TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1. Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari"

Transcript

1 TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1 Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari

2 LATTE: COMPOSIZIONE MEDIA % 4% 3% 1% 5% Acqua Glucidi Lipidi Protidi Sali minerali 87%

3 Il latte prodotto da diversi animali vacca pecora capra bufala donna Acqua% 87,5 81,3 86,9 84, Grasso% 3,6-4,5 4,5-7,5 3,7-4,3 7-9,6 3.8 Proteine% 2,8-3,3 4,6-6 3,1-4,5 3,5-5,7 1.6 Lattosio% 4,9 4,1 4,3 4,8 6.5

4 Soluzione vera Soluzione colloidale glucidi, sali minerali, vitamine, gas protidi, fosfati Emulsione Sospensione grassi, vitamine liposolubili cellule, microrganismi

5 COSTANTI DEL LATTE (vaccino) Ph: 6,6-6,8 Punto di congelamento:-0,520; -0,565 C Punto di ebollizione: Residuo secco magro: >8,50% Peso specifico (a 15 C): 1,028; 1,033 g/ml

6 crema crema crema Siero di latte Coagulo Coagulo Latte scremato Latte crudo

7 Composizione media del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) ACQUA LIPIDI PROTEINE 87,1 3,8 3,31 TRIGLICERIDI: DI e MONOGLICERIDI 1,452 FOSFOLIPIDI (lecitine etc.) 0,6-0,8 CASEINE ( SIEROPROTEINE 18 LATTOGLOBULINA 8 LATTALBUMINA 4 PROTEOSO-PEPTONI 3,5 IMMUNOGLOBULINE 1,6 SIERO ALBUMINE 0,9 AZOTO NON PROTEICO 6

8 Composizione del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) LATTOSIO SALI 5,06 0,73 K2O; Na2O; CaO; MgO Fe; Cu; Zn; Mn. Tracce di Al; Co;. basi PIGMENTI VITAMINE P2O5; Cl; SO3 Acido citrico acidi I; F; Li Caroteni, xantofille, riboflavine Liposolubili: A; D; E; K Idrosolubili: C; B1;B2; B6;B12; niacina biotina; inositolo; colina; acido p.ammino benzoico

9 Composizione del latte vaccino Classe % nel latte Costituenti (% di ogni classe) ENZIMI Aldolasi, amilasi, lipasi, esterasi, catalasi, perossidasi, fosfatasi alcalina., fosfatasi acida, lisozima, lattasi etc. VARI GAS, CO2, N2, O2, Urea, Ammoniaca etc., Costituenti e frammenti cellulari, Leucociti, Batteri

10 Immediatamente dopo la mungitura, è necessaria la refrigerazione, che limita la moltiplicazione microbica (30 C 4 C nel minor tempo possibile). La conservazione a 4 C non deve perdurare per molto tempo (24/36 h) data la possibilità di sviluppo di flora psicrotrofa (Pseudomonas, Enterobacter, Flavobacter)

11 Termizzazione - pastorizzazione <68 C x 15 = termizzazione (fosfatasi + ) >71,7 x 15,5 = Pastorizzazione alta o HTST (fosfatasi -) >85 C x 14 = flash pasteurization (fosfatasi -) >135 C x 1 = trattamento UHT (fosfatasi e perossidasi -)

12 Sterilizzazione a 2 stadi (latte autoclavato) 130 C per pochi secondi, poi omogeneizzato, imbottigliato e sottoposto ad un nuovo trattamento di sterilizzazione ( C per minuti). Shelf-life di 180 gg. UHT fino a C per pochi secondi (Tale metodo può essere di tipo diretto o indiretto a seconda che il prodotto sia o meno a contatto diretto col vapore) a cui segue il confezionamento in sterilità. Shelf-life di 90 gg.

13 175 LATTOSIO: COMPORTANENTO ALLE ALTE TEMPERATURE : imbrunisce - caramellizza > 150 C : ingiallisce > 90 C C < = perde acqua di cristallizzazione ESOSO (glucosio o galattosio) 3 H2O IDROSSIMETILFURFUROLO ACIDO FORMICO + ACICO LEVULONICO Odore pungente Sapore sgradevole

14 LATTOSIO : REAZIONE DI MALLARD CHO + NH2 (gruppo aldeidico zucchero + gruppo aminico proteina) BASE DI SCHIFF ( fortemente instabile) PRODOTTI DI AMADORI ( più stabile ma ancora reattivo) disidratazione e combinazione con altre molecole AGE (advanced glycosilation end product) COLORE BRUNO - GIALLO AMBRATO

15 LATTOSIO : COMPORTAMENTO ALLE BASSE TEMPERATURE NELLE FAS I DI SCONGELAMENTO CRISTALLIZZA NELLA FASE LIQUIDA, DA CUI : ABBASSAMENTO DELL Aw e SEQUESTRO DEL CALCIO DIMINUZIONE DEL ph ( da 6,7 a circa ~ 5,8 ) Destabilizzazione delle caseine

16 FUROSINA Composto sempre presente nelle prime fasi della reazione di Mallard; Svela l uso di latte in polvere in latticini e cagliate (HPLC) ; VALORI LIMITI ( solo per prodotti ITALIANI) Latte pastorizzato = 8,6 mg/100g sost. proteica Formaggi a pasta filata= 12 mg/100g sost. proteica Specialità tradiz. Garantite = 10 mg/100g

17

18 Latte Latte alta digeribilità

19 LATTOSIO Fermentazione lattica C12H22O11 (lattosio) + H2O 2 C6H12O6 (glucosio + galattosio) 4 CH3CHOHCOOH ( ac. Lattico)

20 LATTOSIO Fermentazione alcolica (si accompagna sempre alla fermentazione lattica) C12H22O11 (lattosio) + H2O 2 C6H12O6 (glucosio + galattosio) 4 CH3CH2OH (alcool etilico) + 4 CO2

21

22

23

24 LATTOSIO : Fermentazione propionica ( segue la fermentazione lattica) 3 CH3CHOHCOOH (acido lattico) 2 CH3CH2COOH + CH3COOH + CO2 + H2O ( ac. Propionico) (ac. acetico)

25

26 Fermentazione butirrica (Segue la fermentazione lattica) 2 CH3CHOHCOOH ( ac. Lattico ) CH3CH2CH2COOH (ac. Butirrico) + 2 CO2 + 2 H2

27

28

29

30

31

32 GLOBULI DI GRASSO Doppio strato lipidico Monostrato elettrondenso Core di trigliceridi La particolare struttura della membrana permette ai globuli lipidici, per loro natura idrofobi, di dimorare in una soluzione acquosa sottoforma di emulsione; inoltre, la presenza della membrana garantisce ai trigliceridi protezione dalla lipolisi da parte delle lipasi del latte

33 PRINCIPALI COSTITUENTI DEL GRASSO Trigliceridi (97-98%) fosfolipidi colesterolo carotenoidi acidi grassi liberi glicolipidi.

34 GRASSI IRRANCIDIMENTO LIPOLITICO: causato da enzimi lipolitici presenti nel latte o di microrganismi; effetti sull aroma e sul sapore non facilmente prevedibili; IRRANCIDIMENTO CHETONICO (irrancidimento profumato): Provocata da muffe (penicillum), batteri o lieviti. produttori di BETA OSSIDASI che attacca acidi grassi liberi (C6 C12) originati da precedente irrancidimento lipolitico conferisce tipico aroma ai formaggi erborinati IRRANCIDIMENTO OSSIDATIVO: Causato da assorbimento di ossigeno a carico degli ac. grassi insaturi con formazione iniziale di idroperossidi che originano sostanze volatili quali aldeidi e chetoni

35 CASEINE ( 25g / LITRO) 14 n micelle = c.a 10 ml = superficie reattiva 4 mq/ ml ALFA= fosfoproteina ( 199 aa + 8 gruppi fosfati ) alfa S1- S2- S3 (elettroforesi caratterristica di specie) BETA= fosfoproteina ( 209 aa + 5 gruppi fosfati ) velocità elettroforetica simile tra latte di specie diverse GAMMA= frammento della BETA (troncone terminale dall aa 29 all aa 209 ) KAPPA= fosfoglicoproteina ( 169 aa + 1 gruppo fosfatico + 5 gruppi glucidici ) sensibile alla chimosina sul legame aa 105 aa 106 (fenilalanina --- metionina)

36 Core idrofobico CMP Superficie ricca di -caseina Gruppo Ca 9 (PO 4 ) 6

37 CASEINE: latte con caseina k B = coagula in tempi ottimali e dà luogo a un coagulo che rassoda velocemente ed è facile da lavorare latte con caseina k A = coagulazione e rassodamento rallentati

38 Consistenza e velocità di rassodamento del coagulo in funzione delle varianti genetiche della k - caseina AA AB BB velocità consistenza consistenza velocità

39

40 CASEINE Formano micelle (struttura quaternaria) Hanno elevato peso molecolare Flocculano al punto isoelettrico: - ph 4,6 a 20 C - ph 5,2 a 40 C Coagulano per azione enzimatica

41 SIEROPROTEINE ( 7g. / litro ) 17% del totale azotato Beta lattoglobulina Alfa lattoglobulina Sieroalbumina Globuline Proteoso-peptoni Metalloproteine

42 SIEROPROTEINE : differenza con le caseine Ricche di aa. Solforati non contengono fosforo Minor peso molecolare Non precipitano al punto isoelettrico ( PH 6 ) Non presenti come micelle Si presentano come monomeri o polimeri Precipitano per riscaldamento intenso o salatura Non precipitano per azione enzimatica

43 Sieroproteine : comportamento al calore Rottura di ponti S-S formazione gruppi SH formazione H2S ( odore/ sapore di cotto ) Interazione K caseina beta lattoglobulina per formazione di ponti S-S Ostacolo all azione del caglio ( Il latte riscaldato coagula meno bene del crudo )

44 N.P.N. (SOSTANZE AZOTATE NON PROTEICHE) (5 7 % del totale azotato) Urea Creatina Creatinina Ammoniaca Aminoacidi Liberi (taurina)

45 LATTE DI BUONA QUALITA CASEARIA Contenuto elevato di R.S.M. / grasso / proteine Bassa carica microbica Assenza di patogeni Assenza di antibiotici basso tenore di cellule somatiche PH ottimale Rapporto Ca/ P favorevole

46 LATTE MASTITICO < caseine > proteine solubili ( > sieroalbumine e immunog. ) > livello di Na < livello di Ca > Ph (tendente ph 7) > attività proteolitica > cellule somatiche

47 Malattie metaboliche subcliniche Animali sotto stress: per eccessiva produzione eccessiva concentrazione azotata della razione producono latte caratterizzato da: > grasso < proteine > acetone ed urea quando il livello di N.P.N. supera la soglia di 1.5 g/l PROBLEMI di CASEIFICAZIONE

48 Problemi di caseificazione da > N.P.N. Coagulazione lenta Sineresi lenta Spurgo incompleto Odori sgradevoli Minore coesione della pasta Maggiore umidità dei formaggi (Formaggi che bagnano) Difetti di fragilità e sfoglia

49 CAGLIO di origine animale Bovino ; Caprino; Ovino; Principi attivi: miscela di chimosina (A-B-C) Pepsina, gastricsine, lipasi Pepsina bovina; Pepsina suina; Pepsina di pollo; Principio attivo : pepsina

50

51 CAGLIO di origine vegetale Estratto di cardo (cynara cardunculus) Estratto di gallio ( gallium verum) Estratto di fico ( ficus carica ) Estratto di papaia ( carica papaya) Principio attivo : miscela di enzimi proteolitici

52 CAGLIO di origine fungina Coagulante da mucor miehei ; Coagulante da mucor pusillus ; Coagulante da endothia parasitica ; Principio attivo : miscela di enzimi proteolitici

53 CAGLIO di origine genetica microbica Chimosina A da escherichia coli Chimosina B da aspergillus nidulans Chimosina B da kluyveromyces lactis Vietato in Italia per la produzione di formaggi tipici

54 COAGULAZIONE del latte ---- ENZIMI Fase primaria: distacco del glicopeptide dalla k caseina (Ph > 5 7 < ) (ottimale ph 6 circa) (t > 4 C - 45 C) (ottimale C ) il latte si presenta ancora liquido Fase secondaria : passaggio SOL presa GEL (t >15 C 65 C <) (Almeno 80 mg/litro di calcio ionico in soluz.) Catene di micelle formano una rete tridimensionale Fase terziaria: incremento dei legami intermicellari incremento consistenza coagulo contrazione coagulo SINERESI

55 COAGULAZIONE del latte ACIDITA Ph 5,2-5,3 inizio agglomerazione caseine (massimo effetto a ph 4,6 a t C; ph 5,2 a t 40 C a cui corrisponde il punto isoelettrico delle caseine) Al punto isoelettrico le caseine perdono quasi tutto il fosfato di calcio La coagulazione si effettua a temperature medie di 30 C Acidificazione rapida = coagulo fragile Acidificazione lenta = coagulo ben strutturato Tecnologia a due vie: Aggiunta di acidi fino a ph isoelettrico e riscaldamento lento Acidificazione fermentativa

56 COAGULAZIONE del latte calore Denaturazione struttura secondaria e terziaria delle sieroproteine ; Coagulazione di circa l 80% delle sieroproteine; NON partecipano i proteoso-peptoni; Parte delle sieroproteine a t > 70 C forma complessi con caseine (COPRECIPITATI) Tecnologia : - t - almeno 85 - tempo = almeno 5 minuti - aggiunta di acidi

57 Rottura della cagliata Sineresi e spurgo del coagulo Ruolo fondamentale: Regolare il contenuto di umidità Regolare il grado di mineralizzazione Regolare la delattosazione Che influenzano l andamento dei processi fermentativi

58 Salatura Ruolo fondamentale: Raggiungere Aw desiderato Aiutare per osmosi ulteriore spurgo Condensare la cagliata Rallentare lo sviluppo acido (frenare lattobacilli) Indurre lieve solubilizzazione delle proteine Impartire il gusto desiderato

59 Caseificazione: tecnologia di base FASE 1 = latte in caldaia t C formaggi microflora lattica mesofila t C formaggi- microflora lattica termofila FASE 2 = inoculo colture fermenti lattici 0,1% - 0,5% secondo il tipo di formaggio ed opportunità tecnologiche

60 FASE 3 = mantenimento in caldaia Fino a sviluppo dell acidità desiderata secondo il tipo di formaggio -- da pochi minuti a circa 12 ore FASE 4 = aggiunta coagulante e miscelazione Dosi variabili secondo tipologia di prodotto ed opportunità tecnologica ( forza del caglio, tipo di latte : pigro, poca caseina, bassa acidità ) FASE 5* = presa (*Controllo livello di Calcio e lattosio) 8-20 minuti dall aggiunta del caglio

61 FASE 6 = fermezza del coagulo Avviene in un tempo ~ doppio della presa FASE 7 = taglio cagliata Tempo individuato dal casaro Grandezza dei grani da 1 cm 5 cm circa FASE 8 = agitazione/sineresi Da pochi minuti a circa 1 ora

62 FASE 9 = cottura della cagliata Temperatura variabile in rapporto alla tolleranza dei ceppi batterici impiegati ( es. grana ) tempo determinato dal casaro FASE 10 = lavaggio della cagliata Rimozione 1/3 1/4 del siero Sostituzione con acqua a pari temperatura FASE 11 = estrazione della cagliata/formatura Al raggiungimento del giusto grado di fermezza

63 FASE 12 = stufatura (eventuale) a costanti Umidità 90% circa FASE 13 = pressatura 0,5 1 Kg / Kg di cagliata (formaggi morbidi) 2-10 Kg / Kg di cagliata (formaggi duri)

64 RESA DEL LATTE e QUANTITA DI REFLUI (formaggi a pasta filata) 1 quintale di latte bovino: Kg di formaggio 0,5-0,8 Kg di burro 2,5 3 kg di ricotta (resa 3-4 %) scotta 80 litri di siero burro da siero siero magro N.B. il siero magro è utile per alimentazione dei suini ma deve acidificare 24 h per diminuire il lattosio (si evitano disturbi gastroenterici )

65 RESA DEL LATTE e QUANTITA DI REFLUI (formaggi a pasta filata) 1 quintale di latte di bufala o pecora Kg di formaggio ~1 Kg di burro 70 litri Siero 4-5 kg di ricotta (resa 5-7 %) scotta

66 Acqua di filatura : acqua a C aggiunta alla cagliata matura In rapporto 1 : 1 per latte di vacca In rapporto 1,5 : 1 per latte di bufala una percentuale (< 1%) viene assorbita dalla cagliata la rimanente parte ( ricca in grasso, sali, lattosio, etc,) costituisce il liquido di filatura* *(dopo la filatura, l acqua viene ulteriormente lavorata)

67 LIQUIDO DI FILATURA EBOLLIZIONE SOSTA 24 h SOSTA 24 h SCREMATURA PER AFFIORAMENTO ACQUA BIANCA AGGIUNTA DI SIERO FRESCO SCREMATURA PANNA + 1% SALE ( Liquido di governo) % SALE ( salsetta per salare le mozzarelle *) *In alcune zone si preferisce salare in salamoia Bè ( per poche ore)

68

69 ADDITIVI DI USO FREQUENTE E 249--E250 Nitrito di K e Na E 251 E 252 Nitrato di Na e k E 300 Acido ascorbico E 301- E 303 Ascorbati di Na, K, Ca E 340 E 450 E 452 Fosfato di K ; Difosfati ; Polifosfati E 330 Acido citrico E 270 Acido lattico

70 E 234 Nisina E 235 Natamicina E 1105 Lisozima E 200 E 202 E 203 Acido sorbico Sorbato di K; S. di Ca E 235 Pimaricina

71 E 320 Butilidrossianisolo BHA E 321 Butilidrossitoluene BHT E 155 Bruno HT E 133 Blu brillante FCF E 129 Rosso allura AC E 120 Rosso Cocciniglia E 123 Amaranto E 160 Carotenoidi E 160b Annatto E 440 Pectine E 406 Agar E 407 Carragenine E 621 Glutammato monosodico VIETATI : - Perossido di benzoile - Formalina

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione Quaderni della ricerca N. 132 - Giugno 2011 Sperimentazione condotta nell ambito del progetto di ricerca I formaggi DOP valtellinesi:

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

ZEPPA G. Università degli Studi di Torino I trattamenti di sanitizzazione del latte ZEPPA G. Università degli Studi di Torino I prodotti forniti al consumatore in cui il latte viene fornito per quanto possibile integro nelle sue caratteristiche

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA FORMAGGELLA DEL LUINESE

LA FORMAGGELLA DEL LUINESE LA FORMAGGELLA DEL LUINESE CENNI STORICI Testimonianze storiche comprovano come la formaggella di capra sia da sempre presente nella tradizione gastronomica dell Alto Varesotto, a partire da la nota della

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI IT 12.11.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 295/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1129/2011 DELLA COMMISSIONE dell 11 novembre 2011 che modifica l'allegato II del regolamento

Dettagli

Composizione di formaggi DOP italiani

Composizione di formaggi DOP italiani Composizione di formaggi DOP italiani Manzi P., Marconi S., Di Costanzo M.G., Pizzoferrato L. Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina 546, 00178 Roma Tel. +3906514941

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA 01 cover Dossier Latte 4-12-2007 17:33 Pagina 2 LOMBARDIA verde Tiratura 500.000 copie Dossier Quell oro bianco chiamato latte Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli