STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007"

Transcript

1 A STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia italiana, secondo il carattere A: condizione professionale e B: classi di reddito annuo (chiuse a sinistra), risulta: A: condizione B: classi di reddito annuo (migliaia di euro) professionale totale imprenditori liberi profess dipendenti 9 80 artigiani commercianti totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: condizione professionale? Risposta: ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) Con riferimento alla distribuzione di un carattere con quattro modalità, quale tra le seguenti successioni possono essere considerate le sue frequenze relative? a) ; b) 0, 0,5 0,5 0, ; c) 0,5 0, 0, 0,6 ) Nella tabella a doppia entrata della distribuzione della domanda ), la tabella dei profili riga si ottiene dividendo la frequenza assoluta di ogni casella n ij per: a) ni ; b) n j ; c) N. 5) Costruire la tabella dei profili riga della distribuzione della domanda ) 6) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere A: condizione professionale? Risposta: 7) Cos è una funzione di ripartizione? Risposta: 8) Costruire una funzione di ripartizione della distribuzione del carattere A: condizione professionale? Risposta: 9) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: condizione professionale?, quale quella per il carattere B: classi di reddito annuo? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? Risposte: 0) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: condizione professionale della distribuzione della domanda ) Quale media useresti? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) La variabile Y, scarto della variabile X, pari a Y = X M(X), presenta una media: a) M Y = M X ; b) M Y = 0 ; c) M Y = ) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere B: classi di reddito annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7

2 B STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli iscritti ad un fondo pensioni, secondo il carattere A: contributo annuo (classi chiuse a sinistra) e B: titolo di studio, risulta (valori x 000): A: contributo annuo B: titolo di studio (migliaia di euro) elementare media diploma laurea totale totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è B: titolo di studio? Risposta: ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) Con riferimento alle frequenze relative f i =n i /N, quale relazione risulta giusta tra le seguenti? a) Σ f i = 0 ; b) Σ f i = ; c) Σ f i = N ) Nella tabella a doppia entrata della distribuzione della domanda ), la tabella dei profili colonna si ottiene dividendo la frequenza assoluta di ogni casella n ij per: a) ni ; b) n ; c) N. j 5) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: titolo di studio? Risposta: 6) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere B: titolo di studio?, quale quella per il carattere A: contributo annuo? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? Risposte: 7) Volendo calcolare un valore medio del carattere B: titolo di studio della distribuzione della domanda ) 8) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere A: contributo annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 6 9) La variabile Y, scarto della variabile X, pari a Y = X M(X), presenta una varianza: a) σ Y = σ X ; b) σ Y = 0 ; c) σ Y = 0) Lo scarto quadratico medio rispetto alla media aritmetica, σ(m), risulta maggiore, uguale o minore nei confronti dello scarto quadratico medio rispetto alla mediana, σ(me)? Risposta: ) Calcolare lo scarto quadratico medio del carattere A: contributo annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). ) In un collettivo suddiviso in gruppi, in cui le devianze dei singoli gruppi sono Dev W e la devianza tra le medie dei gruppi è Dev B, la devianza totale Dev T è pari a: a) Dev T = Dev W - Dev B ; b) Dev T = Dev B + Dev W ; c) Dev T = Dev B

3 C STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli studenti di una facoltà universitaria (valori x 000), secondo i caratteri A: sesso e B: tipo di diploma di scuola superiore, risulta: A: sesso B: tipo di diploma liceo classico liceo scientifico ragioneria geometra altri maschi totale femmine Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: sesso? ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: tipo di diploma? Risposta: ) L indice di mortalità infantile, rapporto tra i morti nel anno di vita ed i nati, è risultato nell anno 00 pari al 0,5%. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 5) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: sesso?, quale quella per il carattere B: tipo di diploma? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 6) L indice di dipendenza degli anziani, rapporto tra la popolazione con età non inferiore a 65 anni e quella con età compresa tra 5 anni e 6 anni, che tipo di rapporto statistico è? Risposta: 7) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: sesso della distribuzione della domanda ) 8) Calcolare moda e mediana del carattere B: tipo di diploma della distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 5 9) Cosa misura un indice di variabilità? Cosa si intende per indici assoluti e relativi? Risposte: Risposte: 0) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: tipo di diploma Quale indice useresti? Risposta: ) Calcolare l indice di etereogenità S di Gini, assoluto e relativo, delle due distribuzioni riga del sesso (maschi e femmine) della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro).. ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 6) dire quale delle due distribuzioni (maschi e femmine) ha maggiore mutabilità

4 D STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del reddito familiare (valore centrale della classe di valori x 000 euro) secondo il numero dei componenti il nucleo familiare è data da: X: n. componenti Y: reddito familiare Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: n. dei componenti? ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: n. dei componenti?, quale quella per il carattere Y: reddito familiare? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? ) Volendo calcolare un valore medio del carattere X: n. componenti della distribuzione della domanda ) 5) L indice di mascolinità, rapporto tra i nati di sesso maschile e quelli di sesso femminile, in Italia negli ultimi 0 ani è risultato in media pari a 05 su 00. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 6) La giacenza media di un c/c bancario, rapporto tra la consistenza del conto alla fine di un anno ed i versamenti avvenuti nell anno, è un rapporto di: a) composizione ; b) derivazione ; c) durata 7) L indice di fecondità, rapporto tra il numero dei nati vivi e il numero delle donne in età feconda, che tipo di rapporto statistico è? Risposta: 8) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere Y: reddito familiare della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 9) La variabile Y, standardizzata della variabile X, pari a X M Y = x, presenta media e varianza date da: σ a) M x = ; σ Y = σ X ; b) M x = 0 ; σ Y = 0 ; c) M x = 0 ; σ Y = 0) L indice di vecchiaia, rapporto tra la popolazione con età non inferiore a 65 anni e quella con età inferiore a 5 anni, è risultato in media pari a 0. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: ) Calcolare lo scarto quadratico medio del carattere Y: reddito familiare della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). Tramite il calcolo verificare la proprietà della varianza che si avvale della media quadratica e procedere alla standardizzazione della variabile. ) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere X: numero dei componenti della distribuzione della domanda ) risulta pari a,000 (con media ) e sulla base dei risultati ottenuti nella domanda precedente dire quale dei due caratteri (X ed Y) ha maggiore variabilità. x 5

5 E STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La seguente distribuzione rappresenta gli eventi catastrofali verificatisi in Italia negli ultimi 0 anni distinti nei caratteri A: classe di danno e B:zona territoriale A: classe B: zona territoriale di danno nord-est nord-ovest centro sud isole Totale Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: classe di danno? ) La distribuzione della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: zona territoriale? Risposta: ) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: classe di danno della distribuzione della domanda ) 5) Calcolare le medie possibili del carattere A: classe di danno della distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 6) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: classe di danno?, quale quella per il carattere B: zona territoriale? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 7) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: zona territoriale 8) La frequenza relativa della modalità centro del carattere B: zona territoriale risulta pari al 6%. Che cosa significa? La frequenza in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 9) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 0) Calcolare l indice indicato nella precedente risposta per la distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 6 ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti

6 F STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione doppia relativa ai caratteri X:età mediana ed Y: PIL pro-capite delle principali economie dell Unione Europea è rappresentata da: Stati Germania Francia Regno Unito Italia Spagna Grecia X: età mediana, 9, 9, 8,6 9,7 Y: PIL pro-capite,,9 5,8 9, 5, 8,7 Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: età mediana? ) La distribuzione della domanda ), che tipo di distribuzione doppia è? a) seriazione di intensità ; b) serie di frequenza ; c) serie di frequenza ed intensità ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: età mediana?, quale quella per il carattere Y: PIL pro-capite? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? ) Volendo calcolare un valore medio del carattere X: età mediana della distribuzione della domanda ) 5) Il tasso di dipendenza strutturale, rapporto tra la somma degli abitanti con età non inferiore a 65 anni e con età inferiore a 5 anni rispetto agli abitanti con età compresa tra 5 e 6 anni, in Italia al gennaio 006 è risultato in media pari a 0,5. Che cosa significa il valore di tale rapporto? Il tasso in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 6) Calcolare la media aritmetica del carattere X: età mediana e del carattere Y: PIL pro-capite della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 8) Lo scarto quadratico della distribuzione X è risultato σ x =,76; successivamente sulle unità statistiche di tale distribuzione è stata applicata la trasformazione Z=x+,5; quale è lo scarto della distribuzione trasformata Z?: a) σ z =,95 ; b) σ z = 6,5 ; c) σ z =,976 9) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere Y è risultato pari a σ y = 5,87 e che la covarianza è σ xy =,97, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda 8) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 0) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti ) Qualora il carattere Y: PIL pro-capite sia fortemente influenzato dal carattere X: età mediana può essere adottata la retta di regressione lineare per stimarne l influenza.. Quale carattere dovrebbe essere scelto come variabile indipendente? Risposta: Qual è l espressione della retta di regressione? Risposta: Quant è il coefficiente di regressione (formula e calcoli sul retro)? Risposta: Scrivere la retta con i valori numerici (formula e calcoli sul retro)? Risposta:.

7 G STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione degli immigrati presenti in una regione italiana secondo i caratteri A: religione professata e B: zona di provenienza è così rappresentata (valori x 000) A: religione Estremo oriente Medio oriente Nord Africa B: zona di provenienza Centro Africa Sud Africa Oceania Centro America Sud America Totale cristiana islamica buddista induista altre 6 0 Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: religione? ) La distribuzione della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Volendo calcolare un valore medio del carattere B: zona di provenienza della distribuzione doppia della domanda ). ) Calcolare le medie possibili del carattere B: zona di provenienza della distribuzione doppia della domanda ). 5) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: religione?, quale quella per il carattere B: zona di provenienza? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 6) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: zona di provenienza 7) Calcolare l indice di variabilità indicato nella risposta alla precedente domanda per entrambi le distribuzioni semplici (o marginali) della tabella a doppia entrata della domanda ) Risposte: _(carattere A) (carattere B) 8) In base ai risultati ottenuti nella domanda 7) dire quale delle due distribuzioni (religione e zona di provenienza) ha maggiore mutabilità. Risposta: 9) Cos è un indice sintetico dei prezzi? Quali sono le possibili ponderazioni utilizzabili per il calcolo dell indice generale dei prezzi e quali indici ne scaturiscono? Risposte: 0) Quali tipi di indici generali dei prezzi costruisce l ISTAT? Risposte: ) Gli indici dei prezzi indicati nella risposta alla precedente domanda si differenziano tra di loro per quale dei seguenti elementi? a) universo consumatori ; b) unità di misura prezzi ; c) metodo di sintesi indici semplici

8 ) Dati i seguenti prezzi e quantità di alcuni beni (A, B e C) registrati in alcuni anni (000, 00, 00 e 00) anni prezzi unitari (euro) quantità scambiate A B C A B C determinare gli indici di Laspeyres, Paasche e Fisher (base 000=00) (formule e calcoli sul retro approssimando ad un decimale) ) Commentare i risultati ottenuti nella domanda precedente per l anno 00 ed indicare quale indice è più adatto a stimare la variazione dei prezzi a fronte di una modifica strutturale dei consumi (vedi quantità scambiate per l anno 00) Risposte: ) L incidenza percentuale delle femmine nella popolazione italiana, come risultava al gennaio 006, è pari al 5,. Cosa significa tale valore? Che tipo di rapporto statistico è tale incidenza percentuale? Risposte: 5) L indice di nuzialità, rapporto tra il numero dei matrimoni e la popolazione, risultante in Italia per l anno 005, è stato pari al, per 000. Cosa significa tale valore? Che tipo di rapporto statistico è tale indice? Risposte: 6) Quali sono le possibili analisi dell interdipendenza tra due caratteri di una tabella a doppia entrata? Risposte: 7) Quali sono gli indici, corrispondenti alle risposte della domanda precedente, che vengono utilizzati per poter ottenere una misura dell interdipendenza.? Risposte: 8) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella a doppia entrata della domanda ) 9) Calcolare l indice indicato nella precedente risposta per la distribuzione della domanda ) approssimando a decimali (formule e calcoli sul retro). 6 0) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti

9 H STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione relativa ai militari presenti in una caserma secondo i caratteri X: classi di età ed Y: altezza media è rappresentata da: X: altezza Y: classi di età (anni interi compiuti) Totale media in cm Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è Y: classi di età in anni interi? ) La distribuzione della domanda ), che tipo di distribuzione doppia è? a) seriazione di intensità ; b) seriazione di frequenza ; c) serie di frequenza ed intensità ) Quali sono le distribuzioni marginali della tabella a doppia entrata della domanda ) (indicare modalità e frequenze)? Risposta: (mod.) X: Y: Risposta: (freq.) X: Y: ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: altezza?, quale quella per il carattere Y: classi di età? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 5) Volendo calcolare un valore medio del carattere Y: classi di età della distribuzione della domanda ) 6) Calcolare le medie possibili del carattere Y: classi di età della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice X: altezza 8) Calcolare l indice di variabilità indicato nella risposta alla precedente domanda per il carattere Y: classi di età della tabella a doppia entrata della domanda ) (formule e calcoli sul retro) Risposta: 9) In base ai risultati ottenuti nella domanda 8), sapendo che la media del carattere X: altezza è risultata 7,77 e lo scarto,70, dire quale delle due distribuzioni (religione e zona di provenienza) ha maggiore mutabilità. 0) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) ) Sapendo che la covarianza è σ xy = -,088, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda 8) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro).

10 ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia italiana, secondo il carattere A: condizione professionale e B: classi di reddito annuo (chiuse a sinistra), risulta: X: condizione Y: reddito medio annuo (migliaia di euro) totale professionale 5,8 8, 50,5 68,5 6,0 imprenditori liberi profess dipendenti 9 80 artigiani commercianti totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: condizione professionale? Risposta: ) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 5) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere Y è risultato pari a σ y =,0, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 6) In base ai risultati ottenuti nella domanda 5) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti 7) Qualora il carattere X: altezza della domanda ) sia fortemente influenzato dal carattere Y: classi di età può essere adottata la retta di regressione lineare per stimarne l influenza.. Quale carattere dovrebbe essere scelto come variabile indipendente? Risposta: Qual è l espressione della retta di regressione? Risposta: Quant è il coefficiente di regressione (formula e calcoli sul retro)? Risposta: Scrivere la retta con i valori numerici (formula e calcoli sul retro)? Risposta:.

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti )

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Esercizio 1 Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Qualitativo Sconnesso: Marca di Jeans preferita, Partito votato nelle ultime elezioni,

Dettagli

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica Corso di Laurea in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2008/2009 Statistica Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza

Dettagli

Preparazione all esonero di statistica del 21 ottobre 2014

Preparazione all esonero di statistica del 21 ottobre 2014 Cognome Nome 1 parte Date le seguenti coppie ordinate relative al peso e all'altezza di alcuni giovani costruire una tabella a doppia entrata con frequenze assolute e percentuali. (90,170) (98,180) (80,170)

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

Esercizi di Statistica

Esercizi di Statistica Esercizi di Statistica Selezione di esercizi proposti durante le esercitazioni dei corsi di Statistica tenute presso la Facoltà di Economia dell Università di Salerno Versione del 17 ottobre 2006 2 Per

Dettagli

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media.

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. FORMA DI UNA DISTRIBUZIONE Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. Le prime informazioni sulla forma di

Dettagli

1 La Matrice dei dati

1 La Matrice dei dati Dispense sull uso di Excel Daniela Marella 1 La Matrice dei dati Un questionario è costituito da un insieme di domande raccolte su un determinato supporto (cartaceo o elettronico) e somministrate alla

Dettagli

INDICE PREFAZIONE VII

INDICE PREFAZIONE VII INDICE PREFAZIONE VII CAPITOLO 1. LA STATISTICA E I CONCETTI FONDAMENTALI 1 1.1. Un po di storia 3 1.2. Fenomeno collettivo, popolazione, unità statistica 4 1.3. Caratteri e modalità 6 1.4. Classificazione

Dettagli

Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008

Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008 Esercizio 1 - Esercizio 5 esame 22 giugno 2004 Esercizi di riepilogo Statistica III canale, anno 2008 Data la seguente distribuzione di 100 dipendenti di un azienda in base al tempo impiegato (in minuti)

Dettagli

Soluzioni degli Esercizi del Parziale del 30/06/201 (Ippoliti-Fontanella-Valentini)

Soluzioni degli Esercizi del Parziale del 30/06/201 (Ippoliti-Fontanella-Valentini) Soluzioni degli Esercizi del Parziale del 30/06/201 (Ippoliti-Fontanella-Valentini) Esercizio 1 In uno studio sugli affitti mensili, condotto su un campione casuale di 14 monolocali nella città nella città

Dettagli

Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011

Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011 Esercitazioni del corso di Statistica - III canale Prof. Mortera e Vicard a.a. 2010/2011 Esercizi di statistica descrittiva 1. Secondo i dati ISTAT 1997 sull occupazione, la Lombardia e il Veneto presentano

Dettagli

Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna. Prove scritte di esame a.a. 2012-13

Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna. Prove scritte di esame a.a. 2012-13 Statistica corso base Canale N Z prof. Francesco Maria Sanna Prova scritta del 8/1/2013 Prove scritte di esame a.a. 2012-13 Esercizio 1 (5 punti). Nella seguente tabella è riportata la distribuzione delle

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Soluzioni Esercizi elementari

Soluzioni Esercizi elementari Soluzioni sercizi elementari Capitolo. carattere: itolo di Studio, carattere qualitativo ordinato modalità: Diploma, Licenza media, Laurea, Licenza elementare unità statistiche: Individui. carattere: Fatturato,

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto

Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto Tema 1 indicare cognome, nome e numero di matricola su tutti i fogli; utilizzare i fogli protocollo per effettuare i calcoli, indicando tutti i passaggi necessari

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA Capitolo zero: STATISTICA DESCRITTIVA UNIVARIATA La STATISTICA è la scienza che si occupa di fenomeni collettivi che richiedono lo studio di un grande numero di dati. Il termine STATISTICA deriva dalla

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi

CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi Dott.ssa CATERINA CONIGLIANI Facoltà di Economia Università Roma Tre 1 Esercizi su sintesi di distribuzioni semplici Esercizio 1.1 Data la seguente distribuzione

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Statistica Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Università degli studi di Cassino () Statistica 1 / 2 Outline 1 2 3 4 () Statistica 2 / 2 Misura del legame Data una variabile doppia (X, Y ), la misura

Dettagli

Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2008/2009

Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2008/2009 Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2008/2009 Esercizi di statistica descrittiva 1. Secondo i dati ISTAT 1997 sull occupazione, la Lombardia e il Veneto presentano le seguenti distribuzione

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unina.it

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unina.it Statistica Alfonso Iodice D Enza iodicede@unina.it Università degli studi di Cassino () Statistica 1 / 16 Outline 1 () Statistica 2 / 16 Outline 1 2 () Statistica 2 / 16 Outline 1 2 () Statistica 2 / 16

Dettagli

Appunti di complementi di matematica

Appunti di complementi di matematica Appunti di complementi di matematica UITA STATISTICA: è l unità su cui si raccolgono le informazioni oggetto dell indagine e possono essere individui, famiglie, oggetti. UIVERSO STATISTICO O POLAZIOE STATISTICA

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

STATISTICA (L-Z) - Parte I Esercitazione 3

STATISTICA (L-Z) - Parte I Esercitazione 3 STATISTICA (L-Z) - Parte I Esercitazione 3 A.A. 2009/2010 Debora Slanzi debora.slanzi@unive.it 1 Esercizio 1 In un gruppo di 20 persone sono state rilevate due variabili, il sesso e l età In relazione

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Allegato alle Condizioni generali di contratto di Valore Pensione ed. 07/07 DOCUMENTO SULL EROGAZIONE

Dettagli

ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE

ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE ESERCITAZIONE 13 : STATISTICA DESCRITTIVA E ANALISI DI REGRESSIONE e-mail: tommei@dm.unipi.it web: www.dm.unipi.it/ tommei Ricevimento: su appuntamento Dipartimento di Matematica, piano terra, studio 114

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie

Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Mutui e credito al consumo: l offerta degli intermediari finanziari e la domanda di credito delle famiglie Roma, 29 ottobre 27 Carlo Milani Centro Studi e Ricerche Ordine della presentazione 1. Prime evidenze

Dettagli

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI 0. Introduzione La statistica è la disciplina che studia i fenomeni collettivi allo scopo di metterne in evidenza le regolarità. Il vocabolo Statistica deriva dal latino

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 1 marzo 2011 Prograa 1 Analisi grafica dei dati 2 Indici di posizione Indici di dispersione Il boxplot 3 4 Prograa Analisi grafica

Dettagli

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA 2. Caratteristiche strutturali della popolazione Posa Donato k posa@economia.unisalento.it Maggio Sabrina k s.maggio@economia.unisalento.it UNIVERSITÀ DEL SALENTO DIP.TO DI SCIENZE

Dettagli

Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo MEDIA GEOMETRICA M g = x g = n n x i i=1 1 PROPRIETA 1) Identità di prodotto ( ) n n M =

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE 1 Associazione tra variabili quantitative ASSOCIAZIONE FRA CARATTERI QUANTITATIVI: COVARIANZA E CORRELAZIONE 2 Associazione tra variabili quantitative Un esempio Prezzo medio per Nr. Albergo cliente (Euro)

Dettagli

Grafici delle distribuzioni di frequenza

Grafici delle distribuzioni di frequenza Grafici delle distribuzioni di frequenza L osservazione del grafico può far notare irregolarità o comportamenti anomali non direttamente osservabili sui dati; ad esempio errori di misurazione 1) Diagramma

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Si parla di Analisi Multivariata quando su ogni unità statistica, appartenente ad una determinata popolazione, si rileva un certo numero s di caratteri X 1, X 2,,X s. Si

Dettagli

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Introduzione : analisi delle relazioni tra due caratteristiche osservate sulle stesse unità statistiche studio del comportamento di due caratteri

Dettagli

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola:

ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ESAME DI STATISTICA Nome: Cognome: Matricola: ISTRUZIONI: Per la prova è consentito esclusivamente l uso di una calcolatrice tascabile, delle tavole della normale e della t di Student. I risultati degli

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Cenni di statistica descrittiva

Cenni di statistica descrittiva Cenni di statistica descrittiva La statistica descrittiva è la disciplina nella quale si studiano le metodologie di cui si serve uno sperimentatore per raccogliere, rappresentare ed elaborare dei dati

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it A.Studio dell interdipendenza tra variabili: riepilogo Concetto relativo allo studio delle relazioni tra

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla

Metodologia per l analisi dei dati sperimentali L analisi di studi con variabili di risposta multiple: Regressione multipla Il metodo della regressione può essere esteso dal caso in cui si considera la variabilità della risposta della y in relazione ad una sola variabile indipendente X ad una situazione più generale in cui

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Analisi dei dati. Statistica descrittiva

Analisi dei dati. Statistica descrittiva Analisi dei dati DATI GREZZI SINTESI DELLE OSSERVAZIONI ELABORAZIONE DATI Statistica descrittiva Si occupa dell analisi di un certo fenomeno relativo a un certo gruppo di soggetti (popolazione) sulla base

Dettagli

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 17 aprile 2013 Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2011 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 265.963 milioni di euro, è aumentata del 2,9 rispetto all anno precedente,

Dettagli

1 Rapporto sugli immigrati in Italia

1 Rapporto sugli immigrati in Italia 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 INDICE CAPITOLO I - IL QUADRO NORMATIVO E LE POLITICHE LOCALI 26 I.1. Introduzione 26 I.2. Le leggi

Dettagli

Anno Accademico 2014-2015. Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA

Anno Accademico 2014-2015. Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA Statistica, CLEA p. 1/68 Anno Accademico 2014-2015 Corso di Laurea in Economia Aziendale Università di Bologna STATISTICA Monia Lupparelli monia.lupparelli@unibo.it http://www2.stat.unibo.it/lupparelli

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1 3 dicembre 2015 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1 Nel 2014 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 277.067 2 milioni di euro, è aumentata dell 1,6 rispetto all anno

Dettagli

Statistica Medica. Verranno presi in esame:

Statistica Medica. Verranno presi in esame: Statistica Medica Premessa: il seguente testo cerca di riassumere e rendere in forma comprensibile ai non esperti in matematica e statistica le nozioni e le procedure necessarie a svolgere gli esercizi

Dettagli

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 Nella scuola oggi e nella società domani ANTONIO SCHIZZEROTTO FBK-IRVAPP e Università di Trento Uno sguardo sull istruzione secondaria in Trentino

Dettagli

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza.

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza. VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD Si definisce varianza campionaria l indice s 2 = 1 (x i x) 2 = 1 ( xi 2 n x 2) Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della

Dettagli

1) A partire dalla seguente tabella a doppia entrata per le variabili QUALIFICA FUNZIONALE e STIPENDIO PERCEPITO (3 classi): STIPENDIO PERCEPITO

1) A partire dalla seguente tabella a doppia entrata per le variabili QUALIFICA FUNZIONALE e STIPENDIO PERCEPITO (3 classi): STIPENDIO PERCEPITO ESERCIZIO La tabella littlecompany,disponibile sul sito (in formato pdf e xls) riporta i dati relativi a 40 dipendenti dell'azienda Little Company S.r.l. su cui sono state rilevate le seguenti variabili:

Dettagli

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco)

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) IL P-VALUE (α) Data un ipotesi nulla (H 0 ), questa la si può accettare o rifiutare in base al valore del p- value. In genere il suo valore è un numero molto piccolo,

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012 2 aprile 2014 Nel 2012 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 270.720 milioni di euro, è aumentata dell 1,8% rispetto all anno precedente,

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata INA ASSITALIA PRIMO Piano pensionistico

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

Compito scritto di Statistica 1 del 3-9-02 Corso di studio in Economia e finanza A.A.2001/02

Compito scritto di Statistica 1 del 3-9-02 Corso di studio in Economia e finanza A.A.2001/02 Compito scritto di Statistica 1 del 3-9-02 Corso di studio in Economia e finanza A.A.2001/02 1) La tabella che segue mostra il numero dei figli di un campione di donne in età superiore ai 40 anni, che

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti

TRACCIA DI STUDIO. Tassi o quozienti TRACCIA DI STUDIO Per descrivere e quantificare aspetti epidemiologici, è necessario fare uso di rapporti tra dati legati da un nesso logico. Il risultato viene sovente moltiplicato per un multiplo di

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri I rapporti statistici sono misure statistiche elementari finalizzate al confronto tra i dati stessi. In un rapporto statistico si mettono a confronto due termini, frequenze

Dettagli

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona)

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) Statistica A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) DOCENTE: Marco Minozzo (marco.minozzo@univr.it) TELEFONO: 045-8028234 ORARIO DI RICEVIMENTO: martedì 12:00 13:00

Dettagli

Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica. 18 dicembre 2008

Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica. 18 dicembre 2008 Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica 18 dicembre 008 Esame sull intero programma: esercizi da A a D Esame sulla seconda parte del programma: esercizi

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sull erogazione delle rendite - Allegato alle Condizioni Generali di contratto - Documento sull erogazione delle rendite Allegato

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Primo rapporto sulla coesione sociale

Primo rapporto sulla coesione sociale Primo rapporto sulla coesione sociale Anno 2010 Indice delle tavole I. CONTESTI I.1 QUADRO SOCIO-DEMOGRAFICO I.1.1 Struttura e dinamica della popolazione Tavola I.1.1.1 - Popolazione residente per sesso,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA. Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA. Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti) ECOCOM (lettere A-Lh): ECOCOM (lettere Li-Z): ECOBAN: ECOAMM (Lettere A-Lh):

Dettagli

FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/03/2011

FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/03/2011 FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CdL in SCIENZE DELL ORGANIZZAZIONE SIMULAZIONE della PROVA SCRITTA di STATISTICA 23/3/2 ESERCIZIO (2+2+2+2) La seguente tabella riporta la distribuzione della variabile "Stato Civile"

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CONVENZIONE SULLE CIFRE SIGNIFICATIVE La convenzione usata sul troncamento delle cifre è troncare

Dettagli

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ 1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO IL DIRITTO ALLO STUDIO I FINANZIAMENTI E IL PERSONALE DELLA RICERCA I DOCENTI E IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO L OFFERTA DIDATTICA

Dettagli

Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese.

Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese. Il sistema universitario maceratese 1 Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese. Studenti iscritti Con riferimento all anno accademico 2012-13, gli studenti

Dettagli

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi di Nicola Serio Udine 30 settembre 2014 Donne Impresa FVG Caratteristiche demografiche delle imprenditrici

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) STATISTICA DESCRITTIVA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG41U

STUDIO DI SETTORE UG41U A L L E G AT O 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG41U R I C E R C H E D I M E R C A T O E S O N D A G G I D I O P I N I O N E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 5 dicembre 2014 Anno 2013 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2013 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 272.746 1 milioni di euro, è aumentata dello 0,7 rispetto all anno

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli