STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini"

Transcript

1 STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza: JURIJ VALVASSORI Amministratore delegato TYROLIT Vincent S.r.l. 1

2 AGENDA Rafforzare la strategia. Come gestire i tre driver del profitto nei mercati maturi competitivi. Strategie per la crescita profittevole. Ripensare la rete vendita. Gestire il cliente nella competizione basata tra servizi. 2

3 RAFFORZARE LA STRATEGIA 3

4 Il punto di partenza COMPRENDERE LA SITUAZIONE ATTUALE 4

5 EMERGENZA STRATEGIA: SEGUIRE MENO LE MODE! La sfida principale oggi non è come organizzare i routinari processi produttivi, o inseguire la tecnica manageriale del momento, ma... - Come adeguarsi al cambiamento e affrontare il nuovo? - Come elaborare una proposizione di valore al cliente (CVP)? - Come individuare una fonte di crescita profittevole? E un problema di strategia. 5

6 COS E LA STRATEGIA? La strategia è la creazione di una posizione diversa da tutte le altre, in grado di distribuire un diverso mix di valore, grazie alla integrazione di un particolare insieme di attività.

7 MIGLIORARE LA PRODUTTIVITA DEL MARKETING Mentre negli ultimi trent anni i costi di produzione sono diminuiti da un 30 a un 50 %, i costi di marketing sono aumentati invece da un 20 a un 50 %. Il marketing non ha avuto però un aumento significativo della produttività, perché è rimasto indietro rispetto alla produzione. L aumento dei prodotti commodities, ha generato la competizione tra servizi. Dal marketing dello scambio, si è passati al marketing relazionale. Il valore sta in ciò che il cliente è disposto a pagare, non nel prodotto che vendiamo. Il management della clientela si sposta dalle vendite agli altri reparti. 7

8 COME GESTIRE I TRE DRIVER DEL PROFITTO COME GESTIRE I TRE DRIVER DEL PROFITTO NEI MERCATI MATURI COMPETITIVI 8

9 I TRE GENERATORI DEL PROFITTO Profitto = Prezzo x Volume - Costi variabili fissi Non ancora professionalmente ottimizzato Limitate possibilità di incremento Saturazione Largamente sfruttato Market share 9

10 IL caso di un azienda mono prodotto. Prezzo: 100 Costo var. produzione: 60 Costi fissi: Unità vendute: Fatturato: Profitto: 30 milioni 1 milione 100 milioni 10 milioni 10

11 Il prezzo è il più efficace profit driver Un 10% di incremento nel... Profit Driver Vecchio Profit Nuovo Vecchio Nuovo... Conduce ad un incremento dei profitti del... Prezzo m 20 m 100% Sales Volume 1 m 1.1 m 10 m 14 m 40% 40% Un 10% di aumento del prezzo (da 100 a 110 )....genera un incremento dei profitti del 100% (da 10 a 20 millioni ). 11

12 Il prezzo è il più efficace profit driver Un 5% di taglio al Profit Driver Profit... Porta ad un decremento dei profitti del Vecchio Nuovo Vecchio Nuovo Prezzo m 5 m -50% Sales volume 1 m 0.95 m 10 m 8 m -20% Un taglio di prezzo del 5 % (da 100 a 95 )......riduce il profitto del 50 % (da 10 a 5 milioni ) 12

13 LA LEVA DEI DRIVER DI PROFITTO leva I volumi (4) sono una leva molto inferiore al prezzo (10). PREZZO 10 COSTI VARIABILI 6 VOLUMI 4 COSTI FISSI 3 I costi variabili e fissi hanno un effetto leva complessivo 9 (6+3), mentre il prezzo ha da solo un effetto leva

14 Il prezzo è un efficace profit driver in entrambe le direzioni. Il Prezzo può generare alti profitti o devastare la profittabilità Se possibile, evitate il taglio di prezzo! Può farvi mantenere la market share, ma distrugge i profitti. Fai i conti prima di toccare il prezzo! 14

15 NEI MERCATI MATURI COMPETITIVI... Crescere in volumi e in margine sono spesso obiettivi conflittuali. La misura del successo si sposta dal fatturato al margine. Con cali dei ricavi del % gli effetti della sola riduzione dei costi sono insufficienti a recuperare il profitto perso, e troppo lenti a manifestarsi. Si devono gestire Prezzo, Quantità e Costi in una visione globale. La sfida è la gestione del prezzo, in quanto è il vero driver del profitto. L obiettivo primario è evitare ulteriori cali di volumi e prezzi, non necessariamente di migliorare prodotti o processi. 15

16 STRATEGIE PER LA STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE 16

17 Si può passare dalla guerra del prezzo alla competizione pacifica, attraverso strategie che hanno differenti difficoltà di implementazione e probabilità di successo: 1. Gestione strategica del mercato. - Strategia di differenziazione focalizzata. (PMI dette Campioni nascosti ). - Strategia basata sul servizio. 2. Gestire per il profitto, non per la quota di mercato. 4. L innovazione di valore (Strategia Oceano Blu).

18 LA GESTIONE STRATEGICA DEL MERCATO DOVE COMPETERE? Le scelte di investimento sul prodotto-mercato STRATEGIA DI BUSINESS COME COMPETERE? La proposizione di valore (CVP) Formula del profitto Asset e competenze Strategie e piani funzionali 18

19 LA PROPOSIZIONE DI VALORE (CVP) Sviluppare soluzioni personalizzate Anticipare e risolvere i problemi SODDISFAZIONE = VALORE (Benefici meno PREZZO Problemi) Eliminare tutto ciò che è inutile 19

20 LA STRATEGIA COME BILANCIAMENTO DI OPPORTUNITA ESTERNE E RISORSE INTERNE OPPORTUNITA ESTERNE -Cliente -Mercato -Ambiente -Concorrenza RISORSE INTERNE - Competenze - Risorse - Asset - Punti forti e deboli STRATEGIA 20

21 I due pilastri della strategia dei campioni nascosti Specializzazione / focalizzazione ristretta in prodotto, tecnologia ed esigenze del cliente Vendita e marketing globali

22 L INNOVAZIONE DI VALORE Strategia Oceano Blu Il progresso tecnologico ha migliorato la produttività e creato una enorme gamma di prodotti. L offerta supera la domanda. Aumentano prodotti commodity, guerra dei prezzi e caduta dei margini. OCEANO ROSSO Le aziende seguono l approccio tradizionale di battere la concorrenza nell ambito dello status quo del mercato. Usano i concorrenti come benchmark e puntano sulla innovazione di prodotto, commerciale, di servizio, OCEANO BLU Le aziende qui guardano al di fuori del loro settore e cercano di individuare una mossa strategica basata sulla innovazione di valore. Aggirano la concorrenza, creando un nuovo spazio di mercato con una offerta di valore unica.

23 L INNOVAZIONE DI VALORE Definire un nuovo mercato aumentando il valore e diminuendo il prezzo Perfezionare l offerta e Introdurre nuovi fattori Benefici (V A L O R E) intangibili _ Problemi tangibili Prezzo Ridurre quei fattori di costo su cui investe la concorrenza

24 RIPENSARE LA RETE VENDITA Il mix efficienza efficacia nella vendita semplice e complessa 24

25 Il passaggio dal marketing dello scambio... In cui il valore viene prodotto e preconfezionato nella fabbrica e poi comunicato e distribuito in modo standard ad una massa anonima di clienti....al marketing relazionale In cui il valore viene invece creato nella relazione con il cliente dal venditore, customer service, tecnico dell assistenza, crea delle opportunità nelle vendite e nel servizio, specie nel BtoB. 25

26 LA PRODUTTIVITA DELLA VENDITA EFFICIENZA Come arrivare ai clienti giusti, per il giusto periodo di tempo ed al minimo costo X EFFICACIA Come massimizzare il potenziale di vendita durante la visita Numero di visite, pianificazione attività, copertura programmata, itinerari Cosa si fa durante la visita: la comunicazione. 26

27 NELLA VENDITA CONTA L EFFICIENZA O L EFFICACIA? ALTO N u m e r o VENDITA SEMPLICE c l i e n t i EFFICIENZA EFFICACIA p o t e n z i a l i BASSO VENDITA COMPLESSA Importo medio dell ordine / contratto ALTO 27

28 EFFICIENZA ED EFFICACIA DELLA VENDITA A CONFRONTO L EFFICIENZA. Può essere promossa dall alto. Si deve fare di più un qualcosa che sappiamo già fare. E quindi più facile da migliorare. L EFFICACIA. Migliorarla significa comportarsi diversamente di fronte ai clienti. E difficile promuovere l efficacia dal vertice. I venditori ed i loro immediati superiori / collaboratori sul campo sono gli unici che possono aumentare o diminuire l efficacia. Richiede di fare meglio piuttosto che di più. 28

29 Il valore per il cliente Aumento efficacia Differenziazione / soglia competitiva Ottimizzazione interna Aumento efficienza Ottimizzazione esterna Riduzione dei costi V E N D I T A - T A T T I C A L ARTISTA - MAGO Vende: - Prodotto - Se stesso - Prezzo (sconto) IL VENDITORE- CONSULENTE Vende soluzioni attraverso un metodo basato sul processo di vendita IL BUSINESS PARTNER Vende il valore della soluzione attraverso un metodo basato sul processo di acquisto del cliente IL KEY ACCOUNT MANAGER Vende competitività e differenziazione attraverso un piano di marketing del singolo cliente M A R K E T I N G - S T R A T E G I A attraverso la sola formazione sul campo In un mercato in cui il prodotto è sempre più una commodity, è decisivo differenziare il Cliente nella fase di Vendita! 29

30 GESTIRE IL CLIENTE NELLA COMPETIZIONE BASATA TRA SERVIZI 30

31 PERCHE INVESTIRE NEL SERVIZIO Il prodotto base costituisce oggi solo un punto di partenza per lo sviluppo del vantaggio competitivo. Offrire al cliente una vasta e qualificata gamma di servizi (fatturabili e nascosti), è un modo per superare la concorrenza. L insoddisfazione generata nel servizio ha un impatto sulla fedeltà del cliente che è cinque volte superiore alla insoddisfazione generata nella vendita. Un cliente soddisfatto ne parla bene a tre se interpellato, un cliente insoddisfatto ne parla a dieci di sua iniziativa. Su 100 clienti insoddisfatti reclamano circa il 4 %. Trasformare il cliente che reclama in un opportunità di fidelizzazione. Entrare nella logica della competitività tra servizi, che richiede un management della clientela orientato al marketing relazionale in tutti i reparti. 31

32 GLI ELEMENTI STRATEGICI DEL MARKETING RELAZIONALE 1. Ridefinire l attività come un azienda di servizi e identificare l elemento chiave della competitività come competizione tra servizi. La competizione è imperniata su un offerta totale di servizi, anzichè la sola vendita del prodotto. 2. Considerare l organizzazione dalla prospettiva del management del processo, e non da un punto di vista funzionale. Gestire il processo di creazione del valore nella relazione con i clienti, invece di limitarsi a distribuire prodotto. 3. Creare rapporti di partnership e un network con i fornitori per gestire l intero processo del servizio 32

33 GLI ELEMENTI TATTICI DEL MARKETING RELAZIONALE 1. Ricercare il contatto diretto con i clienti e gli altri partner in affari. 2. Costruire un data base che contiene le informazioni necessarie a sviluppare la relazione con i clienti attraverso una learning relationship che genera l iperrelazione (CRM). 3. Sviluppare un sistema di servizio orientato alla clientela. Organizzarsi sui processi del cliente, non solo quelli interni. 33

34 L EVOLUZIONE DEL CUSTOMER SERVICE Customer care Customer relationship management Creazione di valore Customer service Centro di costo Centro di assistenza Gestire problemi Appendice del sistema produttivo E considerato un costo Assistenza pre e post vendita Focus sull efficienza Gestione customer base Strategia di business Crescita valore del customer base Identificazione nuovi bisogni / offerte Relationship management Reattività Proattività 34

35 I MOMENTI DELLA VERITA Un momento della verità è un episodio nel quale il cliente viene a contatto con un aspetto fisico o virtuale dell azienda, in cui percepisce una soddisfazione istantanea della qualità del servizio. 35

36 IL CICLO DEL SERVIZIO Il cliente reclama Fine Inizio Il venditore visita il cliente Il cliente valuta l offerta Il cliente telefona per avere una informazione Il cliente fa il suo primo ordine Il cliente riceve la campionatura Il cliente prova la campionatura Organizzarsi non solo sui processi interni, ma anche sui processi del cliente. Definire il ruolo dei collaboratori non solo sul compito, ma in termini di migliorare la soddisfazione istantanea che il cliente vive in un particolare momento della verità. 36

37 NUOVE COMPETENZE L elaborazione di una strategia e la sua efficace esecuzione richiede a tutta l azienda di acquisire nuove competenze: Top management -Sviluppo strategia / marketing -Gestione risorse umane -Controllo di gestione (dai costi alla marginalità) Middle management -Direttore commerciale -Responsabile marketing -Responsabile customer service / assistenza tecnica Collaboratori -Commerciali -Customer service -Tecnici dell assistenza -Altri reparti: produzione, progettazione,... 37

GESTIRE L AREA COMMERCIALE PER SOSTENERE PREZZI E MARGINI

GESTIRE L AREA COMMERCIALE PER SOSTENERE PREZZI E MARGINI GESTIRE L AREA COMMERCIALE PER SOSTENERE PREZZI E MARGINI Materiale preparato da Fabio Venturi 1 AGENDA Strategie per la crescita profittevole. Il prezzo come vero driver della redditività. Ripensare la

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali FORTIA La formazione aziendale davvero World Class Le aziende camminano

Dettagli

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Quando conta davvero il FATTORE UMANO per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Performance delle vendite: di quanto può migliorare? Quali stime possiamo realisticamente fare

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Vendere e negoziare beni industriali.

Vendere e negoziare beni industriali. Vendere e negoziare Come creare valore nella vendita complessa, prima della transazione? Cosa differenzia la vendita di una saponetta dalla vendita di un impianto industriale? La vendita di una saponetta

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci n.1 - Anno 2014 APRILE/GIUGNO n.1 aprile/giugno 2014 1 marzo maggio maggio SFC Strategia Finanza e Controllo Edizione a cura di: ASFIM, CREA VALORE ALL IMPRESA Associazione degli Specialisti in Finanza

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

blue ocean strategy in Italia

blue ocean strategy in Italia blue ocean strategy in Italia Blue Ocean Strategy Executive Seminar Milano, 25-26 ottobre 2012 Vincere senza competere: ripensare la propria strategia per la crescita profittevole. Panoramica Per la seconda

Dettagli

Dalla relazione personale a quella industriale

Dalla relazione personale a quella industriale Dalla relazione personale a quella industriale Nuove strategie per il mass market Carlo Panella Responsabile CRM Banca Popolare di Milano Agenda Strategia di Marketing Politica CRM Esempio 2 La replicabilità

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

La gestione delle relazioni con il mercato

La gestione delle relazioni con il mercato La gestione delle relazioni con il mercato Definizione di CRM Esistono molte definizioni di Customer Relationship Management; ma quella più efficace, probabilmente, risiede proprio nel suo acronimo: gestire

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick è una soluzione di Customer Relationship Management

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Cessione del quinto La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Il mercato e l industria in Italia e in Europa Roma, 9 giugno

Dettagli

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi è un operatore di Telecomunicazioni la cui mission è quella di fornire servizi dati, telefonia, internet e data center di eccellenza. INTERNET La sua attività è

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 SUMMARY Il modello di business vede un integrazione sempre più stretta fra tlc e media Fedeltà al brand

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25%

Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% COMUNICATO STAMPA Uno studio globale rivela che un pricing debole riduce i profitti del 25% Non tutti guadagnano ciò che meritano. Il più grande studio sul pricing mai effettuato, con oltre 3.900 intervistati,

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Gestione d Imprese Informatiche

Gestione d Imprese Informatiche Gestione d Imprese Informatiche LEZIONE 10 Business Model Innovativi prof. Amir Baldissera - amir.baldissera@mentis.it 10.1 BUSINESS MODEL INNOVATIVI prof. Amir Baldissera - amir.baldissera@mentis.it 10.2

Dettagli

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services Customer Services Agenda 2 Il contesto competitivo La strategia del Customer Services Call Center Protezione Civile Il telelavoro Il servizio 186 Il contesto competitivo Il mercato dei Contact Center ha

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

RETURN EXIT. Why not e Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti

RETURN EXIT. Why not e Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? RETURN EXIT Why not e Win-back di CFI Group Riguadagnare la relazione con i Clienti Qual è il mio mercato realmente potenziale? Perché i clienti non hanno scelto il

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM Federico Butera e Sebastiano Di Guardo Aprile 2013 I costi del CRM sono insopportabili Il CRM e la gestione delle relazioni con i clienti/utenti sono un

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

Le best practice nello Studio professionale

Le best practice nello Studio professionale Le best practice nello Studio professionale L Agenda Il Campione Le Performance economiche I cluster del campione I Comportamenti virtuosi Quale sintesi possiamo trarre? Il Campione Fatturato < 500K

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

UN APPROCCIO PER IL SUCCESSO ECONOMICO

UN APPROCCIO PER IL SUCCESSO ECONOMICO UN APPROCCIO PER IL SUCCESSO ECONOMICO I Personal Trainer sono dei professionisti che spesso hanno delle risorse che non riescono a sfruttare la meglio. Presi spesso dalla quotidianità e dalle emergenze

Dettagli

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Alberto Cellini 8 maggio 2008 1 Indice CRM e marketing relazionale Lo sviluppo della relazione con il cliente Strumenti

Dettagli

SdHotel Consulting di Santagapita Daniel Via Stranghe 13 39041 Brennero (BZ) Italia mobile +39 3406444757 fax +39 0472766522 mail:

SdHotel Consulting di Santagapita Daniel Via Stranghe 13 39041 Brennero (BZ) Italia mobile +39 3406444757 fax +39 0472766522 mail: CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1. Presentazione 2. La Nostra Missione 3. Perché affidarsi ad Sd hotel? 4. 5 motivi per scegliere Sd hotel 5. I Nostri Partner 6. I Nostri Servizi a) Attivazione e Gestione Portali

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Modulo: La gestione delle vendite. Docente: Alessio Giachin Ricca. Data:14 giugno 2013

Modulo: La gestione delle vendite. Docente: Alessio Giachin Ricca. Data:14 giugno 2013 Modulo: La gestione delle vendite Docente: Alessio Giachin Ricca Data:14 giugno 2013 1 2 Evoluzione degli approcci strategici aziendali e dei ruoli dei venditori (fonte: Welz e Bradford 1999) Obiettivi

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Innovare per competere

Innovare per competere Innovare per competere il ruolo del CRM come elemento di crescita nelle vendite workshop a cura di: Giulia Zaia Veneto Ricerche Customer Relationship Management CRM ovvero gestione delle relazioni con

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Corso di Marketing Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Presentazione del corso Obiettivi Timing e struttura del programma Modalità

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard 1 Limiti e problematiche dei tradizionali sistemi di controllo Orientamento all interno anziché al mercato (poca attenzione alla prospettiva

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Il Territorio come Fattore di Fedeltà: il caso di Banca di Cesena

Il Territorio come Fattore di Fedeltà: il caso di Banca di Cesena Il Territorio come Fattore di Fedeltà: il caso di Banca di Cesena Giancarlo Petrini, Direttore Generale Banca di Cesena Convegno ABI CRM 2003 Roma, 12 Dicembre 2 Il territorio è ancora un fattore di fedeltà?

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 2011 Health Business Improvement Il materiale contenuto in questo documento si considera a supporto della discussione tra

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole SOMMARIO Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE Capitolo 1 Lo scenario di riferimento 1.1 Marketing e strategie: una sfida per il presente... 3 1.2 Marketing e comunicazione: le ragioni e le opportunità

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA CONTENUTI Background: lo scenario attuale La funzione degli ERP: che cosa sono e a che cosa servono Le caratteristiche e i vantaggi di un ERP I possibili

Dettagli