata trovata. NAV temporarily unavailable Temporaneamente non disponibile, l'informazione non é disponibile, ma si presuppone sia disponibile in un secondo momento. OTH other Il valore attuale non é un elemento contenuto nel dominio di valori della variabile. PINF positive infinity Infinito positivo. NINF Negative infinity Infinito negativo MSK masked L'informazione é disponibile, ma per motivi di sicurezza essa é stata eliminata, può esserci un meccanismo alternativo per recuperare tale informazione. NP not present Il valore non é presente nel messaggio. Questo valore é definito solo nei messaggi, non nei dati dell'applicazione. Tutti i valori non presenti nel messaggio devono essere rimpiazzati da un appropriato default, o da no-information (NI) come default per ogni default. 7

10 CDA Dataset v1.02.doc 2 Template CDA In questo modello sono riportate in forma strutturata le informazioni contenute nel dataset Osservatorio. I riferimenti alle singole voci del dataset sono indicate con il numero della voce (prima colonna della definizione del dataset), nel formato: $#FIELD_NNNNN#$ Ad esempio, il numero nosologico dovrà essere messo nella posizione indicata dalla stringa: $#FIELD_100#$ La stessa considerazione vale per le variabili: $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$ = è la data ed ora di chiusura della scheda, od istante in cui viene trasmessa. E' in formato YYYYMMDDhhmmss $#ID_UO_CCH# = identificativo della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. Ad esempio $#NAME_UO_CCH#$ = Descrizione (nome) della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. Ad esempio "Ospedale "G.Pasquinucci", Massa". $#ID_SPEDIZIONE#$ = numero seriale della spedizione. Questo numero è una chiave unica della spedizione dei dati del registro, ad esempio $#VERSIONE_SPEDITA#$ = numero di versione della spedizione. Questo numero parte sempre da 1 e viene incrementato tutte le volte che si modifica un registro. $#VERSIONE_SOSTITUITA#$ = numero di versione della spedizione che si sostituisce. $#ID_PAZIENTE#$ = codice identificativo del paziente usato all'interno del proprio sistema informatico, ad esempio Viene riportato di seguito il template CDA R2 commentato per l implementazione. 8

11 CDA Dataset v1.02.doc <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> Template CDA R2 per Osservatori Cardiochirurgico: MINISTERO DELLA SALUTE - MATTONE PATIENT FILE HL7 ITALIA MS INFORMATICA LEGENDA: le costanti indicate con $#...#$ corrispondono a: $#FIELD_XXXX#$ = voce n XXXX del dataset (prima colonna del documento di definizione) $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$ = è la data ed ora di chiusura della scheda, o in cui viene trasmessa. E' in formato YYYYMMDDhhmmss $#ID_UO_CCH# = identificativo della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi $#NAME_UO_CCH#$ = Descrizione (nome) della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. ad esempio "Ospedale "G.Pasquinucci", Massa". $#ID_SPEDIZIONE#$ = numero seriale della spedizione. Questo numero è una chiave unica della spedizione dei dati del registro, ad esempio $#VERSIONE_SPEDITA#$ = numero di versione della spedizione. Questo numero parte sempre da 1 e viene incrementato tutte le volte che si modifica un registro. $#VERSIONE_SOSTITUITA#$ = numero di versione della spedizione che si sostituisce. $#ID_PAZIENTE#$ = codice identificativo del paziente usato all'interno del proprio sistema informatico, ad esempio <ClinicalDocument xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:schemalocation="urn:hl7-org:v3 infrastructure/cda/cda.xsd" xmlns:sch="http://www.ascc.net/xml/schematron" xmlns:mif="urn:hl7-org:v3/mif" xmlns="urn:hl7-org:v3"> <typeid root=" " extension="pocd_hd000040"/> <templateid root=" " extension="10"/> questo è l'identificativo unico del documento root = OID documenti dataset extension = Codice UO. Caridochirurgica + numero seriale UNICO della spedizione (ad esempio: un contatore) <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_spedizione#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" displayname="summarizzation OF EPISODE NOTE"> <translation code=".101" codesystemname="_oss" displayname="dataset OSSEVATORIO CARDIOCHIRURGICO "> </translation> </code> TITOLO DEL DOCUMENTO <title>dataset ver.1.01</title> qui viene messo il contenuto della variabile $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$.Sotto viene riporato un esmepio. <effectivetime value=" "/> <confidentialitycode code="n" codesystem=" " codesystemname="hl7 Confidentility" displayname="normale"/> <languagecode code="ita-ita"/> identificativo di questa scheda = numero nosografico scheda <setid root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#field_100#$" displayable="true" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> il versionnumber parte sempre da 1, e deve essere incrementato di 1 alla spedizione della correzione di un record già spedito in precedenza qui ci dece essere emsso il valore cdi $#VERSIONE_SPEDITA#$. Sotto viene riportato un esempio <versionnumber value="1"/> <recordtarget> <patientrole classcode="pat"> identificativo del paziente secondo il proprio sistema informativo interno 9

12 CDA Dataset v1.02.doc <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_paziente#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$" displayable="true"/> CODICE FISCALE <id root=" " extension="$#field_110#$" assigningauthorityname="ministero delle Finanze" displayable="true"/> <patient> Indirizzo di residenza H=Home <addr use="h"> $#FIELD_140#$ = stato di residenza nel formato ISO 3166 a 3 lettere <country>$#field_140#$</country> $#FIELD_130#$ = codice ISTAT comune di residenza <censustract>$#field_130#$</censustract> </addr> <name> <family>$#field_10#$</family> <given>$#field_20#$</given> </name> <administrativegendercode code="$#field_150#$" codesystem=" " codesystemname="hl7 AdministrativeGender" codesystemversion="1.0"> </administrativegendercode> mettere qui il campo $#FIELD_30#$ in formato YYYYMMDD, come nell'esempio qui sotto riportato <birthtime value=" "/> <birthplace> <place> <addr> <country>$#field_50#$</country> <censustract>$#field_40#$</censustract> </addr> </place> </birthplace> </patient> ProviderOrganization viene utilizzato per descrivere l ente che ha erogato la cura <providerorganization> <id root=" " extension="$#id_uo_cch#." assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$" displayable="true"/> </providerorganization> </patientrole> </recordtarget> l'autore dei dati <author> <time/> <assignedauthor> <id/> </assignedauthor> </author> <custodian> <assignedcustodian> <representedcustodianorganization> 10

13 CDA Dataset v1.02.doc <id/> </representedcustodianorganization> </assignedcustodian> </custodian> identificatore del registro che viene rimpiazzato. si usa ****SOLTANTO***** nel caso in cui si aggiorni un record già spedito <relateddocument typecode="rplc"> <parentdocument> Puntatore al ID, setid e versionnumber del documento che viene rimpiazzato ***ROOT ED EXTENSION IN SOSPESO*** <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_spedizione_precedente#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> <setid root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#field_100#$"/> il versionnumber individua su quale registro, già spedito in precedenza con questo numero di versione, deve essere fatta la correzione qui ci dece essere emsso il valore di $#VERSIONE_SOSTITUITA#$. Sotto viene riportato solo un esempio: <versionnumber value="1"/> </parentdocument> </relateddocument> Indicatore esplicito presenza consenso al trattamento dei dati <authorization typecode="auth"> <consent> <code code="auth" codesystem=" " codesystemname="hl 7 ActCode" displayname="authorized"/> <statuscode code="completed"/> </consent> </authorization> <structuredbody> Identificazione Paziente e Ricovero <section> <title>identificazione Paziente e Ricovero</title> CARD Cardiology <entry> <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> Provenienza Paziente <encounter classcode="enc" moodcode="evn"> <code code="surg"> <translation code="adm.dt"/> </code> date del ricovero yyyymmdd <effectivetime> $#FIELD_180#$ = Data ricovero Paziente in CCH <low value=" "/> $#FIELD_5000#$ data dimissione 11

14 CDA Dataset v1.02.doc <high value=" "/> </effectivetime> </encounter> 160 Provenienza Paziente Sito di provenienza del paziente rispetto al reparto cardiochirurgico ove viene operato 1 = Casa; 2 = PS; 3 = Altro reparto; 4 = Altro ospedale; 5 = Cure Intensive interne; 6 = Cure Intensive altro ospedale <code codesystem=" " codesystemversion="1.0" code="$#field_160#$"/> 170 Condizioni Paziente al ricovero Condizioni del paziente al momento del ricovero 1 = Deambulante; 2 = Barellato; 3 = Ventilato; 4 = IABP; 5 = Assistenza di circolo; 6 = Rianimazione cardiopolmonare; 7 = IRA <code codesystem=" " codesystemversion="1.0" code="$#field_170#$"/> 190 Riferimenti del paziente e Note Riferimenti vari per raggiungere il paziente, quali: indirizzo, telefono, parenti, ecc. <code codesystem=" " codesystemversion="1.0"/> <text>$#field_190#$</text> </organizer> </entry> </section> 12

15 CDA Dataset v1.02.doc 2.1 FATTORI DI RISCHIO <section> <title>dati Preoperatori - Fattori di rischio</title> <entry> <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> 210 M Peso Paziente Peso del paziente al momento del ricovero, in Kg Kg BODY WEIGHT MASS ENCTR^FRST ^PATIENT QNMEASURED ATTACH.CLINRPT 3 <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="body WEIGHT"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_210#$, che rappresenta il peso in Kg <value xsi:type="real" value="84.400"/> 220 M Altezza Paziente Altezza del paziente al momento del ricovero, in cm cm BODY HEIGHT LEN PT ^PATIENT QNMEASURED BDYHGT.ATOM 2 <code code="3137-7" codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="body HEIGHT"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_220#$, che rappresenta l'altezza in cm <value xsi:type="int" value="190"/> 240 FumatoreIndicare se il paziente ha una storia di consumo di qualsiasi forma di tabacco nel passato (sigarette, sigari, pipa, tabacco da masticare ) mettere in code il campo $#FIELD_240#$. Qui sotto viene riportato un esempio <code code="$#field_240#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 250 Fumatore attuale mettere in value il campo $#FIELD_250#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <code code="$#field_250#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 13

16 CDA Dataset v1.02.doc 260 Familiarità coronaropatia mettere in value il campo $#FIELD_260#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <code code="$#field_260#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 270 R Ipertensione preop BLOOD PRESSURE ALTERATION FIND PT CARDIOVASCULAR SYSTEM ORD OBSERVED.CCC SURVEY.NURSE.HHCC 4 <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="blood PRESSURE ALTERATION"> <translation code="$#field_270#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"/> </code> mettere in value il campo $#FIELD_270#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <value xsi:type="int" value="1"/> 280 Dislipidemia preop <code code="$#field_280#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 290 R Diabetico preop <code code="$#field_290#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 14

17 CDA Dataset v1.02.doc 300 I Trattamento diabete preop 1 = Nessun trattamento; 2 = Solo dieta; 3 = Ipoglicemizzanti orali; 4 = Insulino terapia; <code code="$#field_300#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 310 Glicemia preop Valore glicemia in mg/dl rilevato al momento del ricovero in CCH mg/dl Glucose BldC Glucomtr-sCnc GLUCOSESCNC PT BLDC QNGLUCOMETER CHEM 1 BOTH <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="glucose"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_310#$ <value xsi:type="real" value="84.400"/> 320 M,e,I Arteriopatia extracardica preop <code code="$#field_320#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 330 M Malattia cerebrovascolare senza disfunzione neurologica; 2 = Sì <code code="$#field_330#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 340 M,e,I Disfunzione neurologica grave Grave impedimento nella deambulazione e/o nelle funzioni quotidiane 15

18 CDA Dataset v1.02.doc <code code="$#field_340#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 350 M Disfunzione neurologica acuta <code code="$#field_350#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 355 M,I Ictus Storia documentata di ictus recente (<=30 gg) <code code="$#field_355#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 360 M,I Insufficienza renale cronica preop <code code="$#field_360#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 370 M,I Dialisi preop <code code="$#field_370#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 380 M,e Creatininemia preop Indicare il più recente livello di creatininemia prima dell intervento, in mg/dl 0,1-30,0 mg/dl 16

19 CDA Dataset v1.02.doc Creat Bld-mCnc CREATININEMCNC PT BLD QN CHEM 1 BOTH <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="creatinine"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_380#$, ad esempio: <value xsi:type="real" value="1.4"/> 390 Endocardite batterica attiva <code code="$#field_390#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 400 Patologia polmonare cronica preop 2 = Lieve; 3 = Moderata; 4 = Severa; <code code="$#field_400#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 410 Uso cronico di broncodilatatori preop <code code="$#field_410#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> </organizer> </entry> </section> 2.2 INTERVENTI PREGRESSI 17

20 CDA Dataset v1.02.doc <section> <title>interventi PREGRESSI </title> <entry> 2.2 INTERVENTI PREGRESSI <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> 500 Pregressa chirurgia cardiaca <code code="$#field_500#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 505 Numero interventi cardiochirurgici pregressi <code codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_505#$, che rappresenta il Numero interventi cardiochirurgici pregressi <value xsi:type="int" value="0"/> 510 M,I Pregresso CABG <code code="$#field_510#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 520 M Pregressa chirurgia valvolare <code code="$#field_520#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 18

21 CDA Dataset v1.02.doc 530 Data ultimo intervento cardiovascolare code="$#field_530#$" <code codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_530#$ <value xsi:type="ts" value=" "/> 540 Pregresse procedure cardiologiche interventistiche <code code="$#field_520#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> date del ricovero yyyymmdd <effectivetime> 560 Data ultima procedura interventistica cardiologica mettere in value la data del campo $#FIELD_560#$ <low value=" "/> </effectivetime> mettere in value il campo $#FIELD_550#$, che rappresenta il Num. pregresse procedure interventistiche cardiologiche <value xsi:type="int" value="0"/> 570 Intervallo procedura cardiologica/cch 1 = <=6 ore; 2 = >6 ore; <code code="$#field_570#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> </organizer> </entry> </section> 2.3 Stato Cardiaco preoperatorio <section> <title>stato Cardiaco preoperatorio</title> <entry> 19

Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Dataset Interventi di Chirurgia Cardiaca. Versione 1.1

Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Dataset Interventi di Chirurgia Cardiaca. Versione 1.1 Osservatorio Cardiochirurgico Dataset Interventi di Chirurgia Cardiaca Versione 1.1 04/06/2007 Sommario 1 Identificazione Paziente e Ricovero... 1 1.1 Identificazione Paziente... 1 1.2 Anagrafica Paziente

Dettagli

RERIC - DATA BASE CLINICO REGIONALE DEGLI INTERVENTI DI CARDIOCHIRURGIA -

RERIC - DATA BASE CLINICO REGIONALE DEGLI INTERVENTI DI CARDIOCHIRURGIA - Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali LA RESPONSABILE ELEONORA VERDINI Area Governo Clinico LA RESPONSABILE ROSSANA DE PALMA Allegato tecnico RERIC - DATA BASE CLINICO REGIONALE DEGLI

Dettagli

Dataset studio AVR/TAVI

Dataset studio AVR/TAVI Dataset studio AVR/TAVI Dominio Nome Campo Codifica Definizione e Note 1. Identificazione Paziente ID Centro Codice assegnato nell'ambito dello Studio e Variabili Demografiche Numero scheda Nosologico

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Tetralogia di Fallot

Tetralogia di Fallot Tetralogia di Fallot Mortalità 0-5% - sindromici,, anomalie associate Reinterventi 10% (?) - Insufficienza polmonare - Stenosi residue / ricorrenti - DIV residuo - Endocarditi - Aritmie (blocco AV 2%)

Dettagli

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE -respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOPATIE NON OPERATE IMA Cardiopatia ischemica post-ima Scompenso cardiaco Arteriopatia obliterante cronica periferica Valvulopatia CARDIOPATIE CHIRURGICHE Cardiopatia

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

TSE Tavolo di lavoro permanente per la Sanità Elettronica delle Regioni e delle Provincie Autonome

TSE Tavolo di lavoro permanente per la Sanità Elettronica delle Regioni e delle Provincie Autonome TSE Tavolo di lavoro permanente per la Sanità Elettronica delle Regioni e delle Provincie Autonome Specifiche tecniche per la creazione del Certificato INPS secondo Versione 02.20 15/06/2010 Pagina 1 di

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CHIRURGIA MININVASIVA

APPLICAZIONI DELLA CHIRURGIA MININVASIVA APPLICAZIONI DELLA CHIRURGIA MININVASIVA La cardiochirurgia mini-invasiva può essere impiegata nel trattamento delle patologie dell adulto sia congenite che acquisite. Attualmente nel Dipartimento Cardiotoracovascolare

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Salerno Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Card iochiru rgia Dipartimento Cuore ANATOMIA DELLE

Dettagli

Specifiche tecniche per il referto di laboratorio secondo lo standard HL7 CDA Release 2.0

Specifiche tecniche per il referto di laboratorio secondo lo standard HL7 CDA Release 2.0 Schema di referto 1di 62 CDA release 2 Specifiche tecniche per il referto di laboratorio secondo lo standard HL7 CDA Release 2.0 Indice 1 Introduzione... 3 2 Struttura dello schema... 4 2.1 Elementi Obbligatori...

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 24 marzo - 14 aprile - 15 aprile 19 maggio - 9 giugno AUDITORIUM CASA DI CURA

Dettagli

Clinical Document Architecture (CDA)

Clinical Document Architecture (CDA) Clinical Document Architecture (CDA) Occorre strutturare un referto? interoperabilità!!! i sistemi di laboratorio sono sempre più calati in contesti integrati, la parola d ordine d è INTEROPERABILITÀ...

Dettagli

Sindromi Aortiche Acute di tipo A

Sindromi Aortiche Acute di tipo A Sindromi Aortiche Acute di tipo A Trattamento chirurgico e risultati Luigi Martinelli LA SINDROME AORTICA ACUTA A.O. Ospedale Niguarda Cà Granda 5 Novembre 2008 TRATTAMENTO CHIRURGICO DISSEZIONE TIPO A

Dettagli

Specifiche tecniche per la creazione dei "Documenti di raccolta e gestione del consenso" secondo lo standard HL7-CDA Rel. 2

Specifiche tecniche per la creazione dei Documenti di raccolta e gestione del consenso secondo lo standard HL7-CDA Rel. 2 TSE Tavolo di lavoro permanente delle Regioni e delle Provincie Autonome Specifiche tecniche per la creazione dei "Documenti di raccolta e gestione del consenso" secondo lo standard HL7-CDA Rel. 2 Versione

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache

Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache Linee guida per la codifica delle procedure TAVI e degli altri interventi strutturali transcatetere sulle valvole cardiache Premessa A seguito della richiesta da parte della Dott.ssa Marina Davoli, Direttore

Dettagli

Ross. procedure. completa

Ross. procedure. completa Ross/Konno procedure Ross procedure completa ROSS vantaggi / svantaggi Protesi non trombogenica No Anticoagulazione Emodinamica Ideale Resistenza Infezioni Nessuna sostanza conservante Possibile Crescita?

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

LA PERFUSIONE CEREBRALE ANTEROGRADA SELETTIVA (ASCP) A BOLOGNA: CASISTICA, EVOLUZIONE DELLA TECNICA E RISULTATI

LA PERFUSIONE CEREBRALE ANTEROGRADA SELETTIVA (ASCP) A BOLOGNA: CASISTICA, EVOLUZIONE DELLA TECNICA E RISULTATI LA PERFUSIONE CEREBRALE ANTEROGRADA SELETTIVA (ASCP) A BOLOGNA: CASISTICA, EVOLUZIONE DELLA TECNICA E RISULTATI A Cura del TFPC ALESSIA ZANNI Collaboratori DOTT.SSA SOFIA MARTIN SUAREZ MARCO LA MONACA

Dettagli

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 1 dicembre - 19 gennaio - 23 febbraio 23 marzo - 20 aprile AUDITORIUM CASA

Dettagli

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE

STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione STUDIO DELLE VALVULOPATIE AORTICHE Federica Sambugaro VALVOLA AORTICA Aspetto normale Parasternale

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA

CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA CORSO BASE DI ECOCARDIOGRAFIA PER MEDICI DI AREA CRITICA Rivolto a medici di pronto soccorso, medici dell emergenza territoriale, medici d urgenza, anestesisti rianimatori, cardiologi. Premessa: l ecografia

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo

Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo Sinagoghè Glaukias Update in Imaging Chirurgia valvolare: Quali nuovi dati deve trasmettere il Clinico al Chirurgo G.Casolo Dipartimento Cardiologico Ospedale di Careggi Firenze Panorama attuale della

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Il rischio cardioembolico

Il rischio cardioembolico L ICTUS CEREBRALE: Alcuni aspetti di diagnosi e terapia Cardiologica Il rischio cardioembolico Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e

Dettagli

+ + + + - + + + - - + + - - - + + - - +

+ + + + - + + + - - + + - - - + + - - + A R E A C A R D I O C H I RUR G I A Approccio morfo-funzionale al trattamento degli aneurismi dell aorta ascendente associati ad insufficienza valvolare aortica Figura 4 - Opzioni chirurgiche nel trattamento

Dettagli

LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI. www.fisiokinesiterapia.biz

LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI. www.fisiokinesiterapia.biz LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI www.fisiokinesiterapia.biz DISTRIBUZIONE DEI PAZIENTI PER ETA 100% 80% 60% 40% 20% 81+ 71-80 AA 61-70 AA 51-60 AA 50 ΑΑ 0% 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003

Dettagli

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI

VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI STATO: APERTO ESPORTATO IL: 21 MAG 2015 14:30 VETIMAGING DR.GABELLINI GIOVANNI service di diagnostica per immagini e cardiologia veterinaria TEL 3298872139 EMAIL ecovetcdvr@gmail.com. vetimagingrimini@gmail.com

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Esperienza TAVI in Liguria. M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone

Esperienza TAVI in Liguria. M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone Esperienza TAVI in Liguria M. Vischi, P.Bellone, R. Gistri, S. Moshiri, T. Regesta, P. Rubartelli, A. Zingarelli, GC. Passerone La stenosi aortica è una malattia insidiosa con un lungo periodo di latenza

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA MALATTIE dell APPARATO CARDIO-VASCOLARE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL CARDIOPATICO ALLA GUIDA La letteratura internazionale fornisce indicazioni secondo le quali la maggior

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Approvvigionamenti delegato dal Direttore Generale dell Azienda con delibera regolamentare

Dettagli

Italia-Torrette: Dispositivi e prodotti medici vari 2013/S 243-422425. Bando di gara. Forniture

Italia-Torrette: Dispositivi e prodotti medici vari 2013/S 243-422425. Bando di gara. Forniture 1/36 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:422425-2013:text:it:html Italia-Torrette: Dispositivi e prodotti medici vari 2013/S 243-422425 Bando di gara Forniture Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

Specifiche tecniche per la produzione del Patient Summary in formato HL7 Versione 3 CDA Rel.2 secondo template CCD. Progetto Esecutivo Definitivo

Specifiche tecniche per la produzione del Patient Summary in formato HL7 Versione 3 CDA Rel.2 secondo template CCD. Progetto Esecutivo Definitivo Patient Summary in formato HL7 Versione 3 CDA Rel.2 secondo template CCD Progetto Esecutivo Accordo di Programma Quadro "Sviluppo della Società dell'informazione nella Regione Abruzzo" Atto Integrativo

Dettagli

INSUFFICIENZA MITRALICA

INSUFFICIENZA MITRALICA CORSO INTEGRATO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI E RESPIRATORIE VALVULOPATIE MITRALICHE Prof.ssa M. De Feo INSUFFICIENZA MITRALICA INSUFFICIENZA MITRALICA Incompleta chiusura dell ostio mitralico cui segue

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Protesi valvolari. Figura 1. Jones M, Eidbo EE, JACC, 1989. Morfologie del flusso in diversi tipi di protesi. Protesi meccaniche

Protesi valvolari. Figura 1. Jones M, Eidbo EE, JACC, 1989. Morfologie del flusso in diversi tipi di protesi. Protesi meccaniche 1 Protesi valvolari La protesi valvolare ideale dovrebbe consentire un flusso transvalvolare il più fisiologico possibile (figura 1), dovrebbe avere una lunga durata, non dare emolisi e non essere trombogenica.

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA LOTTO n. 1 - KIT OSSIGENANTE PER PAZIENTI DI PESO DA A 40 Kg Dimensioni superficie della membrana. MAX10 - minore o uguale a 1,3 m 2 10 - da 1,3 m 2 a 1,5 m 2 5 Minimo

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

luciacristodoro@katamail.com

luciacristodoro@katamail.com LUCIA CRISTODORO CU RRI CULUM V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Cellulare Telefono Fax E-mail Nazionalità Luogo e data di nascita Lucia Cristodoro Cardiochirurgia Az Mater Domini,v/le Europa

Dettagli

MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO

MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO 7 MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO (390-459) Si tratta di uno dei capitoli in cui il processo di revisione della Modificazione Clinica è stato più esteso e significativo per l importanza e la frequenza

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

nel DECISION MAKING delle MALATTIE VALVOLARI

nel DECISION MAKING delle MALATTIE VALVOLARI L ECOCARDIOGRAFIA nel DECISION MAKING delle MALATTIE VALVOLARI Michele Oppizzi Dipartimento di Cardiologia i Università Vita e Salute FISIOPATOLOGIA delle MALATTIE VALVOLARI MALATTIA VALVOLARE DISFUNZIONE

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

IL CONTROPULSATORE AORTICO

IL CONTROPULSATORE AORTICO Alessandro Chiuppani Michela Bambagioni Tuberi IL CONTROPULSATORE AORTICO UO di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Generalità del contropulsatore La contropulsazione aortica e una tecnica di assistenza

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA

IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Savona, 14 dicembre 2007 IL MEDICO ED IL PAZIENTE CARDIOLOGICO DI FRONTE ALLE SCELTE DI CURA Dr. Paolo Bellotti - Savona Mio padre auscultava posando l orecchio sul petto del paziente, direttamente;

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Ecocardiochirurgia: in quali situazioni l accoppiata. è indispensabile? Antonio Mantero. Az. Ospedaliera Polo Universitario San Paolo

Ecocardiochirurgia: in quali situazioni l accoppiata. è indispensabile? Antonio Mantero. Az. Ospedaliera Polo Universitario San Paolo Ecocardiochirurgia: in quali situazioni l accoppiata l è indispensabile? Antonio Mantero Az. Ospedaliera Polo Universitario San Paolo . il naturale spazio di interazione culturale tra cardiologi, cardiochirurghi,

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

[Linee Guida - Area Cardiovascolare] Linee guida per la diagnosi e la gestione dei pazienti con malattie dell aorta toracica

[Linee Guida - Area Cardiovascolare] Linee guida per la diagnosi e la gestione dei pazienti con malattie dell aorta toracica [Linee Guida - Area Cardiovascolare] Linee guida per la diagnosi e la gestione dei pazienti con malattie dell aorta toracica Titolo originale: "Guidelines for the Diagnosis and Management of Patients With

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

L approccio chirurgico

L approccio chirurgico Università degli Studi di Genova Cattedra e Scuola di Specializzazione di Cardiochirurgia Direttore Prof. G.C. Passerone Insufficienza Mitralica L approccio chirurgico Tommaso Regesta Insufficienza mitralica

Dettagli

La Cardiochirurgia in Toscana - I

La Cardiochirurgia in Toscana - I Documenti dell'agenzia Regionale di Sanità della Toscana Osservatorio per la Qualità Contesto internazionale, nazionale e regionale Problemi di salute e prestazioni Dati di attività 1997-2001 La Cardiochirurgia

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

PERCORSO CLINICO SULL APPROPRIATEZZA DELLA PRESCRIZIONE DELL ECOCARDIOGRAMMA

PERCORSO CLINICO SULL APPROPRIATEZZA DELLA PRESCRIZIONE DELL ECOCARDIOGRAMMA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE - RIETI SAN CAMILLO DE LELLIS - RIETI STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA Primario-Direttore: S. Orazi AMBULATORIO DI ECOCARDIOGRAFIA Responsabile: Dott. Franco Evangelista

Dettagli

Preparazione del paziente in sala

Preparazione del paziente in sala 6. Th Turin Cardiovascular Nursing Convention Sostituzione della valvola aortica per via transapicale (TA TAVI) TransApical Transcatheter Aortic Valve Implantation Preparazione del paziente in sala Bonetti

Dettagli

Close window to return to IVIS. in collaborazione con RICHIESTO ACCREDITAMENTO. organizzato da certificata ISO 9001:2000

Close window to return to IVIS. in collaborazione con RICHIESTO ACCREDITAMENTO. organizzato da certificata ISO 9001:2000 in collaborazione con Close window to return to IVIS RICHIESTO ACCREDITAMENTO SOCIETÀ CULTURALE ITALIANA VETERINARI PER ANIMALI DA COMPAGNIA SOCIETÀ FEDERATA ANMVI organizzato da certificata ISO 9001:2000

Dettagli

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE IGEA: dal progetto al sistema L'integrazione delle cure per le persone con malattie croniche 22 aprile 2013 Mariadonata Bellentani Giulia Dal Co Mariagrazia Marvulli

Dettagli

Standard tecnici per la creazione del Documento di Prescrizione

Standard tecnici per la creazione del Documento di Prescrizione TSE Tavolo di lavoro permanente Delle Regioni e delle Province Autonome Standard tecnici per la creazione del Documento di Prescrizione Pagina 1 di 139 Indice 1 Status del documento... 6 2 Obiettivi del

Dettagli

CORSO DI CARDIOCHIRURGIA

CORSO DI CARDIOCHIRURGIA CORSO DI CARDIOCHIRURGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE SCUOLA INFERMIERI OSPEDALE S. CAMILLO - ROMA DOCENTE: GIUSEPPE ANGELICA CARDIOCHIRURGO OSPEDALE SAN CAMILLO ROMA E-mail: angelica.g@inwind.it Giuseppe

Dettagli

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde

STENOSI MITRALICA. 5 mm) Ispessimento esteso per 1/3 della lunghezza delle corde STENOSI MITRALICA Valutazione anatomica La valvola mitralica è facilmente esplorabile con tecnica ecocardiografica sia dall'approccio parasternale che apicale. La causa di gran lunga più frequente della

Dettagli

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Appuntamenti a Fisica Gestione delle Immagini in Medicina La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Andrea Bo Sistemi Informativi A.O. Ordine Mauriziano Il Sistema Informativo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE 1 Giornata Mercoledì 05 Marzo 2014 09,00-11,00 - Serie di Relazioni su Tema Preordinato Presentazione del Seminario Fisica degli Ultrasuoni Dott. P. Trambaiolo /A. Posteraro

Dettagli

Le Malattie Valvolari

Le Malattie Valvolari Corso di Patologia Sistematica I Le Malattie Valvolari Dott. Marco Zimarino Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Aula 3 Edificio C Aula 3 Edificio C Aorta s Valori Normali (mmhg) Pressioni sistolica 90

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SARNICOLA PASQUALE Indirizzo Telefono 0974-4967 Fax 0974-4967 E-mail VIA S.FILADELO 6, 84078-VALLO DELLA

Dettagli

Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento

Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento Conoscere il rigurgito mitralico (MR) Cause Sintomi Opzioni di trattamento Come funziona il cuore Il cuore pompa il sangue attraverso i polmoni per ossigenarlo, quindi pompa il sangue arricchito di ossigeno

Dettagli

IBSE Infrastruttura di Base della Sanità Elettronica

IBSE Infrastruttura di Base della Sanità Elettronica 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 IBSE Infrastruttura di Base della Sanità Elettronica 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 PATIENT SUMMARY Definizione dei contenuti del Patient

Dettagli

LA STENOSI VALVOLARE AORTICA E L INSUFFICIENZA MITRALICA. Diagnosi, indicazione ad interventismo o cardiochirurgia CORSO MONOGRAFICO

LA STENOSI VALVOLARE AORTICA E L INSUFFICIENZA MITRALICA. Diagnosi, indicazione ad interventismo o cardiochirurgia CORSO MONOGRAFICO LA STENOSI VALVOLARE AORTICA E L INSUFFICIENZA MITRALICA Diagnosi, indicazione ad interventismo o cardiochirurgia CORSO MONOGRAFICO SEDE DELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA: www.ecocardiochirurgia.it DIRETTORI

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA

CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA 1 Intestazione Ospedale UNITA OPERATIVA DI CARDIOLOGIA INVASIVA Responsabile: Dr... CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA

Dettagli

INTRODUZIONE. E questo il quinto report consecutivo sull attività chirurgica svolta presso il Centro CARDIOLOGICO Monzino di Milano IRCCS.

INTRODUZIONE. E questo il quinto report consecutivo sull attività chirurgica svolta presso il Centro CARDIOLOGICO Monzino di Milano IRCCS. INTRODUZIONE E questo il quinto report consecutivo sull attività chirurgica svolta presso il Centro CARDIOLOGICO Monzino di Milano IRCCS. Il periodo preso in considerazione va dal 1 gennaio al 31 dicembre

Dettagli