Alcuni modelli micoreconomici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcuni modelli micoreconomici"

Transcript

1 E. Marchetti Sapienza Università Roma ESTERNALITA E BENI PUBBLICI Alcuni modelli micoreconomici Complementi di Economia Politica

2 le Esternalità: Definizione di esternalità: Si ha un esternalità quando alcune azioni di uno (o più) agenti economici hanno effetti diretti sul benessere di altri individui per effetti diretti si intendono effetti che non sono mediati da scambi di mercato A seconda degli effetti si hanno: - esternalità positive (economie esterne): l azione accresce il benessere di qualcun altro senza che si riceva un pagamento - esternalità negative (diseconomie esterne): l azione riduce il benessere di qualcun altro senza che si sostenga un pagamento Esempio di esternalità negative: inquinamento, traffico, congestione dei parcheggi, Esempio di esternalità positive: cura della propria salute, diffusione gratuita della conoscenza, cura delle proprietà, regole di buon vicinato, ricadute di alcuni investimenti

3 Quando ci sono esternalità: Il costo o il beneficio marginale privato di chi effettua l azione differisce i dal costo o beneficio marginale sociale di tutti gli agenti influenzati dall azione In presenza di esternalità l equilibrio di mercato non garantisce l efficienza paretiana viene meno il I teorema del benessere. La Politica economica deve quindi intervenire per correggere l allocazione tecnicamente per internalizzare le esternalità 3

4 E. Marchetti Sapienza Università Roma Nella produzione sono frequenti fenomeni di esternalità: - positive, es.: la presenza dell apicoltura favorisce il comparto agro-alimentare, ma spesso sono: - negative: industrie inquinanti danneggiano molte altre produzioni Un modello di esternalità (negative) nella produzione: due imprese e la produce anche inquinamento Entrambe i mercati in concorrenza perfetta produzione : q produzione : q ( genera anche inquinamento) costi totali : C (q ) costi totali : C (q, q ) I costi di dipendono anche dalla produzione q : dc dq > 0 Profitti: Π = p q C (q ) Π = p q C (q, q ) In equilibrio sui due mercati prezzi dati le due imprese scelgono: che implicano due produzioni q A e q A dc p = dq ( q ) dc p = dq ( q, q ) 4

5 Produzione socialmente efficiente massima somma dei profitti max q, q Π + Π = p q + p q C ( q ) C ( q, q ) C.P.O.: p dc ( q ) dc ( q, q ) = dq dq 0 p dc ( q, q ) = dq 0 Queste due condizioni sono diverse da quelle dell equilibrio di mercato; in particolare, per l impresa è ora: dc p = + dq ( q ) dc ( q, q ) Quindi l impresa dovrebbe: - fronteggiare un prezzo di vendita più alto del suo costo marginale - oppure, produrre una quantità minore dq ( ) L equazione ( ) mostra che l esternalità creata da deve essere internalizzata modificando i costi marginali di Cioè: rendere i costi marginali privati uguali a quelli sociali 5

6 Nel nostro caso, la differenza tra CMS e CMP è facilmente visualizzabile: CMP = dc dq ( q ) p, C dc /dq + dc /dq dc /dq CMS = dc ( q ) dc ( q q ), + dq dq p q Eff q A q dunque l effetto delle esternalità è descritto come uno scostamento tra CMS e CMP: CMS CMP = dc ( q, q ) > dq 0 (si manifesta nel mercato del bene : quello in cui è presente l esternalità) 6

7 Strumenti di intervento per correggere il problema delle esternalità ne esistono diversi: Imposte e sussidi correttivi a carico oa favore dei responsabili delle azioni di esternalità La regolazione degli effetti esterni La creazione di appositi mercati per i diritti di produrre esternalità Imposte e sussidi pigouviani Lo strumento classico di intervento è quello di stabilire: imposte e sussidi correttivi detti anche pigouviani pg (A.C.Pigou 90; 98) - esternalità negative: imporre tasse sulle azioni che le generano - esternalità positive: erogare sussidi alle azioni che le generano Però: un sussidio può essere sempre pensato come una tassa negativa Quindi in realtà si possono anche offrire: sussidi a chi crea esternalità negative per smettere di crearle 7

8 Esempio grafico: un impresa in concorrenza perfetta produce il bene y Costo totale: C=by+(m/)y costo marginale: CM = b + my b,m >0 cioè costo marginale crescente (attenzione: è quello marginale). Nota: CM è il costo marginale privato dell impresa. Producendo y si genera un esternalità negativa pari a: ay Il prezzo di mercato è pari a p produzione: p=b+my=cm Equilibrio di mercato: y (=(p-b)/m ) p, CM che implica l esternalità ay CM Dunque la produzione y è troppo elevata per essere pareto-ottimale p ay Implica troppo inquinamento perdite di benessere y 8 y

9 Per correggere la situazione si può introdurre una tassa sulla produzione che aumenti il CM dell impresa: esempio tassa pigouviana: i T pigou = ay Il nuovo costo marginale dell impresa è ora: CM soc =CM+ T pigou = b+(m+a)y Effetti: L impresa è obbligata a p, CM CM soc = b +(a+m)y internalizzare i costi dell inquinamento p CM ay y* y y La produzione si riduce: y* < y e con essa l inquinamento: ay* < ay Miglioramento paretiano 9

10 Per raggiungere lo stesso risultato si potrebbe invece: concederle un p, CM sussidioper ridurre la produzione sussidio S S CM soc = b +my + S CM fino a spingerla a y* p ay y* y y Se l impresa producesse y dovrebbe rinunciare al sussidio S Quindi il suo nuovo costo marginale è: CM soc =CM+S= b+my+s Pertanto l impresa vorrà produrre fino a: p=b+my+s Cioè fino a y* stesso risultato Però sussidi e tasse possono avere effetti diversi nel lungo periodo: - i sussidi incoraggiano l entrata di nuove imprese possibile aumento della produzione e dell esternalità 0

11 Regolazione degli effetti delle esternalità In genere si impone uno: standard di produzione consentito standard massimo di produzione se si tratta di est. negativa standard minimo di produzione se si tratta di est. positiva (più frequente) Esempio di regolazione per est. negative: - limiti al peso degli autoveicoli - limiti al consumo/emissioni degli stessi - limiti alle quantità di rifiuti tossici producibili da alcune industrie Problemi spesso di natura tecnica: es.: distinguere tra regolazione intrusiva (scelta di tecniche di produzione, limiti di utilizzo di materie prime) e regolazione non-intrusiva (limiti alle emissioni) si concentra sugli effetti finali. La regolazione genera gli stessi risultati delle tasse analisi statica (breve periodo)

12 La creazione di mercati per diritti negoziabili sulle esternalità La giustificazione di questo approccio risiede nel Teorema di Coase vediamo un Esempio analitico: Le due imprese (una inquinante) i viste it prima: e Profitti: Π = p q C (q ) Π = p q C (q,q ) Introduciamo un diritto di proprietà: ha il diritto all ambiente pulito: se vuole produrre, deve pagare T a per avere il permesso di inquinare Profitti: Π = p q C (q ) T Π = p q C (q,q ) + T Le parti contrattano liberamente, es.: sceglie q efaun offertaprendereolasciaresut a, con il vincolo che sia incentivato ad accettare, cioè deve essere: Π = p q C (q,q ) + T 0 Il vincolo vale con eguaglianza ( cerca di pagare il T più basso)

13 Il problema di massimo profitto di : max Π = pq C( q ) T q, T.. p q C q, q + T = s t ( ) 0 sostituendo il vincolo: T = p q C(q,q ) il problema diventa: max Π = pq C( q ) + pq C( q, q ) q ( ) ( ) dc q dc q, q C.P.O.: p = + cioè la () soluzione socialmente efficiente dq dq Nota: la stessa soluzione si sarebbe raggiunta anche se avesse avuto il diritto di produrre e avesse dovuto pagare per godere dell ambiente pulito Però và ricordato che: le condizioni per la validità del teorema di Coase sono molto restrittive (e spesso irrealistiche) 3

14 Nondimeno, vi sono stati vari tentativi di implementare soluzioni nello spirito del teorema di Coase: Esempio I: in USA fine anni 80 sono stati introdotti diritti sull inquinamento (un sistema cap and trade ) aveva come oggetto il contenimento delle emissioni inquinanti di SO tramite un mercato dei certificati di emissione commerciabili dalle imprese. Esempio II: esiste in EU dal 005 un mercato delle emissioni di anidride carbonica l : EU Emission Trading Scheme per contrastare il riscaldamento globale (sistema cap and trade): cerca di limitare le emissioni di CO delle imprese europee. - Leimprese ricevono crediti (= ton. di CO ) che rappresentano i loro diritti di emissione - alcune imprese si ritrovano al disopra del limite (stabilito per legge), altre al disotto - le quote di CO da emettere possono essere scambiate tra le imprese (quelle oltre il limite le acquistano da quelle al disotto) l Emission Trading Scheme è il più grande mercato di quote di CO a livello mondiale, ed è preso a modello per le future azioni globali di controllo e riduzione dei gas serra 4

15 I beni pubblici: Definizione di bene pubblico: Un qualsiasi bene che è: NOTA: a tutti gli effetti un b.p. è un caso particolare di esternalità -non rivale: il consumo da parte di un individuo non ne pregiudica quello di altri -non escludibile: non è tecnicamente o economicamente fattibile escludere un individuo dal consumo (a volte viene inclusa una terza caratteristica: la non divisibiltà: il bene non può essere frazionato, es. difesa nazionale) Dunque i b.p. generano problemi simili In particolare, la produzione privata di beni pubblici è in genere inefficientemente bassa (vi possono essere anche essere mali pubblici: produzione privata troppo alta ) Si possono affrontare i problemi dei beni pubblici negli stessi modi usati per le esternalità con una differenza: La non escludibilità previene la possibilità di creare un mercato di diritti di proprietà negoziabili per i beni pubblici 5

16 E. Marchetti Sapienza Università di Roma NOTA: non-escludibilità e non-rivalità sono caratteristiche graduali: possono essere possedute da certi beni in gradi differenti Inoltre, alcuni beni possono essere principalmente o non-rivali o non-escludibili (in alternativa); in effetti: è possibile classificare tutti i beni in base a queste due caratteristiche: RIVALITA' SI' NO ESC CLUDIBILITA A' SI' NO BENI PRIVATI (coni gelato, vestiti, servizi professionali, parking a pagamento) RISORSE COMUNI e BENI MERITORI (pesci nell'oceano, beni ambientali, libri in biblioteca, parking gratuito) CLUB GOODS e BENI PUBBLICI LOCALI (MONOPOLIO NATURALE) (tv via cavo, software, autostrade, r&d privata) BENI PUBBLICI PURI (Illuminazione pubblica, difesa nazionale, conoscenza e ricerca (di base), strade non a pagamento) I beni pubblici possono essere pensati come esternalità non esauribili: l esperienza lesperienzadi tale effetto da parte di un agente non pregiudica l esperienza lesperienzadello stesso effetto da parte di altri agenti (sono anche dette esternalità anonime: non dipendono da chi genera l esternalità) 6

17 Vi sono tre problemi per i beni pubblici:. la Determinazione del livello ottimale del bene pubblico. il Finanziamento del bene pubblico 3. L effettiva Produzione del bene pubblico Modello formalizzato di bene pubblico: Due (classi di) consumatori: e un bene pubblico X x = consumo di x = consumo di X= i, x i = ammontare totale del bene pubblico L utilità di ciascun consumatore dipende dall ammontare totale X (non rivalità) u (X) p x = utilità di u (X) p x = utilità di p = prezzo d acquisto del bene pubblico Domanda dei consumatori ciascuno massimizza l utilità: Es. cons. : max x u ( x + x ) px du ( X ) dx = p C.P.O.: / analogamente per : ( X ) dx p du = / 7

18 Produzione di mercato del bene pubblico: impresa in concorrenza perfetta lo vende a p ha costi di produzione: C(X) (con costi marginali crescenti) l impresa sceglie X massimizzando il profitto: Π = px C(X) C.P.O.: p=dc(x)/dx Equilibrio di mercato la quantità X tale che: du (X)/dx = du (X)/dx = dc(x)/dx perox è non escludibile!... quindi ipotizziamo che prevalga la du i (X)/dx i maggiore,cioè: [du i (X)/dx i ] MAX = dc(x)/dx E pareto efficiente? No infatti: Surplus sociale: W=u (X) px + u (X) px + Π Cioè: W=u (X) +u (X) C(X) 8

19 Massimizzazione surplus: maxw u ( X ) + u ( X ) C( X ) X = ( ) ( ) ( ) C.P.O.: du X du X dc X + = Ma essendo X= i, x i si ha che: dx dx dx du (X)/dx = du (X)/dX e du (X)/dx = du (X)/dX Quindi la quantità ottimale X è data da: du ( X ) du dx i = / i = +, dx dx ( X ) du ( X ) dc( X ) i = dx Dunque l X efficiente si ha quando: la somma delle utilità marginali è uguale al costo marginale di produzione Questa condizione è diversa dall equilibrio di mercato. In particolare, si ha che: X < X Infatti la somma delle utilità marginali è maggiore di ciascuna componente; Ad esempio, assumiamo che: - le due du i (X)/dX siano decrescenti in X - il costo marginale dc(x)/dx sia crescente in X 9

20 Graficamente: C, u Se ciascun consumatore paga lo stesso prezzo di mercato, non contribuirà in modo adeguato alla produzione di un livello efficiente del bene pubblico dc(x) / dx i dui(x) / dx Problema del free rider: i consumatori tendono non pagare il giusto Contributo [du i (X) / dx] MAX X X X Dunque occorre l intervento pubblico per risolvere i tre problemi di scelta di quantità, finanziamento e produzione del bene pubblico. Metodi concreti:. per determinare X : - si ricorre a dati di mercato per capire la disponibilità a pagare dei consumatori (le loro du i (X)/dX ) - si può ricorrere a dati non di mercato esperimenti, interviste, ecc. 0

21 . e 3. per produrre e finanziare X : - produzione e finanziamento pubblico: mediante imposte e impresa o azienda pubblica; o in teoria, sarebbe ottimale stabilire delle aliquote di contribuzione personalizzate per ogni consumatore: dei p i ciascuno esattamente uguale a du i (X)/dX noti come prezzi di Lindhal ma la loro determinazione è assai complicata. - In certi casi il bene pubblico può essere prodotto in un mercato regolato Però permane il problema del free rider : avevamo ipotizzato che nella produzione di mercato: [du i (X)/dx i ] MAX = dc(x)/dx ma il consumatore con la u i (X) MAX vorrebbe davvero pagare per la produzione di X? Infatti X è non-escludibile! una volta che il consumatore con [du i (X)/dx i ] MAX ha dichiarato la sua preferenza/disponibilità, gli altri possono comunque usufruire del bene X senza pagare nulla! Free-riders riders Pertanto il consumatore [du i (X)/dx i ] MAX ha un incentivo a dichiararsi meno propenso a pagare (cioè a nascondere le sue vere preferenze) ciò aggrava la situazione si produce ancora meno di X (anche nulla )

22 La situazione in realtà: è di interdipendenza strategica : la decisione se contribuire o meno al finanziamento di un bene pubblico da parte di un consumatore dipende da: le decisioni se contribuire o meno degli altri consumatori occorre usare la Teoria dei giochi Vediamo un semplice modello di gioco di contribuzione a un bene pubblico Due livelli del bene pubblico: X H > 0 X L = 0 Due consumatori: U₁=u(X) S₁ U₂=u(X) S₂ Livelli di contribuzione Produzione del bene: C(X)=cX Se il bene viene prodotto: S + S = cx H I consumatori devono dichiarare quanto vogliono contribuire al bene pubblico:

23 - Se entrambi i consumatori dichiarano di voler contribuire (S >0eS > 0) il costo totale viene spartito equamente tra i due: S = S = cx H /; - se uno solo dei due consumatori dichiara di voler contribuire egli lo pagherà per intero: S contr = cx H ; l altro non paga nulla: S no contr =0; - se tutti dichiarano di non contribuire, allora pagheranno tutti 0: S =S = 0 e il bene non verrà prodotto: X =0. Inoltre assumiamo che sia: u(0) = 0 Poiché deve essere: S + S = cx H la scelta di uno dei due (S i ) dipende da quella dell altro (S i ) Insieme delle strategie di uno qualunque dei due consumatori: { B ( = contribuire); NB ( = non contribuire } Consumatore B NB Bi-matrice del gioco (scelta simultanea): Consuma atore B NB U = u(x H ) c X H / U = u(x H ) c X H U = u(x H ) c X H / U = u(x H ) U = u(x H ) U = 0 U = u(x H ) c X H U = 0 3

24 Nota vale questo ordinamento tra i quattro possibili valori delle utilità: cx u > H ( X H ) > u ( X H ) > 0 > u ( X H ) cx H Equilibrio: B Consumatore NB Consumatore B NB U = u(x H ) c X H / U = u(x H ) c X H U = u(x H ) c X H / U = u(x H ) U = u(x H ) U = 0 U = u(x( H ) c X H U = 0 Risultato: Esiste un unico equilibrio di Nash: (NB,NB) e gli agenti ottengono: U₁* =0, U₂* =0 Utilità totale: U tot EN = U₁* + U₁* =0 4

25 Se avessero scelto entrambi di contribuire, avrebbero invece ottenuto: U = U = u( X ) H cx H utilità totale di (B, B): U tot P =u(x H ) cx H > U tot EN infatti deve essere u ( X H ) cx H > 0 direttamente in virtù dell ipotesi: ( ) cx H u X H 0 > Il fatto che sia U tot P > U tot EN ma risulti in equilibrio U tot EN èunesempiodi: Dilemma del prigioniero Classici esempi di beni pubblici sono: - scuola e istruzione - sanità generale - difesa nazionale - ordine pubblico caveat: per alcuni di questi ci possono essere problemi di congestione: b.p. parziali ma recentemente sono di importanza crescente i: Beni pubblici globali Sono beni pubblici per i quali la non rivalità si estende anche a cittadini di paesi diversi da quello in cui il bene pubblico viene prodotto 5

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia Dispensa per le lezioni di microeconomia Marco Missaglia 1 Introduzione In questa dispensa si tratteranno alcune questioni legate ai mercati, alla loro efficienza e ai loro fallimenti. Prima di tutto cercheremo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli