Misurare e interpretare la Fase Acustica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare e interpretare la Fase Acustica"

Transcript

1 Misurare e interpretare la Fase Acustica Massimo Costa ALBEDO Loudspeakers Via C. Calisse, Civitavecchia Giuseppe Pucacco Dipartimento di Fisica Università di Roma Tor Vergata Via della Ricerca Scientifica, Roma 1 Introduzione Questa nota si ispira ad un articolo pubblicato qualche anno fa da Fedeltà del Suono [1]. La motivazione a scrivere qualcosa a proposito della fase acustica e delle sue implicazioni nell ascolto era nata dalla lettura di una pregevole Application Note della Brüel & Kjær [2]: un esempio perfetto di come si possa trattare, in maniera esemplarmente chiara, un argomento non proprio intuitivo come questo. Molti tecnici e appassionati hanno letto e studiato questo tipo di pubblicazioni e ne hanno spesso preso spunto per fare ricerca, oltre che della ulteriore divulgazione. Lascia quindi perplessi che questo lavoro, presentato in occasione della 48 a Convention dell AES che si tenne in California nel 1974, sia rimasto in larga misura ignorato per lungo tempo. Uno dei tanti lati oscuri dell alta fedeltà è quello che alcuni suoi importanti aspetti tecnici sono noti e presenti nella letteratura ma vengono sistematicamente ignorati da progettisti ed audiofili. 2 Risposta in frequenza Consideriamo la funzione di trasferimento di un sistema elettroacustico lineare, cioè un sistema ideale che non distorce il segnale in ingresso. In questo caso sappiamo che essa è data dalla espressione seguente 1 H(s) = A(s)e iφ(s), (1) dove s = iω = i2πf è la pulsazione complessa. È importante vedere come essa sia composta da una parte, A(s), che è la risposta in ampiezza e dalla φ(s), la risposta in fase. Anche il comportamento 1 In questa nota appaiono solo due equazioni: la (1) non deve intimorire più di tanto i non esperti, ci serve solo per introdurre le grandezze in gioco; la (2), nella sua grande semplicità, sarà quella più rilevante per la trattazione. 1

2 di un altoparlante (o di un sistema di altoparlanti) non sfugge a questa regola e quindi sarà sempre caratterizzato da queste due risposte. La prima funzione, la A(s), è nota a tutti come la risposta in frequenza, mentre la φ(s), la risposta in fase, viene in genere trascurata o trattata con sufficienza: attitudine gravemente scorretta, come presto vedremo. In realtà tale atteggiamento, fino a poco tempo fa, significava in un certo senso fare di necessità virtù. Infatti, per avere delle misure attendibili di fase acustica era necessario avere un budget importante da investire in apparecchi di misura e ciò era possibile solo alle grandi industrie. Il fatto che poi molte grandi industrie non ne facessero, almeno a giudicare dai risultati, un uso proficuo, questo è un altro discorso. Oggi fortunatamente, dopo l avvento dell informatica di massa, le cose sono radicalmente cambiate tanto che molte schede di misura digitali sono capaci di fornire delle attendibili misure di fase. Attenzione, non stiamo dicendo che qualsiasi curva di fase esca da una scheda sia corretta. Diciamo che, se ben utilizzata, una scheda può fornire la fase acustica corretta. Ma perché dare tutta questa importanza alla fase acustica di un sistema di altoparlanti? Vediamo di chiarire alcuni concetti fondamentali. 3 Risposta in fase e risposta all impulso Noi sappiamo che un impulso può essere considerato come la combinazione di infinite componenti sinusoidali sovrapposte. La risposta in fase di un sistema ci indica la relazione temporale che lega queste varie frequenze, in altre parole ci indica quale è, al variare della frequenza, il valore dello sfasamento del segnale riprodotto rispetto al segnale in ingresso. Noi però sappiamo anche che un valore angolare di fase può essere visto a tutti gli effetti come un ritardo temporale. Ora, un pessimo andamento della fase significa che le varie componenti sinusoidali che compongono un impulso non saranno riprodotte contemporaneamente ma con ritardi diversi a seconda della frequenza cioè, in altre parole, che la forma originaria dell impulso sarà restituita completamente stravolta. Da ora in poi, quindi, bisogna avere ben chiaro in mente che buona risposta in fase e corretta ricostruzione dell impulso sono praticamente la stessa cosa. Questo è un punto molto importante che spiega anche perché è assolutamente sbagliato progettare un sistema di altoparlanti esaminando solamente la risposta in frequenza. Un tale sistema di altoparlanti sarà capace di ben riprodurre solo segnali sinusoidali e non certo i transitori tipici del messaggio musicale. Appurato che la fase acustica è un parametro importante, sorgono immediatamente due problemi: come si possa misurarla e valutarla e quali siano le scelte tecniche che permettono di ottimizzarla. Per rispondere al secondo quesito non basterebbe un intero libro e, inoltre, ogni progettista ha le sue idee in proposito e non esiste una ricetta universale da applicare (senza considerare che alcuni continuano semplicemenete a ignorare il problema). Quanto al primo invece, vediamo di provare a chiarire un poco le idee. Il concetto dell identità tra risposta all impulso e risposta in fase viene ben evidenziato dalla Fig.1. Per comodità grafica, invece di un impulso, prendiamo in considerazione un onda quadra. Questa, che è una sorta di impulso sostenuto, può essere assunta come l unione tra una componente sinusoidale fondamentale e le sue (infinite) armoniche dispari, che in questo caso, sempre per motivi grafici, abbiamo limitato a due. Come si vede, in assenza di sfasamento, le varie componenti si ricombinano in una forma d onda che è virtualmente identica all originale. Ciò non è vero per uno sfasamento di, per esempio, 90. La somma della fondamentale con le sue due prime armoniche, tutte sfasate di 90, porta ad una forma d onda finale che è ben lontana dall originale. Il motivo è intuitivo anche graficamente: uno sfasamento costante di φ = 90 comporta ritardi temporali differenti a seconda della lunghezza d onda interessata. Dato che 90 2

3 Figura 1: Sotto l onda quadra originale, sono riportate le sue prime tre componenti armoniche e la loro sovrapposizione. Sotto ancora, le stesse armoniche sfasate di 90 sono sovrapposte con un risultato molto diverso dall onda quadra originale. 3

4 Figura 2: Risposte in fase con ritardi indipendenti dalla frequenza. sono un quarto di periodo (che vale ovviamente 360 ), ne consegue che uno sfasamento di φ = 90 a, per esempio, 1000 Hz corrisponde a (1/1000)/4= secondi, ovvero 0.25 millisecondi; a Hz lo stesso sfasamento corrisponde a (1/10.000)/4= secondi ovvero millisecondi, e così via per le varie frequenze in gioco. Dalle considerazioni appena fatte discende che, volendo rappresentare un andamento ideale dell angolo di fase φ in funzione della frequenza, dovremmo aspirare ad una linea orizzontale assolutamente piatta; in altre parole, al variare della frequenza lo sfasamento rispetto al segnale in ingresso dovrebbe essere sempre uguale a zero. A questo punto è però importante un osservazione. Prima abbiamo visto che, se si varia la frequenza, a sfasamenti uguali (p. es. 90 ) non corrispondono ritardi temporali uguali; se proseguiamo con il ragionamento dobbiamo anche supporre che a ritardi uguali non corrispondano, a loro volta, rotazioni di fase costanti. Esaminiamo ora la Fig.2. Un sistema che non avesse alcuno sfasamento al variare della frequenza verrebbe descritto da una retta coincidente con l asse delle frequenze, quello orizzontale per capirci. Se noi invece introduciamo un qualche ritardo temporale, cioè se tutte le frequenze subiscono la stessa quantità di ritardo, la retta si inclina verso il basso con un angolo dipendente dal ritardo in questione, e si trasforma, per esempio, nella retta a o b. La retta ha equazione: φ(f) = 2πD f, (2) c dove c è la velocità del suono e D è la distanza sorgente microfono. Attenzione però, perché stiamo parlando dello stesso sistema fisico a cui abbiamo semplicemente aggiunto del ritardo. È bene in ogni caso ricordare che il volo conserva la relazione di fase, poiché la velocità del suono nell aria 4

5 è indipendente dalla frequenza. Ma perché dunque la retta si inclina? Per quanto abbiamo visto in Fig.1, un certo ritardo provocherà, ad esempio, uno sfasamento di 90 per una data frequenza, uno sfasamento due volte superiore per la sua seconda armonica uno sfasamento tre volte superiore per la sua terza armonica e così via. In altre parole, poiché, per un valore costante di ritardo, lo sfasamento varia linearmente con la frequenza, la retta rimane tale ma si inclina verso il basso (si inclinerebbe verso l alto se avessimo a che fare con degli anticipi). In Fig.3 vediamo una curva di fase acustica ideale generata da un noto sistema di misura, Clio di Audiomatica [5]. La curva rossa, che poi è in realtà una retta giace sulla linea orizzontale di 0 gradi ed è importante in quanto rappresenta il nostro andamento ideale: nessuno sfasamento al variare della frequenza. La curva verde non è altro che la precedente ma con l aggiunta di un ritardo di 0.01 millisecondi e la gialla è ancora sempre la prima curva ma con l aggiunta di 0.1 millisecondi di ritardo. Ma la retta ideale, nel caso avessimo aggiunto del ritardo, non doveva semplicemente inclinarsi? Infatti, ma ciò è vero solo in un grafico dove la frequenza sia rappresentata linearmente. In tutti i grafici più comuni, la scala delle frequenze è rappresentata logaritmicamente e quindi è ovvio che una retta non è più tale ma diventa una curva vera e propria. Attenzione che si tratta solamente di un problema di rappresentazione grafica. Se ci andassimo pazientemente a leggere i valori dello sfasamento in funzione della frequenza troveremmo che sono quelli giusti. È solo che in un grafico logaritmico la retta rimane tale solo se giace sull asse dello 0 gradi, altrimenti si incurva. È importante questo? Certamente, perché se non siamo capaci di distinguere un andamento perfetto, ma solo affetto da ritardo, come faremo a valutare tutti gli andamenti che perfetti non sono (e nella pratica non lo saranno mai)? Un altro caso interessante è quello visibile nell esempio in alto di Fig.4. La retta, sempre in rappresentazione di frequenza lineare, è inclinata ma non passa per l origine degli assi. Quesito: in questo caso, il sistema è dotato di una buona risposta in fase? No, per nulla. Se noi applichiamo il ragionamento appena fatto a proposito del ritardo e togliamo una opportuna quantità di ritardo a questa misura, la retta dell esempio in alto diventa quella dell esempio in basso, sempre della Fig.4. Meno che nel caso di φ uguale a π o un suo multiplo intero (ovvero ruotare il tutto di 180 o suoi multipli), in cui non succede nulla, in tutti gli altri casi avremo uno sfasamento costante con la frequenza e ciò (nella Fig.3 si ha un valore di φ = 90 ) non permette una buona risposta all impulso. Inoltre, nel caso di scala logaritmica, in cui lo zero corrisponde a meno infinito sull asse delle ascisse, rimane alquanto difficile stabilire se la retta passa o no per l origine! Abbiamo parlato più volte di ritardo, ma qualcuno potrebbe dire giustamente Ma perché non lo togliamo questo ritardo, così non ci complichiamo più la vita?. Fosse facile... 4 A proposito di misure Gli utenti di sistemi di misura che adottano la tecnica MLS, quella che oggi permette più comunemente di ottenere delle risposte di fase acustica (oltre ad una infinità di altre cose [3, 4]), sanno che, per ottenere delle curve anecoiche corrette, devono applicare una finestra al grafico dell impulso (Fig.5). Questa finestra deve escludere da un lato il tempo di volo, cioè il tempo che il suono impiega a percorrere il tragitto altoparlante-microfono, e dall altro la prima riflessione disturbante. Tralasciando dunque quello che succede dopo l impulso principale, cioè il problema delle riflessioni, che in questo momento non ci interessa, vediamo cosa succede prima dell impulso. Ora, la prima cosa che verrebbe in mente è quella di fare partire l analisi dal primo campione non nullo dell impulso, ossia eliminare qualsiasi forma di ritardo. Questo, che in teoria sarebbe la cosa più giusta 5

6 Figura 3: Risposta con sfasamento nullo (curva rossa) e con ritardo uniforme di 0.01 millisecondi (curva verde) e 0.1 millisecondi (curva gialla) in rappresentazione logaritmica. Figura 4: In alto: risposta con sfasamento lineare. In basso: la stessa risposta ritardata uniformemente. 6

7 Figura 5: Risposta all impulso finestrata da fare, può rivelarsi, con alcuni sistemi di misura, inesatto. Vediamo subito perché: il ritardo misurato non è solo dovuto al volo, cioè all intervallo di tempo corrispondente alla distanza fra microfono ed altoparlante, anche se questa è la componente di gran lunga maggiore. Esistono in realtà altre componenti, più piccole ma apprezzabili, che intervengono sul valore totale. Tipico, a questo proposito, il ritardo intrinseco della scheda di misura che dipende dalla architettura hardware adottata. Attenzione quindi a questo problema che potrebbe presentarsi a seconda del tipo di strumento utilizzato. Altri elementi che contribuiscono a mascherare il vero andamento della risposta in fase sono gli sfasamenti dovuti al microfono, al preamplificatore di misura e all amplificatore che alimenta l altoparlante. Per quanto riguarda gli sfasamenti introdotti dal front end microfono-preamplificatore sono in genere contenuti dato che la loro banda passante è di solito piuttosto ampia (o almeno così si spera). Non si può dire lo stesso degli amplificatori che vengono a volte utilizzati per effettuare le misure che possono presentare una banda passante limitata. In questo caso, le deviazioni agli estremi della banda sono sensibili anche se lo sfasamento a bassa frequenza rimane più grave di quello che caratterizza l estremo alto. Per neutralizzare questo fenomeno ci sono due modi: trovare un ampli con una banda passante estesissima o creare un file di calibrazione che includa la sua non linearità in fase. Nella misura della fase acustica esiste anche un altro problema, abbastanza grosso, che è legato alla risoluzione temporale del sistema di misura, ovvero alla frequenza di campionamento utilizzata. Nel caso di Clio, questa è di Hz e ciò significa che, nel tempo, possiamo apprezzare intervalli non inferiori a circa 0.02 millisecondi ovvero 20 microsecondi. E non basta? dirà qualcuno. Dipende, perché in 20 microsecondi il suono nell aria percorre poco meno di 7 millimetri. In Fig.6 vediamo la nostra retta ideale ritardata del valore rispettivamente di 20 e 40 microsecondi. Ciò significa due cose: uno, che non possiamo valutare l esatta distanza tra microfono e centro acustico 7

8 Figura 6: Risposta con sfasamento nullo (curva rossa) e con ritardo uniforme di 20 microsecondi (curva verde) e 40 microsecondi (curva gialla). del sistema sotto misura a meno di un errore di 7 mm, due, che quindi l errore nella misura della fase, o forse meglio, nella sua rappresentazione grafica (dipendente dal ritardo incluso), si estende per un area compresa tra la retta orizzontale che indica lo 0 gradi e la curva che indica il ritardo di 20 microsecondi oppure, che è lo stesso, tra quella dei 20 e quella dei 40 micro. Ci preme a questo punto ribadire il concetto che una misura di fase acustica affetta da ritardo non è meno vera di una in cui il ritardo è stato completamente eliminato, è solamente meno leggibile o, al limite, inutilizzabile. D altronde, l unico modo per diminuire questa incertezza è quella di aumentare la frequenza di campionamento e quindi, di molto, il prezzo dello strumento di misura. Ma allora, per tornare al problema originario, per avere una fase acustica corretta, dove dobbiamo considerare l inizio della finestra da applicare all impulso? Un attimo ancora di pazienza. Ci vengono parzialmente in aiuto, a questo punto i concetti di fase minima e relativa fase di Hilbert. Partendo da un valore di modulo, ovvero da una risposta in frequenza, noi possiamo, tramite una operazione chiamata trasformata di Hilbert, risalire all andamento in fase [6]. Questa operazione ha però senso solo se il sistema che stiamo considerando è a fase minima, ovvero quando ai punti di minimo e massimo del modulo corrispondono effettivamente dei punti di flesso nella fase e quando al modulo piatto corrisponde realmente una fase uguale a zero. Evitiamo di entrare ulteriormente in particolari, ma diciamo che un altoparlante singolo, nella sua zona di linearità, può essere ragionevolmente assimilato ad un sistema a fase minima, mentre ciò non è vero, per esempio, per un sistema di più altoparlanti tra loro distanti e sotto filtro. La fase di Hilbert dunque è sì una fase teorica che noi ricaviamo da una curva di modulo, ma è anche una fase che prescinde da qualsiasi ritardo e che quindi, nella zona di linearità dell altoparlante che stiamo misurando, sarà pressoché coincidente con la fase misurata correttamente, cioè escludendo ogni ritardo esterno al sistema. Nella pratica quindi può essere utile poter generare la fase minima e, 8

9 confrontandola con quella misurata nella zona di linearità dell altoparlante che si sta misurando (Fig.7, curva blu), variare il punto di inizio della finestra di analisi fino ad ottenere un andamento il più possibile coincidente (Fig.7, curva rossa) con la fase minima, pur rimanendo validi i problemi di risoluzione temporale cui abbiamo accennato prima. In altre parole potrebbe essere possibile avere la fase minima in una posizione tale da non essere avvicinabile da quella misurata perché un campione in più o in meno introduce un cambiamento eccessivo nella forma della curva. In questo caso è utile provare a spostare il microfono di misura avanti o indietro di qualche millimetro, comunque non di più dei 7 mm che corrispondono ad uno step di campionamento poiché altrimenti saremmo da capo. Nel caso appena mostrato, alla fase rilevata ponendo l inizio della finestra subito a ridosso dell impulso (curva blu) è stato aggiunto un opportuno anticipo (ritardo negativo, curva rossa) per renderla simile alla fase minima. Figura 7: Risposta in fase con inizio della finestra subito a ridosso dell impulso (curva blu) e con un opportuno anticipo (curva rossa). Come abbiamo appena detto, l utilizzo della fase di Hilbert come riferimento è lecita solo per sistemi che possono essere considerati a fase minima. È utile pertanto nel caso si vogliano generare curve di altoparlanti non filtrati da importare in programmi di simulazione, dove una errata valutazione della fase acustica porta ad errori fatali nella simulazione del comportamento del crossover all incrocio. Tale tecnica, per altro, è da evitare nel caso si voglia valutare la fase acustica di un sistema di altoparlanti completo, poiché, come abbiamo visto, la eventuale fase minima generata, non tenendo conto degli eventuali ritardi reciproci tra gli altoparlanti, avrebbe un andamento sballato e comunque inconfrontabile con la eventuale fase reale misurata, indipendentemente dal ritardo totale considerato. 9

10 5 Conclusioni Le prestazioni totali di un sistema di altoparlanti sono legate ad una grande quantità di parametri, a cui ogni progettista assegna la sua scala di priorità e dei quali solo alcuni sono abbastanza facilmente riconducibili alle sensazioni di ascolto. In altre parole ci è capitato di ascoltare altoparlanti che alle misure non avevano una risposta in fase eccezionale ma mostravano tuttavia un comportamento generale ottimo. È anche vero, per altro, che non abbiamo mai sentito una buona velocità e coerenza da altoparlanti che avevano un andamento in fase pessimo. Lungi quindi da essere la panacea per tutti i mali, è evidente che il controllo della fase acustica sia comunque un criterio imprescindibile per l ottenimento delle massime prestazioni di ascolto da un sistema di altoparlanti. Resta, in ogni caso, il rammarico di constatare che nei quasi trentacinque anni passati da quando Henning Møller della B&K scrisse questo articolo [2] solo pochissimi ne hanno fatto veramente tesoro. L ennesimo mistero, appunto, dell alta fedeltà. Riferimenti bibliografici [1] M. Costa & G. Pucacco: La Fase Acustica, come misurarla e come interpretarla, Fedeltà del Suono, 39, (1995). [2] H. Møller: Loudspeaker phase measurements transient response and audible quality, Brüel & Kjær Application Notes, 48th Convention dell Audio Engineering Society, California (1974). [3] J. D Appolito: Misurare gli Altoparlanti, Audiomatica, [4] V. Dickason: Loudspeaker Design Cookbook, 7th edition, AAP, [5] M. Bigi & M. Jacchia: Clio User Manual, Audiomatica, [6] E. Gatti, P. F. Manfredi & A. Rimini: Elementi di Teoria delle Reti Lineari, Editrice Ambrosiana,

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Le onde sono delle perturbazioni periodiche che si propagano nello spazio; quasi sempre (tranne nel caso della luce) si ha un mezzo che permette

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE UN CROSSOVER ELETTRONICO?

NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE UN CROSSOVER ELETTRONICO? P R O F E S S I O N A L A U D I O S Y S T E M S VIA NOBEL, 10-30200 NOVENTA DI PIAVE ( VE ) TEL. 0421/571411 FAX 0421/5715480 E-mail info@prase.it URL www.prase.it NOTE TECNICHE #2 COS E E A COSA SERVE

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase

Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase Corso di elettrotecnica Materiale didattico. Cenni sui sistemi trifase A. Laudani 19 gennaio 2007 Le reti trifase sono reti elettriche in regime sinusoidale (tutte le variabili di rete hanno andamento

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Note sull uso della carta (bi)logaritmica. Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1

Note sull uso della carta (bi)logaritmica. Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1 Note sull uso della carta (bi)logaritmica Luca Baldini, INFN - Pisa versione 1.1 23 dicembre 2003 Indice Introduzione 2 Indice delle versioni............................ 2 1 Le leggi di potenza e la carta

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni?

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? La natura della luce Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? Se si potesse fotografare un fotone in un certo istante vedremmo una deformazione

Dettagli

Statistica e biometria. D. Bertacchi. Variabili aleatorie. V.a. discrete e continue. La densità di una v.a. discreta. Esempi.

Statistica e biometria. D. Bertacchi. Variabili aleatorie. V.a. discrete e continue. La densità di una v.a. discreta. Esempi. Iniziamo con definizione (capiremo fra poco la sua utilità): DEFINIZIONE DI VARIABILE ALEATORIA Una variabile aleatoria (in breve v.a.) X è funzione che ha come dominio Ω e come codominio R. In formule:

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico.

Gli oggetti di plastica. Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Gli oggetti di plastica Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Conoscenze Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Decodificare informazioni di tipo grafico. Funzioni lineari. Pendenza di una retta.

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it Il decibel Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Il concetto di decibel Il concetto di decibel entra in gioco ogni volta che ci troviamo a misurare una grandezza legata alla teoria del suono. L'orecchio

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

LE MEDIE MOBILI CENTRATE

LE MEDIE MOBILI CENTRATE www.previsioniborsa.net 2 lezione METODO CICLICO LE MEDIE MOBILI CENTRATE Siamo rimasti a come risolvere il precedente problema del ritardo sulle medie mobili Quindi cosa dobbiamo fare? Dobbiamo semplicemente

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

La misura della resistenza di terra

La misura della resistenza di terra La misura della resistenza di terra Saveri Gianluigi 1. Generalità I rilievi strumentali da effettuare sugli impianti di terra hanno lo scopo, vista l importanza che riveste l impianto dal punto di vista

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B I SISTEMI TRIFSI ITRODUZIOE Un sistema polifase consiste in due o più tensioni identiche, fra le quali esiste uno sfasamento fisso, che alimentano, attraverso delle linee di collegamento, dei carichi.

Dettagli