TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1. Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari"

Transcript

1 TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1 Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari

2 LATTE: COMPOSIZIONE MEDIA % 4% 3% 1% 5% Acqua Glucidi Lipidi Protidi Sali minerali 87%

3 Il latte prodotto da diversi animali vacca pecora capra bufala donna Acqua% 87,5 81,3 86,9 84, Grasso% 3,6-4,5 4,5-7,5 3,7-4,3 7-9,6 3.8 Proteine% 2,8-3,3 4,6-6 3,1-4,5 3,5-5,7 1.6 Lattosio% 4,9 4,1 4,3 4,8 6.5

4 Soluzione vera Soluzione colloidale glucidi, sali minerali, vitamine, gas protidi, fosfati Emulsione Sospensione grassi, vitamine liposolubili cellule, microrganismi

5 COSTANTI DEL LATTE (vaccino) Ph: 6,6-6,8 Punto di congelamento:-0,520; -0,565 C Punto di ebollizione: Residuo secco magro: >8,50% Peso specifico (a 15 C): 1,028; 1,033 g/ml

6 crema crema crema Siero di latte Coagulo Coagulo Latte scremato Latte crudo

7 Composizione media del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) ACQUA LIPIDI PROTEINE 87,1 3,8 3,31 TRIGLICERIDI: DI e MONOGLICERIDI 1,452 FOSFOLIPIDI (lecitine etc.) 0,6-0,8 CASEINE ( SIEROPROTEINE 18 LATTOGLOBULINA 8 LATTALBUMINA 4 PROTEOSO-PEPTONI 3,5 IMMUNOGLOBULINE 1,6 SIERO ALBUMINE 0,9 AZOTO NON PROTEICO 6

8 Composizione del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) LATTOSIO SALI 5,06 0,73 K2O; Na2O; CaO; MgO Fe; Cu; Zn; Mn. Tracce di Al; Co;. basi PIGMENTI VITAMINE P2O5; Cl; SO3 Acido citrico acidi I; F; Li Caroteni, xantofille, riboflavine Liposolubili: A; D; E; K Idrosolubili: C; B1;B2; B6;B12; niacina biotina; inositolo; colina; acido p.ammino benzoico

9 Composizione del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) ENZIMI Aldolasi, amilasi, lipasi, esterasi, catalasi, perossidasi, fosfatasi alcalina., fosfatasi acida, lisozima, lattasi etc. VARI GAS, CO2, N2, O2, Urea, Ammoniaca etc., Costituenti e frammenti cellulari, Leucociti, Batteri

10 Immediatamente dopo la mungitura, è necessaria la refrigerazione, che limita la moltiplicazione microbica (30 C 4 C nel minor tempo possibile). La conservazione a 4 C non deve perdurare per molto tempo (24/36 h) data la possibilità di sviluppo di flora psicrotrofa (Pseudomonas, Enterobacter, Flavobacter)

11 Termizzazione - pastorizzazione <68 C x 15 = termizzazione (fosfatasi + ) >71,7 x 15,5 = Pastorizzazione alta o HTST (fosfatasi -) >85 C x 14 = flash pasteurization (fosfatasi -) >135 C x 1 = trattamento UHT (fosfatasi e perossidasi -)

12 Sterilizzazione a 2 stadi (latte autoclavato) 130 C per pochi secondi, poi omogeneizzato, imbottigliato e sottoposto ad un nuovo trattamento di sterilizzazione ( C per minuti). Shelf-life di 180 gg. UHT fino a C per pochi secondi (Tale metodo può essere di tipo diretto o indiretto a seconda che il prodotto sia o meno a contatto diretto col vapore) a cui segue il confezionamento in sterilità. Shelf-life di 90 gg.

13 175 LATTOSIO: COMPORTANENTO ALLE ALTE TEMPERATURE : imbrunisce - caramellizza > 150 C : ingiallisce > 90 C C < = perde acqua di cristallizzazione ESOSO (glucosio o galattosio) 3 H2O IDROSSIMETILFURFUROLO ACIDO FORMICO + ACICO LEVULONICO Odore pungente Sapore sgradevole

14 LATTOSIO : REAZIONE DI MALLARD CHO + NH2 (gruppo aldeidico zucchero + gruppo aminico proteina) BASE DI SCHIFF ( fortemente instabile) PRODOTTI DI AMADORI ( più stabile ma ancora reattivo) disidratazione e combinazione con altre molecole AGE (advanced glycosilation end product) COLORE BRUNO - GIALLO AMBRATO

15 LATTOSIO : COMPORTAMENTO ALLE BASSE TEMPERATURE NELLE FAS I DI SCONGELAMENTO CRISTALLIZZA NELLA FASE LIQUIDA, DA CUI : ABBASSAMENTO DELL Aw e SEQUESTRO DEL CALCIO DIMINUZIONE DEL ph ( da 6,7 a circa ~ 5,8 ) Destabilizzazione delle caseine

16 FUROSINA Composto sempre presente nelle prime fasi della reazione di Mallard; Svela l uso di latte in polvere in latticini e cagliate (HPLC) ; VALORI LIMITI ( solo per prodotti ITALIANI) Latte pastorizzato = 8,6 mg/100g sost. proteica Formaggi a pasta filata= 12 mg/100g sost. proteica Specialità tradiz. Garantite = 10 mg/100g

17

18 Latte Latte alta digeribilità

19 LATTOSIO Fermentazione lattica C12H22O11 (lattosio) + H2O 2 C6H12O6 (glucosio + galattosio) 4 CH3CHOHCOOH ( ac. Lattico)

20 LATTOSIO Fermentazione alcolica (si accompagna sempre alla fermentazione lattica) C12H22O11 (lattosio) + H2O 2 C6H12O6 (glucosio + galattosio) 4 CH3CH2OH (alcool etilico) + 4 CO2

21

22

23

24 LATTOSIO : Fermentazione propionica ( segue la fermentazione lattica) 3 CH3CHOHCOOH (acido lattico) 2 CH3CH2COOH + CH3COOH + CO2 + H2O ( ac. Propionico) (ac. acetico)

25

26 Fermentazione butirrica (Segue la fermentazione lattica) 2 CH3CHOHCOOH ( ac. Lattico ) CH3CH2CH2COOH (ac. Butirrico) + 2 CO2 + 2 H2

27

28

29

30

31

32 GLOBULI DI GRASSO Doppio strato lipidico Monostrato elettrondenso Core di trigliceridi La particolare struttura della membrana permette ai globuli lipidici, per loro natura idrofobi, di dimorare in una soluzione acquosa sottoforma di emulsione; inoltre, la presenza della membrana garantisce ai trigliceridi protezione dalla lipolisi da parte delle lipasi del latte

33 PRINCIPALI COSTITUENTI DEL GRASSO Trigliceridi (97-98%) fosfolipidi colesterolo carotenoidi acidi grassi liberi glicolipidi.

34 GRASSI IRRANCIDIMENTO LIPOLITICO: causato da enzimi lipolitici presenti nel latte o di microrganismi; effetti sull aroma e sul sapore non facilmente prevedibili; IRRANCIDIMENTO CHETONICO (irrancidimento profumato): Provocata da muffe (penicillum), batteri o lieviti. produttori di BETA OSSIDASI che attacca acidi grassi liberi (C6 C12) originati da precedente irrancidimento lipolitico conferisce tipico aroma ai formaggi erborinati IRRANCIDIMENTO OSSIDATIVO: Causato da assorbimento di ossigeno a carico degli ac. grassi insaturi con formazione iniziale di idroperossidi che originano sostanze volatili quali aldeidi e chetoni

35 CASEINE ( 25g / LITRO) 14 n micelle = c.a 10 ml = superficie reattiva 4 mq/ ml ALFA= fosfoproteina ( 199 aa + 8 gruppi fosfati ) alfa S1- S2- S3 (elettroforesi caratterristica di specie) BETA= fosfoproteina ( 209 aa + 5 gruppi fosfati ) velocità elettroforetica simile tra latte di specie diverse GAMMA= frammento della BETA (troncone terminale dall aa 29 all aa 209 ) KAPPA= fosfoglicoproteina ( 169 aa + 1 gruppo fosfatico + 5 gruppi glucidici ) sensibile alla chimosina sul legame aa 105 aa 106 (fenilalanina --- metionina)

36 Core idrofobico CMP Superficie ricca di -caseina Gruppo Ca 9 (PO 4 ) 6

37 CASEINE: latte con caseina k B = coagula in tempi ottimali e dà luogo a un coagulo che rassoda velocemente ed è facile da lavorare latte con caseina k A = coagulazione e rassodamento rallentati

38 Consistenza e velocità di rassodamento del coagulo in funzione delle varianti genetiche della k - caseina AA AB BB velocità consistenza consistenza velocità

39

40 CASEINE Formano micelle (struttura quaternaria) Hanno elevato peso molecolare Flocculano al punto isoelettrico: - ph 4,6 a 20 C - ph 5,2 a 40 C Coagulano per azione enzimatica

41 SIEROPROTEINE ( 7g. / litro ) 17% del totale azotato Beta lattoglobulina Alfa lattoglobulina Sieroalbumina Globuline Proteoso-peptoni Metalloproteine

42 SIEROPROTEINE : differenza con le caseine Ricche di aa. Solforati non contengono fosforo Minor peso molecolare Non precipitano al punto isoelettrico ( PH 6 ) Non presenti come micelle Si presentano come monomeri o polimeri Precipitano per riscaldamento intenso o salatura Non precipitano per azione enzimatica

43 Sieroproteine : comportamento al calore Rottura di ponti S-S formazione gruppi SH formazione H2S ( odore/ sapore di cotto ) Interazione K caseina beta lattoglobulina per formazione di ponti S-S Ostacolo all azione del caglio ( Il latte riscaldato coagula meno bene del crudo )

44 N.P.N. (SOSTANZE AZOTATE NON PROTEICHE) (5 7 % del totale azotato) Urea Creatina Creatinina Ammoniaca Aminoacidi Liberi (taurina)

45 LATTE DI BUONA QUALITA CASEARIA Contenuto elevato di R.S.M. / grasso / proteine Bassa carica microbica Assenza di patogeni Assenza di antibiotici basso tenore di cellule somatiche PH ottimale Rapporto Ca/ P favorevole

46 LATTE MASTITICO < caseine > proteine solubili ( > sieroalbumine e immunog. ) > livello di Na < livello di Ca > Ph (tendente ph 7) > attività proteolitica > cellule somatiche

47 Malattie metaboliche subcliniche Animali sotto stress: per eccessiva produzione eccessiva concentrazione azotata della razione producono latte caratterizzato da: > grasso < proteine > acetone ed urea quando il livello di N.P.N. supera la soglia di 1.5 g/l PROBLEMI di CASEIFICAZIONE

48 Problemi di caseificazione da > N.P.N. Coagulazione lenta Sineresi lenta Spurgo incompleto Odori sgradevoli Minore coesione della pasta Maggiore umidità dei formaggi (Formaggi che bagnano) Difetti di fragilità e sfoglia

49 CAGLIO di origine animale Bovino ; Caprino; Ovino; Principi attivi: miscela di chimosina (A-B-C) Pepsina, gastricsine, lipasi Pepsina bovina; Pepsina suina; Pepsina di pollo; Principio attivo : pepsina

50

51 CAGLIO di origine vegetale Estratto di cardo (cynara cardunculus) Estratto di gallio ( gallium verum) Estratto di fico ( ficus carica ) Estratto di papaia ( carica papaya) Principio attivo : miscela di enzimi proteolitici

52 CAGLIO di origine fungina Coagulante da mucor miehei ; Coagulante da mucor pusillus ; Coagulante da endothia parasitica ; Principio attivo : miscela di enzimi proteolitici

53 CAGLIO di origine genetica microbica Chimosina A da escherichia coli Chimosina B da aspergillus nidulans Chimosina B da kluyveromyces lactis Vietato in Italia per la produzione di formaggi tipici

54 COAGULAZIONE del latte ---- ENZIMI Fase primaria: distacco del glicopeptide dalla k caseina (Ph > 5 7 < ) (ottimale ph 6 circa) (t > 4 C - 45 C) (ottimale C ) il latte si presenta ancora liquido Fase secondaria : passaggio SOL presa GEL (t >15 C 65 C <) (Almeno 80 mg/litro di calcio ionico in soluz.) Catene di micelle formano una rete tridimensionale Fase terziaria: incremento dei legami intermicellari incremento consistenza coagulo contrazione coagulo SINERESI

55 COAGULAZIONE del latte ACIDITA Ph 5,2-5,3 inizio agglomerazione caseine (massimo effetto a ph 4,6 a t C; ph 5,2 a t 40 C a cui corrisponde il punto isoelettrico delle caseine) Al punto isoelettrico le caseine perdono quasi tutto il fosfato di calcio La coagulazione si effettua a temperature medie di 30 C Acidificazione rapida = coagulo fragile Acidificazione lenta = coagulo ben strutturato Tecnologia a due vie: Aggiunta di acidi fino a ph isoelettrico e riscaldamento lento Acidificazione fermentativa

56 COAGULAZIONE del latte calore Denaturazione struttura secondaria e terziaria delle sieroproteine ; Coagulazione di circa l 80% delle sieroproteine; NON partecipano i proteoso-peptoni; Parte delle sieroproteine a t > 70 C forma complessi con caseine (COPRECIPITATI) Tecnologia : - t - almeno 85 - tempo = almeno 5 minuti - aggiunta di acidi

57 Rottura della cagliata Sineresi e spurgo del coagulo Ruolo fondamentale: Regolare il contenuto di umidità Regolare il grado di mineralizzazione Regolare la delattosazione Che influenzano l andamento dei processi fermentativi

58 Salatura Ruolo fondamentale: Raggiungere Aw desiderato Aiutare per osmosi ulteriore spurgo Condensare la cagliata Rallentare lo sviluppo acido (frenare lattobacilli) Indurre lieve solubilizzazione delle proteine Impartire il gusto desiderato

59 Caseificazione: tecnologia di base FASE 1 = latte in caldaia t C formaggi microflora lattica mesofila t C formaggi- microflora lattica termofila FASE 2 = inoculo colture fermenti lattici 0,1% - 0,5% secondo il tipo di formaggio ed opportunità tecnologiche

60 FASE 3 = mantenimento in caldaia Fino a sviluppo dell acidità desiderata secondo il tipo di formaggio -- da pochi minuti a circa 12 ore FASE 4 = aggiunta coagulante e miscelazione Dosi variabili secondo tipologia di prodotto ed opportunità tecnologica ( forza del caglio, tipo di latte : pigro, poca caseina, bassa acidità ) FASE 5* = presa (*Controllo livello di Calcio e lattosio) 8-20 minuti dall aggiunta del caglio

61 FASE 6 = fermezza del coagulo Avviene in un tempo ~ doppio della presa FASE 7 = taglio cagliata Tempo individuato dal casaro Grandezza dei grani da 1 cm 5 cm circa FASE 8 = agitazione/sineresi Da pochi minuti a circa 1 ora

62 FASE 9 = cottura della cagliata Temperatura variabile in rapporto alla tolleranza dei ceppi batterici impiegati ( es. grana ) tempo determinato dal casaro FASE 10 = lavaggio della cagliata Rimozione 1/3 1/4 del siero Sostituzione con acqua a pari temperatura FASE 11 = estrazione della cagliata/formatura Al raggiungimento del giusto grado di fermezza

63 FASE 12 = stufatura (eventuale) a costanti Umidità 90% circa FASE 13 = pressatura 0,5 1 Kg / Kg di cagliata (formaggi morbidi) 2-10 Kg / Kg di cagliata (formaggi duri)

64 RESA DEL LATTE e QUANTITA DI REFLUI (formaggi a pasta filata) 1 quintale di latte bovino: Kg di formaggio 0,5-0,8 Kg di burro 2,5 3 kg di ricotta (resa 3-4 %) scotta 80 litri di siero burro da siero siero magro N.B. il siero magro è utile per alimentazione dei suini ma deve acidificare 24 h per diminuire il lattosio (si evitano disturbi gastroenterici )

65 RESA DEL LATTE e QUANTITA DI REFLUI (formaggi a pasta filata) 1 quintale di latte di bufala o pecora Kg di formaggio ~1 Kg di burro 70 litri Siero 4-5 kg di ricotta (resa 5-7 %) scotta

66 Acqua di filatura : acqua a C aggiunta alla cagliata matura In rapporto 1 : 1 per latte di vacca In rapporto 1,5 : 1 per latte di bufala una percentuale (< 1%) viene assorbita dalla cagliata la rimanente parte ( ricca in grasso, sali, lattosio, etc,) costituisce il liquido di filatura* *(dopo la filatura, l acqua viene ulteriormente lavorata)

67 LIQUIDO DI FILATURA EBOLLIZIONE SOSTA 24 h SOSTA 24 h SCREMATURA PER AFFIORAMENTO ACQUA BIANCA AGGIUNTA DI SIERO FRESCO SCREMATURA PANNA + 1% SALE ( Liquido di governo) % SALE ( salsetta per salare le mozzarelle *) *In alcune zone si preferisce salare in salamoia Bè ( per poche ore)

68

69 ADDITIVI DI USO FREQUENTE E 249--E250 Nitrito di K e Na E 251 E 252 Nitrato di Na e k E 300 Acido ascorbico E 301- E 303 Ascorbati di Na, K, Ca E 340 E 450 E 452 Fosfato di K ; Difosfati ; Polifosfati E 330 Acido citrico E 270 Acido lattico

70 E 234 Nisina E 235 Natamicina E 1105 Lisozima E 200 E 202 E 203 Acido sorbico Sorbato di K; S. di Ca E 235 Pimaricina

71 E 320 Butilidrossianisolo BHA E 321 Butilidrossitoluene BHT E 155 Bruno HT E 133 Blu brillante FCF E 129 Rosso allura AC E 120 Rosso Cocciniglia E 123 Amaranto E 160 Carotenoidi E 160b Annatto E 440 Pectine E 406 Agar E 407 Carragenine E 621 Glutammato monosodico VIETATI : - Perossido di benzoile - Formalina

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli

IL LATTE. Industria lattiero casearia

IL LATTE. Industria lattiero casearia Industria lattiero casearia Il latte. Conservazione del latte. Crema e burro. Formaggio IL LATTE L industria lattiero casearia prepara il latte per il consumo diretto oppure lo trasforma in burro o formaggio.

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle.

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle. Referente Email Matelica 5 Stelle info@matelica5stelle.it Data revisione 3.10.2011 1 : salute, sapore, ambiente e risparmio Secondo una stima di Coldiretti i distributori di latte crudo sul territorio

Dettagli

Formaggi di tipo Grana:

Formaggi di tipo Grana: Formaggi di tipo Grana: Qualità del latte ed idoneità della caseificazione sui risultati produttivi Sermide (MN), 7 giugno 2013 Prof. Gian Battista Castagnetti Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari

Dettagli

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti ANALISI del LATTE Le centrali del latte e gli stabilimenti di trattamento sono dotati di laboratorio in cui viene analizzato il latte in entrata ed il latte in uscita. Le analisi devono: Comunque, come

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Prodotto della maturazione della cagliata, ottenuta mediante coagulazione acida o presamica del latte intero, totalmente o parzialmente scremato, o della

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO

LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO Katia Stradiotto Tecnico Specialista Qualità Latte e Caseificazione LATTE (AFFIORAMENTO) MATURAZIONE COAGULAZIONE LAVORI IN CALDAIA FASI DI LAVORAZIONE DI UN FORMAGGIO -rottura

Dettagli

L L AT A TE DEFINIZIONI

L L AT A TE DEFINIZIONI IL LATTE DEFINIZIONI Dal punto di vista merceologico, il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa e ininterrotta della mammella di bovine che si trovino in buono stato di salute e di nutrizione

Dettagli

IL LATTE. Caratteri chimico-fisici e composizione chimica qualitativa del latte.

IL LATTE. Caratteri chimico-fisici e composizione chimica qualitativa del latte. IL LATTE E il secreto della ghiandola mammaria delle femmine di animale in buono stato di salute e di nutrizione, ottenuto da una completa mungitura, escludendo la secrezione detta colostro, avente determinate

Dettagli

Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione;

Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione; LATTE Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione; quando non sia altrimenti specificato, si tratta di latte

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Il recepimento della Direttiva Comunitaria n. 43/93 sull igiene dei prodotti alimentari ha introdotto il principio dell autocontrollo, da parte delle

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

Composizione del latte

Composizione del latte Secondo il RD 9/5/1929 «Il latte è un liquido alimentare, ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione.» 1 Il latte rappresenta una delle

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

La chimica negli alimenti

La chimica negli alimenti La chimica negli alimenti Come rendere attuale una materia astratta e far divertire i ragazzi Daniela Tofani 1 Chimica laboratoriale Alto contenuto didattico Ampio spazi di discussione con gli studenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

Trattamenti industriali e rintracciabilità

Trattamenti industriali e rintracciabilità Il Divulgatore n 4/2009 LATTE ALIMENTARE Trattamenti industriali e rintracciabilità Pastorizzazione, microfiltrazione, sterilizzazione Un excursus sui trattamenti cui è sottoposto il latte alimentare,

Dettagli

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Il latte A seguito del parto si ha la produzione del colostro Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Nel giro di pochi giorni il colostro si trasforma in latte

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE BEVANDE ESTRATTE DA SEMI O CEREALI - Latte di soya - Latte di riso - Latte di mandorla, di cocco, Prodotti ottenuti da processi di estrazione con soluzioni acquose delle materie

Dettagli

Globuli circondati da membrana. Il grasso tende ad affiorare (crema) L agitazione danneggia la membrana

Globuli circondati da membrana. Il grasso tende ad affiorare (crema) L agitazione danneggia la membrana o Acqua o Grassi o Proteine o Un carboidrato (Lattosio) o Sali minerali o Vitamine o Enzimi Latte Proteine Caseina Proteine del siero Zucchero Lipidi Ceneri Umano 0.9 (1.6) 0.4 0.5 7.1 4.5 0.2 Bovino 3.2

Dettagli

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI OCCORRENTI ALLA FONDAZIONE DON MOZZATTI D APRILI PER LA DURATA DI TRE ANNI DALLA DATA DI AGGIUDICAZIONE. CIG - 6478550C93 All.

Dettagli

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca.

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. IL Burro Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. Il burro si può considerare un concentrato della frazione

Dettagli

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista BREGANZE 16.12.2010 ORIGINE DEI COMPONENTI DEL LATTE IL LATTE INTERO

Dettagli

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Il problema della conservazione degli alimenti è di enorme importanza per ragioni economiche, geografiche, politiche, climatiche, per l incremento

Dettagli

3. LATTE E LATTICINI Proteine.

3. LATTE E LATTICINI Proteine. 3. LATTE E LATTICINI Dal punto di vista legale per latte alimentare si intende: il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione.

Dettagli

DAL LATTE AL FORMAGGIO

DAL LATTE AL FORMAGGIO DAL LATTE AL FORMAGGIO Prof. Gian Battista Castagnetti 24 novembre 2010 Repubblica di San Marino Produzione ed utilizzazione latte in Italia fonte CLAL, 2008 Produzione latte bovino ( x 1.000 Ton) 11.286

Dettagli

Pasini Gabriella Università Padova

Pasini Gabriella Università Padova Pasini Gabriella Università Padova In Italia l evoluzione storica più recente dei consumi di latte alimentare passa attraverso periodi contrassegnati da importanti evoluzioni tecnologiche. PERIODO DEL

Dettagli

CONSERVAZIONE CON IL CALORE

CONSERVAZIONE CON IL CALORE CONSERVAZIONE CON IL CALORE AZIONE DELLE ALTE TEMPERATURE Enzimi Microrganismi Fattori che determinano la termoresistenza dei microrganismi Natura intrinseca del microrganismo Caratteristiche dell alimento

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Alta Qualità Terra di San Marino è riservata al latte fresco intero pastorizzato che rispetta le condizioni

Dettagli

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia Il Latte http://www.unibs.it/sites/default/files/ricerca/allegati/agrifood%20lab%20notte%

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I LATTICINI I prodotti derivati dal latte sono : i formaggi, la panna, il burro e lo yogurt FORMAGGIO Il formaggio, è il prodotto ottenuto dalla coagulazione acida o presamica

Dettagli

Progetto: ARIA DI MOLISE (DDG N 116 del 05.10.11)

Progetto: ARIA DI MOLISE (DDG N 116 del 05.10.11) Programma dii Sviilluppo Ruralle delllla Regiione Molliise 2007//2013 Pubblicazione bando attuativo Misura 1.2.4 2007/2013.( DDG n 595 del 8 Ottobre 2010) CUP D37E11000170007 Progetto: ARIA DI MOLISE (DDG

Dettagli

Il Latte e l'industria lattiero casearia

Il Latte e l'industria lattiero casearia Il Latte e l'industria lattiero casearia Industria lattiero-casearia L industria lattiero-casearia prepara il latte per il consumo diretto oppure lo trasforma in burro o formaggio. Dalla lavorazione del

Dettagli

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI TERMINOLOGIA MERCEOLOGICA Uova Uova in guscio di gallina, di anatra, di oca, di tacchina, di gallina faraona e di quaglia, adatte al consumo umano o all utilizzazione

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE

PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE Senza zucchero (saccarosio): con edulcoranti, senza aspartame. Senza grassi:

Dettagli

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA Testi a cura di: Chiara Musella, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Il latte: cos è e come si forma? Il latte

Dettagli

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Pasta sfoglia magra Pasta sfoglia classica Pasta sfoglia inversa Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Giambattista Montanari Ingredienti pasta sfoglia Farina Malto Materia grassa Burro, margarina, Liquidi

Dettagli

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Le uova Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Acqua Proteine Lipidi Albume Tuorlo Albume Tuorlo Tuorlo Uovo da 60g 87.7 53.5 10.7 15.8 29.1 I lipidi del tuorlo sono costituiti da trigliceridi,

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE CASEARIA SU PICCOLA SCALA

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE CASEARIA SU PICCOLA SCALA LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE CASEARIA SU PICCOLA SCALA Giovanni Cabassi Salvatore Francolino Stefania Barzaghi Tiziana M.P. Cattaneo Progetto MIERI: Miniaturizzazione e semplificazione di linee di

Dettagli

Proposta di riconoscimento della denominazione di origine protetta "Casatella Trevigiana"

Proposta di riconoscimento della denominazione di origine protetta Casatella Trevigiana MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI COMUNICATO Proposta di riconoscimento della denominazione di origine protetta "Casatella Trevigiana" (G.U.R.I. 19-02-2003, n. 41) Il Ministero delle politiche

Dettagli

UNITà 11 la conservazione degli alimenti

UNITà 11 la conservazione degli alimenti unità La conservazione degli alimenti I termini e i concetti fondamentali 1 cause dell alterazione degli alimenti e metodi di conservazione Le trasformazioni a cui vanno incontro gli alimenti freschi li

Dettagli

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto L ETICHETTA ALIMENTARE Carta d identità del prodotto Alcune informazioni sono obbligatorie e regolamentate per legge e sono molto utili per la sicurezza alimentare Altre sono facoltative o complementari

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Caprini de la Bergamasca è riservato esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

Le principali caratteristiche del latte sono la presenza di proteine,lipidi e l apporto di significative quantità di calcio e fosforo.

Le principali caratteristiche del latte sono la presenza di proteine,lipidi e l apporto di significative quantità di calcio e fosforo. Le principali caratteristiche del latte sono la presenza di proteine,lipidi e l apporto di significative quantità di calcio e fosforo. Contenuti Proteine Lipidi Glucidi Sostanze minerali IL LATTE INTERO

Dettagli

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP Descrizione Formaggio semigrasso, a pasta dura, cotta ed a lenta maturazione, prodotto con coagulo ad acidità di fermentazione, dal latte crudo di vacca, proveniente da

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

Igiene degli alimenti

Igiene degli alimenti Igiene degli alimenti L'igiene degli alimenti si prefigge la conservazione delle caratteristiche intrinseche di un alimento e di assicurarne l innocuità ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE IL LATTE Glucidi; Acqua;

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI Agosto 2011 Rev. 1.01 Dr. F. Appendino Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax

Dettagli

Programmi di prerequisito, analisi generale dei pericoli igienico-sanitari e dei difetti tecnologici

Programmi di prerequisito, analisi generale dei pericoli igienico-sanitari e dei difetti tecnologici STUDIO DEI SISTEMI DI PREVENZIONE DEL RISCHIO IGIENICO E DEI DIFETTI TECNOLOGICI APPLICABILI AI PAT CASEARI E DI SALUMERIA DELLA PROVINCIA DI TORINO Parte A Programmi di prerequisito, analisi generale

Dettagli

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter Modificazioni microbiologiche negli insaccati Dr. Mauro Conter 1 Salame: definizione 2 secondo il DM 21/09/2005 (MIPAF) il salame è: prodotto di salumeria costituito da carni ottenute da muscolatura striata

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini Cod. EM6U4 Prove di stabilità dei Vini Test di tenuta all aria Operazione: Prelevare 1 bicchiere di vino da testare; lasciare all aria per 12 24 ore; Vino limpido, quasi invariato, senza depositi; giudizio:

Dettagli

Latte e caseificazione. Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano

Latte e caseificazione. Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano Latte e caseificazione Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano Le principali filiere di lavorazione del latte Regolamento (CE) N. 853/2004 che stabilisce norme specifiche in materia di

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE LABORATORIO CHIMICO PROVE DI LABORATORIO SU CAMPIONI DI OLIO VEGETALE ( ) acidità totale ( ) analisi spettrofotometrica UV (DK) ( ) numero perossidi analisi degli esteri metilici degli acidi grassi idrocarburi

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

2.4 Il latte. Obiettivi specifici

2.4 Il latte. Obiettivi specifici MODULO 2 ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE UNITÀ 2.4 Il latte mp3 Interrogazioni simulate Trascrizioni in fondo al libro Obiettivi specifici Conoscere la definizione merceologica del latte. Conoscere la composizione

Dettagli

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE COS È UN MINICASEIFICIO Sistema di trasformazione sufficiente per il latte di produzione

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino L ormai rodato sistema di controllo del latte, attivo da oltre trent anni, ha dato negli anni una decisiva spinta al miglioramento

Dettagli

CONSERVAZIONE E COTTURA DEGLI ALIMENTI:

CONSERVAZIONE E COTTURA DEGLI ALIMENTI: : NORME HACCP E NUTRIZIONE, IL DIFFICILE EQUILIBRIO TRA DIETE PERONALIZZATE, INTEGRAZIONE ALIMENTARE, PROBLEMI DI DEGLUTIZIONE E GESTIONE DEI PASTI IN STRUTTURA EMILIA REDA CIBO E INVECCIAMENTO Viterbo,

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

Il Latte. Informazione&Zootecnia

Il Latte. Informazione&Zootecnia ARA Umbria Informazione&Zootecnia: IL LATTE ARA UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Il Latte A.R.A. Umbria Associazione Regionale Allevatori dell Umbria SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi,

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare PRODOTTI CASEARI CONFINDUSTRIA CUNEO Sportello Alimentare Corso Dante 51 - Cuneo Rif.: d.ssa Elisabetta Nocera 31.12.2013 Revisione 1 TELEFONO 0171 455408

Dettagli

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1 I FORMAGGI Utili o dannosi? 18/06/12 1 Dal latte al formaggio Bisogna tener presente che il formaggio è un alimento totalmente diverso dal latte, sia per le caratteristiche nutrizionali, sia per l azione

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come:

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come: IL LATTE CRUDO Il latte crudo può essere definito come: «Latte prodotto mediante secrezione della ghiandola mammaria di vacche, pecore, capre e bufale, non sottoposto ad una temperatura superiore a 40

Dettagli

Pesce al mercurio, carne alla diossina,

Pesce al mercurio, carne alla diossina, Pesce al mercurio, carne alla diossina, latte contaminato con inchiostro, mozzarelle blu, verdura e frutta con pesticidi: ma allora cosa possiamo mangiare? Martedì 16 ottobre 2012 Dr.ssa Vera Merzario

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

Introduzione Con il latte / senza il latte

Introduzione Con il latte / senza il latte Introduzione Con il latte / senza il latte è un modulo didattico del curriculum MaestraNatura, un programma sperimentale di educazione alimentare attraverso il cibo. Obiettivo del modulo è permettere ai

Dettagli

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE:

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE: YOGURT di FATTORIA Latte di vacca, fermenti lattici Il latte, di provenienza aziendale, viene pastorizzato secondo le previsioni della normativa vigente; dopo un'idonea fase di raffreddamento del latte

Dettagli