Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Cardiochirurgico SICCH. Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP"

Transcript

1 Osservatorio Cardiochirurgico Ministero della Salute NSIS - Mattone Patient File GdL FaSP Dataset Interventi di Chirurgia Cardiaca Specifica di raccolta dati HL7 V3 - CDA R2 Versione /05/2007

2 Sommario 1 Introduzione Caratteristiche essenziali del documento CDA Componenti principali del CDA Body CDA Data Type Null Flavour (Valori Nulli) Template CDA Dizionari di riferimento Note sulla revisione: Colore Verde = nuove aggiunte Colore giallo = variazioni rispetto al precedente Colore Rosso = eliminazioni rispetto al precedente ii

3 CDA Dataset v1.02.doc 1 Introduzione La, tramite l Osservatorio Cardiochirurgico, ha definito un insieme di informazioni cliniche da raccogliere caratterizzanti un ricovero per l esecuzione di procedure cardiochirurgiche, definito Dataset Cardiochirurgico. La partecipa al progetto Mattone Patient File, in cui vengono definite delle linee guida per la trasmissione di informazioni cliniche strutturate al fine di costituire un Fascicolo Sanitario Personale. La partecipazione della al progetto è in qualità di esperta del campo cardiochirurgico, ed in questo ambito il progetto ha indicato il Dataset Cardiochirurgico come l insieme di informazioni strutturate che, a livello Nazionale, debbano essere raccolte per caratterizzare un intervento cardiochirurgico. Il progetto Mattone Patient File definisce anche le linee guida tecnologiche da adottare nella strutturazione informatica e trasmissione delle informazioni, ed ha individuato nello standard HL7 Versione 3 la metodologia di rappresentazione e scambio delle informazioni sanitarie. In accordo con questa linea guida, la piattaforma tecnologica dell Osservatorio gestirà lo scambio e raccolta dei dati del dataset cardiochirurgico in accordo allo standard HL7-V3 CDA Release 2 (Clinical Document Architecture) versione ANSI 2005 in formato XML. In questo documento viene riportato il formato XML di rappresentazione delle informazioni che implementano il dataset cardiochirurgico secondo il protocollo CDA Release 2; questo modello di rappresentazione viene chiamato Template. Per ogni riferimento ad HL7 Versione 3 e CDA si consulti: 1.1 Caratteristiche essenziali del documento CDA 1. Persistenza 2. Responsabilità della Risorsa 3. Potenziale per l'autenticazione 4. Contesto 5. Interezza 6. Leggibilità Umana Persistenza: (persistence) Un documento clinico continua ad esistere in uno stato inalterato per un periodo di tempo definito da leggi o regolamenti locali. Stewardship: Gestione responsabile delle risorse, un documento clinico è mantenuto da un'organizzazione responsabile. Potenziale per l'autenticazione: Un documento clinico è una raccolta di informazioni che possono essere autenticate giuridicamente. Contesto: Un documento clinico stabilisce il contesto predefinito per i suoi contenuti. Interezza (Wholeness): L'Autenticazione di un documento clinico viene applicata all'intero e non a porzioni del documento. Leggibilità umana: Un documento clinico è leggibile da un umano e non solo da una macchina (Computer). 1

4 CDA Dataset v1.02.doc 1.2 Componenti principali del CDA Un documento CDA è racchiuso nell'elemento <ClinicalDocument></ClinicalDocument> che ne caratterizza l'esistenza e contiene un intestazione (Header) e un corpo (Body). L header è compreso fra i tag ClinicalDocument e il tag structuredbody, esso identifica e classifica il documento fornendo informazioni sull autenticazione, gli attori sanitari, il paziente e i fornitori di prestazioni sanitarie. Il corpo del documento CDA può essere una sequenza strutturata di campi in formato xml. 2

5 CDA Dataset v1.02.doc 1.3 Body CDA Il body del CDA contiene dei tag entry con gli eventi sanitari che caratterizzano i dati clinici del documento. Tali eventi sono descritti mediante degli atti sanitari. I principali atti sono: Act - registra l informazione sanitaria relativa a cosa è stato fatto, cosa può essere fatto o è intenzione o richiesto che venga fatto. E derivata dalla classe Act del RIM e viene usata quando le altre classi più specifiche non sono appropriate. Observation - rappresenta l informazione sulla natura di una osservazione ed eventualmente il risultato o gli accertamenti correlati. E derivata dalla classe Observation del RIM. Encounter - è un interazione tra un paziente e una struttura sanitaria con il fine di fornire dei servizi sanitari fra i quali una valutazione diagnostica. L Encounter è usato per l ammisisone, la dimissione e il trasferimento come per ogni singola visita presso un ufficio. Inoltre tratta un piano per visite regolari quali cure preventive durante la gravidanza o il controllo di pazienti con malattie croniche. L Encounter è derivato dalla classe PatientEncounter del RIM, usata per rappresentare incontri correlati o un effettivo singolo incontro. Supply - è usata per rappresentare la fornitura di un materiale da una entità ad un altra. E derivata dalla classe Supply del RIM. Procedure - è usata per rappresentare gli interventi. E derivata dalla classe Procedure del RIM. SubstanceAdministration - è usata per rappresentare eventi relativi a medicazioni, quali la storia delle medicazioni, la pianificazione di medicazioni. Include la richiesta, le istruzioni per il paziente, le raccomandazioni, le promesse, i divieti o i rifiuti di somministrazione di una sostanza e gli effettivi atti si somministrazione di una sostanza. E derivata dalla classe SubstanceAdministration del RIM. Organizer - è usata per creare un arbitrario raggruppamento di altre classi rappresentanti eventi clinici che condividono un contesto. Un Organizer può contenere un altro Organizer ed altre classi rappresentanti eventi clinici attraverso la relazione Component. E derivata dalla classe Act del RIM. 3

6 CDA Dataset v1.02.doc 1.4 Data Type Proprietà dei Data Type utilizzati Nome Simbolo Descrizione DataValue ANY Definisce le proprietà di base di ogni valore. Questo é un tipo di dato astratto. Ogni valore per esistere deve appartenere ad un tipo concreto. Ogni tipo concreto é una specializzazione di questo tipo DataValue. Boolean BL Tipo booleano. Il tipo booleano può assumere solo due valori true (Vero) false (Falso). Esso può essere definito NULL. BooleanNonNull BN Questo é il tipo booleano che non può essere Null. Encapsulated Data ED Dati incapsulati, essi possono essere dati o informazioni che possono essere letti da una persona o processati da un computer. includono testi formattati o non formattati, dati multimediali, informazioni strutturate definite da standard differenti. Un campo ED può contenere anche riferimenti (vedi TEL.). Nota: Il tipo di dato ST é una specializzazione del tipo di dato ED, quando il tipo Media é definito text/plain. Character String ST Stringa di Testo, da utilizzare per elaborazione da parte di una macchina (computer) (e.g., sorting, querying, indexing, etc.) usato per nomi simboli ed espressioni formali. Concept Descriptor CD Descrittore di concetto, rappresenta ogni tipo di concetto, specificato attraverso un codice definito in un sistema di codici. Un concept descriptor può contenere il testo originale o la frase che é stata utilizzata come base per la codifica ed una o più traduzioni in differenti sistemi di codici. Un Concept Descriptor può inoltre contenere un qualificatore per descrivere, ad esempio, il concetto di piede sinistro come termine formato dal codice primario PIEDE e dal qualificatore SINISTRO. Nel caso in cui si abbia un valore eccezione, il concept descriptor non deve contenere un codice ma solo il testo originale che descrive il concetto. Coded Simple Value CS Dato codificato nella forma più semplice, dove solo il codice non é predeterminato, il sistema del codice, e la versione del sistema di codice sono fissate dal contesto nel quale si utilizza il valore di CS. Coded Ordinal CO Dati codificati, il cui dominio, da cui proviene il codice é ordinato. Coded With Equivalents CE Dati codificati che consistono in valori codificati (CV) ed in modo opzionale, valori codificati provenienti da altri sistemi di codifica. Nel caso in cui esistano codici alternativi. Character String with Code SC Una stringa di caratteri che può avere opzionalmente un codice associato, il testo deve essere sempre presente se il codice é presente. Il codice é spesso un codice locale. Instance Identifier II Un identificativo unico di una cosa od un oggetto. Ad esempio identificativi di oggetti appartenenti al RIM HL7: Medical Record number, order id, service catalog item id, Vehicle Identification Number (VIN), etc. Definiti in 4

7 CDA Dataset v1.02.doc Nome Simbolo Descrizione base a identificatori di oggetti ISO Telecommunication Address TEL Un numero telefonico (Voce o Fax), Indirizzo di posta elettronica ( ), o altro indirizzo di una risorsa raggiungibile con un'apparecchiatura di telecomunicazione. L'indirizzo viene specificato tramite un Universal Resource Locator URL qualificato da una specifica di tempo e codici di uso che aiutano nella decisione, di quale indirizzo scegliere, per una certa ora o giorno e finalità o scopo. Postal Address AD Indirizzo postale di casa o di ufficio. Una sequenza di parti di indirizzo come strada o casella postale, città, codice postale, paese, etc.. Entity Name EN Nome per una Persona, Organizzazione, Posto o Cosa. Una sequenza di parti di nome, come given name or family name, prefix, suffix, etc. Ad esempio " Bob Walton, Jr.", "Health Level Seven Italia, Inc.", "Lake Tahoe", etc. Un entity name può essere semplicemente una stringa di caratteri o semplicemente una serie di parti appartenenti al nome: "Jim", "Bob", "Walton", and "Jr.", "Health Level Seven" and "Inc.", "Lake" and "Tahoe". Trivial Name TN Una semplificazione dell'entity name, che é una stringa di caratteri semplice usata per nome per cose e posti. Person Name PN Specializzazione di entity name nel caso in cui l'entity sia una persona. Una sequenza di parti di nome, come given name or family name, prefix, suffix, etc. La specializzazione consiste nell'esclusione di parti di entity name non appartenenti al nome della persona. Organization Name ON Specializzazione dell'entity name nel caso in cui sia una Organizzazione. Una sequenza di parti di nome. Integer Number INT Numeri interi (-1,0,1,2, 100, , etc.) Non vengono imposti limiti sul range dei numeri interi, vengono forniti due NULL Flavours per più o meno infinito (PINF e NINF). Real Number REAL Numeri Reali. Tipicamente usati nel caso in cui vengano misurate, stimate, calcolate quantità. La rappresentazione tipica é un numero decimale, in cui il numero di cifre significative é la precisione. Ratio RTO Rapporto, una quantità costruita come il quoziente fra un numeratore diviso per un denominatore. e.g., "1:128" Physical Quantity PQ Una quantità a cui é associata una dimensione, é il risultato di una misura. Monetary Amount MO Quantità che esprime l'ammontare di denaro in una qualche valuta ad esempio l'euro. Point in Time TS Specifica un punto sull'asse temporale. Esso é rappresentato da un'espressione del tipo: " " per il primo Aprile 2000, 3:15 am. Non sono accettate quantità del tipo 2004/12/06 Set SET Un valore che contiene altri valori distinti senza un ordine particolare. Sequence LIST Un valore che contiene altri valori distinti in una particolare sequenza. Bag BAG Una collezione di valori non-ordinata, dove ogni valore può essere contenuto più di una volta nella collezione stessa. Interval IVL Un set di valori consecutivi appartenenti ad un tipo di 5

8 CDA Dataset v1.02.doc Nome Simbolo Descrizione dato ordinato. History HIST Un set di valori che hanno una proprietà temporale definita e valida, conforme con il tipo storia (HXIT). Il tipo storia non é limitato al passato ma anche a valori attesi nel futuro. Uncertain Value - Probabilistic UVP Valore non certo Probabilistico, usato per specificare una probabilità. Periodic Interval of Time PIVL Un intervallo di tempo che si ripresenta periodicamente, esso ha due proprietà una fase ed un periodo, la fase specifica il prototipo dell'intervallo che viene ripetuto ogni periodo. Event-Related Periodic Interval of Time EIVL Specifica un intervallo di tempo periodico nel quale la ricorrenza è caratterizzata da attività giornaliere o da altri eventi importanti che sono, sempre, collegati al tempo ma non sono completamente determinati nel tempo. General Timing Specification GTS Una serie di punti nel tempo, che specificano i tempi di eventi, azioni, ed i pattern di validità ciclica che esistono per alcuni generi di informazioni, ad esempio numeri di telefono (disponibili, la sera, orario di lavoro), indirizzi, orari di ufficio. Parametric Probability Distribution PPD Distribuzione parametrica di probabilità, si usa una funzione di distribuzione ed i suoi parametri. In generale si fornisce un valore medio ed una deviazione standard per mantenere una certa co-operabilità con applicazioni esistenti che magari non possiedono differenti funzioni di distribuzione. 6

9 CDA Dataset v1.02.doc 1.5 Null Flavour (Valori Nulli) codice nome definizione NI NoInformation Nessuna informazione, questo é il valore più generale, da usare con parsimonia. NA not applicable Non Applicabile, nessun valore può essere applicato nel contesto attuale. UNK unknown Sconosciuto, un valore é applicabile ma non é conosciuto. NASK not asked Non Chiesto, questa informazione non é stata chiesta al paziente. ASKU asked but unknown Chiesta ma non conosciuta, l'informazione é stata chiesta ma non é stata trovata. NAV temporarily unavailable Temporaneamente non disponibile, l'informazione non é disponibile, ma si presuppone sia disponibile in un secondo momento. OTH other Il valore attuale non é un elemento contenuto nel dominio di valori della variabile. PINF positive infinity Infinito positivo. NINF Negative infinity Infinito negativo MSK masked L'informazione é disponibile, ma per motivi di sicurezza essa é stata eliminata, può esserci un meccanismo alternativo per recuperare tale informazione. NP not present Il valore non é presente nel messaggio. Questo valore é definito solo nei messaggi, non nei dati dell'applicazione. Tutti i valori non presenti nel messaggio devono essere rimpiazzati da un appropriato default, o da no-information (NI) come default per ogni default. 7

10 CDA Dataset v1.02.doc 2 Template CDA In questo modello sono riportate in forma strutturata le informazioni contenute nel dataset Osservatorio. I riferimenti alle singole voci del dataset sono indicate con il numero della voce (prima colonna della definizione del dataset), nel formato: $#FIELD_NNNNN#$ Ad esempio, il numero nosologico dovrà essere messo nella posizione indicata dalla stringa: $#FIELD_100#$ La stessa considerazione vale per le variabili: $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$ = è la data ed ora di chiusura della scheda, od istante in cui viene trasmessa. E' in formato YYYYMMDDhhmmss $#ID_UO_CCH# = identificativo della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. Ad esempio $#NAME_UO_CCH#$ = Descrizione (nome) della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. Ad esempio "Ospedale "G.Pasquinucci", Massa". $#ID_SPEDIZIONE#$ = numero seriale della spedizione. Questo numero è una chiave unica della spedizione dei dati del registro, ad esempio $#VERSIONE_SPEDITA#$ = numero di versione della spedizione. Questo numero parte sempre da 1 e viene incrementato tutte le volte che si modifica un registro. $#VERSIONE_SOSTITUITA#$ = numero di versione della spedizione che si sostituisce. $#ID_PAZIENTE#$ = codice identificativo del paziente usato all'interno del proprio sistema informatico, ad esempio Viene riportato di seguito il template CDA R2 commentato per l implementazione. 8

11 CDA Dataset v1.02.doc <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> Template CDA R2 per Osservatori Cardiochirurgico: MINISTERO DELLA SALUTE - MATTONE PATIENT FILE HL7 ITALIA MS INFORMATICA LEGENDA: le costanti indicate con $#...#$ corrispondono a: $#FIELD_XXXX#$ = voce n XXXX del dataset (prima colonna del documento di definizione) $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$ = è la data ed ora di chiusura della scheda, o in cui viene trasmessa. E' in formato YYYYMMDDhhmmss $#ID_UO_CCH# = identificativo della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi $#NAME_UO_CCH#$ = Descrizione (nome) della UO cardiochirurgica, vedere tabella identificativi. ad esempio "Ospedale "G.Pasquinucci", Massa". $#ID_SPEDIZIONE#$ = numero seriale della spedizione. Questo numero è una chiave unica della spedizione dei dati del registro, ad esempio $#VERSIONE_SPEDITA#$ = numero di versione della spedizione. Questo numero parte sempre da 1 e viene incrementato tutte le volte che si modifica un registro. $#VERSIONE_SOSTITUITA#$ = numero di versione della spedizione che si sostituisce. $#ID_PAZIENTE#$ = codice identificativo del paziente usato all'interno del proprio sistema informatico, ad esempio <ClinicalDocument xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:schemalocation="urn:hl7-org:v3 infrastructure/cda/cda.xsd" xmlns:sch="http://www.ascc.net/xml/schematron" xmlns:mif="urn:hl7-org:v3/mif" xmlns="urn:hl7-org:v3"> <typeid root=" " extension="pocd_hd000040"/> <templateid root=" " extension="10"/> questo è l'identificativo unico del documento root = OID documenti dataset extension = Codice UO. Caridochirurgica + numero seriale UNICO della spedizione (ad esempio: un contatore) <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_spedizione#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" displayname="summarizzation OF EPISODE NOTE"> <translation code=".101" codesystemname="_oss" displayname="dataset OSSEVATORIO CARDIOCHIRURGICO "> </translation> </code> TITOLO DEL DOCUMENTO <title>dataset ver.1.01</title> qui viene messo il contenuto della variabile $#DATA_ORA_TRASMISSIONE#$.Sotto viene riporato un esmepio. <effectivetime value=" "/> <confidentialitycode code="n" codesystem=" " codesystemname="hl7 Confidentility" displayname="normale"/> <languagecode code="ita-ita"/> identificativo di questa scheda = numero nosografico scheda <setid root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#field_100#$" displayable="true" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> il versionnumber parte sempre da 1, e deve essere incrementato di 1 alla spedizione della correzione di un record già spedito in precedenza qui ci dece essere emsso il valore cdi $#VERSIONE_SPEDITA#$. Sotto viene riportato un esempio <versionnumber value="1"/> <recordtarget> <patientrole classcode="pat"> identificativo del paziente secondo il proprio sistema informativo interno 9

12 CDA Dataset v1.02.doc <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_paziente#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$" displayable="true"/> CODICE FISCALE <id root=" " extension="$#field_110#$" assigningauthorityname="ministero delle Finanze" displayable="true"/> <patient> Indirizzo di residenza H=Home <addr use="h"> $#FIELD_140#$ = stato di residenza nel formato ISO 3166 a 3 lettere <country>$#field_140#$</country> $#FIELD_130#$ = codice ISTAT comune di residenza <censustract>$#field_130#$</censustract> </addr> <name> <family>$#field_10#$</family> <given>$#field_20#$</given> </name> <administrativegendercode code="$#field_150#$" codesystem=" " codesystemname="hl7 AdministrativeGender" codesystemversion="1.0"> </administrativegendercode> mettere qui il campo $#FIELD_30#$ in formato YYYYMMDD, come nell'esempio qui sotto riportato <birthtime value=" "/> <birthplace> <place> <addr> <country>$#field_50#$</country> <censustract>$#field_40#$</censustract> </addr> </place> </birthplace> </patient> ProviderOrganization viene utilizzato per descrivere l ente che ha erogato la cura <providerorganization> <id root=" " extension="$#id_uo_cch#." assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$" displayable="true"/> </providerorganization> </patientrole> </recordtarget> l'autore dei dati <author> <time/> <assignedauthor> <id/> </assignedauthor> </author> <custodian> <assignedcustodian> <representedcustodianorganization> 10

13 CDA Dataset v1.02.doc <id/> </representedcustodianorganization> </assignedcustodian> </custodian> identificatore del registro che viene rimpiazzato. si usa ****SOLTANTO***** nel caso in cui si aggiorni un record già spedito <relateddocument typecode="rplc"> <parentdocument> Puntatore al ID, setid e versionnumber del documento che viene rimpiazzato ***ROOT ED EXTENSION IN SOSPESO*** <id root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#id_spedizione_precedente#$" assigningauthorityname="$#name_uo_cch#$"/> <setid root=" " extension="$#id_uo_cch#.$#field_100#$"/> il versionnumber individua su quale registro, già spedito in precedenza con questo numero di versione, deve essere fatta la correzione qui ci dece essere emsso il valore di $#VERSIONE_SOSTITUITA#$. Sotto viene riportato solo un esempio: <versionnumber value="1"/> </parentdocument> </relateddocument> Indicatore esplicito presenza consenso al trattamento dei dati <authorization typecode="auth"> <consent> <code code="auth" codesystem=" " codesystemname="hl 7 ActCode" displayname="authorized"/> <statuscode code="completed"/> </consent> </authorization> <structuredbody> Identificazione Paziente e Ricovero <section> <title>identificazione Paziente e Ricovero</title> CARD Cardiology <entry> <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> Provenienza Paziente <encounter classcode="enc" moodcode="evn"> <code code="surg"> <translation code="adm.dt"/> </code> date del ricovero yyyymmdd <effectivetime> $#FIELD_180#$ = Data ricovero Paziente in CCH <low value=" "/> $#FIELD_5000#$ data dimissione 11

14 CDA Dataset v1.02.doc <high value=" "/> </effectivetime> </encounter> 160 Provenienza Paziente Sito di provenienza del paziente rispetto al reparto cardiochirurgico ove viene operato 1 = Casa; 2 = PS; 3 = Altro reparto; 4 = Altro ospedale; 5 = Cure Intensive interne; 6 = Cure Intensive altro ospedale <code codesystem=" " codesystemversion="1.0" code="$#field_160#$"/> 170 Condizioni Paziente al ricovero Condizioni del paziente al momento del ricovero 1 = Deambulante; 2 = Barellato; 3 = Ventilato; 4 = IABP; 5 = Assistenza di circolo; 6 = Rianimazione cardiopolmonare; 7 = IRA <code codesystem=" " codesystemversion="1.0" code="$#field_170#$"/> 190 Riferimenti del paziente e Note Riferimenti vari per raggiungere il paziente, quali: indirizzo, telefono, parenti, ecc. <code codesystem=" " codesystemversion="1.0"/> <text>$#field_190#$</text> </organizer> </entry> </section> 12

15 CDA Dataset v1.02.doc 2.1 FATTORI DI RISCHIO <section> <title>dati Preoperatori - Fattori di rischio</title> <entry> <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> 210 M Peso Paziente Peso del paziente al momento del ricovero, in Kg Kg BODY WEIGHT MASS ENCTR^FRST ^PATIENT QNMEASURED ATTACH.CLINRPT 3 <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="body WEIGHT"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_210#$, che rappresenta il peso in Kg <value xsi:type="real" value="84.400"/> 220 M Altezza Paziente Altezza del paziente al momento del ricovero, in cm cm BODY HEIGHT LEN PT ^PATIENT QNMEASURED BDYHGT.ATOM 2 <code code="3137-7" codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="body HEIGHT"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_220#$, che rappresenta l'altezza in cm <value xsi:type="int" value="190"/> 240 FumatoreIndicare se il paziente ha una storia di consumo di qualsiasi forma di tabacco nel passato (sigarette, sigari, pipa, tabacco da masticare ) mettere in code il campo $#FIELD_240#$. Qui sotto viene riportato un esempio <code code="$#field_240#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 250 Fumatore attuale mettere in value il campo $#FIELD_250#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <code code="$#field_250#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 13

16 CDA Dataset v1.02.doc 260 Familiarità coronaropatia mettere in value il campo $#FIELD_260#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <code code="$#field_260#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 270 R Ipertensione preop BLOOD PRESSURE ALTERATION FIND PT CARDIOVASCULAR SYSTEM ORD OBSERVED.CCC SURVEY.NURSE.HHCC 4 <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="blood PRESSURE ALTERATION"> <translation code="$#field_270#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"/> </code> mettere in value il campo $#FIELD_270#$. Qui sotto viene riportato un esempio. <value xsi:type="int" value="1"/> 280 Dislipidemia preop <code code="$#field_280#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 290 R Diabetico preop <code code="$#field_290#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 14

17 CDA Dataset v1.02.doc 300 I Trattamento diabete preop 1 = Nessun trattamento; 2 = Solo dieta; 3 = Ipoglicemizzanti orali; 4 = Insulino terapia; <code code="$#field_300#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 310 Glicemia preop Valore glicemia in mg/dl rilevato al momento del ricovero in CCH mg/dl Glucose BldC Glucomtr-sCnc GLUCOSESCNC PT BLDC QNGLUCOMETER CHEM 1 BOTH <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="glucose"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_310#$ <value xsi:type="real" value="84.400"/> 320 M,e,I Arteriopatia extracardica preop <code code="$#field_320#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 330 M Malattia cerebrovascolare senza disfunzione neurologica; 2 = Sì <code code="$#field_330#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 340 M,e,I Disfunzione neurologica grave Grave impedimento nella deambulazione e/o nelle funzioni quotidiane 15

18 CDA Dataset v1.02.doc <code code="$#field_340#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 350 M Disfunzione neurologica acuta <code code="$#field_350#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 355 M,I Ictus Storia documentata di ictus recente (<=30 gg) <code code="$#field_355#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 360 M,I Insufficienza renale cronica preop <code code="$#field_360#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 370 M,I Dialisi preop <code code="$#field_370#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 380 M,e Creatininemia preop Indicare il più recente livello di creatininemia prima dell intervento, in mg/dl 0,1-30,0 mg/dl 16

19 CDA Dataset v1.02.doc Creat Bld-mCnc CREATININEMCNC PT BLD QN CHEM 1 BOTH <code code=" " codesystem=" " codesystemname="loinc" codesystemversion="2.16" displayname="creatinine"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_380#$, ad esempio: <value xsi:type="real" value="1.4"/> 390 Endocardite batterica attiva <code code="$#field_390#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 400 Patologia polmonare cronica preop 2 = Lieve; 3 = Moderata; 4 = Severa; <code code="$#field_400#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 410 Uso cronico di broncodilatatori preop <code code="$#field_410#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> </organizer> </entry> </section> 2.2 INTERVENTI PREGRESSI 17

20 CDA Dataset v1.02.doc <section> <title>interventi PREGRESSI </title> <entry> 2.2 INTERVENTI PREGRESSI <organizer classcode="cluster" moodcode="evn"> <statuscode/> 500 Pregressa chirurgia cardiaca <code code="$#field_500#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 505 Numero interventi cardiochirurgici pregressi <code codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_505#$, che rappresenta il Numero interventi cardiochirurgici pregressi <value xsi:type="int" value="0"/> 510 M,I Pregresso CABG <code code="$#field_510#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 520 M Pregressa chirurgia valvolare <code code="$#field_520#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> 18

21 CDA Dataset v1.02.doc 530 Data ultimo intervento cardiovascolare code="$#field_530#$" <code codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> mettere in value il campo $#FIELD_530#$ <value xsi:type="ts" value=" "/> 540 Pregresse procedure cardiologiche interventistiche <code code="$#field_520#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> date del ricovero yyyymmdd <effectivetime> 560 Data ultima procedura interventistica cardiologica mettere in value la data del campo $#FIELD_560#$ <low value=" "/> </effectivetime> mettere in value il campo $#FIELD_550#$, che rappresenta il Num. pregresse procedure interventistiche cardiologiche <value xsi:type="int" value="0"/> 570 Intervallo procedura cardiologica/cch 1 = <=6 ore; 2 = >6 ore; <code code="$#field_570#$" codesystem=" " codesystemname="_oss" codesystemversion="1.00"> </code> </organizer> </entry> </section> 2.3 Stato Cardiaco preoperatorio <section> <title>stato Cardiaco preoperatorio</title> <entry> 19

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE I.P. FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DENTISTI ITALIANI Edizioni Promoass FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

1. La rivascolarizzazione miocardica ibrida, esperienza clinica iniziale. 2. Rivascolarizzazione miocardica mini-invasiva: risultati a medio termine

1. La rivascolarizzazione miocardica ibrida, esperienza clinica iniziale. 2. Rivascolarizzazione miocardica mini-invasiva: risultati a medio termine 1. La rivascolarizzazione miocardica ibrida, esperienza clinica iniziale Francesco Nicolini; Giorgio Franciosi; Enrico Citterio; Eric Manasse; Daniela Gastaldi; Alessandro Eusebio; Angelo Bandera; Roberto

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA LEVSIMEDA ELL ISUFFIIEZA ARDIAA AUTA 30 marzo 2015 16:30 18:30 ardiocentro Ticino - Sala Zwick PRGRAMMA IL SIMPSI SARÀ AREDITAT 2 REDITI DA: SGAR - SSAR SIETÀ SVIZZERA DI AESTESIA E RIAIMAZIE SGI-SSMI

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude St. Jude Medical Neurom modulation Divisio on 6901 Pr reston Road Plano, TX 75024 USA Tel 972 309 8000 Fax 972 309 8150 IMPORTANTE INFORMAZIONE SUL DISPOSITIVO MEDICO Eon Mini Codice Prodotto 65-3788 (Stimolatore

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Il trattamento endovascolare degli aneurismi dell'aorta addominale Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Indice Introduzione 1 Che cos'è un aneurisma dell aorta addominale (AAA)?

Dettagli