Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo"

Transcript

1 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Controlli Automatici Controllo a Retroazione della velocità di un veicolo Anno Accademico 2011/2012 Candidato: Marco Ferro matr. N

2 A tutta la mia famiglia, che mai, in questi tre anni e ancora prima, ha smesso anche solo per un momento di credere in me.

3 Indice Introduzione 4 Capitolo 1. Presentazione del problema Modellistica Analisi Sintesi Osservazioni sugli effetti della retroazione sul transitorio Azione Integrale 13 Capitolo 2. Modellistica, analisi e sintesi nello spazio di stato Modello nello spazio di stato Progetto del controllore nello spazio di stato Azione integrale nello spazio di stato Progetto del controllore 18 Capitolo 3. Funzione di trasferimento, analisi e sintesi nel dominio di Laplace Sintesi di un controllore proporzionale Sintesi di un controllore proporzionale - integrale Taratura dei guadagni con il metodo di Ziegler-Nichols a ciclo aperto Taratura dei guadagni al calcolatore 26 Capitolo 4. Simulazione al calcolatore Simulazione con controllore proporzionale Simulazione con controllore proporzionale - integrale 29 Capitolo 5. Un fenomeno di non linearità: l effetto Wind-up Descrizione del fenomeno Effetto Wind-up sul sistema di Cruise Control La soluzione Anti Wind-up 36 Conclusioni 37 Bibliografia 38 III

4 Introduzione Possono ricondursi agli anni del secondo sviluppo industriale del XIX secolo e a tutto il secolo scorso le origini e lo sviluppo di settori ingegneristici legati all automazione e all informatica, dei quali obiettivo comune è quello di favorire il progresso tecnologico a mezzo di progettazione di macchine che, in maniera autonoma ed automatica, rendano sempre meno indispensabili l attività e il lavoro dell uomo. La storia dopotutto racconta, e racconterà prevedibilmente ancora di più in futuro, di anni che hanno visto un rapido sviluppo, sempre più consistente e notevole, di macchine opportunamente ideate e progettate per realizzare attività sostitutive ad un lavoro finora manuale: è un operazione che trova oggi la sua vertigine nella progettazione di sistemi mirati al controllo di processi o all elaborazione di dati, i cui vantaggi sono indiscutibili e evidentemente legati ad un risparmio di risorse umane e ad un miglioramento significativo in termini di performance. Soprattutto, al di là di una chiave di lettura strettamente industriale, l avvento dell automazione e dell informatica ha evidentemente presentato il preludio ad una vita più comoda, più facile, più semplice, favorita dalle attività che calcolatori, circuiti e macchine compiono automaticamente per noi. È in questo contesto che è possibile giustificare e comprendere la nascita di tecniche e di tecnologie che oggi circondano il nostro quotidiano, facilitano le nostre attività e concorrono alla realizzazione delle stesse, svincolandoci dall esecuzione di lavori eventualmente pesanti o pericolosi. Obiettivo di quest elaborato è dunque quello di fornire, in maniera rigorosa ed analitica, una 4

5 presentazione di una delle tecnologie più comuni e più vicine alla vita quotidiana, e che quindi in questo senso ben si contestualizza nello scenario presentato, ma dalla trattazione non banale: il sistema di cruise control o controllo di crociera. Per quanti ancora non abbiano avuto finora l occasione o l opportunità di guidare alcune delle più moderne automobili, si sappia che il cruise control è un sistema installato e utilizzato su un autovettura che si occupa di regolare automaticamente la velocità del veicolo ad un valore di riferimento, anche a fronte di disturbi indesiderati legati ad esempio alla pendenza del fondo stradale. Preliminarmente ad ogni tipo di analisi, è opportuno innanzitutto distinguere la tipologia e la funzionalità di alcuni componenti che in questo contesto entrano in gioco: un sistema o processo: la realtà d interesse, regolata da leggi fisiche, che si desidera controllare. Nel nostro caso, è l autovettura in esame. un sensore: un dispositivo che si occupa di effettuare una misurazione della grandezza in esame che si desidera controllare e correggere. È una stima, e come tale può essere affetta da incertezza, rumore o ritardi. In questo contesto, parleremo di un sensore di velocità; un controllore: il componente incaricato di elaborare e calcolare una legge di controllo soddisfacente alle specifiche di progetto, ovvero un algoritmo che calcoli l azione di controllo in funzione dei valori misurati dal sensore. È l oggetto principale del nostro studio, in quanto il comportamento risultante del sistema e quindi la velocità che dovrà assumere l automobile sono vincolati alle scelte di progetto effettuate su questo componente. Nel nostro caso, quindi, è incaricato di valutare la variazione di velocità che deve essere apportata all autovettura per raggiungere la velocità desiderata; un attuatore: un dispositivo incaricato di mettere in atto, di attuare, appunto, la legge di controllo elaborata dal controllore. Le autovetture utilizzano un attuatore che interviene sulla posizione della valvola a farfalla. Tale valvola controlla il momento torcente rilasciato dal motore, che è trasmesso attraverso gli ingranaggi e 5

6 le ruote, generando così una forza che muove l automobile ([1]). disturbi Velocità di riferimento Controllore Attuatore Sistema Sensore La trattazione in merito che segue, dunque, si svilupperà nei seguenti passi: Nel Capitolo 1 si presenteranno in modo generale le caratteristiche e gli aspetti principali del problema che abbiamo intenzione di trattare. Si realizzeranno una modellistica, un analisi e una sintesi preliminari, di tipo qualitativo, che brevemente evidenzieranno la struttura e il comportamento del sistema sia in assenza che in presenza di un azione di controllo. Nel Capitolo 2, quindi, si discuterà ampiamente del problema lavorando nel modello di rappresentazione dello spazio di stato. Si ricaverà, a livello teorico, il progetto di un controllore in grado di garantire il raggiungimento della velocità desiderata. Nel Capitolo 3, lo studio viene effettuato nel dominio di Laplace mediante le funzioni di trasferimento del sistema. Si effettuerà la sintesi del controllore valutando la funzione d anello del sistema e la funzione di trasferimento del sistema a ciclo chiuso. Nel Capitolo 4, si validerà la progettazione dei controllori sintetizzati nel Capitolo 3 mediante il supporto del calcolatore e dell ambiente MATLAB, permettendo di verificare l efficacia dei risultati prodotti anche grazie alla visualizzazione di grafici a supporto. 6

7 Nel Capitolo 5, infine, si affronterà una problematica legata alla natura del sistema di cruise control e in generale di qualsiasi altro sistema di controllo dalla progettazione analoga, ovvero il fenomeno di wind-up. Si illustrerà in tal senso l origine del fenomeno e una delle possibili soluzioni che possono essere adoperate per far fronte al problema. 7

8 Capitolo 1 Presentazione del problema Figura 1. Schema generale di controllo di un sistema. Sono stati evidenziati gli ingressi e le uscite degli attuatori e dei sensori. In generale, la presenza degli attuatori e dei sensori all interno dello schema di controllo introduce un grado maggiore di complessità legato alla loro non idealità, dovuta ad esempio a fenomeni di saturazione: con riferimento alla Figura 1, ciò che ne consegue è che la velocità misurata dal sensore non coincide esattamente con la velocità corrente dell autovettura dell attuatore. Analogamente, l ingresso fisico che agisce sul sistema per mezzo non coincide con il risultato prodotto dalla logica di controllo. La nostra trattazione si riserverà, ad ogni modo, di studiare il problema nell ipotesi in cui entrambi i dispositivi siano ideali, per cui ipotizzeremo: 8

9 Poste queste ipotesi semplificative, per ricavare un modello matematico rigoroso su cui lavorare con validi strumenti teorici, concentriamo la nostra attenzione sul sistema da controllare, vale a dire sulla nostra automobile. 1.1 Modellistica Un modello matematico può essere ricavato sfruttando le equazioni differenziali ordinarie: attraverso di esse sarà possibile, note opportune condizioni iniziali, evidenziare il bilanciamento delle leggi fisiche in gioco nel sistema. Da un punto di vista prettamente fisico, l automobile è un corpo con una data massa, che, per effetto di una forza opportuna applicata su di essa, si muove con una certa velocità. Formalmente, con riferimento al seguente schema: u Automobile y Sia u la forza applicata in ingresso all automobile e prodotta dal momento torcente del motore per effetto della valvola a farfalla, e sia y la velocità dell automobile risultante. Sia inoltre un disturbo o ingresso non manipolabile, legato a un generico fenomeno fisico che può intervenire sul sistema e sul quale non abbiamo possibilità di controllo. Siano inoltre m la massa dell automobile, c il coefficiente di attrito del suolo stradale, e sia F la forza risultante. Si avrà: nell ipotesi che la velocità dell automobile all istante iniziale sia nulla, cioè y(0) = Analisi In una prima analisi preliminare, dunque, supponiamo di essere in condizioni tali da poter assumere = 0. Supponiamo dunque di voler controllare la velocità dell automobile ad un 9

10 valore di riferimento costante pari a. La scelta più intuitiva e immediata che possiamo pensare di effettuare è selezionare un ingresso u per l automobile che sia esattamente proporzionale al valore di riferimento, cioè: dove k è una costante detta guadagno di controllo. L equazione differenziale di cui sopra ci permette di ricavare in modo molto agevole il valore della velocità raggiunta dal sistema avendo applicato costantemente l ingresso indicato. Si avrà infatti: Possiamo quindi, in teoria, progettare il guadagno k in modo tale che sia k = c, per ottenere così un uscita del sistema (la velocità dell automobile) esattamente uguale al valore desiderato. Nella pratica, però, questo tipo di scelta non evidenzia una soluzione ottimale, in quanto è evidentemente irragionevole l idea di dover misurare il valore di attrito della strada. Supponiamo ora che sia In questo caso l equazione differenziale del modello diventa: e la risposta sarà: In presenza del disturbo, il controllore non è robusto, in quanto in questo caso la velocità finale del sistema varia di una quantità sulla quale non abbiamo nessun tipo di controllo. L inefficienza di questo tipo di soluzione risiede nel fatto che l ingresso u non dipende mai 10

11 dalla reale velocità dell automobile, ma solo dalla velocità di riferimento. Si parla in tal caso di analisi a ciclo aperto del sistema: l informazione sullo stato corrente del sistema non è utilizzata nella progettazione dell azione di controllo, che dipende solo dallo stato desiderato. Il diagramma a blocchi che possiamo ricavare da questo tipo di soluzione è quindi il seguente: δ u k Sistema y L intenzione sarebbe quella di prevedere dunque un azione di controllo che dipenda anche dalla velocità corrente della vettura, e quindi dipendente dal comportamento corrente del sistema. 1.3 Sintesi La sintesi del controllore necessario a soddisfare la regolazione automatica della velocità dell auto come richiesta può prevedere un ingresso di controllo che sia di tipo proporzionale: dove k è una generica costante di proporzionalità, è detto errore di controllo, e individua lo scarto tra la velocità di riferimento desiderata e la velocità corrente del sistema. In questo caso lo schema a blocchi diventa: e u k Sistema y Si evidenzia qui la presenza di un meccanismo di retroazione, per il quale l uscita prodotta dal sistema si ripresenta in ingresso al controllore che potrà valutare quindi un opportuno 11

12 controllo in funzione della velocità corrente dell automobile. Come prima, assumiamo il caso in cui sia = 0. In questo caso, l equazione differenziale diventa: A regime, avremo: Possiamo allora pensare di scegliere, in modo da eliminare la dipendenza della risposta dal coefficiente di attrito c. In realtà, elevati valori del guadagno non sono sempre desiderabili, in quanto richiedono uno sforzo di controllo eccessivo, legato all energia che abbiamo materialmente a disposizione e al costo di progetto. È necessario quindi trovare un compromesso tra i due aspetti. Osserviamo ad ogni modo che in queste condizioni (, riusciamo a rendere l errore a regime estremamente piccolo: In presenza di eventuali disturbi esterni, invece, posto quindi, si ha: Si osserva facilmente che per, riusciamo a rendere l uscita del sistema prossima a quella desiderata, e allo stesso tempo riusciamo a rigettare il disturbo indesiderato, minimizzando l effetto dei disturbi. Si parla in questo caso di reiezione del disturbo, ed è un aspetto molto significativo per un sistema di controllo in quanto influenza pesantemente le prestazioni dell intero sistema. 12

13 1.4 Effetti della retroazione sul transitorio Supponendo, osserviamo che l equazione differenziale in esame può anche essere scritta come: La formulazione logico-matematica dell azione di controllo, per il sistema a ciclo chiuso, si traduce sul sistema in una variazione virtuale del coefficiente di attrito della strada: variando k stiamo praticamente cambiando la natura stessa della descrizione matematica del sistema, e possiamo quindi alterarne le proprietà transitorie. In presenza di questa legge di controllo, è come se il sistema fosse descritto non più dall equazione originaria, ma da un sistema meccanico in cui la forza elastica è data da. La velocità dell automobile, cioè l uscita del sistema, può essere espressa quindi come: dove è una soluzione particolare dell equazione differenziale. Un aumento del guadagno k, dunque, influisce positivamente sulla dinamica del sistema rendendola più veloce, poichè il transitorio si esaurisce in un tempo minore. Nella realtà, però, più grande è il valore di k, più il sistema tende verso l instabilità. È lo stesso principio per il quale una vecchia automobile, sollecitata a raggiungere elevate velocità, inizia a esibire delle piccole oscillazioni. È il fenomeno non lineare più semplice che possa portare un sistema che non preveda oscillazioni a oscillare, conosciuto con il nome di Biforcazione di Hopf. 1.5 Azione Integrale La legge di controllo analizzata nei paragrafi precedenti è di tipo proporzionale, poiché l ingresso applicato al sistema è direttamente proporzionale all errore di controllo tra la velocità corrente del sistema e la velocità di riferimento. Una legge di questo tipo, tuttavia, 13

14 non è in grado di garantire che tale errore, a regime, si annulli: il risultato che si ottiene è che, dopo un certo tempo transitorio, la velocità dell autovettura si stabilizzi ad una data velocità con un certo scarto di errore rispetto a quella di riferimento desiderata. Faremo vedere allora che un errore a regime nullo è conseguibile soltanto in presenza di un azione integrale da parte del controllore, tale cioè da calcolare l ingresso del sistema come: In questo modo, infatti, otteniamo: Da qui, derivando, possiamo eliminare il segno di integrale: La velocità finale del sistema coincide esattamente con la velocità desiderata. 14

15 Capitolo 2 Modellistica, analisi e sintesi nello spazio di stato La soluzione che presenteremo in questo capitolo è descritta in una rappresentazione detta rappresentazione in spazio di stato o state-space. Questo tipo di rappresentazione permette di modellare un sistema fisico mediante equazioni differenziali ordinarie in cui gli insiemi di ingressi, uscite e stati sono espressi mediante dei vettori. Dalla Teoria dei Sistemi, possiamo dire che, se il sistema è lineare e tempo-invariante (LTI), allora il suo modello nello spazio di stato può essere scritto come: Dove:,. In questo capitolo cercheremo di rappresentare il nostro sistema in questa forma, ci preoccuperemo quindi di valutare una legge di controllo che sia conforme a questo modello e che ci permetta di individuare le variabili di progetto necessarie per soddisfare l obiettivo di controllo. 2.1 Modello nello spazio di stato Partiamo dall equazione differenziale già nota e incontrata nel precedente capitolo: 15

16 Scegliamo come variabile di stato del nostro sistema la velocità y dell automobile, quindi assumiamo. Avremo: Posto: e considerando anche la presenza di disturbi esterni indesiderati, si ottiene: 2.2 Progetto del controllore a retroazione nello spazio di stato Il controllore che cercheremo di progettare sfrutterà un meccanismo di retroazione: ciò implica che l ingresso calcolato dalla legge di controllo dipenda, oltre che dalla velocità di riferimento desiderata, anche dallo stato del sistema, che abbiamo indicato come la velocità dell automobile. È per questo motivo che si parla, in questo caso, di controllo a retroazione di stato. Formalmente quindi, e con riferimento al modello nello spazio di stato ricavato nel paragrafo precedente, la legge di controllo, di tipo proporzionale, può essere progettata come: dove r è il riferimento,. 16

17 2.2.1 Azione integrale nello spazio di stato Abbiamo accennato che un controllore di tipo proporzionale non è in grado di annullare completamente l errore di regime. Formalmente, infatti, si avrà: e l uscita non sarà mai esattamente pari a r. Il controllore deve contenere allora un azione integrale, e si parla in tal caso di Controllore PI (Proporzionale - Integrale). Consideriamo, quindi, un termine aggiuntivo dipendente dall integrale dell errore: Rivediamo allora il modello nello spazio di stato del sistema, esteso a quest informazione aggiuntiva: che, in forma matriciale, può essere vista come: Vogliamo dunque calcolare una nuova azione di controllo per questo nuovo sistema. Sarà sufficiente selezionare o progettare un controllore a retroazione di stato tale da rendere la dinamica asintoticamente stabile, poiché in tal caso il sistema convergerà verso il suo punto di equilibrio, nel quale vale che: 17

18 Per giungere a questo risultato, scegliamo una legge di controllo che sia del tipo: A ciclo chiuso, il sistema si può scrivere nella forma: O equivalentemente, in forma matriciale: Affinché il sistema sia asintoticamente stabile e converga verso il suo punto di equilibrio, dobbiamo scegliere e in modo tale che gli autovalori della matrice siano a parte reale negativa. Si avrà infatti che: Si osservi che tale risultato è conseguibile indipendentemente dal valore di nella prima dinamica, e può quindi essere omesso dalla legge di controllo. Possiamo ora applicare le considerazioni fatte al nostro sistema in esame, e ricavare quindi delle condizioni sulle variabili di progetto e tali da permettere all autovettura di raggiungere una velocità esattamente pari alla velocità desiderata Progetto del controllore Riprendiamo il modello nello spazio di stato del nostro sistema: 18

19 L azione di controllo prevista per il nostro controllore sarà allora del tipo: A ciclo chiuso, il sistema può scriversi nella forma: e in forma matriciale si ha: Poiché la matrice A ha dimensionalità 2x2, possiamo agevolmente calcolare il polinomio caratteristico e dunque i suoi autovalori come: dove è la somma degli elementi della diagonale principale, e è il determinante della matrice. Si avrà: Per il Criterio di Cartesio, il sistema risulterà asintoticamente stabile se i coefficienti del polinomio caratteristico sono tutti positivi. Le condizioni da imporre dunque sono: 19

20 Le scelte di progetto sulle variabili e devono essere dunque fatte in modo da rispettare queste due condizioni, così da ottenere: In questo caso, avremo: 20

21 Capitolo 3 Funzione di trasferimento, analisi e sintesi nel dominio di Laplace Il progetto di un sistema di controllo può essere realizzato, oltre che a mezzo delle equazioni differenziali ordinarie e del modello ricavato nello spazio di stato, anche nel dominio di Laplace, rappresentando il sistema mediante una particolare funzione complessa a valori in campo complesso che prende il nome di funzione di trasferimento, definita come: Dove e sono rispettivamente la trasformata di Laplace del segnale d ingresso e del segnale d uscita. La funzione di trasferimento del nostro sistema, dunque, sarà: La funzione di trasferimento risulta essere uno strumento teorico molto efficiente attraverso il quale realizzare il progetto di un sistema di controllo, in quanto l individuazione degli autovalori è molto rapida, e il progetto del controllore è riconducibile allo studio della funzione di trasferimento del sistema a ciclo chiuso, esprimibile come: 21

22 L analisi e la sintesi del sistema, in particolare, vertono sullo studio della funzione d anello, mediante l utilizzo del luogo delle radici del sistema, ovvero il luogo nel piano complesso in cui si spostano gli autovalori del sistema al variare del guadagno. L obiettivo di controllo sul raggiungimento della velocità desiderata può non essere l unico richiesto in un generico progetto di sintesi del controllore previsto per il sistema in esame. A scopo puramente illustrativo, per sottolineare con chiarezza l efficacia dell azione integrale a supporto di quella proporzionale, immaginiamo che, oltre al raggiungimento di una velocità di riferimento, sia richiesto che tale raggiungimento avvenga in un tempo limitato. Imponiamo, ad esempio, che il tempo di assestamento, cioè il tempo impiegato affinchè la velocità dell autovettura si stabilizzi al valore desiderato, sia minore di 10s: Contestualmente, immaginiamo di dover rispettare una specifica meno rigida sulla velocità finale del sistema, potendo permetterci, ad esempio, un errore a regime inferiore al 5%: In questo contesto possiamo sintetizzare qualsiasi tipo di controllore, semplicemente combinando gli effetti delle azioni Proporzionale, Integrale, Derivativa (Regolatori PID). Va detto che i risultati che di qui ai paragrafi successivi saranno ottenuti sono stati calcolati considerando il caso, assolutamente realistico, in cui si abbia: 3.1 Sintesi di un controllore proporzionale Supponiamo dunque di dover progettare un controllore di tipo Proporzionale: 22

23 La funzione d anello e la funzione di trasferimento a ciclo chiuso del nostro sistema sono rispettivamente: Traducendo le specifiche imposte, si ha che: Dallo studio sul luogo delle radici sulla funzione d anello, si verifica che un buon valore del guadagno proporzionale che soddisfi le specifiche è (Figura 2): Figura 2. Rappresentazione del luogo delle radici della funzione d anello. In giallo è evidenziata la regione di non ammissibilità imposta dalla specifica sul tempo di assestamento. Si osservi in basso il valore del guadagno ( ) che permette di posizionare l autovalore della funzione di trasferimento a ciclo chiuso nella regione desiderata ( ). Nel Capitolo 4 si osserverà nel dettaglio in che misura tale valore è soddisfacente rispetto ad altri valori arbitrari. Ad ogni modo, come abbiamo già detto, per una regolazione che garantisca un errore a regime esattamente nullo è necessario introdurre un azione integrale, che nel dominio di Laplace si traduce con l aggiunta di un polo nell origine nella funzione d anello. 23

24 3.2 Sintesi di un controllore proporzionale - integrale Scegliamo allora di utilizzare un controllore la cui funzione di trasferimento sia espressa come: La funzione d anello e la funzione di trasferimento del sistema a ciclo chiuso sono rispettivamente: Come è stato possibile evincere anche dal paragrafo precedente, la taratura dei guadagni è un processo fondamentale nella progettazione di un sistema di controllo. Tale regolazione può avvenire, nota la funzione di trasferimento del sistema, nel dominio del tempo, nel dominio di Laplace o nel dominio della frequenza, così da selezionare valori dei guadagni che soddisfino le specifiche. Nell ambito industriale, tuttavia, non sempre la funzione di trasferimento del sistema è resa disponibile, motivo per il quale sono stati introdotti dei metodi di taratura automatica, di natura esclusivamente empirica, che consentono di regolare automaticamente i guadagni di un sistema pur non conoscendone la funzione di trasferimento, al costo, evidentemente accettabile, di una minore precisione ed esattezza rispetto alle specifiche imposte. In questa circostanza vogliamo mostrare l efficacia di un particolare metodo di taratura automatica, che va sotto il nome di Metodo di Ziegler-Nichols a ciclo aperto, per confrontarne quindi l efficacia con i risultati prodotti dalla regolazione automatica di un calcolatore Taratura dei guadagni con il metodo di Ziegler Nichols a ciclo aperto Supponendo di non conoscere la funzione di trasferimento del nostro sistema in esame, l idea di partenza è quella di ipotizzare che tale funzione sia approssimabile alla seguente: 24

25 Dove è il guadagno, la costante di tempo equivalente e il ritardo equivalente. E possibile stimare tali valori dall andamento della risposta al gradino del sistema a ciclo aperto, dopodiché si regoleranno i guadagni del controllore in funzione delle stime effettuate. La risposta al gradino del sistema risulta avere questo andamento: Figura 3 Risposta al gradino del sistema a ciclo aperto, in cui è stata evidenziata la retta tangente alla curva nel punto di massima pendenza per la stima di e Da qui, per la stima di tracciamo la retta tangente al grafico nel punto di massima pendenza del transitorio (in rosso). I punti di intersezione intercettati con l asse dei tempi e con il valore di regime (scelto come stima del guadagno ) sono scelti rispettivamente come stima di. Nel nostro caso, abbiamo: La regolazione dei guadagni, a questo punto, si effettua con l ausilio della tabella di Ziegler-Nichols a ciclo aperto, per la quale i guadagni risultano essere, a seconda del controllore utilizzato, e in funzione delle stime valutate: Regolatore P: ; ; ; Regolatore PI: ; ; ; Regolatore PID: ; ; ; 25

26 Si riserva al capitolo successivo il compito di mostrare la misura dell efficacia di questo metodo di taratura, confrontando i risultati ottenuti con quelli ricavati analiticamente o al calcolatore Taratura dei guadagni al calcolatore Si può verificare che due buoni valori dei guadagni e sono sicuramente. A questi risultati si è giunti realizzando una regolazione automatica del controllore PI mediante calcolatore, la cui trattazione è riservata al capitolo successivo, in cui ci occuperemo anche di mostrare la validità di tali risultati, e la capacità di un controllore PI di annullare l errore a regime. 26

27 Capitolo 4 Simulazione al calcolatore La bontà della trattazione teorica finora esaminata può essere validata attraverso l utilizzo di un potente strumento di calcolo diffusissimo in tutti i settori industriali nei quali siano richiesti calcoli numerici e analisi statistiche, ovvero l ambiente MATLAB. MATLAB è un linguaggio di alto livello e un ambiente interattivo per il calcolo numerico, l'analisi e la visualizzazione dei dati e la programmazione ([2]), e nel nostro caso ci consentirà di simulare virtualmente dei casi realistici del sistema trattato, ovvero la nostra automobile: potremo osservare il comportamento del sistema sotto specifici ingressi esemplificativi e scelte di progetto determinate, potendo quindi valutare in che misura queste possono dirsi efficienti per il conseguimento dell obiettivo desiderato. In accordo con l approccio finora utilizzato, di tipo trial and error, mostriamo le dinamiche del sistema prima in presenza di un controllore che utilizzi la sola azione proporzionale (P), e successivamente in presenza di un controllore che combini anche l azione integrale (PI). Ricordiamo, inoltre, che il caso realistico che stiamo esaminando prevede: dovendo rispettare le seguenti specifiche: 27

28 4.1 Simulazione con controllore proporzionale Ricordiamo che la funzione di trasferimento del sistema a ciclo chiuso, in caso di controllore proporzionale, è: Nel capitolo precedente abbiamo osservato, mediante calcoli analitici, che un buon valore del guadagno di controllo per le specifiche imposte è. Supponiamo allora di voler osservare la dinamica del sistema in tre casi differenti: a), b), c) ingresso:. Dalla Command Window di MATLAB, dunque, impostiamo i seguenti dati in m = 1000; c= 70; r = 100; kp = 6; % b) kp = 63; c) kp = 630; num = [kp]; den = [m c+kp]; step(r*num,den); A seconda del valore impostato per, il calcolatore esibisce i seguenti grafici digitando il comando step(r*num,den); : 28

29 Figura 4. Risposte al gradino del sistema con controllore proporzionale in cui sia: a) ; b) ; c) ; È immediato verificare che nei casi a) e b) l uscita del sistema non si comporta secondo le specifiche richieste, richiedendo ben più di 10s per assestarsi a un valore di regime che è comunque lontano da quello nominale. Il caso c), invece, rispetta sia la specifica sul tempo di assestamento che sull errore a regime: la dinamica dell uscita esaurisce il transitorio in meno di 10s e si assesta ad un valore di regime che è prossimo a quello nominale. 4.2 Simulazione con controllore proporzionale integrale Verifichiamo ora la validità del controllore PI progettato nel capitolo precedente per richiedere un errore a regime nullo, e quindi una velocità reale del sistema esattamente pari a quella desiderata. Ricordando l espressione della funzione di trasferimento del sistema a ciclo chiuso: 29

30 Si è detto che la coppia di valori di e che può soddisfare le specifiche è. La scelta di questi valori è stata eseguita utilizzando Simulink, un ambiente grafico per la simulazione multi dominio e il Model-Based Design ([3]), che si occupa della modellazione, dell analisi e della sintesi di sistemi dinamici. Parallelamente, abbiamo effettuato una taratura automatica dei guadagni mediante il metodo di Ziegler-Nichols a ciclo aperto. Confrontiamo dunque i risultati ottenuti con le due strategie diverse, e osserviamone le differenze. Con Simulink è possibile realizzare una rappresentazione grafica dello schema di controllo, indicando con chiarezza il sistema da controllare e il controllore utilizzato, oltre a uno scope incaricato di visualizzare l uscita a video. Con riferimento alla Figura 5, lo schema di controllo dell automobile è stato così rappresentato: Figura 5. Schema di controllo con retroazione mediante controllore PI Il blocco interposto tra il sommatore e il sistema dell automobile, il PID Controller, implementa gli algoritmi di controllo PID sia a tempo continuo che a tempo discreto e permette di regolare automaticamente i guadagni del controllore grazie alla funzionalità Tune. Questa funzionalità fornisce un interfaccia grafica estremamente semplice e intuitiva, attraverso la quale è possibile osservare in che misura la dinamica del sistema cambia modificando i parametri desiderati (Figura 6): 30

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima).

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Il controllo in cascata si usa per migliorare la risposta al setpoint, e soprattutto al disturbo di

Dettagli

CONTROLLO A RETROAZIONE

CONTROLLO A RETROAZIONE Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Controlli Automatici CONTROLLO A RETROAZIONE Anno Accademico 2011/2012 Candidato: Maffettone Sara matr. N46000474 A Marco,

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Prof. Luigi Glielmo Università del Sannio L. Glielmo 1 / 23 Contenuto della presentazione Controllori PID Metodi di taratura in anello aperto

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE PID: DESIGN TECHNIQUES AND IMPLEMENTATION ISSUES Relatore: Laureando: Prof.ssa Maria Elena Valcher Davide Meneghel Corso di Laurea in

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Esercizi in MATLAB-SIMULINK

Esercizi in MATLAB-SIMULINK Appendice A Esercizi in MATLAB-SIMULINK A.1 Implementazione del modello e del controllo di un motore elettrico a corrente continua A.1.1 Equazioni del modello Equazioni nel dominio del tempo descrittive

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTOLLO di un MOTOE ELETTICO a COENTE CONTINUA 1. EQUAZIONI DEL MODELLO Equazioni nel dominio del tempo descrittive del Modello elettromagnetico

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale REGOLATORI STANDARD PID Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Regolatori PID Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Regolatori PID CENNI STORICI

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Controlli Automatici Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

La misura della resistenza di terra

La misura della resistenza di terra La misura della resistenza di terra Saveri Gianluigi 1. Generalità I rilievi strumentali da effettuare sugli impianti di terra hanno lo scopo, vista l importanza che riveste l impianto dal punto di vista

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Sistemi di controllo (già analizzati) Tempo continuo (trasformata di Laplace / analisi in frequenza) C(s) controllore analogico impianto attuatori

Dettagli

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO Ing. Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

DEGLI STUDI DI PALERMO UNIVERSITÀ. Tesina di Robotica Industriale. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione

DEGLI STUDI DI PALERMO UNIVERSITÀ. Tesina di Robotica Industriale. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione Tesina di Robotica Industriale Allievi: Roberto Rabbeni Stefania Maria Collura Docente:

Dettagli

Trasformate di Laplace

Trasformate di Laplace TdL 1 TdL 2 Trasformate di Laplace La trasformata di Laplace e un OPERATORE funzionale Importanza dei modelli dinamici Risolvere equazioni differenziali (lineari a coefficienti costanti) Tempo t Dominio

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

RoboQuaderno. Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale. Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015

RoboQuaderno. Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale. Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015 RoboQuaderno Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015 Sommario Il quaderno illustra la struttura generale di un sistema di controllo, molto

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Corso Tecnologie dei Sistemi di Controllo. Tecniche di taratura di un PID

Corso Tecnologie dei Sistemi di Controllo. Tecniche di taratura di un PID Corso Tecniche di taratura di un PID Ing. Valerio Scordamaglia Università Mediterranea di Reggio Calabria, Loc. Feo di Vito, 89060, RC, Italia D.I.M.E.T. : Dipartimento di Informatica, Matematica, Elettronica

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia Università degli studi di Salerno Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629 Traccia SINGLE LOOP CUSTOM PROCESS con Process Model = Disturbance Model 1. adotta un controllore PID ideale

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Introduzione. Modellizzazione: descrizione di un fenomeno fisico (biologico) con linguaggio matematico.

Introduzione. Modellizzazione: descrizione di un fenomeno fisico (biologico) con linguaggio matematico. Introduzione Modellizzazione: descrizione di un fenomeno fisico (biologico) con linguaggio matematico. Alcuni aspetti da tenere presenti: * range di validita del modello; * "profondita " o "risoluzione"

Dettagli

UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof.

UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof. UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo 1 Indice UNIT 2 I modelli matematici ricchi di informazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Caratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TECNICHE 06-02 - 1998. RigaSoft

Caratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TECNICHE 06-02 - 1998. RigaSoft aratteristiche dinamiche e criteri di messa a punto dei regolatori P.I.D. NOTE TENIHE 06-02 - 1998 RigaSoft 2 >

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Rappresentazione nello spazio degli stati

Rappresentazione nello spazio degli stati Chapter 1 Rappresentazione nello spazio degli stati La modellazione di un sistema lineare di ordine n, fornisce un insieme di equazioni differenziali che una volta trasformate nel dominio discreto, possono

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Indice UNIT

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE E DELL APPROCCIO CLASSICO : a) Fa riferimento essenzialmente al dominio

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Orlando Allocca Regolatori standard

Orlando Allocca Regolatori standard A09 159 Orlando Allocca Regolatori standard Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4882-7

Dettagli

Proprieta` dei sistemi in retroazione

Proprieta` dei sistemi in retroazione Proprieta` dei sistemi in retroazione Specifiche di controllo: errore a regime in risposta a disturbi costanti errore di inseguimento a regime quando il segnale di riferimento e` di tipo polinomiale sensibilita`

Dettagli

Una definizione di stabilità più completa di quella precedentemente introdotta fa riferimento ad una sollecitazione impulsiva.

Una definizione di stabilità più completa di quella precedentemente introdotta fa riferimento ad una sollecitazione impulsiva. 2. Stabilità Uno dei requisiti più importanti richiesti ad un sistema di controllo è la stabilità, ossia la capacita del. sistema di raggiungere un stato di equilibrio dopo la fase di regolazione. Per

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio Capitolo 2: I guadagni dallo scambio 2.1: Introduzione Questo capitolo, sebbene di natura introduttiva, permette di raggiungere importanti conclusioni. In esso si mostra come lo scambio possa dare vantaggi

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Un sistema di controllo digitale è costituito da elementi a tempo continuo (il processo da controllare, l attuatore, il trasduttore analogico, il filtro

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite. Volume 1

Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite. Volume 1 A09 158 Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite Volume 1 Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli