Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti"

Transcript

1 La rivis ta d i Capram agra e d e gli s tud e nti d i Coope razione, Sviluppo e Pace Num e ro 0 - Nove m b re \D ice m b re 2006 Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti coloro ch e h anno cre duto fin dall inizio in q ue s to proge tto e, prim a ancora, h anno cre duto ne lla cre azione di un gruppo ch e li rappre s e ntas s e, dalnom e as s ai curios o la cui origine s i pe rde un po ne lla notte de i te m pi. Capram agra fu un ide a de l prim o re s pons abile de l gruppo, D avide Fach e ris, ch e s i is pirò a q ue i be llis s im i tam buri africani ch e, grazie alle pe lli di capre m agre, e m e ttono un s uono inconfondibile e as s urgono alruolo di

2 portatori e diffus ori di notizie ; l e co de ltam buro vuole s im boleggiare proprio q ue s to! Ilgiornale ch e ave te tra le m ani nas ce con l ide a di fars i ve icolo di te m i s olitam e nte de finiti m arginali e q uas i m ai trattati dai m e dia, ovve ro tutte q ue lle problem atich e riguardanti la coope razione inte rnazionale, lo s viluppo de lte rzo M ondo e la pace. Que s ti s ono anch e i tre pe rni s u cui s i bas a lo Statuto de l gruppo Capram agra, ch e m i s e m bra dove ros o a q ue s to punto rich iam are. Ilgruppo nas ce con ilch iaro inte nto d i non s ch ie rars i politicam e nte, d i e s s e re apartitico e aconfe s s ionale pe r pote r trattare te m i ch e non apparte ngono né alla d e s tra né alla s inis tra, m a ch e riguard ano l uom o in q uanto tale. Con Coope razione inte ndiam o la s e ns ibilizzazione s ulle attività ch e ogni giorno m igliaia di volontari ne lm ondo portano a te rm ine e ch e ce rch iam o di ricre are ne lla piccola re altà de lla nos tra aula, con un clim a di ape rtura al dialogo e di confronto s e re no e cos truttivo tra pe rs one di dive rs i orie ntam e nti politici. Que s to dim os tra com e, attrave rs o la dis ponibilità ad una collaborazione propos itiva, s ia pos s ibile la cre azione di proge tti com uni, anch e in accordo con l Ate ne o s te s s o. E infatti proprio il dialogo lo s trum e nto ne lq uale cre diam o pe r pote r re alizzare q ue lconce tto di fondo ch e è la Pace. Siam o inoltre accom unati dal cre de re in un conce tto di Sviluppo ch e, attrave rs o la coope razione, s i concre tizza in una cre s cita um ana e inte llettuale, oltre ch e in concre te ope re di innalzam e nto de l live llo di vita di m olte popolazioni. Scopo de lgruppo è dunq ue q ue llo di vive re concre tam e nte q ue s ti tre conce tti, s ia tra di noi ch e com e volontari ne lm ondo. In ogni num e ro trove re te il re s oconto di un e s pe rie nza di coope razione s volta da m e m bri de lla Capram agra, m os s i dalla convinzione ch e la prim a cos a da fare pe r cam biare, anch e di poco, ilcors o de gli e ve nti è rim boccars i le m anich e e ch e l unico m odo pe r pote r parlare con cognizione di caus a, s upe rando pre giudizi e luogh i com uni, è vive re in prim a pe rs ona le re altà. Non m i re s ta ch e augurarvi buona lettura e invitarvi a conos ce rci, ne ll Aula Capram agra all am m e zzato s cala G;s ono i be nve nuti non s olo gli s tude nti de l curriculum in Coope razione Sviluppo e Pace, m a tutti coloro i q uali s iano inte re s s ati a conos ce re o ad approfondire ciò di cui ci occupiam o. Ch iara M. Lévêq ue 2

3 CA PR A M A GR A è cos ì com pos ta: ilr APPR ESENTANTE de glistud ENTI: Lucia D alne gro ilr ESPO NSABILE de lgr UPPO : Ch iara M aria Lévêq ue pe r contattare CapraM agra: w w w.s viluppoe pace.it w w w.capraforum.tk La R ED AZ IO NE de ll ECO de ltam BUR O : CO -D IR ETTO R I: Fe d e rico Fe rrante Th om as E m ilio Villa CO LLABO R ATO R I: E lis a Bonizzoni R ob e rto Priolo Pe r contattarci, inform azioni e re pe rim e nto arre trati, non e s itate! E-M ail: e cod e ltam b gm ail.com (A lb e rte ins te in) 3

4 ESSER E CO O PER ANTI E PSICO LO GI O GGI INTE R VISTA A LLA D O TT.SSA SILVIA GA LVA NI Pom e riggio di inizio e s tate. La dottore s s a Galvani ci rice ve pre s s o ils uo s tudio all inte rno de ll Unive rs ità Cattolica dove collabora con le Facoltà di Sociologia e Ps icologia in q ualità di dottoranda. Conte m porane am e nte alpe rcors o di form azione ps icologica, Silvia Galvani s i è de dicata alla coope razione inte rnazionale ce rcando di de clinare il s uo k now h ow profe s s ionale all inte rno de lla re altà de lla e x-jugos lavia, con particolare rife rim e nto alla Bos nia Erze govina prim a e, dopo il19 9 9, al K os ovo. Spie ga in q ue s to m odo la s ce lta fatta più di 10 anni fa Non e ra acce ttabile pe r m e, e pe r altri com e m e, s ape re di un conflitto ch e e ra s olo al di là de lm are s e nza fare nulla pe r aiutare. In particolare la conos ce nza di te cnich e ps icologich e m i è s e rvita pe r trattare con bam bini e s pos ti ai traum i be llici. E continua H o portato avanti proge tti di form azione e e ducazione pe r ins e gnanti e fam iliari, h o portato aiuti um anitari e, non da ultim o, h o ce rcato di s e ns ibilizzare la com unità s cie ntifica s ulle cons e gue nze de vas tanti di una gue rra e tnica. Pe r q ue s to m otivo, appunto, h o s ce lto la s trada de lla rice rca unive rs itaria, occupandom i de llo s tudio de l D is turbo pos t traum atico prim a e de lte m a de lla ricos truzione de ll ide ntità dopo un conflitto poi. L e s pe rie nza vis s uta, ch e tuttora continua attrave rs o m odalità varie, le cons e nte di ave re una vis ione re alis tica de lm ondo de lla coope razione. In particolare s ottoline a la pros pe ttiva inge gne ris tica, fre dda e dis taccata, ch e caratte rizza i proge tti, s oprattutto a caratte re s ociale. La coope razione h a bis ogno di una m aggiore e fficacia. E q ue s ta s i raggiunge, s e condo m e, attrave rs o due s trade : una form azione più atte nta de i futuri coope ranti e una proge ttazione più ade guata de gli inte rve nti. Ch iaram e nte le due cos e s ono conne s s e. un coope rante ch e non rie s ca a valutare in m odo ade guato il conte s to s ociale in cui inte rvie ne, ch e non attui una buona analis i de i bis ogni e de lla dom anda de lle pe rs one ch e s i trova ad aiutare, proporrà proge tti poco incis ivi. E non è tutto: la dottore s s a s ottoline a anch e ilris volto di q ue s to lavoro s ul lavoratore s te s s o. H ai q uotidianam e nte a ch e fare con la frus trazione, con inte rve nti ch e a volte non m igliorano in m odo rilevante la vita di ch i vuoi aiutare. Anch e s e le m otivazioni pe rs onali s ono ottim e, è ne ce s s ario ch e lo s iano anch e gli s trum e nti, altrim e nti è un lavoro a m e tà. Continua Spe s s o s e ilproge tto non funziona, non è tanto l individuo in q uanto coope rante a non funzionare (cos a ch e com unq ue s ucce de ), m a s ono i s uoi s trum e nti. Ch e vanno pe rtanto affinati con l e s pe rie nza m a anch e con una 4

5 form azione ade guata, ch e non può pre s cinde re da una m inim a com pe te nza ps icologica, ch e pe rm e tta di legge re e capire ilconte s to e pe r ge s tire lo s tre s s. A tale propos ito ci confida di ave r trovato ne lcorpo doce nte de lla Facoltà di Scie nze Politich e una s e ns ibilità ris pe tto a q ue s ta te m atica e ci annuncia ch e ne ls e condo s e m e s tre di q ue s to anno accade m ico te rrà un bre ve ciclo di lezioni all inte rno de lm odulo profe s s ionalizzante te nuto dalla Prof. s s a Ne ri, ne lcurriculum di Coope razione, Sviluppo e Pace. M a ora ch e proge tti h a in m e nte, la dottore s s a Galvani? Ne l2003, un po pe r cas o un po pe r de s tino, com e s pe s s o accade in q ue s to cam po, h a incontrato l Im am di Tre binje, cittadina ne ls ud de lla Bos nia, m olto im pe gnato in attività s ociali, tra le q uali la ge s tione di una m e ns a ch e fornis ce pas ti caldi gratuiti ai pove ri di e ntram be le e tnie. E s tato H us e in a farci conos ce re ilce ntro giovani Youth Forum, una as s ociazione ch e te nta di offrire ai ragazzi un opportunità di us cire da q ue lla ch e ora è la loro più grande piaga: l is olam e nto fis ico e culturale.. Con una cre ta s oddis fazione ci s pie ga ch e la collaborazione con q ue s to gruppo h a portato all organizzazione di una loro vis ita in Italia, con ilpatrocinio de lla Provincia di Cre m ona e de lla Facoltà di Scie nze Politich e de ll Unive rs ità. Il6 nove m bre dalle 9.30 in poi ilgruppo di 12 giovani di Tre binjie vis ite rà la nos tra Unive rs ità e as s is te rà ad una lectio m agis tralis te nuta dalprof. Santini e de lprof. D rae tta dal titolo "Th e E urope an Union's Policy tow ard s Bos nia- E rze govina", pe r ave re m odo di com pre nde re cos a s ignifich i pe r i giovani far parte di una com unità inte rnazionale ch e può offrire ris ors e e cce zionali com e bors e di s tudio, s tage e d opportunità di lavoro e form azione. Sta a voi conclude la dottore s s a accoglie re q ue s ti ragazzi il6 nove m bre pe r farli s e ntire parte di un m ondo ch e non vuole dim e nticare loro e la loro s toria. E lis a Bonizzoni & Th om as E m ilio Villa A LATO : la dottore s s a Galvani circondata da alcuni bam bini bos niaci 5

6 ESPER IENZ E LE TE STIM O NIA NZ E D I A LCUNI STUD E NTI D I CO O PE R A Z IO NE R om ania, agos to "Cas a Spe ranza" Appe na fuori dallim bo globalizzato ae roportuale: ragazze in fila coi volantini turis tici e un gran num e ro di bandie re italiane appe s e pe r le vie de i pae s i. Pe r il re s to è aria da nos tri anni '50, s e nza pe rò all'orizzonte alcun tipo di m iracolo. Qualch e cam po di giras oli e q ualch e pozzo pe trolife ro appare nte m e nte abbandonato. Cantie ri ape rti ai lati de lle s trade, s e m bra di s tare in una pe re nne paus a pranzo. Arriviam o con una D acia a gas all'orfanotrofio, piccola e nclave valdos tana tra le colline carpatich e, appartato angolo di s pe ranza ne lgrigiore pos tcom unis ta de lle s trade di Cam pina. Cas a Spe ranza appunto, s i ch iam a cos ì, la ge s tis cono alcune s uore italiane e m algas ce de ll'ordine di San Gius e ppe. D à lavoro a una tre ntina di pe rs one tra e ducatrici, ins e rvie nti, cuoch e e ope rai, tutti uniti ne lte ntativo di ricom porre un futuro a cinq uanta bam bini rom e ni e rom, dai due ai s e tte anni, orfani di padre e m adre, o s e m plice m e nte orfani de lla pos s ibilità (q uando non proprio volontà) de i ge nitori di garantire loro una vita de ce nte. In tutto q ue s to pas s iam o noi, i volontari dicono, fugaci com pars e e s tive a coprire le m e ritate fe rie de lle m am y, le s ignore ch e s i occupano m ate rialm e nte di controllare e far giocare i bam bini. Ilnos tro com pito è s e m plice : gove rnare la gioia di lungh e giornate s pe s e a rincorre rs i e far volare altalene, a im brattars i i vis i di colori e cos truire s oli e ae re i di pongo, a ritagliare copricapi e rotolars i ne ll'e rba. Pare paradis o. Eppure, ai m argini de lla s e re nità diurna, le ce ne h anno pe r unica conclus ione i racconti de lle re s pons abili de lce ntro, tutte le s torie ch e s tanno die tro a q ue gli occh i cos ì allegri in atte s a de lproprio turno a cavalcioni. Un piccolo catalogo di tris te zze e ingius tizie. E q uindi s copri de i M arine s cu, cinq ue bam bini ch e la fam iglia non può te ne re pe rch é pove ra; di Gina, Fe ri e Nicoleta, appe na riportati a Cas a Spe ranza pe rch é lette ralm e nte s caricati pe r s trada dal patrigno; di M iza, ch e fino ai tre anni è s tata te nuta com pletam e nte fas ciata in un orfanotrofio pubblico in m odo da non dare dis turbo al letargo de lle im pie gate ; di O de ta, ch e da ne onata, pe r una bronch ite curata m ale, h a avuto una gam ba am putata di ne tto, ne anch e al ginocch io pe rch é tanto è rom, ch ie de rà l'e lem os ina ;di D anuz, raccattato ad un incrocio dove ve niva cos tre tto a ch ie de re l'e lem os ina dai propri ge nitori; 6

7 di Alex, già adottato da una fam iglia tos cana, ch e non può unirs i ai s uoi nuovi ge nitori pe rch é le adozioni inte rnazionalis ono bloccate. Arduo dis tricare tutte le difficoltà a cui vanno incontro q ue i bam bini. Tante dis om oge ne e s ovrappos izioni di piccoli dram m i fam iliari, dis crim inazioni d'ogni tipo, confus ione d'affe tti e m ancanza di pros pe ttive proprie. M a, ne l piccolo di q ue s t'oas i di Prah ova, abbiam o rinve nuto una forza d'anim o fuori dalcom une ne ll'affrontare q ue s ta m oltitudine di problem i. Suor M aris a, la re s pons abile di Cas a Spe ranza, è tutta un trottolare in giro pe r la R om ania ne l te ntativo di s is te m are il pos s ibile: dagli aiuti e conom ici alle fam iglie pove re de lluogo albraccio di fe rro con le is tituzioni s colas tich e ch e ignorano l'e ducazione de i s uoi bam bini, dal te ne re i contatti con la com unità R om ancora am piam e nte gh e ttizzata- all'andare a cons tatare di pe rs ona, cas o pe r cas o, le s ituazioni ch e h anno portato lì q ue i cinq uanta innoce nti. Una lode vole m is s ione. Sare bbe be llo pe ns are a q ue s ta com e la re gola ne lm ondo de gli orfanotrofi rum e ni. D ando un rapido giudizio a occh io, anzi m e glio, a ore cch io, q ue lla ch e te s tim onio è una rarità. Ilch e è -da anni, de lre s topre occupante. Con le pros s im e fe s tività è in arrivo pe rò un grande, inas pe ttato re galo: con l'e ntrata de lla R om ania ne ll'ue pre vis ta pe r ge nnaio le norm ative inte rne s ulle adozioni dovre bbe ro cam biare, riapre ndo le porte di nuove cas e e nuove fam iglie in tutta Europa ai tanti in atte s a s olo de ll'ok de lle autorità. Inutile illude rs i ch e q ue s to bas te rà a s vuotare gli orfanotrofi (dai tom bini di Bucare s t è tutto un brulicare di te s toline dim e nticate ). Pe rò tornare la pros s im a e s tate a Cas a Spe ranza e trovarci ancora la s te s s a allegria, m a di cinq uanta bam bini dive rs i, s are bbe m otivo di grande fe licità. La fe licità di s ape re M iza, O de ta, D anuz e gli altri più piccoli non più in bilico s ulproprio vocabolario a s cam biare i nos tri nom i con q ue llo m olto più im portante di m am m a. Fe d e rico Fe rrante A LATO : i bam bini di Cam pina ne lparco gioch i di "Cas a Spe ranza" as s is tono a uno s pe ttacolo di clow n itine ranti. 7

8 ILCA PR A PE R ITIVO : A LLA SCO PE R TA D E LL'A ULE TTA Lune dì 16 ottobre alle ore 14:30 in Auletta CapraM agra (ch e non ci s tanch e re m o m ai di ripe te rlo, s i trova all am m e zzato Scala G) s i è ve rificata una piace vole invas ione di s tude nti m atricole e non inte re s s ate a CapraM agra in occas ione de lla pre s e ntazione (con gus tos o ape ritivo e q uos olidale) de lle attività de l gruppo di q ue s t anno. Le giovani cavallette..pardon, le giovani capre tte h anno appre zzato in particolar m odo ilracconto s ulla nas cita de lnom e CapraM agra, ch e taluni, e vide nte m e nte non be ne de tti dals e ns o de ll um oris m o, cons ide rano q uantom e no bizzarro. M a noi, pe r parafras are un collega, non ci curiam o di loro, m a guardiam o e pas s iam o. i nuovi is critti pre s s o ilcurriculum in coope razione s viluppo e pace s ono cos ì ve nuti a conos ce nza de llo s pazio de ll auletta, com e vie ne affe ttuos am e nte ch iam ato, ch e ci auguriam o abbiano inte s o com e una tavola rotonda s e m pre ape rta a tutti, dis ponibile pe r condivide re i proge tti e parlare de lle proprie am bizioni pe r ilfuturo. Iltutto as s ociato ad una com pagnia ch e è a dir poco ottim a! Th om as E m ilio Villa A LATO : l'invas ione de ll'auletta in occas ione de ll'ape ritivo e q uos olidale LA CAPR A, LO NTANO UN ABISSO D ALLA CUGINA PECO R A PED ISSEQUA SEGUITR ICE D I GR EGGI, BR UCANTE PER TER R A, LA CAPR A, AGGR EGATA ALSUO BR ANCO E IND IPEND ENTE. D AVID E FACH ER IS 8

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli

D ELL' INCO NTR O TR A LA GIO VENTÙ BO SNIACA E LA NO STR A UNIVER SITÀ

D ELL' INCO NTR O TR A LA GIO VENTÙ BO SNIACA E LA NO STR A UNIVER SITÀ La rivis ta di Capram agra - Nu m e ro 1 - D ice m b re 2006 Pag. 2: L'incontro con o Youth Forum Pag 8: Ps icoope razione Pag 4: Es pe rie nze : K ibe ra & pane ttoni Pag 10: O bie ttivi de M iennio Pag

Dettagli

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia Lug lio 2010 A rea politic he per la prom ozione della s a lute, delle pers one e delle pa ri opportunità S ervizio P olitic he di B enes

Dettagli

CORSO LIBERO DI PITTURA LIVELLO AVANZATO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2013/2014

CORSO LIBERO DI PITTURA LIVELLO AVANZATO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2013/2014 CORSO LIBERO DI PITTURA LIVELLO AVANZATO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2013/2014 DURATA: Annuale ( con cadenza settimanale di tre ore ciascuna ) INIZIO CORSO: 18 Novembre 2013 FINE CORSO: Luglio 2014 TIPOLOGIA

Dettagli

R elazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta. S tudio Dolcetta. II a Parte

R elazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta. S tudio Dolcetta. II a Parte R elazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta II a Parte S PE S E MEDIC HE disciplina generale GE NE R ICHE, S PE CIALIS TICHE, CHIUR UGICHE E DI AS S IS TE NZA S PECIFICA DE TR AZIONE DI IMPOS TA PAR

Dettagli

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR &2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR Con il com pleta m en to dei la vori a l Ba cin o di ca ren a ggio n. 3, s i con clu de la

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO.

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. Pro-m e m oria provvis orio s u : ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. ( al pu n to 10. de l pre s e n te pro-m e m oria, le m o dificazion i apportate d all Acco rd o ABI 8 lu glio 20 11 ).

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA classe Quarta Classe V Modulo 1 LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA TEMPI: settembre, ottobre Cono sce le teo rie della comunicazione pubblicitaria (attenzione

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982)

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1982 resta determinato, in te rm ini di

Dettagli

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it SOLUZIONI WEB per il BUSINESS Italiainfiera, società di consulenza per il marketing e la comunicazione on line, opera profe ssiona lmente dal 1999 fornendo competenze altamente qua lifica te a lle aziende

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PROGETTAZIONE GRAFICA classe Quarta Classe IV Modulo 1 RETORICA E PUBBLICITA Tempi: Settembre/Ottobre Conoscenza delle figure retoriche da applicare al messaggio pubblicitario

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

COMUNE DI MARINEO Provincia di Palermo

COMUNE DI MARINEO Provincia di Palermo COMUNE DI MARINEO Provincia di Palermo DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CONTABILE E FINANZIARIO : N. 112 del 29/10/2010 OGGETTO ADES IONE ALLA CONVENZIONE CONS IP FORNITURA GAS OLIO DA RIS

Dettagli

Manifesto Arci Servizio Civile 2007

Manifesto Arci Servizio Civile 2007 Manifesto Arci Servizio Civile 2007 Cesenatico, 24 25 Novembre 2006 1 Premessa Il Manifesto 2000 è sta ta la base di rife rimento idea le e sta tuta ria de ll azione di Arci Se rvizio C ivile in questi

Dettagli

d.ssa Maria Grazia Virga

d.ssa Maria Grazia Virga A S S E S S O R A TO P A R I O P P O R TU N ITA FE D E R A Z ION E ITA LIA N A D O N N E A R TI P R O FE S S IO N I A FFA R I S E Z IO N E D I C A C C A M O (P A ) Caccamo, 9 gennaio 2010 Infoday AGEVOLAZIONI

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

P a r m a e P i a c e n z a

P a r m a e P i a c e n z a F o n d i t o r e E p o c a S e d e f o n d e r i a N o t e A l e s s i B IB L IO G R A F IA : S c a r a b e l l i Z u n t i ; E n r i c o D a l l ' O l i o. La campana grossa della torre della piazza,

Dettagli

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA ' DIRITTO SOCIETARIO varie SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PERDITA DELLA MUTUALITA PREVA LENTE BILANCIO STRAORDINARIO RIACQUI SIZIONE DELLE CONDIZIO NI DI PREVALE NZA PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

Dettagli

Relazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta. S tudio Dolcetta. I a Parte

Relazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta. S tudio Dolcetta. I a Parte Relazione a cura della Dr.ssa Giulia Dolcetta I a Parte DETRAZIONI IMPOS TE DIR E TTE DEDUZIONI IVA IMPOSTE INDIRETTE BOLLO IMPOSTE DI TRASCRIZIONE IMPOSTE DI SUCCESSIONE IMPOS TE DIR E TTE DE TR AIBILE

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

Light & Dream Spring 2015

Light & Dream Spring 2015 Light & Dream Spring 2015 Sommario San Valentino pag. 4 Carnevale pag. 6 Festa della Donna pag. 8 Cari amici e amiche, Dopo un lungo inverno la primavera è ormai alle porte. Abbiamo tutti voglia di sole,

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

LICEO FORTEGUERRI - VANNUCCI MONITORAGGIO

LICEO FORTEGUERRI - VANNUCCI MONITORAGGIO LICEO FORTEGUERRI - VANNUCCI MONITORAGGIO 2 0 1 4 DOMANDE RIVOLTE AGLI STUDENTI DI TUTTE LE CLASSI ISCRITTI PRESENTI ASSENTI 1009 8 6 2 147 85,4% 14,6% Strutture della scuola con aspetti meno qualificanti

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE Prem esso che la valutazione non è un sem plice calcolo m atem at ico di voti conseguiti nelle singole discipline, m a investe una

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che c os è? La Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (PEC) è un siste ma di po sta e le ttro nic a (c he utilizza i pro to c o lli sta nda rd de lla po sta e le ttro nic a tra dizio na le ) me dia nte

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

LIGURIA - Legge Regionale 9 luglio 1984, n. 36 Norme per la tutela e l'incremento della apicoltura e degli allevamenti minori

LIGURIA - Legge Regionale 9 luglio 1984, n. 36 Norme per la tutela e l'incremento della apicoltura e degli allevamenti minori LIGURIA - Legge Regionale 9 luglio 1984, n. 36 Norme per la tutela e l'incremento della apicoltura e degli allevamenti minori Il C onsiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

De ntro il te s to : c aratte ris tic he p arate s tuali g rafic he e d ig itali c he fac ilitano la c o m p re ns io ne.

De ntro il te s to : c aratte ris tic he p arate s tuali g rafic he e d ig itali c he fac ilitano la c o m p re ns io ne. Mario Ambel De ntro il te s to : c aratte ris tic he p arate s tuali g rafic he e d ig itali c he fac ilitano la c o m p re ns io ne. Docente di scuola media, direttore rivista Ins e gnare Durante la re

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

I perché e i come della divulg azione s cientifica

I perché e i come della divulg azione s cientifica I perché e i come della divulg azione s cientifica dalle lezioni pubbliche di Faraday alla immers ività dei S cience C entre motivazioni e tecniche deg li s cienziati divulg atori attravers o i s ecoli

Dettagli

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI SE ASSOCIATE: IPSIA BARCELLONA IPSAA BARCELLONA IPSAA MILAZZO PIAZZA CON VEN TO, 3 BARCELLON A P.G. (ME) tel. 0909702516 0909791453 fax 0909702515 E-m ail: ipiaferrari@tin.it

Dettagli

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative - brochure - i n i z i a t i v a r i f o r m a d a l b a sso.blogspot.it - i n i z i at i

Dettagli

Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari. Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento muffe e cond en se

Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari. Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento muffe e cond en se Rilevamenti Termografici allinfrarosso per edilizia Ispezioni t ecniche e perizie legali Ricerca e mapp atu ra impi an ti d i riscald amento e sanitari Dispersio ni en ergetiche po nti termici isol amento

Dettagli

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE Diritto ed Economia dell Ambiente Collana a cura L Fondazione Lombardia per l Ambiente 8 GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE a cura AG G i u f f r è E d it o r e INDICE Introduzione. Green econom y e leve norm

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI I) Introduzione sul nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali

Dettagli

IL NUOVO TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI

IL NUOVO TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI CIRCOLARE 18/2014 IL NUOVO TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI Il trattamento FISCALE applicabile agli omaggi è differenziato a seconda che: i beni ceduti gratuitamente s iano o meno oggetto dell

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

Progetto educativo Didattico Scuola dell Infanzia di Feriolo Anno Scolastico 2004-2005 FERIOLO

Progetto educativo Didattico Scuola dell Infanzia di Feriolo Anno Scolastico 2004-2005 FERIOLO Progetto educativo Didattico Scuola dell Infanzia di Feriolo Anno Scolastico 2004-2005 FERIOLO FERIOLO DOVE ABBIAMO TRASCORSO LE NOSTRE VACANZE? LAGO, MARE, MONTAGNA. OGNI BAMBINO DISEGNA SE STESSO E SI

Dettagli

Secondo Piano di Azione per le famiglie. Famiglie al futuro

Secondo Piano di Azione per le famiglie. Famiglie al futuro Secondo Piano di Azione per le famiglie Famiglie al futuro Aprile 2011 Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria Le priorità

Dettagli

Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI

Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI Ver.1.11 MANUALE OPERATIVO DEI SERVIZI Indice : - Destinatari del manuale - Tempi di pubblicazione - Acquisizione dei dati - Tipologia e formato dei dati - Predisposizione cartella procedurale in formato

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

COM E RAG G IU NG ERE P OLICO RO

COM E RAG G IU NG ERE P OLICO RO Periodo di esercizio Annuale L V Lu Ve 01/01 31/12 Annuale MMG Ma Me G i SITA S.p.a Alleghiamo foglio con orari Valido nei giorni Valido D a L V M M G Valido a 01/01 31/12 Per chi sceglierà di viaggiare

Dettagli

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Rassegna Stampa Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Roma, Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Videoconferenza e medicina: nasce Romeo, network per la ricerca in radioterapia oncologica

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Pagina 1 di 14 BANCA D'ITALIA REGOLAMENTO 22 marzo 2011 Regolamento recante l'individuazione dei dati sensibili e giudiziari e delle operazioni eseguibili. (11A04349) LA BANCA D'ITALIA Visto il decreto

Dettagli

DECRETO 28 APRILE 2000 N. 158 ( interpolato con le modifiche di cui al decreto 28 aprile 2006 n. 226 ed al recente decreto 26 aprile 2010 )

DECRETO 28 APRILE 2000 N. 158 ( interpolato con le modifiche di cui al decreto 28 aprile 2006 n. 226 ed al recente decreto 26 aprile 2010 ) DECRETO 28 APRILE 2000 N. 158 ( interpolato con le modifiche di cui al decreto 28 aprile 2006 n. 226 ed al recente decreto 26 aprile 2010 ) NOTA BENE: L ART. 7 DEL DECRETO 26 APRILE 2010 L efficacia del

Dettagli

I numeri del pubblico impiego

I numeri del pubblico impiego I numeri del pubblico impiego! "$#%'&()*)+-, Fonte: elaborazione Dipartimento della Funzione Pubblica su dati OCSE/PUMA22 I numeri del pubbl i co i mpi ego Occu pazione nel settore pubblico in alcuni paes

Dettagli

IL MONDO INTER S O G G E T T I V O DEL BAM B I N O

IL MONDO INTER S O G G E T T I V O DEL BAM B I N O IL MONDO INTER S O G G E T T I V O DEL BAM B I N O Cogliere la sua unicità per ideare un progetto terapeutico globale Giorn a t e di appr of o n d i m e n t o sullo svilup p o affettivo del ba m b i n

Dettagli

Valutazione dell'impatto acus tico ambientale

Valutazione dell'impatto acus tico ambientale Comune di CAORSO Oggetto: Realizzazione di ins ediamento co mmerciale nel co mune di CAORSO PUA V.le Canada S P10R CAORS O Cos truzione di c apannoni c ommerciali Valutazione dell'impatto acus tico ambientale

Dettagli

La presa in carico integrata delle persone non autosufficienti in Puglia

La presa in carico integrata delle persone non autosufficienti in Puglia La presa in carico integrata delle persone non autosufficienti in Puglia 18 gennaio 2011 relazione di Anna Maria Candela Dirigente del Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria - Assessorato

Dettagli

Cantiere Navale di La Spezia

Cantiere Navale di La Spezia GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT-001460 Cantiere Navale di La Spezia DICHIARAZIONE AMBIENTALE Anno 2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 EMAS (Eco Management and Audit

Dettagli

GESTIONE INFORMATIZZATA DEL MACROPROCESSO CHIRURGICO/INTERVENTISTICO: dalla lista d attesa alla Sala Operatoria

GESTIONE INFORMATIZZATA DEL MACROPROCESSO CHIRURGICO/INTERVENTISTICO: dalla lista d attesa alla Sala Operatoria GESTIONE INFORMATIZZATA DEL MACROPROCESSO CHIRURGICO/INTERVENTISTICO: dalla lista d attesa alla Sala Operatoria Dr. Laura Morando - Dr.Donatella De Nardo Nelle Aziende Sanitarie la gestione del paziente

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

CGIL CISL UIL SNALS 3DJLQDGL

CGIL CISL UIL SNALS 3DJLQDGL CGIL CISL UIL SNALS /LJXULD²&RPSDUWR6FXROD 2JJHWWR 7HVWRLQWHJUDOHGHILQLWLYRFRUUHWWR del 35272&2//2',17(6$ 5(*,21$/( s u i ',5,77,6,1'$&$/, s ottos critto il PDU]Rfra Direzion e Scola s tica Region a le

Dettagli

PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI

PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI Giu sep pe GANDOLFI SOMMARIO: I. Ta be lle di mar cia adot te per l e la bo ra zio ne del pro - get to e ruo lo del Co de Na po

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

La Costruzione di un Amore

La Costruzione di un Amore La Costruzione di un Amore Dall Amor e v e r s o noi s t e s si all Amor e p e r g li al t ri Un p e r c o r s o p e r s vilupp a r e la c a p a cità di amar e S a b a t o 7 e Domenic a 8 Nov embr e 2015

Dettagli

I prodotti. Richiedi un preventivo personalizzato : T +39 039 325500 mail info@assilife.it

I prodotti. Richiedi un preventivo personalizzato : T +39 039 325500 mail info@assilife.it www.assilife.it Stand Alone Packages G lo by R o s s o Assistenza sanitaria e spese mediche G lo by B lu Infortuni di volo G lo by B a g a g lio As s icurazione bagaglio G lo by I n fo r t u n i As s icurazione

Dettagli

K S O FT - L A zienda

K S O FT - L A zienda FA T T O R E K 1 K S O FT - L A zienda K S O FT nasce nel settembre 2007 da un progetto imprenditoriale di Fa tto re K e S o fting riunendo affermati professionisti operanti da anni ai massimi livelli

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli