STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007"

Transcript

1 A STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia italiana, secondo il carattere A: condizione professionale e B: classi di reddito annuo (chiuse a sinistra), risulta: A: condizione B: classi di reddito annuo (migliaia di euro) professionale totale imprenditori liberi profess dipendenti 9 80 artigiani commercianti totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: condizione professionale? Risposta: ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) Con riferimento alla distribuzione di un carattere con quattro modalità, quale tra le seguenti successioni possono essere considerate le sue frequenze relative? a) ; b) 0, 0,5 0,5 0, ; c) 0,5 0, 0, 0,6 ) Nella tabella a doppia entrata della distribuzione della domanda ), la tabella dei profili riga si ottiene dividendo la frequenza assoluta di ogni casella n ij per: a) ni ; b) n j ; c) N. 5) Costruire la tabella dei profili riga della distribuzione della domanda ) 6) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere A: condizione professionale? Risposta: 7) Cos è una funzione di ripartizione? Risposta: 8) Costruire una funzione di ripartizione della distribuzione del carattere A: condizione professionale? Risposta: 9) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: condizione professionale?, quale quella per il carattere B: classi di reddito annuo? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? Risposte: 0) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: condizione professionale della distribuzione della domanda ) Quale media useresti? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) La variabile Y, scarto della variabile X, pari a Y = X M(X), presenta una media: a) M Y = M X ; b) M Y = 0 ; c) M Y = ) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere B: classi di reddito annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7

2 B STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli iscritti ad un fondo pensioni, secondo il carattere A: contributo annuo (classi chiuse a sinistra) e B: titolo di studio, risulta (valori x 000): A: contributo annuo B: titolo di studio (migliaia di euro) elementare media diploma laurea totale totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è B: titolo di studio? Risposta: ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: Come giustifichi la risposta data? Risposta: ) Con riferimento alle frequenze relative f i =n i /N, quale relazione risulta giusta tra le seguenti? a) Σ f i = 0 ; b) Σ f i = ; c) Σ f i = N ) Nella tabella a doppia entrata della distribuzione della domanda ), la tabella dei profili colonna si ottiene dividendo la frequenza assoluta di ogni casella n ij per: a) ni ; b) n ; c) N. j 5) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: titolo di studio? Risposta: 6) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere B: titolo di studio?, quale quella per il carattere A: contributo annuo? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? Risposte: 7) Volendo calcolare un valore medio del carattere B: titolo di studio della distribuzione della domanda ) 8) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere A: contributo annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 6 9) La variabile Y, scarto della variabile X, pari a Y = X M(X), presenta una varianza: a) σ Y = σ X ; b) σ Y = 0 ; c) σ Y = 0) Lo scarto quadratico medio rispetto alla media aritmetica, σ(m), risulta maggiore, uguale o minore nei confronti dello scarto quadratico medio rispetto alla mediana, σ(me)? Risposta: ) Calcolare lo scarto quadratico medio del carattere A: contributo annuo della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). ) In un collettivo suddiviso in gruppi, in cui le devianze dei singoli gruppi sono Dev W e la devianza tra le medie dei gruppi è Dev B, la devianza totale Dev T è pari a: a) Dev T = Dev W - Dev B ; b) Dev T = Dev B + Dev W ; c) Dev T = Dev B

3 C STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli studenti di una facoltà universitaria (valori x 000), secondo i caratteri A: sesso e B: tipo di diploma di scuola superiore, risulta: A: sesso B: tipo di diploma liceo classico liceo scientifico ragioneria geometra altri maschi totale femmine Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: sesso? ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: tipo di diploma? Risposta: ) L indice di mortalità infantile, rapporto tra i morti nel anno di vita ed i nati, è risultato nell anno 00 pari al 0,5%. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 5) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: sesso?, quale quella per il carattere B: tipo di diploma? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 6) L indice di dipendenza degli anziani, rapporto tra la popolazione con età non inferiore a 65 anni e quella con età compresa tra 5 anni e 6 anni, che tipo di rapporto statistico è? Risposta: 7) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: sesso della distribuzione della domanda ) 8) Calcolare moda e mediana del carattere B: tipo di diploma della distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 5 9) Cosa misura un indice di variabilità? Cosa si intende per indici assoluti e relativi? Risposte: Risposte: 0) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: tipo di diploma Quale indice useresti? Risposta: ) Calcolare l indice di etereogenità S di Gini, assoluto e relativo, delle due distribuzioni riga del sesso (maschi e femmine) della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro).. ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 6) dire quale delle due distribuzioni (maschi e femmine) ha maggiore mutabilità

4 D STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del reddito familiare (valore centrale della classe di valori x 000 euro) secondo il numero dei componenti il nucleo familiare è data da: X: n. componenti Y: reddito familiare Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: n. dei componenti? ) La tabella della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: n. dei componenti?, quale quella per il carattere Y: reddito familiare? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? ) Volendo calcolare un valore medio del carattere X: n. componenti della distribuzione della domanda ) 5) L indice di mascolinità, rapporto tra i nati di sesso maschile e quelli di sesso femminile, in Italia negli ultimi 0 ani è risultato in media pari a 05 su 00. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 6) La giacenza media di un c/c bancario, rapporto tra la consistenza del conto alla fine di un anno ed i versamenti avvenuti nell anno, è un rapporto di: a) composizione ; b) derivazione ; c) durata 7) L indice di fecondità, rapporto tra il numero dei nati vivi e il numero delle donne in età feconda, che tipo di rapporto statistico è? Risposta: 8) Calcolare moda, mediana e media aritmetica del carattere Y: reddito familiare della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 9) La variabile Y, standardizzata della variabile X, pari a X M Y = x, presenta media e varianza date da: σ a) M x = ; σ Y = σ X ; b) M x = 0 ; σ Y = 0 ; c) M x = 0 ; σ Y = 0) L indice di vecchiaia, rapporto tra la popolazione con età non inferiore a 65 anni e quella con età inferiore a 5 anni, è risultato in media pari a 0. Che cosa significa? L indice in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: ) Calcolare lo scarto quadratico medio del carattere Y: reddito familiare della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). Tramite il calcolo verificare la proprietà della varianza che si avvale della media quadratica e procedere alla standardizzazione della variabile. ) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere X: numero dei componenti della distribuzione della domanda ) risulta pari a,000 (con media ) e sulla base dei risultati ottenuti nella domanda precedente dire quale dei due caratteri (X ed Y) ha maggiore variabilità. x 5

5 E STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La seguente distribuzione rappresenta gli eventi catastrofali verificatisi in Italia negli ultimi 0 anni distinti nei caratteri A: classe di danno e B:zona territoriale A: classe B: zona territoriale di danno nord-est nord-ovest centro sud isole Totale Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: classe di danno? ) La distribuzione della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Quali sono le frequenze della distribuzione del carattere B: zona territoriale? Risposta: ) Volendo calcolare un valore medio del carattere A: classe di danno della distribuzione della domanda ) 5) Calcolare le medie possibili del carattere A: classe di danno della distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 6) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: classe di danno?, quale quella per il carattere B: zona territoriale? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 7) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: zona territoriale 8) La frequenza relativa della modalità centro del carattere B: zona territoriale risulta pari al 6%. Che cosa significa? La frequenza in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 9) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 0) Calcolare l indice indicato nella precedente risposta per la distribuzione della domanda ) (formule e calcoli sul retro). 6 ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti

6 F STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione doppia relativa ai caratteri X:età mediana ed Y: PIL pro-capite delle principali economie dell Unione Europea è rappresentata da: Stati Germania Francia Regno Unito Italia Spagna Grecia X: età mediana, 9, 9, 8,6 9,7 Y: PIL pro-capite,,9 5,8 9, 5, 8,7 Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: età mediana? ) La distribuzione della domanda ), che tipo di distribuzione doppia è? a) seriazione di intensità ; b) serie di frequenza ; c) serie di frequenza ed intensità ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: età mediana?, quale quella per il carattere Y: PIL pro-capite? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? ) Volendo calcolare un valore medio del carattere X: età mediana della distribuzione della domanda ) 5) Il tasso di dipendenza strutturale, rapporto tra la somma degli abitanti con età non inferiore a 65 anni e con età inferiore a 5 anni rispetto agli abitanti con età compresa tra 5 e 6 anni, in Italia al gennaio 006 è risultato in media pari a 0,5. Che cosa significa il valore di tale rapporto? Il tasso in esame che tipo di rapporto statistico è? Risposte: 6) Calcolare la media aritmetica del carattere X: età mediana e del carattere Y: PIL pro-capite della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 8) Lo scarto quadratico della distribuzione X è risultato σ x =,76; successivamente sulle unità statistiche di tale distribuzione è stata applicata la trasformazione Z=x+,5; quale è lo scarto della distribuzione trasformata Z?: a) σ z =,95 ; b) σ z = 6,5 ; c) σ z =,976 9) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere Y è risultato pari a σ y = 5,87 e che la covarianza è σ xy =,97, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda 8) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 0) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti ) Qualora il carattere Y: PIL pro-capite sia fortemente influenzato dal carattere X: età mediana può essere adottata la retta di regressione lineare per stimarne l influenza.. Quale carattere dovrebbe essere scelto come variabile indipendente? Risposta: Qual è l espressione della retta di regressione? Risposta: Quant è il coefficiente di regressione (formula e calcoli sul retro)? Risposta: Scrivere la retta con i valori numerici (formula e calcoli sul retro)? Risposta:.

7 G STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione degli immigrati presenti in una regione italiana secondo i caratteri A: religione professata e B: zona di provenienza è così rappresentata (valori x 000) A: religione Estremo oriente Medio oriente Nord Africa B: zona di provenienza Centro Africa Sud Africa Oceania Centro America Sud America Totale cristiana islamica buddista induista altre 6 0 Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è A: religione? ) La distribuzione della domanda ), che tabella è? Risposta: ) Volendo calcolare un valore medio del carattere B: zona di provenienza della distribuzione doppia della domanda ). ) Calcolare le medie possibili del carattere B: zona di provenienza della distribuzione doppia della domanda ). 5) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere A: religione?, quale quella per il carattere B: zona di provenienza? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 6) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice B: zona di provenienza 7) Calcolare l indice di variabilità indicato nella risposta alla precedente domanda per entrambi le distribuzioni semplici (o marginali) della tabella a doppia entrata della domanda ) Risposte: _(carattere A) (carattere B) 8) In base ai risultati ottenuti nella domanda 7) dire quale delle due distribuzioni (religione e zona di provenienza) ha maggiore mutabilità. Risposta: 9) Cos è un indice sintetico dei prezzi? Quali sono le possibili ponderazioni utilizzabili per il calcolo dell indice generale dei prezzi e quali indici ne scaturiscono? Risposte: 0) Quali tipi di indici generali dei prezzi costruisce l ISTAT? Risposte: ) Gli indici dei prezzi indicati nella risposta alla precedente domanda si differenziano tra di loro per quale dei seguenti elementi? a) universo consumatori ; b) unità di misura prezzi ; c) metodo di sintesi indici semplici

8 ) Dati i seguenti prezzi e quantità di alcuni beni (A, B e C) registrati in alcuni anni (000, 00, 00 e 00) anni prezzi unitari (euro) quantità scambiate A B C A B C determinare gli indici di Laspeyres, Paasche e Fisher (base 000=00) (formule e calcoli sul retro approssimando ad un decimale) ) Commentare i risultati ottenuti nella domanda precedente per l anno 00 ed indicare quale indice è più adatto a stimare la variazione dei prezzi a fronte di una modifica strutturale dei consumi (vedi quantità scambiate per l anno 00) Risposte: ) L incidenza percentuale delle femmine nella popolazione italiana, come risultava al gennaio 006, è pari al 5,. Cosa significa tale valore? Che tipo di rapporto statistico è tale incidenza percentuale? Risposte: 5) L indice di nuzialità, rapporto tra il numero dei matrimoni e la popolazione, risultante in Italia per l anno 005, è stato pari al, per 000. Cosa significa tale valore? Che tipo di rapporto statistico è tale indice? Risposte: 6) Quali sono le possibili analisi dell interdipendenza tra due caratteri di una tabella a doppia entrata? Risposte: 7) Quali sono gli indici, corrispondenti alle risposte della domanda precedente, che vengono utilizzati per poter ottenere una misura dell interdipendenza.? Risposte: 8) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella a doppia entrata della domanda ) 9) Calcolare l indice indicato nella precedente risposta per la distribuzione della domanda ) approssimando a decimali (formule e calcoli sul retro). 6 0) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti

9 H STATISTICA (A-K) a.a Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione relativa ai militari presenti in una caserma secondo i caratteri X: classi di età ed Y: altezza media è rappresentata da: X: altezza Y: classi di età (anni interi compiuti) Totale media in cm Totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è Y: classi di età in anni interi? ) La distribuzione della domanda ), che tipo di distribuzione doppia è? a) seriazione di intensità ; b) seriazione di frequenza ; c) serie di frequenza ed intensità ) Quali sono le distribuzioni marginali della tabella a doppia entrata della domanda ) (indicare modalità e frequenze)? Risposta: (mod.) X: Y: Risposta: (freq.) X: Y: ) Nell ambito delle rappresentazioni grafiche, quale sarebbe quella più adatta per il carattere X: altezza?, quale quella per il carattere Y: classi di età? e quale quella più adatta per la distribuzione doppia della domanda )? 5) Volendo calcolare un valore medio del carattere Y: classi di età della distribuzione della domanda ) 6) Calcolare le medie possibili del carattere Y: classi di età della distribuzione della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 7) Volendo calcolare un indice di variabilità per la distribuzione semplice X: altezza 8) Calcolare l indice di variabilità indicato nella risposta alla precedente domanda per il carattere Y: classi di età della tabella a doppia entrata della domanda ) (formule e calcoli sul retro) Risposta: 9) In base ai risultati ottenuti nella domanda 8), sapendo che la media del carattere X: altezza è risultata 7,77 e lo scarto,70, dire quale delle due distribuzioni (religione e zona di provenienza) ha maggiore mutabilità. 0) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) ) Sapendo che la covarianza è σ xy = -,088, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda 8) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro).

10 ) In base ai risultati ottenuti nella domanda 0) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia italiana, secondo il carattere A: condizione professionale e B: classi di reddito annuo (chiuse a sinistra), risulta: X: condizione Y: reddito medio annuo (migliaia di euro) totale professionale 5,8 8, 50,5 68,5 6,0 imprenditori liberi profess dipendenti 9 80 artigiani commercianti totale Secondo la classificazione dei caratteri statistici, che carattere è X: condizione professionale? Risposta: ) Volendo analizzare se esiste interdipendenza tra i due caratteri della tabella della domanda ) 5) Sapendo che lo scarto quadratico medio del carattere Y è risultato pari a σ y =,0, calcolare l indice indicato nella risposta della domanda ) approssimando a tre decimali (formule e calcoli sul retro). 6) In base ai risultati ottenuti nella domanda 5) scegliere come risultano i due caratteri: a) indipendenti ; b) scarsamente dipendenti ; c) fortemente dipendenti 7) Qualora il carattere X: altezza della domanda ) sia fortemente influenzato dal carattere Y: classi di età può essere adottata la retta di regressione lineare per stimarne l influenza.. Quale carattere dovrebbe essere scelto come variabile indipendente? Risposta: Qual è l espressione della retta di regressione? Risposta: Quant è il coefficiente di regressione (formula e calcoli sul retro)? Risposta: Scrivere la retta con i valori numerici (formula e calcoli sul retro)? Risposta:.

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA

LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA Cos'é la Statistica LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA La statistica è la disciplina che applica metodi scientifici alla raccolta di dati e informazioni per una loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CON REPLICHE INTRODUZIONE Lo studio di un fenomeno non si deve limitareit alla valutazione dei singoli fattori in studio ma molto spesso è importante

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

1 Medie. la loro media aritmetica è il numero x dato dalla formula: x = x 1 + x 2 +... + x n

1 Medie. la loro media aritmetica è il numero x dato dalla formula: x = x 1 + x 2 +... + x n 1 Medie La statistica consta di un insieme di metodi atti a elaborare e a sintetizzare i dati relativi alle caratteristiche di una fissata popolazione, rilevati mediante osservazioni o esperimenti. Col

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

Capitolo 3. Confronto con altri paesi

Capitolo 3. Confronto con altri paesi Capitolo 3 Confronto con altri paesi Indice Sintesi introduttiva... 215 Tavola 3.1 Quadro di sintesi (anno 2006)... 216 Organizzazione... 217 Tavola 3.2 Sede centrale: strutture dirigenziali di primo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

In caso di mancato inserimento, lo studente sarà collocato d'ufficio nella fascia massima di contribuzione.

In caso di mancato inserimento, lo studente sarà collocato d'ufficio nella fascia massima di contribuzione. Gli studenti immatricolati ed iscritti in corso e fuori corso che ritengono di essere nelle condizioni economiche per poter ottenere la riduzione delle tasse possono rivolgersi gratuitamente agli uffici

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La variabile casuale Binomiale

La variabile casuale Binomiale La variabile casuale Binomiale Si costruisce a partire dalla nozione di esperimento casuale Bernoulliano che consiste in un insieme di prove ripetute con le seguenti caratteristiche: i) ad ogni singola

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia *

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia * Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 195-226 Cleup, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli