Le biotecnologie nel processo di drug discovery. Drug discovery: le prime domande. Lo screening classico. Drug discovery: target selection

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le biotecnologie nel processo di drug discovery. Drug discovery: le prime domande. Lo screening classico. Drug discovery: target selection"

Transcript

1 Almo Collegio Borromeo Scoperta e Sviluppo dei Farmaci Prof. Giovanni Cassani Tecnogen Spa 25 ottobre 2004 Le biotecnologie nel processo di drug discovery E I NUOVI FARMACI BIOTECNOLOGICI Mercato farmaceutico globale (circa 500 miliardi di $ ) Mercato farmaci biotech ( circa miliardi di $) Eritropoietina 0 miliardi $ Insulina. 3,2 GCSF 3,0 Interferone beta 2,4 Interferone alfa 2,0 Ormone della crescira.. 2,0 Drug discovery: le prime domande. In generale, è facile o difficile fare un nuovo farmaco? Quale è meglio: un farmaco tradizionale ( piccola molecola) oppure un farmaco biotecnologico? Quale tra i due è più facile da farsi? E possibile fare un farmaco senza effetti collaterali ( non voluti)? Quanto tempo ci vuole per sviluppare un farmaco? Quanto costa un nuovo farmaco? Lo screening classico Una fonte di molecole (microbi, piante, librerie combinatoriali, molecular design, in silico, ecc.) Uno o più saggi in vitro SELEZIONE Uno o più saggi in vivo SELEZIONE Inizio studi preclinici (farmacologici: farmacodinamici e farmacocinetici, tossicologici, ecc.) Drug discovery: target selection E possibile trovare un bersaglio unico nell organismo umano?( un farmaco senza effetti collaterali?) La maggior parte dei bersagli dei farmaci sono proteine. Nell organismo umano esistono circa proteine diverse. Esistono famiglie di proteine, per esempio: Più di 500 diverse proteasi umane, Più di 500 diverse proteinchinasi umane, ecc. L approccio biotecnologico Individuazione di una molecola (macromolecola) in generale di origine umana ad attività già nota o da studiare. Proteine ricombinanti:produzione mediante ingegneria genetica in batteri o in cellule eucariotiche (microbiche o animali) di quantità utili per gli studi preclinici e clinici. Anticorpi:isolamento e produzione di un anticorpo monoclonale selettivo e specifico per un bersaglio molecolare definito oppure cellulare.

2 Tipi di prodotti biotecnologici Nuovi prodotti dall ingegneria genetica? Proteine umane Proteine umane chimeriche Anticorpi monoclonali murini. Anticorpi monoclonali chimerici, oppure umanizzati. Genomica: geni umani O forse 20000?? Proteomica: proteine diverse Il primo prodotto biotecnologico: una chimera. la somatostatina (4aa) MBP-somatostatina Sintesi del gene con estremità coesive vettore Clonaggio in frame con la MBP MBP-somatostatina purificata Espressione proteina Chimerica in E.coli As I was informed Cohen insisted that the invention had no commercial application, was not patentable, and was really only a minor extension of what had been performed by others. However, he agreed to be a good academic citizen and cooperate if Boyer would go along with the filing. Reimers then called me and asked me if I knew what a plasmid is? I have a Ph.D. in organic chemistry and minor in biochemistry, but I received my degree in 954 and this was 974. I told Reimers that I did not know, but would find out. He then suggested that maybe he should find someone else, but I assured him that at that time there were no molecular biologists in the patent field and he was not likely to find anyone else more capable than myself to write the case. He then requested that I speak to Cohen and Boyer and get the information that I needed. Bertram Rowland and the Cohen/Boyer Cloning Patent from the George Washington Law and Technology Alumni Gallery Schema di clonaggio RNA estratto da tessuto o linea cellulare Libreria di cdna PCR per amplificazione del gene Clonaggio del gene nel vettore di espressione Espressione in procarioti o eucarioti RT-PCR 2

3 Recombinant enzyme, hormones and cytokines DRUG MAIN INDICATION APPLICANT First approval in EU Insulin, human diabetes mellitus type Lilly Deutschland GmbH 2/987 Lilly Industries Novo Nordisk Hoechst Interleukin-2, IL-2 hypernephrom Chiron GmbH 2/989 (Aldesleukin) (for T-cell activation) Somatotropin (human growth hormone) dwarfism Lilly Deutschland GmbH Pharmacia GmbH Serono Pharma GmbH Novo Nordisk Ferring GmbH 02/99 Glucagon hypoglycemic reaction Novo Nordisk 03/992 Erythropoietin beta (Epoetin beta) Interferon gamma b renal anemia chronic granulomatosis Boehringer Mannheim Dr. Karl Thomae (now Boehringer Ingelheim) 05/ Interferon hairy cell leukemia, carcinomas, Essex Pharma GmbH 03/993 alfa-2b Papilloma induced genital warts 02/2000 Erythropoieti renal anemia Janssen-Cilag 04/993 n alpha (Epoetin alpha) GM-CSF (Molgramosti m) neutropenia (e.g. after chemotherapies with cytostatics) Essex Pharma GmbH Sandoz AG 04/993 Interferon alpha-2a hairy cell leukemia, carcinomas, Papilloma induced genital warts Hoffmann-La Roche AG kohl pharma GmbH* Faktor VIII hemophilia A Bayer AG Baxter Deutschl. GmbH Armour Pharma GmbH G-CSF, glycosylated (Lenograstim) tissue plasminogen activator, t- PA (Alteplase) neutropenia (e.g. after chemotherapies with cytostatics) ) Rhône-Poulenc Rorer GmbH Chugai Rhône-Poulenc coronary thrombosis, thrombosis Dr. Karl Thomae GmbH 04/993 07/993 0/993 04/994 Glucocerebro sidase (Imiglucerase) G-CSF (Filgrastim) hum. DNAse (Dornase alfa) Follitropin alpha Interferon beta-b Factor VII Insulin, Lispro Follitropin beta Gewebe- Plasminogen- Activator, r- PA (Reteplase) morbus Gaucher Genzyme B.V. 06/994 neutropenia (e.g. after chemotherapies with cytostatics) ) mucoviscidosis Hoffmann-La Roche AG kohl pharma GmbH* Hoffmann-La Roche AG 08/994 09/994 ovaries stimulation, IVF Serono Laboratories 0/995 UK multiple sclerosis Schering AG /995 bleeding with hemophilia A and Novo Nordisk 02/996 B diabetes mellitus type Lilly Deutschland 05/996 GmbH ovaries stimulation, IVF Organon Ltd. 0/996 coronary thrombosis, thrombosis Boehringer Mannheim GmbH Faktor IX hemophilia B Genetics Institute of Europe B.V. /996 08/997 Interferon beta-a Hirudine Desirudine (Hirudin without sulphate at Tyr 65) Calcitonin (TN: Forcaltonin) Interferon alfacon- Platelet cells derived growth factor, r- hpdgf multiple sclerosis Biogen France S.A. Ares-Serono 03/997 treatment of heparin-associated Behringwerke 03/997 thrombocytopenia (HAT) type II prevention of thrombosis during Ciba Europharm Ltd., UK 03/997 surgery osteoporosis, Paget's disease; hypercalcaemia Unigene UK Ltd. 0/999 hepatitis C Yamanouchi 02/999 treatment of ulceritis of diabetes patients (Becalpermin) Tumor palliative therapy of sarcomas; necrosis adjuvant factor alfa-a therapy after surgery of tumor (TNF alfa-a) patients Moroctocog alpha (Factor VIII without B domain) preparation for surgery of hemophilia patients Janssen-Cilag N.V. 03/999 Boehringer Ingelheim 04/999 Genetics Institute 04/999 Thyrotropin scintigraphy of thyroid gland Genzyme B.V. 07/999 alfa (TSH) with radioactive iodine Insulin aspart diabetes mellitus type Novo Nordisk A/S 09/999 Peginterferon hepatitis C Schering-Plough 05/2000 alfa-2b (PEGylated Interferon alfa-2b) Europe Insulin glargin Diabetes mellitus HMR Deutschland/Aventis S.A. 06/2000 Etanercept (recombinant fusion protein of human TNF receptor and p75cl) rheumatoid arthritis Wyeth-Lederle 02/2000 Rasburicase tumor induced hyperuricaemia Sanofi S.A. 02/200 Tenecteplase coronary thrombosis, thrombosis Boehringer Ingelheim 02/200 Choriogonad ovaries stimulation, IVF Ares Serono 02/200 otropin alpha (chorionic gonadotropin, hcg) Lutropin alpha maturation of follicles, IVF Ares Serono 02/200 Darbepoetin renal anemia Amgen Europe 06/200 alfa Agalsidase therapy of Fabry disease TKT Europe-5S AB 08/200 alfa (alphagalactosidase) Agalsidase beta (alphagalactosidase) therapy of Fabry disease Genzyme B.V. 08/200 Anakinra rheumatoid arthritis Amgen GmbH 03/2002 interleukin- receptor antagonist Dynepo renal anaemia Aventis S.A. 02/2002 Erythropoeitin delta Pegfilgrastim neutropenia Amgen Europe 08/2002 covalent conjugate of (e.g. after chemotherapies with cytostatics) ) rec. methionyl human G-CSF (Filgrastim) and monomethoxy polyethylene glycol 3

4 Drotrecogin alfa activated protein C severe sepsis with multiple organ Eli Lilly 08/2002 failure Dibotermin treatment of acute tibia fractures Genetics Institute Europe B.V. 09/2002 alfa in adults bone morphogenetic protein Aldurazyme Laronidase (Glycosamino glycan alpha- L- iduronohydrol ase) mucopolysaccharidosis I Genzyme Europe B.V. 06/ Wisconsin Technology Network hepatitis-b antigen (rhbs-ag) Recombinant vaccines hepatitis B prevention SmithKline Beecham GmbH 09/989 hepatitis B hepatitis B prevention; vaccine additional vaccination against combinations hepatitis A, tetanus, pertussis (contain or/and diphtheria rhbs-ag) SmithKline Beecham Biologicals, MSD Pasteur Mérieux 07/996 09/996 02/997 07/997 05/998 Triacelluvax vaccination against tetanus, Chiron S. p. A. 0/999 three pertussis, and diphtheria recombinant B. pertussis toxins hepatitis-bantigens S, pre-s, pre- S2 hepatitis B prevention Medeva Pharma 03/00 glycosylated recombinant diphteria toxin CRM97 (Pneumococcus prevention of Pneumococcus infections with children Wyeth-Lederle 02/200 conjugate vaccine, Prevenar ) Lyme disease prevention of infections Wyeth-Lederle 02/200 vaccine (Pneumococcus conjugate vaccine, Prevenar ) CLASSI DI IMMUNOGLOBULINE: FUNZIONE IgG: la più importante classe di immunoglobuline nella risposta immune secondaria. IgG e IgG3 attivano la via classica del complemento. Attivazione di cellule del sistema immunitario attraverso il legame ai recettori per l Fc. IgM: anticorpo predominante nella risposta immune primaria. Attivazione via classica del complemento. IgA: anticorpi presenti nelle mucose. Protezione delle superfici epiteliali da agenti infettivi IgD: funzione biologica precisa non nota, potrebbero avere un ruolo nel differenziamento dei linfociti indotto dall antigene IgE: si sono evolute per dare immmunità verso parassiti elmintici ma nella società industriale sono associate a malattie allergiche MURINO CHIMERICO UMANIZZATO UMANO 4

5 monoclonali Anticorpi di II e III generazione bispecifici ANTICORPI DI TERZA GENERAZIONE: estrazione mrna da ibridoma Tecnologia Ibridomi sintesi cdna coltura cellulare su larga scala clonaggio e sequenziamento regioni variabili della catena leggera e della catena pesante dell anticorpo Anticorpi ingegneria genetica ScFv ANTICORPI CHIMERICI: regioni variabili catena pesante e leggera murine e regioni costanti umane ANTICORPI UMANIZZATI: CDRs (Complementarity Determining Regions) murine, FRs (Frameworks) umani e regioni costanti umane librerie di anticorpi chimerici umanizzati bifunzionali ScFv (Single Chain Fv): regioni variabili delle catene pesante e leggera dell anticorpo unite mediante un linker CDRs Hypervariable Regions Fab-Fragment Vh Vl Termodinamica e cinetica dell interazione antigene-anticorpo Ag + Ab? Ag:Ab Fv IgG Costanti termodinamiche: K d, costante di dissociazione = [Ag] [Ab] / [Ag:Ab], misura dell affinità di una particolare interazione e Antigen binding Cl S S Ch Ch2 S S S S Ch Cl S S ScFv-fragment della sua specificità (K d target << K d non-target) Costanti cinetiche: k on = V on / [Ag] [Ab], dove V on indica la velocità della reazione di associazione; k off = V off / [Ag:Ab], dove V off indica la velocità della reazione di dissociazione Vh Vl k off e k on forniscono una misura della velocità di distruzione e Ch3 formazione del complesso immune, rispettivamente Peptide linker k off / k on = K d è la relazione che intercorre tra le 3 costanti. 5

6 Sviluppo della linea cellulare Ibridoma Linea cellulare stabile Ripetuti subclonaggi nel terreno finale Produttività alta e stabile Affinità adeguata Terreno protein free o serum free Nessun componente di origine animale per la crescita cellulare Costituzione di Banche Cellulari Test di Biosicurezza Sterility sterile Master Cell Bank (MCB) Test for Mycoplasma using Vero cells, Agar & broth: PTC 993 & 2 CFR (50-00 fiale) In vitro assay for the presence of bovine viruses according to 9CFR requirements (9 viruses ábvdv, ábva5, ábpv, áibr, ápi3, ábrsv, áreo3, árabies) Working Cell Bank (WCB) (200 fiale) Master Cell Bank (MCB) 4 days in vitro assay for the detection of viral contaminants using 3 detector cell lines In vitro detection of xenotropic retrovirus by Mink S+L- focus assay Detection of ecotropic murine retroviruses by the extended XC plaques assay In vivo test for the presence of inapparent viruses in suckling mice only Mouse antibody production (MAP) test (6 virus) Identification and characterization of cultured cells by analysis of 6 isoenzymes conferma origine murina Test Sterilità sterile Sterility sterile Test for Mycoplasma using Vero cells, Agar & broth: PTC 993 & 2 CFR Working Cell Bank (WCB) Test for Mycoplasma using Vero cells, Agar & broth: PTC 993 & 2 CFR Identification and characterization of cultured cells by analysis of 6 isoenzymes conferma origine murina Post Production Cell Bank (PPCB) 4 days in vitro assay for the detection of viral contaminants using 3 detector cell lines In vitro detection of xenotropic retrovirus by Mink S+L- focus assay Detection of ecotropic murine retroviruses by the extended XC plaques assay In vivo test for the presence of inapparent viruses in suckling mice only Mouse antibody production (MAP) test (6 virus) Identification and characterization of cultured cells by analysis of 6 isoenzymes conferma origine murina 6

7 Purificazione Bulk Harvest Test LAL test (Endotossine) Sterilità Particelle virali Microscopia elettronica Micoplasma <50 EU/ml sterile inferiore a x0 6 VLP/ml Contaminanti virali: almeno 0 log di riduzione per i virus incapsulati almeno 6 log di riduzione per i virus non incapsulati almeno 2 step di rimozione virale robusti (> 4 log/step) Fase I/II: 3 virus x 2 ripetizioni generalmente accettato. Fase III/IV: 4 virus x 3 ripetizioni Se non c è presenza di virus nelle banche o nel materiale biologico di partenza, si possono usare virus modello Virus avventizi DNA: < 00 pg/dose Altri contaminanti: prodotti di leachage dalle resine endotossine (5 EU/kg/ora, via parenterale ) Purificazione Cromatografia di affinità (AC) Proteina A: Pro: risoluzione molto buona, veloce, binding diretto, resa alta, capacità buona Contro: costosa, eluizione a basso ph, leakage di Proteina A, cleaning Hydrophobic Charge Induction Chromatogr. (HCIC) Pro: buona risoluzione, veloce, binding diretto, resa alta, cleaning, binding diretto a IEC Contro: binding meno specifico della Proteina A Cromatografia a scambio ionico (IEC) Pro: veloce, resa alta, alta capacità, cleaning Contro: risoluzione, necessaria bassa conducibilità del tampone di binding Gel Filtrazione (GF) Pro: resa, dialisi simultanea, capacità, cleaning Contro: lenta, capacità bassa, impaccamento colonna Cromatografia ad Interazioni Idrofobiche (HIC) Pro: capacità alta, veloce, cleaning Contro: risoluzione, conc. sali alta Rimozione di contaminanti Principio Endotossine Acidi Virus cromatografico Nucleici Proteina A Scambio Anionico Scambio Cationico HCIC Gel Filtrazione HIC Inattivazione/Rimozione virale ph acido 0-6 log riduzione virale (dipendente da tipo di virus e ph) ph basico 0-6 log riduzione virale (dipendente da tipo di virus e ph) calore variabile (dipendente da tipo di virus e temperatura) solventi/detergenti variabile (dipendente da tipo di virus e trattamento) nanofiltrazione (5-50 nm) 3-5 log (dipendente da dimensione del virus) DNA VIRUSES ENVELOPPED VIRUSES Herpesviridae Adenoviridae NAKED VIRUS VIRUS SELECTED FOR THIS STUDY MLV Murine leukemia virus Family:Retroviridae. Genus: Unnamed mammalian and reptilian type C retrovirus. Characteristics: RNA genome, single-stranded, enveloped virus. Esempio di Validazione della Rimozione Virale nel processo purificativo di un anticorpo monoclonale Produzione di Bulk grezzo Preparazione dei campioni dalle varie fasi di processo che si vogliono convalidare Poxviridae Resistance to physico-chemical treatment: Low. Toxicity/Interference, Spike recovery tests RNA VIRUSES Orthomyviridae Reoviridae Retroviridae Picornavirida Coronaviridae e Birnaviridae Paramyxoviridae LOW MEDIUM HIGH RESISTANCE MVM Minute Virus of Mice Family: Parvoviridae. Subfamily: Parvovirus. Characteristics: DNA genome, single stranded, non-enveloped virus. Resistance to physico-chemical treatment: Very high. Spike virale ed individuazione dei log di abbattimento virale per ogni step. Virus modello: X- MuLV, REO, MVM Risultati e Stesura del rapporto Conc. Bulk Harvest Spike colonna x 3 virus x 2 ripetizioni Eluato colonna Spike x 3 virus x 2 ripetizioni DNA VIRUSES RNA VIRUSES ENVELOPPED VIRUSES MLV Retroviridae Reo 3 Reoviridae NAKED VIRUS MVM Parvoviridae Reo 3 Reovirus type 3 Family: Reoviridae, Genus: Reovirus. Characteristics: RNA genome (0 segments), double-stranded, non-enveloped virus. Resistance to physico-chemical treatment: High. Titolazione virale colonna 2 Titolazione virale Eluato colonna 2 Spike colonna 3 Titolazione virale x 3 virus x 2 ripetizioni Eluato colonna 3 Spike Titolazione virale x 3 virus x 2 ripetizioni Nanofiltrazione 20 nm LOW MEDIUM HIGH RESISTANCE 7

8 Raccomandazioni Usare uno step di purificazione basato su cromatografia di affinità Usare uno step a scambio ionico per rimuovere DNA Avere almeno 2 validi step di rimozione/inattivazione virale Usare terreno di coltura protein free e senza componenti di origine animale Usare materiale facile da pulire Materiale e strumentazione facile da validare Considerare scale down e scale up Marketed Monoclonal antibodies as April 2003: Fields of application Name Company Indication Description FDA approval Orthoclone R J&J Transplant Murine IgG2ak anti-cd3 Mab (Muromonab) Ortho Biotech rejection TRANSPLANT REJECTION Simulect R Novartis Transplant Chimeric IgGk anti-cd25 (IL-2R) (Basiliximab) 998 rejection Zenapax R PDL, Roche Transplant Humanized IgGk anti-cd25 (IL-2R) (Daclizumab) 2002 rejection Synagis R MedImmune RSV infection Humanized IgGk anti-rsv protein INFECTION (Palivizumab) Abbott 998 ReoPro R (Abciximab) Centocor, Eli Lilly, Antithrombotic, antianginal, Chimeric IgGk Fab anti GPIIb IIIa R CARDIOVASCULAR (Activated platelet) Fujisawa restenosis, Crohn, 994 ischemia Remicade R Schering-Plough Crohn s disease Chimeric IgGk anti-tnf INFLAMMATION (Infliximab) 998 AUTOIMMUNITY Humira TM Abbot RA Human IgGk anti TNF 2 (Adalimumab) 2003 Rituxan R Genentech, NHL Chimeric IgGk anti CD20 (Rituximab) IDEC, Roche 997 Herceptin R Genentech, Breast cancer Humanized IgGk anti HER/neu (Trastuzumab) Roche 998 ONCOLOGY Mylotarg TM Weith AML Humanized IgG4-anti CD33 5 (Gemtuzumab) 2000 conj-calicheamicin Campath R Berlex NHL Humanized IgGk anti-cd52 Alemtuzumab 200 Zevalin TM (Ibritumomab) Schering. IDEC 2002 NHL Murine IgGk anti CD20 Radiopharmaceutical kit Source: FDA and various web sites Marketed Monoclonal antibodies as April 2003: Fields of application Name Company Indication Description FDA approval Orthoclone R J&J Transplant Murine IgG2ak anti-cd3 Mab (Muromonab) Ortho Biotech rejection TRANSPLANT REJECTION Simulect R Novartis Transplant Chimeric IgGk anti-cd25 (IL-2R) (Basiliximab) 998 rejection Zenapax R PDL, Roche Transplant Humanized IgGk anti-cd25 (IL-2R) (Daclizumab) 2002 rejection Synagis R MedImmune RSV infection Humanized IgGk anti-rsv protein INFECTION (Palivizumab) Abbott 998 ReoPro R (Abciximab) Centocor, Eli Lilly, Antithrombotic, antianginal, Chimeric IgGk Fab anti GPIIb IIIa R CARDIOVASCULAR (Activated platelet) Fujisawa restenosis, Crohn, 994 ischemia Remicade R Schering-Plough Crohn s disease Chimeric IgGk anti-tnf INFLAMMATION (Infliximab) 998 AUTOIMMUNITY Humira TM Abbot RA Human IgGk anti TNF 2 (Adalimumab) 2003 Rituxan R Genentech, NHL Chimeric IgGk anti CD20 (Rituximab) IDEC, Roche 997 Herceptin R Genentech, Breast cancer Humanized IgGk anti HER/neu (Trastuzumab) Roche 998 ONCOLOGY Mylotarg TM Weith AML Humanized IgG4-anti CD33 5 (Gemtuzumab) 2000 conj-calicheamicin Campath R Berlex NHL Humanized IgGk anti-cd52 Alemtuzumab 200 Zevalin TM (Ibritumomab) Schering. IDEC 2002 NHL Murine IgGk anti CD20 Radiopharmaceutical kit Source: FDA and various web sites Recombinant antibodies DRUG MAIN APPLICATION APPLICANT First approval in EU Abciximab anti coagulant for treatment of Centocor Europe 05/995 (ReoPro ) myocard infarcts B.V. Votumumab detection of colon carcinomas Organon Teknika /996 (Humaspect ) Rituximab (Mabthera ) treatment of CD20-positive B- cell lymphomas Roche 998 Basiliximab (Simulect ) Daclizumab (Zenapax ) Palivizumab (humanised IgG) Infliximab (Remicade ) prevention of transplant rejection (kidney transplantation) prevention of transplant rejection (kidney transplantation) monoclonal antibody against Respiratory Syncytial Virus (RSV) subtypes A and B anti- TNF-alpha- antibody for treatment of immune and inflammatory diseases Novartis 0/998 Roche Registration Ltd., UK 02/999 Abbott Laboratories Ltd., UK Centocor (marketed by Schering- Plough) 05/999 08/999 ANTICORPI: MECCANISMO DI AZIONE Trastuzumab (anti-her2- antibody; Herceptin ) breast cancer; HER2-receptor found with 30% of all cases Roche 09/2000 Alemtuzumab anti-cd52-antibody for therapy Millenium & Ilex UK Ltd. 03/200 (Campath ) of chronic lymphocytic leukemia (CLL) when alkylating cytostatics fail Adalimumab anti-tnf-alpha- antibody for Abbott 03/2003 (Humira ) therapy of rheumatoid arthritis Cetuximab (Erbitux ) chimeric IgG antibody against epidermal growth factor receptor (EGFR) for treatment of colon carcinoma ImClone, Merck KGaA 02/2004 attivazione delle cellule del sistema immunitario attraverso il recettore per l Fc attivazione dell ADCC (Antibody Dependent Cell Cytotoxicity) attivazione del complemento 8

9 DISTRUZIONE DELLE CELLULE TUMORALI MEDIATA DA ANTICORPI MONOCLONALI attraverso il legame alla cellula tumorale l anticorpo monoclonale può indurre una risposta infiammatoria provocando la distruzione della cellula tumorale da parte del sistema immunitario l anticorpo monoclonale può interferire con la crescita o la regolazione della cellula tumorale legandosi ad un fattore di crescita critico o ad un recettore per un fattore di crescita induzione di anticorpi anti-idiotipici che possono mimare l antigene tumorale ed indurre una attiva risposta immunitaria anti-tumore linfocita macrofago streptococcus pyogenes Perché molte multinazionali chimiche hanno deciso di puntare sul farmaceutico? Perché quello farmaceutico rimane un settore attractive L innovazione del prodotto rimane ancora la chiave del processo economico Bisogna avere prodotti di successo 4 punti per un successo Mercato globale Mercato grande Differenziazione clinica (valore terapeutico aggiunto) Rimborso (politica economica) I potenziali scenari dei prossimi anni COSTI ESTERNI SVILUPPO CLINICO (MEDIO) Contenimento dei costi Globalizzazione Alleanze strategiche, Mergers ed Acquisizioni Nuove tecnologie nella scoperta e nello sviluppo dei farmaci Milioni Euro Pre-Clinica Fase I Fase II Fase III 9

10 Contenimento dei costi Le necessità di guadagni a breve termine continueranno a scontrarsi con la ricerca a lungo termine nella competizione per i fondi Ci sarà una maggiore selezione nella scelta dei progetti da portare avanti I tempi, i rapporti costi benefici, e la qualità degli studi clinici saranno essenziali Quesiti di base nello sviluppo clinico Qual è il prodotto? Per quale indicazione si propone? Quando potremo venderlo? Quale sarà il costo di sviluppo ed il ritorno? Di che cosa abbiamo bisogno? POPOLAZIONE POTENZIALE RICHIESTA FARMACI x POPOLAZIONE = POTENZIALE COMMERCIALE Bassa Media Alta Ipertensione Asma Obesità Artrite/Artrosi Ansia Demenza Infezioni batteriche Depressione Vaccino AIDS Analgesia Diabete Tipo 2 Incontinernza urinaria Angina Acne Tumori Dislipidemie Influenza Profilassi Infarto Mioc. Allergie Epilessia Insufficienza Cardiaca Herpes Cefalea Bronchite cronica Emofilia Diabete Tipo Epatite Infezioni da Clamidia Trombosi Psoriasi Nanismo Gotta AIDS Malattia di Gaucher Sindr. Colon irrit. Sclerosi Multipla Gozzo Morbo di Crohn Sclerosi Later. Amiotr. Eritema Multiforme Infertilità Enfisema Fibrosi cistica Pancreatite Basse Medie Alte NECESSITA DI NUOVI FARMACI ASPETTATIVE DAL FARMACO Qualità (produttiva) Sicurezza Efficacia Valore Sommatoria di Valori Pre-clinica Clinica di sviluppo Clinica post-registr. Documentazione Regolatoria Studi in vitro Studi in vivo Esame dell Autorità Sanitaria Fase I Fase II Fase III Esame dell Autorità Sanitaria Fase IV Sviluppo Preclinico Fase I Fase II Fase III Common Technical Document Fase IV Autorizzazione all Immissione in Commercio 0

11 2000 molecole sintetizzate RICERCA 9 Un po' di numeri dagli USA PRECLINICA 7,5 Fase I 2,5 Fase II,25 Fase III REGISTRAZ. DISTRIBUZ. Dal 963 al 989 sono stati sviluppati 943 NCE (nuove molecole) Lo sviluppo clinico è stato interrotto prima della registrazione, nel 68% dei casi (322): 46% per problemi di Efficacia 27% per problemi di Sicurezza 23% per problemi economici Fase IV Punto chiave a cui tendere sarà quindi la ricerca e l ottenimento di quella sommatoria di valori VALORE TERAPEUTICO AGGIUNTO Valore Terapeutico Aggiunto: 3 possibilità Unica possibilità teapeutica Chiari vantaggi sul trattamento esistente Vantaggi minimi o assenti Valore Terapeutico Aggiunto Qualsiasi ricerca clinica E un esperimento scientifico Va ricercato: sempre IPOTESI in tutte le fasi continuamente con aggressive soglie go/no go PIANO SPERIMENTALE con estrema rigorosità metodologica

12 Biogenerici o biosimili? Patent 25 5 years expiry SPC 2004 Wisconsin Technology Network S.C.p.A. S.C.p.A. AUTORIZZAZIONE ALLA PRODUZIONE DI MEDICINALI PER SPERIMENTAZIONE CLINICA Decreto N. M-90/2003 del 23 settembre

13 DIREZIONE TECNICA ORGANIGRAMMA AZIENDALE AMMINISTRATORE DELEGATO ASSICURAZIONE QUALITA' RAPPORTI CON ISTITUZIONI DI RICERCA E GESTIONE PROGETTI CONTR. QUALITA' RICERCA AMMINISTRAZIONE SITE MANAGEMENT RICERCA MISSIONE MANUTENZIONE SVIL/PRODUZ. LOTTI CLIN.ICI MICROBIOLOGICO CHIMICO/BIOCHIM. SVILUPPO officina farmaceutica COORDINAMENTO ATTIVITA SVIL/PROD IN GMP LAB. BIOCHIMICA LAB. BIOL. MOLEC. LAB. IMMUNOLOGIA LAB. CHIMICA sperimentazione clinica PRODUZIONE GREZZO PURIFICAZIONE MODIFICAZIONE INFLACONAMENTO ETICHETT. CONFEZ. MAGAZZINO MATERIE PRIME SERVIZI ALLA PRODUZIONE FORMAZIONE MONOCLONALI omurini ochimerici oumanizzati oscfv AREA ANTICORPI ideazione costruzione espressione sviluppo produzione di lotti (fino a 50 gr/lotto) di grado clinico (GMP) Three step systemic therapy Vial ST246-biotin 00 mg iv infusion 20 in 00 ml saline Vial 2 avidin 00 mg iv infusion 5 in 00 ml saline Vial 3 Streptavidin 00 mg iv infusion in 250 ml saline Vial 4 HSA-biotin mg iv infusion 5 in 00 ml saline Vial 5 biotin-dota mg ( 90 Y 2-3 GBq mci) h h 5-30 Step Step 2 Step 3 3

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo A COSA SERVE il

Dettagli

APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE

APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE Trattamento della malattia genetica vs trattamento genetico della malattia Trattamento medico convenzionale mira ad alleviare i sintomi di una malattia sia genetica

Dettagli

biotecnologici e biosimilari

biotecnologici e biosimilari 1 F A R M A C I biotecnologici e biosimilari 2 Farmaci biotecnologici e biosimilari Introduzione Determinare la sequenza aminoacidica della proteina che si deve produrre, inserirla in un vettore adatto

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Monoclonal antibodies (mabs)

Monoclonal antibodies (mabs) Monoclonal antibodies (mabs) mabs = insieme di anticorpi identici fra loro in quanto prodotti da un solo tipo di cellule B (cloni cellulari) Use of monoclonal antibodies (mabs) Diagnostics: quantitation

Dettagli

APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE

APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE APPROCCI GENETICI ALLA CURA DELLE MALATTIE Trattamento della malattia genetica vs trattamento genetico della malattia Trattamento medico convenzionale mira ad alleviare i sintomi di una malattia sia genetica

Dettagli

Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili

Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili Sviluppiamo terapie innovative per malattie che oggi non sono curabili Chi siamo Xellbiogene è una società che nasce nel 203 su iniziativa dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e dell'università Cattolica

Dettagli

Monoclonal antibodies (mabs)

Monoclonal antibodies (mabs) Monoclonal antibodies (mabs) mabs = insieme di anticorpi identici fra loro in quanto prodotti da un solo tipo di cellule B (cloni cellulari) Use of monoclonal antibodies (mabs) Diagnostics: quantitation

Dettagli

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

CLASSICHE GENETICA BIOTECNOLOGIE MODERNE BIOLOGIA CELLULARE TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE INGEGNERIA GENETICA

CLASSICHE GENETICA BIOTECNOLOGIE MODERNE BIOLOGIA CELLULARE TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE INGEGNERIA GENETICA CLASSICHE BIOTECNOLOGIE GENETICA MODERNE BIOLOGIA CELLULARE TECNOLOGIA DEL DNA RICOMBINANTE INGEGNERIA GENETICA BIOLOGIA MOLECOLARE BIOCHIMICA CREAZIONE A FINI MEDICI DI MICRO-ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI

Dettagli

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI TITOLARE del CORSO: Prof. Marzia Bianchi Tel: 0722 304960; 0722 305201 e-mail: marzia.bianchi@uniurb.it STRUTTURA del CORSO: Il corso si articola in lezioni

Dettagli

ARETA e IL SUO VALORE

ARETA e IL SUO VALORE ARETA e IL SUO VALORE Dr. Maria Luisa Nolli C.E.O. Areta International www.aretaint.com 1 ARETA INTERNATIONAL Areta è una società di biotecnologie nel settore delle colture cellulari per lo sviluppo di

Dettagli

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi

Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi Fase efferente Meccanismi effettori Anticorpi I termini gamma globuline o immunoglobuline e anticorpi NON sono sinonimi In questa frazione delle proteine del siero è contenuta la maggior parte degli anticorpi

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV) Workshop ENEA, 4 dicembre 2003 Molecular farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 "Molecular Farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici" ENEA - Casaccia 4 Dicembre 2003 I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 Carla Marusic

Dettagli

Biologici e Biosimilari

Biologici e Biosimilari Biologici e Biosimilari in oncologia, occhi aperti sulle differenze Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Introduzione Nel 2010 l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) insieme

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

Biotecnologie Mediche. Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/

Biotecnologie Mediche. Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/ Biotecnologie Mediche Cinzia Di Pietro 0953782055 dipietro@unict.it http://www.bgbunict.it/ Biotecnologie Mediche Tecnologie da applicare per la salute dell uomo Biotecnologie Mediche Prevenzione Diagnostica

Dettagli

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma)

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) Workshop I PROGETTI DI RICERCA DEI CENTRI ENCEPP 11 gennaio 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ROMA) Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) A. Capuano, E. Parretta, F. Rossi Centro

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

Sicurezza virale. Maria Wirz e Francesca Luciani. Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici

Sicurezza virale. Maria Wirz e Francesca Luciani. Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici Sicurezza virale Maria Wirz e Francesca Luciani Reparto Prodotti Biologici QUALITÀ E SICUREZZA DEI FARMACI BIOLOGICI E DEI

Dettagli

Perché è importante investire in biotecnologia? Come deve affrontare l investitore una materia così complessa come quella della biotecnologia?

Perché è importante investire in biotecnologia? Come deve affrontare l investitore una materia così complessa come quella della biotecnologia? Perché è importante investire in biotecnologia? Come deve affrontare l investitore una materia così complessa come quella della biotecnologia? Che impatto ha la biotecnologia sulla medicina e sul mercato

Dettagli

Le Norme di Buona Fabbricazione

Le Norme di Buona Fabbricazione Farmaci Biologici i i e Biotecnologici: i i problematiche specifiche nella produzione GMP Anna Laura Salvati, CRIVIB QUALITÀ E SICUREZZA DEI FARMACI BIOLOGICI E DEI FARMACI PRODOTTI CON BIOTECNOLOGIE (BIOTECNOLOGICI)

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione CITOCHINE DELL IMMUNITÀ INNATA II parte 1 Chemochine Le chemochine sono una grande famiglia di circa 50 citochine, omologhe per la struttura, che hanno il compito di: Richiamare

Dettagli

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Backgrounder Basilea, 6 novembre 2006 Malattie autoimmuni e artrite reumatoide Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Oltre 60 diverse malattie autoimmuni che

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI AXXAM - AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano ID69/2005 PROGETTO R&S Piattaforma integrata

Dettagli

C.d.L. Scienze Biosanitarie e Farmaceutiche Corso di Microbiologia e Biotecnologie dei Microrganismi

C.d.L. Scienze Biosanitarie e Farmaceutiche Corso di Microbiologia e Biotecnologie dei Microrganismi C.d.L. Scienze Biosanitarie e Farmaceutiche Corso di Microbiologia e Biotecnologie dei Microrganismi AA 2007 2008 BIOTECNOLOGIE DEI MICRORGANISMI Università degli Studi di Bari - Scienze Biosanitarie e

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

Interazioni proteina-proteina. Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici,

Interazioni proteina-proteina. Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici, Interazioni proteina-proteina Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici, 4) con più di una di queste molecole Le interazioni con metaboliti hanno

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Prof. Giorgio Gallinella Prof.ssa Giovanna Gentilomi Dott.ssa Francesca Bonvicini (ricercatore) Dott.ssa Elisabetta Manaresi

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Trichomonas vaginalis

Trichomonas vaginalis Trichomonas vaginalis Classificazione Regno Protista Sottoregno Protozoa Phylum Sarcomastigophora Subphylum Mastigophora Classe Zoomastigophorea Ordine Trichomonadida Genere Trichomonas Specie Trichomonas

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Farmaci biotecnologici e biosimilari. La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia

Farmaci biotecnologici e biosimilari. La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia Farmaci biotecnologici e biosimilari La rivoluzione dei biotech: dalle eritropoietine agli anticorpi monoclonali in oncologia Indice 3 Introduzione 4 I farmaci biotecnologici 5 le principali differenze

Dettagli

Farmaci biologici/biotecnologici

Farmaci biologici/biotecnologici Farmaci biologici/biotecnologici Carlo Pini (carlo.pini@iss.it) Centro Nazionale per la Ricerca e la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici (CRIVIB) Istituto Superiore di Sanità Roma Istituto Superiore

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

Marta Galgano QA Manager

Marta Galgano QA Manager PRODOTTI BIOLOGICI PER USO UMANO Sessione I - GMP: Presente e Futuro Marta Galgano QA Manager TEAM DEFINIZIONI BIOFARMACI Biodrugs «è una sostanza prodotta da organismi viventi o a partire da un loro prodotto.

Dettagli

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate I farmaci biologici Michele Fimiani - Michele Pellegrino - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate SIENA La psoriasi è una malattia ad andamento cronico recidivante

Dettagli

PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA

PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA ANTICORPI TERAPEUTICI GENERAZIONE DI UN ANTICORPO MONOCLONALE MEDIUM HAT: contiene ipoxantina, aminopterina, timidina. La cellula di mieloma non possiede l enzima HGPRT

Dettagli

La vita pone domande. Noi cerchiamo le risposte.

La vita pone domande. Noi cerchiamo le risposte. La vita pone domande. Noi cerchiamo le risposte. Da più di 100 anni l innovazione è per Roche la risposta alle sfide che la vita pone ogni giorno a milioni di persone in tutto il mondo. Protagonista del

Dettagli

Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi

Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi Originator e biosimilari: interscambiabilità, sostituibilità e aspetti normativi Giambattista Bonanno Sezione di Farmacologia e Tossicologia Dipartimento di Farmacia Scuola di Scienze Mediche e Farmaceutiche

Dettagli

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare Diagnostica di laboratorio della tubercolosi: le antiche certezze e le nuove frontiere La diagnosi immunologica dell infezione tubercolare Dr. Chiara Agrati, PhD Laboratorio di Immunologia cellulare INMI

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Da 14 Feb. 2011 a tutt oggi Laboratorio di Biotecnologie, Spedali Civili di Brescia, Ple. Spedali Civili, 1, 25123 Brescia

Da 14 Feb. 2011 a tutt oggi Laboratorio di Biotecnologie, Spedali Civili di Brescia, Ple. Spedali Civili, 1, 25123 Brescia F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALESSANDRA SOTTINI Indirizzo LABORATORIO BIOTECNOLOGIE/LABORATORIO ANALISI CHIMICO-CLINICHE 3 Telefono 030/3995408

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario 1 Il sistema immunitario COMPONENTI MOLECOLARI E CELLULARI. Meccanismi e caratteristiche delle risposte immunitarie; Risposte umorali e cellulari; Teoria della selezione clonale; Versatilità, specificità

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

L unità di terapia cellulare al Cardiocentro Ticino

L unità di terapia cellulare al Cardiocentro Ticino L unità di terapia cellulare al Cardiocentro Ticino Dr.ssa Lucia Turchetto 25 luglio 2012 Sommario L UTC al CCT: idea e scopo Cosa facciamo? Stato dell arte delle terapie avanzate Come funziona una Cell

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 24-5-2010 22 A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAIONE, PRELIEVO

Dettagli

La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo

La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo La prescrizione dei biosimilari: il punto di vista dell oncologo Prof. Giuseppe Nastasi Direttore U.O.C Oncologia Medica A.O. Bolognini - Seriate (BG) Cosa si aspetta il paziente? Sicurezza ed efficacia

Dettagli

La risposta immunitaria di tipo umorale

La risposta immunitaria di tipo umorale La risposta immunitaria di tipo umorale Linfociti B, Plasmacellule ed Anticorpi 1 2 L IMMUNITA UMORALE (mediata da anticorpi) Questo tipo di immunità protegge dagli antigeni circolanti, quali: batteri

Dettagli

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi)

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi) SISTEMA IMMUNITARIO INSIEME DI ORGANI E CELLULE CHE CONTRIBUISCONO ALLA RISPOSTA IMMUNITARIA: capacità di conoscere le proprie cellule (self) e di riconoscere come estranee le cellule di un altro organismo

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

azien La è nata dalla fusione della NanoDel Technology GmbH dall esperienza di due aziende:

azien La è nata dalla fusione della NanoDel Technology GmbH dall esperienza di due aziende: azien La Ca AG è un'azienda farmaceutica altamente specializzata che impiega tecnologie di drug delivery di propria ideazione applicate in particolare alla formulazione di medicinali per la cura di patologie

Dettagli

Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo

Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo L immunologia è lo studio della risposta immunitaria, ciò del processo tramite il quale un animale si difende dall invasione di organismi estranei. Le risposte

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo TECNICHE PER L ANALISI

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Tecnico di laboratorio biomedico

Tecnico di laboratorio biomedico Rizzo Silvana - Congresso Nazionale F.I.Te.La.B-Trieste 1 dicembre 2011 Tecnico di laboratorio biomedico formazione da sempre orientata ad acquisire competenze in tutti gli ambiti di laboratorio. Ambito

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità SOLUBILITA DELLE PROTEINE ph FORZA IONICA SOLVENTI POLIMERI ORGANICI TEMPERATURA Effetto del ph Precipitazione

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Proteine di interesse terapeutico

Proteine di interesse terapeutico Proteine di interesse terapeutico Proteine come farmaci (es. insulina, anticorpi, ormoni, anticoagulanti, fattori della coagulazione) Proteine come antigeni per la produzione di vaccini (es. HBsAg) La

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI BANDO DI CONCORSO CELESTINA LOSA per l assegnazione di 3 BORSE DI RICERCA sul tema: «Nuove opzioni terapeutiche per i pazienti con medulloblastoma: l immunoterapia adottiva diretta verso l antigene tumorale

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali La regolamentazione alla luce della nuova normativa europea Cristina Pintus Responsabile Unità Terapie Avanzate AIFA 51 Simposio AFI Medicinali Biologici e Medicinali per Terapie Avanzate Modelli per le

Dettagli

- Polimeri biodegradabili

- Polimeri biodegradabili POSSIBILI PRODOTTI - Anticorpi - Proteine di interesse farmaceutico - Vaccini edibili - Metaboliti secondari - Polimeri biodegradabili Produzione di Anticorpi SISTEMI DI ESPRESSIONE - Cellule di mammifero

Dettagli

FARMACI PER IL DIABETE: PRESENTE E FUTURO

FARMACI PER IL DIABETE: PRESENTE E FUTURO FARMACI PER IL DIABETE: PRESENTE E FUTURO LUCA COSTANTINO - DANIELA BARLOCCO FARMACI PER IL DIABETE: PRESENTE E FUTURO Una prospettiva chimico-farmaceutica Tutti i diritti sono riservati è VIETATA PER

Dettagli

Dottore in Medicina e Chirurgia. Università La Sapienza -Roma. Specializzazione in Microbiologia e Virologia ( 4 anni)

Dottore in Medicina e Chirurgia. Università La Sapienza -Roma. Specializzazione in Microbiologia e Virologia ( 4 anni) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GONZALES ROSANNA Indirizzo Telefono 0984402478 Fax E-mail VIA A.VOLTA 36 87036 RENDE Nazionalità italiana Data di nascita 29/08/1962

Dettagli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli

G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Congresso SiBioc-SIMEL Rimini, 29 ottobre 2008 Workshop Siemens G. PERRUOLO Dipartimento di Biologia e Patologia Cellulare e Molecolare Università Federico II Napoli Trasmissione sessuale: OMO ETERO Scambio

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dott.ssa Barbara Ficociello 27 novembre

Dettagli

Il Test di Avidità nell infezione da HIV

Il Test di Avidità nell infezione da HIV Il Test di Avidità nell infezione da HIV 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia Diagnosi di infezione da

Dettagli

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING 8-06-2010 TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR REAL TIME PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING BLOTTING delle proteine: MICROARRAYS MACROARRAYS

Dettagli