Nel linguaggio C. File di testo sequenza di caratteri (per memorizzare caratteri) File binario sequenza di byte (per memorizzare interi, record,.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel linguaggio C. File di testo sequenza di caratteri (per memorizzare caratteri) File binario sequenza di byte (per memorizzare interi, record,."

Transcript

1 LA PERSISTENZA DEI DATI L vaiabili usa finoa sono volaili, cioè la loo via mina con la minazion dll scuzion dl pogamma. Il conco di fil fonisc la possibilià di mmoizza dai in foma psisn, cioè in una foma ch sopavviv al min dll'scuzion dl pogamma ch li ha gnai ch n pm l'uilizzo in mpi succssivi. I disposiivi di mmoia di massa (di anch mmoi scondai) foniscono il suppoo fisico alla mmoizzazion di fil. L uilizzo di un fil da pa di un pogamma ichid : dichiaazion di una vaiabil di ipo fil; associazion dlla vaiabil ad una suua dai dl sisma opaivo su cui il pogamma và sguio; apua dl fil, spcificando s si inndono ffua opazioni di sciua (oupu), lua (inpu) o mis; scuzion dll opazioni di sciua lua (accsso); chiusua dl fil, p mina l opazioni. FILE fil suuao è una squnza, di lunghzza non pfissaa, di valoi dllo ssso ipo. diffnza fa l'uso di un vo di un fil è ch p il pimo l'accsso ad ogni componn è immdiao; vicvsa, l'accsso ad un componn di fil ichid ch: 1. vnga individuaa la posizion in mmoia di massa in cui il componn isid; 2. il componn vnga copiao in una posizion di mmoia ami un accsso. Nl linguaggio C Un fil è solamn una squnza, di lunghzza non pfissaa, di by o caai. Fil di so squnza di caai (p mmoizza caai) Fil binaio squnza di by (p mmoizza ini, cod,.) Un alo moivo p usa la mmoia scondaia può ss la dimnsion. Esmpio, un pogamma ch fa uso di una vaiabil vo. All'scuzion dl pogamma dovà ss disponibil in mmoia cnal lo spazio p uo il vo. In alà, la mmoia cnal ha smp dimnsioni bn dlimia, in gnal di gan lunga infioi a qull dlla mmoia scondaia, sono assai fquni poblmi applicaivi con dimnsioni ali da nd impossibil l'allocazion in mmoia di un ino vo. Anch in al caso isula ncssaio fa icoso a suu dai su disco. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 1 FILE 2 TIPOLOGIE DI ACCESSO AI FILE FILE E PROGRAMMI C 1) accsso squnzial è possibil accd ad un componn solano dopo av ffuao l'accsso a qulli ch lo pcdono al momno dll'apua dl fil vin so diponibil il pimo componn, da lì si pocd in squnza (sssa cosa in fas di sciua) In ogni momno di uilizzo dl fil sis quindi la nozion di componn con, ch è il componn su cui avvà il possimo accsso (lua o sciua). Il modllo dll'accsso squnzial è qullo dll unià di mmoia a naso o a schd, in cui, p moivi fisici, l'accsso pova ss solano squnzial. 2) accsso dio è possibil spcifica a qual componn si innd accd Il modllo dll'accsso dio è qullo dll unià di mmoia a disco uso dl fil in pa analogo a qullo dl vo. L'analogia è solano pazial, in quano l'accsso ad un componn di fil ichid smp una opazion di inpu/oupu. Nl Sisma Opaivo - SO - ( non nl pogamma C) è dfinia una suua dai FILE ch conin, a l alo, l sguni infomazioni il nom dl fil un punao al possimo by dl fil da lgg o sciv modalià di accsso al fil Il SO gsisc il sgun vo FILE TabllaFilApi[MaxNumoFil] dov MaxNumoFil è il massimo numo di fil ch possono ss gsii conmpoanamn dal Sisma Opaivo. Quando un pogamma ap un fil spcificando il nom l modalià di uilizzo, il SO ca un nuovo lmno in TabllaFilApi inizializzando oppounamn i campi di al lmno siuisc al pogamma l indiizzo dlla suua di ipo FILE. È il SO a manipola diamn i campi dlla suua FILE, mn il pogamma n povoca la manipolazion india invocando funzioni dlla Sandad Libay <sdio.h>. I disposiivi sandad di ingsso (la asia) di uscia (il vido) sono disponibili com fil so: quando inizia l scuzion di un pogamma, il SO ap ali fil li associa ai sguni punaoi sdin sdou vaiabil punao al fil ch appsna la asia vaiabil punao al fil ch appsna il vido Il SO ap anch un fil p la gsion dgli oi: sd vaiabil punao al fil ch appsna il vido FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 3 FILE 4

2 OPERAZIONI DI GESTIONE P po lgg o sciv su un fil sono ncssai l sguni opazioni dichiaazion dl fil : dichiaa (fil poin) com un punao a FILE; apua dl fil : FILE *fopn(cha *NomFil,cha *Modo); siuisc un punao al fil spcificao in NomFil al qual saà possibil accd scondo la modalià ipoaa in Modo. S si vifica un o, la funzion siuisc un punao con valo NULL. Modalià di apua di un fil : sola lua w : sola sciua a pai dall inizio dl fil a : sola sciua a pai dalla fin dl fil (appnd) +: lua sciua w+:sciua a pai dall inizio dl fil a+ : lua sciua a pai dalla fin dl fil S un fil ch sis è apo in modalià w o w+, il connuo dl fil è pso S un fil ch non sis è apo in modalià w, w+, a oppu a+, sso vin cao S un fil ch non sis è apo in modalià oppu + vin gnao un o ESEMPIO main() // dichiaazion =fopn("pova.x",""); // apua... fclos(); //chiusua ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE Funzioni Significao In mov(cha *Nom) Cancllazion dl fil canclla il fil spcificao in Nom s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc un valo!=0 In nam(cha *OldN, Rinomina dl fil cha *NwN) modifica il nom dl fil OldN in NwN s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc un valo!=0 chiusua dl fil :in fclos(file *) assgna a il valo NULL; s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 5 FILE 6 FILE TESTO P lgg/sciv da fil so, la libia sandad fonisc funzioni analogh a qull uilizza p l'inpu l'oupu sandad. Qus funzioni possono ss classifica nll sguni cagoi: Lua sciua a caai Lua sciua a singh Lua sciua fomaao I disposiivi sandad di ingsso (la asia) di uscia (il vido) sono disponibili com fil so: quando inizia l scuzion di un pogamma, il SO ap ali fil li associa ai sguni punaoi sdin sdou vaiabil punao al fil ch appsna la asia vaiabil punao al fil ch appsna il vido Il SO ap anch un fil p la gsion dgli oi: sd vaiabil punao al fil ch appsna il vido Funzioni lua sciua a caai in gc(file *) in puc(in, FILE *) in gcha(void) In pucha(in ) Significao Rsiuisc, com ino, il possimo caa dl fil. sciv il caa nl fil siundo, com ino, il caa scio. Lgg da sdin il possimo caa lo siuisc com ino Equival a gc(sdin) sciv il caa su sdou lo siuisc com ino Equival a gc(,sdou) Tu l funzioni siuiscono il caa in caso di fin fil o di o Da asia, l insimno dl caa avvin in DOS : pmndo i asi CONTROL + Z poi ENTER in UNIX : pmndo i asi CONTROL + D in MACINTHOS : pmndo i asi CONTROL + D FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 7 FILE 8

3 ESEMPIO: LETTURA E VISUALIZZAZIONE DI UN FILE DI TESTO - api il fil in lua - s il fil sis si può api in lua - pndi com il pimo caa dal fil - finchè non è saa aggiuna la fin dl fil - visualizza il caa - pndi com il possimo caa dal fil Il conollo ch non è saa aggiuna la fin dl fil vin ffuao lggndo il caa conollando ch al caa sia divso da main() cha ; if ((=fopn("pova.x",""))!=null) =gc(); whil (!=) pucha(); =gc(); /* nd whil */ fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in lua dl fil"); /* nd main */ Si può ffua la lua dl caa diamn nlla vifica dlla condizion whil ((=gc())!=) pucha(); ESEMPIO: SCRITTURA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) Acquisi un so da asia (fino al caa ) mmoizzalo su un fil. main() cha ; if ((=fopn("pova.x","w"))!=null) =gcha(); whil (!=) puc(,); =gcha(); /* nd whil */ fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in sciua dl fil"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 9 FILE 10 PROGRAMMA C SISTEMA OPERATIVO DISCO ESEMPIO: MODIFICA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) =opnf(,"");? Nom = p Modo = "" Fil GESTIONE SEQUENZIALE Modifica un fil di so, convndo ui i suoi caai alfabici in maiuscolo. Con l accsso squnzial l unico modo di fa qusa opazion è qullo di usa un fil mpoano sul qual icopia il fil modificao quindi, dopo av cancllao il fil oiginal, da al fil mpoano il nom dl fil oiginal. =gc() =gc() =gc() =gc() fclos(); NULL Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Fil Fil Fil Fil Fil main() // punao al fil da modifica FILE *FT; // punao al fil mpoano cha ; if ((=fopn("pova.x",""))!=null) if ((FT=fopn("mp.x","w"))!=NULL) =gc(); whil (!=) if (>= a && <= z ) = -( a - A ); puc(,ft); =gc(); /* nd whil */ fclos(ft); // chiusua dl fil mpoano fclos(); // chiusua dl fil da modifica mov("pova.x"); // canclla dl fil da modifica nam("mp.x","pova.x"); // inomina /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil mpoano"); fclos(); // chiusua dl fil da modifica /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil da modifica"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 11 FILE 12

4 Funzioni GESTIONE DEGLI ERRORI SERVONO PER VERIFICARE E GESTIRE SITUAZIONI DI ERRORE in fo(file *) in fof(file *) void cla(file *) Significao siuisc il valo 0 s non è sao commsso nssun o nlla pcdn opazion di lua o sciua sul fil alimni siuisc un valo maggio di 0 siuisc il valo 0 s non è saa aggiuna la fin dl fil nlla pcdn opazion di lua o sciua sul fil alimni siuisc un valo maggio di 0 azza gli oi la condizion di fin fil Esmpio di Gsion Eoi void ckfil( FILE *fp); main() cha ; = fopn( "pova.x", "w" ); ckfil(); /* Non ci sono oi. */ c = fgc();/* quso gna un o */ ckfil(); /* C un o */ cla();/* si azza il pcdn o */ ckfil(); /* Non ci sono oi. */ fclos(); /* nd main */ void ckfil(file *fp ) if ( fo(fp) fof(fp) ) pinf( "C un o\n" ); pinf( "Non ci sono oi.\n" ); /* nd ckfil */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 13 FILE 14 Funzioni cha *fgs(cha *S, in n, FILE *) in fpus(cha *S, FILE *) a *gs(cha *S) In pus(cha *S) LETTURA E SCRITTURA A STRINGHE Significao Ripoa nlla singa punaa da S i caai li dal fil punao da fino a '\n' o al fin fil oppu fino a quando non ha lo n-1 caai. Nlla singa vin insio l vnual '\n' vin minaa con '\0'. S non si vificano oi siuisc un punao al pimo lmno dlla singa in cui vngono mssi i caai li, alimni siuisc NULL. Sciv sul fil punao da la singa punaa da S, L vnual '\0' dlla singa non vin scio. Rsiuisc 0 s non si vificano oi, un valo divso da 0 in caso conaio. Ripoa nlla singa punaa da S i caai li da sdin fino a '\n' o al fin fil. Nlla singa non vin insio l vnual '\n' vin minaa con '\0'. S non si vificano oi siuisc un punao al pimo lmno dlla singa in cui vngono mssi i caai li, alimni siuisc NULL. Sciv su sdou la singa punaa da S, sguia da '\n'. L vnual '\0' dlla singa non vin scio. Rsiuisc 0 s non si vificano oi, un valo divso da 0 in caso conaio. ESEMPIO: LETTURA E SCRITTURA DI UN FILE DI TESTO (A STRINGHE) Dao un fil oigin si vuol ca un alo fil, dsinazion, ch ha lo ssso connuo dl fil oigin ma con una spaziaua doppia: quso si alizza ipoando su dsinazion, dopo ogni lina la da oigin, una lina connn com unico caa '\n' # dfin MAXLINEA 100 main() cha lina[maxlinea]; FILE *FIN,*FOUT; if ((FIN=fopn("oigin",""))==NULL) pinf("non posso api il fil oigin"); if ((FOUT=fopn("dsinazion","w"))==NULL) pinf("non posso api il fil dsinazion"); fclos(fin); /* caso di "oigin" "dsinazion" api co. */ whil (fgs(lina,maxlinea,fin)!=null) fpus(lina,fout); fpus("\n",fout); /* nd whil */ fclos(fin); fclos(fout); /* nd caso di "oigin" "dsinazion" api co. */ /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 15 FILE 16

5 ESEMPIO: INSERIMENTO ORDINATO IN UN FILE- GESTIONE SEQUENZIALE - acquisi il nom dl fil NF - finch' ci sono dai R da insi in NF - insimno odinao di R in NF L insimno odinao di R in NF ami una gsion squnzial può ss suuao com sgu - s NF non sis - api NF in sciua - insisci R in NF alimni - api NF in lua - pdisponi un fil nuovo "mp" in sciua - asfisci ui i dai di NF minoi di R in "mp" - scivi R in "mp" - asfisci i sani dai di NF in "mp" - canclla NF inomina "mp" com NF Com ulimo livllo di daglio, spimiamo i asfimni di dai da NF al fil mponano. - finch' ci sono dai R da insi in NF - s NF non sis - api NF in sciua - insisci R in NF alimni - api NF in lua - pdisponi un fil nuovo "mp" in sciua - pndi il pimo dao da NF in A - finchè A è mino di R NF non è finio - mmoizza A nl fil "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - insisci R in "mp" - s A non è mino di R - insisci A in "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - finchè NF non è finio - mmoizza A nl fil "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - canclla NF inomina "mp" com NF /* CODICE*/ main() void FilShow(Singa NomFil); /* funzion ch sampa il connuo di un fil di caai */ in glin(cha *lina, in maxlun); /* funzion p acquisi da inpu una singa */ void FilInsOd(Singa NomFil, cha R); /* funzion p l'insimno odinao in un fil di caai */ cha X; Singa NF; pinf("nom dl fil > "); whil (glin(nf,maxstringa)==0); whil ((X=gcha())!='\n') FilInsOd(NF,X); FilShow(NF); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 17 FILE 18 void FilInsOd(cha *NomFil, cha R) FILE *FI,*FO; cha A; in EsisFil(cha *NF); if (!EsisFil(NomFil)) /* s il fil non sis si ca vi si inoduc R */ FI=fopn(NomFil,"w"); puc(r,fi); fclos(fi); /* s il fil sis si dv usa un alo fil "mp" */ FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mp","w"); /* finch A < R non c fin dl fil FI si lgg A da FI lo si mmoizza in FO */ whil (((A=gc(FI))!=)&&(A<R)) puc(a,fo); /* (A<R) o fin dl fil FI: in ogni caso si m R in FO */ puc(r,fo); /* s si sc dal whil pch' non ho (A<R) (cio' ho (A!=))alloa icopio A gli ali cha di FI in FO */ if (A!=) puc(a,fo); whil ((A=gc(FI))!=) puc(a,fo); fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mp",nomfil); /* nd FilInsOd */ in EsisFil(cha *NomFil) =fopn(nomfil,""); if (==NULL) un 0; fclos(); un 1; void FilShow(cha *NomFil) cha ; if ((=fopn(nomfil,""))!=null) whil ((=gc())!=) pucha(); /* nd whil */ fclos(); pinf("eo nll apua dl fil"); /* nd FilShow */ /* FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 19 FILE 20

6 ACCESSO DIRETTO AL FILE ACCESSO DIRETTO AL FILE - ESEMPI posizion-con é un valo ino ch appsna la posizion aual dl punao sul fil: una opazion di lua o sciua saà ffuaa iniziando da al posizion. long fll(file *); siuisc il valo dlla posizion con dl punao Il C consn l accsso dio al fil ami la funzion fsk ch è in gado di modifica il valo dlla posizion con dl punao. in fsk(file *, long offs, in oigin); p il fil, punao sul fil vin sposao di offs by ispo a oigin oigin = SEEK_SET --> inizio dl fil La sgun funzion dmina il numo di lmni di un fil, ovvo la sua dimnsion. In caso di oi (smpio: fil non sisn) siuisc il valo -1. in DimnsionFil(cha *NomFil) =fopn(nomfil,""); if (==NULL) un -1; /* posiziona il punao sul fil alla fin d fil */ fsk(,0,seek_end); /* lgg la posizion con dl punao */ n =fll(); fclos(); un n; oigin = SEEK_CUR --> posizion-con oigin = SEEK_END --> fin dl fil Rsiuisc 0 s la ichisa è coa, alimni un valo divso da zo. void wind(file *); Pon a zo il punao sul fil.. Non siuisc nssun valo pchè l vnual o vin azzao. Equival a fsk(, 0, SEEK_SET ); cla(); FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 21 FILE 22 ACCESSO DIRETTO AL FILE - ESEMPI Il sgun codic sampa in oupu l ulimo caa di ogni iga dl fil di so NomFil... if ((FIN=fopn(NomFil,""))!=NULL) whil ((=gc(fin))!=) if (=='\n') /* p lgg il caa ch pcdva '\n' si dv ona indio di 2 lmni*/ fsk(fin,-2,seek_cur); =gc(fin); /* dopo av lo il caa si dv avanza di una posizion, alimni si coninua a lgg '\n'*/ fsk(fin,1,seek_cur); pucha(); /* nd whil di lua dl fil */ fclos(fin); ESEMPIO: MODIFICA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) GESTIONE DIRETTA Modifica un fil di so, convndo ui i suoi caai alfabici in maiuscolo. Con l accsso dio non è più ncssaio usa un fil mpoano: quando si lgg un caa minuscolo ci si sposa indio di una posizion lo si sovasciv con il coispondn caa maiuscolo. Occo api il fil in modalià + (lua sciua); si noi ch non è possibil apilo in modalia w+, in quano il connuo dl fil vbb pso, nanch in modalià a+, in quano, a pa il fao ch la modalià a comincia a sciv dalla fin dl fil, s un fil ch non sis è apo in modalià a+, sso vin cao non vin gnao un mssaggio di o. Nlla modalià lua sciua, p passa dalla lua alla sciua, vicvsa, è obbligaoio ffua una isuzion fsk(): p fa una fsk() snza sposaci usmo fsk(,0,seek_cur) main() // punao al fil da modifica cha ; if ((=fopn("pova.x","+"))!=null) =gc(); whil (!=) if (>= a && <= z ) = -( a - A ); fsk(,-1,seek_cur); puc(,); fsk(,0,seek_cur); =gc(); /* nd whil */ fclos(); // chiudo fil da modifica /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil da modifica"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 23 FILE 24

7 RICERCA BINARIA IN UN FILE ORDINATO Con l accsso dio si può accd ad un pciso lmno dl fil d è quindi possibil applica la icca binaia ad un fil odinao. P avvia la icca sv conosc la dimnsion dl fil. A al scopo si usa la funzion DimnsionFil: main() /* p api il fil di cha odinao */ cha NF[20]; /* nom dl fil di cha odinao */ cha ; /* caa da icca */ in dimnsion; /* dimnsion dl fil */ in posizion /* posizion di all inno dl fil */ in DimnsionFil(cha *NomFil); in RiccaBinaiaFil(FILE *FI,long inizio,long fin, cha D);... /* acquisisc NF */ dimnsion = DimnsionFil(NF); =fopn(nf,""); posizion=riccabinaiafil(,1,dimnsion,); fclos();... /* sampa di isulai*/ /* nd main */ in RiccaBinaiaFil(FILE *FI,long inizio,long fin, cha D) long c; /* posizion cnal */ cha ; /* lmno cnal */ if (inizio>fin) un -1; c=(inizio+fin)/2; fsk(fi,c-1,seek_set); =gc(fi); if (==D) un c; if (>D) un RiccaBinaiaFil(FI,inizio,c-1,D); un RiccaBinaiaFil(FI,c+1,fin,D); /* RiccaBinaiaFil */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 25 FILE 26 FILE BINARIO Si può accd ai dai di un fil lggndo o scivndo un ino blocco di dai spcificando: *P l indiizzo di un vo p conn gli lmni ch compongono il blocco DimElm l dimnsioni in by dl singolo lmno NumElm il numo di lmni ai quali si dsida accd lua di una suua siz_ fad(void *P,siz_ DimElm,siz_ NumElm,FILE *) lgg dal fil nll aay P al massimo NumElm lmni di dimnsion DimElm siuisc il numo di lmni li: s al numo è mino di NumElm significa ch è saa aggiuna la fin dl fil oppu ch si è vificao un o di lua (ciò va dminao ami l funzioni fof fo). sciua di una suua siz_ fwi(void *P,siz_ DimElm,siz_ NumElm,FILE *) sciv sul fil, pndndoli dall aay P, NumElm lmni di dimnsion DimElm siuisc il numo di lmni scii: s al numo è mino di NumElm significa ch si è vificao un o di sciua (ciò va dminao ami la funzion fo). Suua dai ESEMPIO: CREAZIONE DI UN FILE DI RECORD #dfin MAXSTRINGA 20 #dfin MAXV 2 /* numo di sami */ ypdf cha Singa[MAXSTRINGA]; ypdf suc Singa Nom; in Voi[MAXV]; Sudn; Pocdua p l insimno di un cod alla fin di un fil (appnd) void FilAppnd(Singa NomFil, Sudn R) FILE *FI; if ((FI=fopn(NomFil,"a"))==NULL) pinf("non posso api il fil %s", NomFil); fwi(&r,sizof(sudn),1,fi); fclos(fi); /* nd FilAppnd */ Accsso dio ad un fil di cod. Si usa smp la funzion in fsk(file *, long offs, in oigin); Dao ch lo sposamno spcificao in offs è spsso in by occo usa l opao sizof p accd all lmno dsidao Esmpio: p lgg il cod in posizion c dl fil FI fsk(fi,(c-1)* sizof(sudn),seek_set); Si noi ch p dmina il numo di cod connui in un fil si può usa in DimnsionFil(cha *NomFil); FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 27 FILE 28

8 ESEMPIO: LETTURA SEQUENZIALE DI UN FILE DI RECORD - api il fil in lua - s il fil sis - pndi com A il pimo cod dal fil - finchè non è saa aggiuna la fin dl fil - laboa il cod R - pndi com R il possimo cod dal fil Il conollo ch non è saa aggiuna la fin dl fil può ss ffuao in du modi 1. si lgg R si conolla ch non sia saa aggiuna la fin di con fof() 2. si lgg il cod R si conolla ch il numo di lmni li sia 1 Nl modo 2 si può ffua la lua dl cod diamn nlla vifica dlla condizion: whil ((fad(&r,sizof(r),1,fi)!=0) <laboazion cod R > void FilShow(Singa NomFil) FILE *FI; Sudn A; in I; if ((FI=fopn(NomFil,""))==NULL) pinf("non posso api il fil %s", NomFil); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) pinf("\nnom Sudn > %s\n",a.nom); pinf("voi Sudn: "); fo(i=0;i<maxv;i++) pinf("%d ",A.Voi[I]); /* nd whil */ /* nd FilShow */ ESEMPIO: MODIFICA SEQUENZIALE DI UN RECORD NEL FILE La sgun funzion modifica i cod con NomSudn spcificao. Ripoa in uscia il numo di cod modificai. La gsion è squnzial; si uilizza un fil di appoggio mpoano. in FilUPDATE(Singa NomFil, Singa NomSudn) FILE *FI,*FO; Sudn A; in SingaUgualA(cha *S, cha *T); in EsisFil(cha *NF); in coun=0; if (EsisFil(NomFil)) FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mpoano","w"); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) if (SingaUgualA(A.Nom,NomSudn)) < modifich al cod A > coun++; fwi(&a,sizof(sudn),1,fo); fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mpoano",nomfil); un coun; /* nd FilUPDATE */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 29 FILE 30 ESEMPIO: CANCELLAZIONE SEQUENZIALE DI UN RECORD NEL FILE La sgun funzion canclla i cod con NomSudn spcificao. Ripoa in uscia il numo di cod cancllai. La gsion è squnzial; si uilizza un fil di appoggio mpoano in FilDELETE(Singa NomFil, Singa NomSudn) FILE *FI,*FO; Sudn A; in SingaUgualA(cha *S, cha *T); in EsisFil(cha *NF); in coun=0; if (EsisFil(NomFil)) FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mpoano","w"); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) if (!SingaUgualA(A.Nom,NomSudn)) fwi(&a,sizof(sudn),1,fo); coun++; fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mpoano",nomfil); un coun; /* nd FilDELETE */ OUTPUT FORMATTATO PRINTF E RINTF La funzion in pinf(cha *fomao, ag1, ag2,, agn); conv, fomaa sampa sullo sandad oupu i suoi agomni agi soo il conollo di fomao ipoa com isulao il numo di caai sampai. La singa di fomao conin du ipi di oggi: caai odinai, ch vngono smplicmn copiai sull oupu, spcifich di convsion, ciascuna dll quali povoca la convsion la sampa dl succssivo agomno di pinf. Ogni spcifica di convsion inizia con % mina con un caa di convsion. Ta % d il caa di convsion possiamo ova, nll odin Il sgno -, ch indica l allinamno a sinisa. Un numo ch indica l ampizza minima dl campo. Un puno, ch spaa l ampizza dl campo dalla pcision. Un numo, la pcision (p una singa, il massimo numo di caai ch dvono ss sampai, p un floa il numo di cif dopo il puno, p un ino il numo minimo di cif di un ino). Una h s l ino dv ss sampao com sho, oppu una l s l ino dv ss sampao com long. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 31 FILE 32

9 Pincipali caai di convsion: caa Tipo Sampao com Agomn o d,i in Numo dcimal o in Numo oal pivo di sgno (snza zo inizial) X,X in Numo sadcimal pivo di sgno u in Numo dcimal pivo di sgno c In Caa singolo s cha * Sampa caai fino a \0 o al aggiungimno dlla pcision f doubl m.dddddd, dov il numo dll d è dao dalla pcision (il dfaul è 6) p void * Punao (dipnd dall implmnazion % Non conv nssun agomno, ma sampa % INPUT FORMATTATO SCANF E FSCANF La funzion in scanf(cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg caai dallo sandad inpu, li inpa in bas al connuo di fomao mmoizza il isulao ngli agomni agi ipoa com isulao il numo di caai li mmoizzai coamn. Gli agomni agi dvono ss di punaoi, ch indicano dov gisa l inpu convio. La singa di fomao conin spcifich di convsion, p il conollo dlla convsion dll inpu. Tali spcifich possono conn: spazi o caai di abulazion, ch vngono ignoai caai nomali (divsi da %) ch ci si aspa coispondano al succssivo caa non bianco dl flusso di inpu. spcifich di convsion, cosiui ssnzialmn dal caa % da un caa di convsion ALTRE FUNZIONI in fpinf(file *, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); Sciv sul fil punao da, con l sss modalià di pinf in spinf(cha *singa, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); Sciv in singa, ch dv ss sufficinmn lunga da po conn il isulao FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 33 FILE 34 Pincipali caai di convsion: caa Tipo dai in inpu agomno d * in ino dcimal i * in ino, ch può ss oal (pcduo da 0) o sadcimal (pcduo da 0x o 0X) o * in ino oal (pcdua o mno dallo 0) x * in ino sadcimal (pcduo o mno dallo 0x o 0X) c * cha i possimi caai in inpu (1 p dfaul); si considano anch i caai di spaziaua s * cha singa di caai (non acchiusa a apici), ch puna ad un vo di caai sufficinmn gand da conn la singa d uno \0 di minazion, ch và aggiuno auomaicamn, f, g * floa numoi al con sgno, puno dcimal d sponn opzionali % Non vin ffuao alcun assgnamno caa % ALTRE FUNZIONI in fscanf(file *, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg da fil punao da, con l sss modalià di pinf in spinf(cha *singa, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg da singa Nlla singa di fomao di scanf possono compai di caai nomali, pò ssi non vngono sampai, ma dvono coispond a caai acquisii da inpu. Quso può ss uil p lgg i dai in una ca foma, com ad smpio, lgg una daa com gg/mm/aaaa oppu un mpo com oo:mm: in oa, minuo; scanf( %d:%d,&oa,&minuo); Gli agomni agi di scanf dvono ss di punaoi: pano nl caso dll singh l opao & non va uilizzao, in quano una singa è un vo il suo nom appsna già un indiizzo (l indiizzo dl pimo lmno): in anno; cha ms[10]; in *pi; cha *pm; scanf( %s %d,ms,&anno); pi = &anno; scanf( %s %d,ms,pi); pm = ms; scanf( %s %d,pm,pi); In alà, nl caso dll singh, il uo funziona anch s il nom dl vo è msso con &: quso è dovuo al fao ch %s non indica solo il ipo dll agomno (una singa) ma foza anch una convsion: scanf( %s %d,&ms,&anno); Infai pm = &ms; non va bn, ma possiamo foza la convsion con il cas pm = (cha *)&ms; ch va bn d quival a pm=ms. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 35 FILE 36

10 ESEMPIO: CREAZIONE E LETTURA DI UN FILE DI INTERI Salva su un fil N numi ini acquisii da inpu #dfin N 20 main() in I,X; if ((=fopn("ini.da","wb"))!=null) fo(i=1;i<=n;i++) scanf( %d,&x); fwi(&x,sizof(in),1,); fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in sciua dl fil"); /* nd main */ in V[N]; fo(i=0;i< N;I++) scanf( %d,&v[i]); if ((=fopn("ini.da","wb"))!=null) fwi(v,sizof(in),n,); fclos(); // chiusua dl fil. LETTURA : mmoizza i valoi li in un vo di N lmni. Valgono l sss considazioni fa p la sciua, pò in quso caso è uil consida il numo dgli lmni ffivamn li (siuio da fad) pché può ss mino di N s il fil finiss pima: k = fad(v,sizof(in),n,); if ((=fopn("ini.da","b"))!=null) k = fad(v,sizof(in),n,); fclos(); // chiusua dl fil fo(i=0;i< k;i++) pinf( %d,v[i]);. S i valoi ini sono pima mmoizzai in un vo V (ad smpio, p un loo vnual odinamno), possiamo scivli con un unica sciua di N lmni fwi(v,sizof(in),n,); Essndo il nom dl vo V un indiizzo, non dv ss pcduo da &. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 37 FILE 38

Il ruolo delle aspettative in economia

Il ruolo delle aspettative in economia Capiolo XV. Il ruolo dll aspaiv in conomia . Tassi di inrss nominali rali Il asso di inrss in rmini di mona è chiamao asso di inrss nominal. Il asso di inrss sprsso in rmini di bni è chiamao asso di inrss

Dettagli

ALLEGATO 4 al Disciplinare di gara DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA. Procedura per l affidamento della gestione del

ALLEGATO 4 al Disciplinare di gara DICHIARAZIONE DI OFFERTA ECONOMICA. Procedura per l affidamento della gestione del Allgo 4 ALLEGAT 4 l Disciplin di g DICHIARAZINE DI FFERTA ECNMICA Pocdu p l idmno dll gsion dl «Svizio di css vo dll Isiuo Compnsivo PISSASC I» p il innio 01/01/2014 31/12/2016 (Schm di o: compil su c

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 22. Rimini, 19 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 22. Rimini, 19 novembre 2014 Macroconomia Laura Vici laura.vici@unibo.i www.lauravici.com/macroconomia LEZIONE 22 Rimini, 19 novmbr 2014 Macroconomia 362 I mrcai finanziari in conomia apra Dao ch l acquiso o la vndia di aivià finanziari

Dettagli

Timeline a scuola. Marina Sostero - marina.sostero@gmail.com

Timeline a scuola. Marina Sostero - marina.sostero@gmail.com Timlin a scuola L TIMELINE vngono utilizzat p la visualizzazion di vnti, in foma gafica, su un dtminato ass dl tmpo, vaiamnt dfinito in scansioni di tmpo (scoli, dcnni, anni, msi, gioni). L'uso dlla timlin

Dettagli

CAPITOLO 3 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE

CAPITOLO 3 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE CAPITOLO 3 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE 3.. Inoduzion In quso capiolo analizziamo nl daglio il funzionamno dll ubomaccin, pando dalla dscizion dll asfomazioni c in ss anno luogo. Si passà poi alla dscizion

Dettagli

Spettro di densità di potenza e rumore termico

Spettro di densità di potenza e rumore termico Spro di dnsià di ponza rumor rmico lcomunicazioni pr l rospazio. Lombardo DI, Univ. di Roma La Sapinza Spro di dnsià di onza- roprià sprali: rasormaa di Fourir RSFORM DI FOURIR NI-RSFORM DI FOURIR S s

Dettagli

Aspettative. In questa lezione: Discutiamo di previsioni sulle variabili future, e di aspettative. Definiamo tassi di interesse nominale e reale.

Aspettative. In questa lezione: Discutiamo di previsioni sulle variabili future, e di aspettative. Definiamo tassi di interesse nominale e reale. Aspaiv In qusa lzion: Discuiamo di prvisioni sull variabili fuur, di aspaiv. Dfiniamo assi di inrss nominal ral. Ridfiniamo lo schma IS-LM con inflazion. 198 Imporanza dll Aspaiv L dcisioni rlaiv a consumo

Dettagli

Serie di Fourier a tempo continuo. La rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza. Jean Baptiste Joseph Fourier (1768 1830 )

Serie di Fourier a tempo continuo. La rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza. Jean Baptiste Joseph Fourier (1768 1830 ) Sri di Fourir a mpo coninuo La rapprsnazion di sgnali nl dominio dlla frqunza Jan Bapis Josph Fourir (768 83 ) Fourir sviluppò la oria mamaica dl calor uilizzando funzioni rigonomrich (sni cosni), ch noi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO SPAGNOLO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO SPAGNOLO Schda Pogammazion Binnio P.O.F. ITCT BORDONI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO SPAGNOLO A.S. 2015/2016 DISCIPLINA: SPAGNOLO LINGUA E CIVILTA SECONDA LINGUA PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO

Dettagli

PRINCIPALI VANTAGGI:

PRINCIPALI VANTAGGI: Ricamo-Lasr-Srass IL PRIMO PROGRAMMA AL MONDO CHE PERMETTE IN UN UNICO SOFTWARE: - La crazion di programmi Ricamo - La crazion di disgni Lasr con vari ffi (da uilizzar con ui i macchinari lasr in grado

Dettagli

La valutazione finanziaria

La valutazione finanziaria STUDIO BERETTA DOTTTARELLI TTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Srgio Bra La valuazion finanziaria Prmssa Il valor dl capial conomico vin simao considrando i flussi di cassa prodoi in fuuro dall imprsa

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esmpi di domand pr l sam di Economia Monaria La domanda di mona 1. In ch modo gli conomisi di Cambridg modificano l quazion dgli scambi di Fishr con quali consgunz?. Com si possono sprimr i guadagni asi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO a.s. 2013-2014 Binnio Indiizzo Amministazion, Finanz Makting E Tuismo DISCIPLINA Gogafia PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO BIENNALE, IN TERMINI

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Corso di laurea in Lingue e letterature moderne. Filologia, linguistica, traduzione

Corso di laurea in Lingue e letterature moderne. Filologia, linguistica, traduzione Corso di laura in Lingu lttratur modrn. Filologia,, traduzion Prsidnt Prof.Francsco Altimari francsco.altimari@unical.it Sgrtria dl corso di laura dott.ssa Rosalba Crnzia (Funzionario amministrativo) cubo

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

3. IL SETTORE ESTERO. Le condizioni H-O-S. Intensità fattoriale 3.1. COMMERCIO INTERNAZIONALE. Un economia con due paesi e due prodotti

3. IL SETTORE ESTERO. Le condizioni H-O-S. Intensità fattoriale 3.1. COMMERCIO INTERNAZIONALE. Un economia con due paesi e due prodotti 3. IL SETTORE ESTERO 3.. Commrcio inrnazional 3.2. Il asso di cambio 3.3. Il modllo IS-LM-BP 3.4. Parià scopra parià copra di assi di inrss 3.5. Ipr-razion di assi di cambio (ovrshooing) 3.. COMMERCIO

Dettagli

La tabella presenta 4 casi ed i relativi differenziali di rendimento tra un investimento in Dollari ed uno in Euro:

La tabella presenta 4 casi ed i relativi differenziali di rendimento tra un investimento in Dollari ed uno in Euro: MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lzion 3 ARBITRAGGIO SUI TASSI DI INTERESSE Invsimno sro domanda di valua sra Disinvsimno rischio di cambio prché rndimno ral dipnd da R La ablla prsna 4 casi d i rlaivi

Dettagli

Trasformata di Laplace unilatera Teoria

Trasformata di Laplace unilatera Teoria Definizione Tafomaa di Laplace unilaea Teoia L[f()] = f() $ e ($) d = F() Dove: f() = funzione eale afomabile. E nulla pe

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

L energia potenziale della forza elettrostatica

L energia potenziale della forza elettrostatica L ngia ptnzial dlla fza lttstatica L ngia ptnzial dlla fza di Culmb Cnsidiam una caica di pva q ch si spsta dal punt inizial A al punt final B stt l azin dlla fza di Culmb F, scitata dalla sgnt q. Il lav

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

seconda dei gradi scolastici e prevedono collegamenti interdisciplinari, in modo da fornire spunti per il lavoro da svolgere in classe

seconda dei gradi scolastici e prevedono collegamenti interdisciplinari, in modo da fornire spunti per il lavoro da svolgere in classe SCUOLE l MUSEO Popos didich 2014-2015 Fondzion Toino usi Plzzo dm Bogo divl Aivià cu dl Thum Sbudi Toino Plzzo Mdm è uno dgli difici simbolo di Toino, compndio dll soi millni dll cià dll poc omn oggi consv

Dettagli

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione.

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione. D.M. 21-5-2001 n. 308 Rgolamno concnn «Rqus mnm suual oganzzav p l'auozzazon all'sczo d svz dll suu a cclo sdnzal smsdnzal, a noma dll'acolo 11 dlla L. 8 novmb 2000, n. 328». Pubblcao nlla Gazz. Uff. 28

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA ABB

SISTEMA DI SICUREZZA ABB SISTEMA DI SICUREZZA ABB Fium vno 17 Fbbraio 2014 1 CARATTERISTICHE COMPONENTI ABB Cnral di comando conrollo DomuLink GSM DTL0301 crificaa com cnral di icurzza pr impiani anifuro nza fili; ripond a u l

Dettagli

La revisione generale dei conti nazionali del 2005

La revisione generale dei conti nazionali del 2005 La rvision gnral di coni nazionali dl 2005 Roma 21-22 giugno 2006 La dflazion di coni conomici in Ialia: rcni svilui imlmnazion Filio Moauro Isa - Dirzion Cnral dlla Conabilià Nazional (vrsion rovvisoria)

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2 Funzioni linari aini In du variabili l unzioni linari sono dl tipo a b l unzioni aini sono dl tipo a b c Il graico di una unzion linar è un piano passant pr l origin il graico di una unzion ain è un piano.

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE

MANUALE D ISTRUZIONE MNULE D ISTRUZIONE IMPORTNTI ISTRUZIONI DI SICUREZZ Qusta macchina p cuci è stata pogttata costuita sclusivamnt p uso DOMESTICO. Qusta macchina p cuci non è un giocattolo. Non pmtt ai bambini di gioca

Dettagli

Struttura dati FILE. Concetto di FILE

Struttura dati FILE. Concetto di FILE Struttura dati FILE Concetto di FILE Per poter mantenere disponibili dei dati tra diverse esecuzioni di un programma (PERSISTENZA dei dati), è necessario poterli archiviare su memoria di massa. Un file

Dettagli

Anteprima. ruolo dei tassi di interesse sui depositi in valuta estera effetto delle aspettative sui tassi di cambio 3-1

Anteprima. ruolo dei tassi di interesse sui depositi in valuta estera effetto delle aspettative sui tassi di cambio 3-1 Antpima Pincipi di bas sui tassi di cambio Tassi di cambio pzzi di bni I mcati di cambi La domanda di valuta di alt attività Un modllo di mcati valutai uolo di tassi di intss sui dpositi in valuta sta

Dettagli

Per quanto riguarda le procedure di nulla osta bisogna rivolgersi direttamente alla direzione delle scuole.

Per quanto riguarda le procedure di nulla osta bisogna rivolgersi direttamente alla direzione delle scuole. INTRODUZIONE Il prsnt opuscolo contin una raccolta di indirizzi informazioni sull scuol stranir prsnti a Roma. Pr i contatti si suggrisc di utilizzar gli indirizzi in intrnt. Un sito util é anch www.romschools.org

Dettagli

Aspettative, produzione e politica economica

Aspettative, produzione e politica economica Lzion 18 (BAG cap. 17) Aspttativ, produzion politica conomica Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia 2 1 L aspttativ la curva IS Dividiamo il tmpo in du priodi: 1. un priodo corrnt

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

Moduli e-learning ABB Istruzioni per la frequenza ai corsi. Sommario

Moduli e-learning ABB Istruzioni per la frequenza ai corsi. Sommario Moduli -larning ABB Istruzioni pr la frqunza ai corsi Il prsnt documnto ha lo scopo di dscrivr l principali carattristich di corsi -larning: com rgistrarsi d accdr al sistma, iscrivrsi ad un corso, frquntarlo

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4 Corso di Laura in Economia Matmatica pr l applicazioni conomich finanziari Esrcizi 4 Vrificar s l sgunti funzioni, nll intrvallo chiuso indicato, soddisfano l ipotsi dl torma di Roll, in caso affrmativo,

Dettagli

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010 Progtto BES dll Provinc (PSU-00003) maggio 2013, abstract Bnssr conomico /Standard matriali di vita TEMA Rl co n il BE S Consumi - Incidn di consumi alimntari sulla spsa dll famigli Rddito + Stima dl rddito

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Attuatore: Motore in corrente continua (DC)

Attuatore: Motore in corrente continua (DC) Auaor: Moor in corrn coninua DC Sisma: Movimnazion monoass Modllo pr moor DC Accoppiaor oico Circuio ingrao piloa pr moor DC Sisma di piloaggio razionao Encodr incrmnal 360 impulsi/giro Moor in DC Vi snza

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

Fig. 4.1 - Struttura elementare del motore in corrente continua

Fig. 4.1 - Struttura elementare del motore in corrente continua 4 MACCHINA IN CORRENTE CONTINUA 4.1 Suu schm lmn P compn l pncpo funzonmno ll mcchn n con connu (m.c.c.) fccmo fmno ll suu lmn nc n Fg. 4.1. 1 A φ 2 B Fg. 4.1 - Suu lmn l moo n con connu Fg. 4.2 - Pcoso

Dettagli

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE 1 -LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI BASE - MERCATI FINANZIARI E ASPETTATIVE DUE DEFINIZIONI PER IL TASSO DI INTERESSE Il tasso di intrss in trmini di monta è chiamato tasso di intrss nominal (i). Il tasso di

Dettagli

Palazzina di Caccia di Stupinigi, Fondazione Ordine Mauriziano

Palazzina di Caccia di Stupinigi, Fondazione Ordine Mauriziano , Fondazion Ordin Mauriziano LE PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI ESTATE 2014 IN PALAZZINA: DIVERTIRSI IMPARANDO VISITE A TEMA E LABORATORI PER I CENTRI ESTIVI Dalla primavra 2014 la palazzina di caccia offr

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

SCHEDA IMMOBILIARE Cod. Identificativo CDPI 43 COMPLESSO IMMOBILIARE SITO NEL COMUNE DI LUCCA

SCHEDA IMMOBILIARE Cod. Identificativo CDPI 43 COMPLESSO IMMOBILIARE SITO NEL COMUNE DI LUCCA dci SHEDA IMMOBILIARE od. Idntificativo DPI 43 Allgato " Rprtorio n. n À5' 5.'4 OMPLESSO IMMOBILIARE SITO NEL OMUNE DI LUA DESRIZIONE IMMOBILIARE E ONFINI omplsso immobiliar dnominato "Palazzo Tommasi",

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 oa ll ozon Poo suua Gogo Consgl gogo.onsgl@unbg. Uff 58 vmno m:.-3. Pogamma. Mao ll ozon ona va. oa ll ozon 3. nh valuazon 4. Hgng 5. Inggna fnanzaa 6. Pou numh 7. Dvavs sass Ozon Pou

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Milano,12 aprile 2013 Andrea Allara, Sales Man. 2012 SOFORT AG Page 1

Milano,12 aprile 2013 Andrea Allara, Sales Man. 2012 SOFORT AG Page 1 n i l n o 8 n m a g a p i r p r n t Il par. 8 n i n v n o c i c o l v, i r u sic Milano,12 april 2013 agr Andra Allara, Sals Man 2012 Pag 1 La storia di succsso di un innova8vo providr di srvizi finanziari!

Dettagli

Decoder per locomotive MX61 model 2000 e MX62

Decoder per locomotive MX61 model 2000 e MX62 ZIMO Manual istruzioni dl Dcodr pr locomotiv MX61 modl 2000 MX62 pr il formato di dati NMRA-DCC nll vrsioni MX61R (con connttor mdio) MX61F (connttor piccolo) MX62W (con 7 cavtti snza connttor) MX62R (

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

Laboratori Laurea Scienze Pedagogiche e dell Educazione e Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche a.a. 2015/16

Laboratori Laurea Scienze Pedagogiche e dell Educazione e Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche a.a. 2015/16 Laboratori Scinz Pdagogich dll Educazion in Scinz Pdagogich a.a. 2015/16 L'organizzazion didattica di laboratori pr l'aa 2015-2016 è qulla indicata nll tabll sottostanti. iscrizioni (salvo divrsa indicazion)

Dettagli

Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale

Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale Progtto dll Provinc (PSU-00003) maggio 203, abstract Istruzion formazion/ istruzion comptnz TEMA Rl Con il Comptnz + Livllo di comptnza numrica dgli studnti Nom indicator Formula Livllo Trritorial disponibil

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UIVERITÀ DEGLI TUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI CIEZE TATITICE CORO DI LAUREA I CIEZE TATITICE ED ECOOMICE Tsi di laura METODI APPROIMATI PER IL CALCOLO DEL RICIO DI TRUMETI FIAZIARI DERIVATI: METODOLOGIA E AALII

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009.

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009. Comun di Frrara OPEN GROUP TANDEM *** X Assmbla Nazional Coordinamnto Agnd21 Locali 18-19 19 Sttmbr 2009 Arnzano (Gnova) addbitano all Amministrazion Comunal il sovrapprzzo introdotto dalla normativa RAEE

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

La struttura dati ad albero binario

La struttura dati ad albero binario La struttura dati ad albero binario L albero è una struttura dati nella quale le informazioni sono organizzate in modo gerarchico, dall alto verso il basso. Gli elementi di un albero si chiamano nodi,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO Schda Pogammazion Tinnio Classi: III, IV V SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO A.S. 2014 /2015 INDIRIZZO: Amministazion, Finanza Makting Tuismo Rlazioni - Intnazionali p il makting DISCIPLINA:

Dettagli

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria Appunt d ontoll Autoatc Eo a g n sst n toazon Eo a g p contoll n toazon untaa... Eo a g nlla sposta al gadno (o d poszon)... Eo a g nlla sposta alla apa (o d vloctà)...3 Eo a g nlla sposta alla paabola

Dettagli

LE PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI Palazzina di Caccia di Stupinigi ESTATE 2015

LE PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI Palazzina di Caccia di Stupinigi ESTATE 2015 LE PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI ESTATE 2015 SPECIALE MOSTRA FRITZ. UN ELEFANTE A CORTE! 20 Maggio 13 sttmbr 2015 IN PALAZZINA: DIVERTIRSI IMPARANDO VISITE A TEMA E LABORATORI PER I CENTRI ESTIVI Anch nlla

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Titoli culturali docenti Secondaria I

Titoli culturali docenti Secondaria I Docnti scondai a n 24 Dottoato di icca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N7 E. Dago VIA Cataa, 03 9824 MESSINA (ME) - TEL./FAX 090 2939556 Wb: www.icn7nzodagomssina.gov.it - mail: mic88700q@istuzion.it spcializzazion

Dettagli

Integrazione e Integratori delle Informazioni

Integrazione e Integratori delle Informazioni SC.S.I. A.S.O. Ordin Mauriziano Workshop intrrgional sui sistmi informativi pr la gstion la valutazion dll rti oncologich Torino 24-25 maggio 2007 Intgratori dll Andra Bo - A.S.O. Ordin Mauriziano - S.C.

Dettagli

Compito A Tempo a disposizione un'oa e tenta minuti. Libi chiusi. Consideae una elazione RèA; B; C; D; Eè. Indicae quali delle seguenti poiezioni hanno cetamente lo stesso numeo di ennuple di R: 1. ç ABCD

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Stadio, il nome è in vendita Martedì 10 Giugno 2014 09:33 - DANIELE GALLI

Stadio, il nome è in vendita Martedì 10 Giugno 2014 09:33 - DANIELE GALLI Stao nom è in vnta DANIELE GALLI Possidono uffici a Londra Nw York Los Angls Monaco Bavira. Prsino uno a Stoc colma. Tra i loro clinti figurano club suprsonici com Barcllona Chlsa Nw York Yanks rapprsntano

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse . Condizioni di arbitraggio intrnazional dll rci di titoli L tori d la Parità di otri d acuisto la Parità di tassi d intrss 5_Andic_G.GAROFALO L arbitraggio è un'orazion ch consist nll'acuistar un bn o

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON Listino przzi F6 Marzo 013 UNI EN 1401 act-1401 UNI EN 1401 Carbonato di calcio,5 MICRON Tubi di PVC-U pr condott fognari civili d industriali costruiti scondo UNI EN 1401 GRESINTEX DALMINE RESINE Tubi

Dettagli

De Rossi, profumo di primavera Sabato 23 Marzo 2013 10:49 - DANIELE GIANNINI

De Rossi, profumo di primavera Sabato 23 Marzo 2013 10:49 - DANIELE GIANNINI DANIELE GIANNINI Frsco com un fior sboccia nl primo giorno primavra Il gol Danil D Rossi al Brasil ha s gnato simbolicamnt la fin dll invrno Il risvglio dlla natura qullo dlla Nazional stava prdndo immritatamnt

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Univrità di apoli arthnop Facoltà di Inggnria Coro di Tramiioni umrich docnt: rof. Vito acazio 6 a Lzion: // Sommario Calcolo dlla proailità di rror nlla tramiion numrica in prnza di AWG AM inario M inario

Dettagli

Il compostaggio locale nel nuovo PPGR della Provincia di Torino

Il compostaggio locale nel nuovo PPGR della Provincia di Torino Il compostaggio local nl nuovo GR dlla Provincia Torino Edoardo Gurrini Dirignt dl Srvizio Pianifica Sviluppo Sostnibil Ciclo Intto di ENERGETHICA 9 april 2011 Srvizio Pianifica, Sviluppo Sostnibil Ciclo

Dettagli

Realizzazione fisica di superfici non orientabili mediante Prototipazione Rapida

Realizzazione fisica di superfici non orientabili mediante Prototipazione Rapida Rlizzzion fisic di suprfici non orinbili mdin Prooipzion Rpid Grgorio Frnzoni, Dnil Lcc, Monic Rluc Miscu, Sfno Monldo, Fbrizio Murgi, Piro Pili, drin urcu, CRS4, r GEMMS/EIP. chnicl Rpor, luglio 3 bsrc

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007 ispns orso ostr Zon ismica 2 mod _Prof amillo Nuti_ AA 2006 2007 AZIONI IMIHE RAMIE PERO I RIPOA- LA NUOVA NORMA 2007 AZIONI IMIHE L azioni sismich di protto con l quali valutar il risptto di divrsi stati

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale MIIS DL MIIS ALLGA B di Protocollo A DI CADIDAUA SPI IDIPDI L QUAD DL PGAMMA LAD DA VICI CGM: IFMAZII PSALI M(I): DAA DI ASCIA (GG/MM/AAAA): / / 1 9 SSS: F: M: CDIC CIADIAZA * IDIIZZ: UM, VIA: CDIC PAS

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Tecniche di input/output per l'accesso ai file

Fondamenti di Informatica. Tecniche di input/output per l'accesso ai file Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Meccanica Tecniche di input/output per l'accesso ai file Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. 1 L'importanza

Dettagli