LA COSTRUZIONE DELLA SALUTE NEL WELFARE SOCIO-SANITARIO. NUOVI SCENARI E PRATICHE SOCIOLOGICHE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COSTRUZIONE DELLA SALUTE NEL WELFARE SOCIO-SANITARIO. NUOVI SCENARI E PRATICHE SOCIOLOGICHE."

Transcript

1 VI CONGRESSO NAZIONALE SISS LA COSTRUZIONE DELLA SALUTE NEL WELFARE SOCIO-SANITARIO. NUOVI SCENARI E PRATICHE SOCIOLOGICHE Giugno 2015 Polo Didattico delle Piagge Via G. Matteotti, Pisa 1

2 VI Convegno Nazionale SISS (Società Italiana di Sociologia della Salute) La costruzione sociale della salute nel welfare socio-sanitario. Nuovi scenari e pratiche sociologiche giugno 2015 Polo Didattico delle Piagge, Via Matteotti, 3 Pisa VOLUME ABSTRACT, TABELLE SESSIONI a cura di Pietro Paolo Guzzo (Direttivo SISS) e Francesca Pecori (Università di Pisa, Università Paris Diderot) 2

3 La costruzione della salute nel welfare socio-sanitario. Nuovi scenari e pratiche sociologiche. Integrazione socio-sanitaria e costruzione della salute in uno scenario di crisi dei sistemi di welfare sono i temi che affronterà il VI Congresso Nazionale della Società Italiana di Sociologia della Salute (S.I.S.S.), in un ottica multidisciplinare. I lavori, che si articoleranno in sette sessioni parallele, prevedono la partecipazione di studiose/i appartenenti sia all ambito accademico che professionale, e intendono inserirsi nell attuale dibattito affrontandone i punti nodali: dalla sostenibilità del sistema alle trasformazioni derivanti dalla web-society. L attuale poli-crisi (economico-finanziaria, sociale, culturale) sta trasformando in modo irreversibile e strutturale le politiche sociali e sanitarie, ponendo la salute sempre più al centro di forti tensioni tra risposte pubbliche e modelli di mercato. Su questo terreno incerto e scivoloso la partecipazione di individui, gruppi e associazioni sono risorse importanti per dar vita a pratiche dal basso e a un rinnovamento indispensabile del sistema, modificando i processi in corso in funzione di una sanità delle persone. SESSIONI PARALLELE: 1) Sostenibilità e politiche di welfare socio-sanitario La perdurante crisi economica ha indotto tutti i paesi europei a ripensare, almeno in parte, le politiche di welfare socio-sanitario, in ragione della sempre più difficile sostenibilità del sistema. Nel nostro Paese ciò sta avvenendo con la revisione dei LEA, con l attuazione del Patto per la salute e con la Legge di stabilità. Si propongono analisi, suggestioni e pratiche per passare dal welfare state al welfare mix, comunitario e generativo (o altro). 2) Governance e valutazione in Sanità tra ospedale e territorio Dall evoluzione sia del concetto di salute (sempre più olistico) che del concetto di cura (to care), troviamo servizi o progetti assistenziali socio-sanitari di varia natura in forma diretta o in strutture territoriali intermedie (Servizi distrettuali, Servizi socio-sanitari, Case per la salute) o di base (Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Infermieristica di comunità, terzo settore, servizi di comunità in genere). In questo quadro si inseriscono i servizi territoriali alla persona gestiti da Enti Locali, Agenzie di varia natura, servizi del no profit; questi ultimi rispondono direttamente con veri e propri interventi psico-socio-sanitari e/o con interventi di prevenzione (empowerment gruppale, istituzionale, comunitario) e politiche di promozione della salute. Questa area tematica vuole raccogliere contributi valutativi, anche micro, non solo sociologici, di questi progetti o servizi. 3) Salute e web society: teoria e ricerca L uso di Internet e delle ICT nel mondo sanitario privato e pubblico riveste una straordinaria importanza sia nell analisi degli impatti, sia e soprattutto nella promozione concreta dei servizi. L e-health si inserisce nella web society, ossia nell era della rivoluzione digitale in cui il web 2.0 e nuove evoluzioni sono entrate nella quotidianità delle interazioni degli individui, ed è alla base di un cambiamento che richiede un analisi approfondita dei processi e delle organizzazione preposte ai servizi sociosanitari e, più in generale, dei sistemi di welfare. Anche le tecniche di ricerca sociale, attraverso soluzioni 3

4 tecnologiche (e-methods), sono alla base di nuove modalità di pensare e fare ricerca. Questi argomenti saranno al centro del confronto nei lavori della sessione. 4) Cittadini protagonisti di buone pratiche sociali per la salute La crisi economica e del welfare richiede nuovi paradigmi per uno sviluppo non solo economico, ma anche sociale, culturale, etico che concorra, insieme al sistema di welfare, al miglioramento della qualità della vita. In questo scenario di innovazione sociale tende ad emergere anche un nuovo ruolo del cittadino non più inteso solo come utente/paziente/ consumatore, ma come imprenditore di qualità della vita. La sessione intende focalizzare l'attenzione sui progetti e le esperienze di cittadinanza attiva, nel contesto socio-sanitario, ed in particolare sul ruolo della sociologia nella promozione di empowerment del cittadino, quale protagonista di Buone Pratiche Sociali per la salute. 5) Salute e genere: il contributo della sociologia all'approccio multidisciplinare Partendo dal concetto multidimensionale di salute e dalla categoria di genere, superando il dualismo natura/cultura,si intende proporre un approccio multidisciplinare a favore di una proficua contaminazione tra pratiche di ricerca e contesti culturali. L'interazione tra sociologia e scienza medica costituisce un indubbio valore euristico nella produzione di conoscenze e un approccio rilevante per la definizione di scenari innovativi e buone pratiche. La sessione accoglierà papers che affronteranno sia tematiche teoriche, sul piano epistemologico, che risultati di lavori inerenti a prevenzione, cura e diagnosi di malattie finalizzati alla co-costruzione di un welfare socio-sanitario. 6) (Nuove) dipendenze e mutamento dei servizi nella web society Le dipendenze individuano una vasta fenomenologia di problemi sociali e di salute in cui gli interventi dei servizi di welfare spesso diventano fattore di moltiplicazione e non di contrasto delle disuguaglianze (sociali e di salute). La sessione punta a fare emergere non soltanto il mondo mutante delle nuove addiction ma anche la dimensione socialmente integrata dei nuovi consumatori e le diverse forme, esperienze o buone prassi di innovazione nei servizi per le dipendenze nell era della web society. 7) Public Health, processi migratori e relazioni di cura Le politiche di salute pubblica si confrontano sempre più con assetti multidisciplinari e transculturali. La sfida dei servizi sociosanitari si pone nella necessità di dare risposte adeguate alla persona proveniente da altri contesti culturali sia nei termini di relazione che di comunicazione. Sarebbe auspicabile ripensare i servizi utilizzando percorsi di resilienza nell'assistenza al paziente, come farlo sarà al centro del dibattito della sessione. 4

5 SESSIONE 1: Sostenibilità e politiche di welfare socio-sanitario Coordinatori: Annamaria Perino, Remo Siza Abstract n. 1 Titolo: L innovazione sociale in tempi di austerità: risorsa o termine di moda? Autori: Francesco Grisolia Emanuele Ferragina** Affiliazione: *Università Magna Graecia di Catanzaro, Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali. **Sciences Po Paris, OSC and LIEPP. Relatore: Francesco Grisolia Introduzione: Il termine innovazione sociale generalmente indica prodotti, servizi, modelli in grado, da un lato, di rispondere a nuovi bisogni sociali e, dall altro, di creare nuove forme di relazione e collaborazione tra individui e gruppi. Forte di una crescente popolarità, l innovazione sociale è stata proposta quale strategia per affrontare i nuovi rischi sociali associati al sistema sanitario, come l invecchiamento della popolazione. Risultati: Il nostro contributo intende mettere in discussione l idea che l innovazione sociale possa compensare le lacune del welfare state italiano, contro-bilanciando gli effetti della riduzione dell investimento statale. La prima sezione del paper delinea il contesto politico che negli ultimi decenni ha favorito l ascesa dell innovazione sociale quale strumento per ripensare i sistemi di welfare. Nella seconda parte analizziamo i mutamenti del Sistema Sanitario Italiano come elemento di un processo di riforma più ampio, caratterizzato dalla ricerca di nuovi equilibri tra finanziamento pubblico e privato, tendenza alla decentralizzazione e alla mercatizzazione. In nome del risanamento dei bilanci, la logica dei tagli lineari contribuisce ad approfondire le disuguaglianze di salute sul territorio nazionale e le distanze fra i sistemi sanitari regionali. Conclusioni: In sintesi, la generica promozione delle potenzialità dell innovazione sociale potrebbe contribuire allo spostamento dell attenzione politica dalla responsabilità pubblica a quella privata, riducendo la probabilità di riflessione e confronto sulle disuguaglianze strutturali che segnano il nostro paese. Riteniamo che, senza una riforma strutturale del welfare state italiano, l innovazione sociale rischi di diventare solo un termine che riecheggia le retoriche neoliberiste, non uno strumento con cui affrontare i nuovi bisogni sociali e le sfide che abbiamo di fronte. Riferimenti bibliografici: 1. Ascoli U., Ranci C., (a cura di) (2002). Dilemmas of the Welfare Mix. The New Structure of Welfare in an Era of Privatization.New York: Springer. 2. Bertin G. (2012). Modelli di welfare e sistemi sanitari: quali omogeneità e specificità. Salute e Società, 1: Cantù E., Longo F. (2013). Rapporto OASI 2013 (Executive Summary). SDA and CERGAS, Università Bocconi: 4. CEIS (2013). IX Rapporto Sanità - Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche. Università Tor Vergata: sintesi_rapporto_colore.pdf. 5. Franz H., Hochgerner J., Howaldt J. (a cura di) (2012). Challenge Social Innovation. Berlin-Heidelberg: Springer. 6. Hubert A. (a cura di) (2010). Empowering People, Driving Change: Social Innovation in the European Union. Brussels: BEPA Bureau of European Policy Advisers. 7. Ministero della Salute, Direzione Nazionale della Programmazione Sanitaria Ufficio VI (2014). Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della griglia LEA Metodologia e risultati anno 2012: 8. Moulaert F., MacCallum D., Mehmood A., Hamdouch A. (a cura di) (2013). The International Handbook of Social Innovation. Collective Action, Social Learning and Transdisciplinary Research. Cheltenham: Edward Elgar. 9. Murray R., Caulier-Grice J., Mulgan G. (2010). The Open Book of Social Innovation. London: The Young Foundation and Nesta. 10. Ricciardi W., Solipaca A. (a cura di) (2013). Rapporto Osservasalute

6 Abstract n. 2 Titolo: Welfare locale per la non autosufficienza: crisi o opportunità? Autore e relatore: Luigi Nava Affiliazione: Éupolis Lombardia, Istituto per la Statistica, la Ricerca e la Formazione, Regione Lombardia Introduzione: L intento di analizzare il funzionamento del welfare state non può essere soddisfatto senza considerare le modalità con le quali le politiche sociali si configurano a livello territoriale. I singoli contesti, anche quelli più piccoli, si articolano per specifiche capacità nella creazione di benessere e di crescita economica che non si intrecciano sempre in modo virtuoso con i processi di decentramento amministrativo delle politiche sociali [1]. Come noto, le politiche a favore delle persone anziane non autosufficienti ha caratteristiche analoghe al più generale sistema di welfare italiano: forte frammentazione degli interventi, differenze territoriali nella copertura dei bisogni e un deciso orientamento a favore dei trasferimenti monetari. Queste differenze assumono tanta più rilevanza se si considerano le (insoddisfatte) aspettative riposte nella Legge 328/2000 e l attuale indeterminazione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali; è anche quest ultimo aspetto che favorisce la produzione di regole e orientamenti a livello locale e, quindi, la difficoltà nel far corrispondere ai bisogni sociali degli individui dei diritti soggettivi esigibili. Obiettivi, materiali e metodi: Nel contributo ci si propone di lavorare su questi temi e, più nello specifico, sulla differenziazione dei sistemi locali di welfare per gli anziani non autosufficienti, con lo scopo di mettere in luce quanto l approccio comparato tra Regioni celi le rilevanti differenze al loro interno. Risultati: Dopo aver evidenziato queste differenze rispetto alla capacità di copertura dei servizi socio-sanitari e dei trasferimenti statali all interno della Regione Lombardia eletta quale caso studio il lavoro, in particolare, renderà conto della ricostruzione svolta attraverso analisi documentale e interviste ai referenti dei servizi sociali dei modelli regolativi e dei criteri di accesso dei principali interventi socio-assistenziali attuati in sei capoluoghi. La ricostruzione verterà sulle principali linee di intervento dei Comuni, quali il Servizio di Assistenza Domiciliare, i centri diurni e il ricovero presso le Residenze Assistenziali. Conclusioni: In una Regione caratterizzata da media intensità assistenziale [2] non mancano significative differenze territoriali nell accesso ai servizi e alle prestazioni, frutto anche delle decisioni che a livello comunale risultano determinanti nel favorire o meno diverse tipologie di utenza e, quindi, nel configurare diverse forme di cittadinanza. Riferimenti bibliografici: 1. Pavolini E., (2011), Welfare e dualizzazione dei diritti sociali, in ASCOLI U., (a cura di), Il Welfare in Italia, Bologna. il Mulino. 2. Chiatti C., Barbarella F., Lamura G., Gori C., (2010), La bussola di NNA: lo stato dell arte basato sui dati, in Gori C. e NNA (Network non autosufficienza) (a cura di), L assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia. Secondo rapporto, Santarcangelo di Romagna: Maggioli,, pp Abstract n. 3 Titolo: Malattia Mentale e Servizi Territoriali. L esperienza di Trento. Autori: Barbara Cordella (*), Francesca Greco ( ), Raffaella Casamassima (^), Michele Gifuni (*), Antonia Florio (*), Massimo Grasso (*) Affiliazioni: (*) Dipartimento di Psicologia Dinamica e ClinicaSapienza Università di Roma ( ) Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Sapienza Università di Roma (^) Ospedale S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma Relatrice: Barbara Cordella 6

7 Introduzione: L esigenza di economicità del Sistema Sanitario ed il principio di equità nell accesso alla salute inducono a ripensare i servizi offerti dal SSN attraverso la conoscenza delle buone prassi e la loro diffusione. Nell ambito della Salute Mentale, ad esempio, si può osservare come il disagio cronico spesso venga gestito attraverso il trattamento dei momenti di crisi, con necessario ricorso al reparto, ed il trattamento della quotidianità, frequentemente risolto con l inserimento in strutture residenziali a tempo indeterminato e senza obiettivi di sviluppo.tale prassi ha carattere ricorsivo e come tale un costo probabilmente elevato. Il ricorso ai dati Audit, d altra parte, consente di individuare alcuni servizi segnalati per la loro efficacia: è stato studiato il funzionamento del Servizio di Salute Mentale di Trento. Materiali e Metodi: Sono state condotte delle interviste in profondità agli esperti del settore (n=18). Le trascrizioni delle interviste sono state sottoposte ad analisi testuale (analisi dei cluster con metodo delle K-Medie e analisi delle corrispondenze) al fine di individuare fattori e cluster indicativi del modello attuato dagli operatori del Servizio. Risultati: I risultati evidenziano una particolare attenzione alla costruzione di reti di supporto per facilitare l adattamento sociale del malato mentale. Il Servizio investe sull attivazione di un ponte tra realtà istituzionale e territoriale in modo da assicurare una gestione alternativa al solo regime ospedaliero o residenziale. L inserimento degli UFE (Utenti e Familiari Esperti) nel Servizio garantisce agli stessi una rendita ed uno status sociale utile alla promozione del benessere individuale e sociale e al Servizio una maggiore capacità di sviluppo delle competenze residuali del malato, recuperando una dimensione di autonomia e produttività, facilitando anche la sostenibilità degli interventi. Conclusioni: Riassumendo, si può sottolineare come ciò che differenzia il modello studiato dalle usuali prassi sembra essere la capacità di non organizzare l intervento sul contenimento della crisi, quanto piuttosto sulla prevenzione, riducendo in tal modo il sovraccarico ed i costi del Sistema Sanitario. La gestione del disagio cronico organizzata in larga misura nel sociale, coinvolgendo comunità e terzo settore, riesce ad assicurare una buona rete di convivenza che facilita un utilizzo pertinente ed adeguato dei servizi in un ottica rivolta al benessere della persona e non per ultima alla razionalizzazione della spesa pubblica. Riferimenti bibliografici: 1. Babini, V. (2011). Liberi tutti: manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento. Bologna, IT: Il Mulino. 2. Basaglia, F. (Ed.) (1968). L istituzione negata. Rapporto da un ospedale psichiatrico. Torino, IT: Einaudi. 3. Bolasco, S. (1999). Analisi multidimensionale dei dati: metodi, strategie e criteri d'interpretazione. Roma, IT: Carocci. 4. Bonavita, V.; Casuccio, F.; D Alessandro, G., Di Ruzza, F., Di Sero, A., Izzo, P., Quaglia, R., Rastelli, F., Reale, F., Sofia, L., Sorrentino, G., &Terenzi, V. (2012). Malattia mentale: il mandato a occuparsene. Lo stato dell arte dei servizi di salute mentale. Quali domande e quali interventi. Rivista di Psicologia Clinica, 2, Carli, R., & Paniccia, R.M. (2002). L AnalisiEmozionale del Testo: Uno Strumento Psicologico per Leggere Testi e Discorsi. Milano, IT: Franco Angeli. 6. Carli, R. (2008). Modelli psicologici per l analisi istituzionale, culturale e organizzativa: proposte per la funzione psicologica entro i servizi psichiatrici per la diagnosi e la cura. In S.Di Massimo & M. Sparvoli (Eds.), La psicologia nella crisi psichiatrica (pp ). Roma, IT: Alpes. 7. Carli, R. & Paniccia, R.M. (2011). La cultura dei servizi di salute mentale in Italia: Dai malati psichiatrici alla nuova utenza: l evoluzione della domanda di aiuto e delle dinamiche di rapporto. Milano, IT: Franco Angeli. 8. Cordella, B., Greco, F., & Grasso, M. (2012). Psychologist Know Thyself : Psychologist and Professionals Representations of the Disabled Users/Clients and Assistive Technologies. In S. Federici& M.J. Scherer (Eds.), Assistive Technology Assessment Handbook (pp ). London, UK: CRC Press. 9. Cordella, B., Greco, F., & Raso, A.( 2014). Lavorare con un corpus di piccole dimensioni in Psicologia clinica: una proposta per la preparazione e l analisi dei dati. In E. Née, M. Daube, M. Valette& S. Fleury (Eds.), Proceedings JADT 2014, 12es Journéesinternationalesd Analysestatistque dies DonnéesTextuelles, Paris, France, Juin 3-6, 2014 (pp ). Paris, FR: jadt.org. 7

8 10. Fioritti, A. (Ed.) (2002). Leggi e salute mentale. Panorama europeo delle legislazioni di interesse psichiatrico. Torino, IT: Centro scientifico editore. 11. Foucault, M. (1976). Storia della follia nell età classica. Milano, IT: Rizzoli. 12. Giuliano, L., & La Rocca, G. (2010). Analisi automatica e semi-automatica dei dati testuali.vol. II. Milano, IT: Led. 13. Lancia, F. (2004). Strumenti per l Analisi dei Testi. Introduzione all Uso di T-Lab. Milano, IT: Franco Angeli. 14. Montesarchio, G., &Venuleo, C. (2009). Colloquio Magistrale. La Narrazione Generativa. Milano,IT: Franco Angeli. 15. Moscovici, S. (1989). Psicologia sociale. Roma, IT: Borla. 16. Ongaro, F. (Ed.) (2005). L utopia della realtà. Torino, IT: Piccola Biblioteca Einaudi. 17. Radi, E. (2010). Storia clinica della follia dal Medioevo ai nostri giorni. La Psicoanalisi, 47-48, Rosenhan, D. L. (1974). On being sane in insane places. Clinical Social Work Journal, 2 (4), Salvatore, S. &Freda, M.F. (2011). Affect, unconscious and sense making: A psychodynamic, semiotic and dialogic model. New Ideas in Psychology, 29, Salvatore, S., Gennaro, A., Auletta, A., Tonti, M., & Nitti, M. (2012). Automated method of content analysis: A device for psychotherapy process research. PsychotherapyResearch, 22(3), Vaccaro, J.V., Clark, G.H., & Bassi, M. (Eds.) (1999). Manuale di psichiatria territoriale. Milano, IT: Raffaello Cortina. Abstract n. 4 Titolo: Infermieristica ed equità nella salute in un sistema socio-sanitario in cambiamento. Autore: Giordano Cotichelli Affiliazioni: Infermiere, Area Vasta 2 Ancona, ASUR Marche Relatore: Giordano Cotichelli Introduzione: L equità in sanità è uno degli indicatori di qualità in materia di accesso, fruibilità e continuità delle cure verso i differenti gruppi di reddito della popolazione, in relazione alle diverse politiche sociali e sanitarie. Il quadro che ne scaturisce è quello che fa riferimento al prodursi delle disuguaglianze nella salute [1] [2] [3], a livello internazionale [4] e italiano [5] [6], in cui assume rilievo il contributo apportato dalle professioni sanitarie all'interno di un sistema di welfare che sta cambiando. Materiali e Metodi: Nello specifico è stata studiata la professione infermieristica nella sua dimensione valoriale e normativa così come evidenziato dal Codice deontologico [7], dalla letteratura prodotta e dai riferimenti ed esempi internazionali [8], al fine di valutare la percezione delle disuguaglianze nella salute da parte degli infermieri e le prospettive di sviluppo della professione in tema di equità [9] [10]. Risultati: Il risultato ha evidenziato ambiti e strumenti innovativi per l infermieristica in Italia quali il counseling, l'empowerment, e l'advocacy, funzionali a sviluppare il ruolo di connector dell'infermiere, in un'ottica patient-centered in cui il care management diventa volta per volta case management lungo la prospettiva dell Interdisciplinary care team. L ambito è quello proprio dell assistenza territoriale utile per lo sviluppo di un ruolo autonomo dell infermiere e per una partecipazione attiva dell utente. Diversi gli esempi indagati in una prospettiva etnografica [9]: dal chronic care model sviluppato a Firenze, alle micro-aree socio-sanitarie a Trieste, fino agli ambiti della formazione continua in cui si evidenzia come centrale la conoscenza stessa delle iniquità sanitarie da parte dell infermiere. L insieme conferma la presenza di risorse assistenziali da sviluppare per la tenuta del sistema in termini di equità ed appropriatezza. Conclusioni: Un risultato non scontato dato che l infermieristica negli ultimi due secoli si è sviluppata e cristallizzata in prevalenza nella dimensione assistenziale ospedaliera e medico-centrica. Oggi invece può esserle riconosciuto un ruolo diverso, in una prospettiva analitica da sviluppare ulteriormente rispetto alle esperienze nuove in atto, dall infermiere di famiglia agli ambulatori infermieristici, alle Unità Ospedaliere a Gestione Infermieristica, 8

9 attivate nel Lazio. Considerazioni finali che mantengono l attenzione della professione sulle questioni universalistiche del sistema e sui bisogni della salute della popolazione. Riferimenti bibliografici: 1. Black, D., Smith, C., Townsend, P. (1980), Inequalities in Health: report of a research working group. London: DHSS Department of Health and Social Security. 2. Marmot M. (2010), Fair Society, Healthy Lives The Marmot Review, University College 7 London, Cislaghi, C, et Caranci, N. (2009). Le disuguaglianze sociali di salute: problemi di definizione e di misura. G. Costa (Ed.). F. Angeli. 4. WHO (2008,a), Closing the gap in a generation: health equity through action on the social determinants of health., Final Report of the Commission on Social Determinants of Health, WHO, Geneva. 5. Costa G, Bassi M, Gensini GF, Marra M, Nicelli Al, Zengarini N. (2014) L equità nella salute in Italia. Secondo rapporto sulle disuguaglianze sociali in sanità, Milano, Franco Angeli ed, pp.510; 6. AA.VV. (2014) 48 Rapporto sulla situazione sociale del paese, Censis, Roma, pp. 560; 7. Silvestro A, et Barbieri G. (2009). Commentario al Codice deontologico dell'infermiere. McGraw-Hill; 8. ICN (2011), Closing the gap: Increasing access and equity, International Nurses Day, May 2011, ICN, Geneva. 9. Cotichelli, G. (2012). Disuguaglianze della salute e professione infermieristica: risorse e criticità per la equità del sistema sanitario, Franco Angeli, Milano, pp. 192; 10. Tousijn W, Giorgino E. (2003) Attraversando terre incognite: una sfida per la professione infermieristica. Franco Angeli, Milano, pp.220. Abstract n. 5 Titolo: Modelli organizzativi e riforme del sistema sanitario italiano Autore: Massimo Baldacci L articolo intende evidenziare alcune specificità organizzative del settore sanitario italiano, con riferimento all evoluzione che tale settore ha avuto dal 1978 ad oggi. Il lavoro si apre con un excursus delle principali riforme del servizio sanitario nazionale italiano L. 833/1978, D.lgd. 502/1992 e D.lgs. 517/1993, D.lgs. 229/1999 cui segue un associazione delle medesime riforme a modelli differenti di pianificazione, organizzazione e gestione del sistema socio-sanitario. Tali modelli sono quindi descritti ed interpretati secondo le principali correnti teoriche di management pubblico, con l obiettivo di individuare la capacità di soddisfare, in ultima istanza, le esigenze della popolazione. In particolare, l evoluzione del panorama socio-sanitario da sistema complicato a sistema complesso mette in luce alcuni limiti nella sostenibilità di alcune scelte organizzative, richiedendo, al contempo, efficienti ed efficaci soluzioni di governo dell attuale servizio sanitario nazionale. La capacità di affrontare le sfide della complessità socio-sanitaria contemporanea coesistenza di logiche di natura manageriale e professionale, bilanciamento tra specializzazione delle conoscenze e bisogno di integrazione di tecniche e saperi medici, interdipendenza intensa tra attività diverse- è letta in una prospettiva di switch delle politiche socio-sanitarie italiane dall approccio government all approccio governance, secondo un consolidato indirizzo nelle realtà di welfare internazionali. Risultato di tale metamorfosi è la crescente importanza, strategica ed operativa, riconosciuta ai processi di collaborazione inter-organizzativa tra enti pubblici (ma anche tra enti pubblici e privati), nell idea che la cooperazione tra più attori, pur nelle criticità che manifesta, rappresenti un valido punto di partenza nell obiettivo di maggiore sostenibilità del nostro sistema di welfare. 9

10 Abstract n. 6 Titolo: Riforme sanitarie e tutela del territorio: il caso Auxilium Vitae Autore: Giulia Palazzolo L articolo propone il caso di studio della struttura riabilitativa sanitaria Auxilium Vitae di Volterra. Il centro volterrano rappresenta un esempio di successo nella gestione di un processo di cambiamento indotto da forze esterne (le disposizioni normative) ma gestito dalle rappresentanze locali con una costante prerogativa di salvaguardia del sistema socio-sanitario locale. Il riferimento è al D.lgs 502/92, che prevede la chiusura delle strutture ospedaliere al di sotto dei 120 posti letto. Il coinvolgimento diretto del sistema volterrano nella suddetta normativa apre al rischio che gli abitanti di Volterra restino scoperti sotto il profilo socio-sanitario, una condizione, questa, difficilmente risolvibile con l appoggio ai centri di cura della Provincia, geograficamente distanti dall entroterra pisano. Tale minaccia rappresenta la molla per un rilancio con la costituzione di Auxilium Vitae, un centro di riabilitazione multispecialistico (riabilitazione cardiologica e neurologica, unità gravi cerebrolesioni acquisite) ; i locali del precedente nocosomio maniacale non solo continuano ad essere al servizio dell ospedale ma, grazie ad interventi di ristrutturazione, divengono la struttura fisica entro cui si realizza il progetto assistenziale-riabilitativo. La partecipazione al progetto da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, dei Comuni dell Alta Val di Cecina e della Comunità Montana, e successivamente della Fondazione Maugeri e dell Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana rivela una tensione verso la tutela dei servizi territoriali alla persona ed uno sforzo di promozione della salute attraverso attività specialistiche estremamente complesse; aspetti, questi, che creano positivi trade-offs sul tessuto turistico e commerciale volterrano che è chiamato ad accogliere familiari dei pazienti della nuova struttura. Lo spirito di iniziativa che vede coinvolti soggetti pubblici e privati, diversi per storia e core business ma uniti dalla volontà di valorizzare la realtà volterrana, rende questo progetto un esempio di riqualificazione socio-sanitaria del territorio particolarmente convincente. 10

11 SESSIONE 2: Governance e valutazione in sanità, tra ospedale e territorio Coodinatori: Leonardo Altieri, Paolo Ugolini Abstract n. 1 Titolo: La valutazione delle politiche di integrazione socio-sanitaria sul territorio nei Piani di Zona della Regione Puglia: verso un modello valutativo multidimensionale. Autori: Luigi Spedicato, Annamaria Vitale, Marileda Vergori, Andrea Forte, Mario Quarta Affiliazioni: Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo - Università del Salento Il paper presenta i risultati preliminari di una ricerca sulla Valutazione dei Piani di Zona, e ne affronta la complessità sistemica considerandoli strumento di programmazione del sistema dei servizi sociali e socio-sanitari territoriali. L approccio metodologico parte dalla proposta di De Ambrogio (2003) del modello frattale che sottende processi valutativi di casi, servizi e politiche e fa perno sulle competenze del valutatore, il quale definisce e costruisce il disegno della ricerca valutativa nella consapevolezza che i diversi livelli seguono la stessa logica complessiva e rispondono, pur con gradi di complessità diversa, ai medesimi principi metodologici. La complessità dell oggetto-pdz è stata da noi affrontata attraverso un disegno di valutazione basato, oltre che sul modello frattale, anche sull approccio della Realistic evaluation di Pawson e Tilley (1997). L evaluando è stato articolato in cinque dimensioni: - l analisi dei bisogni e il processo programmatorio, - i processi organizzativi e di gestione, - il complesso delle azioni e degli interventi di piano, - qualità, soggetti e sviluppo del processo partecipativo, - qualità, soggetti e utilizzo della valutazione, le quali comprendono sia i processi che i prodotti: ogni dimensione genera i quesiti valutativi, definisce i soggetti investiti dall azione valutativa, le fonti utilizzate nella raccolta dei dati, gli output intesi quali prodotti ed azioni coerenti con la dimensione analizzata e realizzati nell ambito del PdZ. Data la loro complessità, ognuna delle dimensioni viene descritta da sottodimensioni ed aree di attività riferibili all integrazione socio-sanitaria, la quale viene dunque valutata in rapporto all implementazione sul territorio degli obiettivi prioritari definiti dalla Regione Puglia nel suo Piano regionale delle politiche sociali. Riferimenti bibliografici: - F. Lazzari, L. Gui, (a cura di), Partecipazione e cittadinanza - il farsi delle politiche sociali nei Piani di Zona, FrancoAngeli, Milano, 2013, - C. Bezzi, Il nuovo disegno della ricerca valutativa, FrancoAngeli, Milano, 2010, - F. Ciucci, La valutazione delle politiche e dei Servizi Sociali, FrancoAngeli, Milano, 2008, - R. Pawson, N. Tilley, Realistic Evaluation, in S. Matthieson (ed), Encyclopaedia of Evaluation, Sage, Beverly Hills, CA, 2004, - Battistella, U. De Ambrogio, E. Ranci Ortigosa, Il Piano di Zona, Costruzione, Gestione, Valutazione, Carocci, Roma, 2004, - U. De Ambrogio, Valutare gli interventi e le politiche sociali, Carocci, Roma, 2003, - M. Palumbo, Il Processo di Valutazione, decidere, programmare, valutare, FrancoAngeli, Milano, 2001, - R. Pawson, N. Tilley, Realistic Evaluation, Sage Publications, London,

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO EVOLUZIONE DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ATTRAVERSO LE COMPETENZE SPECIALISTICHE. CHI HA PAURA DEL CAMBIAMENTO? MODALITÀ DI

Dettagli

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Maria Bologna Dipartimento Salute Mentale-DP AUSL Reggio Emilia Corso di Formazione Gestione della depressione

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI TESI

SCHEDA DI SINTESI TESI SCHEDA DI SINTESI TESI a. a. 2003 / 2004 TITOLO DELLA TESI: "Nuove strategie per nuovi bisogni. Il Piano Sanitario Regionale dell Emilia Romagna 99-01 " di Marzia Ascone email: marziaascone@yahoo.it SINTESI:

Dettagli

CURRICULUM VITAE Prof. Ezio Menoni

CURRICULUM VITAE Prof. Ezio Menoni CURRICULUM VITAE Prof. Ezio Menoni INFORMAZIONI PERSONALI Neuropsichiatra Infanzia, psicoterapeuta Via Erbosa, 30 50127 Firenze, Italia Mobile +39 3356622253 ezio.menoni@fastwebnet.it TITOLI ACCADEMICI

Dettagli

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it DR. ROBERTO MALANO CENTRO DI SALUTE MENTALE III DISTRETTO, DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE RM D - ROMA VIA E. FERMI, 161 00146 ROMA TEL 06 56485804; FAX 06 56485815 e-mail

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Date (da a) Da marzo 1992 a luglio 1992 Principali mansioni e responsabilità Consulente e formatore della struttura del Reinserimento

Date (da a) Da marzo 1992 a luglio 1992 Principali mansioni e responsabilità Consulente e formatore della struttura del Reinserimento C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CIPRESSI IVAN MARIO Indirizzo VIA SAN FILIPPO 11 BIBBIANO Telefono 0522.451800 3351719769 Fax 0522.438542 E-mail mariocipressi@solidarieta.re.it

Dettagli

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 M.C. Escher XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 I TRE SNODI CRUCIALI DI UNA STRATEGIA IPOTIZZATA/ATTUATA

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

La Rete Territoriale

La Rete Territoriale ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE La Rete Territoriale Giuseppe Sechi, DG Sanità Cagliari 11 Novembre 2015 La Dimensione

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore Nazionalità Anno di nascita Italiana 1960 Esperienza lavorativa 1 aprile 2003 a oggi Direttore struttura complessa UOSM B Eboli, Deliberazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale e prevenzione e promozione della salute Corso 60 ore I sistemi sanitari di tutti i Paesi Occidentali sono sotto pressione, a causa del contestuale

Dettagli

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, art. 47 e successive modifiche ed integrazioni) NON SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE-ESENTE DA BOLLO (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel L esperienza di ospedale virtuale per le dimissioni protette nel 4 Distretto della AUSL Roma A Antonio Calicchia

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

LA SANITA CHE VOGLIAMO TITOLO CAPITALE UMANO E GEOGRAFIA DEI SERVIZI

LA SANITA CHE VOGLIAMO TITOLO CAPITALE UMANO E GEOGRAFIA DEI SERVIZI LA SANITA CHE VOGLIAMO TITOLO CAPITALE UMANO E GEOGRAFIA DEI SERVIZI Eventuale Gli scenari sottotitolo futuri Francesco Nome Cognome Longo CERGAS Carica e SDA istituzionale Bocconi Milano, Milano, 20.01.2014

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso

Dettagli

dal 11.11.2013 ad oggi Consigliere Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria - Tesoriere FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

dal 11.11.2013 ad oggi Consigliere Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria - Tesoriere FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARASSI MAURIZIO Indirizzo. Genova Italia Telefono.. Fax... E-mail Nazionalità ITALIANA Data di nascita 22 giugno 1962 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita in data 29.10.87 presso l Università degli Studi di Genova; punteggio 110/110 e lode e discussione tesi Aspetti psicosomatici

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

COM-PA 2003. Il marketing nelle Aziende Sanitarie: elementi di discussione per la tavola rotonda

COM-PA 2003. Il marketing nelle Aziende Sanitarie: elementi di discussione per la tavola rotonda COM-PA 2003 Il marketing nelle Aziende Sanitarie: elementi di discussione per la tavola rotonda A cura di Giuseppe Fattori Il modificarsi degli scenari nazionali e locali in cui operano le Aziende Sanitarie

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità La soddisfazione degli utenti come strumento di valutazione di performance Roma, 14 dicembre 2010 Giovanni Caracci Agenas - Agenzia nazionale

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento nei servizi di assistenza agli anziani

La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento nei servizi di assistenza agli anziani Corso di aggiornamento professionale In cooperazione con l'oaser - Ordine degli Assistenti Sociali dell' La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso la Scuola per Infermieri Professionali di Ferrara 1994

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Curriculum formativo ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Perugia in data 25/7/85 con voti 110/110 e

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

- Curriculum formativo, didattico e professionale del dott. Alessandro COSTA - (nato a Roma il 7/11/1957)

- Curriculum formativo, didattico e professionale del dott. Alessandro COSTA - (nato a Roma il 7/11/1957) - Curriculum formativo, didattico e professionale del dott. Alessandro COSTA - (nato a Roma il 7/11/1957) - Diploma di Maturità Classica conseguito nell a.s. 1974 / 1975. - Laurea in Psicologia (indirizzo

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La rilevanza strategica della logistica nelle Aziende Sanitarie Stefano Villa, Ricercatore di Economia

Dettagli

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O. La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.Ospedali Galliera Mercato degli Oppioidi: confronto con altri Paesi Europei ( % sul totale

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE

38. N.2/2011 - IO INFERMIERE L ambulatorio infermieristico: un nuovo modello organizzativo volto a rispondere alle nuove e crescenti necessità sanitarie della cittadinanza. Indagine conoscitiva condotta presso la ASL di Lecce 1 OMS,

Dettagli

Istituzioni di servizio e malattie terminali di Paolo Ferrario, docente di Politica dei servizi sociali e ricercatore per polser.wordpress.

Istituzioni di servizio e malattie terminali di Paolo Ferrario, docente di Politica dei servizi sociali e ricercatore per polser.wordpress. Istituzioni di servizio e malattie terminali di Paolo Ferrario, docente di Politica dei servizi sociali e ricercatore per polser.wordpress.com Qual è il significato del grande rilievo assunto dalla malattia

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

MANAGEMENT SANITARIO

MANAGEMENT SANITARIO CORSI DI PERFEZIONAMENTO E-LEARNING MANAGEMENT SANITARIO A.A. 2008-2009 PROGRAMMA Introduzione L Università LUM Jean Monnet e l Istituto Superiore di Sanità organizzano tre Corsi di Perfezionamento in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO

PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO 1) IL PROCESSO VALUTATIVO. Il tema della valutazione dei risultati è ormai sempre più centrale nell organizzazione dei servizi socio-sanitari. Infatti, come riportato in uno

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

uso significativo del FSE:

uso significativo del FSE: AGENAS POAT Salute Regione Calabria - Linea LV1 uso significativo del FSE: continuità dell assistenza per malati cronici Angelo Rossi Mori Unità Sanità Elettronica, Istituto Tecnologie Biomediche, CNR

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BATTISTELLA ALESSANDRO Indirizzo 9, VIALE BRIANZA, 20127, MILANO, ITALIA Telefono 02 670 52 59 Fax 02 467 64 312 E-mail abattistella@hsn.it

Dettagli

Curriculum Vitae DICHIARA DI AVER EFFETTUATO LE SEGUENTI DOCENZE :

Curriculum Vitae DICHIARA DI AVER EFFETTUATO LE SEGUENTI DOCENZE : Curriculum Vitae Dott.sa Antonietta Scafato nata a Taranto il 09/10/1953 residente in via Lucania 166, 74100 Taranto tel.amb. 099-4585880 cell. 338-7557859, Laureata nell anno accademico 1976 presso l

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Attività professionale laureato nel 1983 in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Genova con la votazione

Dettagli

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia 1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Percorso

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli