MASS MEDIA E POLITICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASS MEDIA E POLITICA"

Transcript

1 MASS MEDIA E POLITICA Il rapporto tra mass media e politica, insieme allo specifico problema dell influenza dei media sulle opinioni politiche dei cittadini, è stato spesso oggetto della communication research. Pur se molto diverse, le posizioni dei ricercatori possono essere riassunte in tre paradigmi principali. Il primo considera i media come subordinati al sistema politico, che li controlla più o meno direttamente e che li usa per mantenere il potere e influenzare i cittadini: i media sono dei semplici canali per diffondere il messaggio politico. Molte delle prime teorie sui media, sviluppatesi dopo l esperienza dei totalitarismi e delle due guerre mondiali, hanno assunto questa posizione, per esempio rifacendosi al marxismo o studiando il contenuto ideologico dei messaggi mediali. Il secondo paradigma, invece, considera i media come indipendenti dal potere e dotati di notevole influenza sul sistema politico: sono quindi studiati come interlocutori attivi, addirittura dotati del potere di opporsi alla politica, di esserne l antagonista. Possiamo citare, a questo proposito, molte ricerche sul lavoro giornalistico e sulla capacità dei media di creare la realtà. Entrambi i paradigmi che abbiamo citato sono utili, perché sottolineano ciascuno un aspetto saliente del rapporto tra mass media e politica: è vero infatti che il potere politico ha spesso tentato di controllare i media e che in alcuni periodi storici essi sono stati usati come strumenti di acquisizione del consenso. Ed è vero anche che, come direbbero i ricercatori che si inseriscono nel secondo paradigma, i media hanno la forza di proporre una propria visione della realtà e di opporsi al sistema politico, facendo valere la propria logica. Per questo motivo, più recentemente, si è diffuso un terzo paradigma che sta nel mezzo tra i due e considera il rapporto tra mass media e politica come una continua negoziazione e un tentativo di reciproca influenza. I mass media hanno bisogno della politica e la politica deve usare i media, ma i due sistemi hanno obiettivi ed esigenze propri, che spesso non coincidono: è dunque necessario mediare tra le logiche dei mass media e quelle della politica, mantenendo una certa autonomia dei due sistemi. Media e politica sono interdipendenti e in un rapporto di mutuo scambio. L interazione/negoziazione tra mass media e politica dipende da alcuni fattori: prima di tutto il grado di controllo statale sui media (in alcuni casi il controllo è totale e il condizionamento della politica forte); in secondo luogo la partisanship dei media, cioè la loro propensione ad appoggiare una parte politica o, addirittura, l aperto sostegno ad essa. Infine, due elementi che riguardano il giornalismo: il primo è il grado di integrazione dell'elite politico-mediale, cioè il 1

2 fatto che giornalisti e politici condividano lo stesso ambiente sociale e lo status, che ci siano delle norme implicite di collaborazione, che siano possibili carriere miste (politici che fanno i giornalisti e viceversa) e un osmosi tra i due ambienti. Il secondo è il grado di convincimento sulla funzione sociale e politica della professione giornalistica, la consapevolezza che i giornalisti hanno del loro ruolo e la responsabilità che ne consegue. E utile, a questo punto, vedere come si declina l interazione tra mass media e politica e quali ricadute questa abbia sulla democrazia. Gianpietro Mazzoleni individua quattro modelli di interazione: - Avversario: è l esito di un equilibrio e un reciproco controllo dei poteri (checks and balances), in cui è evidente l irriducibilità degli interessi delle due sfere politica e mediatica; spesso le pressioni del sistema politico vengono denunciate dai media. - Collaterale: è il modello caratterizzato da un parallelismo degli interessi di media e politica, o addirittura da un fiancheggiamento della politica da parte dei media, che non sono al di sopra degli interessi politici ed economici. - Scambio: poiché i politici e i media hanno bisogno gli uni degli altri, al conflitto si preferisce la negoziazione e la contrattazione. - Competizione: i media e la politica si contendono i medesimi obiettivi, cioè la leadership dell'opinione pubblica, il consenso, la legittimazione (soprattutto nei momenti di crisi). Da quanto detto emerge che i media sono attori a pieno titolo nello spazio politico. Come ricordavamo precedentemente trattando dei paradigmi di ricerca su media e politica, se i media sono considerati come semplici strumenti si esalta l aspetto dell influenza del messaggio politico sul cittadino/elettore, mentre se si sottolinea l autonomia dei media è messo a tema l aspetto della reciproca influenza tra questi ultimi e la politica. Anche trattando della comunicazione politica queste due visioni sono presenti: se i media sono meri strumenti, è possibile pensare alla comunicazione politica come propaganda, come flusso unidirezionale e verticistico di messaggi politici dai partiti ai cittadini, che dipende solo dai primi. Se i media sono interlocutori e attori che hanno i loro interessi (anche commerciali) e che fanno di tutto per coinvolgere il cittadino-utente, è più facile pensare alla comunicazione politica come luogo di contrattazione e di scambio, oltre che come flusso bidirezionale che tiene in considerazione le esigenze del cittadino 2

3 IL RUOLO DEI MEDIA NELLA SFERA POLITICA Il motivo per cui i media sono diventati degli attori a pieno titolo nella sfera politica e influenzano il gioco democratico riguarda le funzioni che i media svolgono nello spazio pubblico. 1) La prima importante funzione è quella di selezionare e trattare le notizie sulla politica, che vengono diffuse velocemente e in grande quantità. I media sono la principale fonte di informazione sulla politica, mostrata anche in diretta, e il ruolo di filtro dei media (gatekeeping) in questo senso sembra decisivo per la democrazia. Già Walter Lippmann ( ) sottolineava la grande responsabilità che ne deriva per i giornalisti: Le notizie del giorno, così come raggiungono gli uffici dei giornali, sono un miscuglio incredibile di fatti, propaganda, dicerie, sospetti, indizi, speranze e paure, e il compito di selezionare e ordinare queste notizie è uno dei compiti veramente sacri, e simile a quello dei preti, in una democrazia. Il processo di selezione dell informazione avviene almeno a tre livelli: in primo luogo, la scelta di eventi e temi politici che diventano notizia; in secondo luogo, la gerarchizzazione degli argomenti che sono già stati selezionati, per metterne in rilievo alcuni tra essi (per esempio inserendoli in prima pagina, o dedicando loro più spazio). Infine, il livello della tematizzazione: quando un argomento politico viene riproposto dai media per più giorni, facendolo diventare un tema di approfondimento su cui mobilitare l opinione pubblica. Il ruolo di selezionatori svolto dai media implica anche un effetto detto di agenda setting: scegliendo e gerarchizzando i temi ritenuti importanti, i media fissano l agenda delle priorità dei cittadini, indicano loro su quali argomenti discutere; le priorità che emergono dai media influenzano anche i criteri in base ai quali gli elettori giudicano i politici; a volte, i media influenzano anche i politici, perché partiti e leader non possono ignorare i temi proposti all attenzione pubblica dai giornalisti e sono comunque sollecitati da questi ultimi a rispondere, a prendere posizione. 2) Un altra funzione dei media, molto importante per la democrazia, è creare nuovi spazi di discussione e di confronto elettorale. I media fungono spesso da arene politiche, ospitano dibattiti ed eventi che hanno risonanza sulla vita pubblica. Alcuni programmi televisivi o i quotidiani nazionali diventano luoghi in cui comunicare decisioni importanti o creare eventi politici. Berlusconi, per esempio, ha inviato una videocassetta ai telegiornali per annunciare la discesa in campo e ha usato il programma di Vespa per firmare il Contratto con gli italiani. I vecchi e i nuovi media sono poi luoghi di dibattito elettorale, in cui si confrontano candidati e programmi politici in un momento cruciale, per chiedere il voto. La campagna elettorale nei 3

4 media ha maggiore visibilità e impatto e i dibattiti finali tra i leader sono dei veri e propri eventi mediali. A proposito degli interventi mediatici in campagna elettorale, che spesso vedono i politici in competizione con altri (un classico esempio è il dibattito elettorale, o il faccia a faccia), occorre ricordare che i media hanno un ruolo importante sia nel giudicare le performance, sia nel creare aspettative sulle performance stesse, prima che avvengano. Questo anche grazie ai sondaggi, che tengono monitorata la situazione. I media offrono ai cittadini nuove possibilità di contatto con i politici (pur se mediate dalla tecnologia) e occasioni di partecipazione al dibattito pubblico, grazie soprattutto alle nuove tecnologie: dalla posta elettronica alla chat, non sempre sfruttate al meglio dai politici. I mezzi di informazione, soprattutto quelli alternativi e i new media, sono anche molto usati da cittadini e movimenti che fanno politica dal basso. Tali media possono essere, in effetti, uno strumento per rivolgersi direttamente ai cittadini, bypassando i canali tradizionali, cioè gli apparati politici e quelli giornalistici. 3) Una terza funzione dei media, decisiva per la democrazia, è quella di critica alla politica, per alcuni addirittura di controllo, che implica un vigilare sull operato dei politici in nome del cittadino, di cui si difendono gli interessi. (il cosiddetto giornalismo watchdog, cioè con una funzione di cane da guardia del giardino del cittadino). Questa sorveglianza sull operato dei politici, che è cruciale nei paesi in cui i media godono di una certa indipendenza dal potere, può sfociare nell adversarial journalism, il giornalismo che critica apertamente i politici e svolge indagini per scoprirne gli errori. E caratteristico degli Stati Uniti, dove dopo la guerra del Vietnam e il Watergate i giornalisti si sono opposti frequentemente ai politici, mettendone in questione l operato. Negli Usa si parla addirittura di giornalismo negativo, di un atteggiamento cinico dei giornalisti nei confronti della politica, che pone l accento sul distacco di quest ultima dai cittadini. Anche in altri Paesi i giornalisti sono critici e combattivi: un esempio illuminante è l Inghilterra (vd Blair-BBC). Anche senza assumere un atteggiamento avversario, più frequentemente il giornalismo critico è interpretativo, cioè i giornalisti introducono una mediazione rispetto ai discorsi e all attività di comunicazione e PR dei politici. Un esempio di giornalismo che prende parte è l advocacy journalism, che fornisce un interpretazione della notizia per aiutare il lettore meno informato a capire, o che sostiene cause moralmente giuste. Infine, non bisogna dimenticare che i mass media possono intervenire nella sfera politica con un ruolo attivo, scendendo in campo direttamente e sostenendo un idea o una parte politica. La loro influenza viene ritenuta significativa e si esprime con prese di posizione dei 4

5 giornalisti/opinionisti di una testata, dichiarazioni di appoggio a un candidato, promozione di campagne di sensibilizzazione. 4) Un ultima funzione dei media è offrire visibilità alla politica e fornire un immagine dei suoi protagonisti. I mezzi audiovisivi permettono di rendere visibile una buona parte della vita politica che un tempo restava nel segreto e mostrano il leader nel suo aspetto fisico, ne illustrano i comportamenti, valorizzano la sua immagine esteriore, che è sempre più importante. Questa visibilità non è ovviamente solo positiva per i politici: si pensi all effetto dirompente che hanno avuto le immagini in diretta dei politici interrogati da Di Pietro durante il processo Cusani. O alle foto dei leader in momenti di stanchezza e di malattia. La visibilità implica anche un interesse dei media per il retroscena della politica e per la vita privata dei leader: in questo slittamento dei confini tra pubblico e privato, possono emergere pettegolezzi, gaffe, eccessi, scandali, fughe di notizie che coinvolgono i politici. I leader peraltro offrono volentieri ai media particolari sulla loro vita privata e familiare, per fare notizia e migliorare la loro immagine. La letteratura statunitense parla dei media come categorizzatori, perché essi creano immagini semplificate dei soggetti politici, spesso sotto forma di soprannome o di caricatura. A volte, inoltre, il soggetto politico si vede attribuire definizioni ed etichette che influenzano la percezione del pubblico. Secondo alcuni studiosi, queste immagini semplificate si fissano nella mente degli elettori più delle discussioni politiche e dei programmi dei partiti, dunque influenzano la percezione della politica e perfino le opinioni: esse possono, infatti, fornire delle scorciatoie informative per interpretare la realtà politica e prendere decisioni. Per questo i soggetti politici tentano di controllare e modificare le immagini proposte dai media, grazie a esperti che a fianco dei leader si occupano di questo (cfr. per esempio i presidenti USA, ma anche il nostro Presidente del consiglio). Sempre per quanto riguarda la visibilità e l effetto di semplificazione, i mass media usano ridurre la competizione tra candidati o partiti a una corsa tra i pochi favoriti, dando loro più importanza: grazie ai sondaggi, identificano i soggetti che hanno più possibilità di vincere e si concentrano su questi. E il cosiddetto effetto setaccio (winnower), molto importante nelle primarie USA e in quei paesi in cui si eleggono direttamente le alte cariche politiche. NUOVI MEDIA E DEMOCRAZIA La politica trova molti vantaggi nell uso dei new media: prima di tutto, la comunicazione politica telematica ha costi inferiori rispetto alle altre forme di propaganda con i vecchi media (per la costruzione e gestione del sito, per l invio di e la 5

6 diffusione di materiali ). Le nuove tecnologie permettono di diffondere molte più informazioni e con linguaggi multimediali; anche la velocità di diffusione e di aggiornamento delle informazioni è un elemento cruciale per la comunicazione politica, soprattutto in campagna elettorale. Tali informazioni, tra l altro, possono essere diffuse senza il filtro della mediazione giornalistica e il vincolo di notiziabilità dei messaggi massmediali. La caratteristica principale delle nuove tecnologie, l interattività, offre al messaggio politico la possibilità di un dialogo on-line, di una discussione da molti a molti e anche di una segmentazione del pubblico, con messaggi mirati e su tematiche specifiche. Un ulteriore vantaggio delle nuove tecnologie è l assenza di costrizioni spazio-temporali nella fruizione (grazie ad apparecchiature sempre più miniaturizzate e mobili, l utente è raggiungibile quasi ovunque) Per la politica, internet è prima di tutto uno strumento di informazione, diffusione di materiale di propaganda marketing mobilitazione networking dialogo Cittadinanza e internet Entusiasmo di chi studia l impatto dei new media sulla sfera politica. Previsioni ottimistiche sul loro uso in senso democratico: democrazia digitale, teledemocrazia, cyberdemocracy, democrazia referendaria on line. Tre aspetti della democrazia elettronica: la partecipazione alle decisioni, l espressione dell opinione o del voto, la dimensione comunitaria. Accresciuta possibilità di informarsi e di partecipare al dibattito democratico: l accesso alle informazioni sulla politica e sull amministrazione è più diretto e trasparente; gli strumenti di dialogo on-line permettono di confrontarsi con altri cittadini su temi di interesse pubblico. La rete, accorciando distanze e tempi di interazione, costruirebbe uno spazio virtuale di dialogo e di confronto tra cittadini accessibile a tutti: nuova sfera pubblica, agorà. Grazie alla rete si può consultare una grande quantità di cittadini in tempi brevi e con bassi costi: nuove forme di sondaggio telematico (panel). Partecipazione dei cittadini al processo decisionale: voto on-line, elezioni più frequenti attraverso il computer e una carta magnetica. 6

7 Secondo i fautori della teledemocrazia nel futuro si sostituirà la democrazia rappresentativa con forme di democrazia diretta, in cui tutti i cittadini decidono senza intermediari sulle questioni che li riguardano e non sono più necessarie assemblee di rappresentanti (un potere esercitato direttamente dal popolo). Quando si parla di democrazia elettronica si intende dunque una sorta di realizzazione dell ideale greco della polis. Si fa però anche riferimento a una sorta di città-comunità in cui si tende al raggiungimento dell uguaglianza politica e sociale tra i cittadini concetto ripreso dalla tradizione comunitarista americana (De Rosa). La rete consente infatti di rinsaldare i legami comunitari, nell attuale situazione di frammentazione e di dispersione. Le migliori applicazioni delle nuove tecnologie alla politica sembrano essere quelle realizzate in ambito locale. Le principali finalità dei governi locali che promuovono le nuove tecnologie sono (Rodotà): - la partecipazione più diretta dei cittadini a processi di consultazione e di decisione; - il recupero dell interesse dei cittadini in situazioni di declinante partecipazione politica; - la trasparenza nell azione amministrativa; - l accesso diretto a informazioni e servizi; - la gestione diretta da parte di cittadini di attività o servizi; l- a riduzione della discrezionalità amministrativa con accresciuta parità di trattamento dei cittadini. Le reti civiche Mettono in relazione persone appartenenti alla stessa area geografica o città. All estero hanno avuto fin dall inizio una duplice funzione: incrementare l alfabetizzazione informatica della popolazione e favorire la crescita di uno spirito democratico. Anche in Italia le aspettative per questo genere di esperienza sono state molto alte: sviluppare l interattività tra cittadini e pubblica amministrazione e dare maggiore trasparenza a quest ultima, accrescere la partecipazione. Una delle prime reti civiche in Italia, Iperbole della città di Bologna, ha come obiettivi: lo sviluppo della teledemocrazia, la trasparenza amministrativa, il diritto all informazione, la distribuzione di servizi digitali, l interattività con i cittadini per promuoverne la partecipazione ai processi decisionali. 7

8 Il progetto di Democrazia Elettronica di Iperbole è nato dall'esigenza di rinnovare il rapporto tra l'amministrazione e cittadini, facendo sì che questi ultimi partecipino attivamente alle decisioni riguardanti la vita della città, in un clima di trasparenza amministrativa e di diffusione dell'informazione. In Italia le città digitali sono promosse generalmente da: autorità locali (Comuni, Province, Regioni), altre istituzioni (Università, Camere di Commercio), i privati (aziende o associazioni di cittadini). I destinatari sono principalmente i cittadini e gli attori locali (realtà organizzate che operano localmente), ma anche i turisti e altro pubblico internazionale. I siti delle città digitali contengono: a) informazioni amministrative o procedurali per i cittadini, organizzazioni, aziende (orari degli uffici, reperimento di documenti, certificati...); b) spazi di comunicazione interattiva per il dialogo all'interno della comunità locale tra cittadini, istituzioni, realtà organizzate: forum, chat, newsgrup; c) informazioni finalizzate alla promozione turistica della città. Prevale la dimensione informativa/istituzionale su quella relazionale. La comunicazione è spesso unidirezionale. La sola possibilità di comunicazione a due vie non garantisce quindi che vi sia un effettivo dialogo. E l amministrazione a dover per prima cambiare mentalità e disporsi al cambiamento: là dove vengono attivati servizi che permettono un rapporto interattivo con i cittadini, dovrebbe esserci anche uno sforzo per superare i ritmi lenti dell amministrazione e per garantire un aggiornamento delle informazioni fornite ai cittadini in tempo reale. Le questioni aperte La maggiore disponibilità di informazioni sulla politica non comporta automaticamente un aumentata capacità o una volontà di informarsi realmente e di gestire il cospicuo flusso informativo. Avere molte più informazioni comporta una maggiore perdita di tempo, nonché il rischio di non saper selezionare e trattare tanti dati. Pericolo che le nuove tecnologie della comunicazione ripropongano il problema della disuguaglianza. L accesso generalizzato alle informazioni politicamente rilevanti e la possibilità di esprimersi attraverso i new media non sono sufficienti a semplificare e a rendere trasparenti i processi decisionali, fatti di negoziazione e ricerca di equilibri. La possibilità di una comunicazione interattiva tra cittadini e politici non viene sfruttata appieno e la partecipazione dei cittadini è ancora limitata. Le istituzioni non hanno del tutto adeguato le 8

9 proprie strutture all interazione con i cittadini e legato le possibilità di comunicazione a processi decisionali. La possibilità di consultare direttamente i cittadini e di farli partecipare alle decisioni che li riguardano presenta risvolti problematici. Come osserva Marletti, l idea di democrazia referendaria contrasta con le caratteristiche del processo decisionale: la democrazia richiede tempo, ragionamento e negoziazione (non certo rese possibili dall istantaneità, dalla riduzione dei problemi a un sì o un no, dall assenza di confronto che sono tipici del sondaggio on line). I cittadini che prendono decisioni non sono poi sempre informati e competenti per potersi esprimere sulle politiche pubbliche con continuità. Gli strumenti di partecipazione e di dialogo, anche là dove vengono sfruttati e consentono una reale interazione, non risolvono automaticamente il problema della scarsa motivazione e della disaffezione dei cittadini per la politica: è questa, infatti, la motivazione più forte all introduzione delle nuove tecnologie nel campo della comunicazione politica, ma anche, per ora, il principale nodo problematico non ancora sciolto. Gli effetti dei media sulla sfera politica Studio effetti della comunicazione politica segna la nascita della ricerca sugli effetti della comunicazione di massa. Propaganda pro-bellica negli USA (I Guerra Mondiale) + tecniche di persuasione naziste e fasciste = studi su manipolazione e persuasione attraverso i media (teoria ipodermica). Da allora il dibattito sul potere dei media e sull efficacia della comunicazione politica nel modificare le opinioni politiche e i comportamenti di voto non si è mai interrotto. Acquisizioni delle varie teorie: I media (e la comunicazione politica) sembrano più potenti nella prima fase della loro introduzione. I media hanno un influenza maggiore nei periodi di crisi (mancanza punti di riferimento e ricerca di informazioni, vd. Tangentopoli). Il potere dei media varia in funzione delle altre istituzioni e agenzie di socializzazione di massa. Oggi i cambiamenti nella struttura e nelle funzioni dei partiti (non solo per effetto della comunicazione di massa, ma per le più vaste trasformazioni sociali) hanno trasferito sui media parte della vita politica e dell esperienza politica dei cittadini. Si tende spesso a sovrastimare l efficacia della comunicazione di massa per il bisogno individuale di autostima: effetto di terza persona (vd élite politiche e mediatiche verso gli elettori). 9

10 Fattori di mediazione degli effetti della comunicazione politica Selettività Gli individui devono selezionare i messaggi e i canali di comunicazione. L elettore è pigro e tende a risparmiare energie cognitive quando riflette sulla politica. Non recepisce passivamente tutti i contenuti della comunicazione politica, ma li combina in modo dinamico tra di loro e con informazioni e convinzioni che già possiede. Le preferenze politiche orientano il consumo di comunicazione politica: gli individui preferiscono cercare conferme alle proprie opinioni (riduzione della dissonanza cognitiva). I messaggi che meglio superano le barriere dell attenzione, della percezione e del ricordo selettivo sono caratterizzati da una componente di novità e di sorpresa rispetto al resto della comunicazione politica (es. Prodi 1996 e Berlusconi 2000). Livello di elaborazione Il modo in cui riceviamo e interpretiamo un messaggio persuasivo dipende dalla nostra motivazione e dalle nostre capacità cognitive. Fonte e scopo del messaggio Gli individui tendono a resistere ai tentativi espliciti di manipolazione: reagiscono in modo diverso se avvertono che la fonte della comunicazione sta cercando di modificare le loro opinioni o che il messaggio non proviene da un emittente imparziale. La comunicazione prodotta in prima persona dai politici (spot, manifesti, opuscoli, dichiarazioni) ha un efficacia minore di quella che viene prodotta dai giornalisti, e su cui i politici possono esercitare un controllo molto meno stretto. => Buona parte degli sforzi di comunicazione dei politici è rivolta non verso gli elettori, ma verso i media, attraverso le tecniche che con termine anglosassone sono dette di spin control. Ricorso a testimonial.. Interazione con l esperienza quotidiana I cittadini sono in grado di utilizzare per le decisioni politiche informazioni che sono già state acquisite, o perché frutto di esperienze passate, o perché tratte dalla vita quotidiana. S. Popkin: l informazione politica è un sottoprodotto di informazioni già acquisite, una forma di riutilizzo intelligente. I cittadini sono più ricettivi a quelle informazioni che collegano la politica a elementi rilevanti della loro vita quotidiana. Interazione con la comunicazione interpersonale Nella vita quotidiana la politica è presente soprattutto sotto forma di discussioni che avvengono con le persone che ci circondano (vd studi della Columbia University). 10

11 I rapporti interpersonali sono fondamentali nella socializzazione politica. La comunicazione interpersonale integra e spesso filtra i messaggi veicolati dai mass media e dai partiti. Importanza delle attitudini pregresse e delle caratteristiche individuali P. Converse (1964): la persuasione politica generata dalle comunicazioni di massa dipende da un processo a due fasi: 1) esposizione al messaggio e 2) accettazione del messaggio da parte del pubblico. W. McGuire (1968): La probabilità di ricezione aumenterà all aumentare dell interesse per la politica (o per il particolare argomento di cui tratta il messaggio in questione) e al crescere della capacità di comprendere il messaggio politico. La probabilità di accettazione del messaggio varia invece in modo opposto. Coloro che hanno maggiore competenza politica avranno con ogni probabilità anche attitudini molto più solide e difficili da modificare, dunque difficilmente, in linea generale, lasceranno che le loro opinioni vengano alterate da qualsiasi messaggio. = Paradosso nell opinione pubblica: coloro che sono più facilmente influenzabili sono anche quelli che è più difficile raggiungere, mentre coloro che si raggiungono più facilmente quasi sicuramente resisteranno al tentativo di persuasione. L area dell elettorato su cui la CP può avere un impatto maggiore è dunque il centro dell elettorato, inteso non come centro politico o ideologico ma come insieme di elettori che hanno un interesse e una competenza politica medi, né troppo alti né troppo bassi, che sono moderatamente semplici da raggiungere e da convincere. Principali ricerche ed evidenze empiriche Apprendimento Dibattito piuttosto vivace: l elettorato è in grado di acquisire informazioni politiche sufficienti per effettuare scelte razionali? Dubbi: a) la qualità dei contenuti forniti dai media e dai comunicatori politici; b) le capacità cognitive e la motivazione degli elettori Le ricerche sull apprendimento di informazioni politiche si sono focalizzate su tre aspetti: 1) la notorietà dei candidati (name recognition): la comunicazione politica ha un efficacia notevole nel far conoscere i candidati a una fetta significativa dell elettorato. 2) la conoscenza dei principali problemi politici e dei programmi: difficilmente gli elettori acquisiscono e analizzano tutte le informazioni teoricamente necessarie per formulare un giudizio (ad esempio leggendo i programmi elettorali dei partiti in competizione), ma piuttosto seguono delle scorciatoie informative che servono a farsi un idea del problema utilizzando informazioni e orientamenti che già possiedono e integrandole con i pochi dati acquisiti per 11

12 l occasione. I partiti e le ideologie hanno la funzione di scorciatoie informative in quanto gli elettori li impiegano come schemi generali grazie ai quali formulare previsioni (meccanismo di proiezione in quanto gli elettori proiettano automaticamente sui candidati e sui diversi partiti le idee che si sono fatti in passato su di essi: le proposte e le posizioni politiche che si discostano da queste immagini stereotipate dei partiti e delle ideologie incontrano una barriera cognitiva nella tendenza degli elettori a ricondurle alle posizioni standard ). 3) La personalità dei candidati: le informazioni su esse sono recepite e memorizzate più facilmente delle informazioni che riguardano i programmi e i problemi politici. Altro aspetto dibattuto: la capacità dei diversi media di informare efficientemente gli elettori. Nel confronto tra tv e giornali la prima risulta più efficace nell informare gli elettori su argomenti nuovi e che non costituiscono oggetto di interesse preesistente, mentre i secondi favoriscono un apprendimento maggiore in persone che sono già a conoscenza dell argomento trattato e provano per esso un certo interesse. Le conoscenze politiche non sono distribuite uniformemente nell elettorato. Immagine del rombo: ad un vertice si trovano pochi elettori che dispongono di molte informazioni, al centro una maggioranza di elettori che gode di un informazione di livello medio, nel vertice più basso una minoranza di elettori che sono quasi privi di informazioni. Due grandi divari di conoscenza (knowledge gap): uno tra un élite molto informata, caratterizzata per la maggior parte da alto reddito, alta istruzione, elevato status sociale, e il resto della popolazione; l altro tra una sottoclasse, di dimensioni non trascurabili, di persone escluse dal circolo delle informazioni politiche e la popolazione politicamente attiva e informata. Speranze sono state riposte nella capacità delle NTCI di ridurre queste distanze: diversi studi hanno dimostrato che in realtà tali divari tendono ad ampliarsi. Il tema dell informazione politica si collega al più vasto problema della cittadinanza democratica: riflessione più ampia sui concetti di buon cittadino e cittadino bene informato. Se l ideale è quello del membro della polis che si mantiene aggiornato sui problemi e sui programmi politici in modo da compiere scelte razionali, solo una ristretta élite corrisponde oggi a quel modello. Inoltre, il contributo dei media appare fortemente inadeguato: la copertura delle notizie è secondo i critici insufficiente, troppo episodica, superficiale e parziale. M. Schudson e J. Zaller: modello diverso di cittadinanza che dovrebbe consentire di adeguare le aspettative alla realtà. 12

13 Schudson: il buon cittadino non è colui che si informa su tutti i problemi, ma colui che monitora la situazione (monitoral citizen) e si attiva solo nel caso in cui emergano problemi e sia necessario un intervento. Zaller: il ruolo dell informazione per il cittadino medio dovrebbe essere paragonato a quello di un antifurto (burglar alarm), che suona quando si presentano problemi importanti ma non impegna il cittadino quando tutto è sotto controllo, lasciandolo comunque tranquillo sul fatto che la situazione è tenuta sotto osservazione. Aumenta la responsabilità dei media, che devono garantire che i sensori per questi allarmi vengano collocati nei punti giusti. Agenda setting Sono più esposti all effetto di agenda setting gli individui che possiedono meno conoscenze politiche e i soggetti caratterizzati da quello che è stato definito bisogno di orientamento, che sono cioè interessati alla politica ma non hanno opinioni ben definite su una questione. La capacità dei media di influire sulle priorità dei cittadini è massima quando le notizie presentate trovano riscontro nell esperienza personale dei fruitori. Fenomeno di issue ownership, di vantaggio di partenza di un partito o un candidato su un certo tema. La issue ownership è un es. di come gli elettori utilizzano informazioni politiche che già possiedono per compiere scelte alla luce delle nuove informazioni. Framing Shanto Iyengar: framing episodico e framing tematico Priming e persuasione indiretta Partecipazione politica e fiducia nella democrazia Trasformazione dei partiti e della tendenza generale al calo della partecipazione politica, specie in termini di affluenza elettorale. Responsabilità dei media. Es. videomalessere (media malaise) (P. Norris) CONTROLLO Tra i tanti temi possibili, scegliamo di trattare quello del controllo della comunicazione politica, in quanto ci sembra cruciale e di grande attualità, viste le recenti polemiche. In Italia la prima legge che disciplina le campagne elettorali è stata approvata nel 1956 e per 37 anni è stata l unica. Nel 1993, la prima legge sulla comunicazione politica (n. 515) ha limitato l accesso dei politici ai media pubblici e privati (e le spese elettorali) e ha istituito il Garante per la radiodiffusione e l editoria. Nel 1994 il Garante ha vietato le trasmissioni contenenti 13

14 esclusivamente elementi di spettacolarizzazione, scene artificiosamente accattivanti anche per la non genuinità di eventuali prospettazioni informative, slogan, inviti al voto non accompagnati da un adeguata presentazione politica di candidati e/o di linee. Nel febbraio del 1995 il disegno di legge del Ministro delle poste Gambino, trasformato in decreto dal governo tecnico Dini, ha vietato la pubblicità nei 30 giorni prima del voto e ha consentito la propaganda (con una sottile distinzione non sempre chiara tra pubblicità e propaganda). Il decreto, reiterato 7 volte, ma non convertito in legge, è decaduto nel La legge del febbraio del 2000, detta sulla par condicio, regolamenta gli spazi di dibattito e di confronto politico offerti dai media anche al di fuori dell elezione, seguendo il criterio generale di assicurare a tutti i soggetti politici l'accesso all'informazione e alla comunicazione con imparzialità ed equità; questa legge cerca anche di sistematizzare le forme del discorso politico radiotelevisivo, attraverso l individuazione di tre fattispecie valide in ogni momento, che vengono disciplinate in modo diverso secondo il periodo preso in considerazione (elettorale o non). Le fattispecie di discorso politico valide anche in periodo non elettorale sono: l informazione politica, la comunicazione politica, i messaggi autogestiti. - L informazione politica comprende telegiornali e programmi d approfondimento giornalistico dipendenti dalle testate, quali inchieste, rubriche, ecc.: le regole sono parità di trattamento, obiettività, completezza e imparzialità. - La comunicazione politica è costituita da tribune politiche, dibattiti, tavole rotonde, presentazioni in contraddittorio di programmi politici, confronti, interviste e ogni altra trasmissione nella quale assuma carattere rilevante l esposizione di opinioni e di valutazioni politiche. La Rai e le emittenti private nazionali hanno l obbligo di offrire gratuitamente programmi di comunicazione politica, garantendo la parità di condizioni nell esposizione delle opinioni. - I messaggi politici autogestiti sono spazi che presentano la motivata esposizione di un programma o di un'opinione politica e che durano da 1 a 3 minuti in televisione e da 30 a 90 secondi alla radio. I messaggi si differenziano dagli spot perché sono più lunghi e meno spettacolari, ma anche perché non possono interrompere altri programmi: vengono trasmessi in appositi contenitori automi. Come si vede, gli spot sono vietati: la pubblicità televisiva è da sempre uno degli aspetti più problematici quando si parla di comunicazione politica, ed è stata anche uno degli argomenti di scontro in Parlamento al momento della discussione della legge. Il messaggio pubblicitario è 14

15 ritenuto più persuasivo e quindi più pericoloso (per la sua spettacolarità e incisività), ma ci sono anche altre obiezioni possibili:... In effetti, in diversi paesi europei gli spot sono vietati: in Francia, per esempio, dove la regolamentazione è molto rigida (ed è stata presa come modello dalla legge italiana). Recentemente l Autorità garante ha deciso che per le emittenti private locali è possibile trasmettere messaggi autogestiti brevi, che sono dei veri e propri spot: un eccezione dovuta al fatto che le piccole emittenti sono le più penalizzate dalla legge che vieta l offerta di spazi politici a pagamento. La legge 28/2000 disciplina anche i messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici: sono ammessi solo annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi e pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi di liste o candidati. Infine, per la pubblicazione dei sondaggi politici ed elettorali c è l obbligo, come si è detto, di indicare le modalità di realizzazione delle ricerche. La legge 28/2000 rappresenta la disciplina più completa nel campo della comunicazione politica finora emanata in Italia, che riesce a regolamentare anche il periodo non elettorale. Restano comunque ancora alcune criticità: per esempio, la difficoltà nel distinguere in modo univoco i programmi di comunicazione politica e quelli di informazione, che pone problemi dal punto di vista del controllo (perché solo i primi hanno regole precise e seguono la par condicio). O, ancora, la carenza di strumenti offerti all Autorità per imporre il riequilibrio delle situazioni di disparità createsi in campagna elettorale, anche se la situazione è molto migliorata rispetto al passato. Infine, costituisce un problema non facilmente risolvibile, per un Paese in cui operano molte piccole radio e tv difficilmente controllabili una per una, il fatto che le emittenti radiotelevisive locali abbiano regole differenti, che di fatto non impediscono la diffusione di pubblicità politica I problemi della regolamentazione. Il recente dibattito. Caratteristiche del dibattito televisivo. Un vero e proprio evento mediale. Perché da noi è particolare: la scelta dei contendenti; non c è elezione diretta del premier; La formula scelta. 15

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Il processo di comunicazione

Il processo di comunicazione Il processo di comunicazione La comunicazione comprende l insieme delle attività che nutrono le relazioni biunivoche tra l impresa ed i suoi pubblici di riferimento (interni ed esterni) con l obiettivo

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi Introduzione L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi sull impatto che esse avranno, o stanno già avendo, sul processo democratico.

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Che cos è Dolquest? E uno strumento che favorisce e

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE

Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE COMPITI RISORSE PROCESSI VALUTAZIONE - CONCLUSIONE INTRODUZIONE Il percorso che ti viene qui proposto intende condurti verso una nuova consapevolezza della

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi La dimensione europea Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi ESTRATTI DAL DOCUMENTO DELL UNIONE EUROPEA ELEARNING:PENSARE ALL ISTRUZIONE DI DOMANI: Occorre garantire la disponibilità

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio 8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio In conclusione, qualunque sia il giudizio che si può esprimere in merito ai sondaggi d opinione, resta il fatto che essi sono difficilmente

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet extrapola ed presentano Blogmetrics Politica Online, un nuovo servizio di monitoraggio di online news da blog, forum e siti internet. OBIETTIVO

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli Il prodotto giornale: specificità e attributi Non immagazzinabile Consumo

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE

AREA MARKETING E COMUNICAZIONE AREA MARKETING E COMUNICAZIONE Si tratta di un area particolarmente centrale del nostro settore, che punta a sviluppare le capacità comunicative e le tecniche di marketing (anche quelle non convenzionali),

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence:

OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence: OSINT, acronimo di Open Source INTelligence, uno dei modi per acquisire dati utili per l intelligence: riguarda il monitoraggio e l analisi di contenuti reperibili da fonti pubbliche, non riservate. L

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

: nel Web per la sostenibilità locale

: nel Web per la sostenibilità locale : nel Web per la sostenibilità locale A un anno di distanza dalla messa on-line alcune riflessioni sull applicazione dello strumento nel contesto veneziano Lorena Rocca; Livio Chiarullo; Martina Gambaro

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli