Il management dello scompenso cardiaco: presentazione di un progetto di management integrato ospedale-territorio nello scompenso cardiaco cronico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il management dello scompenso cardiaco: presentazione di un progetto di management integrato ospedale-territorio nello scompenso cardiaco cronico"

Transcript

1 Il management dello scompenso cardiaco: presentazione di un progetto di management integrato ospedale-territorio nello scompenso cardiaco cronico C.Campana Unità Scompenso Cardiaco e Trapianti, U.O. di Cardiologia, IRCCS Policlinico S.Matteo - Pavia

2 Scompenso cardiaco Storia evolutiva caratterizzata da scarsa prevedibilità di eventi, con succedersi di instabilizzazioni e successive stabilizzazioni Rilevanza delle riospedalizzazioni (che incidono per il 14-34%), con elevato numero di riospedalizzazioni a basso rischio (circa 50%), verosimilmente evitabili Frequente osservazione di scarsa compliance del paziente ai regimi terapeutici ed alle indicazioni dietetiche per la difficoltà di attuare tali provvedimenti a lungo termine

3 Scompenso cardiaco Modalità gestionali Ambulatorio specialistico dedicato allo SC Assistenza domiciliare specialistica Gestione telematica Unità ospedaliera di degenza per SC Riabilitazione cardiologica

4 Modelli di assistenza con Unità per SC Esperienze % Ospedalizzazioni N. giorni di ospedalizzazione UCLA University -71% (p<.0001) 1.9 vs (p<.0001) Loma Linda Univ. - 85% (p<.0001) 0.7 vs. 0.1 (p=.001)) Vanderbilt University -50% % (p<.001) 1.5 vs. 0.7 (p<.01)

5 Modelli di multicompetenza ed assistenza telefonica Esperienze % Ospedalizzazioni N. giorni di ospedalizzazione Dartmouth M.S. (tel.) vs.10.5 (p<.005) St. Louis J. H. - 19% (p<.05) --- VA Centers Minnesota -10% (n.s.) 8.8 vs (p<.005)

6 Modelli a gestione infermieristica Esperienza MULTIFIT UCSF Malmö Goteborg Vanderbilt Maastricht % Ospedalizzazioni -15% (p<.001) 0.6 vs. 0.2 (p<.05) -15% -0.1 n.s. +17% 50 vs. 37% n.s. N. giorni ospedalizzazione vs % -8, n.s. 4 vs. 3.4 n.s. 861 vs. 768 n.s.

7 Modelli di assistenza domiciliare Esperienze % Ospedalizzazioni N. giorni di ospedalizzazione Tel Aviv S. M.C vs. 6 (p<.001) Adelaide Univ.H. - 40% (p<.05) 452 vs. 261 (p<.05) Vanderbilt Univ % (n.s.) ---

8 A multidisciplinary intervention to prevent the readmission of elderly patients with congestive heart failure Rich MW et al. N Engl J Med 1995;333:1190-5

9 A multidisciplinary intervention to prevent the readmission of elderly patients with congestive heart failure N Engl J Med 1995;333: Independent predictors of readmission according to the Cox proportional hazards model RISK RATIO 95% C.I. P VALUE BUN Systolic BP Serum sodium Diabetes mellitus Assignment to treat. Group

10 A multidisciplinary intervention to prevent the readmission of elderly patients with congestive heart failure Rich MW et al N Engl J Med 1995;333: % P=.035 Treatment Control days

11 Home-based intervention in congestive heart failure. Long-term implications on readmission and survival Stewart S et al Circulation 2002;105: The effects of a multidisciplinary HBI vs UC in 297 pts Significantly fewer primary end points (unplanned readmission and death) in the HBI vs UC group: 0.21 vs (p<.01) Assignement to HBI was both an independent predictor of event free survival (RR 0.70, p<.01) and survival alone (RR 0.72, p<.05) Overall HBI had 78 fewer unplanned readmissions (median cost of readmissions was $ 325 vs. $ 660/month

12 Home-Based intervention in congestive heart failure Stewart S et al Circulation 2002;105: Cumulative probability of survival during follow-up % HBI RR HBI UC months

13 Randomized trial of an education and support intervention to prevent readmission of patients with heart failure Krumholz HM et al J Am Coll Cardiol 2002;39:83-9 Prospective randomised trial of a formal education and support intervention on 1 yr. readmission or mortality and costs of care for pts. hospitalized with HF 88 pts aged 50 yrs. In hospital education program by experienced cardiac nurse Subsequent telemonitoring phase: the nurse contacted the pts by phone on a weekly basis for four weeks, then biweekly and then monthly for 1 year The intervention group was associated with a 39% decrease in the total number of readmissions (p=.06)

14 Randomized trial of an educational and support intervention to prevent readmission of patients with heart failure Krumholz HM et al J Am Coll Cardiol 2002;39:83-9 Kaplan-Meier curve for HF/CVD-related readmission or death % Log Rank p= Interv. UC days

15 Interactive Healthcare Services Clinic Server LAN M3815A Blood Pressure Measurement Data Clinic Intranet/Internet M3816A ECG Rhythm Strip Patient M3812A Home Hub POTS Voice M3811A Clinical Application M3813A Home Scale Home Rapid Delivery Home Delivery Request Nurse Notes, manual data Info via Browser Reviewing Physician(s)

16 OHM-CHF Study Out-of-hospital management strategies of patients with congestive heart failure Verificare se pianificazione strategie di gestione del paziente con SC può migliorare lo stato di salute e ridurre i costi di gestione. Monitoraggio continuo dei problemi quotidiani nel contesto di ambulatori dedicati alla gestione dello SC Studio osservazionale che coinvolge otto centri con due tipi di gestione: Gestione infermieristica (+ cardiologo) Gestione diretta del cardiologo Sotto l egida dell A.N.M.C.O.

17 OHM-CHF Study Out-of-hospital management strategies of patients with congestive heart failure Obiettivi: Riduzione del numero delle ospedalizzazioni Riduzione del numero dei decessi/ricoveri Analisi gestione terapeutica (per ACE.-inibitore) Analisi gestione terapeutica (per beta-bloccante) Analisi qualità di vita

18 TEN-HMS Trans-European Network-Home Monitoring Study Cleland JGF on behalf of the TEN-HMS Investigators Circulation 2002;106:e211 Program objectives: Reduce the need for hospital care Improve patients sense of well-being Increase the uptake of best medical therapy Reduce the overall costs of medical care

19 TEN-HMS Trans-European Network-Home Monitoring Study Cleland JGF on behalf of the TEN-HMS Investigators Usual care: primary care physician responsible for implementing PMP with usual support from hospital Nurse telephone: PCP responsible for implementing PMP but monthly telephone contact from HF nurse used to increase implementation and adherence Tele-Monitoring: Investigator primarily responsible via telemonitoring for implementing PMP

20 TEN-HMS Trans-European Network-Home Monitoring Study Cleland JGF on behalf of the TEN-HMS Investigators Large randomized (427 pts) controlled trial Compared to NT, TM did not increase the primary end point of days alive and out of hospital Increased patient support by NT or TM reduced mortality compared to UC

21 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo A. MODELLO ASSISTENZIALE: per pazienti con scompenso cardiaco, classe NYHA II-IV, con finalità clinico-gestionali assistenziali B. MODELLO DI PREVENZIONE SECONDARIA con l obiettivo di valutare aspetti fisiopatologici dello scompenso cardiaco e sperimentare strategie preventive farmacologiche e non farmacologiche

22 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Progetto: durata triennale Scopo: verificare efficacia clinica, gestionale ed economica di un modello assistenziale preventivo integrato con MMG, con percorso intra- ed extraospedaliero, tale da garantire continuità assistenziale Metodo: valutazione clinico-strumentale con analisi prognostica del modello rispetto a gestione convenzionale, mediante lungo follow-up Popolazione: pazienti con scompenso cardiaco cronico II-IV classe funzionale NYHA, di qualsiasi eziologia, residenti nel distretto di Pavia dell A.S.L.

23 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Risultati previsti Riduzione delle instabilizzazioni ( riduzione ospedalizzazioni di circa 40%) e della morbilità Miglioramento della qualità di stato di salute del paziente e della sua soddisfazione Riduzione dei costi sanitari gestionali (circa 30%) Integrazione decisionale diagnostico-terapeutica tra MMG e specialista cardiologo Attuazione di un percorso teorico-pratico di approfondimento sul tema scompenso cardiaco per MMG

24 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Organizzazione articolata in: Parte degenziale comprende l integrazione clinica e diagnosticovalutativa Parte ambulatoriale, secondo il modello dell ambulatorio dedicato allo scompenso cardiaco, aperto ovvero in grado di rispondere in tempi molto contenuti a richieste di visite specialistiche comprensive di indagini diagnostiche anche complesse (ecg, ecodoppler cardiaco, Holter, SAECG, test cardiopolmonare, determinazioni chimicocliniche e neuro-ormonali, cateterismo cardiaco). Impiego di sistemi di telemonitoraggio (semplici e complessi) Sistemi di controllo e terapia domiciliare, dedicati ai pazienti più gravi ed a coloro che per problemi fisici e/o sociali hanno difficoltà di accesso ospedaliero

25 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Sperimentazione modello assistenziale integrato con MMG: Popolazione: pazienti con SCC lieve, moderato-severo residenti nel distretto di Pavia, identificati dal MMG e proposti all Unità Scompenso Cardiaco per programma comprendente assistenza domiciliare Sistema di controllo periodico integrato con visite ambulatoriali e domiciliari

26 Modello di management integrato Clinic Server LAN M3815A Blood Pressure Measurement Data Clinic Intranet/Internet M3816A ECG Rhythm Strip Patient M3812A Home Hub POTS Voice M3811A Clinical Application Visita cardiologica Notes, manual data M3813A Home Scale Home Rapid Delivery Infermiera Info via Browser MMG e Cardiologo

27 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Ruolo centrale del MMG: Individuare i pazienti con SC idonei a partecipare al progetto Consultare lo specialista richiedendo l intervento domiciliare (o ambulatoriale) secondo criteri registrati sul software di gestione Definire con lo specialista i pazienti con SC idonei al programma associato di telemonitoraggio Gestire con lo specialista la terapia ed il follow-up stretto Curare compliance ed ed. sanitaria di pazienti e familiari

28 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Ruolo dello specialista: Verificare e confermare i criteri di indicazione alla visita specialistica domiciliare, integrandola con es. strumentali (ecg, ecodoppler cardiaco, determ. Chimico-cliniche e BNP, saturimetria), i cui dati saranno registrati su software Integrare il processo decisionale Verificare impostazione e conduzione terapia Gestione del programma di telemonitoraggio

29 Progetto di management integrato ospedale-territorio Dipartimento di Cardiologia IRCCS Policlinico S.Matteo Ruolo dell infermiere: collaborare con lo specialista nell interazione con il paziente ed il medico di famiglia negli aspetti gestionaliorganizzativi (prenotazioni, richiamo dei pazienti dopo appuntamenti mancati, controllo/comunicazione referti esami collaborare con lo specialista al programma di telemonitoraggio collaborare al programma di ed. sanitaria

30 HHH Home or Hospital in Heart Failure Multicountries randomised controlled trial in Italy, Poland and U.K., enrolling 600 chronic HF pts (LVEF 40%, NYHA II-IV) Usual care vs. homecare strategy Sponsor: European Community Objectives: a. compare different strategies of telemonitoring of HF patients at high risk of readmission to reduce overall costs of medical care, improve wellbeing and self-care b. evaluate in home setting a wireless long-lasting recording system NICRAM define the prevalence and clinical impact of breathing disorders, arrhythmias and HRV abnormalities test the prognostic value of pre-discharge NICRAM

31 HHH Home or Hospital in Heart Failure 600 randomised pts 1-month phone call by nurse Once a week vital signs monitoring Monthly NICRAM Usual clinical care Monthly questionnaire

32 HHH Study Clinic S erver LAN M3815A Blood Pressure Measure ment Data Clinic Intranet/Internet M3816A ECG Rhythm Strip Patient Modem POTS Voice M3811A Clinical Application Note s, Vi sita car di ologica manual data NICRAM Home Rapid Delivery Infermiera Info via Browser MMG e Cardiologo

33 HHH Home or Hospital in Heart Failure Primary end-point: Bed-days occupancy for HF in acute med/surg beds (% of all days alive) Secondary end-points: Bed-days occupancy for cardiac causes Bed-days occupancy for all cause Composite measure of patients well-being Death (all cause) Changes in therapy Cost of care and cost-utility Frequency of Cheyne-Stokes respiration and integrated apnea time HRV, arrhythmias

34 HHH Home or Hospital in Heart Failure Inclusion criteria: Age > 18 yrs. with history of CHF NYHA classes II-IV One or more in hospital admission for CHF in the previous year Aetiology: ischemic, idiopathic, hypertensive, valvular LVEF 40% Abnormal echo diastolic pattern Optimised medical therapy Informed consent to study

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano (CN) Gheorgiade Heart

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC Le criticità - Assistenza spesso incoordinata - Inerzia nell adesione alla mission - Coinvolgimento dei singoli ma non della massa - Inerzia

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto La Gestione Integrata del Paziente con Scompenso Cardiaco: il Medico di MG Mario Roberto Celebrano Mmg - S.I.M.G. Verona Aula Giorgio De Sandre - Ente

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT

Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Disease management mediante controllo remoto dopo impianto di CRT Antonello Vado Laboratorio di elettrofisiologia Ospedale S.Croce e Carle. Cuneo Dal device management al disease management L effetto cumulativo

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Modelli gestionali tra ospedale e territorio

Modelli gestionali tra ospedale e territorio Scompenso Cardiaco in Emilia Romagna Modelli gestionali tra ospedale e territorio Gian Paolo Gambarati Reggio Emilia 20 e 27 Giugno 2012 E difficile fare lo screening per lo Scompenso cardiaco La malattia

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale Fossano-Mondovi (CN) LA GESTIONE DEL PAZIENTE TERMINALE Comparazione

Dettagli

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Roberto Tarquini David Coletta Dipartimento Interaziendale per la Continuità dell Assistenza

Dettagli

EFFETTI DELLA MUSICA NEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: UNO STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO

EFFETTI DELLA MUSICA NEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: UNO STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO EFFETTI DELLA MUSICA NEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: UNO STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO BACKGROUND Le attuali linee guida consigliano nella gestione sintomatologica, l integrazione anche con i trattamenti

Dettagli

I costi di gestione dello Scompenso Cardiaco. Renata De Maria Istituto di Fisiologia Clinica CNR Milano

I costi di gestione dello Scompenso Cardiaco. Renata De Maria Istituto di Fisiologia Clinica CNR Milano I costi di gestione dello Scompenso Cardiaco Renata De Maria Istituto di Fisiologia Clinica CNR Milano Epidemiologia dello Scompenso Cardiaco Modelli di gestione Screening DVSA Il paziente con SC stabile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. [COGNOME, Nome, e, altri nomi ] PIERO ZAPPADU

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. [COGNOME, Nome, e, altri nomi ] PIERO ZAPPADU F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome, e, altri nomi ] PIERO ZAPPADU Data di nascita [ Giorno, mese, anno ] 1204 1955 Qualifica

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF.

Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato. Alunni GF. Consensus Conference: Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Firenze 3-4 dicembre 2005 Il paziente con Scompenso Acuto di nuova diagnosi o instabilizzato Alunni GF. Il gruppo di

Dettagli

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari

Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari Pasquale Caldarola Dir Dipartimento Cardiologico ASL Provinciale di Bari FOLLOW UP DEI PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO: IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEL TELEMONITORAGGIO E DELL INTEGRAZIONE CON I SUPERGRUPPI

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e Progetto scompenso Infermiere di Famiglia Dal documento HEALTH 21 OMS 1998: obiettivo XV L integrazione del settore sanitario In molti stati membri è necessaria una maggiore integrazione del settore sanitario

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

bartolomeo.silvestri@alice.it

bartolomeo.silvestri@alice.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvestri Bartolomeo Data di nascita 09/08/1953 Indirizzo Via La Martella,86-75100 Matera Telefono cellulare 331 5454546 E-mail Qualifica bartolomeo.silvestri@alice.it

Dettagli

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management AZIENDA SANITARIA LOCALE LECCE L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management ASL LECCE Antonio Metrucci Disease and Care Management Obiettivi: Una partnership pubblico privato tra RegionePuglia,

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

L Ospedalizzazione a Domicilio. V. Tibaldi. TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015

L Ospedalizzazione a Domicilio. V. Tibaldi. TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015 TERZA SESSIONE COMUNICAZIONI La gestione integrata delle patologie cardiovascolari Venerdì 30 Maggio 2015 L Ospedalizzazione a Domicilio V. Tibaldi S.C. Geriatria e Malattie Metaboliche dell'osso (Prof.

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

L. PUCCETTI INNOVAZIONE E CAMBIAMENTO IN SANITÀ SOCIETA MEDICA INTERDISCIPLINARE

L. PUCCETTI INNOVAZIONE E CAMBIAMENTO IN SANITÀ SOCIETA MEDICA INTERDISCIPLINARE L. PUCCETTI INNOVAZIONE E CAMBIAMENTO IN SANITÀ SOCIETA MEDICA INTERDISCIPLINARE SCENARIO INVECCHIAMENTO E DENATALITA CRONICIZZAZIONE (FOLLOW-UP) DISGREGAZIONE SOCIALE E FAMILIARE CRISI ECONOMICA RIDUZIONE

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare

Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare Prospettive diagnostiche in Cardiologia Nucleare B. Paghera Servizio di Medicina Nucleare Spedali Civili ed Università di Brescia XII Congresso Nazionale AIMN Rimini 16-19 aprile 2015 Disclosure Slide

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO DEFINIZIONE Lo scompenso cardiaco (SC) può essere definito come una sindrome clinica complessa causata da qualsiasi disordine

Dettagli

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia

Modalità di valutazione del paziente ed ecocardiografia Lo Scompenso Cardiaco Cronico (SCC): un modello di collaborazione ospedale-territorio per la qualità dell assistenza e l economia l delle risorse Orbassano, 9 novembre 2010 Modalità di valutazione del

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali

MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali MMeG-IS Medico di Medicina Generale con Interessi clinici Speciali - Area Clinica Cardiovascolare SIICP - Educational Project L esigenza di formare il MMeG-IS / Medico di Famiglia con Interessi (clinici)

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare

Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare Area Prevenzione Cardiovascolare slides tematiche Nuove strategie nella prevenzione cardiovascolare per gentile concessione della Dott.ssa Annarita Pilleri SSD Valutazione e consulenza Cardiologica Azienza

Dettagli

Fax dell Ufficio 0426940452 E-mail istituzionale r.palmieri@ulss19adria.veneto.it

Fax dell Ufficio 0426940452 E-mail istituzionale r.palmieri@ulss19adria.veneto.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Palmieri Rosa Data di Nascita 20-08-1963 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione ASL 19 Adria (RO) Incarico Attuale -Dirigente Medico Internista -Specialista

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

L infermiere, le AFT, la Sanità d Iniziativa. Antonio Gant

L infermiere, le AFT, la Sanità d Iniziativa. Antonio Gant L infermiere, le AFT, la Sanità d Iniziativa Antonio Gant Nuovi scenari assistenziali I pazienti cronici transitano in numerosi setting di assistenza rischio di frammentazione del piano di assistenza Necessità

Dettagli

M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO. maurodebenedictis@yahoo.it

M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO. maurodebenedictis@yahoo.it La Denervazione Renale M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO maurodebenedictis@yahoo.it 1930-1960: Le prime evidenze 1930-1960s: Il Dr. Reginald H. Smithwick et. al hanno introdotto e sviluppato

Dettagli

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica ACUTE KIDNEY INJURY (AKI): attualità e controversie Roma, 19 Maggio 2011 Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica Giovanni Gambaro UOC Nefrologia e Dialisi Complesso Integrato Columbus-

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa 7 Congresso Nazionale AIAC Genova, 3-5 Aprile 2008 Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore

Dettagli

Depressione Geriatrica ed Attività Fisica:risultati di uno studio controllato di Riabilitazione Psicofisica (Solo Empowerment?)

Depressione Geriatrica ed Attività Fisica:risultati di uno studio controllato di Riabilitazione Psicofisica (Solo Empowerment?) Depressione Geriatrica ed Attività Fisica:risultati di uno studio controllato di Riabilitazione Psicofisica (Solo Empowerment?) "EMPOWERMENT DELLA PERSONA come strategia di promozione della salute nei

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Modello organizzativo gestionale delle UCCP Tra tradizione e innovazione La Telemedicina nelle UCCP Da decreto e legge Balduzzi

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

Il Management Ambulatoriale del Paziente con Epatopatia Cronica

Il Management Ambulatoriale del Paziente con Epatopatia Cronica Le reti assistenziali e il case management per favorire la continuità di cura Il Management Ambulatoriale del Paziente con Epatopatia Cronica Pietro Andreone Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Ministero della Sanità Dipartimento della Programmazione Programmi Speciali Art. 12, comma 2, lett. B del d.lgs. 502/92 Sperimentazione in nove Regioni di strumenti per l implementazione di linee-guida

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre

Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre Prospettive della telemedicina e del monitoraggio mediante dispositivi nel paziente con scompenso cardiaco cronico: luci e ombre Andrea Mortara 1, Fabrizio Oliva 2, Andrea Di Lenarda 3 1 U.O. di Cardiologia

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Responsabile/i con qualifica, Modalità di accesso U.O.C Cardiologia: U.O.S Gestione Integrata 15.30) Agostoni cardiologo: Scompenso Cardiaco

Responsabile/i con qualifica, Modalità di accesso U.O.C Cardiologia: U.O.S Gestione Integrata 15.30) Agostoni cardiologo: Scompenso Cardiaco Ente A.O. San Carlo Borromeo Via Pio II, 3 - Strutture dedicate per lo Scompenso Cardiaco (segnalate dagli estensori dello specifico Percorso PDTA coordinato dall ASL di e aggiornate al 20.3.2012) : Descrizione/Strutturaorganizzazione

Dettagli

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie Le Famiglie Professionali: Nefrologia Il punto L utilizzo dei dati amministrativi per l identificazione degli assistiti

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Dalle Linee Guida ESC 2013 al Documento ANMCO-GICR-GISE 2014: nuove strategie nella cardiopatia ischemica cronica sintomatica.

Dalle Linee Guida ESC 2013 al Documento ANMCO-GICR-GISE 2014: nuove strategie nella cardiopatia ischemica cronica sintomatica. 10 Cardiolucca Heart Celebration Lucca 27-29 novembre 2014 Dalle Linee Guida ESC 2013 al Documento ANMCO-GICR-GISE 2014: nuove strategie nella cardiopatia ischemica cronica sintomatica Cesare Greco Cardiologia

Dettagli

L Ospedalizzazione a Domicilio di Torino

L Ospedalizzazione a Domicilio di Torino 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-73 7 novembre 2004 Tavola rotonda CONTINUITA ASSISTENZIALE: MODELLI A CONFRONTO L Ospedalizzazione a Domicilio di Torino Nicoletta Aimonino S.C.D.U. Geriatria ASO

Dettagli

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED l e v o l u z i o n e d e l l a t e l e m e d i c i n a Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED 2 Telemedicina E la pratica della medicina che si

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della Pratica Clinica

La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della Pratica Clinica Monza, 27 Febbraio 2008 LA RICERCA CLINICA: RUOLI E PROCESSI Ruolo dello Sponsor e dello Sperimentatore La Ricerca no-profit quale parte integrante dell Assistenza Sanitaria ai fini del miglioramento della

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico 5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Innovazione e Formazione nella Medicina di Laboratorio Sala Magna Complesso Monumentale dello Steri Palermo 2-4 Dicembre 2014

Dettagli

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO

CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO Venerdì, 12 giugno 2015 Aula Magna di Pediatria O.I.R.M. S. Anna, AOU Città della Salute Torino 9.30 13.30 CAP di Arona ESPERIENZE DI CURE PRIMARIE NEL TERRITORIO GLI INFERMIERI DI FAMIGLIA E DI COMUNITÀ

Dettagli

allegati f) predisposizione programmi atti a garantire la continuità assistenziale

allegati f) predisposizione programmi atti a garantire la continuità assistenziale allegati Riordino delle attività distrettuali e delle cure primarie ALLEG. A Le funzioni del Distretto Sociosanitario e le modalità con cui si realizza l integrazione tra le prestazioni sanitarie e quelle

Dettagli

L infermiere di comunità, il raggiungimento degli obiettivi assistenziali e l attivazione dei nodi della rete assistenziale: anno 2007.

L infermiere di comunità, il raggiungimento degli obiettivi assistenziali e l attivazione dei nodi della rete assistenziale: anno 2007. L infermiere di comunità, il raggiungimento degli obiettivi assistenziali e l attivazione dei nodi della rete assistenziale: anno 27. Flavio Paoletti 1 e Diego Canderlic 2 Il continuo e veloce invecchiamento

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

Telemedicina realtà o buoni propositi.

Telemedicina realtà o buoni propositi. Telemedicina realtà o buoni propositi. Nuove modalità di presa in carico del paziente cronico, il rapporto tra ospedale e territorio e l impatto sulle risorse sanitarie impiegate. Dr. Pier Luigi Bartoletti

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli