Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti"

Transcript

1 La rivis ta d i Capram agra e d e gli s tud e nti d i Coope razione, Sviluppo e Pace Num e ro 0 - Nove m b re \D ice m b re 2006 Te ne re tra le m ani q ue s ta prim a e dizione de lgiornalino è ce rtam e nte una grandis s im a e m ozione pe r tutti i coope ranti e pe r tutti coloro ch e h anno cre duto fin dall inizio in q ue s to proge tto e, prim a ancora, h anno cre duto ne lla cre azione di un gruppo ch e li rappre s e ntas s e, dalnom e as s ai curios o la cui origine s i pe rde un po ne lla notte de i te m pi. Capram agra fu un ide a de l prim o re s pons abile de l gruppo, D avide Fach e ris, ch e s i is pirò a q ue i be llis s im i tam buri africani ch e, grazie alle pe lli di capre m agre, e m e ttono un s uono inconfondibile e as s urgono alruolo di

2 portatori e diffus ori di notizie ; l e co de ltam buro vuole s im boleggiare proprio q ue s to! Ilgiornale ch e ave te tra le m ani nas ce con l ide a di fars i ve icolo di te m i s olitam e nte de finiti m arginali e q uas i m ai trattati dai m e dia, ovve ro tutte q ue lle problem atich e riguardanti la coope razione inte rnazionale, lo s viluppo de lte rzo M ondo e la pace. Que s ti s ono anch e i tre pe rni s u cui s i bas a lo Statuto de l gruppo Capram agra, ch e m i s e m bra dove ros o a q ue s to punto rich iam are. Ilgruppo nas ce con ilch iaro inte nto d i non s ch ie rars i politicam e nte, d i e s s e re apartitico e aconfe s s ionale pe r pote r trattare te m i ch e non apparte ngono né alla d e s tra né alla s inis tra, m a ch e riguard ano l uom o in q uanto tale. Con Coope razione inte ndiam o la s e ns ibilizzazione s ulle attività ch e ogni giorno m igliaia di volontari ne lm ondo portano a te rm ine e ch e ce rch iam o di ricre are ne lla piccola re altà de lla nos tra aula, con un clim a di ape rtura al dialogo e di confronto s e re no e cos truttivo tra pe rs one di dive rs i orie ntam e nti politici. Que s to dim os tra com e, attrave rs o la dis ponibilità ad una collaborazione propos itiva, s ia pos s ibile la cre azione di proge tti com uni, anch e in accordo con l Ate ne o s te s s o. E infatti proprio il dialogo lo s trum e nto ne lq uale cre diam o pe r pote r re alizzare q ue lconce tto di fondo ch e è la Pace. Siam o inoltre accom unati dal cre de re in un conce tto di Sviluppo ch e, attrave rs o la coope razione, s i concre tizza in una cre s cita um ana e inte llettuale, oltre ch e in concre te ope re di innalzam e nto de l live llo di vita di m olte popolazioni. Scopo de lgruppo è dunq ue q ue llo di vive re concre tam e nte q ue s ti tre conce tti, s ia tra di noi ch e com e volontari ne lm ondo. In ogni num e ro trove re te il re s oconto di un e s pe rie nza di coope razione s volta da m e m bri de lla Capram agra, m os s i dalla convinzione ch e la prim a cos a da fare pe r cam biare, anch e di poco, ilcors o de gli e ve nti è rim boccars i le m anich e e ch e l unico m odo pe r pote r parlare con cognizione di caus a, s upe rando pre giudizi e luogh i com uni, è vive re in prim a pe rs ona le re altà. Non m i re s ta ch e augurarvi buona lettura e invitarvi a conos ce rci, ne ll Aula Capram agra all am m e zzato s cala G;s ono i be nve nuti non s olo gli s tude nti de l curriculum in Coope razione Sviluppo e Pace, m a tutti coloro i q uali s iano inte re s s ati a conos ce re o ad approfondire ciò di cui ci occupiam o. Ch iara M. Lévêq ue 2

3 CA PR A M A GR A è cos ì com pos ta: ilr APPR ESENTANTE de glistud ENTI: Lucia D alne gro ilr ESPO NSABILE de lgr UPPO : Ch iara M aria Lévêq ue pe r contattare CapraM agra: w w w.s viluppoe pace.it w w w.capraforum.tk La R ED AZ IO NE de ll ECO de ltam BUR O : CO -D IR ETTO R I: Fe d e rico Fe rrante Th om as E m ilio Villa CO LLABO R ATO R I: E lis a Bonizzoni R ob e rto Priolo Pe r contattarci, inform azioni e re pe rim e nto arre trati, non e s itate! E-M ail: e cod e ltam b gm ail.com (A lb e rte ins te in) 3

4 ESSER E CO O PER ANTI E PSICO LO GI O GGI INTE R VISTA A LLA D O TT.SSA SILVIA GA LVA NI Pom e riggio di inizio e s tate. La dottore s s a Galvani ci rice ve pre s s o ils uo s tudio all inte rno de ll Unive rs ità Cattolica dove collabora con le Facoltà di Sociologia e Ps icologia in q ualità di dottoranda. Conte m porane am e nte alpe rcors o di form azione ps icologica, Silvia Galvani s i è de dicata alla coope razione inte rnazionale ce rcando di de clinare il s uo k now h ow profe s s ionale all inte rno de lla re altà de lla e x-jugos lavia, con particolare rife rim e nto alla Bos nia Erze govina prim a e, dopo il19 9 9, al K os ovo. Spie ga in q ue s to m odo la s ce lta fatta più di 10 anni fa Non e ra acce ttabile pe r m e, e pe r altri com e m e, s ape re di un conflitto ch e e ra s olo al di là de lm are s e nza fare nulla pe r aiutare. In particolare la conos ce nza di te cnich e ps icologich e m i è s e rvita pe r trattare con bam bini e s pos ti ai traum i be llici. E continua H o portato avanti proge tti di form azione e e ducazione pe r ins e gnanti e fam iliari, h o portato aiuti um anitari e, non da ultim o, h o ce rcato di s e ns ibilizzare la com unità s cie ntifica s ulle cons e gue nze de vas tanti di una gue rra e tnica. Pe r q ue s to m otivo, appunto, h o s ce lto la s trada de lla rice rca unive rs itaria, occupandom i de llo s tudio de l D is turbo pos t traum atico prim a e de lte m a de lla ricos truzione de ll ide ntità dopo un conflitto poi. L e s pe rie nza vis s uta, ch e tuttora continua attrave rs o m odalità varie, le cons e nte di ave re una vis ione re alis tica de lm ondo de lla coope razione. In particolare s ottoline a la pros pe ttiva inge gne ris tica, fre dda e dis taccata, ch e caratte rizza i proge tti, s oprattutto a caratte re s ociale. La coope razione h a bis ogno di una m aggiore e fficacia. E q ue s ta s i raggiunge, s e condo m e, attrave rs o due s trade : una form azione più atte nta de i futuri coope ranti e una proge ttazione più ade guata de gli inte rve nti. Ch iaram e nte le due cos e s ono conne s s e. un coope rante ch e non rie s ca a valutare in m odo ade guato il conte s to s ociale in cui inte rvie ne, ch e non attui una buona analis i de i bis ogni e de lla dom anda de lle pe rs one ch e s i trova ad aiutare, proporrà proge tti poco incis ivi. E non è tutto: la dottore s s a s ottoline a anch e ilris volto di q ue s to lavoro s ul lavoratore s te s s o. H ai q uotidianam e nte a ch e fare con la frus trazione, con inte rve nti ch e a volte non m igliorano in m odo rilevante la vita di ch i vuoi aiutare. Anch e s e le m otivazioni pe rs onali s ono ottim e, è ne ce s s ario ch e lo s iano anch e gli s trum e nti, altrim e nti è un lavoro a m e tà. Continua Spe s s o s e ilproge tto non funziona, non è tanto l individuo in q uanto coope rante a non funzionare (cos a ch e com unq ue s ucce de ), m a s ono i s uoi s trum e nti. Ch e vanno pe rtanto affinati con l e s pe rie nza m a anch e con una 4

5 form azione ade guata, ch e non può pre s cinde re da una m inim a com pe te nza ps icologica, ch e pe rm e tta di legge re e capire ilconte s to e pe r ge s tire lo s tre s s. A tale propos ito ci confida di ave r trovato ne lcorpo doce nte de lla Facoltà di Scie nze Politich e una s e ns ibilità ris pe tto a q ue s ta te m atica e ci annuncia ch e ne ls e condo s e m e s tre di q ue s to anno accade m ico te rrà un bre ve ciclo di lezioni all inte rno de lm odulo profe s s ionalizzante te nuto dalla Prof. s s a Ne ri, ne lcurriculum di Coope razione, Sviluppo e Pace. M a ora ch e proge tti h a in m e nte, la dottore s s a Galvani? Ne l2003, un po pe r cas o un po pe r de s tino, com e s pe s s o accade in q ue s to cam po, h a incontrato l Im am di Tre binje, cittadina ne ls ud de lla Bos nia, m olto im pe gnato in attività s ociali, tra le q uali la ge s tione di una m e ns a ch e fornis ce pas ti caldi gratuiti ai pove ri di e ntram be le e tnie. E s tato H us e in a farci conos ce re ilce ntro giovani Youth Forum, una as s ociazione ch e te nta di offrire ai ragazzi un opportunità di us cire da q ue lla ch e ora è la loro più grande piaga: l is olam e nto fis ico e culturale.. Con una cre ta s oddis fazione ci s pie ga ch e la collaborazione con q ue s to gruppo h a portato all organizzazione di una loro vis ita in Italia, con ilpatrocinio de lla Provincia di Cre m ona e de lla Facoltà di Scie nze Politich e de ll Unive rs ità. Il6 nove m bre dalle 9.30 in poi ilgruppo di 12 giovani di Tre binjie vis ite rà la nos tra Unive rs ità e as s is te rà ad una lectio m agis tralis te nuta dalprof. Santini e de lprof. D rae tta dal titolo "Th e E urope an Union's Policy tow ard s Bos nia- E rze govina", pe r ave re m odo di com pre nde re cos a s ignifich i pe r i giovani far parte di una com unità inte rnazionale ch e può offrire ris ors e e cce zionali com e bors e di s tudio, s tage e d opportunità di lavoro e form azione. Sta a voi conclude la dottore s s a accoglie re q ue s ti ragazzi il6 nove m bre pe r farli s e ntire parte di un m ondo ch e non vuole dim e nticare loro e la loro s toria. E lis a Bonizzoni & Th om as E m ilio Villa A LATO : la dottore s s a Galvani circondata da alcuni bam bini bos niaci 5

6 ESPER IENZ E LE TE STIM O NIA NZ E D I A LCUNI STUD E NTI D I CO O PE R A Z IO NE R om ania, agos to "Cas a Spe ranza" Appe na fuori dallim bo globalizzato ae roportuale: ragazze in fila coi volantini turis tici e un gran num e ro di bandie re italiane appe s e pe r le vie de i pae s i. Pe r il re s to è aria da nos tri anni '50, s e nza pe rò all'orizzonte alcun tipo di m iracolo. Qualch e cam po di giras oli e q ualch e pozzo pe trolife ro appare nte m e nte abbandonato. Cantie ri ape rti ai lati de lle s trade, s e m bra di s tare in una pe re nne paus a pranzo. Arriviam o con una D acia a gas all'orfanotrofio, piccola e nclave valdos tana tra le colline carpatich e, appartato angolo di s pe ranza ne lgrigiore pos tcom unis ta de lle s trade di Cam pina. Cas a Spe ranza appunto, s i ch iam a cos ì, la ge s tis cono alcune s uore italiane e m algas ce de ll'ordine di San Gius e ppe. D à lavoro a una tre ntina di pe rs one tra e ducatrici, ins e rvie nti, cuoch e e ope rai, tutti uniti ne lte ntativo di ricom porre un futuro a cinq uanta bam bini rom e ni e rom, dai due ai s e tte anni, orfani di padre e m adre, o s e m plice m e nte orfani de lla pos s ibilità (q uando non proprio volontà) de i ge nitori di garantire loro una vita de ce nte. In tutto q ue s to pas s iam o noi, i volontari dicono, fugaci com pars e e s tive a coprire le m e ritate fe rie de lle m am y, le s ignore ch e s i occupano m ate rialm e nte di controllare e far giocare i bam bini. Ilnos tro com pito è s e m plice : gove rnare la gioia di lungh e giornate s pe s e a rincorre rs i e far volare altalene, a im brattars i i vis i di colori e cos truire s oli e ae re i di pongo, a ritagliare copricapi e rotolars i ne ll'e rba. Pare paradis o. Eppure, ai m argini de lla s e re nità diurna, le ce ne h anno pe r unica conclus ione i racconti de lle re s pons abili de lce ntro, tutte le s torie ch e s tanno die tro a q ue gli occh i cos ì allegri in atte s a de lproprio turno a cavalcioni. Un piccolo catalogo di tris te zze e ingius tizie. E q uindi s copri de i M arine s cu, cinq ue bam bini ch e la fam iglia non può te ne re pe rch é pove ra; di Gina, Fe ri e Nicoleta, appe na riportati a Cas a Spe ranza pe rch é lette ralm e nte s caricati pe r s trada dal patrigno; di M iza, ch e fino ai tre anni è s tata te nuta com pletam e nte fas ciata in un orfanotrofio pubblico in m odo da non dare dis turbo al letargo de lle im pie gate ; di O de ta, ch e da ne onata, pe r una bronch ite curata m ale, h a avuto una gam ba am putata di ne tto, ne anch e al ginocch io pe rch é tanto è rom, ch ie de rà l'e lem os ina ;di D anuz, raccattato ad un incrocio dove ve niva cos tre tto a ch ie de re l'e lem os ina dai propri ge nitori; 6

7 di Alex, già adottato da una fam iglia tos cana, ch e non può unirs i ai s uoi nuovi ge nitori pe rch é le adozioni inte rnazionalis ono bloccate. Arduo dis tricare tutte le difficoltà a cui vanno incontro q ue i bam bini. Tante dis om oge ne e s ovrappos izioni di piccoli dram m i fam iliari, dis crim inazioni d'ogni tipo, confus ione d'affe tti e m ancanza di pros pe ttive proprie. M a, ne l piccolo di q ue s t'oas i di Prah ova, abbiam o rinve nuto una forza d'anim o fuori dalcom une ne ll'affrontare q ue s ta m oltitudine di problem i. Suor M aris a, la re s pons abile di Cas a Spe ranza, è tutta un trottolare in giro pe r la R om ania ne l te ntativo di s is te m are il pos s ibile: dagli aiuti e conom ici alle fam iglie pove re de lluogo albraccio di fe rro con le is tituzioni s colas tich e ch e ignorano l'e ducazione de i s uoi bam bini, dal te ne re i contatti con la com unità R om ancora am piam e nte gh e ttizzata- all'andare a cons tatare di pe rs ona, cas o pe r cas o, le s ituazioni ch e h anno portato lì q ue i cinq uanta innoce nti. Una lode vole m is s ione. Sare bbe be llo pe ns are a q ue s ta com e la re gola ne lm ondo de gli orfanotrofi rum e ni. D ando un rapido giudizio a occh io, anzi m e glio, a ore cch io, q ue lla ch e te s tim onio è una rarità. Ilch e è -da anni, de lre s topre occupante. Con le pros s im e fe s tività è in arrivo pe rò un grande, inas pe ttato re galo: con l'e ntrata de lla R om ania ne ll'ue pre vis ta pe r ge nnaio le norm ative inte rne s ulle adozioni dovre bbe ro cam biare, riapre ndo le porte di nuove cas e e nuove fam iglie in tutta Europa ai tanti in atte s a s olo de ll'ok de lle autorità. Inutile illude rs i ch e q ue s to bas te rà a s vuotare gli orfanotrofi (dai tom bini di Bucare s t è tutto un brulicare di te s toline dim e nticate ). Pe rò tornare la pros s im a e s tate a Cas a Spe ranza e trovarci ancora la s te s s a allegria, m a di cinq uanta bam bini dive rs i, s are bbe m otivo di grande fe licità. La fe licità di s ape re M iza, O de ta, D anuz e gli altri più piccoli non più in bilico s ulproprio vocabolario a s cam biare i nos tri nom i con q ue llo m olto più im portante di m am m a. Fe d e rico Fe rrante A LATO : i bam bini di Cam pina ne lparco gioch i di "Cas a Spe ranza" as s is tono a uno s pe ttacolo di clow n itine ranti. 7

8 ILCA PR A PE R ITIVO : A LLA SCO PE R TA D E LL'A ULE TTA Lune dì 16 ottobre alle ore 14:30 in Auletta CapraM agra (ch e non ci s tanch e re m o m ai di ripe te rlo, s i trova all am m e zzato Scala G) s i è ve rificata una piace vole invas ione di s tude nti m atricole e non inte re s s ate a CapraM agra in occas ione de lla pre s e ntazione (con gus tos o ape ritivo e q uos olidale) de lle attività de l gruppo di q ue s t anno. Le giovani cavallette..pardon, le giovani capre tte h anno appre zzato in particolar m odo ilracconto s ulla nas cita de lnom e CapraM agra, ch e taluni, e vide nte m e nte non be ne de tti dals e ns o de ll um oris m o, cons ide rano q uantom e no bizzarro. M a noi, pe r parafras are un collega, non ci curiam o di loro, m a guardiam o e pas s iam o. i nuovi is critti pre s s o ilcurriculum in coope razione s viluppo e pace s ono cos ì ve nuti a conos ce nza de llo s pazio de ll auletta, com e vie ne affe ttuos am e nte ch iam ato, ch e ci auguriam o abbiano inte s o com e una tavola rotonda s e m pre ape rta a tutti, dis ponibile pe r condivide re i proge tti e parlare de lle proprie am bizioni pe r ilfuturo. Iltutto as s ociato ad una com pagnia ch e è a dir poco ottim a! Th om as E m ilio Villa A LATO : l'invas ione de ll'auletta in occas ione de ll'ape ritivo e q uos olidale LA CAPR A, LO NTANO UN ABISSO D ALLA CUGINA PECO R A PED ISSEQUA SEGUITR ICE D I GR EGGI, BR UCANTE PER TER R A, LA CAPR A, AGGR EGATA ALSUO BR ANCO E IND IPEND ENTE. D AVID E FACH ER IS 8

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI I) Introduzione sul nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORM AZIONE E L EDITORIA COMMISSIONE

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

Presentazione nuovo Annuario statistico ticinese e nuovo sito Internet U stat

Presentazione nuovo Annuario statistico ticinese e nuovo sito Internet U stat Laura Sadis,D irettrice D FE D ania Poretti Suckow,U stat Sheila Paganetti,U stat 1 Struttura della presentazione Intervento della Direttrice del DFE, on. Laura Sadis Nuova strategia di diffusione dell

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da:

Guida per l utente di BookDB. Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Guida per l utente di BookDB Tr a d u zio ne n o n ufficiale e libera m e nte a dattata del m a n u ale dell utente da: Zerg Productions p u b blica anche: U lteriori infor m a zio ni sul sito: http://randor

Dettagli

DESIGNERS ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013

DESIGNERS ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013 S ONLY! PROGETT I SELEZIONATI PER SALONE 2013 Angelo Tomaiuolo 1) TWEETY SEDUTA PER BAMBINO Monoscocca in polipropilene, stampato con stampaggio in rotazionale. Laurea in Architettura con votazione 110

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

COMUNE DI SARDARA SETTORE SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Elenco atti da allegare all istanza

COMUNE DI SARDARA SETTORE SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Elenco atti da allegare all istanza Prociment o/breve descrizione Legge 62/2000 spese scolastiche Legge 448/98 art27 spese acquisto libri (scuola secondaria I e 2 grado) Dlgs 297/94 Fornitura gratita libri di testo scuola elementare Borse

Dettagli

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services)

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services) Sala Toscanini Palazzo delle Stelline Milano 19 aprile ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

eurosoluzioni2000@pec.it

eurosoluzioni2000@pec.it SEDE LEGALE SEDE OPERATIVA Corso Sicilia n. 111 Catania Via Enrico Pantano n. 57 Catania P.IVA 03540850876 TELEFONO +39 095 2863157 FAX +39 095 8361459 EMAIL eurosoluzioni@eurosoluzioni.it project@eurosoluzioni.it

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione

A S S O C I A Z I O N E - A S S O C I AT I O N - ONLUS. P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia. Consiglio di Amministrazione P R E S I D E N T E Associazione La Nostra Famiglia Consiglio di Amministrazione D i re t t o re Generale SEZIONE DI RICERCA ISTITUTO SCIENTIFICO E. MEDEA RESEARCH SECTION E.MEDEA Comitato Etico P residente

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

LaProvi n c i a. Tu r i s m o. un Duemila da ricord a re. In questo numero: La Nigeria invita Rimini a investire

LaProvi n c i a. Tu r i s m o. un Duemila da ricord a re. In questo numero: La Nigeria invita Rimini a investire LaProvi n c i a n. 6 marzo 2001 In questo numero: pag. 3 pag. 3 pag. 7 P resentata l indagine sulla sicure z z a Nasce il Parco economico della Va l c o n c a La mappa provinciale dell elettromagnetismo

Dettagli

o 1 09 162682 279 2 riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica

o 1 09 162682 279 2 riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica ~ l STATUTO Associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA o 1 09 162682 279 2 11111 11111111111 111 11111111111 11 (in forma abbreviata A.S,D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA) Art. l -

Dettagli

机 构 代 表 团 和 经 贸 代 表 团 出 访

机 构 代 表 团 和 经 贸 代 表 团 出 访 STU D IO BO C CI & PAR T NE R S M I SS I ON E I S T IT U ZI O NA LE E D E CO N OM IC A DI SI ST E MA IN CI N A - SH A NG HA I E NAN C HI N O 01 / 06 / 20 1 0 06 / 0 6/ 2 01 0 ST T UDIO B OCCI & PART NE

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18)

Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E CONFERIMENTO DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) STAFF RISRSE UMANE Nota Metodologica Applicazione Regolamento sul RECLUTAMENT DEL PERSNALE E CNFERIMENT DI INCARICHI (D.L. 112/08, Art. 18) NTA METDLGICA SCREENING Servizio Gestione Risorse 1 PREMESSA

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola)

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola) Allegato 'l (denominazione sede d6lla scuola) 1ll veabale deve essere redatlo in UNICO originale, che dovra ess rc depos ato paesso la segreteria dell'istituzbne scolastica. Una copia detto stesso, tramite

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Pietro Pavone Lo Stato in giudizio Editoriale Scientifica

Pietro Pavone Lo Stato in giudizio Editoriale Scientifica (pag. 157 e seguenti) Pietro Pavone Lo Stato in giudizio Editoriale Scientifica 109. Evoluzione storica All atto dell istituzione della Regia Avvocatura erariale la L. 28 novem bre 1875, n. 2871 ed il

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

SAI CHI È QUEST UOMO?

SAI CHI È QUEST UOMO? SAI CHI È QUEST UOMO? Quest uomo nacq ue ne l Kentucky il 6 Apr ile 1909. I suoi genitori erano molto poveri, e siccome suo padre era boscaiolo, essi vivevano in una capanna di legno, su, nelle montagne

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 65/2014 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 65/2014 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 65/2014 1 Legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 Norme per il govern o del territorio. (Bollettino Ufficiale n. 53, parte prima, del 12.11.2014 ) PREAMBOLO... 6 TITOLO

Dettagli

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76 N SSD = 76 N Ricercatori complessivi = 5.167 N Università = 64 N Sub-GEV = 5 1: Antichistica (10/A1 Archeologia, 10/D1 Storia Antica,10/D2 Lingua e Letteratura Greca, 10/D3 Lingua e Letteratura Latina,

Dettagli

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA I.C. CORIO SCUOLA PRIMARIA C.A.Anglesio di ROCCA CANAVESE Progetto di lettura Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA CLASSE SECONDA PERCHè UN PROGETTO DI SPERI MENTAZI ONE Gruppo di lavoro I.N. CURRICOLO

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE Allegato B SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE DISCIPLINA GENERALE TARIFFARIO PER L'UTILIZZO DEGLI SPAZI E DELLE STRUTTURE DEL SETTORE CULTURA in VIGORE dal 01 gennaio 2013 DISCIPLINA GENERALE DISPOSIZIONI PARTICOLARI

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

LINEE GUIDA. per la definizione degli Standard di Qualità nei servizi per le disabilità in Italia. Assessment, interventi, outcomes

LINEE GUIDA. per la definizione degli Standard di Qualità nei servizi per le disabilità in Italia. Assessment, interventi, outcomes LINEE GUIDA per la definizione degli Standard di Qualità nei servizi per le disabilità in Italia Assessment, interventi, outcomes Versione preliminare: aprile 2010 www.airim.it - info@airim.it - 010 51

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

La casa retica In ep oca protostorica

La casa retica In ep oca protostorica I Studi Trentini di Scienze Naturali I Sez. B I Volo XLIV I N. 2 I pagg.279-297 1 Tren to 1967 I IIENAT O l'eiiini La casa retica In ep oca protostorica Gli scavi effett uat i negli ul tim i an n t In

Dettagli

OMEGA-P BY DAY BOLLARD DISSUASORE

OMEGA-P BY DAY BOLLARD DISSUASORE BOLLARD DISSUASORE dissuasori bollards materiali materials acciaio steel dimensioni dimensions SHORT BASE - 220 x 120 x h 840 mm LONG BASE - 400 x 120 x h 840 mm niture nishes struttura structure 74 75

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Il presente indicativo

Il presente indicativo Il presente indicativo Il presente regolare PARLARE VEDERE PARTIRE FINIRE parl - o ved - o part - o fin - isco parl - i ved - i part - i fin - is i parl - a ved - e part - e fin - isce parl - iamo ved

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti

Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Procedure di modellazione di capannoni industriali prefabbricati esistenti Flavio Tartero, Libero Professionista Davide Bellotti, EUCENTRE Roberto Nascimbene, EUCENTRE SOMMARIO Nel presente lavoro vengono

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento dei concorsi e delle altre modalità di accesso agli impieghi

Regolamento per lo svolgimento dei concorsi e delle altre modalità di accesso agli impieghi Regolamento per lo svolgimento dei concorsi e delle altre modalità di accesso agli impieghi Delibera del Consiglio direttivo 22 settembre 1998, n. 74 Testo aggiornato alle disposizioni del D. Lgs. 31.3.1998,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli