Diabete Mellito e Sindrome Metabolica. Consigli nutrizionali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diabete Mellito e Sindrome Metabolica. Consigli nutrizionali."

Transcript

1 SCUOLA DI FORMAZIONE IN NUTRIZIONE CLINICA SEDE DI ROMA Diabete Mellito e Sindrome Metabolica. Consigli nutrizionali. Prof. Carla Lubrano Dipt. Di Medicina Sperimentale Sapienza Università di Roma

2 Epidemia Diabete Prevalence of diabetes (per 1000) 300 million by milioni nel Year 2025

3 Diabete Mellito Il diabete mellito non può essere considerata una singola malattia, ma una sindrome. Colpisce 1-2% della popolazione occidentale ed è caratterizzato da 1. Una relativa o assoluta deficienza di insulina 2. Un relativo o assoluto eccesso di glucagone

4

5

6

7

8 Incretine e secrezione insulinica Glucosio (mmol/l) OGTT Controlli IVGTT DMT Uptake del glucosio HGP Lipolisi Somatostatina Insulina glucagone Insulina (pmol/l) * * * * * * * * * GIP GLP Tempo (min) Tempo (min) Drucker D.J. Lancet 2006; 368: Nauck et al. Diabetologia 1986; 29: 46 52

9

10

11

12

13 HbA1c 1. La HbA1c rappresenta il prodotto di una reazione non enzimatica tra una molecola di glucosio e il gruppo aminico della valina terminale della catena b dell'emoglobina. 2. La formazione dell'emoglobina glicata avviene durante tutto il periodo di vita del globulo rosso (120 gg) 3. La sua concentrazione rispecchia sia i livelli di glicemia, cui il globulo rosso è esposto, sia l'età del globulo rosso stesso 4. L HbA1c esprime i valori glicemici medi delle 4-8 settimane precedenti il dosaggio ed è quindi utilizzabile quale parametro a lungo termine del controllo metabolico nel paziente diabetico.

14 Emoglobina glicata (Hb A1c %) Glicemia media (mg/dl)

15 Classificazione Etiologica del Diabete Mellito Diabete Tipo 1: (da distruzione della β-cellula con deficit insulinico assoluto) Diabete Tipo 2:(da insulino resistenza con deficit relativo di secrezione o da prevalente deficit di secrezione insulinica) Altri tipi di Diabete : a) difetti genetici della β-cellula b) difetti genetici dell azione insulinica c) malattie del pancreas esocrino d) endocrinopatie e) farmaci Diabete Gestazionale

16 DIABETE MELLITO Tipo 1 1) Meccanismo genetico 2) Fattore ambientale iniziante (virus) che agisce sulle cellule B delle isole di Langherans determinando l espressione di antigeni MHC di classe II, normalmente presenti solo su cellule immunocompetenti. Le cellule β vengono riconosciute come non self dal sistema immunitario e distrutte per a) attacco cellulare (immunità cellulare) b) produzione di anticorpi (immunità umorale)

17 <10 anni Caucasico 5-6 Kg BMI Chetonuria ++++ Glicosuria+++ DMT1 peptide C ICA/GADAb/IA2/IAA HLA

18 LA STORIA NATURALE DEL DIABETE MELLITO TIPO 1 Fattori ambientali: es: infezioni virali Inizio del diabete Complicanze Invalidità PREDISPOSIZIONE GENETICA es: certi tipi di HLA (DR 3,4) ICA + IAA + anti-gad + Iperglicemia Insulino-dipendenza Retinopatia Nefropatia Neuropatia Aterosclerosi MORTE Cecità Insufficienza renale Amputazione Malattie cardiovascolari HLA, Human Leukocyte Antigen leucocitario umano; ICA, Islet-cell Cytoplasmic Antibodies: Anticorpi verso le isole pancreatiche; IAA, Insulin AutoAntibodies: Autoanticorpi anti-insulina;anticorpi anti-gad (Glutamic Acid Decarboxylase: decarbossilasi dell acido glutammico)

19 DIABETE MELLITO Tipo 2 Non si sviluppa autoimmunità. Il meccanismo patogenetico è spiegato da: Iniziale insulino resistenza e successiva alterazione della funzione delle cellule β. Iniziale difetto delle cellule β e successiva resistenza periferica all insulina Contemporanea resistenza periferica all insulina ed alterazione della funzione delle cellule β.

20 40 anni Sovrappeso Sedentaria Ipertesa/Dislipidemica Familiarità per diabete Glicemia postprandiale 200 mg/dl DMT2 peptide C e insulina ICA/GADAb/IA2/IAA

21

22 LA STORIA NATURALE DEL DIABETE MELLITO TIPO 2 Fattori ambientali: es: alimentazione obesità inattività fisica Inizio del diabete Complicanze Invalidità PREDISPOSIZIONE GENETICA MORTE Insulino-resistenza Iperglicemia Ipertensione Dislipidemia Obesità Aterosclerosi Retinopatia Nefropatia Neuropatia Malattie coronariche Cecità Insufficienza renale Amputazione

23 DMT2 Peso C-peptide/Insulina Età IR Perdita di peso Ab anti ICA, GAD, IA2, IAA Chetonuria DMT1

24 CARATTERISTICHE DIFFERENZIALI DEL DIABETE TIPO 1 E TIPO 2 Livelli di insulina Sintomatologia Chetosi Peso Età d esordio (anni) Comparsa delle complicanze croniche Prevalenza Familiarità Sistema HLA Autoimmunità Terapia TIPO 1 TIPO 2 Assenti o ridotti Importante Presente Magro < 35 Parecchi anni dopo l esordio 0,6% Modesta Correlato Presente Insulina Normali o aumentati Spesso assente Assente Obesità o sovrappeso > 35 Spesso presenti alla diagnosi 3-7% Importante Non correlato Assente Dieta, ipoglicemizzanti orali, talora insulina

25 COMPLICANZE DEL DIABETE MELLITO COMPLICANZE MICROANGIOPATICHE COMPLICANZE MACROANGIOPATICHE Retinopatia Neuropatia Nefropatia Cardiopatia ischemica Vasculopatia cerebrale Vasculopatia periferica

26 Le complicanze croniche del diabete Malattia cardiovascolare e stroke Retinopatia diabetica Cardiomiopatia Nefropatia diabetica Neuropatia diabetica 1. Wingard DL et al. Diabetes Care 1993; 16: UKPDS 6. Diabetes Res 1990; 13: BalkauB et al.. Lancet 1997; 350: King s s Fund. Counting the Cost. BDA, Most RS, Sinnock P. Diabetes Care :

27 Obesity and diabetes 1 WHO. Obesity and overweight, 2009; 2 IDF. Diabetes Atlas 2 nd Edition, 2003; 3 NAASO. Arch Intern Med 2000;160:

28 Most therapies for DM result in weight gain over time UKPDS 34. Lancet 1998:352: n=at baseline; Kahn et al (ADOPT). NEJM 2006;355:

29 Weight gain following diabetes treatment is due to multiple factors Increased calorie intake loss of central nervous system (CNS)-controlled appetite suppression through decreased endogenous insulin fear of hypoglycaemia can lead to snacking between meals Decreased calorie utilisation improved glycaemic control decreases metabolism fewer calories lost through glucosuria as metabolic control improves Use of insulin can increase body mass through its anabolic effect

30 Body Mass Index (BMI) Indice di Massa Corporea (IMC) BMI = PESO Kg ALTEZZA 2 m 2 Classificazione BMI (kg/m 2 ) Rischio di comorbilità Normalità medio Sovrappeso ³ 25 Pre-obesi Aumentato Obesi classe I Moderato Obesi classe II Severo Obesi classe III ³40.0 Molto severo World Health Organization, 1998

31 Medical Complications of Obesity Pulmonary disease abnormal function obstructive sleep apnea hypoventilation syndrome Nonalcoholic fatty liver disease steatosis steatohepatitis cirrhosis Gall bladder disease Gynecologic abnormalities abnormal menses infertility polycystic ovarian syndrome Osteoarthritis Skin Gout Idiopathic intracranial hypertension Stroke Cataracts Coronary heart disease Diabetes Dyslipidemia Hypertension Severe pancreatitis Cancer breast, uterus, cervix colon, esophagus, pancreas kidney, prostate Phlebitis venous stasis

32 LA CIRCONFERENZA DELLA VITA È UN VALIDO PARAMETRO DI OBESITÀ ADDOMINALE Il rischio di comorbilità aumenta in modo lineare con l aumento della circonferenza vita donne cm uomini >88 cm * >80 cm ** >102 cm * >94 cm ** *Lean MEJ, et al. Lancet;1998:351:853 6 **Alberti KG et al. Lancet 366: ,2005 **Alberti KG et al Diabet Med 2006 May; 23(5):

33

34

35 VISCERAL INFLAMMATION OBESITY VISCERAL OBESITY

36 The Metabolic Syndrome Constellation of major risk factors, life-habit risk factors and emerging risk factors Over-represented among populations with CHD Clue is distinctive body-type with increased abdominal circumference (although some leaner men and women have abdominal obesity without increased waist)

37 Metabolic Syndrome Abdominal obesity Hyperinsulinemia High fasting plasma glucose Impaired glucose tolerance Hypertriglyceridemia Low HDL-cholesterol Hypertension

38

39

40

41 Il controllo del diabete non dipende solo dai valori della glicemia o HbA1c Glicemia a digiuno (Fast-PG e pre-pg mg/dl) Glicemia post-prandiale prandiale (Postprandial-PG mg/dl) < 180 HbA 1c (%) < 7 LDL (mg/dl) < 100 Trigliceridi (mg/dl) < 150 HDL (mg/dl) Pressione arteriosa (mm Hg) Abolizione del fumo Terapia anti-aggregante aggregante > 40 (M); > 50 (F) < 130/80 (mm Hg) < 130/80

42 prevenzione

43 Nei paesi occidentali ricchi, nel corso dell ultimo secolo, ci si è progressivamente discostati dalla dieta tradizionale. Cibi che un tempo venivano assunti solo occasionalmente, come molti alimenti di origine animale, a cominciare dalla carne ma anche dal latte che era difficilmente conservabile, oppure che non erano neppure conosciuti, come lo zucchero e le farine molto raffinate, sono diventate un nutrimento quotidiano

44 malattie da civiltà Questo modo di mangiare, sempre più ricco di calorie, di zuccheri semplici e di proteine ma in realtà povero di alimenti naturalmente completi, ha contribuito grandemente allo sviluppo delle malattie da civiltà : l obesità, il diabete, l ipertensione, l aterosclerosi, l infarto cardiaco, l osteoporosi, la stitichezza, l ipertrofia prostatica e molti tipi di tumori tra cui quello dell intestino, della mammella e della prostata Franco Berrino - responsabile del Servizio di Epidemiologia Istituto dei Tumori di Milano

45 the environmental obesogen hypothesis Increased caloric intake and decreased physical activity are believed to represent the root causes of the dramatic rise of obesity and metabolic syndrome The environmental obesogen hypothesis predicts that inappropriate receptor activation by EDCs will lead directly to adipocyte differentiation and a predisposition to obesity and/or will sensitize exposed individuals to obesity and related metabolic disorders. (Endocrinology 147: S50 S55, 2006)

46

47 A nutritional guideline that limits calorie intake to less than 100 percent (but no less than 95 percent is recommended) of the calories needed to maintain one s ideal body weight. When following this guideline, one should also obtain adequate nutrition by eating a variety of vegetables, fruits, grains, legumes, and certain low-fat meat and dairy products

48

49 The MD is not related to any increased risk of overweight/ obesity. A possible role of the MD in preventing overweight/obesity obesity is conceivable Cohort or intervention studies that are able to provide better evidence of causality, together with the use of a consistent universal definition of the MD,, are necessary.

50 GI was associated with BMI and waist z-scores independently of age,, sex, parental overweight /obesity, parental education,, and energy intake, protein, fat, carbohydrate,, fibre and GL residuals. Odds ratios of the risk of being overweight/obese (panel A) or above the 85th percentile of waist circumference (panel B) across quartiles of residuals of glycaemic index. Controlled for age, sex, parental overweight/obesity, parental education, energy intake, protein, fat, carbohydrate and fibre intake residuals, glycaemic load. GI was the sole nutritional factor among those under investigation, significantly associated with waist circumference. The risk of overweight/obesity obesity or of central fat distribution was almost two- folds higher in the upper quartile in comparison to the lowest quartile of dietary GI.

51

52 European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (n = 373,803)

53

54

55

56 INTROITO CALORICO, CONSUMO DI CARNE ROSSA E BMI IN UNA POPOLAZIONE DI SOGGETTI OBESI E NORMOPESO ONNIVORI, LATTOVO-VEGETARIANI VEGETARIANI E VEGANI Kcal/die BMI vs. INTROITO CALORICO Correlazione: r=, BMI Kg/m Introito calorico in 4 gruppi di 25 soggetti 12 BMI vs. FREQUENZA ASSUNZIONE CARNE ROSSA Correlazione: r=,53564 p<0,001 Kcal/die vegani lattovo normopeso obesi FREQUENZA SETTIMANALE ASSUNZIONE CARNE ROSSA BMI Kg/m2 Lubrano C. dati non pubblicati

57

58 Proper functioning of peripheral clocks keeps metabolic processes in synchrony with the environment, which is critical for maintaining health of the organism. Different tissues exhibit distinct clockcontrolled properties; thus, ablation of the clock in certain tissues will cause opposing effects on metabolic function as uncovered through dynamic challenges at different times in the cycle under different nutrient conditions. Aging, diet, and environmental disruption such as shift work may also affect the integration of circadian and metabolic systems.

59 Consigli nutrizionali

60 Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo Ippocrate

61 Obiettivi clinici e consigli Ottenere e mantenere livelli di glicemia quanto più possibile vicini alla norma Ottenere livelli di lipidemia ottimali Garantire un adeguato apporto calorico Prevenire, ritardare o trattare fattori di rischio o complicanze legate alla nutrizione Migliorare o mantenere lo stato di salute generale grazie ad una nutrizione ottimale

62

63 La memoria metabolica Una cattiva memoria metabolica derivante da un prolungato scarso controllo della glicemia renderebbe i trattamenti inefficaci sugli eventi cardiovascolari nonostante uno stretto controllo glicemico successivo, come evidenziato dagli ultimi trials.

64 La Terapia Nutrizionale per il Diabete richiede l applicazione l di principi nutrizionali, medici e comportamentali La TN è parte integrante della terapia del Diabete La TN influenza positivamente la qualità della vita del paziente diabetico

65 STORIA Era pre-insulinica: fulcro del trattamento Nel 1550 A.C. diete ricche di carboidrati nel VI secolo diete a basso contenuto di carboidrati nel XVII secolo rivalutate diete ricche di carboidrati nel XVIII secolo diete ad alto contenuto proteico e lipidico nel XIX secolo aspetto preminente le diete ipocaloriche con restrizione proteica e glicidica e digiuni di 24 ore (B.Naunyn) Inizio XX secolo dieta dell inedia di Allen Era post-insulinica (dal 1921 al 1950) Cambia l atteggiamento verso i carboidrati Il cibo poteva essere aumentato e lo stato nutrizionale migliorato Nel 1935 Joslin diceva nel suggerire ai pazienti diabetici la dieta da seguire, sottolineo l importanza dei carboidrati e solo a pochi ricordo il valore delle proteine e dei grassi

66 STORIA Era postinsulinica (anni 50 e 60) Nel 1950 l American Dietetic Association (ADA) sviluppa il sistema degli alimenti scambio Con questo sistema le diete erano più agevoli da confezionare e più facili da seguire mantenendo la gradevolezza delle diete stesse Era post-insulinica ( anni 70 e 80) Si sviluppano le metodologie educative e il sistema di autocontrollo della glicemia e prende vigore il concetto di educazione alimentare come terapia Era post-insulinica (anni 90) Negli anni 90, anche grazie all acquisizione della rimborsabilità delle prestazioni dietetiche l educazione alimentare ha un nuovo impulso Nel 1994 l ADA rivede le proprie linee guida sulla nutrizione

67

68

69

70 carboidrati

71

72

73

74

75

76

77

78 INDICE GLICEMICO L'indice glicemico (IG) di un alimento rappresenta la velocità con cui aumenta la glicemia (e cioè la concentrazione di glucosio nel sangue) in seguito all'assunzione di quell'alimento nell unita di tempo. L'indice è espresso in termini percentuali rispetto alla velocità con cui la glicemia aumenta in seguito all'assunzione di un alimento di riferimento (che ha indice glicemico 100): un indice glicemico di 50 vuol dire che l'alimento innalza la glicemia con una velocità che è pari alla metà di quella dell'alimento di riferimento. I due alimenti di riferimento più utilizzati sonoil glucosio e il pane bianco IG=(risposta glicemica di un alimento/risposta glicemica di un alimento riferimento) x 100

79

80

81

82 1) L'indice glicemico cambia a seconda della varietà dell'alimento. In molti casi tale variabilità è modesta, in altri è talmente alta che il valore perde di ogni significato. È il caso del riso, del pane bianco, delle patate bollite. 2) L'indice glicemico varia a seconda del grado di maturazione della frutta. 3) Negli alimenti cucinati, l'indice glicemico varia a seconda degli ingredienti e della preparazione. 4) L'indice glicemico diminuisce se si aggiungono grassi e fibre ad un alimento. PREFERIRE ALIMENTI A BASSO INDICE GLICEMICO

83 DIFFERENZE DI IG PANE LIEVITAZIONE COTTURA al FORNO PASTA NO LIEVITAZIONE NO COTTURA al FORNO IG IG

84 Tabella - Indice glicemico (glucosio=100): Cibi a basso indice glicemico IG Cibi con un moderato indice glicemico IG Cibi con un alto indice glicemico IG Arachide 15 Pesca, fresca 42 Pizza, formaggio 60 Soia 18 Arancione 44 Gelato 61 Ciliegie 22 Maccheroni 45 Uva passa 64 Lenticchie 29 Riso, istante, bollito 1 min 46 Barbabietole 64 Fagioli neri 30 Uva 46 Zuppa di fagioli neri 64 Albicocche, secche 31 Riso, scottato 48 Ananas 66 Fettuccine 32 Tortellini, formaggio 50 Gnocchi 67 Yogurt 36 Igname 51 Croissant 67 Spaghetti, bolliti 5 minuti 36 Kiwi 53 Anguria 72 Minestra Del Pomodoro 38 Mango 56 Cialde 76 Carote, cucinate 39 Albicocche, fresche 57 Gatorade 250 ml 78 Ravioli, carne riempita 39 Riso, bianco 58 Fiocchi di avena 83 Tabelle Montignac

85

86 FIBRE -L apporto di fibre dovrebbe essere idealmente di 40 g al dì (o 20 g/1000 kcal/giorno) o più, e circa la metà dovrebbe essere del tipo idrosolubile. -Un consumo giornaliero di almeno 5 porzioni di vegetali o frutta ad alto contenuto in fibra e, almeno, di 4 porzioni di legumi la settimana aiuterà a fornire il quantitativo minimo di fibre raccomandato. - I cereali dovrebbero essere il più possibile integrali e ricchi in fibre.

87

88 grassi

89 I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari proprietà di solubilítà; INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI Variano tra loro moltissimo per struttura chimica.

90 Nell organismo umano costituiscono il 17% circa del peso corporeo. In base alla funzione che svolgono si distinguono in: lipidi di deposito o di riserva: per lo più sono trigliceridi e si accumulano negli adipociti lipidi strutturali: per lo più sono lipidi complessi, formano le membrane cellulari lipidi regolatori: alcuni lipidi sono precursori di vitamine e di ormoni

91 I lipidi si classificano in Gliceridi Lipidi semplici steridi cere Lipidi complessi Lipidi insaponificabili fosfolipidi glicolipidi lipoproteine steroidi terpeni idrocarburi vitamine o provitamine

92

93

94

95

96

97 Competizionemetabolica ω-3 ed ω-6 dieta membrane ω-6 ω-3 Ac. linoleico 6-desaturase Elongase -5 desaturase Ac. linolenico AA EPA DHA circolo Eicosanoidi pro-infiammatori pro-aggreganti Ciclossigenasi perossidasi Lipossigenasi Eicosanoidi anti-infiammatori anti-aggreganti

98

99

100

101 proteine

102

103

104

105

106

107 alcool

108

109

110 Antiossidanti, Vitamine, Minerali

111 ANTIOSSIDANTI, VITAMINE, MINERALI -Va incoraggiato il consumo di alimenti naturalmente ricchi in antiossidanti (tocoferoli, caroteni, vitamina C, flavonoidi, polifenoli, acido fitico) elementi in traccia ed altre vitamine. -Il consumo giornaliero di una grande varietàdi vegetali e frutta va incoraggiato poichéquesti alimenti costituiscono una ricca fonte di molte vitamine ed antiossidanti. - Come per la popolazione generale i pazienti con diabete dovrebbero ridurre l assunzione di sale a meno di 6 g/al giorno. Una ulteriore restrizione può essere appropriata per quelli con pressione arteriosa elevata.

112 STRUMENTO IN PIU NELLA TERAPIA NUTRIZIONALE DEL DIABETE TIPO 1 Il countingdei carboidrati

113 FABBISOGNO INSULINICO Varia da soggetto a soggetto in base all apporto calorico e dispendio energetico 15% prima di colazione 30% prima di pranzo 30% prima di cena (rappresentate da insulina pronta) 25% (intermedia) prima di coricarsi (comunque 3 ore dopo la 15% 30% 30% 25% in genere UI/Kg di peso corporeo la dose totale deve essere distribuita a seconda dei pasti: in Italia cena)

114 varie fasi: Il countingdei carboidrati METODOLOGIA a) sapere cosa sono i carboidrati (CHO) b) sapere dove si trovano c) sapere dove non sono i CHO d) stimare la quantitàdi CHO nella razione e quantificare la porzione e) individuare il rapporto insulina/cho

115 CARBOIDRATI: DOVE SONO? OVUNQUE!! MONOSACCARIDI: glucosio fruttosio (frutta, miele) galattosio (non esiste come tale negli alimenti) DISACCARIDI: saccarosio (canna da zucchero) (glu+fruttosio) maltosio (cereali in germinazione) (glu+glu) lattosio (latte) (glu+galattosio) POLISACCARIDI amido (cereali, patate,frutta farinosa)

116 CATEGORIE DI ALIMENTI proteine grassi di origine vegetale grassi di origine animale carboidrati (o zuccheri) Latte si si Pane e pasta Verdure Frutta si, contengono uno zucchero chiamato lattosio principalmente carboidrati (complessi) in misura non considerevole, eccezion fatta per le patate si, contengono uno zucchero chiamato fruttosio Carne, pesce, uova, formaggi si si in misura nulla o tracce o minime quantità Condimenti olio di oliva e di semi Burro... No Legumi si Si (carb complessi)

117 Il counting dei carboidrati METODOLOGIA varie fasi: a) sapere cosa sono i carboidrati (CHO) b) sapere dove si trovano c) sapere dove non sono i CHO d) stimare la quantità di CHO nella razione e quantificare la porzione e) individuare il rapporto insulina/cho

118 TABELLA ALIMENTARE PER IL COUNTING DEI CARBOIDRATI ALIMENTO CHO in 10 g CHO in 20g CHO in 30g CHO in 40g CHO in 50g CHO in 60g CHO in 70g CHO in 80g CHO in 90g CHO In 100g Pane Pane integrale Fette biscottate 8,2 16,4 24,6 32, ,2 57,4 65,6 73,8 82 Fette biscottate int. 6,2 12,4 18,6 24, ,2 43,4 49,6 55,8 62 Grissini Corn flakes 8,7 17,4 26,1 34,8 43,5 52,2 60,9 69,6 78,3 87 Biscotti secchi 8, , , , ,5 85 Biscotti frollini 7,4 14,8 22,2 29, ,4 51,8 59,2 66,6 74 Biscotti integrali 7,1 14,2 21,3 28,4 35,5 42,6 49,7 56,8 63,9 71 Wafers 7,8 15,6 23,4 31, ,8 54,6 62,4 70,2 78 Pasta di semola Fagioli 5,1 10,2 15,3 20,4 25,5 30,6 35,7 40,8 45,9 51 Pasta all uovo Pizza pom e mozz 5,3 10,6 15,9 21,2 26,5 31,8 37,1 42,4 47,7 53 Fragola 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 4,5 5 Arancia 0,8 1,6 2,4 3,2 4 4,8 5,6 6,4 7,2 8 Mandarino 1,8 3,6 5,4 7,2 9 10,8 12,6 14,4 16,2 18 Uva 1,6 3,2 4,8 6,4 8 9,6 11,2 12,8 14,4 16 Mela

119 Il counting dei carboidrati METODOLOGIA varie fasi: a) sapere cosa sono i carboidrati (CHO) b) sapere dove si trovano c) sapere dove non sono i CHO d) stimare la quantità di CHO nella razione e quantificare la porzione e) individuare il rapporto insulina/cho

120 La regola del 500 Per calcolare quanta insulina fare per bilanciare l'apporto dei carboidrati, si può usare la regola del 500. I grammi di carboidrati coperti da 1 unità di analogo rapido è pari a 500 diviso per il dosaggio totale di insulina giornaliera (TDD). Il TDD è la somma dell'insulina totale ultrarapida e di quella lenta iniettata, in media, ogni giorno (per chi è in terapia con le iniezioni multiple) oppure dell'insulina basale e dei boli (per chi usa il microinfusore). Esempio: Se il soggetto ha un TDD ( 6 UI + 12 UI + 10 UI + 20 UI lenta) Applichiamo la regola del 500: 500 : 48 UI tot/die = 10,4 (g di CHO che vengono metabolizzati da 1 UI) Con una semplice proporzione è possibile calcolare in base ai CHO ingeriti con il pasto quante unità di insulina sono necessari a metabolizzarli.

121 ESEMPIO DEL COUNTING DEI CHO IN UN PASTO DI UN SOGGETTO DIABETICO Pranzo: Pasta semola 70 g Legumi (ceci) 40 g Carne (vitello) 130 g Bieta 200 g Mela 150 g 79,1(valore per 100 g) x 70 g (la porzione) ,9 (valore per 100 g) x 40 g (la porzione) 100 Non contiene CHO o solo tracce 2,8 (valore per 100 g) x 200 g (la porzione) (valore per 100 g) x 150 g (la porzione) 100 = = 5,6 g 15 g g di CHO = = 55,3 g 18,8 g Il soggetto con un pranzo cosìarticolato totalizza circa 95 g di CHO. Se 10,4 g di CHO sono metabolizzati da 1 UI, quanta insulina serve per metabolizzare il pranzo? 1 UI : 10,4 g CHO = X UI : 95 g 9,1 UI

122 Quindi.

123 Strategie di Terapia Nutrizionale del DM Qualsiasi piano deve comunque ottemperare ai seguenti obiettivi: Diabetici tipo 1 maggiore attenzione alla costanza di apporto di alimenti specie carboidrati Diabetici tipo 2 (spesso in sovrappeso) calo ponderale del 5-10 % del peso iniziale per ottenere miglioramento del controllo metabolico

124 La TN nel diabetico tipo 1 Alla diagnosi il paziente presenta Consistente calo ponderale poliuria e polidipsia Strategia Tenere conto del fabbisogno alimentare per ripristinare la condizione di normopeso Ripristinare il bilancio idrico Costanza maggiore attenzione all adeguare l assunzione di alimenti alla dose di insulina e all attività fisica variazione dell apporto alimentare a seguito di variazione del regime insulinico con il fine di mantenere il normopeso e l euglicemia Il sottopeso è indice indiretto di inadeguatezza della quantità di insulina somministrata Frequenti ipoglicemie = sovrappeso

125

126 La TN nel diabetico tipo 2 Gestione del peso corporeo: Riduzione di peso pari al 5-10 % del peso iniziale La maggior parte dei diabetici tipo 2 è obesa e viene incoraggiata a perdere peso nell ottica del controllo metabolico ottimale non solo del diabete ma anche delle dislipidemie e della pressione arteriosa Intervallo tra i pasti Una maggiore suddivisione degli alimenti nella giornata ottenuta con un frazionamento dei pasti migliora la gestione del diabete Grassi e carboidrati Il controllo del metabolismo lipidico rappresenta una priorità agendo sul consumo di grassi e carboidrati Attività fisica L attività fisica, se regolare e continua, può ridurre la resistenza insulinica e migliorare il controllo metabolico della malattia diabetica

127 Alimentazione sana ed equilibrata: terapia fondamentale per ogni diabetico Qualunque sia il tipo di diabete, un alimentazione corretta è parte integrante della terapia per ottenere un compenso glicemico stabile e un normale assetto lipidico. In caso di diabete tipo 2, condizione spesso legata a sovrappeso/obesità (BMI >25) e conseguente resistenza insulinica, primo obiettivo deve essere RAGGIUNGIMENTO DI UN PESO ACCETTABILE, mediante dieta ipocalorica, associata a regolare attività fisica

128

129 ESERCIZIO FISICO Aumenta sensibilità all insulina Riduce rischio cardiovascolare Riduce rischio ipertensione Riduce dislipidemia

130

131 CONCLUSIONI Obiettivo principale: Buon compenso glicemico attraverso: 1) RIDUZIONE DEL PESO CORPOREO 2) REGOLARE ATTIVITA FISICA 3) RIDUZIONE CONSUMO DI GRASSI e ZUCCHERI SEMPLICI 4) RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SALE 5) AUMENTO DEL CONSUMO DI FIBRA..SENZA PENALIZZARE IL GUSTO!!!

132

133

134

135

136 LA PIRAMIDE ALIMENTARE MEDITERRANEA

137

138

139

140

141

142

143

144

145

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati

L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati Stefano Zucchini Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna Centro Regionale per la Diabetologia Pediatrica Regione Emilia

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

pocket diabete salute benesser regolarità stile di vita rela mangiare sano fitnes medicina esercizio fisic

pocket diabete salute benesser regolarità stile di vita rela mangiare sano fitnes medicina esercizio fisic pocket diabete consigli per una corretta ALIMENTAZIONE salute benesser regolarità stile di vita rela mangiare sano fitnes medicina esercizio fisic 2 CONSIGLI per una corretta alimentazione 3 di PAOLA BRANZI

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

LA CONTA DEI CARBOIDRATI

LA CONTA DEI CARBOIDRATI LA CONTA DEI CARBOIDRATI ALIMENTAZIONE E DIABETE L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di dieta è opportuno parlare di terapia nutrizionale

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO

Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO Caso clinico Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO Anagrafica Maschio 54 anni Singl Professione: bibliotecario Hobby: lettura, musica Sport: ha praticato da giovane il ciclismo e sci da fondo Vive a San

Dettagli

LA DIETOTERAPIA NEL DIABETE MELLITO

LA DIETOTERAPIA NEL DIABETE MELLITO PRESIDIO OSPEDALIERO Area Nord Guastalla - Correggio Servizio di Diabetologia accreditato AMD Resp. Dott.ssa G. Chierici LA DIETOTERAPIA NEL DIABETE MELLITO Reggio Emilia, 15 Maggio 2013 Dietista Dott.sa

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Il benessere comincia dall ufficio 4 ottobre 2008 Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Dott.ssa Cristina Angeloni Università di Bologna Dipartimento di Biochimica G.Moruzzi Centro Ricerche sulla

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI La glicemia indica la concentrazione di glucosio nel sangue. Di norma in una persona sana e adulta, donna e uomo, si attesta attorno a valori compresi tra 0,8 1 grammo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO Relatore: Dott.ssa Chiara Becchetti Assegnista di ricerca Brescia 19/03/2015

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD)

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Francesca De Vita Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Drastica riduzione quota glucidica (

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI Quando mangiamo un alimento ricco di carboidrati, la glicemia (quantità di zucchero nel sangue) si alza. La velocità con cui questo accade dipende da molti fattori, tra

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

UNITà OPERATIVA di Medicina Generale Indirizzo Diabetologico ed Endocrino-Metabolico DIABETE TIPO 2. Prevenire è meglio che curare

UNITà OPERATIVA di Medicina Generale Indirizzo Diabetologico ed Endocrino-Metabolico DIABETE TIPO 2. Prevenire è meglio che curare UNITà OPERATIVA di Medicina Generale Indirizzo Diabetologico ed Endocrino-Metabolico DIABETE TIPO 2 Prevenire è meglio che curare IL DIABETE TIPO 2: Prevenire è meglio che curare IL DIABETE TIPO 2: SI

Dettagli

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù Prof. Agostino Messineo Direttore Dip. Prevenzione ASL RMH Dr.ssa Paola Abetti Dirigente SIAN distretto H4 Pomezia Ardea Alla parola dieta è spesso

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Valeria del Balzo Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana Dipartimento di Medicina Sperimentale Sapienza Università

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE A cura della dietista Nicoletta dott.ssa Colombi In collaborazione con Fondazione casa dei Premolesi La figura del dietista Il dietista è un professionista sanitario

Dettagli

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE DIABETE MELLITO DEFINIZIONE Sindrome caratterizzata da aumento dei livelli ematici di glucosio (iperglicemia). a digiuno =126 mg/dl 2h dopo OGTT =200 mg/dl Comporta il rischio di complicanze acute (coma

Dettagli

Dieta mediterranea e cancro

Dieta mediterranea e cancro Dieta mediterranea e cancro Cristina Bosetti Dipartimento Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri", Milano Corso di aggiornamento X-Files in Nutrizione Clinica ed Artificiale Oncologica

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma Serena Missori Specialista in Endocrinologia U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma IL FULCRO della SM è l'obesita' CENTRALE SINDROME METABOLICA

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli