LA QUALITÀ È FATTA DI COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA QUALITÀ È FATTA DI COMUNICAZIONE"

Transcript

1 A13 213

2

3 Giuseppe Traversa Isabel Alice Walbaum Robinson LA QUALITÀ È FATTA DI COMUNICAZIONE Metodi e strumenti per migliorare il processo di comunicazione

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2006

5 Ringraziamenti Noi consideriamo la realizzazione di questo libro come una grande opportunità per scambiare con molti, pazienti e dotti amici e colleghi, idee e proposte su un tema che ci ha affascinato: il legame straordinariamente forte tra il concetto di qualità e quello di comunicazione. Desideriamo ringraziare quanti hanno avuto la pazienza e la costanza di seguire le nostre riflessioni e scambiare i nostri pensieri e spiegazioni; lo facciamo ringraziandoli tutti insieme. Particolare gratitudine vogliamo esprimere a Daniele Gambarara, Stanley Deetz, Felice Cimatti, Paolo Virno, Maurizio Potente, Serena Ciprietti, Giovanni Padroni per il loro contributo determinante. Anche un ringraziamento particolare ai consulenti della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti per l assistenza efficacissima dimostrata nel corso delle varie visite in questo straordinario luogo di studio e consultazione. Giuseppe Traversa Isabel Alice Walbaum Robinson 5

6 6 Indice

7 Indice Presentazione: La qualità è comunicazione, la comunicazione è qualità Introduzione ed obiettivi Parte I Il valore nella comunicazione Capitolo 1. Il sistema della comunicazione 1.1. Uno schema di riferimento Un sistema di scommesse dalla teoria delle decisioni La comunicazione nel sistema delle scommesse I due sottoprocessi del processo di comunicazione Alcuni esempi Capitolo 2. Il modello del processo di comunicazione 2.1. Introduzione Dati, informazione e conoscenza Il valore dell informazione Processo di comunicazione e processo decisionale Il successo del processo di comunicazione Capitolo 3. Il metodo orchestra: il leone e la pecora 3.1. Introduzione L orchestra ed i suoi processi di comunicazione Il leone e la pecora Opportunità e rischi della tecnologia ICT nel processo di comunicazione dell orchestra Capitolo 4. Qualità e comunicazione 4.1. La relazione tra qualità e comunicazione Qualità di prodotto e di servizio L evoluzione del concetto di qualità

8 8 Indice 4.4. Le 4 dimensioni della qualità Qualità e comunicazione nel sistema di scommessa Alcuni assiomi per il rapporto tra qualità e comunicazione Capitolo 5. Il metodo orchestra. Alcune esemplificazioni 5.1. Una griglia per rappresentare il valore del processo di comunicazione Le variabili del metodo orchestra Il sistema di pianificazione e controllo Un impresa familiare La comunicazione tra pazienti ed ospedale Capitolo 6. Comunicazione e tecnologia ICT 6.1. La buona e la cattiva tecnologia informatica La maturità tecnologica dell informatica in rete La cultura tecnologica e la coerenza del linguaggio La coerenza tra modello organizzativo e strumenti tecnologici della comunicazione La maturità della tecnologia orchestra Capitolo 7. Gli strumenti della tecnologia orchestra 7.1. Il progetto orchestra La pianificazione, programmazione e controllo La progettazione e la gestione dei processi La gestione, la valutazione, la formazione del personale Il sistema di comunicazione interna, esterna e la qualità Alcune riflessioni conclusive sull uso degli strumenti proposti Parte II Modelli e teorie della comunicazione a confronto Capitolo 8. Il significato del confronto 8.1. Introduzione ed obiettivi Metodologia della ricerca Classificazioni di teorie e modelli della comunicazione Capitolo 9. La comunicazione non verbale: la prossemica di Edward Hall 9.1. L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi: la storia di John e Josef Confronto con il modello orchestra

9 Indice 9 Capitolo 10. La pragmatica della comunicazione umana: Paul Watzlawick, et al L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi: i problemi della famiglia Franklin Confronto con il modello orchestra Capitolo 11. Costruttivismo e disegno logico del messaggio: Jessie Delia e Barbara O Keefe L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi Confronto con il modello orchestra Capitolo 12. La teoria Groupthink: Irving L. Janis L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi: il caso Watergate, la tragedia del razzo Challenger, l esplosione dei reattori di Chernobyl Confronto con il modello orchestra Capitolo 13. La comunicazione interculturale. Teoria della riduzione dell incertezza e dell ansietà: William B. Gudykunst L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi: problemi di relazioni internazionali Confronto con il modello orchestra Capitolo 14. Una teoria della comunicazione nelle organizzazioni: Stanley Deetz L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi Confronto con il modello orchestra Capitolo 15. La comunicazione diseguale: Franca Orletti L idea guida e gli obiettivi Il modello Esempi: l intervista di Minoli a Berlusconi Confronto con il modello orchestra Bibliografia

10 10 Indice

11 PRESENTAZIONE La qualità è comunicazione, la comunicazione è qualità Ci sono due parole magiche all inizio del terzo millennio: la prima è qualità, e la seconda comunicazione. Solo queste due caratteristiche consentiranno di affrontare le sfide della globalizzazione, di conservare un posto in prima fila al tipo di lavoro e allo stile di vita che contraddistingue l Europa (e paesi in fondo europei che per un accidente geografico si trovano in America). Ma di solito queste restano appunto parole, e per di più due parole separate. Questo libro coraggioso si lancia invece in un doppio salto: 1. mostrare che la comunicazione non è solo una componente importante della qualità ma che ne sta al cuore e ne determina il senso; 2. mostrare che i luoghi critici che determinano i processi di comunicazione avanzati possono essere a loro volta studiati nella prospettiva della qualità e ricondotti ad uno schema interpretativo comune. Il percorso per mostrare questo doppio nodo è complesso ma suggestivo: analizzare i processi di qualità, analizzare i processi di comunicazione, e poi la proposta di un modello, di un metodo e degli strumenti per applicarlo. Di particolare suggestione è l ispirazione alla metafora, di più, al paradigma organizzativo dell orchestra, che si dimostra concretamente utile a cogliere il nesso tra qualità e comunicazione. Infine una rassegna concisa ma pregnante dei modelli della comunicazione più diffusi nella letteratura e il loro confronto con il metodo proposto. Gli autori non si limitano ad esporre un metodo con i suoi strumenti applicativi ma avanzano la proposta per una soluzione organizzativa 11

12 12 Presentazione che vuole combinare in modo virtuoso la coerenza, l integrazione fra i soggetti, tra i nodi del sistema e la buona motivazione, i giusti atteggiamenti alla collaborazione. E dimostrano che questo è possibile grazie al progetto di un sistema di comunicazione che promuove la partecipazione responsabile di tutte le intelligenze disponibili in esso. La Prof.ssa Walbaum Robinson insegna inglese per scienze della comunicazione all Università degli Studi della Calabria, Facoltà di Lettere e Filosofia ed inglese per scienze giuridiche all Università degli Studi di Roma Tre. Il Prof Giuseppe Traversa insegna sistemi informativi e organizzazione aziendale pubblica alla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e all Università degli Studi di Pisa. Hanno al loro attivo intensa attività scientifica sui loro rispettivi campi, in grado di portare testimonianze e confronti critici di notevole significato. Questo testo si dimostra così una testimonianza di notevole interesse per l originalità della proposta, gli approfondimenti e i confronti che gli autori hanno saputo offrire; mi è molto gradito proporlo a lettori sia impegnati nell attività didattica, che nella ricerca, che nel lavoro, in contesti applicativi della comunicazione. Prof. Giovanni Padroni Università degli Studi di Pisa

13 INTRODUZIONE ED OBIETTIVI In questo libro vogliamo perseguire due obiettivi: a. Dimostrare lo stretto legame tra la qualità di un qualsiasi prodotto o servizio ed i processi di comunicazione tra i diversi soggetti coinvolti nella produzione, gestione, fruizione. La comunicazione non solo come componente importante della qualità, ma essenza stessa del suo significato. Identificare e creare qualità, cioè il valore creato dal prodotto servizio vuol dire in sostanza capire e costruire buona comunicazione; non semplicemente scambio di buoni ed utili messaggi, ma un coinvolgimento degli interlocutori in grado di trasformare le informazioni scambiate in valore. b. Proporre un metodo ed uno strumento (il metodo orchestra) in grado di progettare e costruire processi di comunicazione di buon livello, cioè di creare prodotti/servizi di buona qualità. Vogliamo poi confrontare il metodo proposto con alcuni dei modelli più diffusi per illustrarne meglio il significato ed il valore. Un progetto a cui ha partecipato uno degli autori ha ispirato in modo particolare il metodo; lo illustriamo sinteticamente per illustrarne il significato. È un progetto di innovazione clinica, iniziato nel reparto di emergenza pediatrica di un ospedale pubblico nei Queens (USA), che ha coinvolto successivamente 11 ospedali pubblici dell area di New York 1, promosso dalla Fund for the City of New York. L interesse di questa testimonianza non è solo quello di dimostrare che la qualità del servizio era determinata dai processi di comunicazione tra medici, infermieri, amministrativi, pazienti e loro familiari, ma anche che, non appena alcuni di questi processi di comunicazione vengono compromessi, la qualità del servizio viene subito degradata. Il servizio clinico fornito ai bambini era considerato inizialmente di pessimo livello: troppe analisi inutili, dannose e farmaci inadeguati 1 Farrell, G., The Pediatric Protocol System,

14 14 Introduzione (raggi x, antibiotici ), troppe analisi necessarie non fatte, controllo dei bambini dopo l emergenza poco efficace. Le ragioni di questo degrado erano molteplici: il contesto socio economico fortemente compromesso rendeva difficile la collaborazione con le famiglie, i medici consideravano il loro impegno solo transitorio e aspiravano a trasferirsi in breve tempo in strutture private più remunerative, qualificanti e prestigiose, le risorse economiche e le disponibilità di personale insufficienti.... Il progetto di miglioramento della qualità clinica si è basato sui seguenti elementi chiave: Messa a punto di un protocollo di comportamento clinico e organizzativo condiviso dai medici del reparto. In sostanza una scheda clinica semplice ed efficace in grado di fornire il quadro clinico e sociosanitario di ogni bambino e di verificare i comportamenti e responsabilità di medici ed infermieri; Messa a punto di alcuni semplici indicatori clinici, frutto di una semplice elaborazione della scheda clinica, in grado di documentare il comportamento clinico del medico sul bambino (test, farmaci, follow up, confronto con le linee guida del protocollo). In sostanza due indicatori: a. la percentuale di test e fasi cliniche ritenute necessarie dal protocollo condiviso, non fatte; b. la percentuale di test e comportamenti ritenuti non necessari o troppo costosi o dannosi al bambino; Produzione di alcune altre semplici elaborazioni di tipo organizzativo, in grado di mettere in luce i comportamenti organizzativi di medici, infermieri, amministrativi nell ambito del reparto (personale disponibile, picchi orari e stagionali di pazienti, risorse consumate); Riunioni periodiche (ogni 10 giorni) per analizzare insieme gli elaborati, progettare cambiamenti organizzativi. L impatto di questo progetto, anche nella sua fase iniziale, fu considerato straordinario, gli indicatori di qualità messi a punto per valutare l evoluzione dei comportamenti clinici di medici e della struttura organizzativa si modificarono in modo favorevole, inequivocabile. Gli indicatori clinici adottati per rappresentare la qualità clinica e organizzativa si dimostrarono chiari, efficaci e convincenti per tutti gli interlocutori. La prima sperimentazione svolta nei Queens fu talmente convincente da essere subito estesa ad altri 10 ospedali in altre aree di New York e successivamente in altri Stati. Il successo del progetto e la crescita della

15 Introduzione 15 qualità del servizio sono certamente riconducibili all ottimo livello di comunicazione che si riuscì a realizzare nel reparto e precisamente: Messaggi clinici ed organizzativi, pregnanti, semplici, chiari, in grado di orientare le scelte e verificare le responsabilità di ognuno; un record clinico coerente e condiviso (si dimostrò la parte più difficile e controversa da realizzare, semplici elaborazioni quantitative, i protocolli clinici standard più accreditati...). Conoscenze cliniche ed organizzative dei diversi interlocutori in grado di interpretare immediatamente e semplicemente il significato delle informazioni scambiate. Non solo informazioni e messaggi di tipo tecnico, ma anche indicatori semplici e comprensibili ad ogni livello di responsabilità e ad ogni ruolo. Furono sviluppate le conoscenze più adeguate, sia cliniche che organizzative, per rendere efficace il confronto interpersonale. Inizialmente le conoscenze dei medici, sia di natura organizzativa che del contesto sociale erano scarse ed inadeguate, ma le stesse riunioni periodiche servirono a svilupparle. Occasioni di incontro e di valutazione congiunta sufficientemente frequenti e motivanti. Furono definiti ed accettati specifici meccanismi organizzativi (riunioni, compiti divisi tra personale medico e paramedico) per consentire i confronti interpersonali, sia nel concordare il protocollo clinico organizzativo, che per valutare l evoluzione dei comportamenti organizzativi. Questi incontri fecero crescere in modo notevole la trasparenza delle responsabilità dei comportamenti clinici. Non complicate banche dati o quadri clinici e organizzativi di faticosa, difficile accessibilità. Un atmosfera di collaborazione e di rinnovato entusiasmo; la volontà di lavorare meglio e di vedere i propri sforzi riconosciuti e condivisi all interno e fuori del gruppo. Questo si dimostrò elemento essenziale del processo di comunicazione, a cui contribuì in modo determinante l ottima leadership del capo progetto (il responsabile del reparto). Furono faticosamente raggiunti ruoli condivisi: inizialmente i medici mal sopportavano vincoli o comportamenti standard ma riuscirono ad accettare e condividere comportamenti clinici e organizzativi. Dopo alcuni anni di inequivocabile successo il progetto ricevette cospicui finanziamenti ed alcuni tecnici tentarono di introdurre elabora-

16 16 Introduzione zioni più sofisticate che producevano diagnosi automatiche, usando tecniche dell intelligenza artificiale per suggerire e guidare diagnosi e terapia. E dopo poco tempo il progetto naufragò. I medici non capivano bene le nuove elaborazioni, furono costretti a dedicare troppo tempo a riunioni giudicate non più utili, il capo progetto andò in pensione, i comportamenti inesorabilmente ritornarono ai modi precedenti e la qualità del servizio clinico e organizzativo degradò rapidamente. Questa esperienza mette bene in evidenza il significato ed il valore della comunicazione nel creare qualità. La qualità del nuovo servizio clinico fu determinata da questo nuovo sistema di comunicazione, dotato delle condizioni virtuose discusse precedentemente. Il degrado del sistema di comunicazione ha anche provocato il fallimento del progetto e la perdita di qualità; quando i messaggi, le conoscenze diventarono inadeguati, a causa delle nuove poco comprensibili elaborazioni, il processo di comunicazione fu compromesso e di conseguenza anche la qualità del servizio clinico. In questo esempio, così come in ogni sistema che eroga servizi o genera prodotti, i processi di comunicazione governano le selezioni tra persone, unità organizzative, mercato. In ogni processo di comunicazione si possono sempre individuare due sottoprocessi di apprendimento : a. Il processo di rimozione dell incertezza; b. Il processo di armonizzazione, di coesione del gruppo coinvolto nella comunicazione. Nel servizio clinico dell emergenza pediatrica, il primo processo rimuove l incertezza sulla patologia del bambino attraverso test ed informazioni di varia natura in grado di guidare le scelte diagnostiche e terapeutiche. Il secondo processo crea le condizioni per la collaborazione fra medici, infermieri, familiari. I due processi sono sinergici, la buona informazione in grado di rimuovere incertezze determina l equilibrio ed il consenso tra i componenti del gruppo. D altra parte non c è produzione d informazione senza una buona coesione del gruppo, un accettazione reciproca di ruoli e responsabilità da parte di ogni componente. Per elevare il processo di comunicazione è necessario elevare il livello dei due sottoprocessi, ma anche integrarli ed armonizzarli.

17 Introduzione 17 L orchestra ha uno straordinario sintonia di comunicazione, esemplifica in modo efficace i due sottoprocessi e la loro integrazione. Il sistema di comunicazione dell orchestra è un paradigma che ne chiarisce i motivi di successo o di insuccesso perché riesce ad integrare due sottoprocessi della comunicazione: quello in grado di rimuovere incertezze, guidare le scelte, e quello che riesce a creare armonia e motivazione tra le persone coinvolte nei processi di comunicazione. In un libro di Giuseppe Traversa 2 sono state messe in luce queste interessanti virtù dell orchestra: l informazione giusta al momento giusto, nel posto giusto, i messaggi scambiati ed il linguaggio utilizzato, perfettamente coerente con la natura delle conoscenze musicali e organizzative (il linguaggio universale delle note dello spartito, i messaggi non verbali del direttore, degli altri suonatori), una autonomia decisionale interpretativa notevole del suonatore, ma anche una forte integrazione e coerenza con le direttive strategiche del direttore. Una motivazione efficacissima: suonatori concentrati nel proprio contributo, ma il resto dell orchestra costantemente consapevole, in attesa del contributo di ognuno. Una trasparenza di responsabilità, di meriti e di colpe straordinaria (chi stona o esagera), una consapevolezza costante del prodotto complessivo, il concerto, ma anche del ruolo e del contributo di ognuno. E fornisce anche preziose indicazioni sulle potenzialità ed i limiti dell uso delle tecnologie informatiche in rete. Se vogliamo introdurre il calcolatore nella produzione musicale dell orchestra e perturbare in modo disattento il sistema di comunicazione possiamo combinare guai, ma possiamo anche ricavare alcuni interessanti vantaggi nell ambito della gestione. Qualche anno dopo, nel 1985 Peter Drucker in un suo famoso e citatissimo articolo 3 (circa citazioni escono da Google 4 ) approfondiva il modello organizzativo dell orchestra, non nel merito dei processi di comunicazione ma piuttosto nella struttura organizzativa piatta, nessun riferimento a livelli gerarchici intermedi, forte autonomia locale. Ma insieme a commenti di grande entusiasmo, troviamo 2 Traversa Drucker

18 18 Introduzione anche manifestazioni di perplessità: il modello a struttura piatta non sembra avere validità generale e, d altra parte, orchestre molto complesse presentano responsabili intermedi (degli archi, delle trombe,..) e a volte le indicazioni strategiche e interpretative di un primo violino possono acquisire un ruolo più significativo dello stesso direttore se quest ultimo non è dotato di leadership sufficiente. Un recente progetto didattico (dal 2002) che sembra riscuotere un ottimo successo si chiama musicjump e viene proposto da Franco Marzo e Gianfranco Parenti. Coinvolge manager e lavoratori di varie imprese a suonare insieme con tamburi, triangoli, in un orchestra, o a cantare in un coro. Questa sperimentazione sembra promuovere atteggiamenti notevolmente virtuosi: migliora la capacità di ascoltare ed apprezzare i contributi degli altri dirigenti/suonatori, sviluppa in ognuno una maggiore attenzione sull impatto del proprio contributo sul risultato/concerto complessivo, sviluppa creatività e progetti innovativi. Questo lavoro vuole approfondire e sfruttare le indicazioni virtuose del funzionamento dell orchestra trasferendole in un modello di sistema di comunicazione, con due ambizioni di fondo: a. Costruire un modello con doti di generalità, cioè capace di interpretare e rappresentare una varietà di teorie sulla comunicazione. Per esemplificare, la speculazione matematica o fisica procedono sempre nel tentativo di generalizzare, di semplificare, di trovare modelli più semplici e generali 5. I numeri irrazionali ad esempio sono una generalizzazione di quelli razionali ed i numeri reali una generalizzazione di quelli irrazionali ed i numeri complessi una generalizzazione dei numeri reali. Quelli meno generali sono un caso particolare di quelli più generali e questi ultimi sono più semplici perché rimuovono eccezioni, consentono maggiore flessibilità. Analogamente nelle scienze fisiche: la teoria della relatività è più generale della meccanica e dell elettromagnetismo classici. Questi ultimi sono casi particolari della teoria più generale, che coincide con la prima quando le velocità relative sono basse, lontane dalla velocità della luce. E la nuova teoria è in grado di rimuovere contraddizioni, vincoli, rigidità. Il comportamento del corpo nero era inspiegabile con le classiche equazioni di Maxwell sull elettromagnetismo, ma 5 Kuhn, 1969.

19 Introduzione 19 perfettamente spiegabile con la teoria dei quanti di Plank. Il paradigma dell orchestra vuole in qualche modo fornire un modello generale in cui riconoscere altre teorie ed altri modelli attraverso le stesse variabili. b. Dimostrare che questo esercizio di generalizzazione è di qualche utilità per risolvere elementi di criticità del processo di comunicazione analizzato. Il modello generale è utile se aggiunge al modello particolare qualche suggerimento che può rendere le soluzioni più efficaci, più convincenti, arricchire le rappresentazioni dei processi di comunicazione, risolvere meglio i problemi, progettare processi migliori, valorizzare correttamente la tecnologia informatica in rete. Per costruire questo modello generale di comunicazione, in grado di rappresentare le doti virtuose dell orchestra, abbiamo svolto il seguente percorso, vedi figura 1: La griglia di riferimento: nel primo passo viene proposto uno schema con tutti gli elementi considerati rilevanti per rappresentare un qualsiasi processo di comunicazione, in qualsiasi possibile contesto: i soggetti, i messaggi, le decisioni, le conseguenze, i gruppi di appartenenza degli interlocutori, sia il paradigma dell orchestra che ogni altro sistema che coinvolge soggetti che si scambiano messaggi per guidare i loro comportamenti debbono poter essere descritti con questa griglia di elementi; Il glossario: Informazione, comunicazione e qualità. Il secondo passo consiste nel rivisitare i significati, le definizioni delle entità base che intervengono nella descrizione e nella valutazione dei processi di comunicazione. Vogliamo costruire un glossario di riferimento che contenga le definizioni di: dato, informazione, incertezza, conoscenza, comunicazione, qualità, ed altro, facendo riferimento alla griglia proposta. Non vogliamo analizzare in profondità temi complessi, ma sentiamo il bisogno di alcune precisazioni per condividere definizioni di riferimento e per allontanare le possibilità di equivoci. Faremo vedere ad esempio che, attraverso questa rivisitazione e queste precisazioni, la qualità risulta in sostanza fatta di buona comunicazione e che quest ultima altro non è che il processo che trasforma le informazioni in valore, cioè in soluzioni di problemi delle persone coinvolte;

20 20 Introduzione Il Modello Orchestra Il Processo di Comunicazione. Le Fasi La griglia Il glossario Il processo di appren.to Il modello orchestra Il metodo orchestra Il progetto orchestra Confronto tra modelli Figura 1 I processi di apprendimento. Il terzo passo consiste nel riconoscere che nell orchestra così come in ogni sistema dove avviene uno scambio di messaggi tra due e più soggetti sono sempre presenti due processi di apprendimento che procedono insieme, con forti interazioni, ma che hanno natura e livelli di strutturazione sostanzialmente diversi. Un processo riguarda la ricerca dell equilibrio di un gruppo, del chiarimento di ruoli, responsabilità, identità degli interlocutori rispetto ad una comunità di riferimento (interna o esterna). In questo ambito si apprende e si rimuove incertezza di tipo organizzativo, rispondendo a domande del tipo: chi sono io, chi sei tu, cosa ne pensano gli altri, che ruolo, che diritto/dovere ha ognuno di trasmettere o ricevere messaggi. L altro processo riguarda la costruzione d informazione, di supporto alle scelte di uno o più decisori. In questo caso la comunicazione, lo scambio di messaggi, è funzionale a problemi specifici degli interlocutori. Il risultato del primo processo influisce e

21 Introduzione 21 viene influenzato dal risultato del secondo: la capacità di accrescere la razionalità del processo di comunicazione e di rimuovere incertezze rilevanti per un problema di scelta può contribuire ad accrescere l armonia, la coesività ed il consenso tra i diversi membri del gruppo. Il modello orchestra: il quarto passo consiste nella costruzione del modello che utilizza la griglia precedente ma traduce le caratteristiche virtuose di una buona orchestra, (o i difetti di una cattiva orchestra, così come per ogni altro sistema di comunicazione) in una serie di variabili indicatori, in un metodo per misurarli e nelle interrelazioni. Il modello come vedremo prevede 4 aree e 18 indicatori per descrivere il sistema. Il metodo orchestra: il quinto passo consiste nella illustrazione di un metodo per operare la diagnosi di specifici contesti, individuare le criticità dei processi di comunicazione che hanno luogo e suggerire interventi per migliorarli. Il progetto orchestra: il sesto passo consiste in una proposta di metodi e strumenti tecnologici in rete che possono essere utilizzati per guidare la progettazione e la realizzazione del processo di comunicazione di successo. Questi strumenti cioè propongono un percorso per sviluppare e integrare i due sottoprocessi di comunicazione citati: la produzione d informazione e la costruzione dell equilibrio del gruppo. Il confronto tra modelli: il settimo passo consiste nell analizzare alcune delle teorie, dei modelli e dei metodi di progettazione della comunicazione più diffusi presenti nella letteratura e confrontarli con il modello orchestra per verificare: a. come quest ultimo è in grado di rappresentarli, classificarli e interpretarli; b. quali indicazioni utili alla soluzione di problemi concreti emergono da questo confronto. Facciamo qualche esempio per illustrare il significato di questo percorso. Consideriamo un sito web di un qualsiasi istituto che voglia rivolgersi ai suoi utenti attuali o potenziali. Il successo o l insuccesso del sito appaiono legati a due elementi della comunicazione con gli utenti: a. La creazione di buona informazione: cioè la capacità di rimuovere le incertezze sull accesso ai prodotti servizi d interesse. Ci sono

22 22 Introduzione guide chiare, che interpretano bene i bisogni della persona. E ci sono guide confuse, ambigue, ridondanti, antipatiche, incapaci di andare al nocciolo dei bisogni di informazione degli utenti; b. La creazione di un consenso tra chi propone e chi consulta il sito: saper evitare le invasioni indiscrete, chiarire chi sono gli interlocutori, come ci si può e ci si deve posizionare nei riguardi di o- gnuno; diritti, doveri di chi propone e chi utilizza le informazioni del sito. Molti siti contengono messaggi commerciali, estranei ai problemi degli utenti; si genera la diffidenza verso atteggiamenti arroganti, invadenti. Queste diffidenze diminuiscono l interesse ad analizzare le informazioni guida 6 oltre a confondere il quadro. Costruire una buona comunicazione tra impresa e clienti attraverso il sito web vuol dire progettare attentamente i due processi ed integrarli. Evitare l eccessiva invadenza che genera diffidenza, per esempio riuscendo a costruire momenti di partecipazione alle scelte da parte dell utente. E costruire un informazione chiara, efficace. I due processi possono essere sinergici: può scomparire la diffidenza, si può far condividere i ruoli proposti ai clienti se l informazione prodotta è interessante. Viceversa un atteggiamento di diffidenza, di rifiuto può compromettere anche i quadri informativi più creativi. Ad esempio un call center gestito da personale attento e preparato può dimostrarsi uno straordinario strumento di comunicazione se produce informazioni guida tempestive, efficaci e se imposta una distribuzione di ruoli, dell utente e dell operatore, immediatamente accettata e condivisa. Una nota esperta di comunicazione grafica, straordinariamente creativa 7 sosteneva che l essenza della qualità di un progetto grafico è la sua simpatia. Il design di un oggetto deve essere funzionale ma anche poco arrogante, poco rigido; le due doti congiunte lo rendono simpatico. Consideriamo un esempio di natura diversa: alcuni attuali problemi di pianificazione strategica della Cina e i connessi processi di comunicazione tra autorità centrale, territori, municipalità periferiche e la comunità internazionale, così come interpretati da diversi quotidiani economici. 6 Walbaum Robinson, Fausta Cavazza, Progetto Italia Viva, 1989.

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli