Pianificazione. e controllo. Ottenere il massimo dal proprio CRM. Il Customer Relationship Management, come noto, rappresenta l insieme di strategie,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione. e controllo. Ottenere il massimo dal proprio CRM. Il Customer Relationship Management, come noto, rappresenta l insieme di strategie,"

Transcript

1 Strumenti di P&C Pianificazione Ottenere il massimo dal proprio CRM di Gianluca Pogliani (*) e Gianluca Loparco (**) Il Customer Relationship Management, come noto, rappresenta l insieme di strategie, processi e tecnologie che hanno l obiettivo di massimizzare la soddisfazione dei clienti, al fine di migliorare la loro lealtà all azienda e, di conseguenza, la loro profittabilità. Questo articolo ha un duplice scopo: illustrare per quale motivo le aziende investono in progetti CRM, indicandone le caratteristiche principali ed evidenziare i fattori critici che determinano il successo di queste iniziative, basandosi sull esperienza maturata con la realizzazione di numerosi progetti. Un esempio di lealtà Come tutte le mattine vi alzate e uscite di casa per recarvi al lavoro. Prima di immettervi nel traffico cittadino, fate una piccola deviazione e vi fermate alla solita edicola per comprare i vostri quotidiani. L edicolante, appena scesi dalla macchina, vi saluta per nome e inizia a preparare un sacchetto. Quando arrivate è tutto pronto, ma vi accorgete che il sacchetto è più pesante del solito. L edicolante allora vi avvisa che ha inserito, oltre ai soliti quotidiani, anche il mensile che legge sempre vostra moglie. Vorrà dire che questa sera, tornando a casa, potrete mostrarle di aver pensato anche a lei! Qualche settimana dopo, proprio sotto casa vostra apre una nuova edicola. A questo punto vi chiedete se sia il caso abbandonare quella vecchia...in effetti il prezzo del giornale è lo stesso! Quando vi avvicinate, vi rendete subito conto che il nuovo negoziante non vi conosce e certo non vi ha tenuto una copia da parte del vostro quotidiano...e come può ricordarsi il mensile di vostra moglie se neanche la conosce? Allora salite in macchina, pensando che la solita deviazione è un prezzo piccolo da pagare per essere trattati in modo speciale! L esempio appena riportato mostra due cose importanti: l edicolante scaltro, o l azienda lungimirante, ha capito che per assicurarsi la lealtà del cliente deve sforzarsi di conoscerlo, magari appuntandosi il nome e le abitudini di acquisto, quindi, adattando il suo modo di lavorare alle esigenze del cliente stesso. D altra parte, instaurato un rapporto speciale con un negoziante, o azienda, il cliente è disposto a riconoscergli un premio anche in caso di prodotti/servizi poco differenziabili: il costo sostenuto dall azienda per ridisegnare i propri processi in ottica cliente-centrica è ripagato dal comportamento del cliente in termini di lealtà d acquisto. In altre parole, l unico vero vantaggio competitivo ad oggi risiede nel saper anticipare i fabbisogni dei clienti dimostrando grandi capacità di analisi e adattamento ai comportamenti e alle tendenze del mercato. Fattori differenzianti quali la localizzazione, la dimensione e il prodotto pian piano lasciano il posto a nuove forme di offerta dove la personalizzazione del servizio e la cura delle informazioni sono le caratteristiche predominanti. Quale prezzo siete disposti a pagare per ottenere un servizio personalizzato che vi faccia sentire «unici»? La riflessione che nasce da questa semplice domanda spiega il motivo di tanto successo dei sistemi CRM (1). La filosofia CRM ha radici ben profonde e non nasce con la diffusione dei sistemi CRM che, anzi, costituiscono solo il supporto tecnologico del quale essa necessita per affermarsi. A partire dagli anni novanta il vantaggio competitivo perseguito con leve di prodotto, localizzazione e dimensione, non è più in grado di sostenere la crescita del valore di un impresa. Con la diffusione delle Note: (*) Senior Manager, Deloitte. (**) Senior Consultant, Deloitte. (1) Relativamente alla tematica dei sistemi di CRM, si veda: G. Nadin, «Il CRM nelle aziende IT: finisce l età del «ferro», in Amministrazione & Finanza, n. 5/2003; F. Gamberini, «Approccio one-toone: il marketing rafforza i legami con il cliente», in Amministrazione & Finanza, n. 6/2003; C. Cutone F. Rufini S. Ferretti, «CRM di terza generazione : nuove frontiere nella gestione del cliente», in Amministrazione & Finanza, n. 4/2001; G. Nadin, «Customer Relationship Management: fidelizzazione clienti e reddito d impresa», in Amministrazione & Finanza, n. 1/

2 Pianificazione Strumenti di P&C tecnologie di comunicazione, le imprese vedono allargarsi improvvisamente i propri confini di azione e i loro clienti possono scegliere con notevoli risparmi di costo e di tempo le migliori offerte in grado di soddisfare le proprie esigenze: «il peso della concorrenza diventa insopportabile!». Per questo motivo si diffonde la «cultura del cliente», come leva per sostenere ed accrescere nel tempo il vantaggio competitivo di un impresa. Il merito dei sistemi CRM è stato dunque quello di aver reso applicabile tale filosofia in contesti aziendali grandi, come le telecomunicazioni o le banche, dove lo scenario competitivo ha reso necessarie forme di controllo organizzativo basate sulla standardizzazione dei processi, sacrificando, talvolta, le esigenze del cliente finale. Potremmo sintetizzare affermando che i sistemi CRM aiutano le aziende a standardizzare i processi customer facing, garantendo l adeguato livello di personalizzazione degli stessi nei confronti dei clienti finali, che quindi «percepiscono» un tipo di relazione «one-to-one». Customer Lifecycle Management Il Customer Lifecycle rappresenta idealmente il processo di avvicinamento del cliente all azienda. Esso si estende dal primo contatto a quando l «esperienza» è trasmessa ad altri potenziali clienti. (Tavola 1) Questo ciclo si ripete per ogni acquisto e rappresenta per l azienda allo stesso tempo un opportunità e una sfida: ogni volta che il cliente ricerca delle alternative si propone per l azienda l opportunità di rafforzare/riguadagnare la «fiducia» del cliente, tramite azioni di marketing e customer care. Ovviamente, è un opportunità che hanno anche le aziende concorrenti e per questo motivo rappresenta una sfida. La gestione del ciclo di vita del cliente consiste nel rilevare i dati di quest ultimo che aiutano a definirne i comportamenti, in modo che le attività di un azienda siano interamente dedicate all acquisizione, alla vendita e al mantenimento di rapporti di lungo termine con il cliente stesso. I componenti del Customer Lifecycle sono facilmente definibili: essi costituiscono un «conglomerato ottimizzato» di metodologie, processi, tecnologie e strumenti che aiutano l azienda a definire e aumentare nel tempo il valore complessivo del cliente (Customer Lifetime Value). Le tre caratteristiche del CRM Volendo sintetizzare le principali caratteristiche del CRM, potremmo affermare che: esso fornisce una visione unica del cliente, tiene traccia delle relazioni azienda-clienti attraverso tutti i canali e, infine, è un front-end verso il resto degli applicativi aziendali. I sistemi ERP hanno come fulcro informativo la transazione e pertanto non si adattano alle esigenze di un sistema che gestisce la «risorsa cliente». Il CRM nasce proprio ponendo al centro del suo modello dati il cliente, inteso nella più ampia accezione del termine e la transazione diventa quindi una informazione gerarchicamente dipendente dal cliente stesso. Grazie a questa logica, diventano rapidamente e facilmente accessibili tutte le informazioni relative ad un cliente che servono per ottimizzare la customer experience, oppure per analizzare opportunamente i dati acquisiti. (Tavola 2) La multicanalità prevede l utilizzo di svariati strumenti e punti di contatto per lo sviluppo della relazione con i clienti: il telefono, internet, lo sportello, il fax, il rivenditore o l operatore sono tutti mezzi che il cliente potrebbe voler usare per comunicare con l azienda. D altra parte, l azienda ha la possibilità di veicolare le relazioni con i clienti meno profittevoli verso canali a minor costo, garantendo la multicanalità ai clienti «top» e perseguendo un obiettivo di SLA (Service Level Agreement) proporzionale al valore del cliente, in modo da ottimizzare l allocazione delle risorse. Il requisito cardine diventa quindi l unicità dell informazione che deve essere indipendente dal canale di acquisizione: da qui deriva spesso la necessità di integrazione con diverse sorgenti informative, tra cui il CTI (Computer Telephony Integration) per la telefonia o i sistemi ERP e in generale di back-office per i dati amministrativi e contabili. I sistemi CRM possono essere considerati come un front-end tra l azienda e i clienti finali e quindi si collocano all interno dell area Sell-Side del variegato portafoglio applicativo di un azienda. Le informazioni sui clienti sono raccolte da tutto il portafoglio applicativo e quindi spesso è necessario un middleware di integrazione che abiliti lo scambio on-line delle informazioni evitandone la ridondanza e salvaguardando l unicità del dato. (Tavola 3) Ciò che offrono, in sintesi, i sistemi CRM è la possibilità per i clienti di gestire catene di servizio che attraversano tutti i processi aziendali: il cliente può consultare l avanzamento dei suoi ordini, richiedere assistenza, verificare la disponibilità di un prodotto prima di ordinarlo o sottoscrivere una promozione, sempre tramite lo stesso sistema di front-end, mentre l azienda ha una visione unica e consistente dei propri clienti e può, pertanto, intraprendere azioni 22

3 Strumenti di P&C Pianificazione finalizzate all aumento della percezione di valore del prodotto/servizio scelto dal cliente, nonché la loro lealtà all azienda. La «roadmap» CRM Assunto, quindi, che le aziende scelgono l opportunità CRM quasi obbligate dalle dinamiche di mercato, cosa dovrebbero fare per garantire il successo di questa iniziativa? Procedere per fasi: l esperienza diretta sui clienti ci ha portato alla identificazione di tre viste attraverso cui condurre l avvicinamento al CRM. (Tavola 4) Normalmente, la prima fase del «viaggio» è chiamata operational CRM: l obiettivo principale è quello di migliorare e incentivare la produttività del processo di gestione della clientela. Questa fase si Tavola 1 Il processo di Customer Lifecycle 23

4 Pianificazione Strumenti di P&C Tavola 2 Modello dati del CRM concretizza nella realizzazione di strumenti e soluzioni dirette all automazione delle vendite (sales force automation, retail outlets, franchise networks, websites), alla realizzazione di contact centers e all attivazione dei primi strumenti di supporto all analisi dei dati. Multi-channel access and integration è la seconda fase, dove il focus si sposta sull ottimizzazione e la coerenza del «messaggio» aziendale attraverso i diversi punti di contatto con il cliente (telefono, PdV, agenti, customer service, ecc.). I clienti (potenziali e non) devono poter interagire con l azienda sicuri che le informazioni su di loro siano complete e aggiornate e che l offerta dei prodotti e servizi sarà coordinata nei diversi canali. Anticipatory CRM è la terza fase, in cui l obiettivo principale è creare la customer loyalty e aumentare la company profitability attraverso l esaltazione dell interazione personalizzata con il cliente. Il principale driver a supporto dell azienda è eccedere nelle aspettative del cliente, dimostrando grandi capacità di analisi dei comportamenti e di anticipazione dei bisogni. Soluzioni informatiche Come valutare se l implementazione di un sistema CRM contribuisce a creare valore per l azienda e ripaga l investimento richiesto? Sempre più imprese iniziano a ragionare valutando gli investimenti in iniziative IT secondo la logica del valore; tuttavia, solo per alcune di esse si è davvero in grado di quantificare gli effettivi benefici e soprattutto l effettivo contributo. Un possibile strumento che supporti le imprese a correlare le iniziative IT alla creazione di valore potrebbe avere le seguenti caratteristiche: approccio «top-down» nel quale la prima fase è la comprensione di quali sono i driver di valore per un azienda e la seconda è l identificazione degli interventi che possono essere intrapresi per migliorare tali leve: dal punto di vista strategico, si defini- Tavola 3 «Middleware» di integrazione per lo scambio on-line delle informazioni 24

5 Strumenti di P&C Pianificazione Tavola 4 Fasi di avvicinamento al CRM scono i processi prioritari sui quali focalizzare l intervento, tatticamente, invece, si fissano gli interventi necessari a ottimizzare i processi individuati, correlando le funzionalità applicative necessarie per ciascuno di essi. Tutto questo partendo dal presupposto che ogni intervento contribuisce con peso diverso alla creazione di valore per l azienda, ma soprattutto deve essere effettuato in modo sinergico agli interventi di altre iniziative ed essere allineato agli obiettivi globali. Pianificando gli interventi è quindi possibile identificare le fonti di costo e ricavo necessarie per valutare il ritorno atteso sull investimento richiesto e, monitorando costantemente gli interventi in atto, è possibile intervenire tempestivamente con azioni correttive qualora le aspettative non siano soddisfatte Il caso Binda Binda è un azienda che produce e commercializza una gamma esclusiva di orologi, gioielli e accessori. Il problema, in questa realtà, era quello di gestire al meglio le relazioni e la vasta rete di rivenditori e distributori, coordinando le informazioni possedute da diversi reparti. L obiettivo del management era costituito dall unificazione delle informazioni relative ai partner attraverso più canali per allineare gli obiettivi strategici di CRM del vertice aziendale ai processi operativi. Nel maggio 2003 la società contava nove diversi reparti demandati alla gestione del contatto cliente (amministrazione vendite, contabilità, logistica, post vendita, trade marketing, ecc.), ciascuno dei quali caratterizzato da un servizio destrutturato, procedure poco standardizzate e una carenza fisiologica nel trattamento dei dati e delle informazioni fornite. La mancanza di una visione unica del cliente si traduceva in due aree di criticità: da un lato, il cliente aveva difficoltà a reperire le informazioni che gli servivano ed era spesso dirottato su più uffici prima di ricevere risposta («nessuno era davvero responsabilizzato sul servizio da fornire al cliente»); dall altro, i processi interni di gestione del servizio erano caratterizzati da bassa efficienza operativa, a causa, talvolta, del coinvolgimento delle funzioni non appropriate. In funzione delle linee guida di customer strategy emerse nella fasi di analisi, sono stati identificati quattro stadi di sviluppo del customer service, definiti in termini di bilanciamento tra il livello di automazione nella gestione della relazione con il cliente e il tipo di interazione: i quattro stadi rappresentano la roadmap per realizzare il modello del customer service Binda (Tavola 5). In funzione di ogni specifico stadio sono stati, quindi, individuati i principali driver di valore per l azienda e i relativi interventi operativi, sfruttando la CRM Value Map personalizzata sull applicativo scelto dall azienda. Le tecniche di BPR (Business Process Re-engineering) hanno supportato la fase di ridisegno dei processi; tuttavia, l attività più critica e determinante per il successo del progetto è stato il data mapping delle entità Binda sul data model dell applicativo scelto: questo ha garantito il soddisfacimento dei requisiti e la «scalabilità» funzionale dell applicativo verso gli stadi successivi. La cosa peggiore che possa capitare è quella di disegnare un processo non supportato da funzionalità Nota: (2) Il progetto è stato riconosciuto come una success story congiunta a livello internazionale (Siebel Binda). 25

6 Pianificazione Strumenti di P&C Tavola 5 La roadmap per il modello del customer service Binda standard. In questo caso le opzioni non sono molte: si rivede il processo rifacendo l analisi, oppure si procede con personalizzazioni anche spinte dell applicativo. Inutile dire che sono entrambe alternative costose. Per di più, la personalizzazione spinta rischia di compromettere non solo il funzionamento delle nuove release, ma anche di generare effetti indesiderati sulla versione in produzione (esempio, scarse performance di utilizzo). Il tradeoff è stato risolto valorizzando le funzionalità pronte all uso per accelerare l implementazione e analizzando in modo rigoroso i requisiti, rapportandoli al peso relativo in termini di creazione di valore per l azienda, al fine di evitare personalizzazioni inutili. Conclusioni In conclusione, le raccomandazioni da seguire per ottenere il massimo dal proprio CRM sono le seguenti: per prima cosa, occorre rivedere i processi aziendali in ottica cliente, considerandone le specificità e le reali esigenze. Solo aumentando la sua percezione del valore in relazione al prodotto/servizio offerto è possibile sostenere un vantaggio competitivo nel tempo. In secondo luogo, è necessario definire una roadmap implementativa che sia in linea con gli obietti strategici di creazione del valore e che possa generare circoli virtuosi verso il cliente, sfruttando le sinergie con il resto delle iniziative aziendali. Quindi, occorre procedere valutando attentamente il trade-off tra sviluppi custom e utilizzo di funzionalità standard (out of the box) per contenere il total cost of ownership associato al sistema applicativo scelto. È necessario, inoltre, identificare la migliore strategia di integrazione tra gli applicativi aziendali per non creare isole applicative: il CRM è un frontend che produce e necessita di informazioni per generare i risultati attesi. Infine, come ogni altro investimento, anche per il CRM è necessario pianificare le azioni di performance measurement: a priori, per definire un cruscotto di indicatori che monitorano l impatto dell investimento sulla creazione del valore per l azionista e facilitano l identificazione dei requisiti prioritari per l azienda; a posteriori, per valutare nel più breve tempo possibile le azioni correttive da intraprendere necessarie per il costante allineamento del sistema CRM agli obietti strategici definiti dal vertice aziendale. 26

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

La gestione delle relazioni con il mercato

La gestione delle relazioni con il mercato La gestione delle relazioni con il mercato Definizione di CRM Esistono molte definizioni di Customer Relationship Management; ma quella più efficace, probabilmente, risiede proprio nel suo acronimo: gestire

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Case history. Nome dell Azienda: Perfume Holding. Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi. Prodotti: Profumi

Case history. Nome dell Azienda: Perfume Holding. Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi. Prodotti: Profumi Case history Nome dell Azienda: Perfume Holding Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi Prodotti: Profumi Dipendenti: 200 (2013) Fatturato Annuo (2012): 135,00 milioni Sito Web: www.perfumeholding.com

Dettagli

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS SAI DAVVERO COSA PENSA OGNI SINGOLO CLIENTE DELLA TUA AZIENDA? STA SFRUTTANDO TUTTE LE OPPORTUNITÀ CHE POTENZIALMENTE LA TUA CUSTOMER BASE TI OFFRE? i vostri

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES a cura di Gianluca Loparco 1 (gianluca.loparco@tin.it) Modello gestionale e parametri di funzionamento dei contact center. Il benchmarking rivolto

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda.

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda. Scheda Il CRM per la Gestione delle Vendite Le organizzazioni di vendita sono costantemente alla ricerca delle modalità migliori per aumentare i ricavi aziendali e ridurre i costi operativi. Oggi il personale

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Il Business Model Canvas Value side

Il Business Model Canvas Value side Il Business Model Canvas Value side Andrea Mezzadri 1 BMC Partnership Attività Valore offerto Relazioni con i clienti Segmenti di clientela Risorse Canali Struttura dei costi Flussi di ricavi 2 1 Value

Dettagli

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili IV Strategy Forum Financial Services Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili Sintesi dell evento 17 Ottobre 2012 The Westin Palace Hotel Piazza della Repubblica, 20 Milano Abstract

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 CUSTOMER SATISFACTION Lo stato in cui i bisogni, desideri, aspettative dei clienti sono soddisfatti e portano al riutilizzo del prodotto/ servizio ed alla fedeltà all azienda

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende:

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende: Servizi e Soluzioni Software per le PMI Soluzioni IT Aiutiamo a concretizzare le Vostre idee di Business. Nella mia esperienza oramai ventennale ho compreso come i processi delle imprese spesso non siano

Dettagli

Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti

Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti Scheda Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti Le Soluzioni CRM aiutano le aziende a gestire i processi di Servizio e Supporto ai Clienti. Le aziende di Servizio stanno cercando nuove modalità che

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice ENGLISH STUDIONLINE INGLESE E GIAPPONESE prezzo durata corso lingua di erogazione del corso durata abbonamen to azienda erogatrice Corso preparazione al TOEFL 60,00 20 ore inglese English Studio Corso

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 1 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (1 - non fatevi prendere in contropiede: i 5 passi per ottimizzare la gestione delle previsioni di vendita) Pagina

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli