Sistema per la gestione, riutilizzazione e capitalizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema per la gestione, riutilizzazione e capitalizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione"

Transcript

1 DISTRETTO CALZATURIERO VENETO Sistema per la gestione, riutilizzazione e capitalizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Progetto di Ricerca: Relazione Finale

2 Metadistretto Calzaturiero Veneto Via Mazzini, Stra (Ve) Italy tel fax Si ringraziano per la ricerca e stesura del testo: Giorgio Gottardi, Ettore Bolisani, Giulia Tamiozzo DTG Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali dell'università di Padova Walter Macorig Macorig Associates Management Consulting Si ringraziano per la collaborazione alla realizzazione del progetto: Gianpiero Menegazzo Rappresentante Patto di Distretto Mauro Tescaro, Mario Zambelli, Cristina Chinellato Politecnico Calzaturiero Scarl Maddalena Riccio ACRIB (Associazione Calzaturifici Riviera del Brenta) Franco Cestonaro, Vittorino Martarello CNA di Rovigo (Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa) Franco Scantanburlo Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta Maurizio Simion Studio Simion & Partners - Studio Commercialisti Associati Auditors & Advisors srl Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta Le Aziende cha hanno partecipato al Comitato Tecnico Scientifico: Agostini Srl, Ballin Franco & C. Srl, Barbato Srl, Bellò Srl, Brenta Suole Srl, Guardi Spa, Insalp Srl, Iris Spa, Mima Srl, Sandro Vicari Spa, STF Srl, Tacchificio del Brenta Srl. Le Aziende aderenti al progetto ed il loro personale dipendente per le attività di sperimentazione e ricerca Progetto grafico e impaginazione Lucio Monaro La Press Con il contributo della Regione Veneto L.R. 8/2003 In collaborazione con: Rovigo

3 Sistema per la gestione, riutilizzazione e capitalizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Progetto di Ricerca: Relazione Finale / Dicembre 2008

4 Prefazione IL METADISTRETTO CALZATURIERO VENETO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE di Vendemmiano Sartor In un momento di riflessione come quello attuale, caratterizzato dall'esigenza di affrontare nuove criticità internazionali che hanno determinato forti cambiamenti nel mondo economico, nelle regole e nelle ragioni di scambio, è indispensabile una generale riconsiderazione di rilancio e consolidamento della competitività dei territori produttivi regionali. Il Veneto che ha sofferto, più di altri, la velocità dei processi di globalizzazione, si è attrezzato e si sta attrezzando per fornire una risposta adeguata, consapevole che la propria realtà produttiva è ancora un valore saldo e con buone prospettive. La presentazione di questa pubblicazione che riassume il lavoro svolto e i risultati che il Metadistretto Calzaturiero Veneto ha raggiunto mi permette di esprimere la mia ammirazione all impegno di queste aziende manifatturiere, che cercano di far convivere giorno dopo giorno, tradizione e innovazione, antichi saperi con tecniche all avanguardia, storia e futuro ben interpretando la volontà del legislatore regionale. La vostra inventiva appare evidente nel momento in cui ci si confronta con la tipologia di prodotto che il mercato ed il consumatore richiedono e che sapienti artigiani realizzano incontrando le diverse esigenze. La realtà produttiva veneta, apprezzata in Italia e nel mondo, è supportata da una moderna politica di sostegno alle imprese grazie alla collaborazione di tutte le forze istituzionali. Più di cinque anni di azione efficace e mirata, se si pensa che i distretti veneti dai 28 del 2003, sono oggi 44 (di cui 34 Distretti e 10 Metadistretti) realtà riconosciute dalla Regione, con il coinvolgimento di più di imprese per un totale di quasi lavoratori. I

5 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Dal 2003 al 2008 sono stati emanati 6 Bandi per i Distretti/Metadistretti per un totale di oltre 96 milioni di euro di stanziamenti regionali, a fronte di progettualità presentate, e quindi, per un volume economico di investimenti potenziale di circa 280 milioni di euro. La Legge regionale 8/2003 che il Metadistretto Calzaturiero Veneto ha saputo utilizzare ha dimostrato in questi cinque anni la fondatezza delle scelte operate dalla Regione Veneto che, proprio anche grazie alle indicazioni giunte dai destinatari della Legge, nel marzo 2006 ne ha approvato una rivisitazione, con un cammino veloce, concertato e concreto che è andato ben al di là degli schieramenti politici, inserendo al suo interno tante novità come i metadistretti, le aggregazioni di filiera, i nuovi parametri per favorire l aggregazione, il rafforzamento delle misure rivolte alla ricerca e all innovazione. L innovazione in quanto motore della produzione e fattore di valorizzazione della conoscenza e della ricerca è l elemento centrale della politica economica regionale, che mira a risolvere l equazione tra crescita economica, competitività e occupazione da una parte, sostenibilità ambientale e coesione sociale dall altra. Il ruolo cruciale svolto dai Distretti/Metadistretti produttivi nel processo di sviluppo dell economia italiana e del Veneto in particolare testimonia che alcune importanti opportunità si possono cogliere solo collettivamente, come ha ben dimostrato il Metadistretto Calzaturiero Veneto coinvolgendo e coordinando centinaia di imprese che vedono coinvolti migliaia di lavoratori e artigiani con risorse altamente specializzate. I progetti di ricerca e innovazione che avete realizzato partecipando agli annuali bandi di assegnazione delle risorse testimoniano che i distretti sono l'esempio che le politiche per lo sviluppo possono anche non concentrarsi esclusivamente sulla relazione tra innovazione e ricerca. Rappresentano infatti l'evoluzione del concetto stesso di innovazione che passa dal semplice modello lineare nel quale la R&S si trova al punto di partenza, al modello sistemico che nasce dalle interazioni tra aziende, organizzazioni, il loro ambiente operativo e le istituzioni locali, realizzando II

6 un circolo virtuoso nel quale la ricerca scientifica genera l'innovazione che a sua volta sostiene la crescita continuando ad assecondare la ricerca per creare nuove conoscenze. Vendemmiano Sartor Assessore alle Politiche dell'economia, dello sviluppo, della ricerca e dell'innovazione Regione Veneto III

7 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione IV

8 Presentazione I fattori competitivi che accomunano le Aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto sono la flessibilità e la capacità di innovare il prodotto sia dal punto di vista stilistico che tecnico. Lo scenario competitivo, in cui il settore calzaturiero Veneto si trova, è però in rapida e continua evoluzione. I fattori di successo propri delle imprese del settore, che poggiano sull intuizione e la creatività sostenute dall esperienza e dal know how di prodotto, devono essere aggiornati per soddisfare le nuove esigenze del mercato. Negli ultimi anni si sono infatti osservati una serie di cambiamenti strutturali del mercato che hanno portato a un evoluzione continua delle proposte e a cicli di vita del prodotto brevi. I fenomeni che si evidenziano sono in particolare la formazione di nuovi grandi mercati, la segmentazione della clientela, l evoluzione rapida degli stili di vita, l internazionalizzazione delle imprese. L evoluzione delle variabili competitive e la struttura dei nuovi mercati ha avuto come principali conseguenze non solo la necessità di attuare una rapida risposta ai cambiamenti mediante un aumento della flessibilità nella produzione, ma anche di considerare i fornitori strategici come partner e spostare l attenzione su una gestione soddisfacente dei costi di transazione considerando il tempo come principale fattore critico. Questi elementi esercitano sulle imprese una forte pressione sul cambiamento di tipo strategico e organizzativo e richiedono una revisione complessiva dei processi e delle metodologie di lavoro finalizzate al miglioramento della competitività. Il Metadistretto Calzaturiero Veneto, costituito per supportare questo processo di cambiamento, sta pianificando e organizzando una serie di interventi finalizzati a migliorare la capacità competitiva delle aziende calzaturiere e della filiera. Il progetto Gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione realizzato nell ambito della Legge Regionale 4 aprile 2003, n.8: Disciplina dei Distretti Produttivi ed V

9 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione interventi di politica industriale locale Bando 2007, è stato elaborato per favorire la crescita della cultura imprenditoriale delle aziende, con l obiettivo di sviluppare una piattaforma procedurale e informatica applicabile all area sviluppo prodotto delle aziende calzaturiere e della filiera. Per supportare questo progetto, sono state condotte attività di indagine relative ai fabbisogni delle aziende, valutati sistemi per la gestione della conoscenza più adatti al settore e, una volta definito il modello più idoneo alla soddisfazione delle esigenze delle imprese, è stata attuata un attività di sperimentazione presso le aziende. Tale approccio ha dimostrato la necessità di un reale cambiamento sul piano organizzativo e nell ambito delle modalità di lavoro attualmente adottate. Giuseppe Baiardo Presidente ATI Metadistetto Calzaturiero Veneto VI

10 Indice 1. INTRODUZIONE Premessa Obiettivi del progetto Il Metadistretto Calzaturiero Veneto IL PROCESSO DI PROGETTAZIONE Introduzione ai processi LA PROGETTAZIONE Aspetti generali e requisiti del processo Fasi del processo L industrializzazione INDAGINE DEI FABBISOGNI Attività di indagine Metodologia adottata Risultati MODELLI DI RIFERIMENTO Introduzione Progetti come modelli di riferimento BDI-Caliga Progetto GIA Piattaforma ICT per la progettazione condivisa Input ANALISI DEI CASI D USO Introduzione Casi d uso Attori VII

11 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Classificazione delle informazioni Usi SISTEMI INFORMATIVI PER LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA Processi di gestione della conoscenza e tecnologie abilitanti Architettura delle piattaforme di gestione della conoscenza Definizione della piattaforma per il distretto calzaturiero Pequisiti del progetto Requisiti di Acquisizione Requisiti di Condivisione Requisiti di Utilizzo Adozione di sistemi open-source Software per la gestione della conoscenza Software per la gestione documentale Drupal Al Fresco Knowledge Tree Comparazione delle alternative Scelta della soluzione PRINCIPALI FUNZIONALITÀ DEL SISTEMA Accesso al sistema Login Bacheca Esplorazione dei documenti Aggiunta di un documento Ricerca di documenti Workflow Navigazione tramite cartelle Messaggistica VIII

12 7.8 Amministrazione del sistema Utenti e Gruppi Gestione della sicurezza Attributi documenti e configurazione workflow CONCLUSIONI INDICE DELLE TABELLE INDICE DELLE FIGURE BIBLIOGRAFIA WEBGRAFIA IX

13 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione X

14 Capitolo I INTRODUZIONE 1.1 PREMESSA La rapidità nell innovazione dei modelli e dei campionari è un fattore assolutamente strategico nell industria della moda. In questa, più che in altre industrie, e certamente anche nel settore delle calzature fashion di segmento alto, l innovazione ha una componente creativa/progettuale che richiede conoscenze ed esperienze professionali difficili da descrivere e razionalizzare. Le necessità di competere con proposte moda continuamente aggiornate offrendo una grande varietà di modelli a campionario, obbliga le imprese del settore ad un enorme sforzo di creazione, progettazione e sviluppo di nuovi modelli. Considerando le due stagioni moda più i rinfreschi, questo sforzo si protrae in pratica per tutto l anno e comporta costi estremamente elevati. Inoltre la durata di queste attività è critica, influenzando il time to market ossia l altro decisivo fattore strategico nei settori della moda. Interventi di razionalizzazione del lavoro in queste fasi potrebbero dunque avere non solo conseguenze importanti in termini di riduzione di costi, ma anche effetti strategici in termini di accorciamento dei tempi di raggiungimento del mercato. Vari studi hanno dimostrato che nella maggior parte delle attività innovative, quelle realmente e totalmente creative sono in realtà molto limitate; e in ogni caso anche queste, assieme a quelle di progettazione e sviluppo, comportano l uso di conoscenze e l applicazione di routine procedurali in buona misura definibili ex-ante. L ipotesi su cui si fonda il presente progetto è che sia possibile intervenire anche sulle attività suddette per aumentarne l efficienza, razionalizzando, codificando e rendendo rapidamente accessibile la 1

15 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione conoscenza sui cui si fondano e da cui prendono spunto (fasi creative pure), e introducendo massivamente, per tutte le altre, tecniche computer aided. Da un punto di vista generale, il progetto si trova ad affrontare alcune problematiche tutt altro che banali, per le quali proporre una soluzione può rappresentare un passo avanti significativo con riferimento anche all uso degli strumenti ICT nel settore. Una prima questione di rilievo riguarda la varietà di tipi di conoscenza che gli operatori addetti alla progettazione si trovano a dover elaborare, condividere, memorizzare e recuperare, e in particolare conoscenza codificata (ad es. misure e parametri tecnici, dati economici, codici prodotto e codici componente, ecc.) e conoscenza tacita (legata a skill personali, esperienze, ma anche di termini e linguaggi specifici usati nell azienda o nel settore, ecc.). Per l uso efficace degli strumenti ICT, una questione che si pone è dunque identificare le diverse tipologie di conoscenza con cui gli operatori hanno a che fare nelle diverse attività di progettazione, nonché le possibili modalità e linguaggi per la loro rappresentazione, codifica, memorizzazione e reperimento. Un ulteriore problema che si pone nello sviluppo dei nuovi prodotti è che si tratta di un attività complessa che vede coinvolti molti soggetti diversi con competenze specialistiche e complementari. Molti di questi soggetti sono esterni all impresa, fanno parte di reti di business più ampie. Questa situazione, che già caratterizzava i distretti industriali tradizionali, a causa dei cambiamenti recenti (internazionalizzazione dei mercati; globalizzazione dell offerta) si è ulteriormente evoluta in direzione di una maggiore articolazione spaziale e diversificazione interna di questi network. La conseguenza è che le attività di creazione, progettazione, sviluppo e prototipazione devono essere coordinate tra molti soggetti diversi (creatori, modellisti, componentisti, sviluppatori, produttori), che hanno competenze specializzate e che possono avere localizzazioni diversissime, ma che devono essere strettamente coordinati in tempo reale. Una co-progettazione siffatta presuppone interfacce e linguaggi compatibili, e la possibilità di aggregare in modo sinergico gli apporti provenienti da gruppi, aziende culture diverse. 2

16 Capitolo I Introduzione Scopo generale del progetto è di definire una piattaforma procedurale e informatica utilizzabile da imprese leader (ad es. integratori finali) che sia gradualmente estendibile ad altri nodi della filiera. La necessità di interazione tra attori operanti in aziende diverse pone infine il problema della proprietà della conoscenza scambiata e dunque delle possibili modalità per proteggere adeguatamente la parte più sensibile di contenuti cognitivi, cosa a cui le aziende sono molto interessate specialmente in un settore come quello della moda. In una situazione di interazioni complesse come il caso delle attività di coprogettazione, gli attori hanno necessità di utilizzare sia contenuti cognitivi pubblici (ossia che non possono o non devono venire protetti da rischi di copiatura) sia contenuti privati (di cui deve essere il più possibile assicurato l uso esclusivo ossia la loro appropriabilità ). Di questi aspetti un progetto come quello qui esaminato deve tener conto, al fine di ideare una soluzione che consenta di gestire con strumenti tecnologici e organizzativi i diversi livelli in termini di privilegi di accesso alle fonti e ai contenuti cognitivi trattati. 1.2 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto si è inteso definire, con la partecipazione attiva degli attori del processo, una metodologia di lavoro e degli strumenti software applicabili all area sviluppo prodotto delle aziende calzaturiere e della filiera. L obiettivo principale si è basato sulla razionalizzazione e gestione della mole di informazioni relativa ai prototipi di prodotto (disegni stilistici, disegni tecnici, schede tecniche, materiali, i prototipi stessi...) che costituisce un patrimonio cognitivo aziendale strategico, ma che spesso viene dispersa o non riutilizzata. Nelle aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto, infatti, la realizzazione del campionario è un processo che presenta diversi fattori di 3

17 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione criticità: difficoltà a gestire gli attori e le fasi in cui sono articolate le attività; poca disponibilità di informazioni utili durante la fase creativa (ricerche sullo stile, archivi storici, etc.); difficoltà a controllare i costi di produzione del campionario (materiali, distinte basi, lavorazioni, etc.); riutilizzabilità delle informazioni prodotte con i diversi sistemi di progettazione e di gestione presenti in azienda; patrimonio dei campionari disperso al termine della stagione. In particolare, gli specifici obiettivi previsti dall adozione di tale metodologia, basata sull uso delle tecnologie dell informazione, vengono di seguito descritti: possibilità da parte di tutti gli attori che partecipano allo sviluppo del progetto di collezione (stilisti, disegnatori, modellisti, tecnici e capi reparto) di catalogare, codificare e memorizzare tutti i contenuti informativi-cognitivi prodotti durante il processo di progettazione e industrializzazione dei prodotti; riutilizzo dei dati relativi ai progetti di collezione (tendenze moda, forme, tacchi, suole, progetti grafici, modelli, documentazione di industrializzazione, informazioni per la produzione etc.) sia in fase di produzione per risolvere rapidamente le problematiche operative, sia per costituire un archivio aziendale storico; possibilità da parte di molti più attori coinvolti nei processi, di 4

18 Capitolo I Introduzione accedere alle informazioni di progetto riducendo il numero di errori di sviluppo e di produzione, determinando ricadute dirette sulla qualità del lavoro; possibilità da parte di tutte le persone addette alla gestione dei prototipi, oltre a coloro che inizieranno ad operare in questo ambito, di farlo in modo agevole, spesso, senza spostarsi dal proprio posto di lavoro (sia in ambito locale aziendale che in ambito interaziendale con le altre aziende della filiera); diffusione della cultura calzaturiera secondo un comune linguaggio e ontologia di classificazione. Le principali azioni svolte si riassumono nei seguenti step: step 1: realizzazione di studi mirati all'analisi e alla comprensione dei fabbisogni delle aziende calzaturiere, con particolare riferimento ai processi di gestione e archiviazione del campionario e ai principali attori ed ai momenti ad essi collegati; step 2: ricerca, analisi e valutazione delle principali tecnologie per la gestione delle informazioni e l archiviazione dei campioni di prodotto delle aziende calzaturiere; valutazione delle tecnologie e delle soluzioni presenti sul mercato in riferimento ai fabbisogni espressi dalle aziende calzaturiere; step 3: sviluppo di una soluzione complessiva per la gestione e la catalogazione delle informazioni di progetto; step 4: realizzazione di una serie di attività di sperimentazione effettuate presso le aziende calzaturiere per portare le nuove metodiche e soluzioni all interno delle imprese; sviluppo della 5

19 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione soluzione per l archiviazione, coinvolgimento di fornitori informatici, logistici, per la creazione della soluzione complessiva per la gestione dei prototipi (metodologico, software e hardware); step 5: realizzazione di azioni di sensibilizzazione, promozione e diffusione dei risultati a tutte le aziende del Metadistretto attraverso la definizione di un modello di best-practice per l adozione del progetto su larga scala da parte delle aziende, e la successiva diffusione dei risultati del progetto attraverso azioni di disseminazione (pubblicazioni, convegni, seminari, attività stampa). 1.3 IL METADISTRETTO CALZATURIERO VENETO Il Metadistretto Calzaturiero Veneto comprende aziende di tutte le province del Veneto, ad eccezione di quella di Belluno, con una prevalenza per le province di Venezia, Padova, Vicenza e Rovigo. Nel distretto operano un migliaio di aziende che occupano oltre addetti con una produzione di 55 milioni di paia di scarpe all anno che rappresentano il 20% del totale nazionale. A queste aziende se ne debbono aggiungere almeno altrettante facenti parte della "filiera" produttiva. Si tratta di una realtà che ingloba sia imprese piccolissime che di piccole e medie dimensioni. Il fatturato è di 3 miliardi e 800 mila euro. Il Metadistretto Calzaturiero Veneto, pur espandendosi in quasi tutta la regione, affonda le proprie radici nella zona della Riviera del Brenta, racchiusa tra Padova e Venezia. In riferimento agli obiettivi progettuali, può risultare interessante osservare i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nell ambito delle imprese della Riviera del Brenta, in quanto quest ultima racchiude le caratteristiche principali dell intero Metadistretto. 6

20 Capitolo I Introduzione Il numero di addetti dei calzaturifici e delle imprese di fornitura è diminuito, il contrario è invece avvenuto per la dimensione della popolazione specializzata nella produzione di modelli. La crescita di complessità di prodotto ha portato ad un aumento del personale degli studi stilistici presenti nel territorio, soprattutto nell ultimo triennio. Questo fattore testimonia come la presenza dei modellisti costituisca una rilevante economia esterna positiva per le imprese del distretto. Essi svolgono una funzione molto rilevante di previsione e anticipazione delle tendenze della moda. L innovazione del prodotto nelle imprese calzaturiere poggia infatti sulle fasi di ricerca e progettazione, e pertanto sulle figure professionali dello stilista e modellista. Non solo, molti studi di modellisti lavorano anche per l estero, contribuendo a valorizzare i prodotti di imprese che competono sugli stessi mercati dei calzaturifici del Metadistretto Calzaturiero Veneto. La diminuzione in numero e addetti, in riferimento ai calzaturifici, è d altro canto associata a un aumento del fatturato; il che permette di quantificare l effettivo aumento di produttività che si è invece manifestato negli ultimi anni, in cui la concentrazione di molte aziende nella produzione di articoli di lusso ha permesso un incremento del valore medio delle calzature prodotte nell area distrettuale. Da notare che anche la quota del fatturato relativa ai modellisti ha subito un incremento durante l ultimo triennio, così come quella relativa alle ditte commerciali, ossia aziende fornitrici non produttrici di componenti. La quota dovuta alle esportazioni risulta essere da tempo pari all 90% del totale, cifra che conferma la tendenza delle imprese ad aver diretto le proprie strategie aziendali verso una segmentazione dell offerta in più mercati a livello internazionale. 7

21 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione 8

22 Capitolo II IL PROCESSO DI PROGETTAZIONE 2.1 INTRODUZIONE AI PROCESSI Si definisce processo, l insieme delle attività correlate, ripetitive e spesso interfunzionali, che trasforma, conferendo valore, determinati input in definiti output. Mentre ciascuna funzione coinvolta è costituita da attività della stessa natura, il processo si sviluppa attraverso azioni di natura differente, finalizzate al raggiungimento di un obiettivo comune. Nello stesso processo possono dunque essere coinvolte più funzioni e il miglioramento dello stesso si attua spesso tramite la fusione dei confini funzionali. I processi aziendali di un azienda calzaturiera si suddividono in processi primari, che hanno come clienti soggetti esterni all azienda, e di supporto, che hanno come clienti soggetti interni all azienda, e che quindi, supportano i processi primari stessi. In tab. 2.1 sono illustrati i principali processi di un azienda calzaturiera. Tabella 2. 1 Processi primari e di supporto di un azienda calzaturiera Processi Primari Processi di Supporto MARKETING PROGETTAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE PROGRAMMAZIONE INDUSTRIALIZZAZIONE APPROVIGIONAMENTI PRODUZIONE AMMINISTRAZIONE FINANZA CONTROLLO RISORSE UMANE SIST. INFORM. SISTEMA QUALITA TECNOLGIA LOGISTICA RETAILING 9

23 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Ciascun processo ha un punto di inizio e di fine, e comprende azioni che sono definite, ripetibili e misurabili. Di seguito è presentata l analisi del processo di progettazione in ogni sua fase. 2.2 LA PROGETTAZIONE Aspetti generali e requisiti del processo Come già precedentemente introdotto, la progettazione del prodotto calzaturiero è un processo organizzativo interfunzionale: essa non è semplicemente il risultato di conoscenze e di capacità stilistiche, tecniche e tecnologiche relative allo sviluppo dei modelli, ai materiali, alle forme e alle modalità di costruzione, di competenza di un unica unità aziendale specificatamente dedicata. Scopo di tale processo è studiare e definire le caratteristiche di prodotti idonei a soddisfare le esigenze del consumatore finale. Per questo motivo le difficoltà di gestione della progettazione derivano dalle sue stesse caratteristiche, tipiche delle attività prettamente innovative, creative, quali la discontinuità nel tempo e l incertezza delle previsioni sui risultati attesi. Il processo di progettazione deve soddisfare tre principali requisiti: requisiti di prodotto, di metodologia progettuale e di industrializzazione della collezione. Per requisiti di prodotto si intendono le esigenze stilistiche e tecniche derivanti da quelle commerciali, e di cui i progettisti devono tenere conto fin dalle prime fasi di processo. Per metodologia progettuale si intende il metodo utilizzato dall azienda il più efficace ed efficiente dal punto di vista tecnico e organizzativo, tale da soddisfare i requisiti definiti durante la prima fase di pianificazione della collezione. Un ulteriore aspetto è quello relativo all industrializzazione, ovvero l insieme delle attività svolte in modo idoneo ad assicurare la riproducibilità in serie dei prodotti oggetto del progetto. 10

24 Capitolo II Il processo di progettazione L insieme delle capacità necessarie allo svolgimento del processo di progettazione e al raggiungimento del risultato atteso rappresentano il vero e proprio patrimonio aziendale di esperienze, conoscenze e know how: l espilicitazione e la raccolta dettagliata rendono tali informazioni riutilizzabili e pertanto fattori critici di successo Fasi del processo Mediamente il processo di progettazione si articola in un intervallo temporale di tre mesi. In fig. 2.1 sono schematizzate le fasi principali che successivamente verranno descritte nel dettaglio in tab Come si può osservare dalla figura, la successione delle fasi di processo non è scandita nel tempo in modo determinato. Le fasi di ricerca e ideazione stilistica solitamente vengono condotte in parallelo, così come accade per quelle di ideazione tecnica (attività di modelleria) e progettazione dei componenti. L insieme di queste prime attività di norma si sviluppa nell arco temporale di un mese, seguite dalla verifica e rivisitazione dei primi prototipi nel mese successivo. La valutazione della seconda versione dei prototipi, gli interventi di rifinitura e l approvazione definitiva per il lancio di campionario avvengono durante l ultimo mese dedicato al processo. ideazione modelleria pianificaz. prototipi verifica prototipi v2 approvaz. ricerca componenti 1 mese 2 mese 3 mese Figura Sequenza temporale delle principali attività del processo di progettazione 11

25 Sistema per la gestione, capitalizzazione e riutilizzazione delle informazioni prodotte in fase di progettazione Il processo di progettazione del prodotto calzatura è un insieme organizzato di attività finalizzate alla realizzazione di un definito output a partire da un input. In tab. 2.2 vengono analizzate, in modo sequenziale, le singole fasi del processo e le relative figure professionali coinvolte. Dalla descrizione del processo è possibile individuare le attività strategiche e ripetitive relative a ciascuna fase. Ogni azienda adotta delle scelte strategiche per poter essere competitiva rispetto alle concorrenti. Tuttavia esistono delle attività che vengono condotte da ciascuna azienda in modo ripetitivo, senza particolari differenziazioni, nell ambito delle quali le aziende risultano essere inefficienti. L attenzione su quest ultime è essenziale per l individuazione delle caratteristiche del sistema informativo, oggetto di questo studio. Si passa ora alla descrizione delle singole fasi di processo: 1. Pianificazione Durante la prima fase di studio e pianificazione della collezione si determinano le scelte di mercato e strategiche, fondamentali per l andamento delle vendite nella stagione di riferimento. L attività di studio ha l obiettivo di fornire allo stilista le linee guida dello sviluppo della collezione e fornire indicazioni circa il volume, la destinazione guida su cui puntare, il mix prodotti da destinare a ciascuna linea, eventuali modelli esistenti da rivalutare. Inoltre, dopo aver impostato la collezione e definito i requisiti, vengono definiti il timing, i contenuti e le responsabilità per ciascuna attività del processo. Le principali attività strategiche risiedono nella scelta della strategia di marketing e nella definizione dei requisiti di collezione. Per l avvio di un corretto processo di progettazione risulta indispensabile che lo studio relativo alle tendenze e alla traduzione dei bisogni dei consumatori finali avvenga mediante lo sfruttamento di tutte le informazioni di mercato possibili e con profonda attenzione alle relative metodologie, in modo da 12

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF Comunicare è di moda Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura Cos è ebiz? È un iniziativa europea rivolta ad armonizzare il linguaggio e le procedure per l integrazione delle imprese

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi ICT Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale 2006 EBAS

Dettagli

Politecnico C A L Z A T U R I E R O

Politecnico C A L Z A T U R I E R O Politecnico C A L Z A T U R I E R O MISSION E TRADIZIONE La Scuola di Design e Tecnica della Calzatura, fondata nel 1923, interprete dell impegno delle Aziende Calzaturiere della Riviera del Brenta per

Dettagli

MISSION E TRADIZIONE

MISSION E TRADIZIONE Politecnico C A L Z A T U R I E R O MISSION E TRADIZIONE La Scuola di Design e Tecnica della Calzatura, Oggi, fondata nel 1923, interprete dell impegno delle Calzaturiero, Aziende Calzaturiere della Riviera

Dettagli

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura 2009-2010 1 INDICE 1. Introduzione 2. Struttura ed articolazione dell offerta formativa 3. Obiettivi e profili professionali 4. Organizzazione

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop quality fashion shop Introduzione quality fashion shop Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione 3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della I Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della monitorano e verificano la congruità con gli obiettivi

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Disegno di copertina: CRISTIAN BARATO C A L Z A T U R I E R O

Disegno di copertina: CRISTIAN BARATO C A L Z A T U R I E R O Disegno di copertina: CRISTIAN BARATO P o l i t e c n i c o C A L Z A T U R I E R O MISSION E TRADIZIONE La Scuola di Design e Tecnica della Calzatura, fondata nel 1923, interprete dell impegno delle Aziende

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Comune Provincia Interprovinciale

Comune Provincia Interprovinciale AZIONI PARTENARIALI: SCHEDA PER LE PROPOSTE DI INTERVENTO - CNEL Parte I - Proposta Titolo Localizzazione Area di realizzazione Laboratorio per il Time compression per il settore moda con tecniche di reverse

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI All. A) Formulario per la realizzazione del Project Work Finale A. DATI SUL PROPONENTE A.1 Istituto Scolastico: I.T.E. P.F. Calvi (Belluno) A.2 Classe/Classi coinvolte: IV B B. DATI DI SINTESI DEL PROGETTO

Dettagli

Rilevi Group srl viene costituita a Bologna, Italia, nel

Rilevi Group srl viene costituita a Bologna, Italia, nel R G R O U P Company Profile Profilo Rilevi Group srl è un nome che è sinonimo di qualità e servizio nel campo del ricamo fatto a mano fin dal 1991, anno di costituzione. Rilievi Group è conosciuta presso

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 SEFRI S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Sefri (Società Engineering Forniture Robotica Industriale) S.r.l. è stata fondata nel 1965 da Carmelo Mallia, con l obiettivo di operare nel campo dell automazione

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA COMPETENZE ABILITA * ORE FRON TALI * 1 Fibre naturali e fibre chimiche - Riconoscere le correlazioni

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO.

condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO. condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO. condivivere OGNI VOLTA CHE SI CREA UNO SCENARIO DIVERSO NASCE L ESIGENZA DI UNA REAZIONE DIFFERENTE. Le evoluzioni degli ultimi anni

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

LE RETI DI IMPRESA. Un nuovo modello di sviluppo economico. Con il contributo di

LE RETI DI IMPRESA. Un nuovo modello di sviluppo economico. Con il contributo di LE RETI DI IMPRESA Un nuovo modello di sviluppo economico Con il contributo di INDICE Cos è una rete di impresa 3 I vantaggi di aggregarsi 4 Il contratto di rete 5 La governance della rete 6 Il fondo patrimoniale

Dettagli

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO Il Sistema Moda S. M. comprende tutte le imprese della filiera Tessile- Abbigliamento Accessori: - filatura, tessitura e lavorazione (fibre naturali, artificiali e sintetiche);

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli