Per decenni il pilastro del trattamento medico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per decenni il pilastro del trattamento medico"

Transcript

1 Terapie mirate: una nuova generazione di trattamenti delle neoplasie DAVID E. GERBER, University of Texas Southwestern Medical Center, Dallas, Texas Nel corso degli ultimi 10 anni le terapie mirate, che comprendono gli anticorpi monoclonali e piccole molecole ad azione inibitrice hanno significativamente cambiato il trattamento dei carcinomi. Questi farmaci fanno ormai parte del trattamento di diverse comuni neoplasie maligne, come i carcinomi di mammella, colon-retto, polmone, pancreas, ed inoltre di linfomi, leucemie e mieloma multiplo. I meccanismi di azione e gli effetti tossici delle terapie mirate differiscono da quelli della tradizionale chemioterapia citotossica. Le terapie mirate sono in genere meglio tollerate della chemioterapia tradizionale, ma possono essere anch esse associate a diversi effetti collaterali, come rash acneiforme, disfunzione cardiaca, trombosi, ipertensione e proteinuria. Le piccole molecole ad azione inibitrice vengono metabolizzate dagli enzimi del citocromo P450, e possono pertanto dar luogo a diverse interazioni farmacologiche. La disponibilità di terapie mirate ha fatto sorgere nuove questioni, riguardanti aspetti come l adattamento del trattamento alle caratteristiche specifiche della neoplasia di un determinato paziente, i nuovi criteri di valutazione dell efficacia e della tossicità dei farmaci, i costi economici del trattamento. L aumento del numero di pazienti in cui viene posta una diagnosi di carcinoma, associato all aumento dell aspettativa di vita di questi pazienti, fan sì che i medici di base avranno sempre più frequentemente a che fare con pazienti sottoposti a terapie mirate per il trattamento di carcinomi. (Am Fam Physician. 2008; 77(3): Copyright 2008 American Academy of Family Physicians). Per decenni il pilastro del trattamento medico dei carcinomi è stata la chemioterapia citotossica somministrata per via endovenosa. I bersagli dei farmaci utilizzati in questo tipo di trattamento sono le cellule in rapida proliferazione, che comprendono sia le cellule cancerose sia le cellule normali di alcuni tessuti. I pazienti trattati possono pertanto sviluppare alcuni classici effetti tossici, come alopecia, sintomi gastrointestinali e inibizione midollare. Nel corso dell ultimo decennio si è tuttavia assistito ad un grosso cambiamento nella terapia dei carcinomi. Anche se la chemioterapia citotossica tradizionale rimane il trattamento di scelta di molte neoplasie maligne, le terapie mirate sono ormai entrate a far parte del trattamento di molti tipi di carcinoma, come i carcinomi della mammella, del colon-retto, del polmone e del pancreas, ed inoltre di linfomi, leucemie e mieloma multiplo. Dei nuovi farmaci anti-cancro approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti a partire dal 2000, 15 rappresentano terapie mirate, mentre solo 5 sono agenti chemioterapici tradizionali. 1 I due tipi principali di terapie mirate sono gli anticorpi monoclonali e le piccole molecole ad azione inibitrice. Grazie ai loro specifici meccanismi di azione, ed agli specifici effetti tossici, questi farmaci hanno modificato molti aspetti della pratica dell oncologia. Alcuni di essi sono efficaci nei pazienti che possiedono uno specifico bersaglio molecolare, mentre non lo sono in pazienti che non presentano tale bersaglio; le terapie mirate hanno pertanto ampliato il concetto di terapia del cancro adattata al singolo paziente. L efficacia del trattamento può essere influenzata da fattori come le caratteristiche etniche del paziente, il sesso, così come dall istologia della neoplasia. 2 Le terapie mirate hanno reso necessari nuovi approcci per la determinazione del dosaggio ottimale, per valutare l adesione del paziente al trattamento, nonché per la valutazione dell efficacia. Occorre infine ricordare come il costo di queste terapie, che può essere superiore a diverse migliaia di dollari al mese, 3,4 possa costituire un problema significativo dal punto di vista dei costi dell assistenza sanitaria. Con l aumentare del numero di soggetti che ricevono una diagnosi di carcinoma, e con l aumentare dell aspettativa di vita di questi pazienti, il medico di base avrà sempre più frequentemente a che fare con pazienti sottoposti a questi trattamenti. È pertanto importante che anche il medico di base sia a conoscenza dei possibili effetti tossici e delle possibili interazioni farmacologiche associati alle terapie mirate dei carcinomi. Ad esempio, in una paziente di 70 anni affetta da carcinoma del polmone la nuova insorgenza di acne potrebbe rappresentare un effetto collaterale dell erlotinib, piccola molecola ad azione inibitrice somministrata per via orale, ma potrebbe costituire anche un marker surrogato dell efficacia del farmaco. 5,6 Se la paziente assume anche warfarin, l erlotinib può accentuarne l effetto anticoagulante. L obiettivo della presente review è di fornire a nonspecialisti in oncologia delle conoscenze di base su alcuni aspetti biologici, sull utilizzazione clinica, sugli effetti tossici e sull impatto complessivo di queste nuove 5 - aprile Minuti

2 Sistema SORT (Strength of Recommendation Taxonomy, Tassonomia della forza delle evidenze)*: Indicazioni per la pratica clinica Indicazione clinica Livello di Referenze evidenza bibliografiche Il rash acneiforme causato dagli inibitori di EGFR può essere trattato C 11 con la somministrazione di antibiotici topici o sistemici, con un breve ciclo di steroidi topici, o con retinoidi topici La diarrea causata dagli inibitori di EGFR è solitamente autolimitante, C 12 e risponde ad un trattamento sintomatico (es. lopervamide) La terapia antiangiogenica va interrotta in occasione di interventi chirurgici, per C 20 l aumento del rischio di emorragie e di complicanze a livello delle ferite chirurgiche I pazienti trattati con piccole molecole ad azione inibitrice vanno sottoposti C 32,33 ad un accurata valutazione medica; nei casi in cui i pazienti assumono anche altri farmaci metabolizzati dagli enzimi del citocromo P450 possono essere necessarie modificazioni dei dosaggi EGFR, epidermal growth factor receptor, recettore del fattore di crescita epidermico A = Evidenza coerente, di buona qualità ed orientata sul paziente # ; B = evidenza orientata sul paziente, scarsamente coerente o di qualità limitata; C = opinione generale, evidenza orientata sulla malattia, pratica clinica usuale, opinione di esperti, serie di casi clinici. Per informazioni sul sistema SORT di valutazione delle evidenze, si veda al sito Tabella 1. Glossario dei termini di oncologia Angiogenesi. La crescita di nuovi vasi a partire da vasi pre-esistenti Recettore del fattore di crescita endoteliale (epidermal growth factor receptor, EGFR; noto anche come HER1). Tirosina chinasi che, quando viene attivata dal legame con ligandi specifici innesca dei meccanismi di segnalazione intracellulare che determinano proliferazione, invasione e migrazione cellulare; rappresenta un bersaglio di terapie mirate (anticorpi monoclonali cetuximab e panitumumab; piccole molecole inibitrici erlotinib, getitinib e lapatinib) utilizzate nel trattamento di numerosi tipi di neoplasie Frammento di legame antigenico (fragment antigen binding, Fab). Regione dell anticorpo responsabile del riconoscimento e del legame con antigeni Frammento cristallizzabile (Fc). Regione dell anticorpo responsabile dell interazione con componenti del sistema immunitario, come le cellule natural killer e la cascata del complemento; in alcuni casi si può coniugare con un carico letale, come un radioisotopo o una tossina HER/neu2. Tirosina chinasi correlata al recettore del fattore di crescita epidermico; ha un ruolo nella patogenesi dei carcinomi della mammella, e rappresenta un bersaglio di terapie mirate (anticorpo monoclonale trastuzumab, piccola molecola inibitrice lapatinib) nel 25% delle pazienti con carcinoma della mammella e sovra-espressione di HER2/neu. La sovra-espressione di HER2/neu è associata a recidive della malattia e ad una prognosi più sfavorevole. Il termine HER2 deriva dal fatto che la molecola presenta una struttura simile al recettore del fattore di crescita epidermico umano (HER1); il termine neu è invece attribuibile al fatto che la molecola era stata inizialmente ottenuta da una linea cellulare di neuroglioblastoma Ligando. Molecola che si lega ad uno specifico recettore Anticorpi monoclonali. Anticorpi identici prodotti da un singolo tipo di cellula immunitaria; nella terapia mirata dei carcinomi gli anticorpi monoclonali sono diretti contro molecole unicamente presenti, o sovraespresse, oppure mutate, a livello delle cellule del carcinoma Piccole molecole inibitrici. Farmaci che interferiscono con la funzione di molecole coinvolte nello sviluppo e nella progressione dei carcinomi; solitamente interferiscono con le tirosina chinasi Tirosina chinasi. Enzima che trasferisce un gruppo fosfato dall adenosina trifosfato ad un residuo aminoacidico di tirosina di una proteina, che a sua volta può innescare meccanismi di segnalazione molecolare Fattore vascolare di crescita endoteliale (vascular endothelial growth factor, VEGF). Proteina di segnalazione coinvolta nell angiogenesi; si lega a tirosina chinasi (recettori di VEGF) per innescare e promuovere l angiogenesi. Rappresenta un bersaglio di terapie mirate con l anticorpo monoclonale bevacimuzab 6 - aprile Minuti

3 Figura 1. Rash acneiforme a livello del volto (A) e del dorso (B) di pazienti trattati con cetuximab, anticorpo monoclonale il cui bersaglio è costituito dal recettore del fattore di crescita epidermico. (Immagini gentilmente fornita dal Dr. Allan C. Alpern). terapie dei carcinomi. La Tabella 1 riporta un glossario di alcuni termini oncologici. Biologia delle terapie mirate La chemioterapia citotossica tradizionale agisce primariamente attraverso l inibizione della divisione cellulare. Oltre che sulle cellule cancerose, questi farmaci agiscono anche su altre cellule che vanno incontro a rapida divisione, come ad esempio le cellule dei bulbi piliferi, le cellule dell epitelio gastrointestinale e del midollo osseo. La terapia mirata, d altro canto, blocca la proliferazione delle cellule cancerose interferendo con molecole specifiche che sono necessarie per lo sviluppo e la crescita della neoplasia. Alcune di queste molecole possono essere presenti anche nei tessuti normali, ma sono solitamente mutate o sovra-espresse nelle neoplasie. Le prime terapie mirate comprendevano anticorpi diretti contro marker della superficie cellulare denominati cluster di differenziazione (CD), come CD20, CD33, CD53, presenti su cellule di leucemie o di linfomi. CD20 è peraltro presente anche su cellule linfoidi normali, per cui gli interventi rivolti contro queste molecole compromettono anche la funzione immunitaria. Ciò ha portato all utilizzazione dell anticorpo monoclonale anti- CD20 rituximab nel trattamento, oltre che del linfoma non-hodgkin, 9 anche di patologie autoimmunitarie come l artrite reumatoide. 7,8 Le vie metaboliche molecolari che rappresentano più frequentemente il bersaglio delle terapie mirate dei tumori solidi (es. mammella, polmone, colon-retto) riguardano il recettore del fattore di crescita epidermico (epidermal growth factor receptor, EGFR, noto anche come HER1), il fattore di crescita vascolare endoteliale (vascular endothelial growth factor, VEGF) e HER2/neu. Queste vie metaboliche possono essere inibite a diversi livelli, mediante il legame e la neutralizzazione di ligandi (cioè molecole che si legano a specifici siti recettoriali sulle cellule), l occupazione di siti di legame recettoriali (impedendo in tal modo il legame del ligando con il recettore), il blocco dei meccanismi di segnalazione recettoriale all interno delle cellule cancerose, oppure l interferenza con molecole intracellulari posizionate più a valle lungo le vie metaboliche. I bersagli degli anticorpi monoclonali, che sono solitamente idrosolubili e di grosse dimensioni (peso molecolare tipico pari all incirca a Da) sono costituiti da componenti extracellulari di queste vie metaboliche, come ligandi e domini di legame di recettori. Le piccole molecole ad azione inibitrice (peso molecolare tipico pari all incirca a 500 Da), d altro canto, sono in grado di entrare nelle cellule, bloccano i meccanismi di segnalazione intracellulare ed interferiscono con molecole intracellulari poste più a valle lungo le vie metaboliche. EGFR, presente in diversi tipi di tumore, contribuisce alla proliferazione, all invasione ed alla migrazione delle cellule cancerose. 10 Dal momento che la molecola è presente anche nel tessuto epiteliale normale (ad esempio a livello della cute e delle mucose), l inibizione di EGFR può causare una significativa tossicità a livello dermatologico (Figura 1) e gastrointestinale. Occorre sottolineare che, in molti casi, la comparsa di un rash cutaneo sembra essere un indice dell efficacia del trattamento. 5,6,11 Nei casi più gravi la tossicità dermatologica può rendere necessaria l interruzione del trattamento con l inibitore di EGFR, e l implementazione di misure come la somministrazione topica o sistemica di antibiotici, la somministrazione topica di retinoidi o di steroidi. 11 Una percentuale fino al 50% dei pazienti trattati con inibitori di EGFR sviluppa diarrea. Nella maggior parte dei pazienti questo effetto tossico è autolimitante e risponde ad un trattamento sintomatico, come ad esempio la somministrazione di loperamide. 12 A volte, d altro canto, la comparsa di una diarrea grave può determinare una significativa perdita di liquidi, tale da rendere necessaria la somministrazione di fluidi per via parenterale. Le terapie mirate rivolte a VEGF limitano la crescita tumorale prevenendo l angiogenesi (cioè la formazione 7 - aprile Minuti

4 Tabella 2. Anticorpi monoclonali utilizzati nel trattamento di neoplasie (segue) Farmaco Bersaglio Tipo Indicazioni Effetti tossici, collaterali Monitoraggio di anticorpo autorizzate da FDA e precauzioni Alemtuzumab CD52 Umanizzato, non Bevacizumab VEGF Umanizzato, non Cetuximab EGFR Chimerico, non Gentuzumab CD33 Umanizzato, con tossina (calicheamicina) 90 Y-Ibritumomab tiuxetan CD settembre Minuti Murino, con radioisotopo (ittrio-90) Leucemia linfocitica cronica Carcinoma del colonretto; carcinoma del polmone non a piccole cellule (non a cellule squamose) Carcinoma del colonretto; carcinoma del capo e del collo Leucemia mieloide acuta Linfoma non-hodgkin Tossicità ematologica; infezioni opportuniste, rash. Evitare i vaccini vivi. Consigliata profilassi per Pneumocystis e herpes Perforazione gastrointestinale; complicanze nella guarigione di ferite; emorragie; tromboembolie arteriose e venose; proteinuria; ipertensione. Interrompere la somministrazione numerose settimane prima di un intervento chirurgico elettivo; non riprendere il trattamento prima della guarigione della ferita chirurgica Diarrea; ipomagnesemia; nausea e vomito; patologie dell interstizio polmonare (raramente), rasch acneiforme Grave inibizione midollare; epatotossicità Grave e prolungata inibizione midollare; gravi reazioni mucoso-cutanee (es. sindrome di Stevens-Johnson); rischio di neoplasie maligne secondarie (es. leucemia mieloide cronica). Per una settimana dopo la somministrazione necessario osservare le precauzioni di sicurezza nei confronti delle radiazioni * Emocromo; CD4 Esame delle urine; pressione arteriosa Livelli elettroliti; in pazienti con tossicità dermatologica segni di infiammazione e di sequele di infezioni; segni di tossicità polmonare Emocromo; livelli elettroliti; enzimi epatici Emocromo; in pazienti sottoposti ad altri regimi di immunoterapia con anticorpi murini determinazione dei titoli anticorpali pre-trattamento NOTA: Tutti gli anticorpi monoclonali vengono somministrati per via endovenosa. Con tutti gli anticorpi monoclonali (più frequentemente con gli anticorpi murini e chimerici) si possono verificare reazioni all infusione; tali reazioni non sono riportate in tabella tra gli effetti tossici FDA = Food and Drug Administration degli Stati uniti; CD = cluster di differenziazione; VEGF = vascular endothelial growth factor, fattore di crescita vascolare endoteliale; EGFR = epidermal growth factor receptor, recettore del fattore di crescita epidermico * Le precauzioni riguardanti le radiazioni comprendono l eliminazione controllata di materiale contaminato dei liquidi corporei, l utilizzazione di profilattici per i rapporti sessuali, il lavaggio delle mani

5 Tabella 2. Anticorpi monoclonali utilizzati nel trattamento di neoplasie (segue dalla pagina precedente) Farmaco Bersaglio Tipo Indicazioni Effetti tossici, collaterali Monitoraggio di anticorpo autorizzate da FDA e precauzioni Panitumumab EGFR Umano, non Rituximab CD20 Chimerico, non 131 I-Tositumomab Trastuzumab CD20 HER2/ neu Murino, con radioisotopo (iodio-131) Umanizzato, non Carcinoma colon-rettale Linfoma non-hodgkin, artrite reumatoide Linfoma non-hodgkin Carcinoma della mammella con sovraspressione di HER2/neu Rash acneiforme; diarrea; ipomagnesemia; ipocalcemia; nausea e vomito; patologie polmonari interstiziali (in rari casi) Linfocitopenia; riattivazione infezione da virus epatite virale B; gravi reazioni mucosocutanee (es. sindrome di Stevens-Johnson). Evitare i vaccini vivi Ipotiroidismo; grave e prolungata inibizione midollare; nausea e vomito; neoplasie maligne secondarie (es. leucemia mieloide acuta). Per una settimana dopo la somministrazione necessario osservare le precauzioni di sicurezza nei confronti delle radiazioni * Cardiomiopatia (in particolare se somministrato in associazione ad una chemioterapia con antraciclina); citopenia; rash cutanei Livelli di elettroliti; in pazienti con tossicità dermatologica segni di sequele infiammatorie e infettive; segni di tossicità oculare (es. congiuntivite, iperemia oculare, aumento della lacrimazione, irritazione dell occhio o delle palpebre) Emocromo; segni di infezione attiva da virus dell epatite B in pazienti portatori del virus Emocromo; test di funzionalità tiroidea; in pazienti sottoposti ad altri regimi di immunoterapia con anticorpi murini determinazione dei titoli anticorpali pre-trattamento Elettrocardiografia; frazione di eiezione del ventricolo sinistro NOTA: Tutti gli anticorpi monoclonali vengono somministrati per via endovenosa. Con tutti gli anticorpi monoclonali (più frequentemente con gli anticorpi murini e chimerici) si possono verificare reazioni all infusione; tali reazioni non sono riportate in tabella tra gli effetti tossici FDA = Food and Drug Administration degli Stati uniti; CD = cluster di differenziazione; VEGF = vascular endothelial growth factor, fattore di crescita vascolare endoteliale; EGFR = epidermal growth factor receptor, recettore del fattore di crescita epidermico * Le precauzioni riguardanti le radiazioni comprendono l eliminazione controllata di materiale contaminato dei liquidi corporei, l utilizzazione di profilattici per i rapporti sessuali, il lavaggio delle mani di nuovi vasi a partire da vasi pre-esistenti), processo di importanza fondamentale nello sviluppo e nella progressione della neoplasia. 13,14 In assenza di una formazione di nuovi vasi i tumori non possono crescere oltre 2-3 mm di distanza dai vasi pre-esistenti. 15 Le terapie mirate rivolte contro VEGF agiscono anche normalizzando i vasi all interno della neoplasia, migliorando in tal modo le possibilità di apporto di altri agenti chemioterapici. 16 Il trattamento può tuttavia influire anche sui vasi normali, con sviluppo di effetti tossici come emorragie, trombosi, ipertensione e attraverso le alterazioni dei capillari glomerulari 17 proteinuria. L anticorpo monoclonale anti-vegf bevacizumab, ad esempio, viene utilizzato nel trattamento dei carcinomi del polmone non a piccole cellule in pazienti con quadro istologico di adenocarcinoma, ma non nel trattamento di carcinomi a cellule squamose. Studi clinici hanno infatti dimostrato che i pazienti con carcinomi a cellule squamose presentano tassi inaccettabilmente elevati di emottisi di gravità tale da metterne in pericolo la soprav- 9 - aprile Minuti

6 Tabella 3. Piccole molecole inibitrici utilizzate nel trattamento dei carcinomi Farmaco Bersaglio Indicazioni autorizzate da FDA Bortezomib Proteasoma 26S Mieloma multiplo, linfoma con cellule mantle (sottotipo dei linfomi non- Hodgkin) Dasatinib BCR-ABL, Leucemia mieloide famiglia di cronica, leucemia SRC; c-kit, linfocitica acuta PDGFR Erlotinib EGFR Carcinoma del polmone non a piccole cellule, carcinoma del pancreas Tossicità, effetti collaterali e precauzioni Neuropatia periferica; inibizione midollare; rash cutanei; stipsi; diarrea; edemi; nausea e vomito Rash cutanei; diarrea; versamenti pleurici; ritenzione di liquidi; mucosite; inibizione midollare; allungamento dell intervallo QT Rash acneiforme; diarrea; perdita di appetito; nausea e vomito; facile affaticabilità; congiuntivite; alterazioni degli enzimi epatici Monitoraggio Segni e sintomi di neuropatia periferica; emocromo Emocromo; elettrocardiogramma; enzimi epatici; peso corporeo; segni e sintomi di accumulo di liquidi Enzimi epatici; segni di sequele infiammatorie o infettive in pazienti con tossicità dermatologica Gefitinib EGFR Carcinoma del polmone non a piccole cellule Imatinib Lapatinib Sorafenib Sunitinib BCR-ABL, c-kit, PDGFR HER2/neu, EGFR BRAF, VEGFR, EGFR, PDGFR VEGFR, PDGFR, c-kit, FLT3 Leucemia linfocitica acuta, leucemia mieloide cronica, tumore stromale gastrointestinale, sindrome ipereosinofila, mastocitosi sistemica Carcinoma della mammella con sovra-espressione di HER/neu2 Carcinoma a cellule renali, carcinoma epatocellulare Carcinoma a cellule renali, tumore stromale gastrointestinale Rash acneiforme; diarrea; perdita dell appetito; patologie polmonari interstiziali (rare); alterazioni degli enzimi epatici Rash cutanei; edemi; versamenti pleurici; tossicità cardiaca (diminuzione della frazione di eiezione del ventricolo sinistro; nausea e vomito; artralgie e mialgie; inibizione midollare Tossicità cardiaca (diminuzione frazione di eiezione del ventricolo sinistro, allungamento intervallo QT); rash acneiforme; eritrodisestesia palmare-plantare ( sindrome manopiede ); diarrea; nausea e vomito; alterazioni enzimi epatici Ipertensione; alopecia; emorragie; eritrodisestesia palmare-plantare (sindrome mano-piede); ipofosfatemia; diarrea; nausea e vomito; elevazione livelli amilasi e lipasi; inibizione midollare; complicanze nella guarigione delle ferite. In caso di interventi chirurgici interrompere temporaneamente il trattamento Nausea e vomito; colorazione giallastra della cute; ipotiroidismo; diminuzione frazione di eiezione del ventricolo sinistro; alterazioni funzione surrenalica; diarrea; inibizione midollare; mucositi; elevazione livelli di lipasi e creatinina; alterazioni enzimi epatici; aumento uricemia Enzimi epatici; segni di sequele infiammatorie o infettive in pazienti con tossicità dermatologica Emocromo; enzimi epatici; peso corporeo; segni e sintomi di ritenzione di liquidi Frazione di eiezione ventricolo sinistro; elettrocardiogramma; livelli elettroliti; enzimi epatici Pressione arteriosa; tossicità dermatologica (compresa l eritrodisestesia palmareplantare [sindrome mano-piede]); livelli di amilasi, lipasi e fosfati; emocromo In pazienti con traumi o infezioni gravi, o in pazienti che si devono sottoporre ad interventi chirurgici, controllo della funzionalità surrenalica; pressione arteriosa; elettrocardiogramma; frazione di eiezione ventricolo sinistro; emocromo; livelli elettroliti (magnesio e potassio); livelli di fosfati; segni e sintomi di pancreatite; test di funzionalità tiroidea NOTA: Tutte le piccole molecole inibitrici vengono somministrate per via orale, con l eccezione di bortezomib, che viene invece somministrato per via endovenosa. La maggior parte delle piccole molecole inibitrici va incontro a metabolizzazione da parte degli enzimi del citocromo P450, e presenta pertanto un rischio di multiple interazioni farmacologiche (es. con farmaci anticonvulsivanti, antimicotici azolici, desametasone, isoniazide, antibiotici macrolidi, nefazodone, inibitori delle proteasi, rifampicina, Hypericum, verapamil e warfarin FDA = Food and Drugs Administration degli Stati Uniti; BCR-ABL, breakpoint cluster region-abelson; PDGFR, platelet-derived growth factor receptor, recettore del fattore di crescita derivato dalle piastrine; EGFR, epidermal growth factor receptor, recettore del fattore di crescita epidermico; VEGFR, vascular endothelial growth factor receptor, recettore del fattore di crescita vascolare endoteliale vivenza. 18,19 Nei pazienti con carcinoma del colon-retto la terapia con bevacizumab va interrotta, dopo un intervento chirurgico, per un periodo fino ad 8 settimane, in quanto determinerebbe un aumento del rischio di emorragie post-operatorie e di complicanze delle ferite chirurgiche aprile Minuti

7 In alcuni casi le terapie mirate si sono rivelate veramente tali. Il trastuzumab è un anticorpo monoclonale rivolto contro HER/neu, bersaglio molecolare simile a EGFR che risulta sovra-espresso in circa il 25% delle pazienti con carcinoma della mammella. 21 Dal momento che il farmaco è inefficace nel restante 75% delle pazienti con la neoplasia (cioè nelle pazienti che non sovra-esprimono HER/neu), il trastuzumab viene somministrato solo nei casi in cui nel tessuto neoplastico viene documentata la sovra-espressione della molecola Nei pazienti con carcinoma del polmone non a piccole cellule, la terapia mirata contro EGFR è più efficace nel trattamento delle neoplasie che risultano altamente dipendenti dalla via metabolica di segnalazione intracellulare che riguarda EGFR. 25 Questo tratto risulta più frequente tra le donne di origine asiatica non fumatrici, con neoplasie del tipo bronchiolo-alveolare. 2 Queste tecniche di analisi del profilo molecolare non sono peraltro nuove in campo oncologico. Per decenni l utilizzazione del tamoxifene, farmaco ad azione modulatrice del recettore ormonale, è stata limitata ai 2/3 delle pazienti con carcinoma della mammella in cui la neoplasia esprimeva recettori per gli estrogeni o per i progestinici. 26 L efficacia del trattamento, tuttavia, non risulta sempre correlata ai dati ottenuti con l analisi molecolare. L effetto terapeutico del cetuximab, anticorpo monoclonale anti-egfr utilizzato nel trattamento del carcinoma del colon-retto, è ad esempio indipendente dal grado di espressione di EGFR a livello della neoplasia. 27 Anticorpi monoclonali Nel 1986 la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti autorizzò la somministrazione del primo anticorpo monoclonale, il muromobab-cd3, in grado di prevenire il rigetto acuto di organi trapiantati attraverso l inibizione della funzione delle cellule T. Da allora è stata autorizzata la somministrazione di quasi 20 altri anticorpi monoclonali, circa la metà dei quali vengono utilizzati nel trattamento di carcinomi (Tabella 2). Il frammento di legame antigenico (Fab, fragment antigen binding) di un anticorpo monoclonale, cioè la porzione che riconosce e si lega ad un antigene, è responsabile dell elevata specificità dei bersagli molecolari ottenibile con questo tipo di trattamento. Gli anticorpi monoclonali esercitano i propri effetti anticancerosi attraverso meccanismi diversi, come ad esempio: il reclutamento delle funzioni immunitarie dell ospite (cellule natural killer e la cascata del complemento) nell attacco delle cellule bersaglio; il legame con ligandi o recettori, interrompendo in tal modo processi essenziali della neoplasia; il trasporto di un carico letale, come un radioisotopo o una tossina, fino alla cellula bersaglio (es. anticorpi monoclonali coniugati). 28 Dal momento che la struttura proteica di queste molecole verrebbe denaturata a livello gastrointestinale, gli anticorpi monoclonali vengono somministrati per via endovenosa. Le molecole non vanno incontro a metabolizzazione epatica, e pertanto non sono soggette a significative interazioni tra farmaci. Il miglioramento delle tecniche biotecnologiche ha portato, nel corso degli ultimi 20 anni, a una significativa evoluzione degli anticorpi monoclonali. I primi farmaci di questo tipo venivano prodotti attraverso l immunizzazione di topi con gli antigeni bersaglio. Gli anticorpi monoclonali risultanti erano interamente composti da proteine murine, potenzialmente ed altamente antigeniche per l uomo, con conseguente rischio di reazioni da ipersensibilità durante l infusione. I pazienti trattati con questi primi farmaci producevano infatti spesso anticorpi contro le proteine murine, che potevano neutralizzare gli effetti terapeutici degli anticorpi. Allo scopo di limitare questi effetti sfavorevoli gli anticorpi monoclonali di recente sviluppo contengono una percentuale più elevata di componenti umane ed una percentuale più bassa di componenti murine; gli anticorpi chimerici sono infatti per il 65% umani, gli anticorpi umanizzati sono per il 95% umani, mentre gli anticorpi umani sono umani al 100%. 29 Il tipo di anticorpo può essere spesso identificato in base al suffisso presente nel nome del farmaco: -momab (murino); -ximab (chimerico); -zumab (umanizzato), o mumab (umano). Piccole molecole inibitrici Le piccole molecole inibitrici tipicamente interrompono i processi cellulari interferendo con i meccanismi di segnalazione intracellulare delle tirosina chinasi (enzimi che trasferiscono gruppi fosfati dall adenosina trifosfato a residui tirosinici di proteine). I sistemi di segnalazione basati sulle tirosina chinasi danno inizio a cascate molecolari che possono condurre, sia in tessuti normali sia in neoplasie maligne, a crescita, proliferazione, migrazione cellulare e ad angiogenesi. EGFR, HER2/neu e il recettore di VEGF sono tirosina chinasi. Le piccole molecole inibitrici (Tabella 3) differiscono dagli anticorpi monoclonali per diversi aspetti. Le molecole vengono solitamente somministrate per via orale, e non per via endovenosa. Esse vengono prodotte con processi chimici, spesso molto meno costosi dei processi di bioingegneria necessari per la produzione di anticorpi monoclonali. 30 I bersagli delle piccole molecole inibitrici sono meno specifici rispetto a quelli degli anticorpi monoclonali; 31 ciò è evidenziabile dalla presenza di più bersagli per gli inibitori di chinasi imatinib, dasatinib, sorafenib e sunitinib. A differenza degli anticorpi monoclonali, la maggior parte delle piccole molecole inibitrici viene metabolizzata dagli enzimi del citocromo 15 - aprile Minuti

8 P450; ciò determina un rischio di interazioni con farmaci come antibiotici macrolidi, antimicotici azolici, alcuni anticonvulsivanti, inibitori di proteasi, Hypericum perforatum. 32,33 Mentre gli anticorpi monoclonali possiedono delle emivite comprese tra alcuni giorni ed alcune settimane (vengono pertanto solitamente somministrati una volta ogni 1-4 settimane), la maggior parte delle piccole molecole inibitrici possiede un emivita di alcune ore, e richiede pertanto un assunzione quotidiana. L imatinib, una delle prime piccole molecole inibitrici, è anche una delle più efficaci. Il farmaco, che ha ricevuto nel 2002 l autorizzazione di FDA per il trattamento della leucemia mieloide cronica, inibisce una tirosina chinasi continuamente attiva che deriva dalla traslocazione dei cromosomi 9 e 22 (cromosoma Philadelphia). Dal momento che questa alterazione molecolare interessa essenzialmente tutti i pazienti con leucemia mieloide cronica, l imatinib ottiene una risposta ematologica completa nel 98% dei pazienti affetti da tale neoplasia. 34,35 Più recentemente piccole molecole inibitrici rivolte contro la via metabolica di EGFR sono state utilizzate nel trattamento di tumori solidi, come ad esempio carcinomi del polmone non a piccole cellule (Figura 2). Implicazioni della terapia mirata L utilizzazione di terapie mirate ha profondamente modificato gli outcome di alcune patologie neoplastiche. Imatinib, ad esempio, ha influito in misura notevole sul trattamento della leucemia mieloide cronica, mentre rituximab, sinitinib e trastuzumab hanno rivoluzionato il trattamento, rispettivamente, del linfoma non-hodgkin, del carcinoma a cellule renali e del carcinoma della mammella. 26,36,37 Per altre patologie l entità del beneficio clinico è stata minore. In pazienti con carcinoma del pancreas avanzato l aggiunta di erlotinib alla chemioterapia standard ha aumentato dal 17% al 24% la sopravvivenza ad un anno; ciò si è correlato ad un aumento da 24 a 27 settimane della sopravvivenza mediana. 38 Oltre a prolungare la sopravvivenza dei pazienti affetti da alcune neoplasie, le terapie mirate offrono una possibilità terapeutica a pazienti che altrimenti non costituirebbero dei buoni candidati ad una terapia antineoplastica. Il carcinoma del polmone a piccole cellule ed il linfoma non-hodgkin, ad esempio, interessano primariamente pazienti anziani, molti dei quali sono affetti da patologie mediche associate che limitano le possibilità di utilizzare la chemioterapia standard. Terapie mirate con erlotinib e rituximab sono spesso meno tossiche e meglio tollerate rispetto alla chemioterapia tradizionale; ciò amplia le opzioni terapeutiche che il medico è in grado di offrire ai propri pazienti. Dosaggi ed efficacia Le terapie mirate hanno costretto gli oncologi ad affrontare alcuni nuovi problemi. Uno di questi è costituito dalla determinazione del dosaggio ottimale. Per i farmaci chemioterapici standard la tossicità viene in genere valutata determinando il livello di inibizione midollare. Le terapie mirate, d altro canto, non determinano una significativa tossicità ematologica, per cui la valutazione di efficacia richiede un approccio diverso. La chemioterapia tradizionale, quando è efficace, dovrebbe consentire di evidenziare, ad esami radiografici seriati, una diminuzione del volume della neoplasia. Alcune terapie mirate, d altro canto, possono ottenere un beneficio clinico stabilizzando le dimensioni di una neoplasia, non diminuendole. Per determinare il dosaggio e l efficacia delle terapie mirate i ricercatori in campo oncologico stanno sempre più utilizzando end point di tipo farmacodinamico, come ad esempio l attività metabolica della neoplasia alle immagini ottenute mediante tomografia ad emissione di positroni, i livelli di cellule tumorali o endoteliali circolanti, i livelli di molecole bersaglio a livello dei tessuti neoplastici Questo tipo di valutazioni aumenta il grado di complessità ed i costi associati alla ricerca clinica. L esecuzione ripetuta di esami bioptici del tessuto tumorale può essere particolarmente disagevole per il paziente, ed inaccettabile per alcuni comitati etici. In realtà, anche se queste valutazioni possono inizialmente far aumentare i costi economici associati al trattamento, nel lungo periodo essi dovrebbero migliorare il rapporto costo/beneficio, attraverso l identificazione dei sottogruppi di pazienti che dovrebbero trarre i maggiori benefici da determinate terapie. Adesione al trattamento La chemioterapia tradizionale viene solitamente somministrata per via endovenosa, in un ambiente in cui il paziente viene tenuto in osservazione da personale sanitario. L adesione del paziente al trattamento prescritto è pertanto facilmente valutabile. Ritardi o omissioni nella somministrazione delle dosi di chemioterapici previste (attribuibili alla volontà del paziente, oppure allo sviluppo di effetti tossici) vengono immediatamente individuati e documentati. Nella maggior parte dei casi le piccole molecole inibitrici vengono invece assunte dal paziente a livello domiciliare, ogni giorno e per lunghi periodi di tempo. Il problema di valutare in maniera precisa l adesione del paziente al trattamento ricorda pertanto quello associato al trattamento di patologie croniche come il diabete o l ipertensione. I pochi studi finora condotti sull argomento dimostrano che il livello di adesione dei pazienti ai regimi terapeutici contro i carci aprile Minuti

9 Figura 2. Immagine tomografica computerizzata del torace ottenuta su di un paziente affetto da carcinoma del polmone a piccole cellule. L esame evidenzia una notevole risposta alla terapia mirata. A) Immagine iniziale che evidenzia un tumore ilare sinistro, con diffusione linfangitica ed un grosso versamento pleurico. B) Immagine di follow-up, ottenuta dopo 2 mesi di trattamento con erlotinib, piccola molecola inibitrice il cui bersaglio è costituito dal recettore per il fattore di crescita epidermico. (Immagini gentilmente fornite dal Dr. Charles M. Rudin) nomi, condotti per via orale, è altamente variabile, ed in qualche modo imprevedibile. 42 Costi economici Le terapie mirate hanno introdotto anche delle nuove considerazioni di tipo economico. La sostituzione di una chemioterapia tradizionale con una terapia con piccole molecole inibitrici elimina alcuni dei costi associati al trattamento, come ad esempio quelli derivanti dall ottenimento di un accesso vascolare per le infusioni endovenose. La terapia mirata viene peraltro spesso utilizzata in aggiunta, e non invece, della chemioterapia tradizionale. Se la terapia mirata comprende gli anticorpi monoclonali i costi economici associati al trattamento possono aumentare in maniera esponenziale. Regimi con più farmaci utilizzati nel trattamento di carcinomi del colon-retto, e contenenti bavacimuzab o cetuximab, possono ad esempio costare fino a più di dollari ogni 8 settimane di trattamento; cifre del genere vanno confrontate con i soli 63 dollari necessari per un trattamento di 8 settimane con fluorouracile e leucovirina (il trattamento standard fino circa alla metà dello scorso decennio). 3,43,44 L Autore Il Dr. David E. Gerber è Assistant Professor presso la Divisione di Ematologia / Oncologia, University of Texas Southwestern Medical Center, di Dallas, Texas (USA) Note bibliografiche 1. Centerwatch. Drugs approved by the FDA (2007). Accessed May 8, Calvo E, Baselga J. Ethnic differences in response to epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitors. J Clin Oncol. 2006;24(14): Schrag D. The price tag on progress-chemotherapy for colorectal cancer. N Engl J Med. 2004;351(4): Neyt M, Albrecht J, Cocquyt V. An economic evaluation of Herceptin in adjuvant setting: the Breast Cancer International Research Group 006 Trial. Ann Oncol. 2006;17(3): Mohamed MK, Ramalingam S, Lin Y, Gooding W, Belani CP. Skin rash and good performance status predict improved survival with gefitinib in patients with advanced non-small cell lung cancer. Ann Oncol. 2005;16(5): Park J, Park BB, Kim JY, et al. Gefitinib (ZD1839) monotherapy as a salvage regimen for previously treated advanced non-small cell lung cancer. Clin Cancer Res. 2004;10(13): Silverman GJ. Anti-CD20 therapy and autoimmune disease: therapeutic opportunities and evolving insights. Front Biosci. 2007;12: Browning JL. B cells move to centre stage: novel opportunities for autoimmune disease treatment. Nat Rev Drug Discov. 2006;5(7): Feugier P, Van Hoof A, Sebban C, et al. Long-term results of the RCHOP study in the treatment of elderly patients with diffuse large B-cell lymphoma: a study by the Groupe d Etude des Lymphomes de l Adulte. J Clin Oncol. 2005;23(18): Mendelsohn J, Baselga J. Epidermal growth factor receptor targeting in cancer. Semin Oncol. 2006;33(4): Agero AL, Dusza SW, Benvenuto-Andrade C, Busam KJ, My aprile Minuti

10 skowski P, Halpern AC. Dermatologic side effects associated with the epidermal growth factor receptor inhibitors. J Am Acad Dermatol. 2006; 55(4): Hidalgo M, Siu LL, Nemunaitis J, et al. Phase I and pharmacologic study of OSI-774, an epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor, in patients with advanced solid malignancies. J Clin Oncol. 2001; 19(13): Weidner N, Semple JP, Welch WR, Folkman J. Tumor angiogenesis and metastasis-correlation in invasive breast carcinoma. N Engl J Med. 1991;324(1): Folkman J. Angiogenesis. Annu Rev Med. 2006;57: Cardones AR, Banez LL. VEGF inhibitors in cancer therapy. Curr Pharm Des. 2006;12(3): Jain RK. Molecular regulation of vessel maturation. Nat Med. 2003;9(6): Boner G, Cox AJ, Kelly DJ, et al. Does vascular endothelial growth factor (VEGF) play a role in the pathogenesis of minimal change disease? Nephrol Dial Transplant. 2003;18(11): Johnson DH, Fehrenbacher L, Novotny WF, et al. Randomized phase II trial comparing bevacizumab plus carboplatin and paclitaxel with carboplatin and paclitaxel alone in previously untreated locally advanced or metastatic non-small-cell lung cancer. J Clin Oncol. 2004; 22(11): Sandler AB, Johnson DH, Herbst RS. Anti-vascular endothelial growth factor monoclonals in non-small cell lung cancer. Clin Cancer Res. 2004;10(12 pt 2):4258s-4262s. 20. Hurwitz H, Saini S. Bevacizumab in the treatment of metastatic colorectal cancer: safety profile and management of adverse events. Semin Oncol. 2006;33(5 suppl 10): S26-S Slamon DJ, Clark GM, Wong SG, Levin WJ, Ullrich A, McGuire WL. Human breast cancer: correlation of relapse and survival with amplification of the HER-2/neu oncogene. Science. 1987;235(4785): Bast RC Jr, Ravdin P, Hayes DF, et al., for the American Society of Clinical Oncology Tumor Markers Expert Panel update of recommendations for the use of tumor markers in breast and colorectal cancer: clinical practice guidelines of the American Society of Clinical Oncology [published corrections appear in J Clin Oncol. 2001;19(21): and J Clin Oncol. 2002;20(8):2213]. J Clin Oncol. 2001;19(6): Romond EH, Perez EA, Bryant J, et al. Trastuzumab plus adjuvant chemotherapy for operable HER2-positive breast cancer. N Engl J Med. 2005;353(16): Piccart-Gebhart MJ, Procter M, Leyland-Jones B, et al., for the Herceptin Adjuvant (HERA) Trial Study Team. Trastuzumab after adjuvant chemotherapy in HER2-positive breast cancer. N Engl J Med. 2005; 353(16): Scagliotti GV, Selvaggi G, Novello S, Hirsch FR. The biology of epidermal growth factor receptor in lung cancer. Clin Cancer Res. 2004;10 (12 pt 2):4227s-4232s. 26. Tamoxifen for early breast cancer: an overview of the randomised trials. Early Breast Cancer Trialists Collaborative Group. Lancet. 1998;351(9114): Chung KY, Shia J, Kemeny NE, et al. Cetuximab shows activity in colorectal cancer patients with tumors that do not express the epidermal growth factor receptor by immunohistochemistry. J Clin Oncol. 2005;23(9): Adams GP, Weiner LM. Monoclonal antibody therapy of cancer. Nat Biotechnol. 2005;23(9): Carter P. Improving the efficacy of antibody-based cancer therapies. Nat Rev Cancer. 2001;1(2): Tanner JE. Designing antibodies for oncology. Cancer Metastasis Rev. 2005;24(4): Imai K, Takaoka A. Comparing antibody and small-molecule therapies for cancer. Nat Rev Cancer. 2006;6(9): Kantarjian H, Sawyers C, Hochhaus A, et al., for the International STI571 CML Study Group. Hematologic and cytogenetic responses to imatinib mesylate in chronic myelogenous leukemia [published correction appears in N Engl J Med. 2002;346(24):1923]. N Engl J Med. 2002;346(9): Kantarjian HM, Cortes JE, O Brien S, et al. Imatinib mesylate therapy in newly diagnosed patients with Philadelphia chromosomepositive chronic myelogenous leukemia: high incidence of early complete and major cytogenetic responses. Blood. 2003;101(1): Coiffier B, Lepage E, Briere J, et al. CHOP chemotherapy plus rituximab compared with CHOP alone in elderly patients with diffuse large-b-cell lymphoma. N Engl J Med. 2002;346(4): Motzer RJ, Hutson TE, Tomczak P, et al. Sunitinib versus interferon alfa in metastatic renal-cell carcinoma. N Engl J Med. 2007;356(2): Moore MJ, Goldstein D, Hamm J, et al. Erlotinib plus gemcitabine compared with gemcitabine alone in patients with advanced pancreatic cancer: a phase III trial of the National Cancer Institute of Canada Clinical Trials Group. J Clin Oncol. 2007;25(15): Willett CG, Boucher Y, di Tomaso E, et al. Direct evidence that the VEGFspecific antibody bevacizumab has antivascular effects in human rectalcancer [published correction appears in Nat Med. 2004;10(6):649]. Nat Med. 2004;10(2): Weber WA. Positron emission tomography as an imaging biomarker. J Clin Oncol. 2006;24(20): Park JW, Kerbel RS, Kelloff GJ, et al. Rationale for biomarkers and surrogate end points in mechanism-driven oncology drug development. Clin Cancer Res. 2004;10(11): Partridge AH, Avorn J, Wang PS, Winer EP. Adherence to therapy with oral antineoplastic agents. J Natl Cancer Inst. 2002;94(9): Cunningham D, Humblet Y, Siena S, et al. Cetuximab monotherapy and cetuximab plus irinotecan in irinotecan-refractory metastatic colorectal cancer. N Engl J Med. 2004;351(4): Hurwitz H, Fehrenbacher L, Novotny W, et al. Bevacizumab plus irinotecan, fluorouracil, and leucovorin for metastatic colorectal cancer. N Engl J Med. 2004;350(23): Micromedex healthcare series. librarian. (Password required.) Accessed May 8, Lexi-Comp s comprehensive drug-to-drug, drug-to-herb and herbto-herb interaction analysis program. interact/frameset.jsp. Accessed May 8, settembre Minuti

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE ED EMATOPATOLOGIA Ciclo XXI Settore scientifico disciplinare di afferenza: MED/15 MALATTIE DEL SANGUE NUOVI

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli