FATTORI DELLA COAGULAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTORI DELLA COAGULAZIONE"

Transcript

1 FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico. Vengono indicati, nella corrente nomenclatura, con numeri romani, attribuiti secondo l ordine cronologico di scoperta e non hanno alcun rapporto con la sequenza di reazioni della cascata coagulativa. Il numero indica il Fattore presente nel plasma in forma di precursore inattivo, la presenza dopo il numero della lettera a indica la forma attiva. Il Fattore VI non esiste. Vengono classificati in tre categorie in base al loro ruolo funzionale: PROTEINE ENZIMATICHE (Protrombina, Fattori VII, IX, X, XI, XII e Proteina C): si tratta di serin-proteasi Vit. K dipendenti che circolano in forma di precursori inattivi (zimogeni) che, una volta attivati, agiscono sul fattore successivo attivandolo. La famiglia enzimatica delle serinproteasi comprende, oltre ai suddetti Fattori, anche enzimi coinvolti in altri processi fisiologici quali la digestione e la risposta immunitaria. COFATTORI ENZIMATICI (Fattori V e VIII, e Proteina S): coadiuvano taluni Fattori attivati aumentando la cinetica di reazione. PROTEINE STRUTTURALI (Fibrinogeno e Fattore di Von Willebrand - vedi). Classicamente la cascata coagulativa può essere attivata attraverso due vie: la Via Intrinseca e la Via Estrinseca. In condizioni fisiologiche è la Via Estrinseca la più importante. Entrambe queste vie convergono nella Via Comune che porta alla formazione del reticolo di Fibrina. La Via Intrinseca inizia per attivazione del Fattore XII da parte di numerose sostanze (vedi Fattore XII). La Via Estrinseca inizia per liberazione del Fattore III (o Fattore Tissutale) da parte dei vasi lesionati, tessuti necrotici, ecc. Viene qui di seguito riportato l elenco dei Fattori della coagulazione e uno schema riassuntivo della cascata coagulativa. FATTORI DELLA COAGULAZIONE: FATTORE I FIBRINOGENO FATTORE II PROTROMBINA FATTORE III FATTORE TISSUTALE TROMBOPLASTINA TISSUTALE FATTORE IV 2+ FATTORE V PROACCELERINA FATTORE LABILE FATTORE VII PROCONVERTINA FATTORE STABILE FATTORE VIII FATTORE VIII COMPLEX FATTORE ANTIEMOFILICO A FATTORE IX FATTORE DI CHRISTMAS FATTORE ANTIEMOFILICO B Componente Plasmatico della Tromboplastina (PTC) FATTORE X FATTORE DI STUART (o STUART-PROWER) AUTOPROTROMBINA III FATTORE XI FATTORE ANTIEMOFILICO C Antecedente Plasmatico della Tromboplastina (PTA) FATTORE XII FATTORE DI HAGEMAN FATTORE XIII FATTORE DI LAKI-LORAND FATTORE STABILIZZANTE LA FIBRINA PRECALLICREINA FATTORE DI FLETCHER CHININOGENO FATTORE DI FITZGERALD PROTEINA C PROTEINA S XII HMWK PK VIA INTRINSECA Superficie negativa XI Attivazione del Fattore indicato XIIa IX LA CASCATA COAGULATIVA XIa X VIA COMUNE IXa VIIIa Fosfolipidi II Xa Va Fosfolipidi VIA ESTRINSECA Fattore III o Fattore Tissutale o Tromboplastina Tissutale Fibrinogeno VIIa X IIa (Trombina) XIIIa FIBRINA VII

2 FATTORE I FIBRINOGENO Il Fibrinogeno (o Fattore I della coagulazione) è una glicoproteina (3-5% di carboidrati, ac. Sialico, esosi ed esosamine) con peso molecolare di Dalton sintetizzata a livello epatico. Strutturalmente forma un dimero simmetrico costituito da tre paia di catene peptidiche (Aα, Bβ e γ) unite tra loro da ponti disolfuro. Il Fibrinogeno è una molecola che svolge un ruolo chiave nei processi di emostasi e coagulazione. Dal Fibrinogeno origina la Fibrina per azione della Trombina che scinde i peptidi, A e B, dalle rispettive catene Aα e Bβ. Le molecole di Fibrina neoformate successivamente polimerizzano legandosi secondo lo schema testa-coda o fianco-fianco, originando un reticolo inizialmente poco resistente, ma che successivamente si stabilizza per opera del Fattore XIIIa. Insieme al Fattore VIII, l Orosomucoide e la Proteina C reattiva, il Fibrinogeno fa parte delle proteine dette della fase acuta, il cui incremento si evidenzia in numerosi stati infiammatori. Il Fibrinogeno è presente, oltre che a livello ematico, anche a livello extravascolare, per una quota pari al 10-25% del Fibrinogeno totale. Il catabolismo del Fibrinogeno avviene principalmente attraverso la via fibrinolitica, l azione di svariate proteasi cellulari e, ovviamente, la stessa coagulazione. I prodotti del catabolismo del Fibrinogeno/Fibrina (PDF o in inglese FDP Fibrinogen Degradation Products) vengono fagocitati dalle cellule del SRE ed utilizzati per la resintesi del Fibrinogeno che avviene a livello epatico. Alcuni di questi PDF (frammento X e frammento Y) svolgono una potente azione anticoagulante e costituiscono quelli che, nella vecchia classificazione degli inibitori fisiologici della coagulazione, erano indicati con il nome di Antitrombina VI. Gli animali sani normalmente non hanno PDF in circolo, ma nella Coagulazione Intravasale Disseminata questi possono essere presenti, derivando dalla frammentazione della Fibrina che si genera in eccesso negli stati di ipercoagulabilità. Il tempo di emivita del Fibrinogeno è di 1,5-6,3 giorni. (vedi anche FIBRINOGENO) o Ipo- Afibrinogenemia congenita (gene autosomico recessivo); o Coagulazione Intravasale Disseminata (CID); o Fuoriuscita dal letto circolatorio (Essudati); o Dosaggio del Fibrinogeno o Tempo di Trombina FATTORE II PROTROMBINA La Protrombina (o Fattore II della coagulazione) è una glicoproteina (10% di carboidrati, ac. Sialico, esosi ed esosamine) con peso molecolare di Dalton sintetizzata a livello epatico. E costituita da un unica catena polipeptidica che all elettroforesi migra con le α- globuline. Insieme ai fattori VII, IX e X appartiene alla categoria di fattori cosiddetti Vit.K-dipendenti. La Vit.K ha la funzione di catalizzare la carbossilazione dell Ac. Glutammico presente nei precursori dei suddetti fattori in Ac. γ-carbossiglutammico. L Ac. γ-carbossiglutammico rende tali fattori in grado di fissare gli ioni 2+ e i sali inorganici, rendendo possibile la cascata coagulativa. renza di Vit. K o la presenza di suoi antagonisti (cumarinici) determinano l arresto della sintesi di tali fattori e l accumulo di loro precursori chiamati PIVKA (Protein Induced by Vitamin K Absence or Antagonist), i quali sono scarsamente attivi nella cascata coagulativa e dotati di azione interferente sull attivazione del fattore X. I PIVKA vengono distinti in base al fattore di cui sono i precursori: PIVKA II, PIVKA VII, PIVKA IX e PIVKA X. Dalla Protrombina origina, per azione del Fattore Xa nella via comune della cascata coagulativa, la Trombina. Quest ultima è costituita da due catene polipeptidiche, A e B, con peso molecolare rispettivamente di e Dalton. La Trombina, a sua volta, agisce sul Fibrinogeno determinando la formazione di Fibrina, e sul Fattore XIII attivandolo a Fattore XIIIa. La Trombina interviene, inoltre, nell attivazione dei Fattori V e VIII, e nell aggregazione piastrinica, rappresentando un potente catalizzatore di tutta la cascata coagulativa. La Protrombina è presente, oltre che a livello ematico, anche a livello extravascolare, per una quota pari al 30-40% del volume plasmatico. Il tempo di emivita della Protrombina è di 2,1-4,4 giorni. o renza congenita; o Antagonisti della Vit. K (cumarinici) o carenza di Vit. K; o Dosaggio del Fattore II o Trombotest

3 FATTORE III FATTORE TISSUTALE TROMBOPLASTINA TISSUTALE E un fattore complesso termolabile costituito da colesterolo, fosfolipidi e proteine. Si libera per necrosi dei tessuti e rappresenta l iniziatore della Via Estrinseca della cascata coagulativa. E in grado di attivare il Fattore VII e forma con esso e il 2+ un complesso che è in grado di attivare, a sua volta, il fattore X. FATTORE IV 2+ Il 2+ è uno ione fondamentale nella via coagulativa. La conversione della Protrombina in Trombina e l attivazione del fattore X sono due tappe in cui tale ione ha un ruolo fondamentale, insieme ad altre tappe sia della Via Intrinseca che della Via Estrinseca. L EDTA (Acido Etilendiamminotetracetico), l Ac. Citrico, l Ac. Ossalico e i loro rispettivi sali, utilizzati come anticoagulanti nelle provette normalmente impiegate per eseguire i prelievi ematici, agiscono chelando il 2+ in maniera stabile ma reversibile, impedendone così la coagulazione. o Dosaggio del lcio ionizzato FATTORE V PROACCELERINA FATTORE LABILE La Proaccelerina o Fattore V è una glicoproteina sintetizzata a livello epatico con peso molecolare di Dalton (anche se in circolo è presente in forme con peso molecolare maggiore: Dalton). All elettroforesi migra con le Globuline. Insieme al Fattore Xa, 2+ e PF 3 (Complesso Fatt.V-PF 3 -Fatt.Xa- 2+ ) catalizza la formazione di Trombina a partire dalla Protrombina nella Via Comune. La stessa Trombina è in grado di attivare il Fattore V generando un circuito di autocatalisi molto importante. E uno dei fattori che si consumano durante il processo coagulativo, per cui non si ritrova nel siero. Il tempo di emivita del Fattore V è di ore. o renza congenita; o Dosaggio del Fattore V FATTORE VII PROCONVERTINA FATTORE STABILE La Proconvertina o Fattore VII è una glicoproteina costituita da una singola catena polipeptidica sintetizzata a livello epatico e con peso molecolare di circa Dalton. All elettroforesi migra sia nelle α- che nelle β-globuline. Viene attivato a Fattore VIIa dal Fattore III (o Tromboplastina tissutale) e forma con esso e il 2+ un complesso che è in grado, a sua volta, di attivare il Fattore X. Lo stesso Fattore Xa e la Trombina sono in grado di attivare il Fattore VII. E uno dei fattori della Via Estrinseca della cascata coagulativa. Insieme ai fattori III, IX e X appartiene alla categoria di fattori cosiddetti Vit.K-dipendenti. La Vit.K ha la funzione di catalizzare la carbossilazione dell Ac. Glutammico presente nei precursori dei suddetti fattori in Ac. γ-carbossiglutammico. L Ac. γ-carbossiglutammico rende tali fattori in grado di fissare gli ioni 2+ e i sali inorganici, rendendo possibile la cascata coagulativa. renza di Vit. K o la presenza di suoi antagonisti (cumarinici) determinano l arresto della sintesi di tali fattori e l accumulo di loro precursori chiamati PIVKA (Protein Induced by Vitamin K Absence or Antagonist), i quali sono scarsamente attivi nella cascata coagulativa e dotati di azione interferente sull attivazione del fattore X. I PIVKA vengono distinti in base al fattore di cui sono i precursori: PIVKA II, PIVKA VII, PIVKA IX e PIVKA X. Il tempo di emivita del Fattore VII è molto breve: 1-6 ore. o renza congenita; o Antagonisti della Vit. K (cumarinici) o carenza di Vit. K; o Dosaggio del Fattore VII (se quest ultimo è normale ma il PT è aumentato si deve sospettare in primo luogo una carenza del Fattore VII) o Trombotest

4 FATTORE VIII FATTORE VIII COMPLEX FATTORE ANTIEMOFILICO A Il Fattore VIII è una glicoproteina termolabile molto complessa con peso molecolare elevato ( di Dalton), sintetizzata in parte a livello epatico e in parte a livello del SRE. All elettroforesi in gel di amido o agarosio migra con le α 2 -globuline. Il Fattore VIII è costituito da due subunità legate in modo non covalente: una a basso peso molecolare (Low Molecular Weigth o LMW) con attività procoagulante (Fattore VIII C), e l altra ad elevato peso molecolare (High Molecular Weigth o HMW) ad attività antigenica e di trasporto (Fattore VIII R:Ag o Fattore di Von Willebrand o Fattore VIII VWF). La sede di produzione delle due subunità sarebbe diversa: l HMV è prodotta principalmente dalle cellule endoteliali e dai Megacariociti (SRE), mentre l LMW è di origine epatica. HMW SRE Autosoma V W F Sintesi del Fattore VIII V W F Fatt. VIII LMW Cromosoma X Il Fattore di Von Willebrand, oltre la funzione di trasporto nel circolo ematico del fattore VIII C e indipendentemente da questo, permette l adesione delle piastrine al subendotelio e l adesione tra le stesse piastrine nella sede della lesione. In base alla sua struttura molecolare, ma soprattutto in virtù di talune attività biologiche che ha dimostrato di possedere, il Fattore VIII viene così distinto: 1. Fattore VIII C (o Fattore VIII procoagulante o Globulina antiemofilica AHG o Fattore antiemofilico AHF o Fattore antiemofilico A) Indica l attività procoagulante del Fattore VIII; risulta diminuito o assente nell Emofilia A e nella maggior parte dei casi di Sindrome di Von Willebrand. 2. Fattore VIII C:Ag Proteina immunologicamente correlata al Fattore VIII procoagulante. 3. Fattore VIII R:Ag (o Antigene correlato al Fattore VIII o Fattore VIII AGN) E un Fattore biologicamente inattivo ed indica l attività antigenica del Fattore VIII con anticorpi eterologhi; risulta normale nell Emofilia A, ma assente o diminuito nella maggior parte dei casi di Sindrome di Von Willebrand. 4. Fattore VIII R:WF BT Indica l attività di arresto del sanguinamento da parte del Fattore VIII. 5. Fattore VIII R:WF GB Indica l attività di ritenzione delle piastrine alle palline di vetro da parte del Fattore VIII. 6. Fattore VIII R:WF RCF (o Fattore VIII R:Co) Indica l attività di aggregazione delle piastrine con la Ristocetina da parte del Fattore VIII; anch esso risulta normale nell Emofilia A, ma assente o diminuito nella maggior parte dei casi di Sindrome di Von Willebrand. Alterazioni congenite a carico del Fattore VIII determinano l insorgenza di due importanti patologie: o L EMOFILIA A è una malattia congenita trasmessa da un gene recessivo sul Cromosoma X in cui si verifica un difetto qualitativo di sintesi della subunità a basso peso molecolare (LMW Fattore VIII C) del Fattore VIII. o La SINDROME DI VON WILLEBRAND o ANGIOEMOFILIA è una malattia congenita trasmessa da un gene autosomico a dominanza incompleta in cui si verifica un difetto quantitativo di sintesi della subunità ad elevato peso molecolare (HMW) del Fattore VIII. Nella cascata coagulativa il Fattore VIII viene attivato dal Fattore IXa a Fattore VIIIa (nella Via Intrinseca) e forma con lo stesso Fattore IXa, il 2+ e il PF 3 un complesso in grado di attivare il Fattore X (nella Via Comune). La stessa Trombina è in grado di attivare il Fattore VIII generando un circuito di autocatalisi molto importante per l amplificazione del processo. Anche questo fattore si consuma durante il processo coagulativo, per cui non si ritrova nel siero. Il tempo di emivita del Fattore VIII C è di ore, mentre quello del Fattore VIII R:Ag è di ore. o renza congenita del Fatt. VIII C (Emofilia A); o renza congenita del Fatt. di Von Willebrand (Sindrome di Von Willebrand); o Tempo di sanguinamento o Dosaggio del Fattore VIII C o Dosaggio del Fattore di Von Willebrad o Dosaggio degli i inibitori del Fattore VIII

5 FATTORE IX FATTORE ANTIEMOFILICO B FATTORE DI CHRISTMAS Componente Plasmatico della Tromboplastina (PTC) Il Fattore IX è una glicoproteina (26% di carboidrati) costituita da una singola catena polipeptidica, con peso molecolare di Dalton. E sintetizzato a livello epatico e, all elettroforesi, migra con le β- e le γ-globuline. E un fattore della Via Intrinseca e viene attivato a Fattore IXa dal Fattore XIa. Il Fattore IXa, a sua volta, attiva il Fattore VIII a Fattore VIIIa (nella Via Intrinseca) e forma con esso, il 2+ e il PF 3 un complesso in grado di attivare il Fattore X (nella Via Comune). L attivazione del Fattore IX comporta l idrolisi di un legame interno con il cambiamento di struttura da singola catena a doppia catena. Insieme ai fattori III, VII e X appartiene alla categoria di fattori cosiddetti Vit.K-dipendenti. La Vit.K ha la funzione di catalizzare la carbossilazione dell Ac. Glutammico presente nei precursori dei suddetti fattori in Ac. γ-carbossiglutammico. L Ac. γ-carbossiglutammico rende tali fattori in grado di fissare gli ioni 2+ e i sali inorganici, rendendo possibile la cascata coagulativa. renza di Vit. K o la presenza di suoi antagonisti (cumarinici) determinano l arresto della sintesi di tali fattori e l accumulo di loro precursori chiamati PIVKA (Protein Induced by Vitamin K Absence or Antagonist), i quali sono scarsamente attivi nella cascata coagulativa e dotati di azione interferente sull attivazione del fattore X. I PIVKA vengono distinti in base al fattore di cui sono i precursori: PIVKA II, PIVKA VII, PIVKA IX e PIVKA X. Ha un ampio spazio di distribuzione extravascolare ed il suo tempo di emivita è di ore. o renza congenita (Emofilia B o Malattia di Christmas legata al sesso Terrier, Schnauzer, Bassotto e Gatto); o Antagonisti della Vit. K (cumarinici) o carenza di Vit. K; o Dosaggio del Fattore IX o Tempo di Sanguinamento o Trombotest o Dosaggio degli inibitori del Fattore IX FATTORE X FATTORE DI STUART (o STUART-PROWER) AUTOPROTROMBINA III Il Fattore X è una glicoproteina (10% di carboidrati) costituita da una doppia catena polipeptidica con peso molecolare di Dalton. E sintetizzato a livello epatico e, all elettroforesi, migra con le α-globuline. Il Fattore X viene attivato a Fattore Xa dando inizio alla Via Comune, sia dalla Via Intrinseca (dal complesso di Fattori VIIIa, IXa, 2+ e PF 3 ) che dalla Via Estrinseca (dal complesso di Fattori III, VIIa e 2+ ). Viene inoltre attivato anche dal veleno di vipera di Russel. Il Fattore Xa Insieme al Fattore V, 2+ e PF 3 (Complesso Fatt.V-PF 3 -Fatt.Xa- 2+ ) catalizza la formazione di Trombina a partire dalla Protrombina nella Via Comune. Insieme ai fattori III, VII e IX appartiene alla categoria di fattori cosiddetti Vit.K-dipendenti. La Vit.K ha la funzione di catalizzare la carbossilazione dell Ac. Glutammico presente nei precursori dei suddetti fattori in Ac. γ-carbossiglutammico. L Ac. γ-carbossiglutammico rende tali fattori in grado di fissare gli ioni 2+ e i sali inorganici, rendendo possibile la cascata coagulativa. renza di Vit. K o la presenza di suoi antagonisti (cumarinici) determinano l arresto della sintesi di tali fattori e l accumulo di loro precursori chiamati PIVKA (Protein Induced by Vitamin K Absence or Antagonist), i quali sono scarsamente attivi nella cascata coagulativa e dotati di azione interferente sull attivazione del fattore X. I PIVKA vengono distinti in base al fattore di cui sono i precursori: PIVKA II, PIVKA VII, PIVKA IX e PIVKA X. Il tempo di emivita del Fattore X è di ore. o renza congenita (gene autosomico recessivo a dominanza incompleta Cocker spaniel); o Antagonisti della Vit. K (cumarinici) o carenza di Vit. K; o Dosaggio del Fattore X o Trombotest FATTORE XI FATTORE ANTIEMOFILICO C Antecedente Plasmatico della Tromboplastina (PTA) Il Fattore XI è una glicoproteina con peso molecolare di circa Dalton costituita da subunità uguali legate tramite ponti disolfuro. E probabilmente sintetizzata a livello epatico, ma la sede di sintesi non è ancora del tutto certa. E un fattore della Via Intrinseca e viene attivato a Fattore XIa dal Fattore XIIa. La presenza di Precallicreina e Chininogeno ad alto peso molecolare (HMW-Chininigeno) in questa reazione di attivazione genera un circuito di autocatalisi molto importante. Il Fattore XIa (insieme al Fattore XIIa) attiva il Fattore IX a Fattore IXa. Il tempo di emivita del Fattore XI è di 30 ore. o renza congenita (Emofilia C o Malattia di Rosenthal gene autosomico recessivo Cocker spaniel e Bovini); o Dosaggio del Fattore XI

6 FATTORE XII FATTORE DI HAGEMAN Il Fattore XII è una proteina con peso molecolare di Dalton. E probabilmente sintetizzata a livello epatico, ma la sede di sintesi non è ancora del tutto certa. All elettroforesi migra con le β- o le γ-globuline, ma viene di norma considerata una β-globulina. E il primo fattore della Via Intrinseca e viene attivato a Fattore XIIa da superfici con carica elettrica negativa con le quali è in grado di legarsi (la carica elettrica negativa della superficie attivante è fondamentale nell attivazione del Fattore XII). Sono moltissime le sostanze note per il loro potere attivante nei confronti del Fattore XII: vetro, bario, solfato di cellulosa, l Ac. Ellagico, talco, caolino, cristalli di urato di sodio, immunocomplessi, lipopolisaccaridi batterici, ecc.. Fisiologicamente è il contatto tra sangue e fibre collagene subendoteliali a determinarne l attivazione. Il Fattore XIIa a sua volta attiva il Fattore XI a Fattore XIa. La presenza di Precallicreina e Chininogeno ad alto peso molecolare (HMW- Chininigeno) in questa reazione di attivazione genera un circuito di autocatalisi molto importante. Insieme, Fattore XIa e Fattore XIIa, attivano il Fattore IX a Fattore IXa. Il tempo di emivita del Fattore XII è di ore. o renza congenita (Malattia di Hageman gene autosomico recessivo nell uomo); o Dosaggio del Fattore XII o Dosaggio del Fattore XI o Dosaggio della Precallicreina plasmatica o Tempo di Coagulazione (olino o Celite come attivatori) FATTORE XIII FATTORE DI LAKI-LORAND FATTORE STABILIZZANTE LA FIBRINA Il Fattore XIII è una glicoproteina costituita da due coppie di subunità (a e b) con peso molecolare complessivo di circa Dalton. Le ipotetiche sedi di sintesi di tale Fattore sono i Megacariociti, le Piastrine e il. Il Fattore XIII è attivato a Fattore XIIIa dalla Trombina (in presenza di ioni 2+ ) nella Via Comune della cascata coagulativa. Il Fattore XIIIa agisce a sua volta sui polimeri di Fibrina (originati per opera della stessa Trombina) rendendoli stabili. E uno dei fattori che si consumano durante il processo coagulativo legandosi alla Fibrina, per cui si ritrova nel siero in concentrazioni ridotte. Il tempo di emivita del Fattore XIII è di 4,5-7 giorni circa. o renza congenita (gene autosomico recessivo nell uomo); o Coagulazione Intravasale Disseminata (CID); o Dosaggio del Fattore XIII PRECALLICREINA FATTORE DI FLETCHER La Precallicreina plasmatica è una proteina presente nel plasma in due forme ( e Dalton). All elettroforesi migra con le γ-globuline. La Precallicreina viene attivata a llicreina dal Fattore XIIa. La llicreina, a sua volta, interviene nell attivazione dello stesso Fattore XII a Fattore XIIa, attraverso un meccanismo di autocatalisi accelerato dal Chininogeno ad alto peso molecolare. La llicreina agisce anche modulando la cascata coagulativa attivando il Plasminogeno a Plasmina, il più importante enzima ad azione fibrinolitica. o renza congenita (gene autosomico recessivo nell uomo); o Dosaggio della Precallicreina plasmatica o Dosaggio del Fattore XII o Dosaggio del Fattore XI CHININOGENO FATTORE DI FITZGERALD Il Chininogeno ad alto peso molecolare o HMW-Chininogeno o HMWK ( Dalton) è un fattore che accelera l attivazione della Precallicreina e del Fattore XII. Nel plasma il Chininogeno ad alto peso molecolare circola coniugato alla stessa Precallicreina e al Fattore XII. o Dosaggio del Chininogeno o Dosaggio della Precallicreina plasmatica o Dosaggio del Fattore XII o Dosaggio del Fattore XI

7 PROTEINA C e PROTEINA S La Proteina C e la Proteina S sono due fattori minori che intervengono nella cascata coagulativa con attività inibente (vedi Inibitori Fisiologici della Coagulazione). o PROTEINA C: è una glicoproteina costituita da due catene peptidiche con sequenza amminoacidica simile a quella dei Fattori Vit. K dipendenti e rinvenuta nel plasma bovino. La Proteina C viene attivata dal complesso Trombina-Trombomodulina e dal veleno di vipera Russel (in presenza di ioni 2+ ) diventando APC. L APC ha un notevole potere anticoagulante (inattivazione dei Fattori V e VIII) e fibrinolitico. o PROTEINA S: è una glicoproteina costituita da un unica catena peptidica con sequenza amminoacidica anch essa simile a quella dei Fattori Vit. K dipendenti e rinvenuta nel plasma umano. E sintetizzata dal fegato, dall endotelio e dai megacariociti. Circola nel plasma in forma libera (40%) ed in forma legata alla C4b-binding-protein (60%). Svolge la sua azione solo la forma libera come cofattore dell APC nell inattivazione dei Fattori V e VIII. NORMALE PT Tempo di Coagulazione Attivato AUMENTATO aptt AUMENTATO NORMALE AUMENTATO NORMALE renza del Fatt. VII ALGORITMO PER L IDENTIFICAZIONE DEL DEFICIT EREDITARIO DEI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Possibile carenza del Fatt. XIII AUMENTATO renza del Fatt. I (Fibrinogeno) Possibile carenza dei Fatt. I, II, V, VIII C, IX, X, XI, XII, Precallicreina, Chininogeno AUMENTATO Possibile carenza dei Fatt. I, II, V, X, difetto di γ-carbossilasi Tempo di Trombina PT NORMALE Possibile carenza dei Fatt. II, V, X, difetto di γ-carbossilasi Trombocitopenia grave o Difetto di funzionalità piastrinica NORMALE Possibile carenza dei Fatt. VIII C, IX, XI, XII, Precallicreina, Chininogeno

8 Fattore I FIBRINOGENO II III PROTROMBINA Sinonimi FATTORE TISSUTALE TROMBOPLASTINA TISSUTALE FATTORI DELLA COAGULAZIONE Sede di sintesi Peso molecolare Concentrazione plasmatica Tempo di emivita Vit. K dip ,1-2,5 mg/dl 1,5-6,3 gg No Macrofagi Lipoproteina che si libera per necrosi dei tessuti e rappresenta l iniziatore della Via Estrinseca IV 2+ - V PROACCELERINA FATTORE LABILE Macrofagi VI - - PROCONVERTINA VII FATTORE STABILE Macrofagi FATTORE VIII COMPLEX VIII C FATTORE ANTIEMOFILICO A FATTORE DI CHRISTMAS IX FATTORE ANTIEMOFILICO B Componente Plasmatico della Tromboplastina (PTC) FATTORE DI STUART (o STUART-PROWER) X AUTOPROTROMBINA III Macrofagi FATTORE ANTIEMOFILICO C XI Antecedente Plasmatico della Tromboplastina (PTA) XII FATTORE DI HAGEMAN FATTORE DI LAKI-LORAND XIII FATTORE STABILIZZANTE LA FIBRINA Precallicreina FATTORE DI FLETCHER Chininogeno FATTORE DI FITZGERALD Specie colpite da carenza Uomo, ne, pra ,1-4,4 gg Si Uomo, ne - Tipo di trasmissione Malattia Autosomico Autosomico recessivo Quadro clinico Grave Medio h No Uomo Autosomico recessivo/paraemofilia Variabile h Si Uomo, ne Autosomico dominante (recessivo nell Uomo) Medio - - 2,9 gg No Uomo, ne, Gatto, vallo X-linked recessivo/emofilia A Variabile h Si Uomo, ne, Gatto X-linked recessivo/emofilia B Spesso grave h Si Uomo, ne Autosomico dominante Grave Uomo, ne, Autosomico µg/ml 30 h No Medio Bovino recessivo/emofilia C µg/ml h No Uomo, Gatto Autosomico recessivo Nessuno ,5-7,0 gg No Uomo - - Uomo, ne, Nessuno o µg/ml 35 h No Autosomico recessivo vallo medio µg/ml 6,5 gg No Uomo - -

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO.

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. La fisiopatologia del sistema coagulativo e fibrinolitico, in modo sempre più dettagliato, è stata caratterizzata e

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI I T I S G. F E R R A R I S Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI 1 Indice 1. La struttura! 2 2. Le prestazioni: l efficienza e la specificità! 7 3. L influenza

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTA TRA TRA

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli