Malattia di Alzheimer e di Parkinson: la terapia farmacologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattia di Alzheimer e di Parkinson: la terapia farmacologica"

Transcript

1 Dott.ssa Alessandra Martinelli Dirigente Neurologo Ospedale Gervasutta UDINE Malattia di Alzheimer e di Parkinson: la terapia farmacologica La Farmacia pubblica territoriale e la distribuzione per conto Udine 7 giugno 2012

2 TRATTAMENTO DELLA MALATTIA DI PARKINSON

3 Farmaci antiparkinson terapia tradizionale - Levodopa - COMT inibitori - Dopamino-agonisti - MAO-B inibitori - Anticolinergici Nessun lavoro rilevante negli ultimi 10 anni: attivi soprattutto su tremore. Limitati da effetti anticolinergici (periferici e) centrali: sedazione, allucinazioni, perdita di memoria - amantadina ([antivirale] stimolante turnover DA) Blanda efficacia, effetti collaterali anticolinergici, ed altri. Aumenta rilascio e riduce reuptake di DA

4 MALATTIA DI PARKINSON LEVODOPA Sviluppata alla fine degli anni 60, si è rapidamente imposta come farmaco di prima scelta E un grande aminoacido neutro che è trasportato attivamente attraverso la barriera intestinale ed emato-encefalica Ha una buona rapidità di azione E il farmaco più efficace

5 LEVO-DOPA MADOPAR : l-dopa + Benserazide SINEMET : l-dopa + Carbidopa SIRIO : Melevodopa + Carbidopa STALEVO : l-dopa + Carbidopa + Entacapone DUODOPA : l-dopa + Carbidopa

6 Perchè la l-dopa da sola non va bene? problemi essenzialmente farmacocinetici - biodisponibilità cerebrale (non BEE permeant) - t 1/2 breve (1,5 h) si punta a Stimolazione Dopaminergica Continua - Dopaminoagonisti a durata più lunga - inibizione MAO-B - inibizione COMT - preparazioni a rilascio lento, transdermiche, sottocutanee - infusione continua digiunale

7 MALATTIA DI PARKINSON

8 MALATTIA DI PARKINSON

9 INIBITORI DELLE COMT - Aumento dell'emivita della l-dopa del 50% - Aumento dell'auc del 75% -Livelli plasmatici di l-dopa più stabili COMTAN 200 mg cp: entacapone TASMAR 100 mg cp: tolcapone

10 STALEVO Stalevo: l-dopa + carbidopa + entacapone Ampia varietà di dosaggi (50/12,5/200 a 200/50/200) Efficace nel wearing-off (deterioramnto di fine dose) Nelle discinesie permette di ridurre la dose giornaliera di l-dopa Indicato nel trattamento dei pazienti con malattia di Parkinson che presentano fluttuazioni motorie giornaliere di fine dose non stabilizzate con la terapia a base di levodopa+inibitori delle dopa decarbossilasi

11 DOPAMINOAGONISTI Stimolano direttamente i recettori dopaminergici postsinaptici Hanno un emivita più lunga della levodopa Ritardano la comparsa delle fluttuazioni motorie

12 MALATTIA DI PARKINSON APOMORFINA CABASER (ergolinico) MIRAPEXIN NOPAR (ergolinico) PARLODEL (lieve antagonista) REQUIP NEUPRO

13 DOPAMINOAGONISTI MIRAPEXIN RP cp 0,26-3,15 mg PRAMIPEXOLO NEUPRO cerotto 2-8 mg ROTIGOTINA REQUIP RP cp 2-8 mg ROPINIROLO

14 DOPAMINOAGONISTI Differenze: 1) Affinità per il recettore dopaminergico: Affinità per i recettori D2 e D3 Apomorfina anche per i D1 2) Emivita: Apomorfina 30 minuti Cabergolina 70 ore

15 N E U P R O La rotigotina viene pertanto somministrata attraverso un cerotto transdermico che ne consente un rilascio costante nelle 24 ore (dosaggi da mg) realizzando così una stimolazione continua dei recettori dopaminergici

16 MdP : COMPORTAMENTI COMPULSIVI SINDROME DA DISREGOLAZIONE DOPAMINERGICA Disfunzione psichiatrica per cui un paziente parkinsoniano tende ad assumere autonomamente dosi costantemente maggiori di farmaci dopaminergici fin dalle prime fasi di malattia

17 Problemi a lungo termine Fluttuazioni motorie ON/OFF Discinesie Sindrome da disregolazione dopaminergica: disturbo compulsivo nel 3-4% dei casi in terapia dopaminergica. Disturbo dei meccanismi decisionali favorito dalla compromissione dei collegamenti crociati tra striato e corteccia frontale. Si manifesta come Gambling patologico e shopping compulsivo: legato presumibilmente ad alterazione dei processi gratificazionali DAdipendenti

18 INIBITORI DELLE MAO-B Riducono la degradazione della dopamina AZILECT 1 mg : rasagilina. Potenziale attività neuroprotettiva legata alla capacità di inibire l'apoprtosi. JUMEX 5-10 mg : selegilina. Riduce le fasi OFF nelle fluttuazioni motorie.

19 AMANTADINA Agente antivirale Proprietà dopaminoagonista (blocco recettoriale) MANTADAN

20 ANTICOLINERGICI Sintetizzati negli anni 50, utilizzati prima della levo-dopa Nel 1962 si dimostrò l esistenza di uno sbilanciamento tra attività dopaminergica/colinergica a favore di quest ultima Attualmente meno usati per gli effetti collaterali

21 MALATTIA DI PARKINSON AKINETON ARTANE DISIPAL KEMADRIN SORMODREN TREMARIL

22 LE POMPE DI INFUSIONE A PARAMETRI MODIFICABILI Consentono di titolare finemente la dose erogata Permettono la somministrazione della dose mattutina per sbloccarsi, l infusione continua diurna e di dosi extra in caso di necessità Sono facilmente gestibili dal paziente stesso o da chi lo accudisce

23 POMPA CRONOJET MICROPAR

24 DUODOPA: Il Sistema Pompa Cassetta contenente il farmaco (gel)

25 DUODOPA - PEG

26 MALATTIA DI PARKINSON LA TERAPIA CHIRURGICA CHIRURGIA LESIONALE pallidotomia talamotomia STIMOLAZIONE CEREBRALE PROFONDA nucleo subtalamico

27 L intervento

28 Il nucleo subtalamico

29 Definizione del target anatomico

30 I pattern di scarica delle strutture cerebrali SNr Quiet Quiet STN STN STN STN STN Zi Zi Zi

31 DETTAGLIO DELLE PUNTE DEGLI ELETTROCATETERI PER STIMOLAZIONE CEREBRALE PROFONDA

32 Controllo posizionamento elettrodi DBS : Il paziente è sveglio e collabora con i medici in sala.

33 Sistema per neurostimolazione mod. Kinetra

34 Neurostimolatore Estensione Elettrocatetere DBS: componenti

35 N Vision

36 Deep Brain Stimulation Gli impulsi elettrici vengono condotti attraverso l'estensione e l'elettrocatetere a determinate aree del cervello. Gli impulsi possono essere regolati per controllare o modificare le impostazioni del neurostimolatore La stimolazione di queste aree blocca i segnali che provocano i sintomi motori disabilitanti della malattia di Parkinson. Per ottimizzare i benefici della terapia, è possibile regolare la stimolazione elettrica in modo non invasivo. Di conseguenza, molti soggetti possono ottenere un maggiore controllo sui movimenti dell'intero corpo.

37 MALATTIA DI PARKINSON INDICAZIONI ALLA DBS Malattia di Parkinson Durata > 5 anni Età < 70 anni Buona risposta alla levo-dopa Fluttuazioni motorie Buone condizioni generali CONTROINDICAZIONI ALLA DBS Declino cognitivo/problemi psichiatrici Atrofia/encefalopatia vascolare al controllo TAC o RMN encefalo Mancata compliance

38 TOSSINA BOTULINICA La tossina botulinica (TB), prodotta da un microrganismo anaerobico, il Clostridium Botulinum, è una potente neurotossina : ingerita con il cibo contaminato determina una paralisi periferica dei muscoli con conseguente morte del soggetto. Nel 1973 nel corso di ricerche militari per ottenere adeguate misure difensive nei confronti delle armi batteriologiche l'oftalmologo dr. Alan Scott ipotizzò un razionale scientifico per l'utilizzo terapeutico della TB nello strabismo. Da allora l'utilizzo clinico della TB nell'uomo ha avuto un enorme e progressivo sviluppo in ambito neurologico. La TB è attualmente il farmaco di prima scelta per la terapia di diversi disturbi del movimento. Altre indicazioni: dall'estetica (rughe, iperidrosi) a varie discipline mediche, caratterizzate da iperattività muscolare e ghiandolare.

39 Tossina Botulinica tipo A: meccanismo d azione Blocco reversibile liberazione ACh a livello della placca motoria Blocco trasmissione neuromuscolare con denervazione muscolare BOTOX-Mechanism of Action.mpg Paralisi funzionale reversibile e utilizzabile a fini terapeutici

40 TRATTAMENTO DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

41 Terapia farmacologica dell Alzheimer o Inibitori delle colinesterasi :Donepezil, Rivastigmina, Galantamina o Farmaci antiglutamatergici che interferiscono sulla eccitotossicità cerebrale : Memantina Neurolettici per i disturbi comportamentali

42 Inibitori della acetilcolinesterasi Agiscono sulla trasmissione colinergica centrale Possono migliorare lo stato cognitivo e rallentare la progressione della malattia Questi farmaci (donepezil, rivastigmina, galantamina) riducono la metabolizzazione dell'acetilcolina nel SNC, migliorando la trasmissione colinergica con una potenziale riduzione dei sintomi. Gli inibitori dell acetilcolinesterasi sono efficaci nella fase lieve-moderata della malattia

43 !

44 DONEPEZIL Memac/Aricept 5 mg 10 mg - elevata selettività per l'acetilcolinesterasi cerebrale - monosomministrazione - miglioramento statisticamente significativo sia nelle funzioni cognitive, sia nello stato funzionale globale. - revisione sistematica della Cochrane Collaboration "in pazienti selezionati con malattia di Alzheimer da lieve a moderata trattati per periodi di 12 o 24 settimane il donepezil produce un modesto miglioramento della funzione cognitiva".

45 RIVASTIGMINA Exelon/Prometax cps 1,5-3,0-4,5 6 mg cerotto 4,6-9,5 mg - Inibitore delle acetilcolinesterasi - Inibitore delle butirrilcolinesterasi - Significativo miglioramento dei domini della memoria ed alle dosi più elevate anche del linguaggio e delle prassie. - La forma transdermica evita le oscillazioni dei livelli plasmatici

46 GALANTAMINA RP mg - Inibitore reversibile delle acetilcolinesterasi - Azione allosterica positiva sui recettori nicotinici Metabolismo epatico richiede attenta valutazione in associazione.

47 Effetti collaterali cardiovascolari ipotensione, fibrillazione atriale, bradicardia attivazione dei recettori muscarinici espressi a livello del tessuto di conduzione del cuore Vasodilatazione,rid.frequenza cardiaca, rid. Velocità conduzione nodale, rid. Forza di contrazione L aumento dell attivazione del sistema colinergico alla base della regolazione del sistema colinergico sinusale può esporre a rischio di reazioni avverse da non sottovalutare.

48 MEMANTINA Ebixa mg Antagonista non competitivo del recettore per l'n-metil-daspartato (NMDA), recettore post-sinaptico del GABA, Riduce eccitabilità neuronale a livello di corteccia cerebrale e ippocampo ovvero le regioni cognitive e della memoria Eliminata per via renale In monoterapia o in associazione con Ach-I Effetti collaterali: vertigini, cefalea, stipsi, sonnolenza

49 BPSD: Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia Farmaci antipsicotici Tipici Atipici Gli effetti collaterali sono il principale fattore limitante il loro impiego: - patologia extrapiramidale - rischio più elevato di stroke - aumentata mortalità

50 Antipsicotici e demenza La prescrizione viene effettuata dai Centri autorizzati (U.V.A.) con la procedura di rimborsabilità in regime di distribuzione diretta. Le visite neurologiche di monitoraggio devono essere a cadenza bimestrale, quindi la dispensazione degli antipsicotici non deve superare i 60 giorni di terapia.

51 Terapia dei sintomi psicotici nella AD Trattamento acuto: Trattamento a lungo termine: Aloperidolo Atipici Tipici a basso dosaggio Quetiapina Valproato Trazodone Olanzapina Risperidone Promazina Per il trattamento acuto per un breve periodo il farmaco di scelta è l'aloperidolo che ha il vantaggio della somministrazione parenterale. Gli antipsicotici atipici costituiscono l'alternativa in pazienti ad elevato rischio di manifestazioni extrapiramidali.

52 UVA Unità Valutativa Alzheimer Le UVA sono state istituite in Italia nel 2000 Secondo le prescrizioni dell'aifa garantiscono: - la capacità di valutare il paziente con disturbi cognitivo-comportamentali seguendo un percorso diagnostico strutturato; - la capacità di mantenere un contatto con il MMG per assicurare continuità dell'assistenza sanitaria

53 U.V.A. Effettuare o confermare una diagnosi precedente e stabilire il grado di severità in accordo alla scala MMSE. Il piano terapeutico formulato sulla base della diagnosi iniziale di probabile demenza di Alzheimer di grado lievemoderato. Monitoraggio: a 1 mese, effetti collaterali e aggiustamento posologico a 3 mesi, valutazione della risposta e monitoraggio della tollerabilità: la rimborsabilità del trattamento oltre i tre mesi deve basarsi sul non peggioramento dello stato cognitivo del paziente valutato tramite MMSE ed esame clinico; ogni 6 mesi per successive valutazioni della risposta e della tollerabilità.

54 NOTA 85 Pazienti con malattia di Alzheimer di grado lievemoderato Principi attivi: donepezil, galantamina, rivastigmina Pazienti con malattia di Alzheimer di grado moderato-severo Principi attivi: memantina

55 NOTA 85 Tra i pazienti affetti da DA la percentuale attesa di responder alla terapia con ACh-I o con memantina è circa del 10%. La malattia di Alzheimer può essere suddivisa nei seguenti stadi di gravità: - lieve (MMSE 21-26), - moderato (MMSE 10-20), - moderatamente grave (MMSE 10-14) - grave (MMSE< 10) La Nota 85 autorizza la prescrizione degli IACh (donazepil, rivastigmina e galantamina) per la DA lieve e moderata, e della memantina per la DA solo di grado moderato-severo. Il trattamento deve essere interrotto quando il punteggio MMSE abbia raggiunto un valore uguale o inferiore a 10.

56 Trattamento della DA: quale strada seguire in futuro? ACETILCOLINA AChE-inibitori Agonisti muscarinici o nicotinici Combinazione LA TERZA VIA Estrogeni Antiossidanti Anti-infiammatori BETA-AMILOIDE Modificanti il processo di sintesi o rilascio dell APP Agenti anti-aggreganti Vaccino

57 Giorgione Le tre età Firenze-Palazzo Pitti, Galleria Palatina Metafora dell armonia esistenziale e cosmica, alla quale il vecchio, uscendo dalla mondanità, sta per dire addio e il giovinetto, istruito dall uomo adulto, sta per introdursi.

Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza. Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010

Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza. Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010 Roberto Piolti Clinica Neurologica A.O. San Gerardo Monza Polidiagnostico CAM, Monza, 20.11.2010 NELLA FASE DIAGNOSTICA E NEL MONITORAGGIO DELLA MALATTIA IL PRINCIPALE SPECIALISTA COINVOLTO E IL NEUROLOGO

Dettagli

Che cos è la malattia di Parkinson?

Che cos è la malattia di Parkinson? Che cos è la malattia di Parkinson? La malattia di Parkinson è una malattia degenerativa, pertanto cronica e progressiva, descritta per la prima volta nel 1817 dal medico inglese James Parkinson come paralisi

Dettagli

TERAPIA DELLA MALATTIA DI PARKINSON

TERAPIA DELLA MALATTIA DI PARKINSON TERAPIA DELLA MALATTIA DI PARKINSON Maria Guarino Centro Parkinson e Disordini del Movimento Neurologia AOU Policlinico S.Orsola-Malpighi-Bologna Convivere con la Malattia di Parkinson Incontri con i pazienti

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE Filippo Bogetto Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino Dipartimento Salute Mentale Interaziendale To 1 - Molinette MODIFICAZIONI COGNITIVE

Dettagli

Farmaci per la cura della malattia di Parkinson

Farmaci per la cura della malattia di Parkinson Linee guida terapeutiche /8 Farmaci per la cura della malattia di Parkinson con particolare riferimento a melevodopa/carbidopa, rasagilina, rotigotina, tolcapone, apomorfina, levodopa/carbidopa gel intestinale

Dettagli

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego Alessandro Lozza IRCCS Neurologico Casimiro Mondino Università di Pavia Neurotossine La neurotossina è una sostanza che inibisce

Dettagli

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo Il trattamento farmacologico dei disturbi psico-comportamentali comportamentali nel paziente con demenza Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo BPSD Behavioral

Dettagli

RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI

RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI RILEVANZA CLINICA DELLA CINETICA DEI FARMACI DOPAMINERGICI CINETICA E FARMACODINAMICA DELLA LEVODOPA Giovanni Fabbrini Dipartimento di Neurologia e Psichiatria Sapienza Università di Roma I principi della

Dettagli

Informazioni sulle medicine per il morbo di Parkinson

Informazioni sulle medicine per il morbo di Parkinson Informazioni sulle medicine per il morbo di Parkinson Questo foglio informativo aiuta a capire quali tipi di medicinali sono disponibili per curare i sintomi del morbo di Parkinson, i possibili effetti

Dettagli

Parkinson s Parkinson s Well-Being Map TM un aiuto alla comunicazione durante la visita medica

Parkinson s Parkinson s Well-Being Map TM un aiuto alla comunicazione durante la visita medica Parkinson s TM Supporting communication of my Parkinson s Parkinson s Well-Being Map è sostenuta da: The Parkinson s Well-Being Map TM has been endorsed by: Developed Sviluppata in partnership in collaborazione

Dettagli

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco APPROCCIO TERAPEUTICO AL PAZIENTE CON M.DI ALZHEIMER Terapia mirata alla cura dei sintomi cognitivi

Dettagli

ROTIGOTINA (12-04-2010)

ROTIGOTINA (12-04-2010) ROTIGOTINA (12-04-2010) Specialità: Neupro (UCB Pharma spa) Forma farmaceutica: 28 cerotti 2 mg/24 ore - Prezzo: euro 96.05 28 cerotti 4 mg/24 ore - Prezzo: euro 100.36 28 cerotti 6 mg/24 ore - Prezzo:

Dettagli

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia SIGG LIGURIA 16 ottobre 2010 Camilla Prete Unità Valutativa Alzheimer Geriatria E.O. Ospedali Galliera RAPPORTO MONDIALE 2010 costi economici

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON CORSO FAD LA MALATTIA DI PARKINSON ID ECM: 114181 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio 15 gennaio 2015 Data di fine 31 dicembre 2015 COSTO ABBONAMENTO

Dettagli

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Demenze : La sfida del Territorio Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Evoluzione Popolazione Italiana - Lori et al. 1995 DEMENZA SENILE QUARTA CAUSA

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON LA MALATTIA DI PARKINSON a cura del Dott. Michele Gennuso Ambulatorio Disturbi del Movimento - U.O. Neurologia dell Ospedale Maggiore di Crema. 1.1. MANIFESTAZIONI CLINICHE La Malattia di Parkinson è una

Dettagli

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 2 VIVE CON PARKINSON SOMMARIO SOMMARIO Prefazione 1. sistema nervoso 10 1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 1.2. 14 1.3. flusso di nel sistema nervoso 17 specializzazione,

Dettagli

Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson

Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson Modelli organizzativi per il miglior trattamento della Malattia di Parkinson l IRCCS C. Mondino tra ospedale e territorio U O Parkinson e Disordini del Movimento Fondazione Istituto Neurologico Nazionale

Dettagli

bradicinesia, riduzione della mobilità autonoma e volontaria senza riduzione della forza muscolare;

bradicinesia, riduzione della mobilità autonoma e volontaria senza riduzione della forza muscolare; Che cos è la malattia di Parkinson? La malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa ad andamento progressivamente ingravescente. dovuta ad una degenerazione di particolari cellule nervose (neuroni

Dettagli

La malattia di Parkinson dall Ospedale al Territorio: ruolo del Case Manager e delle strutture intermedie nella risposta ai bisogni del malato

La malattia di Parkinson dall Ospedale al Territorio: ruolo del Case Manager e delle strutture intermedie nella risposta ai bisogni del malato La malattia di Parkinson dall Ospedale al Territorio: ruolo del Case Manager e delle strutture intermedie nella risposta ai bisogni del malato Il ruolo del Medico di Cure Primarie Jazzetti Dott. Michele

Dettagli

ANTIPSICOTICI IN MEDICINA GENERALE

ANTIPSICOTICI IN MEDICINA GENERALE ANTIPSICOTICI IN MEDICINA GENERALE RIMINI 28 GIUGNO 2014 Claudio AURIGEMMA Obiettivi Identificare chi necessita della prescrizione di un Antipsicotico Usare un approccio sistematico per seguire un paziente

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Trattamento farmacologico del morbo di Alzheimer

Trattamento farmacologico del morbo di Alzheimer Trattamento farmacologico del morbo di Alzheimer Life without memory is no life at all... Our memory is our coherence, our reason, our feeling, even our action. Without it, we are nothing! MALATTIE NEURODEGENERATIVE

Dettagli

Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia Nord

Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia Nord Alla c.a. Componenti della Commissione del farmaco dell Area Vasta Emilia Nord Loro Sedi Modena 27 settembre 2011 OGGETTO: Verbale riunione 06/09/2011 della Commissione del Farmaco dell Area Vasta Emilia

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

La Neurostimolazione cerebrale profonda

La Neurostimolazione cerebrale profonda 27 Giugno 2009 AGGIORNAMENTO SULLE TERAPIE INTERVENTISTICHE PER LE DISTONIE: INCONTRO CON GLI ESPERTI La Neurostimolazione cerebrale profonda Dott.ssa S. Biguzzi U.O. di Neurologia, Ospedale dell Angelo,

Dettagli

Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson

Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson Scheda informativa sulla Malattia di Parkinson Che cos è la Malattia di Parkinson? Quali sono i sintomi? Quali sono le cause? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Che

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON

MALATTIA DI PARKINSON Back MALATTIA DI PARKINSON La malattia di Parkinson è una malattia degenerativa a decorso progressivo, con maggiore incidenza nella popolazione anziana. Nella malattia di Parkinson si osserva una perdita

Dettagli

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia PERCHE L ALIMENTAZIONE HA UN RUOLO DETERMINANTE NELLA MALATTIA DI PARKINSON?

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

I FARMACI ANTIPSICOTICI

I FARMACI ANTIPSICOTICI I FARMACI ANTIPSICOTICI Sono composti che esplicano attività terapeutica nei confronti dei sintomi psicotici (deliri e allucinazioni) che si verificano nei pazienti affetti da quel gruppo di condizioni

Dettagli

1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Tasmar 100 mg compresse rivestite con film 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE. Tasmar 100 mg compresse rivestite con film 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Tasmar 100 mg compresse rivestite con film 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni compressa rivestita con film contiene 100 mg di tolcapone. Eccipienti: Ogni compressa

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Guidelines. Treatment. The Medical Letter. Farmaci per il morbo di Parkinson. From. Tabelle. Vol. 9 (numero 5) Maggio 2011

Guidelines. Treatment. The Medical Letter. Farmaci per il morbo di Parkinson. From. Tabelle. Vol. 9 (numero 5) Maggio 2011 From The Medical Letter Treatment Guidelines Vol. 9 (numero 5) Maggio 2011 Pubblicato da The Medical Letter, Inc., 1000 Main Street, New Rochelle, N.Y. 10801 Edito in Italia da CIS Editore S.r.l. Via San

Dettagli

Psichiatria e Psicoterapia Analitica (2002), 21, 3: 185-198 EDITORIALE GESTIONE DEL PAZIENTE PSICOTICO ACUTO: SCELTA, IMPOSTAZIONE E CONDUZIONE DEL TRATTAMENTO* Giuseppe Bersani Considerazioni generali

Dettagli

L utilità pratica e i limiti dell uso degli antipsicotici tipici e atipici nella Medicina del territorio

L utilità pratica e i limiti dell uso degli antipsicotici tipici e atipici nella Medicina del territorio Gli antipsicotici atipici: utilizzo e appropriatezza L utilità pratica e i limiti dell uso degli antipsicotici tipici e atipici nella Medicina del territorio Fermo, 4 giugno 2010 Dr. M. Capriotti Medico

Dettagli

PRINCIPIO ATTIVO CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: ATC NOME COMMERCIALE FORMULAZIONE

PRINCIPIO ATTIVO CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: ATC NOME COMMERCIALE FORMULAZIONE PRINCIPIO ATTIVO: quetiapina CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: antipsicotici ATC: N05AH04 NOME COMMERCIALE: Seroquel IR e RP FORMULAZIONE: Seroquel IR: 6 cp 25mg, 30 cp 25 mg, 60 cp 100 mg, 60 cp 200mg, 60

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

Approcci terapeutici per il trattamento del Morbo di Parkinson

Approcci terapeutici per il trattamento del Morbo di Parkinson Approcci terapeutici per il trattamento del Morbo di Parkinson Malattia di Parkinson Malattia di Parkinson idiopatica : Quadro Clinico: Esordio insidioso Decorso cronico progressivo Combinazione di: bradicinesia,,

Dettagli

FARMACI ATTIVI SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

FARMACI ATTIVI SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE FARMACI ATTIVI SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE 1 Tali farmaci agiscono alterando alcune tappe del processo di neurotrasmissione. Possono agire a livello presinaptico,, modificando i processi di produzione,

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE PLASIL 10 mg compresse 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 10 mg compresse Una compressa contiene: Principio attivo:

Dettagli

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 7 novembre 2014 ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Ebixa 5 mg/erogazione, soluzione orale 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni attivazione dell erogatore (una pressione

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MILD COGNITIVE IMPAIRMENT La patologia dementigena inizia molto prima delle manifestazioni cliniche della malattia. Esiste una fase

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15 La Terapia Farmacologica Introduzione - Non esistono farmaci specifici per la cura dell autismo: non esistono cioé farmaci attivi sul disturbo dello sviluppo in sé; - L approccio farmacologico ha valenza

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

MODIFICA DELLO STILE DI VITA

MODIFICA DELLO STILE DI VITA TERAPIA MEDICA MODIFICA DELLO STILE DI VITA Abolizione del fumo Riduzione del peso corporeo Riduzione dell assunzione di alcool Controllo della pressione arteriosa, glicemia Attività fisica regolare Astensione

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA HOME INSONNIA E ANSIA Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA 1 L'insonnia si riferisce alla difficoltà di prendere sonno o di mantenerlo o alla perdita di benessere derivato dal sonno. L'insonnia si riferisce

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI CONSENSO INFORMATO ALL IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA PER SCOPI ESTETICI Dr RAFFAELE RAUSO Medico Chirurgo -chirurgiadellabellezza Il presente documento e` consegnato a: Data e luogo di nascita: Nome:

Dettagli

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore [Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore Titolo originale: "Buprenorphine. New Tricks With an Old Molecule for Pain Management"

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

DEMENZE Cenni epidemiologici

DEMENZE Cenni epidemiologici DEMENZE Cenni epidemiologici Le demenze, rappresentano la quarta causa di morte negli ultra65enni. La prevalenza aumenta con l età ed è maggiore nel sesso femminile (5,3% Uomini e 7,2% Donne >65aa), specie

Dettagli

FARMACI UTILIZZATI NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DEL MORBO DI PARKINSON

FARMACI UTILIZZATI NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DEL MORBO DI PARKINSON FARMACI UTILIZZATI EL TRATTAMETO SITOMATICO DEL MORBO DI PARKISO MORBO DI PARKISO Il morbo di Parkinson fu descritto per la prima volta nel 1817 da James Parkinson - malattia neurodegenerativa cronica

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia 1 - La dipendenza da Nicotina 2 - Trattamenti farmacologici (Vareniclina, Bupropione, Nicotina) e interazioni con i principali farmaci delle altre dipendenze Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser.

Dettagli

Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson

Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson Nuovi dispositivi ricaricabili per il trattamento del Parkinson Nuove terapie non farmacologiche: lo Stimolatore Cerebrale Ricaricabile controlla i sintomi della malattia e non richiede frequenti sostituzioni.

Dettagli

La malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson La malattia Guida per pazienti e familiari A cura del Centro S. Maria ai Servi di Parma in collaborazione con l Unione Parkinsoniani di Parma Beatrice Rizzi, fisiatra Paola Corradi Mauri Mori, fisioterapista

Dettagli

Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci

Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci cerebrali nello spazio sovratentoriale e la fossa cranica posteriore al di sotto del tentorio), fornendo pure un supporto ai vasi sanguigni

Dettagli

Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali. Cremona 25 NOVEMBRE 2011

Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali. Cremona 25 NOVEMBRE 2011 LA TARTARUGA ONLUS Convegno: CURARE LA MALATTIA DI PARKINSON: la collaborazione delle diverse figure professionali Cremona 25 NOVEMBRE 2011 Abstract degli interventi Diagnosticare la Malattia di Parkinson

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO MIELINA La mielina è una sostanza isolante a struttura lamellare, costituita prevalentemente da lipidi e proteine. Alla vista bianco-grigiastra, la mielina riveste esternamente

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Malattia di Parkinson. Dott. D. Barbagli

Malattia di Parkinson. Dott. D. Barbagli Malattia di Parkinson Dott. D. Barbagli 1 TUTTO HA INIZIO DA QUI. Essay on the Shaking Palsy (PARALISI AGITANTE) the senses and intellects being uninjured. James Parkinson, 1817 2 EPIDEMIOLOGIA Prevalenza:

Dettagli

I SINTOMI NON MOTORI DELLA MALATTIA DI PARKINSON 26 ottobre 2012. Marina Pizzoni

I SINTOMI NON MOTORI DELLA MALATTIA DI PARKINSON 26 ottobre 2012. Marina Pizzoni Progressi in Geriatria (Seminari del Venerdì del Gruppo di Ricerca Geriatrica) I SINTOMI NON MOTORI DELLA MALATTIA DI PARKINSON 26 ottobre 2012 Marina Pizzoni U.O Medicina Istituto Clinico S. Anna Scuola

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Le Demenze. Dr. Giorgio Caneve. Direttore UOC Neurologia Feltre

Le Demenze. Dr. Giorgio Caneve. Direttore UOC Neurologia Feltre Le Demenze Dr. Giorgio Caneve Direttore UOC Neurologia Feltre Definizione Sindrome clinica caratterizzata dalla perdita di più funzioni cognitive, tra cui invariabilmente la memoria, di entità tale da

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012

Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012 Corso Base Teorico-Pratico Interattivo LA TOSSINA BOTULINICAIN MEDICINA ESTETICA Padova, sabato 10 novembre 2012 TEST DI APPRENDIMENTO CON RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 37

Dettagli

A seguito dei risultati positivi di vari studi clinici effettuati in tutto il mondo, è stata, ormai da

A seguito dei risultati positivi di vari studi clinici effettuati in tutto il mondo, è stata, ormai da Terapia chirurgica della malattia di parkinson A seguito dei risultati positivi di vari studi clinici effettuati in tutto il mondo, è stata, ormai da tempo, definitivamente accettata la stimolazione cerebrale

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli