Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna"

Transcript

1 Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna

2 La situazione Crisi finanziaria globale Macro-effetti: Crisi del mercato finanziario nel senso più lato del termine (azioni, obbligazioni, risparmio gestito). Difficoltà operative nel sistema bancario Quale politica monetaria? Quali modelli di banca per il futuro? M.Marzo - Crisi Finanziaria 2

3 Piano della presentazione Breve analisi della crisi Cartolarizzazione e CDO. Cosa sono i titoli tossici e perchè sono tali? Rischi per il futuro. Le condizioni sul mercato monetario Il deleveraging M.Marzo - Crisi Finanziaria 3

4 La crisi All origine della crisi vi è una combinazione di tre fattori fondamentali: 1. Politica monetaria fine anni 90 eccessivamente accomodante nei confronti delle esigenze del mercato azionario. 2. Rapida crescita del grado di innovazione finanziaria e mutamento del ruolo del sistema bancario 3. Presenza di incentivi di vario genere (più o meno occulti) che hanno portato ad una generale mispricing del rischio. Più in dettaglio, possiamo individuare anche altri fattori. a) Crescita abnorme del prezzo degli immobili b) Enorme asimmetria informativa nel mercato delle obbligazioni strutturate. M.Marzo - Crisi Finanziaria 4

5 Differenze ed analogie con crisi precedenti Ci sono particolari differenze tra questa crisi e altre che si sono verificate nel corso degli ultimi due secoli in varie parti del mondo? Una fondamentale differenza ora c è: Non sappiamo ancora dove il rischio vero è localizzato. M.Marzo - Crisi Finanziaria 5

6 Differenze ed analogie con crisi precedenti Nelle crisi precedenti, il rischio era localizzato (principalmente negli asset delle banche). Il panico che si è diffuso è esattamente il risultato dell incredibile incertezza diffusasi con i derivati (ABS-CDO) nei portafogli di tutto il mondo. Purtroppo, anche nel risparmio gestito. M.Marzo - Crisi Finanziaria 6

7 Securitization/Cartolarizzazione 1 Negli ultimi 20 anni la prassi di fare banca ha subito mutamenti cruciali. Passaggio dal modello Originate to hold al modello Originate to distribute Originate to Hold: modello classico di banca nel quale I prestiti erogati sono in stretta connessione con i depositi e non vengono distribuiti esternamente. Originate to distribute: in un mondo in cui il tasso di risparmio è cronicamente decrescente, I depositi non possono generare assets. Pertanto, la distribuzione dei crediti, attraverso la securitization (o cartolarizzazione) dei medesimi, permette di allargare il perimetro di business della banca, senza forzare il suo patrimonio di vigilanza. M.Marzo - Crisi Finanziaria 7

8 Securitization/Cartolarizzazione 2 Tecnicamente, la cartolarizzazione permette di scorporare il rischio di un portafoglio di prestiti senza utilizzare derivati espliciti costruiti su di essi. Ruolo cruciale è svolto da una SPV che acquista il protagolio crediti con l emissione di una serie di bonds con diversi livelli di seniority: I senior sono acquistati da investitori istituzionali; I junior (first loss) sono acquistati dalla banca stessa. L ammontare junior sottoscritto dalla banca incide sul rating dei bond senior: maggiore sarà, migliore sarà il rating dei bond emessi. M.Marzo - Crisi Finanziaria 8

9 Prodotti strutturati Cartolarizzazione avviene con prodotti strutturati (ABS CDO, ecc.). Pro e contro. PRO Il credit risk transfer implicito riesce a meglio riorganizzare il rischio connesso all attività di prestito nelle mani di chi meglio è in grado di gestirlo. Banche: detengono la parte di equity Fondi pensione: detengono gli asset AAA Hedge Funds: mezzanine e parti più rischiose Problema Serio: il rischio è rimasto prevalentemente all interno del sistema bancario, dal momento che le banche hanno detenuto titoli strutturati (AAA) per fare leverage. M.Marzo - Crisi Finanziaria 9

10 Prodotti Strutturati CONTRO Arbitraggio regolamentare: attraverso le SPI attenuazione requisiti patrimoniali di Basilea 1. Sovrastima del valore delle tranche senior. Dovuto ad un eccesso di fiducia nei confronti del mercato immobiliare, motivato anche da basse correlazioni esistenti tra le fluttuazioni immobiliari tra diversi stati USA. Arbitraggio sul rating: Il trasferimento di asset a SPV/SIV per emettere bond con rating AAA invece di A, permette alle banche di: (i) non modificare il PROPRIO rating; (ii) riacquistare titoli AAA consente una minore quota di accantonamenti rispetto agli asset cartolarizzati, secondo Basilea 2. M.Marzo - Crisi Finanziaria 10

11 Prodotti strutturati CONTRO Utilizzo eccessivo della tranche AAA per esigenze di liquidità. Elevate posizioni levereggiate su titoli di classe A, consente un maggiore rendimento. Difficile pricing del rischio, specialmente con CDO di classe AAA. Ma rischio implicito di illiquidità. M.Marzo - Crisi Finanziaria 11

12 Giudizio parziale sui prodotti strutturati In generale, tuttavia, l utilizzo di strumenti subordinati permette una migliore redistribuzione del rischio e libera risorse nell attivo della banca permettendo un espansione dell attività di prestito. Attenzione: tale procedura taglia il legame con i depositi, che è alla base della teoria bancaria tradizionale (Tobin). Ciò è una necessità impellente: in un mondo con bassi depositi, il ricorso ai prodotti strutturati è inevitabile per la generazione di risorse per il credito. E l utilizzo fraudolento di tale strumento che ha generato il problema. M.Marzo - Crisi Finanziaria 12

13 Subprime Quali sono I problemi con il subprime? Perchè ha creato così tanti problemi? Risposta: tecnicamente il subprime funziona finchè il prezzo degli immobili è in crescita. Infatti, I default rates si mantengono accettabili, per il tipo di qualità di credito che è definita nel subprime. Il debito subprime è soggetto a rinegoziazione forzosa dopo i primi due anni M.Marzo - Crisi Finanziaria 13

14 Subprime Nei primi due anni il tasso è fisso. Successivamente, se il debitore non rinegozia, deve subire un tasso proibitivo. Pertanto, se non è fallito prima, è pronto a rinegoziare,utilizzando la propria casa come collateral per il nuovo mutuo. Se il prezzo dell abitiazione è cresciuto, avrà la possibilità di rinegoziare a condizioni favorevoli. Se il prezzo dell abitazione è sceso, non riesce a rinegoziare in maniera sufficiente per ripagare il primo mutuo. Qui si innesta il default. E la catena di problemi inizia. M.Marzo - Crisi Finanziaria 14

15 Subprime Come si definisce suprime? Interagency Expanded Guidance for Subprime Lending Programs definisce il subprime come un creditore con almeno una delle seguenti caratteristiche : 1. Almeno 30gg di inadempienza negli ultimi 12 mesi, o almeno 60gg negli ultimi 24 mesi. 2. Bancarotta negli ultimi 5 anni 3. Alta capacità di default 4. Capacità limitata nell adempiere alle spese famigliari, dedotta la rata del mutuo. In generale un credito subprime prevede un LTV ratio dell %. Altra caratteristica fondamentale è la parzialità della documentazione effettivamente prodotta dal debitore subprime. Grazie a provvedimenti legislativi, infatti, la legge permette un buon grado di libertà nella definizione degli standards. M.Marzo - Crisi Finanziaria 15

16 I passi seguiti per la cartolarizzazione 1) Costituzione di uno SPV 2) Cessione di una parte dell attivo da parte della banca (originator) allo SPV che genera un repackaging degli asset ed emette titoli (ABS securities o RMBS) il cui ricavato è utilizzato per acquistare gli assets (i mutui). 3) Il collocamento sul mercato dei titoli emessi dallo SPV per finanziare l acquisto. M.Marzo - Crisi Finanziaria 16

17 La struttura base della cartolarizzazione M.Marzo - Crisi Finanziaria 17

18 Entità delle cartolarizzazioni M.Marzo - Crisi Finanziaria 18

19 La creazione del CDO Subprime Mortgage Bond AAA AA A BBB BB,NR High Grade ABS CDO Senior AAA Junior AAA AA A BBB NR Low Grade ABS CDO CDO 2 Senior AAA Senior AAA Junior AAA Junior AAA AA AA A A BBB BBB NR NR M.Marzo - Crisi Finanziaria 19

20 Una strada alternativa: le ABCP La struttura del CDO è molto complessa ed è un titolo che è previsto per un investimento di mediolungo termine. Esso è utilizzato da fondi pensione, assicurazioni per stabilizzare il rendimento del portafoglio. La componente AAA è strutturata ad elevata redditività. La banca originator, inoltre, si impegna con una serie di liquidity commitments a garantire liquidità allo SPV attraverso linee di credito finanziate attraverso le ABCP Asset Backed Commercial Paper, che sono garantite o da mortgage o da titoli di classe AAA (che possono essere I CDO stessi). M.Marzo - Crisi Finanziaria 20

21 ABCP Anche per gli ABCP l asset backed è il mortgage con scadenza medio-lungo termine. Ma la scadenza degli ABCP è molto più ravvicinata: un anno o meno. Maturity mismatch: a scadenza viene realizzata una nuova emissione di ABCP (rolling over). In questo modo, ABCP sono un alternativa al short term funding vicino ai depositi. In questo modo entro un orizzonte di breve termine le banche sono state costrette a creare un continuo rolling over del proprio debito a breve. M.Marzo - Crisi Finanziaria 21

22 Struttura ABCP La struttura per un ABCP non è 5)Rating Agency Assets Rating 3) Collateral provider molto dissimile: Counterparty Rating ABCP rating Eligible assets Cash 2) Liquidity facility provider 1) Issuer (SPV) Continuously issues ECPs 4)Dealer/Arranger Proceeds ECP Investors M.Marzo - Crisi Finanziaria 22

23 Linee di credito e Basilea 2 La determinazione di linee di credito attraverso ABCP garantite da mutui o da titoli di classe AAA consente di Risparmiare quote di assorbimento di capitale, dal momento che la quota di capitale per linee di credito è molto bassa e addirittura nulla per reputational credit lines che sono utilizzate per mantenere la reputazione delle SIV/SPV. Gli stessi crediti possono essere venduti e riacquistati sotto forma di obbligazioni di classe AAA per abbassare I requisiti patrimoniali. Rating molto favorevole (troppo favorevole) per tale tipologia di assets. Posizioni in leverage su tali tipi di assets. M.Marzo - Crisi Finanziaria 23

24 Il ruolo delle ABCP Le ABCP sono un mezzo per garantire piena liquidità al mercato. Funding liquidity: cpacità di ottenere fondi. Il margine è la differenza tra il prezzo di un asset e il collateral, che deve essere finanziato con il capitale proprio. Una crescita nel margine spinge a finanziare con maggior ricorso al capitale proprio a meccanismo di de-leveraging. Istituzioni finanziarie che si affidano prevalentemente al debito a breve, sono costrette ad un continuo rolling over del debito. L incapacità a compiere un rolling over è equivalente ad una crescita del margine fino al 100 per cento. Allo stesso modo, il ritiro di depositi è equivalente ad una crescita del margine da rifinaznaira. In aggiunta a ciò vi è il problema del maturity mismatch: gli asset su cui vi è il backing sono di lungo termine, mentre le ABCP sono di brevissimo termine. Il problema di liquidità è alla base della propazionne delle crisi. M.Marzo - Crisi Finanziaria 24

25 ABCP in essere M.Marzo - Crisi Finanziaria 25

26 Chi detiene le ABCP? M.Marzo - Crisi Finanziaria 26

27 Liquidity Committments verso le Conduits/SPV in EU Landesbank Sachsen 18.1 IKB 14.7 Nedbank 6.8 ABN AMRO 81.2 Hypo Real Estate Bank 13.6 Bayerische LB 20.9 Calyon 14.6 Dresdner 30.0 Societe Generale 31.7 West LB 22.9 Fortis Bank 30.1 Bayerische Hypo-und Vereinsbank 25.2 Rabo Bank 31.5 Deutsche Bank 52.6 ING 27.4 HSH Nordbank 5.3 Norddeutsche LB 5.2 Commerzbank 14.1 BNP 15.1 LB Hessen 3.2 KBC Group 9.4 DZ Bank 7.5 Natixis 6.8 LB Baden Württemberg 6.6 LB Berlin 1.8 Santander 5.3 Intesa San Paolo 2.1 CIC 0.2 Total M.Marzo - Crisi Finanziaria 27

28 Esempio di cartolarizzazione M.Marzo - Crisi Finanziaria 28

29 Entità delle cartolarizzazioni in Europa BE IE ES GR IT NL DE PT M.Marzo - Crisi Finanziaria 29

30 Propagazione L inizio della crisi coincide con la caduta dei prezzi degli immobili. Non è la prima volta che una crisi finanziaria è determinata dalla caduta del real estate. La specificità di questa crisi sta nel meccanismo di propagazione che si estrinseca tramite la procedura di cartolarizzazione. M.Marzo - Crisi Finanziaria 30

31 Era prevedibile? M.Marzo - Crisi Finanziaria 31

32 Mispricing totale I subprime avevano iniziato a fallire alla fine del Erano in molti a dirlo (BoE, ECB). Il pricing dei subprime poteva essere considerato in linea con i fallimenti del 2002 il cui livello è stato raggiunto solo all inizio del 2007 ELEVATA FRAUDOLENZA DELLE AGENZIE DI RATING DEREGOLAMENTAZIONE DEL RATING M.Marzo - Crisi Finanziaria 32

33 Crisi di liquidità meccanismo di trasmissione Se il prezzo dell asset sottostante subisce un calo, la riduzione dei margini costringe ad una ribillanciamento del leverage, vendendo l asset. Ma ciò provoca ulteriori riduzioni del prezzo e allarga ancora il margine, peggiorando la situazione della liquidità. Ciò spiega il repentino calo negli ABCP quando il mercato ha percepito che non erano più considerate come un sostituto della liquidità. Chi detiene ABCP non riesce sempre a quantificare il rischio: esse sono uno strumento di mercato monetario atto a parcheggiare fondi che devono rimanere liquidi. M.Marzo - Crisi Finanziaria 33

34 Corsa agli sportelli? Il deterioramento del bilancio degli intermediari Il bilancio di un operatore (o un gruppo di operatori) peggiora Corsa agli sportelli Sulle banche commerciali: depositanti Sulle investment banks: ampliamento del margine di rifinanziamento. Sugli Hedge Funds: ampliamento margine dei broker e corsa degli investitori Su SIV: Termine del rolling over Nota: Liquidation policy di SIV favorisce il ritiro dei fondi Problema simile per i fondi comuni di investimento. M.Marzo - Crisi Finanziaria 34

35 Rischio di controparte Il ricorso alla liquidità è reso ancora più precario dalle difficoltà sul mercato interbancario: la difficoltà di capire la localizzazione esatta del rischio, rende incerto il finanziamento attraverso il credito interbancario. La forte interconnessione tra intermediari finanziari fa comprendere soltanto l obbligazione bilaterale. Il timore che uno dei due sia coinvolto in altre obbligazioni con un altro intermediario di cui non si percepisce il rischio genera incertezza riguardo alla solidità del prestito bilaterale e motiva la chiusura della relazione. Esempio: Bear Sterns. Forte crescita dei tassi interbancari: crescita abnorme degli swap spreads e flight to quality verso I titoli pubblici M.Marzo - Crisi Finanziaria 35

36 Libor OIS swap spread US M.Marzo - Crisi Finanziaria 36

37 Spread EU M.Marzo - Crisi Finanziaria 37

38 Costi elevatissimi di funding e deleveraging Le banche si prestano a costi elevatissimi per la copertura implicita del rischio di controparte. La crescita incredibile dello spread identifica una forte crisi di liquidità. Finanziamenti concessi con maggiore onerosità e con margini alti per operazioni over the counter. Alcuni broker hanno esercitato delle margin calls richiedendo il rimborso delle linee di credito concesse ai fondi, costringendoli a vendere asset, speso illiquidi. M.Marzo - Crisi Finanziaria 38

39 Deleveraging Equity Debito In caso di forti perdite anche se teoriche su asset illiquidi (CDO) il prime broker può chiedere di mantenere o incrementare il margine stesso vendendo a perdita alcuni asset Asset a garanzia (margine) M.Marzo - Crisi Finanziaria 39

40 Deleveraging La riduzione della leva finanziaria sta colpendo di più le asset class maggiormente liquide, come le azioni, che possono essere vendute in tempi relativamente brevi. Le crescenti difficoltà nel reperimento fondi spinge ad un pressante meccanismo di deleveraging che è alla base del crollo dei mercati azionari che osserviamo in questi giorni. Asset liquidi (azioni) Asset illiquidi (CDO, ABS) Equity Debito M.Marzo - Crisi Finanziaria 40

41 Liquidità overnight della ECB M.Marzo - Crisi Finanziaria 41

42 Crisi di liquidità? M.Marzo - Crisi Finanziaria 42

43 Enorme volatilità M.Marzo - Crisi Finanziaria 43

44 i-traxx M.Marzo - Crisi Finanziaria 44

45 Rallentamento del Credito Credit Growth Rate-EU ott-99 feb-00 giu-00 ott-00 feb-01 giu-01 ott-01 feb-02 giu-02 ott-02 feb-03 giu-03 ott-03 feb-04 giu-04 ott-04 feb-05 giu-05 ott-05 feb-06 giu-06 ott-06 feb-07 giu-07 ott-07 feb-08 giu-08 M.Marzo - Crisi Finanziaria 45

46 Indebitamento delle famiglie Indebitamento delle famiglie: un confronto internazionale in rapporto al reddito disponibile 3, ,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 Germania (1) Spagna Francia Paesi Bassi (1) Italia Italia (fam. consumatrici) Area dell'euro 15 (1) M.Marzo - Crisi Finanziaria 46

47 Interventi dei governi Paese Entità % PIL % debito US UK GERM FRA SP M.Marzo - Crisi Finanziaria 47

48 Come uscirne? Interventi dal lato regolamentare Imparare a gestire i rischi di tipo sistemico Regolamentare il mercato dei derivati di credito istituendo una clearing house che gestisca il rischio di controparte Interventi pubblici per aiutare gli intermediari a Ripulire i bilanci dai titoli tossici Realizzazione di un framework di vigilanza veramente globale Ripensare il modello di banca? Ruolo della politica monetaria: un solo strumento non può fare tutto. Ruolo attivo degli aggregati monetari. Recupero urgente della fiducia del risparmiatore/investitore/cliente. M.Marzo - Crisi Finanziaria 48

49 Grande domanda titoli pubblici Price Indexes for Gov Bonds - EU US 10 Years Government Bond Price Index Y 5Y M.Marzo - Crisi Finanziaria 49

50 Conclusioni Nulla sarà più come prima Abbiamo compreso i rischi di una scarsa regolamentazione sulle agenzie di rating Finanza più attenta ai gradi di leverage Non abbiamo ancora una stima definitiva delle perdite. Se gli effetti reali della crisi si protrarranno ancora per molto tempo, è possibile che altre cartolarizzazioni meno rischiose possano risentirne (carte di credito). Ci possono essere ulteriori interventi da parte delle autorità a sostegno del sistema. M.Marzo - Crisi Finanziaria 50

51 Conclusioni Mercato finanziario in preda al panico Evidente il ruolo dei bilanci pubblici a sostegno della crisi: banche centrali e governi attivi. Siamo lontani dalla condizione di efficienza dinamica: è possibile creare debito. Fine dell era dell investment banking non regolamentato. Maggiore enfasi sul retail (che implica una minore leva) M.Marzo - Crisi Finanziaria 51

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne storie 81 Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne di Bernardo Bortolotti e Hyun Song Shin So m m a r i o: La corsa agli sportelli di Northern Rock, avvenuta nel settembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE Le note di sintesi sono composte dagli elementi informativi richiesti dalla normativa applicabile noti come "Elementi". Detti Elementi

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Standard. Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Standard. Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Standard Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni Aprile 2014 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli