Sistemi informativi aziendali. Il sistema ERP di SAP e le scelte di implementazione effettuate in Generali Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi informativi aziendali. Il sistema ERP di SAP e le scelte di implementazione effettuate in Generali Italia"

Transcript

1 Corso di Laurea in Economia e gestione delle aziende Tesi di Laurea Sistemi informativi aziendali. Il sistema ERP di SAP e le scelte di implementazione effettuate in Generali Italia Relatore prof. Daniela Favaretto Laureanda Martina Cecchinato Matricola Anno Accademico

2

3 alla mia famiglia

4

5 INDICE Indice Elenco delle tabelle Elenco delle figure i v vii Introduzione e sommario 1 1 Sistemi informativi aziendali I sistemi informativi: una definizione I dati e le informazioni Le procedure I mezzi e gli strumenti necessari al trattamento, al trasferimento e all archiviazione di dati e informazioni L impatto dei sistemi informativi sulle aziende L esigenza informativa in azienda: lo schema di Anthony L evoluzione dell Information Technology e dei sistemi informativi automatizzati La prima fase: gli anni Cinquanta e prima metà degli anni Sessanta La seconda fase: dalla seconda metà degli anni Sessanta alla prima metà degli anni Settanta La terza fase: dalla seconda metà degli anni Settanta alla prima metà degli anni Ottanta La quarta fase: dalla seconda metà degli anni Ottanta alla fine degli anni Novanta La quinta fase: dalla seconda metà degli anni Novanta ad oggi Sistemi transazionali Le informazioni operative Categorie di informazione Caratteristiche strutturali delle informazioni operative Caratteristiche funzionali delle informazioni operative I sistemi a supporto delle attività operative aziendali Obiettivi di un sistema transazionale i

6 ii INDICE Le transazioni La pianificazione e il controllo L acquisizione e l organizzazione della conoscenza Il modello relazionale dei dati L elaborazione delle situazioni aziendali I sistemi di Enterprise Resource Planning L evoluzione dei sistemi transazionali integrati: dai sistemi MRP agli xerp Caratteristiche di un sistema ERP Limiti di un sistema transazionale Sistemi informazionali I sistemi informazionali L informazione direzionale Finalità e struttura dei sistemi informazionali I sistemi di data warehousing L ipercubo I fatti Le misure Le dimensioni Le gerarchie L architettura di un sistema di data warehousing Architettura a un livello Architettura a due livelli Architettura a tre livelli Architettura ibrida Le fasi di popolamento di un data warehouse Fase di estrazione Pulizia e trasformazione Caricamento dei dati Tecniche di analisi dei dati La reportistica Le interrogazioni OLAP SAP Il mercato degli ERP SAP, una breve storia dell azienda Il software ERP R/ I moduli SAP SAP ERP Financial SAP ERP Human Capital Management SAP ERP Operations SAP FI TR SAP ERP Financial La struttura di SAP ERP Financial

7 INDICE iii Configurare una company code Configurare la variante anno fiscale Definire il Piano dei Conti Definizione dei gruppi conto La componente a supporto della tesoreria operativa Le anagrafiche di tesoreria Anagrafica degli istituti di credito Anagrafica delle banche interne Impostazioni di comunicazione con le banche I conti Co.Ge. banca e le procedure di contabilizzazione La componente Financial Supply Chain Management Il Cash Management Global Liquidity Forecasting with Liquidity Planner Liquidity Calculation Il caso Generali Italia Il Gruppo Generali I requisiti del progetto Informazioni richieste e presenza nel database di SAP TR Soluzioni identificate per l acquisizione delle informazioni mancanti Implementazioni effettuate Sviluppi per l acquisizione dei saldi contabili dei conti correnti direzionali Creazione delle banche interne di Ex-INAssitalia, delle relative regole contabili e customizing del programma di acquisizione degli e/c Sviluppi per il cruscotto di monitoraggio dell acquisizione degli e/c: Electronic Bank Statement Monitor (EBS Monitor) Sviluppi per l acquisizione dei saldi contabili dei conti agenziali della rete AG Parametrizzazione per acquisizione saldi Conti Agenziali da FS-CD Trasferimento dei saldi da SAP FS-CD a SAP TR Rappresentazione dei saldi agenziali in SAP TR Programmi di creazione del file MT Programma di creazione del file MT940 per i saldi dei conti direzionali Programma di creazione del file MT940 per i conti della rete AG Conclusioni 137 Bibliografia 143

8

9 ELENCO DELLE TABELLE 3.1 Confronto tra i sistemi OLAP e i sistemi OLTP Principali operatori OLAP Rapporto Eurostat sul settore information and communication services Rapporto Eurostat Worldwide packaged software revenue by Region and Primary Market, Worldwide packaged software revenue by Top 10 Vendors, ($M) SAP ERP Human Capital Management SAP ERP Operations Componenti SAP v

10

11 ELENCO DELLE FIGURE 1.1 Teoria dei costi di transazione e impatto dell information technology sulle aziende Teoria dei costi di agenzia e impatto dell information technology sulle aziende Organizzazione gerarchica tradizionale con un elevato numero di livelli di management Organizzazione "appiattita" derivante dalla riduzione di alcuni livelli di management Schema di Anthony Architettura a un livello Architettura a due livelli Architettura a due livelli con data mart indipendenti Architettura a tre livelli Rapporto Eurostat Rapporto IDC Total Revenue by Region - SAP ($M) Struttura del sistema SAP R/3 a tre livelli I moduli SAP SAP ERP Financial Menù di avvio SAP Implementation Guide (IMG) Schema delle entità organizzative presenti in SAP ERP Financial Transazione OBY6, configurare una company code Transazione OB13, creare un Piano dei Conti Transazione FI01, creare una banca Menù inziale SAP: la componente Cash and Liquidity Management Implementation Guide Customizing, associazione delle causali ABI alla regola contabile dummy Struttura della regola contabile dummy Impostazione creazione registrazioni extra - contabili Schermata di selezione EBS Monitor Esempio di visualizzazione del Monitor vii

12 viii ELENCO DELLE FIGURE 6.7 IMG: Percorso: percorso per la parametrizzazione del CM ripartito Definire sottosistema TR-CM Programma richiamato on-line Transazione FF7A Struttura dei raggruppamenti di CM (raggruppamento AGENZIE) Struttura dei raggruppamenti di CM (raggruppamento AGENZIE_B) Gli step di controllo nella creazione del file MT

13 INTRODUZIONE E SOMMARIO Lo scenario economico in cui devono operare le imprese è ormai da alcuni anni molto dinamico, grazie all apertura dei mercati, alla moneta unica europea e, in generale, grazie alla globalizzazione. Si tratta di fattori che portano ad un aumento delle potenzialità di crescita di un impresa, ma allo stesso tempo comportano anche una maggiore tensione gestionale. Nell era dell informazione uno degli aspetti più rilevanti per il raggiungimento dei vantaggi competitivi che consentono di rimanere nel mercato è la necessità di avere una conoscenza precisa e istantanea degli avvenimenti aziendali e del mondo esterno nel suo complesso. In tale situazione risulta evidente come i sistemi informativi aziendali, nati per automatizzare le attività routinarie dell azienda ed ora in grado di fornire sempre più informazioni strategiche al management di un impresa, siano una delle risorse chiave su cui investire. Lo scopo di questa tesi è proprio lo studio dei sistemi informativi aziendali integrati e la presentazione di uno dei maggiori player del settore, che chi scrive questo elaborato ha avuto modo di conoscere direttamente, attraverso l esperienza lavorativa come consulente aziendale. Per fare questo, inizialmente verrà presentato il settore di mercato di riferimento e come questo si sia modificato negli anni, per poi approfondire nel secondo e terzo capitolo rispettivamente le due tipologie alla base dei sistemi informativi aziendali: i sistemi transazionali e i sistemi a supporto delle decisioni aziendali. Nel quarto capitolo sarà invece presentata l azienda tedesca SAP AG, ad oggi 1

14 2 CAPITOLO 0. INTRODUZIONE E SOMMARIO una delle prime aziende fornitrici al mondo di soluzioni software a supporto delle attività aziendali. Nel quinto capitolo si riporta quindi una breve analisi di alcuni aspetti del modulo SAP ERP Financial. Questa presentazione del modulo contabile, ed in particolare l ampia parte dedicata alla gestione della Tesoreria offerta da questo sistema, vuole essere la base per comprendere meglio le attività svolte in qualità di Consulente SAP presso un importante cliente, Generali Italia S.p.A., e riportate nel sesto e ultimo capitolo del presente elaborato.

15 Capitolo 1 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1.1 I sistemi informativi: una definizione Il concetto di sistema informativo ha iniziato a ricoprire un ruolo rilevante nello studio e nella letteratura, quale entità con un proprio ruolo e una propria funzione, a partire dagli anni Sessanta. Ad oggi esistono numerose definizioni di sistema informativo: a seconda del campo di studio a cui appartiene l autore, si incontrano definizioni che ne evidenziano l aspetto tecnico e tecnologico, altre ne sottolineano l aspetto sistemico, altre ancora pongono l accento sulla questione aziendale. Ecco di seguito alcuni esempi: «Un sistema informativo può essere definito come un insieme di elementi interconnessi che raccolgono (o ricercano), elaborano, memorizzano e distribuiscono informazioni per supportare le attività decisionali e di controllo di un azienda.» 1 «Un insieme di strumenti applicativi in grado di integrare secondo uno schema unitario di gestione dei dati e delle informazioni tutte le aree aziendali.» 2 «Insieme dei flussi informativi, prodotti con varie metodologie, destinate a supportare il sistema delle decisioni aziendali ed a soddisfare le esigenze d informazione per le decisioni esterne.» 3 1 Laudon, et al., Agliati, Rugiadini,

16 4 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI «Quella rete informativa intesa al supporto di tutti i centri di controllo e di decisione.» 4 «Il primario strumento di aumento della capacità di comunicazione ed adattamento all ambiente e di riduzione del suo costo.» 5 In tutte queste definizioni si possono comunque identificare dei tratti comuni. Innanzitutto dalle definizioni studiate emerge lo scopo, l obiettivo del sistema informativo: fornire informazioni utili all utente. Se l utente di riferimento è il top management, queste informazioni devono fornire l adeguato supporto per prendere decisioni strategiche, per affrontare al meglio l ambiente competitivo di riferimento. Se l utente è l ufficio preposto al controllo di gestione, le informazioni fornite dal sistema informativo aziendale devono consentire di valutare l andamento della gestione aziendale. Infine, se il destinatario è il middle management le informazioni devono consentire di prendere le corrette decisioni per implementare la strategia definita dai vertici aziendali. In generale, come ha scritto Davenport, «i sistemi informativi aziendali sono stati progettati per risolvere il problema della frammentazione delle informazioni nelle grandi organizzazioni». 6 Le definizioni consentono inoltre di identificare gli elementi che compongono un sistema informativo. Questi elementi possono essere ripartiti in tre classi: i dati e le informazioni, le procedure, i mezzi e gli strumenti necessari al trattamento, al trasferimento e all archiviazione di dati e informazioni I dati e le informazioni Il sistema informativo rappresenta i fenomeni aziendali elementari attraverso la registrazione e la memorizzazione di dati. Una delle ipotesi del funzionamento di un sistema informativo è, dunque, che questo sia in grado di raccogliere, memorizzare ed elaborare i dati provenienti da tutte le varie aree aziendali. In 4 Forrester, Galbraith, Davenport, jul - aug 1998

17 1.1. I SISTEMI INFORMATIVI: UNA DEFINIZIONE 5 questo modo il sistema può ottenere e fornire le informazioni necessarie all utente. Recentemente, si richiede inoltre che il sistema informativo sia anche in grado di reperire e trattare i dati provenienti dalle realtà esterne ai confini propri dell azienda. I dati possono essere suddivisi in quattro categorie: dati di configurazione (ne sono degli esempi l esercizio corrente o la divisa interna utilizzata in un gruppo societario); dati operativi (cioè quei dati che consentono di ottenere informazioni associate all avanzamento di una lavorazione o di un pagamento); dati di supporto (come ad esempio il nome del server web attraverso cui un cliente ha inoltrato un ordine via Internet); dati di stato (come lo stato del magazzino o il fatturato aziendale alla data odierna). Se i dati sono l input del sistema informativo, le informazioni ne sono chiaramente il suo output. I dati infatti altro non sono che semplici fatti rappresentanti gli accadimenti aziendali o del contesto competitivo di riferimento; mentre le informazioni sono il risultato di un elaborazione di questi, in una forma in grado di fornire conoscenza. 7 Solitamente un sistema informativo aziendale gestisce prevalentemente conoscenza strutturata. Con tale espressione ci si riferisce alla conoscenza esplicita, derivante dall uso di documenti e regole formali. 8 Oltre a questo tipo di conoscenza gli autori Laudon K. e Laudon J. riconoscono anche la cosiddetta conoscenza semi-strutturata: cioè l insieme delle informazioni digitali in possesso ad una impresa, ma non presenti nei report formali. Infine, a questi tipi di conoscenza, si contrappone la conoscenza tacita, cioè quel tipo di conoscenza non presente in forma scritta, ma propria di un singolo individuo, derivante dalle sue esperienze pregresse. Si deve poi aggiungere che la struttura del sistema informativo, dovendo questo fornire informazioni all utente finale, dipende direttamente dalla specifica esigenza informativa dei vari ruoli aziendali. 9 Ciò significa che i dati considerati rilevanti dipendono dalle 7 Laudon, et al., Laudon, et al., Per maggiori dettagli relativi alla relazione ruolo aziendale/necessità informativa vedere il paragrafo 1.3

18 6 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI informazioni che l utente ha richiesto al sistema di gestire. Conseguentemente la logica che definisce la rappresentazione della conoscenza in azienda condiziona la possibilità e il modo, per il sistema, di estrarre da singoli dati le informazioni ricercate Le procedure Le procedure rappresentano la parte dinamica del sistema informativo, consentendo la rappresentazione della realtà. 10 In questo senso, le procedure dipendono e riflettono i processi aziendali che intendono supportare, specificando e attuando le sequenze di azioni che consentono al sistema di rilevare, manipolare e memorizzare i dati e di interfacciarsi con l utente. Le procedure si possono distinguere in funzione al loro scopo: si hanno, per esempio, le procedure dedicate all acquisizione dei dati, quelle per il controllo e l elaborazione delle informazioni, quelle usate per la pianificazione, etc. La struttura del sistema informativo, quindi, dipende da un lato, dai dati che si possono e si vogliono estrarre e trattare, dall altro dalla struttura organizzativa dell impresa e dai processi che si intendono gestire con il sistema informativo. Allo stesso tempo però la struttura del sistema informativo definisce e vincola il sistema delle informazioni aziendali analizzate, cioè l insieme delle informazioni qualitative e quantitative relative allo stato passato, presente e futuro dei fenomeni aziendali gestiti I mezzi e gli strumenti necessari al trattamento, al trasferimento e all archiviazione di dati e informazioni Nella definizione del sistema informativo aziendale sono inoltre rilevanti tutti gli strumenti utilizzati, che rendono possibile la raccolta dei dati, l elaborazione di procedure e la distribuzione dell informazione all interno dell azienda. 11 In questo senso i sistemi informativi formalizzati si dividono in sistemi computerizzati 10 Pighin, et al., Seconda edizione 11 Pighin, et al., Seconda edizione

19 1.2. L IMPATTO DEI SISTEMI INFORMATIVI SULLE AZIENDE 7 o sistemi manuali. 12 I sistemi manuali altro non sono che i sistemi che utilizzano carta e penna; al contrario i sistemi informativi computerizzati (CBIS, Computer- Based Information Systems) elaborano e distribuiscono le informazioni attraverso tecnologie hardware e software. 1.2 L impatto dei sistemi informativi sulle aziende L introduzione dei sistemi informativi aziendali è il risultato della richiesta di avere informazioni aggiornate e disponibili nel momento in cui sono necessarie a tutti coloro che, con il proprio operato, aumentano il valore dell impresa stessa. Il motivo per cui le imprese stanno investendo in information technology e nei sistemi informativi aziendali risiede quindi nella loro potenzialità di creare un valore economico reale per l azienda. 13 L impatto economico derivante dall uso dei sistemi informativi si apprezza in termini di variazione dei costi relativi del capitale e delle informazioni. 14 Le tecnologie che supportano i sistemi informativi possono essere infatti considerate un fattore produttivo aziendale, al pari del capitale e del lavoro. Se i costi di queste tecnologie diminuiscono, da un lato, è plausibile pensare che le tecnologie sostituiscano la forza lavoro tradizionale, dall altro si può assistere ad un aumento degli investimenti nell IT invece che in altre forme di investimento, giustificati dal miglior costo-opportunità offerto dalle tecnologie in questione. L IT ha però il suo maggior impatto sul costo e sulla qualità delle informazioni. 15 In questo senso le tecnologie che supportano i sistemi informativi abbassano i costi di transazione, cioè quei costi derivanti dalla partecipazione al mercato. Secondo la teoria dei costi di transazione infatti le imprese cercano di ridurre i costi relativi al reperimento delle informazioni, come cercano di ridurre quelli della produzione. Tradizionalmente per raggiun- 12 Laudon, et al., Laudon, et al., Laudon, et al., Per approfondimenti sulle tipologie di costi, vedere Isotta, 2007

20 8 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI gere tale obiettivo le imprese optavano per scelte di integrazione verticale. Oggi, grazie ai sistemi IT e all uso delle reti, le imprese possono ridurre i loro costi di transazione mantenendo al contempo una struttura flessibile, adatta all attuale mercato. Figura 1.1: Teoria dei costi di transazione e impatto dell information technology sulle aziende I costi di transazione non sono però gli unici costi che l IT consente di ridurre: potenzialmente anche i costi interni di gestione, chiamati costi di agenzia, possono essere minimizzati. Questo perché, grazie alla riduzione delle difficoltà di accesso e analisi delle informazioni offerte dell IT, diventa più semplice per i manager gestire un numero maggiore di dipendenti. La riduzione dei costi di agenzia si traduce a sua volta, a livello organizzativo, in un appiattimento delle gerarchie aziendali: grazie alla disponibilità delle informazioni infatti si può diffondere il potere decisionale attraverso tutta la struttura gerarchica aziendale. La normale conseguenza di una diffusione del potere de-

21 1.2. L IMPATTO DEI SISTEMI INFORMATIVI SULLE AZIENDE 9 Figura 1.2: Teoria dei costi di agenzia e impatto dell information technology sulle aziende cisionale è, quindi, una riduzione dei livelli organizzativi. In aggiunta, l aumento delle informazioni e la facilità di reperimento delle stesse consente di poter organizzare la struttura aziendale in modo che risulti più flessibile a eventuali cambiamenti, necessari per rimanere nel mercato e sfruttare nuove possibilità. In definitiva i sistemi informativi, diffondendo la conoscenza all interno dell azienda, permettono ai manager di prendere decisioni più oculate o che migliorano l esecuzione dei processi di business, conseguentemente il risultato è quello di incrementare i profitti e/o ridurre i costi.

22 10 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Figura 1.3: Organizzazione gerarchica tradizionale con un elevato numero di livelli di management Figura 1.4: Organizzazione "appiattita" derivante dalla riduzione di alcuni livelli di management

23 1.3. L ESIGENZA INFORMATIVA IN AZIENDA: LO SCHEMA DI ANTHONY L esigenza informativa in azienda: lo schema di Anthony L esigenza informativa, come anticipato, non è definibile a livello aziendale nel suo complesso, ma ovviamente dipende dal tipo di attività che la singola persona deve svolgere all interno dell organizzazione. Un noto schema che rappresenta efficacemente la diversa necessità di informazioni a livello aziendale è il modello sviluppato nel 1965 dall economista R. Anthony. Questo modello individua in un organizzazione tre diversi livelli, ognuno dei quali dedicato a obiettivi diversi, di tipo gestionale od operativo, riferiti a un differente orizzonte temporale (fig. 1.5). Ciascun livello interagisce con quelli adiacenti, in modo da consentire la pianificazione e controllo di gestione, e quindi verificare i risultati aziendali e decidere le eventuali azioni correttive necessarie. I livelli di cui sopra sono: a) livello direzionale-strategico; b) livello direzionale-tattico; c) livello operativo. Per ciascun livello si hanno profili, oltre che professionali, informativi diversi. L informazione di cui hanno bisogno gli utenti dei tre livelli, cioè, si differenzia per la quantità dei dati, per il loro grado di aggregazione, per la loro provenienza, e per la frequenza con cui avviene la loro consultazione. 1. Il livello direzionale-strategico identifica il top management, il cui obiettivo primario è quello di garantire la sopravvivenza e la crescita dell azienda nel mercato. L orizzonte di rifermento è quindi il lungo periodo. Le informazioni richieste da questo livello sono sintetiche, diversificate e poco strutturate. 16 Sono informazioni che devono consentire ai vertici aziendali di valutare le tendenze del mercato e le performance aziendali, in modo da individuare e pianificare le scelte migliori per la crescita aziendale. Per consentire tutto ciò, le informazioni necessarie sono estremamente varie, e non possono limitarsi a provenire dall ambiente interno dell azienda, è an- 16 Pighin, et al., Seconda edizione

24 12 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Figura 1.5: Schema di Anthony zi necessario che queste siano per buona parte provenienti anche da fonti esterne. All utente di riferimento è richiesta, per svolgere il suo compito di decisore, un elevata capacità di interpretazione, che può essere supportata da sistemi informativi che forniscono dati estremamente sintetici e poco strutturati, provenienti dall interno e dall esterno dell azienda Il livello direzionale-tattico, di competenza del middle management, si occupa della definizione di obiettivi a breve termine che riflettano il piano strategico aziendale definito dal livello superiore della piramide. Oltre alla definizione degli obiettivi, i manager del livello tattico devono fornire i piani esecutivi per raggiungere tali obiettivi, sono inoltre responsabili del periodico controllo dei risultati ottenuti. Le informazioni richieste da questo livello sono il risultato di una sintesi dei dati estratti principalmente da quei sistemi che supportano il livello operativo, anche se in alcuni ca- 17 Pighin, et al., Seconda edizione

25 1.3. L ESIGENZA INFORMATIVA IN AZIENDA: LO SCHEMA DI ANTHONY 13 si, come nella gestione delle eccezioni, il manager si avvale anche di dati analitici. In generale quindi i dati utilizzati per prendere decisioni provengono principalmente dall azienda, e solitamente sono di tipo strutturato, ma sintetico. 3. Il livello operativo è quello che attua i piani definiti dal livello tattico: occupandosi dello svolgimento delle attività correnti. Le registrazioni degli eventi aziendali nel sistema informativo avvengono in questo livello della struttura organizzativa. Gli utenti qui considerati interagiscono con il sistema informativo costantemente, trattando un volume elevato di dati analitici, di provenienza interna all azienda. La forma piramidale di questo modello rappresenta il tipo di informazione utilizzata nei vari livelli organizzativi della struttura di un azienda: i livelli operativi, alla base della piramide, hanno bisogno di informazione dettagliata e aggiornata, ciò significa un elevato numero di dati; man mano che si sale lungo la struttura gerarchica, la necessità di molte informazioni dettagliate decresce, in favore di un informazione sempre più sintetica che consenta di valutare lo stato aziendale nel suo insieme. La necessità di esigenze informative differenti all interno di un azienda ha portato nel corso del tempo a una distinzione tra sistemi informativi orientati alle decisioni e sistemi orientati al supporto dell operatività e al controllo sistematico delle attività aziendali. 18 Sebbene la maggior parte dei tradizionali sistemi informativi, orientati al supporto operativo, contenga anche alcune funzioni di supporto alla decisioni strategiche e tattiche, non risultano però sufficientemente elastici per indagare situazioni non previste. Da qui la necessità di separare i due ambiti, in modo da fornire gli strumenti più adatti a ciascun livello aziendale Pighin, et al., Seconda edizione 19 Le due tipologie di sistemi informativi verranno ampiamente discusse nei successivi capitoli

26 14 CAPITOLO 1. SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1.4 L evoluzione dell Information Technology e dei sistemi informativi automatizzati Prima di descrivere le specifiche dei vari tipi di sistemi informativi di cui si è accennato nel corso del precedente paragrafo, si presenta una breve descrizione dell evoluzione storica del campo dei sistemi informativi, così da poter apprezzare maggiormente le caratteristiche che contraddistinguono ciascuna tipologia di sistema informativo. Volendo tracciare un percorso storico dell evoluzione del campo dei sistemi informativi aziendali, è possibile individuare cinque fasi fondamentali di sviluppo, di seguito esposte, identificabili principalmente grazie ai grandi cambiamenti tecnologici e per l obiettivo che il management assegna ai sistemi informativi stessi La prima fase: gli anni Cinquanta e prima metà degli anni Sessanta La prima fase che si può riscontrare è quella a cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta. Fino alla fine degli anni Cinquanta l uso dei calcolatori è principalmente esclusivo dei centri militari e degli istituti di ricerca, si tratta di macchine di enormi dimensioni usati per elaborare grandi quantità di dati, almeno secondo gli standard dell epoca. Nella metà degli anni Sessanta si assiste però all emergere di fasce di mercato differenti: da un lato troviamo i grandi calcolatori prodotti da IBM e CDC, dal costo di milioni di dollari, usate dagli istituti di ricerca per calcoli scientifici; dall altra, le prime macchine commerciali, per lo più prodotte da IBM, meno costose e performanti rispetto alle macchine ad uso scientifico. 21 Anche le grandi imprese iniziano quindi ad introdurre le tecnologie informatiche per automatizzare i processi di livello operativo. Il motivo per cui le tecnologie informatiche vengono inizialmente introdotte in azienda è la ricerca di maggiore 20 Le date che contraddistinguono queste fasi sono da ritenersi indicative. 21 visitato il

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 1 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 2 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici Parte del corso intersettoriale "Laboratorio di Progettazione e Sviluppo

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L.

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L. DATA WAREHOUSE Un Dataware House può essere definito come una base di dati di database. In molte aziende ad esempio ci potrebbero essere molti DB, per effettuare ricerche di diverso tipo, in funzione del

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

1. Introduzione agli ERP e a SAP

1. Introduzione agli ERP e a SAP 1. Introduzione agli ERP e a SAP ERP (Enterprise Resource Planning) è un sistema informativo che integra tutti gli aspetti del business, inclusi la pianificazione, la realizzazione del prodotto (manufacturing),

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8 E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries Quick-EDD/ DR-DRm ETL 1/8 Sommario ETL... 3 I processi ETL (Extraction, Transformation and Loading - estrazione, trasformazione e caricamento)... 3 Cos è l

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

I sistemi informativi aziendali nell'era di Internet. Di Roberta Molinari

I sistemi informativi aziendali nell'era di Internet. Di Roberta Molinari I sistemi informativi aziendali nell'era di Internet Di Roberta Molinari 1 Azienda Ogni impresa si organizza in base: alla sua missione o mission (lo scopo per cui è nata: produrre scarpe) ai suoi obiettivi

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) EVOLUZIONE DEFINIZIONI SISTEMI INFORMATIVI E SISTEMI ERP I SISTEMI TRADIZIONALI I SISTEMI AD INTEGRAZIONE DI CICLO I SISTEMI

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre Sistemi informativi aziendali prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA Informatica per AFM 1. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE E SISTEMA INFORMATICO ITS Tito Acerbo - PE INFORMATICA Prof. MARCO

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI INDICE PREMESSA...1 PARTE PRIMA CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CAPITOLO PRIMO IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI 1. I concetti di pianificazione strategica

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Bravo Manufacturing Overview del prodotto

Bravo Manufacturing Overview del prodotto Bravo Manufacturing Overview del prodotto Sommario Cos è Bravo Manufacturing?... 2 Architettura del sistema... 3 Funzionalità chiave del sistema... 4 Flusso di lavoro... 5 1. Rileva... 6 2. Analizza...

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE L [ERP] PER IL MERCATO DEL [ & ] ERP per il settore Wine&Beverage Enterprise Resource Planning Wine&Beverage for Sap Business One è un ERP, appositamente parametrizzato per il commercio del vino, alcolici,

Dettagli

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER Sistemi Informativi Catena del valore di PORTER La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici del valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI INFORMATIVI....2 2 IL SISTEMA INFORMATIVO ED IL SISTEMA DELLE INFORMAZIONI...3 2.1 COMPONENTI DEL SISTEMA INFORMATIVO...5 2.2 CONCETTO DI SISTEMA INFORMATIVO...6 2.3 SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Bieffe Stefano Pieri Graphic Design Certified Software Partner Metodo S.p.A. TEN PROGRAM

Bieffe Stefano Pieri Graphic Design Certified Software Partner Metodo S.p.A. TEN PROGRAM LIBERI ED EVOLUTI 2 METODO EVOLUS LIBERI ED EVOLUTI 3 Perché un ERP proattivo Gestire un azienda nel suo evolversi nel tempo e sostenerne la crescita è complesso e difficile: Metodo EVOLUS risponde a questa

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

SAP AG. Gabriele Monfardini Anno Accademico 2013-2014

SAP AG. Gabriele Monfardini Anno Accademico 2013-2014 Software ERP SAP AG Multinazionale tedesca Fatturato 2012: oltre 16 mld euro Numero dipendenti 2012: oltre 64000 Ha uffici in tutte le parti del mondo e un network di 115 aziende consociate Prodotti di

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA n. 43/2011 novembre in questo numero: A proposito di Granaio CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI 1138A_03 Prime pagine 1-03-2004 17:16 Pagina v INDICE Prefazione.......................................................................... XI Capitolo 1 L era dell informazione in cui viviamo. Il nuovo

Dettagli

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu 09 L Informatica nel mondo del lavoro Dott.ssa Ramona Congiu 1 L informatica in azienda Al giorno d oggi la quantità di informazioni in circolazione è talmente vasta che senza il supporto delle tecnologie

Dettagli

la piattaforma completa e scalabile che integra CAD e CAM con un sistema ERP per la gestione della produzione per le aziende che lavorano la lamiera

la piattaforma completa e scalabile che integra CAD e CAM con un sistema ERP per la gestione della produzione per le aziende che lavorano la lamiera la piattaforma completa e scalabile che integra CAD e CAM con un sistema ERP per la gestione della produzione per le aziende che lavorano la lamiera L'utilizzo di prodotti che operano sulla stessa base

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

Ph@ses 3003. Sistema informativo di fabbrica 1/12

Ph@ses 3003. Sistema informativo di fabbrica 1/12 Ph@ses 3003 Sistema informativo di fabbrica 1/12 1 Indice 1 Indice...2 2 Introduzione...3 3 Il prodotto: Ph@ses 3003...3 4 Tecnologia...3 5 Schema logico generale di produzione...4 5.1 Layuot logico di

Dettagli

S P A P Bus Bu in s e in s e s s s O n O e n 9 e.0 9 p.0 e p r e r S A S P A P HAN HA A Gennaio 2014

S P A P Bus Bu in s e in s e s s s O n O e n 9 e.0 9 p.0 e p r e r S A S P A P HAN HA A Gennaio 2014 SAP Business One 9.0 per SAP HANA High Performance Analytical Appliance I progressi nella tecnologia HW hanno permesso di ripensare radicalmente la progettazione dei data base per servire al meglio le

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

d 2 i e Visual Data Mining : Un ambiente integrato per l estrazione della conoscenza dai dati della produzione industriale

d 2 i e Visual Data Mining : Un ambiente integrato per l estrazione della conoscenza dai dati della produzione industriale d 2 i e Visual Data Mining : Un ambiente integrato per l estrazione della conoscenza dai dati della produzione industriale O b i e t t i v o Rendere le informazioni esistenti in azienda liberamente fruibili

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance Andrea Guillermaz Piteco PITECO SpA PITECO PITECO nasce nel 1980. Con oltre 2500 Clienti, da 10 anni è il più importante

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli