ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE G. PASTORI I SALUMI BRESCIANI. Confronto tra produzioni artigianali ed industriali nel rispetto della qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE G. PASTORI I SALUMI BRESCIANI. Confronto tra produzioni artigianali ed industriali nel rispetto della qualità"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE G. PASTORI I SALUMI BRESCIANI Confronto tra produzioni artigianali ed industriali nel rispetto della qualità Bertuetti Giovanni Costa Andrea Micheli Giulio 1

2 PREMESSA Come studenti dell Istituto Tecnico Agrario Statale G. Pastori, nell ambito della ricerca e della valorizzazione delle tradizioni agroalimentari del territorio bresciano, abbiamo deciso di porre l attenzione sui salumi tipici della nostra zona. Questi prodotti sono conosciuti a livello nazionale non solo per l ottima qualità, ma anche per le loro caratteristiche organolettiche collegate indissolubilmente alla loro zona di origine. Moltissimi dei salumi italiani hanno ottenuto dalla Comunità Europea i marchi DOP e IGP come a sottolineare l importanza non solo delle tradizioni locali, ma anche della zona di produzione e delle caratteristiche nutrizionali. In un mondo che va sempre più di fretta, caratterizzato da un alimentazione scorretta, occorre fare marcia indietro e tornare a riscoprire le vecchie tradizioni. Abbiamo, pertanto, ritenuto importante riassumere l antica tradizione della salumeria bresciana, ponendoci come obiettivo il confronto fra i metodi di produzione di salumi artigianali e industriali. Tutte le analisi riportate nel presente lavoro sono state effettuate presso il laboratorio di Chimica e Trasformazione dei prodotti del nostro Istituto. 2

3 INTRODUZIONE La diffusione e il consumo di salumi artigianali nella provincia di Brescia ha fornito lo spunto adeguato per realizzare un analisi approfondita della filiera produttiva dell industria dei salumi. Gli obiettivi di questo progetto sono: 1. Descrizione degli animali destinati alla produzione 2. Procedimenti e materie prime utilizzati nella produzione 3. Valutazione chimica e organolettica dei prodotti 4. Valutazione tecnico-economica relativa alla produzione 5. Marketing 6. Usi gastronomici dei salumi I SALUMI Il salume è un derivato della carne destinato alla consumazione fresca o stagionata. A tale scopo viene principalmente impiegata carne di maiale, e in misura minor parte carni bovine,equine,ovine e di specie avicola. La parte grassa, se aggiunta, è sempre di suino. Se fino agli anni '60 la preparazione avveniva nelle aziende produttrici di materie prime o con carattere tipicamente domestico,oggi la produzione è in gran parte industriale,nonostante l'idea comune che i salumi artigianali siano i migliori. CENNI STORICI In Italia l'uso della carne di maiale per produrre salumi ha una tradizione secolare. Le prime testimonianze risalgono al periodo etrusco. È noto che i Romani apprezzassero il prosciutto, che i barbari conservassero le carni sotto forma di insaccati e che nel Medioevo i maiali venissero usati come una unità di misura dei boschi, per dare rilievo all importanza di questo tipo di allevamento. Tra il XII e il XVII sec. nasce la figura del norcino che assume un ruolo importante all interno delle corporazioni. VARIETA' DEI SALUMI CONSUMATI NELLA PROVINCIA DI BRESCIA SALUMI INDUSTRIALI Coppa Cotechino Culatello Guanciale Lardo Pancetta Prosciutto cotto Prosciutto crudo Salame Salamina SALUMI ARTIGIANALI Ciccioli Coppa Cotechino Culatello Guanciale Pancetta Prosciutto crudo Salame Salamina Lonza CERTIFICATI D'ORIGINE In Italia esiste un gran numero di prodotti alimentari caratteristici legati al territorio, alla storia e alla cultura di un luogo che sono stati riconosciuti in ambito europeo. Sono i marchi DOP (Denominazione di Origine Protetta), IGP (Indicazione Geografica Protetta), STG (Specialità Tipica Garantita). Tutte certificano un prodotto in base al territorio di provenienza e ne garantiscono la qualità. 3

4 Per ottenere la registrazione di un prodotto certificato è necessario seguire un iter che necessita del benestare del Ministero delle Politiche Agricole e della Comunità Europea. PRINCIPALI RAZZE SUINE E BOVINE UTILIZZARE NELLA PRODUZIONE DEI SALUMI RAZZE SUINE Le razze suine utilizzate in Italia sono frutto di selezioni mirate a soddisfare le esigenze di produzione di salumi che si adeguino all'alimentazione moderna. L'allevamento principale è quello intensivo sia a ciclo aperto, con animali provenienti da aziende esterne, sia a ciclo chiuso, dove è presente anche una fase di riproduzione. La legislazione odierna riguardante l'allevamento è molto attenta non solo alla qualità del prodotto finale, ma anche al benessere degli animali Le razze di suino più utilizzate sono: -Large White Razza di origine inglese che eccelle nella produzione del suino pesante. Ha un alto grado di fecondità e prolificità,di ottima indole,con velocità di accrescimento a tutte le età. Qualità della carne eccellente sia per consumo fresco che per la trasformazione. -Landrace Originaria della Danimarca,tra le razze più selezionate ed stimate al mondo. In Italia viene spesso incrociata con la Large White per ottenere più lunghezza negli arti e minor spessore del lardo. -Spot Razza americana prevalentemente da grasso e da lardo, poi trasformata con caratteristiche carnaiole, fornisce tagli di carne pregiata. Mediamente ogni animale è macellato intorno all'anno di età e al peso di 150/180 Kg (suino Pesante). RAZZE BOVINE La carne bovina è utilizzata in minor quantità per la produzione di salumi e quasi sempre miscelata a carne e grasso suino. Le razze impiegate per la produzione di salumi sono principalmente: -Charolaise D origine francese, produce un ottima carne e si adatta facilmente a climi differenti,viene utilizzata come razza incrociante. -Limousine D origine francese, proviene da climi rigidi. La sua carne risulta pregiata per il sapore -Blonde d' Aquitaine Francese ma diffusa in tutto il mondo, ha un ottima attitudine alla produzione di carne. -Blanc-Bleu Belga Molto diffusa in Belgio per la produzione di carne tenera, presenta una spiccata attitudine all'allevamento intensivo ed offre un ottima resa al macello. Nella produzione artigianale troviamo la Frisona Italiane e la Bruna Italiana, particolarmente i maschi scartati dall allevamento. FASI DI PRODUZIONE DEI SALUMI MACELLAZIONE Una corretta macellazione influisce sulla qualità della carne. I suini vengono tenuti a digiuno per almeno 10 ore. La macellazione prevede la fase dello stordimento elettrico, la sospensione immediata dell'animale per un arto posteriore, la recisione dei grossi vasi sanguigni del collo, la raccolta del sangue, la depilazione e 4

5 l evisceramento. La carcassa viene, quindi, sezionata in due mezzene per il controllo veterinario, ciascuna divisa in quarti che rappresentano i tagli di carne destinati al consumo diretto o alla produzione dei salumi. I tagli sono: Testa, coppa con osso e spalla Carrè completo di lombata Prosciutto (coscia) Grasso di copertura (lardo e pancetta) Sugna ( dalla cui fusione si ricavano i ciccioli) PRODUZIONE DI CARNE Il termine di "carne", dal punto di vista tecnologico, definisce la parte muscolare degli animali usata come alimento. I muscoli sono costituiti da tessuto muscolare e tessuto connettivo composti da: acqua 75%, proteine 18,5%, sostanze azotate non proteiche 1,5%, lipidi 2,5%, carboidrati 2%, sali minerali 0,5%, vitamine in quantità ridotte. Il colore della carne è dato dalla mioglobina e non dall' emoglobina del sangue. Il colore che può variare dal bordeaux fino al rosa pallido. I FENOMENI POST MORTEM Dopo la macellazione la carcassa é soggetta a diverse modificazioni legate all attività cellulare successiva alla morte dell'animale. I principali fenomeni che avvengono sono: - rigor mortis che nei suini interviene dopo 10 ore dalla morte dell'animale con l' irrigidimento delle masse muscolari., fenomeno permane per 1-2 giorni. -acidificazione abbassamento rapido del ph della carne da 7,5 (animale vivo) a 5 (dopo la morte) per poi stabilizzarsi sui 5-5,5 perché le cellule non morte continuano a trasformare il glucosio in acido lattico. -frollatura trasformazione delle proteine muscolari in amminoacidi rendendo così la carne più tenera e saporita. Questo processo avviene a temperatura di 2 C e con una durata variabile. CLASSIFICAZIONE DEI SALUMI Una prima classificazione si può fare considerando da un lato quelli costituiti da parti intere di carne che poi vengono salate aromatizzate e quindi poste a stagionare, dall altra salumi preparati con carni macinate a grana più o meno grossa, insaccate ed aromatizzate e immessi sul mercato sia freschi che stagionati PRODUZIONE DEI SALUMI Per la preparazione dei salumi come prima cosa bisogna scegliere la carne e il grasso che si vuole utilizzare. Per avere un buon prodotto le carni devono provenire da animali sani ed essere di buona consistenza. È importante che i maiali abbiano una certa età, intorno a i 10 mesi ( Kg), in modo da poter essere lavorate con un limitato quantitativo di sale. Per salumi pregiati si preferisce usare maiali di 200 Kg e oltre, mentre per salumi come il prosciutto cotto o salsicce si utilizzano maiali sui 100 Kg. Una buona salumiera si basa su carni che derivano da maiali correttamente alimentati, con caratteristiche genetiche adeguate. Ogni taglio dell'animale è scelto per il tipo di salume da produrre. Salatura e salagione sono due termini che si riferiscono all'aggiunta del sale. A rigore, il termine di salatura significherebbe l'aggiunta di sale per conservare. Tuttavia i due termini sono intercambiabili. In generale il sale viene mescolato con altri ingredienti quali aromi e spezie. La miscela, molte volte segreta, è denominata concia. La salagione è una delle fasi più complicate e delicate, sopratutto per i crudi stagionati. Le dosi di sale devono essere ben equilibrate per ottenere una buona conservabilità; l importante è che il sale penetri nella carne il più uniformemente possibile. La quantità di sale varia molto nella preparazione dei salumi: è 5

6 maggiormente presente in salumi a lunga stagionatura dove la disidratazione è anche del 50%. Diminuendo il sale si possono avere prodotti più aromatici. Tuttavia, se la proteolisi è eccesiva, cala la consistenza della carne stagionata che si disfa al momento dell affettatura. INGREDIENTI USATI NELLA PREPARAZIONE DEI SALUMI Categoria Funzione Impieghi principali Normative principali Sale (marino, salgemma) Conservazione, sapidità Tutti i salumi Latte scremato in polvere (latte magro) Legante Salumi insaccati Massimo 4% Caseinati alimentari di sodio e potassio Derivati delle proteine del latte, migliorano la coesione tra masse muscolari e grasso Malto destrine Migliorano le qualità organolettiche dei salumi cotti, senza aumentarne l energia come i grassi Proteine della soia Sostitutive delle proteine animali Salumi insaccati e cotti Salumi cotti Salumi cotti Proteine plasmatiche Leganti Salumi insaccati cotti Massimo 2% Massimo 1% Vietato l uso negli insaccati crudi, freschi o stagionati e nei tagli interi Vietato l uso negli insaccati crudi, freschi o stagionati e nei tagli interi Massimo Colture di avviamento Miglioramento fermentazioni salumiere Salumi crudi insaccati Cotenna suina disidratata in polvere Miglioramento caratteristiche organolettiche Salumi cotti insaccati Rivestimento esterno (carbossimetilcellulosa) Agente di distacco nei wurstel GLI ADDITIVI Sono considerati additivi quelle sostanze prive di potere nutritivo o impiegate a scopo non nutrizionale, per esaltare particolari caratteristiche o evitarne l alterazione. Vi sono additivi antiossidanti da considerare necessari ed oggetto di specifiche normative; e additivi non necessari che sono usati per mantenere più alto il prezzo del prodotto. Le varie categorie di additivi sono: Acidificanti Il controllo dell acidità è essenziale per le produzioni di salumi fermentati (stagionali) e questo avviene attraverso il controllo delle fermentazioni microbiche e la produzione, assolutamente naturale, di acido lattico derivante dalla fermentazione degli zuccheri e le colture d avviamento (innesti o starter). 6

7 Antiossidanti Durante la stagionatura dei salumi vi sono facili fenomeni ossidativi, che riguardano sia la parte magra, sia la parte grassa, con la produzione di pericolosi perossidi. Tra gli additivi antiossidanti usati in salumeria vi è l acido ascorbico (vitamina C) ed i suoi derivati (ascorbati), dotati di buona attività antiossidante, che permette di contrastare l irrancidimento e, quindi, di impedire la formazione di perossidi. Da segnalare è l attività della vitamina C, nel contrastare la produzione di nitrosoammine in presenza di nitrati e nitriti. In modo analogo, ma soprattutto nei tessuti adiposi, agiscono i tocoferoli tra i quali la vitamina E. Antimicrobici Nei salumi non sono ammessi antimicrobici (disinfettanti, antibiotici ecc.). Aromatizzanti, droghe e spezie In queste categorie sono compresi diversi vegetali commestibili, usati tradizionalmente in cucina come condimenti e, poi passati alla salumeria. Le spezie usate vengono classificate in: -spezie fondamentali: pepe, cannella, chiodi di garofano, noce moscata. -altre spezie: senape, coriandolo, pistacchio, anice, zafferano, capperi, vaniglia, ginepro, zenzero, paprica, peperoncino. -erbe aromatiche, selvatiche da orto o da giardino: rosmarino, salvia, basilico, origano, prezzemolo, menta, alloro, timo, aglio, finocchio, sedano, cipolla, tartufi. Come aromatizzanti sono usate anche piccole quantità di vino e qualche distillato. Le spezie, oltre ad aiutare la conservazione dei salumi, ne caratterizzano il gusto e sono indicatori di specificità tradizionali. Diverse spezie hanno azione antiossidante. Anche il vino interviene nel regolare le fermentazioni microbiche. Conservanti La tradizione salumiera di usare il salnitro (sale del muro), è stata sostituita dall uso di nitrati e nitriti, meglio controllabili. I nitrati sono usati nei salumi ( vietati nelle carni fresche) per motivi sanitari, per controllare fermentazioni ed inquinamenti batterici indesiderati o pericolosi. Hanno la caratteristica di dare alla carne il colore rosso, che però diventa bruno dopo un prolungato contatto con l ossigeno. I nitriti e nitrati, se ingeriti in quantità elevate, possono essere causa d'intossicazioni. I nitrati si trasformano in nitriti, che poi possono dar origine alle nitrosoammine; trasformazione che avviene nell ambiente acido dello stomaco. Le quantità di nitriti e nitrati ai salumi, sono strettamente regolamentate, a dosaggi estremamente bassi, ritenuti sicuri da tutte le organizzazioni sanitarie internazionali. Al termine delle fermentazioni non sono più reperibili, perché bloccati nel substrato del salume, quindi non è possibile, tramite analisi, accertare se siano stati utilizzati nel processo produttivo. Emulsionanti e gelificanti Prodotti di origine vegetale o di gelatine animali, che nei salumi migliorano le caratteristiche fisiche. Non danno problemi sanitari. Sono regolamentati sia per il loro impiego, sia per le quantità massime. 7

8 Esaltatori di sapidità Il glutammato monosodico può essere usato solo nelle preparazioni cotte e non nei salumi crudi, in dosi regolamentate; la sua indicazione in etichetta è obbligatoria, perché sembra possa indurre fenomeni di intolleranza. Stabilizzanti e adesivanti I polifosfati favoriscono l azione di assorbimento dell acqua da parte delle fibre muscolari ed impediscono la disidratazione delle carni durante la cottura, mantenendole più morbide e succulente, ma anche più ricche d acqua. Possono essere usati solo in alcuni prodotti cotti e in dosi ben regolamentate. Zuccheri Sono importanti alcuni zuccheri (in particolare il lattosio) che, aggiunti comunque in dosi esigue negli impasti, sono alimento per i batteri lattici (batteri buoni ) che, crescendo rigogliosi, inibiscono lo sviluppo di altri batteri indesiderabili o cattivi. Al termine delle fermentazioni e nei salumi maturi, dello zucchero non resta più traccia. GLI INVOLUCRI Gli involucri sono importanti componenti dei salumi. Alcuni prodotti in pezzi hanno una più o meno parziale copertura naturale, altri sono rivestiti o incalzati con involucri naturali o artificiali. Le carni tritate sono ovviamente insaccate in budelli naturali o involucri artificiali. Bisogna avere una particolare attenzione nella scelta del budello, perché l involucro dà la forma agli insaccati, li protegge dall aria e dalla luce e la sua porosità permette uno scambio equilibrato d acqua e ossigeno, che consente all impasto di asciugare e maturare. Nei salumi a media e lunga stagionatura, l involucro determina lo sviluppo di speciali muffe e quindi il tipo di fioritura esterna. I budelli naturali si ricavano da tratti di intestino o dalla vescica di suini, equini, ovini e bovini, anche se quest ultimi sono stati abbandonati dopo il fenomeno della mucca pazza. I salumi insaccati con il primo tratto (duodeno ed intestino tenue) sono sottili ed a breve stagionatura. I salami insaccati con l ultimo tratto ( gentile e culare) sono grossi e con lunga stagionatura. Il tratto intestinale usato assegna il nome al budello. Per gli zamponi è d obbligo la cotenna delle zampe di maiale. Prima di essere utilizzati i budelli sono sottoposti a lavaggio e sgrossatura e poi conservati sotto sale. Sul mercato si possono trovare anche gli involucri artificiali fatti di cotone, lino, seta, pergamena e plastica. Le loro caratteristiche igieniche sono interessanti: insapori, inodori, sterili, non irrancidiscono e non hanno problemi di conservazione, anche se secondo gli esperti questi vantaggi vanno a scapito del prodotto finito. Diversi salumi sono infine sottoposti a legatura con spago o sono avvolti in una rete. MATURAZIONE E STAGIONATURA Nei salumi avviene una complessa serie di processi fisici, chimici, enzimatici e microbiologici, che avvengono in due fasi principali: una prima fase (maturazione) vede prevalere processi relativamente rapidi, ed una seconda (stagionatura) che è dominata da processi estremamente lenti, che si svolgono nel corso di mesi o anni. Nella lavorazione dei crudi stagionati sono fondamentali le fasi di asciugatura e di stagionatura, durante le quali si verificano processi biologici e chimici che influiscono su aroma, gusto e aspetto. Le condizioni climatiche agiscono profondamente sul processo di maturazione. Alcuni salumi tradizionali sono conservati in recipienti coperti di grasso o d olio che impediscono i processi ossidativi. 8

9 AFFUMICATURA L affumicatura è un sistema di conservazione usato soprattutto nei paesi nordici. Anche i salumi possono essere sottoposti ad affumicatura. Dopo la salatura, che favorisce la penetrazione dei fumi nei tessuti, si espongono gli alimenti al fumo di un legno aromatico come alloro, ginepro, rosmarino e pioppo. Precise norme di legge permettono soltanto il fumo di legna o vegetali legnosi naturali, con esclusione di legna e vegetali trattati. La temperatura è di C, per tempi variabili secondo la pezzatura ed il metodo produttivo. In generale, se il salume è trattato con una temperatura più bassa il tempo di esposizione si allunga. L affumicatura stimola diversi processi come la coagulazione delle proteine e la diminuzione dell acqua, che migliorano la conservabilità. Il fumo è considerato un additivo alimentare perché esplica un azione di tipo antisettico efficace anche su funghi e parassiti ed agisce soprattutto sulla superficie del prodotto. Una parte dei componenti volatili del fumi penetra e conferisce ai prodotti un sapore caratteristico, leggermente diverso a seconda del legno usato, ed una colorazione più marcata delle carni, mentre il grasso imbrunisce. I principali conservanti del fumo sono: la formaldeide, l acido formico, ma soprattutto i fenoli che raggiungono anche gli 800 microgrammi per chilogrammo. I dubbi sanitari riguardano la cancerogenicità d alcuni componenti dei fumi. Infatti, la formaldeide si è dimostrata cancerogena per inalazione ed il benzopirene è cancerogeno. Molti di questi composti sono tuttavia presenti in diversi alimenti non affumicati ed è stato fatto notare che nel fumo prodotto da 20 sigarette vi è la stessa quantità di benzopirene contenuta in 10 chilogrammi di carne affumicata. I principali salumi sottoposti ad affumicatura sono: il prosciutto di Praga, lo speck altoatesino e tedesco, il bacon inglese, il salame ungherese e i wurstel tedeschi. COTTURA Il prosciutto fino all inizio del XIX secolo era sempre quasi mangiato cotto,tanto che, quando si iniziò a mangiarlo crudo lo si definì prosciutto crudo. Ancora oggi la spalla di San Secondo, dopo stagionatura, viene mangiata cotta (bollitura). In modo analogo avviene per salsicce, zamponi e cotechini e prodotti salumieri simili. Oggi per diversi salumi, ma soprattutto cotechini e zamponi, vengono fatte le operazioni di bollitura direttamente dalle industrie. SALUMI PRECONFEZIONATI ED AFFETTATI La conservazione degli alimenti non deve mai prescindere dagli aspetti sanitari, che oggi sono almeno di due tipi. Il primo obiettivo è che il sistema usato ostacoli od abolisca lo sviluppo d infezioni pericolose o di alterazioni dannose. Il secondo obiettivo è che si devono mantenere inalterate o si devono migliorare le caratteristiche organolettiche. Oggi si richiede che il metodo di conservazione dei salumi abbia altre due caratteristiche: la prima è che conservi le peculiarità gastronomiche, a iniziare dalla freschezza, vale a dire le caratteristiche presenti nell alimento appena prodotto o nel suo migliore momento di produzione; la seconda caratteristica è che il metodo rappresenti un servizio ed agevoli il consumatore nell uso dell alimento. Per dare al consumatore freschezza e servizio, sono state studiate confezioni di salumi affettati conservati in speciali buste. Verso la metà degli anni sessanta si iniziarono a confezionare salumi interi o affettati in involucri di materia plastica, nel quale era fatto il vuoto. I risultati non furono soddisfacenti, perché le fette dei salumi si attaccavano tra loro e cambiavano colore. Per questi motivi, al vuoto, si sono sostituite particolari miscele di gas atmosferici e costituite da diverse percentuali d'azoto e anidride carbonica. Le buste sono state sostituite da vaschette o da piattini coperti da un film plastico, che serve anche da schermo più o meno completo della luce. 9

10 I salumi stagionati e confezionati in atmosfere modificate non hanno problemi igienici e sanitari, nei termini stabiliti per la conservazione. Nei salumi cotti anche nelle confezioni mantenute in frigorifero a 4 C ed al riparo dalla luce, possono svilupparsi dei batteri che causano irrancidimento. BOLLI ED ETICHETTE Sulle etichette che accompagnano i prodotti confezionati di salumeria, oltre che sul piombino (oggi non più di piombo ma di metallo non inquinante, e non più obbligatorio se esistono altri sistemi di chiara identificazione o d'etichettatura) compaiono diverse indicazioni, in gran parte obbligatorie. Innanzitutto si deve parlare del produttore. Sull etichetta può anche comparire il distributore, oltre che marche o marchi che identificano il prodotto. Sono inoltre importanti le indicazioni nutrizionali e sanitarie relative agli ingredienti, eventuali aditivi, termine minimo di conservazione, modalità di conservazione. INGREDIENTI Riguardano sempre le specie animali di provenienza delle carni e devono essere indicate in ordine di qualità. Oggi la totalità dei salumi è di suino. Sul piombino S stava per suino, B per bovino ed E per equino. Un indicatore SB segnalava che nell impasto la carne di suino era più abbondante di quella di bovino. La diversità delle carni ha un valore gastronomico e non nutrizionale. Oggi esiste una precisa normativa che obbliga il produttore ad indicare non solo la carne ed il grasso, ma anche eventuali altre parti od altri ingredienti. TERMINI MINIMI DI CONSERVAZIONE Sono stampigliati sui prodotti confezionati ed il prodotto non può essere messo in vendita dopo la scadenza perché potrebbe essere alterato. Un prodotto tenuto in casa e ben conservato può essere consumato anche dopo la data di scadenza. MODALITÀ DI CONSERVAZIONE Sono da osservare scrupolosamente, soprattutto la temperatura ( ad es. da conservare in frigorifero). LE ATTREZZATURE E GLI AMBIENTI La preparazione dei salumi prevede di diversi attrezzi e ambienti adatti per la lavorazione della carne e la conservazione dei prodotti. LE ATTREZZATURE Arnesi da taglio Gli narnesi necessari per la lavorazione delle carni sono rappresentati dai coltelli. La dotazione minima deve essere costituita dai seguenti pezzi: Coltelli per disossare tipo Emilia, indispensabili se si lavorano la mezzana o i singoli tagli quali spalla, carré e testa. Ne serve almeno uno di ogni tipo di lama: larga, stretta e ultra sottile. Le dimensioni consigliate sono 12 o 14 cm. È bene poi avere almeno un esemplare a lama curva della lunghezza di 12 cm; Due coltelli di tipo francese: uno con lama lunga 20 cm ed uno con lama di 28 cm, per fare grossi tagli ed eventualmente rifilare pancette e coppe; Uno o due coltelli a lama larga da trito, indispensabili per ridurre in cubetti omogenei e di piccole dimensioni la carne; Un coltello da colpo quando si voglia sezionare una lombata per produrre braciole con osso. Questo tipo di coltello presenta una lama rigida molto spessa larga 8 cm e lunga 28 cm, pesante circa 800g; Una mannaia per sezionare carcasse e mezzene 10

11 Un coltello ricurvo senza punta per la pulizia e raschiatura dei budelli; Infine, ma non ultimo, un acciaino professionale per mantenere sempre ben affilate le lame dei coltelli. Trituratrice È l attrezzo che serve ad ottenere le parti che costituiscono l impasto; si tratta di una struttura metallica piuttosto pesante e munita di quanto serve per essere fissata al tavolo di lavoro. La trituratrice è costituita da: Imbuto, nel quale vengono messi i pezzi di carne e grasso preparati per la lavorazione. Coclea: è una vite senza fine che, ruotando, convoglia i pezzi di carne verso i coltelli. Coltelli di forma stellare, costituiti da quattro lame che, ruotando, tagliano la carne triturandola. Dalla natura dei coltelli o dalla velocità con cui ruotano dipende la finezza del triturato. Trafilatrice, costituita da un disco metallico con fori che possono essere di diverso diametro, che viene fissata nella parte terminale dell attrezzo e che può essere sostituita in funzione della finezza dell impasto richiesta. Manovella, situata nella parte iniziale dell attrezzo, che serve per muovere la vite senza fine che i coltelli. Le trituratrici di più moderna concezione sono mosse elettricamente e la velocità di rotazione è regolabile. Miscelatore La carne ed il grasso devono essere miscelati per dar origine ad un impasto omogeneo. Nell industria salumiera, dopo cha al triturato sono stati aggiunti i cubetti di grasso, il sale, le spezie e tutti gli altri ingredienti si procede all omogeneizzazione facendo uso di apposite attrezzature. La lavorazione artigianale prevede la miscelazione manuale. Si tratta di un operazione molto delicata. Insaccatrice È l attrezzo che serve per introdurre l impasto nel budello. Anche l operazione dell insacco è molto delicata e difficile. Le insaccatrici sono cilindriche a pistone di varie dimensioni sia manuali sia a motore elettrico. L impiego dell insaccatrice manuale comporta l impiego di due operai: uno che aziona la manovella e condiziona la velocità d'uscita e l altro che è addetto all insaccato vero e proprio. GLI AMBIENTI Locali per lavorazione artigianale: I locali nei quali vengono preparati artigianalmente e confezionati i salumi, non devono necessariamente devono avere caratteristiche particolari. Dovrebbero essere ampi e ben illuminati situati al piano terra, e devono avere prese di corrente per il funzionamento delle attrezzature. Locali per la lavorazione industriale: I salumifici industriali sono provvisti di ambienti idonei, condizionati per temperatura e umidità, in tutte le fasi di lavorazione. LA STAGIONATURA Subito dopo l insacco, i salumi sono sottoposti alla stagionatura nel corso della quale assumono le caratteristiche proprie dei prodotti finiti. I salumi, appesi su appositi supporti, sono messi in ambienti idonei dove subiscono un complesso di trasformazioni che, nel loro insieme, danno luogo alla maturazione. La stagionatura può essere suddivisa in tre fasi che sono stufatura, asciugatura e stagionatura che si differenziano per le condizioni di temperatura, d'umidità relativa dell ambiente e durata. Il periodo complessivo varia in funzione del tipo di prodotto da 15 a 90 giorni. I salumi a rapida maturazione sono esposti a temperature più alte, mentre gli altri sono esposti a temperature più basse. 11

12 Stufatura È la prima fase della stagionatura durante la quale si verificano i processi microbiologici più significativi, con sviluppo nell impasto dei batteri utili e l inibizione di quelli dannosi. I salumi sono esposti a temperature comprese tra 18 C e 26 C, con un umidità relativa compresa tra 84 al 90%, per uno 1-4 giorni. Nel corso della stufatura si verifica la diminuzione dell umidità e l abbassamento del ph. Asciugamento L asciugamento prevede la graduale diminuzione di temperatura(da 20 a 14 C) e umidità(portata a 80-86%) e ha una durata da 5 a 10 giorni. Durante questa fase la fermentazione lattica degli zuccheri giunge al termine ed il ph si attesta sui valori 4,8-5,3. Il prodotto continua a perdere umidità e lo sviluppo delle muffe sul budello inizia a diventare visibile. Stagionatura in senso stretto È la fase più lunga, nel corso della quale non si ha più sviluppo di batteri e avvengono le reazioni biochimiche che sono alla base dalla maturazione. La sua durata varia notevolmente in funzione del tipo di prodotto. La temperatura è mantenuta a livelli di C e l umidità relativa deve essere del 65-80%. Sul budello si ha pieno sviluppo delle muffe le quali, oltre a regolare gli scambi idrici, ne provocano la parziale di acidificazione con risalita del ph di alcuni decimi. LE FERMENTAZIONI La carne tritata rappresenta un potenziale mezzo nutritivo per un grandissimo numero di microrganismi, la cui presenza è dovuta a contaminazione ambientale nelle varie fasi di lavorazione. La maggior parte di questi non è in grado di moltiplicarsi perché vengono inibiti dal sale e sono poche le specie che si sviluppano intensamente: si tratta dei micrococchi e dei batteri lattici. I micrococchi provengono dalla pelle degli animali, hanno bisogno d'aria per moltiplicarsi e non sono rallentati dal sale alla concentrazione dei salumi, loro consumano tutto l ossigeno presente nell impasto e, per questo motivo, si trovano ben presto in ambiente non adatto. Alla loro attività si attribuisce il compito di idrolizzare i grassi e di produrre composti aromatizzanti, contribuendo alla maturazione del prodotto. Ai micrococchi fanno seguito immediatamente i fermenti lattici ubiquitari, capaci di svilupparsi in ambiente anaerobico. Questi batteri fermentano gli zuccheri presenti con formazione prevalente od esclusiva di acido lattico. Di conseguenza l acidità dell impasto aumenta e il suo ph si abbassa. Nei salumi possono svilupparsi due tipi di batteri lattici: Quelli omofermentativi che per la fermentazione degli zuccheri producono solo acido lattico; si tratta di varie specie riferibili ai generi Pediococcus, Streptococcus, Lactococcus e Lactobacillus. Quelli eterofermentativi che per la fermentazione degli zuccheri producono in prevalenza acido lattico ma anche acido acetico, anidride carbonica e vari composti secondari, tipo Leuconostoc e Lactobacillus. Nei salumi prodotti tradizionalmente con fermentazione spontanea possono prevalere gli uni o gli altri indipendentemente da fattori che sfuggono al nostro controllo. La fermentazione lattica svolge azioni fondamentali nel processo di maturazione; la più importante è quella di protezione, dovuta al fatto che l acidità impedisce lo sviluppo dei batteri banali e patogeni. MATURAZIONE Durante la stagionatura ci sono importanti cambiamenti cosicché il prodotto maturo ha caratteristiche, soprattutto organolettiche differenti da quelle iniziali. Le modificazioni più importanti riguardano il calo in peso dovuto a perdita d'umidità e a composizione delle proteine e dei grassi per intensa idrolisi. 12

13 La perdita dell umidità Il budello non è impermeabile e consente la perdita d umidità che passa da valori iniziali di 50-70% a valori finali di 27-45%. La perdita d'umidità deve avvenire uniformemente in tutto lo spessore dell impasto per evitare incrostazioni del budello; un azione equilibratrice fondamentale è svolta dalle muffe. L idrolisi delle proteine e dei grassi L idrolisi delle proteine avviene prevalentemente ad opera degli stessi enzimi proteolitici presenti nelle carni, le catepsine. Questi enzimi agiscono sulle fibre muscolari, liberano prima peptidi a basso peso molecolare, poi amminoacidi cosicché la carne diventa gradualmente sempre più tenera e saporita. Nel processo d idrolisi intervengono anche i batteri (micrococchi e batteri lattici), che al termine della loro attività rilasciano all esterno i loro enzimi tra cui le proteasi. Anche le muffe con i loro miceli hanno un azione idrolitica sulle proteine, inoltre utilizzano l acido lattico e determinano disacidificazione con innalzamento del ph. Anche la parte grassa dei salumi, è soggetta ad un processo di idrolisi dovuto all attività dei micrococchi e dei loro enzimi, liberando acidi grassi e glicerina con effetti positivi dal punto di vista organolettico. I salumi con lungo tempo di stagionatura al momento del taglio spesso fanno la goccia. Essa è costituita dalla glicerina formata in seguito a forte idrolisi dei grassi. La buona maturazione determina il compattamento dell impasto, la frollatura spinta della parte magra, l idrolisi dei grassi e l acquisizione delle caratteristiche di profumo e di gusto che con questi fenomeni sono collegati. LE MUFFE Origine e sviluppo Il budello è costituito da sostanza organica, è umido e diventa sede dello sviluppo di numerosi microrganismi costituiti da batteri di vario tipo e da muffe. Nell aria sono presenti in numero rilevante gli organi di diffusione delle muffe costituiti da conidi. Nell aria i conidi sono in stato di quiescenza e, se vanno a posarsi su materiale organico umido, germinano dando origine ad ife, e poi ad un ricco micelio. Le più numerose e frequenti sono quelle dei generi Penicillium ed Aspergillus. La contaminazione si verifica su tutta la superficie del budello, ma lo sviluppo ha la maggiore intensità nelle zone sotto le quali si trova la parte magra dell impasto. Dopo alcuni giorni dall insacco, l ammuffimento inizia a diventare visibile e si manifesta a mosaico; dopo 8-10 giorni, diventa invasivo e riguarda uniformemente tutta la superficie. Le muffe più frequenti L aspetto dei salami dipende dalle caratteristiche delle muffe presenti. La muffa più frequente in assoluto è Penicillium vermcosum (chiamato anche P. cyclopium o P. verrucosum) che dopo alcuni giorni da origine ad un tipico micelio di colore verde, ma possono essere presenti anche altre specie dello stesso genere, quali, P. crysogenum (verde), P. album (bianco), P. gladioli (bianco-grigio). Sullo stesso salame possono trovarsi diverse specie cosicché la colorazione non è sempre uniforme. Le muffe del genere Aspergillus, anch esse molto numerose nell aria, non si sviluppano nella fase iniziale della stagionatura per eccesso d'umidità; lo fanno nella seconda fase quando il budello è più asciutto. Gli Aspergillus non colonizzano tutta la superficie del budello, ma si sviluppano a chiazze ben visibili sopra il micelio dei Penicillium e, prevalentemente, nella parte alta del salame. 13

14 Azione delle muffe Le muffe del genere Penicillium svolgono alcune funzioni molto importanti e positive al fine della maturazione del salame. Regolazione dell umidità. Durante la maturazione i salami subiscono un calo di peso per perdita di umidità; il feltro fungineo che ricopre tutto il budello fa si che il prodotto si asciughi uniformemente e lentamente limitando le differenze fra le parti interne e quelle più esterne evitando l incrostamento. Disacidificazione. La fermentazione lattica dell impasto determina l acidificazione e l abbassamento del ph. Le muffe utilizzano l acido lattico per il loro sviluppo e svolgono una interessante azione disacidificante. Idrolisi delle proteine. Le muffe idrolizzano le proteine della carne e concorrono direttamente al processo di maturazione. Aspetto esteriore. Le muffe conferiscono al prodotto un gradevole aspetto esteriore. Lo sviluppo delle muffe ha anche un aspetto negativo dovuto al fatto che questi organismi sono spesso capaci di produrre sostanze tossiche, note con il nome di micotossine. La produzione di micotossine è particolarmente frequente nel caso delle muffe del genere Aspergillus: sono molto temibili le aflatossine, tipicamente prodotte da A. flavus e altre specie, e le ocratossine, tipicamente prodotte da A. ochraceus, ma anche da Penicililum La semina delle muffe Per vere il migliore ammuffimento senza il rischio di produzione di micotossine e con la sicurezza di avere lo sviluppo di un ottimo micelio bianco, si può far uso di muffe selezionate. Si tratta delle stesse muffe che sono impiegate per la produzione d alcuni formaggi. Queste muffe starter sono prodotte da piccole industrie specializzate, sono preparate bustine contenenti conidi sottoforma pulverulenta e sono reperibili in commercio. Al momento del bisogno i conidi sono sospesi in acqua e sono seminati sul budello con nebulizzatore o con pennello. Il loro uso è molto consigliabile. Muffe dei salumi industriali L uso di starter fungini selezionati trova larga applicazione anche nei salumifici industriali; tuttavia, prima della commercializzazione le muffe sono eliminate e il budello viene spesso trattato con farina perché assuma un più accattivante aspetto esteriore. I PRINCIPALI SALUMI Prosciutto cotto Caratteristiche del prodotto Ricavato dalla coscia suina, il prosciutto cotto è morbido, dolce e vellutato. Si caratterizza per il delicato profumo e il tenue colore rosato della fetta, bordata da un sottile strato di grasso, che ne completa la bontà. Esistono numerose varianti di questo salume, le principali sono arrososto e alle erbe Origini storiche È un salume relativamente recente, ma ha saputo guadagnarsi ampi consensi, divenendo in Italia il prodotto leader del comparto. Tecniche di produzione La lavorazione inizia con la tecnica del massaggio preliminare della materia prima selezionata, che favorisce l assorbimento degli aromi (sale, pepe, alloro, ginepro ). I prosciutti vengono immessi, in speciali stampi per conferire le varie forme del prodotto: solitamente quella arrotondata. 14

15 Segue la fase di cottura a vapore che conferisce le caratteristiche organolettiche tipiche del salume quali armonia tra compattezza della fetta, il giusto grado di umidità e la delicatezza del sapore. Ultimata la cottura i prodotti vengono lasciati raffreddare e avviati al confezionamento. Fasi di lavorazione Il prosciutto cotto, si ottiene dalla coscia disossata, salata e cotta. All inizio, quindi, si prende la coscia, la si disossa, la si ricompone e si fanno iniezioni di salamoia composta da sale ed aromi. La cottura avviene a 75 C fino a un massimo di 12 ore, quando l alimento a raggiunto la colorazione rosa chiaro. Taglio e consumo Utilizzato spesso in cucina per arricchire piatti di pasta, arrosti e torte salate, il prosciutto cotto è un ingrediente per moltissimi piatti. Si presta bene per abbinamenti raffinati come anche per semplici insalate. Questa sua caratteristica lo ha reso il salume più utilizzato nelle cucine italiane e estere. Per meglio apprezzarne il sapore deve essere tagliato in fette sottili. ANALISI DEL PROSCIUTTO COTTO INDUSTRIALE Analisi risultato % Sostanza Secca 25,81 % Acqua 74,19 % Ceneri 2,76 % Lipidi 5,21 % Proteine 14,13 % Altre sostanze 3,71 Prosciutto crudo Caratteristiche del prodotto Ottenuto da cosce suine selezionate, provenienti da allevamenti del cosiddetto suino pesante ( Kg); il prosciutto crudo è l unico in grado di fornire aromi e delicatezza delle carni tipiche della salumeria italiana. Si distingue dagli altri affettati per l aroma fragrante, il sapore delicato, la vena particolarmente dolce ed il colore uniforme. Origini storiche Frutto di un arte secolare già conosciuta ai tempi degli antichi romani, il prosciutto crudo è il prodotto della salumeria italiana più nobile. Si può trovare in tutte le regioni. I più noti sono quelli tutelati, provenienti da aree geografiche in cui all affinamento della selezione delle materie prime e delle tecniche di lavorazione si unisce un clima particolarmente favorevole alla stagionatura. Sono prodotti DOP (Denominazione di Origine Protetta) i prosciutti di Parma, di San Daniele, il Berico-Euganeo, di Modena, di Carpegna ed il Toscano; il famoso prosciutto di Norcia, invece, è un prodotto IGP (Indicazione Geografica Protetta). Tecniche di produzione La lavorazione di questo prodotto è caratterizzata dalla semplicità: una sorta di rito eseguito con pazienza, professionalità e passione da esperti operatori. L unico ingrediente utilizzato, a parte la coscia di suino, è il sale con il quale vengono massaggiate le cosce. Dopo un periodo di riposo la coscia viene lavata con acqua tiepida ed avviata ad un periodo di lunga stagionatura durante il quale si trasforma in prosciutto assumendo, 15

16 gradualmente, quelle caratteristiche organolettiche che hanno reso il prosciutto crudo italiano famoso in tutto il mondo. Fasi di lavorazione Per quanto riguarda la lavorazione, le cosce sono messe a riposare appese a una trave per circa 2-3 giorni, così che avvenga la frollatura. Per i successivi due o tre giorni vanno quindi lasciate in una cantina o in un altro ambiente a bassa temperatura per poi procedere all asportazione di grasso in eccesso ed alla rifilatura che fornisce una forma più regolare. Subito dopo si esegue la salagione: le cosce vengono energicamente massaggiate con del sale marino grosso che deve penetrare in modo omogeneo nei tessuti, così da favorire la fuori uscita dell acqua (s impiega una quantità di sale pari circa al 2-4% del peso della coscia). Per eseguire l operazione, i prosciutti vanno posti su un piano e cosparsi con il sale ogni 2/3 giorni per un periodo equivalente ad un giorno per ogni chilo di peso. Trascorso tale periodo i prosciutti sono energicamente spazzolati e nuovamente appesi ad una trave per circa quattro settimane; dopodiché vengono puliti, lavati e stuccati con impasto di farina, pepe, sugna e acqua. Dopo essere stati asciugati, vengono fatti stagionare per altri quattro o cinque mesi in un ambiente fresco, buio e ben areato. Solo al termine della stagionatura viene estratto l osso, praticando un incisione con un coltello dalla parte dove il muscolo è meno spesso. La durata complessiva del processo di lavorazione, variabile in base alla pezzatura dei prosciutti ed alla tradizione locale è generalmente di almeno un anno, quando il prosciutto ha perso circa il 25-30% del suo peso iniziale. Le cosce rappresentano un terzo del peso del maiale. Prelevandole entrambe e destinandole alla stagionatura, s impoverisce la qualità del salame cui viene a mancare una notevole quantità di buona carne rossa. Il prosciutto intero viene conservato in luoghi freschi ed asciutti, lontano da qualsiasi elemento il cui odore possa influire sul suo profumo. Una volta aperto si deve avere cura di rivestire la superficie di taglio con un foglio di alluminio o di pellicola alimentare, dopo averla unta con una goccia di olio, coprendo il tutto con uno straccio umido. Il prosciutto disossato, in tranci e quello affettato devono essere conservati in frigorifero (4-5 C) e vanno consumati in breve tempo per evitare la perdita di freschezza. Scheda nutrizionale Il prosciutto crudo stagionato presenta la quantità di grassi più bassa fra tutti i prodotti della salumeria italiana. Anche la qualità dei grassi è migliore, essendo la percentuale di acidi grassi insaturi prevalente rispetto a quella di grassi saturi; contrariamente a quanto molti pensano, è poco significativo il contenuto di colesterolo. L apporto in proteine nobili di questo salume è elevato, così come particolarmente alto è il contenuto di vitamina B1, preziosa per la rigenerazione dei tessuti lesi. Taglio e consumo Il prosciutto crudo è così delicato e gustoso che si esprime al meglio anche da solo. Particolarmente invitante è il classico accompagnamento con il pane. Abbinato ad alcuni tipi di frutta fresca di stagione, costituisce un piatto completo, leggero e nutriente (p.es.: prosciutto crudo e melone). Per gustarlo al meglio è necessario tagliarlo a fette molto sottili. ANALISI DEL PROSCIUTTO CRUDO INDUSTRIALE E ARTIGIANALE Analisi Prosciutto industriale Prosciutto artigianale % Sostanza secca 52,75 66,91 % Acqua 47,25 33,09 % Ceneri 6,34 7,85 % Lipidi 25,06 30,07 % Proteine 21,35 28,99 16

17 Salame Caratteristiche del prodotto Pur essendo unica l idea di salame, ha creato innumerevoli specialità, che variano principalmente per macinatura (fine, media o grossa), le dimensioni e gli ingredienti utilizzati che determinano la varietà di gusti che vanno dal sapore classico intenso fino a quello piccante e affumicato. Origini storiche Il salame è uno dei più antichi elementi del patrimonio gastronomico italiano; la sua prelibatezza era apprezzata già dagli etruschi e dai romani. Le caratteristiche dei salami variano in funzione dell origine storica del prodotto. I più noti sono il Milano (grana fine), il Cacciatore (grana media, piccola pezzatura), il Napoli (più piccante e speziato) e il Felino (grana media e piccolo diametro sviluppato in lunghezza). Tecniche di produzione Pur variando in relazione al tipo di prodotto, la lavorazione del salame prevede alcune fasi principali comuni: la materia prima (carne e grasso di suini appositamente selezionati) viene triturata, aromatizzata con sale e spezie e quindi insaccata nel budello; viene poi lasciata asciugare in appositi locali dove si termina il processo di stagionatura. La durata di quest ultimo prevede periodi più o meno lunghi a seconda delle dimensioni e delle caratteristiche del prodotto. Fasi di lavorazione In ogni caso per preparare i salami s impiegano le seguenti parti dell animale: polpa, filetto, spalla, ritagli magri di lonza e coppa, altre parti di carne magra rossa (priva di grasso e di nervetti), grasso della gola per i lardelli (più indicato nei prodotti a macina molto fine nei quali il grasso può facilmente fondersi) e lardo, impiegato in piccoli cubetti e mescolato insieme alle porzioni magre nei salumi a grana grossa. È importante che le percentuali siano distribuite, in grosso modo, con un 70% di magro ed un 30% di grasso. Nel caso s intendessero utilizzare i budelli dell animale macellato per l insacco, questi devono essere ovviamente puliti con molto scrupolo. Inoltre, per essere sicuri del risultato, è opportuno rivoltarle, in modo da ottenere il rovesciamento completo. Il salame di tipo Milano subisce una macinatura fine, mentre quello tipo Varzi, Cuneo o Napoli viene macinato con una trafila più grossolana. In seguito viene pesata con la bilancia, in modo da poter calcolare la quantità di condimento necessaria. Il condimento viene, quindi, spolverato sopra l impasto di carne disteso sul piano da lavoro ed il tutto viene nuovamente e vigorosamente rimescolato manualmente per alcune volte, sino a quando risulti omogeneo. Nel corso di tale operazione vengono aggiunti i cubetti di grasso. S iniziano, poi, ad insaccare i budelli, mentre vengono tolti dalla salamoia ed asciugati. Essi sono fissati intorno al collo d uscita del tritacarne, privato delle lame. Dopo aver legato la prima estremità del budello, la carne viene introdotta nel tritacarne e ben pressata, perché il riempimento dei budelli deve avvenire senza che si formino delle bolle d aria, che potrebbero compromettere la corretta stagionatura del prodotto. Man mano che i salami vengono preparati e legati, sono appesi ad una pertica che, quando ha raggiunto il carico adeguato, viene spostata in un ambiente caldo, a circa 20 C, ma non troppo vicina a fonti di calore diretto. I salami rimarranno in questo locale per due o tre giorni prima di essere spostati altrove. Scheda nutrizionale Dal punto di vista nutrizionale i salami italiani sono equivalenti tra loro: sono un ottima fonte di proteine nobili, di minerali importanti quali ferro e zinco in forme facilmente assimilabili, e di vitamine B1 e B2, 17

18 preziose per il buon funzionamento del sistema nervoso e la rigenerazione dei tessuti. Questo prodotto ha risentito positivamente delle modifiche nella composizione della carne suina che le nuove tecniche di allevamento hanno determinato. Taglio e consumo Ottimo come antipasto, come snack o come secondo piatto, il modo più semplice di gustare il salame è accompagnandolo al pane o similari. Unica raccomandazione è la scelta dell affettatura giusta: in spessori molto fini esalta la fragranza dei salami di grande dimensione; per le pezzature di diametro piccolo la tradizione tramanda, invece, un affettatura in spessori più consistenti. ANALISI SALAME INDUSTRIALE ED ARTIGIANALE Analisi Salame industriale Salame artigianale % Sostanza Secca 71,63 67,62 % Acqua 28,37 32,38 % Ceneri 7,45 6,78 % Lipidi 35,69 29,72 % Proteine 28,49 30,12 % Altre sostanze - 1,00 Pancetta Caratteristiche del prodotto Caratterizzata dal sapore dolce e dal colore bianco-rosato, la pancetta è ricavata dalla regione ventrale del suino (pancia). Si presenta in strati più o meno sottili, alternativamente magri e grassi che creano un piacevole effetto striato. Origini storiche La pancetta ha una tradizione produttiva in molte regioni italiane. È un salume dalle molteplici varianti. La più tradizionale è quella arrotondata, c è poi la versione tesa (piatta) della quale si produce anche una versione affumicata. La Pancetta Piacentina e la Pancetta di Calabria hanno ottenuto dalla Comunità Europea il riconoscimento DOP. Tecniche di produzione La preparazione prevede una salatura ad aromatizzazione con pepe, cui possono essere aggiunti vari tipi di spezie tra cui chiodi di garofano, cannella, noce moscata e bacche di ginepro. Una volta salate, le pancette vengono fatte riposare in appositi locali per un periodo che varia da otto a quindici giorni. La buona riuscita della salagione è la risultante dell equilibrio tra la penetrazione profonda del sale e la limitata perdita di umidità in fase di asciugatura. Le pancette vengono quindi sottoposte ad un periodo di stagionatura che varia in funzione del tipo e del peso, al massimo della stagionatura si ottiene un prodotto dolce e profumato. Fasi di lavorazione La pancetta è uno dei tagli grassi o semigrassi del maiale, per la precisone è la porzione ventrale delle mezzene dalla quale è stato tolto il lardo. Asportata dalla mezzena, la pancetta è appesa al fresco per una notte; successivamente viene rifilata e privata della cotenna e del grasso. Poi si procede alla salagione: viene accuratamente cosparsa di sale grosso e posta per 1 2 giorni in un luogo fresco (9-10 C), distesa su un piano inclinato, così che possa perdere i liquidi. Poi viene pulita dal sale, utilizzando uno straccio, rifilato (vengono tolti i bordi) e, di nuovo, condita con sale, pepe macinato, aglio pestato ed altri aromi (noce moscata, cannella, ecc.). Dopo un altra pausa di due o tre ore, si esegue la pulitura definitiva. 18

19 Viene quindi arrotolata, legata, insaccata nel budello e nuovamente legata prima di essere posta ad asciugare per 4-8 giorni ed infine appesa a stagionare. In alcune zone la pancetta non viene privata della cotenna, né arrotolata ed insaccata, ma lasciata stesa, condita e quindi appesa e fatta stagionare e/o affumicata. Scheda nutrizionale Questo prodotto ha risentito positivamente delle modifiche nella composizione della carne suina apportate dalle nuove tecniche di allevamento. Il tenore di grassi non è ridotto, mentre è aumentato il contenuto di proteine. La qualità dei grassi, tuttavia, è migliorata. Taglio e consumo La dolcezza di aromi della pancetta si gusta al meglio se tagliata a fette sottili disposte sopra al pane. La pancetta tesa, invece, affettata o tagliata a cubetti, è eccellente per arricchire di sapore piatti di pasta o riso e si accompagna molto bene con diversi piatti a base di carne o uova. ANALISI PANCETTA INDUSTRIALE E ARTIGIANALE Analisi Pancetta industriale Pancetta artigianale % Sostanza Secca 60,68 73,31 % Acqua 39,32 26,69 % Ceneri 3,89 3,76 % Lipidi 27,45 42,18 % Proteine 15,72 13,72 % Altre sostanze 13,62 13,65 Coppa Caratteristiche del prodotto Prodotto stagionato dal sapore deciso, la coppa è costituita prevalentemente da carne magra con screziature di grasso (presente in misura minore). Ha forma cilindrica leggermente appiattita. Origini storiche Di antica tradizione produttiva, la coppa deve il suo nome alla parte del maiale da cui è ricavata, ossia la regione dorsale del suino. Viene prodotta in molte regione d Italia anche con diverse denominazioni. La Coppa Piacentina e il Capocollo di Calabria hanno ottenuto dalla Comunità Europea il riconoscimento DOP. Tecniche di produzione La lavorazione prevede l aggiunta di sale e di una miscela a base di spezie e altri aromi naturali che vengono assorbiti attraverso un apposita tecnica di massaggio; dopodiché il prodotto viene avvolto nel budello e stretto da una complessa legatura che ha lo scopo di farlo aderire bene alla carne. La delicata fase di stagionatura avviene in locali a temperatura e umidità controllate. Devono trascorrere alcuni mesi perché la coppa maturi la caratteristica consistenza ed il tipico aroma. Scheda nutrizionale La coppa prodotta attualmente presenta un tenore di grassi ridotto con una prevalenza di acidi grassi insaturi. Questo salume presenta inoltre un alto contenuto in proteine nobili. Taglio e consumo La coppa è ottima in ogni occasione, dalla colazione ad un pasto principale. Si consuma preferibilmente tagliata a fette sottili; il modo più semplice di assaporarla è accompagnandola al pane. 19

20 ANALISI COPPA INDUSTRIALE E ARTIGIANALE Analisi Coppa industriale Coppa artigianale % Sostanza Secca 59,65 62,91 % Acqua 40,35 37,09 % Ceneri 5,52 7,03 % Lipidi 31,13 32,00 % Proteine 22,57 23,88 % Altre sostanze 0,43 - Cotechino Tecniche di produzione Le materie prime tritate passano in un impastatrice, dove vengono amalgamate ed aromatizzate con sale e spezie, per poi essere insaccate. L ultima fase prevede l asciugatura in stufe alla quale può seguire o meno un trattamento di cottura e sterilizzazione in confezioni sottovuoto, che garantiscono ai prodotti una lunga conservabilità. Fasi di lavorazione Il cotechino si fa impastando il trito con carne della testa (comprese le orecchie), quella del sotto gola, la cotica ben pulita dai peli e dal grasso sottocutaneo, la carne con i tendini, tutte le rifiniture delle ossa, dei prosciutti e delle pancette ed un 25-30% di lardo o grasso di gola. S inizia tagliando le cotiche a strisce abbastanza sottili, che poi si macinano una prima volta con la trafila grossa da mm di diametro. Segue un secondo passaggio con una trafila da 5-8 mm, aggiungendo la carne ed il lardo alle cotiche. Per ogni chilo d impasto si distribuiscono venticinque grammi di sale, 2-5 grammi di pepe, cannella ed altre spezie (chiodi di garofano, noce moscata), secondo i gusti. Si può ulteriormente insaporire la pasta con 1 litro di buon vino rosso robusto in cui sono stati lasciati a macerare per alcune ore 5-6 spicchi di aglio schiacciato (l aglio, poi, si elimina). Tutto l impasto va mescolato a lungo e ben amalgamato, in modo che risulti uniforme. Per l insacco si utilizza un budello medio (più piccolo di quelli che si usano per il salame). Si stringe bene, si lega alle due estremità con lo spago e si sforacchia. In cantina, il cotechino, si conserva uno o due settimane. Scheda nutrizionale Sul piano nutrizionale il cotechino non presenta un basso contenuto di grassi. Alto è pure l apporto di ferro e vitamine B, mentre piuttosto moderato è il contenuto di sale. Taglio e consumo Sono in commercio sia cotechini crudi sia precotti. Nel primo caso vanno cotti, nel secondo, invece, scaldati seguendo le istruzioni riportate sulla confezione. Vanno serviti caldi, accompagnati a patate (bollite o in purea) o spinaci. Classico è l abbinamento con le lenticchie, in Italia considerato di buon auspicio, in particolare, per l anno nuovo. Il cotechino, per essere gustato al meglio, va tagliato in fette abbastanza spesse. ANALISI COTECHINO INDUSTRIALE E ARTIGIANALE Analisi Cotechino industriale Cotechino artigianale % Sostanza Secca 70,28 58,77 % Acqua 29,72 41,23 % Ceneri 4,53 3,11 % Lipidi 44,32 37,79 % Proteine 20,83 16,03 % Altre sostanze 0,60 1,84 20

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna Sommario Il progetto Gli esperti 2 3 DOP e IGP: qualità certificata La normativa I Consorzi

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo Art. 1 Denominazione L Indicazione Geografica Protetta Salama da sugo è riservata esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.)

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) Pollo013-2 1 Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) 2 1 Fattori esogeni - Tipo di alimentazione (animale-vegetale) - Tecnologia di allevamento - Ambientale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 01 MEZZENA VIT/NE 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 12503100 Mezzena vit/ne Chianina 12603100 Mezzena vit/ne Danimarca 12700100 Mezzena vit/ne Francia femm. 12703100

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli