Nel linguaggio C. File di testo sequenza di caratteri (per memorizzare caratteri) File binario sequenza di byte (per memorizzare interi, record,.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel linguaggio C. File di testo sequenza di caratteri (per memorizzare caratteri) File binario sequenza di byte (per memorizzare interi, record,."

Transcript

1 LA PERSISTENZA DEI DATI L vaiabili usa finoa sono volaili, cioè la loo via mina con la minazion dll scuzion dl pogamma. Il conco di fil fonisc la possibilià di mmoizza dai in foma psisn, cioè in una foma ch sopavviv al min dll'scuzion dl pogamma ch li ha gnai ch n pm l'uilizzo in mpi succssivi. I disposiivi di mmoia di massa (di anch mmoi scondai) foniscono il suppoo fisico alla mmoizzazion di fil. L uilizzo di un fil da pa di un pogamma ichid : dichiaazion di una vaiabil di ipo fil; associazion dlla vaiabil ad una suua dai dl sisma opaivo su cui il pogamma và sguio; apua dl fil, spcificando s si inndono ffua opazioni di sciua (oupu), lua (inpu) o mis; scuzion dll opazioni di sciua lua (accsso); chiusua dl fil, p mina l opazioni. FILE fil suuao è una squnza, di lunghzza non pfissaa, di valoi dllo ssso ipo. diffnza fa l'uso di un vo di un fil è ch p il pimo l'accsso ad ogni componn è immdiao; vicvsa, l'accsso ad un componn di fil ichid ch: 1. vnga individuaa la posizion in mmoia di massa in cui il componn isid; 2. il componn vnga copiao in una posizion di mmoia ami un accsso. Nl linguaggio C Un fil è solamn una squnza, di lunghzza non pfissaa, di by o caai. Fil di so squnza di caai (p mmoizza caai) Fil binaio squnza di by (p mmoizza ini, cod,.) Un alo moivo p usa la mmoia scondaia può ss la dimnsion. Esmpio, un pogamma ch fa uso di una vaiabil vo. All'scuzion dl pogamma dovà ss disponibil in mmoia cnal lo spazio p uo il vo. In alà, la mmoia cnal ha smp dimnsioni bn dlimia, in gnal di gan lunga infioi a qull dlla mmoia scondaia, sono assai fquni poblmi applicaivi con dimnsioni ali da nd impossibil l'allocazion in mmoia di un ino vo. Anch in al caso isula ncssaio fa icoso a suu dai su disco. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 1 FILE 2 TIPOLOGIE DI ACCESSO AI FILE FILE E PROGRAMMI C 1) accsso squnzial è possibil accd ad un componn solano dopo av ffuao l'accsso a qulli ch lo pcdono al momno dll'apua dl fil vin so diponibil il pimo componn, da lì si pocd in squnza (sssa cosa in fas di sciua) In ogni momno di uilizzo dl fil sis quindi la nozion di componn con, ch è il componn su cui avvà il possimo accsso (lua o sciua). Il modllo dll'accsso squnzial è qullo dll unià di mmoia a naso o a schd, in cui, p moivi fisici, l'accsso pova ss solano squnzial. 2) accsso dio è possibil spcifica a qual componn si innd accd Il modllo dll'accsso dio è qullo dll unià di mmoia a disco uso dl fil in pa analogo a qullo dl vo. L'analogia è solano pazial, in quano l'accsso ad un componn di fil ichid smp una opazion di inpu/oupu. Nl Sisma Opaivo - SO - ( non nl pogamma C) è dfinia una suua dai FILE ch conin, a l alo, l sguni infomazioni il nom dl fil un punao al possimo by dl fil da lgg o sciv modalià di accsso al fil Il SO gsisc il sgun vo FILE TabllaFilApi[MaxNumoFil] dov MaxNumoFil è il massimo numo di fil ch possono ss gsii conmpoanamn dal Sisma Opaivo. Quando un pogamma ap un fil spcificando il nom l modalià di uilizzo, il SO ca un nuovo lmno in TabllaFilApi inizializzando oppounamn i campi di al lmno siuisc al pogamma l indiizzo dlla suua di ipo FILE. È il SO a manipola diamn i campi dlla suua FILE, mn il pogamma n povoca la manipolazion india invocando funzioni dlla Sandad Libay <sdio.h>. I disposiivi sandad di ingsso (la asia) di uscia (il vido) sono disponibili com fil so: quando inizia l scuzion di un pogamma, il SO ap ali fil li associa ai sguni punaoi sdin sdou vaiabil punao al fil ch appsna la asia vaiabil punao al fil ch appsna il vido Il SO ap anch un fil p la gsion dgli oi: sd vaiabil punao al fil ch appsna il vido FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 3 FILE 4

2 OPERAZIONI DI GESTIONE P po lgg o sciv su un fil sono ncssai l sguni opazioni dichiaazion dl fil : dichiaa (fil poin) com un punao a FILE; apua dl fil : FILE *fopn(cha *NomFil,cha *Modo); siuisc un punao al fil spcificao in NomFil al qual saà possibil accd scondo la modalià ipoaa in Modo. S si vifica un o, la funzion siuisc un punao con valo NULL. Modalià di apua di un fil : sola lua w : sola sciua a pai dall inizio dl fil a : sola sciua a pai dalla fin dl fil (appnd) +: lua sciua w+:sciua a pai dall inizio dl fil a+ : lua sciua a pai dalla fin dl fil S un fil ch sis è apo in modalià w o w+, il connuo dl fil è pso S un fil ch non sis è apo in modalià w, w+, a oppu a+, sso vin cao S un fil ch non sis è apo in modalià oppu + vin gnao un o ESEMPIO main() // dichiaazion =fopn("pova.x",""); // apua... fclos(); //chiusua ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE Funzioni Significao In mov(cha *Nom) Cancllazion dl fil canclla il fil spcificao in Nom s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc un valo!=0 In nam(cha *OldN, Rinomina dl fil cha *NwN) modifica il nom dl fil OldN in NwN s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc un valo!=0 chiusua dl fil :in fclos(file *) assgna a il valo NULL; s l opazion è saa sguia coamn siuisc 0, alimni siuisc. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 5 FILE 6 FILE TESTO P lgg/sciv da fil so, la libia sandad fonisc funzioni analogh a qull uilizza p l'inpu l'oupu sandad. Qus funzioni possono ss classifica nll sguni cagoi: Lua sciua a caai Lua sciua a singh Lua sciua fomaao I disposiivi sandad di ingsso (la asia) di uscia (il vido) sono disponibili com fil so: quando inizia l scuzion di un pogamma, il SO ap ali fil li associa ai sguni punaoi sdin sdou vaiabil punao al fil ch appsna la asia vaiabil punao al fil ch appsna il vido Il SO ap anch un fil p la gsion dgli oi: sd vaiabil punao al fil ch appsna il vido Funzioni lua sciua a caai in gc(file *) in puc(in, FILE *) in gcha(void) In pucha(in ) Significao Rsiuisc, com ino, il possimo caa dl fil. sciv il caa nl fil siundo, com ino, il caa scio. Lgg da sdin il possimo caa lo siuisc com ino Equival a gc(sdin) sciv il caa su sdou lo siuisc com ino Equival a gc(,sdou) Tu l funzioni siuiscono il caa in caso di fin fil o di o Da asia, l insimno dl caa avvin in DOS : pmndo i asi CONTROL + Z poi ENTER in UNIX : pmndo i asi CONTROL + D in MACINTHOS : pmndo i asi CONTROL + D FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 7 FILE 8

3 ESEMPIO: LETTURA E VISUALIZZAZIONE DI UN FILE DI TESTO - api il fil in lua - s il fil sis si può api in lua - pndi com il pimo caa dal fil - finchè non è saa aggiuna la fin dl fil - visualizza il caa - pndi com il possimo caa dal fil Il conollo ch non è saa aggiuna la fin dl fil vin ffuao lggndo il caa conollando ch al caa sia divso da main() cha ; if ((=fopn("pova.x",""))!=null) =gc(); whil (!=) pucha(); =gc(); /* nd whil */ fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in lua dl fil"); /* nd main */ Si può ffua la lua dl caa diamn nlla vifica dlla condizion whil ((=gc())!=) pucha(); ESEMPIO: SCRITTURA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) Acquisi un so da asia (fino al caa ) mmoizzalo su un fil. main() cha ; if ((=fopn("pova.x","w"))!=null) =gcha(); whil (!=) puc(,); =gcha(); /* nd whil */ fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in sciua dl fil"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 9 FILE 10 PROGRAMMA C SISTEMA OPERATIVO DISCO ESEMPIO: MODIFICA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) =opnf(,"");? Nom = p Modo = "" Fil GESTIONE SEQUENZIALE Modifica un fil di so, convndo ui i suoi caai alfabici in maiuscolo. Con l accsso squnzial l unico modo di fa qusa opazion è qullo di usa un fil mpoano sul qual icopia il fil modificao quindi, dopo av cancllao il fil oiginal, da al fil mpoano il nom dl fil oiginal. =gc() =gc() =gc() =gc() fclos(); NULL Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Nom = p Modo = "" Fil Fil Fil Fil Fil main() // punao al fil da modifica FILE *FT; // punao al fil mpoano cha ; if ((=fopn("pova.x",""))!=null) if ((FT=fopn("mp.x","w"))!=NULL) =gc(); whil (!=) if (>= a && <= z ) = -( a - A ); puc(,ft); =gc(); /* nd whil */ fclos(ft); // chiusua dl fil mpoano fclos(); // chiusua dl fil da modifica mov("pova.x"); // canclla dl fil da modifica nam("mp.x","pova.x"); // inomina /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil mpoano"); fclos(); // chiusua dl fil da modifica /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil da modifica"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 11 FILE 12

4 Funzioni GESTIONE DEGLI ERRORI SERVONO PER VERIFICARE E GESTIRE SITUAZIONI DI ERRORE in fo(file *) in fof(file *) void cla(file *) Significao siuisc il valo 0 s non è sao commsso nssun o nlla pcdn opazion di lua o sciua sul fil alimni siuisc un valo maggio di 0 siuisc il valo 0 s non è saa aggiuna la fin dl fil nlla pcdn opazion di lua o sciua sul fil alimni siuisc un valo maggio di 0 azza gli oi la condizion di fin fil Esmpio di Gsion Eoi void ckfil( FILE *fp); main() cha ; = fopn( "pova.x", "w" ); ckfil(); /* Non ci sono oi. */ c = fgc();/* quso gna un o */ ckfil(); /* C un o */ cla();/* si azza il pcdn o */ ckfil(); /* Non ci sono oi. */ fclos(); /* nd main */ void ckfil(file *fp ) if ( fo(fp) fof(fp) ) pinf( "C un o\n" ); pinf( "Non ci sono oi.\n" ); /* nd ckfil */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 13 FILE 14 Funzioni cha *fgs(cha *S, in n, FILE *) in fpus(cha *S, FILE *) a *gs(cha *S) In pus(cha *S) LETTURA E SCRITTURA A STRINGHE Significao Ripoa nlla singa punaa da S i caai li dal fil punao da fino a '\n' o al fin fil oppu fino a quando non ha lo n-1 caai. Nlla singa vin insio l vnual '\n' vin minaa con '\0'. S non si vificano oi siuisc un punao al pimo lmno dlla singa in cui vngono mssi i caai li, alimni siuisc NULL. Sciv sul fil punao da la singa punaa da S, L vnual '\0' dlla singa non vin scio. Rsiuisc 0 s non si vificano oi, un valo divso da 0 in caso conaio. Ripoa nlla singa punaa da S i caai li da sdin fino a '\n' o al fin fil. Nlla singa non vin insio l vnual '\n' vin minaa con '\0'. S non si vificano oi siuisc un punao al pimo lmno dlla singa in cui vngono mssi i caai li, alimni siuisc NULL. Sciv su sdou la singa punaa da S, sguia da '\n'. L vnual '\0' dlla singa non vin scio. Rsiuisc 0 s non si vificano oi, un valo divso da 0 in caso conaio. ESEMPIO: LETTURA E SCRITTURA DI UN FILE DI TESTO (A STRINGHE) Dao un fil oigin si vuol ca un alo fil, dsinazion, ch ha lo ssso connuo dl fil oigin ma con una spaziaua doppia: quso si alizza ipoando su dsinazion, dopo ogni lina la da oigin, una lina connn com unico caa '\n' # dfin MAXLINEA 100 main() cha lina[maxlinea]; FILE *FIN,*FOUT; if ((FIN=fopn("oigin",""))==NULL) pinf("non posso api il fil oigin"); if ((FOUT=fopn("dsinazion","w"))==NULL) pinf("non posso api il fil dsinazion"); fclos(fin); /* caso di "oigin" "dsinazion" api co. */ whil (fgs(lina,maxlinea,fin)!=null) fpus(lina,fout); fpus("\n",fout); /* nd whil */ fclos(fin); fclos(fout); /* nd caso di "oigin" "dsinazion" api co. */ /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 15 FILE 16

5 ESEMPIO: INSERIMENTO ORDINATO IN UN FILE- GESTIONE SEQUENZIALE - acquisi il nom dl fil NF - finch' ci sono dai R da insi in NF - insimno odinao di R in NF L insimno odinao di R in NF ami una gsion squnzial può ss suuao com sgu - s NF non sis - api NF in sciua - insisci R in NF alimni - api NF in lua - pdisponi un fil nuovo "mp" in sciua - asfisci ui i dai di NF minoi di R in "mp" - scivi R in "mp" - asfisci i sani dai di NF in "mp" - canclla NF inomina "mp" com NF Com ulimo livllo di daglio, spimiamo i asfimni di dai da NF al fil mponano. - finch' ci sono dai R da insi in NF - s NF non sis - api NF in sciua - insisci R in NF alimni - api NF in lua - pdisponi un fil nuovo "mp" in sciua - pndi il pimo dao da NF in A - finchè A è mino di R NF non è finio - mmoizza A nl fil "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - insisci R in "mp" - s A non è mino di R - insisci A in "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - finchè NF non è finio - mmoizza A nl fil "mp" - pndi il possimo dao da NF in A - canclla NF inomina "mp" com NF /* CODICE*/ main() void FilShow(Singa NomFil); /* funzion ch sampa il connuo di un fil di caai */ in glin(cha *lina, in maxlun); /* funzion p acquisi da inpu una singa */ void FilInsOd(Singa NomFil, cha R); /* funzion p l'insimno odinao in un fil di caai */ cha X; Singa NF; pinf("nom dl fil > "); whil (glin(nf,maxstringa)==0); whil ((X=gcha())!='\n') FilInsOd(NF,X); FilShow(NF); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 17 FILE 18 void FilInsOd(cha *NomFil, cha R) FILE *FI,*FO; cha A; in EsisFil(cha *NF); if (!EsisFil(NomFil)) /* s il fil non sis si ca vi si inoduc R */ FI=fopn(NomFil,"w"); puc(r,fi); fclos(fi); /* s il fil sis si dv usa un alo fil "mp" */ FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mp","w"); /* finch A < R non c fin dl fil FI si lgg A da FI lo si mmoizza in FO */ whil (((A=gc(FI))!=)&&(A<R)) puc(a,fo); /* (A<R) o fin dl fil FI: in ogni caso si m R in FO */ puc(r,fo); /* s si sc dal whil pch' non ho (A<R) (cio' ho (A!=))alloa icopio A gli ali cha di FI in FO */ if (A!=) puc(a,fo); whil ((A=gc(FI))!=) puc(a,fo); fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mp",nomfil); /* nd FilInsOd */ in EsisFil(cha *NomFil) =fopn(nomfil,""); if (==NULL) un 0; fclos(); un 1; void FilShow(cha *NomFil) cha ; if ((=fopn(nomfil,""))!=null) whil ((=gc())!=) pucha(); /* nd whil */ fclos(); pinf("eo nll apua dl fil"); /* nd FilShow */ /* FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 19 FILE 20

6 ACCESSO DIRETTO AL FILE ACCESSO DIRETTO AL FILE - ESEMPI posizion-con é un valo ino ch appsna la posizion aual dl punao sul fil: una opazion di lua o sciua saà ffuaa iniziando da al posizion. long fll(file *); siuisc il valo dlla posizion con dl punao Il C consn l accsso dio al fil ami la funzion fsk ch è in gado di modifica il valo dlla posizion con dl punao. in fsk(file *, long offs, in oigin); p il fil, punao sul fil vin sposao di offs by ispo a oigin oigin = SEEK_SET --> inizio dl fil La sgun funzion dmina il numo di lmni di un fil, ovvo la sua dimnsion. In caso di oi (smpio: fil non sisn) siuisc il valo -1. in DimnsionFil(cha *NomFil) =fopn(nomfil,""); if (==NULL) un -1; /* posiziona il punao sul fil alla fin d fil */ fsk(,0,seek_end); /* lgg la posizion con dl punao */ n =fll(); fclos(); un n; oigin = SEEK_CUR --> posizion-con oigin = SEEK_END --> fin dl fil Rsiuisc 0 s la ichisa è coa, alimni un valo divso da zo. void wind(file *); Pon a zo il punao sul fil.. Non siuisc nssun valo pchè l vnual o vin azzao. Equival a fsk(, 0, SEEK_SET ); cla(); FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 21 FILE 22 ACCESSO DIRETTO AL FILE - ESEMPI Il sgun codic sampa in oupu l ulimo caa di ogni iga dl fil di so NomFil... if ((FIN=fopn(NomFil,""))!=NULL) whil ((=gc(fin))!=) if (=='\n') /* p lgg il caa ch pcdva '\n' si dv ona indio di 2 lmni*/ fsk(fin,-2,seek_cur); =gc(fin); /* dopo av lo il caa si dv avanza di una posizion, alimni si coninua a lgg '\n'*/ fsk(fin,1,seek_cur); pucha(); /* nd whil di lua dl fil */ fclos(fin); ESEMPIO: MODIFICA DI UN FILE DI TESTO (A CARATTERI) GESTIONE DIRETTA Modifica un fil di so, convndo ui i suoi caai alfabici in maiuscolo. Con l accsso dio non è più ncssaio usa un fil mpoano: quando si lgg un caa minuscolo ci si sposa indio di una posizion lo si sovasciv con il coispondn caa maiuscolo. Occo api il fil in modalià + (lua sciua); si noi ch non è possibil apilo in modalia w+, in quano il connuo dl fil vbb pso, nanch in modalià a+, in quano, a pa il fao ch la modalià a comincia a sciv dalla fin dl fil, s un fil ch non sis è apo in modalià a+, sso vin cao non vin gnao un mssaggio di o. Nlla modalià lua sciua, p passa dalla lua alla sciua, vicvsa, è obbligaoio ffua una isuzion fsk(): p fa una fsk() snza sposaci usmo fsk(,0,seek_cur) main() // punao al fil da modifica cha ; if ((=fopn("pova.x","+"))!=null) =gc(); whil (!=) if (>= a && <= z ) = -( a - A ); fsk(,-1,seek_cur); puc(,); fsk(,0,seek_cur); =gc(); /* nd whil */ fclos(); // chiudo fil da modifica /* nd if */ pinf("eo nll apua dl fil da modifica"); /* nd main */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 23 FILE 24

7 RICERCA BINARIA IN UN FILE ORDINATO Con l accsso dio si può accd ad un pciso lmno dl fil d è quindi possibil applica la icca binaia ad un fil odinao. P avvia la icca sv conosc la dimnsion dl fil. A al scopo si usa la funzion DimnsionFil: main() /* p api il fil di cha odinao */ cha NF[20]; /* nom dl fil di cha odinao */ cha ; /* caa da icca */ in dimnsion; /* dimnsion dl fil */ in posizion /* posizion di all inno dl fil */ in DimnsionFil(cha *NomFil); in RiccaBinaiaFil(FILE *FI,long inizio,long fin, cha D);... /* acquisisc NF */ dimnsion = DimnsionFil(NF); =fopn(nf,""); posizion=riccabinaiafil(,1,dimnsion,); fclos();... /* sampa di isulai*/ /* nd main */ in RiccaBinaiaFil(FILE *FI,long inizio,long fin, cha D) long c; /* posizion cnal */ cha ; /* lmno cnal */ if (inizio>fin) un -1; c=(inizio+fin)/2; fsk(fi,c-1,seek_set); =gc(fi); if (==D) un c; if (>D) un RiccaBinaiaFil(FI,inizio,c-1,D); un RiccaBinaiaFil(FI,c+1,fin,D); /* RiccaBinaiaFil */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 25 FILE 26 FILE BINARIO Si può accd ai dai di un fil lggndo o scivndo un ino blocco di dai spcificando: *P l indiizzo di un vo p conn gli lmni ch compongono il blocco DimElm l dimnsioni in by dl singolo lmno NumElm il numo di lmni ai quali si dsida accd lua di una suua siz_ fad(void *P,siz_ DimElm,siz_ NumElm,FILE *) lgg dal fil nll aay P al massimo NumElm lmni di dimnsion DimElm siuisc il numo di lmni li: s al numo è mino di NumElm significa ch è saa aggiuna la fin dl fil oppu ch si è vificao un o di lua (ciò va dminao ami l funzioni fof fo). sciua di una suua siz_ fwi(void *P,siz_ DimElm,siz_ NumElm,FILE *) sciv sul fil, pndndoli dall aay P, NumElm lmni di dimnsion DimElm siuisc il numo di lmni scii: s al numo è mino di NumElm significa ch si è vificao un o di sciua (ciò va dminao ami la funzion fo). Suua dai ESEMPIO: CREAZIONE DI UN FILE DI RECORD #dfin MAXSTRINGA 20 #dfin MAXV 2 /* numo di sami */ ypdf cha Singa[MAXSTRINGA]; ypdf suc Singa Nom; in Voi[MAXV]; Sudn; Pocdua p l insimno di un cod alla fin di un fil (appnd) void FilAppnd(Singa NomFil, Sudn R) FILE *FI; if ((FI=fopn(NomFil,"a"))==NULL) pinf("non posso api il fil %s", NomFil); fwi(&r,sizof(sudn),1,fi); fclos(fi); /* nd FilAppnd */ Accsso dio ad un fil di cod. Si usa smp la funzion in fsk(file *, long offs, in oigin); Dao ch lo sposamno spcificao in offs è spsso in by occo usa l opao sizof p accd all lmno dsidao Esmpio: p lgg il cod in posizion c dl fil FI fsk(fi,(c-1)* sizof(sudn),seek_set); Si noi ch p dmina il numo di cod connui in un fil si può usa in DimnsionFil(cha *NomFil); FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 27 FILE 28

8 ESEMPIO: LETTURA SEQUENZIALE DI UN FILE DI RECORD - api il fil in lua - s il fil sis - pndi com A il pimo cod dal fil - finchè non è saa aggiuna la fin dl fil - laboa il cod R - pndi com R il possimo cod dal fil Il conollo ch non è saa aggiuna la fin dl fil può ss ffuao in du modi 1. si lgg R si conolla ch non sia saa aggiuna la fin di con fof() 2. si lgg il cod R si conolla ch il numo di lmni li sia 1 Nl modo 2 si può ffua la lua dl cod diamn nlla vifica dlla condizion: whil ((fad(&r,sizof(r),1,fi)!=0) <laboazion cod R > void FilShow(Singa NomFil) FILE *FI; Sudn A; in I; if ((FI=fopn(NomFil,""))==NULL) pinf("non posso api il fil %s", NomFil); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) pinf("\nnom Sudn > %s\n",a.nom); pinf("voi Sudn: "); fo(i=0;i<maxv;i++) pinf("%d ",A.Voi[I]); /* nd whil */ /* nd FilShow */ ESEMPIO: MODIFICA SEQUENZIALE DI UN RECORD NEL FILE La sgun funzion modifica i cod con NomSudn spcificao. Ripoa in uscia il numo di cod modificai. La gsion è squnzial; si uilizza un fil di appoggio mpoano. in FilUPDATE(Singa NomFil, Singa NomSudn) FILE *FI,*FO; Sudn A; in SingaUgualA(cha *S, cha *T); in EsisFil(cha *NF); in coun=0; if (EsisFil(NomFil)) FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mpoano","w"); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) if (SingaUgualA(A.Nom,NomSudn)) < modifich al cod A > coun++; fwi(&a,sizof(sudn),1,fo); fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mpoano",nomfil); un coun; /* nd FilUPDATE */ FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 29 FILE 30 ESEMPIO: CANCELLAZIONE SEQUENZIALE DI UN RECORD NEL FILE La sgun funzion canclla i cod con NomSudn spcificao. Ripoa in uscia il numo di cod cancllai. La gsion è squnzial; si uilizza un fil di appoggio mpoano in FilDELETE(Singa NomFil, Singa NomSudn) FILE *FI,*FO; Sudn A; in SingaUgualA(cha *S, cha *T); in EsisFil(cha *NF); in coun=0; if (EsisFil(NomFil)) FI=fopn(NomFil,""); FO=fopn("mpoano","w"); whil (fad(&a,sizof(sudn),1,fi)!=0) if (!SingaUgualA(A.Nom,NomSudn)) fwi(&a,sizof(sudn),1,fo); coun++; fclos(fi); fclos(fo); mov(nomfil); nam("mpoano",nomfil); un coun; /* nd FilDELETE */ OUTPUT FORMATTATO PRINTF E RINTF La funzion in pinf(cha *fomao, ag1, ag2,, agn); conv, fomaa sampa sullo sandad oupu i suoi agomni agi soo il conollo di fomao ipoa com isulao il numo di caai sampai. La singa di fomao conin du ipi di oggi: caai odinai, ch vngono smplicmn copiai sull oupu, spcifich di convsion, ciascuna dll quali povoca la convsion la sampa dl succssivo agomno di pinf. Ogni spcifica di convsion inizia con % mina con un caa di convsion. Ta % d il caa di convsion possiamo ova, nll odin Il sgno -, ch indica l allinamno a sinisa. Un numo ch indica l ampizza minima dl campo. Un puno, ch spaa l ampizza dl campo dalla pcision. Un numo, la pcision (p una singa, il massimo numo di caai ch dvono ss sampai, p un floa il numo di cif dopo il puno, p un ino il numo minimo di cif di un ino). Una h s l ino dv ss sampao com sho, oppu una l s l ino dv ss sampao com long. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 31 FILE 32

9 Pincipali caai di convsion: caa Tipo Sampao com Agomn o d,i in Numo dcimal o in Numo oal pivo di sgno (snza zo inizial) X,X in Numo sadcimal pivo di sgno u in Numo dcimal pivo di sgno c In Caa singolo s cha * Sampa caai fino a \0 o al aggiungimno dlla pcision f doubl m.dddddd, dov il numo dll d è dao dalla pcision (il dfaul è 6) p void * Punao (dipnd dall implmnazion % Non conv nssun agomno, ma sampa % INPUT FORMATTATO SCANF E FSCANF La funzion in scanf(cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg caai dallo sandad inpu, li inpa in bas al connuo di fomao mmoizza il isulao ngli agomni agi ipoa com isulao il numo di caai li mmoizzai coamn. Gli agomni agi dvono ss di punaoi, ch indicano dov gisa l inpu convio. La singa di fomao conin spcifich di convsion, p il conollo dlla convsion dll inpu. Tali spcifich possono conn: spazi o caai di abulazion, ch vngono ignoai caai nomali (divsi da %) ch ci si aspa coispondano al succssivo caa non bianco dl flusso di inpu. spcifich di convsion, cosiui ssnzialmn dal caa % da un caa di convsion ALTRE FUNZIONI in fpinf(file *, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); Sciv sul fil punao da, con l sss modalià di pinf in spinf(cha *singa, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); Sciv in singa, ch dv ss sufficinmn lunga da po conn il isulao FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 33 FILE 34 Pincipali caai di convsion: caa Tipo dai in inpu agomno d * in ino dcimal i * in ino, ch può ss oal (pcduo da 0) o sadcimal (pcduo da 0x o 0X) o * in ino oal (pcdua o mno dallo 0) x * in ino sadcimal (pcduo o mno dallo 0x o 0X) c * cha i possimi caai in inpu (1 p dfaul); si considano anch i caai di spaziaua s * cha singa di caai (non acchiusa a apici), ch puna ad un vo di caai sufficinmn gand da conn la singa d uno \0 di minazion, ch và aggiuno auomaicamn, f, g * floa numoi al con sgno, puno dcimal d sponn opzionali % Non vin ffuao alcun assgnamno caa % ALTRE FUNZIONI in fscanf(file *, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg da fil punao da, con l sss modalià di pinf in spinf(cha *singa, cha *fomao, ag1, ag2,, agn); lgg da singa Nlla singa di fomao di scanf possono compai di caai nomali, pò ssi non vngono sampai, ma dvono coispond a caai acquisii da inpu. Quso può ss uil p lgg i dai in una ca foma, com ad smpio, lgg una daa com gg/mm/aaaa oppu un mpo com oo:mm: in oa, minuo; scanf( %d:%d,&oa,&minuo); Gli agomni agi di scanf dvono ss di punaoi: pano nl caso dll singh l opao & non va uilizzao, in quano una singa è un vo il suo nom appsna già un indiizzo (l indiizzo dl pimo lmno): in anno; cha ms[10]; in *pi; cha *pm; scanf( %s %d,ms,&anno); pi = &anno; scanf( %s %d,ms,pi); pm = ms; scanf( %s %d,pm,pi); In alà, nl caso dll singh, il uo funziona anch s il nom dl vo è msso con &: quso è dovuo al fao ch %s non indica solo il ipo dll agomno (una singa) ma foza anch una convsion: scanf( %s %d,&ms,&anno); Infai pm = &ms; non va bn, ma possiamo foza la convsion con il cas pm = (cha *)&ms; ch va bn d quival a pm=ms. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 35 FILE 36

10 ESEMPIO: CREAZIONE E LETTURA DI UN FILE DI INTERI Salva su un fil N numi ini acquisii da inpu #dfin N 20 main() in I,X; if ((=fopn("ini.da","wb"))!=null) fo(i=1;i<=n;i++) scanf( %d,&x); fwi(&x,sizof(in),1,); fclos(); // chiusua dl fil /* nd if */ pinf("eo nll apua in sciua dl fil"); /* nd main */ in V[N]; fo(i=0;i< N;I++) scanf( %d,&v[i]); if ((=fopn("ini.da","wb"))!=null) fwi(v,sizof(in),n,); fclos(); // chiusua dl fil. LETTURA : mmoizza i valoi li in un vo di N lmni. Valgono l sss considazioni fa p la sciua, pò in quso caso è uil consida il numo dgli lmni ffivamn li (siuio da fad) pché può ss mino di N s il fil finiss pima: k = fad(v,sizof(in),n,); if ((=fopn("ini.da","b"))!=null) k = fad(v,sizof(in),n,); fclos(); // chiusua dl fil fo(i=0;i< k;i++) pinf( %d,v[i]);. S i valoi ini sono pima mmoizzai in un vo V (ad smpio, p un loo vnual odinamno), possiamo scivli con un unica sciua di N lmni fwi(v,sizof(in),n,); Essndo il nom dl vo V un indiizzo, non dv ss pcduo da &. FONDAMENTI DI INFORMATICA: IL LINGUAGGIO C 37 FILE 38

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura Struttura a record 2 File ad accesso diretto Il file è organizzato in record aventi tutti la stessa struttura e quindi dimensione record 0 record 1 record 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni:

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: FUNZIONI La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: double sqrt(double) double pow (double, double) della libreria matematica, che abbiamo già usato anche senza

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili

Indirizzo di una funzione. Puntatori a funzioni. Definizione di variabili. Definizione di variabili Indirizzo di una funzione 2 Puntatori a funzioni Ver. 2.4 Si può chiamare una funzione utilizzando l indirizzo di memoria dal quale inizia il codice eseguibile della funzione stessa L indirizzo di memoria

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo /*Caricare un vettore di n numeri float, ordinarlo e e stamparlo

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli