I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI"

Transcript

1 I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI

2

3 Cosa sono i giochi psicologici? MODALITA DIDATTICA che utilizza l ESPERIENZA DIRETTA dei partecipanti come PARTE FONDAMENTALE DELL APPRENDIMENTO.

4

5 Condizioni affinché i giochi psicologici siano efficaci a. L analogia è un elemento costituente il gioco psicologico, in quanto permette la trasmissione di un messaggio simbolico per via indiretta. L analogia fa sentire qualcosa che poi deve trovare una connessione con il logico, essa non esiste in sé, ma nella tensione che si crea tra l analogico e il logico.

6 Perché la formazione sia efficace, è cruciale il ruolo del conduttore che faciliterà il legame tra logico ed analogico facendo così da ponte e restituendo un senso al gioco. Solo così il gioco farà cogliere ai partecipanti un sentimento di realtà, farà scoprire loro delle parti di sé, insomma si può esplicare nella sua valenza costruttiva. Nel caso in cui questo non avvenga, si cadrà nel grottesco, ossia non si avrà una valenza costruttiva ma un celare di significati.

7 b. La simulazione, come accennato, si basa sul far finta di e tende a prendere contatti progressivi con la realtà per renderla così padroneggiabile. Da un lato quindi deve rimanere situazione artificiale ma portando degli elementi di realtà, in maniera tale da portare alla considerazione se qui è così anche là forse potrebbe essere così. Il conduttore partecipa all efficacia della formazione permettendo un utilizzazione ottimale della simulazione.

8 Affinché il gioco abbia una validità tecnica il conduttore deve considerare alcuni aspetti della situazione simulata, per poter raggiungere un livello di sensazione ottimale di realtà: - La distanza/vicinanza psicologica della situazione simulante rispetto alla situazione simulata (realtà dell organizzazione). - La limitatezza e/o ampiezza psicologica nello spazio e nel tempo

9 c. Altro aspetto fondamentale per l efficacia del gioco (attraverso l utilizzazione ottimale della simulazione) è che il trainer(conduttore) snodi le situazioni in cui il gruppo per difendersi blocca il processo o sullo strumento o sull elaborazione, non evitando tali passaggi ma favorendo la consapevolezza (uno degli scopi dei giochi psicologici).

10 In particolare deve considerare una serie di aspetti più tecnici che siano coerenti tra loro: Validità del gioco in rapporto al gruppo e al programma di formazione, il gioco infatti deve rispondere ad obiettivi di un progetto formativo più ampio. La comprensione dello strumento (obiettivi, scopi, modalità, materiale, tecniche etc..); Il livello del gruppo (maturità/cultura rispetto ad esperienze didattiche).

11 d. le regole, dettate dagli elementi che costituiscono il gioco stesso (obiettivi, fase del gruppo, dimensione gruppo, durata etc..) e dalle modalità di svolgimento. Le regole contribuiscono, insieme alla simulazione, ad abbassare le difese dei partecipanti permettono loro di dedicarsi completamente alla sperimentazione e all esplorazione dell esperienza. Esse sono contemporaneamente repressive ed espressive, ed è solo grazie alla loro presenza che si può giocare.

12 Tre tipologie di comportamenti Secondo Castagna (2001) possiamo distinguere i comportamenti in 3 macro-categorie: 1. Comportamenti agiti dalla persona, ma non per lei particolarmente significativi. Ad esempio acquisiti per imitazione di colleghi più anziani e quindi non collegati ad atteggiamenti profondi, né ad esigenze psicologiche radicate, né a bisogni interni.

13 In merito a tali comportamenti la formazione sicuramente può modificare tali comportamenti e, con le dovute metodologie didattiche, insegnarne di nuovi e di più efficaci.

14 Tre tipologie di comportamenti 2. Comportamenti abituali che, non sono particolarmente significativi per l individuo, ma essendo praticati dallo stesso da molto tempo sono consolidati.

15 Qui la formazione, agendo, otterrà risultati nettamente inferiori rispetto ai comportamenti su citati. Infatti un lavoro mirato a comportamenti divenuti ormai automatizzati, richiede più tempo e complessità

16 Tre tipologie di comportamenti 3. Alla terza macro-categoria appartengono quei comportamenti importanti e significativi per la persona, in quanto sono psicologicamente legati a bisogni interni individuali, ad atteggiamenti e convinzioni profonde.

17 In quest ultimo caso la formazione può fare poco in quanto tali comportamenti, possono diventare territorio della psicoterapia che ha tempi ben più lunghi per approfondire e setting decisamente diversi.

18 La formazione modifica i comportamenti? È importante un analisi preliminare all intervento formativo in quanto uno stesso comportamento può avere una valenza diversa a seconda della modalità in cui si presenta nell individuo. Facciamo un esempio con il comportamento collaborativo.

19 La formazione modifica i comportamenti?

20 Delle persone che hanno lavorato in proprio per un paio di anni e hanno sempre fatto il lavoro da sé, nel momento in cui si trovano a lavorare insieme in un azienda possono essere restii nel collaborare, non in quanto prevaricatori, ma perché hanno assunto tale atteggiamento nell esperienza maturata.

21 Se tali persone, dopo un paio di anni che hanno assunto il nuovo ruolo in azienda, partecipano ad un corso di formazione teso a fornire loro i vantaggi della collaborazione e delle modalità efficaci per attuarla, è molto probabile che ottengano ottimi risultati.

22

23 Se tale corso lo facessimo alle stesse persone, però dopo un periodo ben più lungo di assunzione in azienda (ad esempio dopo 15 anni), molto probabilmente i risultati inerenti al comportamento di collaborazione sarebbero nettamente inferiori.

24 In questa situazione per avere un discreto successo formativo, si dovrebbe stimare e prevedere un notevole sforzo in termini di tempo, e comunque la situazione sarebbe diversa.

25 Ancora meno risultati si avrebbero nel caso in cui le persone a cui il corso è diretto avessero (ad esempio) un intima e profonda convinzione di essere i migliori e gli unici a svolgere in maniera efficace tale ruolo. Essendo una convinzione radicata della persona, un intervento formativo potrebbe fare poco visto le tempistiche e il setting in cui si svolge.

26 Oltre alla modificazione di comportamenti, l intervento formativo è altrettanto utile per l acquisizione di nuovi comportamenti.

27 Il cervello umano è plastico. La Formazione è l acquisizione di nuovi comportamenti

28 I comportamenti insegnati dal formatore saranno tanto più efficaci se coerenti con gli atteggiamenti, valori, principi ed emozioni dei partecipanti. Se i nuovi comportamenti sono dissonanti a tali aspetti della persona, il formatore troverà resistenze, distorsioni percettive ed interpretative e quindi la probabilità di un effettiva applicazione e trasferimento nella pratica lavorativa saranno molto basse o addirittura nulle.

29 La necessità di un analisi preliminare all intervento formativo Secondo Righi (1997) i giochi psicologici rappresentano delle esercitazioni esperienziali che consentono un allenamento alla vita. Ossia permettono di sperimentare, in una situazione protetta, le difficoltà e le possibilità delle relazioni esistenti tra individuo e le varie situazioni nelle quali si può trovare (in particolare l organizzazione lavorativa).

30 In particolare, l esistenza di un rapporto tra noi e la nostra società può suscitare desideri e paure che ci portano ad assumere determinati comportamenti. Questi possono essere analizzati, riuscendo a prendere distanza psicologica dal rapporto stesso, per poi rientrarci con maggiore consapevolezza.

31 Questo è un grande vantaggio dei giochi psicologici, in quanto permettono la sperimentazione, anche di paure, senza rischi o comunque rischi controllabili. A questa categoria di giochi appartengono tutti gli stimoli strutturati che coinvolgono in modo, più o meno elevato la dimensione soggettiva della persona che gioca.

32 Infatti l azione che prevedono tali tipi di giochi è il giocar-si non il giocare, proprio perché prevedono lo stimolare la parti soggettive della persona e il mettere se stessi all interno del gioco stesso.

33 A livello formativo i giochi si praticano in gruppo e verranno utilizzati stimoli diversi a seconda che lo scopo sia più centrato sugli atteggiamenti o sui comportamenti.

34 L apprendimento attraverso i giochi è di due livelli: Individuale, l individuo nella collettività, rispetto a come si sente (atteggiamento), ma anche rispetto a cosa fa (comportamento) da solo e con gli altri. In base all obiettivo che ha la formazione si utilizzeranno determinati stimoli.

35 Dimensione individuale rispetto al sentire: giocar-si Giochi di atteggiamento sono dei giochi che psicologici hanno come focus l individuo e il suo mondo interiore all interno dell organizzazione. Lo scopo è migliorare l atteggiamento (+ sentire) verso la dimensione micro individuale: chi sono io (identità); chi voglio essere (motivazione); chi posso essere (potere).

36 I giochi psicologici che possono essere usati vanno dalla dimensione introspettiva alla dimensione del piccolo gruppo come giochi psicointrospettivi e relazionali (es. comunicazione, percezioni etc..). Gli stimoli dei giochi consentono al partecipante di aumentare la consapevolezza tramite un analisi dei propri bisogni, motivazioni e atteggiamenti.

37 Esempi di giochi di atteggiamento Percezione: Sherlock (la prima impressione), l impressione..etc Creatività: Il cammino, come risolvere..etc Negoziazione/conflitto: l eredità, facciamo 13..etc Rischio (esperienze di rischio che fanno emergere l aiuto): Esperienze..etc Comunicazione psicologica: feedback..etc Ansia: Questionario 5 A (gestione ansia)

38

39 Dimensione individuale rispetto al fare Giochi di ruolo sono giochi che si focalizzano sull individuo (io) e il suo ruolo professionale, mettendo in evidenza le problematiche connesse al comportamento operativo di ruolo. Si basano su tali aspetti: cosa faccio (identità), cosa voglio fare (motivazione) e cosa posso fare (potere).

40 I giochi utilizzati sono, quindi, di tipo organizzativo, centrati sul ruolo, con specifico riferimento a ciò che si fa (comportamento). Lo scopo è quello di migliorare il comportamento di ruolo all interno del proprio microsistema. Gli stimoli sono giochi di allenamento a valenza addestrativa (casi, esercizi, role playing etc..) che portino ad una consapevolezza dell individuo in merito ad aspetti che possono essere collegati alla modalità di comunicazione interpersonale, allo stile di leadership ecc..

41 Esempi di giochi di Ruolo Ruolo: scelta di un colore (conflitto tra le richieste del proprio ruolo organizzativo e le tendenze personali)..etc Lavoro di gruppo: relazione interpersonali (es. relazione intersettoriale: sviluppare una comunicazione efficace a partire dalle relazioni intersettoriali reali). Motivazione: analisi delle motivazioni (individuali, del piccolo gruppo, plenaria)

42 L integrazione: la relazione d aiuto (spesso viene utilizzata per preparare i partecipanti al ritorno a casa fornendo loro un esperienza di relazione d aiuto analizzandola e rilevando i vantaggi di chiedere aiuto nella risoluzione del problema, così come le modalità che emergono nel farlo) etc.. Leadership: I fattori personali di successo per un capo-leader (si traccia un profilo di come è il leader e di come dovrebbe essere, si parte dalle esperienze soggettive fino ad arrivare all espressione di esperienze comuni) etc..

43

44 Dimensione dell individuo nella collettività rispetto al sentire nell organizzazione I Giochi macro-organizzativi considerano un sé collettivo e pongono l attenzione su tali aspetti: come sto con gli altri, che valori ci sono, che tipo di cultura, infatti mirano ad una maggiore comprensione dell organizzazione, del clima e della cultura all interno del contesto lavorativo. Il focus è il benessere sociale (integrazione soft).

45 I giochi psicologici utilizzati sono di tipo organizzativo auto-etero-centrati in termini soggettivi poiché lo scopo è migliorare l atteggiamento, il sentire, verso la dimensione macro-organizzativa. Tali giochi psicologici consentiranno l esplorazione dei rapporti tra sé e l organizzazione, tentando di identificare come si percepisce e comprende il clima organizzativo, i valori e la cultura.

46 Esempi di Giochi macroorganizzativi Diagnosi: Check-up organizzativo etc.. (rilevare i fattori centrali dell organizzazione); Cultura e clima: Aforismi (diagnosi del clima organizzativo attraverso una modalità originale quale quella dell uso dei proverbi. I partecipanti devono indicare i proverbi più vicini alla descrizione del clima organizzativo attuale) etc..

47 Bisogni organizzativi: I bisogni individuali/organizzativi (analisi dei bisogni individuali e dell azienda, correlazione e spunto per migliorare l azione organizzativa) etc..; Valori: I valori vincenti e l immagine (mettere in relazione il processo autorealizzativo personale con quello professionale attuale, in modo da capire meglio il proprio ruolo agito nell azienda e dirigere in modo più consapevole il processo di realizzazione).

48 Comunicazione organizzativa: Limonata (permette di esplorare l impatto che hanno i leader quando prendono decisioni nel gruppo, gli effetti che hanno le comunicazioni nascoste e verificare una situazione di comunicazione con più ruoli coinvolti) etc..

49

50 Dimensione dell individuo nella collettività rispetto al fare nell organizzazione Giochi di metodo hanno una valenza maggiormente addestrativa, sono giochi di ricerca-intervento di tipo organizzativo centrati sulla dimensione macro. L attenzione è posta sulla relazione io e gli altri, auto-etero oggettiva e gli aspetti trattati saranno di tipo tecnico: cosa faccio con gli altri, quali meccanismi integrativi, quali risultati, quali metodi.

51 Attraverso l uso, ad esempio, di problem solving, decision making, tecniche di riunione etc.., si vuole raggiungere un miglioramento del comportamento di ruolo all interno e all esterno del proprio sistema di appartenenza.

52 Esempi di giochi di metodo Comunicazione pubblica: Lo sviluppo (l obiettivo è proporre una autovalutazione su aspetti chiave del parlare in pubblico; il conduttore specificherà che chi prepara un discorso lo fa in vista della soddisfazione di alcuni bisogni) etc..; Comunicazione tecnica: Albatros (verificare la struttura progressiva di una rete di comunicazioni, scambi tra equipe concorrenti quando si trovano a cooperare forzatamente)etc..;

53 Uso tempo: Caccia al ladro (si ricercano i ladri del tempo, ossia tutti quei comportamenti che non sono né desiderati né utili ai fini degli obiettivi da raggiungere) etc..; Problem solving: Stanza 703 (uno degli scopi è esplorare gli effetti che hanno competizione e/o collaborazione nella risoluzione di problemi di gruppo) etc..; Decision making: Selezione (analizzare le modalità in cui i partecipanti prendono la decisione, proporre e sperimentare il metodo di presa di decisione) etc..;

54

55 Il Gioco: NASA È un gioco di metodo dove l attenzione è posta sulla relazione io e gli altri, cosa faccio con gli altri, quali metodi. In particolare tale esercizio esperienzale si baserà sulla presa di decisione in gruppo, nel quale si adotterà il metodo del consenso, infatti gli oggetti da portare con sé per la sopravvivenza dovranno essere accettati da tutti per entrare a far parte della graduatoria finale.

56 OBIETTIVI E ASPETTI SIGNIFICATIVI Confrontarsi con la dinamica della presa di decisione nel gruppo Verificare che il processo decisionale nel gruppo necessita di: - comunicare efficacemente (tutti possono con fiducia reciproca esprimersi) - ascoltare le opinioni ed i contributi di tutti i membri - non fermarsi alle prime ipotesi ma andare avanti per cercare soluzioni soddisfacenti - scegliere ciò che meglio riesce ad esprimere il bisogno di ciascun membro del gruppo - individuare corrette modalità per la presa di decisioni

57 - non fermarsi alle prime ipotesi ma andare avanti per cercare soluzioni soddisfacenti - scegliere ciò che meglio riesce ad esprimere il bisogno di ciascun membro del gruppo - individuare corrette modalità per la presa di decisioni

58 MATERIALE OCCORRENTE Copia delle Istruzioni del gioco ; per ciascun partecipante, in allegato a seguito Modulo di decisione per ciascun gruppo, in allegato a seguito.

59 PROCEDURE Il conduttore consegna la parte delle Istruzioni del Gioco Nasa. Legge quindi il testo in cui è descritta la situazione nella quale bisogna immedesimarsi e le istruzioni per eseguire il compito ivi riportate. Assegna prima un tempo di circa 10 minuti per concentrarsi individualmente sul lavoro, nel corso del quale ciascun componente redige un elenco individuale degli oggetti da scegliere (di cui le istruzioni del gioco forniscono i dettagli).

60

61 Il Gioco: L Eredità È un gioco di atteggiamento dove il focus è io e il mio mondo interiore. Lo stimolo di tale gioco consente al partecipante di aumentare la consapevolezza tramite un analisi dei propri bisogni, motivazioni e atteggiamenti.

62 OBIETTIVI E ASPETTI SIGNIFICATIVI Fare capire come in una specifica situazione conflittuale si possa ottenere il massimo risultato cercando di agire in termini negoziali e ricorrendo ad elementi oggettivi e ad abilità relazionale. Può consentire delle considerazioni sulla capacità creativa, che nel caso specifico è identificabile nella costruzione delle argomentazioni capaci di influenzare ma anche di pensare a delle soluzioni utili e vantaggiose per tutti.

63 PROCEDIMENTO Si presenta la situazione generale ai partecipanti socializzando i dati comuni, quindi si consegnano le istruzioni di ruolo, dopo averli definiti o a caso o a auto candidatura, arricchendole eventualmente con altre notizie. Si lascia un quarto d ora per la preparazione e si fa quindi incontrare il gruppo in situazione acquario. Si consiglia di procedere al termine con un giro di feed back fornito dai partecipanti osservatori prima del commento dei trainer.

64 Successivamente vengono formati dei sottogruppi composti da un minimo di 4 ad un massimo di 7 persone. Ciascuno di essi, in un tempo di circa 25 minuti, dovrà redigere un unico elenco degli oggetti secondo il modulo di decisione. Per farlo i componenti di ciascuna squadra discutono tra loro gli elenchi individuali precedentemente redatti. Il conduttore dichiara che esiste una soluzione al gioco (in allegato) con un elenco esatto, che sarà svelata alla conclusione del lavoro di gruppo.

65 La conduzione del gioco può essere suddivisa in tre fasi: 1. Nella prima fase il conduttore presenta il gioco esplicitandone le regole e le modalità di svolgimento. 2. La seconda fase prevede lo svolgimento vero e proprio in cui vi è la partecipazione dinamica del gruppo che agisce in base alle regole ricevute. 3. La terza fase è costituita dal debriefing che è un momento di chiusura che prevede la discussione dell esperienza.

66 Chiaramente tutte le fasi del gioco sono fondamentali poiché l una è costitutiva dell altra, ma il debriefing è una parte molto significativa di tutte le attività esperenziali, in quanto permette ai partecipanti l analisi e la comprensione dell esperienza vissuta. Alla fine della simulazione è dovere del conduttore aprire una discussione in merito a ciò che è accaduto. Le domande stimolo hanno l obiettivo di condurre i partecipanti attraverso tre livelli di riflessione:

67 - l autoriflessione sull esperienza ( come mi sento ora?); - focalizzazione sull esperienza (i partecipanti vengono guidati alla lettura di ciò che è accaduto); - generalizzazione dell esperienza ( è il momento in cui l esperienza viene messa a confronto con il mondo reale, consentendo l individuazione di modelli di comportamento, di possibili ampliamenti e applicazioni, delle conseguenze).

68 In merito a ciò possiamo specificare infatti che il gioco non è mai solo uno spazio protetto in cui sfogarsi o mettere in atto la propria creatività, ma un modo di sperimentarsi che sviluppa competenze e analizza abilità e/o vissuti (a livello micro e/o macro) da applicare poi alla propria esperienza professionale.

69 Gioco e formazione nel lavoro

70 Perché scegliere un gioco psicologico? Attraverso la simulazione e l analogia il gioco, in particolare quello psicologico, permette un allenamento alla vita in una situazione protetta. Questo però non si chiude in un circuito ludico fine a se stesso, ma lo riapre all apprendimento.

71 L apertura del gioco all apprendimento è data dal fatto che il partecipante investe delle parti proprie, soggettive (giocar-si) che si sperimenteranno e che quindi avranno senso anche dopo il gioco. In definitiva il giocare, l illusione del reale, diventa un allenamento per agire meglio nel reale stesso. La simulazione è un diaframma tra due realtà: quella prima della simulazione e quella dopo, che cambia, nella percezione di chi ha giocato, per effetto dell aumento di consapevolezza che si è determinato.

72 Ogni gioco a seconda dello stimolo che lo costituisce fornirà una consapevolezza differente (in coerenza agli obiettivi e al progetto formativo). Quindi possiamo concludere che il gioco psicologico nella formazione viene scelto perché contribuisce ad un apprendimento di abilità ed atteggiamenti che si instaura gradualmente, toccando delle parti soggettive di sè, prima nascoste e poi rese consapevoli grazie alla giusta distanza tra situazione simulante e azione simulata.

73 Il vantaggio di tale modalità formativa è che permette la sperimentazione di sé in un ambiente protetto (il gioco è perciò liberatorio) e l acquisizione di conoscenze attraverso il collegamento, in fieri, tra il simbolico del gioco e il logico della realtà. Il gioco psicologico si può articolare secondo tre sensi: un senso didattico preliminare che è una sorta di conoscenza (di concetti); un senso-sapere che è fornito dalla sperimentazione (prassi con la realtà).

74 E infine il senso-vissuto (senso utile al proprio sviluppo professionale). La capacità del soggetto di usare ciò che si è appreso genera un cambiamento che porterà all applicazione di nuove modalità di relazionarsi e di atteggiarsi così come di comportarsi.

75

76 Bibliografia di riferimento: Castagna, M. (2001). Role Playing, autocasi ed esercitazione esperenziali. Come insegnare comportamenti interpersonali. Franco Angeli, Milano. Righi, U. (1997). Giocarsi. Giochi psicologici per la formazione. Celuc libri, Milano Spaltro, E. & Righi, U. (1980). Giochi psicologici. Celuc libri, Milano.

77

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO Valorizzare competenze, potenziale e motivazione per il successo personale e aziendale RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO www.ecfconsulenza.it Percorso Formativo:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale.

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale. Master in Social pedagogy and fight against youth violence Doposcuola popolare nel Quartiere Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale di SILVIA BOSI S.Fereolo di Lodi Piano

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Progetto elaborato e co-condotto da: Dr.ssa Silvia Re delle Gandine Dr.ssa Erica Maggioni Dr.ssa Elisabetta Landi.

Progetto elaborato e co-condotto da: Dr.ssa Silvia Re delle Gandine Dr.ssa Erica Maggioni Dr.ssa Elisabetta Landi. PER CRESCERE INSIEME Percorso interattivo di educazione all affettività e di prevenzione dell uso e dell abuso di alcolici e sostanze stupefacenti rivolto agli alunni della classe terza della Scuola Secondaria

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura Progetto per le attività laboratoriali Anno 2012-2013 Giochi nel mondo Laboratorio di intercultura Premessa: Oggi, più di ieri, ci si rende conto che le nuove generazioni hanno bisogno di una proposta

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Caratteristiche del percorso formativo

Caratteristiche del percorso formativo Caratteristiche del percorso formativo La Negoziazione per la gestione dei conflitti e delle divergenze e la mediazione in ambito familiare Descrizione sintetica del programma formativo La Mediazione Familiare,

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza

FORMAZIONE AVANZATA. Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza FORMAZIONE AVANZATA Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza 1. Scenario di riferimento Le donne presenti all interno delle organizzazioni in Italia si costituiscono come capitale di risorse

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Experiential Training Activity

Experiential Training Activity Experiential Training Activity L EXPERIENTIAL TRAINING ACTIVITY È un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti molto complessi. L Experiential Training Activity è una

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015 AREA: GESTIRE E POTENZIARE SE STESSI

CATALOGO CORSI 2015 AREA: GESTIRE E POTENZIARE SE STESSI CATALOGO CORSI 2015 AREA: GESTIRE E POTENZIARE SE STESSI I corsi, condotti da docenti qualificati e per un numero massimo di 10 persone, sono rivolti allo sviluppo competenze personali, per aumentare l

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress Chi si Forma non si ferma! www.snapform.it info@snapform.it Corsi LIFE IN PROGRESS Il counseling per la vita di tutti i giorni

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale Corso di Counseling riconosciuto da AICo (Associazione Italiana Counseling) Presentazione La PNL nasce negli anni 70 per opera

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

"CONOSCENZA DI SE' \ AFFETTIVITA' \ SESSUALITA' \ RELAZIONE"

CONOSCENZA DI SE' \ AFFETTIVITA' \ SESSUALITA' \ RELAZIONE CONSULTORIO PER LA FAMIGLIA ONLUS Via Antonio Pozzi, 7-21052 Busto Arsizio (VA) C.F. n. 90006560123 - P.I. n. 02725400127 Codice presidio 021301 Accreditato dalla Reg.Lombardia con D.G.R. n 10302 del 16/09/02

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Newsletter Aprile 2012

Newsletter Aprile 2012 Newsletter Aprile 2012 Lo IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro della Campania, da sempre attento alle richieste formative e di aggiornamento che arrivano dai giovani e dal mercato del lavoro, con questa

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Conversazione sulla comunicazione didattica

Conversazione sulla comunicazione didattica 2010 Conversazione sulla comunicazione didattica 1. Il saper fare didattico e pedagogico del tecnico 2. Saper comunicare 3. Il processo comunicativo 4. L effetto dell etichettamento - 5. L articolazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13 Sviluppo Umano Sviluppo Umano sas di Gian Luca Cacciari & C. OFFERTA FORMATIVA 2013 1-13 Sviluppo Umano progetta e realizza interventi formativi su misura, realizzati ad hoc per i suoi Clienti. L esperienza

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni I buoni giocatori si contraddistinguono per la capacità di agire rapidamente ed efficacemente nelle varie situazioni

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011 Il gruppo nella ricerca-azione azione Cantù, 24 maggio 2011 Life Skills di comunità PAR (Participatory Action Research): Analisi degli Stakeholders Valorizzazione del lavoro in gruppo Focus groups Conference(Tavoli)

Dettagli

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ==============

s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== 2 0 1 5 s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e percorsi di alta formazione ============== Corso Coordinatori/trici di servizi e progetti ============== s c u o l a d i i m p r e s a s o c i a l e

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i.

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO DI AZIENDA SANITARIA ai sensi del D.D.G. n. 3245/09 e s.m.i. Via Padre Rosario da Partanna, 22 90146 PALERMO Tel. 0916710220 Fax. 0916710401 www.cfssicilia.it email: segreteria@cfssicilia.it CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRETTORE SANITARIO ED AMMINISTRATIVO

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli